Archivi tag: The High Kings

(PADDY’S GREEN) SHAMROCK SHORE

partenza-nave-emigrantiUna canto irlandese tradizionale molto probabilmente originario del Donegal, di cui per una sola melodia sono state scritte diverse versioni testuali, che pur trattando lo stesso tema non si possono considerare come varianti.

Già alla fine del 1800 P. W. Joyce lo riporta nella sua raccolta “Ancient Irish Music” per poi ripubblicarlo nel 1909, così scrive “This air, and one verse of the song, was published for the first time by me in my Ancient Irish Music, from which it is reprinted here. It was a favourite in my young days, and I have several copies of the words printed on ballad-sheets”.

Rispetto alla versione “standard”(qui) si trovano un paio di testi, i quali riprendono sempre il tema dell’emigrazione

ALTRE VERSIONI TESTUALI (PADDY’S GREEN) SHAMROCK SHORE

Questo testo è stato scritto da Patrick Brian Warfield, cantante e polistrumentista del gruppo irlandese The Wolfe Tones (autore di molte canzoni per il gruppo)

ASCOLTA The Wolfe Tones

I
Oh, fare thee well to Ireland
My own dear native land
It’s breaking my heart to see friends part
For it’s then that the tears do fall
I’m on my way to Americae
Will I e’er see home once more
For now I leave my own true love
And Paddy’s green shamrock shore
II
Our ship she lies at anchor
She’s standing by the quay
May fortune bright shine down each night
As we sail across the sea
Many ships have been lost, many lives it cost
On this journey that lies before
With a tear in my eye I’ll say goodbye
To Paddy’s green shamrock shore
III
So fare thee well my own true love
I’ll think of you night and day
And a place in my mind you surely will find
Although we’ll be far, far away
Though I’ll be alone far away from home
I’ll think of the good times once more
Until the day I can make my way
Back home to the shamrock shore
IV
And now our ship is on the way
May heaven protect us all
With the winds and the sail we surely can’t fail
On this voyage to Baltimore
But my parents and friends did wave to the end
‘Til I could see them no more
I then took a chance with one last glance
At Paddy’s green shamrock shore

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Addio all’Irlanda la mia cara terra natia, mi si spezza il cuore separarmi dagli amici perchè è allora che le lacrime scorrono, sono sulla via dell’America. Rivedrò ancora una volta la mia casa, per ora lascio la mia innamorata e la spiaggia del verde trifoglio degli Irlandesi. La nostra nave si trova in rada e lei è in piedi sul molo; che la buona sorte ci accompagni ogni notte mentre navighiamo il mare, molte navi sono andate perdute (nel naufragio) costato molte vite, in questo viaggio che abbiamo davanti, con le lacrime agli occhi, dirò addio alla spiaggia del verde trifoglio degli Irlandesi. Così addio amore mio, ti penserò notte e giorno e un posto nel mio cuore tu di certo troverai , anche se siamo tanto lontani e sebbene io sarò solo, lontano da casa, ripenserò ai bei tempi ancora una volta, fino al giorno in cui potrò fare ritorno sulla via della spiaggia del trifoglio. Ora la nostra nave è in viaggio che il cielo ci protegga tutti con i venti e  le vele di certo non falliremo in questo viaggio verso Baltimora, ma che genitori e amici restino a salutare fino a quando non riuscirò più a vederli e allora darò l’ultimo sguardo ala spiaggia del verde trifoglio degli Irlandesi

Questa versione riprende pari pari la III strofa della versione precedente

ASCOLTA The High Kings


So fare thee well, my own true love
I’ll think of you night and day
Farewell to old Ireland
Good-bye to you, Bannastrant(1)
No time to look back
Facing the wind, fighting the waves
May heaven protect us all
From cold, hunger and angry squalls
Pray I won’t be lost
Wind in the sails, carry me safe
Chorus:
So fare thee well, my own true love
I’ll think of you night and day
A place in my mind you will surely find
Although I am so far away
And when I’m alone far away from home
I’ll think of the good times once more
Until I can make it back someday here
To Paddy’s green shamrock shore.
Out now on the ocean deep
Ship’s noise makes it hard to sleep
Tears fill up my eyes
The image of you won’t go away
(Chorus)
New York is in sight at last
My heart, it is pounding fast
Trying to be brave
Wishing you near
By my side, a stór
(Chorus)
Until I can make it back someday here
To Paddy’s green shamrock shore

NOTE
1) Banna Strand , ovvero Banna Beach, si trova nella Tralee Bay contea di Kerry

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Addio amore mio, ti penserò notte e giorno addio alla vecchia Irlanda e addio a te Bannastrant non c’è tempo per guardarsi indietro, ma fronteggiar e il vento e combattere le onde, che il cielo ci protegga dal freddo, dalla fame e dalle raffiche rabbiose. Fuori ora sull’oceano profondo le lacrime mi riempiono gli occhi e la tua immagine non se ne vuole andare via. New York è in vista alla fine e il mio cuore batte forte cercando il coraggio ma desiderando di averti accanto, cuore mio. FInchè potrò ritornare un giorno alla spiaggia del verde trifoglio degli Irlandesi

FONTI
http://www.kinglaoghaire.com/lyrics/191-paddy-s-green-shamrock-shore http://www.kinglaoghaire.com/lyrics/192-paddys-green-shamrock-shore-1 http://www.celticlyricscorner.net/soundtracks/paddys.htm

PHIL THE FLUTER’S BALL

La canzone è stata scritta da Percy French (1854-1920) sulla popolarissima melodia Delaney’s Donkey di William Hargreaves. Si tratta molto probabilmente di un aneddoto su un evento realmente accaduto a Carrigallen nella contea di Leitrim o Cavan dove Percy si trovava a causa dei suoi viaggi di lavoro.
“One evening the Rev. James Godley came in after one of his long walks and told me how he had met the local flute player and how he had paid his rent. ‘I’ve paid up all me arrears, yer reverence,’ said Phil the Fluter. ‘And how did you manage that?’ said his reverence. ‘I give a ball.’ said Phil. .. “I clean out me cabin and lock up any food or drink in the cupboard. “Then I put me hat behind the door. The neighbours come in bringin’ their suppers with them, and each puttin’ a shillin’ or two in the hat. “Then I cock me leg over the dresser, throw me top lip over the flute and toother away like a hatful o’ larks, and there they stay leppin’ like hares till two in the morning.” (tratto da qui)

Il resto della storia diventa una canzone piena di personaggi caratteristici che si trovavano comunemente nei villaggi d’Irlanda a fine Ottocento.

ASCOLTA Brian Dunphy
ASCOLTA The High Kings live

I
Have you heard of Phil the fluter from the town of Ballymuck?
The times were going hard with him, in fact the man was broke.
So, he just sent out some notices to his neighbours one and all.
As to how he’d like their company that evening at a ball.
When writin’ out he was careful to suggest to them,
That if they found a hat of his convenient to the door,
The more they put in whenever he requested them,
The better would the music be for batterin’ the floor.
CHORUS
With a toot on the flute and a twiddle on the fiddle-o!
Hopping in the middle like a herrin’ on the griddle-o!
Up! Down! Hands around! Crossing to the wall!(1)
Oh, hadn’t we the gaiety at Phil the fluter’s ball.
II
There was Mister Denis Doherty who kept the Running Dog(2);
There was little Crooked Paddy, from the Tiraloughett Bog;
Boys from every barony, and girls from ev’ry art,
And the beautiful Miss Brady’s, in their private ass an’ cart.
Along with them came bouncing Missus Cafferty,
Little Micky Mulligan was also to the fore,
Rose, Suzanne, and Margaret O’Rafferty,
The flower of Ard Na Gullion(3) and the pride of Pethravore(4).
III
First, little Micky Mulligan got up to show them how,
And then the widow Cafferty gets out and takes a bow,
I could dance you off your feet, says she, as sure as you were born,
If you’ll only make the piper play, The Hare Was In The Corn.
Phil plays up to the best of his ability,
The ladies and the gentlemen begin to do their share;
Faith, then “Mick, it’s you that has agility”,
“Begorrha Missus Cafferty, you’re leppin’ like a hare!”
IV
Then Phil the fluter tipped a wink to little Crooked Pat,
“I think it’s nearly time,” says he, “for passing ‘round the hat.”
So Paddy passed the caubeen ‘round and, looking mighty cute,
Said, “You have to pay the piper when he tootles on the flute.”
All joined in with the greatest joviality,
Covering the buckle, and the shuffle, and the cut(5);
Jigs were danced of the very finest quality,
The widow bate(6) the company at handling the foot.
NOTE
1) sono i comandi delle danze
2) running dog può voler dire i combattimenti tra cani ma è anche un’espressione idiomatica per indicare colui che segue ciecamente gli ordini altrui, così come il cieco segue il suo cane guida; un seguace fedele specialmente in politica. IN questo contesto è chiaramente il nome di una locanda o pub
3) scritto anche come Ardmagullion forse la località di Altachullion che si trova nei pressi di Petravore
4) Eileen Og – The Pride of Petravore nella contea di Cavan
5) sono passi e movimenti dell’irish dancing
6) bet o bate

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Hai saputo di Phil il flautista della città di Ballymuck? Gli stava andando male e in effetti l’uomo era al verde, così sparse la notizia tra tutto il vicinato che avrebbe gradito la loro compagnia quella sera al ballo. Mentre li invitava fece attenzione a suggerire che se avessero trovato un cappello per le offerte alla porta, più ne avessero messe su richiesta, migliore sarebbe stata la musica per saltellare sul pavimento.
Con uno strombazzo sul flauto e un titillo al violino si salta in mezzo come un’aringa alla griglia “Up! Down! Hands around! Crossing to the wall!” Non siamo mai stati così allegri come al ballo di Phil il flautista!
C’era il signor Denis Doherty che teneva “Il cane che corre”, c’era Paddy un po’ sorto dalla palude di Tiraloughett; ragazzi da ogni contea e ragazze di ogni sorta e la bellissima Signorina Brady con asino personale e carretto.
Insieme a loro venne la pimpante signora Cafferty, Little Micky Mulligan era anche lui della partita, Rose, Suzanne, e Margaret O’Rafferty, il fiore di Ard Na Gullion e l’orgoglio di Pethravore.
Prima il piccolo Micky Mulligan si alzò per mostrare loro il come e poi la vedova Cafferty si alzò e prese un archetto “Potrei farti ballare fino a sfinirti, com’è vero che sei nato se solo farai suonare al pifferaio “The Hare Was In The Corn”. Phil suona al meglio delle sue capacità le signore e i signori iniziano a fare la loro parte Faith allora “Mike è tua l’agilità”, “per dio signora Cafferty saltate come una lepre”. Poi Phil il flautista fa l’occhiolino a Pat lo storto “Credo sia arrivato il tempo di passare in giro con il cappello” Così Paddy passò con il berretto in giro e con l’aria carina, dice ” Dovete pagare il pifferaio quando suona il suo flauto” Tutti si unirono con grande giovialità “Covering the buckle, and the shuffle, and the cut”, le gighe furono danzate delle migliore qualità e la vedova scommise sulla compagnia a battere il tempo.

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=19103
http://www.irishmusicdaily.com/phil-the-fluthers-ball http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/26/phil.htm https://thesession.org/tunes/9057

RED IS THE ROSE

Di rose rosse sono piene le canzoni celtiche più sentimentali e molte sono già state inserite in questo database.

Red is the Rose” è la variante irlandese della ballata scozzese Loch Lomond. Non è insolito che le belle melodie si somiglino al di là e al di qua del North Channel (e tra gli appassionati fiocca la querelle su quale sia l’originale e chi ha copiato da chi), di questa non si conosce bene la provenienza, è stato Tommy Makem insieme ai Clancy Brothers a farla conoscere al grande pubblico a partire dagli anni ’60: Tommy, ricordato affettuosamente con il nome di Bardo di Armagh (vedi) aveva imparato la canzone dalla madre Sarah, cantante e grande collezionista di Armagh, Irlanda del Nord. Sempre tra le canzoni di Sarah Makem e per restare in tema floreale, vi rimando a “I wish my love was a red, red rose” .

La prima registrazione della canzone tuttavia  risale al 1934 con il titolo di My Bonnie Irish Lass; solo più recentemente è ritornata in auge dopo la versione dei The High Kings ..

RED IS THE ROSE: VERSIONE IRLANDESE

ASCOLTA Josephine Beirne & George Sweetman 1934
ASCOLTA Tommy Makem & Liam Clancy live
The Ennis Sisters (Terranova) + The Chieftains in “Fire in the kitchen” 1997

ASCOLTA Nanci Griffin & The Chieftains in An Irish Evening, 1992 (che rendono sempre omaggio alla versione dei Clancy Brothers)

The High Kings in Memory Lane 2010

I versi sono molto semplici: due innamorati si dichiarano amore eterno, e si scambiano le promesse di matrimonio, ma la canzone è permeata dall’amarezza dell’abbandono, lui partirà (probabilmente per l’America) in cerca di lavoro.

I
Come over the hills, my bonny Irish lass(1)
Comer over the hills to your darling;
You choose the rose, love, and I’ll make the vow(2)
And I’ll be your true love forever.
Refrain:
Red is the rose that in yonder garden grows,
And fair is the lily of the valley(3);
Clear is the water that flows from the Boyne(4)
But my love is fairer than any.
II
Down by Killarney’s green woods(5) that we strayed
And the moon and the stars they were shining;
The moon shone its rays on her locks of golden hair
And she swore she’d be my love forever.
III
It’s not for the parting that my sister pains
It’s not for the grief of my mother,
“Tis all for the loss of my bonny Irish lass
That my heart is breaking forever(6).
TRADUZIONE ITALIANO
I
Vieni sulle colline mia bella irlandese
vieni sulle colline dal tuo amore;
tu scegli la rosa, amore, e io farò le promesse
e sarò il tuo amore per sempre.
Ritornello:
Rossa è la rosa che cresce in quel giardino laggiù, e bello è il mughetto;
chiara è l’acqua che scorre dal Boyne
ma il mio amore è il più bello di tutti.
II
Giù dai boschi di Killarney che ci siamo allontanati
e la luna e le stelle brillavano;
la luna risplendeva con i raggi sulle ciocche dei suoi capelli d’oro,
e lei mi ha giurato che sarà il mio amore per sempre.
III
Non soffro per la separazione da mia sorella
non è per la perdita di mia madre,
è per la perdita della mia bella irlandese
che il mio cuore è spezzato per sempre

NOTE
1) oppure a secondo di chi canta “my handsome Irish lad”
2) a leggere tra le righe il protagonista sta chiedendo una notte d’amore alla sua fidanzata e vuole convincerla a cedere la sua virtù (la rosa) con una promessa di matrimonio. Secondo la tradizione il matrimonio tra due persone che, anche senza testimoni, si fossero scambiati le promesse e avessero consumato il rapporto era socialmente valido.
3) il mughetto è un fiore delicato e profumatissimo che fiorisce in tutto maggio-giugno; nelle notti di luna piena il suo profumo diventa particolarmente intenso e inebriante
4) il fiume Boyne che scorre nel Leinster (Irlanda Orientale) è spesso richiamato nella mitologia irlandese: Brú na Bóinne (in italiano “la dimora del Boyne”) è uno dei più importanti siti archeologici del mondo con i grandi tumuli di Newgrange, Knowth e Dowth. La citazione allude a una specie di cuore dell’Irlanda, il santuario degli Antenati dell’Irlanda tribale.
5) Killarney si trova nel Kerry, all’estremità sud dell’isola e mi piace pensare che il bosco della canzone sia stato preservato nel Parco Nazionale (Killarney National Park) ricco di odorosi alberi secolari. In questa strofa veniamo a sapere che l’incontro d’amore notturno c’è effettivamente stato!!
6) nella versione americana diventa “That is leaving old Ireland forever” in cui si rende più esplicito l’abbandono degli affetti a causa dell’emigrazione. Come possibile “trait d’union” con le versioni scozzesi la somiglianza con la ballata Flora’s Lament For Her Charlie 1841 (qui)
It’s not for the hardships that I must endure,
Nor the leaving of Benlomond;
But it’s for the leaving of my comrades all,
And the bonny lad that I love so dearly.

RED IS THE ROSE: VERSIONE AMERICANA

Questa versione iniziò a circolare negli anni 70 e Joe Heaney ci dice di averla imparata dal nonno. Originario di Carna (Connemara, Irlanda) egli fu un moderno bardo, un cantore del popolo custode dei canti tradizionali (la maggior parte in gaelico); negli anni 50 e 60 è in viaggio tra Dublino e Londra per concerti, registrazioni e competizioni canore.
The folk music revival proved both a blessing and a curse to Joe.  He began to be féted by the ‘stars’ of this revival.  Some, like MacColl and Seeger, Lloyd and Hamish Henderson were earnestly trying to gain a knowledge and appreciation of his art.  And at a more popular level, groups like the Clancy Brothers and the Dubliners were genuinely attracted to him and respected him for what he stood for.  However, well-meant attempts by such groups to introduce him to popular audiences often came to grief.  It has to be remembered that such audiences were there only because the current fad was ‘the ballads’.  Their comprehension of sean-nós, or any other form of traditional singing, was zilch“.(tratto da qui)
Poco dopo Joe decide di trasferirsi definitivamente in America dove accanto al lavoro “per vivere” partecipò a festival diede concerti nei folk club e così via, fino a diventare insegnante (nel dipartimento di Etnomucologia) in alcune università..

ASCOLTA Joe Heaney 1996 nel sean nós di Connamara

51IzeFlH0lL__SL500_AA500_Questa versione è pressochè identica a quella irlandese privata però da più precise connotazioni geografiche, qui però manca la strofa in cui l’uomo chiede alla propria innamorata di trascorrere una notte d’amore nel bosco (l’ultima prima della partenza); alcuni perciò cantano una versione “sincretica” aggiungendo le strofe I e II della versione irlandese come strofe finali a questa. (vedi)

CHORUS
Red is the rose that in yonder garden grows,
Fair is the lily of the valley(3);
Clear are the waters that flow in yonder stream(4),
But my love is fairer than any
I
Over the mountains and down in the glen,
To a little thatched cot(7) in the valley;
Where the thrush and the linnet sing their ditty and their song,
And my love’s leaning over the half-door(8).
II
Down by the seashore on a cool summer’s eve(5),
With the moon rising over the heather;
The moon it shown fair on her head of golden hair,
And she vowed she’d be my love forever.
III
It is not for the loss of my own sister Kate,
It is not for the loss of my mother;
It is all for the loss of my bonnie blue-eyed lass,
That I’m leaving my homeland forever.

NOTE
4) il Boyne che scorre nel Leinster (Irlanda Orientale) della versione irlandese è diventato un generico “yonder stream
5) anche in questo verso il riferimento geografico “Down by Killarney’s green Woods that we strayed” diventa una “riva del mare” in una notte d’estate
7) il “thatched cottage” è la tipica “casetta di campagna” delle fiabe in pietra intonacata di bianco e con il tetto spiovente in paglia
8) “the half-door” in genere il cottage aveva un’unica porta d’accesso a sud una caratteristica “mezza-porta” divisa cioè in due pannelli, che si aprivano in modo indipendente: quello superiore poteva essere anche a vetro e veniva lasciato quasi sempre aperto per fare entrare la luce e far circolare l’aria; quello inferiore era in un unico battente di legno che rimaneva sempre chiuso, in modo che bambini e animali non potessero entrare (o uscire!). Al mezzo battente della porta si stava appoggiati restando in casa per spettegolare con i vicini o per fumare un po’ di tabacco!

TRADUZIONE ITALIANO PRIMA STROFA
Su per le montagne e giù per la valletta alla casina nella valle, dove il merlo e tordo cantano le loro canzoncine e il mio amore sta accanto alla porta.

FONTI
http://www.irishmusicdaily.com/red-is-the-rose
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/06/rose.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/20/red.htm http://www.joeheaney.org/default.asp?contentID=1009
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=7171 http://www.mustrad.org.uk/reviews/j_heaney.htm
http://www.irlandando.it/cosa-vedere/sud/contea-di-kerry/killarney-national-park/ http://cottageology.com/information/irishcottagehistory/

 

MCALPINE’S FUSILIERS

NavviesE’ una canzone di denuncia sociale condita da molto irish humor, scritta dal dublinese Dominic Behan (anche se negli anni escono sempre fuori nuovi nominativi tra la gente del popolo, primo nella lista tale Martin Henry di Rooskey, nella contea irlandese di Roscommon, ma anche Darkie McClafferty, John Henry di Silgo, etc).
Il curioso titolo non si riferisce a qualche reparto speciale di Fucilieri dell’esercito inglese ma ai navvies di Mcalpine cioè ai manovali che imbracciano pala e piccone (invece dei moschetti o dei fucili) per andare a lavorare per una grossa ditta di costruzioni, la Sir Robert McAlpine Ltd, azienda leader nella progettazione e costruzione di grandi opere specialmente nel settore industriale, energetico e della difesa. Sir Robert McAlpine, detto “Concrete Bob”, fondò la sua azienda nel 1869 e questa, proprio negli anni della dittatura hitleriana, iniziò la sua ascesa a colosso economico fondato sul sudore e sul sangue degli immigrati inglesi e irlandesi sfruttati e mal pagati.

NAVIGATORS

canale-piccolaCon il termine gergale Navvies si indicarono dapprima gli ‘Excavators‘ i manovali sterratori che lavorarono alla realizzazione di un vasto sistema di vie navigabili interne a fini commerciali ovvero per l’irrigazione e il trasporto. Il primo canale della serie fu il Newry Canal (Irlanda del Nord completato nel 1745) e ovviamente i lavoratori erano tutti Irlandesi, man mano durante tutto l’ultimo quarto del 1700 e per buona parte del 1800 si realizzò in tutto il Regno Unito un complesso sistema di canali “Inland Navigation System” per il trasporto delle materie prime e dei manufatti a livello nazionale funzionale alle esigenze della rivoluzione industriale.
La rete dei canali però perse la sua competitività con lo svilupparsi del sistema ferroviario (e del resto la maggior parte dei canali finì per diventare di proprietà delle imprese ferroviarie) e solo più recentemente i canali caduti nell’abbandono sono stati ripristinati e rivalutati per il tempo libero. Così come i canali navigabili vennero sostituiti dai binari della ferrovia i manovali addetti alla costruzione delle “strade ferrate” vennero sempre chiamati Navvies.
Il lavoro di questi manovali era molto faticoso, avendo come unici strumenti picconi, pale e una carriola o un cesto. Il lavoro era anche rischioso a causa dei molti incidenti che potevano portare a gravi mutilazioni e alla morte (le procedure di sicurezza erano praticamente inesistenti). Sempre navvies erano chiamati gli irlandesi immigrati in Gran Bretagna in cerca di lavoro presso i cantieri ferroviari: migliaia di operai irlandesi furono gli artefici della rete ferroviaria della Gran Bretagna e dell’America. (continua “Poor Paddy on the Railway” qui)

GUIDA ALL’ASCOLTO

Il brano in questa particolare versione è stato scritto dal dublinese Dominic Behan ed è stato diffuso al grande pubblica dai nascenti Dubliners a partire dagli anni 60. Su Mudcat c’è un lungo dibattito se fosse esistita prima di Behan una versione popolare scritta per l’appunto da uno dei primi navvies..

La canzone è spesso introdotta dai Dubliners da questa parte parlata: ‘Twas in the year of ’39 when the sky was full of lead When Hitler was headin’ for Poland and Paddy for Holyhead(1) Come all you pincher laddies and you long-distance men(2) Don’t ever work for MacAlpine, for Wimpey or John Laing(3) For you’ll stand behind a mixer still your skin has turned to tan And they’ll say “Good on you, Paddy” with your boat fare in your hand The craic(4) was good in Cricklewood(5) but they wouldn’t leave the crown(6) There was glasses flyin’ and Biddy(7)’s cryin’ sure Paddy was goin’ to town Oh mother dear I’m over here and I never will come back What keeps me here is the rake of beer, the ladies and the craic For I come from the County Kerry the land of eggs and bacon And if you think I’ll eat your fish and chips(8) by Jaysus you’re mistakin’
NOTE
1) Holyhead si trova nel Galles ed è una grande cittadina portuale con una linea diretta di traghetti per l’Irlanda
2) Pincher laddies (pincher kiddies) = il vecchio nome dato ai navvies, un soprannome comune tra i manovali edili e carpentieri; “men who worked for ‘The Pincher Mac’, whose name was MacNicholas, per Paul O’Brien of Dublin, Ireland, as published in the glossary errata of The Essential Ewan McColl Songbook, Sixty Years Of Songmaking by Peggy Seeger 2001. Pincher is given as a whinger, a petty, ‘crabbid’ individual”. I Pinchers erano detti anche `long distant kiddies. The term navvie is an abbreviation of navigator, from the labour force that dug the earlier form of mass transportation, the canals or ‘navigations.’
3) tutte aziende britanniche con grosse commesse nel settore pubblico e nelle infrastrutture
4) Craic – (pronuncia: crack) quando di sta in buona compagnia con una piacevole conversazione, si ascolta musica e si danza e c’è da bere e da fumare
5) Cricklewood: zona di Londra con una considerevole popolazione irlandese e importante nodo ferroviario
6) Crown: una “English public house” ma anche il nome di un pub di Cricklewood
7) Biddy = gallinella dal gaelico “bideach”, con il significato di molto piccola o servetta; è anche il diminutivo di Bridget 8) fish and chips è il tipico cibo inglese da mangiare per strada
TRADUZIONE ITALIANO CATTA SALTO
Era il ’39 e il cielo era pieno di piombo, mentre Hitler si dirigeva in Polonia, Paddy andava a Holyhead(1); venite tutti voi navigators(2), non lavorate mai per MacAlpine, Wimpey o John Laing(3), perchè starete dietro a una betoniera finchè la pelle vi diventerà di cuoio e vi diranno “Buon (lavoro) per te Paddy” con il vostro biglietto del traghetto in mano; l’atmosfera(4) era buona a Cricklewood(5) e non si vorrebbe lasciare il pub(6), c’erano bicchieri che volavano e le urla di Biddy, figuratevi Paddy che andava in città! O cara mamma sono finito qui e non ritornerò mai indietro, quello che mi trattiene qui è un sacco di birra, le ragazze e l’atmosfera perchè venivo dalla contea di Kerry la terra delle uova con pancetta e se credi che mangerò il tuo “pesce e patatine” per dio ti stai sbagliando

MELODIA: The Jackets Green
ASCOLTA Dominic Behan (1960)
ASCOLTA Geoff Brady
ASCOLTA The High Kings in “Friends for Life” 2013
ASCOLTA The Rumjacks (la band di Sidney) 2010

E per qualcosa di più energetico: ASCOLTA Young Dubliners 2007

I
As down the glen came McAlpine’s men
with their shovels slung behind them
It was in the pub they drank the sub(9)
and up in the spike(10) you’ll find them
They sweated blood and they washed down mud
with pints and quarts of beer
And now we’re on the road again
with McAlpine’s Fusiliers
III stripped to the skin with the Darky Flynn
way down upon the Isle of Grain(11)
With the Horseface Toole I knew the rule,
no money if you stop for rain
When McAlpine’s god was a well filled hod
with your shoulders cut to bits and seared
And woe to he who looks for tea
with McAlpine’s Fusiliers
III
I remember the day that the Bear O’Shea(12)
fell into a concrete stairs
What the Horseface said, when he saw him dead,
well it wasn’t what the rich call prayers
I’m a navvy short was the one retort
that reached unto my ears
When the going is rough, well you must be tough
with McAlpine’s FusiliersIV
I’ve worked till the sweat near had me bet
with Russian, Czech and Pole
On shuddering(13) jams up in the hydro dams
or underneath the Thames in a hole
I grafted hard and I’ve got me cards(14)
and many a gangers(15) fist across me ears
If you pride your life, don’t join, by Christ,
with McAlpine’s Fusiliers
LA TRUPPA DI MCALPINE, TRADUZIONE ITALIANO DI MARCO ZAMPETTI con alcune integrazioni come da note
I
Giu dalla valle vengono gli uomini di McAlpine
con le pale appese dietro la schiena,
sono stati al pub a bere (l’anticipo)
e ora li trovi su nell’ostello,
hanno sudato sangue ed hanno lavato via il fango
con pinte e quartini di birra.
e ora siamo di nuovo per strada
con la truppa di McAlpine
II
Spogliato fino all’osso, insieme a Flynn lo scuro, laggiu’ sull’isola di Grain,
con Toole faccia-di-cavallo ho imparato la regola: niente paga se ti fermi per la pioggia, infatti il dio di McAlpine era un secchio bello pieno, con le spalle a pezzi e bruciate, e ci spiace tanto per chi va in cerca di un po’ di te nella truppa di McAlpine
III
Mi ricordo il giorno in cui O’Shea l’orso
cadde in una scala di cemento
quello che disse faccia-di-cavallo, quando lo vide morto,
be’ di sicuro non era una preghiera!
“ho un immigrato di meno” fu l’unica risposta che giunse alle mie orecchie.
quando il gioco si fa duro, be’ devi essere forte nella truppa di McAlpin
IV
Ho sgobbato sudando ed ho dovuto vedermela con Russi, Cechi e Polacchi
al getto di cemento nel cassero lassù alla diga
o nei tunnel sotto il Tamigi,
ho lavorato duro ed mi sono beccato il licenziamento e più di un cazzotto in testa dal caposquadra,
se ci tieni alla vita, perdio, non ti unire,
alla truppa di McAlpine

NOTE
9) sub= piccolo prestito sul salario della prossima settimana
10) spike: un ostello o ‘centro di accoglienza’ (originariamente un ricovero occasionale in una Workhouse) per gli uomini senza fissa dimora o senza tetto, spesso usato dai manovali irlandesi che non riuscivano a trovare un alloggio permanente).
11) L’Isola di Grain è una zona desolata nel Kent dove il fiume Medway si unisce al Tamigi è stato un grande cantiere per alcuni anni
12) in alcune interpretazioni si legge come Bere O’Shea
13) shuddering è la cassaforma o armatura in cui si getta il cemento per farlo stare in forma
14) Cards – to get cards= essere licenziato. Quando si è licenziati o il lavoro è finito si ottiene dal datore del lavoro la propria “national insurance card” con le marche pagate per ogni settimana di lavoro e un modulo con lo stipendio percepito e le tasse versate 15) capetto o caposquadra

FONTI
http://livingonanarrowboat.co.uk/canals-the-waterways-network-in-england-and-wales/
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=38452&lang=it http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=12665 http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=16925
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=112889
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/22/mcalpine.htm

THE BEGGARMAN’S SONG

13600Un mendicante girovago ritiene che il suo mestiere sia il migliore del mondo, perché così è libero (da ogni convenzione sociale, obblighi e consuetudini); quando ha fame chiede da mangiare, quando è stanco si siede a riposare e quando ha sonno dorme dove capita, magari in un fienile se piove. Incontrata una ragazza che gli fa notare il suo misero abbigliamento, le risponde che preferisce il suo genere di vita e che tutto il resto è superfluo.

LA MELODIA: RED HAIRED BOY

Il brano è conosciuto sotto vari titoli anche come sola versione strumentale e su thesession.org sono elencati come: An Carrowath, An Giolla Ruadh, The Auld Rigadoo, The Beggar Man, The Beggarman, Danny Pearl’s Favorite, Danny Pearl’s Favourite, Gilderoy, Guilderoy, Injun Ate A Woodchuck, The Jolly Beggar, The Jolly Beggarman, The Jolly Beggerman, The Journeyman, The Little Beggar Man, The Little Beggarman, The Little Beggerman, The Old Rigadoo, The Old Soldier With The Wooden Leg, The Red Haired Boy, The Red Haired Lad, The Red Headed Irishman, The Red-Haired Boy, The Redhaired Boy, The Rigadoo, Thy Redhaired Lad.

The Fiddler’s Companion riporta: “‘Red Haired Boy’ is the English translation of the Gaelic title “Giolla Rua” (or, Englished, “Gilderoy”), and is generally thought to commemorate a real-life rogue and bandit, however, Baring-Gould remarks that in Scotland the “Beggar” of the title is also identified with King James V. The song was quite common under the Gaelic and the alternate title “The Little Beggarman” (or “The Beggarman,” “The Beggar”) throughout the British Isles. For example, it appears in Baring-Gould’s 1895 London publication Garland of Country Song and in The Forsaken Lover’s Garland, and in the original Scots in The Scots Musical Museum. A similarly titled song, “Beggar’s Meal Poke’s,” was composed by James VI of Scotland (who in course became James the I of England), an ascription confused often with his ancestor James I, who was the reputed author of the verses of a song called “The Jolly Beggar.” The tune is printed in Bunting’s 1840 A Collection of the Ancient Music of Ireland as “An Maidrin Ruadh” (The Little Red Fox).  The melody is one of the relatively few common to fiddlers throughout Scotland and Ireland, and was transferred nearly intact to the American fiddle tradition (both North and South) where it has been a favorite of bluegrass fiddlers in recent times.”

La melodia, un’allegra hornpipe, a volte è suonata come un reel

ASCOLTA Vi Wickam (due violini)

ASCOLTA Norman Blake and Ed “Doc” Cullis: banjo e chitarra, ottimo bluegrass!!

JOHN DHU

Pur nella spensieratezza delle melodia,  c’è da riflettere che il nome del vecchio, John Dhu suona come il tipico nome riservato ai corpi non identificati negli ospedali e nelle camere mortuarie, John Doe.

La versione testuale è stata riportata da Sarah Makem (Irlanda del Nord) e resa famosa dal fratello Tommy
ASCOLTA The Clancy Brothers &Tommy Makem
ASCOLTA The High Kings

ASCOLTA Buddy Greene con l’armonica
ASCOLTA Great Big Sea in Play 1997: “Rigadoon”  (Alan Doyle, Séan McCann, Bob Hallett, Darrell Power). Un’arrangiamento in stile rap! (anche il testo in questa rilettura diventa modernissimo)

ASCOLTA
Gaelic Storm in Three2001: la canzone diventa quasi uno scioglilingua rappato tanto è veloce con l’inizio delle voci che ripetono come un mantra “I am a little beggarman” a imitare il suono del digeridoo

CHORUS
Diddly-i-diddle-i-doodle-i-do-die-dum
Diddly-doo-dah-diddly-i-diddly-i-dum
Diddly-i-diddly-i-diddly-i-dee-dum
Diddly-doo-dah-diddly-i-doo-dah-dum


I
I am a little beggarman,
a-begging I have been
For three score(1) or more
in this little isle of green
I’m known from the Liffey
down to Segue(2)
And I’m known by the name
of old Johnny Dhu.
II
Of all the trades that’s going,
I’m sure begging is the best
For when a man is tired,
he can sit down and rest,
He can beg for his dinner,
he has nothing else to do
Only cut around the corner
with his old rig-a-doo (3)
III
I slept in the barn
right down at Caurabawn(4),
A wet night came on
and I slept until the dawn,
With holes in the roof
and the rain coming through,
And the rats and the cats,
they were playing peek-a-boo.
IV
When who did I waken
but the woman of the house
With her white spotty apron
and her calico blouse
She began to frighten,
I said, “Boo Ara, don’t be afraid,
ma’am, it’s only Johnny Dhu (5)”
V
I met a little flaxy-haired girl one day
“Good morning,
little flaxy-haired girl,” I did say
“Good morning, little beggarman,
and how do you do,
With your rags and your tags
and your old rig-a-doo(3)?”
VI
I’ll buy a pair of leggings
and a collar and a tie
And a nice young lady
I’ll fetch by and by
I’ll buy a pair of goggles,
I’ll color them blue (6),
And an old-fashioned lady
I will make her, too (7)
VII
Over the road with
me pack on me back
Over the fields with
me great, heavy sack
With holes in me shoes
and me toes peeping through
Singing, “Skinny-me-rink-a-doodle-o and old Johnny Dhu”
VIII
I must be going to bed
for it’s getting late at night
The fire’s all raked
and out goes the light
So now you’ve heard the story
of me old rig-a-doo
“It’s good-bye and God be with you,” says old Johnny Dhu
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Sono un piccolo mendicante
e lo sono sempre stato,
ho passato più di sessanta anni in questa isola verde,
mi conoscono dal Liffey
e fino a Seagew  (2)
con il nome di
il vecchio Johnny Dew.
II
Di tutti i mestieri da farsi,
mendicare è il migliore:
quando uno è stanco
si siede a riposare,
chiede la carità per mangiare,
non ha altro da fare
che sedersi nel suo angolo
con la sua vecchia filosofia.(3)
III
Ho dormito in un fienile
proprio a Caurabawn (4),
venne una nottata bagnata
e ho dormito fino all’alba
con i buchi nel tetto
e la pioggia che veniva giù,
con i topi e i gatti che
giocavano a nascondino.
IV
Ma chi si sveglia
se non la donna di casa,
con un grembiule bianco macchiato
e una camicia di cotone stampata?
Si prese uno spavento
e allora le ho detto :”Non aver paura donna sono solo Johnny Dew (5)”.
V
Ho incontrato una giovanetta bionda un giorno “Buon giorno
biondina” le ho detto
“Buon giorno mendicante,
come stai,
con i tuoi stracci, i rattoppi
con la sua vecchia filosofia (3)?”
VI
Mi comprerò un paio di calze,
un colletto e una cravatta,
e una signora elegante
incontrerò da vicino,
mi comprerò un paio di occhiali
e li colorerò di blu(6)
e farò di lei
una signora onesta (7).
VII
Via per la strada con
la borsa sulle spalle!
Via per i campi col
mio grosso sacco,
coi buchi nelle scarpe
e le dita che spuntano fuori
cantando “Skinny-me-rink-a-doodle-o e il vecchio Johnny Dew”
VIII
Devo andare a dormire
perchè si è fatta notte
il fuoco è spento
smorzato il lume,
così avete sentito la storia
della mia vecchia filosofia
“Arrivederci e Dio sia con voi”
dice il vecchio Johnny Dew

NOTE
1) score vuole anche dire un gruppo o una serie di 20 quindi l’età del mendicante è di oltre 60 anni
2) probabilmente Seagoe in Armagh
3) rigadoo = carretta che i senza tetto si portano appresso (oggi il carrello della spesa dei super-market) oppure bastone da passeggio ma anche zaino;  il bastone da passeggio diventa il bastone da trasporto con dei sacchi o pacchetti legati sulla cima e portato a tracolla sulle spalle; altri propendono per il nome di una danza, dal francese Rigaudon – storpiato in inglese come rigadoon (rigadig), una danza di corte francese diventata popolare nell’ottocento (più precisamente un passo di danza.). Dallo Yorkshire osservano che con “Reet Good Do” si indica un session di musica con canti e racconti. Alcuni arrivano a unire i due significati osservano che nel portare un sacco appeso ad un bastone questo sembra che balli.
Ma potrebbe anche trattarsi di un cappotto o un vestiario.
Altri ancora osservano che il gaelico “riocht go dubh” che foneticamente si avvicina al nostro termine significa “a black/dirty/dismal shape/state/condition” traducibile come “disordinato” o confusionario con tutte le sfumature che la parola inglese “mess” comporta,
In senso lato a mio avviso  vuole indicare la summa della sua  filosodia di vita, un comportamento che segue alla lettera  l’insegnamento del filosofo greco Epicuro (vedi)
4) anche scritto come Currabawn
5) anche con il nome l’uomo ha voluto cancellare i legami con la sua stirpe (con tutto l’insieme di conseguenze che porta:  senso di appartenenza, obblighi morali, affetti)
6) la frase significa che l’uomo ha intenzioni oneste con la donna che corteggia e intende sposarla: per tradizione infatti la sposa deve portare qualcosa di blu al suo matrimonio.
7) la strofa prosegue  nei Gaelic Storm:
I’ve got the sky, I’ve got the road.
I’ve got the sky…The world is my home.

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/i-did-in-my-way-.html
http://thesession.org/tunes/566
http://www.mamalisa.com/?t=es&p=3505&c=68 http://www.ibiblio.org/fiddlers/REA_RED.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/27/beggar.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=126076
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=6002

THE IRISH ROVER: A COMIC DRINKING SONG

“The Irish Rover” oltre ad essere il nome di una famosa band di musica irlandese è anche la comica narrazione di un disastro in mare: un magnifico quanto improbabile vascello in viaggio da Cork (Irlanda) alle Americhe è distrutto da una serie di sfortunati accidenti che riducono l’equipaggio a un solo superstite (in verità gli utlimi rimasti erano due: il marinaio che racconta la storia e il cane del capitano che resiste tenacemente a tutte le sventure, per poi perire in ultimo, alla vista della costa, in un naufragio). Il marinaio essendo rimasto l’unico testimone ne spara delle grosse visto che nessuno lo può smentire: a cominciare dalle gigantesche dimensioni della nave con la bellezza di 27 alberi! Il carico poi è del tutto assurdo e la quantità di animali caricati ancora più folle! L’unica descrizione realistica probabilmente è quella dell’equipaggio.

aa8fa4c8ef9c450aa42f1559cf008760

Il testo è stato attribuito a Joseph Crofts (JM Crofts) un compositore / arrangiatore americano, tuttavia il brano è considerato un tradizionale ottocentesco: ha il sapore di una music hall song (vedi) presumibilmente un tradizionale di genere marinaresco che è stato rielaborato in canzone comica.
Dalle prime registrazioni degli anni 60 di Dominic Behan, Clancy Brothers (i quali hanno rivendicato il copyright) e i Dubliners la canzone è famosa in Irlanda e America immancabile drinking song negli irish pubs: del brano esistono diverse verioni testuali, alcune anche con il ritornello

chorus
So fare thee well, my own true love,
I’m going far from you,
And I will swear by the stars above
Forever I’ll be true to you,
Tho’ as I part, it breaks my heart,
Yet when the trip is over
I’ll come back again in true Irish style
Aboard the Irish Rover.

(The Irish Rover A Selection of Irish Songs and Ballads
Dublino: Walton’s Musical Instrument Galleries, 1966)

ASCOLTA The Dubliners
ASCOLTA The High Kings (strofe I, IV, II, V)
I
On the fourth of July eighteen hundred and six(1)
We set sail from the sweet cove of Cork(2)
We were sailing away with a cargo of bricks
For the grand city hall in New York
‘Twas a wonderful craft(3), she was rigged fore-and-aft
And oh, how the wild winds drove her.
She’d got several blasts, she’d twenty-seven masts (4)
And we called her the Irish Rover.
II (5)
We had one million bales of the best Sligo rags
We had two million barrels of stones
We had three million sides of old blind horses hides,
We had four million barrels of bones.
We had five million hogs, we had six million dogs,
Seven million barrels of porter.
We had eight million bails of old nanny goats’ tails,
In the hold of the Irish Rover.
III
There was awl Mickey Coote who played hard on his flute
When the ladies lined up for his set
He was tootin’ with skill for each sparkling quadrille
Though the dancers were fluther’d and bet
With his sparse witty talk he was cock of the walk
As he rolled the dames under and over
They all knew at a glance when he took up his stance
And he sailed in the Irish Rover
IV
There was Barney McGee from the banks of the Lee,
There was Hogan from County Tyrone
There was Jimmy McGurk who was scarred (scared) stiff of work
And a man(6) from Westmeath called Malone
There was Slugger O’Toole who was drunk as a rule
And fighting Bill Tracey (Tracy) from Dover
And your man Mick McCann from the banks of the Bann
Was the skipper of the Irish Rover
V
We had sailed seven years when the measles(7) broke out
And the ship lost it’s way in a fog.
And that whole of the crew was reduced down to two,
Just meself and the captain’s old dog.
Then the ship struck a rock, oh Lord what a shock
The bulkhead was turned right over(8)
Turned nine times around, and the poor dog was drowned
I’m the last of the Irish Rover

TRADUZIONE ITALIANO DI MARCO ZAMPETTI
I
nell’anno del signore 1806(1)
salpammo dalla dolce baia di Cork
prendemmo il mare con un carico di mattoni
per il grande municipio di New York.
era una bellissima nave
equipaggiata di tutto punto
e come prendeva il vento!
aveva resistito alle peggiori tempeste
aveva 27 alberi
e si chiamava Irish Rover
II
caricammo un milione di sacchi dei migliori stracci di Sligo
e due milioni di barili di pietre,
tre milioni di vecchi paraocchi da cavallo
e quattro milioni di barili di ossa,
cinque milioni di cani,
di maiali sei milioni
e sette milioni di barili di porter,
ed avevamo otto milioni di balle di code di capra
nella stiva della Irish Rover
III
c’era Barney McGee dalle rive del Lee
c’era Hogan dalla contea di Tyrone
c’era Johnny McGurk, paralizzato dal terrore di lavorare,
ed un uomo da Westmeath chiamato Malone,
c’era Slugger O’Toole che di norma era ubriaco
e si menava con Bill Tracy di Dover,
ed il vostro uomo, Mick McCann,
dalle rive del Bann, era il comandante della Irish Rover
IV
c’era Mickey “punteruolo” Coote
che suonava il flauto alla grande
e le signore si mettevano in fila per una danza,
suonava con una grande abilita’
ognuna delle vivaci quadriglie
tanto che le danze erano tutte prenotate.
con la sua parlantina spiritosa
era il gallo del pollaio
e si rigirava le signore come voleva,
tutte sapevano alla prima occhiata,
quando cominciava a darsi delle arie,
che aveva navigato sulla Irish Rover
V
navigammo sette anni
quando fummo appestati dal morbillo
e la nave perse la rotta nella nebbia,
e quell’equipaggio gigantesco
fu ridotto a due soltanto
io e il vecchio cane del capitano.
poi la nave urto’ uno scoglio,
oddio! che paura!
e lo scafo si rivolto’ al contrario,
giro’ nove volte su se stesso
e il povero cane affogo’
io sono l’ultimo della Irish Rover

NOTE
1) la traduzione in italiano si riferisce al verso di Tommy Makem “In the year of our Lord, eighteen hundred and six” qui il verso dice “il quattro di luglio del 1806”
2) High Kins dicono “coal quay of Cork
3) High Kins dicono “We had an elegant craft
4) High Kins invertono l’orgine delle frasi
5) High Kins le sparano ancora più grosse
“We had five million bags of the best Sligo rags
We had six million barrels of stones
We had seven million bales of old nanny goats tails
We had eight million barrels of bones
We had nine million hogs
ten million dogs
eleven million barrels of porter
We had twelve million sides of old blind horses hides’
In the hold of the Irish Rover”
6) High Kins dicono “chap”
7) Il morbillo è in realtà una corruzione di “mizzens” cioè mezzane, che si riferisce al terzo e più piccolo albero sulle navi a vela. Entrambe le parole morbillo e mezzane sono ormai comunemente utilizzati
8) High Kins dicono “The boat she turned right over
9) una strofa spesso censurata
“For a sailor it’s always a bother in life
It’s so lonesome by night and day
That he longs for the shore
And a charming young whore
Who will melt all his troubles away
Oh, the noise and the rout
Swillin’ poitin and stout
For him soon the torment’s over
Of the love of a maid
He is never afraid
An old salt from the Irish Rover”

(traduzione italiano)
be’ la vita del marinaio e’ una bella seccatura
si sta’ cosi’ soli giorno e notte,
uno ha nostalgia della costa
e di quella bella puttana
che puo’ sciogliere tutti i tuoi dolori.
Ah, il rumore e il frastuono,
la sbobba il rancio e la broda,
ma presto il tormento dovra’ finire ..
dell’amore di una donna
non ha mai paura
il vecchio lupo di mare della Irish Rover

LA DANZA: IRISH ROVER

La melodia è una scottish country dance molto popolare
VIDEO

FONTI
http://thesession.org/discussions/11798
http://www.scottish-country-dancing-dictionary.com/video/irish-rover.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=14865

THE RISING OF THE MOON

La ballata per antonomasia della ribellione irlandese del 1798 fu scritta da John Keegan Casey (1846-1870) per il “The Nation” nel 1865 con lo pseudonimo di Leo Casey e poi pubblicata in una sua raccolta di poesie dal titolo A wreath of shamrocks: ballads, songs, and legends (1867).
Pur restando sul generico l’autore ha voluto comunque descrivere una battaglia realmente accaduta, quella che ha avuto luogo nei pressi di Granard (contea di Langford) – e così vicina alla sua città natale Mullingar, : un gruppo di ribelli irlandesi armati solo di picche, si sono scontrati con i soldati inglesi molto meglio armati e addestrati e sono stati sconfitti; nelle successive stesure della canzone però l’autore ha epurato ogni riferimento geografico, così il fiume Inny diventa un generico “river”. L’intento del poeta, all’epoca adolescente, è manifesto: nel celebrare le glorie del passato vuole infondere lo stesso fervore nazionalistico nei ribelli del suo tempo, i Feniani.

I FENIANI

Ai mitici Fianna s’ispirò James Stephens nel fondare proprio nel giorno di San Patrizio 17 marzo 1858 il movimento feniano detto Irish Republican Brotherhood (parallelamente alla gemella americana “Fenian Brotherhood”con l’obiettivo di proclamare l’Irlanda una repubblica democratica indipendente. Era il tempo delle società segrete e dei moti d’insurrezione, ma anche delle idee eroiche basate su uno scarso senso pratico. La segretezza poi un’utopia essendo la delazione il grimaldello con cui gli inglesi riuscirono a sbaragliare ogni tentativo di insurrezione.
Dopo l’insuccesso  del 1865 Stephens fu deposto e il comando passò al Colonnello Kelly, ma anche la rivolta del 1867 finì con arresti preventivi e disastrose ritirate.

Dopo la rivolta Casey, poco più che ventenne, venne imprigionato senza processo nel carcere di Mountjoy, ma rilasciato alla condizione che emigrasse in Australia; egli però preferì vivere in clandestinità a Dublino, apprezzato per le sue doti oratorie ai raduni degli affiliati. Purtroppo la sua vita si è spenta prematuramente qualche hanno più tardi, minata dal duro trattamento ricevuto in carcere (la causa diretta però fu una brutta caduta accidentale).

Il sorgere della luna è un simbolo paragonabile come potenza iconografica al sole dell’avvenire che raggia il mondo socialista del futuro, il presagio della venuta di un tempo di libertà, ma è anche e soprattutto l’incitazione a prendere le armi per ribellarsi al dominio inglese.


La poesia è diventata subito popolare dopo la sua pubblicazione, ripresa nelle ballad sheets come canzone abbinata a diverse melodie, tra queste una melodia lenta e triste così in “More Irish Street Ballads” di Colm O’Lochlainn, che si è diffusa in America attraverso l’emigrazione irlandese.

VERSIONE AMERICANA: RISING OF THE MOON

ASCOLTA Peter Paul and Mary (melodia originaria) in  “See What Tomorrow Brings”.

VERSIONE IRLANDESE: WEARING OF THE GREEN

La melodia che ha però preso piede in Irlanda è quella di “The Wearing of the Green

ASCOLTA Na Casaidigh

ASCOLTA The High Kings

ASCOLTA The Wolfe Tones che cantano anche l’ultimo verso


I
And come tell me Sean O’Farrell
tell me why you hurry so
Husha buachaill hush and listen and his cheeks were all a glow
I bare orders from the captain get you ready quick and soon
For the pikes must be together at the rising of the moon
At the rising of the moon, at the rising of the moon, for the pikes must be together at the rising of the moon
II
And come tell me Sean O’Farrell where the gath’rin is to be
At the old spot by the river quite well (1) known to you and me
One more word for signal token whistle out the marchin’ tune
With your pike upon your shoulder at the rising of the moon
III
Out from many a mud wall cabin eyes were watching through the night
Many a manly heart was beating for the blessed warning light
Murmurs rang along the valleys to the banshees(2) lonely croon
And a thousand pikes were flashing
by the rising of the moon
IV
All along that singing river that black mass of men was seen
High above their shining weapons flew their own beloved green(3)
Death to every foe and traitor! Whistle out the marching tune
And hurrah, me boys, for freedom, ‘tis the rising of the moon
V
Well they fought for poor old Ireland, And full bitter was their fate
(Oh! what glorious pride and sorrow Fill the name of Ninety-Eight(4)).
Yet, thank God, e’en still are beating Hearts in manhood’s burning noon,
Who would follow in their footsteps, (5) At the risin’ of the moon!
TRADUZIONE  DI MARCO ZAMPETTI
I
E dimmi Sean O’Farrell,
dimmi perche’ tutta questa fretta?
“Silenzio! compagni parlate piano ed ascoltate – disse con le gote in fiamme-
porto ordini dal capitano, dovete prepararvi in tutta fretta
perche’ le picche dovranno riunirsi al sorgere della luna”
al sorgere della luna, al sorgere della luna
perche’ le picche dovranno riunirsi al sorgere della luna
II
E dimmi Sean O’Farrell,
dove sarà l’appuntamento?
“Al posto vicino al fiume che conosciamo bene (1),
un’ultima parola, come segnale fischietta la marcia
con la picca in spalla al sorgere della luna”
III
Dalle capanne dai muri di fango molti occhi scrutavano la notte
più di un cuore trasaliva allo scorgere della luce
mormorii risuonarono lungo le valli fino al grido delle banshees (2)
e mille picche brillarono al chiarore della luna nascente
IV
Quella nera massa d’uomini fu vista scendere lungo il fiume cantante
alto sopra le armi lucenti sventolava il loro amato colore verde (3)
morte ai nemici ed ai traditori! fischietta la marcia
e urra’ compagni per la liberta’!
e’ sorta la luna
V
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
Hanno combattuto bene per la povera vecchia Irlanda e il loro fato fu di fiele
(quale orgoglio di gloria e tristezza empie il nome del 98) (4)
eppure, grazie a dio, ancora battono i cuori degli uomini nel caldo mezzodì,
di coloro che seguiranno le loro orme(5) al sorgere della luna

NOTE
1) nelle successive stesure della canzone l’autore ha epurato ogni riferimento geografico, così il fiume Inny diventa un generico “river”.
2) Nel folklore irlandese la banshee è la fata della morte che piange, con un lugubre lamento, la morte imminente del guerriero del clan. In genere solo le migliori famiglie hanno una loro banshee ovvero le famiglie con lignaggi antichi ed eroici.
3) Già nel Seicento i patrioti irlandesi indossavano nastri verdi o il
trifoglio nel cappello per il giorno di San patrizio, ma erano considerati dei ribelli dagli Inglesi continua
4) La rivolta durò una breve stagione dal maggio al settembre del 1798 e venne chiamata con il nome di “United Irishmen Rebellion” perché condotta da un gruppo politico denominato Society of United Irishmen. continua
5) i Feniani

FONTI
http://www.irishmusicdaily.com/rising-of-the-moon
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=2313
http://homepage.tinet.ie/~tipperaryfame/rebel798.htm
http://homepage.eircom.net/~johnkeegancasey/

THE HOLY GROUND NOT IN JERUSALEM

No, non stiamo parlando di Gerusalemme e la sea song “Holy ground” è ancor meno vicina ai salmi di quanto il titolo lasci intendere! Si tratta di una sea shanty dalle origini incerte diffusa in molte varianti un po’ per tutta la Gran Bretagna e l’Irlanda nonché l’America sulle rotte delle baleniere che un tempo solcavano i mari partendo dall’Irlanda e dalla Gran Bretagna; per un marinaio infatti “la terra promessa” non è altro che una zona del porto o una strada piena di locande, pubs o taverne dove divertirsi con bevute, donne e canzoni!

L’argomento con titoli diversi e la stessa melodia, si ripropone con versi molto simili dalla Scozia all’Irlanda, e tuttavia si delinea un duplice registro, con da una parte la tipica e allegra canzone marinaresca, a volte sguaiata e inneggiante alle colossali bevute, e dall’altra una vena più intimista e fragile, che riflette sulla solitudine e il pericolo del vita in mare. 

the-shipwreck

VERSIONE IRLANDESE: HOLY GROUND

Nota anche come “Fine Girl You Are” o “The Cobh Sea Shanty” la canzone prende il nome da un quartiere di Cobh cittadina portuale un tempo conosciuta come Queenstown, noto porto dell’emigrazione irlandese nella contea di Cork: un marinaio di Cobh sta per prendere il mare lasciando a casa la sua innamorata ma con la speranza di ritornare presto da lei.  L’arrangiamento di questa versione “made Clancy Brothers” negli anni 60 è decisamente scanzonato e molti dei gruppi più recenti nella scena irlandese li omaggiano riproponendo il brano pari pari e indossando anche gli stessi maglioni che li resero caratteristici in tutto il mondo!

ASCOLTA Clancy Brothers & Tommy Makem

ASCOLTA The High Kings

ASCOLTA The Kilkennys

I
Fare thee well my lovely Dinah,
a thousand times adieu
For we’re going away
from the Holy Ground(1)
and the girls we all loved true
And we’ll sail the salt sea over,
but we’ll return for sure
To greet(2) again the girls we loved,
on the Holy Ground once more
(fine girl you are)
Chorus:
You’re the girl I do adore
and still I live in hopes to see
The Holy Ground once more
(fine girl you are)
II
And now the storm is raging
and we are far from shore
And the good old ship is tossing about and the rigging is all tore
And the secret of my mind,
I think you’re the girl I do adore
For soon we live in hopes(3)
to see the Holy Ground once more
(fine girl you are)
III
And now the storm is over
and we are safe and well
We’ll go into a public house
and we’ll sit and drink like hell
We’ll drink strong ale and porter(4) and we’ll make the rafters roar(5)
And when our money is all spent,
we’ll go to sea once more (fine girl you are)
TRADUZIONE CATTIA SALTO
I
Addio a te mia amata Dina,
mille volte addio,
perchè stiamo andando via
dalla Terra Santa (1) e dalle donne che tutti noi amiamo davvero,
e solcheremo i mari,
ma di certo ritorneremo,
per vedere (2) di nuovo le donne che amiamo e la Terra Santa ancora una volta (che bella ragazza sei)
CORO
Sei la ragazza che adoro
e ancora vivo nella speranza di vederti Terra Santa ancora una volta
(che bella ragazza sei)

II
E ora la tempesta infuria
e siamo lontani dalla riva
e la vecchia cara nave è sballottata
e il sartiame è tutto strappato
e nel profondo del mio cuore
credo che tu sai la ragazza che amo, perchè viviamo con la speranza (3) di vedere la Terra Santa ancora una volta (che bella ragazza sei)
III
E ora la tempesta è passata
e siamo sani e salvi
andremo in una taverna
per sederci e bere come dannati
berremo birra forte e porter (4)
e faremo tremare il tetto (5).
E quando il denaro sarà tutto speso, andremo per mare ancora una volta (che bella ragazza sei)

NOTE
1) forse un quartiere a luci rosse della città (non necessariamente denominato così) perchè nei dizionari è riportato come slang proprio del XVIII secolo.
2) nella versione dei The High King è scritto to see
3) nella versione dei The High King è scritto And still I live in hopes
4) porter è il nome proprio del settecento con cui gli irlandesi identificavano la birra scura; oggi si dice stout
5) l’espressione “scuotere il tetto” si riferisce al far traballare le travi del soffitto con cui erano puntellati i solai delle locande di una volta; è un po’ equivalente all’espressione idiomatica italiana “scuotere le fondamenta” nel senso di fare molto rumore

VERSIONE GALLESE: OLD SWANSEA TOWN ONCE MORE

“Old Swansea Town Once More” o più brevemente “Swansea Town” è la versione diffusa nel Galles, ed è stata raccolta nell’Hampshire nel 1905 da George Gardiner (cantata da William Randall di Hursley); anche se del testo esistono molte varianti, ecco la versione del tutto simile a quella irlandese: il protagonista si imbarca probabilmente su una baleniera e pensa con nostalgia alla ragazza lasciata a casa. Una dura vita quella dei pescatori di balene che stavano mesi in mare aperto in balia dei capricci del tempo, una vita dura e solitaria inframmezzata da colossali bevute una volta a terra.

ASCOLTA Storm Weather Shanty Choir in Cheer Up Me Lads! 2002 (per l’ascolto integrale su Spotify)


I(6)
Oh farewell to you sweet Nancy,
ten thousand times adieu;
I’m bound to cross the ocean, girl, once more to part from you.
Once more to part from you,
fine girl
(Chorus)
You’re the girl that I do adore.
But still I live in hopes to see
old Swansea(7) town once more.
II
Oh it’s now that I am out at sea,
and you are far behind;
Kind letters I will write to you
of the secrets of my mind.
III
Oh now the storm is rising,
I can see it coming on;
The night so dark as anything,
we cannot see the moon.
IV
Oh, it’s now the storm is over
and we are safe on shore,
We’ll drink strong drinks
and brandies too
to the girls that we adore;
To the girls that we adore, fine girls,
we’ll make this tavern roar(5),
And when our money is all gone,
we’ll go to sea for more.
TRADUZIONE di CATTIA SALTO
I
Addio mia bella Nancy
diecimila volte addio;
devo andare per l’oceano,  ragazza,
e ancora una volta separarmi da te,
e ancora una volta separarmi da te
bella ragazza
CORO
Tu sei la ragazza che amo
e sempre vivo nella speranza di vederti vecchia Swansea(7) ancora una volta
II
Adesso che sono per mare
e tu sei rimasta indietro e lontana,
dolci lettere ti scriverò
sui miei pensieri più segreti
III
Adesso la tempesta si sta alzando
e la vedo in arrivo;
la notte buia come nient’altro,
non si riesce a vedere la luna.
IV
E ora che la tempesta è passata
e siamo sani e salvi a riva,
berremo roba forte
e anche brandy
alla salute delle ragazze che amiamo; alla salute delle ragazze che amiamo, bella ragazza, faremo tremare questa taverna (5), e quando il denaro  sarà tutto speso,
andremo per mare ancora una volta

NOTE
6) strofa alternativa
Oh the Lord, made the bees,
An’ the bees did make the honey,
But the Devil sent the woman for to rob us of our money.
An around Cape Horn we’ll go!
An when me money’s all spent ol’ gal,
We’ll round Cape Horn for more ol’ gal, ol’ gal!
(gal è un termine marinaresco al posto di girl)
7) Swansea è una città costiera del Galles meridionale

Per concludere l’ascolto è doveroso citare anche la versione al femminile di Mary Black che privilegia la venatura più intimista del testo accompagnandolo con una melodia più lenta

ASCOLTA Mary Black


I
Farewell my lovely Johnny,
a thousand times adieu
You are going away
from the holy ground(1)
And the ones that love you true
You will sail the salt seas over
And then return for sure
To see again the ones you love
And the holy ground once more
II
You’re on the salt sea sailing
And I am safe behind
Fond letters I will write to you
The secrets of my mind
And the secrets of my mind, my love
You’re the one that I adore
Still I live in hopes you’ll see
The holy ground once more
III
I see the storm a risin’
And it’s coming quick and soon
And the night’s so dark and cloudy
You can scarcely see the moon
And the secrets of my mind, my love
You’re the one that I adore
And still I live in hopes you’ll see
The holy ground once more
IV
But now the storms are over
And you are safe and well
We will go into a public house
And we’ll sit and drink our fill
We will drink strong ale and porter
And we’ll make the rafters roar(5)
And when our money it is all spent
You’ll go to sea once more
You’re the one that I adore
And still I live in hopes that you’ll see
The holy ground once more
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
I
Addio mio amato Johnny
diecimila volte addio;
devi andare per l’oceano,
dalla Terra santa (1)
il ragazzo che amo veramente
navigherai per il mare salato
e poi ritornerai di certo
per rivedere ancora colei che ami
e la Terra santa  ancora una volta
II
Sei a navigare per mare
e  io sonoi rimasta indietro al sicuro
dolci lettere ti scriverò
sui miei pensieri più segreti
sui miei pensieri più segreti
sei colui che amo
così vivo con la speranza che tu rivedrai
la Terra santa ancora una volta
III
Vedo  la tempesta che si sta alzando
ed è in arrivo rapidamente
la notte così buia e nuvolosa
che si riesce a mala pena a vedere la luna, e i miei pensieri più segreti, amore mio, tu sei colui che amo
e ancora vivo nella speranza che tu vedrai la terra santa ancora una volta
IV
E ora la tempesta è passata
e sei sano e salvo
andremo in una taverna
per sederci e bere come dannati
berremo birra forte e porter
e faremo tremare il tetto (5).
E quando il denaro sarà tutto speso,
andrai per mare ancora una volta
sei colui che amo
e ancora vivo nella speranza che tu vedrai la Terra santa ancora una volta

continua

FONTI
http://www.joe-offer.com/folkinfo/forum/1137.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=116846
http://brethrencoast.com/shanty/Old_Swansea_Town.html

(Cattia Salto marzo 2014, revisionato giugno 2016)

FOR IRELAND I’D NOT TELL HER NAME: AN AISLING SONG

Ar Eireann Ni Neosainn Ce hi è una canzone d’amore dolcissima, la cui  melodia richiama un’antica aria anglo-scozzese “Tweedside” o “The Banks of the Tweed” (vedi)

La fonte data dalle pubblicazioni testuali (in gaelico irlandese) si rifanno a E. Walsh “Irish Popular Song” 1847: “Walsh says the name of the author is unknown, but he was likely a native of Kerry, as the song was very popular there. Tradition attributes it to a young man who fell in love with his brother’s affianced bride. Dr. Joyce quotes O’Curry’s authority for the statement that the song was written about 1810 by Finneen, or Florence, Scannell, a Kerry schoolmaster.”

angelabetta3
Dipinto della pittrice torinese Angela Betta Casale http://www.angelabettacasale.com/

Scritta in gaelico forse nel 1800 su di una melodia del secolo precedente, la canzone è stata più recentemente tradotta metricamente in inglese in varie versioni. In origine probabilmente una aisling song un genere letterario della poesia irlandese proprio del 1600-1700 in cui il protagonista ha la visione in sogno di una bella fanciulla che rappresenta l’Irlanda. Incidentalmente anche il poeta inglese William Cowper nel 1788 scrisse una poesia dal titolo “The Morning Dream” sulla stessa melodia con il tema del sogno, in cui una bellissima ragazza ordina al poeta di andare a liberare gli schiavi africani dalle catene (vedi).

VERSIONE ORIGINALE IN GAELICO IRLANDESE

Un giovane si è innamorato di una ragazza ma è troppo povero per poterla mantenere decorosamente e troppo timido per farsi comunque avanti, si reca all’estero per cercare la fortuna e quando ritorna trova la donna sposata con suo fratello.
O almeno è questa la storia raccontata tradizionalmente con la canzone, anche se versioni testuali tramandate continuano a rimanere molto enigmatiche!
In questa versione il senso dell’incontro o del sogno notturno resta piuttosto indefinito: il protagonista incontra una bella fanciulla che gli ruba il cuore, ma lui non ha il coraggio di parlarle! In verità il poeta si avvicina alla fanciulla per conoscerla e lei  non vuole ascoltarlo. Una situazione piuttosto angosciante che lascia l’uomo esausto..

ASCOLTA De Dannan in “A Celtic Tapestry” vol II 1997

ASCOLTA Ciara Considine in “Beyond The Waves” 2010

Il video creato da Alessandro Tosi ha come interprete Maria McCool


I
Aréir is mé téarnamh um’ neoin
Ar an dtaobh thall den teóra ‘na mbím,
Do théarnaig an spéir-bhean im’ chómhair
D’fhág taomanach breóite lag sinn.
Do ghéilleas dá méin is dá cló,
Dá béal tanaí beó mhilis binn,
Do léimeas fé dhéin dul ‘na cómhair,
Is ar éirinn ní n-eósainn cé h-í.
II
Dá ngéilleadh an spéir-bhean dom’ ghlór,
Siad ráidhte mo bheól a bheadh fíor;
Go deimhin duit go ndéanfainn a gnó
Do léirchur i gcóir is i gcrich.
Dó léighfinn go léir stair dom’ stór,
‘S ba mhéinn liom í thógaint dom chroí,
‘S do bhearfainn an chraobh dhi ina dóid,
Is ar éirinn ní n-eósainn cé h-í.
III
Tá spéir-bhruinneal mhaordha dheas óg
Ar an taobh thall de’n teóra ‘na mbím.
Tá féile ‘gus daonnacht is   meóin
Is deise ró mhór ins an mhnaoi,
Tá folt lei a’ tuitim go feóir,
Go cocánach ómarach buí.
Tá lasadh ‘na leacain mar rós,
Is ar éirinn ní n-eósainn cé h-í.
TRADUZIONE INGLESE
I
Last night as I strolled abroad(1)
On the far side of my farm
I was approached by a comely maiden
Who left me distraught and weak.
I was captivated by her demeanour and shapeliness
By her sensitive and delicate mouth,
I hastened to approach her
But for Ireland I’d not tell her name.
II
If only this maiden heeded my words,
What I’d tell her would be true.
Indeed I’d devote myself to her
And see to her welfare.
I would regale her with my story
And I longed to take her to my heart
Where I’d grant her pride of place
But for Ireland I’d not tell her name.
III
There is a beautiful young maiden
On the far side of my farm
Generosity and kindness shine in her face (2)
With the exceeding beauty of her countenance
Her hair reaches to the ground
Sparkling like yellow gold;
Her cheeks blush like the rose
But for Ireland I’d not tell her name.
Tradotto da Cattia Salto
I
Ieri notte mentre passeggiavo sul lato opposto della fattoria, mi si avvicinò una bella fanciulla che mi lasciò turbato e fiacco.
Fui catturato dal suo contegno e delle sue forme,
dalla sua bocca sensuale e delicata;
e mi affrettai per conoscerla,
ma per l’Irlanda non dirò il suo nome
II
Se solo questa fanciulla badasse alle mie parole, le racconterei la verità.
Anzi mi dedicherei tutto a lei
e penserei al suo benessere
L’avrei deliziata con la mia storia
e che desideravo tenerla nel mio cuore
dove avrebbe preso il posto d’onore,
ma per l’Irlanda non dirò il suo nome
III
C’è una bella giovane fanciulla
sul lato opposto della mia fattoria, generosità e gentilezza spiccano sul suo viso, (2)
superate solo dalla bellezza del suo volto,
i capelli toccano terra
e luccicano come oro giallo;
le guance avvampano come rose,
ma per l’Irlanda non dirò il suo nome

NOTE
1) il termine abroad ha un duplice significato: significa sia fuori che all’estero
2) l’apparizione è descritta come una creatura fatata, che simboleggia la natura rigogliosa e l’amore

ASCOLTA The High Kings in “The High Kings” 2008

In questa versione viene mantenuta la I strofa in gaelico mentre la seconda è stata riscritta in inglese: sembrerebbe che l’uomo si trovi in una terra straniera e che la nostalgia della sua Irlanda sia tale da apparirgli in sogno come una bellissima fanciulla! Egli purtroppo si rende conto che la visione è fugace forse perchè in cuor suo sa che non rivedrà mai più il suo amato paese!
Questa versione di sole due strofe richiama l’aisling song, un genere letterario della poesia irlandese proprio del 1600-1700 in cui il protagonista (spesso un poeta) ha la visione in sogno di una bella fanciulla che rappresenta l’Irlanda. In genere lei si lamenta delle condizioni di vita del popolo irlandese e prevede un futuro radioso, in cui sarà libera dagli oppressori. La chiave politica è una lettura tipicamente irlandese di un genere sviluppato in Francia con il termine Reverdie, in cui il poeta incontra una dama soprannaturale, che simboleggia la natura rigogliosa e l’amore.
A volte il poeta è esortato a compiere grandi gesta o a unirsi alla causa, ma il tutto è scritto in codice, perchè per chi aveva scritto e per chi cantava la canzone, c’era l’accusa di tradimento, ed era passibile perciò di condanna a morte. (continua)
Le aisling song sono in genere delle slow air di una dolcezza mista a tristezza infinita e per lo più sono composte in gaelico irlandese per rivendicare l’indipendenza culturale dall’inglese e le proprie radici celtiche!


I
Aréir is mé téarnamh ar neoin
Ar ar dtaobh eile ‘en teóra seo thiós
Do thaobhnaigh an spéirbhean im’ chomhair
D’fhág taomanac breoite lag tinn
Le haon ghean dá méin is dá cló
Dá bréithre ‘s dá beol tanaí binn
Do léimeas fá dhéin dul ‘na treo
Is ar Éirinn ní neosfainn cé hí
II
Last night in strange fields as I roved
Such a vision I passed on my way
A young woman so fair to behold
That in seconds my heart was astray
Oh she reached out a welcoming hand
But I knew that it never could be
And before I could kiss her sweet lips
She had vanished forever from me
Tradotto da Cattia Salto
I
Ieri sera mentre all’aperto passeggiavo sul lato opposto della fattoria, si avvicinò una bella fanciulla che mi ha lasciato sconvolto e esausto.
Fui affascinato dal suo contegno e delle sue forme,
dalla sua bocca sensuale e delicata;
mi sono affrettato per conoscerla,
ma per l’Irlanda non dirò il suo nome
II
Ieri sera mentre passeggiavo in campi stranieri, una visione incrociai nel cammino! Una giovane donna così bella a vedersi, che  il mio cuore in un attimo si era smarrito. Oh lei allungò una mano invitante, ma io sapevo che non avrei mai potuto prenderla e prima che potessi baciare le sue dolci labbra lei era scomparsa per sempre.

VERSIONI IN INGLESE

Questa traduzione in inglese è quella circolata durante il folk revival degli anni settanta, ma non ha avuto molto seguito
ASCOLTA Wolfe Tones in “Let the People Sing” 1972


I
Last eve as I wandered quiet near,
To the border’s of my little farm,
A beautifull maiden appeared,
Whoes lovelyness caused my heart’s harm,
By her daring and love smitten sour,
And the words from her sweet lips that came,
To meet her I raced the field o’re,
But for Ireland i’d not tell her name.
II
If this beauty but my words would heed
The words that I speak would be true,
I’d help her in every need,
And indeed all her work I would do,
To win one fond kiss from my love,
I’d read her romances of fame,
Her champion I daily would prove,
But for Ireland I’d not tell her name.
III
There’s a beautiful stately young maid,
At the nearing of my little farm,
She’s welcoming kind unafraid,
Her smile is both childlike and warm,
Her gold hair in masses that grows
Like amber and sheen is that same,
And the bloom in her cheeks like the rose,
But for Ireland I’d not tell her name.
Tradotto da Cattia Salto
I
L’altra sera passeggiavo tranquillo
vicino al confine della mia piccola fattoria, una bella fanciulla mi   apparve, la cui amabilità mi ha infiammato il cuore
verso di lei ardito e d’amore infatuato
-per le parole che dalle sue dolci labbra venivano-
a incontrarla corsi oltre il campo,
ma per l’Irlanda non dirò il suo nome
II
Se questa beltà avesse solo badato alle mie parole, le parole che le avrei detto sarebbero state sincere, l’avrei aiutata per ogni bisogno, e inoltre tutto il suo lavoro avrei fatto; per vincere un bacio appassionato dal mio amore, leggerei i suoi romanzi preferiti e la proteggerei ogni giorno
ma per l’Irlanda non dirò il suo nome
III
C’è una bella giovane fanciulla maestosa che si avvicina alla mia piccola fattoria è la benvenuta senza tema, il suo sorriso è sia fanciullesco che sensuale, i suoi capelli d’oro voluminosi sono lucenti come ambra
e le sue guance sbocciano come rose
ma per l’Irlanda non dirò il suo nome

ASCOLTA Dervish in “The End of the Day” 1996

Questa versione meno letterale nella traduzione è però più armoniosa come metrica e decisamente più bella della precedente: qui l’uomo per sfogare il suo struggimento d’amore per la bella fanciulla che lo aspetta, canta per lei una canzone, ma non vuole farci sapere il nome di lei finchè non l’avrà sposata!


I
There’s a home by the wide Avonmore
That will sweep o’er the broad open sea/And wide rivers their waves wash ashore
Whilst bulrushes wave to the breeze
Where the green ivy clings ‘round the door
And the birds sweetly sing on each tree
Oh me darling, they’re tuning their notes/It’s ar Éirinn ní neosfainn cé hí
II
Like the sick man that longs for the dawn/I do long for the light of her smile/And I pray for my own cailín bán Whilst I’m waiting for her by the stile/Oh I’d climb all the hills of the land/And I’d swim all the depths of the sea/To get one kiss from her lily-white hand
It’s ar Éirinn ní neosfainn cé hí
III
I have toiled sore those years of me life
Through storm, through sunshine and rain
And I surely would venture my life
For to shield her one moment from pain
For she being my comfort in life
Oh my comfort and joy she may be
She’s my own, she’s my promised wife
It’s ar Éirinn ní neosfainn cé hí
IV
Oh but when I will call her my own
And ‘tis married we both then will be
Like the king and the queen on the throne
We’d be living in sweet purity
Oh ‘tis then I’ll have a home of my own
And I’ll rear up a nice family
Oh ‘tis then that her name will be known
But for Ireland I won’t tell her name
Tradotto da Cattia Salto
I
C’è una casa accanto all’ampio Avonmore (1)
che sfocerà verso il mare aperto
e ampi fiumi le onde bagnano la riva
i giunchi ondeggiano nella brezza, mentre la verde edera si aggrappa  alla porta,
e gli uccelli dolcemente cantano su ogni ramo
o mia cara, cantano la melodia
“It’s ar Éirinn ní neosfainn cé hí”
II
Come l’uomo malato che brama l’alba io bramo la luce del suo sorriso, e prego la mia cailín bán (2)
mentre lì aspetto accanto alla scaletta;
oh vorrei arrampicarmi su tutte le colline della terra, e vorrei nuotare in tutti  gli abissi del mare, per ottenere il bacio della sua bianca mano (3)
It’s ar Éirinn ní neosfainn cé hí
III
Ho faticato molto in questi anni della mia vita, sia con la tempesta, con  il sole e la pioggia,
e di certo rischierei la mia vita
per proteggere lei dai dispiaceri
perchè lei è il mio conforto nella vita
Oh il mio conforto e gioia lei potrebbe essere,
lei è mia, la mia promessa sposa
It’s ar Éirinn ní neosfainn cé hí
IV
Oh ma fino a quando la chiamerò mia cara e saremo sposati insieme
come il re e la regina sul trono,
dobbiamo vivere in castità
Oh allora avrò una casa tutta mia
e crescerò una bella famiglia
solo allora il suo nome sarà conosciuto
ma per l’Irlanda, non voglio dire il suo nome

NOTE
1) il fiume l’Avonmore scorre nelle Wicklow Mountains e confluisce nel fiume Avoca cantato anche da Thomas Moore nel “The Meeting of the Waters
2) cailín bán: ragazza bella
3) un giro di parole per dire: “vorrei essere accarezzato”

Come si vede in nessuna versione si fa menzione che la donna abbia sposato il fratello del protagonista, la vox populi deve essere stata aggiunta come tentativo di spiegazione al refrain “But for Ireland I won’t tell her name“, ovvero la segretezza del nome della fanciulla per non turbare i rapporti parentali.

Eppure la bellezza della canzone sta proprio nell’enigmaticità del verso.

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=10531
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=111051
http://martindardis.com/id70.html
http://thesession.org/tunes/1039
http://thesession.org/tunes/11612
http://spenserians.cath.vt.edu/TextRecord.php?action=GET&textsid=38883
http://www.celticlyricscorner.net/soundtracks/areireann.htm
http://www.celticlyricscorner.net/dervish/areirinn.htm

ILLUSTRAZIONE
Dipinto di Angela Betta Casale sito web

(Cattia Salto febbraio 2014)

THE AULD TRIANGLE

“The Auld Triangle” nota anche come “The Banks of the Royal Canal” è una canzone autobiografica, che alcuni erroneamente ritengono sia stata scritta da Brendan Behan (o dal fratello Dominic) durante uno dei suoi soggiorni alla prigione di Mountjoy.

Brendan Behan

Brendan nella sua vita bohémien fu spesso ospite delle galere irlandesi e inglesi: In March 1942 Behan was in Mountjoy for a few days after his release from borstal in Liverpool. In April he was arrested after a shoot-out with detectives near Glasnevin and sentenced to 14 years; he spent 18 months in the Joy, transferred to Arbour Hill, and released in an amnesty at the end of the War. He was back in Mountjoy twice more: in 1948 for assaulting a Garda and using profane and obscene language and in 1954 for drunk and disorderly. tratto da Tim Carey, “Mountjoy: the story of a prison” (Cork: The Collins Press, 2000, 2005).
La prigione fu costruita nel 1850 per una popolazione di 500 detenuti arrivati ben presto a quota 2000, un carcere sovraffollato e tenuto in condizioni igieniche precarie oggi trasferito in una struttura più moderna!
La madre Kathleen Behan in un’intervista ebbe a dire: [1984:] Our Brendan spent so long in jail, he wrote a lot about it. He wrote a lovely song to go with his play ‘The Quare Fellow’, and called it The Old Triangle, after the metal triangle that used to be rung to call the prisoners to their tasks.

Brendan inserì  la canzone nella sua commedia The Quare Fellow (vedi) In “The Quare Fellow” – letteralmente “Lo strano compagno”, tradotto in italiano come “L’impiccato di domani” – l’azione è ambientata nel carcere di Mountjoy a Dublino ed il protagonista – che paradossalmente non entra mai in scena – è un prigioniero che il giorno seguente sarà giustiziato. Di lui, e del crimine sconosciuto per cui è stato messo a morte, parlano i suoi compagni di prigionia, ed in particolare un giovane detenuto per omosessualità, ed il personale del carcere.
L’opera è una feroce descrizione della vita carceraria nell’Irlanda degli anni 50, quando l’omosessualità era un crimine, ricorso alla pena capitale molto comune ed il trattamento dei prigionieri, tanto più se politici, brutale. Si trattava per l’epoca di argomenti assolutamente tabù e la spregiudicatezza con cui Brendan Behan li affrontò – mettendo alla berlina il moralismo e l’ipocrisia con cui la società irlandese si approcciava a sesso, religione e politica – non mancò di sollevare un vivace dibattito. (tratto da qui)

Dublino: Royal Canal anni '80
Dublino: Royal Canal anni ’80

L’AUTORE DEL TESTO: DICKIE

Brendan riconobbe la paternità del testo all’amico Dickie di Wellington Street ovvero Richard Patrick Shannon (1916-1975).
Un bevitore, un giocatore d’azzardo e un ladro, a suo modo sempre sincero, Dickie diceva “a robber was honest when compared to a liar. A liar was the lowest of the low, as they would get you hanged for nothing more than malice“! Non proprio un barbone alla deriva, perchè aveva moglie e numerosi figli ma uno che doveva arrangiarsi con i lavori che gli capitavano e diceva “But such was the way of the world when you ran with rats“.

Di fatto ora la canzone è un tradizionale irlandese, una canzone di prigionia o per estensione nei suoi risvolti “governativi” una ballata politica. Con un linguaggio semplice e colloquiale, sono descritte le condizioni di vita di un detenuto e la sua nostalgia per la ragazza amata.
Un aforismo di Brendan Behan guarda caso era “The most important things to do on the world are to get something to eat, something to drink and somebody to love you
La canzone ha un ritmo molto lento e generalmente viene cantata senza accompagnamento musicale; è stata interpretata da molti cantanti della scena folk, da Liam Clancy a Bob Dylan; dai Pougues agli U2. La melodia riprende The Galway Shawl (vedi) un brano tradizionale irlandese.

VERSIONE ESTESA
ASCOLTA Brendan Behan


ASCOLTA David Mullen con accompagnamento pianoforte

ASCOLTA Dropkick Murphys con il loro inconfondibile stile

VERSIONE RIDOTTA (strofe I, II, IV e V)
ASCOLTA Justin Timberlake che la canta anche nel film “Inside Llewyn Davis” diretto da Joel e Ethan Coen

ASCOLTA The Dubliners

ASCOLTA The High Kings


I
Oh a hungry feelin’(1)
came o’er me stealin’,
The mice were squeelin’
in my prison cell,
Chorus:
And the auld(2) triangle(3)
went jingle-jangle(4),

All along the banks
of the Royal Canal(5).

II
To begin the mornin’,
the screw(6) was bawlin’:
“Get up your bowsey(7)
and clean up your cell”
III
On a fine spring evening
the lag lay dreaming
the seagulls wheeling
high above the wall
IV
The lags(8) were sleepin’
and Humpy Gussey(9) was peepin’,
As I lay there weepin’
for my girl Sall(10),
V
Up in the female prison
there are 75 women,
And among them now
I wish I did dwell,
Chorus:
Then the auld triangle
could go jingle-jangle,

All along the banks
of the Royal Canal.
TRADUZIONE di Cattia Salto
I
Un gran senso di fame(1)
mi prendeva,
i topi squittivano
nella mia cella
Coro:
e il vecchio(2) triangolo(3)
scampanellava(4)

lungo tutte le sponde
del Royal Canal(5)

II
Di prima mattina,
il secondino(6) gridava:
“Alzati tu, ubriacone(7),
e pulisci la tua cella”
III
Una bella sera di primavera
il detenuto stava sognando
i gabbiani volare
alto oltre il muro
IV
I detenuti(8) dormivano
e Gussey il gobbo(9) sbirciava
mentre là stavo, piangendo
per la mia ragazza Sall(10)
V
Sopra, nella prigione femminile,
ci sono 75 donne,
e tra di loro
vorrei stare
Coro (variazione):
ma solo il vecchio triangolo
poteva scampanellare,

lungo tutte le sponde
del Royal Canal

NOTE
1) accostare il senso di fame con lo squittio dei topi la dice lunga sul tipo di cibo fornito in carcere
2) auld, ould ovvero old a Dublino si pronuncia Aul, come Owl, ovvero OW-will, o Ow-well. Non necessariamente si usa per identificare qualcosa di vecchio, quanto piuttosto come un intercalare affettuoso
3) il triangolo suonava per la sveglia e richiamare i detenuti ai pasti.
4) jingle-jangle è un’espressione colloquiale
5) il carcere di Mountjoy, confina con il Royal Canal, una volta arteria del traffico fluviale che collegava Dublino con il Nord attraverso il fiume Shannon. Caduto in disuso negli anni 1970 è stato resa nuovamente agibile per la navigazione e riqualificato parzialmente con la creazione della Royal Canal Way, un sentiero a lunga percorrenza da Ashtown (Dublino) a Abbeyshrule, nella contea di Longford
6) Brendan dice warder
7) bowsey, variazione del vocabolo colloquiale boozy, che significa “ubriacone”. Nel dialetto anglo-irlandese “your” non ha il significato di “tuo/vostro”, ma diventa una forma allocutiva, usata in senso ironico ed equivalente a “tu/voi”. Brendan invece dice Get out of bed
8) Brendan dice screw
9) a detta dei detenuti un secondino un po’ brutale
10) in realtà la moglie di Dickie si chiama Mary, ma così rima con wall

FONTI
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=26133&lang=it
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=12294
http://www.bobdylanroots.com/royal.html
http://njnnetwork.com/2011/10/the-auld-triangle-or-royal-canal/

ILLUSTRAZIONI
http://www.virals.eu/2013/07/inner-city-dublin-in-the-1980s/