Archivi tag: navvies

MCALPINE’S FUSILIERS

Navvies“McALPINE’s FUSILIERS” è una canzone di denuncia sociale condita da molto irish humor, scritta dal dublinese Dominic Behan (anche se negli anni escono sempre fuori nuovi nominativi tra la gente del popolo, primo nella lista tale Martin Henry di Rooskey, nella contea irlandese di Roscommon, ma anche Darkie McClafferty, John Henry di Silgo, etc).
Il curioso titolo non si riferisce a qualche reparto speciale di Fucilieri dell’esercito inglese ma ai navvies di Mcalpine cioè ai manovali che imbracciano pala e piccone (invece dei moschetti o dei fucili) per andare a lavorare per una grossa ditta di costruzioni, la Sir Robert McAlpine Ltd, azienda leader nella progettazione e costruzione di grandi opere specialmente nel settore industriale, energetico e della difesa. Sir Robert McAlpine, detto “Concrete Bob”, fondò la sua azienda nel 1869 e questa, proprio negli anni della dittatura hitleriana, iniziò la sua ascesa a colosso economico fondato sul sudore e sul sangue degli immigrati inglesi e irlandesi sfruttati e mal pagati.

NAVIGATORS

canale-piccolaCon il termine gergale Navvies si indicarono dapprima gli ‘Excavators‘ i manovali sterratori che lavorarono alla realizzazione di un vasto sistema di vie navigabili interne a fini commerciali ovvero per l’irrigazione e il trasporto. Il primo canale della serie fu il Newry Canal (Irlanda del Nord completato nel 1745) e ovviamente i lavoratori erano tutti Irlandesi, man mano durante tutto l’ultimo quarto del 1700 e per buona parte del 1800 si realizzò in tutto il Regno Unito un complesso sistema di canali “Inland Navigation System” per il trasporto delle materie prime e dei manufatti a livello nazionale funzionale alle esigenze della rivoluzione industriale.
La rete dei canali però perse la sua competitività con lo svilupparsi del sistema ferroviario (e del resto la maggior parte dei canali finì per diventare di proprietà delle imprese ferroviarie) e solo più recentemente i canali caduti nell’abbandono sono stati ripristinati e rivalutati per il tempo libero. Così come i canali navigabili vennero sostituiti dai binari della ferrovia i manovali addetti alla costruzione delle “strade ferrate” vennero sempre chiamati Navvies.
Il lavoro di questi manovali era molto faticoso, avendo come unici strumenti picconi, pale e una carriola o un cesto. Il lavoro era anche rischioso a causa dei molti incidenti che potevano portare a gravi mutilazioni e alla morte (le procedure di sicurezza erano praticamente inesistenti). Sempre navvies erano chiamati gli irlandesi immigrati in Gran Bretagna in cerca di lavoro presso i cantieri ferroviari: migliaia di operai irlandesi furono gli artefici della rete ferroviaria della Gran Bretagna e dell’America. (continua “Poor Paddy on the Railway” qui)

McALPINE’S FUSILIERS

Il brano in questa particolare versione è stato scritto dal dublinese Dominic Behan ed è stato diffuso al grande pubblica dai nascenti Dubliners a partire dagli anni 60. Su Mudcat c’è un lungo dibattito se fosse esistita prima di Behan una versione popolare scritta per l’appunto da uno dei primi navvies..

La canzone è spesso introdotta dai Dubliners da questa parte parlata:


‘Twas in the year of ’39
when the sky was full of lead
When Hitler was headin’ for Poland
and Paddy for Holyhead(1)
Come all you pincher laddies and you long-distance men(2)
Don’t ever work for MacAlpine,
for Wimpey or John Laing(3)
For you’ll stand behind a mixer
still your skin has turned to tan
And they’ll say “Good on you, Paddy”
with your boat fare in your hand .
The craic(4) was good
in Cricklewood(5)
but they wouldn’t leave the crown(6) There was glasses flyin’
and Biddy(7)’s cryin’
sure Paddy was goin’ to town!
Oh mother dear I’m over here
and I never will come back
What keeps me here is the rake of beer, the ladies and the craic
For I come from the County Kerry
the land of eggs and bacon
And if you think I’ll eat your fish and chips(8) by Jaysus you’re mistakin’
traduzione italiano Cattia Salto 
Era il ’39
quando il cielo era pieno di piombo, mentre Hitler si dirigeva in Polonia, Paddy andava a Holyhead(1);
venite tutti voi ragazzi che lavorate per Pincher e voi navigators(2),
non lavorate mai per MacAlpine,
Wimpey o John Laing(3),
perchè starete dietro a una betoniera finchè la pelle vi diventerà di cuoio e vi diranno “Buon (lavoro) per te Paddy” con il vostro biglietto del traghetto in mano.
L’atmosfera(4) era buona a Cricklewood(5)
e non si vorrebbe lasciare il pub(6), c’erano bicchieri che volavano
e le urla di Biddy, (7)
figuratevi Paddy che andava in città!
O cara mamma sono finito qui e
non ritornerò mai indietro,
quello che mi trattiene qui è un sacco di birra, le ragazze e l’atmosfera
perchè venivo dalla contea di Kerry
la terra delle uova con pancetta
e se credi che mangerò il tuo “pesce e patatine” (8) per dio ti stai sbagliando
NOTE
1) Holyhead si trova nel Galles ed è una grande cittadina portuale con una linea diretta di traghetti per l’Irlanda
2) Pincher laddies (pincher kiddies) = il vecchio nome dato ai navvies, un soprannome comune tra i manovali edili e carpentieri; “men who worked for ‘The Pincher Mac’, whose name was MacNicholas, per Paul O’Brien of Dublin, Ireland, as published in the glossary errata of The Essential Ewan McColl Songbook, Sixty Years Of Songmaking by Peggy Seeger 2001. Pincher is given as a whinger, a petty, ‘crabbid’ individual”. I Pinchers erano detti anche `long distant kiddies.
Navvie è il nome abbrevviato di navigator, quelli che scavavano i canali le prime vie di navigazione o ‘navigations.’
3) tutte aziende britanniche con grosse commesse nel settore pubblico e nelle infrastrutture
4) Craic – (pronuncia: crack) quando di sta in buona compagnia con una piacevole conversazione, si ascolta musica e si danza e c’è da bere e da fumare
5) Cricklewood: zona di Londra con una considerevole popolazione irlandese e importante nodo ferroviario
6) Crown: una “English public house” ma anche il nome di un pub di Cricklewood
7) Biddy = gallinella dal gaelico “bideach”, con il significato di molto piccola o servetta; è anche il diminutivo di Bridget
8) fish and chips è il tipico cibo inglese da mangiare per strada

MELODIA: The Jackets Green

ASCOLTA Dominic Behan (1960)

ASCOLTA Geoff Brady
ASCOLTA The High Kings in “Friends for Life” 2013

ASCOLTA The Rumjacks (la band di Sidney) 2010

E per qualcosa di più energetico: ASCOLTA Young Dubliners 2007


McALPINE’s FUSILIERS
I
As down the glen came
McAlpine’s men
with their shovels slung behind them
It was in the pub
they drank the sub(9)
and up in the spike(10) you’ll find them
They sweated blood
and they washed down mud
with pints and quarts of beer
And now we’re on the road again
with McAlpine’s Fusiliers
II
I  stripped to the skin
with the Darky Flynn
way down upon the Isle of Grain(11)
With the Horseface Toole
I knew the rule,
no money if you stop for rain
When McAlpine’s god
was a well filled hod with your shoulders cut to bits and seared
And woe to he who looks for tea
with McAlpine’s Fusiliers
III
I remember the day
that the Bear O’Shea(12)
fell into a concrete stairs
What the Horseface said,
when he saw him dead,
well it wasn’t what
the rich call prayers
“I’m a navvy short ”
was the one retort
that reached unto my ears
When the going is rough,
well you must be tough
with McAlpine’s Fusiliers
IV
I’ve worked till the sweat
near had me bet (13)
with Russian, Czech and Pole
On shuddering(14) jams
up in the hydro dams
or underneath the Thames in a hole
I grafted hard
and I’ve got me cards(15)
and many a gangers(16) fist
across me ears
If you pride your life,
don’t join, by Christ,
with McAlpine’s Fusiliers
traduzione italiano Cattia Salto
LA TRUPPA DI MCALPINE
I
Come dalla valle arrivavano
gli uomini di McAlpine
con le pale appese dietro la schiena,
andavano al pub
a bere l’anticipo
e li troverai su nell’ostello,
sudavano sangue
e si lavavano il fango
con pinte e quartini di birra.
E ora siamo di nuovo per strada
con la truppa di McAlpine
II
Mi sono spellato
con Flynn lo scuro,
laggiu’ sull’isola di Grain,
con Toole Faccia-di-cavallo
ho imparato la regola:
niente paga se ti fermi per la pioggia, infatti il dio di McAlpine
era un secchio bello pieno,
con le spalle a pezzi e scottate,
e tanto peggio a chi va in cerca di tè
con la truppa di McAlpine
III
Mi ricordo il giorno
in cui O’Shea l’orso
cadde in una scala di cemento
quello che disse Faccia-di-cavallo, quando lo vide morto,
be’ non era quello
che i ricchi chiamano preghiere!
“Ho un immigrato di meno”
fu l’unica risposta
che giunse alle mie orecchie.
Quando il gioco si fa duro,
be’ devi essere tosto
nella truppa di McAlpine
IV
Ho lavorato finchè
ho dovuto vedermela
con Russi, Cechi e Polacchi
al getto di cemento nel cassero
lassù alla diga idroelettrica
o nei tunnel sotto il Tamigi,
ho sgobbato sodo
ed mi sono beccato il licenziamento
e più di un cazzotto in faccia
dal caposquadra
se ci tieni alla vita,
perdio, non ti unire,
alla truppa di McAlpine


NOTE
9) sub= piccolo prestito sul salario della prossima settimana
10) spike: un ostello o ‘centro di accoglienza’ (originariamente un ricovero occasionale in una Workhouse) per gli uomini senza fissa dimora o senza tetto, spesso usato dai manovali irlandesi che non riuscivano a trovare un alloggio permanente.
11) L’Isola di Grain è una zona desolata nel Kent dove il fiume Medway si unisce al Tamigi è stato un grande cantiere per alcuni anni
12) in alcune interpretazioni si legge come Bere O’Shea
13) letteralmente “finchè il problemia mi fece scommettere”
14) shuddering: è la cassaforma o armatura in cui si getta il cemento per farlo stare in forma
15) Cards – to get cards= essere licenziato. Quando si è licenziati o il lavoro è finito si ottiene dal datore del lavoro la propria “national insurance card” con le marche pagate per ogni settimana di lavoro e un modulo con lo stipendio percepito e le tasse versate
16) capetto o caposquadra

FONTI
http://livingonanarrowboat.co.uk/canals-the-waterways-network-in-england-and-wales/
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=38452&lang=it http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=12665 http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=16925
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=112889
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/22/mcalpine.htm

PADDY WORKS ON THE RAILWAY

Una sea shanty che è anche una canzone politica di denuncia sociale condita da un humor caustico tipicamente irish.
Dal giornale di bordo del vascello “Young America,” tratta Londra-Moreton Bay, 1864, riportato in C. Fox Smith, “Sailor Town Days” (Methuen, 1923): “We might mention as peculiar amongst the other strange songs that we nightly hear, one which we think must be called ‘Pat’s Apprenticeship,’ as it goes through the history of a number of years during which ‘Poor Paddy works on the railway.’ What becomes of him eventually we have not yet been able to discover, but we suppose that the line is not yet finished.”

Si trovano firerimenti all’uso della canzone come canto marinaresco già una decina d’anni più tardi di quelli a cuisi fa riferimento nel canto. Una canzone per le manovre dell’argano al sollevamento dell’ancora
ASCOLTA Keith Kendrick in Short Sharp Shanties : Sea songs of a Watchet sailor vol 3 (su Spotify)


I
In eighteen hundred and forty one
me corduroy britches I put on
with a stiky me face about two feet long/To work upon the railway
(the railway, I’m weary of the railway,
poor Paddy works on the railway.)
II
In eighteen hundred and forty-two
I thought this live could never do
And I resolved to put her through
a-working on the railway
III
In eighteen hundred and forty-three
I paid my passage cross the sea
to New York and Amerikee
a-working on the railway
IV
In eighteen hundred and forty-four
I landed on the american shore,
and never to return no more
a-working on the railway
V
In eighteen hundred and forty five
things looked pretty well alive
and I thought to myselfe I’d strive
a-working on the railway
VI
In eighteen hundred and forty-six
when I was in a terrible fix
I thought to myselfe I’d take my sticks
so working on the railway
VII (*)
I had a sister and I was graced
but .. hugly face
she broke me to a digty place
so working on the railway

Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Nel 1841
mi misi i pantaloni di velluto
con un muso lungo due piedi
per lavorare sui binari della ferrovia, (la ferrovia, sono stanco della ferrovia,
il povero Paddy lavora alla ferrovia.)
II
Nel 1842
pensavo che una vita così non poteva andare e decisi di farla finita
a lavorare alla ferrovia
III
Nel 1843
mi comprai il passaggio per oltremare
a New York e l’America-
a lavorare alla ferrovia
IV
Nel 1844
sbarcai sulla spiaggia d’america
e non ritornerò mai più
a lavorare alla ferrovia
V
Nel 1845
le cose sembravano migliorate
e mi sono detto di impegnarmi
a lavorare alla ferrovia
VI
Nel 1846
quando ero in terribile pasticcio
mi sono detto di prendere i miei impegni e lavorare alla ferrovia.
VII

NOTE
*dell’ultima strofa non comprendo bene la pronuncia delle parole!!

VERSIONE FOLK

Paddy è il nome generico con cui si indica un emigrante irlandese e proprio gli operai irlandesi furono tra gli artefici della rete ferroviaria della Gran Bretagna e dell’America. La maggior parte di loro erano ex navvies (manovali sterratori per scavare i canali navigabili) e il termine è rimasto per estensione a identificare i manovali che costruirono le linee ferroviarie. (continua)

BRITISH RAILWAY

La canzone conta 7 anni di lavoro in Inghilterra a partire dal 1841, l’inizio della diaspora irlandese: dalla costa Nord-Est dell’Inghilterra e la città  portuale di Hartlepool il protagonista si sposta a  Ovest fino alla città ferroviaria di Crewe  (all’epoca appena un villaggio di 70 abitanti), nel 1834 si sposta di nuovo a  Est per lavorare con la nuova compagnia ferroviaria appena fondata, la Leeds and Selby railway e l’anno  successivo ritorna ancora ad Ovest a Liverpool, eppure la pancia di Paddy è sempre vuota e  lui è sempre più stanco di andare a lavorare nel cantiere ferroviario e vede come unica soluzione il suicidio!

ASCOLTA The Dubliners la loro versione ampiamente ripresa dai gruppi  irlandesi, e più in generali dai gruppi folk in Inghilterra, aggiunge un  ritornello.

VERSIONE DUBLINERS
I
In eighteen hundred and forty one
me corduroy britches I put on me corduroy britches I put on
to work upon the railway,  the railway, I’m weary of the railway,
poor Paddy works on the  railway.
II
In eighteen hundred and forty two from Hartlepool I moved to  Crewe Found meself a job to do
working on the railway.
Chorus:
I was wearing corduroy  britches, diggin’ ditches, pullin’ switches, dodgin’ hitches I was working on the  railway.
III
In eighteen hundred and forty three
I broke me shovel across me knee,
And I went to work with a  company
on the Leeds and Selby  railway.
IV
In eighteen hundred and forty four
I landed on the Liverpool  shore
Me belly was empty, me  hands were raw with workin’ on the  railway, the railway. I’m weary of the railway, poor Paddy works on the  railway.
V
In eighteen hundred and forty five
when Daniel O’Connell he was alive
When Daniel O’Connell he was alive and working on the railway.
VI
In eighteen hundred and forty six
I changed me trade from  carryin’ bricks changed me trade from carryin’ bricks
to working on the railway.
VII
In eighteen hundred and forty seven,
poor Paddy was thinkin’ of  goin’ to heaven
Poor Paddy was thinkin’ a  goin’ to heaven to work upon the railway,  the railway I’m weary of the railway poor Paddy works on the  railway.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Nel 1841
mi misi i pantaloni di velluto (1),
mi misi i pantaloni di velluto
per lavorare sui binari della ferrovia, la ferrovia, sono stanco della ferrovia,
il povero Paddy lavora alla ferrovia.
II
Nel 1842
da Hartlepool andai a Crewe
per trovare un lavoro
e lavorare alla ferrovia
Ritornello:
Indossavo pantaloni di velluto,
scavavo fossi, tiravo carriole, schivavo colpi (2), lavoravo alla ferrovia.

III
Nel 1843
mi ruppi il badile sul ginocchio
e andai a lavorare in una compagnia,
la “Leeds and Selby railway”.
IV
Nel 1844
sbarcai sulla spiaggia di Liverpool
la pancia era vuota, le mani erano indurite dal lavoro alla ferrovia, la ferrovia, sono stanco della ferrovia,
il povero Paddy lavora alla ferrovia.
V
Nel 1845
quando Daniel O’Connell (3) era
vivo, quando Daniel O’Connell era vivo
e lavorava alla ferrovia
VI
Nel 1846
cambiai lavoro per portare mattoni/traversine(4), cambiai il mio lavoro per portare mattoni/traversine-lavorare alla ferrovia.
VII
Nel 1847,
Il povero Paddy pensava di andare in paradiso,
il povero Paddy (5) pensava di andare in paradiso per lavorare sui binari della ferrovia, la ferrovia
sono stanco (6) della ferrovia,
il povero Paddy lavora alla ferrovia (7).

NOTA
1) corduroy= velluto a coste
2) il lavoro iniziale del nostro Paddy era quello di sterratore, con piccone, badile e cesta: gli spalatori eseguivano gli scavi e scaricavano le carriole di materiale sulla massicciata sotto le precise indicazioni del caposquadra. Il lavoro era anche rischioso a causa dei molti incidenti che potevano portare a gravi mutilazioni e alla morte (le procedure di sicurezza erano praticamente inesistenti). Sono un po’ perplessa nella traduzione di “switches” che tecnicamente significa deviatore può essere quindi sia un interruttore che uno scambio ferroviario. Nel contesto però a me sembra più riferito al lavoro dello sterratore e quindi mi immagino un carretto o una carriola per trasportare terra e pietrame per la massicciata
3) Daniel O’Connell (1775-1847) era un uomo politico irlandese,  nonché avvocato che  diede vita alla Repeal Association per l’abolizione dell’Atto d’Unione (tra  il Regno d’Irlanda e il Regno di Gran Bretagna). In particolare nel 1843 fu  imprigionato e liberato solo l’anno successivo per aver tenuto una serie di  comizi (seguiti da un folto pubblico) nei quali auspicava l’autogoverno  dell’Irlanda. Ovviamente non ha mai lavorato nei cantieri ferroviari, ma era uno dalla parte dei lavoratori.
4) Paddy ha cambiato lavoro e adesso è un muratore, oppure ha cambiato tipo di lavoro in ferrovia e adesso posa le traversine? (cioè è addetto alla posa dei binari, le traversine di legno e le rotaie in ferro.)
5) scritto anche come “old bugger”
6) scritto anche come “I’m sick to my death” (in italiano “sono stufo marcio”)
7) il paradiso è la “ricompensa” per il giusto, o un luogo in cui per l’eternità si continua a portare la propria pena?

AMERICAN RAILWAY

Una sorte infame quella degli immigrati irlandesi (e italiani) che lavoravano nella costruzione della ferrovia americana: gente che aveva come sola risorsa la forza delle braccia, ancora più infame per i milioni di lavoratori cinesi, spesso cooptati forzosamente e trattati in modo disumano, reietti e disprezzati più dei neri stessi (consiglio di leggere “Il cinese” dello svedese Mankell Henning che è si un thriller, ma nella trama storica si riallaccia a vicende iniziate proprio negli stessi anni della nostra canzone durante la costruzione delle ferrovie americane).

irish workers railway

I NUOVI SCHIAVI

Gli uomini vivevano in baracche o tendopoli rigorosamente suddivise per etnie e costruite man mano lungo la linea ferroviaria, costretti quasi all’isolamento, vessati da capi e capetti che facevano la cresta sui pasti e sulle forniture. Dalla paga infatti si dovevano detrarre il costo del pernottamento e del cibo, nonché dei pochi extra che potevano permettersi (spesi per lo più nel bere, ma anche per il gioco d’azzardo e le donnine). Così nonostante la paga fosse alta rispetto ad esempio a quella dei lavoratori delle fabbriche, spesso a fine stagione il manovale era indebitato con la compagnia e doveva restare ancora per l’anno successivo. Questo lavoro perciò finiva per abbrutire un uomo, sfinito dalla fatica e incupito da una vita priva d’affetti e di prospettive.
I lavoratori morivano a migliaia oltre che per gli incidenti sul lavoro (compresi gli assalti degli Indiani), anche per le precarie condizioni igienico-sanitarie, colpiti dalle malattie genericamente indicate come febbri (colera, vaiolo, dissenteria, tifo) e sepolti in tombe senza nome lungo la pista.

IL CIMITERO DI FUNK

navvies-crocePer un caso fortuito nel cimitero di Funk, Illinois vennero sepolti una cinquantina di lavoratori irlandesi deceduti negli anni 1850 mentre lavoravano alla costruzione della Chicago & Alton Railroad; nel 2000 presso la fossa comune è stata retta una croce celtica con la seguente iscrizione “This Celtic cross honors the memory of more than 50 souls buried here  about 1853.   Their names are known but to God. These immigrants from Ireland were driven   from their home by famine. They lie buried here in anonymity, far from the  old   homes of the heart, but forever short of the new homes of their hopes.   They arrived sick and penniless, and took hard and dangerous jobs   building the Chicago & Alton Railroad. Their sacrifices made it   possible to develop the riches of the land we enjoy today.”
Un quadro dettagliato qui

LE VERSIONI AMERICANE

La canzone ripresa dagli emigrati irlandesi in America presenta una grande varietà di strofe abbinate ad un ritornello non-sense cantato sulla melodia di Johnny I hardly knew ye (Pete Seeger in American Favorite Ballads per la Smithsonian Center for Folklife and Cultural Heritage vedi)

Nella versione meno pessimista, il nostro Paddy riesce a fare fortuna con l’oro della California.

ASCOLTA the Wolfe Tones nell’album Across the Broad Atlantic 1976


Chorus
Fil-i-me-oo-ree-eye-ri-ay
Fil-i-me-oo-ree-eye-ri-ay
Fil-i-me-oo-ree-eye-ri-ay
To work upon the railway
I
In eighteen hundred and forty-one
My corduroy breeches I put on
My corduroy breeches I put on
To work upon the railway,
II
In eighteen hundred and forty-two
I left the old one for the new
That’s such a love to plot me to
To work upon the railway,
III
In eighteen hundred and forty-three
We hit Chicago what a spree
The devil got a hold of me
To work on the railway
IV
In eighteen hundred and forty-four
I landed on the Columbia shore,
I had a pick-ax and nothing more.
To work on the railway
V
In eighteen hundred and  forty five
When Dan O’Connelly was alive,
I worked in a railway hive
To work upon the railway
VI
In eighteen hundred and forty-six
I’d a pain in me ass from carrying bricks
With your hammers a nails and shovels an picks
A working on the railway
VII
It’s Paddy do this an Paddy do that
With bills of stock and our cravat
And nothing but an old silk hat
We’re working on the railway,
VIII
In eighteen hundred and forty-eight
Me hands did bristle and me belly did ache
We hired a boat and made a stake
From working on the railway,
IX
In eighteen hundred and forty-nine
The California hills looked prime
We found some gold and left behind
From working on the railway,
Traduzione italiano di Cattia Salto
Chorus
Fil-i-me-oo-ree-eye-ri-ay
Fil-i-me-oo-ree-eye-ri-ay
Fil-i-me-oo-ree-eye-ri-ay
lavorare sui binari della ferrovia

I
Nel 1841
mi misi i pantaloni di velluto,
mi misi i pantaloni di velluto,
per lavorare sui binari della ferrovia.
II
Nel 1842
lasciai il Vecchio Mondo per il Nuovo,
e tale amore tramò contro di me
per lavorare sui binari della ferrovia.
III
Nel 1843
ci prendemmo una sbornia a Chicago
e il diavolo s’impossessò di me
per lavorare alla ferrovia.
IV
Nel 1844
sbarcai sulla riva di Columbia
avevo un piccone e nient’altro
per lavorare alla ferrovia.
V
Nel 1845
quando Daniel O’Connell (3) era
vivo, lavoravo in un cantiere ferroviario
per lavorare sui binari della ferrovia.
VI
Nel 1845
mi davo da fare (6) per trasportare mattoni
con martelli e chiodi e badili
e picconi
per lavorare alla ferrovia.
VII
E “Pat fa questo” e “Pat dai quello”,
senza calze e cravatta,
nient’altro che un vecchio cilindro,
per lavorare alla ferrovia.
VIII
Nel 1848
le miei mani a pezzi e la mia pancia dolorante, noleggiamo una barca e facemmo da apripista (7)
per lavorare alla ferrovia.
XI
Nel 1849
le colline della California diventarono il numero uno, trovammo l’oro e ci lasciammo alle spalle il lavoro alla ferrovia

NOTE
6) l’espressione è un po’ più colorita in italiano potrebbe essere “mi rodevo il culo”
7) lavorava su una nave a rimorchio?


ASCOLTA
The Weavers

ASCOLTA Matthew Sabatella in Ballad of America vol 1


Chorus
Fil-i-me-oo-ree-eye-ri-ay
Fil-i-me-oo-ree-eye-ri-ay
Fil-i-me-oo-ree-eye-ri-ay
To work upon the railway

I
In eighteen hundred and forty-one
I put me cord’roy breeches on
I put me cord’roy breeches on
To work upon the railway.
II
In eighteen hundred and forty-two
I left the Old World for the new
Bad cess to the luck that brought me through
To  work upon the railway
III
In eighteen hundred and forty-three ‘Twas then I met Miss Biddy MacGhee
And an illygant wife she’s been to me/While workin’ on the railway
IV
When we left Ireland to come here
And spend our latter days in cheer
Our bosses, they did drink strong beer
And Pat worked on the railway
V
It’s “Pat do this” and “Pat do that”   Without a stocking or cravat
And nothing but an old straw hat   While Pat works on the railroad
VI
In eighteen hudnred and forty-six The gang pelted  me with stones and brick.
Oh I was in a hell of a fix
While working  on the railroad.
VII
In eighteen hundred and forty seven
Sweet Biddy MacGhee, she went to heaven
If she left one child, she left seven   To work upon the railway
Traduzione italiano di Cattia Salto
Chorus
Fil-i-me-oo-ree-eye-ri-ay
Fil-i-me-oo-ree-eye-ri-ay
Fil-i-me-oo-ree-eye-ri-ay
lavorare sui binari della ferrovia

I
Nel 1841
misi i pantaloni di velluto,
misi i pantaloni di velluto,
per lavorare sui binari della ferrovia.
II
Nel 1842
lascia il Vecchio Mondo per il Nuovo,
la mala sorte (8)
mi portò
a lavorare sui binari della ferrovia.
III
Nel 1843
fu allora che incontrai Biddy
MacGheee
una compagna è stata per me
mentre lavoravo alla ferrovia.
IV
Quando lasciammo l’Irlanda per venire qui e trascorrere gli ultimi giorni in  allegria,
i nostri capi, ci davano birra forte
e Pat lavorava alla ferrovia.
V
E “Pat fa questo” e “Pat dai quello”,
senza calze e cravatta,
nient’altro che un cappellaccio di paglia,
mentre Pat  lavora alla ferrovia.
VI
Nel 1846
la squadra mi bersagliò con pietre e mattoni
ero in un pasticcio infernale
mentre lavoravo alla ferrovia
VII
Nel 1847
la cara Biddy MacGhee  andò in paradiso,
se lasciò dei figli, ne lasciò sette
a lavorare sui binari della ferrovia..

NOTE
8) bad cess è un’espressione irlandese (qui)

FONTI
http://www.traditionalmusic.co.uk/sea-shanty/Paddy_Works_on_the_Railway.htm
http://www.irishmusicdaily.com/poor-paddy-works-on-the-railway
http://ingeb.org/songs/oineight.html
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/515.html
http://www.joe-offer.com/folkinfo/forum/814.html
http://www.deadirishblues.com/song/0
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=79368
http://en.wikisource.org/wiki/Page:The_Clipper_Ship_Era.djvu/152
http://history.wiltshire.gov.uk/community/getfolk_print.php?id=425
http://www.grandefrontiera.it/index.php/2016-02-05-16-28-10/1865/19-timeline