Archivi tag: Hebridean Folksongs

MY BOATMAN

“Fear a’ bhàta” è una canzone in gaelico scozzese probabilmente di fine ‘700 e la leggenda (un’aggiunta aneddotica alle versioni ottocentesche andate in stampa) dice che sia stata scritta da Sine NicFhionnlaigh (Jean Finlayson) di Tong piccolo villaggio sull’Isola di Lewis (Ebridi) per un giovane pescatore di Uig, Domhnall MacRath (Donald MacRae) che ha alla fine sposato.
Versificata anche in inglese con il titolo O Boatman (My Boatman) mantendendo il coro in gaelico.
Tra tutte le versioni in inglese (vedi), la più preziosa anche dal punto di vista della scrittura è senz’altro quella del 1849 con le parole tradotte dal gaelico da Thomas Pattison e l’arrangiamento melodico di Malcolm Lawson (pubblicata in “Songs of the North”, MacLeod e Harold Boulton, 1895)

ASCOLTA Silly Wizard in Caledonia’s Hardy Sons 1978, la storica formazione con Andy Stewart – voce, Bob Thomas – Mandola, Johnny Cunningham – Mandola, Phil Cunningham – tastiere

ASCOLTA Sandy Denny 

ASCOLTA North Sea Gas in The Fire and the Passion of Scotland 2013


VERSIONE DI THOMAS PATTISON
I
How often haunting the highest hilltop
I scan the ocean I sail tae sea/wilt come tonight love wilt come tomorrow?
Wilt ever come, love, to comfort me?
CHORUS
Fhir a bhata no horo eil’e(1)
Fhir a bhata no horo eil’e
Fhir a bhata no horo eil’e
o fare ye well, love, where e’er ye be
II
They call thee fickle, they call thee false one,
and seek tae change me, but all in vain;
no, thou art my dream yet throughout the dark night
and every morn yet I watch the main
III
There’s not a hamlet -too well I know it-
where you go wandering or stay(2) awhile
but all its old folks you win wi’ talking
and charm its maidens with song and smile
IV
Dost thou remember the promise made me
the tartan plaidie, the silken gown,
the ring of gold with thy hair and portrait(3)?
That gown and ring I will never own<

tradotto da Cattia Salto
I
Spesso salgo sulla collina più alta
e scruto il mare per vedere la tua vela
verrai stanotte amore o verrai domani?
verrai presto a confortarmi?
RITORNELLO
Uomo della barca la, la la (1)
Uomo della barca la, la la
Uomo della barca la, la la
e che ti vada bene ovunque tu sia
II
Ti chiamano il volubile ti chiamano il bugiardo
e cercano di farmi cambiare idea, ma invano perchè tu sei il mio sogno nell’oscurità per tutta la notte
e ogni mattino io guardo il mare
III
Non c’è borgo -lo so troppo bene
dove tu non vada  o ti fermi (2) un poco,
ma superi tutta la vecchia gente nelle chiacchiere
e incanti le fanciulle con la voce e il sorriso
IV
Ti ricordi la promessa che mi hai fatto
il plaid di tartan e la gonna di seta
il gioiello d’oro con i tuoi capelli e il ritratto (3)?
Quella gonna e gioiello non avrò mai

NOTA
1) sostanzialmente una frase non-sense che alcuni vogliono tradurre “and no one else” cioè come “mio e di nessun altra”
2) a volte come “sits”
3) in realtà si tratta di un piccolo medaglione con il coperchio all’interno del quale si celava una miniatura e una ciocca di capelli dell’innamorato
FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=45602

KISHMUL’S GALLEY OR THE STORY OF ‘UNA THE LONELY’

Beinn A’ Cheathaich,  canzone in gaelico scozzese delle isole Ebridi, è stata tradotta in inglese con due diversi titoli e qualche lieve differenza tra le due traduzioni. Nelle note a corollario dello spartito pubblicato nel suo “Songs of the HebridesMarjory Kennedy-Fraser favoleggia la storia di ‘Una the Lonely’ che dopo aver perso (come tante altre spose dei border reivers) padre, marito e figli, si reca sulla cima del Beann a’ Cheathaich con l’intento di buttarsi giù.
Ma mentre scruta il mare per l’ultima volta vede la galea di Kishmul che ritorna a Barra, lottando tra i flutti di un mare minaccioso e avverso, così dalla tenacia degli uomini, trova la forza per continuare a vivere.
Scrive Marjory Kennedy-Fraser “Una the lonely sat on a hill top on the isle of Barra, thinking of the queer things of life–the heath that is plucked ere it comes to bloom, the boat that goes down in the mouth of the harbour, the great sea that brings wealth to one and death to the other.
She had drunk her fill of the three sorrows of a woman, the sorrow of the orphan, the sorrow of a widow and the sorrow of the mother, and sure, having nothing now to work or hope for in this life, it would be no sorrow at all for her to sleep with the other tired women in the quiet kirkyard.
Una the lonely looked out to sea and looking forgot her thoughts. The waves were boiling with rage because the wind was laughing and mocking them; and far out, Kishmul’s Galley, with Macneill of Barra and the bravest of his lads on board, was turning her head towards the bay and the old castle of the clan. But Oh Great being of the graces, as soon as the waves and wind noticed the galley, they straightaway forgot their own quarrel and must need join hands to drown the pluckiest galley in the Isles. Let me swallow her said the sea, opening it, s great mouth–but like the mountain stag, Kishmul’s galley bounded to the top of the nearest wave. Let me topple her over said the wind, loud blowing with all its might, but like the seal of Lochlann, the galley darted down into a sea-glen. Wild with anger the waves sprang at her planks and the wind tattered her sails and snapped her rigging–but let them do their worst, Kishmul’s Galley was ever the darling to carry her dear ones safely home. And Macneill of Barra and his men began to sing a song of triumph–they could see the old castle now, where the good things in life were waiting for them; the red wine, the feasting, the harping, and the best of all, the love of women and the prattle of children. Don’t be so sure said the wind, drawing its whole breath into its lungs. But ere the great effort came, the galley suddenly darted into the quiet of the bay, leaving wind and wave taunting each other with defeat. And Una the lonely, watching from the hilltop, leapt to her feet and–O Mother of God cried she what if yon galley be me”

ASCOLTA Alistair Reese la versione più cadenzata che richiama quella dei Corries

ASCOLTA Muriel Brunskil nella versione d’antan con l’arrangiamento di Marjory Kennedy-Fraser

VERSIONE CORRIES
I
High on the Benachie(1)
On that day of days,
seaward I gaze
Watching Kishmul’s Galley(2) sailing
CHORUS
Ah-hee Ah-hoo-oh
Vall-eee Ah-hoo-oh
II
Bravely against wind and tide
They have brought us to ‘neath Kishmul’s walls
Kishmul’s castle(3) of ancient glory
III
Homeward she bravely battles,
‘Gainst the hurtling waves,
Nor hoop nor yards,
Anchor, cable nor tackle has she.
IV
Here’s red wine, a toast to heroes(4)
And harping too, and harping too
Watching Kishmul’s galley sailing
VERSIONE KENNEDY-FRASER
I
High from the Ben a Hayich
On a day of days
Seaward I gaz’d,
Watching Kishmul’s galley(2) sailing.
CHORUS
O hio huo faluo!
Vall-eee Ah-hoo-oh
II
Homeward she bravely battles
‘Gainst the hurtling waves
Nor hoop nor yards,
Anchor, cable, nor tackle has she.
III
Now at last ‘gainst wind and tide
They’ve brought her to
‘Neath Kishmul’s walls,
Kishmul Castle(3) our ancient glory.
IV
Here’s red wine(4) and feast for heroes(5)
And harping too, O hio hu!
Sweet harping too! O hio huo faluo!

NOTE
1) Kennedy-Fraser scrisse  “Ben a Hayich”, come fonetica dal gaelico ma fu storpiato in Benachie
2) una scottish galley ovvero una galea a vela costruita nel Medioevo dagli scozzesi delle isole  ma con le caratteristiche proprie della nave vichinga, lunga e bassa che si muoveva a remi e dotata di una vela quadrata, la quale poteva portare un equipaggio di una sessantina di guerrieri.
3) Kisimul’s Castle è un pittoresco castello medievale costruito su un isolotto al largo di Castlebay , sede del capo clan O’Neil di Barra
4) la prodigalità nell’elargire ospitalità e allestire banchetti era, nel periodo pre-medievale e non solo, requisito essenziale del capo clan.
5) Ovviamente siano festeggiati gli eroici guerrieri e cantate le loro imprese, anche se ribaltando la prospettiva, essi erano niente più che dei predoni del mare che non si facevano scrupolo a saccheggiare le altre navi (e non solo quelle degli odiati inglesi) o i villaggi delle coste dei clan rivali o dell’Irlanda

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO: Dall’alto del monte un giorno di quelli scrutavo il mare, per guardare la galea di Kishmul che navigava dritta verso casa, combatteva con ardimento, contro le onde minacciose, senza vedetta, pennone, ancora, cime, né traino. Poi alla infine contro vento e marea, l’hanno condotta sotto le mura di Kishmul, castello di Kishmul gloria dei nostri antenati. Ecco il vino rosso e il festino per gli eroi al dolce suono dell’arpa.

Una versione più estesa è raccolta in “Hebridean Folksongs“, volume I, (1969), di Dr. John Lorne Campbell (1909-1996) e Francis James Montgomery Collinson (1898-1984),
Nel testo la nave non sta ritornando a casa ma è rivolta verso il vasto oceano


One day on the misty mountain,
Rounding up the sheep to get them,
Not the pair of the two sisters,
Nor the small pair of the road’s end,
‘Twas I myself beheld the vision,
Seeing thy galley going past me,
Setting her head to the wide ocean,
From MacNeil of Barra’s country,
Out from Cíosamul’s joyful Castle,
Where we used to be a-feasting,
Drinking wine from dawn till nightfall,
Shouts of men their ale a-drinking,
With women wearing brown silk dresses;
‘Tis I am who am afflicted
If Clan Neil’s boat has passed me,
She broke the cable and left the anchor,
She broke the best rope that was on her;
I knew the men engaged upon her,
Great Gill’ Eoghanain(6) the hero,
Gloomy Neil(7), son of noisy Rory(8),
And the handsome heir, young Rory,
Fair Rory, apt for manly action,
Red Murdo from the end of the clachan,
Little Murdo, wed to Lachlan’s daughter,
And the two sons of John MacPherson,
Gun(9) and shield befit your handgrasps,
And dark blue bonnet on curling back-locks(10).
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Un giorno sul monte avvolto dalla nebbia
a radunare il gregge
non la coppia delle due sorelle
e nemmeno la biforcazione alla fine della strada
contemplai io stesso una visione
vidi la galea passarmi accanto
con la prora verso il vasto oceano
dalla terra dei MacNeil di Barra
dal ridente castello di Kisimul
dove siamo soliti banchettare
bevendo vino dall’alba al tramonto,
il grido degli uomini per bere la loro birra
le donne che indossano seta rosso scuro;
Sono io che sono rammaricato
se la barca del clan Neil mi è passata accanto,
ha spezzato la cima e lasciato l’ancora
ha spezzato la migliore cima che aveva;
conoscevo gli uomini imbarcati
Gilleonan(6), il grande eroe,
Neil(7) il taciturno, figlio di Rory(8) il chiaccherone
e il bell’erede, il giovane Rory
Rory il biondo versato nelle imprese virili,
Murdo il Rosso alla testa del villaggio
il piccolo Murdo, sposato alla figlia di Lachlan
e i due figli di John MacPherson,
pistola(9) e scudo si adattano alle vostre prese
e il berretto blu scuro sui riccioli raccolti indietro(10)

NOTE
6) Gilleonan fu capo clan dal 1655 to 1670
7) il giovane Rory era il figlio di Gilleonan
8) ‘Noisy Rory’ (‘the tartar’) il capo precedente risalente al c.1594-1620.
9) immersi in una visione mitica dei prodi guerrieri veniamo bruscamente riportati all’epoca in cui probabilmente è stato scritto il canto ovvero il 1700!
10) un’altra descrizione dei capelli portati con i dreadlocks (vedi)! Una moda che era antica se già nelle statue della Grecia arcaica possiamo ammirare i fluenti capelli in boccoli (e non solo) dei guerrieri. L’acconciatura descritta con due parole è quella dei capelli “intrecciati” (alcuni direbbero aggrovigliati) in lunghe ciocche e riuniti sul dietro in modo che restino aderenti alla nuca e lascino la fronte libera (non fosse mai che il guerriero ci lasciasse la pelle a causa di una ciocca caduta sugli occhi nella foga del duello )

kroisos-grrecia-attica
Kouros di Kroisos (da Anavyssos), 530-520 a.C. circa

la prima parte qui

FONTI
https://castlesintheworld.wordpress.com/2016/03/12/castello-kisimul/
https://anglofolksongs.wordpress.com/2015/10/22/beinn-a-cheathaich-the-misty-mountain/
http://ingeb.org/songs/highfrom.html
http://www.celticlyricscorner.net/oldblinddogs/gaelic.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=20960
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/24097/8;jsessionid=C0743594FFFEB061E5D693912BB1BA55
http://www.tobarandualchais.co.uk/fullrecord/22602/1;jsessionid=295446BC486F5AC49B5BCCD69074FFDB
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=8189
http://scotsongs.blogspot.it/2005/10/kishmuls-galley-kishmul-was-legendary.html