Archivi tag: John Reilly

SWEET ROSEANNA

Fu Alan Lomax a registrare sul campo il canto di pescatori della Virginia e ad arrangiarlo come canto folk dal titolo “Sweet Roseanna” per il  Bright Light Quartette  (copyright 1960).
A metà tra il walzer lento e la ninna-nanna il canto era una volta utilizzato dai pescatori per coordinare gli sforzi nel tirare su le reti piene di pesci. Tutto sommato un canto triste per dirla con parole di Francesco De Gregori “Recuperavano le reti i pescatori e si sentiva cantare un canto, ma erano acqua le parole ed era triste quel canto…”  (in Miramare) Le strofe sono quanto mai varie, secondo l’estro dello shantyman.

ASCOLTA Elvis Perkins live 2010
ASCOLTA Pete Seeger & Arlo Guthrie live 1975 che adattava le strofe ai contesti in cui si trovava a cantare interagendo con il pubblico

ASCOLTA John Reilly & Friends live 2013

Sweet Roseanne, sweet Roseanne,
Bye-bye sweet Roseanna.
I thought I heard my baby say:
I won’t be home tomorrow.

Sweet Roseanne, my darlin’ child,
Bye-bye sweet Roseanna.
Sweet Roseanne, my darlin’ child,
I won’t be home tomorrow.

CHORUS
Bye-bye, bye-bye, bye-bye, bye-bye
Bye-bye sweet Roseanna.
Bye-bye, bye-bye, bye-bye, bye-bye
I won’t be home tomorrow.
The steamboat’s comin’ ‘round the bend,
Bye-bye sweet Roseanna.
She’s loaded down with harvestmen,
I won’t be home tomorrow.

Don’t you want to go home on your next payday?
Bye-bye sweet Roseanna.
Don’t you want to go home on your next payday?
I won’t be home tomorrow.

I’m goin’ away but not to stay,
Bye-bye sweet Roseanna.
I’m goin’ away but not to stay,
I won’t be home tomorrow.

ASCOLTA Kimsbersmen Scarica mp3


Oh, Ro-se-anne, sweet Ro-se-anne,
Bye bye my Ro-se-an-na
I’m goin’ away, but not to stay, (1)
And I won’t be home tomorrow.
A dollar a day’s a sailor(fishermen)’s pay
It’s easy come, easy slip (go) away
We’ll leave the port at the break of day(2)
we’ll sailing out across the bay (3)
Our ship (4) is sailing (coming) around the bend (5)
It(she)’s loaded down with fishermen (6)
TRADUZIONE
Oh Rosanna cara Rosanna
arrivederci mia Rosanna
vado via e non resterò
non sarò a casa domani
Un dollaro al giorno è una paga da marinai (pescatori)
è facile arrivare, è facile andare via.
Lasceremo il porto al sorgere
dell’alba
navigheremo per la baia.
La nostra nave è pronta alla partenza
è tutta piena di pescatori

Note
1) oppure “I’ll see you again but I dont know when”
2)” Were bound away at the break of day” oppure “We won’t be back for many a day”
3)” Around cape horn we’ll make our way” oppure “We’re sailing North, across the bay”
4) the boats oppure The steam boat
5) oppure “from Southend”
6) harvest men

ASCOLTA The Brothers Four in BMOC 1961


Sweet, Ro-sy-anne, my darlin’ child
The ocean is a sailor’ bride
We’ll cast out nets on the ocean blue
with every cast I’ll think of you
I though I heard the ocean (old man) said
Don’t you want to go home on your next payday? (7)
TRADUZIONE
Cara Rosanna, mia bambolina
l’oceano è la sposa del marinaio
getteremo le nostre reti nell’oceano azzurro
ho sentito il capitano dire:
non volete andare a casa il prossimo giorno di paga?

Note
7) We won’t be back till next payday

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=6076
http://bartonpara.com/bp/wp-content/audio/lr/lr19.html
http://www.musicanet.org/robokopp/shanty/roseanna.htm

BRAES OF STRATHBLANE OR BANKS OF STRATHDON?

Il nome gaelico Srath Bhlàthain si traduce  come “la valle del Blane” e la ballata ‘The Braes of Strathblane’ , tramandata sostanzialmente dalla tradizione orale e cantata anche in gaelico scozzese, potrebbe essersi originata nello Stirlingshire; è tuttavia diffusa anche nelle isole Ebridi con il titolo di Stra’ Ban Aodann Srath Bhain  (vedi prima parte); equivalente in Irlanda a “Banks of Strathdon”.

LA BELLA LAVANDERINA

lavandaiaLa storia è un po’ anomala rispetto al filone delle “courting songs”: una giovane lavandaia respinge  la proposta di matrimonio del suo spasimante (a quanto pare sfaccendato e non gradito ai genitori), il ragazzo si sente offeso dalle parole con cui lei ha spiegato il suo rifiuto; troppo tardi la fanciulla riconsidera l’offerta matrimoniale per acconsentire, lui ormai non la vuole più!

Ossian in “St. Kilda Wedding” 1987. Nelle note di copertina gli Ossian scrivono: The words here were first published in Mavers Collection (1866) and are recorded as those heard in Kintyre. The song has an unusually unhappy ending for this ‘boy meets girl in the month of May’ type“.


I
As I was a-walking
one morning in May
Down by yon green meadows
I careless did stray;
I spied a young lass,
she was standing alane
A-bleaching her claes
on the braes o’ Strathblane (1).
II
I steppèd up tae her
as I seemed tae pass:
“Ye’re bleaching yer claes here,
my bonny young lass;
It’s twelve months and mair
since I’ve had in my mind
And its a’ tae be married
if you are inclined.”
III
“Tae marry, tae marry,
I’m sure I’m too young
And all ye young lads
hae a flattering tongue;
My faither and mother
displeasèd would be
Gin I were tae wed
wi’ a rover (2) like thee.”
IV
“But lassie, oh lassie,
how can ye say so
For ye ken all the pain
which I undergo;
Consent, my dear lassie,
tae be a’ my ain
And happy we’ll live here
on the braes o’ Strathblane.”
V
But, “Tempt me nae longer –
this lassie did say-
For ye’ll dae yersel’ better
to gang on your way;
Far better for me
tae bide here alane
Than wi’ you spend my days here
on the braes o’ Strathblane”.
VI
So I turnèd around then
wi’ a tear in my ee
Saying, “I wish ye a guid man, whaure’er he may be;
I wish ye a guid man
as we’re here alane
And I’ll court wi’ another
on the braes o’ Strathblane.”
VII
“But wait”, cried this lassie,
“for ye’ve fair won my hairt;
Here is my hand,
and we never shall part.
We never shall part
till the day that we dee
And may a’ good attend us
whaure’er we may be.”
VIII
“But noo ye’ve consented,
oh it’s fair out o’ time;
Ilka word that you’ve spoken,
I’ve changèd my mind
For the clouds they look heavy,
I’m afeared we’ll have rain.”
And we shook hands and parted
on the Braes o’ Strathblane.
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Mentre me ne andavo
in un mattin di Maggio
per quei campi verdi
e distrattamente vagavo,
vidi una fanciulla
che stava da sola
a lavare (candeggiare) i suoi vestiti
sulle rive dello Strathblane.
II
Mi sono fermato accanto a lei
mentre stavo passando:
“Stai lavando i tuoi abiti ,
mia bella signorina?
Sono 12 mesi e più
che avrei intenzione
di sposarti,
se anche tu lo desideri!”
III
“Sposare, sposare?
Di certo sono troppo giovane
e tutti voi giovanotti
avete una lingua adulatrice,
mio padre e mia madre
non sarebbero contenti
se fossi sposata
ad un vagabondo come te.”
IV
“Oh ragazza, ragazza
come fai a dire così,
lo sai bene tutta la pena
che mi fai passare,
acconsenti mia cara ragazza
di sposarmi
e vivremo felici qui
sulle rive dello Strathblane”
V
“Non tentarmi più a lungo –
disse la ragazza –
sarà meglio che tu vada
per la tua strada
molto meglio per me
aspettare qui da sola,
che trascorrere con te i miei giorni
qui sulle rive dello Strathblane”
VI
Così mi sono voltato
con gli occhi pieni di lacrime
dicendo “Ti auguro un brav’uomo ovunque egli sia,
ti auguro un brav’uomo
mentre stai qui da sola,
e io corteggerò un’altra
sulle rive dello Strathblane”
VII
“Ma aspetta – gridò la ragazza –
perchè hai vinto il mio cuore,
ecco la mia mano
e non ci separeremo più,
non ci separeremo più
fino al giorno della nostra morte
e possa la sorte favorirci
ovunque saremo”
VIII
“Ma ora che hai acconsentito
è troppo tardi,
a causa di ogni parola che hai detto
ho cambiato opinione,
che le nuvole sembrano pesanti
e temo che verrà a piovere”
E ci stringemmo la mano e separammo sulle rive dello Strathblane.

NOTE
(1) Strathblane probabile riferimento al Blane Water un fiume chiamato in gaelico  Beul-abhainn  (= fiume chiacchierino) per l’abbondanza di cascatelle e cascate. Un suo affluente il Ballagan Burn è particolarmente suggestivo per le vasche d’alabastro scavate dal ruscello. Strathblane è oggi un piccolo paese-dormitorio di Glasgow – la distanza è di circa 20 km-ai confini sud-est della contea di Stirling (Scozia) , nel 1800 vi si impiantò un centro tessile per la produzione di calicot (scritto anche calicò come si pronuncia) il cencio della nonna, un tessuto in cotone economico che veniva prodotto in India e che si prestava ad essere stampato con vivaci colori (Calloco Print).
(2) il ragazzo è chiaramente uno senza un mestiere, forse un traveller

LA VERSIONE IRLANDESE: THE BANKS OF STRATHDON

Questa versione è in pratica identica alla versione scozzese tranne per il nome della località; aggiunge piuttosto una strofa  una sorta di commento o frase conclusiva tipica nella struttura delle warning songs (e già presente nella versione in gaelico scozzese).
Così conclude: “Venite tue voi signorine e accettate questo consiglio da me: non offendete mai un giovanotto per la sua povertà, perchè nell’offendere questo giovane temo che non ne troverete altri e vivrete e morirete nubili sulle rive di Strathdon

“Hugh Shields’ Shamrock, Rose and Thistle, Belfast: Blackstaff Press, 1981 has a version of ‘The Braes of Strathblane’ taken down from Annie Sweeny of Magilligan, Co Derry (N Ireland). According to the notes, the song has also been found in America under the titles of ‘The beach of Strablane’, ‘The bleaches so green'[not as odd a name as may appear; linens were treated on a ‘bleaching green’] and even ‘The Chippewa Girl’ Shields also quotes from Robert Ford, ed Vagabond Songs and ballads of Scotland(1899)Paisley & London, 1904: ‘Doggerel’ as familiar in the Blane valley, north of Glasgow, as ‘the lines of the 23rd psalm’. Two American versions can be found in GM Laws’ Native American Balladry (1950) revised, Philadelphia 1957. He calls it ‘The Chippewa Girl’. Maud Karpeles collected ‘The bleaches so green’ in Newfoundland.” (da qui)

ASCOLTA Cathal McConnell

I
As I went out walking one morning in May
Down by yon green meadow I chanced for to stray
I met with a fair maid she was standing along
She was bleaching her claes on the Banks of StrathdonSo I said unto to her as I seemed to pass
“You’re bleaching your claes here my bonnie wee lass
Tis twelve months and better since I’ve had a mind
For to ask you to marry me if you’re sae inclined.”
II
“To marry you, to marry you O I’m far too young
And besides all you young men have a flattering tongue
My father and mother would both angry be
If I were to marry a young man like thee.”
III
“O hold your tongue lassie and do not say no
You can cure all the pains love that I undergo
But I’ll bid you a good man though I gang alone
So I’ll bid you good morning on the Banks of Strathdon.”
IV
“Abide my dear laddie, you’ve fair won my heart
Here is my hand and we never shall part
We never shall part till the day we die
And may all good attend us wherever we be.”
V
“O it’s now you’ve consented though now out of time
The cruel words you’ve spoken have altered my mind
Dark clouds are a-gathering and rain will be on.”
So they shook hands and parted on the Banks of Strathdon.
VI
“So come all you fair maids and a warning take by me
Never slight your young man for his poverty
For in slighting this young man I’m afraid I’ll get none
And live and die unmarried on the Banks of Strathdon.”

 

ASCOLTA John Reilly in “The Bonny Green Tree Songs of an Irish Traveller” 1977 e ristampato nel  2014


I
For the old town of Tralee(1)
one evening in June
Through the woodbine,
mound daisies
an’ meadows in bloom
I espied a wee lassie
at the end of a lane
An’ she bleaching her linen
by the braes of Strawblane
II
For I stepped up unto her
an’ I made my address:
“Are you bleachin’ your linen
my charnin’ wee lass,
For twelve months an’ better
since I had deep in my mind
Oh, that we would get married,
love, if you were inclined.”
III
“Well, to marry, to marry,
kind sir, I’m too young
An’ besides all ye young men
has a platterin’ fine tongue
Sayin; my Daddy an’ Mammy,
oh quite angry would be
That’s if I would go
marry a rover like thee.”
IV
“You consent my wee lassie
and do not say no
Sayin’ you don’t know the pain love,
oh that I undergo
for the clouds they look weary,
I’m afraid we’ll have rain
Oh, but I’ll go my way, love,
round the braes of Strawblane.”
V
“Consented, consented
it is all of the time
Since the last words you have spoken
I have now changed my mind
The clouds they look weary
I’m afraid we’ll have rain
Oh but I’ll court some other
round the braes of Strawblane.”
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
I
Per la vecchia città di Tralee
una sera di Giugno
con il caprifoglio
e un mucchio di margherite
che fiorivano nei prati,
vidi una ragazzina
alla fine del viale
e lei candeggiava la sua biancheria
sulle rive dello Strawblane.
II
Sicchè accanto a lei mi fermai
e le feci le presentazioni
“Stai candeggiando la biancheria ,
mia affascinante fanciulla?
Sono più di 12 mesi
che ho la profonda convinzione
di chiederti in sposa,
se anche tu lo vuoi”
IV
” Beh, per sposarmi, sposarmi
gentile signore, sono troppo giovane
e inoltre tutti voi giovanotti
avete una parlantina sciolta,
mio padre e mia madre
non sarebbero tanto contenti
se andassi in sposa
a  un vagabondo come voi.”
IV
“Acconsenti ragazzina
e non dire no,
tu che non conosci le pene d’amore
come quelle che io patisco,
perchè le nuvole sembrano cariche
e temo che verrà a piovere,
ma allora andrò per la mia strada, amore, per le rive dello Strawblane”
V
“Acconsenti, acconsenti
ma è troppo tardi
poichè le ultime parole che hai detto
mi hanno fatto cambiare opinione,
le nuvole sembrano cariche
e temo che ci sarà pioggia
ma io corteggerò qualcun’altra
sulle rive dello Strawblane”

NOTE
1) Tralee si trova nella contea di Jerry (Irlanda Sud-Ovest)

FONTI
http://mysongbook.de/msb/songs/b/braesost.html http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=17312 http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=34604
http://digital.nls.uk/broadsides/broadside.cfm/id/20794
http://www.gla.ac.uk/0t4/~dumfries/files/layer2/ glasgow_broadside_ballads/braes_o_strathdon.htm http://www.tobarandualchais.co.uk/fullrecord/ 55077/1;jsessionid=FB3D71DD4296E904CDD6E1C77C93FEBA http://www.celticlyricscorner.net/capercaillie/aodann.htm http://www.pantomimemusic.com/strawblane_sample.pdf

THE WELL BELOW THE VALLEY-O

Child ballad #21
“The Maid and the Palmer”  è un’oscura ballata tradizionale risalente al Medioevo in cui si narra l’incontro di un “gentleman” e una “young maid” nei pressi di un pozzo.

La donna rifiuta un sorso d’acqua al “pellegrino” che l’accusa di infanticidio, un tema che ritorna nelle murder ballad e che si rivela essere se non proprio una prassi comune nel tempo antico, un comportamento socialmente non condannato: neonati deboli o malformati erano uccisi o esposti agli elementi atmosferici. Nella Roma antica spettava al pater familias decidere la sorte del figlio appena nato: a dettare la scelta erano motivazioni di ordine economico e pratiche e una figlia femmina aveva poche probabilità di vivere se c’era già un’altra sorella; solo in epoca imperiale l’infanticidio viene riconosciuto come un delitto e punito con la morte. In epoca medievale i bambini appena nati continuavano a morire sempre per motivi economici e per le stesse precarie condizioni di vita (malnutrizione, malattie, ignoranza). Ma quando una donna era riconosciuta colpevole d’infanticidio era punita con la morte per lo più con l’annegamento (o il rogo).

Guercino_-_Jesus_and_the_Samaritan_Woman_at_the_Well_-_WGA10946
Guercino: Gesù e la Samaritana

La ballata è diffusa con vari nomi un po’ in tutta Europa. Nel Midi della Francia prevale il tema penitenziale con la donna nei panni di Maddalena; anche nei paesi scandinavi i due personaggi sono esplicitati come Gesù e Maria Maddalena: nonostante lei si dichiari fanciulla (e quindi vergine) Gesù dice di sapere che lei ha partorito tre figli, uno dal padre, l’altro dal figlio e il terzo dal prete locale.

LA PENITENZA DI MADDALENA

Maddalena si ritira nel bosco per ottenere il perdono e vive di stenti per sette anni (durata variabile a seconda dell’area di provenienza): si ciba di erbe e di germogli dell’albero, beve rugiada, dorme sulla nuda terra, ed è molestata dalle belve feroci, ma alla fine quando rincontra Gesù che le chiede in merito alla penitenza, lei risponde di aver mangiato con abbondanza, aver bevuto vino e dormito su soffici piume in compagnia degli angeli, così ottiene da Gesù la promessa della salvezza (vedi).

LA PARODIA: THE MAID & THE PALMER

La versione di Child (dal manoscritto Percy c. 1650) è stata classificata da Tony Conran come una versione elisabettiana ironica in chiave anticattolica di una più antica ballata medievale. Qui la donna è identificata come una bella fanciulla e il gentiluomo come un vecchio pellegrino giunto dalla Terra Santa in quanto Palmiere (1). Non è esplicitato che si tratti di Gesù, ma è sotto inteso che sia quanto meno un sant’uomo.
Il tema dell’infanticidio non è dichiarato, ma rilevabile dalle sepolture degli infanti: sarebbero potuti morire di morte naturale com’era comune all’epoca, ma sicuramente sarebbero stati sepolti in un luogo consacrato o quantomeno con un segno di riconoscimento e non “nascosti” dentro e fuori casa. Come pure non si fa riferimento all’incesto, come invece sottolineato nelle altre versioni, la tragicità dei due temi è così sfumata nell’indeterminatezza per accentuare invece il tono più irriverente ma scherzoso della ballata.

ASCOLTA Brass Monkey che hanno colto l’aspetto burlesco del contesto elisabettiano con questa melodia allegra e ballabile nonostante si stia svelando una storia di infanticidio.


I
Oh, the maid went down to the well for to wash,
And the dew fell down from her snow-white flesh (x2)
As the sun shone down so early.
II
And as she washed, as she wrung,
She hung them out on the hazel wand, (x2)
And by there came a palmer man.
III
Oh, God speed you, Old Man, she cries,/God speed you, you pretty fair maid (x2)
As the sun shines down so early.
IV
“Have you got a cup, have you got a can?/ Can you give a drink to a palmer man(1)?
V
Oh, I’ve no cup and I’ve no can(2),
And I cannot give a drink to a palmer man
VI
You lie, you lie, you are forsworn,
For if your true love came from Rome(3),
Then a cup, a can you’d find for him,
As the sun shines down so early.
VII
Now, she swore by God and the good St. John.
Truelover she had never a one,
VIII
You lie, you lie, you are forsworn,
For nine children you have born,
IX
Oh, there’s three of them lying under your bed-head,
Three of them under the hearth are laid(4),
X
Three more laying on yonder green,
Count, fair maid, for that makes nine,
XI
Palmer, oh, Palmer, do tell me,
Penance that you will give to me(5),
XII
Penance I will give thee none,
But seven years as a stepping stone,
XIII
Seven more as a clapper to ring in the bell,
Seven to run as an ape through hell,(6)
XIV
Oh, welcome, welcome stepping stone,
Welcome clapper in the bell to ring,
XV
Welcome stone, welcome bell,
Christ, keep me from the apes of hell
Tradotto da Cattia Salto
I
Oh, la fanciulla andò giù al pozzo
a lavare,
e la rugiada cadeva dalla sua carne bianca come la neve,
mentre il sole splendeva di mattina presto.
II
Lavava e strizzava i panni,
e poi li appendeva sul ramo di
nocciolo,
e dappresso venne un pellegrino.
III
“Oh, Dio sia con te, vecchio” lei grida,
“Dio sia con te, bella fanciulla,
Dio sia con te, bella fanciulla
mentre il sole splendeva di mattina presto.
IV
“Hai una tazza, o un barattolo?
Puoi dare da bere ad un pellegrino?
Puoi dare da bere ad un pellegrino?
V
“Oh, non ho tazza e non ho barattolo,
e non posso dare da bere ad un pellegrino,
VI
“Tu menti, tu menti, tu sei una bugiarda
perché se il tuo amore venisse da Roma,
allora una tazza, un barattolo lo troveresti per lui,
mentre il sole splendeva di mattina presto.
VII
Ora, lei giurò per Dio e per il bene di San Giovanni,
“Non ho mai avuto un amante”
VIII
“Tu menti, tu menti, tu sei una bugiarda,
per i nove bambini che sono nati
IX
Oh, tre sono  sepolti sotto al capezzale del tuo letto
tre sono sotto al focolare,
tre sono  sotto al focolare
X
Altri tre giacciono nel bosco laggiù,
conta, bella fanciulla, così fanno nove,”
XI
“Palmiere, oh, Palmiere, dimmi,
quale penitenza mi darai?”
XII
“Non ti darò una penitenza,
ma sette anni come masso errante,
XIII
Altri sette come un batacchio per suonare la campana,
sette a scappare dalle scimmie dell’inferno”
XIV
“Oh, benvenuto, benvenuto masso errante, benvenuto batacchio per suonare la campana,
XV
Benvenuti masso e campana,
ma Cristo, proteggimi dalle scimmie dell’inferno”

NOTE
1) palmer si dice di un pellegrino medievale. Al ritorno dai luoghi santi era facilmente identificabile perchè portava cucito sul mantello o sul cappello un simbolo che indicava il luogo visitato. I luoghi del pellegrinaggio nel Medioevo erano sostanzialmente tre: Roma, Gerusalemme e Santiago di Compostela così tre erano i nomignoli con cui erano identificati i tre gruppi, ossia Romei, Palmieri, e Giacobei in fatti i primi portavano come simbolo le chiavi incrociate di San Pietro, i secondi la palma di Gerico (o l’ulivo, ma anche delle piccole croci), i terzi la capasanta ovvero la conchiglia di San Giacomo
2) è chiaramente un pretesto, ma allo stesso tempo, un riferimento biblico perche a quei tempi antichi i secchi per attingere l’acqua erano portati da chi raccoglieva l’acqua e non si trovavano presso il pozzo
3) altra importante tappa dei pellegrinaggi medievali, inoltre si allude ad una non precisata colpa che l’amante sarebbe andato ad espiare a Roma
4) seppellire un cadavere sotto la pietra del focolare di una nuova casa era un’antica pratica propiziatoria per la prosperità e la fertilità della nuova famiglia. I sacrifici umani e animali erano un rituale per placare gli dei che quindi si potevano ritenere soddisfatti. Il sacrificio umano era l’offerta più alta e “santa” per suggellare un confine sacro come quello di un nuovo insediamento e faceva parte dei rituali di molte civiltà all’atto della fondazione di una città con relativa sepoltura dei corpi sotto la soglia delle porte della cinta muraria, ma anche di un cippo di confine.
Una casa durerà solo se sotto giace una vita distrutta. Mi è venuto in mente il romanzo di Tracy Chevalier “The Virgin Blu” (in Italia “La Vergine Azzurra”) ambientato nella seconda metà del 500 nella Francia meridionale e ai nostri giorni con una storia nella storia molto avvincente.
5) Maddalena è la penitente per eccellenza, nella “Leggenda Aurea” vive per 30 anni nel deserto, senza bere né mangiare, antesignana di tutte le sante medievali tra l’anoressia e il misticismo.
Nello Speculum historiale di Vincenzo di Beauvais, letterato e frate domenicano francese, la Maddalena più prosaicamente, si nutre per sette anni di ghiande, radici e erbe e mele selvatiche. (continua)
La sua punizione nella versione scozzese- irlandese sarà quella di essere calpestata come la pietra che affiora dall’acqua in un guado e di essere sbattuta o percossa come il batacchio all’interno della campana.
La Riforma di Lutero negava invece il valore del sacramento della confessione (oggi più opportunamente detto della “riconciliazione”).
6) un curioso proverbio elisabettiano che risente della valenza negativa data dai Protestanti al celibato diceva “women dying maids lead apes in hell” (in italiano: le donne morte vergini guidano le scimmie all’inferno” o “conducono le scimmie agli inferi”) con il verbo “lead” da intendersi in senso allusivo: le zitelle saranno punite ad avere rapporti sessuali con le scimmie dell’inferno. Nel tempo il senso scurrile della frase si è sfumato per stare ad indicare nell’Ottocento “essere una zitella”

THE WELL BELOW THE VALLEY-O

Questa versione è stata collezionata nel 1965 o 67 da Tom Munnelly dalla voce di John “Lacko” Reilly un noto “traveller” irlandese. (Tom Munnelly ha collezionato più di 20.000 canzoni dai canti popolari e tradizionali conservati a Dublino presso l’Università e “The Irish Traditional Music Archive” in Merrion Square.)

young-italian-girl-by-the-well_jpg!xlMediumQui la storia (come “The Made of Coldingam” in The Ballads Glenbuchat vedi) si inserisce in un contesto quasi fiabesco, di un medioevo fantastico in cui belle e innocenti fanciulle danno da bere presso i pozzi o le sorgenti a fate sotto le mentite spoglie di vecchiette.

L’uomo che potrebbe essere un nobile chiede una tazza d’acqua per calmare la sete a una fanciulla che sta attingendo l’acqua dal pozzo, ma lei rifiuta e lui la rimprovera dicendole che non avrebbe negato l’acqua al suo amore. Lei nega di essere madre ma l’uomo conosce il nome del padre di ogni bambino e anche dove li hanno sepolti.
La fanciulla in questo contesto è vista più come una vittima di abusi sessuali che un’infanticida (sono stati gli uomini della famiglia a violentarla e a seppellire i corpi dei bambini, forse nati morti a causa della giovane età della ragazza o perchè Dio ha punito il suo adulterio.)

ASCOLTA John “Lacko” Reilly in The Bonny Green Tree Songs of an Irish Traveller e in O’er His Grave the Grass Grew Green vol III

ASCOLTA Pol Mac Adaim in “If we don’t help them now” 2004.
Irlandese di Belfast, voce superba e appassionata, Pol ha colto il duplice aspetto dell’innocenza rubata e violata con un arrangiamento musicale magico e rarefatto.

ASCOLTA Sean Mackin nella  sequenza dei festeggiamenti di nozze che apre il film “The Magdalene Sister” (2002) diretto da Peter Mullan. (strofe I, II, V, VIII,
Qui Pol Mac Adaim suona il bodhran nella parte finale con Sean Mackin nel duplice ruolo di attore e cantante. Il brano è certamente poco adatto ad essere cantato durante un matrimonio, ma preannuncia i temi del film-denuncia dei soprusi subiti dalle ragazze emarginate dalla società nelle Case della Maddalena.


I
A gentleman was passing by,
he asked for a drink as he was dry,
Refrain: At the Well  Below the Valley-O./ Green grows the lily-o,
right among the bushes-o!
(1)
II
“Me cup is full up to the brim,
if I were to stoop I might fall in,(2)
III
“If your true-love was passing by,
You’d fill him a drink if he was dry,
IV
She swore by grass, she swore by corn(3)
her true-love had never been born,
V
He said to her ” Vou’re swearing wrong,
six fine children you’ve had born,
VI
“If you be a man of noble fame,
you’ll tell to me the father of them”
VII
“There’s two o’ them by your Uncle Dan,
At the Well Below the Valley-O
“There’s two o’ them by your brother John,
At the Well Below the Valley-O
“The other two by your father dear”
VIII
“If you be a man of noble fame,/you’ll tell to me what did happen to them” (5)
IX
“There’s one of them buried beneath the tree,
At the Well Below the Valley-O
Another two buried beneath the stone(4),
At the Well Below the Valley-O
Two of them outside the graveyard wall”
X
“If you be a man of noble fame,
you’ll tell to me what’ll happen myself”
XI
“You’ll be seven years a-ringing a bell,
At the Well Below the Valley-O
 seven more a-burning in Hell”
At the Well Below the Valley-O
“I’ll be seven years a-ringing the bell,
but the Lord above may save my soul
from burning in Hell”
Traduzione”Il Pozzo Laggiù nella Valle”
I
Un gentiluomo, mentre passava,
le chiese da bere perchè era assetato,
Al Pozzo laggiù nella valle.
il giglio cresce verde,
proprio in mezzo ai cespugli.
II
“La mia brocca è colma,
se mi chinassi, cadrei nel pozzo”.
III
“Se passasse il tuo amore,
gli daresti da bere, se avesse sete”.
IV
Lei giurò per l’erba e per
il grano,
che il suo amore non era mai nato.
V
Le disse “Stai giurando
il falso,
perché hai dato i natali a sei bei figli”.
VI
“Se tu sei un uomo di cosi’ grande fama, mi dirai il nome del padre”.
VII
“Due gli hai avuti da tuo zio
Daniele”.
Al Pozzo laggiù nella valle
“Due gli hai avuti da tuo fratello Giovanni”..
Al Pozzo laggiù nella valle

“Gli altri due dal tuo caro padre”.
VIII
“Se sei un uomo di cosi’ grande fama, mi dirai che fine hanno fatto”.
IX
“C’è né uno sepolto sotto
l’albero”.
Al Pozzo laggiù nella valle
“Altri due sepolti sotto la pietra del focolare”.
Al Pozzo laggiù nella valle
“Gli altri due sepolti qua, sotto al pozzo”.
X
“Se tu sei un uomo di cosi’ grande fama, mi dirai che fine farò io”.
XI
“Starai sette anni a suonare la campana.”
“Starai sette anni a fare la custode all’Inferno”.
Al Pozzo laggiù nella valle
“Starò sette anni a suonare la campana, ma che il Signore salvi la mia anima, dal bruciare all’Inferno”.

NOTE
1) in Child Ballad #21 sono riportati una serie di ritornelli
2) è chiaramente un pretesto, ma allo stesso tempo, un riferimento biblico perche a quei tempi antichi i secchi per attingere l’acqua erano portati da chi raccoglieva l’acqua e non si trovavano presso il pozzo
3) un giuramento per niente cattolico rispetto a alla versione precedente in cui si chiamano Dio e San Giovanni come testimoni
4)  seppellire un cadavere sotto la pietra del focolare di una nuova casa era un’antica pratica propiziatoria per la prosperità e la fertilità della nuova famiglia.
5) Sean Mackin semplifica il finale in poche strofe e dice:
“Two buried beneath the stable door
You’ll be seven years a-ringing a bell”
“But the Lord above will save me soul
from all his Hell”

FONTI
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=Child_d021
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=117495
http://mudcat.org/detail_pf.cfm?messages__Message_ID=2532375
http://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/themaidandthepalmer.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=117495
http://www.ephemera-society.org.uk/queries/2007/q6_08.html