Archivi tag: Eriskay

ERISKAY LOVE LILT

Bheir mi ò è una slow air in gaelico di origini scozzesi; è stata fatta propria anche dalla tradizione irlandese e successivamente tradotta in inglese con il titolo di Eriskay Love Lilt. (“Thou’rt the music of my heart”) (prima parte)

Questa è la versione anglicizzata dal gaelico scozzese di  Marjory Kennedy-Fraser (1857-1930 e il titolo si traduce con “la cantilena dell’amore di Eriskay” (e quale donna non vorrebbe sentirsi sussurrare così dolci versi?)
ASCOLTA Judith Durham & The Seekers per ‘The Seekers At Home’ TV special (1967)

ASCOLTA Siobhan Owen voce da uccello del paradiso, una giovanissima cantane e arpista gallese (il suo sito qui)

 ASCOLTA Alfred Deller (nel video immagini dell’isola, un incanto)


Chorus
Vair me o, ro van o(1)
Vair me o ro ven ee,
Vair me o ru o ho
Sad I am without thee.
I
When I’m lonely, dear white heart(2),
Black the night and wild the sea;
by love’s light my foot finds
The old pathway to thee.
II
Thou’rt the music of my heart,
Harp of joy, o cruit mo chridh'(3),
Moon of guidance by night,
Strength and light thou’rt to me
III
In the morning, when I go
To the white and shining sea,
In the calling of the seals
Thy soft calling to me.
Tradotto da Cattia Salto
Ritornello (1)
Vair me o, ro van o
Vair me o ro ven ee,
Vair me o ru o ho
sono triste senza di te
I
Quando sono solo, caro cuore puro(2)
oscura la notte e scatenato il mare,
i passi trovano, illuminati dall’amore, il vecchio sentiero verso te.
II
Tu sei la musica del mio cuore
Arpa di gioia ” o cruit mo chridh‘”
luna che guidi nella notte
forza e luce tu sei per me
III
Al mattino quando vado
verso il mare spumoso e rilucente,
nel richiamo delle foche
(trovo) il tuo dolce richiamo per me.

NOTE
1) le parole non hanno significato in quanto sono solo suoni ossia la pronuncia delle corrispondenti frasi nella versione in gaelico scozzese
2) letteralmente “cuore bianco” ovvero una persona buona, onesta e generosa.
3) in gaelico scozzese letteralmente “arpa del mio cuore”

FONTI
http://www.raretunes.org/performers/patuffa-kennedy-fraser/

BHEIR MI O

eriskayFair love of my Heart” ovvero “L’amore luminoso del mio cuore” è una slow air molto intensa di origini scozzesi; è stata fatta propria anche dalla tradizione irlandese e successivamente tradotta in inglese con il titolo di Eriskay Love Lilt.

Eriskay è una piccola isola che fa parte delle Ebridi (le Ebridi Esterne) qui vi sbarcò il Bel Carletto nel 1745 alla volta della conquista del trono di Scozia. E’ un isola rocciosa collegata da una strada rialzata alla più grande isola South Uist: spiagge bianche, acque cristalline, foche e delfini, falchi, poiane, panorami mozzafiato!

Dello stesso brano si conoscono molte varianti, ma tutte trattano dell’amore non corrisposto: un uomo è afflitto dopo essere stato abbandonato dalla donna che ama.

LA VERSIONE SCOZZESE

Questa variante risulta piuttosto diversa dal testo avvalorato nell’Eriskay Love Lilt, ma in un certo senso è anche più “concreta” e legata alla dura vita dell’isola: qui l’uomo mette la forza delle proprie braccia a disposizione della donna amata, promettendole che avrà cura di lei e non le farà mai mancare nulla; ma la donna lo ha lasciato e con lei tutte le sue forze sono venute meno!

Nel sito Tobar an Dualcheis sono registrate due versioni del canto:  ASCOLTA Calum Johnston
ASCOLTA Muriel A. Urquhart e Marie Ishbel Anderson

ASCOLTA Ishbel MacAskill in Sioda 1994


VERSIONE GAELICO SCOZZESE ( Ishbel MacAskill)
I
‘N àm bhith cromadh ris a’ghleann
Thàinig snaidhm air mo chridh’
Bho nach d’thug thu dhomh do làmh
‘S mi’n dùil nach fhàgadh tu mi
Sèist:
Bheir mi ò hu ò hò(1)
Bheir mi ò hu ò hì
Bheir mi ò hu ò hò
‘S mi fo bhròn ‘s tu gam dhìth
II
Dhèanainn treabhadh dhuit is buan
Chumainn suas thu gun dìth
Bheirinn as a’ ghreabhal chruaidh
Do mo luaidh teachd an tìr
III
Ged nach eil sinn fhathast pòsd’
Tha mi’n dòchas gum bi
Fhad’ ‘s a mhaireas mo dhà dhòrn
Cha bhith lòn oirnn a dhìth
IV
Dh’fhàg thu sìlteach mo shùil
Dh’fhàg thu tùrsach mo chridh’
Dh’fhàg thu tana-glas mo shnuadh
‘S thug thu ghruag bhàrr mo chìnn
TRADUZIONE INGLESE
I
On turning to the glen
My heart was enthralled
Since you did not give me your hand
I hoped you would not leave me
Chorus:
Bheir mi ..
I am sad and you are not with me
II
I would plow for you and reap
I’d support you and you’d want for nothing
I would take from the hard gravel(2)
A living for my love
III
Although we are not yet married
I hope we will be
As long as there is strength in my two fists
We will want for nothing
IV
You left my eye tearful
You left my heart broken
You left me with a sickly pallor
My hair is thinned
Tradotto da Cattia Salto
I
Nel voltarmi verso valle,
il cuore si è fermato,
anche se non mi avevi sposato,
speravo che tu non mi lasciassi.
CORO

Bheir mi ò hu ò hì(1)
sono triste e ho bisogno di te.
II
Lavorerei la terra e mieterei il raccolto per te e ti manterrei e tu non avrai bisogno di nient’altro, spremerei dal duro sasso(2)
la vita per il mio amore.
III
Anche se non siamo ancora sposati,
spero lo diventeremo
e finchè ci sarà forza nelle mie mani
non avremo bisogno di nient’altro.
IV
Hai lasciato che i miei occhi piangessero,
che il mio cuore si spezzasse,
mi hai lasciato con un pallore malato,
i capelli si sono diradati.

NOTE
1) per lo più considerate come sillabe senza senso ovvero il tradizionale “lilting”
2) tradotto in senso letterale: vorrei prendere dal duro sasso: gravel road è una strada sterrata fatta con la ghiaia detta anche strada bianca. Gravel ha origini celtiche e sta anche per spiaggia sassosa.

LA VERSIONE IRLANDESE

Questa è la versione più accreditata in Irlanda. Qualcuno ha ipotizzato che la versione irlandese provenga da Rathlin Island, ma più in generale è molto diffusa in tutto il Nord Irlanda ed è molto più simile al testo dell’Eriskay Love Lilt che alla versione in gaelico scozzese.

ASCOLTA Eamonn Ó Fagáin (una voce vellutata e una malinconia senza tempo) – al momento non disponibile
ASCOLTA Condon O’ Connor


VERSIONE GAELICO IRLANDESE
Bheir mí ó, óró bhean ó(1),
Bheir mí ó, óró bhean í,
Bheir mí óró óhó,
Tá mé brónach, ‘s tú im’ dhíth.
I
‘S iomaí oíche fliuch is fuar
Thug mé cuairt is mé liom féin,
Nó go ráinig mé san áit
Mar a raibh stór gheal mo chléibh.
II
I mo chláirseach ní raibh ceol,
I mo mheoraigh ní raibh brí,
Nó gur luaigh tú do rún,
‘S d’fhuair mé eolas ar mo dhán.
TRADUZIONE INGLESE
Chorus
Carry me over Oro van O (1)
Carry me over Oro van O
Carry me over
I’m  miserable and missing you.
II
Many a night both wet and cold
I wandered by myself
Until I came to this place
Wherein dwelt the love of my heart
II
In my   harp there was no music
In my fingers there was no power
Until you announced your intention
And I got to know my destiny
tradotto da Kay McCarthy
Ritornello
Amami o donna mia,
Amami o donna mia,
Amami o donna mia,
Sono triste senza di te.
I
Molte notti, con la pioggia e con il gelo,/Ho vagato tutto solo
E mi sono sempre trovata nel luogo
Dove abita il mio tesoro.
II
Nella mia arpa non c’era musica,
Nella mia anima non c’era vita,
Fino a quando tu non confessasti il tuo segreto,/Ed io seppi della mia sorte.

NOTE
1) per lo più considerate come sillabe senza senso ovvero   il tradizionale “lilting”

continua

PER SAPERE TUTTO SULL’ISOLA

A poem of remote lives: i filmati di Werner Kissling nel 1934 http://ssa.nls.uk/film.cfm?fid=1701
Nel vedere il filmato si comprende come la musica sia parte integrante della dura vita contadina di un tempo: un lavoro collettivo acquisito da una secolare esperienza e in equilibrio con la terra, scandito dai canti della tradizione!

http://www.visit-uist.co.uk/default.asp?page=39
http://www.eriskayselfcatering.co.uk/html/exploring.html

FONTI
http://www.irishgaelictranslator.com/translation/topic68348.html
http://www.tuttartpitturasculturapoesiamusica.com/2012/09/John-Duncan.html