Archivi tag: halyard shanty

HANGING JOHNNY SEA SHANTY

“Hanging Johnny” è una canzone marinaresca (sea shanty) del tipo  halyard shanty  ( i lavori di tiro di scotte e drizze per issare e ammainare vele e pennoni) in cui si parla di un presunto boia che impicca (ovvero manda a quel paese bonariamente) tutti coloro che gli danno fastidio! Subito gli studiosi hanno voluto trovare una figura storica che incarnasse questo boia giustiziere e così è spuntato il nome di Jack Ketch famigerato boia nella Londra seicentesca.

Ma per i marinai la frase ” hanging Johnny” ha tutto un altro significato.

IL LAVORO DEL MARINAIO IMPICCATO

Per issare le vele più pesanti si seguiva una strana procedura:  i marinai più giovani e agili (e meno pagati essendo degli apprendisti) si arrampicavano sui pennoni e dopo aver agguantato una drizza  saltavano nel vuoto restando appesi come tanti impiccati. Man mano che scendevano erano coadiuvati dagli sforzi dei restanti marinai che li facevano arrivare piano piano sul ponte.
Joys explained that “hanging Johnny” did not refer to a sheriff’s hangman, but instead to nimble young sailors who, when a topsail was to be hoisted, would climb to the masthead and “swing out” on the proper halyard. They would then ride to the deck as the men at the foot of the mast brought them down by their successive pulls. Joys recalled one chanteyman who would always tell the boys when to swing out by shouting up to them, “Hang, you bastards, hang!” Then, while the boys were hanging on the halyard fifty feet or more above the deck, he’d start his song and the crew would make two pulls on each chorus. When the boys hit the deck, they would tail on behind the other men and pull with them until the work was finished.
Joys added that the word “hang” was “the best goddamn pullin’ word in the language, especially on a down haul.” Ashley said the tune was “a bit mournful, but a good one for hoisting light canvas,” noting that the words enabled the sailors to find fault, good-naturedly, with all their real and fancied enemies, “if the work lasted long enough.”
 (tratto da “Windjammers: Songs of the Great Lakes Sailors” by Ivan H. Walton and Joe Grimm, 2002 qui)

Così su Mucats si è aperto un acceso dibattito tra chi interpreta l’hanging come una vera e propria esecuzione e chi invece propende per il gergo marinaresco: “The words “Hang, boys, hang,” are used in a topsail-halliard hoist, when sweating up the yard “two blocks” where, in swaying off, the whole weight of the body is used. The sing-out, from some old shellback, usually being words such as “Hang, heavy! Hang, buttocks! Hang you sons of ——-, Hang.” After setting the topsails, we gave her the main-topgallant sail, which was all she could carry in a heavy head-sea. The decks were awash all day. “…. the chantey was sung with a jerk and a swing as only chanteys in 6/8 time can be sung. While the words were of Negro extraction, yet it was a great favorite with us and sung nearly every time the topsails were hoisted.” (tratto da Frederick Pease Harlow, 1928, The Making of a Sailor, Dover reprint of Publication Number 17 of the Marine Research Society, Salem, MA qui)

Sicuramente una  perfetta “pirate song”! Ho trovato questo spezzone di film sull’epoca d’oro dei grandi vascelli in cui viene cantata la canzone.

Oh they call me hanging Johnny(1).
Away, boys, away.
They says I hangs for money.
Oh hang, boys, hang.
And first I hanged my Sally
and then I hanged my granny.
Mi chiamano Johnny“patibolo”[1]
tirate ragazzi, tirate
e dicono che mi appendo per denaro[2]

appendetevi, ragazzi, appendetevi
per prima impiccherei Sally
e poi impiccherei  mia nonna

ASCOLTA Stan Ridgway in  Rogues Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs, and Chanteys, 2006. Magistrale interpretazione che trasforma la shanty in una canzone folk un po’ malinconica

ASCOLTA The Salts in una versione sbarazzina


They call me hanging Johnny,
yay(away )-hay-i-o
I never hanged nobody
hang, boys, hang
Well first I hanged your mother
Me sister and me brother
I’d hang to make things jolly
I’d hang all wrong and folly
A rope, a beam, a ladder,
I’ll hang ye all together
Well next I hanged me granny
I’d hang the wholly family
Come hang, come haul together,
Come hang for finer weather,
Hang on from the yardarm
Hang the sea and buy a big farm
I’d hang the mates and skippers,
I’d hang ‘em by their flippers
I’d hang the highway robber,
I’d hang the burglar jobber;
I’d hang a noted liar,
I’d hang a bloated friar;
They say I hung a copper,
I gave him the long dropper
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
Mi chiamano Johnny patibolo
yay(away )-hay-i-o
ma non ho mai impiccato nessuno.
hang, boys, hang
Così prima impiccherò tua madre,
mia sorella e mio fratello,
mi appenderei per far andare meglio le cose e impiccherei tutte le cose sbagliate e folli.
Una cima, una trave e una scala
e vi appendo tutti insieme; poi impiccherò la nonna e l’intera famiglia.
Vieni ad aggrapparti e tiriamo insieme, vieni ad aggrapparti perchè il tempo migliori, aggrappati al pennone,
affanculo il mare e comprati una bella fattoria!
Impiccherei i compagni e il comandante, li appenderei per le pinne;
impiccherei il brigante e lo scassinatore; appenderei un bugiardo illustre e un frate tronfio,
dicono che ho impiccato un poliziotto e l’ho purgato

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=72779
http://mainlynorfolk.info/peter.bellamy/songs/hangingjohnny.html
http://www.gutenberg.org/files/20774/20774-h/20774-h.htm#Hanging_Johnny
http://www.contemplator.com/sea/hanging.html
http://www.musicanet.org/robokopp/shanty/thycalme.htm

CHEERLY MAN

seashantyNella sua versione essenziale il canto marinaresco “Cheerly Man” equivale a una serie di ordini “gridati” con un ritmo, per coordinare gli sforzi della ciurma..  ovvero per spremere ogni goccia d’energia dai muscoli!!

Stan Hugill scrive nella sua “Bibbia”: “Cheerily Man—a halyard shanty—is only just faintly removed from singin’-out and is probably the most primitive, and one of the oldest of all these heaving and hauling songs of the sea.” (vedere sea shanty)

ASCOLTA in Assassin’s Creed il testo è molto simile a quello pubblicato da Joanna C. Colcord che in “Songs of American Sailor Man “ripulisce” il canto”: “the words are too racy to reproduce without considerable editing.


Oh, Nancy Dawson,
Hi-oh! Cheerly, man!
She rubbed the Bo’sun,
Hi-oh! Cheerly, man!
That was a caution,
Hi-ohCheerly, man, O!
Haulee, Hi-oh, Cheerly, man.

Oh, Sally Racket,
Pawned my best jacket,
And sold pawn the ticket,
Oh, Kitty Carson,
Jilted the parson,
Married a mason,
Oh, Betsy Baker,
Lived in Long Acre,
Married a Quaker,
Oh, Jenny Walker,
Married a hawker,
That was a corker,
Oh, Polly Riddle,
Broke her new fiddle(1),
Right through the middle, 
TRADUZIONE CATTIA SALTO
Oh, Nancy Dawson,
Hi-oh! Svelto, ragazzo!
si fece il Nostromo,
Hi-oh! Svelto, ragazzo!
che avvertimento,
Hi-oh! Svelto, ragazzo!
Alare, Hi-oh! Svelto ragazzo
Oh, Sally Racket,
si è impegnata la mia giubba migliore,
e ha venduto il biglietto,
Oh, Kitty Carson,
abbandonò il parroco,
e sposò un muratore.
Oh, Betsy Baker,
visse a Long Acre,
e sposò un quacchero.
Oh, Jenny Walker,
sposò un venditore ambulante,
che era uno fenomeno.
Oh, Polly Riddle,
ruppe il nuovo violino,
proprio nel mezzo.

NOTE
1) nelle canzoni popolari il violino non è solamente uno strumento musicale

La versione in gergo marinaresco


Haul altogether, aye yeo!
haul for good weather, aye yeo!
She’s light as a feather, aye yeo!
Haulee, aye yeo
To the cathead, aye yeo,
We’ll raise the dead, aye yeo,
She’s heavy as lead, aye yeo!
With might an’ main, aye yeo
pay out more chain, aye yeo!
Chain stopper bring, aye yeo,
pass through the ring, aye yeo,
oh, haul and sing, aye yeo! oh,
She’s up to the sheave, aye yeo,
at the cathead we’ll leave, aye yeo,
soon the tackle unreave, aye yeo! .
Oh, rouse an’ shake her, aye yeo,.
oh, shake an’ wake her, aye yeo,
oh, go we’ll make her, aye yeo!
Avast there, avast, aye yeo,
make the fall fast, aye yeo,
make it well fast, aye yeo!
Pull one and all, aye yeo,
on the ol’ catfall, aye yeo,
and then belay all, aye yeo!
TRADUZIONE  ITALO OTTONELLO
alate tutti assieme, aye yeo!
alate giacché il tempo è bello, aye yeo!
È leggera come una piuma, aye yeo!
Ala aye yeo
alla gru di capone aye yeo
Solleveremo il carico, aye yeo,
È pesante come piombo, aye yeo!
Mettendocela tutta , aye yeo
Filate più catena, aye yeo!
Portate la bozza di catena, aye yeo,
incocciatela nel golfare, aye yeo,
alate e cantate, aye yeo!
È arrivata alla puleggia, aye yeo,
con la gru di capone finiremo, aye yeo,
Presto dispasseremo il paranco, aye yeo!
oh, metteteci forza e spostatela, aye yeo,
oh, spostatela e sollevatela, aye yeo,
oh dai, che la sistemeremo, aye yeo!
agguanta, agguanta, aye yeo,
dà volta il tirante, aye yeo,
dai volta bene, aye yeo!
alate tutti assieme, aye yeo,
il vecchio tirante del capone, aye yeo,
Poi date volta tutti alla caviglia, aye yeo!

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=129532
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=27618
http://www.jsward.com/shanty/cheerily_man/index.html
http://www.jsward.com/shanty/cheerily_man/colcord.html

BLOW, BULLIES, BLOW

Blow Bullies Blow, conosciuta anche con il titolo di “Blow boys blow”, “The Yankee Clipper” e “Congo River” è un canto marinaresco (sea shanty, una tipica halyard shanty in italiano canzone per alaggio – per manovrare le velature della nave ad esempio) classificabile sostanzialmente in due principali filoni testuali.
Dalle note di accompagnamento all’album “Blow Boys, Come Blow Together” di Keith Kendrick (2011) leggiamo “Among the collectors, and all of them give versions of this shanty, there seems to be a consensus that this shanty started life somewhere in the slave trade and the Congo River—which appears in many versions—and only subsequently became used with the general theme of the Yankee packet ships and their harsh discipline. Hugill, however, thinks that “although some authorities seem to think it started its career in the Guinea slaving trade, the possibility that it started in the Packet trade (about 1813) is stronger.” If that is the case, then ‘the embargo’ would be the 1812 military embargo and not the slave-trade embargo of 1800.In terms of text, Hugill gives “three patterns: 1) The Guinea Slaver; 2) The Bucko Ship (Yankee China Clipper); 3) Harry Tate Ship (English skit on Yankee packet).” Short’s verses are effectively for the second pattern and we have taken lines to complete Short’s couplets from other versions of that set. Short used several of the stanzas usually associated with Hugill’s ‘Guinea Slaver’ pattern for his version of Shallow Brown.”

black-ball

VERSIONE YANKEE CLIPPER

Tea clipper o Yankee packet è una nave veloce  il cui commercio principale è il tè importato dalla Cina. Agli inizi Ottocento per i traffici mercantili si richiedono navi sempre più veloci e non più “armate” come nel secolo precedente (epoca di galeoni, vascelli e fregate): navi addette principalmente al trasporto delle merci, ma senza tanti fronzoli e con più vele per andare sempre più veloci.
I clipper  percorrevano le due rotte commerciali più importanti : Cina – Inghilterra per il tè e Australia – Inghilterra per la lana; il prezzo più vantaggioso veniva fissato dalla prima nave che raggiungeva il porto ed ecco il motivo della gara sulla velocità, perché la prima nave ad attraccare era quella che spuntava il prezzo più alto. Inevitabile la concorrenza tra i clipper inglesi e quelli americani.

A CUP OF TEA

L’uso del tè ha avuto, in Cina, grande diffusione fin dai tempi più antichi estendendosi dalle rive del Mar Giallo in tutto l’impero con un infuso che intendeva correggere la fangosa e malsana acqua dei fiumi. Se ne sentiva a parlare in Europa già nel 1500 come panacea, ma è nel 1600 che arrivano quantità ragguardevoli da Macao per opera degli Olandesi. Con la fine della guerra dell’oppio del 1842 comin­ciavano le regolari esportazioni in Occidente, ed erano gli Americani a portare inizialmente il tè in Inghilterra facendosi attivissimi sulla piazza di Londra. La Casa inglese Black Ball Line si dimostrava presto interessata e due ditte specializzate cominciarono ad ordinare velieri veloci ai cantieri di Aberdeen, con pieno successo. Veniva superata una vecchia legge fiscale (la “tonnage law”) causa di certe arretra­tezze costruttive e gli Americani perdevano presto la prevalenza. I loro velieri, infatti, costruiti con legname meno resistente dei velieri inglesi non potevano sopportare eccessive forzature veliche imposte dalle traversate veloci. Dal 1853 al 1870 i cantieri di Aberdeen, Geenock, Glasgow, Guernesey, Liverpool, Londra e Sunderland vararono circa cento clipper i cui nomi sono entrati nella storia della marineria inglese.   (tratto da qui)

In questo canto marinaresco lo shantyman ci va pesante con gli insulti al capitano e al primo ufficiale “Gli shanty possono anche fornire ai marinai un mezzo per esprimersi senza paura di punizioni. Un buono shantyman, nel cantare certe canzoni, spesso riesce a fare satira sui superiori, con un linguaggio tanto diretto quanto efficace. Egli sceglie i punti deboli, fisici e morali del capitano o di uno degli ufficiali, consapevole che la responsabilità ricade unicamente sulle sue spalle, e nessun altro corre seri rischi d’essere punito, il coro, su cui si basa l’azione del lavoro, infatti, non è coinvolto, essendo ripetitivo e senza variazioni.” (Italo Ottonello) La disciplina a bordo era molto severa e alcune compagnie, come la Black ball line) erano rinomate per la crudeltà dei loro ufficiali.

ASCOLTA Peter Webster
ASCOLTA
Phil Beer (in un’ulteriore variante testuale)

A Yankee(1) ship comes down the river
Blow, boys, blow(2)!
a Yankee ship and a Yankee skipper,
Blow, my bully(3) boys, blow!
And how do you know that she’s a yankee clipper(4)?
Her masts and yards they shine like silver.
And who do you think is the captain of her?
Oh, it’s Bully Haines(5), th’ hoodlum scoffer(6).
And who do you think is the mate aboard her?
Santander James is the mate aboard her.(7)
Santander James, he loves us sailors.
Yes he does, like hell and blazes(8).
Santander James, he’s a rocket from hell(9) boys.
He’ll ride you down as you ride the spanker(10).
Blow, boys, blow – the sun’s drawing water.
Three cheers for the cook and one for his daughter.
Oh, blow ye winds(11). I long to hear you.
Oh, blow ye winds. I long to hear you.
TRADUZIONE ITALIANO
Una nave yankee (1) discende il fiume
forza(2), ragazzi, forza!
Una nave yankee e un capitano yankee
forza, miei bravacci(3), forza!

Come sapete che si tratta di un clipper yankee (4)?
Perchè albero e pennoni brillano come l’argento.
Chi pensate che sia il suo capitano?
E’ “Bully” Haines(5) un bandito ingordo.
Chi pensate che sia il suo primo ufficiale?
Santander James è il suo primo ufficiale.
Santander James ama noi marinai
come fossimo tizzoni ardenti(8).
Santander James è una scheggia d’inferno(9), ragazzi
Ti calpesterà mentre ali la randa(10)!
Il sole sta calando nel mare,
tre evviva per il cuoco e uno per sua figlia.
Tirate forte(11), vorrei sentirvi..

NOTE
1) la Terra Yankee corrisponde alla Nuova Inghilterra, e yankees sono detti i suoi abitanti. Sembra che il termine sia la corruzione indiana del francese anglais.
2) il verbo to blow significa sia colpire che soffiare; ci si aspetterebbe un “pull” o “haul” ma trattandosi di velature potrebbe essere un incitazione perchè si alzi il vento. Ma anche nel significato di colpire, come monito della dura disciplina che vigeva sulle navi. Del resto in termini colloquiali anche in italiano “suonargliele” a qualcuno significa picchiarlo per bene!
3) bully aveva in passato un significato positivo
4) CLIPPER: nave a vela, con spiccate attitudini per la velocità (arrivavano anche a 18 nodi), usata tra gli anni venti e la fine del XIX secolo, per lunghi percorsi con carichi pregiati (tè con la Cina, lana con l’Australia, passeggeri come postali) clipper packets — i postali che con regolarità attraversavano l’oceano atlantico —in particolare i Black Baller , i postali della American Black Ball line, che derivava il nome dalla sua bandiera rossa con un disco nero al centro. Erano navi molto veloci e il percorso dall’Inghilterra all’America (tratta Liverpool – New York), per lo più contro vento, durava quattro settimane, mentre il ritorno, con il vento a favore, poteva durare meno di tre settimane. Il nome “packet” deriva dal fatto che i clipper svolgevano la funzione di “postini” ovvero trasportavano la corrispondenza tra le due sponde dell’Atlantico o anche tra Inghilterra-Australia (altro continente pieno di coloni inglesi, scozzesi e irlandesi)
5) il soprannome di Bully dato al capitano è da intendersi qui nel significato negativo di bullo, persona prepotente e crudele, non per niente era conosciuto come “Bully Hayes, the Down East bucko.” 
6) in altre versioni è Old Holy Joe, the darky lover.
7) in altre versioni “a bowery tough that’s never sober
8) la traduzione è a senso più che letterale
9) a tal proposito Italo Ottonello riporta due citazioni Scriveva, si sfogava a scrivere, e schizzava fuoco dalla penna, schegge d’inferno; poi s’arrabbiava, poveretto” (L. Pirandello)
Il cavallo scartava nervoso, quando il carico gemeva con la sua voce metallica, come se fosse consapevole di trasportare schegge d’inferno.” «Apritela porta … (G. Leoni)
10) spanker= randa è la prima (ed oggi praticamente l’unica) vela dell’albero di maestra, ovvero l’albero più importante di una barca, nei vascelli ottocenteschi a vele quadrate era la vela inferiore dell’albero di maestra, la vela quadrata più grande di tutto il vascello. Nella velatura moderna con le vele triangolari è posizionata a poppavia dell’albero di maestra e attaccata all’albero maestro in un’apposita canaletta. La base della randa è mantenuta tesa dal boma. Alare (verbo) dal francese haler. In marina, compiere una manovra di alaggio. Generalmente, tirare una cima, un cavo.
11) l’espressione richiama il soffiare dentro uno strumento come la cornamusa

Di questa versione esistono molte varianti che sono simili alla versione Yankee packet (vedi)

continua seconda parte 

FONTI
http://www.cherini.eu/cherini/Marineria/Index.htm
http://www.phrases.org.uk/bulletin_board/20/messages/1096.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=17013 http://www.jsward.com/shanty/blow_boys_blow/shay.html http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/blowboysblow.html http://www.contemplator.com/sea/blowboys.html http://www.acousticmusicarchive.com/blow-boys-blow-chords-lyrics
http://www.kinglaoghaire.com/site/lyrics/print.php?id=83 http://www.musicanet.org/robokopp/shanty/congoriv.htm http://www.musicanet.org/robokopp/shanty/blowboys.htm http://www.contemplator.com/sea/blowboys.html http://www.8notes.com/scores/3589.asp

WHISKEY JOHNNY

Sottotitolato “Whiskey is the life of man”, Whiskey Johhny è una sea shanty  diventata popolare anche nel circuito folk. Dato il tema non poteva diventare che una favorita drinking song irlandese!

A.L. Lloyd commenta nelle note “This halyard shanty was most often sung when the men were working aft near the skipper’s quarters, in the enduring hope that his heart might melt, and he would order a tot for all hands.” (Blow Boys Blow 1957).
Per alare la cima all’unisono i marinai si distendono lungo la drizza trascinano all’unisono la parola Whisky! fino a Whiski-i-i-i. alla successiva, John-ny! Enfatizzata come un segnale, la squadra ala con tutte le forze maglione guernseyriunite, iniziando a sollevare il pennone lungo l’albero, trascinando con sè la vela.” (da Italo Ottonello)

 

ALTRI TITOLI: Whisky Johnny, Whisky for my Johnny, Whiskey O, Whiskey oh and Johnny oh, John, Rise Her Up, Rise’r Up, Rise Me Up From Down Below

ASCOLTA da Assassin’s Creed


Whiskey(1) is the life of man,
Whiskey, Johnny(2)!
O, whiskey is the life of man,
Whiskey for my Johnny O!
O, I drink whiskey when I can(3)
Whiskey from an old tin can(4),
Whiskey gave me a broken nose!
Whiskey made me pawn my clothes,
Whiskey drove me around Cape Horn(5),
It was many a month when I was gone,
I thought I heard the old man say:
“I’ll treat my crew in a decent way(6)
A glass of grog(7) for every man!
And a bottle for the Chantey Man”
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
Whiskey(1) è la vita dell’uomo,
Whiskey, marinaio!(2)
Whiskey è la vita dell’uomo,
Whiskey, per il mio marinaio!
Oh bevo whiskey a più non posso(3)
Whiskey da una vecchia lattina(4)
per il Whiskey mi sono rotto il naso
per il Whiskey ho impegnato i vestiti
il Whiskey mi ha portato a Capo Horn(5)
e sono molti mesi che sono partito.
Credo di aver sentito il capitano dire:
“Tratterò bene l’equipaggio(6)
Un bicchiere di grog(7) per ogni uomo
e una bottiglia per il cantante”

NOTE
1) Gli Irlandesi si attribuiscono l’invenzione del whiskey partendo nientemeno che da San Patrizio che, nel V sec, avrebbe portato dal suo viaggio in Terra Santa l’alambicco, all’epoca utilizzato per distillare solo i profumi, e convertito dai monaci irlandesi in divina macchina per produrre l’Uisce Beathe (in gaelico) ossia “l’acqua di vita”, dal latino “aquavitae” pronunciata come “Iish-kee” e inglesizzato a partire del XII secolo in whisky. Fu sempre un monaco, San Colombano, a insegnare i segreti della distillazione agli Scozzesi. Tuttavia gli Scozzesi si ostinano a dire che loro distillavano già tre secoli prima della nascita di Cristo! Così whiskey è il termine più appropriato per indicare il whisky irlandese. (vedere le differenze)
2) Il marinaio per antonomasia è  Johnny una nota in contemplator.com che dice “The name John was used from the time of Packet Ships for merchant seamen and particularly for mariners from Liverpool.”
3) Joanna Colcord in Songs of American Sailormen, scrive “I’ll drink whiskey while I can,”
4) si riferisce all’alambicco rudimentale con cui si  distilla whisky illegale. Al poitin (come dicono gli irlandesi) si attribuiscono poteri di guarigione da tutti i mali (utilizzato più comunemente come digestivo o per la cura del raffreddore), è considerato più genericamente un elisir  contro l’invecchiamento, ma il suo scopo principale è quello di “deliziare il cuore” o più   poeticamente “bring a shock of joy  to the blood” ( in italiano: “dare una scossa di gioia al sangue”).
5) il marinaio si è ubriacato ed è stato arruolato a forza oppure ha finito i suoi soldi e ha ripreso il mare. Un vero peccato per un così appassionato amante di whisky perchè sulle navi si beveva rum (diluito con acqua)!
6) capitano e ufficiali facevano rispettare una dura disciplina a bordo delle navi, ma da loro dipendevano i premi consistenti soprattutto in razioni extra di grog!
7) grog
: colloquiale termine usato in Irlanda come sinonimo di drinking; è un termine molto antico e ha il significato di “liquore” o “bevanda alcolica”, ma nello specifico è una bevanda introdotta nella Royal Navy nel 1740, dopo la conquista britannica della Giamaica: ai marinai venivano date varie razioni giornaliere di rum diluito con l’acqua. continua

WHISKEY, O (JOHN, RISE HER UP)

Una seconda versione ha un coro che si sviluppa su più versi e viene ripetuto dopo ogni due frasi dello shantyman; la versione, resa popolare da Louis Killen e i Clancy Brothers, si presenta in un’infinità di varianti

ASCOLTA The Clancy brothers & Tommy Makem

Whiskey is the life of man
Always was since the world began
Whiskey, O, Johnny, O
Rise her up from down below.
Whiskey, whiskey, whiskey, O
Up aloft this yard must go,
John rise her up from down below.
Now whiskey made me pawn me clothes
And whiskey gave me a broken nose
Now whiskey is the life of man
Whiskey from an old tin can
I thought I heard the first mate say
I treats me crew in a decent way
A glass of whiskey all around
And a bottle full for the shanty man
TRADUZIONE  CATTIA SALTO
Il Whiskey è la vita dell’uomo,
da che mondo è mondo
Whiskey, marinaio!
Issala in alto.
Whiskey, whiskey, whiskey
in alto questo pennone (8) deve andare
John portala (9) su dal basso.
per il Whiskey ho impegnato i vestiti
per il Whiskey mi sono rotto il naso
Il Whiskey è la vita di un uomo,
Whiskey da una vecchia lattina
Credo di aver sentito il primo ufficiale dire:
“Tratterò bene l’equipaggio
Un bicchiere di whisky per tutti
e una bottiglia piena per il cantante”

NOTE
8) yard= pennone; è l’asta orizzontale messa in croce con l’albero che regge le vele e prende il nome dalla relativa vela.
9) si riferisce alla vela trascinata in alto con il pennone

LA VERSIONE FOLK

e così diventa una canzone d’intrattenimento ..

ASCOLTA Bob Roberts in Sea song and shanties 1950

ASCOLTA Michael Gira in “Son of Rogues Gallery – Pirate Ballads, Sea Songs & Chanteys” 2013


O whisky is the life of man
Whisky—Johnny
O I’ll get whisky where I can
Whisky for me Johnny
O whisky here and whisky there,
Whisky—Johnny
O I’ll get whisky everywhere
Whisky for me Johnny
O whisky made me pawn my clothes
And whisky gave my this red nose
O whisky killed my poor old dad
And whisky drove my mother mad
O whisky hot and whisky cold
O whisky new and whisky old
O whisky up and whisky down
O whisky all around the town
O champagne’s good and rum is free
But whisky’s good enough for me
TRADUZIONE Cattia Salto
Il whisky è la vita dell’uomo
Whisky – marinaio
e avrò whisky a go-go
whisky per me marinaio
whisky qui e whisky là
Whisky — marinaio

ci sarà whisky ovunque
whisky per me, marinaio
per whisky ho impegnato i vestiti
e il whisky mi ha dato questo naso rosso
il whisky ha ucciso il mio povero babbo
e ha fatto impazzire mia madre
whisky caldo e whisky freddo
whisky giovane e whisky invecchiato
whisky su e whisky giù
whisky per tutta la città.
Lo champagne è buono e il rum è gratis,
ma il whisky è il meglio!

…e una irish song
ASCOLTA Gaelic Storm – Whiskey Johnny in The Boathouse che riprende in gran parte la versione dei Clancy Brothers (1973)


Whiskey-o, Johnny-o
Rise her up from down below
I
Oh whiskey is the life of man
Always was since the world began
O whiskey made me pawn me clothes
And whiskey gave me a broken nose
Chorus
Whiskey-o, Johnny-o
Rise her up from down below
Whiskey, whiskey, whiskey-o
Up aloft this yard must go
John rise her up from down below
II
O whisky killed my poor old dad
And whisky drove my mother mad
III
Whiskey from an old tin can(4)
Oh whiskey for the celtic man
Whiskey here whiskey there
whiskey almost everywhere
IV
I thought I heard the first mate say
I treats me crew in a decent way(6)
whisky up and whisky down
A glass of whiskey all around
V
Oh whiskey is the life of man
Always was since the world began
TRADUZIONE CATTIA SALTO
Whiskey, marinaio
issala su
I
Oh Whiskey è la vita dell’uomo,
da quando il mondo ha avuto inizio
per il Whiskey ho impegnato i vestiti
per il Whiskey mi sono rotto il naso
CORO
Whiskey, marinaio!
issala su
Whiskey, Whiskey, Whiskey,
in alto questo pennone deve andare
John portala su.
II
Il whisky ha ucciso il mio povero babbo
e ha fatto impazzire mia madre
III
Whiskey da una vecchia lattina(4)
whiskey per il celtico
whisky qui e whisky là
whisky dappertutto
IV
Credo di aver sentito il primo ufficiale dire:
“Tratterò bene l’equipaggio”(6)
Whisky su e whisky giù
un bicchiere di whisky per tutti
V
Whisky è la vita dell’uomo
così è da che mondo è mondo

FONTI
http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/whiskeyjohnny.html
http://www.jsward.com/shanty/WhiskeyJohnny/colcord.html
http://shanty.rendance.org/lyrics/showlyric.php/whiskey2
http://www.kinglaoghaire.com/lyrics/330-whiskey-is-the-life-of-man
http://anitra.net/chanteys/whiskey.html

BLOW THE MAN DOWN

Blow the man down nel gergo marinaro significa picchiare sodo fino a far cadere a terra il malcapitato, in genere bastavano i pugni ma all’occorrenza i marinai maneggiavano una caviglia o un’aspa d’argano.

Esistono una grande varietà di testi di questa halyard shanty, tutti sulla stessa melodia, che dopo la versione alla Braccio di ferro è diventata anche una canzone per bambini! Si distinguono tuttavia tre temi principali.

black-ball

PRIMA VERSIONE: BLOW THE MAN DOWN

La versione più antica è quella in cui gli “allegri” marinai novellini si accorgono presto del clima duro e violento sulle Black Baller.
Come dice Hugill ” Chief Mates in Western Ocean ships were known as “blowers”, second mates as “strikers”, and third mates as “greasers.”
Packets and Blowers
A Packet ship was one which had a contract to carry packets (formerly “paquettes”) of mail. The earliest and most famous transatlantic packet route was the Liverpool service, started in 1816 by the Black Ball Line, with regular departures from New York on the 1st and 16th of every month without fail, regardless of weather or other inconveniences. These early ships of 300 to 500 tons averaged 23 days for the eastward voyage and 40 days to return westward. Cabin passengers were usually gentlefolk of good breeding, who expected to find courtesy and politeness in the captains with whom they sailed. Packet captains were remarkable men, hearty, bluff, and jovial, but never coarse, always a gentleman.
The mates, on the other hand, had no social duties to distract their attention, and devoted their time and energies to extracting the very maximum of performance from both their vessel and its crew, so it is no surprise that it was on board the Black Ball liners that “belaying pin soup” and “handspike hash” first became familiar items of the shipboard regime. A hard breed of sailor was required to maintain the strict schedules whatever the weather, and it took an even harder breed of mate to keep this rough and ready bunch in some sort of order. If all else failed then then Rule of the Fist applied: to “blow a man down” was to knock him down with any means available – fist, belaying pin, or capstan bar being the weapons most often preferred. (tratto da qui)


VERSIONE in “Capstan Bars” di David Bone 1932
CHORUS
oh! Blow the man down, bullies.
Blow the man down W-ay! hey?
Blow the man down!
Blow the man down bullies.
Blow him right down,
give us the time and we’ll blow the man down!
Come all ye young fellers that follows the sea.
W-ay! hey? Blow the man down!
I’ll sing ye a song if ye’ll listen t’ me.
Give us the time an’ we’ll blow the man down!
‘Twas in a Black Baller I first served my time.
and in a Black Baller I wasted my prime.
‘Tis when a Black Baller’s preparin’ for sea.
Th’sights in th’ fo’ cas’le(1) is funny t’ see
Wi’ sodgers (2) an’ tailors an’ dutchmen an’ all,
As ships for prime seamen(3) aboard th’ Black Ball.
But when th’ Black Baller gets o’ th’ land
it’s then as ye’ll hear th’ sharp word o’ command.
oh! it’s muster ye sodgers an’ tailors an’ sich.
an’ hear ye’re name called by a son of a bitch.
it’s “fore-topsail halyards”(4), th’ Mate(5) he will roar.
“oh, lay along smartly you son of a whore”.
oh, lay along smartly each lousy recroot.
Wor it’s lifted ye’ll be wi’ th’ toe of a boot.
TRADUZIONE ITALIANO DI ITALO OTTONELLO
CORO
Buttate giù l’uomo, ragazzi. abbattetelo
Buttate giù l’uomo! W-ay! hey?
Buttate giù l’uomo!
Abbattete l’uomo, ragazzi.
Buttatelo giù
all’occasione abbatteremo l’uomo!

Venite tutti, voi giovani che andate per mare
W-ay! hey? Buttate giù l’uomo!
Se mi ascolterete vi canterò una canzone
all’occasione abbatteremo l’uomo!

Fu su un Black Baller il mio primo imbarco
e su un Black Baller sprecai la gioventù
Quando il Black Baller si appresta a salpare
è divertente dare uno sguardo all’equipaggio nel castello(1)
Con soldataglia, sarti, olandesi e tutto il resto
imbarcati da novellini(3) sul Black Ball
Ma quando il Black Baller lascia la terra
allora udrete l’aspra parola di comando
voi soldati, sarti e simili, sarete riuniti per udire
il vostro nome chiamato da figli di buona donna
“la drizza di parrocchetto(4)”, griderà il “primo(5)”
“Su arriva sparato, figli di p……a
vada arriva sparato ogni pidocchioso novizio.
o ci sarà fatto arrivare dalla punta di uno stivale”

NOTE
1) Sui velieri il cassero si estende dalla poppa fino all’albero di mezzana. La sua parte prodiera, dotata di ringhiera, costituisce il ponte di comando della nave a vela. Lo spazio coperto dal cassero è solitamente destinato agli alloggi. Il castello (forecastle) è il “locale equipaggio”, che ha conservato tale denominazione anche quando l’equipaggio dormiva in tuga. Quindi prora>castello>equipaggio mentre poppa>cassero>ufficiali. In merito Italo Ottonello cita Ishmael, il protagonista di Moby Dick, secondo il quale “il commodoro sul cassero riceve di seconda mano l’aria dai marinai del castello“.
2) sodger variante di soldier è usato come insulto nel senso di imboscato, scansafatiche, uno che cerca sempre di sfuggire al lavoro, che quando c’è da lavorare, si allontana o si ritira
3) gli inesperti e i novellini sono buoni solo per le facili manovre
4) fore-topsail halyards= Drizza: cavo con funzione di sollevamento (di pennone, di fiocco, di picco). Parrocchetto: secondo pennone a partire dal basso dell’albero di trinchetto e nome della vela relativa. Trinchetto: l’albero prodiero di un veliero a più alberi
5) Mate= il primo ufficiale

ASCOLTA The Seekers


Come all ye young fellows that follow the sea
To me weigh hey blow the man down
And pray pay attention and listen to me
Give me some time to blow the man down
I’m a deep water sailor just in from Hong Kong
If you’ll give me some rum I’ll sing you a song
T’was on a Black Baller I first spent my time
And on that Black Baller I wasted my prime
T’is when a Black Baller’s preparing for sea
You’d split your sides laughing at the sights that you see
With the tinkers and tailors and soldiers and all
That ship for prime seamen onboard a Black Ball
T’is when a Black Baller is clear of the land
Our boatswain then gives us the word of command
“Lay aft” is the cry “to the break of the poop
Or I’ll help you along with the toe of my boot”
T’is larboard and starboard on the deck you will sprawl
For Kicking Jack Williams commands the Black Ball
Aye first it’s a fist and then it’s a pall
When you ship as a sailor aboard the Black Ball
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Venite tutti, giovani compagni che andate per mare,
con me, W-ay! hey? Buttate giù l’uomo!
State attenti e ascoltatemi
all’occasione abbatterò l’uomo!
Sono un marinaio d’alto mare appena arrivato da Hong Kong
e se mi darai del rum ti canterò una canzone
Fu su un Black Baller il mio primo imbarco
e su un Black Baller sprecai la gioventù
Quando il Black Baller si appresta a salpare
è divertente dare uno sguardo all’equipaggio nel castello
con calderai, sarti, soldati e tutto il resto
imbarcati da novellini sul Black Ball
Ma quando il Black Baller lascia la terra
allora udrete l’aspra parola di comando
“andate a poppa” è il grido
“o vi farò arrivare a poppa dalla punta del mio stivale”
e a babordo e a tribordo sul ponte si ammucchieranno
perchè ” Kicking” Jack Williams comanda il Black Ball
si prima sono pugni e poi funerali
quando navighi come marinaio a bordo del Black Ball

SECONDA VERSIONE: BLOW THE MAN DOWN

La seconda versione racconta la storia di un flying-fish sailor appena sbarcato a Liverpool da Hong Kong, scambiato da un poliziotto per un “blackballer” e insultato o quantomeno apostrofato in malo modo. Il marinaio reagisce gettando il poliziotto a terra con un pungo e ovviamente finisce in prigione per qualche mese.

ASCOLTA Stan Hugill in Pusser’s Rum Sailing


I’ll sing you a song if you give some gin
To me wey-hey, blow the man down
….. down to the pin
Gimme some time to blow the man down
As I was rolling down Paradise street(1)
a big irish scuffer boy (2) I chanced for to meet,
Says he, “You’re a Blackballer from the cut of your hair(3);
you’re a Blackballer by the clothes that you wear.
“You’ve sailed in a packet that flies the Black Ball,
You’ve robbed some poor Dutchman of boots, clothes and all.”
“O policeman, policeman, you do me great wrong;
I’m a `Flying Fish’ sailor(4) just home from Hongkong!”
So I stove in his face and I smashed in his jaw.
Says he, “Oh young feller, you’re breaking the law!”
They gave me six months in Liverpool town
For bootin’ and a-kickin’ and a-blowing him down.
We’re a Liverpool ship with a Liverpool crew
A Liverpool mate(5) and a Scouse(6) skipper too
We’re Liverpool born and we’re Liverpool bred
Thick in the arm, boys, and thick in the head
Blow the man down, bullies, blow the man down
With a crew of hard cases(7) from Liverpool town
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Vi canterò una canzone se mi date del gin
con me, W-ay! hey? Buttate giù l’uomo!
(incomprensibile)
all’occasione abbatterò l’uomo!
Mentre veleggiavo per Paradise street(1)
ebbi la ventura di incontrare un poliziotto irlandese(2)
Dice “Sei un Blackballer per il taglio dei capelli(3)
e per i vestiti che porti.
Hai navigato su un postale Balck Ball,
e hai derubato qualche povero olandese
di stivali vestito e altro.”
“Poliziotto ti sbagli:
sono un “pesce volante”(4) appena arrivato da Hong Kong”.
Così lo colpisco in faccia e gli fracasso la mascella
dice” giovanotto stai infrangendo la legge”.
Mi diedero sei mesi a Liverpool
per averlo pestato, preso a calci e steso!
Siamo una nave di Liverpool con una ciurma di Liverpool,
un primo(5) di Liverpool e un comandante mangia-stufato(6).
Siamo nati a Liverpool e cresciuti a Liverpool,
forti di braccia e di testa.
Buttate giù l’uomo, ragazzi, abbattetelo
con una ciurma di casi difficili(7) dalla città di Liverpool

NOTE
1) Paradise street, una mitica strada di Liverpool il cui nome è tutto un programma, molto frequentata dai marinai
2) anche sassy policeman oppure big Irish copper: scuffer è un termine tipicamente ottocentesco per poliziotto
3) tutti i marinai della Black Baller line portavano i capelli tagliati corti
4) Secondo Hugill un flying-fish sailor è un marinaio ” who preferred the lands of the East and the warmth of the Trade Winds to the cold and misery of the Western Ocean
5) primo ufficiale
6) scouse è un termine usato dalla gente di Liverpool che è anche il nome dato al dialetto locale. In origine nasce proprio dalle abitudini dei marinai di Liverpool di mangiare lo stufato di agnello e verdure derivata probabilmente dal norvegese “skause”. Si riferisce alla parlata inglese tipica degli irlandesi immigrati
7) hard cases: una persona dura, poco accomodante, difficile da tenere sotto controllo e arrogante

TERZA VERSIONE: BLOW THE MAN DOWN

000brgcfLa versione più diffusa è quella in cui il protagonista incontra invece in Paradise street una giovane “damigella”  a volte paragonata a una nave nella quale, sempre metaforicamente, egli si vorrebbe imbarcare, e finisce immancabilmente lungo disteso a terra (dal bere o dal colpo ben assestato dal “compare” di lei).
Il risveglio è amaro, perchè il malcapitato si trova imbarcato a forza su una nave (a volte più genericamente un Yankee clipper o un packet, ma anche un Black Ball)

ASCOLTA da the Haunted Saloon

I’ll sing you a song, a good song of the sea
Way – hey, blow the man down.
I trust that you’ll join in the chorus with me;
Give me some time to blow the man down.
Chorus
Blow the man down, bully, blow the man down;
Way – hey, blow the man down.
Blow the man down, boys, from Liverpool town;

Give me some time to blow the man down.

As I was a-walking down Paradise street(1)
A handsome young damsel I happened to meet
At the pub down on Lime street I then went astray
I drank enough stout(2) for to fill Galway Bay
The next I remember I woke in the dawn
On a tall Yankee clipper that was bound round Cape Horn.
Come all ye young fellows who follow the sea
Beware of the drink whenever it’s free
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Vi canterò una canzone una bella canzone del mare
con me, W-ay! hey? Buttate giù l’uomo!
e confido che vi unirete con me nel coro
all’occasione abbatterò l’uomo!
CORO
Buttate giù l’uomo, ragazzi. abbattetelo
W-ay! hey? Buttate giù l’uomo!
Abbattete l’uomo, ragazzi di Liverpool
all’occasione abbatterò l’uomo!
Mentre passeggiavo per Paradise street(1)
ebbi la ventura di incontrare una bella damigella
allora mi fiondai dritto nel pub di Lime Street
e bevvi abbastanza stout(2) da riempire la Baia di Galway.
Al mio risveglio all’alba,  ero imbarcato
su un clipper americano diretto a Capo Horn.
Venite tutti voi, giovani compagni che andate per mare
attenti alle bevande soprattutto quando sono gratis

NOTE
1) Paradise street, una mitica strada di Liverpool il cui nome è tutto un programma, molto frequentata dai marinai
2) birra scura

ASCOLTA Woody Guthrie Songs of American Sailormen, Joanna Colcord


As I was out walkin’ down Paradise street(1),
To me way, hey, blow the man down!
A pretty young damsel I chanced for to meet,
Give me some time to blow the man down!
She was round in the counter and bluff in the bow,
So I took in all sail and cried “way enough now”(2)
I hailed her in English, she answered me clear
“I’m from the Black Arrow bound to the Shakespeare”
So I tailed her my flipper(3) and took her in tow
And yard-arm to yard-arm(4), away we did go
But as we were a-going she said unto me
“There’s a spankin’ full rigger(5) just ready for sea”
That spankin’ full rigger to New York was bound
She was very well mannered and very well found
But as soon as that packet was clear of the bar(6)
The mate knocked me down with the end of a spar(7)
As soon as that packet was out on the sea
‘Twas devilish hard treatment of every degree
So I give you fair warning before we belay
Don’t never take heed of what pretty girls say.
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Mentre passeggiavo per Paradise street(1)
con me, W-ay! hey? Buttate giù l’uomo!
ebbi la ventura di incontrare
una bella e giovane damigella
all’occasione abbatterò l’uomo!
Era tonda a poppa e dritta a prua
così ammainai tutte le vele e gridai “Tira i remi in barca”(2)
La salutai in inglese e lei mi rispose in modo comprensibile
“Sono della Black Arrow imbarcato sulla Shakespeare”
Così la legai alla mia barca a motore(2)  e la presi a rimorchio
e vicini-vicini (3) siamo andati al largo
ma mentre stavamo andando lei mi disse
” C’è una rigger(4) nuova di zecca pronta per il mare”
Quella rigger nuova di zecca era in partenza per New York
si dava un contegno ed era ben messa
ma non appena quel postale ebbe superato la barra(5)
il primo ufficiale mi stese con una legnata(6)
non appena il postale fu al largo
iniziarono i dannati maltrattamenti di ogni tipo.
Così vi do un buon avvertimento, prima di arruolarvi
non date mai retta a quello che dicono le belle ragazze

NOTE
1) Paradise street, una mitica strada di Liverpool il cui nome è tutto un programma, molto frequentata dai marinai
2) way enough now deriva da un’espressione marinaresca Weigh enough – Take the stroke, put the blades on the water and relax. “Weigh enough” (or “Wain…’nuff”, or “Way enough”) (USA) The command to stop what ever the rower is doing, whether it be walking with the boat overhead or rowing. Mi viene da tradurre con un’espressione idiomatica italiana  “Tira i remi in barca”: il marinaio alla vista di cotale bellezza subito si ferma per parlarle, ovvero l’abborda!!
3) flipper= barca a motore
4) yard-arm to yard-arm letteralmente da pennone a pennone in italiano potrebbe essere equivalente all’espressione vicini-vicini
5) rigger? come termine nautico significa attrezzature, ma qui è chiaramente riferito alla nave: più sotto la nave viene chiamata packet
6) La barra del fiume (la Mersey dato che si parla di Liverpool) così uscendo in mare aperto.
7)  Italo Ottonello traduce “il primo ufficiale mi stese con una legnata” e precisa: dorma o droma, l’insieme delle parti di rispetto per alberi, pennoni ed aste varie. In questo caso (end of a spar), un pezzo asta della dorma.

BLOW THE MAN DOWN: VARIANTE CARAIBICA

Due varianti dalle isole Nevis e Carriacou
ASCOLTA così annotato: “The variation from Nevis, with its repeated phrase “in the hold below”, suggests the song was once associated with stevedores loading cargo. This is fascinating, because it is consistent with (my reading of the) evidence that “Blow the Man Down” was initially a stevedore song, in which the act of blowing “the man down” was perhaps a metaphor for stowing each piece of cargo. Also, the many variations, “hit,” “knock,” “kick,” “blow” are consistent with other historical data that “knock a man down” was an/the early form. The variation was sung by Roy Gumbs and party of Nevis in 1962. Lomax recorded it, and Abrahams transcribed it in his 1974 book. The second variation is from Carriacou. It refers to a vessel named _Cariso_. It was sung by Daniel Aikens and chorus in 1962.”

FONTI
http://shanty.rendance.org/lyrics/showlyric.php/blowdown http://www.jsward.com/shanty/btmd/
http://www.shanty.org.uk/archive_songs/blow-the-man-down.html http://www.shanty.org.uk/archive_songs/flying-fish-sailor.html http://www.acousticmusicarchive.com/blow-the-man-down-chords-lyrics
http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/blowthemandown.htm

SOME FIERCE SONGS FOR HALYARD: BULLY IN THE ALLEY

“Bully in the Alley” è un halyard shanty con origini riferibili agli schiavi neri addetti al carico e scarico delle balle di cotone nei porti (cotton screwing).
hells-pavementIl bully qui è più comunemente inteso come un marinaio ubriaco fradicio lasciato in un vicolo dai suoi compagni ancora “sobri” che passeranno a riprenderlo al momento di ritornare sulla nave.

Shinbone Alley è un vicolo di New York ma anche delle Bermuda, ma metaforicamente parlando si trova in ogni “sailor town”. Più genericamente è una indicazione esotica per i Caraibi, il vicolo di una leggendaria “città” covo dei pirati, luogo dove ogni occasione è buona per una scazzottata! (primo significato per bully). Oppure è il vicolo di una altrettanto generica cittadina portuale del continente piena di pubs e allegre donnine, dove se ti ubriachi finisci per svegliarti “arruolato” su una nave da guerra o un mercantile (secondo significato per bully). Così il nostro malcapitato innamorato di Sally invece di sposarla va per mare!
E infine un’ultima interpretazione per bully in the Alley: inteso come “very good”, o “first rate” così il nostro marinaio è il gallo del pollaio!
Secondo Stan Hugill “Bully in the Alley” è diventata un’espressione marinaresca per indicare una nave “testarda” che vuole andare nella sua direzione a dispetto dell’intenzione del timoniere

La canzone è al giorno d’oggi  tra le “pirate songs” più gettonate!

ASCOLTA in Assassin’s Creed

Chorus
Help me, Bob(1),
I’m bully in the alley,
Way, hey, bully in the alley!
Help me, Bob, I’m bully in the alley, Bully down in “shinbone al“!
I
Sally(2) is the girl that I love dearly,
Way, hey, bully in the alley!
Sally is the girl that I spliced dearly(3),
Bully down in “shinbone al
II
For seven long years I courted little Sally,
But all she did was dilly and dally(4).
III
I ever get back, I’ll marry little Sally,
Have six kids and live in Shin-bone Alley.
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
RITORNELLO
Aiutami, Signore(1), sono ubriaco nel vicolo
Via, hey, ubriaco nel vicolo
Aiutami, Bob, sono ubriaco nel vicolo
Ciucco perso a Shinbone Alley
I
Sally(2) è la ragazza che amo tanto
Via, hey, ubriaco nel vicolo
Sally è la ragazza che sposerei(3)
Ciucco perso a Shinbone Alley
II
Per sette lunghi anni ho corteggiato la piccola Sally
ma tutto quello che faceva era perdere tempo(4)
III
Non ritornerò più (in mare), mi sposerò Sally
avremo sei bambini e vivremo a Shinbone Alley

NOTE
1) qui Bob è un termine colloquiale per “God”
2) Sally ( e come diminutivo Sal) è il nome delle ragazze dei mari caraibici e del Sud America; Sally Brown è lo stereotipo della donnina dei mari caraibici, mulatta o creola con la quale il nostro marinaio di turno cerca di spassarsela.
3) anche scritto come “Spliced nearly” significa “almost married”, e tuttavia il senso si presta ad allusioni sessuali; ci sono anche versi extra ben più spinti
4) Sally era indecisa e prendeva tempo. Il termine ha origini settecentesche come gioco di parole su “dally”

ASCOLTA Morrigan

Versione testuale identica alla precedente ma con una strofa aggiuntiva prima dell’ultima di chiusura che dice:
I’ll leave Sal(2) and I’ll become a sailor,
I’ll leave Sal and ship aboard a whaler.
(traduzione italiano: Lascerò Sally e diventerò un marinaio e mi imbarcherò su una baleniera)

ASCOLTA Three Pruned Men in Rogues Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs, and Chanteys 2006.

In questa versione dopo la strofa d’inizio e il coro si ripete:


Sally got down and dirty last night,
Sally got down and she spliced(5),
The sailors left last night,
The sailors got a ball of wax(6),
Traduzione italiano
Sally ci andò pesante l’altra sera,
Sally ci diede dentro(5),
i marinai sono partiti l’altra sera
i marinai si sono beccati tutta la palla di cerume(6)

NOTE
5) in termini gergali to splice significa fare sesso (unire parti del corpo in un’attività sessuale) ma anche unire con matrimonio
6) espressione idiomatica, per far luce sull’origine This is a form of initiation of freemasons. The freemasons took it from the scarab beetle, which is said to roll a ball of earth, which is a microcosm of the universe. I believe it is thought to spring from the ancient mysteries of Egypt. There was much amateur Egyptology during the 19th and early 20th century. The ball of wax has transcendental meaning. It represents a mystery of human godlike creativity which a person aspiring to the mystery of masonic lore carries with him. In the initiation, the person was given a small ball of earwax or some such, which would represent the cosmos. Reference to this ball of wax was a secret symbol of brotherhood. (tratto da qui)

FONTI
http://terreceltiche.altervista.org/sally-brown/
http://mainlynorfolk.info/watersons/songs/bullyinthealley.html http://www.shanty.org.uk/archive_songs/bully-in-the-alley.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=31335
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=43912

SOME FIERCE SONGS FOR HALYARD

I canti alle drizze per alare le vele erano molto comuni sulle navi ottocentesche (postali, mercantili o baleniere) ..

National Maritime Museum; Supplied by The Public Catalogue Foundation
“Blackwall frigate” National Maritime Museum; Supplied by The Public Catalogue Foundation

OLD BILLY RILEY

Il canto è considerato uno dei primi sea shanties, nato probabilmente da una cotton-hoosiers song cantata dagli schiavi neri. I vascelli su cui veniva cantata erano del tipo “Blackwall frigate” una nave a tre alberi costruita tra la fine del 1830 e la metà degli anni 1870.
A.L. Lloyd nel suo album Blow Boys Blow 1957 scrive: A fierce song, made to fit the rhythm of fast pulling and quick breathing. A ‘drogher’ was a ship in the West Indies sugar trade (etymology 17th century Dutch, so I’m told). The sail would need to be light, or the occasion desperate, for men to haul at the halyards to the beat of such a fast song as Bill Riley.

E questa shanty imprime proprio un ritmo di lavoro molto veloce; la canzone ironizza su Billy Riley che è il comandante di una nave mercantile (la massima autorità sulla nave) ma viene paragonato a un maestro di ballo.

IL SARCASMO

Lo shantyman gioca sulle parole così il grado di “master” è accostato al “dancing master“, il senso è sottilmente ironico perchè il nostro capitando deve essere un tipaccio rude e autoritario quanto basta da essere al contrario paragonato a un damerino.
Il termine “master” è tuttavia poco usato anche nelle sea songs nelle quali prevale il nome di “Captain” o come nelle sea shanty quello più colloquiale di “Old man“. Altro gioco di parole tra “drogher” e “daughter” e che dire poi dei poco casti pensieri che vengono in mente all’equipaggio, rivolti alla moglie (o figlia) di Billy Riley, mentre stiva il carico nella nave ?

ASCOLTA Assassin’s Creed


Old Billy Riley was a dancing master(1).
Old Billy Riley, oh, Old Billy Riley!
Old Billy Riley’s master of a drogher(2).
Master of a drogher bound for Antigua.
Old Billy Riley has a nice young daughter(3).
Oh Missy Riley, little Missy Riley.
Had a pretty daughter,
but we can’t get at her.
Screw her up(4) and away we go, boys.
One more pull and then belay, boys
tradotto da Cattia Salto
Il vecchio Billy Riley era un insegnante di ballo(1)
Il vecchio Billy Riley è il capitano di un drogher(2)
Capitano di un drogher in partenza per Antigua.
Il vecchio Billy Riley ha una bella e giovane figlia(3).
Oh Signorina Riley, Signorinella Riley.
Ha una bella figlia, ma noi non possiamo avvicinarci.
Stiviamola(4) e poi andiamocene
Ancora un tiro e poi lasciate, ragazzi.

ASCOLTA Johnny Collins


Oh Billy Riley, Mister Billy Riley
Oh Billy Riley oh
Billy Riley, Mister Billy Riley
Oh Billy Riley oh
Old Billy Riley was a dancing master(1).
Oh Billy Riley shipped aboard a droger(2)
Oh Billy Riley wed the skipper’s daughter(3)
Oh Mrs Riley didn’t like sailors
Oh Mrs Riley had a lovely daughter
Oh Missy Riley, pretty Missy Riley
Oh Missy Riley, screw her up to Chile(4)
tradotto da Cattia Salto
Oh Billy Riley, Signor Billy Riley
Oh Billy Riley oh
Il vecchio Billy Riley era un insegnante di ballo(1)
Il vecchio Billy Riley si imbarcò su di un drogher(2)
Oh Billy Riley si sposò la figlia del capitano(3).
Oh alla Signora Riley non piacevano i marinai
Oh la Signora Riley aveva una bella figlia,
Oh signorina Riley, bella signorina Riley.
Oh signorina Riley, stiviamola(4) con allegria

NOTE
Droger1) riferito al capitano in senso ironico
2) drogher era un’imbarcazione lenta da carico per trasporti lungo la costa delle Indie Occidentali, più propriamente una barca da pesca a vela triangolare. Più in generale le Indie Occidentali per gli europei del XV secolo erano un tutt’uno con il continente americano perchè si supponeva che viaggiando verso occidente si raggiungesse India e Cina, così anche se nel 1507 Amerigo Vespucci intuì che gli Europei avevano “scoperto” un nuovo continente il termine rimase in uso per molti secoli. Così il drogher del testo si trova nei Caraibi e salpa per Antigua isola delle Piccole Antille dove si produce canna da zucchero e cotone. Credo che il termine sia usato in senso dispregiativo sempre nei confronti del comandante perchè una barca non è propriamente una nave che solca gli oceani!!
3) droger- daughter giochi di parole per assonanza che si perdono nella traduzione in italiano
4) “screw her up to Chile” un modegreen per “screw her up so cheerily”? Cheerily è una tipica espressione marinaresca per “with a will” o “quickly.” La parola screw sebbene a doppio senso ha il significato primario di “stivare”, con il significato di “tighten up” (comprimere). “Cotton was “screwed” into the hold of a ship using a kind of enormous horizontal jack”. Stan Hugill dice: “They used Jackscrews to pack the cotton into the holds of vessels, to ram them up tight and so get more in the cargo hold. Lots of negroes were used in this labour, and their chants turned into shanties when the sailors used them for other jobs, often the tune remained and the words were changed to suit Sailor John. Negroes formed a large part of the crew of some vessels, and took their chants to sea with them, and a hell of a lot of ‘white mans shanties’ had negro origins.”

FONTI
http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/oldbillyriley.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=46593 http://www.exmouthshantymen.com/songbook.php?id=92

PAYING OFF THE DEAD HORSE!!

A bordo dei vascelli a vela aveva luogo una curiosa cerimonia: un cavallo era assemblato con gli oggetti di scarto (vele usurate cucite, vecchi barili e corde usurate) e trascinato in giro per il ponte della nave; si apriva quindi un’asta con il banditore che decantava le buone qualità dell’animale, alla fine il cavallo era issato con una corda sul pennone più alto e gettato in mare, mentre veniva cantato come requiem l’ultima parte della melodia di una canzone detta “Paying off the dead horse”.
Secondo Stan HugillThe ceremony … became a rather half-hearted affair in the latter days of sail, whereas in days gone by it was a spectacular effort, particularly in the emigrant ships, and one of the best descriptions is given in Reminiscences of Travel in Australia, America, and Egypt,by R Tangye (London, 1884).”

BURYING THE DEAD HORSE

L’usanza andò di mano a mano in declino e la canzone diventò una halyard shanty. Così scrive R Tangye: “Being a month at sea the sailors performed the ceremony called ” Burying the Dead Horse,” the explanation of which is this: Before leaving port seamen are paid a month in advance, so as to enable them to leave some money with their wives, or to buy a new kit, etc., and having spent the money they consider the first month goes for nothing, and so call it ” Working off the Dead Horse.” The crew dress up a figure to represent a horse; its body is made out of a barrel, its extremities of hay or straw covered with canvas, the mane and tail of hemp, the eyes of two ginger beer bottles, sometimes filled with phosphorus. When complete the noble steed is put on a box, covered with a rug, and on the evening of the last day of the month a man gets on to his back, and is drawn all round the ship by his shipmates, to the chanting of the following doggerel: oh! now, poor Horse, your time is come; And we say so, for we know so. Oh! many a race we know you’ve won, Poor Old Man. You have come a long long way, And we say so, for we know so. For to be sold upon this day, Poor Old Man. You are goin’ now to say good-bye, And we say so, for we know so. Poor old horse you’re a goin’ to die, Poor Old Man.
Having paraded the decks in order to get an audience, the sale of the horse by auction is announced, and a glib-mouthed man mounts the rostrum and begins to praise the noble animal, giving his pedigree, etc., saying it was a good one to go, for it had gone 6,000 miles in the past month ! The bidding then commences, each bidder being responsible only for the amount of his advance on the last bid. After the sale the horse and its rider are run up to the yard-arm amidst loud cheers. Fireworks are let off, the man gets off the horse’s back, and, cutting the rope, lets it fall into the water. The Requiem is then sung to the same melody. Now he is dead and will die no more, And we say so, for we know so. Now he is gone and will go no more; Poor Old Man.
After this the auctioneer and his clerk proceed to collect the ” bids,” and if in your ignorance of auction etiquette you should offer yours to the auctioneer, he politely declines it, and refers you to his clerk!”

“Paying off the Dead Horse” si traduce in italiano come  “pagare il cavallo morto”. Il buffo nome deriva forse da una consuetudine nelle trattative tra gli allevatori: una volta che l’accordo era sancito con una stretta di mano non c’era più modo di tornare indietro anche se il cavallo moriva subito dopo. kw294114Flogging a dead horse” oppure “beating a dead horse” è entrato nei modi di dire ottocenteschi per indicare un modo di fare che non ha prospettive o sbocchi (è inutile frustare un cavallo quando è morto perchè non si risolleverà mai più).
Ma “to work (for) the dead horse” vuol dire sprecare il denaro per comprare cose inutili (come un cavallo morto). Tuttavia in gergo marinaresco il termine “Working off the Dead Horse” si riveste ancora di un ulteriore significato come ci spiega Italo Ottonello: al marinaio veniva versato un anticipo pari a tre mesi di paga al momento della firma del contratto di lavoro (che avrebbe ricevuto per intero solo alla fine dell’ingaggio prima di sbarcare dalla nave), ma a garanzia del rispetto del contratto, era erogato in forma di pagherò, esigibile tre giorni dopo che la nave aveva lasciato il porto, “sempre che detto marinaio sia salpato con detta nave”. Tutti, invariabilmente, correvano a cercare qualche ‘squalo’ compiacente che comprasse il loro pagherò ad un valore scontato, di solito del quaranta per cento, con molta parte dell’importo fornito in natura. Così dell’anticipo non restava niente, spesso prima ancora dell’imbarco, vuoi per comprare gli equipaggiamenti personali (stivali, cerate, coltelli etc che erano a carico del marinaio) oppure più comunemente scialati con donne e “drink” prima della partenza.
Così il marinaio lavorava per il primo mese per “niente” cioè per “il cavallo morto”; altri invece intendono che è il marinaio ad essere un cavallo sfruttato perchè nel primo mese sulla nave non lavora per sè, ma per i suoi creditori.
A suffragio della prima ipotesi c’è chi sostiene che un tempo il conducente di un cavallo che fosse alle dipendenze di un capo era responsabile della morte del cavallo e non avrebbe più percepito lo stipendio finchè non avesse ripagato il costo del cavallo.

Nel rituale riecheggiano antichi riti propiziatori e benaugurali come quelli del Poor Old Horse natalizio di questua nel villaggio. (continua)
Come è scritto nelle note dell’album “Farewell Nancy1964 “Till recently, at midwinter young men went round English villages with one of the gang disguised as a ram or a horse, which was put to death and resurrected in pantomime. They’d dance, sing and collect beer-money. One of the songs accompanying this ritual was Poor old horse. Taken aboard ship, it kept its ceremonial purpose. At the end of the first month at sea, when the seamen’s wages fell due, a stuffed horse was ritually dumped overboard to the accompaniment of the song. The ceremony fell into disuse, but the song lingered on as a shanty. The tune is a variant of Tom’s gone to Hilo.”

SEA SHANTY

ALTRI TITOLI: Poor old man, Poor old Horse
USO: Halyard e Long drag shanty

ASCOLTA Assassin’s Creed IV Black Flag

A poor old man came riding by.
And we say so, And we know so.
O, a poor old man came riding by,
O, poor old man.
Says I, “Old man, your horse will die.
“And if he dies we’ll tan his hide.
And if he don’t, I’ll ride him again.
And I’ll ride him ‘til the Lord knows”
He’s dead as a nail in the lamp room door(1),
And he won’t come worrying us no more
We’ll use the hair of his tail to sew our sails
and the iron of his shoes(2) to make deck nails,
Drop him down with a long long rope
Where the sharks have his body
And the devil takes his soul(3)!
tradotto da Cattia Salto
Un povero capitano arrivava a cavallo
così diciamo e così sappiamo
Un povero capitano arrivava a cavallo
povero capitano
Dico io “capitano il tuo cavallo morirà”.
“E se muore conceremo la sua pelle
e se non muore lo cavalcherò ancora
lo cavalcherò fino a quando Dio vorrà”
E’ morto come un chiodo nella bara(1)
e non verrà più a disturbarci
Useremo i peli della coda per cucire le nostre vele
e il ferro delle scarpe(2) per fare chiodi rivettati.
Calatelo giù con una lunga lunga cima
e quando gli squali avranno il suo corpo
il diavolo avrà la sua anima(3)

NOTE
1) “lamp room door” letteralmente si traduce in italiano “porta della stanza per la luce” in realtà un giro di parole un po’ complicato da tradurre in italiano e anche da capire nel suo contesto. Charles Dickens in “A Christama Carol” usa il termine door-nail per indicare che Marley è morto stecchito: “that Marley was as dead as a door-nail”. (Il vecchio Marley era proprio morto per quanto è morto, come diciamo noi, un chiodo di porta). L’espressione è molto antica usata sia da Shakespeare e ancor prima nel medioevo c. 1350. Will. Palerne: For but ich haue bot of mi bale I am ded as dorenail
But William and Mary Morris, in The Morris Dictionary of Word and Phrase Origins, quote a correspondent who points out that it could come from a standard term in carpentry. If you hammer a nail through a piece of timber and then flatten the end over on the inside so it can’t be removed again (a technique called clinching), the nail is said to be dead, because you can’t use it again. Doornails would very probably have been subjected to this treatment to give extra strength in the years before screws were available. So they were dead because they’d been clinched.” One of our traditional ceremonial sea songs, “Dead Horse Shanty,” uses the line “dead as a nail on the lamproom door.” We might assume that these nail heads were appropriately flattened. For those who are now curious to know what a “dead horse” had to do with sailors, it was a symbol of the advance pay they or their crimp received before boarding ship. So they didn’t earn any additional pay until they had worked off the “dead horse.” (tratto da qui). Più sotto in Mudcat si prosegue con le ipotesi interpretative: “In the old-time navy, you get the combination of a wooden ship and gunpowder – potentially troublesome. Especially as the gunpowder was stored down below decks where there were no windows to let in the light. Taking a lit torch or candle into the gunpowder store was frowned upon, often briefly and from a great height. The lamp-room was next to the gunpowder store, with a glass window to throw light on the powder without risk of ignition. Nails in the woodwork were also a source of risk, because if struck they could create a spark. Nails in the lamp-room door and around the powder store were ‘deadened’ by being painted over with pitch to protect from this eventuality. With people ashore living in wooden houses with thatched roofs, the practice of ‘deadening’ door nails with pitch or something similar was probably more widespread“,
2) gli zoccoli
3) altre strofe
We’ll hoist him up to the main yardarm
We’ll drop him down to the depths of the sea

We’ll sing him down with a long, long roll
Where the sharks’ll have his body
and the devil have have his soul

traduzione italiano: E noi lo isseremo al pennone più alto, lo getteremo nel fondo degli abissi. Gli canteremo una lunga nenia dove gli squali avranno il suo corpo e il diavolo avrà la sua anima

ASCOLTA Robin Holcomb Rogues Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs, and Chanteys, 2006

1. Poor old man came ridin’ along
And we say so,
And we hope so.
Poor old man came ridin’ along,
Poor old man.
2. Well poor old man your horse he must die.
3. Well thirty days have come and gone.
4. And now we are on a good month’s pay(4).
5. So give them grog for the thirtieth day.
6. Then up hail ox to the old main yard arm
And we say so,
And we hope so.
Then cut him drip and do him no harm,
Poor old man.
tradotto da Cattia Salto
Un povero capitano arrivava a cavallo
così diciamo e così sappiamo
Un povero capitano arrivava a cavallo
povero capitano
“capitano il tuo cavallo morirà”.
30 giorni sono venuti e andati
e ora siamo nel buon mese di paga
“Date loro il grog per il trentesimo giorno”

alzate il bue al vecchio pennone principale
così diciamo e così sappiamo
poi tagliatelo ..
povero capitano

NOTE
1) in questa versione la cerimonia si svolge dopo il primo mese di navigazione

ASCOLTA Ian Campbell in Farewell Nancy 1964

I say, “Old man, your horse is dead.”
And we say so, And we know so.
I say, “Old man, your horse is dead.”
O, poor old man.
One month a rotten live we’ve led
While you lay on y’er feather bed
But now the month is up, ol’ turk
get up, ye swine, and look for work
get up, ye swine, and look for graft
while we lays on an’ yanks(1) ye aft
An’ yanks ye aft t’ th’ cabin door
and hopes we’ll never see ye more
tradotto da Cattia Salto
Dico io ” capitano il tuo cavallo è morto”
così diciamo e così sappiamo
Dico io ” capitano il tuo cavallo è morto”
povero capitano
Per un mese abbiamo passato una marcia vita
mentre tu stavi sul tuo letto di piume
ma ora il mese è finito, vecchio turco
alzati, porco, e vai a lavorare
alzati, porco, e vai a sgobbare.
mentre noi ci riposiamo e ci precipitiamo a poppa
ti sbattiamo fuori dalla porta della saletta
sperando di non vederti più

NOTE
1) yank (verbo) pull, or move with a sudden movement; la traduzione delle due frasi sottolineate è suggerita da Italo Ottonello

FONTI
http://www.jsward.com/shanty/dead_horse/bone.htm
l
http://crydee.sai.msu.su/public/lyrics/cs-uwp/folk/d/dead_horse
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=108766
http://www.shanty.org.uk/archive_songs/poor-old-horse.html

WE’RE ALL BOUND TO GO: BLOOD RED ROSES

Ho Molly, come down
Come down with your pretty posy
Come down with your cheeks so rosy
Ho Molly, come down”

Per introdurre due nuovi sea shanties nell’archivio parto dal film Moby Dick girato da John Huston nel 1956 che mostra l’equipaggio della “Pequod” impegnato in due manovre per uscire dal porto di New Bedford, (nel libro il porto è invece quello di Nantucket) grande centro baleniero sull’Atlantico: Starbuck l’ufficiale in seconda saluta la moglie e il figlio (e la camera stacca spesso sulle mogli e le fidanzate andate a salutare i marinai che non vedranno più per molto tempo: in genere le baleniere stavano per mare sei-sette mesi). La nave dopo aver doppiato il capo Horn si dirigerà verso il mare del Giappone. E’ stato AL Lloyd ad adattare lo shanty “Blood Red Roses” proprio per il film.

ASCOLTA Albert Lancaster Lloyd, Ewan MacColl & Peggy Seeger


It’s round Cape Horn we all must go
Go down, you blood red roses, Go down
For that is where them whalefish blow
Go down, you blood red roses, Go down
Oh, you pinks and posies
Go down, you blood red roses, Go down
It’s frosty snow and winter soul(?)
under’s(?) many ships they ‘round Cape Horn
It’s your boots to see again
let you them for whaler men

ASCOLTA Sting in “Rogues Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs, and Chanteys” 2006. La versione testuale riprende quella di Louis Killen e l’interpretazione musicale è decisamente caraibica, cadenzata e ipnotica..


Our boots and clothes are all in pawn(1)
Go down, you blood red roses(2),
Go down

It’s flamin’ drafty(3) ‘round Cape Horn(4)
Go down, you blood red roses,
Go down

Oh, you pinks and posies
Go down,
you blood red roses,
Go down

My dear old mother said to me,
“My dearest son, come home from sea”.
It’s ‘round Cape Horn we all must go
‘Round Cape Horn in the frost and snow.
You’ve got your advance, and to sea you’ll go
To chase them whales through the frost and snow.
It’s ‘round Cape Horn you’ve got to go,
For that is where them whalefish blow(5).
It’s growl you may, but go you must,
If you growl too much your head they’ll bust.
Just one more pull and that will do
For we’re the boys to kick her through(6)
tradotto da Cattia Salto
I nostri stivali e i vestiti sono ancora da pagare,(1)
andate giù, voi rose rosso sangue,(2)
andate giù
i venti ruggiscono(3) nei pressi di Capo Horn(4)
andate giù, voi rose rosso sangue,
andate giù
o voi rose e viole del pensiero
andate giù,
Oh voi rose rosso sangue,
andate giù.
La mia cara vecchia mamma mi disse
“Caro figlio, fai ritorno a casa dal mare”.
A doppiare Capo Horn tutti dobbiamo andare,
a doppiare Capo Horn con il gelo e la neve.
Hai preso il tuo anticipo e per mare devi andare
a inseguire le balene tra gelo e neve.
A doppiare Capo Horn devi andare
perchè è dove vanno le balene(5).
Puoi brontolare, ma devi andare,
se brontoli troppo ti spaccheranno la testa.
Ci vuole solo un altro tiro e sarà fatto
perchè noi siamo quelli che la fanno ripartire (6)

NOTE
1) come ci insegna Italo Ottonello ” All’atto della firma del contratto d’arruolamento per i viaggi di lungo corso, i marinai ricevevano un anticipo pari a tre mesi di paga che, a garanzia del rispetto del contratto, era erogato in forma di pagherò, esigibile tre giorni dopo che la nave aveva lasciato il porto, “sempre che detto marinaio sia salpato con detta nave”. Tutti, invariabilmente, correvano a cercare qualche ‘squalo’ compiacente che comprasse il loro pagherò ad un valore scontato, di solito del quaranta per cento, con molta parte dell’importo fornito in natura. Gli acquirenti, procuratori d’imbarco e procacciatori vari, – gli ‘arruolatori’, com’erano soprannominati – erano indotti a ‘sequestrare’ i marinai e portarli a bordo, ubriachi o drogati, con poco o niente vestiario oltre quello che avevano indosso, e sperperare o rubare loro tutto l’anticipo. In questo senso, fino a quando non avevano restituito l’anticipo ricevuto, essi avevano tutto “impegnato” (all in the pawn).
2) scritto anche come “Hang down”; con buona pace di tutte le speculazioni avanzate sull’origine dell’insolito verso molto probabilmente esso è stato creato dallo stesso A.L. Lloyd per il film di Mody Dick, rimaneggiando il verso tradizionale “come down, you bunch of roses“. Non credo proprio che in questo contesto ci siano riferimenti ai soldati inglesi (in epoca napoleonica ci si riferiva alla Gran Bretagna come il ‘Bonny bunch of roses’, i francesi anche si riferivano ai soldati inglesi come i “bunch of roses” per via delle loro divise rosso acceso) né tanto meno alle balene, quanto piuttosto sia un vezzeggiativo riferito alle ragazze (un pensiero fisso dei marinai, ovviamente appena dopo il drinking). Secondo alcuni vecchi marinai you blood red roses è riferito alla morte delle balene: “a whale was harpooned from a rowing boat, unless it was penetrated and hit in a vital organ it would swim for miles sometimes attacking the boats. When it died it would be a long hard tow back to the ship, something they did not enjoy. If the whale was hit in the lungs it would blow out a red rose shaped spray from its blowhole. The whalers refered to these as Bloody Red Roses, when the spray became just frothy bubbles around the whale as it’s breathing stopped it looked like pinks and posies in flower beds” (tratto da mudcat qui)

oswald-brierly

Oswald Brierly, “Whalers off Twofold Bay” da Wikimedia Commons. Il dipinto è datato 1867 ma mostra la caccia alla balena e la Baia com’era negli anni del 1840

3) Tutta la canzone in questa versione è tinta di rosso con “flaming draughty” al posto di “mighty draughty”. E tuttavia anche se flaming ha come primo significato “Burning in flame” significa anche  “Bright; red. Also, violent; vehement; as a flaming harangue” Così Italo Ottonello cita il (WEBSTER DICT. 1828) per tradurre più propriamente   come “i venti ruggiscono”
4) un tempo passaggio obbligato delle baleniere che dall’atlantico si dirigevano verso il pacifico a volte è scritto “Cape Stiff” che è un modo marinaresco per indicare Capo Horn
5) blow= “soffiare”
6) tipici versi fluttuanti

(prosegue seconda parte)

FONTI
http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/bloodredroses.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=34080 http://www.well.com/~cwj/dogwatch/chanteys/Blood%20Red%20Roses.html http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/36/blood.htm http://will.wright.is/post/1367066738/jon-contino

NELSON BLOOD OR ROLL THE OLD CHARIOT ALONG

NELSON’S BLOOD è il curioso nome con cui viene indicato nel gergo marinaresco nientemeno che il Rum o più precisamente la sua versione diluita cioè il grog!

L’origine del nome deriva da una leggenda:  Orazio Nelson (1758-1805) -il più giovane ammiraglio inglese, famoso per le guerre combattute contro Francia e Spagna-  colpito a morte da un fuciliere francese, al culmine della vittoriosa battaglia di Trafalgar che consegnò l’indiscusso primato dei mari alla Gran Bretagna (fino alla prima guerra mondiale), venne “conservato” in un barile di liquore dal 21 ottobre al 4 dicembre prima di poter ricevere gli onori della sepoltura di un eroe. Si mormora che alcuni marinai scontenti per la riduzione delle razioni quotidiane di rum, finirono per attingere alla bara temporanea di Nelson.. ancora più improbabile che una volta tolto il cadavere, il contenuto fosse bevuto alla salute di Nelson, infatti il miscuglio contenuto nella bara di piombo (e non il barile) dove venne deposto il corpo era composto da brandy (e non rum come da leggenda) canfora e mirra!

8570799_feb833b0_560

Di leggende come queste su Nelson ne circolano molte così Italo Ottonello ricorda che tra i cimeli conservati nel suo castello di Bronte c’è  “un servizio composto da caraffa e bicchieri, con cui Nelson brindò alla vittoria nella sua ultima battaglia” e la didascalia sotto la foto afferma: “Servizio con cui Nelson brindò alla vittoria di Trafalgar”. Mai Nelson avrebbe potuto brindare alla vittoria, perché moribondo, morì prima della fine della battaglia (senza peraltro sapere di aver vinto)” . Italo Ottonello ripercorre nel suo recente articolo pubblicato sulla Rivista Marittima (febbraio 2015) le ultime  vittorie di Orazio Nelson e in particolare l’ultima battaglia di Trafalgar (al quale si rimanda la lettura on-line qui) oppure da scaricare in pdf cliccando su:
Come Lord Nelson si Scavò la bara di Italo Ottonello pubblicato in Rivista Marittima febbraio 2015

We’ll Roll the Old Chariot Along, Roll the Old Chariot e The Golden Chariot sono gli altri nomi con cui questo canto marinaresco (sea shanty) è conosciuto, le origini sono un po’ incerte, chi lo fa derivare da un brano spiritual, chi da un reel scozzese.
Il testo è quanto mai standard nella sua ossatura e nello stesso tempo variabile all’infinito nella sua declinazione. Stampato in varie collezioni, nell’Oxford Song Book (1927) leggiamo un ampio assortimento di cibarie, nelle versioni selezionate per l’ascolto le opzioni preferite sono (a parte il grog) lo stufato irlandese e la notte sulla spiaggia (con le ragazze!)
Il coro ripete per tre volte  “we’ll ro-o-oll the old chariot along!” e ogni verso è chiuso con la frase “And we’ll all hang on behind!”, in alcune versioni non è però nominato il sangue di Nelson
ASCOLTA David Coffin


Oh, we’d be alright if the wind was in our sails (x 3)
And we’ll hang on behind
CHORUS:
And we’ll roll the golden chariot(1) along (x3) And we’ll hang on behind
Oh, we’d be alright if we make it round The Horn ..
Well a night on the town wouldn’t do us any harm ..
Now, another festival wouldn’t do us any harm ..
tradotto da Cattia Salto
Andrà tutto bene se il vento gonfia le vele
e ci attaccheremo tutti dietro
CORO
Trascineremo insieme il carro dorato (1)
e ci attaccheremo tutti dietro
Andrà tutto bene
se doppieremo Capo Horn
Una notte in città
non ci farebbe male..
un altro festival
non ci farebbe male..

ASCOLTA Mystic Port Chanteymen versione shanty

Oh, a drop of Nelson’s blood wouldn’t do us any harm (x 3)
And we’ll hang on behind CHORUS:
And we’ll roll the old chariot(1) along (x3)
And we’ll hang on behind
Oh, a plate of Irish stew
Oh, a night on the shore

tradotto da Cattia Salto
Una goccio di sangue di Nelson
non ci farebbe male (ripete 3 volte)
e ci attaccheremo tutti dietro
CORO
Trascineremo insieme il vecchio carro (1)
(ripete 3 volte) 

e ci attaccheremo tutti dietro
Un piatto di stufato irlandese..
Una notte sulla spiaggia ..

NOTE
1) anche scritto come gold chariot (in italiano il carro dorato)

ASCOLTA Big Al Davies versione popolare con arrangiamento strumentale

Che dopo la prima strofa in merito alla bevuta di Grog passano, con delle ottime immagini nel video a:
little glass of rum
plate of Irish stew
a night upon the shore
little drop of wine

ASCOLTA Capt’n. Black’s Sea Dogges in versione piratesca e tempo più veloce

Nelson’s blood
little glass of wine
little single malt
little mug of beer
little ? (sorry ma non capisco quello che dicono)
night with some girls
a plate of Irish stew (non dicono proprio Irish ..)
a night upon the shore

ASCOLTA Jarvis Cocker in in Rogue’s Gallery 2006 una versione rock un po’ “Pulp”, notevole nello strumentale finale l’aggiunta del vocalizzo che richiama l’eh op di quando si tira (o spinge)

Nelson’s blood
plate of Irish stew
night with some girls

ANELSONSLA RICETTA DEL COCKTAIL

Se la volete fare facile basta miscelare rum con porto rosso (pari quantità), oppure per qualcosa di un po’ meno strong sostituire al rum dello champagne (5 parti di champagne e 1 di porto rosso o anche invertire le dosi se si vuole una colorazione più rossa)

Ma la ricetta più cool è quella di Gerry Jobe che io vi do in versione occhiometrica

1 tazza da caffè di rum scuro
1 cucchiaio da minestra di succo di limone
1 cucchiaino da tè di succo d’arancia
1 cucchiaino da tè di succo d’arancia rossa
1 cucchiaino da tè rum bianco
1 cucchiaino da tè brandy

Mettere tutto nello shaker con il ghiaccio e shekerare servire in bicchieri da long drink con ghiaccio tritato e riempire con Ginger Beer.

FONTI
https://maritime.org/chanteys/roll-the-old-chariot-along.htm
http://www.shanty.org.uk/archive_songs/nelson-s-blood.html