Archivi tag: Jay Ungar

MOLL DUBH A GHLEANNA

Bean (Moll) Dubh a’ Ghleanna è un canto in gaelico irlandese popolare in tutta l’Irlanda come love song, John O’Daly che la pubblicò nel suo “The poets and poetry of Munster” (Dublino, 1849), la attribuì allo spadaccino-poeta Éamonn an Chnoic (‘Ned of the Hills’) (vedi): una canzone d’amore dedicata a Molly la brunetta della valle.

LA MELODIA: UNA SLOW AIR

La melodia è una dolce e malinconica slow air: Edward Bunting included a version of the melody in A general collection of the ancient Irish music (London, 1796), 22. Thomas Moore based his song ‘Go Where Glory Waits Thee’ on Bunting’s ‘Bean Dubh an Ghleanna’ or ‘The Maid of the Valley’. George Petrie found fault with Bunting’s setting and felt compelled to print his own setting of the air which can be examined in David Cooper, The Petrie collection of the ancient music of Ireland (Cork, 2002), 239-41 (tratto da qui)

ASCOLTA Ernst Stolz

ASOLTA Aly Bain, Jay Ungar & Cathal McConnel da the Trans-Atlantic sessions.

ASCOLTA Altan in The Red Crow, 1990

I*
Tá ba agam ar shliabh s níl duine gam na ndiadh
Ach mé do mo bhuaidhreadh leofa
Bí odh idir mise is Dia más orthu tá mo thriall
Is bhain siad mo chiall go mór uaim
curfa:
‘Sí Moll Dubh (1) a’ Ghleanna í
‘Sí Moll Dubh an Earraigh í
‘Sí Moll Dubh is deirge ná’n rósa
‘S dá bhfaighinnse féin mo roghainn
De mhná óga deasa ‘n domhain
‘Sí Moll Dubh a’ Ghleanna ab fhearr liom
II
Mise bheith gan mhaoi
Feasta choíche ní bhim
Is Moll dubh bheith i dtús a h-óige
Och, is fann guth an éin
A labhras leis féin
Ar thulaigh nó ar thaobh na mónadh
III
Is ag Moll dubh a’ ghleanna
Tá mo chroí-se i dtaiscí
‘S í nach bhfuair guth na náire
Is go céillí, múinte, cneasta
A dúirt sí liom ar maidin
“Ó imigh uaim ‘s nach pill go brách orm”
IV
Níl’n óganach geanúil
Ó Bhaile Átha Cliath go Gaillimh
Is timpeall go h-Umhaill Uí Mháinnle
Nach bhfuil a dtriall uilig ‘na ghleanna
Ar eacraidh slime sleamhainne
I ndúil leis an bhean dubh a b ‘áille


I
I hear cattle on the hill with no one there to tend them
And for them I am deeply worried
Between myself and God, to them I take the trail/For they have taken my senses from me
CHORUS
She’s Moll Dubh of the valley
She’s Moll Dubh of spring
She’s Moll Dubh, more ruddy than the red rose
And if I had to choose
From the young maids of the world
Moll Dubh a’ Ghleanna would be my fancy
II
Me without a wife
I won’t be all my life
And Moll Dubh in youth just blooming
Lifeless the song of the bird
That sings alone
On a mound by the edge of the moorland
III
The Dark Molly of the glen
Has my heart in her keeping
She never had reproach or shame
So mannerly and honestly
She said to me this morning
“Depart from me and do not come again”
IV
There’s not a handsome youth
From Dublin down to Galway
And around by ‘Umhail Uí Mháinnle’
That’s not heading for the glen
On steeds so sleek and slim
Hoping to win the dark maid’s affection
Tradotto da Cattia Salto
I
Sento le mucche sulla collina e nessuno che le accudisce, e per quelle sono tanto preoccupato
dentro di me e Dio prendo il sentiero nella loro direzione
perchè ho perso il senno per loro
CORO
E’ Molly la brunetta della valle
Molly la brunetta della primavera
Molly Dubh più rubiconda di una rosa rossa
e se dovessi scegliere
tra le giovani fanciulle del paese
Molly Dudh della valle sarà la mia fidanzata
II
Io senza moglie
per tutta la vita non voglio stare
e Molly Dubh nella giovinezza sta sbocciando,
senza vita (è) il canto dell’uccello
che canta solitario
su un tumulo al confine della brughiera
III
Molly la brunetta della valle
è la custode del mio cuore
non mi ha mai rimproverato  o disonorato, così di buone maniere e onesta, ma disse a me questa mattina
“Vattene da me e non ritornare di nuovo”
IV
Non c’è un bel ragazzo
da Dublino a Galway
e per ‘Umhail Uí Mháinnle’
che non stia andando nella valle
su destrieri così agili e slanciati
nella speranza di ottenere l’affetto della fanciulla mora

ASCOLTA Emer Kenny in Parting Glass 2004

(tratto (da qui)
I
Ta bo agam ar shliabh,
‘s is fada me na diadh
o’ chaill me mo chiall
le nochair
a seoladh soir is siar
Ins gach ait da dteann an ghrian
No go bhfilleann si ar ais trathnona
II
Si Moll Dubh a Ghleann i
‘S si Moll Dubh an earraigh i
Si Moll Dubh is deirge
Na na rosa
‘S da bhfaighinnse fein mo rogha
De mhna oga deas an domhain
Si Moll Dubh a Ghleann
Ab fhearr liom
III
Nuair a braithnionn fein anon
Ins an ait a mbionn mo run
Sileann o mo shuil
Sruth deora
‘S a Ri ghil na nDul
Dean fuascailt ar mo chuis
Mar si bean dubh an nGleann
A bhreoigh me

Traduzione inglese
I
I have a cow on the hillside,
and I’m a long while following her,
until I’ve lost my senses
with a spouse;
driving her east and west,
wherever the sun goes,
until she returns in the evening.
II
She is dark Moll of the glen,
she is dark Moll of the steed
Dark woman more red
than roses
Oh if I could but choose just one precious bloom
My dark Moll of the glen,
I’d choose you
III
When I look across
to the place where my love lives,
my eyes fill
with tears;
Bright King of the Elements,
resolve my predicament:
the dark woman of the glen
has destroyed me.
Tradotto da Cattia Salto
I
Ho una mucca sulla collina
e da molto tempo l’accudisco
fino a quando ho perso la ragione
per una sposa;
e la guidavo a est e a ovest
fino al calar del sole
quando ritornava a sera
II
E’ Molly la brunetta della valle
Molly la brunetta del destriero
la donna mora più rubiconda di una rosa
e se dovessi scegliere
solo un prezioso bocciolo
Molly mia brunetta della valle, sceglierei te
III
Quando guardo
verso il luogo dove vive il mio amore
i miei occhi si riempiono
di lacrime
Re luminoso degli Elementi
aiutami:
la brunetta della valle
mi ha distrutto (1)

NOTE
* per la fonetica qui
1) nel Donegal Moll non è una bella ragazza dai capelli neri ma il whiskey illegale

ASCOLTA Dolores Keane in Sail Óg Rua , 1983

FONTI
https://thesession.org/tunes/13358
http://www.joeheaney.org/en/bean-dubh-an-ghleanna/
http://songsinirish.com/mal-dubh-an-ghleanna-lyrics/
http://www.irishpage.com/songs/molldubh.htm
http://www.cathieryan.com/lyrics/dark-moll-of-the-glen-moll-dubh-a-ghleanna/
https://www.doegen.ie/ga/LA_1072d2
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=45577
http://www.macsuibhne.com/amhran/teacs/257.htm

GO NO MORE A ROVING

Il 2016 è stato un anno da “bollettino di guerra”, per parafrasare Carlo Muscatello,  “per il mondo del pop e del rock”,  -per citare appena la metà dei musicisti deceduti – David Bowie, Glenn Frey, Paul Kantner, Keith Emerson, Leonard Cohen  (vedi) così sulla suggestione di una “appalachian mountain song” e la poesia di Lord Byron ecco la mia proposta musicale del giorno.
La prima “A-rovin’ on a winter’s night” di stampo più popolare racconta le pene d’amore di un innamorato respinto, la seconda “So we’ll go no more a-roving” è  una poesia scritta da Lord Byron nel 1817 una sorta di congedo dall’amante per lo spegnersi della passione: così il primo è potenzialmente aperto all’avventura (anche se afflitto, promette eterno amore a colei che lo ha respinto) mentre il secondo è sazio dell’amore e stanco di avventure.

grimshaw_john_atkinson_lovers_in_a_wood_by_moonlight_1873

A-ROVING ON A WINTER’S NIGHT

Tra le melodie degli emigranti irlandesi e scozzesi dei Monti Appalachi questa “Cold Winter Night” è stata divulgata e resa popolare da Doc Watson negli anni 70 (nell’LP The Watson Family Tradition – Dolly Gree)
La struttura dei versi e le sue immagini riprendono la poesia di Robert Burns “My Love’s like a rose” anche se in toni meno ricercati: il protagonista vuole affogare il dispiacere nel bere perchè è stato rifiutato dalla ragazza di cui è innamorato!

ASCOLTA Doc Watson

ASCOLTA Maggie Holland in Circle Of Light 2003.
Maggie Holland sang Roving on a Winter’s Night in 2003 on her CD Circle of Light. She commented in her liner notes: I learned Roving on a Winter’s Night from the singing of Doc Watson—although the Appalachian tradition came up with a sprightly tune the words seem to be descended via various floating verses from My Love Is Like a Red Red Rose. (I don’t know what a “butter rose” is, but it sounds nice.) I think Robbie would have approved of the notion of drinking good old wine and reminiscing about some pretty little girl who’d broken his heart. (tratto da qui)

ASCOLTA James Galway, Jay Ungar, Molly Mason


I
A-rovin’ on a winter’s night
And a-drinkin’ good old wine,
Thinkin’ about that pretty little girl,
That broke this heart of mine.
II
She is just like a bud of rose (1),
That blooms in the month of June.
Or like some musical instrument,
That’s just been lately tuned. (2)
III
Perhaps it’s a trip to some foreign land,
A trip to France or Spain,
But if I should go ten thousand miles,
I’m a-comin’ back home again.
IV (3)
And it’s who’s a-gonna shoe your poor little feet,
Who’s a-gonna glove your little hands?
Who’s a-gonna kiss your sweet little lips,
Honey, who’s a-gonna be your man?
V
I love you till the sea runs dry,
And the rocks all melt in the sun.
I love you till the day I die,
Though you will never be my own.
Traduzione di Cattia Salto
I
In cerca d’avventure in una notte d’Inverno
bevendo del buon vecchio vino
penso a quella ragazzina graziosa
che mi ha spezzato il cuore
II
Proprio come un bocciolo di rosa (1)
che fiorisce nel mese di Giugno
o come uno strumento musicale
che è stato appena accordato. (2)
III
Se fossi in viaggio per terre straniere
un viaggio in Francia o Spagna,
anche se dovessi andare lontano 10 mila miglia, ritornerei a casa di nuovo.
IV (3)
E chi metterà le scarpe ai tuoi poveri piedini
chi metterà i guanti alle tue
manine?
Chi bacerà le piccole dolci
labbra,
zuccherino, chi sarà il tuo uomo?
V
Ti amerò finchè gli oceani si prosciugheranno,
ti amerò fino al giorno della mia morte
anche se non sarai mai mia (moglie)

NOTE
1) in effetti Doc sembra dire “butter” rose
2) la strofa richiama più direttamente la poesia di Robert Burns  che dice
O my Luve’s like a red, red rose
That’s newly sprung in June;
O my Luve’s like the melodie
That’s sweetly play’d in tune.
3) questo blocco di versi invece richiama la ballata Lord Gregory qui il poeta si chiede: chi si prenderà cura di te?

GO NO MORE A ROVING

Il testo è di Lord Byron (1788-1824), tratto dalla poesia “So, we’ll go no more a roving” scritta in una lettera inviata aThomas Moore il 28 Febbraio 1817.
Byron aveva 29 anni e così scrive all’amico “At present, I am on the invalid regimen myself. The Carnival–that is, the latter part of it, and sitting up late o’ nights–had knocked me up a little. But it is over–and it is now Lent, with all its abstinence and sacred music… Though I did not dissipate much upon the whole, yet I find “the sword wearing out the scabbard,” though I have but just turned the corner of twenty nine.”

Dopo alcuni intensi anni di dissolutezze nemmeno trentenne (Byron muore a 36 anni) il poeta si sentiva vecchio, “consumato”, incapace di rigenerarsi, mentre la luna continua a brillare indifferente e con lei tutte le avventure non vissute!
Il tema, come si evince dal testo, riguarda il raggiungimento dell’età adulta  e della pace dei sensi dopo una gioventù sfrenata (Byron era infatti un noto dongiovanni). L’immagine della luna rappresenta quindi tutte le donne che il poeta non è riuscito a raggiungere e che continuano a brillare in tutta la loro bellezza, incuranti del fatto che il suo desiderio si stia poco a poco spegnendo. (tratto da qui)

Eppure la poesia si presta a molteplici letture: il poeta rimpiange l’amore e con esso la vita che gli sfugge e così la canzone è un fare-well, un canto dell’addio!

ASCOLTA Leonard Cohen 2004


ASCOLTA Joan Baez 1964 (altro arrangiamento musicale)


So we’ll go no more a-roving (1)
So late into the night,
Though the heart be still as loving,
And the moon be still as bright.
For the sword outwears its sheath (2),
And the soul outwears the breast,
And the heart must pause to breathe,
And love itself have rest.
Though the night was made for loving,
And the day returns too soon,
Yet we’ll go no more a-roving
By the light of the moon.
TRADUZIONE ITALIANO (da qui)
E così non andremo più in cerca di avventure (1) nella notte più tarda
sebbene il cuore continui ad amare come prima e la luna brilli con la stessa intensità.
Perchè la spada dura più a lungo del fodero, (2) e l’anima consuma il petto
e il cuore deve fermarsi per riprendere fiato
e l’amore stesso deve trovare la sua quiete. (3)
Sebbene la notte sia stata fatta per amare, e il giorno ritorni sempre troppo presto,
non andremo più in cerca di avventure
alla luce della luna.

NOTE
1) roving  significa “aver voglia di avventure amorose” ma anche“ vagabondare”.
2) “Sheath”  significa anche guaina così la spada e il fodero alludono agli organi sessuali; spada e fodero sono in una prima lettura anima e corpo, l’anima e con essa il sentimento sono più duraturi mentre il corpo è cosa fragile e contingente
3) può voler dire: ecco mettiamoci l’anima in pace, l’amore tra di noi è finito – perchè non c’è più passione tra di noi, perchè ci è venuto a noia; ma  anche il contrario: l’amore come sentimento fatto anche di spiritualità oltrechè di passione, è potenzialmente eterno, ma deve arrendersi davanti alla fragilità della materia, ovvero alla stanchezza fisica dovuta al declino della vecchiaia.

FONTI
https://mainlynorfolk.info/peter.bellamy/songs/arovingonawintersnight.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=49071
http://www.lyra.net/canzoni-e-accordi/leonard-cohen/dear-heather/go-no-more-a-roving#traduzione
http://mural.uv.es/neferi/Firstpaper.htm