Archivi tag: murder ballad

Donna Lombarda: a murder ballad from Italy

Leggi in italiano

“Donna Lombarda” (“Dame Lombarde” means “Lady from Lombardy,”) or “Dona Bianca”  (Dame White) is perhaps the most famous of the Italian ballads, also widespread in France and French Canada (Quebec). The ballad handed down to the present day through an infinity of regional variations, tells the story of a young wife instigated by her lover to poison her husband and of a newborn baby who miraculously begins to speak to reveal the intrigue. A typical murder ballad of Celtic area with a supernatural event!

Costantino Nigra considers “Donna Lombarda” originally from Piedmont and, according to the belief of the time that the ancient folk ballads reported the historical events dating back to the Middle Ages, identifies the woman in the Queen of the Lombards, Rosmunda; here is the legend, as the chronicle reported by Paul Deacon in the Historia Longobardorum: in 572 the daughter of the kings of the Gepids (ancient Pannonia) taken in marriage by the kings of the Lombards Alboin as “war trophy” organized the plot for killing her husband in favor of his lover Elmichi. However, the attempt to usurpation was unsuccessful and Rosmunda and Elmichi fled to Ravenna (together with part of the Longobard treasure). In Ravenna the two got married but Rosmunda had not lost the vice of infidelity, so soon after she tried to kill her second husband with the classic system so much advertised in the folk ballads: the poisoned food. Elmichi noticed the poison as he drank from the cup and forced Rosmunda to drink with him, thus they died killed by the same potion!

Queen Eleanor - Anthony Frederick Augustus Sandys 1858
Queen Eleanor – Anthony Frederick Augustus Sandys 1858

The Ballad: DONNA LOMBARDA

Probably the ballad “Dame Lombard” is not so ancient but it is spread in a large area from the North to the South of Italy. The textual and melodic versions change and the lyrics are adapted to the various dialects or rendered in an Italian so to speak “popular”, collected and classified here only in a small part.

NORTH-ITALY VERSIONS

The ballad with the title of “Dona Bianca”  is based on dialogues between the protagonists: the unfaithful wife, the lover, the husband and the child prodigy (because he speaks from the cradle while being newborn) . Yet an ancient noble context emerges in a few words : the husband returns from the hunt, preferred pastime by the medieval aristocracy, the garden where to find the snake is of a nobleman, the same name “Madonna” is a medieval term that is wife of a “dominus”.

La Lionetta (this song appears in several recordings, the first is in the album “Dances and Ballads of the Italian Celtic Area” Shirak, 1978) The version comes from Asti where it was collected by R. Leydi and F. Coggiola


O vòstu v’tti o dona Bianca
o vòstu v’nial ballo cun mi?
O si si si che mi a v ‘niria
ma j’o paura del me mari
Va n ‘tei giardino del mio galante(1)
la ié la testa dal serpentin
E ti t lu pie t lo piste in póer
e poi t’iu bute hit’un bicier ad vin
E so mari veti cà d’la cassa
o dona Bianca jo tanta sei
Ma va di là ‘nt’ la botejera
la jé un bicier dal vin pi bum
El cit enfant l’era ant’la cuna
papa papa beiv pò lulì
che la mamina vói fete muri
O beivlu ti o dona Bianca
se no t’lu fas beive a fil da spà
O si si si che mi lo bevria
ma jó paura d’ie mie masnà(2)
English translation  Cattia Salto
Do you want to come, Dame White ,
Do you want to come to the dance with me? “/”I’d like to come,
but I’m afraid of my husband.”
“Go to the garden of my gallant
there is the head of a serpent
and you take it and reduce it to dust
and then put it in a glass of wine ”
And the husband comes home from hunting/”O Dame White I am so thirsty”
“Go over to the cellar
there is a glass of the best wine ”
The little baby who was in the cradle/ “Daddy, daddy do not drink it
because mom wants to make you die ”
“Drink it yourself Dame White
otherwise I force you to drink with my sword “/ “Or yes, I would drink it,
but I fear for my children ”

NOTE
1) “galante” stands for a gentleman, a noble courtier; in other versions the garden is of the mother or the father of the woman
2) the woman tries to escape death by invoking her role as a mother. But the ballad is not complete, we can only imagine that the woman, forced by the sword to drink from the glass, dies poisoned!

In this other version coming from the land of “Quattro Province” the context is more direct and popular, instead of the invitation to the court ball, the man asks to have sex and the husband is back from work in the fields; but the ending is more complete both in the description of the woman’s death by poisoning that in the moralizing closing sentence.

Barabàn from Baraban 1994, text version collected in the field by the voice of Angelina Papa (1908), rice-worker of Sannazzaro de ‘Burgondi (Pavia)


Dona lombarda dona lombarda
fuma a l’amur fuma a l’amur
Mi no mi no o sciur cavaliere
che mi ‘l marito gh’i l’ò giamò
Là int’al giardino del mio bèl padre
si gh’è la testa dal serpentìn
la ciaparemo la pistaremo
fum ‘na butiglia dal noster bon vin
A vegn a cà ‘l sò marì d’in campagna
dona lombarda g’ò tanta set
O guarda lì int’la cardensola
gh’è una butiglia dal noster bon vin
L’è salta sù ‘l fantulìn de la cüna
bevalo nein bevalo nein
Cosa vuol dire dona lombarda
al noster bon vin l’è un po’ tulberì
Sarà la pulvara d’la cardensola
cà la fà ‘gnì un po’ tulberì
Dona lombarda dona lombarda
al noster bon vin t’la bévare ti
La prima guta che lu ‘l g’a dato
le la cumìncia a cambià i culur
secunda guta che la beviva
in tèra morta sì l’è cascà
Dona lombarda dona lombarda
arrivederci in paradìs
tà s’ta scardiva de fag’la ai alter
e ta t’le fada di ‘m bèla per tì
English translation  Cattia Salto
“Dame Lombarde, Dame Lombarde
let’s make love, let’s make love. ”
“Not me, not me, sir knight
that I have a husband already. ”
“There in the garden of my good father
there is the head of a pretty snake.
We’ll take it, we’ll crush it
in a bottle of our good wine. ”
Her husband comes house from fields
“Lombard woman, I am so thirsty”
“Oh, look there in the cupboard
there is a bottle of our good wine ”
the baby jumped on from the cradle:
“Do not drink it, do not drink it!”
“What does it mean, Dame Lombarde,
that our good wine is a little cloudy? ”
“It will be the dust of the cupboard
which makes it a little cloudy ”
Dame Lombarde, Dame Lombarde
our good wine, drink it! ”
After the first sip,
she begins to turn pale,.
after the second
she falled to the ground, dead.
“Dame Lombarde, Dame Lombarde
see you in Heaven!
You thought you were betraying others and you did it yourself. ”

Davide Bortolai from Ballate Lombarde 2007 (a remake very similar to the French version of the Malicorne)

The version from Venice has become a sort of “standard” supra-regional version

Giovanna Iris Daffini called “Callas of the Poor” in the text re-elaboration of Gualtiero Bertelli (founder of the Canzoniere Popolare Veneto)

 Francesco De Gregori & Giovanna Marini  from “Il fischio del vapore” – 2002 (Rome)

Fabrizio Poggi & Turututela fromCanzoni popolari 2002 (Pavia)

Le tre versioni testuali sono abbastanza simili, si riporta quella di Gualtiero Bertelli:


“Amami me che sono re”
“non posso amarti tengo marì”
“Tuo marito fallo morire, t’insegnerò come devi far:
Vai nell’orto del tuo buon padre taglia la testa di un serpentin
Prima la tagli e poi la schiacci
e poi la metti dentro nel vin”
Ritorna a casa il marì dai camp
” Donna Lombarda oh che gran sé”
“Bevilo bianco bevilo nero
bevilo pure come vuoi tu”
“Cos’è sto vino così giallino?”
“Sarà l’avanzo di ieri ser”
Ma un bambino di pochi mesi sta nella culla e vuole parlar
“O caro padre non ber quel vino
Donna Lombarda l’avvelenò”
“Bevilo tu o Donna Lombarda
tu lo berrai e poi morirai”
“E per amore del Re di Spagna
io lo berrò e poi morirò”
La prima goccia che lei beveva
lei malediva il suo bambin
Seconda goccia che lei beveva
lei malediva il suo marì
English translation  Cattia Salto
“Love me I’m a king”
“I can not love you I have a husband”
“Your husband will die, I will teach you how you must do:
Go to the garden of your good father cut the head of a snake
First cut it and then crush it and then put it in the wine ”
The husband returns from the fields
“Dame Lombarde I am so thirsty”
“Drink a withe wine, drink a red wine, drink it as you want”
“What is this wine so yellow?”
“it will be last night’s surplus”
But a child of a few months is in the cradle and wants to talk
“O dear father do not drink that wine
for Lombard Woman poisoned it”
“Drink it you Dame Lombarde
you will drink it and then you will die”
“And for love of the King of Spain
I will drink it and then I will die”
The first  sip she drank
was cursing her baby
after the second
she cursed her husband

CENTRAL-ITALY VERSIONS

Angelo Branduardi & Scintille di musica (Mantuan area) the version of Branduardi is shorter compared to the recording of Bruno Pianta collected by Andreina Fortunati of Villa Garibaldi (MN), 1975 (for the extended version here) The song is accompanied by the hurdy-gurdy, a typical popular instrument from the Middle Ages.


Donna lombarda, donna lombarda,
Ameme mì.
Cos volt che t’ama che ci ho il marito
Che lu ‘l mi vuol ben.
Vuoi vhe t’insegna a farlo morire
T’insegnerò mi.
Va co’ dell’orto del tuo buon padre
Là c’è un serpentin.
Vien cà il marito tutto assetato
Và a trar quel vin(1).
Ed un bambino di pochi anni
Lu l’ha palesà.
O caro padre non bere quel vino
Che l’è avvelenà.
Donna lombarda, bevi quel vino,
che l’è avvelenà. (2)
English translation  Cattia Salto
“Dame Lombarde, Dame Lombarde
love me ”
“How can I love you? I have a husband
who loves me”
“Do you want to teach you for killing him?/ I’ll teach you .
Go to the bottom of your good father’s garden,/ there is a little snake. ”
A thirsty husband comes home,
goes to get some wine.
But a child of a few years
he revealed it.
“O dear father, do not drink that wine
that is poisoned. ”
“Lombard woman, drink that wine,
that is poisoned. ”

NOTE
1) Branduardi skips the part where the woman crushes the head of the snake and puts it in the bottle of the best wine, as well as the fact that the husband knows how the wine is more turbid.
2) the ending


“Sol per amore del re di Francia,
sol per amore, del re di Francia io lo beverò
e poi morirò.”
Ogni goccino che lei beveva,
ogni goccino,che lei beveva: ”addio marì,
ciao marì”.
La s’intendeva da farla agli altri
la s’intendeva, da farla agli altri
la s’ l’è fata a le’
la s’ l’è fata a le’.
English translation  Cattia Salto
“I will drink it only for the love of the king of France,
I will drink it only for the love of the king of France,/and then I will die. ”
Every little drop that she drank
every little drop she drank: “farewell my husband.
Hi husband. ”
She really believed she was doing it to others
she really believed she was doing it to others
but she did it to herself
but she did it to herself

Caterina Bueno (Pistoia and Maremma area)
Franco Pacini

Riccardo Tesi & Maurizio Geri

The version was collected in 1979 by Franco Pacini (from Regina Innocenti of Pistoia) and was proposed by Caterina Bueno, who at the time continued to discover and cultivate young musicians of both popular and classical training.


– Donna lombarda, perché non m’ami?
Donna lombarda, perché non m’ami? –
– Perché ho marì.
Perché ho marì. –
– Se ciài il marito, fallo morire,
se ciài il marito, fallo morire,
t’insegnerò;
t’insegnerò:
Laggiù nell’orto del signor padre,
Laggiù nell’orto del signor padre
che c’è un serpèn
che c’è un serpèn
Piglia la testa di quel serpente,
piglia la testa di quel serpente,
pestàla ben,
pestàla ben.
Quando l’avrai bell’e pestata,
quando l’avrai bell’e pestata,
dagliela a be’,
dagliela a be’
Torna il marito tutto assetato,
torna il marito tutto assetato:
chiede da be’,
chiede da be’.
– Marito mio, di quale vuoi?
Marito mio, di quale vuoi?
Del bianco o il ne’?
Del bianco o il ne’? –
– Donna lombarda, darmelo bianco.
Donna lombarda, darmelo bianco:
ché leva la se’
ché leva la se’.
Donna lombarda, che ha questo vino?
Donna lombarda, che ha questo vino
Che l’è intorbé,
Che l’è intorbé?
– Saranno i troni dell’altra notte,
saranno i troni dell’altra notte,
che l’ha intorbé
che l’ha intorbé
S’alza un bambino di pochi mesi,
s’alza un bambino di pochi mesi:
– Babbo non lo be’
che c’è il velen
– Donna lombarda, se c’è il veleno,
Donna lombarda, se c’è il veleno,
lo devi be’ te,
lo devi ber te’.
English translation Cattia Salto
“Dame Lombarde why you dont’ love me?
“Because I have an husband.
Because I have an husband.”
“If you have an husband, we’ll make him die!
I’ll show you
I’ll show you
At the end of your father garden,
At the end of your father garden
you’ll find a snake
you’ll find a snake
cut the snake’s head,
cut the snake’s head
and crush it well
crush it well
When you’ll crush it well
When you’ll crush it well
you’ll offer (the poison) to your husband as a drink,
you’ll offer (the poison) to your husband as a drink.”
Her thirsty husband comes home,
Her thirsty husband comes home,
asking for some wine
asking for some wine.
“dear husband which you want?
dear husband which you want?
White or red?
White or red?”
“Dame Lombarde give me some white wine,
that removes my thirst
Dame Lombarde what has this wine?
It’s all torbid
It’s all torbid!”
The little baby speaks
The little baby speaks:
“Daddy don’t drink it,
that it is poisoned”
“Dame Lombarde if there is some poison
Dame Lombarden if there is some poison
you must drink it first
you must drink it first”

second part (french version)

LINK
https://homepage.univie.ac.at/helmut.satzinger/Wurzelverzeichnis/donnalomb.html
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=en&id=42932 http://goccedinote.blogspot.it/2012/05/donna-lombarda-testo-commento-e-video.html http://www.aess.regione.lombardia.it/percorsi/ canto_narrativo/canti/donna_lombarda/home.htm http://www.canzonierescout.it/g34.pdf http://www.umbc.edu/eol/magrini/mag-mus2.html http://www.webalice.it/macchiavelli/da_xoom/ donna_lombarda_malcapi_TTBB.pdf http://www.jstor.org/discover/10.2307/739356?uid=3738296&uid=2129&uid=2&uid=70&uid=4&sid=21103845500141 http://media.smithsonianfolkways.org/liner_notes/folkways/FW04482.pdf

Concealed death: Clerk Colvill & Georges Collins

Leggi in Italiano

Concealed death

LORD OLAF AND THE ELVES 
SCANDINAVIAN VARIANTS
BRITISH AND AMERICAN VERSIONS
FRENCH VERSIONS
ITALIAN VERSION

In The English and Scottish Popular Ballads, in Child ballad # 42 Clerck Colven (other titles Clerck Colvill or Earl Colvin) we find the same medieval ballad focused on the meeting between a knight about to marry and a fairy creature (or a jealous lover)

SCOTTISH VERSION:CLERK COLVILL CHILD # 42

The ballad begins with a quarrel between boyfriends: the future bride beseeches him not to visit his lover, a washerwoman, just on the eve of their wedding!
The knight denies any sexual involvement (normal administration!) but he is anxious to meet his lover again.
For a comparison between the versions A, B, C see the analysis by Christian Souchon (here)

Clerk-Colvill-ArthurRackhamThey have an obvious sexual relationship (in the coded language of the time), but then the man complains about his headache, she gives him a strip of fabric (poisoned) and announces his imminent death (or poisoning him by giving him one last kiss). The woman is clearly a water nymph and in fact as soon as the young man draws his sword to take revenge, she turns into a fish and dives into the water.

Frankie Armstrong from Till the Grass o’ergrew the corn 2006, ♪
The melody is an arrangement by Frankie from the one heard by Mrs. Brown from Falkirk, Stirling County.
Kate Fletcher & Corwen Broch from  Fishe or Fowle 2017, ♪
“One of many ballads from across Europe in which a man is doomed to death by his Other-Worldly lover.
We have used the words of Child 42 version B and the only existing melody for them from Mrs Brown (Anna Gordon) of Falkland. The transcribed melody has given rise to endless debate about how the words should fit to the refrain line of the music. We have chosen to sidestep the argument and sing the verses as given omitting the problematic line of melody.”

VERSION A
I
Clerk Colven (1) and his gay (2) lady
Were walking in yon garden green,
A belt (3) around her middle so small
Which cost Clerk Colven crowns fifteen.
II
“O harken to me, my lord,” she says
“O, harken well to what I do say:
If you go to the walls of Stream (4),
Be sure you touch no well fair’d maid.”
III
“O, hold your tongue,” Clerk Colven said,
“And do not vex me with your din.
I never saw a fair woman
But with her body I could sin.” (5)
IV
He’s mounted on his berry-brown steed
And merrily merrily rode he on,
Until he came to the walls of Stream,
And there he spied the mermaiden (6).
V
“You wash, you wash you mermaiden”,
“O, I will wash your sark of the silk (7).
It’s all for you, my gentle knight,
My skin is whiter than the milk(8).”
VI
He’s taken her by the milk white hand
And likewise by the grass-green sleeve,
he’s laid her down all on the grass,
Nor of his lady need he ask leave (9).
VII
“Alas! Alas!” says Clerk Colven,
“For oh so sore is grown my head.”
Merrily laughed the mermaiden,
“Aye, even on, till you be dead.”
VIII
“But you pull out your little pen-knife,
And from my sark you shear a gore,
And bind it round your lovely head,
And you shall feel the pain no more.”
IX
So he’s took out his little pen-knife,
And from her sark he sheared a gore,
He’s bound it round his lovely head;
But the pain it grew ten-times more.
X
“Alas! Alas!” cries Clerk Colven,
“For now so sore is grown my head.”
Merrily laughed the mermaiden,
“’twill I be away and you’ll be dead.”
XI
So he’s pulled out his trusty sword,
And thought with it to spill her blood;
But she’s turned to a fish again
And merrily sprang into the flood.
XII
He’s mounted on his berry-brown steed,
And drear and dowie rode he home,
Until he’s come to his lady’s bower
And heavily he’s lighted down.
XIII
“O, mother, mother, make my bed,
O, gentle lady, lay me down(10);
O brother, brother, unbend my bow(11),
It’ll ne’er be bent by me again.”
XIV
His mother she has made his bed,
His gentle lady laid him down,
His brother he unbent his bow,
It ne’er was bent by him again.

NOTES
1) according to the Danish folklorist Svend Grundtvig the name Colven is a corruption of Olafur in “Olvill” from the Faroese language (the Norse has long been spoken in the islands of Scotland). Also Clerck is a mispronunciation of Herr for Lord, in the stanza V the siren calls him “gentle knight”
2) as Giordano Dall’Armellina observes, the lady in other versions is defined lusty, that is greedy and ultimately possessive.
3) the belt is clearly a love token, it was customary, in fact, to exchange the promise of engagement, giving a “trinket” to the lady, not necessarily a diamond ring as we use today, but a hair clip or belt (obviously not less expensive)
4) in version B it is “Wells of Slane” misunderstood as “Wall of Stream” in version A; it could refer to the “Loch o ‘Strom” on the Mainland the largest of the Shetland Islands. The sacred well is generally a cleft in the earth in which the magical and healing water flows from the mother goddess’s womb, but if the spirit of the place is not placated it becomes deadly water. But here it represents the erotic energy that attracts the knight
5) translated into simple words: “do you think I’m the kind of man who goes to bed with every woman he meets?”
6) mermaiden is the siren, but he could be a nymph or an undine, the term with which the magical creatures of the inner waters are classified (see more). In Scotland and especially in the islands it is identified with a selkie
7) the beautiful girl is depicted as a washerwoman washing clothes by beating them on a marble stone (variant C and D). The image recalls the girl of the ford of the Irish tradition that is a harbinger of imminent death (banshee)
8) it is known that a snow skin was a fundamental requirement for the sexual excitement of the medieval knight
9) the whole stanza is a coded language to say that they have had a sexual intercourse
10) death in this case is not concealed and even the girlfriend immediately learns the news
11) in other versions says “O brother, take my sword and spear” to indicate that he will be buried with the warrior’s set as it was the custom in burials for people of rank in ancient European civilizations.

AMERICAN VERSION: GEORGE COLLINS 

Published in The Penguin Book of English Folk Songs it is the D version collected by George Gardiner in 1906 from the voice of Henry Stansbridge of Lyndhurst, Hampshire. The version, however, is very corrupt and diversified compared to the ballad of Norse origins.
It is the version on which American variants are modeled, almost transformed into a murder ballad.

Sam Lee The Ballad of George Collins from ‘Ground of its own’ 2012 (winner of the Barclaycard Mercury Prize 2012 see more) : amazing video clip

Shirley Collins from The Sweet Primroses 1967Alan Moores in a folk-country arrangement by Spud Gravely  version (in Ballads and Song of the Blue Ridge Mountains) also known as George Allen

 Sam Lee Version ( da qui)
I
George Collins walked out one may
morning, when may was all in bloom
and who  should he see but a fair pretty maid, washing her white marble stone (1)
II
She whooped she hollered she called so loud,
she waved her lilly white hand
“Come hither to me George Collins -cried she- for your life it won’t last you long”
III
He put his foot on the broad water side,
across the river sprung he,
he gripped his hands round her middle (2) so small and he kissed her red ruby lips (3)
IV
Then he road home to his father’s old house, loudly knocked with the ring
“arise, arise my father- he cried-
rise and please let me in”
V
“Oh arise, arise dear mother -he cried-
rise and make up my bed”
“arise, arise dear sister -he cried-
get a napkin (4) to tie round my head.
VI
For if I should die tonight
As I suppose I shall
Please bury me under that marble stone
That lies in fair Ellender’s hall(5)”
VII
Fair Ellender sat in her hall
weaving her silk so fine
who should she see but the finest corpse(6) that ever her eyes shone on
VIII
Fair Ellender called unto her head maid
‘Whose corpse is this so fine?’
she made her reply “George Collins is corpse an old true lover of mine”
IX
“Oh put him down my brave little boys
and open his coffin so wide
but I may kiss his red ruby lips
ten thousand times he has kissed mine”
X
This news been carried to fair London town
And wrote on London gate(7),
“six pretty maids died all in one night
‘twas all for George Collins’ sake”

NOTES
1) It is the stone on which the washerwoman beats and rubs her clothes. Another “marble stone” returns cited in the VI stanza, the marble slab in the hall or hill of Ellender
2) in the modest language of ballads it indicates a sexual relationship. Despite the jealous lover threatened him with death, George kisses her and embraces her: he probably does not consider her a danger
3) it is the deadly kiss of the nymph, (or the kiss of the plague) the woman is never described as a supernatural creature
4) the poisoned cloth that we saw in version A and B of Clerck Colven still comes back to wrap the sufferer’s head, but this time it’s a normal bandage
5) elsewhere written as hill. George is in his father’s house announcing his imminent death and asking to be buried in Ellender’s property. Shirley Collins sings
Bury me by the marble stone
That’s against Lady Eleanor’s hall.”
6) 6) the coffin was brought into the house of the lady who asked to remove the lid so that she could still kiss the lips of her lover. The sentence is a bit to be interpreted, it is the lady-in-waiting (or the housekeeper) to ask who is the corpse in the coffin. And it is Ellender who answers that he was her lover.
7) The final stanza seems to be a nineteenth-century addition in an ironic key, the six women died because of the venereal disease of George

french and breton versions 

LINK
http://www.sacred-texts.com/neu/eng/child/ch042.htm
http://www.sacred-texts.com/neu/eng/child/ch085.htm
http://chrsouchon.free.fr/chants/colvill.htm
http://www.nspeak.com/allende/comenius/bamepec/multimedia/saggio1.htm
http://www.gestsongs.com/16/collins.htm

http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=18313
http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/georgecollins.html
http://www.promonews.tv/videos/2012/11/01/sam-lee-ballad-george-collins-andrew-steggall
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=2210
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=41600
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=140832
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=64646

HENRY LEE

Child Ballad #68
TITOLI: Young Hunting, Henry Lee, Love Henry, Earl Richard, The Proud Girl.

Una murder ballad medievale sul classico triangolo amoroso, ha come vittima però il “predatore sessuale” (il Conte Richard) pugnalato dall’amante gelosa, che nasconde il corpo gettandolo in un pozzo. Nel finale compare anche la figura di un uccellino (o piccolo pappagallo) nel ruolo di ficcanaso. (prima parte qui)

LA VERSIONE AMERICANA

La ballata si è diffusa in America con il titolo di “Love Henry” ed è riportata in decine e decine di raccolte, e documentata con una decina di registrazioni sul campo conservate presso la Biblioteca del Congresso risalenti agli anni 1940. Testi e melodie sono tante.
In Britain, the song seems to have been largely confined to Scotland, but in America it has been found in most areas east of the Mississippi (there are also several versions from Texas). Bertrand Bronson’s Traditional Tunes of the Child Ballads lists forty-three melodies, mostly American but also from Ireland and Canada’s Maritime provinces. Versions with strong connections to modern old-time music can be found in Belden and Randolph. The most recent publications are in Warner and in Cazden/Haufrect/Studer.” (tratto da qui)

ASCOLTA Dick Justice in “Anthology of american folk music“, 1952
Dick Justice performed the song with his guitar in regular tuning, in the key of G. His playing style, on this song is the straightforward “hit bass, strum chord”, played in 3/4 time (waltz time). He sings it in the upper register, so characteristic of these early country artists. The melody is similar to the well-known Carter Family’s “Storms are on the ocean”. Singing ballads with guitar accompaniment was becoming more and more common in the early 20’s and 30’s and there are very few examples of solo ballad singing during the 78rpm records area. One has to go to field recordings made by folklorists all along the 20th century  to hear the unaccompanied singing of ballad singers. Due to the restricting nature of a chordal instruments like the guitar and the three minutes performance allowed but the 78rpm formats, these old ballads were often changed a lot for the new medium. The singer had to adapt his timing to the instrument and the story was shortened and cut down to only a few verses. (tratto da qui)

I
Get down, get down, little Henry Lee,
and stay all night with me.
The very best lodging I can afford
will be fare better’n thee.
II
I can’t get down, and I won’t get down,/ and stay all night with thee,
For the girl I have in that merry green land,
I love far better’n thee.
III
She leaned herself against a fence,/ just for a kiss or two;
With a little pen-knife (1) held in her hand, /she plugged him through and through.
IV
Come all you ladies in the town,
a secret for me keep,
With a diamond ring held on my hand
I’ll never will forsake.
V
Some take him by his lily-white hand,
some take him by his feet.
We’ll throw him in this deep, deep well,
more than one hundred feet.
VI
Lie there, lie there, loving Henry Lee,/ till the flesh drops from your bones.
The girl you have in that merry green land/ still waits for your return.
VII
Fly down, fly down, you little bird,
and alight on my right knee.
Your cage will be of purest gold,
in deed of property (3).”
VIII
I can’t fly down, or I won’t fly down,
and alight on your right knee.
A girl would murder her own true love
would kill a little bird like me.”
IX
If I had my bend and bow (4),
my arrow and my string,
I’d pierce a dart so nigh your heart
your wobble(5) would be in vain.”
X
If you had your bend and bow,
your arrow and your string,
I’d fly away to the merry green land
and tell what I have seen.
Tradotto da Cattia Salto
I
“Scendi, scendi giù, mio piccolo Henry Lee
e resta con me tutta la notte.
la stanza migliore che posso permettermi sarà molto meglio con te

II
No, non posso scendere e non voglio scendere giù
nè resterò con te tutta la notte 
perché ho una ragazza  in quel
bel paese 

e la amo molto più di te
III
Si sporse dallo steccato
disse che era solo per un bacio
e con il pugnale che teneva
nella mano
lo trapassò più e più volte
IV
Venite tutte voi signore della città
tenete un segreto per me 
all’anello di diamante che porto sulla mano,
mai rinuncerò!
V
Una lo prenda per per le mani bianche come gigli
l’altra per i piedi
lo butteremo in quel pozzo
profondo, profondo, profondo
più di cento piedi.
VI
Giaci lì, giaci lì, amato Herny Lee
finchè la carne si staccherà dalle tue ossa, la ragazza che hai in quel bel paese, aspetterà in eterno il tuo ritorno
VII
Vola giù, tu uccellino (2)
e posati sulle mie ginocchia
la tua gabbia sarà d’oro purissimo
di tua completa proprietà
VIII
Non volerò, non volerò giù
per posarmi sulle tue ginocchia,
una ragazza che uccide il suo proprio vero amore
ucciderebbe un uccellino come me
IX
Se avessi il mio arco armato
con corda e freccia
tirerei un dardo al tuo cuore
e il tuo trillo sarebbe inutile”
X
Se tu avessi arco armato
con corda e freccia
volerei via verso il bel paese
per raccontare quello che ho visto

NOTE
1) originariamente un ben più minaccioso “weapon knife”. La donna nelle murder ballads classiche uccide per lo più con uno stiletto, quasi sempre per gelosia, la rivale o l’amante infedele o entrambi.
2) nelle fiabe gli animali del bosco e specialmente gli uccelli, possiedono il dono della parola e interagiscono con i personaggi della storia, il nostro uccellino è un testimone oculare
3) indeed, a property; la figura del pappagallo è come innestata da un’altra ballata dal titolo “False Sir John” o “May Colvin”, la giovane gli promette una gabbietta d’oro, in cambio del silenzio. Scrive Barre Toelken “What the Parrots Tell Us That Child Did Not: Further Considerations of Ballad Metaphor”, in The Folklore Historian, Volume 14: “the parrot is in a cage (and has the promise of an even better one).  Both are single, potentially vulnerable actors protected from predatory intrusion by the proverbial idea…  that “safety is better than freedom.”  Clearly the cage (its gold and ivory of much greater value to humans than to parrots) is far more than a convenient bribe:  it is a metaphor for a human condition within a culturally constructed set of values.”
4) “bended bow”
5) warble

Bob Dylan ne ha fatto un arrangiamento con il titolo di Love Henry
ASCOLTA Bob Dylan in Love gone wrong 1993 (su Spotify)

I
“Get down, get down, Love Henry,” she cried.
“And stay all night with me.
I have gold chains, and the finest I have
I’ll apply them all to thee.”
II
“I can’t get down and I shan’t get down,/ Or stay all night with thee.
Some pretty little girl in Cornersville (1)
I love far better than thee.”
III
He layed his head on a pillow of down.
Kisses she gave him three.
With a penny knife that she held in her hand
She murdered mortal he.
IV
“Get well, get well, Love Henry, ” She cried,
“Get well, get well,” said she.
“Oh don’t you see my own heart’s blood
Come flowin’ down so free?”
V
She took him by his long yellow hair,
And also by his feet.
She plunged him into well water, where
It runs both cold and deep.
VI
“Lie there, lie there, Love Henry,” she cried,
“Til the flesh rots off your bones.
Some pretty little girl in Cornersville
Will mourn for your return.”
VII
“Hush up, hush up, my parrot,” she cried,
“And light on my right knee.
The doors to your cage shall be decked with gold
And hung on a willow tree.”
VIII
“I won’t fly down, I can’t fly down
And light on your right knee.
A girl who would murder her own true love
Would kill a little birdlike me.”
Tradotto da Michele Murino (qui)
I
“Vieni qui, vieni qui, amato Henry”, disse lei
“E resta con me tutta la notte.
Ho catene d’oro, e le più belle
che ho
le metterò tutte a te”
II
“Non posso venire e non verrò
nè resterò tutta la notte con te
C’è una bella ragazzina a
Cornersville
che amo molto più di te”
III
Lui chinò la testa sul guanciale di piume
Lei gli diede tre baci
e con un coltello che teneva nella mano lo colpì a morte
IV
“Guarisci, guarisci, amato Henry” gridò lei
“Guarisci, guarisci” disse
“Oh, non vedi
il sangue
che sgorga copioso dal mio cuore?”
V
Lo prese per i suoi lunghi capelli biondi
e per i piedi
lo immerse nella fredda acqua del pozzo
dove precipitò
VI
“Giaci lì, giaci lì, amato Herny”, disse piangendo
“Finchè la carne si staccherà dalle tue ossa imputridendosi, una graziosa ragazzina a Cornersville piangerà per il tuo ritorno”
VII
“Taci, pappagallo mio, taci”
gridò
“E posati sulle mie ginocchia
Le porte della tua gabbia saranno ornate con oro
su di un salice piangente”
VIII
“Non volerò, non volerò
per posarmi sulle tue ginocchia
Una ragazza che uccide il suo
amato
ucciderebbe un uccellino come me”

NOTE
1) Cornersville è un comune degli Stati Uniti d’America, situato nello Stato del Tennessee, nella Contea di Marshall

HENRY LEE

ASCOLTA Nick Cave & PJ Harvey & Bad Seeds in Murder Ballads 1996. La versione è riscritta ed arrangiata con lo stile personale di Nick Cave, la clip musicale è diretta da Rocky Schenck un languido
duetto, una sorta di romantica danza macabra

PJ HARVEY:
Get down, get down,
little Henry Lee
And stay all night with me
You won’t find a girl in this damn world
That will compare with me
And the wind did howl
and the wind did blow

La la la la la
La la la la lee
A little bird lit down on Henry Lee
NICK CAVE:
I can’t get down and I won’t get down
And stay all night with thee
For the girl I have in that merry green land
I love far better than thee
And the wind did howl
and the wind did blow

La la la la la
La la la la lee
A little bird lit down on Henry Lee
She leaned herself against a fence
Just for a kiss or two
And with a little pen-knife
held in her hand
She plugged him through and through
And the wind did roar and the wind did moan
La la la la la
La la la la lee
A little bird lit down on Henry Lee
PJ HARVEY:
Come take him by his lily-white hands
Come take him by his feet
And throw him in this deep deep well
That’s more than one hundred feet
And the wind did howl
and the wind did blow

La la la la la
La la la la lee
A little bird lit down on Henry Lee
Lie there, lie there, little Henry Lee
Till the flesh drops from your bones
For the girl you have in that merry green land
Can wait forever for you to come home
And the wind did howl
and the wind did moan

La la la la la
La la la la lee
A little bird lit down on Henry Lee
TRADUZIONE ITALIANO*
PJ HARVEY:
“Scendi, scendi giù,
piccolo Henry Lee,
e resta tutta la notte con me
non troverai una ragazza in questo dannato mondo,
che sia pari a me”
e il vento urlava
e il vento soffiava

lallalalalà
lallalalalì
un uccellino si posò su Henry Lee
NICK CAVE:
“No, non posso scendere e non voglio scendere giù
per restare la notte con te
perché la ragazza che ho in quelle belle terre verdi
la amo molto più di te”
e il vento urlava
e il vento soffiava

lallalalalà
lallalalalì
un uccellino si posò su Henry Lee
Si appoggiò contro lo
steccato
solo per qualche bacio
e con il piccolo stiletto
stretto nella mano
lo colpì più e più
volte
e il vento ruggiva
e il vento gemeva

lallalalalà
lallalalalì
un uccellino si posò su Henry Lee
PJ HARVEY:
“Venite e afferratelo per le mani bianco-giglio
venite e afferratelo per i piedi
e buttatelo in quel pozzo
profondo
profondo più di cento piedi”
e il vento urlava
e il vento soffiava

lallalalalà
lallalalalì
un uccellino si posò su Henry Lee
“Resta là, resta là piccolo Henry Lee,
finchè la carne si staccherà dalle ossa
perchè la ragazza che hai in quelle terre verdi
aspetterà in eterno il tuo ritorno a casa”
e il vento urlava
e il vento gemeva

lallalalalà
lallalalalì
un uccellino si posò su Henry Lee

(* rielaborata da  qui)
FONTI
http://www.ondarock.it/speciali/murderballad.htm
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_68
http://www.electricscotland.com/history/other/scott/lord_william.htm
https://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/C068.html
https://mainlynorfolk.info/tony.rose/songs/younghunting.html
http://www.maggiesfarm.it/ttt359.htm
http://www.nickcave.it/
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-HenryLee.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=12132
http://theanthologyofamericanfolkmusic.blogspot.it/2009/10/henry-lee-dick-justice.html

OMIE WISE

Se le murder ballad più antiche narrano di situazioni stereotipate, in quelle ottocentesche è più facile ritrovare il fatto di cronaca realmente accaduto che le ha precedute. Vedasi la murder ballad appalachiana dal titolo Omie Wise in cui nel 1808 a Randolph County, North Carolina l’amante massacra di botte e uccide la donna che ha messo incinta.

LA VERSIONE ROMANZATA

Così raccontò Braxton Craven (con lo pseudonimo di Charlie Vernon) in “Naomi Wise, or The wrongs of a beautiful girl (A true story)” 1851: il bel Jonathan Lewis si era invaghito della bella e giovane Naomi, un’orfanella accolta dagli Adams nella loro bella fattoria, e per un certo periodo i due si frequentarono e forse si scambiarono delle promesse matrimoniali; ma la famiglia di lui avrebbe voluto vederlo accasato con un migliore partito, tale Hattie Elliot, figlia del ricco commerciante per cui Jonathan lavorava in qualità di commesso. Ora Jonathan aveva occhi solo per Hattie, ma Naomi era in attesa di un figlio e si aspettava di essere sposata. Un giorno di primavera Naomi andò al fiume a prendere l’acqua e non ritornò più.

Il cadavere di Naomi venne ritrovato tempo dopo sulla riva del fiume con evidenti segni di strangolamento, il medico legale diagnosticò la causa della morte come “annegamento a seguito di violenza” e la trovò incinta.
Lo sceriffo andò subito ad arrestare Jonathan Lewis che finì in prigione in attesa del processo; riuscì a fuggire di prigione e venne ripreso qualche anno più tardi, processato e riconosciuto colpevole di evasione. Ma venne assolto per l’omicidio in quanto le prove erano solo circostanziali; in punto di morte però Jonathan confessò di aver annegato l’amante.

LA CRUDA REALTA’

Tutt’altra storia emerge nella ricostruzione di Eleanor R. Long-Wilgus nel suo libro “Naomi Wise, Creation, Re-Creation and Continuity in an American Ballad Tradition”  (2003) – “A True Account of Nayomy Wise.”
The poem was handwritten by Mary Woody not long after the murder but was unknown until the 1980s. Mary Woody’s very detailed account of the murder is quite different than Braxton Craven’s. Not a beautiful orphan girl, Naomi Wise was quite a bit older than Jonathan Lewis, and already had two illegitimate children when she met him. She was not seeking marriage from Lewis but a payment so she would not name him as father of her child, which, by the laws of North Carolina, would have required him to pay a sizeable basdardy bond to support the child.” (tratto da qui)

I BASTARDI SPECIALI
Per non sobbarcarsi la spesa del mantenimento dei figli illegittimi la Corona adottò nelle Colonie Americane un procedimento giudiziario ingegnoso.
Quando una donna non sposata era incinta veniva denunciata e processata: doveva dichiarare sotto giuramento il nome del padre del nascituro (il quale a sua volta doveva comparire in tribunale per discolparsi). Se l’uomo riconosceva il bambino veniva stipulato un bastardy bond che le rendeva responsabile del mantenimento del bambino. Se la donna si rifiutava di fare il nome dell’amante, allora era lei o la sua famiglia a dover provvedere a firmare la dichiarazione.
The North Carolina colony, starting in 1736, used a tool called the bastardy bond to protect the Crown from being responsible for the support of children born out of wedlock. Bastardy bonds placed the ultimate burden of support for a bastard child upon the father should the mother become unable to provide proper support. Otherwise, the child would become a ward of the local poor house and be an expense to the government. This English bond system was carried forward when North Carolina became a state in 1789. (tratto da qui)

In questa seconda ricostruzione Naomi era una donna “emancipata” madre già di due figli illegittimi con tanto di bastardy bond intestati a due uomini diversi e incinta di un terzo bambino; forse voleva ricattare Jonathan e farsi pagare una bella sommetta per il suo silenzio…

La versione standard del testo è quella riportata da Braxton Craven che romanzò la storia e dipinse Naomi come una dolce diciottenne assassinata da un predatore sessuale

ASCOLTA Doc Watson

ASCOLTA Pentangle

I
Oh, listen to my story, I’ll tell you no lies
How John Lewis did murder poor little Omie Wise
He told her to meet him at Adams’s Springs
He promised her money and other fine things
And a fool like she met him at Adams’s Springs
But no money did he bring her nor other fine things
II
“Go with me, little Omie and away we will go
We’ll go and get married and no one will know”
She jumped (climbed) up behind him and away they did go
But down to the river where deep waters flow
“John Lewis, John Lewis, won’t you tell to me your mind?
Do you intend to marry me or leave me behind?”
III
“Little Omie, little Omie, I’ll tell to you my mind
My mind is to drown you and leave you behind”
“Have mercy on my baby and spare me my life
I’ll go home as a beggar and never be your wife”
He hugged her and kissed her and turned her around
Then pushed her in deep waters where he knew that she would drown
IV
Then he got upon his pony and away he did ride
As the screams of little Omie went down by his side
T’was on a Thursday morning and the rain was pouring down
When the people searched for Omie but she could not be found
Then two boys went a fishin’ one fine summer day
And saw little Omie’s body go floating away
VII
They threw their nets around her and drew her to the bank
Her clothes all wet and muddy, they laid her on a plank
And they called for John Lewis to come to that place
And settled little Omie before him, that he might see her face
He made no confession but they carried him to jail
But no friends nor relations will come and go to his bail.
Traduzione di Cattia Salto*
I
Ascoltate la mia storia, non vi mentirò
di come John Lewis assassinò la povera piccola Naomi Wise.
Le disse d’incontrarlo ad Adams’s Spring
le promise di pagarla e altre belle
cose
scema lei che lo incontrò ad Adams’s Spring
che non le portò soldi e nemmeno cose belle
II
“Vieni con me, piccola Omie e ce ne andremo via
andremo a sposarci e nessuno lo saprà”
Lei saltò dietro a lui
e via andarono,
ma andarono dove scorrono le acque profonde.
“John Lewis, John Lewis, non mi vuoi dire cosa ti passa per la testa?
Intendi sposarmi o mi abbandonerai?”
III
“Piccola Omie, piccola Omie, ti dirò cosa ho in mente
La mia idea è di farti annegare e abbandonarti”
“Pietà del mio bambino e risparmiami la vita
ritornerò a casa mendica e non sarò più tua moglie”
Lui l’abbracciò e la baciò ma per prenderla in giro
e la gettò nelle acque profonde dove sapeva che sarebbe
affogata
IV
Poi montò in sella al suo pony e via cavalcò
mentre le grida della piccola Omie si affievolivano.
Era martedì mattina e pioveva a catinelle
quando si misero a cercare Omnie e non riuscivano a trovarla;
poi due ragazzi andarono a pescare in un bel giorno d’estate
e videro il corpo della piccola Omie che galleggiava
VII
Gettarono le loro reti per avvolgerne il corpo e lo trascinarono a riva
gli abiti tutti bagnati e infangati, la distesero su un’asse
e chiamarono John Lewis perchè andasse sul posto
e lo misero davanti alla piccola Omie perchè la guardasse in faccia.
Lui non confessò, ma lo portarono in prigione
e nessun amico e nemmeno i parenti andarano a pagare la cauzione

NOTE
* traduzione riveduta da Alberto Musica &Memoria qui

Più cruda e cinica la versione riportata da Bob Dylan
ASCOLTA Bob Dylan live 1961

I
Well she met him as she promised
up at Adam’s spring
expecting some money
or some other fine thing
II
“No money, no money
to flatter the case
We’ll have to get married
so there’ll be no disgrace.”
III
“So jump you up Omie
and away we will ride
to yonder fair country
where the cool waters glide.”
IV
She jumped up behind him
and away they did ride
to yonder fair country
where the deep waters glide
V
“Now jump you down Omie
and I’ll tell you my mind
my mind is to drown you
and to leave you behind.”
VI
She begged and she pleaded
“Oh, don’t take my life
and I will deny you
and I’ll never be your wife.”
VII
She kicked and he cuffed her
to the worst understand
and he threw her in deep water
that flows through the land
VIII
They found her poor body
the following day
the preacher and the reverend
Lord, they all begun to pray
IX
And up spoke her mother
with a voice so a-sting
“Nobody but John Lewis
could’ve done such a thing.”
X
They traced him up the waters
to Dutch Charlie’s Bend
For they found him in jail
for killin’ a man
XI
“Go hang him, go hang him.”
was that mother’s command
“And throw him in deep waters
that flows through the land.”
Traduzione riveduta da qui e qui
I
Lei lo incontrò come promesso
su ad Adams’s Spring
si aspettava un po’ di soldi
o qualche altra bella cosa.
II
“Niente soldi, niente soldi,
per sgonfiare la pancia (1)
dovremo sposarci
e non ci sarà disonore”
III
“Salta su, Omie,
e cavalcheremo via
verso un bel paese lontano
dove scorrono le fresche acque”
IV
Lei saltò dietro a lui
e via cavalcarono
verso un bel paese lontano
dove scorrono le acque profonde.
V
“Ora salta giù, Omie
e ti dirò cosa ho in mente.
La mia idea è di farti annegare
e abbandonarti”
VI
Lei supplicò e pregò
“Oh non prendere la mia vita
oh, io rinnegherò di averti sposato
e non sarò più tua moglie”
VII
L’ha presa a calci e a schiaffi
con le peggiori intenzioni
e l’ha gettata al fondo del fiume
che scorre per il paese
VIII
Hanno trovato il suo povero corpo
il giorno seguente
il pastore e il reverendo
Dio, tutti cominciarono a pregare
IX
E sua madre parlava
con voce rabbiosa
“Nessun se non John Lewis
può aver fatto una cosa simile”
X
Lo inseguirono lungo il fiume
fino alla Dutch Charlie’s Bend
dove lo trovarono in carcere
per aver ucciso un uomo
XI
“Impiccatelo, impiccatelo”
fu la richiesta della madre
“Gettatelo nelle acque profonde
che scorrono per il paese”

FONTI
http://www.appalachianhistory.net/2015/11/bastardy-bonds.html
https://randolphhistory.wordpress.com/2009/06/03/naomi-wise/
http://www.murderbygaslight.com/2009/09/naomi-wise_05.html
https://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/omiewise.html
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-OmieWise.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=18313
http://www.jstor.org/discover/10.2307/535498?uid=3738296&uid=2129&uid=2&uid=70&uid=4&sid=21102583399253
https://rosamondpress.com/2011/11/27/the-murder-of-omie-wise/
http://www.maggiesfarm.eu/testiO/omiewise.htm

THE JEW’S GARDEN

“Little Sir Hugh”, “Fatal Flower Garden”, “Sir Hugh, or the Jew’s Daughter”  è una antica ballata registrata al numero 155 dal professor Francis James Child, una murder ballad incentrata  apparentemente su un “omicidio rituale“; siamo alle radici delle leggende metropolitane sui rapimenti dei bambini a sfondo religioso, così in Inghilterra la morte di Hugh di Lincoln nel 1255 riportata ne “The Annals of Waverly” scatena l’odio razziale contro gli Ebrei: il corpo del bambino viene ritrovato un mese dopo la sua scomparsa in un pozzo e la “vox populi” addita gli Ebrei; uno di loro sotto tortura confessa l’assassinio e per buona misura una ventina di ebrei sono impiccati con l’accusa di omicidio rituale (e ovviamente i loro beni sono incamerati dalla Corona).
Così scrive il cronista “This year [1255] about the feast of the apostles Peter and Paul [27 July], the Jews of Lincoln stole a boy called Hugh, who was about eight years old. After shutting him up in a secret chamber, where they fed him on milk and other childish food, they sent to almost all The cities of England in which there were Jews, and summoned some of their sect from each city to be present at a sacrifice to take place at Lincoln, in contumely and insult of Jesus Christ. For, as they said, they had a boy concealed for the purpose of being crucified; so a great number of them assembled at Lincoln, and then they appointed a Jew of Lincoln judge, to take the place of Pilate, by whose sentence, and with the concurrence of all, the boy was subjected to various tortures. They scourged him till the blood flowed, they crowned him with thorns, mocked him, and spat upon him; each of them also pierced him with a knife, and they made him drink gall, and scoffed at him with blasphemous insults, and kept gnashing their teeth and calling him Jesus, the false prophet. And after tormenting him in diverse ways they crucified him, and pierced him to the heart with a spear. When the boy was dead, they took the body down from the cross, and for some reason disemboweled it; it is said for the purpose of their magic arts
Manco a dirlo il bambino viene venerato e chiamato” il piccolo Ugo di Lincoln” (non proprio un santo ma nella Cattedrale viene approntato un piccolo santuario subito meta di pellegrinaggi)

ACCUSA DEL SANGUE

L’accusa del sangue così di moda nel mondo cristiano dell’Europa Medievale è basata sulla “dimenticanza” cristiana di un fondamento biblico condiviso dai primi Cristiani, dagli Ebrei e dai Musulmani e più in generale nel pensiero antico: il sangue è vita (anima della carne).
Anticamente per rinnovare la propria forza vitale si beveva sangue o si mangiava la carne delle vittime sacrificate agli dei; ma il Dio del credo monoteista orientale vietava ai suoi seguaci di cibarsi del sangue degli animali offerti in sacrificio; il sangue si appropria allora di un nuovo distintivo significato quello dell’alleanza tra Dio e l’uomo (o meglio il suo popolo): il sangue degli agnelli e la fuga degli Ebrei schiavi dall’Egitto.
Senonchè il sangue di Gesù sulla croce è il simbolo del “nuovo” patto (nel Vangelo è detto “il sangue del patto” ) cioè è il sangue che purifica il cristiano da ogni peccato, da cui il nuovo binomio Cristo = Agnello di Dio che “toglie i peccati dal mondo”

Nella Creazione Dio è decisamente vegetariano e vieta all’uomo e agli animali di nutrirsi di altri esseri viventi diversi dalle piante. Solo dopo il diluvio universale concede a Noè e alla sua famiglia di cibarsi di altri esseri viventi con il divieto di strappare la carne da un animale ancora vivo (Dio non consente di far soffrire inutilmente un animale senza averlo prima ucciso).
La Toràh vieta espressamente “di mangiare sangue” e le carni  kosher vengono macellate e trattate in modo da togliere loro tutto il sangue, la Chiesa invece liberalizza l’uso delle carni contenenti il sangue grosso modo nel 1400, con il Il Concilio di Basilea – Ferrara – Firenze – Roma   in cui si dichiarano definitivamente superate le pratiche giudaiche della circoncisione e del sabato, nonché il decreto di Gerusalemme sulle cose immolate, sul sangue e sulle carni sacrificate.
“La sacrosanta chiesa cattolica, quindi, dichiara apertamente che, da quel tempo, tutti quelli che osservano la circoncisione, il sabato e le altre prescrizioni legali, sono fuori della fede di Cristo, e non possono partecipare della salvezza eterna, a meno che non si ricredano finalmente dei loro errori. Ancora, comanda assolutamente a tutti quelli che si gloriano del nome di cristiani, che si deve cessare dal praticare la circoncisione sia prima che dopo il battesimo perché, che vi si confidi o meno, non si può in nessun modo praticarla senza perdere la salvezza eterna……..Crede fermamente, confessa e predica che ogni creatura Dio è buona e niente dev’essere respinto quando è accettato con rendimento di grazie (1 Timoteo 4,4); poiché, secondo l’espressione del Signore non ciò che entra nella bocca contamina l’uomo (Matteo 15,11). E afferma che la differenza tra cibi puri e impuri della legge mosaica deve considerarsi cerimoniale e che col sopravvenire del Vangelo è passata e ha perso efficacia. Anche la proibizione degli apostoli delle cose immolate ai simulacri, del sangue e delle carni soffocate (Atti 15,29) era adatta al tempo in cui dai giudei e gentili, che prima vivevano praticando diversi riti e secondo diversi costumi, sorgeva una sola chiesa. In tal modo giudei e gentili avevano osservanze in comune e l’occasione di trovarsi d’accordo in un solo culto e in una sola fede in Dio, e veniva tolta materia di dissenso. Infatti ai Giudei per la loro lunga tradizione potevano sembrare abominevoli il sangue e gli animali soffocati, e poteva sembrare che i gentili tornassero all’idolatria col mangiare cose immolate agli idoli. Ma quando la religione cristiana si fu talmente affermata da non esservi più in essa alcun Giudeo carnale, ma anzi tutti d’accordo erano passati alla chiesa, condividendo gli stessi riti e cerimonie del Vangelo, persuasi che per quelli che sono puri ogni cosa è pura (Tito 1,15), allora venne meno la causa di quella proibizione, e perciò anche l’effetto. Essa dichiara, quindi, che nessun genere di cibo in uso tra gli uomini deve essere condannato, e che nessuno, uomo o donna, deve far differenza di animali, qualunque sia il genere di morte che abbiano incontrato, quantunque per riguardo alla salute del corpo, per l’esercizio della virtù, per la disciplina regolare ed ecclesiastica, molte cose, anche se permesso, possano e debbano non mangiarsi. Secondo l’apostolo, infatti, tutto è lecito, ma non tutto conviene (1 Corinzi 6,12 e 1 Corinzi 10,22)”. [Sessione XI  del 4 febbraio 1442 del Concilio di Basilea – Ferrara – Firenze – Roma]
Da allora con la premessa che il cibo è un dono del Signore, la Chiesa  smette di questionare sui tipi di carne consentita e preferisce stilare le norme sull’astinenza e il digiuno.
Anche nel Corano il consumo della carne è permesso ma alcuni animali sono considerati impuri, l’uccisione dell’animale inoltre deve essere sacralizzata come rispetto della vita.
La giurisprudenza islamica, sulla scorta delle prescrizioni coraniche e della tradizione profetica, ha costruito una teoria generale in base alla quale viene regolamentato il regime alimentare del musulmano. Sono infatti considerati impuri e pertanto proibiti (harām): 1) alcune specie di animali e in particolare il maiale; 2) le carogne di animali; 3) gli animali che non siano stati cacciati o che non siano stati macellati secondo il metodo prescritto; 4) le vittime sacrificali; 5) il sangue; 6) i cibi divenuti impuri per contaminazione; 7) il vino e le bevande alcoliche.” (tratto da qui)

PASQUA DI SANGUE

Nonostante il grande rispetto degli ebrei verso il sangue come fonte della vita, i Cristiani (originariamente una delle tante sette ebraiche) diffondevano a piene mani le calunnie verso gli Ebrei e la Pasqua ebraica arrivando ad affermare che gli Ebrei a Pasqua rapivano i loro bambini  uccidendoli nei modi più atroci per utilizzarne il sangue a scopi rituali (cioè ci pucciavano il pane azzimo o ci facevano un energy-drink con il vino).
I miasmi della propaganda  politico-religiosa mi danno il voltastomaco e perciò qui mi fermo.

LA BALLATA

La leggenda metropolitana è ripresa un secolo più tardi da Geoffrey Chauces nei sui “Racconti di Cantebury” ( il racconto della Madre Priora) e la ballata “Sir Hugh or The Jew’s Daughter” circolò in forma orale in Gran Bretagna e negli Stati Uniti non necessariamente come  ballata antisemita. Il giardino che compare a volte nei titoli è il luogo del magico e del proibito e il giardino dell’Eden in cui il ragazzo viene tentato (tormentato) dal sesso e la morte è un passaggio metaforico che lo trasforma in uomo.
James Orchard Halliwell in Popular Rhymes and Nursery Tales of England (London, 1849) cita “Child Roland and the King of Elfland” come ballata antecedente: là i giovanetti giocano a palla nella città di  Carlisle e con un tiro maldestro la gettano “o’er the kirk he gar’d it flee”; i bambini che la vanno a cercare finiscono uno per volta in una terra incantata; così guardando ancora alle fiabe troviamo “la Principessa e il Ranocchio” in cui la ragazzina giocando con la palla la getta maldestramente nello stagno (o nella fontana o guarda caso un pozzo!) E la palla è tonda e dorata proprio come una mela di Avalon!

‘The Frog Prince’ – Old, Old Fairy Tales, Anne Anderson, 1935.

Ed ecco apparire il secondo elemento sempre tipico delle fiabe che raccontano di amore e di sesso (iniziazione sessuale): l’archetipo del “seduttore” o del “predatore sessuale”, sia esso il Principe Ranocchio o il Cavaliere Elfo o la Sirena/Fata.

Un altro punto fisso o per lo meno ripetuto spesso è quello del cattivo tempo, si descrive una giornata di pioggia o una nevicata o ancora una giornata nebbiosa, non certo il tempo più indicato per stare all’aperto e giocare a pallone, perchè si tratta di un codice letterario che avvisa gli ascoltatori che qualcosa di soprannaturale, funesto o magico sta per accadere.
Un altro punto cardine è quello dell'”oggetto del desidero” cioè una mela o un anello d’oro o una ciliegia; la mela è il classico simbolo della tentazione , l’anello  è al solito la ricompensa del matrimonio d’amore e la ciliegia rosso sangue la minaccia di morte se il ragazzo fallisce la prova.
E’ del tutto evidente che una ballata basata sull’archetipo “femmina fatale che seduce un giovanetto”  si connota in un certo punto storico di un “omicidio rituale” a sfondo antisemitico, ma nelle versioni americane la ragazza diventa “the jeweler’s daughter”, o più genericamente la figlia del Re o del Duca, o ancora la regina o più semplicemente una “lady”. In Scozia e in America diventa una “gipsy”.

In alcune versioni americane la donna è una parente del bambino, una zia a cui è stato affidato e che lo tiene malvolentieri o la stessa madre e il bambino è il figlio illegittimo.

Sam Lee in “Ground Of Its Own” 2012 con il titolo Jews Garden: e lo scacciapensieri ti entra in testa e non se ne va più..

o se preferite la versione live 2013

Steeleye Span in Commoners Crown, 1975 con il titolo di Little Sir Hugh che preferiscono la versione americana della ballata senza riferimento diretto alla figlia dell’ebreo


CHORUS
“Mother, mother, make my bed,
Make for me a winding sheet.
Wrap me up in a cloak of gold,
See if I can sleep.”
I
Four and twenty bonny, bonny boys playing at the ball.
Along came little Sir Hugh,
he played with them all.
He kicked the ball very high,
he kicked the ball so low,
He kicked it over a castle wall
where no one dared to go.
II
Out came a lady gay,
she was dressed in green.
“Come in, come in little Sir Hugh,
fetch your ball again.”
“I won’t come in, I can’t come in without my playmates all;
For if I should I know you would cause my blood to fall.”
III
She took him by the milk white hand, led him to the hall
Till they came to a stone chamber where no one could hear him call.
She sat him on a golden chair,
she gave him sugar sweet,
She lay him on a dressing board and stabbed him like a sheep.
IV
Out came the thick thick blood,
out came the thin.
Out came the bonny heart’s blood
till there was none within.
She took him by the yellow hair and also by the feet
She threw him in the old draw well fifty fathoms deep.
Traduzione di Cattia Salto *
CORO
“Madre o madre, fammi il letto
e preparami il sudario
avvolgimi in un manto dorato
che io possa riposare” (1)
I
24 bei ragazzi
giocavano a pallone (2)
giunse il piccolo sir Ugo
ed era il più bravo di tutti.
Calciava la palla verso l’alto
calciava la palla verso il basso
la calciò oltre il muro del castello
dove nessuno osava andare
II
Uscì una dama gaia,
vestita di verde (3)
“Entra, entra piccolo sir Ugo
per riprendere la palla”
“Non entro no;
non senza tutti gli altri calciatori
perchè se lo farò son certo che tu mi caverai il sangue”
III
Lo prese con la bianca mano
e lo portò in casa
fino alla segreta di pietra (4) dove nessuno lo avrebbe sentito gridare
lo mise su una sedia dorata
e gli diede delle gelatine (5)
lo stese su un asse da cucina (6) e lo accoltellò come una pecora
IV
Uscì il sangue, il sangue denso
e uscì quello fluente;
uscì il sangue del suo bel cuore
finchè non ne rimase più.
Lo prese dalla bionda testa e anche dai piedi
e lo gettò nel vecchio pozzo profondo 50 tese.

NOTE
* dalla traduzione di Riccardo Venturi (tratta da qui)
1) nelle versioni più antiche si aggiunge il particolare della madre del bambino alla ricerca del figlio scomparso e della miracolosa apparizione del suo spettro
2) il gioco della palla è un tipico passatempo dei ragazzi e delle giovinette nelle ballate medievali e veniva praticato nelle vie cittadine o nei parchi dei castelli
3) la dama verde vestita potrebbe benissimo essere una Fata
4) letteralmente una stanza di pietra, che suggerisce l’idea di una cantina
5) essendo nel medioevo vien da pensare a dei canditi o a gelè di frutta: sono i dolcetti che la “fata” ha usato per tentare il ragazzo e convincerlo ad entrare, come non pensare  ai lokum offerti a Edmund dalla strega bianca di Narnia? (la ricetta qui)
6) Riccardo Venturi traduce con “tavolo da cucire”, è piuttosto un grande tagliere che richiama per l’appunto il ceppo di legno su cui si tagliano le carni macellate

LA VERSIONE NURSERY RHYMES

La ballata ha una vasta tradizione come filastrocca per bambini ridotta a un paio di strofe, nella storia è la balia a uccidere il bambino, perfetta come ninna-nanna di Halloween

(il post è ancora in elaborazione con approfondimenti prossimamente)
FONTI
https://epub.uni-regensburg.de/27344/1/ubr13573_ocr.pdf
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=40854
http://www.poetrycat.com/frank-sidgwick/sir-hugh-or-the-jews-daughter
http://www.sacred-texts.com/neu/eng/child/ch155.htm
http://www.jewishvirtuallibrary.org/united-kingdom-virtual-jewish-history-tour
https://www.openstarts.units.it/dspace/bitstream/10077/12898/7/Scopel_2016_Prescrizioni_alimentari.pdf
http://bluegrassmessengers.com/the-jews-garden–mo-1903-williams-belden-a.aspx
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/66258/7
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/15412/7
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/27597/7
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/41240/7
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/68905/7
http://www.musicanet.org/robokopp/scottish/4and20.htm
http://theanthologyofamericanfolkmusic.blogspot.it/2009/10/fatal-flower-garden-nelstones-hawaiians.html
http://www.ondarock.it/recensioni/2012_samlee_groundofitsown.htm
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-FatalFlow.html
https://maxhunter.missouristate.edu/songinformation.aspx?ID=184
https://maxhunter.missouristate.edu/songinformation.aspx?ID=0335
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=7550&lang=it
https://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/littlesirhugh.html

WHERE THE WILD ROSES GROW

Nick Cave è un musicista australiano (e singolare è dir poco) che ha fatto uno strepitoso lavoro sulle “ballate degli omicidi” rielaborando testi e melodie tradizionali in UK e Irlanda, riscrivendo e componendo di suo pugno  e pubblicando un album nel 1996 con il titolo di “Murder Ballads“.

Prendiamo “Where The Wild Roses Grow” che per molti versi richiama un paio di ballate popolari come la versione scozzese di “The Banks of the Red Roses” ma anche “Willow garden”  declinata nello stile “antologia di Spoon River”; il concetto di fondo è il controllo maschile sulla donna e la sua “giusta” punizione: la donna viene uccisa perchè deve essere punita, a causa della sua sessualità selvaggia.
La formula del duetto botta e risposta, è propria delle love song basate sul contrasto amoroso, innocue schermaglie (ma solo in apparenza) in cui l’uomo cacciatore conquista e seduce la donna con le buone o con le cattive, mentre lei invece difende la sua virtù quasi sempre ad oltranza. Tuttavia la seduzione spesso si configura come uno stupro con la ragazza costretta ad acconsentire e praticamente senza possibilità di scelta.
Nelle murder ballad a sfondo sessuale s’inserisce un ulteriore elemento di violenza: certamente ci sarà una causa scatenante per l’omicidio (il movente), che siano gli interessi economici o la gelosia, ma non è tutto, nel profondo dell’omicida si agitano pulsioni e forze devastanti, i veri soggetti della storia.
In poesia come nelle canzoni (con l’aggiunta della musica) le parole hanno il potere di dire molto di più del loro significato e il video girato dal regista Rocky Shenck è ugualmente rivelatore: la donna è ripresa come una Barbie rotta che galleggia sulle acque basse e torbide del lago e una serpe le striscia accanto (che non a caso finisce  sul pube ), è stata proprio la sua innocenza a tentare l’uomo! Una volta assaporato il piacere e liberata la  sessualità della Rosa Selvatica l’uomo sente l’irrefrenabile impulso di sopprimerla, c’è un che di serial killer nella storia, la ragazza potrebbe essere una delle tante vittime  e l’assassino ne ritualizza la morte con la dolcezza (sulle note di un romantico valzer lento).  Non a caso vengono inquadrati più volte i salici  che suggellano l’inquadratura finale, a parte l’omaggio alla tradizione (“Willow garden”) il salice nelle ballate popolari è un simbolo, quello del rimpianto citato spesso nelle “warning song”.

Leopold Burthe: Ophelia, 1852

Nick Cave & The Bad Seeds/Kylie Minogue


CHORUS

They call me The Wild Rose
But my name was Elisa Day
Why they call me it I do not know
For my name was Elisa Day
‎I
‎From the first day I saw her
I knew she was the one
As she stared in my eyes and smiled
For her lips were the colour
of the roses
They grew down the river,
all bloody and wild
‎II
When he knocked on my door
and entered the room
My trembling subsided
in his sure embrace
He would be my first man,
and with a careful hand
He wiped the tears
that ran down my face
‎III
‎On the second day
I brought her a flower
She was more beautiful
than any woman I’d seen
I said, ‘Do you know
where the wild roses grow
So sweet and scarlet and free?’
‎IV
On the second day
he came with a single rose
Said: ‘Will you give me
your loss and your sorrow?’
I nodded my head,
as I layed on the bed
He said, ‘If I show you the roses
will you follow?’
‎V
On the third day
he took me to the river
He showed me the roses
and we kissed
And the last thing I heard
was a muttered word
As he stood smiling above me
with a rock in his fist
‎VI
‎On the last day I took her
where the wild roses grow
And she lay on the bank,
the wind  light as a thief
As I kissed her goodbye, I said,
‘All beauty must die’
And lent down and planted
a rose between her teeth
Traduzione di Cattia Salto *
CHORUS LEI
Mi chiamano la Rosa Selvatica
ma il mio nome era Elisa Day.
Perché mi chiamino così, non so
perchè il mio nome era Elisa Day
I LUI
Dal primo giorno che la vidi
seppi che era lei quella per me (1),
appena mi fissò negli occhi e sorrise
con il colore delle rose
sulle labbra
quelle che crescevano lungo il fiume, insanguinate e eccitanti (2)
II LEI
Quando bussò alla porta
e entrò nella stanza
i miei brividi si smorzarono
nel suo abbraccio deciso.
Sarebbe stato il mio primo uomo,
e con  un gesto protettivo
asciugò le lacrime
che mi scorrevano sul viso
III LUI
Il secondo giorno
le portai un fiore
era la più bella donna
che avessi mai visto.
Le dissi “Tu sai
dove crescono le rose selvatiche
quelle dolci e scarlatte e libere?”
IV LEI
Il secondo giorno
lui arrivò con una sola rosa rossa
Disse: “Vuoi darmi
la tua resa e il tuo rimpianto (3)?”
Annuii mentre
mi stendevo sul letto
Lui disse: “Se ti mostro le rose
tu mi seguirai?”
V LEI
Il terzo giorno
mi portò al fiume
mi mostrò le rose
e ci baciammo
e l’ultima cosa che udii
fu una parola sussurrata
mentre lui stava sorridente su di me con una pietra in pugno
VI LUI
L’ultimo giorno la portai
dove crescono le rose selvatiche
e si distese sulla riva,
con il  soffio(4) leggero di un ladro
le diedi il bacio d’addio, dissi,
“Tutte le cose belle devono morire”
la colpii e le ficcai
una rosa tra i denti

NOTE
1) la frase in inglese è molto più incisiva nella semplicità di quel “the one” la sola, l’unica per me: l’uomo cerca un certo tipo di donna quella “fatta” per lui, casta e pura
2) il paragone al personaggio di Ofelia soccorre inevitabile e la parola “wild” suggerisce la follia, ma qui è solo l’uomo ad essere un  folle vero. I termini “Bloody and wild” gettano subito una luce sinistra sulla storia che apparentemente potrebbe sembrare la banale storia di un “colpo di fulmine”: le labbra della donna sono rosso sangue e scatenano una furia “incontrollata” nell’uomo. La parola “wild” ha una sfumatura di sregolatezza, di condotta morale fuori dal controllo della legge (maschile) mista a intensa eccitazione sessuale.
3) qui l’uomo le sta chiedendo di dargli la sua verginità:
“loss” è la perdita di qualcosa di prezioso e “sorrow” è la sofferenza causata da una perdita
4) ho forzato un po il termine Wind letteralmente il vento leggero come un ladro perchè nel verso precedente in cui lei descrive la stessa scena, è il vento che porta il sussurro delle parole di lui
FONTI
http://www.musicaememoria.com/NickCave-MurderBallads.htm
http://www.musicaememoria.com/nick_cave_where_the_wild_roses.htm
http://diarioperinaviganti.blogspot.it/2008/01/una-ballata-assassina.html
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=44673

THE WIND AND RAIN

Bonny_Swan_by_SarachmetLa ballata “The two sisters” è originaria dalla Svezia o più in generale  dai paesi scandinavi (in epoca pre-cristiana) ma si è diffusa largamente  anche in alcuni paesi dell’Est e nelle isole britanniche.

Nella prima parte ho analizzato il plot della ballata descritta nella fiaba scozzese “The singing breastbone” e la sua messa in musica nella versione scozzese di “Binnorie”. (vedi prima parte). La seconda parte è dedicata alla versione “Cruel Sister” riportata in auge dai Pentangle negli anni del folk revival (vedi seconda parte). Una parte a sè merita la versione dell’artista canadese Loreena McKennit (vedi terza parte)

La narrazione si presta come sempre a molteplici letture fuori dal testo e tuttavia nell’approdare in America si sfronda degli aspetti favolistici e mitici (re, regine, cigni e strumenti magici) per diventare una più tipica murder ballad: il movente non è solo la gelosia ma principalmente  una questione di denaro. (vedi quinta parteAnche la caratterizzazione delle sorelle una bionda e l’altra bruna viene meno, sono semplicemente la  maggiore e la minore d’età.
Ma prima di arrivare a questo estremo ci sono tutta una serie di versioni intermedie tra cui quella irlandese o irlandese/appalacchiana intitolata “The wind and rain” è la più conosciuta.

QUARTA VERSIONE: O THE  WIND AND RAIN

Questa versione irlandese si è diffusa in America e Bob Dylan la trasformerà,  con la stessa cadenza, nella sua canzone Percy’s Song. Qui la storia descrive le due sorelle come innamorate  dello stesso ragazzo, il figlio del mugnaio, sono sempre la bionda  e la bruna della fiaba scozzese, e la gelosia è il movente dell’omicidio, ma i personaggi sono diventati la gente del popolo e la macabra arpa magica parlante un più comune violino.

ASCOLTA Altan in Local Ground 2005 Nel nuovo corso pur restando sempre fedeli alla tradizione irlandese (in particolare del Donegal e gli influssi scozzesi) gli Altan si approcciano alla balladry americana e alla musica appalacchiana.

Una versione strepitosa è quella bluegrass di Jerry Garcia & David Grisman in Shady Grove

ASCOLTA Crooked Still in “Shaken By a Low Sound“, 2009
che così inizia
There were two sisters came walkin’ down the stream
Oh the wind and rain
Older one pushed the youngest one in
Cryin’ oh the dreadful wind and rain
Johnny gave the youngest a gay gold ring
Didn’t give the oldest one anything

VERSIONE ALTAN
There were two sisters of County Clare(1)
Oh, the wind and rain
One was dark and the other was fair
Oh, the dreadful wind and rain
And they both had the love of the miller’s son
But he was fond of the fairer one
So she pushed her into the river to drown
And watched her as she floated out
She floated ‘til she came to the miller’s pond
Dead on the water like a golden swan (3)
And she came to rest on the riverside
And her bones were washed by the rolling tide
And along the road (woods) came a fiddler fair
And found her bones just lying there.
So he made a fiddle peg of her long finger bone(x2)
And he strung his fiddle bow with her long yellow hair
And he made a little fiddle of her little breast bone
But the only tune(3) that the fiddle would play
Was oh, the dreadful wind and rain
tradotto da Cattia Salto
C’erano due sorelle nella Contea di Clare (1)
Oh il vento e la pioggia,
una era mora
l’altra bionda
oh il terribile vento e la pioggia
Entrambe erano innamorate del figlio del mugnaio,
ma lui voleva solo la più  bionda (2).
Così lei la spinse nel fiume
per affogarla
e stette a guardare mentre scivolava via.
Galleggiò finchè venne allo stagno del mugnaio,
morta sull’acqua come un  cigno dorato (3),
e lei venne a posarsi
sulla riva
e le sue ossa furono lavate
dalla risacca.
Lungo la strada venne un bel violinista (4)
e trovò le ossa che stavano
proprio lì.
Così fece i piroli dalle lunghe ossa delle dita
e fece le stringhe per l’archetto  con i lunghi capelli biondi,
e fece  un piccolo violino con le sue ossa pettorali,
ma l’unica melodia(5) che il  violino avrebbe suonato
era “il terribile vento e la pioggia”.
Margaret Sloan

NOTE
1) la storia è opportunamente ambientata in Irlanda, contea di Clare, nelle versioni americane il verso diventa “There were two sisters came walkin’ down the stream”
2) e tanto basta per il movente: la gelosia
3) invece di descrivere la ricchezza delle vesti e dei gioielli indossati dalla fanciulla come nella versione fiabesca della storia, il narratore paragona la bionda fanciulla a un cigno dorato, così sottolinea la purezza e l’innocenza della fanciulla e fa risaltare la crudeltà nell’altra sorella. I Crooked Still dicono solo “Cried father o father there swims a swan”
4) il menestrello itinerante della fiaba era un bardo invitato alla mensa dei nobili signori, qui è un violinista ambulante probabilmente un traveller che suona per strada e alle feste di paese.
I Versi dei Crooked Still proseguono diversamente:Then out of the woods came a fidder fair
He plucked thirty strands of her long yellow hair
And he made a fiddle bow of her long yellow hair
Made a fiddle bow of her long yellow hair
He made fiddle pegs of her long finger bones
And he made a little fiddle of her own breast bone
The sound could melt a heart of stone
And the only tune that the fiddle would play
Was oh the wind and rain
5) il violino non accusa o rivela ma suonerà per sempre una melodia triste.

continua

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=147644
http://singout.org/2012/01/23/two-sisters-wind-and-rain/
http://singout.org/2012/06/19/two-sisters-redux-part-2/

BONNY BANKS O’ VIRGIE-O

Una lugubre ballata britannica sull’incesto-stupro e il femminicidio come si dice oggi, le cui origini risalgono al medioevo scandinavo, collezionata dal professor Child al numero 14.  Un bandito/cavaliere solitario aggredisce tre (o due) sorelle nel bosco e troppo tardi scopre di esserne il fratello. Solo dopo la rivelazione il bandito sembra provare rimorso per quanto commesso e si suicida.

Le versioni americane si intitolano “Bonny banks of the Virgie-o” (anche The Bonny Banks Of Ardrie-O) e sono sostanzialmente simili alla versione A già vista in Scozia (qui).
L’etnomusicologo canadese Kenneth Peacock sottolinea come la ballata si sia preservata nella sua interezza solo nell’isola di Terranova (in inglese Newfoundland). In queste versioni si aggiunge la figura di un sacerdote come secondo fratello che avrebbe potuto vendicare l’uccisione delle sorelle.

LA VERSIONE DI TERRANOVA

Il testo viene dalla raccolta di Maud Karpeles (1885-1976) dal viaggio del 1929 che fece nell’Isola di Terranova. La maggior parte delle canzoni trascritte dall’indagine sul campo vennero pubblicate nel 1971 nel suo “New Songs from Newfoundland” (tutto il lavoro svolto però si trova nell’Archivio Folk Lore al Memorial University di St. John, Newfoundland.
La nota in merito al brano riporta: “Kenneth Monks was another King’s Cove informant He sang “Go From My Window,” and on the after-noon of the 24th September gave Maud a “wonderful ballad” called “The Bonny Banks of Virgie-O,” a variant of “Babylon” (Child # 14)”

ASCOLTA Jean Hewson in Early Spring.


Three fine ladies went out for a walk
All a lee and the lonely, o
They met a robber on their way
On the bonny, bonny
banks o’ Virgie-o

He took the first one by the hand
He whipped her around and he made her stand
“Oh, will you be a robber’s wife
Or will you die by my penknife”
“I will not be a robber’s wife
I’d rather die by your penknife”
He took out his penknife
And he turn and took her own sweet life (2)
He took the second one by the hand
He whipped her around and he made her stand
“Oh, will you be a robber’s wife
Or will you die by my pen knife”
“I will not be a robber’s wife
I’d rather die by your pen knife”
So he took out his penknife
And he’s turned too around her life
He took the third one by the hand
He whipped her around and he made her stand
“Oh, will you be a robber’s wife
Or will you die by my pen knife”
“I will not be a robber’s wife
Nor will I die by your pen knife
If my brothers had been here
You would not have killed my sisters dear”(3)
“Who where are your brothers, I pray thee tell”
“One of them is a minister”
“And where is the other, I pray thee tell”
“He’s out a-robbing, like yourself”
“O my God what I have done(4)
I’ve killed my sisters, all but one”
Then he took out his penknife,
And he took away his own sweet life
TRADUZIONE di Cattia Salto
Tre belle dame uscirono per passeggiare
sole solette
e incontrarono un rapinatore sul loro cammino.
sulle belle rive del Virgie (1)
Egli prese la sorella più grande per mano e la colpì ripetutamente fino a stenderla.
“Vuoi essere la moglie di un ladro o preferisci morire sotto il mio pugnale?”
“No non sarò la moglie di un ladro, preferisco morire sotto il tuo pugnale”.
Egli tirò fuori il suo pugnale
la girò e prese la sua
vita così cara.

Egli prese la sorella mediana
per mano
e la colpì ripetutamente fino a stenderla.
“Vuoi essere la moglie di un ladro o preferisci morire sotto il mio pugnale?”
“No non sarò la moglie di un ladro, preferisco morire sotto il tuo pugnale”.
Egli tirò fuori il suo pugnale
e prese la sua vita.
Egli prese la terza per mano
e la colpì ripetutamente fino a stenderla.
“Vuoi essere la moglie di un ladro o preferisci morire sotto il mio pugnale?”
“No non sarò la moglie di un ladro, e non voglio morire sotto il tuo pugnale. se i miei fratelli fossero stati qui
non avresti ucciso le mia amate sorelle”
“Allora dimmi chi e dove sono i tuoi fratelli, ti prego di dirmelo”
“Uno di loro è un sacerdote”.
“E dov’è l’altro, ti prego dimmelo”
“E’ a rubare, come te”.”
“Oh Signore che cosa ho fatto,
ho ucciso le mie sorelle tranne una”.
Egli tirò fuori il suo pugnale e si tolse la vita così cara.

NOTE
1) oppure Ardrie ma anche Fordie nelle versioni scozzesi
2) nella trascrizione di Karpeles: He took the penknife in his hand, And it’s there he took her own sweet life
4) nella trascrizione di Karpeles: “If my brothers were here tonight, You would not have killed my sisters bright.”
4) nella trascrizione di Karpeles: The Lord have mercy on my poor soul

ASCOLTA Broadside Electric in More Bad News, 1996

Melodia e testo in “The Traditional Tunes of the Child Ballads” di Harris Bronson variante #4. Il testo è stato “sintetizzato” rispetto alla versione standard ma la violenza sulle ragazze è molto più esplicitata.


There was three sisters out on a day
Too-ra-lee and a loney, O
They met a robber on their way
By the bonny, bonny banks of the vergie-o
Now he took the first one by the hand
And he whipped her ‘round ‘til she could not stand
And he took the second though she tried to flee
And her red blood he spilled so free
And he held the third in a grip so tight
She said “I wish my brothers were here tonight”
“Oh, what are your brothers come tell to me”
“O one of them’s a minister,” said she
“And what’s the other, I pray you tell?”
“The other one’s a robber, like yourself”
“Lord have mercy for what I’ve done,
I’ve murdered my sisters all but one”
Now he took out a wee pen knife
And there he took his own sweet life
TRADUZIONE di CATTIA SALTO
C’erano tre sorelle che un giorno uscirono
sole solette
incontrarono un rapinatore sul loro cammino.
sulle belle rive del Virgie
Egli prese la sorella più grande per mano
e la colpì ripetutamente finchè lei non riuscì a restare in piedi.
e prese la sorella mediana anche se cercava di fuggire
e versò copiosamente il suo rosso sangue, e prese la terza in una morsa così stretta
e lei disse “Vorrei che i miei fratelli fossero qui stasera”.
“Allora dimmi, chi sono i tuoi
fratelli!”
“Uno di loro è un sacerdote ”  disse
lei
“E chi è l’altro?”
“L’altro è un ladro proprio come te”.
“Signore abbi pietà di quello che ho fatto,
ho ucciso tutte le mie sorelle tranne una”.
Egli tirò fuori il suo pugnale
e si tolse la vita così cara.

FONTI
http://www.bluegrassmessengers.com/us–canadian-versions-child-14-babylonbonnie–.aspx
http://www.8notes.com/scores/6785.asp
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/12/airdrie.htm
http://www.secondhandsongs.com/work/130585
http://www.folkways.si.edu/kenneth-peacock/bonnie-banks-of-the-virgie-o/world/music/track/smithsonian

THE BONNIE BANKS O FORDIE

Una lugubre ballata britannica sull’incesto-stupro e il femminicidio come si dice oggi, le cui origini risalgono al medioevo scandinavo, collezionata dal professor Child al numero 14.  Un bandito/cavaliere solitario aggredisce tre (o due) sorelle nel bosco e troppo tardi scopre di esserne il fratello.

CHILD #14 Versione A
Motherwell’s Minstrelsy

Nella ballata il bandito (chiamato a volte Baby Lon) invece di “O la borsa o la vita!” dice alle ragazze “O mi sposi o muori”, cioè le aggredisce ad una ad una, ed esse pur di preservare la loro virtù, si fanno uccidere. Così comanda la legge dell’onore, la donna deve difendere la sua sessualità a costo della vita, per non gettare vergogna su di lei e sulla sua famiglia. E proprio alla famiglia fa appello la più giovane, il fratello le avrebbe di certo vendicate, senonchè si scopre che il bandito e il fratello sono esattamente la stessa persona! Ma che “colpo di scena” un’agnizione del teatro classico!
Solo dopo la rivelazione il bandito sembra provare rimorso per quanto commesso e si suicida.

IL SESSO NEL BOSCO

La prassi di violentare le fanciulle così ingenue da addentrarsi da sole e senza scorta nei boschi per raccogliere fiori (tema che ritroviamo anche nella ballata dell’elfo Tam Lin), non era un tempo socialmente così deprecabile da meritare la morte dell’uomo, al massimo, quando riconosciuto colpevole, si pagava una cifra in denaro alla famiglia della vittima. In fondo è la donna che è andata a cercare la violenza, ha indotto l’uomo con il suo comportamento incauto alla tentazione, ha per così dire “provocato” l’uomo. Semmai era la donna a dover pagare con la morte, se non fisica andava bene anche quella sociale (emarginazione, riprovazione etc).

FRATELLO INCONSAPEVOLE

Ma allora perchè Babylon prova rimorso? Dopotutto il femminicidio era “solo” un morto in più nella lunga catena dei delitti commessi nella sua carriera di bandito. Il vero peccato è stato l’incesto, anche se inconsapevole, un peccato così grave (o tabù culturale) da meritare la punizione con la morte (compito che in alcune versioni spetta a un membro della famiglia delle donne).

La mitologia di molti popoli e la storia ci consegnano moltissima casi di legami incestuosi tra fratelli: tra dei e nobili era una pratica relativamente comune, e nemmeno tanto insolita nel Medioevo. Ma generalmente i matrimoni tra consanguinei sono vietati e considerati socialmente deprecabili, ma non innaturali, recenti studi ad esempio dimostrano una sorta di condizionamento genetico verso il simile, perchè il successo evolutivo spinge a conservare i propri geni (in amore vale dunque la regola che sono i simili ad attrarsi, non gli opposti!). Il filone delle ballate a tema incestuoso è anche più compiutamente trattato in “The Bonny Heyn” (vedi)

I FRATELLI SCONOSCIUTI

Se nelle versioni scandinave gli aggressori sono tre, in quelle scozzesi l’aggressore è uno solo, a volte è un ladro/bandito, più raramente un signore/cavaliere.
La domanda che sorge spontanea è: come mai i fratelli non si riconoscono prima? Se nelle versioni nordiche a volte troviamo la giustificazione del rapimento da fanciulli dei tre maschi della famiglia (prassi abbastanza comune tra popolazioni dedite ai saccheggi) in quelle scozzesi e più in generale inglesi non vengono mai date spiegazioni in merito; l’eccezione nel caso dell’aggressore di nobili origini potrebbe essere l’usanza del vassallaggio secondo la quale i ragazzi cadetti dall’età di circa 7-8 anni venivano allevati presso la corte di un’altra famiglia (a volte erano anche primogeniti e degli “ostaggi” che sancivano la pace tra famiglie rivali) e non ritornavano in famiglia che dopo la nomina a cavaliere e quindi erano a mala pena riconoscibili dai loro stessi parenti.

"The Bonnie Banks O'Fordie," by Charles Hodge Mackie (1892)
“The Bonnie Banks O’Fordie,” by Charles Hodge Mackie (1892)

Nelle versioni scandinave la ballata è una sorta di parabola in cui si testimonia la vittora di Dio su Odino (vedi) in quelle britanniche le strofe sono limitate alla descrizione dell’incesto e alle sue implicazioni.

ASCOLTA Dick Gaughan in No More Forever, 1972. Dick omette il primo refrain e raddoppia il secondo verso

ASCOLTA Malinky in The Unseen Hours 2005


There were three sisters
lived in a booer(1)
Hey ho bonnie
An’ they a’ went oot for tae pu’ a flooer(2)
On the bonnie banks o’ Fordie
An’ they hadna pu’ed a flower but yin
When it’s up there stapped a banished man
He’s taen the first yin by the hand(3)
And he’s turned her ‘roond and he’s made her stand (4)
Sayin’, “Will ye be a robber’s wife?
Or will ye die by my penknife
“Oh I’ll no be a robber’s wife
I’d raither die by your penknife”
So he’s taen oot his wee penknife
And there he’s twined her o’ her life
So he’s taen the second by the hand
And he’s turned her ‘roond and he’s made her stand
Sayin’, “Will ye be a robber’s wife
Or will ye die by my penknife
“Oh I’ll no be a robber’s wife
I’d raither die by your penknife”
He’s taen oot his wee penknife
And there he’s twined her o’ her life
He’s taen the third yin by the hand
And he’s turned her ‘roond and he’s made her stand
Sayin’, “Will ye be a robber’s wife
Or will ye die by my penknife
“Oh I’ll no be a robber’s wife
Nor will I die by your penknife
For I hae a brother in yonder tree
And gin ye’ll kill me, well, it’s he’ll kill ye
“Come tell tae me yer brother’s name”
“My brother’s name, it is Baby Lon”
“Oh sister, I hae done this ill
I hae done this dreadful ill tae ye”
He’s taen oot his wee penknife
And there he’s twined his ain dear life
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
C’erano tre sorelle
che vivevano in un castello (1)
Hey ho belle
ed esse uscirono per raccogliere dei fiori (2),
sulle belle rive del Fordie
non fecero in tempo a raccoglierne che qualcuno
e davanti a loro si parò
un fuorilegge,
prese la più grande
per mano (3),
la fece voltare e la distese (4)
dicendo: “Vuoi essere la moglie di un ladro o preferisci morire sotto il mio pugnale?”
“No non sarò la moglie di un ladro, preferisco morire sotto il tuo pugnale”. Così egli tirò fuori il suo pugnale
e là le prese la vita.
Poi prese la sorella mediana per mano e la fece voltare
e la distese dicendo:
“Vuoi essere la moglie di un ladro o preferisci morire sotto il mio pugnale?” “No non sarò la moglie di un ladro, preferisco morire sotto il tuo pugnale”. Egli tirò fuori il suo pugnale
e le prese la vita.
Egli prese la sorella più piccola per mano e la distese dicendo:
“Vuoi essere la moglie di un ladro o preferisci morire sotto il mio pugnale?” “No non sarò la moglie di un ladro, e non voglio morire sotto il tuo pugnale. Perchè io ho un fratello nel bosco
e se tu mi uccidi,
allora lui ti ucciderà!”
“Allora dimmi il nome di tuo fratello!” “Mio fratello si chiama Baby Lon (5)”.
“Oh sorella, io ho fatto questo male,
ti ho dato un terribile dolore”
Egli tirò fuori il suo pugnale
e là si tolse la vita così cara

NOTE
1) bower : in senso lato si traduce come castello in senso stretto cono i quartieri femminili del castello. L’inizio della ballata è idiliaco e fiabesco, ma subito il quadro si capovolge e inizia il dramma
2) raccogliere i fiori nel bosco è un modo per dire che le fanciulle erano nella fase di esplorazione della sessualità e la stagione designata nelle ballate è la primavera. I fiori si trovano sulle rive di un fiume così anche in queste versioni l’acqua assume una valenza simbolica anche se non soprannaturalecome per le versioni scandinave.
3) nel codice sottinteso delle ballate antiche prendere una fanciulla per la mano equivaleva a dire di avere un rapporto sessuale con lei
4) sono piuttosto inquietanti le parole usate per descrivere lo stupro
5) la sorella più giovane ha riconosciuto il fratello? O il suo è solo un disperato tentativo di “mediazione”? Il nome del fratello così scritto si traduce con il piccolo Lon ma tutt’insieme è Babilonia

Old Blind Dogs in “New Tricks” 1992.   I versi sono raggruppati in terzine, con coro (su spotify)


Well, there were twa sisters
wha lived in a bouer
Oh an’ they gaed out aye tae pu’ a flouer
They gaed out aye tae pu’ a flouer
A’ doun by the bonnie banks o’ Fordie
Whan by there cam’ a banisht man
Oh he’s turned them ‘roun’ an’ he’s made them stand
He’s turned them ‘roun’ an’ he’s made them stand
He’s taen the first ane by the hand
Oh he’s turned her ‘roun’ an’ he’s made her stand
He’s turned her ‘roun’ an’ he’s made her stand.
“Noo it’s will ye be a robber’s wife?
Or will ye die by my penknife?
Will ye die by my penknife?”
“No, I’ll no be a robber’s wife
And nor will I die by your penknife
Will I die by your penknife”
So he’s taen oot his wee penknife
Oh and he hae taen o’ her life
He hae taen o’ her life
So he’s taen the second ane by the hand
Oh he’s turned her ‘roun’ an’ he’s made her stand
He’s turned her ‘roun’ an’ he’s made her stand
“Oh it’s will ye be a robber’s wife?
Or will ye die by my penknife?
Will ye die by my penknife?”
“No, I’ll no be a robber’s wife
Nor will I die by your penknife
Will I die by your penknife”
“For I hae brither in this country
Well, if you kill me, he’ll kill thee
If you kill me, then it’s he’ll kill thee”
“Gae tell tae me yer brither’s name”
“My brither’s name, it’s Babylon
My brither’s name, it’s Babylon”
“Oh sister, what hae I done tae thee?
Hae I done this dreadful thing tae thee?
Hae I done this dreadful thing tae thee?”
So he’s taen oot his wee penknife
An’ he hae taen o’ his ain life
He hae taen o’ his ain life
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
Beh c’erano due sorelle
che vivevano in un castello
ed esse uscirono per raccogliere dei fiori,
uscirono per raccogliere dei fiori
lungo le belle rive del Fordie 
Quando davanti a loro si parò un fuorilegge, le fece voltare
e le mise in piedi,
le fece voltare
e le mise in piedi.
Egli prese la più grande per mano (3),
la fece voltare
e la mise in piedi
la fece voltare
e la mise in piedi
“Vuoi essere la moglie di un ladro o preferisci morire sotto il mio pugnale,
preferisci morire sotto il mio pugnale?” “No non sarò la moglie di un ladro, preferisco morire sotto il tuo pugnale,
preferisco morire sotto il tuo pugnale”. Egli tirò fuori il suo pugnale
e le prese la vita,
le prese la vita.
Poi prese la seconda sorella
per mano
e la fece voltare
e la mise in piedi,
e la fece voltare
e la mise in piedi.
“Vuoi essere la moglie di un ladro
o preferisci morire sotto il mio pugnale, morire sotto il mio pugnale?”
“No non sarò la moglie di un ladro, preferisco morire sotto il tuo pugnale,
preferisco morire sotto il tuo pugnale. Perchè ho un fratello in questo paese, beh se tu mi uccidi, lui ti ucciderà,
se tu mi uccidi, lui ti ucciderà!”
“Allora dimmi il nome di tuo fratello!” “Mio fratello si chiama Babylon,
mio fratello si chiama Babylon”.
“Oh sorella, che cosa ti ho fatto?
Ti ho dato un terribile dolore,
ti ho dato un terribile dolore”
Così egli tirò fuori il suo pugnale
e si tolse la vita così cara,
si tolse la vita così cara

FONTI
http://singout.org/2012/05/17/the-natural-and-the-unnatural-naturally/
http://mainlynorfolk.info/nic.jones/songs/thebonniebanksoffordie.html
http://www.celticlyricscorner.net/oldblinddogs/bonnie.htm

BUT BETTER I LOVE LITTLE MATTY GROVES

“Little Musgrave” ovvero “Matty Groves” è una murder ballad sull’adulterio medievale che si conclude tragicamente con la morte dei due amanti. (prima parte)

VERSIONE AMERICANA

Nel Settecento dalla Gran Bretagna la ballata sbarca nel Nuovo Mondo, tra i Monti Appalachi e finisce nel repertorio delle bands di bluegrass con il nome di Mathy Groves o Matty Groves, curiosamente le versioni americane rimangono ambientate in Scozia o in Inghilterra. Ecco che mutati i tempi e i luoghi, la ballata di omicidio diventa un crimine passionale e il cattivo della serie è il servitore che non è stato capace di tenere la bocca chiusa.

TERZA MELODIA

La ascoltiamo dalla voce e chitarra di un grande del bluegrass Doc Watson, la sua versione testuale è quella più puritana, emendata da sconcezze sessuali e dalla violenza verso la moglie, che anzi viene presa con dolcezza sulle ginocchia.

ASCOLTA Doc Watson in “The Songcatcher II: The Tradition That Inspired The Movie” 1966. Parole e Melodia di Stewart Yonce, Dolly Greer di Lenoir, North Carolina.

ASCOLTA Moriarty in un bel video racconto noir


I
Was on the high high holy day
The best day of the year
Little Matty Groves went to church
A gospel for to hear
A gospel for to hear
II
And first to come down was dressed in green
And the second one dressed in red
The third to come down was Lord Daniel’s wife
Just as fair as any queen
Just as fair as any queen
III
Then Matty Groves says to one of his men
See the fair one dressed in white
Although she is Lord Daniel’s wife
I’ll be with her tonight
I’ll be with her tonight
IV
And little foot page he was standing by
And heard all that was said
He says Lord Daniel shall know tonight
Before I go to bed
Before I go to bed
V
He had fifteen miles for to go that night
And ten of them he run
He run til he come to the broke down bridge
Then he bent to his breast and he swum
He bent to his breast and he swum
VI
He swum til he come to where the grass was green
He took to his feet and he run
He run til he come to Lord Daniel’s Gate
Then he rattled at the bells and he rung
He rattled at the bells and he rung
VII
What news, what news, what news
What news have you bring
Little Matty Groves is in your bed with your wife
And their hearts both beat as one
Their hearts both beat as one
VIII
Now if the truth you’ve told me
A rich man you shall be
But if a lie you’ve told to me
I’ll hang you to a tree
I’ll hang you to a tree
IX
Then he gathered him up about fifty good men
And he done it with a free good will
Then he popped his bugle to his mouth
And he blowed it loud and shrill
He blowed it loud and shrill
X
I’d better get up said little Matty Groves
I’d better get up and go
I know your husband is coming home
I hear his bugle blow
I hear his bugle blow
XI
Lay down, lay down my precious one
Lay down and go to sleep
It’s only my father’s shepherd’s horn
And he’s a calling for his sheep
He’s a calling for his sheep
XII
So they laid down together again
And soon were fast asleep
And when they awoke it was broad daylight
Lord Daniel at their feet
Lord Daniel at their feet
XIII
Get up from there your naked man
And put you on some clothes
I never intend for to have it said
That a naked man I slow
That a naked man I slow
XIV
Then Matty Groves struck the very first lick
And he wounded Lord Daniel sore
Lord Daniel struck the very next lick
And he drove Matty Groves to the floor
He drove Matty Groves to the floor
XV
Then he taken his lady by the hand
And he sat her on his knee
And he says now which do you love the best
Little Matty Groves or me
Little Matty Groves or me
XVI
Very well I like your rosy cheeks
Very well I like your chin
But better I love little Matty Groves
Than you and all of your kin
Than you and all of your kin
XVII
You can dig my grave on a pretty green hill
And dig it wide and deep
And put little Matty Groves in my arms
Lord Daniel at my feet
Lord Daniel at my feet
TRADUZIONE di Cattia Salto
I
Era un giorno di festa
il primo dell’anno (1)
Little Matty Groves andò in chiesa per sentire il Vangelo.
per sentire il Vangelo.
II
La prima ad arrivare era
vestita di verde
e la seconda era vestita
di rosso.
La terza ad arrivare era la moglie di Lord Daniel
bella come una regina
bella come una regina.
III
Allora Matty Groves dice a uno dei suoi uomini
“Vedi quella bella vestita di bianco? Anche se è la moglie di Lord Daniel, stanotte me la faccio
stanotte me la faccio”
IV
E un servitore
che le stava accanto
e sentì quello che si dissero
dice “Lord Daniel lo saprà
stasera,
prima che io vada a dormire
prima che io vada a dormire”.
V
Doveva percorrere cinquanta miglia quella notte
e per dieci di esse egli corse,
finchè giunse sotto al ponte interrotto
allora si denudò il petto
e nuotò,
si denudò il petto
e nuotò.
VI
Nuotò fino ad arrivare dove l’erba era verde,
si mise in piedi e corse
corse finchè fu al rifugio di Lord Daniel,
così si attaccò al campanello
e suonò,
si attaccò al campanello
e suonò.
VII
“Che succede?  Che succede?
Che succede?
Che notizie mi porti?”
“Little Matty Groves è nel letto con tua moglie
e i loro cuori battono come se fossero uno
e i loro cuori battono in uno”
VIII
“Allora se mi hai detto il vero
ti farò un uomo ricco,
ma se mi hai mentito
ti impiccherò all’albero
ti impiccherò all’albero”.
IX
E radunò una cinquantina di brav’uomini
e lo fece di buona lena
poi si mise il corno
tra le labbra
e soffiò forte e chiaro,
e soffiò forte e chiaro.
X
“E’ meglio che mi alzi – disse Little Matty Groves-
è meglio che mi alzi e me ne vada.
Di certo tuo marito sta rientrando perchè ho sentito il suo corno soffiare,
perchè ho sentito il suo corno soffiare”
XI
“Stai calmo, stai calmo,
mio bene,
mettiti giù e dormi,
è solo il corno del pastorello di mio padre
che chiama le sue pecore,
chiama le sue pecore”.
XII
Così si sdraiarono insieme di nuovo
e presto si addormentarono,
e quando si svegliarono era pieno giorno
con Lord Daniel ai loro piedi,
Lord Daniel ai loro piedi.
XIII
“Alzati da lì uomo disarmato
e rimettiti i vestiti
che non si dica che io abbia
ucciso un uomo disarmato,
che io abbia ucciso un uomo disarmato”
XIV
Così Matty fece il primo
affondo
e ferì Lord Daniel.
Lord Donald colpì per secondo
e Matty Groves cadde a terra,
Matty Groves cadde a terra.
XV
E poi prese sua moglie per mano
e la fece sedere sulle sue ginocchia
e le dice “Ora chi ti piace di più,
Little Matty Groves o me?
Little Matty Groves o me?”
XVI
“Mi piacciono le tue rosee guance
e il tuo mento
ma amo di più Little Matty Groves, che tu tutti i tuoi parenti,
che tu tutti i tuoi parenti”.
XVII
“Scava la mia fossa su una collinetta verde
e falla ampia a profonda,
e metti Little Matty Groves
tra le mie braccia
e Lord Daniel ai miei piedi,
Lord Daniel ai miei piedi”

NOTE
1) letteralmente “il migliore giorno dell’anno” ossia il primo dell’anno ricco di speranze

continua

FONTI
http://www.bluegrassmessengers.com/matty-groves–doc-watson-nc-1966-recording.aspx