Archivi tag: Finbar Furey

NEW YORK GIRLS: CAN’T YOU DANCE THE POLKA?

Una canzone marinaresca (sea shanty) nota anche con il titolo di “The New York gals”e “Can’t You Dance the Polka?” si suddivide in due versioni testuali con un’univoca melodia.

Si raccontano le avventure amorose di “Jack Tar”, ovvero il marinaio tipo, una volta sbarcato a New York: queste avventure con le donnine sono un topico delle sea shanties e il marinaio finisce spesso lungo disteso a terra (dal bere o dal colpo ben assestato del “compare” di lei).
Il risveglio è amaro, perchè il malcapitato si trova imbarcato a forza su una nave (a volte più genericamente un Yankee clipper o un packet, ma anche un clipper della famigerata linea Black Ball).

CAN’T YOU DANCE THE POLKA?

E’ interessante notare come la polka prese piede nei locali di New York verso il 1850 e diventò popolare proprio con questa canzone: era un ballo vivace che richiedeva un certo “contatto” fisico particolarmente osè per i tempi!

New York five point

VERSIONE A

In questa versione il marinaio dopo essere salito nell’appartamento di una ragazza di New York, e bevuto un bel po’ di drinks, si sveglia il mattino dopo, nudo nel letto e derubato di ogni suo avere.

ASCOLTA Finbar Furey dal film Gangs of New York: una versione da music hall

ovvero l’ambientazione nel film

ASCOLTA Oysterband 1989: una versione più energica, con un bello stacchetto strumentale (la versione testuale differisce di poco dalla precedente)

ASCOLTA Steeleye Span 1975 in un arrangiamento tipico per quegli anni al tempo del folk revival in chiave rock di cui il gruppo fu precursore


I
As I walked down through Chatham Street(1)
a fair maid I did meet,
She asked me to see her home–
she lived in Bleecker Street.(2)
Chorus:
To me a-weigh, you Santy,
My dear Annie(3)

Oh, you New York girls,
Can’t you dance the polka?(4)

II
And when we got to Bleecker Street,
We stopped at forty-four,(5)
Her mother and her sister there,
to meet her (to greet us) at the door.
III
And when I got inside the house,
The drinks were passed around,
The liquor was so awful strong,
My head went round and round.
IV
And then we had another drink,
before we sat to eat,
The liquor was so awful strong,
I quickly fell asleep.
V
When I awoke next morning
I had an aching head,
There was I, Jack all alone,
Stark naked in me bed.
VI
My gold watch and my pocketbook (money)
And lady friend were gone;
And there was I, Jack all alone,
Stark naked in the room(6)
VII
STROFE Finbar Furey
On looking round this little room,
There’s nothing I could see,
But a woman’s shift and apron
That were no use to me.
VIII
With a flour barrel for a suit of clothes,
Down Cherry Street forlorn,
There Martin Churchill took me in,
And sent me ‘round Cape Horn.
IX
STROFE Oysterband
So look out all young sailors
watch your step on shore
you’ll have to be up early to be
smarter than a whore
X
Your hard-earned cash will disappear
your hat and boots as well
for New York Girls are tougher than
the other side of hell!
TRADUZIONEDI CATTIA SALTO
I
Mentre passeggiavo per Chatman street (1)
incontrai una bella ragazza
che mi invitò a vedere casa sua – lei viveva in Bleecker Street(2).
Coro
A me via, tu Santy,
mia cara Annie (3)

o voi ragazze di New York
non volete danzare la polka? (4)

II
E quando arrivammo a Bleecker Street ci fermammo al quarto piano, (5)
c’erano la madre e le sorelle
ad incontrarla sulla porta.
III
E quando sono entrato in casa
ci si fece un giro di bevute,
il liquore era così dannatamente forte che la mia testa si mise a girare.
IV
E poi abbiamo bevuto un altro drink, prima di sederci per mangiare,
il liquore era così dannatamente forte che mi sono subito addormentato.
V
Quando mi svegliai la mattina dopo avevo mal di testa
e c’ero io, Jack tutto solo, completamente nudo nel letto!
VI
L’orologio d’oro, il portafoglio
(i soldi)
e l’amica erano spariti
e c’ero io, Jack tutto solo, completamente nudo nella stanza. (6)
VII
STROFE Finbar Furey
Nel cercare in quella stanzetta
non c’era altro da vedere
che una camiciola e un grembiule da donna che non mi andavano bene.
VIII
Con un barile di farina indosso al posto dei vestiti
giù per Cherry Street (scesi) desolato, là Martin Churchill mi ha preso
e mandato per Capo Horn.
IX
(Strofe Oysterband:
Così attenti voi giovani marinai,
badate ai vostri passi a terra,
dovete alzarvi presto, per essere più furbi di una puttana.
X
I vostri sudati guadagni scompariranno e anche il vostro capello e gli stivali
perchè le ragazze di New York sono più toste dell’inferno!

NOTE
1) anche “south street”
2) Bleecker Street è oggi rinomato come il quartiere del Greenwich Village, ma all’epoca era una “paradise street” per marinai
3) Santiana vedi. Ma forse in origine la parola era Honey oppure Cynthia (“Cinthy/ Cinty/ Cindy,”)
4) La polka e’ stata veloce fin dal suo nascere: col metodo Cellarius i ballerini avevano un contatto permanente, tecnicamente funzionale all’equilibrio della coppia. I seguaci di questo metodo aumentarono sempre di piu’, sia fra i maestri sia fra i giovani danzatori. All’occhio dei benpensanti la polka ballata in tale modo apparve scandalosa. Non mancarono le polemiche e le condanne nei confronti di quanti se ne facevano promotori e assertori. Molti proprietari di locali cercarono di impedire lo svolgimento di questo ballo, in quanto lo stesso, eseguito in modo caotico e violento dalle coppie in preda a una vera e propria trance, causava danni materiali (volavano tavoli e sedie, piatti e bottiglie) e allontanava irrimediabilmente la clientela piu’ tranquilla e moderata. Ma l’ondata di simpatia per questa nuova forma di divertimento cresceva a dismisura: in realta’ si sentiva il bisogno di evadere dalla monotonia delle danze a coppia aperta, dalla cultura delle quadriglie che erano diventate dei riti veri e propri con tutta una serie di rigidita’ e nei comportamenti e negli abbigliamenti. La polka era percepita dalle masse come simbolo di allegria e di spontaneita’. Con queste caratteristiche si sviluppo’ anche in Inghilterra e negli Stati Uniti, dove non mancarono i censori. Verso la fine del 1800 la moda della polka fini’. (tratto da qui)
5) deve trattarsi di un refuso probabilmente si riferisce al piano dell’appartamento e visto il quartiere e l’epoca si trattava probabilmente del quarto piano non del quarantesimo! Nella versione della Oysterband dicono: we stopped at No 4
6)
The Oysterband dicono“there was I without a stitch or cent to call my own”

VERSIONE B

Stesso marinaio, qui chiamato però Johnny, e stesso quartiere malfamato, altra avventura finita male!

ASCOLTA The Irish Rovers

ASCOLTA Gaelic Storm che la suonano con un ritmo saltellante


I
As I walked down the Broadway
One evening(morning) in July
I met a maid who asked me trade
And a sailor John (lad) says I
CORO
And away, you Santee(3)
My Dear Annie
Oh, you New York girls
can’t you dance the polka?
II
To Tiffany’s I took her
I did not mind expense
I bought her two gold earrings
And they cost me fifteen cents
III
Says she, ‘You Limejuice(7) sailor
Now see me home you may’
But when we reached her cottage door
She this to me did say
IV
My flash man(8) he’s a Yankee
With his hair cut short behind(9)
He wears a pair of long sea-boots
And he sails in the Blackball Line(10)
V
He’s homeward bound this evening
And with me he will stay
So get a move on, sailor-boy
Get cracking on your way(11)
VI
So I kissed her hard and proper
Afore her flash man came
And fare ye well, me Bowery(12) gal(girl)
I know your little game
VII
I wrapped me glad rags round me
And to the docks did steer
I’ll never court another maid(girl)
I’ll stick to rum and beer
VIII
I joined a Yankee blood-boat(13)
And sailed away next morn
Don’t ever fool around with gals(14)
You’re safer off Cape Horn
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Mentre passeggiavo per Broadway una sera di luglio, incontrai una ragazza che mi propose uno scambio e “John un marinaio” dico io
CORO
“E andiamo Santa (3)
mia cara Anna,
voi ragazze di New York
non volete ballare la polka?”

II
La portai da Tiffany,
non badavo a spese,
le comprai due orecchini d’oro che mi costarono 15 centesimi.
III
Dice lei” Tu limoncino(7) ora puoi vedere la mia casa”
Ma quando arrivammo alla porta di casa ecco cosa mi disse
IV
“Il mio fidanzato (8) è un americano con i capelli tagliati corti sulla nuca(9), porta un paio di lunghi stivali per il mare e naviga nella Blackball Line(10).
V
E’ di ritorno a casa questa sera e starà con me, così datti una mossa marinaio, datti da fare(11)”
VI
Così la baciai forte e deciso,
prima dell’arrivo del suo fidanzato “addio mia ragazza di
Bowery(12),
conosco il tuo trucco”
VII
Mi avvolsi negli stracci
e al porto dritto andai
non corteggerò più un’altra fanciulla
e continuerò a bere rum e birra.
VIII
Mi imbarcai su un clipper americano(13) in partenza il giorno dopo; non bisogna mai scherzare con le ragazze (14) o ti  ritrovi al largo di Capo Horn.

NOTE
7) “lime-juicer” è un termine coniato nel 1850 poi abbreviato in “limey” per indicare un marinaio della Royal Navy o più genericamente un inglese It was originally used as a derogatory word for sailors in the Royal Navy, because of the Royal Navy’s practice since the beginning of the 19th century of adding lemon juice or lime juice to the sailors’ daily ration of watered-downrum (known as grog), in order to make stored, stagnant, water more palatable. Doctors thought that lime juice would work better because it has more acid than lemon juice, so they substituted lime juice for lemon juice on the British Royal Navy ships. This ration of grog helped make these sailors some of the healthiest at the time due to the ascorbic acid’s ability to prevent scurvy. Eventually the term lost its naval connection and was used to denote British people in general. In the 1880s, it was used to refer to British immigrants in Australia, New Zealand and South Africa (tratto da Wikipedia). A me fa pensare all’abitudine inglese di prendere il tè con la fetta di limone!
8) FLASH-MAN: a favourite or fancy-man; but this term is generally applied to those dissolute characters upon the town, who subsist upon the liberality of unfortunate women; and who, in return, are generally at hand during their nocturnal perambulations, to protect them should any brawl occur, or should they be detected in robbing those whom they have picked up. (tratto da qui)
9) i marinai della Black Baller line portavano tutti i capelli tagliati corti
10) vedi BLACK BALL LINE 
11) Get cracking on your way: to start doing something. Non capisco bene il senso della frase la ragazza lo sta invitando a darsi da fare alla svelta (prima che arrivi il protettore) o gli dice di andarsene se non vuole vedersela con il protettore? Il marinaio capisce al volo la situazione e le da un bacio: possiamo supporre che ci sia stato anche qualcos’altro tra i due dato che poi il marinaio si ritrova vestito in modo approssimativo!
12) La Bowery Street, più comunemente detta “the Bowery”, è una celebre via della “circoscrizione” (borough) di Manhattan, a New York. Approssimativamente delimita i quartieri di Chinatown e Little Italy su un lato, mentre dall’altro il Lower East Side.The Bowery fu uno dei primi insediamenti della città; sorse ai margini del porto ed era il quartiere dei marinai e degli immigrati appena arrivati negli Stati Uniti; man mano che questi facevano fortuna, si trasferivano sempre più a nord, lasciando spazio a nuovi arrivi. Nella seconda metà dell’Ottocento, con “the Bowery” veniva indicata una vasta zona compresa tra Broadway e i docks dell’East Side; era considerata il regno delle gang, della povertà, della prostituzione, del gioco d’azzardo, delle fumerie di oppio, della corruzione della polizia e dei politici. Ciò nonostante, vi sorsero e prosperarono teatri che diedero vita, in concorrenza con Broadway che era sinonimo di classicismo e di raffinatezza, ad un genere di rappresentazioni popolari che contribuì ad avvicinare vasti strati della popolazione al teatro, a lanciare negli Stati Uniti la moda del varietà e del musical, a creare uno stile originale, che più tardi avrebbe trionfato anche a Broadway, scalzandone gli spettacoli europei. Alla fine dell’Ottocento, con l’avvento di una prima ondata moralizzatrice nell’amministrazione della città, the Bowery fu parzialmente ripulita, iniziò il recupero edilizio e cominciò ad insediarvisi anche la piccola borghesia. La via divenne il simbolo della depressione economica e la zona s’impoverì negli anni venti e trenta. Negli anni quaranta il quartiere guadagnò la reputazione d’essere mal frequentato, specialmente da ubriachi e senzatetto. Tra il 1960 e il 1980 lungo la Bowery e dintorni vi era il tasso di criminalità più alto di tutta la parte meridionale di Manhattan, insieme agli affitti più bassi. (tratto da Wikipedia)
13) blood-boat: i clipper erano famosi per la ferrea disciplina e le brutali punizioni da qui l’appellativo di “bloodboat
14) oppure “Don’t mess around with women boys

FONTI
http://terreceltiche.altervista.org/blow-the-man-down/
http://terreceltiche.altervista.org/the-black-ball-line-and-sea-shanty

http://www.emmedance.altervista.org/Balli/PolcaST.html
http://www.contemplator.com/sea/nygirls.html
http://www.contemplator.com/sea/nygirls2.html
https://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/newyorkgirls.html
http://www.shanty.org.uk/archive_songs/new-york-girls.html
http://www.shanty.org.uk/archive_songs/new-york-girls–2-.html