Archivi tag: irish slow air

CAILÍN NA GRUAIGE BÁINE 

Popolarissima melodia (vedi) abbinata con diversi testi in gaelico irlandese che narrano di amori sfortunati, oscillando tra il dolce e l’amaro.

LA DONNA BIONDA

Cailín Na Gruaige Báine, scritto anche come Cailin Na Gruige Bhana, (The Girl Of The Fair Hair) è probabilmente una variante  della canzone già tradotta da Samuel Ferguson con il titolo The fair-haired girl”.

Quella che apparentemente è una canzone di abbandono, perdita e separazione assume una dimensione soprannaturale interpretandola attraverso il filtro del mito: la donna bionda di cui il protagonista è disperatamente innamorato è infatti una donna cigno.
Il tema del sentimento non corrisposto viene esacerbato dal sentimentalismo e l’autocommiserazione. E’ tipico del canto irlandese manifestare una tale disperazione per un amore infranto, gli scozzesi invece si consolano più facilmente con il detto “ci sono molti pesci nel mare”

Swan Sister

ASCOLTA Aoife Ní Fhearraigh in Aoife 1996

ASCOLTA ancora Aoife nell’arrangiamento in Winter’s Crossing 1998, con James Galway & Phil Coulter 

I
Is uaigneach mo shaol go gruama faraoir,
‘Mo thruaill bhocht gan siamsa ‘tá mé,
‘S is brónach a bhím gan suaimhneas na hoích’
Go buartha lag cloíte cráite.
II
‘Sí ‘n stuabhean gheal   chaoin a rinne gual de mo chroí
‘S níl suairceas a choíche i ndán domh
Ó luach liom mar mhnaoi go luat’ dtús mo shaoil
Mo chailín na gruaige báine (1).
III
‘S í bláth bán na   gcraobh í, thug barr ar gach scéimh
Le háilleacht le méid ‘s le breáchta,
‘Sí d’fhág mé faoi léan, ‘si chráigh mé gan bhréig
‘Gus tá ‘fhios ag Mac Dé   mo chás-sa.
IV
Dá bhfaighinnise mo   rogha, ó b’ansa liom é
Bheith ar láimh leis a’ spéirbhean álainn
‘S ní náire ar bith liom é nó ‘s í grá geal mo chléibh
Mo chailín na gruaige báine.
V
Dá dtigeadh sí arís ar chun mo thí
Nach mise bheadh aoibhiúil sásta,
‘S níl áit ar bith dár mhain léi nach mbainfinnse fúm
Ach cead ‘fháil mo shaol a chaitheamh léi.
VI
Nach trua mise   ‘smaointiú go dimhain in mo chroí,
Nach bhfeicim arís go brách í,
Taím buartha bocht faoi chian is ní mhairfead beo bliain
Gan cailín na gruaige báine.

TRADUZIONE INGLESE
I
My solitary life is cheerless alas
I am a poor wretch without any diversion
I am most sorrowful
with no rest at night
Disturbed, weak,exhausted and tormented
II
‘Tis a stately, fair, delicate woman
who turned my heart to coal
And I will never be cheerful again
Since I became involved
with a woman early in my life
My fair-haired girl (1)
III
She’s the fairest flower of them all,
the  most beautiful in form
With the utmost and finest beauty
I left her in sorrow,/ undoubtedly I tormented her/ And the Son of God knows my reason
IV
If I could have my choice,
oh it would be my dearest wish
To be holding the hand of
that beautiful young girl
And I’m not ashamed at all
that she is the love of my life
My fair-haired girl
V
If she would come again to my house
Wouldn’t I be smiling and happy
And there’s nowhere at all
that I wouldn’t settle if she wanted
Just let me spend my life with her
VI
Aren’t I pitiful forever
thinking in my heart
That I will never see her again
I am so sorrowful and sad
that I will not live a year
Without the fair-haired girl.
tradotto da Cattia Salto
I
La mia vita solitaria è ahimè senza amore, sono un povero miserabile, senza alternative,
tristi sono le mie notti
e senza riposo,
così agitato, debole, esausto e tormentato.
II
E’ per la bella, gentile e nobile dama
che ha mutato il mio cuore in pietra
e non sarò mai più felice,
da quando mi sono innamorato
della donna della mia vita,
la mia fanciulla bionda. (1)
III
Lei è il fiore più luminoso di tutti,
dalla forma più bella,
con la bellezza più sopraffina.
Io l’ho fatta soffrire,
di sicuro l’ho tormentata
e Gesù conosce le mie ragioni.
IV
Se potessi scegliere,
oh, sarebbe il mio desiderio più caro
essere il sostegno di quella bella ragazza
e non me ne vergognerei
perchè lei è l’amore della mia vita,
la mia fanciulla bionda.
V
Se ritornasse di nuovo a casa,
non potrei essere che felice e contento, e non ci sarebbe altro luogo in cui vorrei essere, se lei mi lasciasse soltanto starle accanto per tutta la vita.
VI
Non sarò per sempre infelice
pensare in cuor mio
che non potrò più rivederla?
Sono così preoccupato e addolorato  che non continuerò a vivere senza la mia fanciulla bionda

NOTE
1) In gaelico irlandese báine vuol dire “White, Fair” e indica un colore chiaro e luminoso oppure pallido: riferito ai capelli è la colorazione biondo chiaro quasi argenteo tipica delle popolazioni norrene.>

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/swan-maiden.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=5500
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=34917
http://thesession.org/tunes/6786

COINLEACH GLAS AN FHOMHAIR: The Green Autumn Stubble

“The Green Autumn Stubble” (in italiano “I campi di stoppie in Autunno”) è una slow air proveniente dal Donegal (e più in generale del Nord- Ovest dell’Irlanda) e cantata in gaelico, di cui conosco ben poco per quanto riguarda le origini. In rete si trovano due versioni testuali con relative traduzioni in inglese (risalenti alla fine dell’Ottocento)

swan-maiden-2724La melodia è di una bellezza rara e lascia senza fiato, il protagonista che canta è un giovane lavoratore stagionale che durante il periodo del raccolto (orzo, grano) si innamora di una fanciulla bella come un cigno..

ASCOLTA Kitty Gallagher, Donegal 1951 registrazione raccolta sul campo da Alan Lomax (Irlanda 1951-1953) (strofe I e II)

ASCOLTA Clannad in Magical Ring 1983

ASCOLTA Maria McCool in Ailleog: Magical Songs Of Ireland 1999


I) Ar chonnlaigh ghlais an Fhoghmhair A stóirín gur dhearc mé uaim Ba deas do chos i mbróig ‘Sba ró-dheas do leagan siubhail. Do ghruaidh ar dhath na rósaí ‘Sdo chúirníní bhí fighte dlúith Monuar gan sinn ‘ár bpósadh Nó’r bórd luinge ‘triall ‘un siubhail.
II) Tá buachaillí na h-áite seo A’ gartha ‘gus ag éirghe teann Is lucht na gcochán árd A’ deánamh fáruis do mo chailín donn Dá ngluaiseadh Rí na Spáinne Thar sáile ‘s a shlóighte cruinn Bhrúighfinn féar is fásach ‘S bhéinn ar láimh le mo chailín donn.
III) Ceannacht buaibh ar aontaigh’ Dá mbínn agus mo chailín donn Gluais is tar a chéad-searc Nó go dtéidh muid thar Ghaoth-Bearra ‘nonn Go sgartar ó n-a chéile Bárr na gcraobh ‘s an eala ón tuinn Ní sgarfar sin ó chéile ‘S níl ach baois díbh á chur ‘n mur gcionn.
IV) Chuir mé leitir scríobhtha Annsoir mo sweetheart agus casaoid ghéar Chuir sí chugam arís í Go rabh a croidhe istuigh i lár mo chléibh. Cum na h-eala is míne Ná’n síoda ‘s ná cluimh na n-éan Nach trom an osna ghním-se Nuair a smaoitighim ar a bheith ‘sgaradh léi.
V) ‘Sé chuala mé Dé Domhnaigh Mar chómhrádh ‘gabháil eadar mhnáibh Go rabh sí ‘gabháil ‘a pósadh Ar óigfhear dá bhfuil san áit. A stóirín glac mo chomhairle ‘S a’ foghmhar seo fan mar tá ‘S cha leigim le ‘bhfuil beo thú A stór nó ‘s tú mo ghrádh.

TRADUZIONE INGLESE
I)
On the green stubble-fields of Autumn I saw you, my sweetheart.
Nice were your feet in shoes it was too nice your way of walking
Your cheek was redder than the rose, And your ringlets tightly plaited
Alas that we’re not married
Or on board ship sailing away
II)
The boys around here are
Complaining and getting fired up And the ones with the high-piled hair
Are making homes for my brown-haired girl.
If the King of Spain would
Go abroad with his assembled men
I would trample pasture and wilderness /And I would be with my brown-haired girl
III)
If only my brown girl and I were buying cows at the fair
Go and come first love Until we go over to Gaoth-Bearra
Even if the tops of the branches were parted and the swan was separated from the waves
That would not separate us And those who go against us are foolish
IV)
I wrote a letter To my sweetheart containing a sharp complaint
She wrote back to me
That her heart was inside my bosom.. The shape of a swan finer than silk or bird feathers;
Heavy is my sigh when I think of being apart from her.
V)
What I heard on Sunday
As conversation among the women That she was going to be married
To a young man from the place. Sweetheart take my advice
And this Autumn stay as you are I won’t let you go, my love, as long as you live.
Tradotto da Cattia Salto (1)
I)
Tra le stoppie dei campi in Autunno,
ti vidi, amore mio,
belli i tuoi piedini nelle scarpe(2), e camminavi così bene.
Le tue guance rosse come le rose,
e i tuoi boccoli intrecciati,
peccato che non siamo sposati o a bordo di una nave in partenza(3)
II)
I ragazzi dei dintorni si lamentano e si infiammano
e quelli con il cappello a tuba(4) stanno preparando la casa per la mia fanciulla dai capelli neri.
Se il re di Spagna volesse andare all’estero con le sue armate calpesterei i pascoli e le brughiere per stare con la mia ragazza dai capelli scuri.(5)
III)(6)
Se solo la mia ragazza dai capelli scuri ed io compravamo delle mucche alla fiera per andare e venire presto, fino a superare il fiume Gweebarra (7);
anche se le cime dei rami sono divise e i cigni sono separati dalle onde
ciò non ci separerà e coloro che ci vanno contro, sono degli schiocchi.
IV)
Ho scritto una lettere al mio amore contenente un amaro rimprovero,
lei mi ha risposto che il suo cuore era nel mio petto.
L’aspetto di un cigno(8) più bello della seta o delle piume d’uccello,
e il mio lamento è grande quando mi sento separato da lei
V)
Quando domenica ho sentito dalle chiacchiere delle donne che si sarebbe sposata con un giovanotto del posto.
Amore mio dammi retta e questo autunno resta come sei(9);
non ti lascerò andare amore mio finchè avrai vita.

NOTE
1) per la traduzione ho cercato di mettere insieme le frasi inglesi che avevano più senso per me, purtroppo il gaelico non è tra le mie lingue conosciute
2) nei tempi passati non tutti potevano permettersi di portare le scarpe ai piedi, specialmente se contadini, il complimento quindi ai piedi e alle scarpe è segno di distinzione o della celebrazione di un’occasione speciale, probabilmente si trattava della festa del Raccolto
3) la nave in partenza suggerisce il desiderio di andare a vivere lontano dalla compagnia della gente
4) “high-piled hair” oppure “high hats” Nel primo casi si riferisce alla parrucca indossata dai gentiluomini nel Settecento (passata di modo dopo la rivoluzione francese..) oppure ai cappelli alti tipo tuba sempre nel guardaroba del gentleman ottocentesco. E tuttavia il dettaglio stride con il contesto rurale in cui ho appena collocato la canzone in base agli elementi fin qui emersi! Diciamo che il termine potrebbe descrivere una classe sociale appena più benestante del povero mezzadro o del lavorante stagionale.
5) credo stia dicendo che se dovesse esserci un’invasione lui correrebbe da lei per proteggerla. Classica spacconata di chi non ha niente di sostanzioso da mostrare per garantire una certa sicurezza economica alla futura moglie
6) della strofa non ho compreso il significato
7) Gaoth-Barra, Gaoth Beara è il nome gaelico del fiume Gweebarra che sfocia in mare in una splendida baia sulla costa Ovest del Donegal
8) il simbolismo del cigno è già presente in un’altra altrettanto dolente slow air. Qui evidentemente il bracciante stagionale è ritornato nel proprio paese e così scrive all’innamorata cercando di mantenere vivo il ricordo e l’amore. Il paragone credo voglia mettere in risalto la morbidezza della carnagione di lei
9) il giovanotto dice alla ragazza di non sposarsi che lui si farà avanti

FONTI
http://www.ceolas.org/artists/Clannad/lyrics/Coinleach.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=9243 http://irishlearner.awyr.com/phpBB3/viewtopic.php?f=28&t=890 http://www.loc.gov/item/afc9999005.26102