Archivi tag: Lewis isle

Cànan nan Gàidheal: il gaelico ancora vive

Cànan nan Gàidheal è un canto in gaelico scozzese scritto da Murdo MacFarlane (1901 – 1982) (in gaelico Murachadh MacPharlain ) soprannominato “Melbost Bard” (il bardo di Melbost),  perchè nativo di Melbost Isola di Lewis (Ebridi esterne- Scozia).
Fu poeta e attivo sostenitore della diffusione e la salvaguardia della lingua gaelica scozzese.

MELBOST BARD

Possiamo seguire la storia della sua vicenda umana  in una serie di interviste-video suddivise in sei spezzoni (anche se il linguaggio usato è per lo più il gaelico ci sono i sottotitoli in inglese). Inframmezzati alla storia della sua vita, letture delle poesie, i canti, testimonianze e aneddoti di coloro che lo hanno conosciuto. In lui rivedo i grandi vecchi del mio paese conosciuti da ragazza, attaccati al dialetto piemontese e scrittori di poesie dialettali, come Libero Aimar che con Guido Damiano scrisse Al Livurnin (il dialetto di Livorno Ferraris una grammatica per imparare a leggere e scrivere il dialetto livornese.
La notorietà  (oltre i confini della sua isola) arrivò in tarda età negli anni 70, quando una serie di giovani diedero voce alle sue canzoni incidendole nei dischi e facendole sentire ai concerti, i primi furono tre ragazzi di Glasgow, i Na h-Oganaich (che in gaelico vuol dire grosso modo “i giovani”)  ma anche Karen Matheson che con i Capercaillie canta diverse poesie di Murdo



testimonianza di Margaret MacLeod del gruppo Na h-Oganaich i quali vinsero nel 1972  il Contest del Festival Panceltico irlandese a Killarney  con una canzone di Murdo MacFarlane,  e iniziarono un tour di concerti in Inghilterra, Canada, Galles e Bretagna

intervista a Karen Matheson e Donald Shaw che confessa di aver preso spunto da tutto il materiale dei Na h-Oganaich  e di aver convinto la madre a scrivere al Bardo per chiedere se avesse qualche canzone che il gruppo del figlio avrebbe potuto interpretare; Murdo le spedì un nastro con la registrazione dei canti in presa diretta.
Per Murdo fu una grande opportunità comunicativa e arrivò la popolarità: iniziò ad apparire in pubblico per dare lettura alle sue poesie, partecipare ai concerti cantando e a venire intervistato dalla televisione; iniziò a viaggiare e a essere richiesto in Irlanda dove fece delle ripetute e lunghe tournèe


“Il linguaggio degli eroi (gaeli)” tradotto anche come “il gaelico ancora vive” è un canto interpretato da molti artisti a cominciare dai primi sostenitori del bardo il gruppo Na h-Oganaich che lo conobbero nel 1971 e iniziarono a cantare le sue canzoni.
Registrarono la loro versione di Canan nan Gaidheal nel secondo album “Scot-Free” (1975).
La canzone è stata interpretata successivamente da Catherine-Ann McPhee (nativa dell’isola di Barra) che la registra nell’album di esordio “Cànan nan Gàidheal-the Language of the Gael” (1987) accompagnata niente meno che da una parte dei componenti del gruppo scozzese Ossian

La massima diffusione del canto arriva con il progetto-spettacolo del chitarrista bretone Dan ar Braz “Héritage des Celtes
ASCOLTA Dan Ar Braz & Karen Matheson in “Héritage des Celtes” 1994

Karen Matheson lo registra inoltre per la Transatlantic sessions (1995) suonano con lei Mairead ni Mhaonaigh – seconda voce e violino, Donald Shaw – organetto, Charlie McKerron – violino, Donal Lunny -bouzouki, Danny Thompson – basso, Jim Sutherland – percussioni

e con Dick Gaughan (2006)

la versione cantata è ridotta rispetto al testo poetico scritto da Murdo MacFarlane (vedi)


I
Cha b’e sneachda ‘s an reothadh ò thuath
Cha b’e ‘n crannadh geur fuar ò ‘n ear
Cha b’e ‘n t-uisge ‘s gaillionn ò ‘n iar
Ach an galar a bhlian ò ‘n deas
Blàth, duileach, stoc agus freumh
Cànan mo threubh ‘s mo shluagh
Sèist:
Thig thugainn, thig cò’ ruinn gu siar
Gus an cluinn sinn ann cànan nan Gàidheal
Thig thugainn, thig cò’ ruinn gu siar
Gus an cluinn sinn ann cànan nan Gàidheal
II
Bheir anuas dhuinn na coinnleirean òr
‘S ann annt càraibh na coinnlean geal cèir
Lasaibh suas iad an seòmar a’ bhròin
Taigh aire seann chànan a’ Ghàidheil
‘Se siud ò chionn fhad’ thuirt an nàmh
Ach fhathast tha beò Cànan nan Gàidheal
III
Ged theich i le beath’ às na glinn
Ged ‘s gann an diugh chluinnear i nas mò
O Dhùthaich Mhic Aoidh fada tuath
Gu ruig thu Druim Uachdar nam bò
Gidheadh, dhith na h-Eileanan Siar
Biodh claidheamh is sgiath ud ‘n ur dòrn
IV
Ged nach cluinnear anis i ‘san dùn
No ‘n talla nan cliar is nan corn
Ged tha meòir Chloinn ‘ic Criomain gun lùths
O ‘n tric fheasgar ciùin dhòirteadh ceòl
Gidheadh, anns ha h-Eileanan Siar
‘S i fhathast ann, ciad chàinnt an t-slòigh
traduzione italiano (da qui)
I
Non sono stati la neve e il gelo dal Nord,
Non è stato il tagliente e raggelante freddo dall’Est,
Non sono state la pioggia e le tempeste dall’Ovest,
Ma il flagello arrivato dal Sud,
che ha fatto appassire il fiore, la chioma, lo stelo e la radice
del linguaggio della mie gente e della mia razza.
[Ritornello]
Venite, venite con me verso l’Est,
a sentire il linguaggio degli eroi,
Venite, venite con me verso l’Est,
e sentite il linguaggio dei Gaeli.
II
Se un uomo con il kilt fu mai visto nella valle
il gaelico era sicuramente la sua lingua.
Poi hanno stappato le sue radici dalla terra
e rimpiazzato il Gaelico con la lingua straniera
e le Highlands, culla degli eroi,
sono ora una terra di “maggiori” e “colonnelli”.
III
Portate fuori il candelabro dorato,
e preparate le candele di cera bianca,
accendetele nella stanza del lutto,
vegliate per l’antica lingua dei Gaeli,
questo è quello che i nemici dicono da molto tempo,
ma la lingua dei Gaeli è ancora viva.
IV
Sebbene sia fuggita con la sua vita dalle valli,
e non si sente più parlare nelle città
dalle lontane terre dei McKey su nel Nord
fino giù a Drumochter, terra di bestiame,
nelle Isole dell’Ovest
è ancora la prima lingua della gente.

Ancora altre versioni dei Tannas (1994), Gaelic Women (1999) Ishbel MacAskill (2000)

VERSIONE IN GAELICO IRLANDESE

Con titolo Teangaidh o Teanga na nGael sono tradotte e cantate tutte le 8 strofe della versione in gaelico scozzese
ASCOLTA  Cór Thaobh a’ Leithid in Siansaí 2007

ASCOLTA Gráinne Holland in Teanga na nGaell 2011 qui live

I
Char bhé’n sneachta ná ár siocán aduaidh
Char bhéideán géar fuar ón oirhear
Char bhé’n fhearthainn á bhlúchann aniar
ach an galar a tháinig aneas.
II
Bláth, duilliúr stoc agus fréamh,
De theangaidh mo bhunú’s mo threibh,
Tar chugainn ‘nár gcuideachta aniar,
Nó go gcluin sinn ann teangaidh na nGael.
III
Tabhair anuas dúinn ná coinnleorí óir,
Is iontu cuir coinnie geal céir,
Las suas iad i seomra an bhróin,
Teach faire shean teangaidh na nGael,
IV
Sin a dúirt ár námhaid fadó
Ach maireann beo teangaidh na nGael
Tar chugainn ‘nár gcuideachta aniar
Nó go gcluin sinn ann teangaidh na nGael
V
Gidh gur theith sí lena h-anam ón ghleann,
Gidh gur annamh a chluintear í níos mó,
Ó dhúiche Mhic Aoidh fada Ó thuaidh,
Go mbíonn tú i nDruim Uachtar na mBó
VI
Ach tá gá sna h-oileain thiar
Le claidheamh agus sciath in ár ndorn
Tar chugainn ‘nár gcuideachta aniar,
Nó go gcluin sinn ann teangaidh na nGael.
VII
Gidh nach gcluintear í anois ins an dún,
Nó i hallaí na mbard is na gcorn,
Gidh go bhfuil méara Chlann Uí Chriomáin gan Iuth,
Tráth bhíodh siad go ciúin dóirteadh ceoil.
VIII
Gidh go bhfuil sí i gcontúirt a báis,
Go fóill is í céad chaint an tsluaigh
Tar chugainn ‘nár gcuideachta aniar,
Nó go gcluin sinn ann teangaidh na nGael.

UNA VISITA ALL’ISOLA DI LEWIS
http://ilariabattaini.it/2017/05/15/cosa-vedere-sullisola-di-lewis/

FONTI
http://www.geocities.ws/Paris/LeftBank/4843/canannag.html
https://nelcuoredellascozia.com/2015/03/23/canan-nan-gaidheal-la-lingua-dei-gaeli/

http://www.omniglot.com/songs/gaelic/canannangaidheal.php
http://www.irish-folk-songs.com/teangaidh-na-ngael-lyrics.html

AIGNISH ON THE MACHAIR

Una canzone dalle Isole Ebridi per commemorare la fine di una vita, colta dalla vecchiaia, così come dovrebbe essere una morte serena. La canzone esprime la nostalgia per la propria terra e il desiderio di giacere anche in morte, nel grembo della comunità di appartenenza.

aignish-cimitero
Il testo è stato composto da Agnes Mure Mackenzie di Stornoway, isola di Lewis (Ebridi esterne) su di una vecchia melodia scozzese. Nel canto si cita il cimitero di Aignish, un borgo poco distante da Stornoway già luogo di insediamenti monastici medievali. I ruderi di una piccola chiesa dedicata a S Columba sono il fulcro di un cimitero (per il clan dei Macleod) proprio a ridosso del mare. (vedi)

ASCOLTA Capercaillie in The blood is strong 1988 e ristampa 1995
Nell’album il brano è accreditato sia a John Archie Morrison che a Marjory Kennedy Fraser, che con il suo lavoro ha più arrangiato il materiale tradizionale delle isole Ebridi, che composto qualcosa di suo.

I
An ciaradh m”fheasgairs mo b`heath `air claiodh
Mo rosg air dunad`s a`bhas gun chli
Stuir curs` an lar leam gu Eilean ciatach
Gu Aignish sgiamhach far an d`araich mi
II
An sin gun cairich sibh mi` san fhod
A mheasg mo chairdean `smo shinnsrean coir
Ri toonan barr-gheal a` bualadh traghad
`Sri machair(2) Aignish nan laoighs nam bo.
III(3)
Bi eoin an aite gach la ri seinn
‘S an iarmailt ghorm sin gu h-ard os cionn
Is machair Aignis ri taobh na traghad
Gu tosdach samhach ‘s mi sint’ ‘s a’ chill
TRADUZIONE INGLESE*
I
When day is over and life is done
My eyes have closed and my strength has gone
Steer my course westwards(1) to the beautiful island
To lovely Aignish where I was raised
II
There please leave me by kith and kin
By parents kindly and all my friends
By white waves pounding on beaches sounding/And the plains of Aignish of the calves and cattle.
III
The birds of the place will sing every day
In those blue skies high above me
And the plains of Aignish beside the beach
Peaceful and still as I rest in the grave
tradotto da Cattia Salto
I
Quando il tempo è finito e la vita trascorsa, ho chiuso gli occhi e  le forze sono andate,
accoglimi allora nella Terra dell’Ovest(1) nella splendida isola
della bella Aignish dove sono cresciuta.
II
Là lasciatemi tra antenati e parenti con i genitori amati e tutti i miei amici,
tra il suono delle onde chiare che si frangono sulla spiaggia,
sulla piana (2) di Aignish delle mandrie
III
Gli uccelli del luogo canteranno tutto il dì
in quei cieli azzurri stesi su di me
sulla piana di di Aignish accanto al mare in pace e quiete così riposerò nella tomba

NOTE
* una traduzione più letterale qui
1) è l’Avalon, la terra delle fate, l’altromondo celtico
2) machair è una fertile pianura d’erba, come se ne trovano sulle isole Ebridi proprio a ridosso della spiaggia

La traduzione di Agnes Mure Mackenzie (in Lyra Celtica)

When day and night are over,
And the world is done with me,
Oh carry me west and lay me
In Aignish by the sea.

And never heed me lying
Among the ancient dead,
Beside the white sea breakers
And sand-drift overhead

The grey gulls are wheeling ever,
And the wide arch of sky,
Oh Aignish on the Machair(2),
And quiet, quiet there to lie.

FONTI
http://www.visitouterhebrides.co.uk/see-and-do/st-columbus-church-eaglais-na-h-aoidhe-p524161 http://www.celticlyricscorner.net/capercaillie/aignish.htm http://www.celticlyricscorner.net/macaskill/aignis.htm http://www.elvendale.de/songs/aignish.html
http://www.albumtrad.com/en/ishbel-macaskill/00392-sioda.xhtml http://www.alansim.com/scohtml/sco262.html http://www.cdandlp.com/kennedy-fraser-traditional/land-of-heart-s-desire-lisa-milne-sioned-williams/cd/r116587407/