Archivi tag: irish drinking song

MALONEY WANTS A DRINK

songbook_2ndMaloney wants a drink è una drinking song da manuale scritta da Dominic Behan, in cui il nostro Paddy se fosse vissuto nel tempo biblico, avrebbe sedotto Eva, per poi abbandonarla … per andare in cerca di un altro “drink”. Anche la seducente Salomè con la sua danza del ventre non riesce ad abbindolare Maloney che, da navigato uomo di mare, lascia una donna in ogni porto..

Dominic Behan ha scritto parecchie canzoni, alcune diventate molto popolari, questa è stata registrata dai Dubliners nel loro album uscito subito dopo il famosissimo “Seven Drunken Nights”  (vedi) intitolato “A drop of the Hard Stuff” (in italiano “Un goccio di roba forte”): il titolo è significativo perchè oltre a canzoni da pub, ce n’erano alcune filo IRA in chiave umoristica ma anche “Anti-British stuff”! L’album raggiunse il 5° posto nella hit parade britannica seguito da More of the Hard Stuff che rimase nella Top Ten per circa sei mesi.

Scrive Philip Kay definendo i Dubliners come “freeborn men” nel suo blog (qui – articolo che vi consiglio di leggere tutto) “It’s probably easy to dismiss it all now as “Irish drinking songs”, but the mixture was a carefully calculated one, of bawdy drinking songs, some of the best songs by important contemporary songwriters like Behan and MacColl, many of which had social commentary as intransigent as anything Bob Dylan ever wrote, several pro-Irish and anti-British songs, and the whole sweetened by some of the most stirring yet melodious dance music heard from any Irish group.”

ASCOLTA The Dubliners in More of the Hard Stuff 1967

I
When Eve was in the garden, Adam climbed an apple tree,
He went aloft up to the top, to see what he could see.
He gazed in awe of what he saw, fair made the poor man grieve.
For Patrick John Maloney stood there, whispering to Eve…
CHORUS
`Ah kiss me, love, and miss me, love
And dry your bitter tears.
My loving you`ll remember now
For many, many years.
Be happy love, be satisfied, I left you in the pink(1).
There`s many a man that wants a bride.
Maloney wants a drink.`
II
Salome danced for Paddy, taking off her seven veils.
Salome said “Maloney that’s a trick that never fails.”(2)
Malone put Salome`s own clothing in a sack.(3)
`I`ll run along now to the pawn(4), and bring your bottle(5) back.`
III
From London to Nebraska, and from Glasgow to Hong Kong,
From Cardiff to Alaska, from Peking to Saigon,
Wherever girls are lonely, I know that in his role,
It`s there you`ll find Maloney, a-waiting to console…

NOTE
1) in the pink: il significato di “essere in rosa” è quello di stare bene, in salute, ma anche “su di giri” nel senso euforico di chi ha bevuto qualche drink
2) la frase in altre versioni è detta da Paddy, ma a mio avviso ha più senso se detta da Salomè
3) significa che Paddy fa i bagagli per andarsene; il termine “own” è scritto in vari modi
4) letteralmente ” Seguirò ora il pedone
5) scritto a volte come “bundle

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Quando Eva era nel giardino dell’Eden, Adamo salì su un melo, su fino alla cima, per vedere cosa gli riuscisse di vedere, ma ciò che vide lo impressionò, il pover uomo era proprio afflitto, perchè Patrick John Maloney se ne stava lì, sussurrando a Eva “Ah baciami, amore, ti mancherò, amore, asciuga le tue lacrime tristi. Il mio amore tu ricorderai per molti, molti anni. Sii lieta amore, e contenta, ti ho lasciato in rosa, c’è più di un uomo che desidera una sposa, ma Maloney vuole un drink”. Salomè danzò per Paddy, togliendosi i suoi sette veli e disse “Maloney questo è un trucco che non fallisce mai.” Maloney mise il vestito di Salomè in una sacca”Farò la mia mossa e ti riporterò la bottiglia.” Da Londra al Nebraska e da Glasgow a Hong Kong, da Cardiff all’Alaska, da Pechino a Saigon, ovunque ci siano ragazze sole, stanne certo, lì troverai Maloney, in attesa di consolarle..

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=47622
https://phillipkay.wordpress.com/2011/07/09/freeborn-men/
http://itsthedubliners.com/ref_song_1967_sb.htm

(Cattia Salto maggio 2015)

 

LOOK AT THE COFFIN: AN IRISH WAKE

irish-wakePossiamo considerare tutte le celebrazioni funebri una sorta di rituale per accertarsi che il morto non ritorni più a disturbare i vivi. Un tempo del resto non erano insoliti i casi di morte apparente e la veglia al cadavere era il modo migliore per essere certi dell’avvenuto trapasso.

C’era l’usanza comune in molte tradizioni di lasciare aperta la finestra o la porta della stanza per permettere all’anima di uscire (così le aperture dovevano essere richiuse dopo un paio d’ore in modo da impedirne il ritorno). Per agevolare il transito dell’anima si scioglievano tutti i nodi e si coprivano gli specchi (che potevano intrappolare l’anima nel proprio riflesso). Il cadavere doveva soprattutto essere vegliato: in Irlanda era sistemato su di una tavola in bella vista (nel soggiorno o comunque nella stanza migliore della casa) facendo in modo che un gruppo di visitatori fosse sempre pronto a circondare il cadavere per impedire agli spiriti maligni di avvicinarsi al corpo e prendere l’anima (lasciando però un passaggio libero nella direzione della finestra o della porta precedentemente lasciata aperta).
Il corpo dopo essere stato lavato e vestito con il vestito più bello (spesso coperto da un candido lino) era circondato dalle candele; si adottavano anche particolari accorgimenti: ad esempio mettere un pizzico di sale (antidoto verso il male) sul petto, legare gli alluci dei piedi tra loro (senza fare un nodo ovviamente) per evitare che potesse ritornare come fantasma. Venivano pagate delle prefiche per il lamento funebre (in irlandese “keenning“) che doveva iniziare solo dopo la preparazione della salma per evitare di invocare gli spiriti maligni.
Poteva così avere inizio la veglia vera e propria con cibo (dolci, panini rigorosamente tagliati a forma triangolare), bevute (particolarmente gradito il poteen e l’irish whiskey), fumatine con la pipa, musica e canti, danze e giochi. (vedi)

936-1366859006563
Al momento di andare al cimitero (o alla chiesa per il rito religioso) il cadavere era messo nella cassa da morto con gli oggetti che il defunto aveva con sé al momento della morte o con gli oggetti che aveva più cari per evitare che il suo spirito tornasse per cercarli. Al ritorno dal cimitero si finiva in un pub per trascorrere il resto del giorno per brindare molte e molte volte alla salute del morto!!!

A TRADITIONAL IRISH WAKE

(tratto da qui)
The most anxious thoughts of the Irish peasant through life revert to his death; and he will endure the extreme of poverty in order that he may scrape together the means of obtaining “a fine wake” and a “decent funeral.” He will, indeed, hoard for this purpose, though he will economise for no other; and it is by no means rare to find among a family clothed with rags, and living in entire wretchedness, a few untouched garments laid aside for the day of burial. It is not for himself only that he cares; his continual and engrossing desire is, that his friends may enjoy “full and plenty” at his wake; and however miserable his circumstances, “the neighbors” are sure to have a merry meeting and an abundant treat after he is dead. His first care is, as his end approaches, to obtain the consolations of his religion; his next, to arrange the order of the coming feast. To “die without the priest” is regarded as an awful calamity. We have more than once heard a dying man exclaim in piteous accents, mingled with moans – “Oh, for the Lord’s sake, keep the life in me till the priest comes!” In every serious case of illness the priest is called in without delay, and it is a duty which he never omits; the most urgent business, the most seductive pleasure, the severest weather, the most painful illness, will fail in tempting him to neglect the most solemn and imperative of all his obligations-the preparing a member of his flock to meet his Creator. When the Roman Catholic sacrament of extreme unction has been administered, death has lost its terrors- the sufferer usually dies with calmness, and even cheerfulness. He has still, however, some ef the anxieties of earth; and, unhappily, they are less given to the future destinies of his family, than to the ceremonies and preparations for his approaching wake.
The formalities commence almost immediately after life has ceased;. The corpse is at once laid out, and the wake begins: the priest having been first summoned to say mass for the repose of the departed soul, whicn he generally does in the apartment in which the body reposes! It is regarded by the friends of the deceased as a sacred duty to watch by the corpse until laid in the grave; and only less sacred is the duty of attending it thither.
The ceremonies differ somewhat in various districts, but only in a few minor and unimportant particulars. The body, decently laid out on a table or bed, is covered with white linen, and, not unfrequently, adorned with black ribbons, if an adult; white if the party be unmarried; and flower, if a child. Close by it, or upon it, are plates of tobacco and snuff; aiound it are lighted candles. Usually a quantity of salt is laid upon it also. The women of the household arrange themselves at either side, and the keen (caoinej) at once commences. They rise with one accord, and moving their bodies with a slow motion to and fro, their arms apart, they continue to keep up a heart-rending cry. This cry is interrupted for a while to give the ban cuointhc (the leading keener,) an opportunity of commencing. At the close of every stanza of the dirge, the cry is repeated, to fill up as it were, the pause, and then dropped; the woman then again proceeds with the dirge, and so on to the close. The only interruption which this manner of conducting a wake suffers, is from the entrance of some relative of the deceased, who, living remote, or from some other cause, may not have been in at the commencement. In this case, the ban caointhe ceases, all the women rise and begin the cry, which is continued until the new-cemsr has cried enough. During the pauses of the women’s wailing, the men, seated in groups by the fire, or in the corners of the room, are indulging in jokes, exchanging repartees, and bantering each other, some about their sweethearts, and some about their wives, or talking over the affairs of the day – prices and politics, priests and parsons, the all-engrossing subjects of Irish conversation.
A very accurate idea of an Irish wake may be gathered from a verse of a rude song, It is needless to observe that the merriment is in ill keeping with the solemnity of the death chamber, and that very disgraceful scenes are or rather were, of frequent occurrence; the whiskey being always abundant, and the men and women nothing loath to partake of it to intoxication.

The keener is usually paid for her services-the charge varying from a crown to a pound, according to the circumstances of the employer. The funerals are invariably attended by a numerous concourse; some from affection to the deceased: others, as a tribute of respect to a neighbor; and a large proportion, because time is of small value, and a day unemployed is not looked upon in the light of money lost. No invitations are ever issued. Among the upper classes, females seldom accompany the mourners to the grave; but among the peasantry the women always assemble largely.
The procession, unless the churchyard is very near, (which is seldom the case) consists mostly of equestrians-the women being mounted behind the men on pillions; but there are also a number of cars, of every variety. The wail rises and dies away, at intervals, like the fitful breeze.- On coming to a crossroad it is customary, in some places, for the followers to stop and offer up a prayer for the departed soul; and in passing through a town or village, they always make a circuit round the site of an ancient cross. In former times the scene at a wake was re-enacted with infinitely less decorum in the church-yard; and country funerals were often disgraced by riot and confusion. Itinerant venders of whiskey always mingled among the crowd, and found ready markets for their inflammatory merchandise. Party fights were consequently very common; persons were frequently set to guard the ground where it was expected an obnoxious individual was about to be interred; and it often happened that, after such conflicts, the vanquished party have returned to the grave, disinterred the body, and left it exposed on the highway. The horror against suicide is so great in Ireland, that it is by no means rare to find the body of a wretched man, who has been guilty of the crime, remaining for weeks without interment-parties having been set to watch every neighboring church yard to prevent its being deposited in that which they consider belongs peculiarly to them.
It is well known that if two funerals meet at the same churchyard, a contest immediately takes place to know which will enter first; and happily if, descrying each other at a distance, it is only a contest of speed; for it is often a eontest of strength, terminating in bloodshed and sometimes in Death.

Notes:
Salt has been considered by all nations as an emblem of friendship; and it was anciently offered to guests at an entertainment, as a pledge of welcome. The Irish words ” Caoin” and ” Cointhe” cannot easily be pronounced according to any mode of writing them in English. The best idea that can be given of the pronunciation, is to say that the word has a sound between that ol the English words ” Keen” and Queen.”
The wake lasted two to four days.

May17_12d

AIN’T IT GRAND TO BE BLOOMING WELL DEAD

E’ una canzone del music-hall inglese, cavallo di battaglia di Leslie Sarony grande performer tra il 1880 e il 1930. La canzone si sviluppa in due parti (parole e melodia di Leslie Sarony). Si ironizza dicendo che un bel funerale è una gioia per il morto

ASCOLTA Leslie Sarony 1932

Parte prima
I
Lately there’s nothing but trouble, grief and strife
There’s not much attraction about this bloomin’ life
Last night I dreamt I was bloomin’ well dead
As I went to the funeral, I bloomin’ well said:
Look at the flowers, bloomin’ great orchids
Ain’t it grand, to be bloomin’ well dead!
And look at the corfin, bloomin’ great ‘andles
Ain’t it grand, to be bloomin’ well dead
II
I was so ‘appy to think that I’d popped off
I said to a bloke with a nasty, ‘acking cough
Look at the black ‘earse, bloomin’ great ‘orses
Ain’t it grand, to be bloomin’ well dead!
Look at the bearers, all in their frock coats
Ain’t it grand, to be bloomin’ well dead!
And look at their top ‘ats, polished with Guiness
Ain’t it grand, to be bloomin’ well dead!
III
Some people there were praying for me soul
I said, ‘It’s the first time I’ve been off the dole’
Look at the mourners, bloomin’ well sozzled(1)
Ain’t it grand, to be bloomin’ well dead!Look at the children, bloomin’ excited
Ain’t it grand, to be bloomin’ well dead!
Look at the neighbours, bloomin’ delighted
Ain’t it grand, to be bloomin’ well dead!
IV
‘Spend the insurance’, I murmered, ‘for alack
‘You know I shan’t be with you going back.’
Look at the Missus, bloomin’ well laughing
Ain’t it grand, to be bloomin’ well dead!Look at me Sister, bloomin new ‘at on
Ain’t it grand, to be bloomin’ well dead!
And look at me Brother, bloomin’ cigar on
Ain’t it grand, to be bloomin’ well dead!
V
We come from clay and we all go back they say
Don’t ‘eave a brick it may be your Aunty May(2)
Look at me Grandma, bloomin’ great haybag(3)
Ain’t it grand, to be bloomin’ well dead!
Parte Seconda
OTHER VOICES: Where oh where has our Leslie gone?
Oh where oh where can he be?
He promised to be on the other side.
Ha-ha, ho-ho, hee-hee!LESLIE: I’ve got me eye on ya! You’re the blokes that told me to learn to play the bloomin’ ‘arp.
I ‘aven’t played a bloomin’ note since I’ve been ‘ere.
Look at the florists countin’ their profits.
Ain’t it grand to be bloomin’ well dead!
Look at the lawyers readin’ the will out.
Ain’t it grand to be bloomin’ well dead!

Taxes an’ rent I’ll ‘ave no need to pay.
I’ve dodged ‘em by bloomin’ well snuffin’ it. Hooray!
Look at the landlord, bloomin’ ol’ shylock!
Ain’t it grand to be bloomin’ well dead!
Look at the bulldog (arf!) bloomin’ well barkin’.
Ain’t it grand to be bloomin’ well dead!
Look at the tomcat (meow!) bloomin’ well flirtin’.
Ain’t it grand to be bloomin’ well dead!
People said ‘e was so good to the poor.
I said as I thought what they called me before:
Look at the sexton. Bloomin’ great shovel!
Ain’t it grand to be bloomin’ well dead!

Look at me schoolmates bloomin’ well gigglin’!
Ain’t it grand to be bloomin’ well dead!
Look at the earthworms bloomin’ well wrigglin’!
Ain’t it grand to be bloomin’ well dead!
All my old Chinas(4) I saw them standin’ round.
I said as they slowly lowered me in the ground:
Look at the tombstones, granite with knobs on.
Ain’t it grand to be bloomin’ well dead!

Now it’s all over. Look at them scarpering.
Ain’t it grand to be bloomin’ well dead!
Look at the weather bloomin’ well raining.
Ain’t it grand to be bloomin’ well dead!
Then I awoke with a really shocking start.
I found me in bed with the missus of me ‘eart.
I got the milk in. Baby was screaming.
Ain’t it grand to be bloomin’ well dead!

NOTE
1)”sozzled” — intoxicated, pickled, plastered, soused, canned, loaded, etc.
2) anche scritto ” Don’t aim a brick” mi sfugge il senso della frase
3) “hay-bag” — a mess, noisy or riotous
4) Chinas = China plates = mates

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
parte prima Ultimamente non ci sono che disordini, dolore e lotta e non c’è niente di interessante in questa fottuta vita, la notte scorsa ho sognato che ero belle morto e mentre andavo al funerale dicevo “guarda i fiori, fottute grosse orchidee, non è forte essere morti stecchiti! Guardate la bara, belle maniglie, non è forte essere morti stecchiti! Ero così felice di essere spuntato fuori che dissi a un tizio con una brutta tosse secca: guarda il carro funebre, che bei cavalli; guarda ai portatori tutti nella loro redingote, guarda i loro cilindri puliti con la Guiness. Alcuni stavano pregando per la mia anima dissi “E’ la prima volta che sono senza il sussidio di disoccupazione” Guarda alle prefiche tutte esaltate, guarda i bambini tutti eccitati, guarda i vicini così felici. “Spendi l’assicurazione – mormorai ahimè lo sai che non potrò ritornare indietro” Guardate la moglie come se la ride, guardami sorella che bel nuovo cappellino guardami fratello che bel sigaro. Veniamo dalla terra e ci ritorneremo tutti dicono, non puntare al mattone potrebbe essere la zia May(2), guardami nonna che gran confusione, non è forte essere morti stecchiti!
parte seconda “Dov’è andato il nostro Leslie? oh dove potrebbe essere? Ha promesso di essere dall’alta parte!” Vi vedo, siete i tizi che mi dicevate di imparare a suonare la fottuta arpa. Non ho suonato una sola nota da quando sono stato qui! Guarda i fiorai che contano i loro guadagni, e gli avvocati che leggono le ultime volontà. Tasse e affitto non devo pagare, li ho schivati morendo, evviva! Guarda il padrone di casa, vecchio ciarpame. Guarda il bulldog che bell’abbaio, guarda il gatto che bel trastullo.  La gente diceva era così buono con i poveri, io dicevo mentre pensavo a come mi chiamavano prima: Guarda che sagrestano che grande pala. Guarda i miei compagni di scuola come ridacchiano bene, guarda i lombrichi come si divincolano bene; tutti i miei vecchi compagni li vidi starmi intorno: guarda le lapidi granito coni pomelli. Ora è tutto finito guardali come se la svignano, guarda il tempo che bella pioggia. Poi mi svegliai di soprassalto e mi trovai nel letto con la moglie sul cuore. Ho preso il latte il bambino urlava, non è forte essere morti stecchiti!

LA VERSIONE IRLANDESE: LOOK AT THE COFFIN

E’ l’adattamento irlandese della canzone resa popolare da Leslie Sarony al tempo del music hall
ASCOLTA The Clancy Brothers & Tommy Makem
ASCOLTA Troy Bennett

Look at the coffin, with golden handles
Isn’t it grand, boys, to be bloody-well dead?

CHORUS
Let’s not have a sniffle, let’s have a bloody-good cry
And always remember: The longer you live
The sooner you’ll bloody-well die

Look at the flowers, all bloody withered
Isn’t it grand, boys, to be bloody-well dead?

Look at the mourners, bloody-great hypocrites
Isn’t it grand, boys, to be bloody-well dead?

Look at the preacher, a bloody-nice fellow
Isn’t it grand, boys, to be bloody-well dead?

Look at the widow, bloody-great female
Isn’t it grand, boys, to be bloody-well dead?

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Guardate la bara, con le maniglie dorate, non è forte, ragazzi essere morti stecchiti? CORO: Cerchiamo di non prendere il raffreddore, cacciamo un bell’urlo e sempre ricordate: più a lungo si vive, più presto si morirà Guardate i fiori, tutti appassiti, non è forte, ragazzi essere morti stecchiti? Guardate alle prefiche, grandi ipocrite, non è forte, ragazzi essere morti stecchiti? Guardate il prete, un collega grazioso, non è forte, ragazzi essere morti stecchiti? Guardate la vedova, un bel pezzo di femmina, non è forte, ragazzi essere morti stecchiti?

FONTI
https://mysendoff.com/wp-content/uploads/2013/03/irish_wake_infographic.png http://www.maggieblanck.com/Mayopages/Customs.html http://www.johnderbyshire.com/Readings/aintitgrand.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=62586

WHERE THE BLARNEY ROSES GROW

b-384553-antique_roses_posters (2)“Le rose di Blarney” è una canzone tradizionale irlandese che parla di una bella ragazza che ha sedotto il protagonista lasciandolo con il cuore infranto e senza soldi!
La canzone è tipica del music hall ed è stata attribuita a A. Melville su un’aria tradizionale (Folksongs & Ballads Popular in Ireland, Volume 4″) forse tale Alexander Melville di Glasgow emigrato in America e morto nel 1929; egli scrisse molte canzoni con e per lo scozzese Henry “Harry” Lauder (1870-1950), famoso cantante e attore che calcò le scene del vaudeville americano e del music hall inglese.
La prima registrazione risale al 1926 ed è interpretata dal tenore irlandese George O’Brien. Nella “Dahr” Discography of American Historical Recordings troviamo accreditati Alex Melville (lyricist) e D. Frame Flint (arranger) così la canzone di certo era tipica dei repertori dei musical halls ed è diventata ben presto per il suo tema semi-serio e la sua aria scanzonata, una canzone tradizionale irlandese da cantare nei pubs.

ASCOLTA The Willoughby Brothers in ‘The Promise’ 2011 (i sei fratelli della contea Wicklow in un video molto patinato pieno di testosterone oserei dire sciccoso!)

ASCOLTA Noel McLoughin in “Noel Mcloughlin: Ireland” 2008

ASCOLTA Fine Crowd in “Newfoundland drinking songs” 2005


CHORUS
Can anybody tell me where the blarney roses(1) grow?
Some say down in Limerick Town and more say in Mayo;
Somewhere in the Emerald Isle of this I’d like to know,
Can anybody tell me where the blarney roses grow?
I
‘Twas over in old Ireland near the town of Cushendall(2),
One morn I met a damsel there, the fairest of them all;
‘Twas by me own affections and me money she did go,
She told me she belonged to where the blarney roses grow.
II
Her cheeks were like the roses and her hair a raven hue,
Before that she had done with me, she had me raving, too;
She left me sorely stranded, not a coin she left, you know,
And she told me she belonged to where the blarney roses grow.
III
They’ve roses in Killarney and the same in County Clare,
But ‘pon my word those roses, boys, you can’t see anywhere;
She blarney’d(3) me and, by the powers, she left me broke, you know,
Did this damsel that belonged to where the blarney roses grow.
IV
A-cushla gra mo chroi(4), me boys, she wants to leave with I,
If you belong to Ireland then yourself belongs to me;
Her Donegal come-all-ye brogue, it captured me, you know,
Bad luck to her, good luck(5) to where the blarney roses grow.
Traduzione di Cattia Salto
CORO
Qualcuno può dirmi dove crescono le rose Blarney(1)?
Alcuni dicono giù nella città di Limerick e altri dicono a Mayo;
da qualche parte nell’Isola di Smeraldo, e questo che vorrei sapere,
qualcuno può dirmi dove crescono le rose Blarney?
I
Fu nella vecchia Irlanda, vicino alla città di Cushendall(2)
che una mattina incontrai una donzella, la più bella del reame;
si è presa il mio affetto e i miei soldi,
e mi ha detto che era di dove le rose Blarney crescono
II
Le sue guance erano come le rose e i capelli erano corvini,
prima che avesse finito con me, mi aveva mandato fuori di testa;
e dolorosamente mi ha piantato in asso, non una moneta mi ha lasciato, sai, e mi ha detto che era di dove le rose Blarney crescono
III
Ci sono rose a Killarney e anche nella Contea di Clare,
ma in fede mia quelle rose, ragazzi, non si trovano da tutte le parti;
mi ha intontito con le chiacchiere(3) e per Dio, lei mi ha lasciato al verde, sai
(così) ha fatto questa fanciulla che era di dove le rose Blarney crescono
IV
A-chusla gra mo Chroi(4), ragazzi, lei vuole lasciarmi,
se fai parte dell’Irlanda, allora tu mi appartieni;
il suo accento del Donegal mi ha catturato, sai,
sfortuna per lei, buona sorte(5) al luogo in cui le rose Blarney crescono

NOTE
1) Non esiste una varietà botanica di rose detta Blarney, la frase richiama un’altrettanto famosa canzone del circo “The garden where the praties grow” (vedi)
2) Cushendall è un villaggio nella contea di Antrim (Irlanda del Nord) in una baia ai piedi delle Glens of Antrim: sulla Antrim Coast Road il tratto che va da Cushendun a Torr Head è uno dei più suggestivi panorami della costa irlandese (muretti a secco, ginestre, greggi di pecore e ovviamente scogliere) nelle giornate limpide si riesce a vedere la costa scozzeze che dista solo 20 km. Le valli sono ben nove e Cushendall si trova tra Glenballyemon (rinomata per le sue cascate), Glenaan (dove si trova la tomba di Ossian un sito megalitico leggendario) e Glencorp (il nome significa valle dei morti ma i suoi paesaggi sono meravigliosi, in genere si consiglia di seguire la Ballybrack che passa lungo le montagne di Trostan e Lurig poi sulla collina delle fate di Tieverah e infine scendendo ripidamente a Cushendall). Ma ciascuna delle nove valli ha un fascino particolare e vanta le sue tradizioni e leggende.
3) Blarney è una cittadina irlandese nella contea di Cork, famosa per il suo castello o meglio per una magica pietra nelle mura del castello che la leggenda vuole doni l’eloquenza a chi la baci, così il verbo blarney indica una parlantina sciolta, ma anche ingannevole
4) la frase  significa”My darling, love of my heart” è tipica della canzone del music hall infarcire le strofe con almeno una citazione in gaelico
5) in altre versioni l’espressione è più cruda!

IN VIAGGIO
Cushendall è situata in una baia sabbiosa ai piedi di tre delle nove Glens of Antrim, ovvero Glenballyemon, Glenaan e Glencorp, e per questo motivo è conosciuta come “The Capital of the Glens”. Si tratta di un grazioso villaggio formato da una serie di casette colorate raggruppate su una splendida spiaggia continua

FONTI
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/03/blarney.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=5387
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=13513
http://www.irishgaelictranslator.com/translation/topic97551.html
http://adp.library.ucsb.edu/index.php/matrix/detail/800011039/BVE-36792-The_blarney_roses
http://www.irlandando.it/cosa-vedere/nord/contea-di-antrim/glens-of-antrim/
http://www.minube.it/posto-preferito/glenariff-forest-park-a117111

THE IRISH ROVER: A COMIC DRINKING SONG

“The Irish Rover” oltre ad essere il nome di una famosa band di musica irlandese è anche la comica narrazione di un disastro in mare: un magnifico quanto improbabile vascello in viaggio da Cork (Irlanda) alle Americhe è distrutto da una serie di sfortunati accidenti che riducono l’equipaggio a un solo superstite (in verità gli utlimi rimasti erano due: il marinaio che racconta la storia e il cane del capitano che resiste tenacemente a tutte le sventure, per poi perire in ultimo, alla vista della costa, in un naufragio). Il marinaio essendo rimasto l’unico testimone ne spara delle grosse visto che nessuno lo può smentire: a cominciare dalle gigantesche dimensioni della nave con la bellezza di 27 alberi! Il carico poi è del tutto assurdo e la quantità di animali caricati ancora più folle! L’unica descrizione realistica probabilmente è quella dell’equipaggio.

aa8fa4c8ef9c450aa42f1559cf008760

Il testo è stato attribuito a Joseph Crofts (JM Crofts) un compositore / arrangiatore americano, tuttavia il brano è considerato un tradizionale ottocentesco: ha il sapore di una music hall song (vedi) presumibilmente un tradizionale di genere marinaresco che è stato rielaborato in canzone comica.
Dalle prime registrazioni degli anni 60 di Dominic Behan, Clancy Brothers (i quali hanno rivendicato il copyright) e i Dubliners la canzone è famosa in Irlanda e America immancabile drinking song negli irish pubs: del brano esistono diverse verioni testuali, alcune anche con il ritornello

chorus
So fare thee well, my own true love,
I’m going far from you,
And I will swear by the stars above
Forever I’ll be true to you,
Tho’ as I part, it breaks my heart,
Yet when the trip is over
I’ll come back again in true Irish style
Aboard the Irish Rover.

(The Irish Rover A Selection of Irish Songs and Ballads
Dublino: Walton’s Musical Instrument Galleries, 1966)

ASCOLTA The Dubliners
ASCOLTA The High Kings (strofe I, IV, II, V)
I
On the fourth of July eighteen hundred and six(1)
We set sail from the sweet cove of Cork(2)
We were sailing away with a cargo of bricks
For the grand city hall in New York
‘Twas a wonderful craft(3), she was rigged fore-and-aft
And oh, how the wild winds drove her.
She’d got several blasts, she’d twenty-seven masts (4)
And we called her the Irish Rover.
II (5)
We had one million bales of the best Sligo rags
We had two million barrels of stones
We had three million sides of old blind horses hides,
We had four million barrels of bones.
We had five million hogs, we had six million dogs,
Seven million barrels of porter.
We had eight million bails of old nanny goats’ tails,
In the hold of the Irish Rover.
III
There was awl Mickey Coote who played hard on his flute
When the ladies lined up for his set
He was tootin’ with skill for each sparkling quadrille
Though the dancers were fluther’d and bet
With his sparse witty talk he was cock of the walk
As he rolled the dames under and over
They all knew at a glance when he took up his stance
And he sailed in the Irish Rover
IV
There was Barney McGee from the banks of the Lee,
There was Hogan from County Tyrone
There was Jimmy McGurk who was scarred (scared) stiff of work
And a man(6) from Westmeath called Malone
There was Slugger O’Toole who was drunk as a rule
And fighting Bill Tracey (Tracy) from Dover
And your man Mick McCann from the banks of the Bann
Was the skipper of the Irish Rover
V
We had sailed seven years when the measles(7) broke out
And the ship lost it’s way in a fog.
And that whole of the crew was reduced down to two,
Just meself and the captain’s old dog.
Then the ship struck a rock, oh Lord what a shock
The bulkhead was turned right over(8)
Turned nine times around, and the poor dog was drowned
I’m the last of the Irish Rover

TRADUZIONE ITALIANO DI MARCO ZAMPETTI
I
nell’anno del signore 1806(1)
salpammo dalla dolce baia di Cork
prendemmo il mare con un carico di mattoni
per il grande municipio di New York.
era una bellissima nave
equipaggiata di tutto punto
e come prendeva il vento!
aveva resistito alle peggiori tempeste
aveva 27 alberi
e si chiamava Irish Rover
II
caricammo un milione di sacchi dei migliori stracci di Sligo
e due milioni di barili di pietre,
tre milioni di vecchi paraocchi da cavallo
e quattro milioni di barili di ossa,
cinque milioni di cani,
di maiali sei milioni
e sette milioni di barili di porter,
ed avevamo otto milioni di balle di code di capra
nella stiva della Irish Rover
III
c’era Barney McGee dalle rive del Lee
c’era Hogan dalla contea di Tyrone
c’era Johnny McGurk, paralizzato dal terrore di lavorare,
ed un uomo da Westmeath chiamato Malone,
c’era Slugger O’Toole che di norma era ubriaco
e si menava con Bill Tracy di Dover,
ed il vostro uomo, Mick McCann,
dalle rive del Bann, era il comandante della Irish Rover
IV
c’era Mickey “punteruolo” Coote
che suonava il flauto alla grande
e le signore si mettevano in fila per una danza,
suonava con una grande abilita’
ognuna delle vivaci quadriglie
tanto che le danze erano tutte prenotate.
con la sua parlantina spiritosa
era il gallo del pollaio
e si rigirava le signore come voleva,
tutte sapevano alla prima occhiata,
quando cominciava a darsi delle arie,
che aveva navigato sulla Irish Rover
V
navigammo sette anni
quando fummo appestati dal morbillo
e la nave perse la rotta nella nebbia,
e quell’equipaggio gigantesco
fu ridotto a due soltanto
io e il vecchio cane del capitano.
poi la nave urto’ uno scoglio,
oddio! che paura!
e lo scafo si rivolto’ al contrario,
giro’ nove volte su se stesso
e il povero cane affogo’
io sono l’ultimo della Irish Rover

NOTE
1) la traduzione in italiano si riferisce al verso di Tommy Makem “In the year of our Lord, eighteen hundred and six” qui il verso dice “il quattro di luglio del 1806”
2) High Kins dicono “coal quay of Cork
3) High Kins dicono “We had an elegant craft
4) High Kins invertono l’orgine delle frasi
5) High Kins le sparano ancora più grosse
“We had five million bags of the best Sligo rags
We had six million barrels of stones
We had seven million bales of old nanny goats tails
We had eight million barrels of bones
We had nine million hogs
ten million dogs
eleven million barrels of porter
We had twelve million sides of old blind horses hides’
In the hold of the Irish Rover”
6) High Kins dicono “chap”
7) Il morbillo è in realtà una corruzione di “mizzens” cioè mezzane, che si riferisce al terzo e più piccolo albero sulle navi a vela. Entrambe le parole morbillo e mezzane sono ormai comunemente utilizzati
8) High Kins dicono “The boat she turned right over
9) una strofa spesso censurata
“For a sailor it’s always a bother in life
It’s so lonesome by night and day
That he longs for the shore
And a charming young whore
Who will melt all his troubles away
Oh, the noise and the rout
Swillin’ poitin and stout
For him soon the torment’s over
Of the love of a maid
He is never afraid
An old salt from the Irish Rover”

(traduzione italiano)
be’ la vita del marinaio e’ una bella seccatura
si sta’ cosi’ soli giorno e notte,
uno ha nostalgia della costa
e di quella bella puttana
che puo’ sciogliere tutti i tuoi dolori.
Ah, il rumore e il frastuono,
la sbobba il rancio e la broda,
ma presto il tormento dovra’ finire ..
dell’amore di una donna
non ha mai paura
il vecchio lupo di mare della Irish Rover

LA DANZA: IRISH ROVER

La melodia è una scottish country dance molto popolare
VIDEO

FONTI
http://thesession.org/discussions/11798
http://www.scottish-country-dancing-dictionary.com/video/irish-rover.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=14865

RATTLIN’ BOG: THE EVERLASTING CIRCLE

Come il gioco della campana conosciuto dai bambini di tutti i continenti, anche la “canzone del ciclo eterno” è una goccia di antica sapienza sopravvissuta ai nostri giorni: oltre che gioco mnemonico è anche scioglilingua che diventa sempre più difficile articolare all’aumentare della velocità.

Alcuni dicono sia irlandese, altri che sia una melodia irlandese su di un testo scozzese, (o viceversa), altri ancora dicono che sia del Sud dell’Inghilterra o del Galles, o di origini bretoni, ma la canzoncina è talmente popolare che a nessuno importa discutere sulla paternità delle origini. Più probabilmente è una filastrocca collettiva e archetipa di quelle che si ritrovano nei vari paesi europei, proveniente da una antichissima preghiera-canto, di quelle che si praticavano nelle celebrazioni rituali primaverili, ovvero quanto è sopravvissuto dell’insegnamento antico, per metafore, del ciclo vita-morte-vita.

albero celtaL’ALBERO COSMICO

Non si può non pensare all’albero cosmico come simbolo universale, ossia il punto di inizio assoluto della vita. Nel linguaggio simbolico, questo punto è l’ombelico del mondo, inizio e fine di tutte le cose, ma viene spesso immaginato come un asse verticale che, situato al centro dell’universo, attraversa il cielo, la terra e il mondo sotterraneo.

Come sintetizza con chiarezza Greta Fogliani nel suo “Alle radici dell’Albero cosmico” “Di per sé, l’albero non è propriamente un motivo cosmologico, perché è innanzi tutto un elemento naturale che, per i suoi attributi, ha assunto una funzione simbolica. L’albero, in quanto tale, si rigenera sempre con il passare delle stagioni: perde le foglie, secca, sembra morire, ma poi ogni volta rinasce e recupera il suo splendore.
Per queste sue caratteristiche, esso diventa non solo un elemento sacro, ma addirittura un microcosmo, perché nel suo processo di evoluzione rappresenta e ripete la creazione dell’universo. Inoltre, proprio per la sua estensione sia verso il basso sia verso l’alto, questo elemento ha finito inevitabilmente per assumere una valenza cosmologica, andando a costituire il perno dell’universo che attraversa cielo, terra e oltretomba e che funge da collegamento tra le zone cosmiche.”

GUIDA ALL’ASCOLTO
Dalle molteplici declinazioni pur mantenendo la stessa struttura, le melodie variano a seconda della provenienza, una polka in Irlanda, una strathspey in Scozia e una morris dance in Inghilterra.. Gli irlandesi non potevano non trasformarla in una drinking song come gioco-pretesto per abbondanti bevute (chi sbaglia beve).
Insomma paese che vai verso che trovi, ognuno ci ha aggiunto del suo.

RATTLIN’ BOG

MELODIA “STANDARD”: è quella irlandese che è una polka più o meno veloce, l’ho chiamata così perchè è quella che va per la maggiore, almeno per quanto riguarda le registrazioni che si trovano su You Tube.

ASCOLTA The Corries (molto comunicativi con il pubblico)
ASCOLTA Irish Descendants

ASCOLTA The Fenians
ASCOLTA Rula Bula sempre più demenziale


CHORUS
Oh ho the rattlin'(1) bog,
the bog down in the valley-o;
Rare bog, the rattlin’ bog,
the bog down in the valley-o.
I
Well, in the bog there was a hole,
a rare hole, a rattlin’ hole,
Hole in the bog, and the bog
down in the valley-o.
II
Well, in the hole there was a tree(2),
a rare tree, a rattlin’ tree,
Tree in the hole, and the hole in the bog,
and the bog down in the valley-o.
III
On the tree … a branch,
On that branch… a twig (3)
On that twig… a nest
In that nest… an egg
In that egg… a bird
On that bird… a feather
On that feather… a worm!(4)
On the worm … a hair
On the hair … a louse
On the louse … a tick
On the tick … a rash
 

TRADUZIONE ITALIANO
Oh la buona palude,
la palude giù nella valle
preziosa palude, la buona palude,
la palude giù nella valle
STROFE
Nella palude c’è un buco
nel buco c’è un albero
sull’albero c’è un ramo
sul ramo un rametto
sul rametto un uovo
nell’uovo un uccello
sull’uccello una piuma
sulla piuma un verme
sul verme un capello
sul capello un pidocchio
sul pidocchio una zecca
sulla zecca un eczema

 

NOTE
1) rattling si traduce genericamente come “fine” cioè “molto buono/bello”
2) qui hanno saltato il seme.
3) gli Irish Descendants dicono “limb”
4) nella versione che circola a Dublino (anche se non unica, ad esempio si trova anche in Cornovaglia) diventa a
flea

MAYPOLE SONG

ASCOLTA Paul Giovanni dal film Wicker Man

In the woods there grew a tree
And a fine fine tree was he
And on that tree there was a limb
And on that limb there was a branch
And on that branch there was a nest
And in that nest there was an egg
And in that egg there was a bird
And from that bird a feather came
And of that feather was
A bed
And on that bed there was a girl
And on that girl there was a man
And from that man there was a seed
And from that seed there was a boy
And from that boy there was a man
And for that man there was a grave
From that grave there grew
A tree
In the Summerisle(1),
Summerisle, Summerisle, Summerisle wood
Summerisle wood.

NOTE
1) Summerisle è l’isola immaginaria dove si svolge il film

PREN AR Y BRYN

La versione gallese ha due percorsi associativi che hanno come centro l’albero, viene da pensare all’albero cosmico, l’albero della vita: l’albero che sta sulla collina che è nella valle accanto al mare. Così dice il refrain, mentre la seconda catena parte dall’albero e va al ramo, al nido, all’uovo, all’uccello alle piume, e al letto. E qui si ferma a volte aggiungendo una pulce per poi ritornare indietro all’albero.

Le versioni meno fanciullesche della canzone una volta arrivate al letto proseguono con considerazioni molto più carnali (la donna e l’uomo e poi il bambino che cresce e diventa adulto e dal braccio alla sua mano pianta il seme, dal quale cresce l’albero). Ancora viene in mente un modo divertente per insegnare le parole delle cose ai bambini, sempre però trasmettendo il messaggio che tutto è interconnesso e noi facciamo parte del tutto.

ASCOLTA cantata da un bambino gallese

ASCOLTA Dafydd Iwan/Edward in Cwm-Rhyd-Y-Rhosyn 2 (2010) su Spotify per ascoltarla tutta
1. Ar y bryn roedd pren, o bren braf
Y pren ar y bryn a’r bryn ar y ddaear a’r ddaear ar ddim
Ffeind a braf oedd y bryn lle tyfai y pren
.
2. Ar y pren daeth cainc, o gainc braf
Y gainc ar y orn a’r pren ar y bryn a’r bryn ar y ddaear a’r …..
3. Ar y gainc daeth nyth…
4. Yn y nyth daeth wy…
5. Yn yr wy daeth cyw…
6. Ar y cyw daeth plu…
7. O’r plu daeth gwely…
8. I’r gwely daeth chwannen…

TRADUZIONE INGLESE
1, What a grand old tree, Oh fine tree.
The tree on the hill, the hill in the valley, The valley by the sea.
Fine and fair was the hill where the old tree grew.
2, From the tree came a bough, Oh fine bough !
3, On the bough came a nest, Oh fine nest !
4, From the nest came an egg, Oh fine egg !
5, From the egg came a bird, Oh fine bird !
6, On the bird came feathers, Oh fone feathers !
7, From the feathers came a bed, Oh fine bed !
8, From the bed came a flea

The flea from the bed,
The bed from the feathers,
the feathers on the bird,
The bird from the egg,
The egg from the nest,
The nest on the bough,
The bough on the tree,
The tree on the hill,
the hill in the valley,
And the valley by the sea.
Fine and fair was the hill where the old tree grew.

IN MES’ AL PRÀ

E’ la versione regionale italiana collezionata anche da Alan Lomax nel suo giro per l’Italia nel 1954. Di origine italiane Lomax era il nome dei Lomazzi emigrati in America nell’Ottocento.
Nel luglio del 1954 Alan arriva in Italia con l’intento di fissare su nastro magnetico la straordinaria varietà delle musiche della tradizione popolare italiana. Un viaggio di scoperta, dal nord al sud della penisola, a fianco del grande collega italiano Diego Carpitella che ha prodotto oltre duemila registrazioni in circa sei mesi di lavoro sul campo..

240px-Amselnest_lokilechIn questa versione dall’albero si passa man mano ai rami al nido e all’uovo e quindi all’uccellino. Il contesto è fresco, molto primaverile e pasquale.. per spiegare l’origine della vita e rispondere alle prime curiosità dei bambini sul sesso..

Un video trovato in rete proveniente dalla tradizione lombardo-emiliana.


In mes al prà induina cusa ghʼera
In mes al prà induina cusa ghʼera
ghʼera lʼalbero, lʼalbero in   mes al prà,
il prà intorno a lʼalbero
e lʼalbero piantato in mes al prà
A tac a lʼalbero induina cusa ghʼera,
A tac a lʼalbero induina cusa ghʼera,
ghʼera i broc(1),   i broc a tac a lʼalbero
e lʼalbero   piantato in mes al prà
A tac ai broc induina cusa ghʼera,
a tac ai broc induina cusa ghʼera,
ghʼera i ram, i ram a tac ai broc,
i broc a tac a lʼalbero e lʼalbero piantato in mes al prà.
A tac ai ram induina cusa ghʼera,
a tac ai ram induina cusa ghʼera,
ghʼera le   foie, le foie a tac ai ram,
i ram a tac ai broc, i broc a tac a lʼalbero e lʼalbero   piantato in mes al prà.
In mes a le foie induina cusa ghʼera,
in mes a le foie induina cusa ghʼera,
ghʼeraʼl gnal, il   gnal in mes a le foie,
le foie a tac ai ram, i ram a tac ai broc,
i broc a tac a lʼalbero e lʼalbero   piantato in mes al prà.
Dentrʼindal gnal induina cusa ghʼera,
dentrʼindal gnal induina cusa ghʼera,
ghʼera gli   uvin, gli uvin dentrʼindal gnal,
il gnal in mes a le foie, le foie a tac ai ram,
i ram a tac ai broc, i broc a tac a lʼalbero e lʼalbero   piantato in mes al prà.
Dentrʼagli uvin induina cusa ghʼera,
dentrʼagli uvin induina cusa ghʼera,
ghʼera gli   uslin, gli uslin dentrʼagli uvin,
gli uvin dentrʼindal gnal,   il gnal in mes a le foie,
e foie a tac ai ram,
i ram a tac ai broc, i broc a tac a lʼalbero e lʼalbero piantato   in mes al prà.

TRADUZIONE ITALIANO
In mezzo al prato indovina cosa c
ʼera
c
ʼera lʼalbero, lʼalbero in mezzo al prato,
il prato intorno all
ʼalbero
e l
ʼalbero piantato in mezzo al prato.
Attaccato allʼalbero indovina cosa cʼera
cʼerano i brocchi, (1)
i brocchi attaccati allʼalbero
Attaccato ai brocchi indovina cosa c’era,
cʼerano i rami, i rami attaccati ai  brocchi,
i brocchi attaccati allʼalbero
Attaccato ai rami indovina cosa cʼera
cʼerano le foglie, le foglie attaccate ai rami, i rami attaccati ai brocchi,
i brocchi attaccati allʼalbero
In mezzo alle foglie indovina cosa cʼera
cʼera il nido, il nido in mezzo alle  foglie,
le foglie attaccate ai rami, i rami attaccati ai brocchi, i brocchi attaccati allʼalbero
Dentro al nido indovina cosa cʼera,
cʼerano gli ovetti, gli ovetti dentro al nido,
il nido in mezzo alle foglie, le foglie attaccate ai rami, i rami attaccati ai brocchi, i brocchi attaccati allʼalbero
Dentro agli ovetti indovina cosa cʼera
cʼerano gli uccellini, gli uccellini dentro agli ovetti, gli ovetti dentro a nido,
il nido in mezzo alle foglie,
le foglie attaccate ai rami,
i rami attaccati ai brocchi,
i brocchi attaccati allʼalbero
e lʼalbero piantato in mezzo al prato
 

NOTE
1) è l’equivalente italiano del branch inglese: anche se in disuso il termine italiano “brocco” indica un ramo irto di spine e quindi per estensione un troncone di ramo, insomma i grossi rami che si dipartono dal tronco centrale dell’albero!

THE GREEN GRASS GROWS ALL AROUND

Ovvero “The tree in the wood”, c’è un che di grembo, di riposo tombale in quel “e l’erba verde cresce tutt’intorno” ..

ASCOLTA Luis Jordan

ASCOLTA una versione per bambini

There was a tree
All in the woods
The prettiest tree
That you ever did see
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And on that tree
There was a branch
The prettiest branch
That you ever did see
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And on that branch
There was a nest
The prettiest nest
That you ever did see
And the nest on the branch
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And in that nest
There was an egg
The prettiest egg
That you ever did see
And the egg in the nest
And the nest on the branch
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And in that egg
There was a bird
The prettiest bird
That you ever did see
And the bird in the egg
And the egg in the nest
And the nest on the branch
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And on that bird
There was a wing
The prettiest wing
That you ever did see
And the wing on the bird
And the bird in the egg
And the egg in the nest
And the nest on the branch
And the branch on the tree
And the tree in the ground
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around.
And the green grass grows all around, all around
The green grass grows all around!

FONTI
http://www.instoria.it/home/albero_cosmico.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/27/bog.htm
http://thesession.org/tunes/583
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/610.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=57991
http://www.anpi.it/media/uploads/patria/2009/2/39-40_LEO_SETTIMELLI.pdf

O’REILLY’S DAUGHTER

ATTENZIONE IL CONTENUTO POTREBBE RISULTARE OFFENSIVO

Henry_Singleton_The_Ale-House_Door_c__1790“Riley’s Daughter” e “O’Reilly’s Daughter” ma anche ”The One Eyed Reilly” è una canzoncina irlandese oscena (o ricca di doppi sensi) forse di origini settecentesche in cui il protagonista ottiene i favori di una bella fanciulla, la figlia di O’Reilly il guercio, proprietario di una locanda/birreria.
Nella versione pulita il protagonista adocchia la bella locandiera e gli punge vaghezza di farsela, accasandosi con lei in un matrimonio non proprio regolare. La loro unione è da considerarsi piuttosto una “fuitina”  in cui i due si sono scambiati la promessa di matrimonio in forma privata e lo hanno consumato. Questi “matrimoni d’amore” divennero illegali in Inghilterra con il Marriage Act del 1753 che impediva ai giovani minorenni (al tempo di età inferiore ai 21 anni) di sposarsi senza il consenso delle famiglie.

La donna era però disonorata e ben per questo i due si attirano l’ira di O’Reilly.  Molto popolare tra i soldati americani durante la seconda guerra mondiale (nella sua versione oscena) la canzone fu diffusa nella scena folk dai Clancy Brothers. La canzone è spesso presente nel repertorio delle celtic-rock bands ma è anche (per quella benda rossa sull’occhio) una pirate song!

ASCOLTA The Clancy Brothers & Tommy Makem La versione è ovviamente quella ripulita quasi una filastrocca per bambini


I
As I was sitting by the fire
Eating spuds and drinking porter(1)
Suddenly a thought came into my mind
I’d like to marry old Reilly’s daughter.
CHORUS:
Giddy eye ay, giddy eye ay,
giddy eye ay for the one eyed Reilly
Giddy eye ay, One, Two Three 
try it on your own bass drum
II
Reilly played on the big bass drum
Reilly had a mind for murder and slaughter
Reilly had a bright red glittering eye
And he kept that eye on his lovely daughter.
III
Her hair was black and her eyes were blue
The colonel and the major and the captain sought her
The sergeant and the private and the drummer boy too
But they never had a chance with Reilly’s daughter.
IV
I got me a ring and a parson too
Got me a scratch in a married quarter
Settled me down to a peaceful life
Happy as a king with Reilly’s daughter.
V
Suddenly a footstep on the stairs(2)
Who should it be but Reilly out for slaughter
With two pistols in his hands
Looking for the man who had married his daughter
VI
I caught old Reilly by the hair
Rammed his head in a pail of water
Fired his pistols into the air
A damned sight quicker than I married his daughter.
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Mentre ero seduto accanto al fuoco
a mangiare patate e a bere birra scura
all’improvviso mi venne
il vezzo
di sposare la figlia del vecchio Reilly
CORO:
evviva, evviva
per Reilly da un occhio solo
Evviva, un, due, tre
prova sulla tua grancassa
II
Reilly suonava una grande grancassa
ed era portato per l’omicidio
e la strage
Reilly aveva uno scintillante occhio rosso acceso e lo teneva, quell’occhio, sulla sua cara figliola
III
Lei aveva capelli neri e occhi
blu,
se la contendevano il colonnello, il maggiore e il capitano
e anche il sergente, il soldato semplice e il tamburino,
ma non hanno mai avuto una possibilità con la figlia di Reilly
IV
Presi l’anello e anche un pastore
per razzolare in un appartamento da sposato
sistemato in una vita pacifica,
felice come un re con la figlia
di Reilly.
V
All’improvviso dei passi per le scale
chi poteva essere se non Reilly per fare una strage
con due pistole in mano
in cerca dell’uomo che aveva sposato sua figlia?
VI
Ho preso il vecchio Reilly per i capelli ficcato la sua testa in un secchio d’acqua, sparato le sue pistole in aria,
un dannato spettacolo più rapido del mio matrimonio con la figlia!

NOTE
1) anche come “Talking to old Reilly’s daughter”
2) anche come “Well five big knocks come knockin’ at the door”

ASCOLTA (tra le tante versioni testuali) quella bawdy in cui il protagonista prima ottiene i favori della fanciulla e poi si scazzotta con il di lei padre!


I
As I was sitting by the fire ,
Drinking beer & drinking water(1),
Suddenly a thought came to my head,
Why not shag O’Reilly’s daughter ?
Chorus :
Giddy I aye, giddy I aye,
Giddy I aye for the one eyed Reilly,_
Shove it up, stuff it up, balls and all,
A didle-didle-didle-dit, tray ball (2)
II
When walking through the park one day,
I came across O’Reilly’s daughter,
Nary a word did I have to say,
Don’t you think really we oughter?
III
I that damsel on the bed,
Room light I left gently over.
Nary a word the maiden say,
She act like hell ‘till the fun was over.
IV
Suddenly a footstep on the stairs,
Who should it be but the bloody well father,
With two pistols in his hands,
Looking for the man who shagged his daughter.
V
I grabbed O’Reilly by the hair,
Thrust his head in a pail of water,
Rammed them pistols up his bum,
Damn sight harder than I shagged his daughter.
VI
Now all you lasses and all young maids
Answer now and don’t speak shyly
Would you like to have it straight & through
The way I gave it to the one eyed (3) Reilly
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Mentre ero seduto accanto al fuoco
a bere birra e whisky
all’improvviso mi venne
il vezzo
di scopare la figlia di O’ Reilly
CORO:
evviva, evviva
evviva per Reilly da un occhio solo
prendi e porta a casa palle e il resto
A didle-didle-didle-dit, tray ball.
II
Andavo a spasso per il parco
un giorno
e t’incrociai la figlia di O’ Reilly,
non una parola dovetti dire
credete davvero avremmo  dovuto?
III
Con quella damigella nel letto
spensi piano la luce, non una parola disse la fanciulla e si agitò come un’indemoniata  fino
alla fine
IV
All’improvviso dei passi per le scale
chi poteva essere se non quel tizzone d’inferno del padre
con due pistole in mano
in cerca dell’uomo che aveva scopato sua figlia?
V
Ho preso O’ Reilly per i capelli
ficcato la sua testa in un secchio d’acqua, ficcato le pistole su per il suo culo, un dannato spettacolo più rapido della scopata  con la figlia!
VI
Così tutte voi ragazze e
giovani fanciulle
rispondete ora e parlate senza timore
avreste voluto averlo immediatamente
e completamente
nel modo in cui lo diedi alla pupilla di Reilly?

NOTE
1) più probabilmente “acqua di fuoco”
2) il senso del ritornello è piuttosto volgare qui tradotto più eufemisticamente, l’utlimo verso è un non-sense e suona come “Dig-a dig-a rig tres bon”
3) credo si riferisca alla figlia

BIG STRONG MAN: MY BROTHER SYLVESTE

My Brother Sylveste (o  “Big strong man”) è una canzone perfetta come irish drinking song anche se probabilmente è di origine nordamericana-canadese : si riferisce ad alcuni eventi della storia americana e mondiale che ci permettono di collocare la data d’origine intorno agli anni 20 (l’incontro di box Jeffries-Johnson risale al 1910, la Lusitania è affondata nel 1915, Jack Dempsey è stato campione del mondo dei pesi massimi dal 1919 al 1926): la canzone è diffusa un po’ per il mondo tramite i soldati canadesi durante la seconda guerra mondiale.

primo-carneraLa canzone parla del fratello del protagonista descrivendolo come un uomo gigantesco, capace come l’italico Maciste o Ercole d’imprese straordinarie, anche se paradossali. Il parallelo a Primo Carnera è inevitabile anche se il grande pugile italiano (un vero e proprio colosso) si mise alla ribalta mondiale solo negli anni 30.

ASCOLTA The Wolfe Stone

ASCOLTA The Blaggards con un buffo arrangiamento strumentale tra musica da circo e cartoon!

ASCOLTA Carbon Leaf


I
Have you heard about the big strong man? He lived in a caravan.
Have you heard about the Jeffrey Johnson fight(1)?
Oh, Lord what a hell of a fight(2).
You can take all of the heavyweights you’ve got.
We’ve got a lad that can beat the whole lot.
He used to ring bells in the belfry,
Now he’s gonna fight Jack Demspey(3).
Chorus
That was my brother Sylvest’(4)
(What’s he got?)

A row of forty medals on his chest
(big chest!)

He killed fifty bad men in the west(5);
he knows no rest.

Think of a man, hells’ fire, don’t push, (just shove),
Plenty of room for you and me.
He’s got an arm like a leg
(a ladies’ leg!)

And a punch that would sink a battleship (big ship!)
It takes all of the Army and the Navy to put the wind up (6) Sylvest’.
II
Now, he thought he’d take a trip to Italy.
He thought that he’d go by sea.
He dove off the harbor in New York,
And swam like a great big shark(7).
He saw the Lusitania(8) in distress.
He put the Lusitania on his chest.
He drank all of the water in the sea,
And he walked all the way to Italy.
III
He thought he take a trip to old Japan.
They turned out a big brass band(9).
You can take all of the instruments you’ve got,
We got a lad that can play the whole lot.
And the old church bells will ring (Hells bells!)
The old church choir will sing
(Hells fire!)
They all turned out to say farewell to my big brother Sylvest’
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Hai sentito dell’omaccione?
Vive in un caravan.
Hai saputo dell’incontro Jeffrey – Johnson?
Per dio che dannato scontro!
Potete prendere tutti i pesi massimi che volete,
abbiamo un ragazzo che li può battere tutti,
lui era solito suonare le campane del campanile, ora sta per combattere contro Jack Demspey
Chorus
Quello era mio fratello Silvestro
(che cos’ha?)

una serie di 40 medaglie sul petto
(che grande petto)

Ha ucciso una cinquantina di cattivi uomini dell’Ovest; non conosce riposo.
Pensa all’uomo, fuoco dell’inferno, non spingere (vai al diavolo),
c’è abbastanza spazio per entrambi.
Ha un braccio come una gamba
(la gamba di una donna)

e un pugno che potrebbe affondare una nave da battaglia (grande nave)
Ci vuole tutto l’esercito e la marina per catturare Silvestro
II
Beh, pensava di farsi un viaggetto in Italia
e di andarci per mare.
Si tuffò nel porto di New York
e nuotò come uno squalo bello grosso.
Vide la Lusitania in difficoltà
se la mise sulle spalle.
Bevve tutta l’acqua del mare
e si incamminò per l’Italia.
III
Pensava di farsi un viaggetto nel vecchio Giappone, si è presentata tutta la grande banda di strada.
Puoi suonare tutti gli strumenti che vuoi, noi abbiamo un ragazzo che è capace di suonarli tutti insieme.
E le campane della vecchia chiesa suoneranno ( dannate campane)
Il coro della vecchia chiesa canterà (fuoco dell’inferno)
tutti si volteranno per dare il saluto al mio grande fratello Silvestro

NOTE
1) Jack Johnson ha vinto il titolo di campione mondiale di pesi massimi nel 1910 battendo James Jeffries. La sensazionalità della notizia è che Johnson è stato il primo nero a vincere il titolo surclassando il vecchio campione.
2) La sconfitta della “Great white hope” ha dato origine a una serie di rivolte razziali anche se in realtà si trattava per lo più di celebrazioni entusiastiche dei neri usciti in strada per festeggiare la vittoria, osteggiate da poliziotti e cittadini bianchi infastiditi!
3) William Harrison Dempsey è stato campione del mondo dei pesi massimi dal 1919 al 1926. “Jack” Dempsey ha vinto il titolo dei pesi massimi da Jess Willard, l’uomo che ha sconfitto Johnson nel 1919. Per il suo spirito combattivo era soprannominato “il massacratore” o “il mangiatore di uomini”
4) il nome Silvestro è indubbiamente di origini italiane e proviene dal latino Silvester per indicare “colui che vive nei boschi” (dalla radice selva). In senso lato indica una persona rozza o grezza evocando al contempo un che di forte e primordiale, un vero portento della natura. Nome amato dai Papi è ricordato nella figura di San Silvestro, il papa al tempo di Costantino il primo imperatore romano che si convertì al cristianesimo.
5) tra le prodezze del grande Silvestro non mancano le catture dei fuorilegge del Wild-West americano
6) letteralmente “mettere sottovento” significa far innervosire o arrabbiare qualcuno, in italiano si potrebbe tradurre come “mettere la mosca al naso”: la forma gergale potrebbe risalire alla prima guerra mondiale; qui tradotto con il termine catturare perchè più coerente con il contesto
7) anche scritto come “a man made from Cork
8) La Lusitania era una nave passeggeri, che venne silurata da un sommergibile tedesco al largo dell’Islanda il 7 maggio 1915, la strage scosse l’opinione pubblica mondiale e probabilmente contribuì nella decisione di far entrare nel conflitto bellico anche gli Stati Uniti.
9) in italiano si dice semplicemente “banda” in inglese “brass band” ovvero banda d’ottoni (più comunemente riferita alle bande con strumenti a fiato di New Orleans)

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=20727
http://www.word-detective.com/2008/04/put-the-wind-up/

THE BOLD O’DONAGHUE: AN IRISHMAN IN LONDON!

La popolazione irlandese è stata oggetto di vari stereotipi nei testi teatrali e nelle canzoni: è Paddy un campagnolo ubriacone e per lo più inaffidabile o traditore. Lo troviamo già nell’Henry V di Shakespeare ma è tutto sommato una buffa figura caricaturale; nella seconda metà dell’Ottocento invece  dopo l’emigrazione causata dalla Grande Carestia, le rivolte agrarie e il movimento feniano, l’irlandese tipo è considerato alla stregua di una creatura culturalmente inferiore, un  “white Negro”.

PADDY NEL MUSIC-HALL DI LONDRA

oxford_music_hallIl music-hall inglese è il precursore del teatro di varietà trattandosi di un locale in cui la gente del popolino mangiava e beveva seduta al tavolo e assisteva a degli spettacoli che si alternavano sul palco, un misto di numeri comici, circensi e canzoni popolari. Questa forma di intrattenimento ha preso piede tra il 1830 e il 1850 periodo in cui si iniziarono a costruire degli appositi music hall al posto delle “public houses” che già offrivano spettacoli.
Il genere di canzoni era comico e sentimentale, il linguaggio mai scurrile ma piuttosto allusivo e provocatorio, così la figura dell’irlandese tipo era irrisa per la sua “irishness” si esaltava, deridendola, la visione stereotipata dell’irlandese quale donnaiolo impenitente, ubriacone, spaccone e rissoso.

 BOLD O’DONOGHUE

Il nome è molto diffuso in Irlanda e si scrive O’Donoghue ma anche O’Donaghue o Donaghy, Donahow, Doneghoe, derivato dal gaelico O Donnchadha (che significa valoroso guerriero dai capelli scuri). Il nome, originario del sud-ovest d’Irlanda, si è sparso nel Kerry e Cork.
Il protagonista di questa canzone inglese del music-hall si vanta delle sue capacità amatorie, gli irlandesi invece di offendersi, hanno adottato O’Donoghue come personaggio per una tipica irish drinking song, così la canzone è stata ripresa e resa popolare dai Clancy Brothers negli anni 60. Tommy Makem, imparò la canzone da Johnny Vallely di Derrynoose (County Armagh).

ASCOLTA Ryan’s Fancy in “Times To Remember”, 1973

ASCOLTA The Blarney Lads


I
Well now, here I am from Paddy’s land(1), a land of high reknown,
I’ve broken all the hearts of girls for miles from Keady town(2);
And when they hear that I’m awa’ they’ll raise a hullabaloo,
When they hear about that handsome lad then they call O’Donoghue.
CHORUS
For I’m the b’y to please her
and I’m the b’y to tease her,

I’m the b’y to squeeze her
and I’ll tell you what I’ll do:

I’ll court her like an Irishman with me brogue and blarney too is me plan,
With me rollikin swollikin hollikin mollikin(3) bold O’Donoghue.
II
Well I wish me love was a red, red rose on yon garden wall, (4)
And me to be a dew drop and upon her brow I’d fall;
Perhaps then she might think of me as a rather heavy dew(5),
Well I’m certain she’d find the notion in the bold O’Donoghue
III
Well I hear that Queen Victoria has a daughter fine and grand,
Perhaps she’d take it into her head to marry an Irishman;
If I could only get the chance to have a word or two,
Then I’m sure she’d put a notion in the bold O’Donoghue. (6)
TRADUZIONE CATTIA SALTO
I
Eccomi qui dalla Terra di Paddy(1),
una terra di chiara fama,
ho spezzato i cuori di tutte le ragazze per chilometri intorno alla città di Keady(2), e quando sapranno che sono andato via, faranno un gran baccano;
quando sentiranno parlare di quel bel ragazzo che si chiama O’Donoghue.
CORO
Perchè sono il ragazzo per divertirla
e sono il ragazzo per stuzzicarla

sono il ragazzo per coccolarla
e ti dirò quello che farò:
ho intenzione di corteggiarla con il mio accento irlandese e la mia parlantina
con il mio spensierato, turgido(3), ardito O’Donoghue

II
Vorrei che il mio amore fosse una rossa rosa rossa su quel muro del giardino (4)
e io essere una goccia di rugiada che cade sopra la sua fronte, forse poi lei potrebbe pensare a me come a una rugiada piuttosto forte (5 )e sono certo che si farebbe un’idea dell’ardito O’Donoghue.
III
Ho sentito che la Regina Vittoria ha una figlia grande e bella
forse le verrà in mente di sposare un irlandese;
se potessi solo avere l’occasione di scambiare due parole,
allora sono certo che avrebbe voglia dell’ardito O’Donoghue

NOTE
1) Paddy è il nome affettuoso con cui gli irlandesi chiamano San Patrizio, patrono d’Irlanda
2) piccolo paese nella contea di Armagh (Irlanda del Nord) di cui è originario Tommy Makem
3) scritto anche come “huligan, wuligan, ruligan, swuligan” serie di vezzeggiativi storpiati dei quali non riesco a dare una traduzione in italiano
4) La seconda strofa è una parodia di una canzone d’amore irlandese dal titolo “I wish my love was a red red rose
5) allusione al “mountain dew” il distillato illegale di whiskey

FONTI
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/04/bold.htm
http://www.irelandcalling.ie/irish-names-odonoghue
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=59176

SEVEN DRUNKEN NIGHTS

“Seven Drunken nights” (in italiano “Sette notti da ubriaco”) è una divertentissima ballata tradizionale delle Isole Britanniche (e diffusa un po’ in tutta Europa e in America) resa famosissima negli anni 60 dal gruppo irlandese The Dubliners: il protagonista ogni sera rientra dal pub molto tardi e nota una serie di indizi, sparsi per la casa, che lo inducono a sospettare un tradimento da parte della moglie, ma quest’ultima, approfittando della scarsa lucidità del marito, riesce sempre a cavarsela.

ALTRI TITOLI: Four Nights Drunk, Four Drunken Nights, Seven Drunken Nights, Drunkard’s Special, Cabbage Head, Our Goodman, Old Cuckold, The Goodman, The Gudeman, The Traveler

LE ORIGINI

La ballata risale perlomeno al 1760 (è stata trovata in un broadside distribuito a Londra con il titolo di “The Merry Cuckold and the Kind Wife”, forse originaria della Scozia) ed è riportata nella poderosa raccolta del professor Child al numero 274 con il titolo di “Our Goodman” o “Old Cuckold”. La situazione descritta ha uno stampo boccaccesco (o come dice il professore alla “Chaucer”) e non è da escludersi un’origine risalente quantomeno al Basso Medioevo. Evidentemente, come anche i canti goliardici medievali giunti sino a noi ci testimoniano, un tempo c’era meno censura (ma solo nelle canzoni purtroppo) rispetto agli anni 1960!

Bert Lloyd scrive: “What ancient saga of trickery and revenge lurks behind the favourite joking song of Our goodman, Five nights drunk, The old farmer and his young wife? Known all over Europe, it tells of a man returning home to find another man’s horse, sword, cloak, etc., where his own should be. Like an epic hero he asks in formula fashion: Whose horse is this? Whose sword? Whose cloak? Each time the adulterous wife insists that his eyes deceive him, and that the objects are really a cow, a spit, a bed-sheet, etc. In the ballad, the husband’s rival appears only at the very end of the song and then merely as a head on the pillow. No struggle takes place, there is no retribution; the ribaldry of the situation has seemed sufficient for modern singers. Yet somehow, in the form as well as the atmosphere of the song, there is the sense of something far more than a rough joke, something larger than life, something to suggest that important things have happened before the song begins, and that weighty and perhaps terrible events will occur after the song ends. In his studies of the medieval folk ballad, Lajos Vargyas makes a fleeting reference to Our goodman in connection with what seems on the surface to be a separate and distinct song, namely the ballad, known in Hungary as Barcasi, with parallels in the Balkans, France and Spain, of the couple surprised in adultery by the returning husband, who kills his rival, daubs his wife with pitch or gunpowder and burns her. In 1879, the Russian explorer Potanin found an epic version of this theme in north-western Mongolia, in The tale of Tonchi Mergan. But more research is needed before we may surely link our drunken cuckold to the mighty Mongol hero, or identify the strange head on the pillow as belonging to a foreign warrior, or declare that the cheating wife is the lineal descendant of that bygone adultress who was trampled to death by eighty mares on the steppes of Tannu Tuva. “(Lloyd, England 147f – in ‘Folk Song in England’ 1967)

E in effetti in tutte le ballate popolari in cui il marito sorprende la moglie a letto con un rivale, il finale è sempre tragico, e i toni del canto sono tristi e forieri di disgrazia. Ma come dicevo, il tono di questa versione è invece decisamente umoristico!

LA VERSIONE DEI DUBLINERS

1967_7drunken_mmE’ il 1967 quando per San Patrizio esce il disco singolo intitolato “Seven drunken nights”, i Dubliners si sono limitati a cantare solo le cinque notti della settimana (e al giorno d’oggi ci viene da sorridere), eppure a quei tempi la canzone venne messa al bando dalle radio ufficiali, fu radio Caroline, che trasmetteva da una nave “pirata” ancorata al largo d’Irlanda, a passarla in continuazione nei propri programmi. E fu il successo..

(tatto da qui) Des Geraghty’s memoir of Luke Kelly (1994): The song which made The Dubliners famous was Seven Drunken Nights, an English version of a light-hearted Irish song that the group had picked up from Seosamh O hEanai [Joe Heaney] long before in O’Donoghue’s pub. It was released as a single on St Patrick’s Day 1967 and promptly banned on RTE as offensive to public decency. Sometime later Seosamh himself gave a straight-faced interview to an evening paper stating that the song was about an Irishman who’d worked away from home for twenty years – a commonplace situation for men from rural Ireland in those years – and returned to find he had a full-grown son. And who are we to differ? In fact, the tongue-in-cheek way in which the song is composed […] is typical of a sly ambiguity in many Irish songs about sex. Intrigue was added to the incident by the fact that the song actually mentions only five nights, and some play was made afterwards of speculation that the ‘missing’ verses might have been too shocking for even The Dubliners. What was true was that the song had been recorded by Seosamh himself in Irish years before and played on RTE without a murmur of protest; while the Irish establishment were conservative and puritanical in English, they were quite often indifferent to how irreverent and unorthodox our culture was in Irish. But […] Radio Caroline gave Seven Drunken Nights saturation airtime. The hypocrisy and the foolishness of RTE’s decision was too much for a generation already chafing under censorship and prudery, and within two days the record had sold 40,000 copies. It didn’t take long to reach the music industry’s Silver Disc status, the award for sales in excess of 250,000. The letters pages of the papers were inundated with letters of indignant protest at censorship; the British papers picked up on Ireland’s banned song, and not long afterwards, Seven Drunken Nights reached Number Five in the British pop charts.
Il succo della storia è che The Dubliners hanno preso la loro versione da Joe Heaney quando frequentavano il O’Donoghue’s pub di Dublino (quando un paio di amici suonavano per divertirsi e si chiamavano The Ronnie Drew Ballad Group), il quale ricollega la ballata ad una versione irlandese molto più lunga, in cui un bracciante, ritornato a casa dopo vent’anni passati a lavorare presso le fattorie più ricche, trova la moglie a letto con un tizio con tanto di barba (che la moglie sostiene sia il loro figlioletto diventato adulto!).

ASCOLTA Joe Heaney nella stessa registrazione c’è anche Mike Seeger che presenta la versione americana della canzone accompagnandosi alla chitarra
Band member Ronnie Drew described his close friendship with Joe in an interview with Joe’s biographer, Liam Mac Con Iomaire: ‘I first met him as Joe Heaney in O’Donoghue’s, because we were going in and out of O’Donoghue’s at the time…. This would be 1961-2. Joe actually stayed with me for a couple of years later on. Joe was no trouble as long as you had strong tea for him…. Joe had a magnificant sean-nós voice. He could do things with his mouth. He could bend notes. I thought he was a great exponent of sean-nós…. Then he gave me a song called “Seven Drunken Nights,” one of these songs that go all over the world. The funny thing about it, Joe had it in Irish as “Peigín is Peadar”, and when he gave it to me he had a kind of a laugh up his sleeve, because Radio Éireann banned it. But Joe had previously sung it on some programme in Irish and got away with it. In fact we thought “Seven Drunken Nights” was just a whimsical song, just like “Connla”, that you’d sing for a bit of crack. And it went up to number one in the charts.’ (Liam Mac Con Iomaire, Seosamh Ó hÉanaí: Nár fhágha mé bás choíche, Cló Iar-Chonnachta (2007), 212-13. (tratto da qui)

Il protagonista ogni sera rientra dal pub molto tardi e nota una serie di indizi, sparsi per la casa, che lo inducono a sospettare un tradimento da parte della moglie, ma quest’ultima, approfittando della scarsa lucidità del marito, riesce sempre a cavarsela. La comicità nella versione irlandese della ballata raggiunge il culmine di venerdì quando il protagonista vede nel letto, accanto alla moglie, una testa. Tuttavia la donna, rimprovera al marito di essere talmente sbronzo, da non accorgersi neppure che quello accanto a lei non è un uomo, bensì un bambino inviatole dalla madre. La cosa strana però è che il “bambino” ha i baffi!
Nel botta e risposta tra i due emerge la flemma dell’uomo, che pur completamente ubriaco, è calmo e razionale e cerca di usare la logica per spiegare le palesi inesattezze che si vedono nella sua casa. La donna invece lo aggredisce verbalmente e manipola la percezione “confusa” di lui dovuta all’ubriachezza mentendo fino all’ultimo.
E allora? Mai fidarsi di una donna, soprattutto da ubriachi!

Per la sua “volgarità” all’epoca della pubblicazione dei Dubliners furono registrate solo le prime cinque strofe, era l’epoca in cui si pubblicava sul vinile e uscivano dischi “single” con la canzone di lancio sul lato A e una “seconda scelta” sul lato B “Seven drunken night” venne diffuso al pubblico nel marzo del 1967. Nelle precedenti registrazione degli anni 20-30 le notti “ubriache” erano solo tre e solo negli anni 50 ci si azzardò a pubblicare anche la quarta e finanche la quinta notte!

ASCOLTA The Dubliners in un video con tanto  di fumetto!! Impareggiabile versione!! Francesco Guidotto che ha disegnato le vignette ha preso come modello Ronnie Drew, la versione della canzone è quella in cui si arriva fino al fatidico venerdì ..

ASCOLTA Celtic Thunder per la versione più soft e modaiola

ASCOLTA The Kilkennys 1998 in cui chi canta (Davey Cashin) interpreta in modo esilarante il protagonista via via sempre più ubriaco (.. e perplesso!!); anche il ritmo della chitarra si fa più incerto man mano che passano le notti

Sebbene le sere del titolo siano sette quelle cantate nella versione “standard” sono solo cinque dal lunedì al venerdì, le raccolte sul campo della ballata risentono del “pudore” dei trascrittori i quali sceglievano di non riportare integralmente quanto veniva testimoniato, ma qualcosa è trapelato ..

.. ed ecco quello che succede nelle altre due notti:

ASCOLTA Nine Fine Irishmen 


As I went home on a Monday night, as drunk as drunk could be,
I saw a horse outside the door where my ould(1) horse should be,
Well I called my wife and I said to her, Will you kindly tell to me,
Who owns that horse outside the door where my ould horse should be?

Ah, you’re drunk, you’re drunk you silly ould fool, and still you cannot see,
That’s a lovely sow that me mother sent to me,
Well it’s many a day I travelled a hundred miles or more,
But a saddle on a sow sure I never saw before.

And as I went home on a Tuesday night, as drunk as drunk could be,
I saw a coat behind the door where my ould coat should be,
Well I called my wife and I said to her, Will you kindly tell to me,
Who owns the coat behind the door where my ould coat should be?

Ah, you’re drunk, you’re drunk you silly ould fool, and still you cannot see,
That’s a woollen blanket that me mother sent lo me,
Well it’s many a day I travelled a hundred miles or more,
But buttons on a blanket sure I never saw before.

And as I went home on a Wednesday night, as drunk as drunk could be,
I saw a pipe upon the chair where my ould pipe should be,
Well I called my wife and said to her, Will you kindly tell to me,
Who owns the pipe upon the chair where my ould pipe should be?

Ah, you’re drunk, you’re drunk you silly ould fool, and still you cannot see,
That’s a lovely tea whistle(2) that me mother sent to me,
Well it’s many a day I travelled a hundred miles or more,
But tobacco in a tin whistle sure I never saw before.

As I came home on a Thursday night, as drunk as drunk can be,
I saw two boots beneath the bed where my ould boots should be,
Well I called my wife and I said to her, Will you kindly tell to me,
Who owns them boots beneath the bed where my ould boots should be?

Ah, you’re drunk, you’re drunk you silly ould fool, and still you cannot see,
They’re two lovely geranium pots me mother sent to me,
Well it’s many a day I travelled a hundred miles or more,
But laces in geranium pots I never saw before.

And as I went home on a Friday night, as drunk as drunk could be,
I saw a head upon the bed where my ould head should be,
Well I called me wife and I said to her, Will you kindly tell to me,
Who owns that head with you in the bed, Where my ould head should be?

Ah, you’re drunk, you’re drunk you silly ould fool, and still you cannot see,
That’s a baby boy that me mother sent to me,
Well it’s many a day I travelled a hundred miles or more,
But a baby boy with his whiskers on sure I never saw before.

As I went home on Saturday night as drunk as drunk could be
I saw two hands upon her breasts Where me two hands should be
Well I called my wife and I said to her Will you kindly tell to me
Who owns that hands upon your breasts Were me two hands should be

Oh you’re drunk you’re drunk you silly old fool Still you cannot see
That’s a lovely night gown that me mother sent to me
Well it’s many a day I travelled A hundred miles and more
But fingers in a night gown sure I never saw before

As I went home on Sunday night As drunk as drunk could be
I saw a thing in her thing Where me old thing should be
Well I called my wife and I said to her Will you kindly tell to me
Who owns that thing in your thing Where me old thing should be

Oh you’re drunk you’re drunk you silly old fool Still you cannot see
That’s that lovely tin whistle(3) that me mother sent to Me
Well it’s many a day I travelled A hundred miles and more
But hair on the tin whistle sure I never saw before!

NOTE
1) ould, forma arcaica e dialettale di old “vecchio”
2) Ronny dice “tea whistle” facendo un po’ fatica a far entrare la parola nella metrica
3) l’ultima notte la storia diventa sempre più esplicita: in altre versioni al posto dello strumento troviamo una candela o una carota, e si equivoca sui testicoli o sulla cappella paragonandoli a vari ortaggi o attrezzi da lavoro..

TRADUZIONE ITALIANO
E quando tornai a casa un lunedì notte, ubriaco che più ubriaco non si poteva, vidi un vecchio cavallo fuori dalla porta al posto del mio, allora chiamai mia moglie e le dissi: “Vorresti gentilmente dirmi di chi è quel cavallo fuori dalla porta, dove dovrebbe esserci il mio vecchio cavallo?”
“Ah, sei ubriaco, sei ubriaco vecchio sciocco e non riesci proprio a vedere, è una graziosa scrofa che mi ha mandato mia madre” “Beh, è tanto tempo che viaggio e ho fatto tanta strada, ma una sella su un maiale, certo, non l’avevo mai vista prima”.
Le strofe sono quasi identiche tra loro e cambiano gli “indizi” del molto probabile tradimento della moglie visto che il marito rincasa tutte le sere molto tardi e molto ubriaco! Il martedì è la volta del cappotto che il marito trova dietro alla porta, e alla richiesta di spiegazioni la moglie risponde che è solo una coperta che le ha regalato la madre. E l’uomo perplesso, si chiede se sulle coperte ci siano i bottoni!
Il mercoledì trova una pipa sulla sedia, ma la moglie lo convince che si tratta di una teiera fumante, eppure lui non aveva mai visto prima del tabacco nella teiera! Il giovedì ecco comparire degli stivali accanto al letto, ma la moglie dice che è il vaso di gerani regalatole dalla madre, eppure il marito sempre più perplesso è convinto di non aver mai visto prima dei lacci su di un vaso di gerani!
E quando tornai a casa un venerdì notte, ubriaco che più ubriaco non si poteva, vidi una testa dentro al letto al posto della mia, allora chiamai mia moglie e le dissi: “Vorresti gentilmente dirmi di chi è quella testa nel letto con te dove dovrebbe esserci la mia?” “Ah, sei ubriaco, sei ubriaco vecchio sciocco e non riesci proprio a vedere, è un bambino che mi ha mandato mia madre” “Beh, è tanto tempo che viaggio e ho fatto tanta strada, ma un bambino con i baffi, certo, non l’avevo mai vista prima”.
Finalmente si arriva al sabato e due mani spuntano sul seno della donna che prontamente dice si tratta di una graziosa camicia da notte (e il marito osserva che non ha mai visto una camicia da notte con le dita) e infine domenica il marito vede chiaramente “un coso” nella “cosa” della moglie e lei risponde che si tratta di un flauto, eppure il marito è certo di non aver mai visto peli su un flauto di latta!

LA VERSIONE PIEMONTESE: LE REPLICHE DI MARION

Nell’Alta Italia, Francia e Occitania la ballata segue lo stesso schema se non anche le stesse parole: il marito vede la moglie con l’amante nel giardino (o nel letto) e la interroga chiedendole spiegazioni. Lei si giustifica travisando i fatti: “Chi hai visto era una mia amica, aveva il mento sporco per le more mentre tu credi aver visto una barba.” Quando il marito osserva che non è stagione di more, la moglie risponde che nel loro giardino ce n’erano ancora, ma poi il giardiniere ha tagliato il ramo. Così il marito minaccia di tagliare la testa al giardiniere. Allora la donna cambia tono e diventa mansueta chiedendo “Chi ti farà da mangiare?” “Ne prenderò un’altra più onesta” Ma la donna osserva: sarà così bella come me? (oppure così gentile). Allora il marito preferisce fare la pace.
Nelle versioni franco-provenzali le minacce del marito sono più concrete e violente: l’uomo dice alla donna che le taglierà la testa e la getterà ai cani e le lascia solo il tempo di chiedere perdono al Signore. Tutto sommato quindi anche le versioni celto-romanze come le chiama il Nigra (in “Canti popolari del Piemonte”) hanno tema giocoso, non così nelle versione spagnole in cui il marito come l’onore impone, uccide moglie, amante e talvolta muore egli stesso durante il duello riparatore.
Il Nigra ipotizza una possibile degenerazione del tragico nel comico osservando che è un fatto non raro nella poesia popolare.

ASCOLTA Paola Lombardo, Donata Pinti e Betti Zambruno in “So sol d’amarti alla follia”

ASCOLTA Canzoniere Monferrino (vedi)

Don t’à antacja, duv’a t’ ses stacja? (Ritornello: me bruta Mariun!)
Ant ‘l giardin a coji d’salata. (Ritornello: caro al me mari!)
Mim’chi cà l’era ch’a ti stavi ansema? ” A l’era una dle mie comare.
……
Parchè le done porto la barba – J’ero le more ch’ la mangiava
An don’t lej sta pianta ad more – l’è un giardinè su l’à tajala
Cul’ca l’a tajala mi j taj la testa – pu nen mi dona a fe l’mnestra
Na piorro una un po pi lesta – N’ pi lesta, ‘n po pi scunciaja.
Anduma a ca che la pas al’ facja. – La sarà facja an lasj fora
La sarà facja fint’ant ch’la dura(2)

NOTA
1) le versioni testuali riportate dal Nigra non corrispondono a questo testo evidentemente tratto dalla tradizione orale della zona (Monferrato): la parola pronunciata è “scunciaja” nelle altre versioni la donna dice “sarà più onesta ma non così bella come me”
2) l’ultima parola resta alla donna che avverte” la pace è fatta finchè dura!”

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Dove sei andata e dove sei stata? (Brutta la mia Maria)
Nel giardino a cogliere dell’insalata (marito mio caro)
E chi era quello con cui stavi insieme? Era una delle mie amiche.
Perchè le donne portano la barba? Erano le more che stava mangiando
E dove sta questa pianta di more? Il giardiniere l’ha tagliata
A quello che l’ha tagliata, taglierò la testa! Non avrai più una donna che ti farà la minestra
Ne prendo un’altra un po’ più svelta. Una più onesta e un più sgarbata
Andiamo a casa che la pace è fatta – Sarà fatta se mi lasci fuori.
Sarà fatta finchè dura.

FONTI
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_274
https://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/fournightsdrunk.html
http://www.joeheaney.org/default.asp?contentID=1033 http://itsthedubliners.com/dubs_d03_mm_45.htm http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=7291 http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=43124 https://www.celticthunder.ie/content/mythology-seven-drunken-nights http://www.piemunteis.it/wp-content/uploads/85.-Le-repliche-di-Marion.pdf

(Cattia Salto integrazione febbraio 2013 e maggio 2015)

DANNY BOY THE PIPES ARE CALLING

Una delle più famose ballate irlandesi è stata scritta però da un inglese, Frederic Edward Weatherly (1848-1929): cantautore e presentatore radiofonico intrattenitore oltre che avvocato, scrisse nel 1910 una canzone dal titolo “Danny Boy”, ma la melodia non era molto convincente e così quando due anni più tardi ebbe modo di sentire la Londonderry Air revisionò il suo testo per adattarlo a questa melodia e nel 1913 pubblicò la nuova versione.

LONDONDERRY AIR

The first appearance of the tune in print occurred in 1855, in Ancient Music of Ireland, published by the early collector George Petrie (1789-1866). The untitled melody, was supplied to Petrie by Miss Jane Ross of Limavady, County Londonderry, who claimed to have taken it down from the playing of an itinerant piper. This is the origin of the Londonderry Air name. Petrie states: “For the following beautiful air I have to express my very grateful acknowledgement to Miss J. Ross, of N.-T.-Limavady, in the county of Londonderry—a lady who has made a large collection of the popular unpublished melodies of that county, which she has very kindly placed at my disposal, and which has added very considerably to the stock of tunes which I had previously acquired from that still very Irish county. I say still very Irish; for though it has been planted for more than two centuries by English and Scottish settlers, the old Irish race still forms the great majority of its peasant inhabitants; and there are few, if any, counties in which, with less foreign admixture, the ancient melodies of the country have been so extensively preserved. The name of the tune unfortunately was not ascertained by Miss Ross, who sent it to me with the simple remark that it was “very old,” in the correctness of which statement I have no hesitation in expressing my perfect concurrence.” (tratto da qui)

Ritratto di Algernon Swinburne - Dante Rossetti 1861
Ritratto di Algernon Swinburne – Dante Rossetti 1861

Ma lasciamoci trascinare dai versi di Frederick Weatherly, dal lamento di una giovane donna che vede il proprio amore partire per la guerra al richiamo delle cornamuse, anche l’estate è finita a sottolineare l’arrivo di tempi più incerti. Lei lo aspetterà, nonostante il passare delle stagioni, perchè lo ama.
Alcuni ritengono che la donna che canta sia la madre, ormai vecchia e che sente la fine vicina, così si rivolge al giovane figlio con il timore di non riuscire più a rivederlo.
Una melodia e un tema strappalacrime ne fanno un classico tra le drinking songs.

Per togliersi ogni curiosità (e sottolineo tutte) in merito a testi e melodie (dal passato alla forma attuale) un ottimo e ben documentato articolo (suddiviso in 3 parti) di Michael Robinson  qui

ASCOLTA  Sinead O’Connor con la sola voce particolare, un sussurro così vibrato da far venire la pelle d’oca (live).

Per gradire anche un’altra versione sempre di Sinead con il flauto di Davy Spillane


I
Oh Danny boy, the pipes,
the pipes are calling
from glen to glen,
and down the mountain side.
The summer’s gone,
and all the flowers are falling.
‘tis you, ‘tis you
must go and I must bide.
II
But come you back
when summer’s in the meadow
or when the valley’s hushed
and white with snow
and I’ll be here
in sunshine or in shadow
Oh Danny boy, oh Danny boy,
I love you so.
III
But if you come,
and all the flowers are falling
and I am dead,
as dead I might well be
You’ll come and find
the place where I am lying
and kneel and say
an “Ave” there for me.(1)
IV
And I will hear,
tho’ soft you tread above me
and all my grave
will warmer sweeter be.
And you will bend
and tell me that you love me.
And I shall sleep
in peace until you come to me.
V(2)
But if I live,
and should you die for Ireland,
let not your dying thoughts
be just of me.
But say a prayer to God
for our dearest Ireland.
I know He’ll hear
and help to set her free.
VI
And I will take your pike
and place my dearest,
and strike a blow,
though weak the blow may be.
T’will help the cause
to which your heart was nearest
Oh Danny Boy, Oh, Danny boy
I love you so.
TRADUZIONE ITALIANO
I
Oh Danny boy, le cornamuse
le cornamusa chiamano a gran voce,
da valle a valle,
e giù per il fianco della montagna.
L’estate se n’è andata,
e tutti i fiori stanno appassendo,
così tu, così tu
devi partire e io ti aspetterò.
II
Però tornerai,
quando crescerà il prato estivo
o quando la valle sarà silenziosa
e imbiancata di neve
allora io sarò là,
che sia giorno o notte
Oh Danny boy, oh boy Danny,
così ti amo.
III
Ma se tornerai,
quando tutti i fiori saranno appassiti
e io sarò morta,
quando la morte dovrà arrivare,
tu verrai a cercare
il posto dove giacerò,
ti inginocchierai e dirai
un “Ave” lì per me.
IV
E io potrò sentire
i tuoi passi leggeri sopra di me
e tutta la mia tomba
sarà più calda e più lieve
se tu ti chinerai
per dirmi che mi ami
e dormirò
in pace finchè anche tu  arriverai da me.
V
Ma se sarò viva,
e tu dovessi morire  per l’Irlanda,
che il tuo pensiero  in punto di morte
non sia per me.
Ma dirai una  preghiera a Dio
per la nostra amata  Irlanda.
Saprò che Lui la  udirà
e la aiuterà a  diventare libera.
VI
E io prenderò la tua  picca
e la terrò come la  più cara
e darò un colpo,
per quanto debole  possa essere,
per aiutare la causa
a cui il tuo cuore  era più vicino
Oh Danny boy, oh boy Danny,
così ti amo.

NOTE
1) L’incertezza del domani è tale che la donna teme la propria morte prima del ritorno del soldato, e lo esorta ad andare a cercare la sua tomba: anche nella morte l’amore continua a produrre i suoi effetti e donare pace a chi giace sottoterra.
2) V e VI versi aggiunti dalla tradizione: si ipotizza che sia il soldato a morire in guerra e l’amore per lui, diventato vano, viene sublimato nella lotta per la libertà dell’Irlanda.

FONTI
http://www.standingstones.com/dannyboy.html