Archivi tag: Orthodox Celts

WEILA WAILE OR “THE IRISH CRUEL MOTHER”

Cruel Mother” è il titolo di una murder ballad, una oscura ballata probabilmente proveniente dalla tradizione norrena, che Child raccoglie al numero 20. Si presume sia di origine scozzese, ma è diffusa ampiamente in Inghilterra e Irlanda e anche nelle Americhe in una grande varietà di testi e melodie. (vedi inizio qui)

LA VERSIONE IRLANDESE: WEILA WAILE

380x285-cz5t-500-x-500La ballata “The Cruel Mother” si è conservata e tramandata come Nursery Rhyme ben nota ai bambini irlandesi e di Liverpool e in particolare ai travellers con il titolo di “Weila Waile” o “The River Saile”.

La canzoncina è vista come una parodia e la donna che uccide il bambino con un coltello, non è più identificata come la madre bensì è una “old woman” che vive nel bosco. E’ l’uomo nero delle fiabe, la strega di Hansel e Gretel, l’orco che uccide i bambini “cattivi” per mangiarli. Ecco che la giustizia fa il suo corso e la donna viene catturata e fatta penzolare sulla forca.
Nella tradizione orale si tramanda la storia che la donna era disperata a causa della Grande carestia di metà ottocento e che piuttosto di vedere morire di stenti il figlio abbia preferito ucciderlo.

ASCOLTA The Clancy Brothers & Tommy Makem
There was an old woman who lived in the wood, Weela weela wallia(1);
There was an old woman who lived in the wood, Down by the river Sallia(2).

She had a baby six months old,
She had a penknife three foot long,
She stuck the knife in the baby’s head, The more she stabbed it, the more it bled.
Three big knocks came a-knocking at the door, Two policeman and a man,
“Are you the woman what killed the child?”
“I am the woman what killed the child.”
The rope got chucked and she got hung,
The moral of this story is, Don’t stick knives in baby’s heads

ASCOLTA Dubliners
ASCOLTA Orthodox Celts
ASCOLTA The Young Dubliners

There was an old woman and she lived in the woods, weile weile waile(1).
There was an old woman and she lived in the woods, down by the river Saile(2).

She had a baby three months old,
She had a penknife, long and sharp,
She stuck the penknife in the baby’s heart.
There were three loud knocks come a’knocking on the door,
There were two policemen and a Special Branch man(3),
They took her away and they put her in the jail,
They put a rope around her neck,
They pulled the rope and she got hung,.
And that was the end of the woman in the woods, And that was the end of the baby too.

NOTE
1) “Weile Weile waile” podrebbe derivare dall’inglese antico “wailowai”, “weilewei”, per indicare un’esclamazione di dolore
2) alcuni identificano il Saile con il fiume Poddle che in irlandese è detto Salach “sporco”; altri che sia il “Sawyer”; altri credono che la parola derivi da “sallow” nel significato di “willow”; altri ancora che sia un passaggio da “river-side, la” a “river sigh-la” e quindi “River Saile”
3) il verso in origine era “There were two policemen and a man” modificato dai Dubliner per indicare la polizia irlandese istituita nel 1922 come Gardaí (i guardiani della pace) in cui lo Special Branch era utilizzato per questioni di sicurezza nazionale

THE LADY DRESSED IN GREEN

Come ci racconta Al LLoyd “..folklorist saw the game being played in a Lancashire orphanage in 1915. The children called it The Lady Drest in Green. The song describes how the lady kills her baby with a pen-knife, tries to wash off the blood, goes home to lie down, is aroused by three “bobbies” at the door, who extract a confession from her and rush her off to prison, and “That was the end of Mrs. Green”. It is a ring game. Two children in the middle impersonate Mrs. Green and the baby, following the action of the song. The children in the ring dance round, singing the refrains, until the “bobbies” rush in and seize the mother, when the ring breaks up. In his “London Street Games” (1931 ed.), Norman Douglas prints a corrupt version current in East and South-East London during the First World War”.

ASCOLTA John Wesley Harding
There was a lady dressed in green, Fare a lair a lido
There was a lady dressed in green Down by the greenwood side

She had a baby in her arms
She had a penknife long and sharp
She stuck it in the baby’s heart
She went to the well to wash it off
The more she washed, the more it bled
There came a knocking on the door
There came three bobbies rushing in
They asked her what she did last night
She said I killed my only son

La versione diffusa a Liverpool e interpretata dagli Spinners si intitola “Old Mother Lee”: “The girls of Kirkdale, Liverpool, whose brothers at Major Street school gave this to [Spinner] Tony Davis, had certainly not heard of Professor Child. However, their skipping is unmistakeably based on the [‘Cruel Mother] ballad substituting the grim realities of ‘forty police’, ‘the magistrate’ and capital punishment for the ghostly children and the ‘fires of hell’ of the older form of the story”. (note in ‘The Spinners at the London Palladium’)

ASCOLTA OLD MOTHER LEE
There was an old woman called old Mother Lee
Old Mother Lee, old Mother Lee
There was an old woman called old Mother Lee
Down by the walnut tree(4)

She had a baby in her arms
She had a penknife long and sharp
She stabbed te baby through the heart
The next-door neighbours saw the blood
They rang up for the forty police
The forty police came running (skipping) out
They took her to the magistrate
The magistrate said she must die
They hung her to the walnut tree
And that was the end of old Mother Lee

NOTE
4) il noce è un tipico albero sotto cui le streghe si radunano per i loro sabba

ALL ROUND THE LONEY O

Per completezza si riporta anche questa versione “edulcorata” in cui la donna uccide il bambino e poi se stessa come se si trattasse di un gesto ineludibile (ad esempio per sottrarsi alle violenze della vile soldataglia o alla disperazione della Grande Carestia)

ASCOLTA Clancy Brothers
There were two sisters going to school All round the Loney O
They spied a woman at a pool Down by the greenwood sidey O

She held a baby on her knee
A cruel penknife they could see
She held the baby to her heart
She cried “My Dear, we both must part”
She held the baby to her breast
She said “my dear we’ll both find rest”
There is a river running deep
It’s there both baby and mother sleep

FONTI http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=6876

WHISKEY YOU’RE THE DIVIL

whisky-devilWhiskey You’re The Devil” è una drinking song resa popolare negli anni 50 dai Clancy Brothers: la canzone è accreditata a Jerry Barrington che l’ha pubblicata nel 1873 a New York. Molto probabilmente si tratta di una canzone che gli immigrati irlandesi e scozzesi hanno portato in America, forse dalle origini settecentesche.

VERSIONE DI JERRY BARRINGTON,
Arr. by R. Steirly. Published by E. H. Harding, 288 Bowery, NY 1873.

Now brave boys we’re on for marching off to Portigil [sic] and Spain, Drums are beating, colors flying, divil a home we’ll go again,
Love farewell.

Cho: With my Re arruh arrah, with my re arrul arrah,
My re arruh a raddy, Oh! There’s Whiskey in the jar.
Oh! Whiskey you’re the Divil, you’ve led me astray,
Over hills and over mountains, and out of the way,
You’re stronger, sweeter, decent, and spunk-er than tea,
Oh whiskey you’re my darling, drunk or sober.

Says the mother, do not wrong me, do not take my daughter from me, If you do I will torment you, and after death my ghost will haunt you,

Now the drums are beating boldly, men are dying hot and coldly,
Give ev’ry man his flask of powder, and his firelock on his shoulder,

Una precedente versione pubblicata a Filadelfia da A. Winch (scritta e cantata da Frank Drew) nel 1865 dal titolo “Whisky, You’re a Villyan” è quasi identica a questa tranne per la strofa II chiaramente proveniente da una precedente ballata sulla guerra.

VERSIONE DI FRANK DREW
Whisky you’re a villyan, you led me astray,
Over bogs, over briers, and out of my way,
You wrestled me a fall and you threw me today,
But I’ll toss you tomorrow, when I’m sober.
I
Still whisky you’re my comfort by night and by day,
You’re stronger and sweeter and spunkier than tay,
One naggin of spirits is worth tuns of bohay,
But above a pint I never could get over.
II
Sweet whisky, you’re a coaxer, I’d best keep away,
If your lips I once taste, sure its wid you I’d stay,
So I’ll make up my mind, and my mouth too, this day,
To drink no more whisky till I’m sober..
III
So goodbye whisky jewel, it’s the last word I’ll say,
Shake hands and part friends, now I’ll stick to bohay(1),
There’s a bade on your lip! Let me kiss it away-
Acushla, you’re my darling drunk or sober.

NOTA 1) Bohay = Bohea (Chinese black tea)

In effetti il testo sembra un frullato di canzoni sull’emigrazione, di bevute e di protesta (anti-war songs)

WHISKEY YOU’RE THE DIVIL

La canzone è stata divulgata dai Clancy Brothers e dai Dubliners, una versione alla Pougues l’ha fatta diventare una drinking song immancabile per i festeggiamenti di Saint Patrick!
James O’Neill ha registrato un’hornpipe dal titolo “Whiskey, You’re the Devil,” (ovvero la stessa melodia di “Off to California”)
ASCOLTA la melodia con la chitarra
ASCOLTA la melodia con il violino

ASCOLTA Clancy Brothers

ASCOLTA The Pogues

CHORUS
Whiskey, you’re the devil, you’re leadin’ me astray
Over hills and mountains and to Americae
You’re sweeter, stronger, decenter, you’re spunkier than tae
O whiskey, you’re my darlin’ drunk or sober
I
Oh, now, brave boys, we’re on the march and off to Portugal and Spain
The drums are beating, banners flying, the devil ahome will come tonight
Love, fare thee well, with me tithery eye the doodelum the da
Me tithery eye the doodelum the da, Me rikes fall tour a laddie oh
There’s whiskey in the jar. Hey!
II (1)
Said the mother: “Do not wrong me, don’t take my daughter from me
For if you do I will torment you, and after death a ghost will haunt you
Love, fare thee well, with me tithery eye the doodelum the da
Me tithery eye the doodelum the da, Me rikes fall tour a laddie oh
There’s whiskey in the jar. Hey!
III
The French are fighting boldly, men dying hot and coldly
Gives ev’ry man his flask of powder, his farlock on his shoulder
Love, fare thee well, with me tithery eye the doodelum the da
Me tithery eye the doodelum the da, Me rikes fall tour a laddie oh
There’s whiskey in the jar. Hey!
TRADUZIONE ITALIANO di   MARCO del Trio Binario
CORO
whiskey, tu sei il diavolo, mi stai portando alla deriva
per colli e monti e fino in America
sei piu’ dolce, piu’ forte, migliore, sei piu’ gagliardo del te’!
oh whiskey, sei il mio preferito, da ubriaco o sobrio.
I
Forza valorosi, siamo in marcia, andremo in Portogallo e Spagna
i tamburi rullano, sventolano i vessilli, stanotte il diavolo torna a casa
amore .. addio,
[Puirt à beul]
c’e’ whiskey nella boccia, hey!
II
La madre dice: non farmi torto, non portare via mia figlia
se lo farai ti tormentero’ e anche da morta il mio fantasma di perseguitera’
amore .. addio,
[Puirt à beul]
c’e’ whiskey nella boccia, hey!
III
I francesi combattono con valore, gli uomini muoiono a destre e a manca
ad ognuno la sua fiasca di polvere e il suo fardello da trasportare
amore .. addio,
[Puirt à beul]
c’e’ whiskey nella boccia, hey!

NOTE
1) questa strofa sembra essere presa pari pari da una ballata scritta su broadside dal titolo “John and Moll” (Bodleian Lybrary ballads 1790-1840)
O mother dear, I will not wrong you,
Neither take your daughter from you,
If I do, you shall torment me,
After death your ghost shall haunt me

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=105491
http://thesession.org/tunes/30
http://folksongcollector.com/whiskey.html

THE ROCKY ROAD TO DUBLIN

The Rocky Road to Dublin” è una canzone scritta da D. K. Gavan per Harry Clifton e comparsa in stampa nel 1841 (testo e melodia sono stampati nel “The Citizen – Dublin Monthly Magazine” di aprile): è la storia del viaggio accidentato di un giovane irlandese in cerca di lavoro, che dal paesello natale di Tuam (contea di Galway) emigra a Liverpool, passando per Dublino.

Ma a Mulligar (contea di Westmeath) a causa del suo abbigliamento antiquato, viene deriso dalle donne del posto, e a Dublino viene prima derubato e poi beffato per il suo pesante accento gaelico. Nel tragitto per mare è stivato insieme ai maiali e inoltre patisce il mal di mare al largo delle coste di Holyhead (Galles).
Finalmente arrivato a Liverpool, viene canzonato da un gruppetto di bulli locali, e per difendere la sua Irlandesità, benchè solo contro molti, inizia a menare botte con il suo bastone da passeggio: è subito soccorso da un gruppo di irlandesi della sua stessa contea, e così la canzone finisce, allegramente, in una colossale zuffa!

DAL CUORE AL SANGUE

Il climax della canzone viene sapientemente costruito: nella I strofa il cuore quasi gli si spezza per il dolore della separazione dalla sua famiglia, nella II strofa il cuore “sta per affogare” e “per andare in ebollizione” nella IV è il mare intorno a lui a ribollire e infine nella V strofa è la volta del suo sangue “ad andargli alla testa“: il finale, inevitabile sfogo di tanta pressione, è una virile scazzottata!!

KISS ME I AM IRISH

La storia ha un chiaro intento comico, e mette in burla il carattere tipicamente “irish” della gente di campagna, fu scritta infatti per intrattenere il pubblico londinese del Music hall e la stessa sgrammaticalità del testo è una cornice adeguata al contesto; l’irlandese è un gran bevitore (e ogni pretesto è buono per farsi un goccio), si crede un gran seduttore (e le ragazze sono tutte ai suoi piedi), è superstizioso e vede folletti dappertutto, amante della musica e del ballo, non si tira indietro quando è il momento di menare le mani!

LA MELODIA

postcards2496-crdLa melodia è una slip jig, di solito una musica strumentale da danza, insolitamente accelerata, che mette alla prova le qualità canore degli interpreti e la capienza dei loro polmoni, essendo le strofe particolarmente lunghe! Apprendiamo dalla poesia di Patrick J. McCall dal titolo “The Dance at Marley” datata 1861 che a Dublino e a quel tempo, “The Rocky Road” era una popolare barn dance  come questa “Road to Spencer”

Qualcuno ha notato la somiglianza con una melodia scozzese molto antica, ‘Cam Ye Ower Frae France’, ovvero ‘The Keys of the Cellar’.

Siccome è una canzone piena di testosterone è esclusivamente interpretata da voci maschili, non per niente è stata utilizzata nella scena del pugilato nel film “Sherlock Holmes” (il primo della serie uscito nel 2009).

ASCOLTA The Dubliners in The originals 2005 (in repertorio dal 1964)

ASCOLTA The High Kings live in “The High Kings” 2008

ASCOLTA Orthodox Celts da vedere per l’aplomb di Aleksandar “Celtic” Petrović, l’ottimo arrangiamento strumentale (Down the River) e il video!

ASCOLTA Gaelic Storm abbinata con un’altra slip jig dal titolo “Kid on the Mountain”

ASCOLTA Irish Descendants per aver integrato nella melodia una serie di jigs famose quali Morrison Jig (o Morning Dew) Irish Washerwoman, …

E’ stata fatta anche una versione in gaelico dal titolo “An Bairille
ASCOLTA Julie Fowlis and Muireann Nic AmhlaoibhTha ‘m Buntata Mor/An Bairille/Boc Liath Nan Gobhar

C’è una versione testuale del 1901 pubblicata a New York con un testo diverso dalla versione irlandese e con il ritornello che dice
For it is the rocky road, here’s the road to Dublin;
Here’s the rocky road, now fire away to Dublin!

Ma al momento non ho trovato un brano da ascoltare con questa versione.


I
In the merry month of May(1),
From my home I started,
Left the girls of Tuam,
Nearly broken hearted,
Saluted father dear,
Kissed my darlin’ mother,
Drank a pint of beer(2),
My grief and tears to smother,
Then off to reap the corn,
And leave where I was born,
I cut a stout blackthorn,
To banish ghost and goblin,
In a brand new pair of brogues,
I rattled o’er the bogs,
And frightened all the dogs,
On the rocky road to Dublin.
CHORUS
One, two, three, four five,
Hunt the hare and turn her
Down the rocky road
And all the ways to Dublin,
Whack-fol-lol-de-ra.
II
In Mullingar that night,
I rested limbs so weary,
Started by daylight,
Next mornin’ light and airy,
Took a drop of the pure(3),
To keep my heart from sinkin'(4),
That’s an Irishman’s cure(5),
Whene’er he’s on for drinking.
To see the lasses smile,
Laughing all the while,
At my curious style,
‘Twould set your heart a-bubblin’ (6).
They ax’d if I was hired,
The wages I required,
Till I was almost tired,
Of the rocky road to Dublin.
III
In Dublin next arrived,
I thought it such a pity,
To be so soon deprived,
A view of that fine city.
Then I took a stroll,
All among the quality,
My bundle it was stole,
In a neat locality;
Something crossed my mind,
Then I looked behind;
No bundle could I find,
Upon my stick a wobblin’.
Enquirin’ for the rogue,
They said my Connacht brogue(7),
Wasn’t much in vogue,
On the rocky road to Dublin.
IV
From there I got away,
My spirits never failin'(8)
Landed on the quay
As the ship was sailin’;
Captain at me roared,
Said that no room had he,
When I jumped aboard,
A cabin found for Paddy,
Down among the pigs
I played some funny rigs(9),
Danced some hearty jigs,
The water round me bubblin’,
When off Holyhead,
I wished myself was dead,
Or better far instead,
On the rocky road to Dublin.
V
The boys of Liverpool,
When we safely landed,
Called myself a fool;
I could no longer stand it;
Blood began to boil,
Temper I was losin’,
Poor ould Erin’s isle
They began abusin’,
“Hurrah my soul,” sez I,
My shillelagh(10) I let fly;
Some Galway boys were by,
Saw I was a hobble(11) in,
Then with a loud hurray,
They joined in the affray.
We quickly cleared the way,
For the rocky road to Dublin.
TRADUZIONE CATTIA SALTO
I
Nel ridente mese di maggio(1)
partii da casa mia,
lasciai le ragazze di Tuam
con il cuore a pezzi
salutai il mio caro padre,
baciai la mia cara madre
bevvi una pinta di birra(2),
cercando di soffocare dolore e lacrime,
poi via a mietere il grano,
e lasciare il luogo dov’ero nato;
tagliai un robusto prugnolo
per scacciare fantasmi e folletti
e con un nuovo paio di scarponi
andavo con fracasso per le paludi,
spaventando tutti i cani
lungo la strada rocciosa per Dublino.
Ritornello
Uno, due, tre, quattro cinque,
caccia la lepre e falla girare
giù per la strada rocciosa
e per le strade fino a Dublino ,
Whack-fol-lul-lee-ra!

II
A Mullingar quella notte
ho riposato le mie membra tanto stanche, svegliato dalla luce del sole
al mattino successivo, sereno e allegro, mi feci un goccio(3),
per farmi coraggio,(4)
è questa la cura di Paddy(5),
ogni volta che beve.
Vedere il sorriso delle ragazze,
che ridevano tutto il tempo
del mio curioso stile,
“ti rende il cuore felice”.(6)
Mi chiedevano se avevo lavoro,
ma un impiego cercavo,
che di zappare ero proprio stufo
sulla dura strada per Dublino.
III
Successivamente arrivai a Dublino,
e pensai fosse un vero peccato
di privarmi così presto
della visione di una città così bella.
Allora feci una passeggiata,
in mezzo a tutta quella roba fine
e il mio fagotto mi rubarono
nell’ordinata cittadina;
qualcosa mi incrociò il pensiero
e mi voltai indietro
e nessun fagotto trovai,
che penzolava sul bastone.
Domandando per il ladro,
mi dissero che lo “scarpone del Connacht”(7) non era molto in voga sulla strada per Dublino
IV
Da lì me ne andai,
con lo spirito saldo(8),
piombai sul molo,
mentre la nave stava per salpare
il capitano mi gridò,
e disse che non aveva più posto,
ma quando salii a bordo,
una cabina per Paddy trovò
giù tra i maiali;
feci qualche divertente trucchetto(9),
e ballai appassionate gighe,
l’acqua attorno a me faceva bolle
e quando fummo a Holyhead
desiderai di essere morto,
o meglio, lontano invece che
sulla strada per Dublino.
V
I ragazzi di Liverpool,
quando sbarcammo in salvo,
mi diedero del pazzo;
non ho più potuto sopportarlo;
il sangue iniziò a bollirmi,
stavo perdendo la pazienza
la povera vecchia isola di Erin,
iniziarono a insultare
“Hurra per la mia anima” dissi io,
feci volare il mio bastone da passeggio(10);
alcuni ragazzi di Galway che erano vicini, videro che ero bloccato(11).
Con un forte hurra si unirono alla rissa
e liberammo velocemente il cammino,
per la dura strada verso Dublino

NOTE
1) a volte il mese è maggio, altre volte è giugno (ma siccome il nostro Paddy vuole andare a mietere il grano come bracciante stagionale è più probabile sia il mese di giugno)
2) ogni occasione è buona per bere una birra
3) l’irish drop è un eufemismo per minimizzare il quantitativo di alcol bevuto, tutt’altro che minimo
4) letteralmente “trattenere il cuore dall’affogare”
5) Paddy’s cure
6) letteralmente “mettere il cuore in ebollizione”
7) frase allusiva la parola brogue oltre che scarpone significa anche “un forte accento dialettale” con particolare riferimento a un irlandese che parla inglese. Il Connacht e la provincia più occidentale dell’Irlanda, quella più povera e meno abitata, ma anche la parte più selvaggia del paese: un tipico paesaggio è quello del Connemara, con aride torbiere e stagni, e i campi suddivisi dai tipici muretti in pietra dove pascolano tante pecore e montoni. E’ la zona del Gaeltacht in cui si parla il gaelico irlandese
8) o almeno credo sia questo il senso del verso
9) la frase potrebbe riferirsi sia al fatto che Paddy suonasse qualche strumento ma anche che si divertisse con qualche gioco essendo “rig” traducibile con “trick”
10) shillelagh è un tipico bastone irlandese da passeggio un po’ corto e usato occasionalmente come arma
11) Hobble anche scritto come a-wobbelin’

FONTI
http://monologues.co.uk/musichall/Harry-Clifton.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=80986
http://books.google.it/books?id=9LgRAAAAYAAJ&pg=PA264-IA2&dq=%22Rocky+Road+to+Dublin%22&redir_esc=y#v=onepage&q=%22Rocky%20Road%20to%20Dublin%22&f=false
http://www.folkworld.de/42/e/screen.html
http://www.bellandcomusic.com/rocky-road-to-dublin.html
http://thesession.org/tunes/593
http://www.ibiblio.org/fiddlers/ROC.htm#ROCKY_ROAD_TO_DUBLIN_[1]

ILLUSTRAZIONI
http://www.itma.ie/digitallibrary/image/rocky-road/

I TELL ME MA

I tell me ma” è una filastrocca per bambini molto popolare, diffusa in varie parti d’Inghilterra, anche con il nome di “The Belle of Belfast City” e “Boys Won’t Leave the Girls Alone“.

71PNC41NSPL__SY300_IL GIOCO: THE WIND

In “The Traditional Games of England, Scotland and Wales” -1894 Alice B Gomme descrive il gioco diffuso in tutto il Regno Unito in epoca ottocentesca associato alla filastrocca (collezionata anche per frammenti in molte raccolte di nursery rhymes) “The Wind“; il gioco praticato dai ragazzi nella fase adolescenziale, come una specie di iniziazione al corteggiamento, si canta in cerchio con un ragazzo o una ragazza al centro, alla domanda “mi vuoi dire chi è” la persona al centro dice il nome di uno dei componenti del gruppo, che si mette a sua volta nel centro fino allo scambio del posto (e a volte del bacio).
Leslie Daiken invece nel suo “Children’s Games Throughout the Year” -1949 si riferisce a una versione della filastrocca come collezionata a Belfast che veniva cantata per cadenzare il salto alla corda.

Nel documentario “The Singing Street: children playing in Edinburgh” (in Archive Scottish Screen) sono stati ripresi, ad Edimburgo, i giochi di strada dei bambini del dopoguerra con i relativi canti.

Per vedere tutto il filmato (circa 20 minuti) http://ssa.nls.uk/film/0799
A 7.36 minuti viene animata la filastrocca The Golden City con le ragazze che cantano in girotondo

THE GOLDEN CITY

The wind, the wind, the wind blows high
the snow comes falling down the sky
Margaret Thompson
says she shell die
for the want of the Golden city

She is handsome, she is pretty
She is the belle of Golden city
She is courting one, two, three.
can you tell me, who is she? 

VIDEO dettaglio al 12.01 in cui una variante della filastrocca è abbinata al salto della corda

Down in the valley where the green grass grow
There lives a lady in green(?)
She grows she grows so sweet
That she calls for a ladder al the end of street

Sweetheart, sweetheart will you marry me.
Yes Lord, yes Lord at half past three.
Ice cake spice cake soft parfait
and we’ll have a wedding at half past three

THE WIND, THE WIND, THE WIND BLOWS HIGH

ASCOLTA cantata dai bambini
The wind, the wind, the wind blows high
The rain comes scattering down the sky(1)
She is handsome, she is pretty
She is the flower of London city
(2)
she goes courting 1-2-3,
Oh pray will you tell us who will it be?
(3)

Tommy Jones he says he loves her.
All the boys are fighting for her.
Let the boys say what they will,
But Tommy Jones he loves her still.

He knocks at the door and he picks up a pin.
And says ‘Mrs Brown is your daughter within’.
She’s neither within and she’s neither without,
But she’s in the back parlour(4) walking about.

Sweetheart, sweetheart will you marry me.
Yes sir, yes sir at half past three.
Half past three will be too late.
We can’t have the party ‘til half past eight

NOTE:
1) variazioni testuali: the snow come dashed from the sky oppure Blowing (a name) through the sky
2) variazioni testuali: She is the belle of golden city oppure she’s is the queen of the highland city
3) variazioni testuali: won’t you tell us who is she? oppure please can tell me who shall be she?
4) parlour è un termine anglo-normanno per indicare il soggiorno

GUIDA ALL’ASCOLTO: I’LL TELL ME MA

I tell me ma” compare in molte collezioni musicali di inizio 900 e probabilmente è diventata popolare come melodia irlandese perchè riproposta dai Dubliners negli anni ’60. Come sempre è estenuante perdersi in disquisizioni sulle origini inglesi, irlandesi o scozzesi di un brano così popolare!

Il ritmo è vivace, quasi una polka, e più velocemente si canta più il testo diventa uno scioglilingua. Per quanto esistano diverse varianti locali, le versioni testuali registrate dai musicisti folk sono tutte uguali, cambiando solo il nome della città!

ASCOLTA Sinéad O’Connor in “Sean-Nos Nua
ASCOLTA The Kilkenny

ASCOLTA Orthodox Celts in Celts strike again, 1997.

ASCOLTA The Young Dubliners in With all due respect” 2007: qui ovviamente la città diventa Dublino

I
I’ll tell me Ma when I go home
The boys won’t leave the girls alone. They pull my hair, they stole my comb,
but that’s all right till I go home.Chorus:
She is handsome, she is pretty
She is the belle of Belfast (1) city
She is courting one, two, three.
Please won’t you tell me, who is she?II
Albert Mooney says he loves her,
All the boys are fighting for.
knock at the door and ring the bell
“Oh, my true love are you well?”
Out she comes as white as snow,
Rings on her fingers and bells on her toes (2).
Jenny Murray says she’ll die,
If she don’t get the fellow with the roving eye (3).III
Let the wind and the rain and the hail blow high
And the snow come tumbling from the sky (4)
She’s as nice as apple pie (5)
And she’ll get her own lad by and by.
When she gets a lad of her own,
She won’t tell her Ma when she goes home
Let them all come as they will
it’s Albert Mooney she loves still
TRADUZIONE ITALIANO CATTIA SALTO
I
Lo dirò a mia madre quando rientro, che i ragazzi non ci lasciano in pace, mi tirano i capelli, mi rubano il pettine, ma va bene finchè non torno a casa.Ritornello:
Lei è affascinante, ed è graziosa
è la bella della città di Belfast
sta contando un, due, tre
mi vuoi dire lei chi è ?II
Albert Mooney dice di amarla
e tutti i ragazzi si azzuffano per lei,
bussano alla porta e suonano il campanello
“Oh sei tu il mio vero amore, vero?”
Lei esce fuori bianca come la neve,
anelli alle dita e campanelli ai piedi
Jenny Murray dice che lei morirà
se non potrà avere il tizio dagli occhi maliziosi.III
Che vento, pioggia e grandine sferzino forte
e la neve cada dal cielo:
lei è dolce come una torta di mele
e avrà il proprio ragazzo accanto.
Quando lei ha il suo ragazzo
non vorrà dirlo alla madre quando rientrerà a casa.
Che gli altri facciano quello
che vogliono
è solo Albert Mooney che lei ama

NOTE
1) in altre versioni Dublin, Brisbane, London ma anche “Golden city”
2) il verso è presente anche in un’altra filastrocca dal titolo Banbury Cross
Ride a cock horse to Banbury Cross
To see a fine lady upon a white horse
With rings on her fingers and bells on her toes
She shall have music wherever she goes
La donna che cavalca il cavallo pazzo (uno stallone bizzoso) fino a Banbury Cross potrebbe essere la regina Elisabetta I: era usanza della nobiltà oltre che indossare molti anelli alle dita delle mani portare scarpe a punta con cuciti dei piccoli campanellini. L’aneddoto che si racconta per l’occasione è che la carrozza su cui viaggiava la regina per visitare la località in cui era stata appena eretta una grande croce in pietra avesse perso una ruota e che la regina montasse sullo stallone bianco decorato dalla gente della cittadina con nastri e campanelli e con tanto di menestrelli al seguito per allietarla con la musica.
Altri invece ritengono che la donna sia Lady Godiva ovvero Lady Katherine Banbury
A Banbury non c’è più la croce, ma una imponente statua eretta nel 2008 intitolata “Fine Lady upon a White Horse”
Per togliersi ogni curiosità sull’origine del brano: VIDEO
3) if she doesn’t get the fellow with the tartan tie!
4) evidente omaggio alla filastrocca per bambini The wind, the wind, the wind blows high
5) paragone letteralmente delizioso, che non ha solo a che vedere con l’aspetto e il gusto ma anche con il profumo, e che rimanda alle cucine di un tempo andato in cui le mamme sfornavano torte di mele la domenica o nei giorni di festa

FONTI
http://ssa.nls.uk/film/0799
http://mudcat.org/jumprope/jumprope_display.cfm?rhyme_number=75
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=27705
http://www.traditionalmusic.co.uk/folk-song-lyrics/Wind_the_Wind.htm
http://thesession.org/tunes/2434
http://www.acousticmusicarchive.com/ill-tell-me-ma-the-belle-of-belfast-city-chords-lyrics

STAR OF THE COUNTY DOWN

51IzeFlH0lL__SL500_AA500_Questa ballata si trova nella raccolta “Irish County Songs” di A. Hughes. È un’allegra storia di corteggiamento della più bella ragazza della contea di Down da parte di un giovane innamorato, ed è un canto molto popolare nell’Irlanda del Nord.

Il testo è attribuito a Cathal McGarvey (1866 –1927) vissuto nella contea del Donegal e trasferitosi a Dublino sul finire del secolo dove gestì il famoso “An stad”.
An Stad (Irish for ‘The Stop’) was founded at 30 North Frederick Street in Dublin in the late 19th century by Cathal McGarvey, author of the traditional Irish song Star of the County Down, as a meeting place for nationalists and Irish language enthusiasts. The activities that took place at An Stad included early morning pro-Independence rallies, late night tobacco smoking, Irish language storytelling and even reviews in Irish of works of art. (continua)
Nazionalista e cultore della musica tradizionale irlandese come tanti altri prima di lui prese una melodia tradizionale e compose una canzone in stile popolare (per l’uso di termini irlandesi e immagini prese a prestito dal linguaggio contadino):  Colm O’Lochlainn fa risalire il testo al 1920.  Precedentemente la melodia era conosciuta come “My love Nell”. La copia più antica di questa melodia è Gilderoy, che appare in Musick for Allan Ramsay’s Collection of Scots Songs [Tea Table Miscellany] by Alexander Stuart (c 1726).

BANBRIDGE

Il luogo dove i due si incontrano, nei dintorni della città di Banbridge doveva pullulare di belle ragazze, visto che oltre a Rosie, la Stella della Contea di Down ci viveva anche Sally, la Regina della Contea di Down, “The flower of Magherally. Il protagonista resta colpito dal dardo dell’amore, vedendo passare la più bella ragazza d’Irlanda, non ha nemmeno la forza di parlarle, non gli manca però la prontezza di spirito di chiedere ad altri il nome della “magica apparizione”. La rivedrà alla festa del raccolto e lui indosserà l’abito buono e la corteggerà con l’intento di sposarla!
Numerose sono le registrazioni da parte dei gruppi e artisti irlandesi e i miei “the best of” sono:

ASCOLTA Orthodox Celts  1997Una versione molto scanzonata e campestre con un “very rude guy” che la canta. (strofe I, II e V)

ASCOLTA The High Kings (strofe I, II, III e V), che iniziano il brano con un pizzico di swing

ASCOLTA Loreena McKennitt (strofe I, II e V)


I
Near to Banbridge Town,
in the County Down
One morning last July,
Down a boreen green
came a sweet colleen,
And she smiled
as she passed me by;
she looked so sweet
from her two bare feet
To the sheen of her nut-brown hair;
Such a coaxing elf,
sure I shook myself
for to see I was really there.
chorus
From Bantry Bay up to Derry Quay,
And from Galway to Dublin town,
No maid I’ve seen
like the sweet colleen
That I met in the County Down.
II
As she onward sped,
sure I shook my head
And I looked with a feeling rare.
Then I said, says I, to a passer-by,
“Who’s the maid
with the nut-brown hair?”
Well, he smiled at me,
and with pride says he,
“That’s the gem
of old Ireland’s crown,
he’s young Rosie McCann
from the banks of the Bann,
She’s the Star of the County Down.”
III
Well I’ve traveled a bit,
but ne’er was hit
Since my roving career began;
Then fair and square
I surrendered there
To the charms of young Rose McCann.
I’d a heart to let
and no tenant yet
Did I see in shawl or gown,
But in she went
and I asked no rent
From the Star of the County Down.
IV
She’d a soft brown eye and a look so sly
And a smile like the rose in June
And you hung on each note from her lily-white throat
As she lilted an Irish tune.
At the pattern dance you were held in a trance
As she tripped through a reel or a jig
And when her eyes she’d roll she’d coax, on my soul
A spud from a hungry pig.
V
At the harvest fair,
I’ll be surely there
And I’ll dress in my Sunday clothes
With my shoes shone bright,
and my hat cocked right
For a smile from my nut-brown Rosie.
No pipe I’ll smoke,
and no horse I’ll yoke
Though with rust
my plow turns brown,
Till a smiling bride
by my own fireside
Sits the Star
of the County Down.
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Vicino alla città di Banbridge,
nella contea di Down
una mattina (1) dello scorso luglio,
lungo una verde stradina (2)
venne una bella ragazza (3),
e lei sorrise mentre
mi passava accanto;
era così bella
dalla punta dei piedi nudi
fino ai lucidi capelli castani (4);
quale fata affascinante (5),
che mi diedi un pizzicotto
per essere certo di essere sveglio.
CORO
Dalla Baia di Bantry Bay fino ai moli di Derry, e da Galway a Dublino,
nessuna fanciulla è più bella della ragazza che ho incontrato nella contea di Down.
II
Mentre lei tirava dritto,
mi scossi (6) e la guardai con un sentimento raro.
Allora chiesi ad un passante,
“Chi è la fanciulla
dai capelli castani?”
beh, lui mi sorrise,
e con orgoglio, disse
“Quello è il gioiello
della corona della vecchia Irlanda,
è la giovane Rosie McCann
dalle rive del Bann,
lei è la Stella della contea di
Down “.
III
Beh, ho viaggiato un po’,
ma niente più mi ha colpito
da quando iniziò la mia carriera di vagabondo;
ad essere onesti lì mi sono arreso
al fascino della giovane Rosie McCann.
Avevo un cuore da affittare
e ancora nessun inquilino
poi l’ho vista in scialle e gonna,
e lei è entrata
e non ho chiesto nessun affitto
alla Stella della contea di Down.
IV (7)
Aveva dolci occhi castani
e uno sguardo sornione
e un sorriso come di rosa in giugno
da trattenere ogni nota della sua ugola d’oro,
mentre cantava una melodia irlandese.
Da restare incantato nella danza
mentre lei si muoveva ai passi di una giga o un reel.
Quando roteava gli occhi, era incantevole per la mia anima come una patata per un maiale affamato.
V
Alla Fiera del Raccolto (8),
ci sarò di sicuro,
indosserò il vestito della festa
con le scarpe tirate a lucido,
e il  cappello a destra (9)
per un sorriso dalla mia mora Rosie.
Non fumerò la pipa
e non metterò cavallo al giogo
e di ruggine
il mio aratro diventerà scuro,
finchè, sposa sorridente (10),
accanto al mio caminetto
si siederà la Stella
della contea di Down

NOTE
1) in altre versioni l’incontro avviene di sera
2) boreen: bóithrín piccola strada di campagna
3) coleen: cailín termine irlandese per ragazza
4) il colore più specifico è nocciola, ma è l’aggettivo che viene usato per descrivere il colore degli occhi in italiano si usa il termine castano chiaro per definire il tipo di sfumatura indicata
5) una creatura dotata di charme, seducente (vedi)
6) oppure  I scratched my head
7) oppure con una metafora finale meno colorita vedi

She’d a soft brown eye
and a look so sly and a smile like the rose in June
And you held each note from her auburn throat,
as she lilted lamenting tunes
At the pattern dance you’d be in trance
as she skipped through a jig or reel
When her eyes she’d roll, as she’d lift soul
And your heart she would likely steal
Aveva dolci occhi castani
e uno sguardo sornione e un sorriso come di rosa in giugno
e tu trattenevi ogni nota della sua ugola d’oro,
mentre cantava melodie malinconiche,
nella danza restavi incantato
mentre lei si muoveva ai passi di una giga o un reel.
Quando roteava gli occhi
mentre sospirava,
ti rubava il cuore

8) in altre versioni è un crossroads
9) è il tricorno (o bicorno con due punte), cappello di foggia settecentesca, un tempo l’inclinazione del capello (a destra o a sinistra) assumeva un significato? (vedi) O il fatto di portarlo di traverso era un modo più sbarazzino o più marziale perchè così lo portavano i soldati? In italiano mi verrebbe di tradurlo “con il cappello alla garibaldina”
10) si dedicherà all’unico obiettivo di farla sua moglie

FONTI
https://mcgarveyhistory.wordpress.com/1916-2/cathal-mcgarvey/
https://thesession.org/tunes/4320
http://www.traditionalmusic.co.uk/irish-songs-ballads-lyrics/the_star_of_the_county_down.htm