Archivi tag: Dubliners

Down by the Liffeyside

Leggi in italiano

Peadar Kearney (1883-1942), a famous Irish nationalist who wrote many popular songs, penned the lyrics of this irish street song “Down by the Liffeyside”, on the traditional tune “Down by the Tanyard Side”: he describes two sweethearts of the working class in the Dubin of 1920s, that are spending their Sunday to walk along the banks of the Liffey, the river that crosses the city of Dublin from West to East. The belle of the song is a street musician who entertains passers-by with patriotic songs with her melodeon.

Old Dublin: George street

Precisely for this reason, the reference to the struggle for united Ireland was a popular song in the folk circuit of the 60s and 70s.

Dominic Behan – from Down By The Liffeyside 1959
Dominic is the nephew of Peader Kearney and he learned the song directly from his uncle in the 40s.


Dubliners

Wolfe tones

Pecker Dunne

DOWN BY THE LIFFEYSIDE
I
‘Twas down by Anna Liffey (1), my love and I did stray
Where in the good old slushy mud the sea gulls sport and play
We got the whiff of ray(2) and chips and Mary softly sighed,
“Oh John, come on for a wan and wan (3)
Down by the Liffeyside.”
II
Then down along by George’s street the loving pairs to view
While Mary swanked it like a queen in a skirt of royal blue (4);
Her hat was lately turned and her blouse was newly dyed,
Oh you could not match her round the block,
Down by the Liffeyside
III
And on her old melodeon how sweetly could she play.;
“Good-by-ee” and “Don’t sigh-ee” and “Rule Brittanni-ay”
But when she turned Sinn Feiner(5) me heart near burst with pride,
To hear her sing the “Soldier’s Song(6)”,
Down by the Liffeyside
IV
On Sunday morning to Meath street (7) together we will go,
And it’s up to Father Murphy we both will make our vow
We’ll join our hands in wedlock bands (8) and we’ll be soon outside
For a whole afternoon, for our honeymoon (9),
Down by the Liffeyside

NOTE
1)  The Liffey is also known as the Anna Liffey, possibly because of the Irish for “River Liffey” – Abhainn na Life which sounds like “Anna Liffey” in English, Anna Livia statue  (Floozie in the Jacuzzi)-the river  represented as a young woman sitting on a slope with water flowing past her- is  in the Croppies Memorial Park next to the Liffey, near Heuston station

2) today the fishis are cod, haddock (an Atlantic fish similar to cod) and plaice. Already known in the days of Dickens, who included it in his most famous work, “Oliver Twist” (1838), some argue that it was some Italian immigrants who introduced this fryed food into the eating habits of the British and Irish, according to others instead it was the Spaniards.
3) wan and wan= one and one, this phrase (meaning “one of this, one of the other”) entered the vernacular in Dublin as “one and one”, which is still a common way of referring to fish and chips in the city
4) Royal blue is both a bright shade and a dark shade of azure blue. Traditionally, dictionaries define royal blue as a deep to dark blue, often with a purple or faint reddish tinge
5)  Sinn Féin is a left-wing Irish republican political party active in both the Republic of Ireland and Northern Ireland.
6) Soldier’s Song  (Amhrán na bhFiann)  is the Irish national anthem
7) The Liberties is an area in central Dublin,  located in the southwest of the inner city, between the St. Patrick’s Cathedral and the Guinnes Storehouse where the church of St. Catherine is located
8)The two promised exchanged vows to take as husband and wife, sealing them with a ring or a token of love. Handfasting was practiced in Ireland and Scotland in the past: the wrists of the couple were tied together with a long ribbon (wedlock’s band) see
9)  Phoenix Park , to consume their marriage between some bushes

EASY AND SLOW

LINK
https://theballadeers.com/ire/db_d1959_t35_liffey.htm
http://www.celtic-lyrics.com/lyrics/171.html
https://www.expedia.it/vc/magazine/cultura-e-lifestyle/enogastronomia/fish-and-chips-ricetta-e-segreti-del-piu-famoso-piatto-britannico
https://www.irishtimes.com/life-and-style/people/meath-street-outpost-of-a-disappearing-dublin-1.1967467

Lungo gli argini del Liffey.

Read the post in English  

Peadar Kearney (1883-1942) famoso esponente nazionalista irlandese e autore di molti canti popolari ha scritto il testo della irish street song “Down by the Liffeyside” abbinandolo alla melodia tradizionale “Down by the Tanyard Side”: si descrivono due fidanzatini della classe lavoratrice di Dubino negli anni del 1920 che trascorrono la domenica passeggiando lungo gli argini del Liffey, il fiume che attraversa la città di Dublino da Ovest a Est. La bella della canzone è una musicista di strada che con il suo organetto intrattiene i passanti con canti patriottici.

la vecchia Dublino, George street

Proprio per questo richiamo alla lotta per l’Irlanda unita era un brano diffuso nel circuito folk degli anni 60-70.

Dominic Behan – in Down By The Liffeyside 1959
Dominic è il nipote di Peader Kearney e imparò la canzone direttamente dallo zio negli anni 40.

Dubliners

Wolfe tones

Pecker Dunne


I
‘Twas down by Anna Liffey (1), my love and I did stray
Where in the good old slushy mud the sea gulls sport and play
We got the whiff of ray(2) and chips and Mary softly sighed,
“Oh John, come on for a wan and wan (3)
Down by the Liffeyside.”
II
Then down along by George’s street the loving pairs to view
While Mary swanked it like a queen in a skirt of royal blue (4);
Her hat was lately turned and her blouse was newly dyed,
Oh you could not match her round the block,
Down by the Liffeyside
III
And on her old melodeon how sweetly could she play.;
“Good-by-ee” and “Don’t sigh-ee” and “Rule Brittanni-ay”
But when she turned Sinn Feiner(5) me heart near burst with pride,
To hear her sing the “Soldier’s Song(6)”,
Down by the Liffeyside
IV
On Sunday morning to Meath street (7) together we will go,
And it’s up to Father Murphy we both will make our vow
We’ll join our hands in wedlock bands (8) and we’ll be soon outside
For a whole afternoon, for our honeymoon (9),
Down by the Liffeyside
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Era accanto al Liffey, che il mio amore e io passeggiavamo
Dove nel buon vecchio viscido fango i gabbiani si muovono liberi
sentivamo l’odore del pesce e delle patatine e Mary sospirava dolcemente,
“Oh John, andiamo per un fish&chips
giù lungo gli argini del Liffey. ”
II
Poi giù lungo George’s street a vedere gli innamoratini
mentre Mary si pavoneggiava come una regina in gonna blu scuro;
il cappello appena rimodellato e la camicetta tinta di fresco,
Oh, non la potevi eguagliare in tutto l’isolato
giù lungo gli argini del Liffey.
III
E sul suo vecchio organetto, come dolcemente sapeva suonare
“Good-by-ee” e “Do not sigh-ee” e “Rule Brittanni-ay”
ma quando passò allo Sinn Féin il mio cuore quasi esplodeva per l’orgoglio
di sentirla cantare la “Soldier’s Song”,
giù lungo gli argini del Liffey.
IV
La domenica mattina andremo insieme a Meath Street,
e davanti a Don Murphy entrambi ci scambieremo le promesse
uniremo le nostre mani con l’handasting e staremo subito fuori
per un intero pomeriggio, per la nostra luna di miele,
giù lungo gli argini del Liffey.

NOTE
1) Anna Liffey, è il personaggio allegorico di Anna Livia Plurabelle di James Joyce: la personificazione del fiume Liffey, la statua in bronzo dello scultore  Éamonn O’Doherty soprannominata dai dublinesi Floozie in the Jacuzzi è la rappresentazione del fiume nella forma di una donna dai capelli fluenti semisdraiata e si trova al centro di una vasca  nel Croppies Memorial Park

2) ray= è il pesce razza; oggi il pesce in pastella e poi fritto si prepara con cod (merluzzo), haddock (eglefino, un pesce atlantico simile al merluzzo) e plaice (platessa). Si sa che il prodotto era già conosciuto ai tempi di Dickens, che lo annoverò nella sua opera più celebre, “Oliver Twist” (1838), alcuni sostengono che furono gli immigrati italiani a introdurlo nelle abitudini alimentari dei britannici e degli irlandesi, secondo altri invece furono gli spagnoli.
3) wan and wan= one and one, dalla frase “one of this, one of the other”, un po’ di questo e un po’ di quello il modo di dire dublinese per il tipico piatto da passeggio delle Isole Britanniche il fish&chips servito nel cartoccio.
4) Il blu reale o blu reale inglese è una sorta di azzurro abbastanza carico e vivace. È abbastanza simile come colore al blu elettrico.
5)  Sinn Féin, letteralmente “noi stessi” (nel senso di noi soli) in gaelico irlandese, ma spesso reso in inglese come ourselves alone, è il movimento indipendentista irlandese fondato nel 1905 da Arthur Griffith; è un partito repubblicano di sinistra
6) Soldier’s Song  (Amhrán na bhFiann) fu scritto nel 1907. Il ritornello da solo fu formalmente adottato come inno nazionale nel 1926, al posto del precedente inno God Save Ireland, usato ufficiosamente.
7) è la zona delle Libertà di Dublino quartier ubicato tra la Cattedrale di San Patrizio e la Guinnes Storehouse dove si trova la chiesa di Santa Caterina
8) I due promessi si scambiavano i voti di prendersi come marito e moglie, suggellandoli con un anello o un pegno d’amore. In Irlanda e Scozia si praticava l’handfasting: i polsi degli sposi erano legati insieme con un lungo nastro (wedlock’s band). continua
9) sicuramente infrattandosi tra qualche cespuglio del Phoenix Park

EASY AND SLOW

FONTI
https://theballadeers.com/ire/db_d1959_t35_liffey.htm
http://www.celtic-lyrics.com/lyrics/171.html
https://www.expedia.it/vc/magazine/cultura-e-lifestyle/enogastronomia/fish-and-chips-ricetta-e-segreti-del-piu-famoso-piatto-britannico
https://www.irishtimes.com/life-and-style/people/meath-street-outpost-of-a-disappearing-dublin-1.1967467

A WARNING OLD SONG: MAIDEN NEVER WEDD AN OLD MAN!

Leggi in italiano

A Scottish humorous song, “Maids When You’re Young Never Wed An Old Man” discourages young women in marrying men who are too old, and its song, between irony and bitterness, is a warning to all.
The great difference in age between the two spouses was still a custom until the mid-1900s: older men married to twenties girls, who played the role of ante litteram carers!

The humor of the song springs from the allusive but never explicit language and the most obscene words are beeped maidenas “faloorum” and “ding doorum”: at first the young woman is courted by the older man and agrees to marry him, but when it’s time for going to bed she discovers that unfortunately her old man is impotent. So as soon as the old man falls asleep the girl, she throws herself into the arms of a young and manly lover.

Nowaday this song makes us smile but in the nineteenth century it was considered rather spicy: the simple allusion to sex was vulgar but the reference to impotence and adultery had to be outrageous! Despite everything, it became a popular song in Scotland, England, Ireland and America. The first publication dates back to 1869 in “Ancient Scottish Songs, Heroic Ballads” by David Herd under the title “Scant of Love, Want of Love”.

The Dubliners (Verses 1-3-4-5-6-7) The song was seen to be offensive due to its sexualized themes and was banned by RTÉ and the BBC

Mairi  Morrison & Alasdair Roberts in Urstan, 2012 (verses 1-2-4-3) for a more sober version. The CD was commissioned by Scotland’s Center for Contemporary Arts as a tribute to Gaelic music and culture. An artistic collaboration increasing freshness and creativity.

Lucy Ward in “Adelphi Has to Fly” 2011, nominated Best Traditional Track BBC Folk Awards 2012.

CHORUS
For he’s got no faloorum,
fadidle eye-oorum

He’s got no faloorum,
fadidle  all day
He’s got no faloorum,
he’s lost his ding doorum
so maids when you’re young,
never wed an old man

I
An old man  came courting me,
hey ding dooram day (1)
An old man came courting me,
me being Young(2)
An old man came courting me,
all for to  marry me(3)
Maids, when you’re young never wed an old man
II
When we sat down to tea,
hey doo me darrity
When we sat down to tea, me being young
When we sat down to tea, he started teasing me
Maids when you’re young never wed an old man
III
When we went to church,
hey ding dooram day
When we went to church,
me being young
When we went to church,
he left me in the lurch (4)
Maids when you’re young, never wed an old man
IV
When we went to bed,
hey ding doorum day
When we went to bed, me being young
When we went to bed,
he lay like he was dead (5)
Maids when you’re young never wed an old man
V
So I threw me leg  over him ,
hey ding dorum da
I flung me leg over him, me being young
I flung me leg over him, damned nearly smothered him
Maids when you’re young never wed an old man.
VI
When he went to sleep,
hey ding doorum day
When he went to sleep, me being young
When he went to sleep, out of bed I did creep
Into the arms of a handsome young man
VII
And I found his faloorum,
fadidle eye-oorum
I found his faloorum,
fadidle all day
I found his faloorum, he got my ding doorum
So maids when you’re young never wed  an old man
VIII
I wish this old man would die,
hey-ding-a  doo-rum
I wish this old man would die, me being Young
I wish this old man would die, I’d make the  money fly
Girls, for your sake, never wed an old man
IX
A young man is my delight,
hey-ding-a  doo-rum
A young man is my delight, me being Young
A young man is my delight, he’ll kiss you day  and night
Maids, when you’re young, never wed an old  man

NOTE
1) or “Hey do a dority”
2) or Hey-do-a-day
3) or Fain wad he mairry me
4) or ” I left him in the lurch”
5) or “he neither done nor said”, and” he lays like a lump of lead”

https://mainlynorfolk.info/eliza.carthy/songs/anoldmancamecourting.html
http://www.clarelibrary.ie/eolas/coclare/songs/cmc/
never_wed_an_old_man_pmcnamara.htm

http://sangstories.webs.com/anauldmancamcourtin.htm
http://mysongbook.de/msb/songs/m/maidswhe.html

Love is pleasing

“Love is pleasing” ma anche “Love is teasing” è una canzone tradizionale diffusa nelle isole britanniche e nel nord-america che era di moda nei folk club degli anni 60-70. Gli studiosi ritengono che i versi siano parte di una serie di “frasi fatte” provenienti dal grande calderone delle ballate tradizionali, così svincolati da una narrazione esprimono comunque un sentimento, quello dell’amore tradito (o dell’amore incostante).
The words of “Love is Teasing” resemble those found in three similar songs, “O Waly, Waly,” “The Water is Wide,” and “Down in the Meadows” and all of these can be traced back to the ballad “Jamie Douglas” (Child 204). In “Jamie Douglas,” a bride has been falsely accused of infidelity and is sent back to her father with an aching heart. All of the shorter songs have whittled away the narrative over time leaving nothing but an emotional core. Various versions journeyed back and forth between Ireland, Britain, and North America, and singers often augment whatever verses they have learned with others from a common stock of associated “floating” verses. (tratto da qui)

VERSIONE AMERICANA

ASCOLTA Jean Ritchie imparò la canzone nel 1946 da Peggy Staunton,  irlandese emigrata a New York

ASCOLTA Rhiannon Giddens in Tomorrow Is My Turn, 2015 che così scrive nelle note “I first heard Peggy Seeger sing this and immediately fell in love with it – as I found earlier recordings I got caught by Jean Ritchie’s version, with her idiosyncratic and hypnotic dulcimer playing. This is the ancient warning from woman to woman about the perfidies of man.


I
Love is teasing, love is pleasing
And love’s a pleasure when first it is new
But as love grows older it still grows colder
And fades away like the morning dew
II
Come all you fair maids, now take a warning
Don’t ever heed what a young man say
He’s like a star on some foggy morning When you think he’s near he is far away
III
I left my father, I left my mother
I left my brothers and sisters too
I left my home and kind relations
I left them all just to follow you.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
L’amore è un tormento, l’amore è un piacere e l’amore è piacevole quando è appena nuovo,
ma man mano che cresce l’amore si raffredda
e svanisce come rugiada all’alba
II
Venite tutte qui ragazze, e prendete il mio avvertimento: non date mai retta a quello che un giovanotto dice,  lui è come la stella in un mattino nebbioso, quando lo credete vicino, si è allontanato
III
Lasciai mio padre, lasciai mia madre
lasciai le mie sorelle e anche i miei fratelli
lasciai tutti gli amici e la mia fede
li lasciai tutti per seguirti

VERSIONE EMIGRATION SONG

Pur nella standardizzazione del genere il canto si suddivide in due filoni, nel primo una donna (ma anche un uomo) con il cuore a pezzi, rimasta senza punto di riferimento, sceglie di emigrare per l’America.
ASCOLTA The Dubliners

ASCOLTA Marianne Faithfull & Chieftains live


I
I wish, I wish, I wish in vain
I wish I was a youth again
But a youth again I can never be
Till apples grow
on an ivy tree
II
I left me father, I left me mother
I left all my sisters
and brothers too
I left all my friends and me own religion
I left them all for to follow you
III
But the sweetest apple is the soonest rotten
And the hottest love is the soonest cold
And what can’t be cured love
has to be endured love (1)
And now I am bound for America
IV
Oh love is pleasin’ and love is teasin’
And love is a pleasure when first it’s new
But as it grows older sure the love grows colder
And it fades away like the morning dew
V
And love and porter makes a young man older
And love and whiskey makes him old and grey
And what can’t be cured love has to be endured love
And now I am bound for America
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Vorrei, vorrei, vorrei ma non posso
vorrei essere di nuovo giovane
ma non potrò mai essere di nuovo giovane finchè le mele cresceranno sull’edera
II
Lasciai mio padre, lasciai mia madre
lasciai le mie sorelle e anche i miei fratelli
lasciai tutti gli amici e la mia fede
li lasciai tutti per seguirti
III
Ma la mela più dolce è quella che per prima marcisce e l’amore più appassionato è il primo che si raffredda, e quello ciò che non può guarire dall’amore, deve essere rafforzato dall’amore e ora sono in partenza per l’America
IV
L’amore è un piacere e l’amore è un tormento e l’amore è piacevole quando è appena nuovo
ma man mano che cresce l’amore si raffredda
e svanisce come rugiada all’alba
V
Amore e birra fanno di un giovane un uomo
e amore e whiskey lo fanno invecchiare e incanutire
e quello ciò che non può guarire dall’amore, deve essere rafforzato dall’amore e ora sono in partena per l’America

NOTA
1) letteralmente: e quello che non può essere amore curato deve essere amore sopportato
VERSIONE DRINKING SONG
La seconda verisone è un lamento più tipicamente femminile.
ASCOLTA Karan Casey live


I
I never thought my love would leave me
Until that morning when he stepped in
Well, he sat down and I sat beside him
And then our troubles, they did begin
II
Oh love is teasing and love is pleasing
And love is a pleasure when first it’s new
But love grows older and love grows colder
And it fades away like the morning dew
III
There is an alehous in yon town
And it’s there my love goes and he sits down
He takes a strange girl (1) upon his knee
And he tells to her what he once told to me
IV
I wish my father had never whistled(2)
And I wish my mother had never sung
I wish the cradle had never rocked me
And I wish my life, it had not begun
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Non avrei mai creduto che il mio amore mi avrebbe lasciata
fino a quel mattino quando entrò
beh si sedette e io mi misi accanto a lui
e allora i nostri guai iniziarono.
II
L’amore è un piacere e l’amore è un tormento e l’amore è piacevole quando è appena nuovo,
ma man mano che cresce l’amore si raffredda
e svanisce come rugiada all’alba
III
C’è una birreria in quella città
ed è dove il mio amore va a sedersi,
si prende una puttana sulle ginocchia
e le dice ciò che un tempo diceva a me
IV
Vorrei che mio padre non avesse mai suonato il flauto
e che mia mamma non avesse mai cantato
vorrei che la culla non mi avesse mai cullato
e che la mia vita non fosse mai cominciata

NOTE
1) stange girl non è solo una ragazza strana ma un eufemismo per prostituta
2) i genitori hanno fatto sesso

FONTI
https://peggyseeger.bandcamp.com/track/love-is-teasing
https://mudcat.org//thread.cfm?threadid=9734
http://mysongbook.de/msb/songs/l/loveteas.html
https://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/loveisteasing.html
http://www.celticlyricscorner.net/casey/love.htm

Dirty Old Town by Ewan MacColl

Scritta da James Miller (alias Ewan MacColl) ‎ nel 1949 “Dirty Old Town” è ambientata a Salford (nel distretto della “Grande Manchester”): cresciuto nell’Inghilterra del Nord ma di origini scozzesi Ewan, attore, cantante, cantautore, produttore discografico, fa della sua città natale un embelma della rivoluzione industriale inglese ottocentesca.
Una triste e fumosa città-dormitorio inglese descritta da Marx e Engels come “un enorme quartiere operaio…una città assai malsana, sporca e degradata“.
Così note del suo songbook leggiamo: This superb song was written to cover a scene-change in a play which was set in Salford, Lancashire, the city which provided the philosopher Friedrich Engels with most of the information for his book ‘The condition of the working class in 1844’.
Oggi l’area dei moli è diventata una luccicante e moderna vetrina di architettura post-moderna.

L’area dell’Old Canal riqualificata architettonicamente

La canzone passa per tradizionale irlandese essendo stata divulgata prima dai Dubliners e dai Pogues poi.

ASCOLTA Ewan MacColl con la moglie Peggy Seeger con un arrangiamento jazz (nel video immagini di Salford negli anni 50-60) e li vediamo giovani innamorati lungo le rive del canale che passeggiano


I
I met my love
by the gas works [1] wall [2]
Dreamed a dream
by the old canal[3]
Kissed my girl
by the factory wall
Dirty old town[4]
Dirty old town
II
Clouds a drifting
across the moon
Cats a prowling on their beat
Spring’s a girl[5]
in the streets at night
III
I heard a siren[6]
from the docks
Saw a train[7]
set the night on fire
Smelled the smoke
on the Salford wind[8]
IV
I’m going to make me
a good sharp axe
Shining steel
tempered in the fire
Will chop you down
like an old dead tree[9]
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Incontravo il mio amore
accanto al muro dell’officina del gas, facevo progetti
dal vecchio canale,
baciavo la mia ragazza
contro il muro della fabbrica
Sporca vecchia città
Sporca vecchia città
II
Nuvole alla deriva
davanti alla luna
gatti furtivi a caccia
primavera è una bambina
nelle strade di sera
III
Udivo la sirena
dai moli
vedevo un treno
mettere a fuoco la notte
annusavo il fumo
nel vento di Salford
IV
Sto andando ad affilare
bene l’ascia
d’acciaio luccicante
temprato nel fuoco
e ti abbatterò
come un vecchio albero morto

NOTE
1) Nell’ottocento il gas che serviva per l’illuminazione pubblica e per la forza motrice veniva prodotto in un impianto industriale, erano le officine del gas con mastodontici gasometri che richiamano immagini di carri ricolmi di carbone affluire dai porti e lungo i canali fino alle Officine. La fabbrica del gas di Salford è stata la prima in Inghilterra, e Salford è stata la prima città al mondo ad avere le strade illuminate a gas. La richiesta di approvvigionamento di gas continuò ad aumentare finendo ad alimentare anche gli apparecchi domestici, (i fornelli per cuocere il cibo e le caldaie per produrre acqua calda). Il coke veniva cotto nei forni e il gas prodotto mandato nei grossi serbatoi in attesa della distribuzione. L’aria era pestilenziale e molto alto l’indice di mortalità degli operai fuochisti a causa delle esalazioni dei gas. Con l’uso del gas naturale tutte le officine del gas sono state dismesse e smantellate.
2) scritto anche come croft: è il terreno incolto delle aree di risulta urbane
3) il Manchester Ship Canal: evidentemente l’unico posto un po’ romantico dove andare a passeggiare con la ragazza a Salford era quel canale sebbene fiancheggiato dalle fabbriche. Il contrasto è stridente soprattutto se paragonato ai romantici incontri campestri descritti nelle canzoni tradizionali.
4) una old town emblematica: la città industralizzata con il quartiere operaio sovravvollato, malmesso e malsano, costruito nella zona più degradata della città.
5) sono i bambini che giocano nelle strade ai primi raggi di sole, perchè la strada era il loro salotto buono
6) la sirena delle navi
7) “un treno a vapore con il focolare che brillava nella notte” si tratta di uno Staem train, il treno con la locomotiva a vapore, alimentato con il carbone dal fuochista: più che le fiamme la caratteristica della locomotiva a vapore sono gli sbuffi di fumo oggetto di diversi studi e raffigurazioni nei quadri di Claude Monet, ma senz’altro con un po’ d’immaginazione i treni potevano essere paragonati a macchine infernali che mettevano a ferro e fuoco la notte. La cabina aperta del conducente lasciava intravedere la bocca del focolare quando i macchinisti lo caricavano di carbone e dal comignolo sprizzavano anche scintille che spesso incendiavano il sottobosco accanto alla linea ferroviaria.
8) Il verso non piacque alle autorità municipali di Salford e MacColl lo cambiò  in ‎‎“smelled the spring on the smoky wind”, in italiano: annusavo la primavera nel vento pieno di fumo; un verso però che sembra molto ironico, l’odore portato dal vento era quello dell’aria inquinata, un fumo grigio che sporcava di fuliggine tutta la città. Una volta entrato nel circuito folk il verso ha subito ulteriori rielaborazioni passando per sulphured e fino a diventare un Dublin wind
9) in effetti il porto di Salford è stato smantellato e il quartiere operaio abbattuto per costruirvi un moderno polo direttivo, ma non credo che sia quello che Ewan avesse in mente. Avrebbe voluto distruggere il sistema di sfruttamento dei lavoratori asserviti al mostro-fabbrica alimentato dalla logica del profitto di pochi capitalisti, l’ascia è quindi l’emblema del socialismo e di un diverso sistema di gestire il lavoro senza sfruttare l’uomo.
L’imagine poetica però è quella che accosta le alte ciminiere di mattoni e cemento che buttano fuori il fumo a dei vecchi alberi morti (al posto delle chiome verdi, il grigio dele polveri)

FONTI
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=45136&lang=it
http://www.songfacts.com/detail.php?id=25048
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=48907

Greenland Whale Fishery

” Greenland (Sperm) whale fishery” è una canzone del mare che risale forse al 1700, eppure ancora oggi, la più popolare canzone sulla caccia alla balena:  una baleniera in rotta verso la Groenlandia incrocia una balena, ammaina le lance per la caccia, ma uno degli equipaggi viene scagliato in mare  e il capitano  si rammarica per la perdita dei suoi uomini (e ancor più rimpiange il mancato guadagno!)

Ovviamente oggi facciamo il tifo per la balena, ma all’epoca la caccia in alto mare era una lotta quasi ad armi pari tra uomini e il gigantesco mammifero!
La canzone ha avuto un discreto successo durante il folk revival degli anni 60 (The Weavers, Burl Ives) eseguita con una melodia lenta, (essendo sostanzialmente un lament) ma anche con un arrangiamento più spavaldo ed energico.

ASCOLTA The Dubliners 1969

ASCOLTA Peter, Paul and Mary

ASCOLTA The Pougues, la versione che va per la maggiore tra i gruppi folk-rock.

ASCOLTA Van Dyke Parks in Rogue’s Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs, and Chanteys, ANTI 2006 (strofe I, II, IV, V) – testo qui

Versione The Dubliners
I
Oh in eighteen-hundred and-forty-four(1)/Of March the eighteenth day
We hoisted our colours to the top of the mast
And for Greenland bore away, brave boys/And for Greenland bore away
II
The lookout on the mainmast(1) he stood/His spyglass in his hand
“There’s a whale, there’s a whale, there’s a whale fish” he cried
“And she blows at every span, brave boys/And she blows at every span”
III
The captain stood on the quarter deck
The ice was in his eye
“Overhaul, overhaul, let your jib sheets fall
And go put your boats to sea, brave boys/ And go put your boats to sea”
IV
The boats were lowered and the men aboard
The whale was full at view
Resolved, resolved was each whalerman bold/For to steer where the whalefish blew, brave boys
For to steer where the whalefish blew
V
The harpoon struck and the line paid out/With a single flourish of his tail
He capsized our boat and we lost five men(3)
And we did not catch that whale, brave boys/And we did not catch that whale
VI
The losin’ of those five jolly men
It grieved out captain sore
But the losin’ of that sperm whale fish
Now it grieved him ten times more, brave boys
Now it grieved him ten times more
VII
“Up anchor now” our captain he cried
“For the winter stars do appear
And it’s time that we left this cold country/And for the England we will steer, brave boys
And for the England we will steer”
VIII
Well, Greenland is a barren land
A land that bears no green
Where there’s ice and snow and the whalefishes blow
And the daylight’s seldom seen, brave boys/And the daylight’s seldom seen
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Nel 1844
il 18 marzo
issammo la bandiera sulla cima dell’albero maestro
e per la Groenlandia partimmo, miei bravi e per la Groenlandia partimmo
II
La vedetta stava sulla crocetta
con il cannocchiale in mano
“C’è una balena, c’è una balena, c’è una balena gridò
“E soffia a ogni gettito, mie bravi
soffia a ogni gettito”
III
Il capitano era in piedi sul ponte
con il ghiaccio negli occhi
“Ammainate le vele, ammainate le vele
di fiocco
e mettete le lance in mare, miei bravi, 
mettete le lance in mare
IV
Le lance furono calate con gli uomini a bordo,
la balena era in piena vista
risoluto, risoluto era ogni baleniere e spavaldo,
per portarsi dove soffiava la balena, miei bravi, per portarsi dove soffiava la balena
V
L’arpione colpì e la lenza mollata,
con un solo colpo della coda
rovesciò la lancia e perdemmo cinque uomini
e non catturammo quella balena miei bravi, non catturammo quella balena
VI
La perdita di quei cinque bravi ragazzi
addolorò il nostro capitano,
ma la perdita di quel capodoglio
ora lo addolorava dieci volte tanto, miei bravi
lo addolorava dieci volte tanto
VII
“Alzate l’ancora- gridò il capitano-
perchè sorgono le stelle d’inverno
ed è tempo di lasciare queste fredde terre
e per l’Inghilterra faremo rotta, miei bravi
per l’Inghilterra faremo rotta
VIII
Beh la Groenlandia è una terra sterile
una terra che non fiorisce,
dove c’è ghiaccio e neve e le balene soffiano
e la luce del sole è vista raramente, miei bravi,  la luce del sole è vista raramente

NOTE
1) Già nel 1576 l’Inghilterra aveva ottenuto il monopolio per la cattura delle balene nel Mare del Nord e nel Mar Bianco, e nel 1786 con una flotta di 162 navi avviò la caccia alla balena franca e alla balena di Groenlandia nello stretto di Davis:  è probabile che il testo sia stato rimaneggiato nei vari secoli, perlomeno fino al 1830 quando i mari della Groenlandia erano diventati poco proficui e la caccia si spostò verso la Baia di Baffin. A seconda delle versioni vengono citate date diverse e anche il nome di diverse navi, come pure cambia il nome del capitano
2) in the crosstrees
3) l’equipaggio di ogni barca era composto da sei uomini, il capitano o un ufficiale, l’arpionista e 4 rematori

ASCOLTA A. L. Lloyd, dal disco LP registrato insieme ad Ewan MacColl negli anni ’50 “Thar She Blows!” un classico canto ricreativo dei balenieri. Scrive nelle note: This is the oldest—and many think the best—of surviving songs of the whaling trade. It had already appeared on a broadside around 1725, very shortly after the South Sea Company decided to resuscitate the then moribund whaling industry, and sent a dozen fine large ships around Spitsbergen and the Greenland Sea. The song went on being sung with small changes all the time to bring it up to date. Our present version mentions the year 1834, the shipLion, its captain Randolph. Other versions give other years, and name other ships and skippers (there was a whaler the Lion, out of Liverpool, but her captain’s name was Hawkins, and she was lost off Greenland in 1817). We may take it that the incident described in the song is not historical but imaginary, a stylisation like those thrilling engravings of whaling scenes that were once so popular. But the song’s pattern of departure, chase, and return home, was imitated in a large number of whaling ballads made subsequently. It is the ace and deuce of whale songs. (tratto da qui)


I
They signed us weary whaling men
For the icy Greenland ground
They said we’d take a shorter way While we was outward bound, brave boys
While we was outward bound
II
Oh, the lookout up in the barrel stood With a spyglass in his hand
There’s a whale, there’s a whale, there’s a whale! He cried
And she blows at every span, brave boys And she blows at every span
III
The captain stood on the quarter-deck And the ice was in his eye
Overhaul, overhaul, let your davit tackles fall
And put your boats to sea, brave boys And put your boats to sea
IV
Well the boats got down and the men aboard
And the whale was full in view Resolved, resolved were these whalermen bold /To steer where the whale fish blew, brave boys/ To steer where the whale fish blew
V
Well, the harpoon struck, the line ran out/ The whale give a flurry with his tail/ And he upset the boat, we lost half a dozen men No more, no more Greenland for you, brave boys No more, no more Greenland for you
VI
Bad news, bad news – The captain said And it grieved his heart full sore
But the losing of that hundred pound whale Oh, it grieved him ten times more, brave boys Oh, it grieved him ten times more
VII
The northern star did now appear It’s time we’ll anchor weigh
To stow below our running gear
And homeward bear away, brave boys And homeward bear away
VIII
Oh Greenland is a dreadful place
A place that’s never green
Where the cold winds blow and the whale fish go
And the daylight’s seldom seen, brave boys And the daylight’s seldom seen
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Ci arruolarono stanchi balenieri per le terre ghiacciate della Groenlandia
Ci dissero che avremmo preso una strada più breve mentre eravamo in partenza,  miei bravi
mentre eravamo in partenza

II
Oh la vedetta stava sulla crocetta
con il cannocchiale in mano
“C’è una balena, c’è una balena, c’è una balena gridò
“E soffia a ogni gettito, mie bravi
soffia a ogni gettito”
III
Il capitano era in piedi sul ponte
con il ghiaccio negli occhi
“Ammainate, ammainate mollate le cime
e mettete le lance in mare, miei bravi, 
mettete le lance in mare
IV
Le lance furono calate con gli uomini a bordo,
la balena era in piena vista
risoluto, risoluto era ogni baleniere e spavaldo,
per portarsi dove soffiava la balena, miei bravi, per portarsi dove soffiava la balena
V
L’arpione colpì e la lenza mollata,
la balena dieve un colpo della coda
e rovesciò la lancia e perdemmo una mezza dozzina di uomini
niente più Groenlandia per voi, miei bravi, niente più Groenlandia per voi,
VI
Pessime notizie, pessime notizie -gridò il capitano – con il cuore addolorato dalla pena, ma la perdita di quelle 100 sterline di balena, Oh  lo addolorava dieci volte tanto, miei bravi
lo addolorava dieci volte tanto
VII
“Sorge la stella polare è tempo di  alzare l’ancora-
stivare la nostra attrezzatura
e seguire la rotta verso casa, miei bravi
e seguire la rotta verso casa
VIII
La Groenlandia è posto spaventoso
una terra che non fiorisce,
dove i venti freddi soffiano e le balene vanno
e la luce del sole è vista raramente, miei bravi,  la luce del sole è vista raramente

NOTE
1) la data è quantomai variabile, a seconda delle versioni, c’è da rilevare che la caccia alla balena si spostò nel 1830 dalla Groenlandia alla Baia di Baffin. La caccia in Groenlandia era stata iniziata da Olandesi e Inglesi all’inizio del XVI° secolo
2) in the crosstrees

continua

FONTI
http://www.arcoacrobata.it/flash/pdf/mare1/05.pdf
https://www.grizzlyfolk.com/2017/08/31/greenland-whale-fishery-folk-attic/
http://compvid101.blogspot.it/2011/07/when-whale-gets-strike-greenland-whale.html
https://anglofolksongs.wordpress.com/2014/04/01/greenland-whale-fishery/
https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/thegreenlandwhalefishery.html
https://ismaels.wordpress.com/2010/06/01/rogue%E2%80%99s-gallery-the-art-of-the-siren-38/

THE BANKS OF THE ROSES

La ballata popolare “The Banks of the (Red) Roses” di fine Ottocento, è nota in due versioni, diametralmente opposte, quella irlandese come love song ricca di irish humour e quella scozzese come murder ballad. (qui) Come sempre quando ci sono versioni simili tra le due sponde si apre la querelle di quale sia venuto prima.. ma come sia accaduto che i testi vadano a raccontare una storia diversa è un mistero!
Distinguere le due versioni è semplice, quella scozzese ha una melodia triste e malinconica quella irlandese è invece allegra.

LA VERSIONE IRLANDESE

La canzone è risolta in modo ironico con un allegro motivetto: si narra di un tipico triangolo irlandese, un uomo, una donna e “the drink“, quando la donna chiede al suo amante di scegliere tra lei e il bere lui non ha dubbi nella scelta e lei se vuole può ritornarsene dai genitori; il finale è però un “happy end”, i due sposati se la spassano allegramente.
La versione è riportata nella raccolta “Irish Street Ballad” 1939 e la melodia è ritenuta originaria di Limerick. I versi sono tuttavia un po’ sconclusionati!

ASCOLTA The Dubliners
ASCOLTA Barra MacNeils 

CHORUS
On the Banks of the roses
me love and I sat down
And I took out me fiddle(1)
for to play me love a tune
And in the middle of the tune
o she smiled and she said
“Oro Johnny, lovely Johnny
don’t ya leave me (2)”
I
“When I was a young one (3)
I heard me father say
That he’d rather see me dead
and buried in the clay
Sooner than be married
to any runaway(4)
By the lovely sweet banks of the roses”
II
“And then I am no runaway
and soon I’ll let them know
That I can take a bottle
or can leave it alone
And if her daddy doesn’t like it
he can keep his daughter at home
And young Johnny will go rovin’ with some other
III
And when I get married
t’will be in the month of May
When the leaves they are green
and the meadows they are gay
And me and me true love
we’ll sit and sport and play
By the lovely sweet banks of the roses”
traduzione italiano Cattia Salto
CORO
Sulle rive delle rose
il mio amore ed io ci sedevamo
e io presi il violino (1)
per suonare una melodia al mio amore, e a metà del brano lei sorrise e disse
“Johnny amato Johnny
non mollarmi (2)”.
I (LEI)
“Quando ero giovane (3)
ho sentito mio padre dire
che preferiva vedermi morta
e sepolta in terra
piuttosto  che essere sposata
a un vagabondo (4)
per le care e dolci rive delle rose”.
II (LUI)
Io non sono un vagabondo
e presto lo farò sapere ai tuoi
che posso prendere una bottiglia
o lasciar perdere
e se suo padre non è contento
può tenersi la figlia in casa
e il giovane Johnny se ne andrà a spasso con qualcun altra.
III (LUI)
E quando mi sposerò
sarà nel mese di Maggio
quando le foglie sono verdi
e i prati sono ridenti
e io e il mio  vero amore
staremo a divertirci e cantare
per le belle e amate rive delle rose”

NOTE
1) lo strumento musicale varia tra la gamma degli strumenti popolari del tempo: è un organetto o un flauto o un violino, ma chiaramente si tratta di un “piffero” ben più in carne; è sottinteso il doppio senso “to play me love a tune” equivale alla perdita della verginità della fanciulla
2) anche qui il doppio senso è d’obbligo
3) in alcune versioni testuali è scritto boy o man ma così si stravolge il senso della storia è chiaramente il padre di lei che non vuole darla in sposa a un nullatenente e fannullone (nella migliore delle ipotesi un “rover” nella peggiore un avanzo da galera)
4) runaway= disertore, uno che scappa, ma anche uno spostato, e in senso lato, credo, un vagabondo

FONTI
https://mainlynorfolk.info/june.tabor/songs/thebanksofredroses.html
http://mysongbook.de/msb/songs/b/bkofredr.html
http://www.contemplator.com/ireland/roses.html

MOLLY BAWN A SWAN MAIDEN?

La ballata non è presente nella raccolta del professor Child e quindi alcuni studiosi mettono in dubbio la sua antichità, tuttavia Jennifer O’Connor ha pubblicato sul Canadian Journal for Traditional Music (1986) un esaustivo articolo a proposito, dal titolo “The Irish Origins and Variations of the Ballad “Molly Brown” al quale si rimanda per l’approfondimento (vedi) in cui si focalizzano 3 punti: l’antichità della ballata, l’origine irlandese e l’incidente di caccia (prima parte vedi )

LA VERSIONE IRLANDESE:

In “The Voice of the People: Good People Take Warning” (registrato nel 1952 e rimasterizzato nel 2012) dalla voce di Bess Cronin possiamo ascoltare la melodia più diffusa in Irlanda (in versione integrale su Spotify).

ASCOLTA The Dubliners in “At it again” 1968


I
Oh come all ye late fellows that follows the gun
beware of night ramblin’ by the setting of the sun.
Beware of an accident as happened of late
it was Molly Bawn Leary and sad was her fate.
II
She’d been gone to her uncle’s when a storm it came on
she drew under a green bush the shower for to shun.
With her white apron wrapped around her
he took her for a swan
Took aim and alas it was his own Molly Bawn.
III
Oh young Jimmy ran homeward with his gun and his dog
Sayin’ “Uncle, oh uncle, I have shot Molly Bawn.
I have killed that fair female, the joy of my life
for I’d always intended that she would be my wife.”
IV
“Oh young Jimmy Ranlon, do not run away
Stay in your own country till your trial it comes on.
For you’ll never be convicted of the shootin’ of a swan.
V
Well the night before Molly’s funeral her ghost it did
appear
Saying uncle, dearest uncle, let young Jimmy run clear.
It being late of an evening when he took me for a swan
Took aim and alas he killed his own Molly Bawn.
VI
Now all the girls of this country they seem to be glad
Since the flower of Glen Ardagh, Molly Bawn she lies
dead.
Get all girls of this country, stand them into a row
Molly Bawn would shine above them like a fountain of
snow.
TRADUZIONE di Cattia Salto
I
Venite tutti voi, giovani ragazzi
che usate le pistole (1),
fate attenzione a girare di notte
dopo il tramonto del sole.
Prestate attenzione all’incidente
che è accaduto da poco
a Molly Bawn Leary
e a come triste fu il suo destino
II
Lei stava andando dagli zii
quando scoppiò un temporale
e si riparò sotto un frondoso cespuglio, per evitare di bagnarsi.
Con il grembiule bianco
indosso
egli la scambiò per un cigno (2)
prese la mira ma ahimè
era la sua Molly Bawn
III
Oh il giovane Jimmy (3)  corse a casa
con la pistola e il cane (4)
dicendo “Zio oh zio (5),
ho ucciso Molly Bawn.
Ho ucciso quella bella fanciulla, la gioia della mia vita,
perchè ho sempre creduto che lei sarebbe diventata mia moglie”
IV
“Oh giovane Jimmy Ranlon non fuggire via
resta nel tuo paese e affronta il processo.
Perchè non sarai mai condannato per aver ucciso un cigno (6)”
V
La notte prima del funerale di Molly, 
apparve
un fantasma (7)
dicendo “Zio, zio mio caro
manda assolto il giovane Jimmy.
Era sera tardi quando mi scambiò per un cigno,
prese la mira e uccise la sua Molly Bawn.”
VI
Tutte le ragazze del paese
sembravano essere felici (8)
da quando il fiore di Glen Ardagh,
Molly Bawn giaceva morta.
Prendete tutte le ragazze del paese
e mettetele in fila
Molly Bawn avrebbe brillato tra loro
come una fontana di neve (9)

NOTE
1) l’uso di un arma da fuoco nella caccia colloca la ballata tra il 1500 e il 1600
2) alcuni ritengono che la donna potrebbe essere stata una fanciulla-cigno, donna di giorno, cigno di notte che viene liberata dall’incantesimo con la morte. La credenza nei muta-forma è molto radicata tra i Celti, esisteva anche un tabù relativo all’uccisione dei cigni, conservato nella credenza che uccidere i cigni porti sfortuna. (vedi) Jennifer O’Connor ipotizza si possa trattare di un geis che il cacciatore non ha rispettato e che quindi porta alla morte della donna amata.
3) il protagonista è chiamato anche Johnny Randall (nome più stereotipato) o James Reynolds. Mentre la donna è identificata come Molley Bann Lavery, o Molly Ban Lowry.
Hugh Shields noted that “Bann” and “Reynolds” are local surnames in an area of Ireland once known as Kilwarlin (a name which appeared on Irish maps from the sixteenth century, this area now covers the north-west of County Down). One Irish variant of “Molly Bawn” refers to her being the “Flower of Kilwarlin,” while later variants offer what may be localizations (Kilwany, Kiliberney, Killarney). Moreover, this Irish version gives the woman’s full name as Molley Bann Lavery. Secondo alcuni Molly Ban deriva dal gaelico”Mailí Bhán,” cioè Fair Mary (in italiano la bionda Maria).
4) ribadisce l’uccisione come un incidente di caccia
5) se lo zio è lo stesso sia per lui che per lei i due sono cugini, un grado di parentela che non avrebbe permesso il fidanzamento tra i due, eppure i due si dicono in alcune versioni in procinto di sposarsi. Nel Medioevo il rapporto era considerato incestuoso e il matrimonio era possibile solo con una speciale dispensa del Papa.
6) Enrico VIII promulgò una legge nel 1592 che puniva con il carcere l’uccisione dei cigni appartenenti alla Corona. Ma in questo caso la vicenda non ha niente a che vedere con il bracconaggio essendo la terra su cui il giovane andava a caccia di proprietà dello zio. Jennifer O’Connor ritrova traccia, da alcune varianti della ballata, dell’eric che veniva pagato secondo le leggi irlandesi a risarcimento di un omicidio verso la famiglia offesa.
7) solo in un quarto delle versioni esaminate da Jennifer O’Connor sono prive della strofa con il fantasma della fanciulla, e quindi l’apparizione si trova come componente del nucleo iniziale della storia, la credenza nei revenant contemplava il loro ritorno per aiutare i vivi
8) la strofa è di dubbio gusto, con le fanciulle della contea che gioiscono per la morte della più bella tra le belle; l’immagine tuttavia fa molto “balletto” e richiama una figura delle country dance che è appunto la fontana in cui le due file dei danzatori si aprono come uno zampillo. Alcuni interpretano il termine come un fraintendimento al posto di ” fawn, white as snow” ma a mio parere è un tentativo di razionalizzazione di una metafora non ancora ben compresa. In altre versioni le fanciulle si dicono tristi per la morte della bella e “Molly Ban would appear among them like a mountain of snow” Qui il paragone indica una certa luminosità dell’apparizione oltre che il pallore mortale
9) non solo il vestito bianco ma anche la lucentezza che emanava dalla ragazza (dai capelli d’argento) ha tratto in inganno il giovane

ASCOLTA The Chieftains & Alison Krauss in Down The Old Plank Road: The Nashville Sessions 2002


I
Come all ye young fellas
That handle a gun
Beware of night rambling
By the setting of the sun
And beware of an accident
That happened of late
To young Molly Ban
And sad was her fate
II
She was going to her uncles
When a shower came on
She went under a green bush
The shower to shun
III
Her white apron wrapped around her
He took her for a swan
But a hush and sigh
Was his own Molly Ban
IV
He quickly ran to her
And found she was dead
And there on her bosom
Where he soaked, tears he shed
V
He ran home to his father
With his gun in his hand
Saying “Father dear father
I have shot Molly Ban”
VI
Her white apron wrapped around her
He took her for a swan
But a hush and a sigh
‘Twas his own Molly Ban
VII
He roamed near the place
Where his true love was slain
He wept bitter tears
But his cries were in vain
As he look on the lake
A swan glided by
And the sun slowly sank
In the gray up sky.
TRADUZIONE di Cattia Salto
I
Venite tutti voi, giovani ragazzi
che impugnate una pistola (1),
fate attenzione a girare di notte
dopo il tramonto del sole
e prestate attenzione all’incidente
che è accaduto da poco
alla giovane Molly Bán
e a come triste fu il suo destino
II
Stava andando dagli zii
quando iniziò a piovere
e lei si riparò sotto un frondoso cespuglio, per evitare di bagnarsi.
III
Con il grembiule bianco
indosso
egli la prese per un cigno (2)
ma il gemito strozzato,
era della sua Molly Bán (3)
IV
Subito corse da lei
e la trovò morta
e là sul suo seno
un mare (10) di lacrime versò
V
Corse a casa da suo padre
con la pistola in mano
dicendo “Caro padre (5)
ho ucciso Molly Bán ”
VI
Con il grembiule bianco
indosso
egli la prese per un cigno
ma il gemito strozzato,
era della sua Molly Bán
VII
Si aggirava nei pressi del luogo
dove il suo vero amore fu ucciso
e piangeva lacrime amare.
Ma le sue grida furono vane
mentre guardava il lago
un cigno (11) vi scivolò sopra
e il sole lentamente affondò
nel grigio del cielo.

NOTE
5) il padre del ragazzo è anche lo zio della ragazza, i due protagonisti sono quindi parenti stretti
10) si descrive l’immagine di un pianto a dirotto, in altre versioni si fa espressamente ricorso all’immagine della fontana di lacrime.
11) il cigno è lo spirito evanescente della fanciulla morta.

QUARE BUNGLE RYE: A BASKET WITH SURPRISE

In “Quare Bungle Rye” si narra in modo comico dell’ingegnosità delle ragazze madri pre-ottocentesche che riescono a far pagare all’uomo un risarcimento in denaro per la loro maternità fuori dal matrimonio. Non necessariamente il malcapitato è il padre del bambino ma viene preso a bersaglio semplicemente per la sua ingenuità!
Secondo Contemplator la ballata “Quare bungle rye” è la versione irlandese di “Oyster Girl” (The Basket of Oysters) di cui diverse copie ottocentesche possono essere rintracciati presso la Bodleian Library. Il tema si accomuna anche alla ballata intitolata più variamente “The Basket of Eggs”, “Eggs in Her Basket” o “Eggs and bacon”. (vedi)

LA SORPRESA NEL CESTO

In tutti questi testi si allude al cesto della fanciulla come a una gravidanza “a sorpresa” infatti dentro c’è un bambino che viene lasciato come “pacco” (cioè come fregatura) al malcapitato protagonista (che proprio estraneo alla faccenda non deve essere visto che in una delle tante versioni viene riconosciuto come padre del bambino). In Mudcat sono riportate tutta una serie di ballate sempre nella collezione della Bodleian Library che partono dal 1700 e trattano lo stesso tema (vedi).

QUARE BUNGLE?!?

La versione irlandese della storia è pittoresca quantomeno nella definizione della “strana merce” contenuta nel cesto della ragazza! quare è una variante dialettale di “queer” un termine in uso fin dal 1500 che significa “strano“.
The Online Etymology Dictionary dates the birth of the English word queer to about 1500, with its meaning (adj) of “strange, peculiar, eccentric” from Scottish, perhaps from the Low German queer meaning “oblique, off-center,” related to the German quer, meaning “oblique, perverse, odd,” in turn from the Old High German twerh, “oblique”. During the course of the 18th century, it acquired a new and associated sense — still as an adjective — of “feeling out of sorts, unwell, faint, giddy”. Charles Dickens, in his Pickwick Papers of 1837, wrote queasily of “legs shaky — head queer — round and round — earthquake sort of feeling — very.” From the late 18th century on, queer has also been used as a verb: first meaning “to puzzle, ridicule or cheat”, and then later, from about 1812, changing to mean “spoil or ruin”, or “to jeopardize”. By the turn of the 20th century, the word had acquired firm connotations of sexual deviance, especially referring to the behavior of homosexual or effeminate males, and it’s difficult to determine exactly when queer moved from this loose meaning of kinky, aberrant or dissolute to the more specific sense of homosexual. (tratto da qui)
Mentre l’articolo prosegue con le definizioni più attuali del termine, noi ci fermiamo al suo significato settecentesco e poi dickensiano (vedi nota 2)

Tutta la storia è tra il comico e l’allusivo (bawdy song) e il marinaio ci fa la figura dell’ingenuo se non proprio dell’imbecille!
Una specie di morale della storia è data nella strofa finale con l’avvertenza di guardare sempre bene per la merce che si vuole comprare per evitare fregature; ma l’uomo si “dimentica” anche troppo facilmente, di essere stato proprio lui  il primo ad aver dato la fregatura alla ragazza, lasciandola con un bambino in grembo!
E’ una tipica drinking song ma anche una sea song (se non proprio una sea shanty) diffusa in Irlanda nelle zone di Limerick e Waterford, come pure nel Nord Irlanda, in Scozia e in America (zona Monti Appalachi), registrata dai Clancy Brothers e i Dubliners i quali l’hanno riproposta spesso nel corso della loro lunga carriera.

ASCOLTA Dubliners in Drinking and Wenching 1969

ASCOLTA The Blarney Lads

ASCOLTA Carl Peterson in  “Pirate Song, Sea Song & Shanties, 2006


I
Now Jack was a sailor
who roamed on the town
And she was a damsel
who slipped up and down(1)
Said the damsel to Jack
as shee passed him by
“Would you care for to purchase some quare bungle(2)” ri-raddy-ri
Fol the diddle lie, Roddy rye, Roddy rye.

II
Thought Jack to himself,
“Now what can this be
But the finest old whisky
from far Germany?
Smuggled up in a basket
and sold on the sly
And the name that it goes by
is quare bungle” …
III
Jack gave her a pound
and he thought nothing strange
She said, “hold on to the basket
‘til I run for your change”
Jack looked in the basket
and a child he did spy
“Begorrah(3)! and says Jack
this is quare bungle” ….
IV
Now to get that child christened
was Jack’s next intent
For to get the child christened
to the parson he went
Said the parson to Jack,
“what will he go by?”
“Bedad(3) now, says Jack,
call him quare bungle” …
V
Says the parson to Jack,
“there’s a very queer name”
“Bedad(3) now, says Jack,
‘twas the queer way he came
Smuggled up in a basket
and sold on the sly
And the name that he’ll go by
is quare bungle” ….
VI
Now all you bold sailors
who roam on the town
Beware of the damsels
who skip up and down
Take a peep in their baskets
as they pass you by
Or else they may pawn
on you some quare bungle …..
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Jack era un marinaio
a zonzo per la città
e lei era una fanciulla
allo struscio(1),
disse la damigella a Jack
mentre gli passava accanto
” Vuoi comprare un quare bungle?(2)”
CORO
nonsense
II
Pensò Jack tra sè e sè
“Di cosa si può trattare
se non del più buon vecchio whisky
dalla lontana Germania?
Spacciato in un cesto
e venduto di nascosto
e il nome che gli danno
è quare bungle!”
III
Jack le diede una sterlina
e non ci trovò niente di strano
che lei dicesse ” Tieni il cestino
che corro per cambiare”
Jack guardò nel cesto
e vide un bambino
“Per Dio – disse Jack-
Questo è un quare bungle?!?”
IV
Battezzare il bambino
fu la successiva intenzione di Jack,
per battezzare il bambino
dal parroco andò
disse il parroco a Jack
“Come lo chiamiamo?”
“Oddio (3) -dice Jack
chiamiamolo Quare Bungle”
V
Dice il parroco a Jack
“E’ un nome molto strano”
“Oddio -dice Jack-
E’ strano il modo in cui è arrivato
contrabbandato in un cesto
e venduto di nascosto
e il nome che avrà
sarà Quare Bungle”
VI
Così voi marinai audaci
che passeggiate per la città
attenti alle damigelle
che vanno su e giù,
date un’occhiata ai loro cesti
mentre ci passate accanto
altrimenti vi possono rifilare
un “quare bungle

NOTE
1) mi è sembrato pertinente utilizzare un termine colorito anche se dialettale, proveniente da Napoli che è diventato sinonimo di passeggiata domenicale o serale in cittadine di provincia.
2) prima ancora di acquistare una valenza negativa come “To queer the pitch” il termine richiamava nel 700-800 un senso di tremore, debolezza e vertigini; solo così si comprende come il nostro marinaio abbia potuto pensare al whisky e ai suoi effetti!
3) esclamazioni eufemistiche per By God

FONTI
http://www.mudcat.org/thread.cfm?ThreadID=17061
http://www.glossophilia.org/?p=3192 http://www.contemplator.com/england/qbrye.html http://www.8notes.com/scores/5999.asp http://worldmusic.about.com/od/irishsonglyrics/a/quare-Bungle-Rye.htm

THE LOUSE HOUSE OF KILKENNY

travellersSourceMain“The louse house of Kilkenny” racconta in modo semi-serio la notte di un povero viandante passata con una banda di pidocchi (e altri sgraditi ospiti) trovata nel letto di una pensione di infimo ordine a Kilkenny. La canzone appartiene al repertorio di Paddy Tunney ed è stata divulgata sia dai Dubliners che dai Clancy Brothers negli anni 60-70.
Surprisingly, there are few documented versions of this very popular song having been recorded from traditional singers. Those that have include Kerry Traveller Christie Purcell (1952), Tommy and Gemma McGrath, Waterford (1965) and Kilkenny Traveller Mary Delaney (1976). A degree of confusion has arisen because of the song having been listed under three distinct titles: Christie Purcell’s appeared as ‘Carrick on Suir’ and Mary Delaney’s as ‘The Kilkenny Louse House’. The McGrath version was given the somewhat strange title ‘Burke’s Engine’ due to a mishearing of the name ‘Buck St John’ – the song is occasionally known as ‘Buck St John’s Black Army’. (Jim Caroll tratto da qui)

La versione dei Dubliners per la verità non menziona Kilkenny bensì Carrick-on-Suir e  Rathronan entrambi nella Contea di Tipperary ad una ventina di kilometri di distanza (una distanza mediamente percorribile in una giornata di cammino a piedi).

ASCOLTA Dubliners

ASCOLTA Clancy Brothers 1968 (strofe I, II, IV, VI, VII, VIII)

VERSIONE DUBLINERS
I
Oh, the first of me downfall
I set out the door.
I straight made me way on
for Carrick-on-Suir (1).
Going out by Rathronan (2),
‘twas late in the night,
Going out the West Gate
for to view the gaslight (3).
CHORUS:
Radley fal the diddle ay
Radley fal the diddle airo
II (4)
I went to the town’s hall
to see the big lamp,
And who should I meet
but a bloody big tramp.
I finally stepped over
and to him I said:
“Will you kindly direct me
to where I’ll get a bed?”
III
‘Twas then he directed me
down to Cooks Lane
To where old Buck St John
kept an old sleeping cage.
From out of the door
was a small piece of board
Hung out on two nails with a short piece of cord.
IV
I looked (put) up and down
till I found out the door
[And a queerer old household sure I ne’er saw before.]
Then the missus came out and these words to me said:
“If you give me three coppers,
sure I’ll give you a bed.”
V
Well, I then stood aside
with me back to the wall,
And the next thing I saw
was an oul cobbler’s stall,
And there was the cobbler,
and he mending his brogues
With his hammers and pinchers
all laid in a row.
VI
Then she brought me upstairs
and she put out the light,
And in less than five minutes,
I had to show fight.
And in less than five more,
sure the story was worse,
The fleas came around me
and brought me a curse.
VII
‘Twas all around me body
they formed an arch.
‘Twas all around me body
they played the Dead March.
For the bloody oul major (5)
gave me such a nip,
That he nearly made away
with half of me hip.
VIII
Now I’m going to me study,
these lines to pen down,
And if any poor traveller should e’er come to town,
And if any poor traveller should be nighted(6) like me,
Beware of Buck St John
and his black cavalry(7).
traduzione italiano Cattia Salto
I
All’inizio della mia sventura
me ne andai (da casa)
e subito presi il largo
per Carrick-on-Suir:
uscendo da Rathronan,
era tarda notte,
attraversai la Porta Occidentale per vedere l’illuminazione a gas.
CHORUS:
Radley fal the diddle ay
Radley fal the diddle airo
II
Andai nella piazza del municipio
per vedere il grande lampione,
e chi ti incontro
se non un dannato vagabondo?
Alla fine l’ho scavalcato
e gli ho detto:
“Volete gentilmente indicarmi
dove troverò un letto?”
III
Allora lui mi ha mandato
giù verso Cooks Lane
dove il vecchio Buck St John
teneva una vecchia pensione per dormire.
All’aperto c’era un piccolo pezzo di cartone, appeso a due chiodi con un pezzetto di corda.
IV
Guardai su e giù
finché non trovai la porta
e la più bizzarra vecchia casa
che avessi mai visto prima!
Allora venne fuori la padrona
e mi disse queste parole:
“Se mi dai tre monetine,
subito ti do un letto”.
V
Beh, mi feci da parte
con le spalle al muro,
e la cosa seguente che vidi
fu la vecchia postazione di un ciabattino, e c’era il ciabattino, che riparava gli scarponi
con i suoi martelli e le tenaglie
tutti messi in fila.
VI
Poi lei mi ha portato al piano di sopra
e ha spento la luce,
e in meno di cinque minuti,
ho dovuto combattere
e in meno di altri cinque,
la storia andava anche peggio,
le pulci mi hanno circondato
e mi hanno dato il tormento.
VII
Tutto intorno al mio corpo
hanno formato una curva
e intorno al mio corpo
hanno ballato la Danza macabra.
La più grande vecchia bastarda
mi ha dato un tale morso
che mi ha quasi portato via
metà del fianco.
VIII
Ora ho intenzione di scrivere
queste righe a penna:
se qualche povero viaggiatore dovesse mai venire in città,
e se qualche povero viaggiatore dovesse essere sorpreso dalla notte come me,
faccia attenzione a Buck St John
e alla sua nera cavalleria!

NOTE
1)  cittadina nella contea Tipperary
2) Rathronan è il nome di diversi paesi ma quello della contea di Tipperary è così piccolo  che dubito avesse l’illuminazione a gas ai tempi della canzone. Evidentemente si da per assodato che la direzione presa dal vagabondo sia quello verso la cittadina di Kilkenny
3) l’illuminazione pubblica doveva essere una rarità ai tempi della canzone, se destava tanta meraviglia
4) la strofa dei Clancy Brothers dice
There I met with a youth
and I unto him said
“Would you kindly direct me
to where I’ll get a bed?”
It was then he directed me
down to Cook’s Lane
To where old Dick Darby
kept an old sleeping cage
(traduzione italiano :Là incontrai un giovanotto e gli ho detto:
“Volete gentilmente indicarmi dove troverò un letto?”
Allora lui mi ha mandato giù verso Cooks Lane
dove quel vecchio Dick Darby teneva una vecchia pensione per dormire
5) una pulce invero gigante!In questa versione non viene esplicitamente menzionato il topo è quindi il morso che stacca un pezzo di fianco viene dato nientemeno che da una pulce sanguinaria!!
6) nighted = benighted = overtaken by night or darkness.
7) black cavalry = fleas.

Così come i vari titoli anche le versioni testuali sono molte, alcune come quella di Mary  Delaney contengono termini (qui) provenienti dal gergo degli irish traveller tra i quali pare che questa canzone fosse diffusa. Il genere è un po’ insolito, ma non mancano altre flea-battle songs anche se questa è la più famosa.

ASCOLTA Wolfe Tones

VERSIONE WOLFE TONES
I
The first of me downfall
I walked out the door
I straight made me way (1)
on for Carrick-on-Suir
Going out by Kilkenny
‘twas late in the night
as I went through that city
I saw gaslight(2)
with me fa the diddle ario i a
II
And there in this back street
there was this gas lamp
And under it sat the chap
called the tramp
He asked me for a penny,
and to him I did say,
“could you show me a place
where I could stay
III
He directed me down
to Sweet Lovers Lane
To the place called the refuge,
I think that’s the name
Steps’ inside the door
put my back to the wall
was then that I found out
was the cobblers hall.
IV
Young man in the corner
and he mending some brogue
with his hammer and chisel,
going round like a goat
the old women inside,
and to me she did say,
“if you gave me a shilling sir,
here you can stay.”
V
She brought me upstairs,
and she put out the light,
and in less than 5 minutes
I had to show fright (3),
with bugs and the flies,
they collected to march,
and over me belly,
they formed an arch.
and one big rattier,
gave me such a nip,
I was very near losing
the use of me hip (4).
With me fa the diddle airo i ario i a
VI
I sat up in the bed,
and demanded fair play,
sure if I had me stick,
I could fight my own way
jumped out through the window,
and gathered some stones,
sure if I had sore sides,
I gave him broken bones.
VII
Now come on you fair maiden, wherever you may be,
wherever you travel, by land or by sea,
if your going to Kilkenny,
and intending to stay
beware of the Louse House,
in Sweet Lovers Lane.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
All’inizio della mia sventura
me ne andai (da casa)
e mi fiondai
per Carrick-on-Suir:
uscendo da Kilkenny,
era tarda notte,
mentre camminavo per quella città
ho visto l’illuminazione pubblica
with me fa the diddle ario i a
II
E là in quella stradina
c’era questo grande lampione
e sotto sedeva un tipo
che chiamavano il “barbone”.
Mi ha chiesto un penny
e gli ho detto:
“Volete indicarmi
un posto dove dormire?”
III
Lui mi ha mandato
giù verso Sweet Lovers Lane
in un posto detto Rifugio
credo fosse quello il nome.
Feci un passo oltre la porta
fui con le spalle al muro
e allora  scoprii
che era la stanza del calzolaio
V
C’era un giovanotto nell’angolo
e riparava degli scarponi
con il suo martello e la sgorbia.
Camminando come una capra
la vecchia all’interno
mi disse
“Se mi date uno scellino signore,
potete restare qui”.
V
Lei mi ha portato al piano di sopra
e ha spento la luce,
e in meno di cinque minuti,
mi prese il terrore
con insetti e mosche,
che si raccolsero in marcia
e sulla mia pancia
formarono una curva,
e un grosso topo
mi diede un morso tale
che per poco mi portò via
metà del fianco.
With me fa the diddle airo i ario i a
VI
Mi sono seduto sul letto
e richiesto sangue freddo,
se avessi avuto il mio bastone di certo
avrei potuto affrontarlo,
saltai fuori dalla finestra
e raccolsi delle pietre:
anche se ero tutto ammaccato
io di certo gli ho spezzato le ossa.
VII
Ora venite giovani fanciulle
dovunque voi siate
comunque viaggiate,
via terra o via mare
se andrete a Kilkenny
e avete intenzione di restarci
fate attenzione alla Casa dei Pidocchi
in Sweet Lovers Lane.

NOTE
1) subito presi il largo
2) l’illuminazione pubblica doveva essere una rarità ai tempi della canzone, se destava tanta meraviglia
3) letteralmente “ho dovuto mostrare la paura”
4) letteralmente fui molto vicino a perdere l’uso della mia anca

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=25150
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?songid=0658
http://www.clarelibrary.ie/eolas/coclare/songs/cmc/the_kilkenny_louse_house_jlyons.htm
http://www.mustrad.org.uk/articles/puck.htm
http://www.veteran.co.uk/VT149CD%20words.htm