Archivi tag: Paul Giovanni

Rattlin’ Bog: The Everlasting Circle

Leggi in italiano

Like the  hopscotch known by children of all continents, even the “song of the eternal cycle” is a drop of ancient wisdom that survived our day: as well as a mnemonic game it is also a tongue twister that becomes increasingly difficult with increasing speed .

Some say it’s Irish, some it’s an Irish melody about a Scottish text, (or vice versa), others say it’s from the South of England or Wales, or from Breton origins, doesn’ t matter, more likely it is a collective nursery rhyme and archetypal of those that are found in the various European countries, coming from an ancient prayer-song, perhaps from the spring ritual celebrations , or how much it has survived of the ancient teaching, for metaphors, of the cycle life-death-life.

albero celtaTREE OF LIFE

One can not but think of the cosmic tree as an universal symbol, that is, the absolute starting point of life. In symbolic language, this point is the navel of the world, the beginning and end of all things, but it is often imagined as a vertical axis that, located at the center of the universe, crosses the sky, the earth and the underworld.

Greta Fogliani in her “Alla radice dell’albero cosmico” writes “In itself, the tree is not really a cosmological theme, because it is first and foremost a natural element that, by its attributes, has assumed a symbolic function. The tree always regenerates with the passing of the seasons: it loses its leaves, it is dry, it seems to die, but then each time it is reborn and recovers its splendor.
Because of these characteristics, it becomes not only a sacred element, but also a microcosm, because in its process of evolution it represents and repeats the creation of the universe. Moreover, because of its extension both downwards and upwards, this element inevitably ended up assuming a cosmological value, becoming the pivot of the universe that crosses the sky, the earth and the afterlife and acts as a link between the cosmic areas.

Gustav Klimt: Tree of life, 1905

From the many variations while maintaining the same structure, the melodies vary depending on the origin, a polka in Ireland, a strathspey in Scotland and a morris dance in England .. The Irish could not transform it into a drinking song as a game-pretext for abundant drink (whoever mistakes drinks).
In short, everyone has added us of his.

RATTLIN’ BOG

“STANDARD” MELODY: it is the Irish one that is a more or less fast polka.

The Corries (very communicative with the public).

Irish Descendants

The Fenians

Rula Bula

THE RATTLIN BOG
Oh ho the rattlin'(1) bog,
the bog down in the valley-o;
Rare bog, the rattlin’ bog,
the bog down in the valley-o.
I
Well, in the bog there was a hole,
a rare hole, a rattlin’ hole,
Hole in the bog,
and the bog down in the valley-o.
II
Well, in the hole there was a tree,
a rare tree, a rattlin’ tree,
Tree in the hole, and the hole in the bog/and the bog down in the valley-o.
III
On the tree … a branch,
On that branch… a twig (2)
On that twig… a nest
In that nest… an egg
In that egg… a bird
On that bird… a feather
On that feather… a worm!(3)
On the worm … a hair
On the hair … a louse
On the louse … a tick
On the tick … a rash

NOTES
1) rattling = “fine”
2)  Irish Descendants  say “limb”
3) in the version circulating in Dublin (although not unique, for example it is also found in Cornwall) it becomes a flea

PREN AR Y BRYN

The Welsh version has two associative paths with the tree, one is the cosmic tree, the tree of life: the tree that stands on the hill that is in the valley next to the sea. So says the refrain, while the second chain starts from the tree and goes to the branch, the nest, the egg, the bird with feathers, and the bed. And here it stops sometimes adding a flea and then going back to the tree.

The less childish versions of the song once arrived at the bed continue with much more carnal conclusion (the woman and the man and then the child who grows and becomes an adult and from the arm to his hand plants the seed, from which grows the tree) . A funny way to teach the words of things to children, but also a message that everything is interconnected and we are part of the whole.

Heather Jones ♪

PREN AR Y BRYN
I
Ar y bryn roedd pren,
o bren braf
Y pren ar y bryn a’r bryn
A’r bryn ar y ddaear
A’r ddaear ar ddim
Ffeind a braf oedd y bryn
Lle tyfodd y pren.
II
Ar y pren daeth cainc,
o gainc braf
III
Ar y gainc daeth nyth
o nyth braf
IV
Yn y nyth daeth wy
o  wy  braf
V
Yn yr wy daeth cyw
o cyw braf
VI
Ar y cyw daeth plu
o plu braf
VII
O’r plu daeth gwely
o gwely braf
VIII
I’r gwely daeth chwannen…
English translation
I
What a grand old tree,
Oh fine tree.
The tree on the hill,
the hill in the valley,
The valley by the sea.
Fine and fair was the hill
where the old tree grew.
II
From the tree came a bough,
Oh fine bough !
III
On the bough came a nest,
Oh fine nest !
IV
From the nest came an egg,
Oh fine egg !
V
From the egg came a bird,
Oh fine bird !
VI
On the bird came feathers,
Oh fine feathers !
VII
From the feathers came a bed,
Oh fine bed !
VIII
From the bed came a flea ..

MAYPOLE SONG

Paul Giovanni in Wicker Man

MAYPOLE SONG
In the woods there grew a tree
And a fine fine tree was he
And on that tree there was a limb
And on that limb there was a branch
And on that branch there was a nest
And in that nest there was an egg
And in that egg there was a bird
And from that bird a feather came
And of that feather was
A bed
And on that bed there was a girl
And on that girl there was a man
And from that man there was a seed
And from that seed there was a boy
And from that boy there was a man
And for that man there was a grave
From that grave there grew
A tree
In the Summerisle(1),
Summerisle, Summerisle, Summerisle wood
Summerisle wood.

NOTES
1) Summerisle is the imaginary island where the film takes place

IN MES’ AL PRÀ

It is the Italian regional version also collected by Alan Lomax in his tour of Italy in 1954. Of Italian origin Lomax are the Lomazzi emigrated to America in the nineteenth century.
In July 1954 Alan arrives in Italy with the intent of fixing on magnetic tape the extraordinary variety of music of the Italian popular tradition. A journey of discovery, from the north to the south of the peninsula, alongside the great Italian colleague Diego Carpitella who produced over two thousand records in about six months of field work.

240px-Amselnest_lokilechIn this version from the tree we pass from the branches to the nest and the egg and then to the little bird. The context is fresh, very springly.. to explain the origin of life and respond to the first curiosity of children about sex ..
The song ended up in the repertoire of the scouts and in the songs of the oratory and young Catholic gatherings, but also among the songs of the summer-centers and kindergartens.

IN MES AL PRÀ
In mes al prà induina cusa ghʼera
ghʼera lʼalbero, lʼalbero in  mes al prà,
il prà intorno a lʼalbero
e lʼalbero piantato in mes al prà
A tac a lʼalbero induina cusa ghʼera,
ghʼera i broc(1),  i broc a tac a lʼalbero
e lʼalbero  piantato in mes al prà
A tac ai broc induina cusa ghʼera,
ghʼera i ram, i ram a tac ai broc,
i broc a tac a lʼalbero e lʼalbero piantato in mes al prà.
A tac ai ram induina cusa ghʼera,
ghʼera le   foie, le foie a tac ai ram,
i ram a tac ai broc, i broc a tac a lʼalbero e lʼalbero   piantato in mes al prà.
In mes a le foie induina cusa ghʼera,
ghʼeraʼl gnal, il   gnal in mes a le foie,
le foie a tac ai ram, i ram a tac ai broc,
i broc a tac a lʼalbero e lʼalbero   piantato in mes al prà.
Dentrʼindal gnal induina cusa ghʼera,
ghʼera gli   uvin, gli uvin dentrʼindal gnal,
il gnal in mes a le foie, le foie a tac ai ram,
i ram a tac ai broc, i broc a tac a lʼalbero e lʼalbero   piantato in mes al prà.
Dentrʼagli uvin induina cusa ghʼera,
ghʼera gli   uslin, gli uslin dentrʼagli uvin,
gli uvin dentrʼindal gnal,
il gnal in mes a le foie,
e foie a tac ai ram,
i ram a tac ai broc,
i broc a tac a lʼalbero
e lʼalbero piantato  in mes al prà.
English translation Cattia Salto
In the middle of the lawn, guess what was there, there was the tree, the tree in the middle of the lawn, the lawn around the tree and the tree planted in the middle of the lawn.
Attached to the tree guess what was there,  there were the branches, the branches attached to the tree, and the tree planted in the middle of the lawn
Attached to the branches guess what was there, there were the twigs, the twigs attached to the branches, the branches attached to the tree
and the tree planted in the middle of the lawn.
Attached to the twigs, guess what was there, there were the leaves, the leaves attached to the twigs, the twigs attached to the branches,
the branches attached to the tree
and the tree planted in the middle of the lawn.
In the middle of the leaves, guess what was there, there was the nest, the nest in the middle of the leaves,
the leaves attached to the twigs, the twigs attached to the branches, the branches attached to the tree, and the tree planted in the middle of the lawn.
Inside the nest, guess what it was,
there were the eggs, the eggs inside the nest,
the nest in the middle of the leaves, the leaves attached to the twigs, the twigs attached to the branches, the branches attached to the tree
and the tree planted in the middle of the lawn.
In the eggs, guess what was there
there were the little birds, the little birds inside the little eggs, the little eggs inside the nest,
the nest in the middle of the leaves,
the leaves attached to the twigs,
the twigs attached to the branches,
the branches attached to the tree
and the tree planted in the middle of the lawn

NOTES
1) “brocco” is an archaic term for the large branches dividing from the central trunk of the tree!

THE GREEN GRASS GROWS ALL AROUND

“The tree in the wood”, there is a womb, a resting place in that “and the green grass grows all around” ..

Luis Jordan

a children version

THE GREEN GRASS GROWS ALL AROUND
There was a tree
All in the woods
The prettiest tree
That you ever did see
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And on that tree
There was a branch
The prettiest branch
That you ever did see
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And on that branch
There was a nest
The prettiest nest
That you ever did see
And the nest on the branch
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And in that nest
There was an egg
The prettiest egg
That you ever did see
And the egg in the nest
And the nest on the branch
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And in that egg
There was a bird
The prettiest bird
That you ever did see
And the bird in the egg
And the egg in the nest
And the nest on the branch
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And on that bird
There was a wing
The prettiest wing
That you ever did see
And the wing on the bird
And the bird in the egg
And the egg in the nest
And the nest on the branch
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.

LINK
http://www.instoria.it/home/albero_cosmico.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/27/bog.htm
http://thesession.org/tunes/583
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/610.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=57991
http://www.anpi.it/media/uploads/patria/2009/2/39-40_LEO_SETTIMELLI.pdf

WILLOW’S SONG

Ancora una canzone tratta dal cult- film “The Wicher Man” del 1973 (dal romanzo Ritual di David Pinner – 1967). Willow’s Song è il canto di sirena di Willow (l’attrice Britt Ekland) la procace figlia del locandiere dell’isola di Summerisle (una isoletta immaginaria da qualche parte al largo della costa scozzese..) nella scena della seduzione. Il titolo alternativo è anche “The Siren Song” o “Willow’s Theme”.

willow-wicker man

LA SCENA DELLA SEDUZIONE
Il sergente di polizia Howie atterra sull’isola di Summerisle per indagare sulla scomparsa di una dodicenne, Rowan Morrison. Gli abitanti non lo accolgono affatto cordialmente, e ostacolano le sue indagini, negando addirittura l’esistenza della ragazza. Scende la notte e il sergente è costretto a prendere in affitto una stanza in una locanda. Arrivato lì, il padrone gli presenta sua figlia, la giovane e avvenente Willow, e subito gli altri clienti iniziano ad intonare un motivetto, con espliciti riferimenti all’atto sessuale, e tutti ridono e sghignazzano su di lui. Howie, religiosissimo, è talmente infastidito da tutto ciò, che esce a fare una passeggiata, ma fuori dal locale assiste a delle scene di sesso libero, addirittura in pubblico, così, sconvolto, torna subito indietro e va nella sua stanza. Mentre prega, si accorge che Willow, nella stanza accanto, canta e balla nuda, chiamandolo e invitandolo a passare la notte con lei. Il poliziotto si rifiuta di concedersi ed il mattino seguente, alla richiesta di spiegazioni da parte di lei, egli risponde che, per rispetto della religione, è ancora vergine ed intende rimanerlo fino al matrimonio. (trama tratta da qui)

Così dichiarò il regista: “Tutte le cerimonie e i dettagli che mostriamo nel film sono o erano diffusi in Inghilterra e in Europa Occidentale: quello che noi abbiamo fatto è stato riunirli tutti insieme in uno stesso posto e in uno stesso momento.”

Il brano è stato scritto da Paul Giovanni e solo un paio di frasi sono “citazioni” di versi elisabettiani: “The idea for the song was completely original with me—there was no indication of what it was to be in the script except a couple of lines of absolute filth,” sourced by screenwriter Anthony Shaffer from various anthologies of lyrics that would be appropriate to spring pagan festivals. The main thing is in the rhythm, and we used all of the old twangy instruments in there“.

In effetti un punto di forza del film risiede proprio nella colonna sonora, basata sulle canzoni popolari, che se voliamo etichettare possiamo definire folk-rock.

La sessualità contenuta nella canzone, ed esplicitata in una scena ebbe parecchi problemi con la censura, era una sessualità libera che si rispecchiava nella recente rivoluzione sessuale degli anni 60-70.
Il canto è da intendersi come una sorta di prova, se Howie non avesse preservato la sua verginità, probabilmente non sarebbe stato sacrificato.

La scena passata al vaglio della censura

VIDEO la scena integrale

Watch Willow’s Song in Music  |  View More Free Videos Online at Veoh.com

ASCOLTA la versione di Paul Giovanni in The Wicker Man OST


I
Heigh ho! Who is there?
No one but me, my dear.
Please come
say, How do?
The things I’ll give (show) to you.
By a stroke as gentle as a feather
I’ll catch a rainbow from the sky
And tie the ends together.
II
Heigh ho! I am here
Am I not young and fair?
Please come
say, How do?
The things I’ll show to you.
Would you have a wondrous sight
The midday sun at midnight(1)
III
Fair maid, white and red(2)
Comb you smooth(3) and stroke your head.
How a maid can milk a bull!(4)
And every stroke a bucketful.
TRADUZIONE ITALIANO
I
Hey ho! “Chi è?”
Sono solo io mio caro
Ti prego fatti avanti
dici “come faccio?”
Le cose che ti darò (mostrerò),
con un tocco gentile come una piuma
prenderò un arcobaleno dal cielo
e annoderò le code insieme
II
Hey ho! Sono qui
non sono giovane e bella?
Ti prego fatti avanti
dici “come faccio?”
Le cose che ti farò vedere,
avrai una magnifica visione:
il sole di mezzogiorno a mezzanotte.
III
Una bella fanciulla bianca e rossa
che ti pettina e liscia e ti tocca la testa.
Come può una fanciulla mungere un toro?
Ad ogni tocco un secchio pieno

NOTE
1) il sole di mezzanotte è visibile nelle solo nelle regioni polari: d’estate il sole non cala mai di notte e resta basso sull’orizzonte. L’effetto è quello del crepuscolo che copre il mondo di rosa, una luce morbida e magica.
Nelle leggende celtiche è descritta anche la luce del “trath-nona la leth an t-samhraidh‟ (il mezzogiorno del giorno di mezza estate). Non è luce del Sole né quella della Luna, né quella della stella guida (la stella cometa).
2) il verso è tratto dalla commedia The Old Wives’ Tale di George Peele (1595) Gently Dip but not too deep
3) le sirene sono ritratte mentre si pettinano i lunghi e folti capelli
4) dalla drinking song “Martin Said To His Man” (in “Music from the time of Elizabeth I” Christopher Hogwood) ovviamente il verso venne tagliato nel film perchè troppo esplicito

n_rackham

La canzone ha conosciuto una discreta fortuna presso i gruppi musicali degli anni coevi all’uscita del film (1973), interpretata sia in chiave maschile che femminile. Ulteriori rivisitazioni negli anni 2000 e fino ai nostri giorni (Faith & The Muse, Sneaker Pimps..)

ASCOLTA The Mock Turtles in Wicker Man 1989 (singolo) e Turtle Soup 1991

ASCOLTA Doves “The Last Broadcast” 2002

ASCOLTA Isobel Campbell 2006

ASCOLTA Angharad Brinn’& Robert Reed 2014

Tra i miei arrangiamenti preferiti:
Us and Them veramente inquietante e magica

una versione strumentale

FONTI
http://guide.supereva.it/musica_celtica_/interventi/2003/02/130069.shtml
https://ilgiornodeglizombi.wordpress.com/2013/01/08/1973-the-wicker-man/

GENTLY JOHNNY

Gently Johnny” è una ballata tradizionale inglese che descrive gli approcci sessuali di una coppia; è stata trascritta da Cecil Sharp nel 1907 in due versioni: in questa versione l’uomo parte dal basso (i piedi) per salire verso l’alto (la testa)
‘I put my hand all on her toe,
Fair maid is a lily O,
I put my hand all on her toe,
She says to me, “Do you want to go?”
Come to me quietly,
Do not do me injury,
Gently Johnny my jingalo.’
nell’altra dal titolo “Fair Maid of Wickham” manca invece il ritornello (vedi)
L’approccio sessuale così diretto è piuttosto insolito nella tradizione popolare che si esprime più spesso con eufemismi o sottintesi.

Paul Giovanni per il film “The Wicker Man, riprende le parole della prima versione con gli accordi riportati da Sharp, ma la rallenta un po’ dandole un tocco esoterico e malinconico.

“Greenwood Marriage” Ian Daniels

La scena nel film è ispirata al rito primaverile dei Greenwood Marriages, durante il quale le coppie si appartano nei boschi. (vedi)

ASCOLTA Paul Giovanni in The Wicker Man

ASCOLTA The Arkham Rebellion, 2012 un rifacimento della versione di Paul Giovanni

ASCOLTA Damien Youth

ASCOLTA Caroline Lavelle


I put my hand o-on her knee
And she says, “do you want to see?”
I put my hand o-on her breast
And she says, do you want a kiss?
I put my hand o-on her thigh
And she says, “do you want to try?”
I put my hand o-on her belly
And she says, “do you want to fill me?”
(Chorus)
Gently, gently,
Gently Johnny,
Gently Johnny,
My jingalo(1).
TRADUZIONE ITALIANO
Metto la mano sulle sue ginocchia
e lei dice “Vuoi vedere?”
Metto la mano sul suo seno
e lei dice “Vuoi un bacio?”
Metto la mano sulla sua coscia
e lei dice “Vuoi provare?”
Metto la mano sul suo ventre
e lei dice “Mi vuoi prendere?”

NOTE
1) jingalo forse da “zingaro” per gypsy; in alternativa ” Won’t you lie with me”

Nella versione integrale del film The Wicker Man 1973 vediamo Paul Giovanni e il suo gruppo i Magnet, mentre la suonano nel Pub del paese, alla figlia dell’oste Willow—l’ “Afrodite” della comunità — viene presentato un giovinetto perché venga iniziato al sesso nel mentre due lumache si accoppiano.

Lord Summerisle mormora, recitando Walt Whitman:


I think I could turn
and live with animals.
They are so placid
and self-contained.
They do not lie awake in the dark
and weep for their sins.
They do not make me sick
discussing their duty to God.
Not one of them kneels to another
or to his own kind
that lived thousands of years ago.
Not one of them is… respectable
– or unhappy
all over the earth.
TRADUZIONE ITALIANO
Credo che potrei andarmene
a vivere con gli animali.
Sono così placidi
e contenti.
Non restano svegli nel buio
a piangere per i loro peccati.
Non mi fanno venire la nausea
per discutere dei loro doveri verso Dio.
Nessuno s’inginocchia ad altri
nè ad un suo simile
vissuto migliaia di anni fa.
Nessuno di loro è .. rispettabile
– o infelice
sopra l’intero mondo.

Il canto in versione integrale dice: VIVERE CON GLI ANIMALI
Credo che potrei vivere con gli animali, sono così placidi e pieni di decoro.
Rimango ad osservarli per ore e ore.
Non si affannano e non si lamentano della loro condizione,
Non stanno svegli nel buio piangendo per i loro peccati,
Non m’infastidiscono discutendo dei loro doveri verso Dio,
Nessuno è insoddisfatto, nessuno impazzisce per la mania di possedere cose,(1)
Nessuno s’inginocchia davanti all’altro, o a un suo simile(2) vissuto migliaia di anni fa,
Nessuno è rispettabile o infelice su tutta la terra.
Così mi palesano i loro rapporti con me e io li accetto,
Portano segni di me, e chiaramente ne dimostrano il possesso(3).
Mi chiedo dove presero quei segni,
Ho forse percorso quella strada tanto tempo fa e li ho lasciati sbadatamente cadere?
(Walt Whitman, da Canto di me stesso, in Foglie d’erba)

NOTE
1) ovviamente non si riferisce alla lotta per la sopravvivenza ma alla lotta per il possesso, l’accumulo di beni e ricchezze, che sembra invece contraddistinguere il genere umano. Diciamo che a Whitman non interessa l’approccio scientifico -etologico – sul comportamento animale
2) Gesù Cristo
3) Molti ricercatori del nostro secolo, specialmente biologi dell’evoluzione, non vedono più un’enorme differenza tra le capacità cognitive dell’uomo e quelle degli animali: i cervelli di molti animali hanno qualità e abilità simili proprio perché svolgono gli stessi compiti e hanno antenati comuni. Ai tempi di Whitman  gli intellettuali e i salotti si infervoravano sui discorsi del “buon selvaggio” di Rousseau “ogni animale ha idee, in quanto possiede dei sensi” e “l’uomo differisce dalle bestie soltanto di grado.”
Rousseau imparenta gli animali all’uomo per quanto riguarda il pensiero mettendo però l’uomo ad un livello più elevato.
Whitman invece ritiene gli animali superiori agli uomini. L’uomo gerarchicamente inferiore all’animale è costretto quindi a rivedere tutte le sue gerarchie o priorità: dove stanno le differenze, le diseguaglianze?

FONTI
http://noisey.vice.com/it/blog/colonne-sonore-bellissime-the-wicker-man
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/847.html
http://www.mustrad.org.uk/articles/dung14.htm
http://www.traditionalmusic.co.uk/bawdy-songs/003807.HTM
http://www.nilalienum.it/Sezioni/Bibliografia/Filosofia/RoussDOD.html
http://www.aforismario.net/2015/03/frasi-animali.html
http://phil8nieri.tumblr.com/post/115751158359/animalit%C3%A0-in-david-hume-e-jean-jacques-rousseau

LA MUSICA DEI CELTI INTORNO AI FUOCHI DI BELTANE

LA MUSICA DEGLI DEI

I festeggiamenti intorno al fuoco di Beltane avevano caratteristiche rituali comunitarie a sfondo orgiastico e il parallelo corre ai riti dionisiaci cadenzati da aulos doppi e tamburi. vedigreci

ASCOLTA Synaulia

ASCOLTA Wardruna  (per il versante germano-scandinavo)

8cac350d21a4583719eeb3b62bdd244b

FIRE LEAP

Dal film-cult The Wicker man (1973): il canto-danza è una sorta di lezione-studio di partenogenesi in cui delle giovani fanciulle per essere rese fertili dal Fuoco, saltano sulla fiamma .

dal film The Wicker Man Lezione di partenogenesi

Lord Summerisle: Well I’m confident your suspicions are wrong, Sergeant. We don’t commit murder here. We’re a deeply religious people.
Sergeant Howie: Religious? With ruined churches, no ministers, no priests… and children dancing naked!
Lord Summerisle: They do love their divinity lessons.
Sergeant Howie: [outraged] But they are… are *naked*!
Lord Summerisle: Naturally! It’s much too dangerous to jump through the fire with your clothes on!
Sergeant Howie: What religion can they possibly be learning jumping over bonfires?
Lord Summerisle: Parthenogenesis.
Sergeant Howie: What?
Lord Summerisle: Literally, as Miss Rose would doubtless say in her assiduous way, reproduction without sexual union.
Sergeant Howie: Oh, what is all this? I mean, you’ve got fake biology, fake religion… Sir, have these children never heard of Jesus?
Lord Summerisle: Himself the son of a virgin, impregnated, I believe, by a ghost…
Sergeant Howie: And what of the TRUE God? Whose glory, churches and monasteries have been built on these islands for generations past? Now sir, what of him?
Lord Summerisle: He’s dead. Can’t complain, had his chance and in modern parlance, blew it.

ASCOLTA Per “Fire Leap” ovvero “Take the flame within you” Paul Giovanni ha composto una melodia medioevale, di flauti e zufoli, cadenzata ma non frenetica, non proprio una musica dionisiaca.
Secondo la versione ufficiale la maggior parte dei testi scritti per l’occasione provengono dalle raccolte di musica tradizionale di Cecil Sharpe, e riscritti dallo sceneggiatore Anthony Shaffer (ma al momento per questo canto in particolare non ho ancora trovato riscontro)


I
Take the flame inside you
Burn and burn below
Fire seed and fire feed
To make the baby grow
II
Take the flame inside you
Burn and burn belay(1)
Fire seed and fire feed
To make the baby stay
III
Take the flame inside you
Burn and burn belong
Fire seed and fire feed
And make the baby strong
IV
Take the flame inside you
Burn and burn belie(2)
Fire seed and fire feed
To make the baby cry(3)
V
Take the flame inside you
Burn and burn begin
Fire seed and fire feed
To make the baby King
TRADUZIONE ITALIANO
I
Prendi la fiamma dentro di te
brucia e brucia da sotto
il fuoco è seme e nutrimento
per far nascere il bambino
II
Prendi la fiamma dentro di te
brucia e brucia il legame
il fuoco è seme e nutrimento
per accogliere il bambino
III
Prendi la fiamma dentro di te
brucia e brucia da tanto
il fuoco è seme e nutrimento
per far diventare il bambino forte
IV
Prendi la fiamma dentro di te
brucia e brucia le impurità
il fuoco è seme e nutrimento
per far piangere il bambino
V
Prendi la fiamma dentro di te
brucia e brucia dall’inizio
il fuoco è seme e nutrimento
per fare il bambino Re

NOTE
1) nelle strofe si ripetono parole assonanti composte con il verdo be: below, belay, belong, belie, begin che creano un’allitterazione
2) belie è una contrazione di belied, belying, io l’ho tradotto un po’ liberamente
3) credo si riferisca al vagito del bambino al momento della nascita

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/strumenti-antichi-celti.html
http://www.simonescuola.it/lebaccanti/strumenti_dionisiaci.html
http://powderroom.kinja.com/our-more-dreadful-sacrifice-an-appointment-with-the-w-1672309330

L’albero in mezzo al prato

Read the post in English

Come il gioco della campana conosciuto dai bambini di tutti i continenti, anche la “canzone del ciclo eterno” è una goccia di antica sapienza sopravvissuta ai nostri giorni: oltre che gioco mnemonico è anche scioglilingua che diventa sempre più difficile articolare all’aumentare della velocità.

Alcuni dicono sia irlandese, altri che sia una melodia irlandese su di un testo scozzese, (o viceversa), altri ancora dicono che sia del Sud dell’Inghilterra o del Galles, o di origini bretoni, ma la canzoncina è talmente popolare che a nessuno importa discutere sulla paternità delle origini. Più probabilmente è una filastrocca collettiva e archetipa di quelle che si ritrovano nei vari paesi europei, proveniente da una antichissima preghiera-canto, di quelle che si praticavano nelle celebrazioni rituali primaverili, ovvero quanto è sopravvissuto dell’insegnamento antico, per metafore, del ciclo vita-morte-vita.

albero celtaL’ALBERO COSMICO

Non si può non pensare all’albero cosmico come simbolo universale, ossia il punto di inizio assoluto della vita. Nel linguaggio simbolico, questo punto è l’ombelico del mondo, inizio e fine di tutte le cose, ma viene spesso immaginato come un asse verticale che, situato al centro dell’universo, attraversa il cielo, la terra e il mondo sotterraneo.

Come sintetizza con chiarezza Greta Fogliani nel suo “Alle radici dell’Albero cosmico” “Di per sé, l’albero non è propriamente un motivo cosmologico, perché è innanzi tutto un elemento naturale che, per i suoi attributi, ha assunto una funzione simbolica. L’albero, in quanto tale, si rigenera sempre con il passare delle stagioni: perde le foglie, secca, sembra morire, ma poi ogni volta rinasce e recupera il suo splendore.
Per queste sue caratteristiche, esso diventa non solo un elemento sacro, ma addirittura un microcosmo, perché nel suo processo di evoluzione rappresenta e ripete la creazione dell’universo. Inoltre, proprio per la sua estensione sia verso il basso sia verso l’alto, questo elemento ha finito inevitabilmente per assumere una valenza cosmologica, andando a costituire il perno dell’universo che attraversa cielo, terra e oltretomba e che funge da collegamento tra le zone cosmiche.”

Gustav Klimt: L’albero della vita, 1905

Dalle molteplici declinazioni pur mantenendo la stessa struttura, le melodie variano a seconda della provenienza, una polka in Irlanda, una strathspey in Scozia e una morris dance in Inghilterra.. Gli irlandesi non potevano non trasformarla in una drinking song come gioco-pretesto per abbondanti bevute (chi sbaglia beve).
Insomma paese che vai verso che trovi, ognuno ci ha aggiunto del suo.

RATTLIN’ BOG

MELODIA “STANDARD”: è quella irlandese che è una polka più o meno veloce

The Corries (molto comunicativi con il pubblico)

Irish Descendants

The Fenians

Rula Bula sempre più demenziale


CHORUS
Oh ho the rattlin'(1) bog,
the bog down in the valley-o;
Rare bog, the rattlin’ bog,
the bog down in the valley-o.
I
Well, in the bog there was a hole,
a rare hole, a rattlin’ hole,
Hole in the bog,
and the bog down in the valley-o.
II
Well, in the hole there was a tree,
a rare tree, a rattlin’ tree,
Tree in the hole, and the hole in the bog/and the bog down in the valley-o.
III
On the tree … a branch,
On that branch… a twig (2)
On that twig… a nest
In that nest… an egg
In that egg… a bird
On that bird… a feather
On that feather… a worm!(3)
On the worm … a hair
On the hair … a louse
On the louse … a tick
On the tick … a rash
Traduzione italiana Cattia Salto
Coro
Buona palude,
la palude giù nella valle
speciale palude, la bella palude,
la palude giù nella valle
I
Nella palude c’è un buco
un buco speciale, un bel buco
il buco nella palude
e la palude giù nella valle
II
Nel buco c’è un albero
un albero speciale, un bell’albero,
l’albero nel buco, e il buco nella palude
e la palude giù nella valle
III
sull’albero c’è un ramo
sul ramo un rametto
sul rametto c’è un nido
nel nido c’è un uovo
nell’uovo un uccello
sull’uccello una piuma
sulla piuma un verme
sul verme un capello
sul capello un pidocchio
sul pidocchio una zecca
sulla zecca un eczema

NOTE
1) rattling si traduce genericamente come “fine” cioè “molto buono/bello”
2)  gli Irish Descendants dicono “limb” con lo stesso significato d i ramo
3) nella versione che circola a Dublino (anche se non unica, ad esempio si trova anche in Cornovaglia) diventa a flea (una pulce)

PREN AR Y BRYN

La versione gallese ha due percorsi associativi che hanno come centro l’albero, viene da pensare all’albero cosmico, l’albero della vita: l’albero che sta sulla collina che è nella valle accanto al mare. Così dice il refrain, mentre la seconda catena parte dall’albero e va al ramo, al nido, all’uovo, all’uccello alle piume, e al letto. E qui si ferma a volte aggiungendo una pulce per poi ritornare indietro all’albero.

Le versioni meno fanciullesche della canzone una volta arrivate al letto proseguono con considerazioni molto più carnali (la donna e l’uomo e poi il bambino che cresce e diventa adulto e dal braccio alla sua mano pianta il seme, dal quale cresce l’albero). Ancora viene in mente un modo divertente per insegnare le parole delle cose ai bambini, sempre però trasmettendo il messaggio che tutto è interconnesso e noi facciamo parte del tutto.

I
Ar y bryn roedd pren,
o bren braf
Y pren ar y bryn a’r bryn
A’r bryn ar y ddaear
A’r ddaear ar ddim
Ffeind a braf oedd y bryn
Lle tyfodd y pren.
II
Ar y pren daeth cainc, o gainc braf
III
Ar y gainc daeth nyth, o nyth braf
IV
Yn y nyth daeth wy, o  wy  braf
V
Yn yr wy daeth cyw, o cyw braf
VI
Ar y cyw daeth plu, o plu braf
VII
O’r plu daeth gwely, o gwely braf
VIII
I’r gwely daeth chwannen…
Traduzione inglese
I
What a grand old tree,
Oh fine tree.
The tree on the hill,
the hill in the valley,
The valley by the sea.
Fine and fair was the hill
where the old tree grew.
II
From the tree came a bough,
Oh fine bough !
III
On the bough came a nest,
Oh fine nest !
IV
From the nest came an egg,
Oh fine egg !
V
From the egg came a bird,
Oh fine bird !
VI
On the bird came feathers,
Oh fine feathers !
VII
From the feathers came a bed,
Oh fine bed !
VIII
From the bed came a flea
The flea from the bed,
The bed from the feathers,
the feathers on the bird,
The bird from the egg,
The egg from the nest,
The nest on the bough,
The bough on the tree,
The tree on the hill,
the hill in the valley,
And the valley by the sea.
Fine and fair was the hill
where the old tree grew.
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Che grande vecchio albero,
oh un bell’albero
l’albero sulla collina,
la collina nella valle,
la valle accanto al mare
buona e giusta era la collina
dove il vecchio albero cresceva
II
Dall’alvero venne un ramo
Oh bel ramo!
III
Dall’albero venne un nido,
Oh bel nido!
IV
Dal nido venneun uovo,
Oh bell’uovo!
V
Dall’uovo venne un uccello
Oh bell’uccello
VI
Dall’uovo vennero le piume;
oh belle piume
VII
dalle piume venne il letto
oh bel letto
VIII
Dal letto venne una pulce
una pulce dal letto
il letto dalle piume
le piume sull’uccello
l’uccello dall’uovo
l’uovo dal nido
il nido dal ramo
il ramo sull’albero
l’albero sulla collina
la collina nella valle
la valle accanto al mare
buona e giusta era la collina
dove il vecchio albero cresceva

MAYPOLE SONG

Paul Giovanni dal film Wicker Man


In the woods there grew a tree
And a fine fine tree was he
And on that tree there was a limb
And on that limb there was a branch
And on that branch there was a nest
And in that nest there was an egg
And in that egg there was a bird
And from that bird a feather came
And of that feather was
A bed
And on that bed there was a girl
And on that girl there was a man
And from that man there was a seed
And from that seed there was a boy
And from that boy there was a man
And for that man there was a grave
From that grave there grew
A tree
In the Summerisle(1),
Summerisle, Summerisle, Summerisle wood
Summerisle wood.
Traduzione italiana Cattia Salto
Nei boschi cresceva un albero
un bel bell’albero c’era
sull’abero c’era un ramo
e sul ramo c’era un rametto
sul rametto c’era un nido
nel nido c’era un uovo
nell’uovo un uccello
sull’uccello una piuma
e dalla piuma un
letto
sul letto c’era una ragazza
sulla ragazza c’era un uomo
e dall’uomo c’era un seme
e da quel seme c’era un ragazzo
e dal ragazzo c’era un uomo
e dall’uomo la tomba
dalla tomba cresceva
un albero
a Summerisle
Summerisle, Summerisle il bosco di Summerisle,
il bosco di Summerisle

NOTE
1) Summerisle è l’isola immaginaria dove si svolge il film

IN MES’ AL PRÀ

E’ la versione regionale italiana collezionata anche da Alan Lomax nel suo giro per l’Italia nel 1954. Di origine italiane Lomax era il nome dei Lomazzi emigrati in America nell’Ottocento.
Nel luglio del 1954 Alan arriva in Italia con l’intento di fissare su nastro magnetico la straordinaria varietà delle musiche della tradizione popolare italiana. Un viaggio di scoperta, dal nord al sud della penisola, a fianco del grande collega italiano Diego Carpitella che ha prodotto oltre duemila registrazioni in circa sei mesi di lavoro sul campo..

240px-Amselnest_lokilechIn questa versione dall’albero si passa dai rami al nido e all’uovo e quindi all’uccellino. Il contesto è fresco, molto primaverile e pasquale.. per spiegare l’origine della vita e rispondere alle prime curiosità dei bambini sul sesso..
La canzoncina è finita nel repertorio degli scouts e nelle canzoni da oratorio e raduni giovani cattolici, ma anche tra le canzoncine dei centri-estivi e scuole dell’infanzia.

Un video trovato in rete proveniente dalla tradizione lombardo-emiliana.


In mes al prà induina cusa ghʼera
In mes al prà induina cusa ghʼera
ghʼera lʼalbero, lʼalbero in   mes al prà,
il prà intorno a lʼalbero
e lʼalbero piantato in mes al prà
A tac a lʼalbero induina cusa ghʼera,
A tac a lʼalbero induina cusa ghʼera,
ghʼera i broc(1),  i broc a tac a lʼalbero
e lʼalbero  piantato in mes al prà
A tac ai broc induina cusa ghʼera,
a tac ai broc induina cusa ghʼera,
ghʼera i ram, i ram a tac ai broc,
i broc a tac a lʼalbero e lʼalbero piantato in mes al prà.
A tac ai ram induina cusa ghʼera,
a tac ai ram induina cusa ghʼera,
ghʼera le   foie, le foie a tac ai ram,
i ram a tac ai broc, i broc a tac a lʼalbero e lʼalbero   piantato in mes al prà.
In mes a le foie induina cusa ghʼera,
in mes a le foie induina cusa ghʼera,
ghʼeraʼl gnal, il   gnal in mes a le foie,
le foie a tac ai ram, i ram a tac ai broc,
i broc a tac a lʼalbero e lʼalbero   piantato in mes al prà.
Dentrʼindal gnal induina cusa ghʼera,
dentrʼindal gnal induina cusa ghʼera,
ghʼera gli   uvin, gli uvin dentrʼindal gnal,
il gnal in mes a le foie, le foie a tac ai ram,
i ram a tac ai broc, i broc a tac a lʼalbero e lʼalbero   piantato in mes al prà.
Dentrʼagli uvin induina cusa ghʼera,
dentrʼagli uvin induina cusa ghʼera,
ghʼera gli   uslin, gli uslin dentrʼagli uvin,
gli uvin dentrʼindal gnal,
il gnal in mes a le foie,
e foie a tac ai ram,
i ram a tac ai broc,
i broc a tac a lʼalbero
e lʼalbero piantato  in mes al prà.
Traduzione italiana Cattia Salto
In mezzo al prato indovina cosa c’era
In mezzo al prato indovina cosa c’era
cʼera lʼalbero, lʼalbero in mezzo al prato, il prato intorno allʼalbero
e l
ʼalbero piantato in mezzo al prato.
Attaccato allʼalbero indovina cosa cʼera, allʼalbero indovina cosa cʼera
cʼerano i brocchi, (1)i brocchi attaccati allʼalbero, e l’albero piantato in mezzo al prato
Attaccato ai brocchi indovina cosa c’era, cʼerano i rami, i rami attaccati ai  brocchi, i brocchi attaccati allʼalbero
e lʼalbero piantato in mezzo al prato.
Attaccato ai rami indovina cosa cʼera
cʼerano le foglie, le foglie attaccate ai rami, i rami attaccati ai brocchi,
i brocchi attaccati allʼalbero
e lʼalbero piantato in mezzo al prato.
In mezzo alle foglie indovina cosa cʼera
In mezzo alle foglie indovina cosa cʼera
cʼera il nido, il nido in mezzo alle  foglie,
le foglie attaccate ai rami, i rami attaccati ai brocchi, i brocchi attaccati allʼalbero, e lʼalbero piantato in mezzo al prato.
Dentro al nido indovina cosa cʼera,
cʼerano gli ovetti, gli ovetti dentro al nido,
il nido in mezzo alle foglie, le foglie attaccate ai rami, i rami attaccati ai brocchi, i brocchi attaccati allʼalbero
e lʼalbero piantato in mezzo al prato.
Dentro agli ovetti indovina cosa cʼera
Dentro agli ovetti indovina cosa cʼera
cʼerano gli uccellini, gli uccellini dentro agli ovetti, gli ovetti dentro a nido,
il nido in mezzo alle foglie,
le foglie attaccate ai rami,
i rami attaccati ai brocchi,
i brocchi attaccati allʼalbero
e lʼalbero piantato in mezzo al prato

NOTE
1) è l’equivalente italiano del branch inglese: anche se in disuso il termine italiano “brocco” indica un ramo irto di spine e quindi per estensione un troncone di ramo, insomma i grossi rami che si dipartono dal tronco centrale dell’albero!

THE GREEN GRASS GROWS ALL AROUND

Ovvero “The tree in the wood”, c’è un che di grembo, di riposo tombale in quel “e l’erba verde cresce tutt’intorno” ..

Luis Jordan

una versione per bambini


There was a tree
All in the woods
The prettiest tree
That you ever did see
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And on that tree
There was a branch
The prettiest branch
That you ever did see
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And on that branch
There was a nest
The prettiest nest
That you ever did see
And the nest on the branch
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And in that nest
There was an egg
The prettiest egg
That you ever did see
And the egg in the nest
And the nest on the branch
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And in that egg
There was a bird
The prettiest bird
That you ever did see
And the bird in the egg
And the egg in the nest
And the nest on the branch
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And on that bird
There was a wing
The prettiest wing
That you ever did see
And the wing on the bird
And the bird in the egg
And the egg in the nest
And the nest on the branch
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
Traduzione italiana Cattia Salto
C’era un albero
nei boschi
l’albero più grazioso
che si sia mai visto
e l’albero nella terra
e l’erba verde cresceva tutt’intorno
tutt’intorno
l’erba verde cresceva tutt’intorno.
E sull’albero
c’era un ramo
il ramo  più grazioso
che si sia mai visto
e il ramo sull’albero
e l’albero nella terra
e l’erba verde cresceva tutt’intorno
tutt’intorno
l’erba verde cresceva tutt’intorno.
E sul ramo
c’era un nido
il nido più grazioso
che si sia mai visto
e il nido sul ramo
e il ramo sull’albero
e l’albero nella terra
e l’erba verde cresceva tutt’intorno
tutt’intorno
l’erba verde cresceva tutt’intorno
E nel nido
c’era un uvoo
l’uovo  più grazioso
che si sia mai visto
e l’uovo nel nido
e il nido sul ramo
e il ramo sull’albero
e l’albero nella terra
e l’erba verde cresceva tutt’intorno
tutt’intorno
l’erba verde cresceva tutt’intorno
E nell’uovo
c’era un uccello
l’uccello più grazioso
che si sia mai visto
e l’uccello nell’uovo
e l’uovo nel nido
e il nido sul ramo
e il ramo sull’albero
e l’albero nella terra
e l’erba verde cresceva tutt’intorno
tutt’intorno
l’erba verde cresceva tutt’intorno
e sull’uccello
c’ara un ala
l’ala più graziosa
che si sia mai vista
e l’ala sull’uccello
l’uccello nell’uovo
e l’uovo nel nido
e il nido sul ramo
e il ramo sull’albero
e l’albero nella terra
e l’erba verde cresceva tutt’intorno
tutt’intorno
l’erba verde cresceva tutt’intorno.

FONTI
http://www.instoria.it/home/albero_cosmico.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/27/bog.htm
http://thesession.org/tunes/583
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/610.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=57991
http://www.anpi.it/media/uploads/patria/2009/2/39-40_LEO_SETTIMELLI.pdf

RIGS O’BARLEY

Questa canzone è stata scritta interamente da Robert Burns nel 1782 adattandola ad una vecchia aria scozzese da danza dal titolo “Corn Rigs are bonnie“. Pare fosse particolarmente cara al poeta: si racconta della notte d’amore con una bella fanciulla tra i covoni di grano, una magica notte di luna piena…

L’Annie della canzone è stata identificata in Anne Rankie, la più giovane figlia di un fittavolo, John Rankine di Adamhill, della fattoria che si trovava a poca distanza da quella dei Burns a Lochlea. Nel 1782, nel mese di settembre, la donna sposò un oste, John Merry di Cumnock, per cui alcuni dubitano che ad agosto si trovasse tra i covoni d’orzo con il bel Robert; altri però fanno notare che dopo 4 anni (e ancora una volta ad agosto) il poeta, trovatosi nei paraggi, alloggiasse proprio presso la locanda dei due! Possiamo quindi essere certi che Annie e Robert si fossero frequentati, tant’è  che Burns le regalò una ciocca di capelli e un suo ritratto, che lei conservò insieme alla canzone.
Molto cavallerescamente Burns tace però sull’identità della bella Annie.

William Adolphe Bouguereau 1865
William Adolphe Bouguereau 1865

LA NOTTE DI LAMMAS

rigsL’analisi del testo dipana la dinamica della relazione tra i due amanti (secondo il mio punto di vista): la notte di Lammas, come consuetudine della tradizione celtica, è la notte della vigilia del 1 agosto, giorno di festa per i contadini della Scozia, giorno di riposo e festa prima dell’inizio del raccolto.
Tra i giovani era consuetudine passare la notte nei campi di grano (o di orzo) ma il nostro Robert in un primo momento si tiene alla larga da tale usanza, la bella Annie è promessa ad un altro…
Tuttavia l’ardore giovanile alla fine vince e anche la fanciulla (senza neanche farsi pregare troppo, ci rivela il bardo) acconsente: i due si incontrano tra i campi d’orzo, al crepuscolo, in una calda sera d’estate con la luna piena a rischiarare la notte, e che “happy night”!
La strofa finale riprende un concetto caro al poeta: il tempo migliore è quello speso ad amare! E in quella magica notte sembra che il giovane Robert lo abbia fatto per tre volte!

Ossian in Seal Song 1981 con la melodia tradizionale Corn Rigs Are Bonnie, il video è molto ben fatto con il testo che scorre, filmati e foto d’epoca nonchè “ritratti” del bardo, tutto ben strutturato nell’evocazione per immagini del testo

ASCOLTA Paul Giovanni per il film The Wicker Man (in italiano Il prescelto) con un’altra melodia


I
It was upon a Lammas(1) night,
When the corn rigs(2) were bonnie,
Beneath the moon’s unclouded light,
I held awa’ to Annie;
The time flew by wi’ tentless heed,
‘Til ‘tween the late and early,
Wi’ small persuasion she agreed
To see me thro’ the barley.
chorus
Corn Rigs and barley rigs,
Corn rigs are bonny:
I’ll ne’eer forget that happy night,
Amang the rigs wi’ Annie.
II
The sky was blue (3), the wind was still,
The moon was shining clearly;
I set her down wi’ right good will,
Amang the rigs o’ barley:
I ken’t(4) her heart, was a’ my ain(5);
I loved her most sincerely;
I kissed her o’er and o’er again,
Amang the rigs o’ barley.
III
I locked her in my fond embrace;
Her heart was beatin’ rarely:
My blessing on that happy place,
Amang the rigs o’ barley!
But by the moon and stars so bright,
That shone that hour so clearly!
She aye shall bless that happy night
Amang the rigs of barley.
IV
I hae been blythe(6) wi’ comrades dear;
I hae been merry drinking;
I hae been joyful gath’rin’ gear(7);
I hae been happy thinking:
But a’ the pleasures e’er I saw,
Tho’ three times doubled fairly,
That happy night was worth them a’,
Amang the rigs wi’ Annie.
tradotto da Cattia Salto
I
Era la notte di Lammas(1)
quando le porche(2) del grano erano belle, sotto la piena luce della luna,
me ne andai da Annie;
il tempo scorreva senza pensieri
finchè da un momento all’altro,
senza farsi pregare troppo, acconsentì
a vedermi in mezzo all’orzo
RITORNELLO
Porche di grano e d’orzo,
le porche di grano sono belle:
mai dimenticherò quella notte felice
tra le porche con Annie
II
Il cielo era azzurro(3), il vento tranquillo,
chiara la luna splendeva;
la stesi di buona voglia
tra le porche dell’orzo:
sapevo che il suo cuore era tutto mio,
l’amai nel modo più sincero;
la baciai ancora e ancora di nuovo,
tra le porche dell’orzo
III
La imprigionai nel mio appassionato abbraccio, il cuore le batteva appena:
benedetto quel luogo propizio
in mezzo alle porche dell’orzo!
E anche la luna e le stelle così luminose
che in quell’ora brillavano così chiaramente!
Si, lei benedirà quella notte felice
in mezzo alle porche dell’orzo
IV
Sono stato bene con i miei cari amici,
sono stato a bere in allegria
e con gioia i soldi ho guadagnato
e sono stato felice a pensare:
ma tutti i piaceri che abbia mai provato,
sebbene raddoppiati tre volte,
quella notte allegra tutti li valeva
in mezzo alle porche con Annie

NOTE
1) Lammas è la festa del raccolto che si celebra il primo agosto le cui origini risalgono alla festa celtica di Lugnasad, una festa che segna l’inizio del primo raccolto (grano e orzo). Nella tradizione contadina scozzese è come il nostro giorno di San Martino, quando vengono pagati i terreni in affitto e si rinnovano i contratti. (vedi scheda)
2) Il termine Rigs si traduce in italiano con una desueta parola “porche” una tecnica colturale che prevedeva la lavorazione del terreno in lunghe e strette strisce di terra rialzate, ed era il sistema di drenaggio tradizionale del tempo: i campi si suddividevano in argini di terra rialzati, in modo che l’acqua in eccesso defluisse più in basso nei profondi solchi laterali. Queste cunette potevano arrivare fino al ginocchio e il lavoro di semina a mano era notevolmente facilitato. Se la lavorazione del terreno era fatta con l’aratro esisteva uno strumento particolare, il mugellese, che permetteva di lavorare i solchi tracciati con l’aratro  uno sì uno no, in modo da ricoprire i solchi non rilavorati e formare così porche e solchi di irrigazione. Le porche venivano poi sarchiate quando le piantine avevano raggiunto dimensione opportuna.
3) l’ora indicata è quella del crepuscolo
4) knew
5) own
6) joyous
7) earning money= guadagnare soldi

LA SCOTTISH COUNTRY DANCE

Il brano è più conosciuto con il titolo di Corn Rigs o Corn Rigs Are Bonnie ed è anche una danza, una scottish country dance (vedi scheda danza) presa dalle vecchie tradizioni o dalla vita quotidiana della società di una volta dedita alla pastorizia e all’agricoltura. Durante il raccolto era consuetudine danzare tra i covoni di grano, come mostrato in questo filmato d’epoca dalla Royal Scottish Country Dance Society.
VIDEO

e qui la melodia Mandosounds

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/lugnasad.html
https://giulsass.wordpress.com/istruzione/esperienza-antica/gest_terra_p_s/