Archivi tag: Skye isle

Outlander book: giving a new wife a fish

Leggi in italiano

FROM OUTLANDER BOOK
Diana Gabaldon

In the first book of the Outlander saga written by Diana Gabaldon chapter 16 Jamie recites, the day after their wedding, an old love song to Claire, giving her a fish.

A good size,” he said proudly, holding out a solid fourteen-incher. “Do nicely for breakfast.” He grinned up at me, wet to the thighs, hair hanging in his face, shirt splotched with water and dead leaves. “I told you I’d not let ye go hungry.”
He wrapped the trout in layers of burdock leaves and cool mud. Then he rinsed his fingers in the cold water of the burn, and clambering up onto the rock, handed me the neatly wrapped parcel.
“An odd wedding present, may be,” he nodded at the trout, “
“It’s an old love song, from the Isles. D’ye want to hear it?”
“Yes, of course. Er, in English, if you can,” I added.
“Oh, aye. I’ve no voice for music, but I’ll give you the words.” And fingering the hair back out of his eyes, he recited,
“Thou daughter of the King of bright-lit mansions
On the night that our wedding is on us,
If living man I be in Duntulm,
I will go bounding to thee with gifts.
Thou wilt get a hundred badgers, dwellers in banks,
A hundred brown otters, natives of streams,
a hundred silver trout, rising from their pools

A nighean righ nan roiseal soluis

Alexander Carmichael in his “Carmina Gadelica” Vol II, reports the fragment of this old Scottish Gaelic song, translating into English, and assuming that the author was a Macdonalds of the Isle of Skye. (a clan renowned for the poetic fame of its exponents of prominence)
Skye is probably the island of the Hebrides more similar to the land of Avalon, privileged location of many fantasy films, but more recently a inflated destination for mass tourism (with all the negative aspects of high prices, streets overcrowded by tourist buses and even to the most inaccessible destinations you risk finding yourself in a large company)


English translation *
I
Thou daughter of the king of bright-lit mansions,
On the night that our wedding is on us,/If living man I be in Duntulm
I will go bounding to thee with gifts.
II
Thou wilt get an hundred badgers dwellers in banks,
An hundred brown otters native of streams,
Thou wilt get an hundred wild stags that will not come/ To the green pastures of the high glens.
III
Thou wilt get an hundred steeds stately and swift,
An hundred reindeer  intractable in summer,
And thou wilt get an hundred hummelled red hinds,
That will not go in stall in the Wolfmonth of winter
Scottish Gaelic
I
A nighean righ nan roiseal soluis (1),
An oidhche bhios oirnne do bhanais,
Ma ’s fear beo mi an Duntuilm (2)
Theid mi toirleum (3)  da d’earrais.
II
Gheobh tu ciad bruicean tadhal bruach,
Ciad dobhran donn, dualach alit,
Gheobh tu ciad damh alluidh nach tig
Gu innis ard ghleannaidh. (4)
III
Gheobh to ciad steud stadach, luath,
Ciad bràc (5) bruaill an t-samhraidh,
’S gheobh tu ciad maoilseach (6) maol, ruadh,
Nach teid am buabhall am Faoileach (7) geamhraidh

NOTES
* Alexander Carmicheal
1) roiseal soluis= fine bright light or display of light,
2) Duntulm  (Scottish Gaelic: Dùn Thuilm) is a township on the most northerly point of the Trotternish peninsula of the Isle Of Skye. The village is most notable for the coastal scenery coupled with the ruins of Duntulm Castle,
3) tòirleum: leum bras
4) Diana Gabaldon concludes the poem by adding a verse that recalls the comic situation created between the two protagonists “a hundred silver trout, rising from their pools”
5) bràc= brae= Beurla (reindeer)
6) bean an fhèid
7) Faoilteach

The symbolism of matrimonial gifts is evident: the abundance of herds is auspicious for the fertility of the couple.

LINK
http://www.sacred-texts.com/neu/celt/cg2/cg2106.htm
http://www.electricscotland.com/books/pdf/carminagadelicah02carm.pdf
http://luideagbheag.blogspot.com/2016/11/a-nigheann-righ-nan-roiseal-soluis.html

https://www.thecastlesofscotland.co.uk/the-best-castles/scenic-castles/duntulm-castle/
https://50sfumaturediviaggio.com/2017/07/01/isola-di-skye-informazioni-generali/
https://50sfumaturediviaggio.com/2017/06/30/isola-di-skye-4-giorni-tra-le-nuvole/

CHRISTMAS AT SEA

Si può remare per tutto il giorno ma è quando si torna al calar della notte, e si guarda la stanza familiare, che trovi l’amore o la morte che ti attende accanto alla stufa“.

Nel Cd di Sting “If On a Winter’s Night” (2009) tra i vari traditionals e carols natalizi troviamo un brano più particolare il cui testo è ripreso da una poesia di Robert Louis Stevenson con l’aggiunta di un coro in gaelico scozzese che appartiene ad una waulking song delle Isole Ebridi.
La musica è di Sting e di Mary Macmaster.

Procediamo con ordine

LA POESIA DI STEVENSON

Curioso personaggio Robert Louis Stevenson uno scozzese anomalo che preferì (a causa della cagionevole salute) i mari del Sud a quelli del Nord, e partito nel giugno del 1888 per un viaggio tra le isole del Pacifico vi trascorse gli ultimi sei anni della sua vita. E proprio nel dicembre del 1888 fu pubblicato questa poesia del titolo “Christmas at Sea”.  Del poema vengono estrapolate le strofe centrali


I
All day we fought the tides between the North Head (1) and the South (2)
All day we hauled the frozen sheets, to ‘scape the storm’s wet mouth
All day as cold as charity (3), in bitter pain and dread,
For very life and nature we tacked from head to head.
II
We gave the South a wider berth, for there the tide-race roared;
But every tack we made we brought the North Head close aboard:
We saw the cliffs and houses, and the breakers running high,
And the coastguard in his garden, his glass against his eye.
III
The frost was on the village roofs as white as ocean foam;
The good red fires were burning bright in every ‘longshore home;
The windows sparkled clear, and the chimneys volleyed out;
And I vow we sniffed the victuals as the vessel went about.
IV
The bells upon the church were rung with a mighty jovial cheer;
For it’s just that I should tell you how (of all days in the year)
This day of our adversity was blessed Christmas morn,
And the house above the coastguard’s was the house where I was born.
V
And well I knew the talk they had, the talk that was of me,
Of the shadow on the household and the son that went to sea;
And O the wicked fool I seemed, in every kind of way,
To be here and hauling frozen ropes on blessed Christmas Day.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Tutto il giorno lottammo contro i flutti tra Capo Nord (1) e il Sud (2), tutto il giorno governammo le vele ghiacciate per fuggire alla morsa umida della tempesta, tutto il giorno al freddo senza pietà (3), con acuta sofferenza e terrore, per la vita stessa e la natura, abbiamo virato da capo a capo
II
Ci tenevamo alla larga da Capo Sud,
che là la corrente ruggisce, e ogni virata che facevamo ci portavamo sempre più vicini alla Punta Nord:
vedevamo le scogliere e le case, e i frangenti altissimi e la guardia costiera nel suo giardino scrutare con il cannocchiale
III
Il gelo era sui tetti del villaggio, bianchi come la schiuma dell’oceano;
i fuochi rosso vivo, stavano scoppiettando in ogni casa lungo la costa; le finestre sfavillavano e i comignoli sbuffavano; giuro che si annusava il profumo delle vivande mentre il vascello procedeva.
IV
Le campane della chiesa stavano suonando potenti allegri saluti
perchè devo dirvi che (di tutti i giorni dell’anno) questo giorno della nostra tribolazionea era il mattino del santo Natale
e la casa sopra alla guardia costiera era la casa dove sono nato
V
E bene conoscevo i discorsi che facevano su di me, dell’ombra sulla famiglia e del figlio andato per mare
e oh che povero sciocco sembravo, da ogni punto di vista, stare qui a alare le cime gelate nel giorno del benedetto Santo Natale.

NOTE
1) Capo Nord porto di Sydney?
2) South Sea, South Head?
2) as cold as charity è una frase idiomatica che indica un’estrema indifferenza o freddezza, letteralmente freddo come la carità, detto con ironia: è la carità fatta per obbligo morale, ma senza cuore.

LA WAULKING SONG

Il coro è preso da una waulking song delle Isole Ebridi in gaelico scozzese dal titolo “Òran Mòr Sgoirebreac” (in inglese “The great song of Scorrybreac”) la versione integrale di uno dei frammenti della waulking song qui
Anche nell’antica canzone chi canta rimpiange di non essere a casa, le terre di Scorrybreac sono le terre ancestrali del clan  MacNeacail (Mac Nicol) e Scorrybreac Castle (Portree Bay) nell’isola di Skye fu per secoli il castello dei MacNicols. (storia del clan MacNicol)

The subject of the song would appear to be a Nicolson of Scorrybreck, and the occasion of its composition his marriage in the late seventeenth century to a sister of Iain Garbh MacLeod of Raasay.  (tratto da qui)
La versione in inglese qui

Due passi nei pressi
https://www.isleofskye.com/skye-guide/top-ten-skye-walks/scorrybreac

Thograinn thograinn bhith dol dhachaidh
E ho ro e ho ro
Gu Sgoirebreac a chruidh chaisfhinn
E ho hi ri ill iu o
Ill iu o thograinn falbh
Gu Sgoirebreac a’ chruidh chais-fhionn
Ceud soraidh bhuam mar bu dual dhomh
I wish we were going home
E ho ro e ho ro
To Scorrybreac of the white-footed cattle
E ho hi ri ill iu o

To Scorrybreac of the white-footed cattle
The first blessing from me, as is my right

Così Macmaster/Hay con il titolo di Thograinn thograinn la propongono come canzone a sè

FONTI
https://popularvictorianpoetry.wordpress.com/an-anthology-of-popular-victorian-poetry/r-l-stevensons-christmas-at-sea-in-the-scots-observer-1888/
https://julianstockwin.com/2013/12/23/christmas-at-sea/
http://www.bbc.co.uk/alba/oran/orain/oran_mor_sgoirebreac/
https://www.librarything.com/topic/171360
http://www.ondarock.it/recensioni/2015_hiddenorchestra_reorchestrations.htm

http://freepages.genealogy.rootsweb.ancestry.com/~bwickham/nicname.htm

E LA BARCA VA: IL PRINCIPE E LA BALLERINA, THE SKYE BOAT SONG

Read the post in English  

E LA BARCA VA

charlie e flora
Flora e il Bel Carletto

Dopo la rovinosa battaglia di Culloden (1746) Charles Stuart allora ventiseienne, riuscì a fuggire e a restare nascosto per parecchi mesi, protetto dai suoi fedelissimi.
Flora MacDonald aveva 24 anni quando incontrò  il Bonnie Prince e lo aiutò a lasciare le Ebridi, li vediamo raffigurati su una barchetta in balia delle onde, lei si avvolge nello scialle e guarda l’orizzonte, mentre il sole tramonta,  lui rema con foga.
(ecco com’è andata in realtà: Il Principe e la Ballerina)

LA TRAVERSATA IN MARE: LA FUGA DI CHARLES STUART

Il momento della fuga dalle Ebridi Esterne, per quanto “eroicomico”, è ricordato nella canzone “Skye boat song” (in italiano “La barca per Skye” ma anche” la barca per il cielo”) scritta da Sir Harold Boulton nel 1884 su di una melodia tradizionale che si dice sia stata arrangiata da Anne Campbell MacLeod; una decina di anni prima Anne  stava facendo un’escursione sul Loch Coruisk, guarda caso proprio sull’isola di Skye e la sentì cantare da un gruppo di marinai; la canzone era “Cuchag nan Craobh” (in inglese “The Cuckoo in the Grove”) comparsa in stampa nel 1907 in Minstrelsy of the Scottish Highlands, di Alfred Moffat, con un testo attribuito a William Ross (1762 – 1790). La melodia è pertanto quantomeno risalente al tempo della vicenda.

LO IORRAM
Il brano è comparso nel libro Songs of the North pubblicato da Sir Harold Boulton e Anne Campbell MacLeod a Londra nel 1884. Nelle ristampe ed edizioni successive nel commento si fa riferimento alla melodia come a un “iorram” ossia a una canzone ai remi. Non proprio una shanty song un “iorram” (pronuncia ir-ram) aveva la funzione di dare il ritmo ai vogatori ma nello stesso tempo era anche un lamento funebre. Il tempo è in 3/4 o 6/8: la prima battuta è molto accentuata e corrisponde alla fase in cui il remo è sollevato e portato in avanti, 2 e 3 sono il colpo all’indietro. Alcune di queste arie sono ancora suonate nelle Ebridi come valzer.

La canzone è stato un successo: fin da subito circolarono voci che spacciavano il testo come traduzione di una antico canto in gaelico e presto divenne un brano classico della musica celtica e in particolare della musica tradizionale scozzese inserito immancabilmente nelle compilation anche per matrimoni, fatto e rifatto in tutte le salse (dal beat al liscio, jazz, pop, country, rock, dance), innumerevoli le versioni strumentali (da un solo strumento – arpa, cornamusa, chitarra, flauto – o due fino all’orchestra) con arrangiamenti classici, tradizionali, new age, per bande anche militari e corali. Su Spotify è possibile trovare moltissime versioni del brano e proprio per tutti i gusti! Tra quelle strumentali le mie preferite sono quelle con la chitarra di Greg Joy, Pete Lashley, Tom Rennie, ma anche una versione con arpa e flauto di Anne-Elise Keefer e una versione “insolita” (con tanto di basso-tuba o oboe) dei Leaf!

ASCOLTA Carlyle Fraser


CHORUS
Speed bonnie boat,
like a bird on the wing,

Onward, the sailors cry
Carry the lad that’s born to be king
Over the sea to Skye
I
Loud the winds howl,
loud the waves roar,
Thunder clouds rend the air;
Baffled our foe’s stand on the shore
Follow they will not dare
II
Though the waves leap,
soft shall ye sleep
Ocean’s a royal bed
Rocked in the deep,
Flora will keep
Watch by your weary head
III
Many’s the lad fought on that day
Well the claymore could wield
When the night came silently, lay
Dead on Culloden’s field
IV
Burned are our homes, exile and death
Scatter the loyal men
Yet, e’er the sword cool in the sheath,
Charlie will come again
Traduzione italiano Cattia Salto
RITORNELLO
Veloce, bella barca,
come un uccello sulle ali

Avanti! Gridano i marinai!
Porta il ragazzo nato per essere re (1)
oltre il mare a Skye (2)
I
Forte ulula il vento,
forte ruggiscono le onde,
nubi minacciose riempiono il cielo;
frastornati i nostri nemici si fermano a riva e non osano seguirci
II
Benchè i flutti si accavallino,
il tuo sonno sarà docile
e l’oceano il letto del re
cullato dal mare (3),
Flora (4) vigilerà
vegliando sulla tua testa stanca
III
In molti combatterono quel giorno,
brandendo bene le spade, quando la notte venne in silenzio, giacevano morti  sul campo di Culloden (5).
IV
Bruciate le nostre case, esilio o morte,
dispersi gli uomini leali (6),
tuttavia prima che la spada si raffreddi nel fodero,
Carlo verrà di nuovo (7)


NOTE
Lost_Portrait_of_Charles_Edward_Stuart1) Chi era il “Giovane Pretendente”? Probabilmente solo un damerino con l’accento italiano e la passione del brandy, ma quanto fu il fascino che esercitò sugli scozzesi delle Highlandscontinua
2) L’isola di Skye nelle Ebridi Interne, ma suona come “cielo” e quindi una metafora, l’autore lo impalma come eroe nel firmamento
3)  “rocked” è da intendersi, come in molte sea song e sea shanty (e in qualche lullaby), nel senso di dondolio (della culla in particolare)
4) Flora MacDonald (1722 – 1790) che aiutò il principe nella fuga  continua
5) per l’approfondimento ho dedicato un’intera pagina ai Giacobiti vedi
6) la repressione inglese contro i giacobiti e i simpatizzanti fu brutale
7) nel 1884 Charles Stuart era ormai polvere, ma la letteratura romantica manteneva ancora vive le aspirazioni giacobite e i canti infiammavano ancora gli animi

CHARLES STUART “ULTIMO ATTO”

Charles_Edward_Stuart_(1775)Nel 1896 lo scrittore scozzese Robert Louis Stevenson (1850-1894) scrisse una variante con nuove parole, evidentemente non soddisfatto di quanto scritto da un baronetto inglese.

Stevenson mette il canto in bocca allo stesso Charles, vecchio e disfatto nel suo esilio “dorato” tra Roma e Firenze. L’Alfieri ce lo descrive come irragionevole e sempre ubriaco padrone, ovvero querulo, sragionevole e sempre ebro marito (ma doveva avere il dente avvelenato essendo stato per anni l’amante della molto più giovane e bella moglie Luisa di Stolberg-Gedern contessa d’Albany). Il Principe sempre più amareggiato e dedito all’alcol, morì a Roma il 31 gennaio 1788 (abbandonato anche dalla moglie quattro anni prima).

OVER THE SEA TO SKYE
di Robert Louis Stevenson
I
Sing me a song of a lad that is gone,
Say, could that lad be I?
Merry of soul, he sailed on a day
Over the sea to Skye
II
Mull was astern, Rum was on port,
Eigg on the starboard bow.
Glory of youth glowed in his soul,
Where is that glory now?
III
Give me again all that was there,
Give me the sun that shone.
Give me the eyes, give me the soul,
Give me the lad that’s gone.
IV
Billow and breeze, islands and seas,
Mountains of rain and sun;
All that was good, all that was fair,
All that was me is gone.
OLTRE IL MARE PER SKYE
Traduzione italiano Cattia Salto
I
“Cantami del ragazzo del passato
dici, “Potrei essere io quello?”
con l’avventura nel cuore(1), salpò un giorno oltre il mare per Skye.
II
Mull era a poppa, Rum era a babordo, Eigg sulla prua a dritta.
Gloria di gioventù brillava nel suo spirito, dov’è quella gloria ora?
III
Dammi ancora tutto ciò che fu,
dammi il sole che risplendeva
dammi la visione (2), dammi l’anima
dammi il ragazzo del passato
IV
Nuvole e brezza, isole e mari
montagne di pioggia e di sole;
tutto ciò che era buono e giusto
tutto quello che ero, è morto

NOTE
1) “merry of soul” inteso come ” allegro nel cuore, felice” (per esempio She’s a merry little soul)
2) letteralmente dammi gli occhi

LA VERSIONE OUTLANDER

Più recentemente la canzone “Over the Sea to Skye” è stata ripresa nella serie “The Outlander” dalla saga di Diana Gabaldon ed è subito skyemania..
Il testo è modellato sulla versione di Robert Louis Stevenson anche se ogni riferimento al bel Carletto è stato sostituito dal “viaggio nel tempo” della bella Claire Randall  (dal 1945 nel 1743)

ASCOLTA Raya Yarbroug


I
Sing me a song of a lass that is gone…
Say, “would that lass be I?”
Merry of soul, she sailed on a day
Over the sea to Skye.
II
Billow and breeze, islands and seas,
Mountains of rain and sun…
All that was good, all that was fair,
All that was me is gone.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Cantami di una ragazza del passato,
dici, “Potrei essere io quella?”
con l’avventura nel cuore (1) lei salpò un giorno oltre il mare per Skye.
II
Nuvole e brezza, isole e mari,
montagne con la pioggia e il sole
Tutto ciò  che era bello e buono,
tutto quello che ero è morto.

NOTE
1 ) “merry of sou” viene inteso come ” allegro nel cuore, felice”
la strofa in francese
Chante-moi l’histoire d’une fille d’autrefois,
S’agirait-il de moi?
L’ame légère elle prit un jour la mer
Over the sea to Skye

Versione ulteriormente riarrangiata da Bear McCreary in seguito al successo della serie e completata con le strofe di Robert Louis Stevenson
Outlander -The Skye Boat Song(Extended)

Outlander season II -The Skye Boat Song La versione francese

Per l’ambientazione nel Mar dei Caraibi Bear McCreary ha ulteriormente arrangianto la vecchia melodia tradizionale scozzese sviluppando l’elemento percussivo e melodico
Outlander Season III

 FONTI
http://terreceltiche.altervista.org/charlie-hes-my-darling/
http://www.electricscotland.com/history/women/wih9.htm
http://www.windsorscottish.com/pl-others-fmacdonald.php
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=31609
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=94755

M’IONAM AIR

The Spinning Wheel, c.1855 (oil on panel)Una madre delle Highland scozzesi canta al suo bambino per tenerlo buono, mentre lei è affaccendata nei lavori domestici, (continua) : si raccomanda che cresca forte affinchè da grande possa provvedere al benessere della madre.
La canzone proviene dall’immenso patrimonio dei canti in gaelico delle Isole Ebridi

ASCOLTA Capercaillie in Beautiful Wasteland 1997 la voce di Karen sembra quasi un sospiro, morbida come la coperta di lana, soffice come le piume del cuscino, e a tratti si leva come onda del mare..

GAELICO SCOZZESE
Sèist:
M’ionam air a ghille bheag
Cuin a bheir e gùn dhomh?
Cuin a bheir e còt’
Agus cleoc as a’ bhùth dhomh?
M’ionam air a ghille bheag
Cuin a bheir e gùn dhomh?
I
Nuair dh’fhàsas e làidir
‘S a dh’fhàgas e’n dùthaich
II
Bidh siùil ri croinn àrda
‘S mo ghràdhsa ga stiùireadh
III
Nuair ruigeas i na h-Innsean
Thig sìoda ‘gam ionnsaigh
IV
B’fhearr leam fhin gum beireadh an teile
‘N teile dhe na heireagan
B’fhearr leam fhin gum beireadh an teile
Dh’eireagan Shleit am maireach
V
Gheibheadh tu fhein, a ghaoil an t-ugh (x3)
Nam beireadh na heireagan bana


TRADUZIONE INGLESE
Chorus:
My thoughts are on the little boy
Wondering when he’ll bring me a gown?
When will he bring me a coat
Or a cloak from the store?
I
When he grows strong
And leaves the country
II
The sails will be on the tall masts
And my love will be at the helm
III
When the ship reaches the Indies
Then silk will come back in my direction
IV
I would prefer if the other(1) would bear the pullet hens
I would prefer if the other would bear
The hens of Sleat(2) tomorrow
V
You, love, would get the egg(3)
If the fair hen would lay

tradotto da Cattia Salto
CORO
I pensieri vanno al mio bambino
chiedendomi quando mi porterà un vestito
quando mi porterà una giacchetta
o una mantella dal negozio?
I
Quando diventerà forte
e lascerà il paese
II
Le vele saranno sull’albero maestro e il mio amore al timone
III
Quando la nave raggiungerà le Indie
allora mi porterà la seta
IV
Vorrei che l’altro portasse delle pollastrelle
vorrei che l’altro portasse
le galline di Sleat domani
V
Tu amore avrai l’uovo
se la bella gallina lo deporrà

NOTE
1) evidentemente si riferisce all’altro suo amore, il marito oppure all’altro figlio più grande che già lavora
2) Sleat è rinomata come “the garden of Skye”.
3) oh l’ovetto sbattuto con lo zucchero che un tempo le madri premurose preparavano per i loro bambini!

Loch Coruisk, isola di Skye dipinto di Sidney Richard Percy 1874

FONTI
http://www.celticlyricscorner.net/capercaillie/mionam.htm
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/25281/1;jsessionid=7A5B417BDD8B85383D3A23837B2D3716

THE SKYE WATER KELPIE’S LULLABY

Nei fiumi più placidi d’Irlanda e nelle profondità oscure dei laghi scozzesi vivono dei demoni acquatici, creature fatate mutaforma, che si nutrono di carne umana: sono “kelpie“, “each uisge” (in inglese water-horse),  “eich-mhara” (in inglese sea horse), cavalli d’acqua e del mare; a voler essere pignoli il kelpie vive preferibilmente nei pressi delle rapide dei fiumi, dei guadi e delle cascate, mentre l’each uisge preferisce i laghi e il mare, ma kelpie è la parola più usata per entrambi. Di creature analoghe si narra anche nelle leggende norrene (Bäckahästen, il cavallo di fiume)- e germaniche (nix sotto forma di pesce o di rana).

Liiga Klavina Kelpie

IL KELPIE: MUTAFORMA DELLE ACQUE

Theodor_Kittelsen_-_Nøkken_som_hvit_hestNel tempo del mito era convinzione che esistesse una certa simmetria tra le creature terrestri e quelle delle acque, così uomini e donne erano i tritoni e le sirene, mentre tra gli animali marini non mancava la figura del cavallo con la coda di pesce. Dorme negli stagni solitari o in mare, si mostra sulle rive dei fiumi e dei laghi, e benchè il suo regno sia quello acquatico, il kelpie può assumere le sembianze di un bellissimo cavallo (a volte dal manto candido a volte dal manto nero) ma anche di bel ragazzo o d’amabile fanciulla.

un Kelpie in sembianze di fanciulla

AMANTI FATATI

Essendo una creatura solitaria, il Kelpie  è spesso in cerca di un compagno/compagna e viene descritto come un “leannan-sith” ovvero una “fata-amante”. Mary Mackellar nel suo saggio ‘The Shieling: Its Traditions and Songs’ (Gaelic Society of Inverness 1889 qui) scrive delle molte seduzioni fatate ai pascoli estivi, quando i pastori portavano le pecore sugli altopiani, andando a vivere per tutta la stagione nelle isolate malghe (shielings) accanto a fiumi e laghetti. L’unico modo per distinguere i mutaforma quando prendevano le sembianze di un giovanetto o di una fanciulla era quella di pettinare i loro capelli: se sabbia e alghe restavano impigliate nel pettine si trattava di un kelpie!

IL KELPIE DI LOCH GARVE

In alcune leggende il kelpie è descritto come una cratura solitaria che per mettere su famiglia, rapisce una giovane donna, eppure è premuroso e gentile con lei, e pur tenendola prigioniera, cerca di confortarla. Questa viene dalla terra del Clan Mackenzie e riguarda il kelpie che abita nel Loch Garve (dalle parti di Inverness)

Nel libro “La Straniera” di Diana Gabaldon troviamo questa versione della leggenda del Kelpie. “A quanto potei capire, questi esseri abitavano in qualunque tipo di massa acquatica, ed erano particolarmente frequenti nei fiordi e nei canali, benché molti vivessero dentro agli abissi dei lochs. «C’è un punto, nell’estremità orientale di Loch Garve», disse, spostando lo sguardo tra i vari membri del gruppo per accertarsi che tutti lo stessero ascoltando, «che non gela mai. L’acqua lì è sempre nera, anche quando il resto del loch è tutto ghiacciato: si tratta infatti del comignolo del cavallo d’acqua.» Quello di Loch Garve, come molti altri della sua razza, aveva rapito una fanciulla che era venuta al loch ad attingere acqua, e se l’era portata con sé in fondo agli abissi perché gli facesse da moglie. Qualunque donna, o uomo se è per questo, provi il desiderio, dopo aver trovato un bel cavallo in riva al lago, di salirgli in groppa, andrà incontro a parecchi guai, perché una volta montato il cavaliere non potrà più scendere; a quel punto il cavallo si tufferà in acqua, si trasformerà in un pesce e nuoterà fino alla sua dimora con lo sventurato cavaliere saldamente attaccato al dorso. «Orbene, una volta sott’acqua il cavallo avrà solo denti da pesce», disse Rupert, ondulando il palmo per imitare il movimento delle pinne, «e si nutre di lumache, di alghe e di altri cibi freddi e bagnati. Ha il sangue gelido come l’acqua, e non gli serve nessun fuoco, mentre una donna umana ha bisogno di calore.» …«Dunque la moglie del cavallo d’acqua era triste e soffriva il freddo e la fame, nella sua nuova dimora subacquea, non piacendole granché le lumache e le alghe che lui le serviva per cena. Così il cavallo, essendo di buon cuore, si recò sulla riva del loch vicino alla casa di un uomo che aveva fama di essere un bravo capomastro. E, quando l’uomo scese giù al fiume e vide il bell’animale dorato con le briglie d’argento che risplendevano al sole, non poté resistere alla voglia di montargli in sella. «Naturalmente il cavallo si tuffa in acqua e lo porta fino alla sua dimora fredda e viscida negli abissi. A quel punto dice al capomastro che se vuol tornare in libertà dovrà costruire un bel caminetto, con tanto di comignolo, in modo che sua moglie possa avere un fuoco dove scaldarsi le mani e friggere il pesce.» «Così il capomastro, non avendo altra scelta, fece come gli era stato chiesto. E il cavallo mantenne la promessa: lo riportò sulla riva vicino a casa sua. Fu così che la moglie del cavallo d’acqua poté starsene al calduccio, tutta contenta, con grande abbondanza di pesce fritto per cena. Dunque l’acqua non gela mai, all’estremità orientale di Loch Garve, perché il calore del comignolo del cavallo d’acqua scioglie il ghiaccio. » (Pag.317)

Con il passar del tempo in Scozia il kelpie è diventato tuttavia un mostro delle acque come il famigerato Nessie del Loch Ness.

IL DEMONE ACQUATICO

Più spesso il Kelpie è considerata una creatura malvagia una sorta di demone che va a caccia di vittime da sedurre e far annegare (e divorare) negli abissi (un ricordo di antichi sacrifici agli spiriti delle acque?) Così la saggezza popolare raccomandava per prima cosa di non salire mai incautamente in groppa ad un cavallo solitario (perchè  una volta saliti su un kelpie non c’è più possibilità di scendere) e per seconda cosa se proprio ci siamo saliti e stiamo per finire trascinati nelle acque profonde, di cercare le briglie per domarlo (più facile a dirsi che a farsi naturalmente).

I FOLLETTI ACQUATICI

416px-Stromkarlen_1884
Nix del fiume

Il corrispettivo nel folklore germanico è il nix o nixie (a secondo se di sesso maschile o femminile) di cui il kelpie è una delle possibili incarnazioni: il nix si mostra nella forma di rana o rospo o di piccolo pesce o di uno strano pesce a forma umana. Volendo fare un distinguo fra Kelpie e Nix possiamo affermare che il primo preferisce attirare la vittima sotto forma di cavallo per farla salire in groppa e trasportarla negli abissi il secondo invece l’attira in forma umana con dolci melodie (sono sirene/ninfe dal bel canto o tritoni abili musicisti).

Liga Kļaviņa

MORAG E IL KELPIE

Ai pascoli estivi delle Highlands ancora si narra della bella Morag sedotta da un kelpie in forma umana; la fanciulla pur notando delle stranezze del marito non si accorse della sua vera natura, se non dopo la nascita del loro bambino e … se la diede a gambe abbandonando bambino in fasce e marito mutaforma!
E’ stato tramandato nell’isola di Skye  un canto in gaelico, una nenia malinconica con cui il kelpie cerca di far addormentare il bambino rimasto senza mamma, e nello stesso tempo una supplica verso Morag perchè ritorni da loro, sia lui che il bambino hanno bisogno di lei.
Con il titolo di “Cronan na Eich-mhara”, ‘Oran-tàlaidh an eich-uisge’ oppure ‘Oran each-uisge’ la “Ninna nanna del kelpie” è riportata anche nel libro di Marjory Kennedy-Fraser e Kenneth MacLeod “Songs of the Hebrides” 1909 (pag 94) sotto il nome di “The Skye Water Kelpie’s lullaby” (è una Cronan na Eich-mhara)
Anche Frances Tolmie (1840–1926), nata a Skye, fu una prolifica collezionista di canzoni delle Isole Ebridi, così un centinaio delle melodie vennero pubblicate dal Folk-Song Society (Journal of the Folk-Song Society, 16), materiale confluito nel libro di Ethel Bassin “The Old Songs of Skye: Frances Tolmie and her Circle”. 1997 che così scrive “In the Journal Miss Tolmie remarks that her pleasure in these old wive’s songs was considered very odd by her contemporaries, ‘for they were not deemed “poetry” or worthy of notice by song-collectors of that period’. Some of her elders, fortunately, were of her own way of thinking, notably her aunt, Mrs Hector Mackenzie (Annabella Tolmie)

Purtroppo le registrazioni sono pochissime

ASCOLTA Caera in Suantraighe, A Collection of Celtic Lullabies 2006. La melodia è tratta

GAELICO SCOZZESE
A Mhór a ghaoil! A Mhór a shògh!
Till gu d’mhacan is gheabh thu’m bradan breac o’n loch.
A Mhór a shògh! Tha’n oiche nochd
Gu fliuch frasach aig mo mhacsa ri sgath chnocain.
A Mhór a ghaoil! A Mhór a shògh!
Gun teine, gun tuar, gun fhasgadh, is tu sìor chòineadh.
A Mhór a ghaoil! A Mhór a shògh!
Mo sheana-chab liath ri do bheul beag baoth is mi seinn phort dhuit am Beinn Frochdaidh.

TRADUZIONE INGLESE
Mór (1), my love! Mór, my treasure!
Come back to your little son
and you will get a speckled trout from the lake.
Mór, my darling! Tonight the night
Is wetly showering my son on the shelter of a knoll.
Mór, my love! Mór, my treasure!
Lacking fire, lacking food, lacking shelter, and you continually lamenting (2).
Mór, my love! Mór, my darling!
My gray, old, toothless mouth to your silly little mouth, and me singing  (3) tunes by Ben Frochkie.
Traduzione italiano di Cattia Salto
Mór amore mio, Mór mia cara,
ritorna dal tuo piccolo bambino
e avrai una trota maculata
dal lago!
Mór mia cara, questa notte è umida
e piovosa per mio figlio
in una balma della collinetta,
Mór amore mio, Mór mia cara!
Lasciato senza fuoco, senza cibo e rifugio
ti lamenti senza sosta.
Mór amore mio, Mór mia cara!
La mia bocca grigia da vecchio sdentato alla tua sciocca bocca, e io che canto ninnananne
sul Monte Frochkie

NOTE
1) Mhórag o Mór è il nome della fanciulla amata dal kelpie è anche scritto A Mhór a ghaoil! A Mhór a shògh (Mhor mia, amore, mia gioia)
2) è il pianto incessante del bambino che ha freddo e fame, abbandonato dalla mamma umana. Anche se non esplicitato presumo che la madre abbia “esposto” il figlio, cioè l’abbia abbandonato all’aperto (senza cibo e al freddo) affinchè se ne prendessero cura le fate o il kelpie; la pratica era diffusa un tempo sia nei confronti degli illegittimi che dei neonati con evidenti deformazioni fisiche o dall’aspetto malato. vedi
3) il mutaforma vorrebbe ancora essere baciato dalla sua sposa e cantare per lei

Le melodie girano intorno ad una vecchia aria scozzese dal titolo “Crodh Chailein” (in inglese “Colin’s cattle) evidentemente considerata una melodia delle fate (qui)

Skye Water-Kelpie’s Lullaby

ASCOLTA la versione classica nell’arrangiamento di Marjory Kennedy-Fraser


Avore, my love, my joy
To thy baby come
And troutlings you’ll get out of the loch
Avore, my heart, the night is dark, wet and dreary.
Here’s your bairnie neath the rock
Avore, my love, my joy, wanting fire here,
wanting shelter, wanting comfort
our babe is crying by the loch
Avore, my bride? Avore, my heart
My gray old mouth touching thy sweet lips,
and me singing Old songs to thee, by Ben Frochkie
Traduzione italiano di Cattia Salto
Amore mio, mia gioia
vieni dal tuo bimbo, e le trote guizzeranno dal lago in abbondanza
Cuore mio, la notte è buia, umida e piovosa.
Ecco il tuo bambino nella balma
Suvvia, amore mio, mia gioia, c’è bisogno di fuoco qui,
bisogno di riparo e conforto
il nostro bambino sta piangendo accanto al  lago. Sposa mia, cuore mio!
La mia bocca grigia da vecchio sdentato che bacia le tue dolci labbra
e io che canto vecchie canzoni per te
sul Monte Frochkie

continua

FONTI
http://novelpointsofview.blogspot.it/2016/02/valentines-not-just-for-february_11.html
http://www.apjpublications.co.uk/skye/poetry/collect21.htm http://www.romanticamentefantasy.it/emozioni-in-tartan-leggenda-kelpie/ http://fairyroom.com/2013/03/bad-fairy-nixie/ http://www.lochiel.net/archives/arch116.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=4374 http://mudcat.org/detail_pf.cfm?messages__Message_ID=48242 http://www.kidssongsmp3.twinkletrax.com/kids-song.php?c=C02T12&kids-song=O,%20Can%20Ye%20Sew%20Cushions http://www.celticlyricscorner.net/stewart/orantalaidh.htm
http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Stromkarlen_1884.jpg

THE GABERLUNZIEMAN: QUANDO I RE GIRAVANO IN INCOGNITO

beggar
“The Beggar looking through his hat” attribuito a Jacques Bellange (1575-1616).

Una leggenda scozzese riporta l’abitudine di re Giacomo V di Scozia di travestirsi da mendicante (per andare in giro in mezzo al popolo a coglierne gli umori e a sedurre le belle ragazze di campagna). Era così consuetudine accogliere con premura ogni mendicante che bussasse alla porta come se si trattasse del re in persona!
La tradizione attribuisce la ballata allo stesso re Giacomo V (1512-1542), ai tempi non erano insoliti infatti i re che si dilettavano a comporre poesie e canzoni.
La prima apparizione in stampa è del 1724 (Tea-Table Miscellany), considerata dal professor Child  come una variante di “The Jolly Beggar” e classificata al numero 279 nel suo “English and Scottish Popular Ballads“. Con il titolo “Hi for the beggarman” “A beggarman cam ower the lea“, “A Beggar, A Beggar“, “The Auld Beggarman“, “The Beggarman”  oppure “The Gaberlunzie Man” la storia è sempre la stessa: il mendicante trova asilo per la notte in una fattoria, la bella figlia del fattore si lascia sedurre, i due spesso fuggono insieme.

THE JOLLY BEGGAR

La ballata è quasi scomparsa in Scozia, questa versione non ha il lieto fine, il mendicante ospitato in casa coglie i favori della figlia del contadino, ma non vuole prendersi le sue responsabilità, così continua a negare di avere nobili origini e viene buttato fuori casa dalla ragazza!
ASCOLTA Planxty live 1980 + The Wise Maid (anche All Around The World) un reel tradizionale irlandese


I
There was a jolly beggarman
Came tripping o’er the plain
He came unto a farmer’s door
A lodging for to gain
The farmer’s daughter she came down
And viewed him cheek and chin
She says “He is a handsome man
I pray you take him in”
CHORUS(1)

We’ll go no more a roving
A roving in the night
We’ll go no more a roving
Let the moon shine so bright
We’ll go no more a roving
II
He would not lie within the barn
Nor yet within the byre
But he would in the corner lie
Down by the kitchen fire
O then the beggar’s bed was made
Of good clean sheets and hay
And down beside the kitchen fire
The jolly beggar lay
III
The farmer’s daughter she got up
To bolt the kitchen door
And there she saw the beggar
Standing naked on the floor
He took the daughter in his arms
And to the bed he ran
“Kind sir, she says, be easy now
You’ll waken our goodman”
IV
“Now you are no beggar
You are some gentleman
For you have stolen my maidenhead
And I am quite undone”
“I am no lord, I am no squire
Of beggars I be one
And beggars they be robbers all
So you’re quite undone
V
She tok the bed in both her hands
And threw it at the wall
Says go you with beggar man
My maidenhead and all
traduzione italiano Cattia Salto
I
C’era un allegro mendicante
che andava in giro per la pianura,
e arrivò alla porta di un contadino
a chiedere un riparo per la notte.
La figlia del contadino scese
e lo guardò in volto
e disse “E’ un bell’uomo,
ti prego di farlo entrare”
CORO (1)
Non andremo più in giro
in giro per la notte.
Non andremo più in giro,
che la luna brilli pure luminosa,
ma non andremo più in giro!
II
Lui non voleva stare nel fienile
e nemmeno nella stalla
ma in un angolo
vicino al fuoco del camino.
Allora il letto per il mendicante fu preparato con lenzuola ben pulite e pagliericcio e accanto al fuoco della cucina l’allegro mendicante si mise
III
La figlia del contadino si alzò
per serrare la porta della cucina
e lì vide il mendicante
nudo sul pavimento,
lui prese la figlia tra le braccia
e andò di corsa a letto
“Gentil Signore – lei disse – fate il bravo ora, svelate la vostra buona nascita”
IV
“Non siete un mendicante,
voi siete un gentiluomo
poiché avete preso la mia verginità
e mi avete proprio rovinata”
“Non sono un Lord e nemmeno un cavaliere, sono uno dei mendicanti
e i mendicanti sono tutti ladri
così voi siete davvero rovinata”
V
Lei prese il letto con entrambe le mani
e lo gettò contro il muro
“Vattene con il mendicante,
e tutta la mia verginità!”

NOTE
1) le strofe hanno ispirato Lord Byron (1788-1824)
I
So, we’ll go no more a-roving
So late into the night,
Though the heart be still as loving,
And the moon be still as bright.
II
For the sword outwears its sheath,
And the soul wears out the breast,
And the heart must pause to breathe,
And love itself have rest.
III
Though the night was made for loving,
And the day returns too soon,
Yet we’ll go no more a-roving
By the light of the moon.

seconda parte continua

FONTI
http://ingeb.org/songs/oabeggar.html http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_279
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_280 http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/C279.html http://www.contemplator.com/child/gaberlunz.html http://mainlynorfolk.info/watersons/songs/thebeggarman.html http://www.educationscotland.gov.uk/scotlandssongs/secondary/genericcontent_tcm4554493.asp
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=1954
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=118078
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=54744 http://mainlynorfolk.info/folk/songs/thebeggarladdie.html http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=5884 http://www.bluegrassmessengers.com/280-the-beggar-laddie.aspx