Archivi tag: James Graham

MAIRI BHAN VERSUS MHAIRI BHAN OG

Canto nunziale dedicato a Mary McNiven scritto in gaelico scozzese nel 1934 da John Bannerman e successivamente riscritto in inglese da Sir Hugh Roberton (prima parte qui)

La versione in gaelico di John Bannerman non è riferita al matrimonio dal punto di vista degli invitati come nella variante in Inglese, bensì al colpo di fulmine che è piombato sul bel Johnny alla vista della bella Mary, vincitrice della gara canora più ambita del tempo il MOD nazionale: così egli ne ammira la bellezza e la soavità del canto e la vuole sposare.

ASCOLTA The Lochies

ORIGINALE IN GAELICO
I
Gaol mo chrìdh-sa Màiri   Bhàn,
Màiri bhòidheach, sgeul mo dhàin;
‘S i mo ghaol-sa Màiri Bhàn,
‘S tha mi ‘dol ga pòsadh.
II
Thuit mi ann an gaol a-raoir,
Tha mo chrìdh-sa shuas air beinn,
Màiri Bhàn rim’ thaobh a’seinn,
‘S tha mi ‘dol ga pòsadh.
III
Cuailean òir is suilean tlàth,
Mala chaol is gruaidh an àigh,
Beul as binne sheinneas dàn,
‘S tha mi ‘dol ga pòsadh.
IV
‘S ann aig ceilidh aig a’ Mhòd
Fhuair mi eòlas air an òigh —
‘S ise choisinn am bonn òir,
‘S tha mi ‘dol ga pòsadh.
V
Bidh mo ghaol do Màiri Bhàn
Dìleas, dùrachdach gu bràth;
Seinnidh sinn da chèil’ ar gràdh,
‘S tha mi ‘dol ga pòsadh.

TRADUZIONE INGLESE
I
The love of my heart, fair-haired Mairi,
Beautiful Mairi, the story of my song;
She is my true love, fair-haired Mairi,
And I am going to marry her.
II
I fell in love last night,
My very heart is up on a mountain,
Fair-haired Mairi beside me, singing,
And I am going to marry her.
III
Golden locks and gentle eyes,
Narrow eyebrow and merry cheek,
Sweetest mouth to sing a song,
And I am going to marry her.
IV
It was at a ceilidh at the Mod
I became aware of the young woman
It was she that won the gold medal
And I am going to marry her.
V
My love for fair-haired Mairi will be
Faithful, sincere for ever;
Together we will sing our love,
And I am going to marry her.
tradotto da Cattia Salto
I
L’amore del mio cuore, Mary dai bei capelli
bella Mary, l’ispirazione della mia canzone, lei è il mio amore, Mary dai bei capelli e io la sposerò.
II
Mi sono innamorato la notte scorsa
e ora il mio cuore è in cima alla montagna, Mary dai bei capelli  che mi canta accanto e io la sposerò.
III
Riccioli d’oro e begli occhi sopracciglio fine e guancia sorridente,  la più dolce bocca per cantare e io la sposerò.
IV
Fu alla festa del Mod
che mi accorsi di una giovane donna
è stata lei a vincere la medaglia d’oro e io la sposerò.
V
Il mio amore per Mary dai bei capelli sarà fedele, sincero per sempre(1); insieme canteremo il nostro amore
e io la sposerò

NOTE
1) in realtà la storia non ebbe seguito e Mary convolò a nozze solo sei anni più tardi con il capitano di marina John Campbell di Glendale.

SCOTTISH COUNTRY DANCE

Nel 1959  James B. Cosh di Glasgow ideò una danza sulla melodia di Mairi’s wedding. Benchè composta da poche figure risulta un po’ più complicata per i principianti e non è una danza che s’impara in due minuti.

(per lo schema vedi)

MHAIRI BHAN OG

macintyreNon so perché in alcuni siti Mhairi Bhan Og (Mary Young And Fair) viene considerato come il vecchio brano scozzese riarrangiato da John Bannerman per la versione di Mairi’s Wedding; tale riferimento può essere azzardato forse per la parte testuale, non certo per quella melodica, benchè il testo di Bannerman sia molto più essenziale e contingente al momento dell’incontro.

Si tratta invece di una slow air composta da Duncan Ban MacIntyre (1724-1812) come regalo di nozze per la moglie.

Soprannominato il Bello (Bàn – bhàn) per la sua particolare avvenenza anche in tarda età, fu considerato l’ultimo dei bardi gaelici del 1700. Donnchadh Mac an t-Saoir era la sua denominazione in gaelico scozzese ossia Duncan figlio del Carpentiere, ovvero il clan MacIntyre stanziatosi in Scozia nel XIV secolo.
Duncan era un illetterato e non sapeva scrivere, ma conosceva bene le opere di Alexander MacDonald il grande poeta della generazione precedente. Riuscì a pubblicare (ricorrendo alla dettatura) un libro dal titolo “The Gaelic songs of Duncan MacIntyre” in una prima edizione stampata ad Edimburgo nel 1790

Soprannominato anche “il bardo cacciatore di Glen Orchy” (ovvero la località in cui nacque nell’Argyllshire) ebbe una vita avventurosa e finì in prigione per aver scritto la canzone contro i pantaloni (che gli scozzesi dovevano indossare al posto del gonnellino dopo la sconfitta di Culloden)

La versione modale si trova nella collezione di Patrick MacDonald “A collection of Highland Vocal Airs” pubblicata nel 1783, spartito e testo anche in “The Elizabeth Ross Manuscript” (Original Highland Airs Collected at Raasay in 1812 di Elizabeth Jane Ross) vedi pdf

Il brano ha un andamento sognante e dolce, ed è eseguito ai nostri tempi per lo più in versione strumentale, sia per arpa (o chitarra) che per violino, ma anche cornamusa o flauto. Spesso per formazioni in duo o in terzetto.

ASCOLTA James Graham, l’arrangiamento strumentale è essenziale in una venatura più malinconica o nostalgica: Mhairi Bhan Og ovvero Òran d’a Chèile Nuadh-Poste‘ (Song To His Newly Wedded Wife) tratta da “The Gaelic songs of Duncan MacIntyre” di George Calder 1921. La versione integrale è di 136 versi ma ridotta in poche strofe

ASCOLTA  Alyth McCormack (strofe I, II, I)


ORIGINALE IN GAELICO SCOZZESE*  ( vedi testo)
I
A Mhàiri bhàn òg ‘s tu ‘n òigh th’air m’aire,
Ri m’bheò bhith far am bithinn fhéin,
On fhuair mi ort còir cho mór ‘s bu mhath leam
Le pòsadh ceangailt’ o’n chléir,
Le cùmhnanta teann ‘s le banntaibh daingean,
‘S le snaidhm a dh’fhanas, nach tréig:
S e t’fhaotainn air làimh le gràdh gach caraid
Rinn slàinte mhaireann am’ chré.
II
Chaidh mi do’n choill an robh croinn is gallain,
bu bhoisgeil sealladh mu’n cuairt,
‘s bha miann mo shùl do dh’fhiùran barraicht’
an dlùthas nam meanganan suas;
gueg fo bhlàth o barr gu talamh,
a lùb mi farasda nuas;
bu duilich do chàch gu bràth a gearradh
‘s e ‘n dàn domh ‘m faillean a bhuain
III
Dheanaiun duit ceann, is crann, is t-earrach,
an am chur ghearran an éill;
is dheanainn mar chàch air tràigh na mara
chur àird air mealladh an éisg:
mharbhainn duit geòidh is ròin, is eala,
‘s na h-eòin air bharra nan geug;
‘s cha bhi thu ri d’ bheò gun seòl air aran,
‘s mi chòmhnuidh far am bi féidh
IV
Na’m faighinn an dràsd’ do chàradh daingean
an àite falaicht’ o’n eug;
ged thigeadh e ‘d dhàil, is m’ fhàgail falamh
cha b’ àill leam bean eil’ ad dhéidh;
cha toir mi gu bràth dhuit dranndan teallaich,
mu’n àrdaich aileag do chléibh,
ach rogha gach mànrain, gràdh, is furan,
cho blàth ‘s a b’urrainn mo bheul.

TRADUZIONE INGLESE
I
O fair young Mary, you’re the maid that I mean to have in my life wherever I am
since I obtained my right to you, strong and sure, with marriage ties from the clergy,
with firm concracts and secure bonds, and with a knot that will remain and not be forsaken:
obtaining your hand, with your family’s blessing, give me health for life until the grave
II
I went to the wood where trees and saplings
were a radiant sigh all around.
and my eye desired an excellent sapling
enclosed in the branches above:
a bough in blossom from its tip to the ground,
which I bent gently down towards me
It would be hard for another ever to cut it,
when it was destined for me this sapling to pluck
III
Your goodman I’d be, I’d plow, sow for you, sure,
at time to put colts into leash;
and I’d more do for you, like all else on the sea-shore,
set means for deceiving the fish:
I’d kill geese for you, the swan and the seal,
and the birds on the tops of the boughs; while you lives you’ll never be without means for a meal, and me living where red-deer will browes.
IV
If I could now place you a safely in a place hidden from death
if it came near you, leaving me forsaken
I would want to other woman after you:
I will never offer you fireside bickering or heaving and sobbing in your breast,
but the finest of wooing, love and caressing,
as warm as my lips can manage
tradotto da Cattia Salto
I
O bella e giovane Mary, tu sei la fanciulla che voglio avere nella mia vita ovunque sia,
perchè ho ottenuto il mio diritto su di te, forte e certo, con il matrimonio consacrato dal prete
con solenni giuramenti e stretti legami, con un nodo che durerà e non sarà sciolto:
ottenere la tua mano, con il consenso dei tuoi genitori
mi darà forza fino alla tomba.
II
Al bosco andai dove gli alberi e arbusti
facevano un bello sfondo
e guardai con brama al germoglio più bello
che cresceva sugli alti rami.
un ramo fiorito da cima
a fondo,
che gentilmente curvai verso di me,
sarebbe stato arduo per un altro tagliarlo
quando era destinato a me  il cogliere tale fuscello.
III
Per il tuo bene arerei, seminerei per te certamente
al momento di mettere i puledri nel recinto, e farei di tutto per te, come chiunque altro sulla spiaggia preparerei gli attrezzi per ingannare i pesci; ucciderei le anatre per te, il cigno e la foca,
e gli uccelli sulla cima dei rami; finchè vivrai
non ti mancheranno mai mezzi di sostentamento
vivendo dove il cervo s’inerpica.
IV
Se potessi metterti al sicuro in un posto protetto dalla morte,
e se si avvicinasse a te, lasciandomi abbandonato,
nessuna altra moglie dopo di te abbraccerò;
non ti offrirò mai gli alterchi del focolare
o ansimi e singhiozzi in petto
ma l’amore romantico e le carezze tanto calde come i baci della mia bocca.

NOTE
* si riportano solo i versi cantati

 

ASCOLTA  versione integrale (tratto da http://www.tobarandualchais.co.uk un archivio poderoso raccolto in tutta la Scozia a partire dal 1930)

Ascoltiamo la melodia con l’arpa bardica nell’arrangiamento di Vicente La Camera

FONTI
http://www.scottishpoetrylibrary.org.uk/poetry/poets/alasdair-mac-mhaighstir-alasdair
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=6412
https://thesession.org/tunes/3878

ALASDAIR MHIC CHOLLA

“Alasdair Mhic Cholla Ghasda”: waulking song
Melodia tradizionale scozzese XVII secolo

Nelle note del brano riportate dai Capercaillie leggiamo che si tratta di una waulking song dell’isola di Barra ossia di una canto in gaelico che accompagnava la battitura dei panni di tweed, un lavoro manuale di pertinenza delle donne, spesso svolto con i ..piedi! (vedi)
La ban dhuan (ovvero la donna-canzone) intonava la strofa e il resto delle altre donne la seguiva nel ritornello: mentre la strofa era in genere breve, di uno o due versi il ritornello era spesso lungo con almeno 4-5 versi con abbondante uso di “vocables” ovvero suoni sillabici senza senso . Del resto anche tutta la canzone non aveva un vero e proprio significato, essendo le parole scelte principalmente per mantenere costante il ritmo della lavorazione tuttavia la ban dhuan più abile riusciva a metterci i gossip del momento. Ovviamente si finì per codificare le canzoni in una sorta di versione tramandata anche se di volta in volta i versi delle strofe finivano per variare a piacere di chi cantava. Queste canzoni ci narrano così vicende storiche del XV-XVI secolo, oppure descrivono attività e usanze molto antiche.

In particolare “Alasdair Mhic Cholla Ghasda” ricorda le gesta di un capo clan scozzese, Alaster McDonald nativo delle Ebridi, dalla grande statura, forza e coraggio, un eroe popolare sia in Irlanda che in Scozia per le sue imprese nella guerra civile della seconda metà del 600.

maccollaAlexander (o Alaster) McDonald (c. 1610-1647) fu un guerriero scozzese nato nelle Ebridi Interne (isola di Colonsay) e primogenito di un capo clan (uno dei più potenti clan scozzesi delle Highlands). Nella annosa faida con il clan Campbell però il Clan Donald finì per soccombere con il devastante corollario di perdita della terra, case bruciate, uccisioni o cattura della maggior parte degli uomini. Così Alasdair si trasferì in Irlanda del Nord in esilio presso i suoi parenti MacDonnels di Antrim, con un pugno di guerrieri, finendo nel bel mezzo della guerra civile irlandese del 1641.

Noto per la sua gigantesca statura e prestanza fisica nel 1644 fu nominato comandante di quasi 2.000 uomini per una spedizione in Scozia a sostegno della guerra civile scozzese, ben determinato a vendicarsi di coloro che lo avevano offeso.
Non perdendo l’occasione di saccheggiare le terre dei Campbell (bruciò vivi anche donne e fanciulli con l’unica colpa di appartenere al clan dei Cambell, devastò castelli e città meritandosi il nome di “il devastatore” per la sua crudeltà) vinse una serie di battaglie alleandosi con il generale scozzese James Graham primo marchese di Montrose tra il 1644 e il ’45 (Tippermuir, Aberdeen, Inverlochy, Auldearn, Alford e Kilsyth). Ma le sorti della guerra si decidevano in ambiti più vasti e vanamente MacColla continuò la sua battaglia nel Nord della Scozia, circondato dai nemici e senza più rinforzi. Nel maggio del 1647 si ritirò in Irlanda per servire nell’esercito del Munster e trovò la sua morte nella battaglia di Knocknanuss, dove venne catturato e fucilato subito dopo il combattimento.. così divenne un eroe popolare sia in Irlanda che in Scozia, con canti e melodie scritte in suo onore.

Come struttura la canzone ha la particolarità di prendere gli ultimi due versi di una strofa per farli diventare i primi due della strofa successiva (mantenendo sempre l’alternanza tra strofa e ritornello). Spesso i versi delle strofe venivano riciclati da una canzone all’altra, ma il ritornello, invece, per quanto senza senso, è sempre diverso, forse perché è la parte corale del canto che in qualche modo lo connota rispetto agli altri.

ASCOLTA Capercaillie in The Blood is Strong 1988 (la III strofa è omessa)

ASCOLTA Clannad in Lore 1996

Difficile dire quale sia la mia preferita tra le due versioni anche se di entrambe non mi piace la brusca chiusura finale.

ORIGINALE GAELICO SCOZZESE
I
Alasdair Mhic o ho
Cholla Ghasda o ho
As do laimh-s’ gun o ho
Earbainn tapaidh trom eile
Sèist:
Chall eile bho chall a ho ro
Chall eile bho chall a ho ro
Chall eile huraibh i chall a ho ro
Haoi o ho trom eile
II
As do laimh-s’ gun o ho
Earbainn tapaidh o ho
Mharbhadh Tighearna o ho
Ach-nam-Brac leat trom eile
III
Mharbhadh Tighearna o ho
Ach-nam-Breac leat o ho
Thiolaigeadh e o ho
An oir an lochain trom eile
IV
‘S ged ‘s beag mi fein o ho
Bhuail mi ploc air o ho
Chuala mi’n de o ho
Sgeul nach b’ait leam trom eile
V
Chuala mi’n de o ho
Sgeul nach b’ait leam o ho
Glaschu a bhith o ho
Dol ‘na lasair trom eile
VI
Glaschu a bhith o ho
Dol ‘na lasair o ho
‘S Obair-Dheathain o ho
‘N deidh a chreachadh trom eile
TRADUZIONE INGLESE
I
Alexander son,
Of gallant(1) Cholla,
Into your hand,
I would heroic entrust deeds,
II
Into your hand,
I would entrust heroic deeds,
The Lord of Ach-nam-breac,
Would be killed by you,
III
The Lord of Ach-nam-breac,
Would be killed by you,
He would be buried,
At the edge of the loch,
IV
And although I myself was small,
I threw a clot of earth on him,
I heard yesterday,
A sad story,
V
I heard yesterday,
A sad story,
That Glasgow,
Was going down,
VI
That Glasgow,
Was going down,
And Aberdeen,
Is being pillaged,
TRADUZIONE ITALIANO
I
Alessandro figlio
del cavalleresco Donald,
nella tua mano
vorrei affidare eroiche imprese,
II
Nella tua mano
vorrei affidare eroiche imprese,
il Signore di Ach-nam-breac,
fu ucciso da te,
III
il Signore di Ach-nam-breac,
fu ucciso da te,
e seppellito,
in riva al lago,
IV
E sebbene fossi fanciullo,
ho gettato un pugno di terra su di lui,
Ho sentito ieri,
una triste storia,
V
Ho sentito ieri,
una triste storia,
che Glasgow,
stava per essere travolta,
VI
Che Glasgow,
stava per essere travolta,
e Aberdeen,
saccheggiata,

NOTE
1) tradotto anche come exile ossia esule

GOL NA MBAN SAN AR

Gol na mBan san ar (“The Crying Of The Women At The Slaughter ”  in italiano il Lamento delle donne nel massacro) è una melodia composta in memoria di MacColla, più nota con il nome di The Eagle’s Whistle (in italiano “il richiamo dell’aquila” e in gaelico Fead An Iolair).

Il brano è stato registrato sotto molti nomi, anche se le melodie non sono del tutto simili specialmente per i tempi che vanno dalla slip jig, walzer alla marcia o polka: Arrane Ny Niee, The Eagle’s Whistle March. Con il nome di “The O’Donovan Clan March” è anche la melodia ufficiale del Clan O’Donovan. Tuttavia Gol na mBan e The Eagle’s Whistle non sono lo stesso brano, pare che la confusione sia insorta da una delle prime registrazioni di Seámus Ennis (vedi Bonny Bunch of Roses), errore poi rettificato nelle registrazioni successive.

THE EAGLE’S WHISTLE

ASCOLTA Crubeen in versione marcia, così scrivono nelle note : “This tune is said by some to be the march of the O’Donoghue clan. while others claim it to relate to the O’Donovans. It is strangely reminiscent of an old lullaby in which an eagle is singing to the young eaglets. However. played as a march it conveys the spirit of the old Irish clans.”
Ecco come è arrangiata in versione slow-air
ASCOLTA William Coulter

ASCOLTA The Highland Session con Allan Henderson al violino

ASCOLTA The Sea Stallions

ALLISDRUM’S MARCH

Gol na mBan san ar è ricordato più propriamente con il titolo di Allisdrum’s march o anche Battle of Cnoc na nDos, ovvero la battaglia di Knocknanuss combattuta non lontano da Mallow (contea di Cork) il 13 novembre 1647

La melodia è raccolta in “Tunes of the Munster Pipers” dal manoscritto di James Goodman (1828-1896), una melodia senz’altro più in tono come lament o marcia funebre per la morte di Alasdair e il lamento delle donne, che si conclude a volte con un cenno di danza al tempo di una vecchia jig “Church Hill” nota anche come “Church Street” comparsa in “Dance Music of Irland” di Francis O’Neil: alcune spiegazioni sono state azzardate in merito, ovvero che la vedova fosse ben felice di essersi liberata da un marito soprannominato “il devastatore” peraltro di sana e robusta costituzione duro a morire; oppure si dice che la vedova abbia ballato per non iniziare a piangere prima delle altre donne


ASCOLTA Téada

ASCOLTA Peter Browne all’uilleann pipes

FONTI
http://www.badassoftheweek.com/maccolla.html
http://www.british-civil-wars.co.uk/military/ireland-1647-knocknanuss.htm
http://www.celticlyricscorner.net/capercaillie/alasdair.htm
http://www.celticlyricscorner.net/clannad/alasdair.htm
http://thesession.org/tunes/4192
http://thesession.org/tunes/9853
http://www.thesession.org/tunes/1837
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=26498
http://source.pipers.ie/documents/item.arc?mediaId=16749
http://thesession.org/tunes/9497
http://thesession.org/tunes/6567