Archivi tag: Ewan MacColl

Hurrah For the Black Ball Line!

Leggi in italiano

At the beginning of the nineteenth century the commercial demands of ships always faster and less “armed” compared to the previous century (era of massive galleons, vessels and frigates): so the Clipper was born, ships for the transport of goods, without frills and with more sails. They are the latest models of sailing ships, the apogee of the Age of sailing, then soon the engines will take over .. and the repertoire of the sea shanties will end up among the curiosities of antique dealers (or in the circuits of Folk music).

THE CLIPPER

Clippers traveled the two most important trade sea routes: China – England for tea and Australia – England for wool, they were competing with each other to reach maximum speed and arrive first, because the higher price was fixed by the first ship that reached the port. (see more)
The ships were famous for the harsh discipline on board and for the brutality of its officers: but the recruitment of the sailors was constant given the brevity of the engagement. The ships with the most terrible name were called “bloodboat” and its crew (mostly Irish sailors) “packet rats“.

“BLACK BALL” LINE

The Black Ball Line was the first shipping company to offer a transatlantic line service for the transport of passengers and goods. Born in 1817 from the idea of Jeremiah Thompson, with four clippers covering the route between Liverpool and New York, the Black Ball remained in business for about sixty years. The Black Ballers, were also postal and derived the name from their flag (the company logo) red forked with a black disk in the middle.

In addition to the red flag, the Black Ball were distinguished by a large black ball also designed on the bow sail

The Company was renowned for its scrupulous organization of departures that took place on the first of the month, with any weather; it had very fast ships and the journey from England to America, mostly against the wind, lasted generally “just” four weeks, while the return, with the wind in its favor, could last less than three weeks. The business was profitable despite the competition, in fact in 1851 the company James Baines & Co. of Liverpool adopted the same name and the same flag of the Black Ball Line! The Black Ball Line of James Baines & Co. also operated on the route between Liverpool and Australia.

Given the premises it could not therefore miss a sea shanty on the Black Ball line (probable origin 1845): the text versions are many, compared to few recordings on YouTube

W. Symons. – Patterson, J.E. “Sailors’ Work Songs.” Good Words 41(28) (June 1900) Public Domain

 “Hurrah For the Black Ball Line”

Peter Kasin  with  introduction and demonstration of the type of work combined with the singing
 Ewan MacColl – The Blackball Line 0:01 (Rare UK 8″ EP record released on Topic Records in 1957)

I served my time in the Black Ball line
To me way-aye-aye, hurray-ah
with the Black ball line I served me time
Hurrah for the Black Ball Line
The Black Ball Ships are good and true
They are the ships for me and you (1)
(For once there was a Black Ball Ship
That fourteen knots an hour could clip
You will surely find a rich gold mine(2)
Just take a trip in the Black Ball Line)
Just take a trip to Liverpool (3)
To Liverpool, that Yankee school
The Yankee sailors (4) you’ll see there
With red-top boots (5) and short-cut hair
(At Liverpool docks we bid adieu
To Poll and Bet and lovely Sue
And now we’re bound for New York Town
It’s there we’ll drink, and sorrow drown)

NOTES
1) even if it seems an advertising spot, the reality for the crews boarded on the Black Ballers was harder: the first officer was usually ruthless and violent to maintain discipline and keep the speed standard of the crossing high
2) this verse refers, at the time of the gold fever that broke out in California in 1848
3) between the beginning and the mid-nineteenth century the majority of British immigrants boarded from the port of Liverpool
4) even if the captain was American (the ships were equipped with the best captains money of the time could buy), the sailors were not only American but often English, Irish and Scandinavian
5) red was the dominant color of sailors uniform also in the cuffed boots

Foc’sle Singers & Paul Clayton (Smithsonian Folkways Recordings 1959) 


In the Black Ball line I served my time
Hurrah for the Black Ball line
In the Black Ball line I had a good time
Hurrah for the Black Ball line
The Black Ball Ships are good and true
They are the ships for me and you
For once there was a Black Ball Ship
That fourteen knots an hour(1) could clip(2)
Her yards were square(3), her gear all new,
She had a good and gallant crew
One day whilst sailing on the sea,
They saw a vessel on their lee,
They knew it was a pirate craft,
All armed with guns before and aft,
They did not fear as you may think
But made the pirates water drink

NOTES
(text from here, see also an extended version here)
1)1 knot is worth 1 mile / h, so 14 knots means 14 miles per hour
2) To clip it = to run with speed
3)  “in seamens language, the yards are square, when they are arranged at right angles with the mast or the keel. The yards and sails are said also to be square, when they are of greater extent than usual. “

Roger Watson from Short Sharp Shanties : Sea songs of a Watchet sailor (Vol 1)

Tozer calls this shanty an anchor song, Whall gives it for windlass, Colcord for halyard. Hugill says that he disagrees with the collectors who attribute shanties to specific jobs. Short, who gave it to Sharp as a capstan shanty, gave only one verse (“In Tapscott’s Line…”) and the words Sharp published are, frankly, unbelievable (e.g. “It was there we discharged our cargo boys” and “The Skipper said, that will do, my boys”). Both Colcord and Hugill also comment on Sharp’s published words. We have utilised fairly standard Blackball Line verses, slightly bent towards Short’s Tapscott Line theme. There is a degree of cynicism in this text—Tapscott was a con-man: he advertised his ships as being over 1000 tons when, in reality, they were 600 tons at the most!” (from here)


In Tapscott (1) line we’re bound to shine
A way, Hooray, Yah
In Tapscott line we are bound
to shine
Hooray for the Black Ball Line.
In the Black Ball line I served my time
in the Black Ball I wasted me prime.
Just you’ll take a trip to Liverpool
To Liverpool, a Yankee school.
Oh the Yankee sailors you’ll see there
With red-top boots and short-cut hair.
Fifteen days is a Black Ball ride(2)
but Tapscott ship are a thousand
ton.
At Liverpool docks we bid adieu
for Tapscott ship and golden crew.
In Tapscott line we are bound to shine
In Tapscott line we are bound to shine

NOTES
1) William and James Tapscott were brothers who organized the trip for immigrants from Britain to America (the first based in Liverpool and the second in New York) often taking advantage of the ingenuity of their clients. Initially they worked for the Black Ball Line and then set up their own transport line that provided a very cheap trip to the Americas, so the conditions of the trip were terrible and the food poor. In 1849 William Tapscott went bankrupt and was tried and convicted of fraud against the company’s shareholders.  see more
2) legendary racing competitions were hired between the American and British companies: under the motto “play or pay” two ships left New York on February 2, 1839, it was the first challenge between the Black baller Columbus, 597 tons, Captain De Peyster and the Sheridan of the Dramatic Line 895 tons; Columbus won the race in 16 days, while Sheridan arrived in Liverpool two days later
“England, frankly confessing herself beaten and unable to compete with such ships as these, changed her attitude from hostility to open admiration. She surrendered the Atlantic packet trade to American enterprise, and British merchantmen sought their gains in other waters. The Navigation Laws still protected their commerce in the Far East and they were content to jog at a more sedate gait than these weltering packets whose skippers were striving for passages of a fortnight, with the forecastle doors nailed fast and the crew compelled to stay on deck from Sandy Hook to Fastnet Rock.” ~ Old Merchant Marine, Ch VIII. “The Packet Ships of the Roaring Forties”

LINK
https://hubpages.com/education/Legends-of-the-Blackball-Line
http://shantiesfromthesevenseas.blogspot.it/2011/12/74-hooraw-for-blackball-line.html
http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/LxA489.html http://warrenfahey.com/fc_maritime8c.html http://www.well.com/~cwj/dogwatch/chanteys/Black%20Ball%20Line.html http://www.oceannavigator.com/October-2011/Nov-Dec-2011-Issue-198-Hurrah-for-the-Black-Ball-Line/ http://www.contemplator.com/sea/blkball.html http://anitra.net/chanteys/blackball.html
http://warrenfahey.com/ccarey-s13.html
http://www.folkways.si.edu/the-focsle-singers/songs-and-shanties/american-folk-celtic/music/album/smithsonian
http://media.smithsonianfolkways.org/liner_notes/smithsonian_folkways/SFW40053.pdf
http://www.exmouthshantymen.com/songbook.php?id=61

MAID GAED TAE THE MILL

Ci sono professioni nelle ballate popolari che richiamano di per sé una certa promiscuità sessuale: così il soldato e il marinaio per la loro condizione girovaga, ma anche l’aratore, il fabbro, o il calzolaio o ancora il mugnaio (un po’ come per le professioni odierne dell’idraulico o il postino!) . Così le canzoni su calzolai e mugnai hanno spesso un che di boccaccesco (continua prima parte)

LA VARIANTE DEL MUGNAIO: MAID GAED TAE THE MILL

“The Maid gaed to the Mill” (The Maid went to the Mill) è un brano tradizionale sulla scia della serie  “The Shoemaker’s kiss” basta scambiare il calzolaio con il mugnaio e il mattino presto con la sera che il succo della storia è lo stesso. Tuttavia la fanciulla è questa volta tutt’altro che ingenua, anzi viene definita “wanton” che tra i vari significati in riferimento alla sessualità indica un comportamento voglioso e lascivo.
Per il suo approccio gioioso a una sessualità “spensierata” è classificabile tra le bothy ballads.

La canzone è comparsa in stampa verso la fine del 1700 (Ancient And Modern Scottish Songs, David Herd 1776 e “The Scots Musical Museum” Vol.5 no. 481, 1796 con la melodia “I Am A Miller To my Trade” – che a sua volta è suonata come “Johnny I hardly knew ye”).

ASCOLTA Ewan MacColl & Peggy Seeger, Ewan imparò la canzone dal padre scozzese e così la restituisce in scots


I
The maid gaed tae
the mill ae nicht
Hech hey(1) sae wanton(2),
The maid gaed tae
the mill ae night
And hey sae wanton she
She swore by a’ the stars sae bricht
That she’ld hae her corn grun'(3)
She’ld hae her corn grun’
Mill and multure(4) free
II
Then oot an’ cam’ the miller’s man
Then oot an’ cam’ the miller’s man
He swore he’ll dae
the best he can
Fir tae get her corn grun’
tae get her corn grun’
Mill and multure free
III
He put his haund upon her neck
He put his haund upon her neck
He dang her doon(5) upon a sack
And there she got her corn grun’
she get her corn grun’
Mill and multure free
IV
When a’ the rest
gaed tae their play
When a’ the rest
gaed tae their play
She sighed and said
and wuldna stay
Because she’d got her corn grun’
she get her corn grun’
Mill and multure free
V
When forty weeks
were passed an’ gane
When forty weeks
were passed an’ gane
This lassie had a braw lad bairn
For gettin’ a’  her corn grun’
gettin’ a’ her corn grun’
Mill and multure free
VI
Her mither bade cast it oot
Her mither bade cast it oot
It was the miller’s dusty clout
For gettin’ a’  her corn grun’
gettin’ a’ her corn grun’
Mill and multure free
VII
Her faither bade her keep it in
Her faither bade her keep it in
It was the chief o’ all her kin
Because he has her corn  grun’
he has her corn  grun’
Mill and multure free (6)

Traduzione italiano Cattia Salto
I
La fanciulla andò
al mulino la scorsa notte
ahimè così sfacciata
La fanciulla andò
al mulino la scorsa notte
ahimè così sfacciata
giurò per le stelle molto luminose
che avrebbe avuto il suo raccolto del grano, avrebbe avuto il suo raccolto del grano, macinato gratis
II
Allora uscì il mugnaio
Allora uscì il mugnaio
e giurò che avrebbe
fatto del suo meglio
per avere il suo grano,
per avere il suo grano
macinato gratis

III
Le mise la mano intorno al collo
Le mise la mano intorno al collo
e la buttò giù su di un sacco
ed ebbe il suo grano,
ebbe il suo grano,
macinato gratis

IV
Quando finirono
di fare i loro comodi,
Quando finirono
di fare i loro comodi
lei sospirò e disse
che non poteva rimanere
perchè aveva il suo grano,
aveva il suo grano,
macinato gratis

V
Quando nove mesi
furono passati e andati
Quando nove mesi
furono passati e andati
la fanciulla ha avuto un bel bambino
per aver avuto tutto il suo grano
aver avuto tutto il suo grano
macinato gratis
VI
Sua madre le ordinò di mandarlo via
Sua madre le ordinò di mandarlo via
il marchio polveroso del mugnaio
per aver avuto tutto il suo grano
aver avuto tutto il suo grano
macinato gratis
VII
Suo padre le ordinò di tenerlo
Suo padre le ordinò di tenerlo
fu il capo di tutto il clan
perchè aveva il raccolto del grano
aveva il raccolto del grano
macinato gratis

NOTE
1) Hech hey: traducibile con ahimè
2) Wanton: sessualmente disinibita
3) Grund: ground letteralmente campo di grano ma nel contesto si tratta ovviamente del grano raccolto e messo nei sacchi per essere macinato
4) Multure: parte lasciata al mugnaio per il pagamento della macinatura
5) Dang her doon: pushed her down with force
6) essendo il figlio del mugnaio!

Traduzione inglese Cattia Salto
I
The maid went to the mill last night
Hey-hey, so wanton!
The maid went to the mill last night
Hey, so wanton she!
She swore below the stars so bright
That she should have her corn ground,
She should have her corn ground
The miller grinds so free!

II
Then out come miller’s man
He swore he’d do the best he can
For to get her …
III
He put his hand about her neck
He flung her down upon a sack
And there she got her …
IV
When all the rest went to their play
She sighed and said she would not stay
Because she got her …
V
When nine months were passed and gone
This lassie had a brawling child
For getting all her …
VI
Her mother bade her cast it out
It was the miller’s dusty clout
For getting all her …
VII
Her father bade her keep it in
It was the chief of all her clan
Because he has her

continua I MUGNAI NELLE BALLDS

FONTI
http://sangstories.webs.com/maidgaedtaethemill.htm
http://sniff.numachi.com/pages/tiMAIDMILL;ttMAIDMILL.html
https://groups.google.com/forum/#!topic/rec.music.folk/he5wXYSUW34
http://www.penultimateharn.com/music/millmaid.html
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=3815

Dirty Old Town by Ewan MacColl

Scritta da James Miller (alias Ewan MacColl) ‎ nel 1949 “Dirty Old Town” è ambientata a Salford (nel distretto della “Grande Manchester”): cresciuto nell’Inghilterra del Nord ma di origini scozzesi Ewan, attore, cantante, cantautore, produttore discografico, fa della sua città natale un embelma della rivoluzione industriale inglese ottocentesca.
Una triste e fumosa città-dormitorio inglese descritta da Marx e Engels come “un enorme quartiere operaio…una città assai malsana, sporca e degradata“.
Così note del suo songbook leggiamo: This superb song was written to cover a scene-change in a play which was set in Salford, Lancashire, the city which provided the philosopher Friedrich Engels with most of the information for his book ‘The condition of the working class in 1844’.
Oggi l’area dei moli è diventata una luccicante e moderna vetrina di architettura post-moderna.

L’area dell’Old Canal riqualificata architettonicamente

La canzone passa per tradizionale irlandese essendo stata divulgata prima dai Dubliners e dai Pogues poi.

ASCOLTA Ewan MacColl con la moglie Peggy Seeger con un arrangiamento jazz (nel video immagini di Salford negli anni 50-60) e li vediamo giovani innamorati lungo le rive del canale che passeggiano


I
I met my love
by the gas works [1] wall [2]
Dreamed a dream
by the old canal[3]
Kissed my girl
by the factory wall
Dirty old town[4]
Dirty old town
II
Clouds a drifting
across the moon
Cats a prowling on their beat
Spring’s a girl[5]
in the streets at night
III
I heard a siren[6]
from the docks
Saw a train[7]
set the night on fire
Smelled the smoke
on the Salford wind[8]
IV
I’m going to make me
a good sharp axe
Shining steel
tempered in the fire
Will chop you down
like an old dead tree[9]
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Incontravo il mio amore
accanto al muro dell’officina del gas, facevo progetti
dal vecchio canale,
baciavo la mia ragazza
contro il muro della fabbrica
Sporca vecchia città
Sporca vecchia città
II
Nuvole alla deriva
davanti alla luna
gatti furtivi a caccia
primavera è una bambina
nelle strade di sera
III
Udivo la sirena
dai moli
vedevo un treno
mettere a fuoco la notte
annusavo il fumo
nel vento di Salford
IV
Sto andando ad affilare
bene l’ascia
d’acciaio luccicante
temprato nel fuoco
e ti abbatterò
come un vecchio albero morto

NOTE
1) Nell’ottocento il gas che serviva per l’illuminazione pubblica e per la forza motrice veniva prodotto in un impianto industriale, erano le officine del gas con mastodontici gasometri che richiamano immagini di carri ricolmi di carbone affluire dai porti e lungo i canali fino alle Officine. La fabbrica del gas di Salford è stata la prima in Inghilterra, e Salford è stata la prima città al mondo ad avere le strade illuminate a gas. La richiesta di approvvigionamento di gas continuò ad aumentare finendo ad alimentare anche gli apparecchi domestici, (i fornelli per cuocere il cibo e le caldaie per produrre acqua calda). Il coke veniva cotto nei forni e il gas prodotto mandato nei grossi serbatoi in attesa della distribuzione. L’aria era pestilenziale e molto alto l’indice di mortalità degli operai fuochisti a causa delle esalazioni dei gas. Con l’uso del gas naturale tutte le officine del gas sono state dismesse e smantellate.
2) scritto anche come croft: è il terreno incolto delle aree di risulta urbane
3) il Manchester Ship Canal: evidentemente l’unico posto un po’ romantico dove andare a passeggiare con la ragazza a Salford era quel canale sebbene fiancheggiato dalle fabbriche. Il contrasto è stridente soprattutto se paragonato ai romantici incontri campestri descritti nelle canzoni tradizionali.
4) una old town emblematica: la città industralizzata con il quartiere operaio sovravvollato, malmesso e malsano, costruito nella zona più degradata della città.
5) sono i bambini che giocano nelle strade ai primi raggi di sole, perchè la strada era il loro salotto buono
6) la sirena delle navi
7) “un treno a vapore con il focolare che brillava nella notte” si tratta di uno Staem train, il treno con la locomotiva a vapore, alimentato con il carbone dal fuochista: più che le fiamme la caratteristica della locomotiva a vapore sono gli sbuffi di fumo oggetto di diversi studi e raffigurazioni nei quadri di Claude Monet, ma senz’altro con un po’ d’immaginazione i treni potevano essere paragonati a macchine infernali che mettevano a ferro e fuoco la notte. La cabina aperta del conducente lasciava intravedere la bocca del focolare quando i macchinisti lo caricavano di carbone e dal comignolo sprizzavano anche scintille che spesso incendiavano il sottobosco accanto alla linea ferroviaria.
8) Il verso non piacque alle autorità municipali di Salford e MacColl lo cambiò  in ‎‎“smelled the spring on the smoky wind”, in italiano: annusavo la primavera nel vento pieno di fumo; un verso però che sembra molto ironico, l’odore portato dal vento era quello dell’aria inquinata, un fumo grigio che sporcava di fuliggine tutta la città. Una volta entrato nel circuito folk il verso ha subito ulteriori rielaborazioni passando per sulphured e fino a diventare un Dublin wind
9) in effetti il porto di Salford è stato smantellato e il quartiere operaio abbattuto per costruirvi un moderno polo direttivo, ma non credo che sia quello che Ewan avesse in mente. Avrebbe voluto distruggere il sistema di sfruttamento dei lavoratori asserviti al mostro-fabbrica alimentato dalla logica del profitto di pochi capitalisti, l’ascia è quindi l’emblema del socialismo e di un diverso sistema di gestire il lavoro senza sfruttare l’uomo.
L’imagine poetica però è quella che accosta le alte ciminiere di mattoni e cemento che buttano fuori il fumo a dei vecchi alberi morti (al posto delle chiome verdi, il grigio dele polveri)

FONTI
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=45136&lang=it
http://www.songfacts.com/detail.php?id=25048
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=48907

Fair Annie and Gregory

La ballata tradizionale conosciuta comunemente con il titolo di Lord Gregory appartiene ad una family songs cioè un gruppo di canzoni dalla matrice comune in cui il tema si svolge sfaccettandosi in varie angolature.
Nella tragica ballata si narra di un amore abbandonato con tre protagonisti e alcuni risvolti magici: lei (Anna, a volte figlia di re), lui (Lord Gregory) e la madre di lui, con Anna o la madre di Lord Gregory nel ruolo di una fata-strega incantatrice.  La ballata riprende un racconto popolare di origine medievale detto “accused queen” (vedi parte introduttiva)

VERSIONE SCOZZESE: THE LASS OF ROCH ROYAL

Il gruppo principale riporta il titolo “The Lass of Roch Royal” ma anche i titoli alternativi “Lord Gregory”, “Fair Annie and Gregory”, “Love Gregor”, “Anne Gregory”.
La versione più antica (Child # 71 versione A, Libro di canzoni manoscritto di Elizabeth Cochrane), ha una storia preliminare in cui Isabella di Rochroyal in sogno vede il luogo dove si trova Lord Gregory, al mattino fa sellare il suo cavallo e galoppa fino al castello del suo amante. Durante il tragitto incontra una comitiva con la quale scambia una conversazione apparentemente enigmatica
VI
‘O whether is this the first young may,
That lighted and gaed in;
Or is this the second young may,
That neer the sun shined on?
Or is this Fair Isabell of Roch Royall,
Banisht from kyth and kin.’
VII
‘O I am not the first young may,
That lighted and gaed in;
Nor neither am I the second young may,
That neer the sun shone on;
VIII
‘But I’m Fair Isabell of Roch Royall
Banisht from kyth and kin;
I’m seeking my true-love Gregory,
And I woud I had him in.’

Secondo David C. Fowler nel suo “An Accused Queen in “The Lass of Roch Royal”” in The Journal of American Folklore, Vol. 71, No. 282 (Oct. – Dec., 1958)
“Are you the young maid,” they ask, “that visits Gregory openly during the day? Or are you the one that slips in to see him at night? Or are you the one [i.e., Isabell of Rochroyall] that he got into trouble?” Understanding the questions in this way, it is immediately apparent 1) that Gregory is (at least allegedly) a ladies’ man, 2) that the three maids represent steps up (or down) the ladder to his affections, and 3) that Isabell’s plight is well known. But what motivates the company to ask such questions? On the assumption that they recognize her as Isabell, which seems likely in context, the most that can be said is that they do not appear to be favorably disposed toward the girl.

Sempre nella Versione A della storia la madre vuole allontanare la fanciulla con l’inganno
“Love Gregory, he is not at home
But he is to the sea;
If you have any word to him,
I pray you leave ‘t with me.”

Appena viene a sapere dalla ragazza che è incinta afferma di volere prendersene cura solo se lei non rivelerà a nessun il nome del padre fino al ritorno di Lord Gregory, ma la fanciulla risponde
“I’ll set my foot on the ship-board,
God send me wind and more!
For there’s never a woman shall bear a son
Shall make my heart so sore.”

La versione in ‘The Bonny Lass of Lochroyan, or Lochroyen,’ Manuscripts e Scottish Songs di Herd 1776 (Child # 71 versione B) è abbastanza simile alla Versione D (Jamieson-Brown Manuscript, fol. 27; Jamieson’s Popular Ballads, I, 36), quella più diffusa ovvero la versione standard.

Nella versione più estesa della ballata veniamo a sapere già dalle prime strofe che a rispondere alle richieste di Anna è la madre (chiamata false mother). Eppure Anna risponde come se avesse parlato Lord Gregory e quindi è presumibile che la madre abbia impersonato Lord Gregory (un’imitazione? Un incantesimo?)

Gericault-shipwreck

ASCOLTA Ewan MacColl in The English and Scottish Popular Ballads Vol. 2 Child Ballads

La versione originale (vedi) è di 32 strofe ridotte da Ewan a 18 (vedi).


I
“Oh wha will lace my shoes sae sma’(1)
And wha will glove my hand?
And wha will lace my middle sae jimp
Wi’ my new-made linen band?
II
“Wha will kaim my yellow hair
Wi’ my new siller kaim
And wha will faither my young son
Till Lord Gregory come hame?
III
“But I will get a bonnie boat
And I will sail the sea
For I maun gang to Lord Gregory
Since he canna come hame to me
IV
“Oh row ye boat, my mariners
And bring me to dry land
For yonder I see my love’s castel
Close by the saut sea strand
V
“Oh open the door, Lord Gregory
Open and let me in
For the wind blows through my yellow hair
And I am shivering to the chin”
VI
“Awa’, awa’ ye wile woman
Some ill death may ye dee
Ye’re but a witch or a wild warlock
Or mermaid o’ the sea”
VII
“I’m neither a witch nor a wild warlock
Nor mermaid o’ the sea
But I’m fair Annie o’ Roch Royal
then, open the door to me
VIII
“Oh dinna ye mind, Lord Gregory(2)
When ye sat at the wine
We changed the rings frae our fingers
And I can show thee thine
IX
“Oh, dinna ye mind, Lord Gregory
When in my faither’s ha’
‘Twas there ye got your will o’ me
And that was worst o’ a’(3)”
X
“Awa’, awa’, ye wile woman
For here ye sanna win in
Gae droon ye in the saut sea
Or hang on the gallow’s pin”
XI
When the cock did craw and the day did daw’
And the sun began to peep
Then up did rise Lord Gregory
And sair, sair did he weep
XII
“I dreamt a dream, my mither dear
The thocht o’t gars me greet
I dreamed fair Annie o’ Roch Royal
Lay cauld deid at my feet”
XIII
“Gin it be Annie o’ Roch Royal(4)
That gars ye mak’ this din
She stood a’ nicht at our ha’ door
But I didna let her in”
XIV
“Oh wae betide ye, ill woman
Some ill death may ye dee
That ye wadna be letten poor Annie in
Or else hae waukened me”
XV
He’s gane doon tae yon sea shore
As fast as he could fare
he saw fair Annie in her boat
And the wind it tossed her sair
XVI
The wind blew loud and the sea grew rough
And the boat was dashed on shore
Fair Annie floated upon the sea
But her young son rose no more
XVII
Lord Gregory tore his yellow hair
And made his heavy moan
Fair Annie lay deid at his feet
But his bonnie young son was gane
XVIII
“Oh wae betide ye, cruel mither
and ill death may ye dee
That ye couldna hae letten fair Annie in
When she came sae far tae me”
traduzione italiano Cattia Salto
I
“Oh chi allaccerà le mie scarpine (1)
e chi mi metterà i guanti?
Chi mi allaccerà bene il busto
con nuove fasce di lino?
II
Chi mi pettinerà i biondi capelli
con il mio nuovo pettine d’argento
e chi sarà il padre di mio figlio
finchè Lord Gregory ritornerà a casa?”
III
“Ma io preparerò una bella barca
e salperò per il mare
per andare da Lord Gregory
poichè  lui non può venire da me”
IV
“Oh vogate, miei marinai
e portatemi sulla terra ferma
che laggiù vedo il castello del mio amore, avvicinatevi alla battigia”
V
“Oh apri la porta, Lord Gregory
apri e fammi entrare
che il vento soffia tra i miei
biondi capelli
e io sbatto i denti”
VI
“Via, via o donna incantatrice
che puoi fare ammalare fino alla morte,
sei una strega del mare o una maga oscura, o una sirena del mare”
VII
“Non sono una strega del mare o una maga oscura, nè una sirena del mare,
io sono la bella Annie di Roch Royal
così aprimi la porta”
VIII
“Ti ricordi, Lord Gregory (2)
quando eri seduto a bere vino
ci siamo scambiati gli anelli
alle dita e posso mostrarti il tuo”
IX
“Ti ricordi, Lord Gregory
quando nella sala di mio padre
hai fatto ciò che hai voluto di me e quella fu la cosa peggiore tra tutte (3)”
X
“Via vattene donna incantatrice
che tu non vincerai qui,
vai ad annegarti nel mare
o ad appenderti sulla forca”
XI
Quando il gallo cantò
spuntò l’alba
e il sole fece capolino
allora si alzò Lord Gregory
e triste si mise a piangere
XII
“Ho fatto un sogno, cara madre,
e al solo pensiero piango
ho sognato la bella Annie di Roch Royal
che giaceva morta ai miei piedi”
XIII
“Se è Annie di Roch Royal (4)
che ti ha dato questo dolore
è stata tutta la notte fuori dalla porta
ma io non l’ho fatta entrare”
XIV
“Oh guai a te, donna pazza
che tu possa ammalarti fino alla morte
che non hai lasciato entrare la povera Annie e nemmeno mi hai svegliato”
XV
Egli andò fino alla riva del mare
più velocemente che potè
e vide la bella Annie sulla sua barca
e il vento che scuoteva le sue vele
XVI
Il vento soffiava forte e il mare s’ingrossò
e la barca naufragò sulla riva
la bella Annie galleggiava sul mare
ma il suo bambino non riemerse più.
XVII
Lord Gregory si strappava i biondi capelli e gridava il suo triste lamento
la bella Annie era morta ai suoi piedi e il suo bel bambino era scomparso.
XVIII
“Oh guai a te, madre crudele
che ti possa ammalare fino alla morte
perchè non hai lasciato entrare la bella Annie
quando è venuta da me”

NOTE
1) Anna si chiede “Chi si prenderà cura di me?” ma il montaggio di questa parte è alterato rispetto alle prime versioni della ballata (e in particolare in The lass of Ocram), in cui la fanciulla prima si reca al castello, poi chiede di entrare e alla richiesta di dimostrare la sua identità cita i tre pegni scambiati con Lord Gregory. Quando la madre viene a sapere che la ragazza è incinta (o che ha partorito un bambino) la scaccia in malo modo. Allora Anna chiede chi si prenderà cura di lei e del bambino e ottiene come risposta che saranno i suoi parenti ad occuparsi di lei mentre per il figlio:
And let God be father of your child,
For Lord Gregory is none
2) in questa versione siamo portati a credere che sia Lord Gregory a rispondere ad Anne e invece apprendiamo che è stata la madre solo nella XI strofa
3) la frase può essere più compiutamente compresa alla luce di quanto riportato nella The Lass of Ocram” (vedi) in cui la fanciulla ricorda a Lord Gregory dei tre “pegni” (three tokens) che si sono scambiati: il primo una camicia di preziosa tela Olandese contro quella di tela scozzese donata da lui; il secondo gli anelli quello di lei di oro fino, quello di lui di stagno; il terzo la verginità
One night in my fathers hall,
Where you stole my maidenhead,
Which was the worst of all.
Si tratta simbolicamente di una contrapposizione tra vero e falso amore
4) nella versione la madre risponde al figlio per giustificare il suo comportamento
XXIII
‘O there was a woman stood at the door,
Wi a bairn intill her arms,
But I woud na lat her within the bowr,
For fear she had done you harm.’

Dalle registrazioni sul campo: ASCOLTA

VERSIONE IRLANDESE: LORD GREGORY

In questa versione della ballata, diffusa anche in diverse versioni testuali da Maddy Prior, Anna diventa la figlia del re di Cappoquin o Capelkin (Irlanda sud contea di Waterford). All’ingresso del castello, le viene detto che Lord Gregory non c’è, perchè è andato in Scozia a portare a casa la sua nuova sposa.
ASCOLTA Fiona Kelleher (strofe I, II, VI e ripete I) intensa e sussurrata l’interpretazione di Fiona intrecciata con ossessive note di pianoforte e le cupe ombre del  contrabbasso suonato con l’archetto


I
I am a King’s daughter come
straight from Cappoquin(1),
In search of Lord Gregory,
pray God I’ll find him.
The rain beats at my yellow locks,
the dew wets me still,
The babe is cold in my arms, love,
Lord Gregory let me in.
II
Lord Gregory is not here
and he henceforth can’t be seen,
For he’s gone to bonny Scotland
to bring home his new queen.
Leave now these windows
and likewise this hall,
For it’s deep in the sea
you will find your downfall.
III
“Who’ll shoe my babe’s little feet?
Who’ll put gloves on her hand?
Who will tie my babe’s middle
With a long linen band?
Who’ll comb my babe’s yellow hair
With an ivory comb?
Who will be my babe’s father
Till Lord Gregory comes home?
IV
Do you remember, love Gregory,
That night in Callander
Where we changed pocket handkerchiefs,
And me against my will?
For yours was pure linen, love,
And mine but coarse cloth;
For yours cost a guinea, love,
And mine but one groat(2).
V
Do you remember, love Gregory,
That night in Callander
Where we changed rings on our fingers,
And me against my will?
For yours was pure silver, love,
And mine was but tin;
For yours cost a guinea, love,
And mine but one cent.”
VI
Do you remember, love Gregory,
that night in Cappoquin?
You stole away my maidenhead
and sore against my will.
And I’ll leave now these windows
and likewise this hall,
For it’s deep in the sea
I will find my downfall.
VII
“And my curse on you, Mother,
My curse being sore!
Sure, I dreamed the girl I love
came a-knocking at my door.”
“Sleep down you foolish son,
Sleep down and sleep on:
For it’s long ago that weary girl
Lies drownin’ in the sea.”
VIII
“Well go saddle me the black horse,
The brown, and the gray;
Go saddle me the best horse
In my stable to-day!
And I’ll range over mountains,
Over valleys so wide,
Till I find the girl I love
And I’ll lay by her side.”
traduzione italiano Cattia Salto
I
Sono la figlia del re arrivata direttamente da Cappoquin (1)
a cercare Lord Gregory
e per Dio lo troverò.
La pioggia cade sui miei riccioli biondi
e anche la rugiada mi bagna,
il bambino ha freddo tra le mie braccia,
Lord Gregory, fammi entrare.
II
Lord Gregory non è qui
e non può ricevere visite,
perchè è andato nella bella Scozia
per portare a casa la sua nuova sposa.
Allontanati adesso dalle finestre
e anche da questo castello
perchè nel fondo del mare
troverai la tua rovina.
III
“Chi allaccerà le scarpe alla mia bimba?
Chi le metterà i guanti?
Chi fascerà bene il busto della bimba
con lunghe fasce di lino?
Chi pettinerà i biondi capelli della bimba con un pettine d’avorio?
Chi sarà il padre di mia figlia
finchè Lord Gregory ritornerà a casa?
IV
Ti ricordi Lord Gregory
quella notte a Callander
quando ci siamo scambiati
i fazzoletti da taschino
contro la mia volontà?
Perchè il tuo era di puro lino, amore
e il mio solo di tela grossolana,
però  il tuo costava una ghinea, amore
e il mio solo pochi penny (2)
V
Ti ricordi, Gregory caro,
quella notte a Callander
quando ci siamo scambiati gli anelli al dito
contro la mia volontà?
Il tuo era di argento puro, caro
e il mio solo di latta,
il tuo costava una ghinea
e il mio solo un centesimo.
VI
Ti ricordi, Gregory caro,
quella notte a Cappoquin?
Hai preso la mia verginità
e contro la mia volontà
e mi allontanerò adesso dalle finestre
come pure da questo castello
perchè nel fondo del mare
troverò la mia rovina.”
VII
“Ti maledico, madre,
ti maledico con dolore!
Ho sognato la donna che amo
che veniva a bussare alla mia porta.”
“Dormi figlio, sogni pazzie,
rimettiti a dormire
è da un pezzo che quella ragazza sventurata è annegata in fondo al mare”
VII
“sellatemi il cavallo nero
quello baio e il grigio
sellatemi il cavallo migliore
che c’è oggi nella stalla
e io cercherò per i monti
e le ampie vallate
finchè troverò la donna che amo
e mi stenderò al suo fianco”

NOTE
1) anche Callander
2) goat= moneta inglese d’argento dal valore di quattro penny.
FONTI
https://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/lordgregory.html

Dreadnought, The Wild Boat of the Atlantic

Una sea song sulla nave The Dreadnought  della Compagnia Marittima “Red Cross Line”, postale americano varato nel 1853, il suo capitano si chiamava Samuel Samuels. Compagnie concorrenti come la Swallow Tail e la Black Ball non riuscirono mai a superare le prestazioni del clipper soprannominato “The Wild Boat of the Atlantic”; The Dreadnought  fece rotta nell’Atlantico e nel Mare della Cina fino al suo naufragio al famigerato Capo Horn (1869)
Secondo Stan Hugill era un capstan shanty dal titolo “La Pique” o “The Flash Frigate”

ASCOLTA Ewan MacColl

ASCOLTA Iggy Pop & Elegant Too “Son Of Rogues Gallery ‘Pirate Ballads, Sea Songs & Chanteys” ANTI 2013 (su Spotify)
ASCOLTA The Dreadnoughts, la band di Vancouver ha preso il nome non dal postale ottocentesco ma da una innovativa nave da battaglia detta “corazzata monocalibro” sviluppata a partire dai primi anni del XX secolo (Dreadnought, dall’inglese “non temo nulla”) strofe (I, III, IV, V)

Versione completa (qui)
I
There’s a flash packet,
a flash packet of fame,
She hails to (from) New York
and the Dreadnought’s her name;
She’s bound to the westward
where the strong winds blow,
Bound away in the Dreadnought,
to the westward we go.
Derry down, down, down derry down.
II
Now, the Dreadnought
she lies in the river Mercey,
Waiting for the Independence
to tow her to sea;
Out around the Rock Light
where the salt tides do flow,
Bound away to to the westward
in the Dreadnought, we’ll go.
III (1)
(O, the Dreadnought’s a-howlin’
down the wild Irish Sea,
Her passengers merry,
with hearts full of glee,)
As sailors like lions
walk the decks to and fro,
She’s the Liverpool packet,
O Lord, let her go!
IV (2)
O, the Dreadnought’s a-sailin’
the Atlantic so wide,
While the high roaring seas
roll along her black sides,
(With her sails tightly set
for the Red Cross to show,
She’s the Liverpool packet,
O Lord, let her go!)
V
Now, a health to the Dreadnought,
to all her brave crew,
To bold Captain Samuel (3),
his officers, too,
Talk about your flash packets,
Swallowtail and Black Ball (4),
The Dreadnaught’s the flier(5)
that outsails them all.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
C’è un postale rapido
un postale rapido rinomato
che salpa per New York
e si chiama la Dreadnought
Fa rotta per l’Occidente
dove colpiscono i venti di tempesta
imbarcati sulla Dreadnought
verso Occidente andiamo.
Derry down, down, down derry down
II
La Dreadnought
è in rada nel fiume  Mercey
in attesa dell’Independence
che la rimorchierà fino al mare;
oltre il Faro
dove s’alza la marea
imbarcati sulla Dreadnought
verso Occidente andremo
III
La Dreadnought fa vela
verso il Mare d’Irlanda
I suoi passeggeri felici
con i cuori pieni di gioia
mentre i marinai come leoni
camminano sui ponti indaffarati
E’ il postale di Liverpool
per Dio, che parta!
IV
La Dreadnought naviga
l’oceano Atlantico
mentre le onde alte ruggiscono
e scorrono lungo le sue fiancate
con le vele dispiegate
per mostrare alla Red Cross
che è lei il postale di Liverpool
per Dio, che parta!
V
Evviva alla Dreadnought
e a tutta la sua ciurma di bravi
al valente Capitano Samuel
e anche ai suoi ufficiali
e riguardo i vostri postali rapidi
Swallowtail e Black Ball,
la Dreadnought  è il clipper
che li supera tutti.

NOTE
1)  i Dreadnoughts dicono invece
With the gale at her back/ What a sight does she make
A skippin’ so merry/With the west in her wake
2)  i Dreadnoughts dicono invece nella seconda parte della strofa
With her sails tight as wires/And the Black Flag to show
All away to the Dreadnought/To the westward we’ll go
3)  i Dreadnoughts dicono To bold captain (Willy!)
4) compagnie concorrenti alla  “Red Cross Line”
5) scritto come flier o flyer, ho preferito tradurre con la tipologia di nave

FONTI
http://www.traditionalmusic.co.uk/sea-shanty/Dreadnought.htm
http://www.contemplator.com/sea/dread.html

Dusty miller

Canzoncina passata per la penna di Robert Burns e rielaborata da un frammento di Herd (Ancient and Modern Scottish Songs 1776) “Dusty miller” è andata in stampa nello Scots Musical Museum nel 1788.
Il lavoro del mugnaio era importante nelle comunità di un tempo e anche nei piccoli centri era sempre presente un mulino. Carlo Ginzburg scrive  «La secolare ostilità tra contadini e mugnai aveva consolidato un’immagine del molinaro furbo, ladro, imbroglione, destinato alle pene infernali» (vedi)
Sebbene nelle canzoni popolari i mugnai siano per lo più personaggi avidi e disonesti, avari e donnaioli, su questa canzoncina non ci sono racconti anedottici; possiamo solo dire che è stata scritta dal punto di vista femminile, una donna chiaramente soddisfatta dalle prestazioni del mugnaio!
La melodia è riportata in numerose raccolte per violino del 1700, ma già aria popolare nel 1600  (vedi)

ASCOLTA Ewan MacColl

ASCOLTA Rod Paterson


I
Hey, the dusty Miller,
And his dusty coat,
He will spend (1) a shilling,
Or he win a groat(2):
Dusty was the coat,
Dusty was the colour,
Dusty was the kiss
That I gat frae the Miller.
II
Hey, the dusty Miller,
And his dusty sack;
Leeze me on the calling
Fills the dusty peck(3):
Fills the dusty peck,
Brings the dusty siller;
I wad gie my coatie
For the dusty Miller.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Viva il mugnaio infarinato
e la sua giubba infarinata
spenderà uno schellino
o guadagnerà  un grosso d’argento:
polverosa era la giubba
polveroso era il colore
polveroso era il bacio
che ho preso dal muganio
II
Viva il mugnaio infarinato
e il suo sacco infarinato,
caro è per me il suo richiamo,
riempie il  peck infarinato:
riempie il  peck infarinato,
porta l’argento infarinato;
darei la mia giubba
per il mugnaio infarinato

NOTE
1) nel SMM è scritto all’inverso: He will win a shilling, or he spend a groat
2) Antica moneta inglese d’argento, corrispondente al grosso, coniata dal 1351 al 1662; ebbe all’inizio un valore di poco superiore a quello del penny, […] ma in seguito fu ragguagliata a 4 pence. Il groat fu emesso anche in Scozia dal 1358 e in Irlanda dal 1460.
3) vecchia unità di misura equivalente a 1/4 di staio. In Scozia, il peck era usato come misura fino all’entrata in vigore della Legge sui Pesi e Misure del 1824 che uniformò i valori al sistema imperiale britannico Il peck in Scozia equivaleva a 9 litri (nel caso di certe colture, come frumento, piselli, fagioli e miglio) e a 13 litri (nel caso di orzo, avene e malto)

Il sito “The Fiddler’s Companion” elenca 8 brani diversi chiamati “The Dusty Miller”: si tratta di hornpipe, jig, slip jig, reel, strathspey
ASCOLTA Tony Rice

ASCOLTA The Chieftains

ENGLISH COUNTRY DANCE: in versione lenta

FONTI
http://www.studicassinati.it/db1/jupgrade/index.php/archivio/100-anno-xv-n-1-gennaio-marzo-2015/1052-m-ottaviani-storie-di-mole-mugnai-e-mugnaie
http://www.burnsscotland.com/items/v/volume-ii,-song-144,-page-151-dusty-miller.aspx
http://tunearch.org/wiki/Annotation:Dusty_Miller_(6)
http://www.cobbler.plus.com/wbc/poems/translations/476.htm
https://thesession.org/tunes/4323
https://www.scottish-country-dancing-dictionary.com/dance-crib/dusty-miller.html

The Cold Coast of Greenland 

The Spermwhale Fishery (o più correttamente The Cold Coast of Greenland)  è una variante di una canzone molto popolare nelle Isole Britanniche con il titolo “The Low Lands of Holland“: là  è la storia di una donna che la notte stessa delle nozze è abbandonata dallo sposo, il quale si arruola in marina per andare a combattere nelle “Lowlands of Holland”; qui lo sposo viene ingaggiato per andare in Groenlandia a caccia di balene. Ciò che non si evince direttamente in questa variante è la morte del giovane mentre è intento alla caccia: il suo corpo resterà per sempre in Groenlandia sepolto dal mare o dai ghiacci.

Il canto è infatti un lament in cui la giovane sposa  dichiara il suo eterno amore per il marito morto in mare in cui afferma che mai più si risposerà.

ASCOLTA Shirley Collins in False True Lovers 1959 (strofe I, VI, V)

ASCOLTA Ewan MacColl in Whailing Ballads (su Spotify)


I
Last night I was a-married
and on my marriage bed;
There came a bold sea-captain
and he stood at my bedhead,
Crying, “Arise, arise, you married man, and come along with me
To the cold, cold coast of Greenland
to the spermwhale  fishery.”
II
She held her love all in her arms,
a-thinking he might stay
Till the cruel captain came again;
he was forced to go away.
“It’s many a bright and bold young man must sail this night with me
To the cold, cold coast of Greenland and the sperm whale fishery.”
III
Her love he went on shipboard
and a lofty ship was she,
With a score of bold young whalermen to bear him company,
But the mainmast and the rigging they lie buried in the sea (1)
Off the cold, cold coast of Greenland in the sperm whale fishery.
IV
Said the father to the daughter,
“What makes you so lament?
There’s many a lad in our town
can give your heart content.”
“There is no lad in our town, no lord nor duke,” said she,
“Can ease my mind now the stormy wind has twined my love from me.”
V
No shoes nor stockings I’ll put on,
no comb go in my hair(2)
Nor any lamp or candle burn in my chamber bare.
Nor shall I lie with any young man
until the day I die
Now the cold, cold coast of Greenland lies between my love and me.
VI
Now Greenland is a dreadful place (3)
a land that’s never green;
It’s a wild inhabitation for a lover to be in.
Where the keen winds blow
and the whalefish go and daylight’s seldom seen;
And the cold, cold coast of Greenland lies between my love and me.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
La sera che mi ero appena sposata
accanto al mio letto di nozze
venne un coraggioso capitano
e stava ritto al capezzale
dicendo: “Alzati alzati, giovane sposo
e vieni con me
nelle fredda, fredda terra della Groenlandia  a pesca del capodoglio”.
II
Lei afferrò il suo amore tra le braccia
sperando che potesse restare, ma il capitano crudele ritornò e lui fu costretto ad imbarcarsi “Più di un forte e coraggioso giovanotto deve salpare questa notte con me, per la  fredda, fredda terra della Groenlandia  a pesca del capodoglio”.
III
Il suo amore salì a bordo
su una nave maestosa
con una ventina di balenieri giovani e coraggiosi ad accompagnarlo,
ma l’albero maestro e il sartiame finirono sepolti in mare
al largo della  fredda, fredda terra della Groenlandia  a pesca del capodoglio
IV
Disse il padre alla figlia
“Perchè ti lamenti così?
Ci sono molti giovani nella nostra città
che possono farti felice”
“Non c’è uomo, in città, ne gransignore o duca – disse lei- che possano farmi cambiare idea, il vento di tempesta ha legato il mio amore e me”
V
Nè scarpe, nè calze metterò, non mi pettinerò i capelli
e nemmeno lampada o candela brucerà nella mia spoglia stanza.
Non dormirò con un altro uomo fino al giorno della mia morte
la fredda, fredda terra della Groenlandia sta tra il mio amore e me.
VI
La Groenlandia è un posto terribile,
una terra che mai fiorisce;
un posto selvaggio perchè ci resti un innamorato.
Dove i venti spietati soffiano
e va la balena e la luce del sole è vista di rado
e la fredda, fredda terra della Groenlandia sta tra il mio amore e me.

NOTE
1) la descrizione del naufragio viene dalle versioni scozzesi della storia
2) per il lutto
3) la descrizione è un topico del genere e compare in  molte canzoni sulla caccia alle balene vedi

FONTI https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/thecoldcoastofgreenland.html

JANET & TAM LIN

Child Ballad #39

La ballata tradizionale del Cavaliere elfico Tam Lin, è di origine scozzese e risale al tardo Medioevo. (prima parte introduzione)

Vanna e Tam Lin, Jill Karla Schwarz

VERSIONE CHILD#39

Questa lunghissima versione è eseguita con l’ausilio della sola voce, proprio come probabilmente accadeva nell’antichità. Rispetto alla storia narrata nel post precedente (prima versione Fireport Convention qui) si aggiungono ulteriori dettagli in merito alle origini aristocratiche di Janet (in italiano Giovanna ma anche Vanna): lei è la proprietaria del Bosco, donatogli dal padre, e vive nel suo castello in dolci svaghi, attorniata dalla corte e dalle sue dame di compagnia. In Primavera però sente il richiamo del Bosco e inoltrandosi nella parte più nascosta e oscura incontra Tam Lin, il guardiano di un pozzo sacro. Janet non si limita a cogliere le rose e ritorna più volte al pozzo e al suo innamorato.
Quando la gravidanza risulta evidente dal gonfiore sotto alle vesti la fanciulla non vuole dire il nome del padre e rifiuta il matrimonio riparatore. In questa versione invece ritorna nel bosco per cercare piante abortive, perché di certo non può sposarsi con un elfo, senonchè Tam Lin le rivela di essere stato un uomo anche di un certo rango e di essere diventato Elfo per un capriccio della Regina delle Fate.

ASCOLTA Ewan MacColl Ascoltiamo la ballata così come doveva essere eseguita in epoca medievale, con la sola voce (forse accompagnata dall’arpa bardica). Nella sua lunghezza diventa quasi ipnotica, oggi non siamo abituati ad ascoltare narrare le storie mediante il canto, ma un tempo era consuetudine dei bardi.


I forbid ye, maidens a
That wear gold in your hair
Tae come or gae by Carterhaugh
For young Tam Lin is there.
There’s  nane that gaes tae Carterhaugh
But pays to him their fee,
Either their rings or green Mantlel
Or else their maidenheid.
Janet has kilted her green kirtle
A little abune her knee,
and she has gane to Carterhaugh
as fast as she could hie
She hadnae pu’d a double rose
A rose but and a briar
When oot and started Young Tam Lin,
Says, “Lady, ye’ll pu’ nae mair.”
‘Why pu’   ye the rose, lady,
And why break ye the wand?
And why come ye tae Carterhaugh
Withooten my command?”
“Carterhaugh is mine,” she said,
My daddy gie tae me,
And I will come tae Caterhaugh
Withoot the lief o’ thee.
He’s taen her by the milk-white haund
And by the grass-green sleeve,
and laid her doon upon a bank,
and didnae ask her leave.
Janet has kilted her green kirtle
a little abune her knee,
And she has gane tae her daddy’s hoose/As fast as she could hie.
There were fowre-and-twenty ladies fair/A-playing’ at the ba’,
And Janet gaed like ony queen,
A flowr amang them a’.
There were fowre-and-twenty ladies fair/A-playing’ at the chess,
And Janet gaed amang them a’
As green as ony grass.
Oot spak then an auld grey knicht,
Stood owre the castle wa’,
And said, “Alas, dear Janet
But I fear ye’ve gotten a fa’,
Your petticoat is gey shorter
and we’ll be blamed a’.”
“O Haud   yer tongue, ye old grey knicht/And an ill deith may ye dee
Faither my bairn on wha I will
I’ll faither nane on thee.”
Then oot spak her auld faither,
Says, “Janet, you’re beguiled.
Your petticoat is gey shorter
I fear ye gang wi’ child.”
“O if I gang wi’ bairn, faither,
It’s I will tak’ the blame.
There’s no’ a knicht aboot your ha’
Sha’ bear my bairnie’s name.
Janet as kilted her green kirtle
a little abune her knee,
And she’s has gane tae Carterhaugh
as fast as she could hie.
She hadnae pu’d a double rose
A rose but and a briar
When oot and started Young Tam Lin,
Says, “Janet, ye’ll pu’ nae mair.””Why pu’ ye the rose, Janet,
Amang the leaves sae green?
A’ for to kill the bonnie babe
That we gat us between.”
“Tell me, noo, Tam Lin,” she said,
“For’s His sake wha died on tree,
Gin ever ye were in holy kirk
or else in Christendee?”
“Roxburgh was my grandfaither
And wi’ him I did ride,
And it fell oot upon a day
That wae did me betide.
Ay, it fell oot upon a day,
A cauld day and a snell,
When we were fae the hunting come
That fae my horse I fell.
The Queen o’ Elfinland passed by,
Took me wi’ her to dwell,
E’en whaur there is a pleasant place
For them that in it dwell,
Though at the end o’ seiven year
They pay their soul to Hell.
The nicht it is auld Hallow E’en
When elfin folk do ride,
And them that would their true-loves win/At Miles Cross they maun bide.”
But tell me noo, Tam Lin,” she said,
“When ye’re amang the thrang,
Hoo should I ken my ain true-love
amang that unco band? ”
“Some will ride the black, the black,
And some will ride the broon,
But I’ll be on the milk-white horse
Shod wi’ the siller shoon.
The ae hand will be gloved, Janet
the other will be bare,
And by these tokens’ I’ll gie ye,
Ye’ll ken that I am there.
The first company that passes by,
say “na” and let them gae,
The second company that passes by,
Then let them gang their way,
But the third company that passes by
Then I’ll be yin o’ they.
Ye’ll hie ye tae my milk-white steed
and pu’ me quickly doon,
Throw your green kirtle owre me
To keep me fae the rain
They’ll turn me in your airms, lady
Tae an adder and a snake,
But haud me fast unto yer breist
Tae be your worldy mate.
They’ll turn me in your airms, lady
A spotted toad  to be,
But haud me fast unto your breist
T’enjoy your fair body.
They’ll turn me in your airms, lady
Tae a mither-naked man,
Cast your green kirtle owre me
To keep me frae the rain.
First put me in a stand o’ milk
Syne in a stand o’ water,
and haud me fast unto your breist
I am your bairn’s father.”
Janet has kilted her green kirtle
a little abune her knee
and she has gane tae Miles Cross
as fast as she could hie.The first company that passed her by
She said “na” and let them gae,
The second company that passed her by/ She let them gang their way
But the third company that passed her by/Then he was yin o’ they.
She’s heid her to his milk-white steed
And pu’d him quickly doon,
Cast her green kirtle owre him
To keep him fae the rain.
They’ve turned him in his lady’s airms
Tae an adder and a snake,
She held him fast unto heir breist
He was her worldy mate.
They’ve turned him in his lady’s airms
A spotted toad to be,
She held him fast unto heir breist
T’enjoy her fair body.
They’ve turned him in his lady’s airms
Tae a mither-naked man,
She’s cast her green kirtle owre him
To keep him fae the rain.
She’s put him in a stand o’ milk,
Syne in a stand o’ water,
She’s held him fast unto her breist,
He was her bairn’s faither.
Oot spak the Queen O’ Elfinland
Oot o’ a bush o broom,
“O, wha’ has gotten young Tam Lin
Has gotten a stately groom
Oot spak the Queen o’ Elfinland
Oot o’ a thorny tree,
“O’, wha has gotten young Tam Lin
Has taen my love fae me.
Gin I had kent, Tam Lin,” she said
“A lady would borrow thee,
I would hae torn oot thy twa grey e’en
Put in twa e’en o’ a tree.
Gin I had kent, Tam Lin,” she said
“When first we came tae home,
I would hae torn oot that hairt o’ flesh,
Put in a hairt o’ stane.”
Traduzione parzialmente presa da vedi
Attente voi tutte fanciulle
che portate l’oro nei capelli (1)
di venire o andare a Carterhaugh (2)
che il giovane Tam Lin vi dimora!
Tutte coloro che vanno
a Carterhaugh
un pegno devono lasciare:
o l’anello o il verde mantello
o la loro verginità.
Vanna con la veste verde
che scopre le gambe di un po’
fino a Carterhaugh procede,
corre più svelta che può.
Aveva già colto una rosa
un’altra voleva staccare
ed ecco, le appare Tam Lin:
“Donna, non me le toccare!
Perché raccogli la rosa, signora,
e perché spezzi i rami?
e perché vieni a Carterhaugh,
senza il mio permesso? (3)”
Carterhaugh è mia”- disse lei
“mio padre a me la diede
e verrò a Carterhaugh
senza la tua volontà”
La prese per la mano bianca come giglio (4) e per la manica verde-erba
e la appoggiò a terra
senza chiederle il permesso
Vanna rimbocca la veste verde
un po’ sopra il ginocchio,
va al palazzo del padre
più veloce che può.
C’erano ventiquattro belle dame
che giocano a palla (5)
e Vanna procedeva come regina
un fiore tra le belle.
Ventiquattro belle dame
giocano agli scacchi;
ecco che viene la bella Vanna
più verde dell’erba.
Parlò un vecchio cavaliere grigio
appoggiato al muro del castello:
“Ahimè, cara Vanna,
ma temo che hai commesso uno sbaglio, la tua gonna è troppo corta
e il biasimo ricadrà su tutti noi!”.
“Sta’ zitto, cavaliere grinzoso,
che tu muoia di morte tremenda!
Accetta come padre chi voglio,
ché nessuno di voi lo e’ di mio figlio.”
Parlò allora il vecchio padre amato
e disse:” Vanna, sei stata sedotta
la tua gonna è troppo corta
temo che aspetti un bambino.”
“Se aspetto un bambino, padre,
io sola ne porto il biasimo:
non c’e’ signore nel tuo palazzo
che possa dargli il nome.
Vanna rimbocca la veste verde
che scopre le gambe di un po’,
e corre a Carterhaugh
più veloce che può.
Aveva colto due rose,
una sola rosa o due,
che comparve il giovane Tam Lin
dicendo di non coglierne più.
“Perché cogli le rose, Vanna,
nei boschi d’alberi verdi,
per uccidere il bimbo grazioso,
forse, che e’ nato fra noi?”
“Dimmi, dolce Tam Lin, – lei disse-
per amore di chi e’ morto in croce,
sei mai stato in una cappella,
o hai mai visto i cristiani?” (6)
“Mio nonno era di Roxbrugh
e cavalcavo con lui;
ma giunse un giorno l’ora
in cui male mi colse:
Si, giunse un giorno l’ora
un giorno freddo e pungente.
tornavamo da caccia
e caddi dal mio cavallo;
La regina delle Fate stava passando,
e mi prese a vivere con lei
bella è la terra delle fate
per coloro che vi dimorano
ma quando scadono i sette anni (7)
si paga un tributo all’Inferno.
Nella notte della vigilia d’Ognissanti,
cavalcherà il popolo delle Fate
e se vuoi conquistare l’amore
devi attendere alla croce. (8)”
“Come riconoscerti, Tam Lin, – lei disse-come trovare il mio vero amore
in mezzo a tanti cavalieri
fantastici e senza simili?”
“Lascia passare il cavallo nero,
poi lascia passare il morello,
corri al destriero biancolatte
e trascina in terra il cavaliere (9).
Nella destra avrò un guanto, Vanna,
e la sinistra sarà nuda,
questi sono i segni che ti do
e non temere non mancherò.
La prima schiera che passa
di “no” e lasciala andare
la seconda schiera che passa
lasciala andare per la sua strada
ma la terza schiera che passa
allora io sarò tra loro.
Allora ferma il mio cavallo bianco-latte
e tirami giù veloce,
getta il tuo mantello verde su di me
e nascondimi alla vista.
Mi muteranno nel tuo abbraccio
in una vipera e un serpente,
ma tienimi stretto, non temere,
sono il padre del tuo bambino.
Mi muteranno nel tuo abbraccio
in un rospo (10) pieno di macchie
ma tienimi stretto, non temere,
per godere del tuo bel corpo.
Mi muteranno nel tuo abbraccio
diventerò un nudo cavaliere
coprimi con il tuo manto verde
e nascondimi alla vista.
Prima mettimi in una tinozza di latte (11) poi in una d’acqua
e tienimi stretto tra le braccia
sono il padre del tuo bambino”
La bella Vanna col manto verde
un po’ alzato sulle ginocchia
va in cerca della croce
più veloce che può
La prima schiera che le passa vicino
dice “no” e la lascia andare
la seconda schiera che passa
la lascia andare per la sua strada
ma la terza schiera che le passa vicino,
allora egli sarà tra di loro.
Corre lesta verso il cavallo biancolatte
e trascina a terra il cavaliere
getta il suo mantello verde su di lui
e lo nasconde alla vista.
Lo mutarono nel suo abbraccio
in una vipera e un serpente,
ma ella lo tenne stretto tra le braccia
era il padre del suo bambino.
Lo mutarono nel suo abbraccio
in un rospo pieno di macchie
ma ella lo tenne stretto tra le braccia
per godere del suo bel corpo
Lo mutarono nel suo abbraccio
in un nudo cavaliere
lei lo coprì con il tuo manto verde (12)
e lo nascose alla vista.
Lo mise in una tinozza di latte
poi in una tinozza di acqua
e lo tenne stretto tra le braccia
egli era il padre del suo bambino
Parlò allora la Regina delle Fate
da un cespuglio di erica assai fitto:
“Chi si e’ preso il giovane Tam Lin
si e’ preso un amante nobilissimo.”
Parlò ancora la Regina delle Fate
da un cespuglio spinoso assai fitto:
“Chi si e’ preso il giovane Tam Lin
ha preso il mio amore. (13)
Ma se avessi saputo, Tam Lin,
che una dama ti avrebbe liberato
ti avrei strappato i begli occhi grigi
e messo al posto due occhi di legno.
Ma se avessi saputo, Tam Lin,
che alla fine saresti ritornato a casa
ti avrei strappato il tuo cuore di carne
e messo al posto un cuore di pietra”
Vanna e il serpente, Jill Karla Schwarz

NOTE
1) era costume per le ragazze da marito portare dei fermagli d’oro (o retine dorate, cerchietti) nei capelli; il menestrello quindi si rivolge alle fanciulle vergini per avvertirle di non avventurarsi nel bosco di Carterhaugh perché è abitato da un elfo (è noto che gli elfi siano ottimi amanti nonché bramosi di conquistare la virtù di vergini fanciulle!)
2) la storia è ambientata in un luogo reale e ben identificato, il bosco di Carterhaugh tuttora esistente a Selkirk (nel Border scozzese) dove confluiscono i fiumi Ettrick e Yarrow (vedi)
3) prima di entrare nel greenwood ossia nel bosco sacro è necessario chiedere il permesso delle fate che lo abitano, Lady Janet essendo la proprietaria del bosco si comporta in modo incauto.
4) prendere per la mano bianca come il giglio: tipica frase in codice utilizzata nelle ballate per far capire agli ascoltatori che l’uomo e la donna stanno per fare sesso
5) il gioco con la palla è un commonplace delle ballate tradizionali. In questo contesto è un ulteriore rafforzamento della storia in codice narrata; i giocatori sono sempre 24 di numero
6) la donna vuole accertarsi sulla natura di Tam Lin è sempre stata una creatura fatata o prima era un essere umano (battezzato e quindi nella luce della vera fede)?
7) sette anni è un periodo simbolico per indicare una punizione, una volta era anche la durata di un apprendistato per imparare un mestiere, ma anche la durata giuridica per poter dichiarare legalmente morta una persona scomparsa. Viene così a delinearsi una posizione transitoria di Tam lin: un prigioniero, un apprendista mago o un uomo in attesa di passare definitivamente nel Mondo delle Fate?
Il periodo sta per scadere con la notte di Halloween, una delle feste celtiche più importante con quella di Beltane: ossia la festa dell’Inverno (detta Samhain). In effetti il giovane cavaliere è andato a cacciare impunemente nel bosco sacro, profanando il tabù dell’inviolabilità, così la regina delle fate lo tiene prigioniero. Qui è citato, molto cristianamente, il tributo che le fate devono versare al diavolo, un allusione ai sacrifici umani che si credeva facessero i pagani alle divinità boschive!
8) Mile Cross o Old Mile sono luoghi nei pressi dell’Ettrick River nel bosco di Carterhaugh vicino a Selkirk (vedi)
9) gli animali in cui viene trasformato l’elfo hanno una connotazione negativa e stregonesca sia il serpente che il rospo sono considerati nel Medioevo animali magici da utilizzare nelle pozioni e per gli incantesimi (soprattutto quelli d’amore o di malocchio). Questi animali sono evidenti riferimenti al culto della dea madre soprattutto per i loro poteri di “trasformazione” e di fecondità. Il rospo e la palla dorata sono i protagonisti della fiaba/ballata del Principe Ranocchio (vedi)
10) il cavallo bianco riservato a Tam Lin indica la particolare bellezza dell’elfo, della sua purezza in quanto umano non ancora trasformato completamente in elfo (e quindi visto in modo non ancora demoniaco come invece sono considerate le altre fate – sempre chiaramente dal punto di vista cristiano)
11) sempre senza citare il pozzo e la sua acqua questa strofa però lo richiama con quel “stand” che ho tradotto come tinozza (o vasca) e che comunque doveva essere un contenitore abbastanza grande da poter contenere un uomo. Un po’ elaborata come procedura (trascinare delle grosse tinozze piene di liquido per un bosco!) ma in alcune versioni più estese (e ancora più diffusamente nella versione fiabesca della storia) sappiamo che l’elfo oltre a subire delle trasformazioni in animali diventa alla fine una barra incandescente (o anche spada fiammeggiante), così bruciante da sfidare la capacità di sopportazione del dolore da parte della coraggiosa Janet. (così lo “stand” potrebbe essere un semplice, anche se più prosaico, secchio).
049
Come atto finale Janet deve gettare la barra nel pozzo sacro, dal quale riemergerà Tam Lin completamente nudo (e rinato). Alcune interpretazioni vogliono vedere una sorta di antica condivisione rituale del mistero della nascita: la fanciulla viene iniziata alla conoscenza sessuale a Beltane e successivamente al parto.
In effetti durante la sua prova iniziatica lei è non solo incinta, ma prossima a partorire!
12) Anche in questa versione non viene menzionato il pozzo ma è il mantello verde di Janet a proteggere l’uomo “rinato” dalla regina delle fate, che proprio per il suo colore magico lo coprirà nella fuga (ma anche un po’ di realismo ci vuole dopotutto siamo a novembre!)
E’ curioso come le versioni delle ballate non menzionino il pozzo (contrariamente a quelle della fiaba). Comunque c’è una leggenda nella località in cui si è svolta la storia che vuole vedere due o tre anelli nel bosco di Carterhaugh dove non cresce più l’erba e che stanno a indicare la posizione dei contenitori posti dalla nobildonna. A mio avviso una allusione al cerchio delle fate ovvero ai funghetti che crescono nei prati e nel sottobosco delimitando un cerchio
13) la fata attribuisce alla bellezza del giovane il motivo del suo rapimento, tuttavia Tam Lin non era uno schiavo ai voleri della fata, che gli aveva lasciato il suo cuore umano.

ASCOLTA Anne Briggs in Young Tambling – 1971 con la sola melodia della voce, così come era tramandata dai traveller. Qui il testo è assemblato con una tecnica tipicamente applicata nelle lunghe ballate per memorizzarle più facilmente: l’ultima frase della strofa è ripetuta due volte.

I.
Lady Margaret, Lady Margaret, was sewing at her seam
And she’s all dressed in black.
And the thought come in her head to run in the wood
to pull flowers to flower her hat, me boys, to pull flowers to flower her hat.
II.
So she hoisted up her petticoats a bit above the knee/And so nimbly she’d run o’er the ground./And when she come in the merry greenwood,
Well, she pulled them branches down..
III.
Suddenly she spied a fine young man,
He’s standing by a tree.
He says, “How dare you pull them branches down
Without the leave of me?”
IV.
“Well, -she says,-This little wood, oh, it is me very own,
Me father gave it to me.
I can pull these branches down
Without the leave of thee, young man”
V
And he took her by the milk-white hand
And by the grass-green sleeve,
He pulled her down at the foot of a bush,/And he never once asked her leave, me boys..
VI
And when it was done she twist about
To ask her true-love’s name.
But she nothing heard and she nothing saw/And all the woods grew dim…
VII
There’s four and twenty ladies all in the land/and they’re all playing at chess./Except it was the Lady Margaret/And she’s green as any glass..
VIII
And there’s four and twenty ladies all in the land
Grow as red as any rose.
Except it was the Lady Margaret,
She’s pale and wan, me boys..
IX
Up then spoke the little servant girl,
She lift her hand and smiled,
Says, “I think my lady has loved too long/And now she goes with child, me dears”
X
Up then spoke the second serving girl
“Oh, ever and alas-said she-But I think I know a herb in the merry greenwood/It’ll twine thy baby from thee, madam”
XI
So Lady Margaret she got her silver comb,
Made haste to comb her hair,/And then she’s away to the merry greenwood/As fast as she can tear, me boys..
XII
And she hadn’t pulled in the merry greenwood/A herb but barely one
When by her stood the young Tambling,
He says, “Margaret, leave it alone..
XIII
Why d’you pull that bitter little herb,
The herb that grows so grey,
For to destroy that fine young babe
That we got in our play, my dear..”
XIV
“Well, come tell me now, young Tambling,” she says,
“If an earthly man you be.”
“I’ll tell you no lies,” says young Tambling,
“I was christened as good as thee, me dear..
XV
But as I rode a-hunting on a bitter, bitter night,
It was from my horse I fell,
And the Queen of Elfland she caught me In yonder green hill to dwell, to dwell..
XVI
“But tonight is Halloween, lady,
The Elven Court will ride.
And if you would your true love win,
By the mill bridge you must hide, me dear..
XVII
And first will run the black horse and then will run the brown,
And then race by the white.
You hold him fast and you fear him not,
For he’s the father of your child, my love..
XVIII
They’ll turn me all in your arms, lady,
Into many’s the beasts so wild.
But you’ll hold on fast and you fear no ill,
For it’s the father of your child, my love..”
XIX
So Lady Margaret she got her silver comb,
She made haste to comb her hair.
Then she’s away to the old mill-bridge
As fast as she could tear, me boys..
XX
And about the dead hour of the night
She heard the bridles ring.
And oh, me boys, it chilled her heart
More than any earthly thing it did…
XXI
And first run the black horse and then run the brown
And then race by the white.
Well, she hold it fast and feared it not,
For it’s the father of her child,
XXII
The thunder rolled across the sky,
The stars blazed bright as day.
The Queen of Elven gave a thrilling cry,
“Young Tambling’s away, brave boys”
XXIII.
And the very first thing they turned him into/Was a lion that runs so wild.
But she held him fast, she feared him not,/For he’s the father of her child, me boys,
XXIV
And the very next thing they turned him into,
It was a loathsome snake.
He says, “Hold me fast and fear me not,
For I’m one of God’s own make, my love..”
XXV
And again they changed him all in her arms
To a red hot bar of iron.
But she held it fast, she feared it not,
And it did to her no harm, no harm…
XXVI
And the very last thing they changed him into/Was like any naked man.
She flung her mantle over him,
She cried, “Me love I’ve won, I’ve won,”
XXVII
And the Queen of Elven she called from a bush,
She’s red as any blood.
“I should have tore out your eyes, Tambling,
And put in two eyes of wood, of wood..”
I.
Lady Margaret, Lady Margaret era intenta a cucire
tutta vestita di nero
e le venne il pensiero di correre nel bosco per raccogliere i fiori e decorare il suo cappello, miei cari, di raccogliere i fiori e decorare il suo cappello
II.
E allora sollevò le sottane un po’ sopra al ginocchio
e corse più agilmente sul terreno
e quando arrivò a quei bei boschi verdi
strappò quei rami ..
III.
Ed è là che vide un gentiluomo
che stava in piedi accanto ad un albero
“Chi ti ha dato il permesso, mia cara
di strappare quei rami, mia cara
chi ti ha dato il permesso?”
IV
“Beh, – dice lei -Questo piccolo bosco mi appartiene
mio padre me lo ha lasciato.
Io posso strappare tutti i rami
senza il tuo permesso, mio caro!”
V
E allora lui la prese per la mano bianco-latte
e per la manica verde-erba
e si stesero ai piedi di un cespuglio
e lui nemmeno una volta le chiese il suo permesso, miei cari
VI
Una volta finito lei cercò
di sapere il nome del suo amante
ma nulla sentì e nulla vide
e tutto il bosco divenne buio..
VII
Ci sono ventiquattro dame sedute per terra
e giocavano a scacchi
tranne Lady Margaret
che è verde come il vetro (l’erba) (1)
VIII
Ci sono ventiquattro dame sedute per terra
arrossate come una rosa rossa tranne Lady Margaret
che è pallida e patita..
IX
Allora parlò la servetta
lei alzò la mano e sorrise
“Credo che la mia signora abbia amato troppo e adesso aspetta un bambino, miei cari”
X
Allora parlò la seconda serva
“Ahimè – disse
credo di conoscere un erba nel bosco più folto
che ti farà perdere il bambino, signora”
XI
Così Lady Margaret prese il suo pettine d’argento
e si affrettò a pettinarsi i capelli,
e poi andò per il bosco
più veloce che poteva, miei cari
XII
E lei aveva appena preso nel bosco
un erba ma proprio una
che accanto le stava il giovane Tambling
dice lui “Margaret, lascia stare..
XIII
Perché cogli quella piantina amara
l’erba che cresce così grigia?
Per uccidere quel bel bimbo
che abbiamo fatto insieme, mia cara?”
XIV
“Allora dimmi, giovane
Tambling – disse lei-
se sei un uomo terreno”
“Non ti mentirò” – dice il giovane Tambling -Sono stato battezzato come te, mia cara
XV
Ma mentre correvo per la caccia, o notte triste
caddi da cavallo
e la regina delle fate mi catturò
per farmi dimorare nella collina verde laggiù..
XVI
Stanotte è il nuovo anno, signora
e le fate cavalcheranno; e se vuoi che l’amore trionfi ti devi nascondere al ponte del Mulino, mia cara..
XVII
Il primo sarà un cavallo nero e poi ci sarà quello marrone
e poi ce ne sarà uno bianco latte,
lo (2) terrai per la testa, non dovrai avere paura
è il padre di tuo figlio, mia cara
XVIII
Mi trasformeranno tre le tue braccia, signora in molte bestie feroci, ma tieni stretto e non aver paura
perchè è il padre di tuo figlio, mia cara…
XIX
Così Lady Margaret prese il suo pettine d’argento
e si affrettò a pettinarsi i capelli
poi andò al Ponte del Vecchio Mulino più veloce che potè..
XX
Era all’incirca mezzanotte (3) che lei udì le briglie tintinnare e oh, miei ragazzi  le ghiacciò il sangue(4) più di ogni altro suono terreno
XXI
E per primo correva il cavallo nero e poi quello marrone
e poi correva il bianco,
beh lei lo tenne stretto e non ebbe paura perchè è il padre di suo figlio
XXII
Il tuono rimbombò nel cielo
le stelle lucevano come se fosse giorno la regina delle fate gridò forte”Il Giovane Tambling è fuggito”
XXIII
La prima cosa in cui lo trasformarono
fu in leone che corre selvaggio
ma lei lo tenne forte, senza temerlo
è il padre di suo figlio, miei cari…
XXIV
La successiva cosa in cui lo trasformarono
fu un serpente disgustoso;
“Afferrami forte e non temere
che io sono stato fatto dal volere di Dio, mio amore…”
XXV
E ancora si trasformò tra le sue braccia
in una barra di ferro incandescente
ma lei lo tenne forte, senza temerlo,
e non le ha fatto del male.
XXVI
E l’ultima trasformazione
fu in un uomo nudo,
lei gettò il mantello su di lui
e gridò:”amor mio ho vinto..”
XXVII
E la regina delle fate gridò da un cespuglio,
rossa come il sangue
“Avrei dovuto strapparti gli occhi, Tambling,
e metterci al posto due pezzi di legno..”

NOTE
1) evidentemente un refuso per grass= erba
2) con tutta evidenza si tratta del cavaliere e non del cavallo che la lady deve tenere stretto!!
3) l’ora dei morti
4) letteralmente “le si ghiacciò il cuore” ma in italiano si dice “ghiacciare il sangue”

GLASGOW REEL

E’ un brano strumentale chiamato anche Tam Lin, decisamente veloce e ossessivo: c’è chi ipotizza (con Sir Walter Scott in testa) che la storia di Tam Lin si sviluppasse in modo monocorde come ballata cantata dalla sola voce e si concludesse con la danza strumentale. Super popolare per la sua vivacità che ogni violinista prima o poi impara a suonare, nonché pezzo immancabile nell’irish dance, rielaborato in tutte le salse

ASCOLTA Rising Gaael un giovane gruppo del Wisconsin (US) nato nel 2004

Celtic Sands live
Un pezzo immancabile nelle esibizioni di danza

ASCOLTA Ilse de Ziah

continua
FONTI
http://tam-lin.org/versions/maccoll.html
http://tam-lin.org/versions/briggs.html

HIND HORN FROM EDINBURGH TOWN

Hind Horn è un’antica ballata che nasce dal romance “King Horn”  scritto alla fine del XIII secolo in proto-inglese in cui si narra dell’eroico re Horn, originariamente un feroce e sanguinario incursore vichingo, trasformato in un tipico cavaliere medievale, imbevuto di virtù cavalleresche.
Nella ballata invece prevale il tema amoroso, il quale inaugurerà uno specifico filone delle ballate popolari detto “broken token ballad“: l’uomo andato in guerra, ritorna dopo molti anni e incontra (sotto mentite spoglie) la fidanzata o la moglie, e la sottopone ad un test per avere la prova della sua fedeltà. Il modello archetipo è probabilmente quello di Ulisse e Penelope. (vedi prima parte)

L’ANELLO MAGICO

Un giovane uomo, spesso uno scozzese, Hind Horn, ha servito il re andando per mare per sette anni, nel frattempo si innamora di Jean, la figlia del re. Il re ad un certo punto e per motivi non chiariti, allontana da corte Hind Horn mandandolo a combattere oltremare per altri sette anni. Prima della separazione l’innamorata gli dona un anello che contiene una pietra magica, la quale diventa opaca in caso d’infedeltà. Quando la pietra perde la sua brillantezza il giovane corre a corte e scopre che Jane si è sposata con un altro; travestendosi e camuffandosi da mendicante con la scusa di brindare per la sposa getta nel bicchiere l’anello avuto in dono. Subito Jean lo riconosce e  scappa via con Hind Horn.
La ballata, nota anche sotto i titoli di “The Pale Ring” o “The Jeweled Ring”, è stata preservata nelle versioni più complete in Scozia e Irlanda ma, grazie agli emigranti irlandesi, è approdata anche nel New Brunswick (Canada).
Le versioni sono molte come pure le melodie associate, non si trovano tuttavia molte registrazioni in merito.

LA VERSIONE SCOZZESE

In Dan Milner and Paul Kaplan Songs of England, Ireland and Scotland, 1983 Oak, New York è così riportato: “Source: Text collated from various sources; tune from G. Greig and and A. Keith, Last Leaves of the Traditional Ballad and Ballad Airs.
Questa versione ambientata in Scozia è contraddistinta dall’intercalare delle frasi nonsense e dal ritornello And the birk and the broom blooms bonnie-O

ASCOLTA Rosaleen Gregory (da qui)
ASCOLTA
 su Spotify Ewan MacColl  in Ballads 1956


Near Edinburgh town was a young child born
(With a high loo low and a high loo  land)
His name was called young Hind Horn
(And the birk and the broom(1) blooms bonnie-O)
Seven years he served the King,
All for the sake of his daughter Jean.
The King an angry man was he
And he sent young Hind Horn to the sea,
She’s given to him a golden ring
With seven diamonds set therein.
“When this ring grows pale and wan
You may know that my love is gone”.
One day he looked his ring upon
And he knew she loved another man.
He’s left the sea and come to land
And there he’s met an old beggar man.
“What’s news, what news doth thee betide?”
“No news but the Princess Jean’s a bride.”
“Will you give me thy begging tweed
And I’ll give you my riding steed?”
The beggar he was bound for to ride
And Hind Horn he was bound for the bride.
When he came to the King’s own gate
He sought a drink for Hind Horn’s sake(2).
He drank the wine and dropped the ring
And bade them take it to the Lady Jean.
“Got you this ring by sea or land
Or got you this from a dead man’s hand?”
“Not from sea and not from land
But I got it from thy milk-white hand.”
“I’ll cast off my gown of brown
And I’ll follow you from town to town.”
“You needn’t cast off your gowns of brown,
For I’ll make you the lady of many a town.”
“I’ll cast off my dress of red(3)
And I’ll follow you and beg my bread.”
“You needn’t cast off your dress of red,
For I’ll maintain you with wine and bread.”
The bridgegroom had the bride first wed
But young Hind Horn took her first to bed.(4)
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
Vicino a Edimburgo nacque un bambino
(With a high loo low and a high loo  land)
che venne chiamato giovane Hind Horn. (e la betulla e la ginestra (1) fioriscono belle)
Servì il Re per sette anni
per amore verso la figlia Jean.
Il re si arrabbiò
e mandò il giovane Hind Horn per mare,
lei gli diede un anello d’oro
con sette diamanti incastonati.
“Quando l’anello è pallido e opaco,
tu saprai che il mio amore è svanito.»
Un giorno egli guardò l’anello
e seppe che lei amava un altro uomo.
Riprese il mare e approdò a terra
dove incontrò un vecchio mendicante.
«Che notizie, quali sono le notizie di oggi?»
«Solo che la Principessa Jean si è sposata.»
«Mi darai il tuo vestito da mendicante e io ti darò il mio destriero?»
Il mendicante era pronto per cavalcare
e Hind Horn era pronto per
la sposa.
Quando arrivò al cancello del Re
cercò da bere alla salute di Hind Horn (2),
bevve il vino e lasciò cadere l’anello
e ordinò che venisse portato a Lady Jean
«Lo hai trovato navigando o viaggiando per terre?
O lo hai preso dalla mano di un uomo morto?»
«Non lo presi né per mare né per terra,
ma lo ottenni dalla tua bianca mano»
«Metterò l’abito marrone
e ti seguirò di porta in porta.»
«Non c’è bisogno che ti metta l’abito marrone
perchè ti renderò la signora di molte città.»
«Metterò l’abito rosso (3)
e ti seguirò a mendicare il pane.»
«Non c’è bisogno che tu ti metta l’abito rosso
perchè ti manterrò con pane e vino.»
Lo sposo sposò per primo la sposa,
ma il giovane Hind Horn se la portò per primo a letto (4).

NOTE
1) la ginestra con la sua rigogliosa fioritura dorata ha spesso una precisa allusione sessuale nelle ballate. Forse per la forma del fiore che richiama la vulva femminile. Con la ginestra si facevano le scope nel Medioevo così con il termine inglese “broom” si indica entrambi: sulle scope volavano le streghe e la ginestra allude a una sessualità diabolica o quantomeno selvaggia, libera da regole. In genere nelle ballate quanto l’argomento è di natura sessuale vengono utilizzati nomi di erbe e fiori nel ritornello, proprio per avvertire l’ascoltatore. La brughiera è come il “greenwood” è un luogo “fuori legge” fuori dalla società civile dove accadono incontri fatati e illeciti, ma vissuti con una primitiva o primordiale innocenza. Una leggenda, di origine scozzese racconta di un uomo che richiese la “prova d’amore” prima di sposarsi. La ragazza su consiglio di una vecchia saggia, accettò la prova, ma solo se avesse avuto luogo tra i cespugli di ginestra. Accadde che il ragazzo stordito dal profumo dei fiori, cadde ben presto in un sogno profondo. Al risveglio, convinto di aver posseduto la ragazza come voleva, acconsentì alle nozze.
2) in altre versioni (come quella dei Bandoggs) più coerentemente è scritto: He’s sought there a drink for the bridegroom’s sake: al mendicante veniva offerto da bere per brindare alla salute della sposa
3) la principessa è convinta che il suo cavaliere sia caduto in disgrazia e viva come un mendicante. Così dichiara di voler indossare gli abiti del popolo per andare in giro a mendicare con lui. Nelle ballate il marrone e il rosso vengono considerati colori adatti ai mendicanti.  Nei tempi antichi però il rosso era il colore nunziale degli sposi, indossato per evocare la fertilità, poi il Cristianesimo ha voluto che la donna si vestisse di blu, colore che simboleggia la verità e la purezza, e solo a partire dalle nozze della Regina Vittoria nel 1840 iniziò a consolidarsi la tradizione dell’abito bianco per la sposa.
4) Hind Horne è arrivato durante il banchetto nunziale i due si erano già sposati ma non avevano ancora consumato..

Un’ulteriore variante testuale riporta ancora meno strofe e il ritornello è completamente senza senzo con mera funzione d’intercalare:  Hey lililo and a ho lo la seguito da  Hey down and a hey diddle downy
ASCOLTA Bandoggs in Bandoggs 1978

ASCOLTA Maddy Prior in Flesh an Blood 1998 (per il testo qui)

ASCOLTA The Furrow Collective in At Our Next Meeting 2014 (i quali modificano ulteriormente il testo)


Young Hind Horn to the King is gone,
Hey lililo and a ho lo la,
And he’s fell in love with his daughter Jean, Hey down and a hey diddle downy.
She gave to him a golden ring
With three bright diamonds set therein.
“When this ring grows pale and wan
It’s then that you’ll know my love is gone.”
Now the king has sent him o’er the sea
For seven long years in a far country.
One day his ring grew pale and wan
And he knew that she’d loved another man.
So he’s left the sea for his own land
And it’s there that he’s met with a beggar man.
“What news, what news old man doth befall?”
“It’s none save the wedding in the king’s own hall.”
“Cast off, cast off your beggar’s weeds
And I’ll give you my good grey steed.”
Oh it’s when he came to the king’s own gate
He’s sought there a drink for the bridegroom’s sake.
And the bride gave him a glass of wine
And when he’s drunk he’s dropped in the ring.
“Oh got ye this by the sea or the land
Or took ye this from a dead man’s hand?”
“I got it neither by sea nor land
For you gave it to me with your own hand.”
“Oh, I’ll cast off my gown of red
And along with thee I’ll beg my bread.”
“Oh, you need not leave your bridal gown
For I’ll make you the lady of many’s the town.”
Her own bridegroom had her first wed
But young Hind Horn had her first to bed.
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
Il giovane Hind Horn è andato dal Re
Hey lililo and a ho lo la,
e si è innamorato di Jean sua figlia.
Hey down and a hey diddle downy.
Lei gli diede un anello d’oro con tre diamanti incastonati.
“Quando l’anello è pallido e opaco,
tu saprai che il mio amore è svanito.”
Il re lo mandò per mare per sette lunghi anni in un paese lontano.
Un giorno il suo anello divenne pallido e opaco
e lui seppe che lei amava un altro uomo.
Riprese il mare e approdò a terra
dove incontrò un vecchio mendicante. «Che notizie, quali sono le notizie di oggi?»
«Solo il matrimonio nel castello del re.» «Togliti il vestito da mendicante e io ti darò il mio valente destriero grigio»
Quando arrivò al cancello del Re
cercò da bere alla salute della sposa,
e la sposa gli diede una coppa di vino
e mentre bevve lui lasciò cadere l’anello.
«Lo hai trovato navigando o viaggiando per terre?
O lo hai preso dalla mano di un uomo morto?»
«Non lo presi né per mare né per terra ma lo ottenni dalla tua bianca mano»
«Mi leverò l’abito rosso
e ti seguirò a mendicare il pane.»
«Non c’è bisogno che ti levi l’abito da sposa
perchè ti farò signora di molte città»
Lo sposo la sposò per primo,
ma il giovane Hind Horn se la portò per primo a letto.

continua la versione irlandese

FONTI
http://mainlynorfolk.info/tony.rose/songs/hindhorn.html
http://www.bluegrassmessengers.com/17-hind-horn.aspx
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=58972
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=20082
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/301.html
http://www.bluegrassmessengers.com/english-and-other-versions-17-hind-horn-.aspx

TO DAUNTON ME

Da un frammento di ‘The old carle to daunton me’ Robert Burns tira fuori una canzone su un corteggiamento molesto (1788): la melodia era un’antica aria scozzese già nel Manoscritto Atkinson, 1694, come “This Wife of mine”, rispuntata fuori in un libretto di Loyal Songs datato 1750 (in cui una canzone pro-giacobita inizia così
To daunton me, to daunton me, D’ye ken the thing that wad daunton me – vedi)
Siamo alle solite un vecchio corteggiatore è certo di sposare la giovane illibata, ma lei non è disposta a lasciarsi comprare. Sebbene il tema della canzone sia umoristico, la melodia è una slow air ed è interpretata per lo più con accenti mesti, perchè tutti sapevano che la realtà era molto diversa ed erano proprio gli uomini anziani benestanti a sposare sempre le giovanissime fanciulle. vedi

Joseph Henderson (1832–1908) 'What Can a Young Lassie Dae wi an Old Man?'
Joseph Henderson (1832–1908) ‘What Can a Young Lassie Dae wi an Old Man?’

LA MELODIA

Conosciuta in Irlanda con il nome di Moran’s Return, e in Scozia con il titolo  “To Daunton Me” è suonata sia come slow air che come strathspey (vedi)
The first written appearance of the tune, according to John Glen in “Early Scots Melodies”, 1900, was in 1694 as part of the Atkinson Manuscript, although it had the alternative title, This wife of mine.
Its first printed mention of the tune was as a broadside, in 1700, under another title, ‘Be valient still’, a text preceded by the mention [to be sung to the tune of] “The old carle to daunton me (Logan’s “Pedlar’s Pack”, 1869, quoted by Bruce Olson.”The Fiddler’s Companion” )

Deliziamoci con quest’arrangiamento per violoncello e flauto

ASCOLTA Rapalje

E se non vi basta ancora

e finalmente una strathspey

ASCOLTA Reg Hill & The Ottawa Valley Melodiers

IL TESTO DI ROBERT BURNS

ASCOLTA Janet Russell

ASCOLTA Ewan MacColl


Chorus
To daunton(1) me, to daunton me,
An auld man shall never daunton me!
To daunton me, to daunton me,
An auld man shall never daunton me!
I
The blude-red rose at Yule may blaw,
The simmer lilies bloom in snaw,
The frost may freeze the deepest sea;
But an auld man shall never daunton me.
II
To daunton me, and me sae young,
Wi’ his fause heart and flatt’ring tongue,
That is the thing you shall never see,
For an auld man shall never daunton me.
III
For a’ his meal and a’ his maut,(2)
For a’ his fresh beef and his saut,
For a’ his gold and white monie,
And auld men shall never daunton me.
IV
His gear may buy him kye and yowes,
His gear may buy him glens and knowes;
But me he shall not buy nor fee,
For an auld man shall never daunton me.
V
He hirples twa fauld as he dow,
Wi’ his teethless gab and his auld beld pow,
And the rain rains down frae his red blear’d e’e;
That auld man shall never daunton me.
TRADUZIONE di Cattia Salto
Chorus
Conquistarmi, conquistarmi,
un vecchio non potrà mai conquistarmi!
Conquistarmi, conquistarmi,
Un vecchio non potrà mai conquistarmi!
I
Che la rosa rosso sangue a Natale fiorisca,
e i gigli d’estate sboccino nella neve,
che il ghiaccio congeli l’oceano,
ma un vecchio non potrà mai conquistarmi.
II
Di conquistarmi, io così giovane,
con il suo cuore falso e la sua parlantina:
è una cosa che non si vedrà mai.
perchè un vecchio non potrà mai conquistarmi.
III
Per la sua avena e il suo malto (2)
per tutta la carne fresca e sotto sale,
per tutto il suo oro e argento,
un vecchio non potrà mai conquistarmi!
IV
Con i soldi può comprare bestiame e greggi,
con i suoi soldi può comprare valli e colli,
ma me non mi comprerà o noleggerà,
perchè un vecchio non potrà mai conquistarmi.
V
A mala pena arranca piegato in due,
con la sua bocca sdentata e la sua pelata,
e la pioggia cade dai suoi occhi arrossati e cisposi –
quel vecchio non potrà mai conquistarmi!

Traduzione inglese (qui)

NOTE
1) scritto inizialmente come TO DAWT ON ME (SMM, 1788.)
2)  “In early times home-brewed ale was the national Scottish beverage, as oatmeal was the “staff of life.” “Rowth o’ meal and maut” is an old phrase, still used, to express abundance to eat and drink”—J. H. Una frase simile in italiano è “pan e vin non ti mancava”

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=50034
https://comhaltas.ie/music/detail/morans_return
http://tunearch.org/wiki/Moran’s_Return
https://thesession.org/discussions/30286
http://chrsouchon.free.fr/daunton.htm
http://www.cobbler.plus.com/wbc/poems/translations/563.htm