Archivi tag: Jean Redpath

WHEN I WAS NOO BUT SWEET SIXTEEN / THE BOTHY LADS

donna-culla-WILLIAM-ADOLPHE-BOUGUEREAUAncora una canzone sui cavallanti (vedi bothy ballads), proveniente dal Nord-Est della Scozia, ma questa storia finisce con una gravidanza e senza matrimonio riparatore. L’altro titolo con cui è conosciuta è “Hishie Ba” una variante in versione ninna –nanna che ci viene dal canto di Jean Redpath. La stessa storia è narrata con una melodia simile anche nella ballata “Peggy on the Banks of Spey” (che Hamish Henderson raccolse nel 1956 dalla signora Elsie Morrison di Spey Bay)

La melodia è intitolata “Jockey’s gray Breeches” già in “Caledonian Pocket Companion” di James Oswald (1745) (vedi)

WHEN I WAS NOO BUT SWEET SIXTEEN

ASCOLTA June Tabor & Oysterband (testo qui)

ASCOLTA Colcannon

E infine due personalissimi arrangiamenti melodici da due talentuose interpreti emergenti
ASCOLTA Claire Hastings in ‘Between River and Railway‘ 2016
ASCOLTA Lindsay Straw


I
Ah well I was no’ but sweet sixteen
With beauty chance a blooming oh
It’s little little did I think
At nineteen I’d be grieving (greeting) (1) oh
Chorus
Well the ploughboy lads they’re all braw (gey braw) (2) lads
But they’re false and they’re deceiving oh
They’ll take your all and they’ll gang away
And leave the lassies grievin’ oh
II
Ah well I was fond of company
And I gave the ploughboys freedom oh
To kiss and cla(s)p (3) me in the dark
When all me friends were sleeping oh
III
Well if I did know what I know (ken) now
And I took me mothers biddin’ oh
I wouldn’t be sittin’ by our fireside
Crying hush a ba my baby (bairnie
) oh
IV
Well it’s hush a ba (4) for I’m your ma
But the Lord knows who’s your daddy (5) oh
And I’ll take care and I’ll beware (6)
Of the ploughboys in the gloaming (7) oh
Traduzione Cattia Slto
I
Non avevo che 16 anni
con la giovinezza in fiore
e mai avrei pensato
che a 19 sarei stata inguaiata (1)
CORO
I Cavallanti sono tutti bei (2) ragazzi
ma sono insinceri e traditori
ti prendono e poi vanno via
e lasciano le ragazze nei guai
II
Amavo la compagnia
e ha permesso delle libertà ai cavallanti,
di baciarmi e afferrarmi (3) nel buio
mentre i miei amici dormivano
III
Se avessi saputo quello che so ora,
avrei prestato attenzione agli avvertimenti di mia madre,
non starei seduta accanto al focolare
a piangere “Dormi bambino mio
IV
Fai la ninna (4) per la tua mamma,
ma sa il Signore chi è tuo padre (5)
farò attenzione e starò alla larga (6)
dai cavallanti nel crepuscolo (7).”

NOTE
1) Greetin: weeping
2) gey braw: very fine, handsome
3) clap: touch
4) Hishie ba: soothing sound to a baby, lullaby
5) la donna ha concesso i suoi favori a diversi giovanotti (all’epoca non c’era ancora il test del dna)
6) June Tabor dice “so it’s girls take care and you beware” come l’avvertimento della madre alla neonata “sono le ragazze a dover fare attenzione e stare alla larga” dai cavallanti.
7) Gloamin: twilight, dusk

HISHIE BA

Nella tradizione scozzese non sono insolite le ninne-nanne dai contenuti amari e dolorosi (vedi).

ASCOLTA Lucy Stewart
ASCOLTA Jean Redpath (strofe I e III)

ASCOLTA Arthur Argo (strofe I, II, III)


I
When I was noo but sweet sixteen (1)
and beauty aye an bloomin’ o
it’s little, little did I think
that at seventeen I’d be greetin’ o
CHORUS
Hishie ba, noo I’m yer ma
Oh, hishie ba, ma bairnie o
Hishie ba, noo I’m yer ma
but the guid kens fa’s yer faither o
II
If I had been a guilte lass
An taen ma mither’s biddin o
I widna be sittin at your fireside
singing hush a ba my baby oh
III (2)
It’s keep it me frae lowpin’(3) dykes
Frae balls and frae waddin’s (4) o
It’s gi’en me balance tae my stays (5)
and that’s in the latest fashion o
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Non avevo che 16 anni (1)
con la mia bellezza in fiore
e mai avrei pensato
che a 17 sarei stata inguaiata
CORO
Fai la ninna per la tua mamma
dormi bambino mio
Fai la ninna per la tua mamma,
ma sa il Signore chi è tuo padre
II
Se fossi stata una ragazza saggia
avrei prestato attenzione agli avvertimenti di mia madre,
non starei seduta accanto al focolare
a piangere “dormi bambino mio”
III(2)
Mi tengo lontana dai saltafossi (3),
dai balli e dai matrimoni(4)
e mi strizzo nel corsetto (5)
che è all’ultima moda

NOTE
1) Argo dice When I was a maid but sweet sixteen
2) strofa riportata dalla testimonianza di Lucy Stewart
3) leaping, jumping over stone walls. Ma louppar (lowpar), looper  (louper) nel Dizionario Scozzese è sinonimo di vagabondo. dyke-louper, -leaper, (a) an animal that leaps the dyke surrounding its pasture (b)fig.: a person of immoral habits, also in n.Eng. dial.; hence dyke-loupin’, ppl.adj. and vbl.n., used lit. and fig. (qui)
4) weddings
5) Stays: (a pair of) C17th and c18th term for the boned underbodice previously known as a “pair of bodies.” The term persisted into the c19th but was more usually replaced by its French equivalent, the “corset.” The term was also applied to the stiff inserts of whalebone or steel which shaped this garment. A corset made of two pieces laced together and stiffened by strips of whalebone. Il verso è da intendersi come “darsi una regolata” ovvero comportarsi da ragazza perbene oppure vuole nascondere il suoi stato di partoriente ?

FONTI
http://www.tunearch.org/wiki/Jocky%27s_Gray_Breeches
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/85072/6
http://www.tobarandualchais.co.uk/fullrecord/98115/1
http://www.black-brothers.com/songs/8.htm
https://mainlynorfolk.info/june.tabor/songs/wheniwasnoobutsweetsixteen.html
http://www.oysterband.co.uk/lyrics/songs/(When_I_was_no_but)_sweet_sixteen.html
http://mysongbook.de/mtb/r_clarke/songs/nobut16.htm
http://sangstories.webs.com/hishieba.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=88570
http://sangstories.webs.com/hishieba.htm
http://tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/16915/2
http://www.springthyme.co.uk/ah03/ah03_02.htm

CRAIGIEBURN WOOD

craigieburn-wood
Craigieburn Wood, Moffatdale, tavola disegnata da DG Hill, incisa da W. Forre

Craigieburn Wood ci riporta indietro nei  tempi in cui si corteggiava una fanciulla cantandole una canzone, e chi aveva come amico Robert Burns non poteva sperare in meglio! La bella in questione è Jean Lorimer (1775 — 1831), la quale a quanto sembra, era più interessata al bardo che non all’amico, tale John Gilliespie (un collega di lavoro quando Burns era agente delle tasse a Ellisland). Nelle veci dell’amico Robbie scrisse per lei ben tre canzoni ‘Sweet closes the ev’ning on Craigieburn Wood’ (1791), ‘Come let me take thee to my breast’ e ‘Poortith Cauld’, ma molti altri versi vennero ispirati dalla fanciulla ovvero la musa Chloris (più di una ventina di canzoni, la più famosa “Lassie wi’ the Lintwhite Locks“.)

Robert Burns scrive in una lettera all’editore Thomson (ottobre 1794)
‘The Lady on whom it was made, is one of the finest women in Scotland; and, in fact (entre nous), is in a manner to me what Sterne’s Eliza was to him; a Mistress or Friend, or what you will, in the guise of Platonic Love.’
Nella stessa lettera  Robbie ci spiega la sua “ricetta dell’ispirazione” ‘Do you think that the sober gin-horse routine of existence could inspire a man with life, and love, and joy — could fire him with enthusiasm, or melt him with pathos, equal to the genius of your Book? — No! No!!! — When ever I want to be more than ordinary in song; to be in some degree equal to your divine airs; do you imagine I fast and pray for the celestial emanation? Tout au contraire! I have a glorious recipe, the very one that for his own use was invented by the Divinity of Healing and Poesy when erst he piped to the flocks of Admetus. I put myself on a regimen of admiring a fine woman; and in proportion to the adorability of her charms, in proportion you are delighted with my verses.‘ (tratto da qui)

LA MELODIA: LULL ME BEYOND THEE

ALTRI TITOLI “Oil of Barley,” “Cold and Raw,” “Stingo

Già riportata nell’English Dancing Master nella prima edizione di John Playford (1650), secondo gli studiosi è una variante di “Oil of Barley” o “Cold and Raw” ed è stata ritenuta da Thomas d’Urfey di origine scozzese, ma l’inglese Chappell (Popular Music of the Olden Times, Vol. 1, 1859)  dal canto suo si convinse che quel “a new Northern tune,” con cui era ricordata la melodia si riferisse non alla Scozia bensì alle contee inglesi sul confine nord..

ASCOLTA William Coulter in The Crooked Road, 1999
Un’altra magica versione è quella con l’arpa di Anne Roos (in A Light in the Forest, 2007)

LA DANZA: English Country Dance

La versione meno “ingessata” dei frizzanti Newcastle Country Dancers

IL TUTORIAL

GUIDA ALL’ASCOLTO

Consiglio l’ascolto della versione dei Tannahill Weavers, in Epona 1998, una bella versione classica è quella con la voce di Meredith Hall in O Sweet Woods, 2013 (entrambi ascoltabili su Spotify)

ASCOLTA Jean Redpath


I
Sweet closes the ev’ning on Craigieburn Wood(1),
And blythely awaukens the morrow;
But the pride o’ the spring in the Craigieburn Wood
Can yield to me nothing but sorrow.
Chorus.
Beyond thee, dearie, beyond thee, dearie,
And O to be lying beyond thee!
O sweetly, soundly, weel may he sleep
That’s laid in the bed beyond thee!
II
I see the spreading leaves and flowers,
I hear the wild birds singing;
But pleasure they hae nane for me,
While care my heart is wringing.
III
I can na tell, I maun(2) na tell,
I daur(3) na for your anger;
But secret love will break my heart,
If I conceal it langer.
IV
I see thee gracefu’, straight and tall,
I see thee sweet and bonie;
But oh, what will my torment be,
If thou refuse thy Johnie!
V
To see thee in another’s arms(4),
In love to lie and languish,
‘Twad be my dead, that will be seen(5),
My heart wad burst wi’ anguish.
VI
But Jeanie, say thou wilt be mine,
Say thou lo’es nane before me;
And a’ may days o’ life to come
I’l gratefully adore thee,
TRADUZIONE ITALIANO CATTIA SALTO
I
Mite l’avvicinarsi della sera sul bosco di Craigieburn
e con letizia si risveglia il giorno seguente:
ma la gloria della primavera nel bosco di Craigieburn
non mi porta altro che dolore
CORO
Accanto a te cara, accanto a te, cara
e o giacere accanto a te!
O sì dolcemente e profondamente
potrebbe dormire ciò che è disteso nel letto accanto a te!
II
Guardo le foglie rigogliose e i fiori
ascolto gli uccelli cantare
ma non mi danno alcun piacere
mentre nell’affanno il mio cuore è avvolto.
III
Non posso dire, non devo dire
non oso per farvi arrabbiare
ma l’amore segreto mi spezzerà il cuore
se mi nasconderò più a lungo
IV
Ti vedo leggiadra, a testa alta
ti vedo dolce e bella
ma o quale sarà il mio tormento
se tu respingerai il tuo Johnny!
V
Vederti tra altre braccia
in amore giacere e languire
sarebbe la morte mia, di certo
il mio cuore si consumerebbe dall’angoscia
VI
Ma Jeanie dimmi che tu sarai mia
dimmi che non ami nessuno prima di me
e tutti i giorni della vita che verranno
ti adorerò con gratitudine

NOTE
1) Il bosco si trova a 5 miglia da Stirling (vedi mappa)
2) must
3) dare
4) figlia di un ricco mercante viveva a Moffat (a due passi da Dumfries) la ragazza preferì fuggire con tale Andrew Whelpdale a Gretna Green ma lì fu abbandonata dal bellimbusto dopo nemmeno tre settimane di “matrimonio” (probabilmente aveva speso tutti i soldi che la fanciulla si era portata dietro). Ritornata a vivere nella casa paterna rimase in buoni rapporti con Robert Burns (e i maligni disquisiscono ancora sulla natura di tali rapporti). Diventata povera dopo il fallimento dell’attività paterna andò a servizio presso una famiglia di Newington. Sulla sua tomba è stata eretta una croce celtica con l’iscrizione “This stone marks the grave of Jean Lorimer, the “Chloris” and “Lassie wi’ the lint-white locks” of the Poet Burns. Born 1775 – Died 1831. Erected under the auspices of the Ninety Burns Club, Edinburgh, 1901″.
5) espressione idiomatica

FONTI
http://www.ceolas.org/cgi-bin/ht2/ht2-fc2/file=/tunes/fc2/fc.html&style=&refer=&abstract=&ftpstyle=&grab=&linemode=&max=250&isindex=Craigieburn%20Wood&submit=Search
http://www.tannahillweavers.com/lyrics/1193lyr9.htm
http://www.cobbler.plus.com/wbc/poems/translations/craigieburn_wood.htm
http://www.8notes.com/scores/4043.asp
http://www.geograph.org.uk/photo/3626872

GYPSY LADDIE – SEVEN YELLOW GYPSIES

Una ballata originaria della Scozia sugli zingari e il fascino dell'”esotico”: una bella lady è rapita da uno zingaro o abbandona il marito di sua spontanea volontà, e sebbene inseguita e richiamata alle sue responsabilità, si rifiuta di tornare a casa. .
Come sempre nel caso di ballate molto popolari ampiamente diffuse dalla tradizione orale, si hanno molte varianti del testo anche con diversi finali. ( prima parte vedi)

IL PLOT

Come una soap opera o una serie televisive tanto di moda, la ballata è ricca di colpi di scena, ma si suddivide grosso modo in quattro parti: la prima parte descrive l’incontro della Lady con gli zingari (questi arrivano al castello portando una musica irresistibile oppure con la scusa di leggere la mano gettano un incantesimo sulla volontà della Lady), la seconda parte è incentrata sul dialogo tra la Lady e lo zingaro; la terza parte contempla l’arrivo a casa del marito, il quale appresa la notizia della fuga-rapimento si getta all’inseguimento (a volte solo a volte con i suoi bravi). La quarta parte è incentrata sul dialogo tra la Lady e il marito in cui il Lord fa appello ai doveri di sposa e a volte madre della Lady.
Una sola “lapidaria” strofa chiude la storia, che sancisce il ritorno a casa della moglie, indipendentemente dal suo consenso, annunciando l’avvenuta impiccagione degli zingari.

TESTO Child #200 B

Dallo Scots Magazine: The Edimburgh Magazine and Litterary Miscellany 1817
In questa versione (con tutte le sue molte varianti) gli zingari diventano più spesso sette.
Le varianti di questa versione sono moltissime, man mano che la ballata si sposta in Irlanda e Inghilterra, così dopo averle raggruppate a seconda delle melodie, ne evidenzio solo alcune per l’ascolto.

PRIMA MELODIA

Viene dalla tradizione orale e dalla grande Jeannie Robertson, 1955


[prima parte]
I
Three gypsies cam tae oor hall door
And oh, but they sang bonny-o
They sang so sweet and too complete
That they stole the heart of our lady-o
II
For she cam tripping down the stairs,
Her maidens too before her oh,
And when they saw her weel faured face
They throwed their spell oot owre her oh
[terza parte]
VI
When her good lord came home that night
He was askin for his lady oh,
But the answer the servants gave tae him,
“She’s awa wi the gypsy laddies oh”.
VII
Gae saddle tae me my bonnie, bonnie black,
My broon it’s ne’er sae speedy oh.
That I may go ridin this long summer day
In search of my true lady oh”
VIII
But it’s he rode east and he rode west
And he rode through Strathbogie(1) oh
And there he met a gey auld man
That was comin through Strathbogie oh
IX
For it’s “Did ye come east or did ye come west
Or did you come through Strathbogie oh
And did ye see a gey lady?
She was followin three gypsy laddies oh”
X
For it’s “I’ve come east and I’ve come west
And I’ve come through Strathbogie oh
And the bonniest lady that ere I saw
She was followin three gypsy laddies oh”
XI
“For the very last night that I crossed this river
I had dukes and lords to attend me oh.
But this night I must put in ma warm feet an wide,
An the gypsies widin before me oh.”
[quarta parte]
XIV
Last night I lay in a good feather bed,
My own wedded lord beside me oh.
But this night I must lie in a cauld corn barn,
An the gypsies lyin aroon me oh.
XV
For it’s “Will you give up your houses and your lands,
An will you give up your baby oh?
An it’s will you give up your own wedded lord
An keep followin the gypsy laddies oh?”
XVI
For it’s “I’ll give up my houses and my lands
An I’ll give up my baby oh
An it’s I will give up my own wedded lord
And keep followin the gypsy laddies oh”
[chiusura]
XVII
For there are seven brothers of us all,
We all are wondrous bonnie oh
But this very night we all shall be hanged
For the stealin of the earl’s lady oh.
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
[prima parte]
I
Vennero tre zingari alla porta
e come cantavano bene oh
cantavano in modo così armonioso
che rubarono il cuore della Lady oh.
II
Scese di corsa dalle scale
con le sue ancelle innanzi oh
e non appena videro il suo
bel visino,
gettarono un incantesimo su di lei oh
[terza parte]
VI
Quando il buon Lord ritornò a casa la sera,
a chiedere della sua Lady oh
la risposta che i suoi servitori gli diedero (fu)
“Se n’è andata con il ragazzo zingaro”.
VII
“Sellatemi il mio bel stallone
nero,
quello baio non galoppa così veloce oh, perchè devo correre in questo lungo giorno estivo
alla ricerca della mia Lady oh”
VIII
Cavalcò a est e cavalcò a ovest
e cavalcò lungo la Valle del Bogie oh (1)
e lì incontrò un allegro vecchietto
che veniva dalla Valle del Bogie oh.
IX
“Vieni da Est o vieni da Ovest
o hai attraversato la valle del Bogie
e hai visto una bella lady
al seguito di tre ragazzi zingari?”
X
“Sono andato ad Est e sono andato a Ovest
e ho attraversato la Valle del Bogie
là vidi la più bella Lady,
che stava seguendo tre ragazzi zingari oh”
XI
“L’ultima notte che attraversai il fiume avevo duchi e Lord che mi assistevano, ma questa notte devo bagnarmi i piedi per seguire gli zingari davanti a me.”
[quarta parte]
XIV
“Ieri dormivo in un letto di piume
con il mio buon Lord che ho sposato accanto,
ma questa notte dormirò in campo aperto al freddo
con gli zingari intorno ”
XV
“Non t’importa delle tue case e terre, non t’importa del bambino?
Non t’importa del tuo Lord che hai sposato per continuare a seguire i ragazzi zingari?”
XVI
“Non m’importa delle mie case e terre, non m’importa del bambino.
Non m’importa del mio Lord che ho sposato
e continuerò a seguire i ragazzi zingari”
[chiusura]
XVII
Eravamo 7 fratelli(2)
tutti valenti e belli,
ma quella notte tutti fummo impiccati per il rapimento della moglie del Conte.

NOTE
1) il fiume Bogie detto anche Water of Bogie attraversa l’Aberdeenshire (Nord- Est Scozia) e confluisce nel Deveron
2)  il numero sette è simbolico, e preannuncia agli ascoltatori l’approssimarsi della sventura e della morte

ASCOLTA Jean Redpath 1989
Riprende il canto da Jeannie Robertson


[prima parte]
I
Three gypsies come to oor ha’ door
And O but they sang bonnie O
They sang sae sweet and sae complete
They charmed the heart o’ a lady O
II
The lady she cam’ doon the stair
Her twa handmaidens wi’ her O
Sune as they spied her weel-faured face
They cast their comprolls o’er her O
III
They’ve gi’en to her the nutmeg fine(3)
They’ve gi’en to her the ginger O
She’s gi’en to them a far better thing
The gold ring fae off her finger O
IV
It’s ye’ll tak off your silken goon
Pit on this tartan plaidie O
And come awa’ this lee-lang nicht
Tae follee the gypsy laddie O
V
So she’s ta’en off her silken goon
Pit on her tartan plaidie O
And gaed awa that lee-lang nicht
Tae follee the gypsy laddie O
[terza parte]
VI
Lord Castles he cam’ hame at nicht
Enquiring for his lady, O
One did hide and the other replied:
She’s awa’ wi’ the gypsy laddie O
VIII
So he rode east and he rode west
Till he cam’ to yonder boggie(1) O
There he spied the pretty young girl
Wi’ the gypsies standing aroond her O
[quarta parte]
XII
It’s ye’ll come back and back ye’ll come
Ye’ll come back my lady O
For I will neither eat nor drink
‘fore you come back aside me O
XIII (4)
O I winna come wi’ you, my honey and my heart
I winna come wi’ you, my dearie O
Till I’ve drunk the breest I brewed
And that’s in the water o Eerie O
XIV
Last night I lay in a fine feather bed
And my great lord aside me O
But this night I will lay in the cold open field
Wi’ the gypsies lying aroond me O
[chiusura]
XVII
There’s sixteen o’ you and a’ guid men
And none o’ ye tae ca’ bonny oh
But ye shall a’ hangèd be
For the stealin’ awa’ o’ my lady O
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
[prima parte]
I
Vennero tre zingari alla porta del Lord e come cantavano bene,
cantavano in modo così armonioso
che incantarono il cuore della Lady.
II
La Lady scese giù dalle scale
con le due ancelle innanzi
e non appena videro il suo bel visino,
gettarono un incantesimo su di lei.
III
Le diedero una buona noce moscata (3)
e anche lo zenzero
lei diede loro una cosa migliore,
l’anello d’oro tirato via dal dito.
IV
“Tu ti toglierai la gonna di seta
e ti metterai il gonnellino di tartan,
e verrai via in questa lunga notte
per seguire il ragazzo zingaro”.
V
Così lei si tolse la gonna di seta
e si mise il gonnellino di tartan,
e andò via in quella lunga notte
per seguire il ragazzo zingaro.
[terza parte]
VI
Quando Lord  Castles ritornò a casa la sera,
a chiedere della sua Lady
qualcuno piangeva e qualcun altro rispose
“Se n’è andata con il ragazzo zingaro”.
VIII
Cavalcò a est e cavalcò a ovest
finchè arrivò a un fiume Bogie (1)
dove vide la giovane e bella ragazza con gli zingari attorno.
[quarta parte]
XII
“Tornerai indietro con me mia Lady
Tornerai indietro mia Lady
perchè non toccherò ne cibo né bevanda
finché non ritornerai indietro con me” XIII (4)
“Non voglio venire con te, dolce mio diletto,
non voglio venire con te mio caro, finchè non avrò bevuto la birra che ho fatto, con l’acqua dell’Eerie”
XIV
” Ieri dormivo in un letto di piume
con il mio buon Lord accanto
ma questa notte dormirò in campo aperto al freddo con gli zingari intorno”.
[chiusura]
XVII
Eravamo 16 valenti uomini
di certo non belli
ma quella notte tutti fummo impiccati per il rapimento della moglie del Conte.

NOTE
3) noce moscata e zenzero sono sostanze afrodisiache da sempre impiegate nei filtri d’amore per accendere il desiderio o conquistare il cuore della persona amata.
4) nella versione di Jean Redpath la Lady è già pentita di aver abbandonato il suo ben castello con tutti gli agi e le comodità, infatti usa dei vezzeggiativi nel riferirsi al marito

SECONDA MELODIA

Più cadenzata rispetto alla versione di Jeannie Robertson
ASCOLTA
Archie Fisher 1969

ASCOLTA Dick Gaughan 1977 questa versione fonde le due precedenti melodie una nella linea della chitarra l’altra nel canto


[prima parte]
Three gipsies cam tae our haa door
An wow bit thae sang bonnie-o
Thae sang sae sweet an sae complete
That thae chairmt the Earl o Fyvie’s ladie-o
An it’s she cam trippan doun the stair
Wi har maidens twa afore har-o
An thae tuik ane luik at her weil-faured face
An thae cast thair spells out ower her-o
Thae gied tae har the nutmeg fine
Likewise the wee bit ginger-o
An the ane o thaim stept tae har side
Stole the gowd ring aff har finger-o
An ‘tis she’s taen aff har silken goun
Pit oan har tartan plaidie
An she’s caad har maidens tae har side
For tae bid fareweil tae thair ladie-o
[terza parte]
Bit whan har guid lord cam hame that nicht
He wis spieran for his ladie
“Oh, the hound has rin an the hawks are flown
An the gipsies awa wi your ladie-o”
“Gae saddle tae me the bonnie black steed
The broun wis never sae speedie-o
An it’s A wull neither eat nor drink
Untull A bring back my ladie-o”
An it’s he’s rade east an he’s rade west
An he’s rade thro Strathbogie-o
Untull he spied his ain bonnie lass
She wis followan the gipsy laddies-o
“Well, last time that A crossed this burn
A had dukes and lairds tae attend me-o
Bit this nicht A maun tak tae ma white feet an wade
Wi the gipsies wadan aa roun me-o”
“Thair’s sieven brithers amang yese aa
An wow bit ye sang bonnie-o
Bit this verra nicht ye’ll aa hing high
For stealan the Earl o Fyvie’s ladie-o”
An he’s sent for a hangman frae Fife
An anither frae Kirkcaldy-o
An he’s lain thaim aa doun ane by ane
For stealan awa his bonnie ladie-o
[quarta parte]
“Last nicht A slept in a braw feather bed
Wi the sheets turnt doun sae bravely-o
Bit this nicht A maun lie in a cauld barren field
Wi the gipsies lyan aa roun me-o”
TRADUZIONE RICCARDO VENTURI
[prima parte]
Vennero tre zingari alla porta di casa.
E come cantavan bene, oh
Cantavano in modo così armonioso
Che incantaron la Contessa di Fyfe, oh
E lei scese giù per le scale
Preceduta da due ancelle, oh
Gettarono uno sguardo al suo bel viso
E le fecero un incantesimo, oh
Le diedero una buona noce moscata
E anche un pezzetto di zenzero, oh
E uno di loro le si avvicinò
E le rubò l’anello d’oro dal dito, oh
E lei si tolse la sua gonna di seta
E si mise il gonnellino di tartan, oh
E poi chiamò a sé le ancelle
Perché dicessero addio alla loro padrona, oh
[terza parte]
Ma quando il suo buon signore tornò a casa la sera
Si mise a chiamare la sua signora:
“Oh, il cane è scappato, i falconi son volati via,
E gli zingari han portato via la vostra signora, oh”
“Sellatemi il bel destriero nero
Ché il baio non è stato mai così veloce, oh
E io non mangerò né berrò niente
Finché non riporterò indietro la mia signora, oh”
Cavalcò a oriente e a occidente,
E cavalcò fino allo Strathbow, oh
Finché non vide la sua bella donna
Che seguiva i ragazzi zingari, oh
“Beh, l’ultima volta che sono passato per questa landa
Avevo con me dei lords al mio servizio,
Ma stanotte devo guadare il fiume a piedi nudi
Con gli zingari che guadano assieme a me, oh”
“Ci son sette fratelli tra di loro,
E come cantan bene e armonioso, oh
Ma proprio stanotte li impiccherò tutti
Perché hanno rapito la Contessa di Fyfe, oh”
Ha mandato a chiamare un boia da Fyfe
E un altro ancora da Kirkcaldy, oh
E li ha messi alla forca uno ad uno
Perché han rapito la sua bella signora, oh
[quarta parte]
“Ieri notte dormivo in un bel letto di piume
Con le lenzuola ben rincalzate, oh
Ma stanotte devo dormire in un campo freddo e spoglio
Con gli zingari che mi giacciono attorno, oh.”

TERZA MELODIA

La melodia sembra essere una variante di quella standard un po’ velocizzata, ma fa un po’ parte a sé nel panorama del genere
ASCOLTA Tannahill Weavers


[prima parte]
I
There were three gypies in a row
And o’ but they were bonnie o
They sang sae sweet and sae complete
They’ve stolen the heart of a lady o
Laddie o, laddie o, follow the gypsy laddie o
II
It’s “ye’ll tak’ aff that silken goon
And put on this tarten plaidie o
And ye’ll come awa’ this lee-lang-nicht
And follow the gypsy laddie o”
[terza parte]
III
Lord Castles he’s cam hame at e’en
Enquiring for his lady o
“The hounds is run, the hawks is flown
And they gypsy’s awa’ wi’ yer lady o”
IV
“Come saddle tae me the black, the black
Mak’ haste and soon by ready o
For meat and drink I winna taste
Till I get back my lady o”
V
And he’s rode east, and he’s rode west
Till he’s cam tae yonder boggie o
And there he spied the well-faured maid
In the arms of the gypsy laddie o
[quarta parte]
VI
“Will ye come wi’ me my honey and my heart
Will ye come wi’ me my lady o
And I swear by the sword that hangs by my side
The black band ne’er shall steal ye o”
VII
“I winnae come wi’ you my honey and my heart
I winnae come wi’ you my dearie o
Till I hae drank the breest I brewed
And that’s in the water o’ Eerie o”
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
[prima parte]
I
C’erano tre zingari in fila
ma erano graziosi
e cantavano in modo così armonioso
che rubarono il cuore della Lady
Ragazzo, ragazzo, segui il ragazzo zingaro
II
“Ti toglierai la gonna di seta
e metterai il gonnellino di tartan
e verrai via in questa lunga notte
per seguire il ragazzo zingaro”
[terza parte]
III
Lord Castles ritornò a casa la sera,
a chiedere della sua Lady
“I segugi sono scappati, il falco è volato via
e gli zingari sono andati via con la vostra Lady”
IV
“Sellatemi lo stallone
nero
fate in fretta e preparatelo subito
che cibo e bevande non toccherò
finchè non riporterò indietro la mia signora”
V
Cavalcò a oriente e cavalcò a occidente,
e arrivò fino al lontano Bogie
e là vide la sua bella
donna
tra le braccia del ragazzo zingaro
[quarta parte]
VI
“Verrai con me, amore mio
e cuore mio,
verrai con me mia signora?
Giuro sulla spada che ho appesa al fianco
che nessuna banda di cattivi ti rapirà mai più”
VII
“Non voglio venire con te, dolce mio diletto,
non voglio venire con te mio caro,
finchè non avrò bevuto la birra che ho fatto, con l’acqua dell’Eerie”

Continua Seven Gypsies

FONTI
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=Child_d200 http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/ 88991/7;jsessionid=34AD1DAF10173E847BCBBBEC0DA1F674 http://www.educationscotland.gov.uk/ scotlandssongs/primary/genericcontent_tcm4555600.asp http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=85285 http://www.tannahillweavers.com/lyrics/103lyr8.htm http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=13433&lang=it

 

THE TWA BROTHERS

tomsawyer083La ballata si ritrova ormai per lo più nella tradizione orale americana nelle cosiddette “mountain murder ballads” con il titolo “The Twa(two) Brothers” o “Two Pretty Boys” (Child ballad#49), che molti studiosi considerano come una variante di “Edward” (Child ballad#13) (qui)

La storia che viene narrata ha origini quanto meno norrene e con gli emigranti scozzesi e irlandesi è finita in America nella musica tradizionale dei Monti Appalachi. Nel passaggio tra i due continenti le ballate perdono quell’aura misteriosa e magica, soprannaturale e fiabesca ma non questa, anche se pesantemente “razionalizzata” e ripulita da risvolti sessuali. Così i due fratelli diventano due fanciulli in età scolara che si mettono a fare la lotta per gioco e accidentalmente uno dei due è ferito dal coltellino dell’altro. In genero però nelle ballate le tragedie hanno sempre una precisa motivazione.
Così scrive Riccardo Venturi: “Di solito, nelle ballate, le tragedie avvengono per motivi ben precisi e le disgrazie accidentali sono molto rare. È questo, invece, il caso di The Twa Brothers, dove i due fratelli, al ritorno da scuola, si mettono a fare la lotta per gioco ed uno dei due si ferisce a morte con il coltello che l’altro tiene nella bisaccia. Il fratello morente fa all’altro una serie di ultime richieste e, in particolare, gli chiede di non svelare il vero motivo della morte alla famiglia, e di rivelarlo invece soltanto alla fidanzatina. Molte versioni scozzesi tarde incorporano nella ballata dei versi o addirittura dei brani interi ripresi da Edward. The Twa Brothers è completamente scomparsa dalla tradizione britannica; in America è ancora relativamente nota.
Nelle versioni del Nuovo Mondo, però, la disgrazia non è affatto accidentale, e, stavolta, la “razionalizzazione” può essere solo apparente e rispecchiare invece uno stato di cose molto più antico di quanto non lo sia nella nostra versione scozzese. I due fratelli “made in USA”, anzi, si odiano a morte perché sono innamorati della stessa ragazza e, durante una lotta nient’affatto giocosa, l’uno uccide l’altro volontariamente. Dato che i motivi incestuosi sono ben presenti nelle ballate più antiche, alcuni lo hanno (forse a ragione) voluto vedere anche qui, supponendo che la ragazza contesa fosse addirittura la sorella dei due. Questo sarebbe naturalmente stato inaccettabile per il puritanesimo americano, ma, per il resto, la tradizione americana sembra essere più vicina all’origine di quanto non lo sia quella britannica. Si può anche dedurre che i due fratelli non fossero affatto due adolescenti, ma due adulti; in effetti appare strano che un fanciullo in età scolare possa avere già una relazione amorosa. L’età dei fratelli dev’essere stata via via ridotta per far apparire l’attaccamento verso la sorella libero da ogni elemento morboso, finché costei non è scomparsa del tutto, sostituita da una più rassicurante fidanzata; ed ecco comparire anche l’elemento “accidentale”, il tragico gioco di due ragazzini che tornano da scuola. In America, dove il vero motivo più o meno rimane, la giusta età dei fratelli avrebbe dovuto essere stata ripristinata, ma ciò non è avvenuto ed eccoci quindi all’apparentemente misteriosa incongruenza della ballata.”

ASCOLTA Lucy Stewart in The Child Ballads 1 (The Folk Songs of Britain Vol. 4; Caedmon 1961, Topic 1968))., Lucy of Fetterangus, Aberdeenshire

ASCOLTA Peter Bellamy in The Fox Jumps Over the Parson’s Gate 1969 che ha imparato la versione dalla registrazione di Lucy Stewart

A.L. Lloyd commenta: “Francis James Child called this ballad The Two Brothers, and it’s No. 49 in his great compilation. As is often the case, there is more to this ballad than meets the ear. The songs has its relatives not only in Britain but on the continent too, and tracing its sundry versions we find that it concerns not merely a violent bit of schoolboy horseplay but a murderous quarrel over a patch of land, and beyond that, in the oldest versions of all, we find that the root of the dispute is in incestuous jealousy, with both brothers enamoured of their sister.”

ASCOLTA Peter Bellamy 1969

I
Two pretty boys was going to school,
All in the evening coming home,
Said the biggest boy to the littlest boy,
“Oh, can you throw a stone?”
II
“Well, I can either throw a stone
And a little can I play at the ball,
But if you come down to yon green wood
I will try you a wrestling fall.”
III
So they’re away to the merry greenwood
For to try a wrestling fall,
But big brother John’s drawed his little penknife
And stabbed William to the ground,
IV
“Oh, you’ll pull off my white linen shirt
And tear it from gore to gore,
And wrap it all around my wound
That the blood may flow no more.”
V
So he’s pulled off his white linen shirt
And he tore it from gore to gore,
And wrapped it round his brother’s wound
But the blood came ten times more.
VI
“Oh what will your dear father think
Tonight when I come home?”
“Just tell him I’m away to the London school,
And a good boy I’ll return.”
VII
“But what will your dear step-mother think
Tonight when I come home?”
“Just tell her that the last prayer she’s prayed for me
Was that I might never return(1).”

Così commenta Nic Jones nel suo album omonimo del 1971: “The motive for the murder is not given in this ballad but other versions include the possibility of jealousy on the elder brother’s part. Superstition and the supernatural rear their ugly head in the last verses of the song as the buried man explains that he cannot sleep peacefully in his grave while his love weeps and mourns. It seems to me to be highly predictable that supernatural elements should appear in folk songs, for superstition has obviously played a massive role in the mental attitudes of the imaginative, but largely uneducated mass of people. It is only when education and reason begin breaking through, that the old superstitions begin to die out until some social upheaval again plunges people in insecurity and a world of primeval phantoms and witches. Perhaps we shall never be quite rid of it, at least, not as long as folk songs are still sung!

ASCOLTA Nic Jones 1971

I
Well it’s of two brothers a-going to school,
A-going to the very same school.
And one of them to the other said,
“Can you take a wrestle and fall?”
II
And the very first fall the eldest gave,
He fell into the ground.
And he’s taken out his little penknife
And he’s given him a deadly wound.
III
Take me up, take me up all in your arms
And carry me to yonder church ground.
And dig a grave both wide and deep
And gently lay me down.”
IV
O he’s took him up all in his arms
And he’s carried him to yonder church ground.
And he’s dug a grave both wide and deep
And gently laid him down.
V
And what shall I tell my mother dear
This night when I go home?”
“Just tell her I’m running in yonder green wood,
A-bringing my school books home.”
VI
“And what shall I tell your Susie dear
This night when I go home?”
“Just tell her I’m down in yonder churchyard,
A-buried beneath the ground.”
VII
But she’s wept and she’s cried so bitterly,
She’s wept from door to door.
And she’s wept him away from his own gravestone
For rest he could find no more(2).
VIII
“And why do you weep my Susie dear,
And why do you weep for me?”
“It’s just one kiss from your clay lips
That’s all I ask of thee.”
IX
“Then go home, go home, my Susie dear,
Go home and leave me be.
And don’t stay here to weep and mourn
For my body you’ll never more see.”
X
Well it’s of two brothers a-going to school,
A-going to the very same school.
And one of them to the other said,
“Can you take a wrestle and fall?”

NOTE
1) la matrigna è la mandante dell’omicidio (come nella versione inglese di “Edward”
2) le lacrime dell’innamorata strappano dalla tomba il fantasma del defunto impedendogli il riposo: nelle strofe restanti diventa uguale alla ballata “The Unquiet grave” (vedi)
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO versione Peter Bellamy Due ragazzini stavano andando a scuola e quando alla sera ritornarono verso casa il più grande disse al più piccolo “Sei capace di lanciare una pietra?” “Posso sia lanciare una pietra che posso anche un po’ giocare al pallone, ma se verrai nel bosco più profondo ti sfiderò nella lotta” Così andarono nel folto del bosco per sfidarsi nella lotta ma John il fratello maggiore ha tirato fuori il suo coltellino e ha accoltellato William a terra. “Prendi la mia camicia di lino bianco e strappa delle bende e avvolgile tutt’intorno alla mia ferita che il sangue non possa scorrere ancora” Così prese la sua camicia di lino bianco e strappò delle bende e le avvolse tutt’intorno alla ferita ma il sangue usciva fuori dieci volte di più. “Cosa penserà il tuo caro padre stasera quando ritornerò a casa?” “Digli che sono via alla scuola di Londra e che un bravo ragazzo ritornerò” “Ma cosa penserà la tua cara matrigna stasera quando ritornerò a casa? “Dille solo che l’ultima preghiera che pregò per me era che non potessi più ritornare”

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO versione Nic Jones Si tratta di due fratelli che andavano a scuola e frequentavano la stessa scuola e uno disse all’altro “Sei capace di fare la lotta ?” E il primo a cadere fu il maggiore, egli cadde a terra e prese il suo coltellino e gli diede un colpo mortale. “Prendimi in braccio e portami al cimitero e scava una fossa ampia e profonda e mettimi dentro delicatamente” Lo prese in braccio e lo portò al cimitero e scavò una fossa ampia e profonda e lo mise delicatamente dentro “E cosa devo dire alla mia cara madre questa notte quando tornerò a casa?” “Dille solo che sto correndo nel bosco più profondo per portare a casa i miei libri di scuola” “E cosa devo dire alla tua cara Susie questa notte quando tornerò a casa?” “Dille solo che sono laggiù nel cimitero sepolto sotto terra” Ma lei piangeva e si lamentava amaramente piangendo a dirotto che lo allontanò dalla sua stessa toma perchè non poteva più trovare riposo. “Perchè piangi mia cara Susie, perchè piangi per me?””Chiedo solo un bacio dalle tue fredde labbra, è tutto ciò che ti chiedo!””Allora vai a casa, mia cara Susie vai a casa e lasciami in pace, non restare qui a piangere e sospirare perchè il mio corpo non vedrai mai più”

ASCOLTA Belle Stewart 1976.

ASCOLTA Silly Wizard in “Caledonia’s Hardt Sons” 1978 (la melodia riprende la versione irlandese di Edward) il testo riprende e mescola tra loro le due versioni precedenti

I
Two pretty boys were goin’ tae the school
And one evening coming home
Says William to John, Can you throw a stone
Or can you play at a ball, a ball,
or can you play at a ball
II
Says John to William, I canna’ throw a stone
Little can I play at a ball
But if you’ll go down to a merry green woods
I’ll try you a wrestlin’ fall, a fall,
I’ll try you a wrestlin’ fall
III
So they went down tae a merry green woods
Beneath the spreadin’ bough
The little penknife fell out of William’s coat
And gave John his deadly wound, wound,
and gave John his deadly wound
IV
Ah, now you’ll take off your white Holland shirt
And teer it frae gore tae gore
And you will bind my deadly wounds
That they might bleed no more, no more,
that they might bleed no more
V
So he’s ta’en off his white Holland shirt
And he’s torn it frae gore tae gore
And though he’s bound his deadly wounds
Ah, they bled ten times more, more,
they bled ten times more
VI
Ah but what shall I tell to your father dear
This night when I go home
Tell him I’m away to a London school
And a good scholar I’ll come home, home,
a good scholar I’ll come home
VII
Ah but what shall I tell to your sister dear
This night when I go home
Tell her I’m away to a London school
And the good books I’ll bring home, home,
the good books I’ll bring home
VIII
Ah but what shall I tell to your sweetheart dear
This night when I go home
Tell her I’m dead and in the grave laid
And the grass is growin’ green, green,
the grass is growin’ green
IX
Ah but what shall I tell to your stepmother dear
This night when I go home
Tell her I’m dead and in the grave laid
For she prayed I might never come home(1), home,
she prayed I might never come home

ASCOLTA Jean Redpath 1979

There were twa brothers at the school
And when they’d won awa’
It’s will ye play at the stane chucking
Or will ye play at ball
Or will ye gae up yon bonnie green hill
And there we’ll wrestle a fa’

Oh, I winnae play at the stane chucking
Nor will I play at the ba’
But I will gae up yon bonnie green hill
And there we’ll wrestle a fa’

They wrestled up, they wrestled down
Till John fell tae the ground
And a dirk fell oot o’ William’s pouch
Gi’ed John a deadly wound

“Oh, lift me, lift me on yer back
Tak’ me tae yon well sea fair
And wash the blood fae off my wound
That it may bleed nae mair”

He’s lifted him on tae his back
Ta’en him tae yon well sae fair
And he’s washed the blood fae off his wound
But aye it bled the mair

“It’s ye’ll tak’ off yer Holland sark
Rive it fae gare tae gare
An’ stap it on my bloody wound
That it may bleed nae mair”

So he’s ta’en off his Holland sark
Rived it fae gare tae gare
An’ he’s staped it in the bloody wound
But it bled mair and mair

“Oh, lift me, lift me on yer back
Tak’ me tae Kirklan’ fair
An’ dig my grave baith wide and deep
And lay my body there

Ye’ll lay my arrows at my head
My gude bow at my feet
My sword and buckler by my side
As I was wont tae sleep”

E per finire raccolte sul campo in America: George Lay qui Fred High qui Reba Dearmore qui Ollie Gilbert qui

FONTI
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_49 http://mainlynorfolk.info/peter.bellamy/songs/thetwobrothers.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=11257
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=69807
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=47394 http:[email protected]?SongID=7086 http:[email protected]?SongID=7087 http:[email protected]?SongID=7086 http:[email protected]?SongID=7474
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=47394

THE BANKS OF THE ROSES

Questo brano di fine Ottocento, anche con il titolo di “The Banks of the Red Roses” è noto in due versioni, diametralmente opposte, quella irlandese come love song ricca di irish humour e quella scozzese come murder ballad. Come sempre quando ci sono versioni simili tra le due sponde si apre la querelle di quale sia venuto prima.. ma come sia accaduto che i testi vadano a raccontare una storia diversa è un mistero!

VERSIONE SCOZZESE: THE BANKS OF THE RED ROSES

Questa versione appartiene al genere delle murder ballads (le ballate degli omicidi) o come si direbbe oggi i fatti della cronaca nera.

murderQui la storia tra i due innamorati vira sul “gotico” e diventa una storia di seduzione e omicidio. Il giovanotto prima si diverte con la fanciulla (in alcune versione di nome Mary o Molly) e dopo averla messa incinta, invece di limitarsi a lasciarla (secondo il tipico comportamento dei mascalzoni) decide di ucciderla: l’omicidio però non segue l’impulso del momento, ma è premeditato e ciò getta sulla storia una luce sinistra e perversa.

Chi narra la storia sembra voler dare un avvertimento alla ragazze: quelle “facili” che invece di pensare al lavoro onesto preferiscono divertirsi nei boschi, finiscono immancabilmente per incontrare il lupo cattivo e fare una brutta fine!!
Sembra inoltre che la ragazza della storia sia anche una di quelle “nagging” che borbottano in continuazione perché devono sempre dire la loro, o che non sono mai contente! E quindi si meritano doppiamente di fare una brutta fine!!
Il motivo della gravidanza non è esplicito, le rose nelle canzoni celtiche sono spesso associate alla sfortuna e stanno a indicare una gravidanza in atto. (ad esempio in Ye Banks and Breas)
Di certo il “lovely” Johnny era un gran mascalzone e pur di non essere coinvolto nella scandalo di una gravidanza non desiderata, ha preferito “metterci una pietra sopra” (scavando prima una buca bella profonda): in realtà c’è poco da scherzare quando si parla d’omicidio e premeditato per giunta..

ASCOLTA Sarah Makem in Ulster Ballad Singer- 1968 (salta la III strofa) “In contrast to the light and airy theme of The Banks of Red Roses (Irish Street Ballads, No.8), Mrs. Makem’s song is a dark story of seduction and premeditated murder, on the lines of The Cruel Ship Carpenter, with which it should be compared. (English Folk Songs from the Southern Appalachians. Vol. 1, pp 317-327). See also E.F.S. Journal Vol. II, p 254. The tune is Doh Mode Hexatonic.”(tratto da qui)

ASCOLTA De Danann 1977 (inizia con la II strofa e poi passa alla I)

ASCOLTA June Tabor in Aqaba 1988


I
Oh, when I was a young girl
I heard my mother say
That I was a foolish lass and easy led astray.
And before I would work,
I would rather sport and play
With my Johnny on the banks of red roses.
II
On the banks of red roses
my love and I sat down
And he pulled out his charm flute
and played his lass a tune.
In the middle of the tune
well the bonny lassie cried,
“Ara Johnny, lovely Johnny would you leave me?”
III
So he took her to his cabin
where he treated her to tea
Saying drink my dearest Mary
and come along with me
Saying drink my dearest Mary
and come along with me
To the bonny bonny banks of Red Roses
IV
Well, they walked and they talked
till they came unto a cave
Where Johnny all the day
had been digging up a grave,
Where Johnny all the day
had been digging up a grave
For to leave his lassie low among the roses.
V
Then he pulled out a penknife,
it was both long and sharp,
And he plunged it right into
his own dear Mary’s heart.
And he plunged it right into
his own dear Mary’s heart
And he left her lying low among the roses.
TRADUZIONE ITALIANO CATTIA SALTO
I
Quando ero una ragazzina
mia madre mi diceva
che ero una ragazza sciocca e facile da sviare
che invece di lavorare
preferivo piuttosto divertirmi e cantare
con il mio Johnny sulle rive delle rose rosse
II
Sulle rive delle rose rosse
il mio amore ed io ci sedevamo
e lui prendeva il suo flauto incantato
e suonava alla sua ragazza una melodia.
Nel mezzo della melodia
la bella ragazza gridò:
“Johnny, amato Johnny  mi vuoi lasciare?”
III
Così la portò nella sua stanza
dove le preparò del te
dicendo “Bevi mia cara Mary
e vieni con me”
dicendo “Bevi mia cara Mary
e vieni con me”
alle belle rive delle rose rosse
IV
Allora essi camminarono e parlarono
fino a quando arrivarono a una grotta
dove Johnny tutto il giorno
aveva scavato una fossa,
dove Johnny tutto il giorno
aveva scavato una fossa,
per lasciare la sua piccola ragazza tra le rose.
V
Poi tirò fuori uno stiletto,
era tanto lungo e affilato
e lo piantò dritto nel cuore
della sua cara Mary.
e lo piantò dritto nel cuore d
ella sua cara Mary.
e la lasciò distesa tra le rose

In quest’altra versione testuale si aggiunge una nota “spooky” con lo spettro della fidanzata (ovvero il rimorso della coscienza) che inizia a tormentarlo!!

ASCOLTA Alasdair Roberts in  “No Earthly Man” (2005)

I
When I was a wee thing, I heard my mother say
That I was a rambler and easy led astray
before that I would work, I would rather sport and play
With my Johnny on the banks of red roses
II
On the banks of red roses, my love and I sat down
He took out his tuning box to play his love a tune
In the middle of the tune, his love got up and cried
saying “Oh Johnny, Johnny, will you go on and leave me?”
III
And they walked and they talked till they came up to a cave
Where the night before her Johnny he had been digging at her grave
Where the night before her Johnny he had been digging at her grave
On the bonnie, bonnie banks of red roses
IV
“Oh Johnny, dearest Johnny, that grave’s not meant for me.”
“Oh yes, my dearest Molly, that your bridal bed shall be.
Oh yes, my dearest Molly, that your bridal bed shall be.”
And he’s laid her down low on red roses.
V
That night while walking home, his heart was full of fear,
And everyone he met, he thought it was his dear.
And everyone he met, he thought it was his dear
He had slain on the banks of red roses.

TRADUZIONE ITALIANO CATTIA SALTO
I
Quando ero una ragazzina mia madre mi diceva
che ero una vagabonda e facile da sviare.
che invece di lavorare io preferivo piuttosto divertirmi
e cantare con il mio Johnny sulle rive delle rose rosse
II
Sulle rive delle rose rosse il mio amore ed io ci sedevamo
e lui prese il suo organetto e suonò al suo amore una melodia,
nel mezzo della melodia il suo amore si alzò e gridò:
“Johnny, amato Johnny   te ne vuoi andare e lasciarmi?”
III
Allora essi camminarono e parlarono fino a quando arrivarono a una grotta
dove la notte prima Johnny aveva scavato una fossa,
dove la notte prima Johnny aveva scavato una fossa,
le belle rive delle rose rosse
IV
“O Johnny, mio caro Johnny, quella tomba che cosa significa?”,
“O cara, mia cara Molly, che sarà il tuo letto nunziale
O si, mia cara Molly, che sarà il tuo letto nunziale”
e la lasciò distesa tra le rose rosse.
V
Quella notte mentre tornava a casa, il suo cuore era pieno di paura
e tutti quelli che incontrava, credeva fossero la sua amata
e tutti quelli che incontrava, credeva fossero la sua amata
che aveva lasciato distesa tra le rose rosse

VERSIONE IRLANDESE: THE BANKS OF THE (RED) ROSES

La canzone è risolta in modo ironico con un allegro motivetto: come racconta Séan Cannon all’inizio del video nella versione de The Dubliners, si tratta di un triangolo irlandese: un uomo, una donna e “the drink”, quando la donna chiede al suo amante di scegliere tra lei e il bere lui non ha dubbi nella scelta e lei se vuole può ritornarsene dai genitori; il finale è però un “happy end”, i due sposati se la spassano allegramente.
La versione è riportata nella raccolta “Irish Street Ballad” 1939 e la melodia è ritenuta originaria di Limerick. I versi sono tuttavia un po’ sconclusionati!

ASCOLTA The Dubliners

ASCOLTA Barra MacNeils


CHORUS
On the Banks of the roses me love and I sat down
And I took out me fiddle(1) for to play me love a tune
And in the middle of the tune-o she sighed and she said “Oro Johnny, lovely Johnny don’t ya leave me”
I
When I was a young boy I heard me father say
That he’d rather see me dead and buried in the clay
Sooner than be married to any runaway(2)
By the lovely sweet banks of the roses
II
And then I am no runaway and soon I’ll let them know
That I can take a bottle or can leave it alone
And if her daddy doesn’t like it he can keep his daughter at home
And young Johnny will go rovin’ with some other
III
And when I get married t’will be in the month of May
When the leaves they are green and the meadows they are gay
And me and me true love we’ll sit and sport and play
By the lovely sweet banks of the roses
TRADUZIONE ITALIANO CATTIA SALTO
CORO
Sulle rive delle rose io e il mio amore eravamo seduti
e io ho preso il violino per suonare una melodia al mio amore, e a metà del brano lei sospirò e disse
“Johnny amato Johnny non mi lasciare”.
I
“Quando ero ragazza ho sentito mio padre che diceva
che preferiva vedermi morta e sepolta in terra
piuttosto  che essere sposata a un disertore
per le care e dolci rive delle rose”.
II
Io non sono un disertore e presto lo farò sapere a loro
che io posso prendere una bottiglia oppure lasciarla lì,
e se suo padre non è contento può riprendesi la figlia in casa e il giovane Johnny se ne andrà a spasso con qualcun altra.
III
E se mai sarò sposato, sarà nel mese di Maggio
quando le foglie sono verdi e i prati ridenti
e io e il mio amore staremo a giocare e cantare
per le belle e amate rive delle rose

NOTE
1) in questo contesto è sotto inteso il doppio senso “to play his love a tune” equivale alla perdita della verginità della fanciulla
2) uno che scappa, ma anche uno spostato, e in senso lato, credo, un vagabondo

Lady Banks Red Rose è una rosa antica di tipo rampicante, arrivata dalla Cina solo nel 1807, dal nome di Lady Dorothea Banks moglie del botanico inglese Sir Joseph Banks (1743-1820) curatore dei Kew Gardens di Londra, dalla fioritura precoce già ad aprile con piccoli fiori, ma abbondanti e non molto profumati riuniti a mazzetti.

FONTI
https://mainlynorfolk.info/june.tabor/songs/thebanksofredroses.html
http://mysongbook.de/msb/songs/b/bkofredr.html
http://www.contemplator.com/ireland/roses.html