Archivi tag: Marjory Kennedy-Fraser

ERISKAY LOVE LILT

Bheir mi ò è una slow air in gaelico di origini scozzesi; è stata fatta propria anche dalla tradizione irlandese e successivamente tradotta in inglese con il titolo di Eriskay Love Lilt. (“Thou’rt the music of my heart”) (prima parte)

Questa è la versione anglicizzata dal gaelico scozzese di  Marjory Kennedy-Fraser (1857-1930 e il titolo si traduce con “la cantilena dell’amore di Eriskay” (e quale donna non vorrebbe sentirsi sussurrare così dolci versi?)
ASCOLTA Judith Durham & The Seekers per ‘The Seekers At Home’ TV special (1967)

ASCOLTA Siobhan Owen voce da uccello del paradiso, una giovanissima cantane e arpista gallese (il suo sito qui)

 ASCOLTA Alfred Deller (nel video immagini dell’isola, un incanto)


Chorus
Vair me o, ro van o(1)
Vair me o ro ven ee,
Vair me o ru o ho
Sad I am without thee.
I
When I’m lonely, dear white heart(2),
Black the night and wild the sea;
by love’s light my foot finds
The old pathway to thee.
II
Thou’rt the music of my heart,
Harp of joy, o cruit mo chridh'(3),
Moon of guidance by night,
Strength and light thou’rt to me
III
In the morning, when I go
To the white and shining sea,
In the calling of the seals
Thy soft calling to me.
Tradotto da Cattia Salto
Ritornello (1)
Vair me o, ro van o
Vair me o ro ven ee,
Vair me o ru o ho
sono triste senza di te
I
Quando sono solo, caro cuore puro(2)
oscura la notte e scatenato il mare,
i passi trovano, illuminati dall’amore, il vecchio sentiero verso te.
II
Tu sei la musica del mio cuore
Arpa di gioia ” o cruit mo chridh‘”
luna che guidi nella notte
forza e luce tu sei per me
III
Al mattino quando vado
verso il mare spumoso e rilucente,
nel richiamo delle foche
(trovo) il tuo dolce richiamo per me.

NOTE
1) le parole non hanno significato in quanto sono solo suoni ossia la pronuncia delle corrispondenti frasi nella versione in gaelico scozzese
2) letteralmente “cuore bianco” ovvero una persona buona, onesta e generosa.
3) in gaelico scozzese letteralmente “arpa del mio cuore”

FONTI
http://www.raretunes.org/performers/patuffa-kennedy-fraser/

THE SEAL-MAIDEN (GRUAGACH-MHARA)

Nelle Isole Ebridi ritroviamo diverse canzoni che contengono il termine Gruagach, una fanciulla del mare che potrebbe essere una selkie o forse una sirena.

La Gruagach è un altro nome della Cailleach, la dea primigenia della creazione come viene chiamata in Scozia, il cui ricordo ha lasciato una traccia nel folklore celtico e ci parla di un culto primordiale conservatosi pressoché immutato anche durante l’affermarsi del Cristianesimo e praticato soprattutto dalle donne con poteri sciamanici (vedi prima parte)

THE SEAL-MAIDEN

La versione riportata da Marjory Kennedy-Fraser nel suo “Songs of the Hebrides“, è la trasposizione in inglese di un canto in gaelico scozzese raccolto sull’isola di Barra. In questo contesto il termine Gruagach accoppiato a mhara è usato nel senso di fanciulla del mare che sta a indicare una selkie. (tratto da qui)

Un pastore ha la ventura di assistere alla trasformazione di una fanciulla dai capelli neri: in un attimo indossa il grigio manto mutandosi una foca e si getta nel mare per nuotare verso il vasto oceano. Si tratta chiaramente di una waulking song, in cui la parte del coro è formata per lo più da frasi non-sense che vengono trascritte foneticamente.

Early one morning Ho eel yo
stray sheep a seeking Ho eel yo
Great wonder saw I Ho eel yo
fair seal-maiden Ho eel yo
Glossy her dark hair Ho eel yo
Veiling her fair form Ho eel yo
Heel yo heel yo rova ho
lone on sea-rock sat the maiden.
Heel yo heel yo rova ho
Grey her long robe closely clinging
Heel yo heel yo rova ho
When great wonder! Ho eel yo
Suddendly changed she Ho eel yo
Heel yo heel yo rova ho
raised her head she, stretched she outward
Heel yo heel yo rova ho
Diving seaward Ho eel yo
Smooth seal-headed she Ho eel yo
Out by the teal-tracks Ho eel yo
Cleaving the sea-waves Ho eel yo
Heel yo heel yo rova ho

Through Chaol Mhuille(1)
Through Chaol Ile(2)
Heel yo heel yo rova ho
To the far blue bounteous ocean!
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
Al mattino presto
in cerca di una pecora smarrita
vidi con grande stupore
una bella fanciulla-foca.
Lucidi i suoi neri capelli
che coprivano il suo bel corpo,
Heel yo heel yo rova ho
da sola sulla roccia sedeva la fanciulla.
Heel yo heel yo rova ho
Grigia la sua lunga veste aderente,
Heel yo heel yo rova ho
quando oh meraviglia!
All’improvviso lei è cambiata
Heel yo heel yo rova ho
rialzando la testa
protese in avanti
Heel yo heel yo rova ho
verso il mare
la levigata testa di foca
sulle tracce dell’alzavola
a fendere le onde del mare
Heel yo heel yo rova ho
per l’Isola di Mull (1),
per l’Isola di Isla (1)
Heel yo heel yo rova ho
verso il lontano oceano meravigliosamente blu!

NOTE
1) isola di Mull
2) isola di Isla

selkie_by_annie_stegg600_450
Così scrive Ethel Bassin “The *Gruagach* here is a female.  Although a ‘maid of the sea’, she must not be pictured as the conventional golden-haired nude terminating in a fish’s tail.  The spectator, while searching for sheep, sees a grey-robed maiden sitting on a distant rock.  Raising her head, she stretches herself and assumes the form of the ‘animal without horns’.  Then ‘she went cleaving the sea on every side…towards the spacious region of the bountiful ones’.  Although the literal word ‘seal’ is not used, ‘the hornless animal’ whose form the mermaid took, one may suppose to be a seal.  The ‘grey robe’ of the maiden further points to her seal character, the seal being often described as ‘grey’.  ‘In the superstitious belief of the North,’ says Mr W.T. Dennison in his *Orcadian Sketch-book*, the seal held a far higher place than any of the lower animals, and had the power of assuming human form and faculties …  every true descendent of the Norseman looks upon the seal as a kind of second-cousin in disgrace.”

Frances Tolmie (1840–1926), nata a Skye fu una prolifica collezionista di canzoni delle Isole Ebridi, così un centinaio delle melodie vennero pubblicate dal Folk-Song Society (Journal of the Folk-Song Society, 16), materiale confluito nel libro di Ethel Bassin “The Old Songs of Skye: Frances Tolmie and her Circle”, 1997 che così scrive “In the Journal Miss Tolmie remarks that her pleasure in these old wive’s songs was considered very odd by her contemporaries, ‘for they were not deemed “poetry” or worthy of notice by song-collectors of that period’. Some of her elders, fortunately, were of her own way of thinking, notably her aunt, Mrs Hector Mackenzie (Annabella Tolmie), whose only son, John Tolmie Mackenzie was harbour- master at Dunvegan as well as being factor to MacLeod of MacLeod.

ORAN MU’N GHRUAGAICH (A SONG ABOUT THE GRUAGACH)

Una waulking song di cui non sono riuscita a trovare il testo in gaelico, ma evidentemente è la stessa canzone “tradotta” da Marjory Kennedy-Fraser (o meglio fatta tradurre dal reverendo Kenneth Macleod).

ASCOLTA Jo Morrison in “A Waulking Tour of Scotland” 2000

ASCOLTA Christine Primrose in “Gun Sireadh, Gun Iarraidh‘ (‘Without Seeking, Without Asking’)

continua seconda parte

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=51669
http://www.celticlyricscorner.net/cormack/gruagach.htm
http://www.booksfromscotland.com/Authors/Stuart-McHardy
http://www.aniodhlann.org.uk/documents/t1999-157-3d.html?CFID=24022064&CFTOKEN=66534791
http://www.templerecords.co.uk/products/christine-primrose-gun-sireadh-gun-iarraidh

KISHMUL’S GALLEY OR THE STORY OF ‘UNA THE LONELY’

Beinn A’ Cheathaich,  canzone in gaelico scozzese delle isole Ebridi, è stata tradotta in inglese con due diversi titoli e qualche lieve differenza tra le due traduzioni. Nelle note a corollario dello spartito pubblicato nel suo “Songs of the HebridesMarjory Kennedy-Fraser favoleggia la storia di ‘Una the Lonely’ che dopo aver perso (come tante altre spose dei border reivers) padre, marito e figli, si reca sulla cima del Beann a’ Cheathaich con l’intento di buttarsi giù.
Ma mentre scruta il mare per l’ultima volta vede la galea di Kishmul che ritorna a Barra, lottando tra i flutti di un mare minaccioso e avverso, così dalla tenacia degli uomini, trova la forza per continuare a vivere.
Scrive Marjory Kennedy-Fraser “Una the lonely sat on a hill top on the isle of Barra, thinking of the queer things of life–the heath that is plucked ere it comes to bloom, the boat that goes down in the mouth of the harbour, the great sea that brings wealth to one and death to the other.
She had drunk her fill of the three sorrows of a woman, the sorrow of the orphan, the sorrow of a widow and the sorrow of the mother, and sure, having nothing now to work or hope for in this life, it would be no sorrow at all for her to sleep with the other tired women in the quiet kirkyard.
Una the lonely looked out to sea and looking forgot her thoughts. The waves were boiling with rage because the wind was laughing and mocking them; and far out, Kishmul’s Galley, with Macneill of Barra and the bravest of his lads on board, was turning her head towards the bay and the old castle of the clan. But Oh Great being of the graces, as soon as the waves and wind noticed the galley, they straightaway forgot their own quarrel and must need join hands to drown the pluckiest galley in the Isles. Let me swallow her said the sea, opening it, s great mouth–but like the mountain stag, Kishmul’s galley bounded to the top of the nearest wave. Let me topple her over said the wind, loud blowing with all its might, but like the seal of Lochlann, the galley darted down into a sea-glen. Wild with anger the waves sprang at her planks and the wind tattered her sails and snapped her rigging–but let them do their worst, Kishmul’s Galley was ever the darling to carry her dear ones safely home. And Macneill of Barra and his men began to sing a song of triumph–they could see the old castle now, where the good things in life were waiting for them; the red wine, the feasting, the harping, and the best of all, the love of women and the prattle of children. Don’t be so sure said the wind, drawing its whole breath into its lungs. But ere the great effort came, the galley suddenly darted into the quiet of the bay, leaving wind and wave taunting each other with defeat. And Una the lonely, watching from the hilltop, leapt to her feet and–O Mother of God cried she what if yon galley be me”

ASCOLTA Alistair Reese la versione più cadenzata che richiama quella dei Corries

ASCOLTA Muriel Brunskil nella versione d’antan con l’arrangiamento di Marjory Kennedy-Fraser

VERSIONE CORRIES
I
High on the Benachie(1)
On that day of days,
seaward I gaze
Watching Kishmul’s Galley(2) sailing
CHORUS
Ah-hee Ah-hoo-oh
Vall-eee Ah-hoo-oh
II
Bravely against wind and tide
They have brought us to ‘neath Kishmul’s walls
Kishmul’s castle(3) of ancient glory
III
Homeward she bravely battles,
‘Gainst the hurtling waves,
Nor hoop nor yards,
Anchor, cable nor tackle has she.
IV
Here’s red wine, a toast to heroes(4)
And harping too, and harping too
Watching Kishmul’s galley sailing
VERSIONE KENNEDY-FRASER
I
High from the Ben a Hayich
On a day of days
Seaward I gaz’d,
Watching Kishmul’s galley(2) sailing.
CHORUS
O hio huo faluo!
Vall-eee Ah-hoo-oh
II
Homeward she bravely battles
‘Gainst the hurtling waves
Nor hoop nor yards,
Anchor, cable, nor tackle has she.
III
Now at last ‘gainst wind and tide
They’ve brought her to
‘Neath Kishmul’s walls,
Kishmul Castle(3) our ancient glory.
IV
Here’s red wine(4) and feast for heroes(5)
And harping too, O hio hu!
Sweet harping too! O hio huo faluo!

NOTE
1) Kennedy-Fraser scrisse  “Ben a Hayich”, come fonetica dal gaelico ma fu storpiato in Benachie
2) una scottish galley ovvero una galea a vela costruita nel Medioevo dagli scozzesi delle isole  ma con le caratteristiche proprie della nave vichinga, lunga e bassa che si muoveva a remi e dotata di una vela quadrata, la quale poteva portare un equipaggio di una sessantina di guerrieri.
3) Kisimul’s Castle è un pittoresco castello medievale costruito su un isolotto al largo di Castlebay , sede del capo clan O’Neil di Barra
4) la prodigalità nell’elargire ospitalità e allestire banchetti era, nel periodo pre-medievale e non solo, requisito essenziale del capo clan.
5) Ovviamente siano festeggiati gli eroici guerrieri e cantate le loro imprese, anche se ribaltando la prospettiva, essi erano niente più che dei predoni del mare che non si facevano scrupolo a saccheggiare le altre navi (e non solo quelle degli odiati inglesi) o i villaggi delle coste dei clan rivali o dell’Irlanda

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO: Dall’alto del monte un giorno di quelli scrutavo il mare, per guardare la galea di Kishmul che navigava dritta verso casa, combatteva con ardimento, contro le onde minacciose, senza vedetta, pennone, ancora, cime, né traino. Poi alla infine contro vento e marea, l’hanno condotta sotto le mura di Kishmul, castello di Kishmul gloria dei nostri antenati. Ecco il vino rosso e il festino per gli eroi al dolce suono dell’arpa.

Una versione più estesa è raccolta in “Hebridean Folksongs“, volume I, (1969), di Dr. John Lorne Campbell (1909-1996) e Francis James Montgomery Collinson (1898-1984),
Nel testo la nave non sta ritornando a casa ma è rivolta verso il vasto oceano


One day on the misty mountain,
Rounding up the sheep to get them,
Not the pair of the two sisters,
Nor the small pair of the road’s end,
‘Twas I myself beheld the vision,
Seeing thy galley going past me,
Setting her head to the wide ocean,
From MacNeil of Barra’s country,
Out from Cíosamul’s joyful Castle,
Where we used to be a-feasting,
Drinking wine from dawn till nightfall,
Shouts of men their ale a-drinking,
With women wearing brown silk dresses;
‘Tis I am who am afflicted
If Clan Neil’s boat has passed me,
She broke the cable and left the anchor,
She broke the best rope that was on her;
I knew the men engaged upon her,
Great Gill’ Eoghanain(6) the hero,
Gloomy Neil(7), son of noisy Rory(8),
And the handsome heir, young Rory,
Fair Rory, apt for manly action,
Red Murdo from the end of the clachan,
Little Murdo, wed to Lachlan’s daughter,
And the two sons of John MacPherson,
Gun(9) and shield befit your handgrasps,
And dark blue bonnet on curling back-locks(10).
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Un giorno sul monte avvolto dalla nebbia
a radunare il gregge
non la coppia delle due sorelle
e nemmeno la biforcazione alla fine della strada
contemplai io stesso una visione
vidi la galea passarmi accanto
con la prora verso il vasto oceano
dalla terra dei MacNeil di Barra
dal ridente castello di Kisimul
dove siamo soliti banchettare
bevendo vino dall’alba al tramonto,
il grido degli uomini per bere la loro birra
le donne che indossano seta rosso scuro;
Sono io che sono rammaricato
se la barca del clan Neil mi è passata accanto,
ha spezzato la cima e lasciato l’ancora
ha spezzato la migliore cima che aveva;
conoscevo gli uomini imbarcati
Gilleonan(6), il grande eroe,
Neil(7) il taciturno, figlio di Rory(8) il chiaccherone
e il bell’erede, il giovane Rory
Rory il biondo versato nelle imprese virili,
Murdo il Rosso alla testa del villaggio
il piccolo Murdo, sposato alla figlia di Lachlan
e i due figli di John MacPherson,
pistola(9) e scudo si adattano alle vostre prese
e il berretto blu scuro sui riccioli raccolti indietro(10)

NOTE
6) Gilleonan fu capo clan dal 1655 to 1670
7) il giovane Rory era il figlio di Gilleonan
8) ‘Noisy Rory’ (‘the tartar’) il capo precedente risalente al c.1594-1620.
9) immersi in una visione mitica dei prodi guerrieri veniamo bruscamente riportati all’epoca in cui probabilmente è stato scritto il canto ovvero il 1700!
10) un’altra descrizione dei capelli portati con i dreadlocks (vedi)! Una moda che era antica se già nelle statue della Grecia arcaica possiamo ammirare i fluenti capelli in boccoli (e non solo) dei guerrieri. L’acconciatura descritta con due parole è quella dei capelli “intrecciati” (alcuni direbbero aggrovigliati) in lunghe ciocche e riuniti sul dietro in modo che restino aderenti alla nuca e lascino la fronte libera (non fosse mai che il guerriero ci lasciasse la pelle a causa di una ciocca caduta sugli occhi nella foga del duello )

kroisos-grrecia-attica
Kouros di Kroisos (da Anavyssos), 530-520 a.C. circa

la prima parte qui

FONTI
https://castlesintheworld.wordpress.com/2016/03/12/castello-kisimul/
https://anglofolksongs.wordpress.com/2015/10/22/beinn-a-cheathaich-the-misty-mountain/
http://ingeb.org/songs/highfrom.html
http://www.celticlyricscorner.net/oldblinddogs/gaelic.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=20960
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/24097/8;jsessionid=C0743594FFFEB061E5D693912BB1BA55
http://www.tobarandualchais.co.uk/fullrecord/22602/1;jsessionid=295446BC486F5AC49B5BCCD69074FFDB
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=8189
http://scotsongs.blogspot.it/2005/10/kishmuls-galley-kishmul-was-legendary.html

KISHMUL’S GALLEY OR MISTY MOUNTAIN? A BARDIC CHANT FROM THE CELTIC PAST

La stessa canzone in gaelico scozzese originaria dalle isole Ebridi è stata tradotta in inglese con due diversi titoli e qualche lieve differenza tra le due traduzioni.
Inizio con il dire che la canzone era una waulking-song raccolta prima come melodia da Marjory Kennedy-Fraser da Mary Macdonald, Mingulay nel 1907 e integrata dal testo come appreso dalla signora Maclean, Barra l’anno seguente, Marjory la fa tradurre dal fidato reverendo e il titolo che viene data alla versione in inglese diventa Kishmul’s Galley. (in “Songs of the Hebrides” Vol I, 1909): Marjory utilizza il nome di un mitico condottiero dell’isola, per assonanza con il nome del castello Kisimul presso Castelbay roccaforte degli O’Neil di Barra.

Anche in gaelico la stessa canzone porta titoli diversi e i più diffusi sono:” a’ Bhirlinn Bharrach” [the Barra Galley], “Beinn a’ Cheathaich” o più estesamente “Latha dhomh ‘s mi beinn a ‘ cheathaich”.

LA GALEA SCOZZESE

Una Bhirlinn o birlinn è una scottish galley ovvero una galea a vela costruita nel Medioevo dagli scozzesi delle isole  ma con le caratteristiche proprie della nave vichinga, lunga e bassa che si muoveva a remi e dotata di una vela quadrata, la quale poteva portare un equipaggio di una sessantina di guerrieri.

scottish-galley-castleAt one time, these vessels were the principal mode of transportation around the western isles of Scotland. The terrain was too rugged with large forests. There were no roads. So the sea lochs and minches of the western isles were the equivalent of today’s motorways at that time.
The Birlinn is said to have been developed from the Norse Galley by Somerled, who led the Kingdom of the Isles in the 1100s. These were clinker-built wooden boats that could be rowed or sailed, with a single mast and square sail. These small but sturdy seagoing ships were an improvement on the Norse Longship.
They were used for everything from ferrying people and cargo to going to war. The design was more manouverable than that of the Norse boats and suited to both rough seas and shallow water. The boats were light, but could be weighted with ballast to make them more stable in rougher conditions and the shallow draught made them easy to haul out of the sea. (tratto da qui)

KISIMUL’S CASTLE

E’ un pittoresco castello medievale costruito su un isolotto al largo di Castlebay , Barra , nella Ebridi Esterne della Scozia. Abbandonato dal 1838 è stato riacquistato dal capo clan dei MacNeil nel 1937 per dare il via al restauro, nel 2001 è stato ceduto in comodato d’uso per mille anni alla società Historic Scotland per la somma annua di 1 cent e 1 bottiglia di whisky. “..prende il nome dal gaelico cìosamul che significa “castello isola” Kisimul si siede su un isolotto roccioso nella baia al largo della costa di Barra, completamente circondato dal mare, è raggiungibile solo in barca ed è quasi inespugnabile. Kisimul ha i suoi pozzi di acqua dolce, la leggenda vuole che questa è stata la roccaforte dei MacNeils dal II secolo“. (tratto da qui)

Kisimul’s Castle was built in the thirteenth century at the southern end of the Isle of Barra and was the stronghold of the MacNeills of Barra. The chiefs of the MacNeills were famous for their self-esteem and it is said that every evening after the chief had eaten the MacNeill piper was sent out onto the battlements to announce “The MacNeill has dined. The other potentates of the earth may now dine.” They even have their own version of the story ‘The Flood’, in which God is said to have told Noah to invite, as well as a pair of each species of animal, the MacNeill chief and his wife. A messenger was sent to Barra and returned with the chief’s thanks but the reply “The MacNeill has a boat of his own.” (Peter Hall, notes Norman Kennedy ‘Scots Songs and Ballads’)

VIDEO di Patricia Hovey

LA VERSIONE IN GAELICO SCOZZESE: LATHA DHOMH ‘S MI BEINN A ‘ CHEATHAICH

La versione originale risale al XVIII secolo e fu composta da Nic Iain Fhinn (‘daughter of fair-haired John’), una poetessa del clan MacNeil. Il capo clan risiedeva a Kisimul Castle sull’isola di Barra ed era famoso per essere con i suoi uomini un sea raider, ovvero un predone del mare. Del testo esistono tuttavia molte versioni che si possono ascoltare negli archivi sonori di “Tobar an dualchais” con le registrazioni dalla viva voce degli Highlanders scozzesi.

The composer of this well-known waulking song tells how she went to the Misty Mountain to round up sheep. She sees MacNeil’s galley coming from the land of the MacLeans to Cìosamul castle. She goes on to describe life in the castle. Wine is drunk and there is feasting and piping. The women are dressed in brown silk. The composer lists some of the men on the galley. At this point, there is a change of subject. The composer states that if she happened to be a girl with flowing hair, she would not go with a peasant lad. She would prefer a handsome hunter of the roedeer, the antlered stag, and the moor-hen. (tratto da qui)

Prima di passare alle versioni cantate però mi voglio soffermare sulla melodia.
ASCOLTA Albannach, la versione strumentale in stile “barbaro” con cornamusa e tanti e vari tamburi

La melodia è interpretata a volte come una slow air, ma anche una march song più spesso come una waulking song, secondo Jim Carrol si trattava di un’antica rowing song, ossia il canto dei barcaioli o rematori per dare il ritmo alla voga. “It comes from the days when the Gaelic pirates of the Islands so controlled the stormy waters of the Minch, that Elizabeth I was forced to make a peace treaty with them. The castle of one of these Gaelic sea-rovers still stands on an island in the middle of the harbour of Barra, unassailable except by water. (Out of its dark archway and) past its grim walls sailed galleys manned by [brawny] Scottish sea fighters, pulling at the oars to the tune of songs like this [one – songs that celebrated the doughty fighters aboard and their leaders.]” (tratto da qui)

Il canto racconta del ritorno a Barra e l’approssimarsi al castello di Kisimul della galea del clan O’Neil ricca di bottino: sarà festa per il successo della razzia nel castello con fiumi di vino, suoni d’arpa e di cornamuse, belle donne fasciate di seta che danzano con i guerrieri.
Ovviamente siano festeggiati gli eroici guerrieri e cantate le loro imprese, anche se ribaltando la prospettiva, essi erano niente più che dei predoni del mare che non si facevano scrupolo a saccheggiare le altre navi (e non solo quelle degli odiati inglesi) o i villaggi delle coste dei clan rivali o dell’Irlanda; siamo in un epoca remota in cui la gloria era tributata ai guerrieri anche se combattevano non certo per nobili ideali, ma soprattutto per il bottino.

Se nella struttura del canto è una tipica waulking song, il contesto e il contenuto sono tipici dei canti bardici.

ASCOLTA Flora McNeil che la intitola BEINN A’ CHEATHAICH (THE MISTY MOUNTAIN) parte da  [2’04”]


Latha dhomh ’s mi ’m Beinn a’ cheathaich(1)
Air far al il leo
Ro hu bhi ho
Hoireann is o
Ho ro hi o ho
Hi ri ho ro hu bha
Ho hug o ro
Gun deach bata Chlann Nill seachad
Gun cheann cumaidh aig a h-astar
Le dá mhac lain’ ic a’ Phearsain
Murchadh Mor a ceann a ‘clachain
S’Ruaraidh og an t-oighne maiseach
S’teach a duthaich mhic Ill’eathain
S’teach gu Ciosmul(2) an aigheir
Far am faighte chuirm ri gabhail
Fíon a ‘dhoidche gu látha
TRADUZIONE INGLESE
One day as I was on the misty mountain(1),
MacNeill’s Galley was passing
At great speed.
On board were two sons of John MacPherson,
Big Murdo from the head of the hamlet
And fair young Roderick, the heir,
Coming from the Land of the MacLean(2)
Going to Kishmul(3) of the mirth.
Where there will be feasts
Wine from night till day(4).
tradotto da Cattia Salto
Un giorno mentre ero sulla montagna avvolta dalla nebbia
la galea di Mac Neill stava passando
muovendosi velocemente
a bordo c’erano i due figli di John MacPherson,
il grande Murdo alla testa del villaggio
e il giovane Roderick, il biondo erede
venuti dalla Terra dei MacLean
verso il ridente castello di Kisimul
dove saranno festeggiati
con vino notte e giorno

NOTE
1) pronunciata come Benachie, ‘Benniche’ ha dato origine a molte confusioni, essendo il nome delle montagne nel Aberdeenshire, più propriamente è Beinn Cheathaich che essendo una cima alta è avvolta nella nebbia. Marjory Kennedy-Fraser la traduce come “Ben A Heaval”. In altre versioni si aggiunge un verso Ruagbhal nan caorach ’s ga faighinn=Rounding up the sheep, gathering them (qui) chi canta è un pastore o una pastorella che dalla cima del monte vede in lontananza la barca di ritorno a Barra
2) così come scritto si lascia intendere che il clan MacLean sia un clan rivale
3)Kisimul’s Castle: un pittoresco castello medievale costruito su un isolotto al largo di Castlebay , isola di Barra (Ebridi)

4) la prodigalità nell’elargire ospitalità e allestire banchetti era, nel periodo pre-medievale e non solo, requisito essenziale del capo clan.

ASCOLTA Old Blind Dogs con il generico titolo di “Gaelic song” (come se non ci fosse già abbastanza confusione tra i titoli tradizionali!)

ASCOLTA The Selkie Girls che riprendono l’arrangiamento degli Old Blind Dogs


Latha dhomh’s mi ‘m Beinn a’ Cheathaich
CHORUS
farail ill eo, ro a bji ho
Hoirreann is o ho ro hi o ho
Hi ri ho ro a bha ho hug o ro
‘S ann agam ‘s a bha ‘n sealladh
Gun deach bata Chlann Nill seachad
Mach bho dhùthaich MhicGill-Eathain
Steach gu Cìosamul an aighir
Far am faighte chuirm ri gabhail
Fíon a ‘dhoidche gu látha
Pìobaireachd nam feadan àrd’ laghach
Clàrsach bhinn ga gleusadh mar ris
Sìoda donn ga chur air na mnathan
Gill’Eòghanain(5) mòr an gaisgeach
Ruairi òg(6) an t-oighre maiseach
TRADUZIONE INGLESE
One day as I was on the misty mountain
I saw a wonderful sight
The Clan MacNeill’s ship passed by
Away from MacLean country
Towards joyful Kisimul
Where the feasting takes place
Drinking wine from night to day
The piping of the tall, lovely drones
The sweet harp being tuned alongside
Russet silk being worn by the ladies
Gilleonan(5), the great hero
Young Rory(6), the handsome heir
tradotto da CATTIA SALTO
Un giorno mentre ero sulla montagna nebbiosa
vidi una meravigliosa nave
la galea di Mac Neill stava passando
dalla Terra dei MacLean
verso il ridente Kisimul
dove il banchetto si svolge
bevendo vino notte e giorno
l’acuto lamento delle amate cornamuse,
con l’accordo della dolce arpa accanto,
seta rossa indossata dalle dame
Gilleonan, il grande eroe,
il giovane Rory il bell’erede

NOTE
5) Gilleonan fu capo clan dal 1655 to 1670
6) il giovane Rory era il figlio di Gilleonan

Questa seconda versione cambia la struttura del canto: il coro è breve e riprende ogni verso con dei “vocablesin due gruppi di suoni sillabici ripetuti in sequenza.

ASCOLTA

Latha dhomh am Beinn a’ Cheathaich
Air fal-il-o ho-ri-o-hu
Gu’n deach bàta Chloinn Neill seachad
O-hi-o-hu-o fail-u-o
B’ait leam do bhàta ‘si gabhail
‘Mach ò dhùthaich Mhic ‘Illeathain
‘Steach gu Ciosmul an aigheir
Far am faighteadh cuirm ri gabhail
Fion ò oidhche ‘gus an latha
Is clarsach bhinn ‘ga gleusadh mar ris
TRADUZIONE INGLESE
One day I was on the misty mountain
Clann MacNeill’s boat went past
I loved to see your boat on its journey
Out from the MacLean Country
Into Kisimul of the mirth
Where there will be feasts to be had
wine from night to day
And the sweet harp serenading
tradotto da CATTIA SALTO
Un giorno mentre ero sulla montagna ricoperta dalla nebbia
la galea di Mac Neill stava passando
amavo vedere la vostra nave in viaggio
dalla Terra dei MacLean
verso il ridente Kisimul
ci saranno festeggiamenti e si avrà
vino notte e giorno
al suono della dolce arpa

seconda parte qui

FONTI
https://castlesintheworld.wordpress.com/2016/03/12/castello-kisimul/
http://scotsongs.blogspot.it/2005/10/kishmuls-galley-kishmul-was-legendary.html

https://anglofolksongs.wordpress.com/2015/10/22/beinn-a-cheathaich-the-misty-mountain/
http://ingeb.org/songs/highfrom.html
http://www.celticlyricscorner.net/oldblinddogs/gaelic.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=20960
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/24097/8;jsessionid=C0743594FFFEB061E5D693912BB1BA55
http://www.tobarandualchais.co.uk/fullrecord/22602/1;jsessionid=295446BC486F5AC49B5BCCD69074FFDB
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=8189

CRONAN CUALLAICH, CATTLE CROON

Una canzone in gaelico scozzese raccolta nell’isola di Benbecula (isole Ebridi) e trascritta anche da Alexander Carmicheal nel suo “Carmina Gadelica” Vol I # 105. “La canzone del mandriano” (in inglese “hearding croon”) è una preghiera di protezione, cantata al bestiame al pascolo per tenerlo tranquillo. La struttura però è quella della waulking song e come tale tramandata nelle isole Ebridi come canto delle lavoratrici del tweed.

Russet Highland Cattle, Uig Beach, Isle of Lewis. © J. Lynn Stapleton, 1st August 2013

La vacca delle Highland  ha un aspetto molto buffo, sembra quasi uno jak dell’Himalaya, è una razza bovina originaria dalla Scozia, nota anche come Hebridean breed, Hairy CooHeilan Coo o Kyloe. Di pelo lungo, folto e ispido, con corna fino a un metro e mezzo è docile di carattere, vive all’aperto tutto l’anno  e si ammala di rado. La sua particolare costituzione fisica è dovuta all’adattamento ai climi freddi e persino glaciali. Per quanto si consideri un’unica razza due sono i progenitori: uno di colore nero e di taglia più piccola, l’altro di colore rossastro e di taglia più grande. La razza è molto apprezzata per la sua carne (magra e senza colesterolo), ed è stata esportata in varie parti del mondo in America, Australia e Europa, in Italia la troviamo in Alto Adige, Veneto, Liguria e Lombardia.

ASCOLTA  Distant Oaks in Gach Là agus Oidhche: Music of Carmina Gadelica 2003

An crodh an diugh a dol imirig,Hill-i-ruin is o h-ug o,
Ho ro la ill o,
Hill-i-ruin is o h-ug o,
Dol a dh’ itheadh feur na cille,
Hill-i-ruin is o h-ug o,
Am buachaille fein ann ’g an iomain,
Ho ro la ill o,
Hill-i-ruin is o h-ug o,
’G an cuallach, ’g an cuart, ’g an tilleadh,
Hill-i-ruin is o h-ug o,
Bride bhith-gheal bhi ’g am blighinn,
Hill-i-ruin is o h-ug o,
Muire mhin-gheal bhi ’g an glidheadh,
Hill-i-ruin is o h-ug o,
’S Iosa Criosda air chinn an slighe,
Iosa Criosda air chinn an slighe.
Hill-i-ruin is o h-ug o.

TRADUZIONE INGLESE
The cattle are today going a-flitting(1),
Going to eat the grass of the burial place,(2)
Their own herdsman there to tend them,/Tending them, fending them, turning them,
Be the gentle Bride(3) milking them,
Be the lovely Mary keeping them,
And Jesu Christ at the end of their journey.
tradotto da Cattia Salto
Le mucche sono fuggite(1) oggi
per andare a mangiare l’erba sul tumulo(2)
il loro guardiano è là a sorvegliarle
a sorvegliarle, difenderle e riportale.
Sarà la dolce Bride(3) a mungerle
sarà la bella Maria a prendersene cura
e ci sarà Gesù Cristo alla fine del loro viaggio

NOTE
1) “volate via”, “fuggite alla chetichella”
2) secondo la testimonianza di Marjory Kennedy-Fraser la località di riferimento è Grimnis (Griminish) in particolare una collina delle fate ovvero un tumulo sepolcrale
3) la dea Bride è sincreticamente accostata a Gesù Cristo e alla Vergine Maria. Inevitabile il richiamo alla Gruagach, la fanciulla del mare sorta di spirito guardiano della casa e del bestiame continua

LA VERSIONE INGLESE: UIST CATTLE CROON

La canzone è tra quelle raccolte da Marjory Kennedy-Fraser nel suo viaggio nelle isole Ebridi e confluita nel libro “Songs of the Hebrides”. La melodia è riportata anche da Frances Tolmie che la collezionò a Kilmaluagon nell’isola di Skye.
ASCOLTA Alison Pearce in Land of Hearts Desire – Songs of the Hebrides. La versione è quella “classica” (voce soprano e arpa) con l’arrangiamento di Kennedy-Fraser


I
Today the kye win to hill pasture,
Sweet the grass of cool hill pastures
Breedja(3) fair white be at their milking,
Lead the kye to the hill pastures
II
Today the kye “flit”(1) to hill pastures
There to graze on sweet hill grasses
Mary(3), gentle be at their keeping,
Keeping all out on hill pastures
tradotto da Cattia Salto
I
Oggi il bestiame andrà a pascolare sulla collina(2)
dolce l’erba del fresco pascolo collinare
Bride(3) la luminosa le mungerà,
conduce(i) il bestiame a pascolare sulla collina
II
Oggi il bestiame andrà segretamente(1) a pascolare sulla collina
là a pascolare sulla dolce erba della collina
sarà la bella Maria(3) a prendersene cura, a tenere tutti lontano dai pascoli sulla collina

NOTE
3) Bride e la vergine Maria sono confuse in un unica divinità protettrice, oppure in questa versione del rev Kenneth Macleod Mary è più prosaicamente una bella mandriana. Il compito di sorvegliare il bestiame nei pascoli era un tempo riservato per lo più a ragazzi e fanciulle.

Ed ecco l’effetto che queste antiche invocazioni fanno sul bestiame: il kulning di Jonna Jinton

FONTI
http://www.sacred-texts.com/neu/celt/cg1/cg1114.htm
http://ontanomagico.altervista.org/imbolc.htm
http://terreceltiche.altervista.org/gruagach-mhara-a-gruagach-or-a-selkie/
https://jlstapletonphotography.me/2013/08/

A PHIUTHRAG ‘S A PHIUTHAR

Goblin-Market-Arthur-Rackham
Goblin Market. Arthur Rackham.

Ovvero “Sister’s lament” è un canto in gaelico scozzese proveniente dalle Isole Ebridi, in cui una fanciulla rapita dalle fate, chiama la sorella perchè giunga in suo soccorso: nel canto descrive il luogo in cui si trova. Il brano è compreso nella collezione “Songs of the Hebrides”, Vol 1 di Marjory Kennedy-Fraser con il titolo “A Fairy Plaint” (Ceol-brutha)

Il canto condivide la struttura delle waulking songs e in origine poteva essere nato come canto di lavoro. Una waulking song può superare i 10 minuti di durata, e trova riscontro nella tipicità della lavorazione del tweed: all’inizio le pezze bagnate risultano pesanti e più difficili da manipolare (anticamente si usavano i piedi) da qui le melodie lente, associate a lamenti,  La melodia è molto triste e alcuni ipotizzano si tratti di un lamento funebre.

ASCOLTA Flora MacNeil che ha imparato la canzone da un suo parente dell’isola di Mingulay

ASCOLTA Margaret Stewart

La struttura del canto ripete l’ultima frase come prima frase nella successiva strofa. La parte corale del canto è affidata a “vocables” ovvero suoni sillabici senza senso.

la versione di Flora MacNeil
A phiùthrag ‘s a phiuthar, hu ru Ghaoil a phiuthar, hu ru
Nach truagh leat fhèin, ho ho ill eo Nochd mo chumha, hu ru

Nach truagh leat fhèin, hu ru nochd mo chumha, hu ru
Mi’m bothan beag, ho ho ill eo ìseal cumhag, hu ru

Mi’m bothan beag, hu ru ìseal cumhag, hu ru
Gun sgrath dhìon, ho ho ill eo Gun lùb tughaidh, hu ru

Gun sgrath dhìon air, hu ru Gun lùb tughaidh hu ru, hu ru
Ach uisge nam beann, ho ho ill eo Sìos ‘na shruth leis, hu ru

Ach uisge nam beann, hu ru Sìos ‘na shruth leis, hu ru
Hèabhal mhòr, ho ho ill eo Nan each dhriumfhionn, hu ru

TRADUZIONE INGLESE
I
Little sister, sister
My love, my sister
Do you not pity(1)
My grief tonight
II
Do you not pity
My grief tonight
In a little hut(2) I am
Low and narrow
III
In a little hut I am
Low and narrow
With no roof of turf
and no thatch entwined (3)
IV
With no roof of turf
and no thatch entwined
But the rain from the hills
streaming into it(4)
V
But the rain from the hills
Streaming into it
Mighty Heaval(5)
with the white-maned horses(6)
TRADUZIONE ITALIANO
I
Sorellina sorella,
mia cara sorella
come non compatirmi
per il mio dolore stasera
II
Come non compatirmi
per il mio dolore stasera,
mi trovo in una piccola casetta
bassa e stretta
III
Mi trovo in una piccola casetta
bassa e stretta,
senza tetto di zolle
e graticci
IV
Senza tetto di zolle
e graticci
l’acqua delle colline
che ci piove dentro
V
L’acqua delle colline
che ci piove dentro
nell’alta Heaval
dei cavalli del bianco crine

NOTE
1) “Can you not pity” oppure tradotto ” Would you not pity me my mourning tonight”
2) “Small my dwelling”, tradotto anche come little bothy
3) “With no protection no thatching” oppure tradotto “Without a bent rope or a wisp of thatch”
4) “hillside wate like a running stream” oppure tradotto “Water from the peaks in a stream down through it”
5)  Heaval è la collina più alta dell’isola di Barra si trova a nord-est di Castlebay, il villaggio principale. Un bel montaggio d’immagini nel video di Pascal Uehli


6) I cavalli sono quelli delle fate e quindi bianchi. Potrebbe trattarsi della razza palomino o cremello. L’origine del Palomino è molto antica, infatti si ritiene che cavalli dorati con coda e criniera argentea fossero cavalcati dai primi imperatori della Cina.
Achille, il mitico eroe greco, cavalcava Balios e Xantos, che erano “gialli e dorati, più veloci dei venti di tempesta”. Il cremello invece ha la particolarità dell’occhio azzurro, il manto è bianco con riflessi d’argento.

La versione di Marjory Kennedy-Fraser (come raccolto dal canto della signora Macdonald, Skallary, Barra

Nach truagh leat fhéin phiùthrag a phiuthar O hi o hu o ho
Nach truagh leat fhéin nochd mo cumha O hi o hu o ho

Nach truagh leat fhéin nochd mo cumha
‘S mise bhean bhochd chianail dhubhach

‘S mise bhean bhochd chianail dhubhach
Mi’m bothan beag iosal cumhann

Mi’m bothan beag iosal cumhann
Gun lùb siomain gun sop tughaibh

Gun lùb siomain gun sop tughaibh
Uisge nam beann sios ‘na shruth leis

Uisge nam beann sios ‘na shruth leis
Ged’s oil leam sin cha’n e chreach mi

Ged’s oil leam sin cha’n e chreach mi
Cha’n e chuir mi cha’n e fhras mi
TRADUZIONE INGLESE di Kenneth MacLeod
Would you not pity me, o sister?
Would you not pity me my mourning tonight?
My little hut
Without a bent rope or a wisp of thatch
Water from the peaks in a stream down through it
But that’s not the cause of my sorrow

FONTI
http://www.omniglot.com/songs/gaelic/aphiuthrag.php
http://www.celticlyricscorner.net/maggiemacinnes/aphiuthrag.htmdhttp://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/62594/9;jsessionid=89A212440240A80FF960AD2D4B425BD3
http://research.culturalequity.org/get-audio-detailed-recording.do?recordingId=11984
http://www.educationscotland.gov.uk/scotlandssongs/about/songs/supernatural/index.asp
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=69117

MHURCHAIDH BHIG NAN GORMSHUIL GREANNMHOR

Dalle Isole Ebridi una waulking song misteriosa.
La ballata è stata registrata da Alan Lomax con il titolo “Mhurchaidh Bhig Nan Gormshuil Greannmhor” (in Gaelic Songs of Scotland: Women at Work in the Western Isles, 2006)  ovvero “Little Murdoch of beguiling eyes”: dall’archivio Tobar an Dualchais apprendiamo che colei che canta vuole tenere lontano da sè Murdo il giovane dai begli occhi blu che vive a Kilmore (isola di Mull), perchè l’ha ingannata (sedotta) durante una “night visiting”.
Nel genere classificato come “night visiting songs” i corteggiatori entrano di soppiatto nella casa dell’amata cercando di carpirne la verginità: a volte sono avventurieri di passaggio, ambulanti, soldati, marinai o lavoratori stagionali, che con il pretesto della notte fredda e della pioggia cercano riparo tra le lenzuola della fanciulla; ovviamente ogni promessa di matrimonio è subito dimenticata una volta raggiunto lo scopo.

Tutt’altra interpretazione viene invece dalla raccolta “Songs of the Hebrides” di Marjory Kennedy-Fraser che nel Volume III #166 riporta spartito, testo in gaelico e trasposizione in inglese della ballata dandole il titolo di “Withcery fate song”.

Ma incominciamo dalla versione in gaelico scozzese: oltre che dagli archivi tradizionali la possiamo ascoltare nell’arrangiamento di Jean-Luc Lenoir 

ASCOLTA Jean-Luc Lenoir in “Old Celtic & Nordic Ballads”

I
Chunna mi’n t-seabhag ‘s a cùl rilàr,
Chunna mi’n t-seabh ag ‘s a cùl rilàr,
‘S bidh Corrag Iain(1) Bhain
‘S bidh Gormshuilna Maigh
A fagail am mairech siaban nan tonn
‘S righ gur a tromair an ògshean e
Ari a, ari
Chunna mi’n t-seabhag ‘s a cùl rilàr
II
Chunna mi’n t-seabhag ‘s a cùl rilàr
Chunna mi’n t-seabhag ‘s a cùl rilàr
‘S bidh Corrag Iain Bhain
‘S bidh Gormshuilna Maigh
A fagail gu brath gach cladach is fonn
Gach lagan is tom air am b’eolach iad
(An diugh na’m b’e’n de, chuirinn gair e ri gair
Is gu debhiodh ‘san dan dubh cha’n fheor aich inn)
Ari a, ari
Chunna mi’n t-seabhag ‘s a cùl rilàr
NOTE
1) trovato scritto anche come Corraglain

WITCHERY FATE SONG: THE HAWK OMEN

Così scrive Marjory Kennedy-Fraser nelle note che accompagnano lo spartito della canzone (“Songs of the Hebrides” volume III, #166) “Two of the “Big Seven” (famous witches) Gormshuil (Gorumhool) from Moy and Corrag Nighean Iain Bhain (Korrack nee-an Eean Vahn) or as she somethimes called herself, “Corrag from Nowhere”, were talking old ploys on a sea-rock in Knoyart when a hawk which had been circling above them, suddendly droped down with its back to the ground

L’adattamento in inglese dell’originale gaelico è stato scritto da Kenneth Macleod: la contestualizzazione della ballata è diversa, si tratta di una profezia della strega Corrag mentre osserva un falco volare alto in cielo e poi cadere improvvisamente a terra. Così la ballata viene collegata alle Norne e al filo del destino che viene tracciato alla nascita di ogni creatura umana.

ASCOLTA Siobhan Doherty in “Marrying the Sea” 2010

VERSIONE INGLESE Kenneth Macleod
I
See yonder the hawk
and her back to the ground,
See yonder the hawk
and her back to the ground,
And Corrac from Noway(1)
And Gormhool from Moyway
Tomorrow must leave
the play o’ the waves.
Ah me, it is sore
on the old still young,
Aree a, aree.
Down comes the hawk
and she flies no more.
II
Down comes the hawk
and she flies no more,
Down comes the hawk
and she flies nevermore,
And Corrac from Noway
And Gormhool from Moyway
Will leave evermore
the lea and the shore,
The glens and the hills
where they loved to rove,
Aree a, aree.
Down comes the hawk
and she flies no more
TRADUZIONE ITALIANO
I
Vedo un falco in lontananza
che si distende a terra
Vedo un falco in lontananza
che si distende a terra
e Corrac da Noway
e Gormhool da Moyway
domani dovranno lasciare
la schiuma delle onde
che dolore
per questa giovinezza già vecchia
Aree a, aree.
giù viene il falco
e più non vola
II
Giù viene il falco
e più non vola
giù viene il falco
e mai più vola
e Corrac da Noway
e Gormhool da Moyway
lasceranno per sempre
i campi e la spiaggia,
le valli e le colline
dove amavano vagabondare
Aree a, aree
giù viene il falco
e più non vola

NOTE
1) noway, nowhere in italiano” luogo inesistente”, “il nulla”, ma anche “Altromondo”, si tratta quindi di una creatura fatata

Chant magique de Sorcière (traduzione francese in “Old Celtic & Nordic Ballads”)
I
J’ai vu le faucon gisant à terre, gisant à terre
Jean aux cheveux blonds
et la jeune fille aux yeux bleus
Doivent demain quitter l’écume des vagues
Quel chagrin pour cette jeunesse déjà vieille !
Ari a, ari
J’ai vu le faucon gisant à terre
II
J’ai vu le faucon gisant à terre, gisant à terre !
Jean aux cheveux blonds
et la jeune fille aux yeux bleus
quitteront pour toujours ces plages et ces rivages
Ces vallons, ces collines qu’ils ont si bien connus
Ari a, ari
J’ai vu le faucon gisant à terre

FONTI
http://terreceltiche.altervista.org/terra-di-scozia-nelle-sue-canzoni/marjorie-kennedy-fraser/
http://tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/14388/9
http://oxfordindex.oup.com/view/10.1093/oi/authority.20110803095900954
http://www.clan-cameron.org.uk/oldsite/Research/gormshuil.html

https://humanisticpaganism.com/2011/10/09/symbols-in-the-sky/
http://www.lochiel.net/archives/arch115.html
http://www.mondobimbiblog.com/2011/02/le-streghe-di-mull/
http://www.mondobimbiblog.com/2011/02/le-streghe-di-mull-parte-seconda/
http://www.mondobimbiblog.com/2011/02/le-streghe-di-mull-parte-terza/

Un giro in macchina per la Scozia. Avvistamenti dall’altro lato della strada.

 

AN GILLE BAN – AN T IARLA DIURACH

The Earl of Jura” (in italiano “Il Conte di Jura”) è una slow air delle isole Ebridi che ben si adatta al lament di una ragazza tradita (o non corrisposta) la quale, affranta dal dolore, invoca il riposo della tomba. Ella paragona l’indifferenza del suo innamorato ai freddi monti dell’isola di Jura  (soprannominati Paps of Jura perchè richiamano la forma dei seni femminili)

Nelle note di Fiddler’s Companion leggiamo: “Scottish, Canadian; Slow Air. Canada, Cape Breton. D Minor. Standard. One part. Angus Grant identifies the tune as the air to an old song said to have been composed by a lass who was in love with the Earl, a Campbell, although her love was unrequited. Atlantica Music 02 77657 50222 26, Lloyd MacDonald – “Atlantic Fiddles” (1994)”

On the Isle of Jura null William Daniell 1769-1837 Presented by Tate Gallery Publications 1979 http://www.tate.org.uk/art/work/T02789
On the Isle of Jura – William Daniell 1769-1837

ASCOLTA  Justyna Jablonska (violoncello) &  Simon Thacker (chitarra acustica) polacca lei scozzese lui  – in “Karmana”, 2016 (e (quando suona il violoncello cala il silenzio)

Il gruppo dei Capercaillie ha realizzato due diverse versioni dello stesso brano la prima nel 1984 con il titolo di AN T-IARLA DIURACH e la seconda nel 1995 con il titolo di AN GILLE BAN

ASCOLTA Capercaillie in Cascade 1984, (strofe I, II, III, IV) con una voce piena di pianto

ASCOLTA Capercaillie in The blood is strong 1995 (strofe I, II, IV) più arrangiata strumentalmente ma non altrettanto intensa come nella prima versione

GAELICO SCOZZESE
I
Ma’s ann ‘gam mhealladh, a ghaoil, a bha thu
Ma’s ann ‘gam mhealladh as deigh do gheallaidh
‘Se luaidh do mholaidh ni mi gu brath
Ma’s ann ‘gam mhealladh, a ghaoil, a bha thu
II
Righ, gur mise tha gu tursach
Gaol an iarla ‘ga mo chiurradh
Tha na deoir a’sior-ruith o m’ shuilean
‘S mo chridhe bruite le guin do ghraidh
Ma’s ann ‘gam mhealladh, a ghaoil, a bha thu
III
Bha mi raoir leat ‘na mo bhruadar
Thall an Diura nam beann fuara
Bha do phogan mar bhiolair uaine
Ach dh’fhalbh am bruadar is dh’fhan an cradh
Ma’s ann ‘gam mhealladh, a ghaoil, a bha thu
IV
Thig, a ghaoil agus duin mo shuilean
‘S a’ chiste-chaoil far nach dean mi dusgadh
Cuir a sios mi an duslach Diurach
Oir ‘s ann ‘s an uir a ni mise tamh
Ma’s ann ‘gam mhealladh, a ghaoil, a bha thu
TRADUZIONE INGLESE
I
If deceiving me, oh love, thou wert
If deceiving me despite thy vow(1)
Yet chant thy praise I ever will
If deceiving me, oh love, thou wert
II
Oh King, I am the sorrowful one
And the love of the Earl a-hurting me
The tears are ever running from mine eyes/And my heart is bruised with the sting of thy love
If deceiving me, oh love, thou wert
III
Last night I was with thee in my dream/Across in Jura of the cold bens(2)/Thy kisses were like the green water-cresses(3)
Fled the dream, remained the pain
If deceiving me, oh love, thou wert
IV
Come, oh love, and close my eyes
In the narrow kirst where I shall never awake
Lay me down under earth from Jura
In the grave alone is there rest for me
If deceiving me, oh love, thou wert

tradotto da Cattia Salto
I
Anche se tu, amore, mi avessi tradito
se tu m’avessi tradito nonostante i voti non smetterò mai di tessere le tue lodi, Anche se tu, amore, mi avessi tradito
II
O Re io sono colei che è addolorata
e l’amore del Conte mi ferisce
sgorgano lacrime copiose dai miei occhi
e il mio cuore è ferito dalla freccia del tuo amore
Anche se tu, amore, mi avessi tradito
III
L’altra notte ero con te in sogno
sui freddi monti di Jura
i tuoi baci erano come il fresco crescione,
svanito il sonno è rimasto il dolore
Anche se tu, amore, mi avessi tradito
IV
Vieni, amore a chiudermi gli occhi
nella piccola chiesa dove non mi sveglierò più
affidami alla terra di Jura
solo là nella tomba c’è il mio riposo
Anche se tu, amore, mi avessi tradito

NOTE
1) con vow si intendono promesse o voti tra una coppia uniti con il rito dell’handfasting
2) the Bens of Jura  ovvero Paps of Jura, sono tre montagnole raggruppate sui 2400-2500 metri nell’isola di Jura. Come riporta Saverio Sepe nel suo blog ” Una meta che vi farà immergere in questa ancestrale selvaticità della Scozia è l’isola di Jura: 200 persone, 5000 cervi, un numero variabile ma imponente di specie di uccelli.. Per chi ama il vento, per chi lo insegue in giro per il mondo, per chi si sente in armonia con questo elemento sa perché venire in questa isola. Per vedere le tre cime del Paps of Jura, un paradiso per escursionisti ad esempio.  Salendo verso le cime e guardandosi intorno si ha la sensazione di essere soli al mondo. Qui la parola panorama si trasfigura diventa qualcosa che si tocca, che si sente fisicamente. ” (qui)
3) come scrive  Kenneth MacLeod “Traditionally, watercress is regarded as both food and drink; it is said to have been the food of the pilgrims on their way to Iona” Secondo una fantasiosa credenza inglese, il crescione può rivelare il futuro a una ragazza in cerca di marito: si deve seminare una fila di crescione e una di lattuga il 24 di marzo, e stare ad aspettare, se spunta prima la lattuga, il marito sarà dolce e comprensivo, se nasce prima il crescione, l’amato sarà severo, puntiglioso, forse violento.

LA VERISIONE DI MARJORY KENNEDY-FRASER: THE BENS OF JURA

Ed ecco la versione versificata in inglese adattata musicalmente al gusto “romantico” dei tempi da Marjory Kennedy-Fraser. La traduzione dal gaelico è dell’amico e collaboratore rev. Kenneth Macleod

ASCOLTA Kenneth McKellar

Versione Kenneth Macleod
I
Like watercress(3) gathered fresh from cool streams
Thy kiss, dear love, by the Bens of Jura(1)
Cold the Bens, cold thy love as they.
Like watercress gathered fresh from cool streams.
II
Gold the morn at dawn up wingeth,
Dreams the night deep drowned in dew-mist,
And my heart reft of its own sun,
Deep lies sunk in death torpor cold and gray.
III
Like watercress gathered fresh from cool streams,
Thy kiss dear love, by the Bens of Jura
Cold the Bens, cold the mist and gray
Like watercress gathered fresh from cool streams.

tradotto da Cattia Salto
I
Come il crescione raccolto fresco dai freddi rivi
è il tuo bacio, amore mio, sui Monti di Jura, freddi i monti, così freddo il tuo amore.
Come il crescione raccolto fresco dai freddi rivi
II
Dorato il mattino sulle ali dell’alba
i sogni notturni svaniti nell’umida foschia
e il mio cuore privato del suo sole
sprofonda nel torpore della morte, freddo e grigio
III
Come il crescione raccolto fresco dai freddi rivi
è il tuo bacio, amore mio, sui Monti del Jura
freddi i monti, fredda e grigia la bruma, come il crescione raccolto fresco dai freddi rivi

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/matrimonio-celtico-storia.html
http://www.southernhebrides.com/isle-of-jura/
https://europatoursaveriopepe.wordpress.com/2015/02/24/lisola-di-jura-pura-scozia/
http://isleofjura.scot/isle-of-jura-history/
http://www.tate.org.uk/art/artworks/daniell-on-the-isle-of-jura-t02789
https://thesession.org/tunes/6096
http://tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/86670/3
http://tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/91874/3
http://tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/91355/3;jsessionid=D7F351E518D9416F6836E4C548855550

SEA LONGING (AN IONNDRAINN MHARA)

Una melodia tradizionale dalle Isole Ebridi sempre della collezione di Marjory Kennedy-Fraser. Il titolo si traduce in italiano come “Desiderio del mare”: si tratta di una particolare nostalgia del mare, un inappagabile struggimento, tipica delle creature fatate provenienti dal mare. Questo sentimento è un topico della letteratura fantasy richiamata anche dal “padre” del genere: “It is said by the Eldar that in water there lives yet the echo of the Music of the Ainur more than in any substance else that is in this Earth; and many of the Children of Iluvatar hearken still unsated to the voices of the Sea, and yet know not for what they listen. “(The Silmarillion, Tolkien) Nell’oceano risuona ancora la voce primigenia che ha creato il mondo, la quale attira le creature fatate e in particolare gli Elfi molto sensibili verso la musica, essendo ottimi musicisti. Oltre il Mare ci sono le Terre Imperiture, il Reame Beato (ovvero l’altromondo celtico.)
Nel cuore di tutti gli (elfi) Esuli la nostalgia del Mare era un inguaribile tormento; nell’animo dei Grigi Elfi un’inquietudine latente, che una volta destata non poteva essere più placata.” (Appendice F, A proposito degli Elfi) Così scrive Tolkien descrivendo lo stato d’animo degli Elfi lontani dalla loro Terra Madre; questo “richiamo del mare” è ben presente nella musica celtica delle Isole dalla Scozia.

Il brano preso in esame oggi non è molto conosciuto, in pratica l’unica versione che si trova in rete è quella raccolta da Marjory Kennedy-Fraser ma molto rielaborata. Possiamo presumere si tratti del canto di una selkie,  che canta la sua insopprimibile nostalgia per il mare..  mentre è costretta a vivere in forma umana. Secondo la leggenda bastava rubare e nascondere la pelle della foca mentre era mutata in fanciulla danzante sugli scogli, la creatura del mare si sarebbe trasformata in una docile e servizievole moglie…

selkie_by_annie_stegg600_450

Una bella versione strumentale quella di Susan Craig Winsberg nel Cd La Belle Dame (1999)
ASCOLTA Susan Craig Winsberg

E per chi piace la musica classica la rielaborazione sinfonica di Sir Granville Bantock

ASCOLTA Lisa Milne (soprano), Sioned Williams (arpa) in Land of Heart’s Desire. Nelle note si legge: “The air was collected by Mrs Kennedy-Fraser and her daughter Patuffa from Anne Monk of Benbecula but the accompaniment is by Sir Granville Bantock. The words are described as ‘an old fragment’ adapted and translated by Kenneth Macleod”

ASCOLTA Kenneth McKellar su Spotify


Sore sea-longing in my heart,
Blue deep Barra waves are calling,
Sore sea-longing in my heart
Glides the sun, but ah! how slowly,
Far away to luring seas!
Sore sea-longing in my heart,
Blue deep Barra waves are calling,
Sore sea-longing in my heart,
Hear’st, O Sun, the roll of waters,
Breaking, calling by yon Isle?
Sore sea-longing in my heart,
Blue deep Barra waves are calling,
Sore sea-longing in my heart.
Sun on high, ere falls the gloamin’,
Heart to heart, thou’lt greet yon waves.
Mary Mother(1), how I yearn,
Blue deep Barra waves are calling,
Mary Mother, how I yearn.
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
Nel cuore struggente nostalgia del mare
le onde oltremare di Barra mi chiamano,
nel cuore struggente nostalgia del mare,
sfugge il sole ma oh si piano,
per adescare il mare!
Nel cuore struggente nostalgia del mare
le onde oltremare di Barra mi chiamano,
nel cuore struggente nostalgia del mare,
Ascolta oh Sole le onde del mare,
che si frangono per chiamare la lontana Isle?
Nel cuore struggente nostalgia del mare
le onde oltremare di Barra mi chiamano,
nel cuore struggente nostalgia del mare,
Sole supremo ecco scende il crepuscolo,
cuore contro cuore, andrai a salutare le onde,
madre Maria(1), che struggimento,
le onde oltremare di Barra mi chiamano,
madre Maria, che struggimento!

NOTE
1) probabilmente Bride la dea che veniva chiamata Maria in una sorta di sincretizzazione con la religione cristiana


APPROFONDIMENTO DEL MITO: SCHEDA continua

FONTI
http://www.craigrecords.com/recordings/la-belle-dame/
http://www.poetrynook.com/poem/sea-longing-0
http://inkpot.com/classical/bantocksyms.html

THE CUILLINS OF RUM A VISIT INTO PARADISE!

Rùm non ha niente a che vedere con la Giamaica ma è un isolotto al largo dell’isola di Skie  (le Ebridi interne con Eigg, Muck e Canna le Small isles piccole verdi isole con piccolissime comunità che ancora ci vivono).

sky-cuillin
“Skye Cuillin from Kilmory Beach”, Byron Cooper 1900

UNA VISITA IN PARADISO

Antichi insediamenti celtici ma ancor più vichinghi attestano una probabile integrazione tra le due etnie; il nome deriva forse dal norreno rõm-øy per “wide island” o dal gaelico ì-dhruim per “isle of the ridge” (per i rilievi montuosi dell’interno) ciò che resta di un vulcano preistorico; nel Medioevo l’isola è diventata la riserva di caccia del “Lord of the Isles”, ed è perciò ricordata come The Forbitten Isle e solo nel Seicento è ridiventata luogo di insediamento per agricoltori e allevatori o pescatori; per gran parte del XX secolo venne denominata Rhum dal suo Laird (Sir George Bullough che vi costruì “l’esotico” castello Kinloch), e oggi è abitata da una ventina di persone concentrate nel villaggio Kinloch sulla costa orientale, (la popolazione indigena ha abbandonato l’isola negli anni 1820). Dal 1957 è di proprietà del Nature Conservancy Council ed è ora una importante riserva naturale. C’è solo da sperare che non si trasformi in un’isola turistica!

a mio avviso le riprese che meglio illustrano la poesia nella canzone

ma anche
VIDEO
VIDEO

GUIDA ALL’ASCOLTO
L’isola è nota per una canzone dei Tannahill Weavers dal titolo “The Cuillins of Rhum” i quali si sono ispirati al brano di Archie Fischer “The Cuillins of Home” che a sua volta ha ripreso la versione di Gordon Bok. Gordon Bok è un cantautore folk americano che ha riscritto in parte il testo proveniente dalla tradizione musicale delle Isole Ebridi, ma come un gioco di specchi dietro a tutto troviamo lo zampino di Marjory Kennedy-Fraser e del Rev. Kenneth Macleod.
La canzone è classificata come Sea-rapture songs nel poderoso lavoro svolto da Marjory Kennedy-Fraser e Kenneth Macleod per la collana “Songs of the Hebrides” .

THE COOLIN OF RUM è la traduzione in inglese per mano di Kenneth MacLeod di un brano in gaelico probabilmente originario dell’isola e intitolato ‘The Exile’s Dream’ (non so se il testo in gaelico sia stato riportato dal “traduttore” non avendo la possibilità di consultare il libro di Kenneth MacLeod “The road to the isles : poetry, lore, and tradition of the Hebrides” (Edimburgo,1927)) Gli spartiti a cui ho avuto accesso riportano solo il testo in inglese. La melodia è sempre la stessa.
Nel testo traspare lo spirito celtico, un profondo sentimento di comunione con la natura che nasce dalla convinzione di essere parte del tutto (mare e terra, uomo e dei nati da un primordiale incantesimo senza fine).

ASCOLTA Tannahill Weavers in Mermaid’s song 1992


I
Soon shall I see your bright(1)
shores in the morning
The heather of hills
and the rising of morn
The rolling grey seamist
rolls east in the morning
To run the wild hills
of the cuillins of Rhum(2)
II
Far away seaward
thy green hills are lovelit
Where runs the hill water
afoam to the sea
Like tangle at noontime(3),
like snow wreath in moonlight
As thou who art yearning
will yearn it to be
III
Far away seaward
my queenland, my youthland(4)
Far away seaward
the cuillins of home
And here in my dream time
I’m hearing hill water
The laughter of streams
by the cuillins of Rhum
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
Presto vedrò le tue bianche(1)
spiagge al mattino,
l’erica sulle colline
e il sorgere della luna,
la sinuosa grigia nebbia del mare
che si alza a est nel mattino
per seguire le aspre colline
delle Cuillins di Rùm(2).
II
Lontano al largo
le tue verdi colline sono amabili,
dove scorre la spuma del ruscello
verso il mare
come la boscaglia a mezzogiorno(3),
come la neve circondata dal chiaro di luna
dove tu che stai desiderando,
vorresti essere.
III
Lontano al largo
la mia terra sovrana, terra della giovinezza(4)
lontano al largo
le Cuillins di casa
e qui nel mio sogno
sto sentendo il torrente,
le risate dei ruscelli
dalle Cuillins di Rùm

NOTE
1) Bhrighde è il nome di una dea celtica e le isole Ebridi derivano forse il loro nome proprio dalla dea (Brigit o Bride) Dea del triplice fuoco controparte femminile di Lugh, il luminoso (il dio sole) a lei è dedicata la festa celtica di Imbolc vedi. L’aggettivo bright è appropriato perchè le spiagge delle Ebridi hanno spesso un che di caraibico (vegetazione a parte) per quella luce che si accende sotto il sole e il mare cristallino
2) le Rum Cuillin sono cinque montagne di basalto nel cuore dell’isoletta (dello stesso gruppo delle Cuillin di Skye )
3) tangle: tra i possibili significati del termine ho pensato prima all'”alga” ma poi mi sono convinta si riferisca all’intrico dei rami come in un bosco di alberi secolari particolarmente nodosi e contorti
4) citazione dell’Isola come la terra dell’Immortalità, la terra dell’Altro mondo celtico vedi

ASCOLTA (track 26) l’arrangiamento per voce ed arpa di Marjory Kennedy-Fraser

O Bhrighde(1)! ‘tis seaward, the dreamland, the youthland(4),
O Bhrighde! and seaward the Coolin of Rum(2),
Afar in the dreamtide I’m hearing hill waters,
Like lilting of streams by the Coolin of Rum.
The Grail of the dreamland, the youthland(4), is love-lit
Beside the hill waters afoam to the sea,
Like tangle(3) at noontide, like snow-wreath in moonlight,
And thou who art yearning shalt yearn it to be.
O Bhrighde! ‘tis seaward, the dreamland, the grail track,
O Bhrighde! and seaward the Coolin of Rum,
Afloat on the dreamtide I’m hearing hill waters
Like laughter of streams by the Coolin of Rum.

Rhum è rinomata per la sua bellezza e per il detto "the island where no one worries for very long". Ecco l'aneddoto che raccontano i Tannahill Weavers nelle note (notoriamente dei grandi mattacchioni) (qui) "There is a lovely example of this in a story concerning an old married couple living on the island. One night, as they lay in bed, the wife notices that her husband is having difficulty sleeping. "Archie", she asks, "Why are you not sleeping? Is something worrying you?" "Och, aye", says he, "It's our next door neighbor, Angus Macfadzean. I owe him £500 and I can't pay him." As calmly as you like, his wife gets out of bed, walks to the bedroom window, opens it, and calls out into the evening air, "Angus Macfadzean! My husband does not have £500! He cannot pay you!" Calmly she walks back to the bed, kisses her husband lovingly on the cheek, and says, "There you are dear, off you go to sleep and let him worry now."

rhum-isle“Rum Cuillin” di Byron Cooper 1900

FONTI
http://www.tannahillweavers.com/lyrics/1121lyr4.htm http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=53294 http://www.tourbritain.de/scotland/rum/rum_cuillins_tour.htm http://www.touringmagazine.it/articolo/1543/scozia-isole-fuori-dal-mondo http://www.bbc.co.uk/arts/yourpaintings/paintings/skye-cuillin-from-kilmory-beach-166803
http://www.bbc.co.uk/arts/yourpaintings/paintings/rum-cuillin-166804