Archivi tag: Dougie MacLean

Outlander: Wool Waulking Songs

Leggi in italiano

FROM  OUTLANDER SAGA

Diana Gabaldon

“Hot piss sets the dye fast,” one of the women had explained to me as I blinked, eyes watering, on my first entrance to the shed. The other women had watched at first, to see if I would shrink back from the work, but wool-waulking was no great shock, after the things I had seen and done in France, both in the war of 1944 and the hospital of 1744. Time makes very little difference to the basic realities of life. And smell aside, the waulking shed was a warm, cozy place, where the women of Lallybroch visited and joked between bolts of cloth, and sang together in the working, hands moving rhythmically across a table, or bare feet sinking deep into the steaming fabric as we sat on the floor, thrusting against a partner thrusting back.”
(From DRAGONFLY IN AMBER, Chapter 34, “The Postman Always Rings Twice”. Copyright© 1992 by Diana Gabaldon.)
The Scottish women have developed a particular technique for the twisting of the tweed, that woolen fabric from Scotland, warm, resistant and almost indestructible, used by fishermen and shepherds to keep warmer in a climate so cold and windy.
Cloth were “mistreated” by a group of women sitting around a table with 4 beat: first, the fabric is banged on the table in front of you, then slammed towards the center of the table, then returned to the initial position and then is passed to the next woman (clockwise). To count the time and make the work less monotonous the women sang some songs, there was the ban dhuan (or the song-woman) that directed the song, while the others followed her in the refrain. After some songs the fabric was softer, thicker, and more tightly woven.

OUTLANDER TV, season I: “Rent”

In Outlander TV serie this glimpse of life in a scottish village of eighteenth-century, is developed in the Dougal Mackenzie’s journey, as he collects rents from the tenants of Castel Leoch. Claire goes on the road with Dougal, and almost by chance, she hears some voices and sees the women as they are waulking the tweeds.

Outlander I, episode 5: Mo Nighean Donn

English transaltion*
Oh how my mind is heavy
as I’m north west of the Storr (1)
[Sèist:]
My brown haired girl hò gù Hì rì rì hù lò
My brown haired girl hò gù.
My brown haired girl, I remark
thee
At the fair of the young women.
[Sèist]
Hì rì rì hù lò  My brown haired girl hò gù.
And we will walk hand in hand
[Sèist]
Hì rì rì hù lò  My brown haired girl hò gù.
Regardless of any living elders (2).

Gur e mise tha fo ghruaim
‘S mi ‘n taobh tuath dhan an Stòr.
[Sèist:]
Mo nigh’n donn hò gù Hì rì rì hù lò
Mo nigh’n donn hò gù 
Mo nigh’n donn shònruich mi fhéin thu
ann an broad nam ban òg
[Sèist]
Hì rì rì hù lò Mo nigh’n donn hò gù 
‘S bidh mo làmh na do làimh
[Sèist]
Hì rì rì hù lò Mo nigh’n donn hò gù 
Dh’aindeoin èildeir tha beò.

NOTES
1)  The Storr is a rocky hill on the Trotternish peninsula of the Isle of Skye in Scotland
2) Similar expressions are recurrent in popular songs when a young couple “swimmed against the tide” about courtship and don’t followed the tradition.  (celtic wedding)

Clair takes part in the fulling of the tweed and sings with the village women. The ban dhuan is Fiona Mackenzie

Two are the Wool Waulking Songs  in  Outlander: Season 1, Vol. 2 (Original Television Soundtrack) 
Latha Siubhal Beinne Dhomh” and “Mo Nighean Donn” (a tribute to Claire’s brown hair)

Latha Siubhal Beinne Dhomh

Originally from the island of Barra “Latha Siubhal Beinne Dhomh” (One day as I roamed the hills) is about a man roaming around the Highlands, who comes across a beautiful young girl gathering herbs; these accidental encounters on the moors (between the heather and the broom in bloom) are the subject of many traditional Scottish songs from ancient origins, and often man is not limited to the request for a kiss! The girl rejects him because she considers him a vagabond. As usual in the choice of musical tracks, the lyrics always have an affinity with the story told in the saga.

Hi ill eo ro bha ho
Hi ill eo bhòidheach
‘S na hi ill eo ro bha ho

English translation*
One day as I was traveling a hill
A day of traveling moorland
I met a girl
beautiful, tresses in her hair
A little knife in her hand
As she was reaping daisies
As she was reaping watercress
I went over to her
And I asked her for a kiss
“Oh, oh, my! (1)
O hairy old man! (2)


(It’s in my own father’s house
That the company would be found:
Twenty hatted-men
A dozen cloaked women
With white towels
Spread out on tables
With clay cups
And glasses full of beer)”


Latha siubhal beinne dhomh
Latha siubhal mòintich
Thachair orm gruagach
Dhualach, bhòidheach
Sgian bheag na làimh
‘S i ri buain neòinean
‘S i ri buain biolaire
Theann mi null rithe
Dh’ iarr mi pòg oirre
Ud! Ud! Ud-ag araidh!
A bhodachain ròmaich


(‘S ann an taigh m’ athar fhèin
Gheibht’ an còmhlan
Fichead fear adadh ann
Dusan bean cleòca
Tubhailtean geal aca
Sgaoilt’ air bhòrdaibh
Cupannan crèadh’ aca
‘S glainneachan beòraich)

NOTES
1) or “Hoots toots!”
2) or ” you shaggy old man!”, a shaggy peasant

Mo Nighean Donn

“Mo Nighean Donn” (My brown-haired lass) does not have a real meaning, it seems more than the ban dhuan to report the gossip of the moment.  Outlander: Season 1, Vol. 2 (Original Television Soundtrack) 
Dougie MacLean in Whitewash 1990 
(a Celtic song with instrumental parts and male voice)

English translation*
Oh how my mind is heavy
as I’m north west of the Storr
[choir]
My brown haired girl hò gù Hì rì rì hù lò
My brown haired girl hò gù.
Right now I’m in the loch by forest
And Effie will not be joning me.
The militia has been risen
And that will take away the young lads from us.
They will be out for a month
This will not leave us full of sadness.
My brown haired girl who gained recognition
At the fair of the young women.
My brown haired girl won a bet
Where the warriors were encamped
I’m tired of setting my nets
In the lower parts of each cove.
(I will head over the hill
Where there is the beautiful young women.
And we will walk hand in hand
Regardless of any living elders.
And my hand will be around you
Though I’d prefer to embrace you.
And if I manage to reach over to you
You’ll get a crown in your hand.
You’ll get that and something better
A good, young, strong sailor.)

Gur e mise tha fo ghruaim
‘S mi ‘n taobh tuath dhan an Stòr.
[Sèist]
Mo nigh’n donn hò gù Hì rì rì hù lò
Mo nigh’n donn hò gù
‘N-dràst’ an loch fada choill
‘S nach tig Oighrig nam chòir.
Thog iad a’ mhailisi suas
‘S bheir siud bhuainn gillean òg.
Cha bhi iad a-muigh ach mìos
‘S cha bhi ‘n cianalas oirnn.
Mo nighean donn choisinn cliù
Ann an cùirt nam ban òg.
Mo nighean donn choisinn geall
Far na champaich na seòid.
Tha mi sgìth cur mo lìon
Ann an iochdar gach òb.
Thèid mi null air a’ bheinn
Far eil loinn nam ban òg.
(‘S bidh mo làmh na do làimh
Dh’aindeoin èildeir tha beò.
‘S bhiodh mo làmh mud chùl bhàn
Gad a gheàrrt’ i mun dòrn.
Ach ma ruigeas mise null
Gheibh thu crùin na do dhòrn.
Gheibh thu sin is rud nas fheàrr
Maraiche math làidir òg.)

LINK
http://www.bbc.co.uk/alba/oran/orain/latha_siubhal_beinne_dhomh/
http://s3.spanglefish.com/s/10130/documents/songs/latha%20siubhal%20beinne%20dhomh.pdf
https://virtualgael.files.wordpress.com/2017/05/lathasiubhalbeinne.pdf
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/39128/10
http://www.smo.uhi.ac.uk/gaidhlig/alltandubh/orain/Latha_Siubhal_Beinne.html

http://www.bbc.co.uk/alba/oran/orain/mo_nighean_donn/
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/97218/1;jsessionid=F3FF526DC4C88B40F544EE4E1332E1D6
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/100031/1
http://totalsketch.com/shed-life/

Outlander: Wool Waulking Songs

Read the post in English

DALLA SAGA OUTLANDER

Diana Gabaldon

Nel libro “”Il ritorno” (capitolo 11) della saga Outlander scritta da Diana Gabaldon Claire è invitata dalle donne di Lallybroch a prendere un tè e assiste alla follatura del tweed che si svolge in un apposito capanno “riservato” alle donne della tenuta
““Hot piss sets the dye fast,” one of the women had explained to me as I blinked, eyes watering, on my first entrance to the shed. The other women had watched at first, to see if I would shrink back from the work, but wool-waulking was no great shock, after the things I had seen and done in France, both in the war of 1944 and the hospital of 1744. Time makes very little difference to the basic realities of life. And smell aside, the waulking shed was a warm, cozy place, where the women of Lallybroch visited and joked between bolts of cloth, and sang together in the working, hands moving rhythmically across a table, or bare feet sinking deep into the steaming fabric as we sat on the floor, thrusting against a partner thrusting back.” continua
Le donne scozzesi hanno elaborato una tecnica particolare per la follatura del tweed, quel tessuto di lana originario dalla Scozia, caldo, resistente e pressoché indistruttibile, utilizzato dai pescatori e pastori per tenersi più al caldo in un clima così freddo e ventoso.
Per infeltrire la lana ma in modo uniforme e migliorane le prestazioni  le pezze di stoffa venivano “maltrattate” da un gruppo di donne sedute introno ad un tavolo (precedentemente immerse in grandi tinozze piene di urina); il movimento della battitura consisteva in 4 tempi: prima si sbatteva il tessuto sul tavolo davanti a sé, poi si sbatteva verso il centro del tavolo, quindi si riportava alla posizione iniziale e infine lo si passava alla donna successiva (in senso orario). Per contare il tempo e rendere meno monotono il lavoro le donne cantavano delle canzoni, c’era la  ban dhuan (ovvero la donna-canzone) che dirigeva il canto, mentre le altre la seguivano nel ritornello. Dopo qualche canzone il tessuto diventava più morbido, ma anche più compatto e resistente.

OUTLANDER TV, stagione I: “Riscossione”

Nella serie televisiva questo scorcio di vita nei villaggi della Scozia settecentesca è sviluppato nel giro di Dougal  Mackenzie di Castel Leoch presso gli affittuari per la riscossione dei tributi. Quasi per caso Clarie sentento delle voci, si avvicina alle donne mentre infeltriscono il tweed.

Outlander I episodio 5: Mo Nighean Donn

Gur e mise tha fo ghruaim
‘S mi ‘n taobh tuath dhan an Stòr.
[Sèist:]
Mo nigh’n donn hò gù Hì rì rì hù lò
Mo nigh’n donn hò gù 
Mo nigh’n donn shònruich mi fhéin thu
ann an broad nam ban òg
[Sèist]
Hì rì rì hù lò Mo nigh’n donn hò gù 
‘S bidh mo làmh na do làimh
[Sèist]
Hì rì rì hù lò Mo nigh’n donn hò gù 
Dh’aindeoin èildeir tha beò.

Traduzione inglese*
Oh how my mind is heavy
as I’m north west of the Storr
My brown haired girl hò gù
Hì rì rì hù lò
My brown haired girl hò gù.
My brown haired girl, I remark thee
At the fair of the young women.
And we will walk hand in hand
Regardless of any living elders.
Traduzione italiana Cattia Salto
Oh quali pensieri tormentati
mentre sono a nord ovest di Storr (1)
la mia brunetta hò gù
Hì rì rì hù lò
la mia bella brunetta.
O mia brunetta, ti ho notata
al mercato delle belle fanciulle
e cammineremo mano nella mano
nonostante tutti i pettegoli (2)

NOTE
1) il “vecchio uomo di Storr” (the Old Man of Storr) è un pinnacolo di basalto alto una cinquantina di metri che sorge sull’Isola di Skye, la più grande delle Ebridi Interne (Scozia)
2) letteralmente “nonostante tutti gli antenati” cioè a dispetto delle tradizioni. Espressioni simili sono ricorrenti nei canti popolari quando una giovane coppia andava “contro corrente” cioè non si seguivano le tradizioni in merito al corteggiamento: erano i genitori a combinare le unioni, in genere tra persone della stessa classe sociale e mezzi economici, i bei ragazzi ma senza arte ne parte, potevano ricevere il consenso solo in vista di un’improvvisa fortuna  (matrimonio celtico)

 

Clair partecipa alla follatura del tweed e canta insieme alle donne del villaggio. La ban dhuan è Fiona Mackenzie

Le Wool Waulking Songs sono due in  Outlander: Season 1, Vol. 2 (Original Television Soundtrack) 
la prima più veloce “Latha Siubhal Beinne Dhomh“, la seconda vista nel video “Mo Nighean Donn” (un omaggio ai capelli castani di Claire)

Latha Siubhal Beinne Dhomh

Originaria dell’isola di Barra,  la canzone parla di un uomo in giro per le Highland che s’imbatte in una bella fanciulla intenta a raccogliere delle erbe, questi incontri fortuiti nelle brughiere (tra l’erica e la ginestra in fiore) sono il soggetto di molti canti tradizionali della Scozia dalle origini antiche e spesso l’uomo non si limita alla richiesta di un bacetto! La fanciulla lo respinge perchè lo reputa un vagabondo. Come consuetudine nella scelta delle tracce musicali i testi hanno sempre un’attinenza con la storia narrata nella saga.

Hi ill eo ro bha ho
Hi ill eo bhòidheach
‘S na hi ill eo ro bha ho
Latha siubhal beinne dhomh
Latha siubhal mòintich
Thachair orm gruagach
Dhualach, bhòidheach
Sgian bheag na làimh
‘S i ri buain neòinean
‘S i ri buain biolaire
Theann mi null rithe
Dh’ iarr mi pòg oirre
Ud! Ud! Ud-ag araidh! (1)
A bhodachain ròmaich
(‘S ann an taigh m’ athar fhèin
Gheibht’ an còmhlan
Fichead fear adadh ann
Dusan bean cleòca
Tubhailtean geal aca
Sgaoilt’ air bhòrdaibh
Cupannan crèadh’ aca
‘S glainneachan beòraich)

Traduzione inglese*
One day as I was traveling a mountain
A day of traveling moorland
I met a girl
beautiful, tresses in her hair
A little knife in her hand
As she was reaping daisies
As she was reaping watercress
I went over to her
And I asked her for a kiss
“Oh, oh, my! (1)
O hairy old man! (2)
(It’s in my own father’s house
That the company would be found:
Twenty hatted-men (3)
A dozen cloaked women
With white towels
Spread out on tables
With clay cups
And glasses full of beer)”
Traduzione italiana Cattia Salto
Un giorno che ero in viaggio per i monti
un giorno che ero in viaggio per la brughiera incontrani una ragazza
dalle belle trecce
con un piccolo pugnale tra le mani
stava tagliando delle margherite
e raccoglieva il crescione.
Mi sono avvicinato
e le ho chiesto un bacio.
“Smamma bello
Vattene zoticone!
(Nella mia dimora di famiglia
si trovano nobili genti
una ventina di uomini con il cappello
una dozzina di donne con il mantello
bianche tovaglie
stese sui tavoli
con tazze di percellana
e bicchieri pieni di birra.)”

NOTE
il canto è stato tramandato in una versione più estesa  e le strofe mancanti sono state messe tra parentesi
1) l’espressione tradotta anche come “Hoots toots!”  è un modo colloquiale per respingere una persona sgradita
2) anche tradotto come ” you shaggy old man!” letteralmente “piccolo vecchio peloso” vecchio ha un significato colloquiale che non necessariemnte indica una persione anziana, nel contesto la frase è un appellativo rivolto a un vagabondo malandato, dai capelli lunghi e la barba incolta, anche bifolco
3) indossare il cappello è d’obbligo per un gentiluomo

Mo Nighean Donn

La canzone “Mo Nighean Donn” (la mia ragazza castana) non ha un vero e proprio significato, sembra più altro che la ban dhuan  riferisca i gossip del momento. La versione in  Outlander: Season 1, Vol. 2 (Original Television Soundtrack)  è più lunga rispetto alla versione nelle riprese
Dougie MacLean in Whitewash 1990 
Negli anni 40-50 con il tramonto della lavorazione artigianale (in particolare dell’Harris Tweed) queste canzoni di lavoro sono diventate occasione di session dimostrative o sono passate nei repertori di alcuni gruppi di musica celtica con l’inserimento di parti strumentali e voci maschili.

Gur e mise tha fo ghruaim
‘S mi ‘n taobh tuath dhan an Stòr.
[Sèist]
Mo nigh’n donn hò gù Hì rì rì hù lò
Mo nigh’n donn hò gù
‘N-dràst’ an loch fada choill
‘S nach tig Oighrig nam chòir.
Thog iad a’ mhailisi suas
‘S bheir siud bhuainn gillean òg.
Cha bhi iad a-muigh ach mìos
‘S cha bhi ‘n cianalas oirnn.
Mo nighean donn choisinn cliù
Ann an cùirt nam ban òg.
Mo nighean donn choisinn geall
Far na champaich na seòid.
Tha mi sgìth cur mo lìon
Ann an iochdar gach òb.
Thèid mi null air a’ bheinn
Far eil loinn nam ban òg.
(‘S bidh mo làmh na do làimh
Dh’aindeoin èildeir tha beò.
‘S bhiodh mo làmh mud chùl bhàn
Gad a gheàrrt’ i mun dòrn.
Ach ma ruigeas mise null
Gheibh thu crùin na do dhòrn.
Gheibh thu sin is rud nas fheàrr
Maraiche math làidir òg.)

Traduzione inglese*
Oh how my mind is heavy
as I’m north west of the Storr
My brown haired girl hò gù Hì rì rì hù lò
My brown haired girl hò gù.
Right now I’m in the loch by the forest
And Effie will not be joning me.
The militia has been risen
And that will take away the young lads from us.
They will be out for a month
This will not leave us full of sadness.
My brown haired girl who gained recognition
At the fair of the young women.
My brown haired girl won a bet
Where the warriors were encamped
I’m tired of setting my nets
In the lower parts of each cove.
I will head over the hill
Where there is the beautiful young women.
And we will walk hand in hand
Regardless of any living elders.
And my hand will be around you
Though I’d prefer to embrace you.
And if I manage to reach over to you
You’ll get a crown in your hand.
You’ll get that and something better
A good, young, strong sailor.
Traduzione italiana Cattia Salto
Oh quali pensieri tormentati
mentre sono a nord ovest di Storr (1)
la mia brunetta hò gù Hì rì rì hù lò
la mia bella brunetta hò gù
In questo momento sono al lago vicino alla foresta
e Effie non mi sta canzonando.
La milizia è stata ripristinata
e questo porterà via i giovani da noi.
Staranno fuori per un mese
questo  non mancherà di lasciarci pieni di tristezza.
O mia moretta , ti ho notata
al mercato delle belle fanciulle
La mia ragazza bruna ha vinto una scommessa
dove erano accampati i guerrieri
Sono stanco di gettare le reti
nelle parti basse di ogni baia.
Io andrò oltre la collina
dove ci sono le belle donne
giovani.
e cammineremo mano nella mano
nonostante tutti i pettegoli(2)
E la mia mano ti terrà stretta
anche se preferirei abbracciarti
E se riuscirò a raggiungerti (3)
ti metterò una corona tra le mani.
Avrai quella e ancor meglio
un bravo marinaio, giovane e forte

NOTE
il canto è stato tramandato in una versione più estesa  e le strofe mancanti sono state messe tra parentesi
1) il “vecchio uomo di Storr” (the Old Man of Storr) è un pinnacolo di basalto alto una cinquantina di metri che sorge sull’Isola di Skye, la più grande delle Ebridi Interne (Scozia)
2) letteralmente “nonostante tutti gli antenati” cioè a dispetto delle tradizioni. Espressioni simili sono ricorrenti nei canti popolari quando una giovane coppia andava “contro corrente” cioè non si seguivano le tradizioni in merito al corteggiamento: erano i genitori a combinare le unioni, in genere tra persone della stessa classe sociale e mezzi economici, i bei ragazzi ma senza arte ne parte, potevano ricevere il consenso solo in vista di un’improvvisa fortuna .
3) il ragazzo è partito per mare in cerca di un buon guadagno, al suo ritorno le chiederà di sposarlo

 

LINK
http://www.bbc.co.uk/alba/oran/orain/latha_siubhal_beinne_dhomh/
http://s3.spanglefish.com/s/10130/documents/songs/latha%20siubhal%20beinne%20dhomh.pdf
https://virtualgael.files.wordpress.com/2017/05/lathasiubhalbeinne.pdf
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/39128/10
http://www.smo.uhi.ac.uk/gaidhlig/alltandubh/orain/Latha_Siubhal_Beinne.html

http://www.bbc.co.uk/alba/oran/orain/mo_nighean_donn/
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/97218/1;jsessionid=F3FF526DC4C88B40F544EE4E1332E1D6
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/100031/1
http://totalsketch.com/shed-life/

GREEN GROW THE RASHES

ritratto di Robert Burns
Robert Burns – Alexander Nasmyth 1787


Robert Burns
wrote “Green Grow The Rushes O” (Green Grow The Rashes O) in September 1784: a deft compliment to the lasses, and a exhortation to “carpe diem”. A song often performed during Burns Supper at the time of “Toast to the lassies“.

BAWDY VERSION

In “The Merry Muses of Caledonia” were published two bawdy lyrics collected by him, but Robbie rewrote some verses about spring time when the hours spent loving are sweeter. In Burns there is often a vein of protest towards the moralists and the puritans, a trace of anarchy that leads him to reject the conventions and everything that limits the free union of friends and lovers. So there is nothing morally wrong in enjoying the pleasures of life: the best moments are those spent loving women, the sex that nature did after man, more perfect!

in Poetry of Robert Burns Centenary Edition 1896
in Poetry of Robert Burns Centenary Edition 1896

 Deacon Blue, Glasgow  pop band live for scottish BBC “That”

Dougie MacLean: songwriter and folk singer has dedicated an album to Robert Burns titled “Tribute” released in 1995 but “Green Grow The Rushes” is published in the next album “Real Estate” (1988) to remain a song that Dougie loves to sing in public

Jim Malcolm  in Sparkling Flash 2011: lovely scottish accent, easygoing and seductive voice, interesting arrangement with the electric guitar

Altan in Another Sky -2000

Cherish The Ladies in New Day Dawning 1996

Eddie Reader in “The songs of Robert Burns” deluxe edition 2013

CHORUS
Green grow the rushes oh(1)
Green grow the rushes oh
The sweetest hours that e’re I spent
Were spent among the lassies oh
I
There’s nought but care on every hand
In every hour that passes oh
That signifies the life of man
and twere na for the lassies oh
II
The wordly race may riches chase
And riches still may fly them oh
And tho’ at last they catch them fast
Their hearts can ne’er enjoy them oh
III
But gie me a canny(2) hour at e’en
My arms about my dearie3) oh
And warly(4) cares and warly men
May a gae(5) topsy-turvy(6) oh
IV
For you sae douce you sneer at this
You’re nought but senseless asses oh
The wisest man (7) the world e’er saw
He dearly loved the lassies oh
V
Auld Nature swears, the lovely dears
Her noblest work she classes, O:
Her prentice han’ she try’d on man,
An’ then she made the lasses, O.

NOTES
read in Standard English 
1) rasches=rushes; there is also a Christmas song with the same title. Many believe that the word “green grow” is the basis of the Spanish word “gringos” with which the Mexicans called Americans during the nineteenth-century wars. According to the “Diccionario Castellano” of 1787 the term was used in Malaga to address a person who spoke ill Spanish and in particular in Madrid was synonymous with Irish. Most likely the term gringo comes from the Spanish”griego”. In English it says in fact “it’s Greek to me” while in Spanish “hablar en griego”.
2) canny=quiet
3) dearie= deary
4) war’ly=warlike.
5) gae = go
6) topsy-turvy (or “tapsalteerie”)= confused, or lackingorganization; upside down:
7) Salomon
There’s some say I’m foolish, there’s more say I’m wise,
For love of the women I’m sure ‘tis no crime;
For the son of King David had ten hundred wives
And his wisdom is highly recorded. (in The Limerick Rake see)

https://en.wikisource.org/wiki/The_Merry_Muses_of_Caledonia/Green_Grow_the_Rashes
http://digital.nls.uk/special-collections-of-printed-music/pageturner.cfm?id=94624648
http://mysongbook.de/msb/songs/g/grngrora.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=45563
https://thesession.org/tunes/1936

This love will carry by Dougie MacLean

Firmata Dougie MacLean nel 1983 This love will carry, è tra le sue canzoni più popolari che ama cantare nei suoi live. Semplici rime che parlano d’amore, della paura di amare. Una delle canzoni fatta propria da vari artisti della scena celtica e folk-rok.
ASCOLTA Dougie MacLean & Kathy Mattea live per Transatlantic Sessions

ASCOLTA Piedmont Brothers Band (non facciamoci ingannare dal nome sono italo-americani di Eden, North Carolina) una bella versione acustica con arpa, flauto e violino
ASCOLTA Solas in ANother Day 2005 (su Spotify)
ASCOLTA Frances Black


I
It’s a thin line that leads us
and keeps a man from shame
And dark clouds quickly gather
along the way he came
There’s fear out on the mountain
and death out on the plain
There’s heartbreak and heart-ache in the shadow of the flame
But this love will carry,
this love will carry me
I know this love will carry me
This love will carry,
this love will carry me
I know this love will carry me
II
The strongest web will tangle,
the sweetest bloom will fall
And somewhere in the distance
we try and catch it all
Success lasts for a moment
and failure’s always near
And you look down at your blistered hands as turns another year
III
These days are golden,
they must not waste away
Our time is like that flower
and soon it will decay
And though by storms we’re weakened, uncertainty is sure
And like the coming of the dawn
it’s ours for evermore
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
E’ stretta la via da seguire
che preserva l’uomo dal disonore
e nuvole oscure si radunano
rapide sul suo cammino
c’è la paura fuori sulla vetta
e la morte fuori in basso
c’è il crepacuore e il mal di cuore nell’ombra della fiamma
Ma quest’amore andrà avanti,
questo amore mi sosterrà

lo so che quest’amore andrà avanti, quest’amore andrà avanti,
questo amore mi sosterrà
lo so che quest’amore andrà avanti,

II
La rete più forte s’annoderà
e la fioritura più bella finirà a terra
e da qualche parte in lontananza
proveremo a catturarlo,
il successo dura un attimo
e il fallimento è sempre nei paraggi
e guardi verso le mani piene di vesciche, quando arriva un nuovo anno
III
Questi giorni sono fatti d’oro,
non si devono sprecare;
il nostro tempo è come quel fiore
e presto sfiorirà,
e per le tempeste ci siamo indeboliti,
il dubbio è certo
e come il sorgere dell’alba
è nostro per l’eternità

FONTI
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=44414

From the Ends of the Earth by Dougie MacLean

L’album  “From the Ends of the Earth” di Dougie MacLean distribuito nel 2001, contiene 12 tracce live dal “The Celtic Connections Festival”( Glasgow 1998 ) -tracce da 1 a 6 e dal “The Port Fairy Folk Festival” (Australia 2000) tracce da 7 a 12: solo con la sua voce e chitarra ( a cui aggiunge l’armonica a bocca nella traccia 8 ) proprio come i cantanti folk degli anni 60/70, lo sentiamo nella sua “scottishness” interagire con il pubblico da abile performer riuscendo anche a farlo cantare con lui!

Il titolo “From the Ends of the Earth” in italiano “Dalla Fine della Terra” è un riferimento esplicito alla Scozia.

Ci troviamo Green Grow the Rashes (traccia 6), Ready for the Storm (traccia 7) e Caledonia (traccia 11) già recensite nel Blog Terre Celtiche, la popolarissima “This love will carry” e qui aggiungo “Talking with my Father”(traccia 9)
La segnalazione arriva da Roberto Caselli che mi scrive dalla pagina Terre celtiche su FB: ” Per me un vero Bardo. Sono contento che qualcuno parli di Dougie perché è un vero e puro musicista legato alla storia e alle sue radici” e ci allega la versione in studio.

La canzone viene infatti pubblicata nell’album “Who am I” del 2001 questa volta con l’arrangiamento musicale, si sentono fraseggi di violoncello (Kevin McCrae), un lieve accenno di cornamusa (Graham Mulholland)  sul riff delle chitarre e una base di percussioni soft/ tastiere in cui ci ha messo lo zampino Jamie MacLean (il figlio di Dougie)


I
I’m talking with my father,
he’s talking with his son
And I don’t need to look any further
for the one I have become
He says listen to that curlew (1)
that’s a sound I love to hear
It’s a strange reflection (2) that we look through
oh that finally finds us here
CHORUS
In this place where life’s heart thunders
In this place where time holds still
In this place of harmony and wonder
And values not of gold fulfill
II
I’m walking with my father,
across these gentle Perthshire hills
It’s timeless mysteries that we gather
that make the memories that we fill
He says don’t fix what is not broke,
no need to find what’s not been lost
It’s a heavy gate we have to open
an endless field we have to cross
III
There will always be the brave one
there’ll be the one who turns away
With all too many things left undone
oh and so much left to say
I’m talking with my father,
he’s talking with his son
I don’t need to look any further
for the one I have become
tradotto da Cattia Salto
I
Parlo com mio padre
e lui parla con suo figlio
e non ho bisogno di andare oltre per (vedere) quello che sono diventato
dice “Ascolta il chiurlo
è quello il suono che amo sentire”
E’ uno strano riflesso che sbirciamo
oh che finalmente ci trova qui
CORO
In questo posto dove il cuore della vita rimbomba
in questo posto dove il tempo ancora ci appartiene
in questo posto di armonia e meraviglia
e di valori non veniali che appagano
II
Cammino con mio padre
per le dolci colline del Perthshire
sono i misteri eterni che cogliamo
che fanno i ricordi che ci riempiono
Dice “Non aggiustare quello che non è rotto, non c’è bisogno di trovare quello che non si è perso.
E’ un cancello pesante che dobbiamo aprire, un campo senza fine che dobbiamo attraversare.”
III
“Ci sarà sempre il coraggioso
e ci sarà sempre quello che si allontana
con tutte le troppe cose lasciare da fare
e oh così tante cose lasciate da dire”
Parlo con mio padre
e lui parla con suo figlio
e non ho bisogno di andare oltre per (vedere) quello che sono diventato

NOTE
1) Tradisce la sua presenza con un fischio liquido molto sonoro, udibile a oltre un chilometro di distanza (una sorta di “cur-li”, da cui il nome onomatopeico). Il canto è molto vario e melodioso, descrivibile come una ripetuta frequenza di frasi gorgogliate (un crescente “curlì”) con note flautate e trilli, che accelerano in crescendo. (tratto da qui)
2)  reflection traduce il termine riflesso come un’immagine riflessa nello specchio, sono padre e figlio che si rispecchiano uno nell’altro

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=85137

READY FOR THE STORM

La prima registrazione della canzone risale al 1982, Dougie MacLean la scrive per il suo primo album da solista con la sua etichetta discografica, la Dunkeld record, appena fondata. L’album s’intitola “Craigie Dhu” in omaggio al cottage in cui vive con la moglie australiana agli inizi del loro trasferimento nel piccolo borgo di Butterstone, vicino a Dunkeld nel Perthshire. In copertina il dipinto del cottage realizzato da Jennifer.

Il nome mi richiama in mente il cerchio di pietra di Craigh na Dun ambientato nel romanzo storico “Outlander” di Diana Gabaldon nei pressi di Inverness: la traduzione dal gaelico è “collina (tumulo) su cui è costruito un cerchio di pietre”, essendo dun=tumulo e Craig, Craigie =roccia.

“Ready for the Storm” non è un brano tradizionale ma arriva con immediatezza allo spirito della gente e come spesso accade alle canzoni popolari si presta a molteplici letture; anche questo brano viene registrato da molti altri artisti della scena celtica e anche dai musicisti cristiani (a partire da Rich Mullins), sicuramente nel prossimo secolo scaduti i diritti d’autore sarà considerato a tutti gli effetti un traditional scozzese, se questa parola avrà ancora un significato.

Come dicevo moltissime le versioni e gli interpreti (molte le versioni al femminile tanto per citare Celtic Woman, Aoife Ni Fhearraigh) che hanno riprodotto il brano, ma la versione nel mio cuore è quella interpretata dall’angelica voce di Mary Dillon quando era nel gruppo irlandese dei Dèanta


I
The waves crash in and the tide tide pulls out
It’s an angry sea but there is no doubt
That the lighthouse will keep shining out
To warn the lonely sailor
And the lightning strikes and the wind cuts cold
Through the sailor’s bones to the sailor’s soul
Till there’s nothing left that he can hold
Except the rolling ocean
CHORUS
But I am ready for the storm, yes sir ready
I am ready for the storm, I’m ready for the storm
II
Oh give me mercy for my dreams (1)
Cause every confrontation (2)
Seems to tell me what it really means
To be this lonely sailor
But when the sky begins to clear
And the sun it melts away my fear
I’ll cry a silent weary tear
For those that need to love me (3)
III
Distance it is no real friend
And time will take its time
And you will find that in the end
It brings you me, the lonely sailor
And when you take me by your side
You love me warm, you love me
And I should have realized
I had no reason to be frightened
tradotto da Cattia Salto
I
Le onde si infrangono e la marea si ritira
è un mare infuriato, ma non c’è dubbio
che il faro continuerà con le segnalazioni,
per allertare il marinaio solitario.
E il fulmine colpisce e il vento penetra freddo
nelle ossa del marinaio, fin nell’anima del marinaio, finchè non c’è più niente che possa sopportare tranne l’oceano in tempesta
CORO
Eppure io sono pronto per la tempesta sìssignore, pronto, sono pronto per la tempesta , sono pronto per la tempesta
II
Oh, dona la benedizione ai miei sogni
perchè ogni conflitto, sembra dirmi che cosa significhi davvero essere questo marinaio solitario.
Ma quando il cielo comincia a schiarirsi
e il sole discioglie la mia paura
piangerò una lacrima silenziosa e stanca per quelle che mi amano.
III
La distanza non è un vero amico
e il tempo richiede tempo
e si scopre che alla fine
ti porta a me, il marinaio solitario.
E quando mi prendi accanto
per amarmi e riscaldarmi e amarmi
avrei dovuto capire
che non avevo motivo di essere spaventato.

NOTE
1) l’invocazione è chiaramente rivolta a Dio
2) disputa, lotta ma anche ostilità, litigio
3) letteralmente “hanno bisogno d’amarmi”

Farewell To Craigie Dhu

Al cottage Dougie dedica ancora uno strumentale per violino pubblicato nell’album “Fiddle” del 1984, la famigliola si trasferisce nella ex-scuola del villaggio (dove Dougie aveva studiato da piccolo) e che diventerà il punto fermo della loro vita.
Così ricorda “When we bought the school in the 1980s, I was one of the first people in Scotland to set up my own independent record and publishing company. At that time, most musicians were encouraged to go to London or New York and I was determined to stay in this area. So my wife Jenny and I set up our own company, with a recording studio in the school building. We live in the former teachers’ house: an old, stone building. (tratto da qui)

ASCOLTA su Spotify la versione dei Radigun (qui)

ASCOLTA due melodie questa volta tradizionali  “Dunatholl” e “The Doo’s Nest”

FONTI
https://scotlandcorrespondent.com/celebrity/caledonia-heart-and-soul/
http://www.heraldscotland.com/news/11928750.Jennifer_gives_the_family_album_a_new_meaning/
http://www.heraldscotland.com/news/13411756.My_favourite_room__Musician_Dougie_MacLean_on_the_sitting_dining_room_of_the_old_Perthshire_school_house_where_he_lives_and_works/
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=152726
https://thesession.org/tunes/13304
http://www.folktunefinder.com/tunes/32642

THE GAEL BY DOUGIE MCLEAN

LA GENESI DI THE GAEL

Nel 1990 Dougie McLean pubblica “The Search” una serie di brani strumentali commissionatigli qualche anno prima per la mostra sul mostro di Loch Ness dal Museo di Drumnadrochit. Dougie immagina di rivedere un clan celtico vivere sulle rive del Lago  che crede fermamente nell’esistenza dei kelpie.
Così leggiamo in un intervista “I wrote several songs for “The Search,” the CD that contains “The Gael” and other songs about Loch Ness, including a song about the vigils on the loch in the 1960s. At the time I got right into the whole Loch Ness monster thing. I’m fascinated by man’s search for myth, and I was inspired by thinking of the Gaels back in ancient times, waiting for the monster to appear.” (tratto da qui)

Luc Hermans © (tratta da qui)

ASCOLTA Dougie MacLean in The Search, 1990. Il Cd è da collezionare.

Inserito nel film “L’ultimo dei Moicani” del regista  Michael Mann da Trevor Johns con il titolo di “Promentory”  la melodia fa il giro del mondo! Ancora Dougie ricorda “The movie—they were looking for a contemporary Scottish piece with atmosphere to suit the movie, and they had listened to a lot of dance tunes and that. “The Gael” is an ominous sort of piece, with ominous chords, dramatic. Michael Mann (the director) tuned into the emotional feeling of the song, and he must have felt the mood I had felt when I had written it. If it comes from the right place, the music encapsulates a feeling—Michael Mann tapped into that, with the tragedy of this story of the early Native Americans and so on. You have to get into that place for the emotions, the mood, to work in a song..”  (tratto da qui)

ASCOLTA la versione nel film “Last of the Mohicans” (1992) è il secondo tema musicale ricorrente in tutto il film.

Siccome la musica del film ha ottenuto un bel po’ di riconoscimenti e premiazioni facendo balzare alle cronache la paternità di Dougie McLean come autore della musica, qualcuno è andato ad indagare da quale fonte fosse mai scaturito un tale capolavoro!!

Il film tra parentesi è stato girato in buona parte sui Monti Blue Ridge. Altre info sulla guerra franco-indiana in Nord-America qui)

IL TEMA MUSICALE LA FOLLIA

Dal punto di vista musicale la melodia è un reel lento, ma il tema è definito dai musicologi  follia (o folia): una progressione con un tema semplice e ben distinto sul quale l’esecutore abbellisce le sue variazioni e improvvisazioni. Si ritiene abbia origine portoghese e le sue tracce si perdono nel Rinascimento spagnolo anche se la melodia più primitiva e antica affonda nel Medioevo (danza rurale).

La melodia è costruita su un tempo ternario ed è divisa in due parti di quattro battute ciascuna. Molti autori, ispirandosi a questo tema, hanno utilizzato lo schema musicale della Folia già noto in tutta la penisola iberica nei primi decenni del XVI secolo. Una linea di basso ripetuto sulla quale potevano essere costruiti vari contrappunti standard, mentre l’esecutore era libero di improvvisare serie di variazioni, le diferencias. Una tecnica compositiva che ha trasformato la Folia in un genere affine alla passacaglia e alla ciaccona. (tratto da qui)

folia
tema de la follia

Anche se la Follia è in 3/4 mentre The Gael in 4/4 la variazioni ritmiche della follia sono anche in 4/4, e il carattere ripetitivo della melodia è identico. Ma a me più che agli sviluppi del tema nella musica colta del Barocco (che potete leggere e ascoltare qui e qui) interessano le connessioni con la musica tradizionale scozzese ed ecco trovato
Cumh Easpuic Earra-ghaeidheal, (in inglese Lament for the Bishop of Argyll) anonimo XVI o XVII secolo
Jack Campin wrote about this tune: This tune is from the Macfarlan Manuscript of Scottish fiddle and flute tunes (National Library of Scotland MS.2084/5), compiled by David Young in Scotland around 1740 for the antiquarian Walter Macfarlan (book III #34 p20). It’s obviously much older, but there is no earlier source for it. The structure is like a piobaireachd (bagpipe variation set) but the range is too wide for the pipes. Some people think it was originally for the harp. The tune might just possibly be indigenous Gaelic, but the basic rhythm is so Folia-like that a foreign influence seems more likely. (tratto da qui)

ASCOLTA Luce Brera / Extrait de l’album Scotland’s Fiddle Piobaireach

Sempre sul tema de La Follia i Jordi Savall Hespèrion XXI ci regalano 10 brani dal Rinascimento ( e da Rodrigo Martinez musico di Corte in Portogallo che ci lascia testimonianza della prima trascrizione della Follia) attraverso il Barocco fino a Vangelis

ASCOLTA Faronell’s Division on a Ground ~ La Folia | John Playford

FONTI
http://www.mohicanpress.com/mo11103.html
http://associazionecamoes.blogspot.it/2011/04/la-follia-un-antico-tema-musicale.html
http://www.baroque.it/arte-barocca/musica-barocca/il-tema-de-la-folia-un-armonia-lunga-cinque-secoli.html
http://www.folias.nl/htmlsimilar.html

Tannahill Weavers, la tradizione che vive

Una band tra le più longeve della scena folk targata Scozia che ha portato la musica tradizionale scozzese in tutto il mondo.
I Tannahill Weavers nascono a Paisley nel 1966 e con il nome “I Tessitori di Tannahill” omaggiano il suo poeta-tessitore più illustre  Robert Tannahill; un nome così lungo viene inevitabilmente storpiato e accorciato e i fans li chiamano affettuosamente “the Tannies”.

(da sinistra: Phil Smillie, Roy Gullane, John Martin, Lorne MacDougall)

Nella line up degli esordi mancano per la verità i componenti che saranno lo zoccolo duro del gruppo, ma arrivano giusto qualche anno dopo la fondazione: Roy Gullane frontman del gruppo (1969) e il giovanissimo flautista-bodranista Phil Smillie (1968) -già rodie della band.
Il primo album del 1976 “Are Ye Sleeping Maggie” li vede oramai usciti dai circuiti amatoriali e in concerto sul Continente in particolare la Germania. Ci troviamo il violino e la chitarra (mandolino e banjo) di Dougie MacLean che era stato reclutato qualche anno prima al Kinross Festival (e che si trovò a sostituire per qualche tempo Mike Ward, rimpiazzati poi nel 1989 da John Martin -già ex-Ossian) . Così racconta la storia Dougie “I was just kind of standing at the side of the road. I had a nice wee job as a gardener up in Aberdeen and had a nice wee flat, and we were just going round the festivals, and we went to Kinross. But I remember standing on the pavement and the white Tannahill van just pulling up in front and basically Roy just got out the van and said, “Dougie, d’you want to join a band, we’re going to Germany in three days’ time,” or something like that. So I said, “well can I have five minutes to think about that!” So I went back to the campsite to the tent where I was staying with all my friends from Aberdeen and I said, “Roy Gullane’s just asked me to join his band, and they’re going to Germany in three days, what do you think I should do?” And they’re all saying, “go for it!” And actually, if I hadn’t made that decision my life would have been completely different.” (tratto da qui)

LA GREAT HIGHLAND BAGPIPE

(1978 dal basso a sinistra: Roy Gullane e Alan MacLeod, dall’alto a sinistra Phil Smillie, Mike Ward, Hudson Swan

La cornamusa entra nell’inconfondibile sound del gruppo con il pipaiolo Alan MacLeod (i pipaioli cambiano quasi ad ogni stagione, ma sono un punto fermo che contraddistinguerà la sonorità dei Tannies, una delle prime band trad scozzesi ad aver incorporato il suono della Great Highland Bagpipe con gli altri strumenti folk, oggi supportato da un giovanissimo ma prodigioso Lorne MacDougall) e il secondo album “The Old Woman’s Dance” (1978) è un’esplosione di vitalità ed energia, speziata da molto humor.

(1987 da sinistra: Stuart Morison, Iain MacInnes, Phil Smillie, Ross Kennedy, Roy Gullane)

Il gruppo tuttavia sembra un po’ arrancare negli anni 80, e si guadagna la nomea di scapestrati bevitori (ecco una simpatica cronaca del loro concerto in quel di Santa Croce- Firenze del 1982 scritta da Riccardo Venturi continua), botte di vita della gioventù, lasciate alle spalle negli anni 90.
Con “Capernaum” uscito nel 1994 pubblicato  dall’etichetta discografica Green Linnet Records si aggiudicano un Indie Award come migliore album di musica celtica dell’anno. Accanto a Roy e Phil  suonano il già citato John Martin (violino, viola, violoncello), Les Wilson (bouzouki e tastiere) e Kenny Forsyth con l’highlands bagpipes, la scottish small pipes e i whistles.
Ancora un cambio di formazione con l’uscita del Cd “Leaving St. Kilda” è la volta del pipaiolo Duncan J. Nicholson.
I “Tessitori” si  sono esibiti molte volte in Italia ospiti dei principali festival celtici in primis Trigallia (spesso presenti nelle compilation della rivista Celtica delle Edizioni 3ntini&C): nel 2000 esce il loro cd “Alchemy” (con copertina di Luca Tarlazzi) e ancora un cd nel 2003 “Arnish Light” sempre con la copertina di Luca Tarlazzi e con un nuovo pipaiolo Colin Melville.
L’ultimo cd (per ora) è “Live and In Session” registrato principalmente durante l’US Tour del 2005 (metà sono live e metà tracce studio): la prima traccia è un set strumentale live “THE GEESE IN THE BOG/THE JIG OF SLURS” già inciso nel Cd “The Tannahill Weavers” (1979) che è rimasto nel tempo la loro firma anche se le melodie non sono dei tradizionali scozzesi bensì due jigs irlandesi!

ASCOLTA la travolgente accoppiata di Atholl Highlander con la canzone giacobita Johnnie Cope.

Nel loro repertorio non mancano drinking songs, ballate, canzoni nostalgiche e malinconiche slow air, ripetuti omaggi ai due poeti Robert Burns e Robert Tannahill: un genuino (istintivo, immediato) spirito scozzese.
Nel blog ho spesso inserito le loro versioni dei brani tradizionali scozzesi seguite il tag Tannahill Weavers

FONTI
http://www.theballadeers.com/scots/tw_01.htm
http://www.tannahillweavers.com/biography.htm
http://www.tannahillweavers.com/records.htm
https://tannahillweavers.bandcamp.com/

CALEDONIA PER PERDERSI E RITROVARSI

Il brano “Caledonia” sembra un brano tradizionale scozzese e invece è stato scritto da Dougie McLean lui si scozzese,  nel lontano 1977 appena ventenne, mentre si trovava in Bretagna.
Sembra il solito canto d’amore verso una donna da cui ci si è separati per fare un viaggio (per fare esperienze e crescere, per il gusto dell’avventura) e una sera viene la malinconia per la distanza…
E invece Caledonia è una terra, la Scozia!

rhum-isle
Sembra ad alcuni un brano che richiami venti d’indipendenza, ma è solo uno tra i brani più amati dal popolo scozzese. Ci sono voluti quasi dodici anni prima che cominciasse a entrare in testa alla gente, grazie alla pubblicità per il Birrificio “Tennent Caledonian” di Glasgow (e allo zampino di  Frankie Miller); Caledonia è stata registrata dai maggiori artisti della scena del folk rock celtico, oltre che messa in scaletta da ogni band che si esibisca in un pub in Scozia!
Diventata anche una cover di Paolo Nutini nel 2006 (tanto per citare un esempio) è finita nei cervelli di tanti giovani fanciulli sparsi un po’ per  tutto il mondo.

Caledonia, un Farewell in cui perdersi e anche un po’ ritrovarsi.

ASCOLTA Dougie McLean & Alan Roberts in “Caledonia” 1978 (tra i vari filmati su youTube ho scelto quello di jojoab10 con tanto di Gerard Butler inframezzato tra le foto da copertina della Scozia tanto per rifarsi gli occhi)

I
I don’t know if you can see
The changes that have come over me (1)
In these last few days I’ve been afraid
That I might drift away (2)
So I’ve been telling old stories, singing songs
That make me think about where I came from
And that’s the reason why I seem
So far away today
CHORUS
Oh, but let me tell you that I love you
That I think about you all the time
Caledonia you’re calling me
And now I’m going home
If I should become a stranger
You know that it would make me more than sad (3)
Caledonia’s been everything
I’ve ever had (4)
II
I have moved and I’ve kept on moving
Proved the points that I needed proving
Lost the friends that I needed losing
Found others on the way(5)
I have kissed the ladies and left them crying(6)
Stolen dreams yes there’s no denying
I have travelled far with conscience flying
Somewhere with the wind
III(7)
Now I’m sitting here before the fire
The empty room, the forest choir
The flames that could not get any higher
They’ve withered now they’ve gone
But I’m steady thinking my way is clear (8)
And I know what I will do tomorrow(9)
When the hands are shaken and the kisses flow
Then I will disappear
traduzione italiano Cattia Salto*
I
Non so se si vede
quanto mi abbiano cambiato
questa manciata di giorni in cui ho avuto paura di perdermi.
Così ho raccontato vecchie storie, cantato canzoni
che mi fanno pensare da dove vengo,
ed ecco perché sembro
così distante oggi
CORO
Fatti dire che ti amo,
che ti penso tutto il tempo
Caledonia, tu mi chiami
e ora tornerò a casa.
Ma se dovessi diventare un estraneo (per te) devi sapere che ciò mi renderebbe ancora più triste,
Caledonia sei stata (per me) tutto quello
di cui avevo bisogno.
II
Me ne sono andato e ho continuato a spostarmi,
ho risolto le questioni che avevo bisogno di risolvere,
perso gli amici che avevo bisogno di perdere
e trovati altri sulla via,
ho baciato le ragazze e le ho lasciate piangendo;
sogni rubati, si, non lo nego,
ho viaggiato lontano con la coscienza che volava,
da qualche parte con il vento
III
Adesso che sono seduto qui davanti al fuoco, la stanza vuota, le voci della foresta, le fiamme  non salgono più verso l’alto, si sono smorzate e spente.
Ma sono convinto che la porta sia aperta
e so che cosa farò domani
quando si stringeranno le mani, e pioveranno baci,
poi sparirò

NOTE
* nella traduzione ho voluto mantenere l’ambiguità sul nome Caledonia, donna/terra amata
1) letteralmente “i cambiamenti che mi hanno raggiunto”
2) la parola drift racchiude il senso di lasciarsi andare nella corrente, lasciarsi trascinare e con away assume significato di disperdersi, perdere il contatto con la realtà e con le persone, qui il senso è aver paura di perdere le proprie radici
3) “più che triste”: l’autore dichiara di sentirsi non solo triste o malinconico ma di provare un sentimento struggente (il parallelismo va al termine “blue” il miscuglio di tristezza e malinconia) una nostalgia, lo abbiamo già visto nel “richiamo del mare” (sea longing) qui è la struggente nostalgia della terra
4) letteralmente “la Caledonia è stata tutto ciò che ho mai avuto” e questo è un forte senso di appartenenza, di identificazione con/nella terra d’origine (o del cuore)
5) Alan Roberts suonatore di chitarra e banjo, con cui incide un paio di album (Caledonia e Plant Life) lascia la carriera di musicista nel 1980 e ritorna in Scozia nel Perthshire. E’morto all’età di 54 anni a Glasgow
6) nelle variazioni diventa “I have tried and kept on trying” (e ho cercato e continuato a cercare)
7) la strofa si riferisce al momento contingente in cui Dougie ha scritto la canzone come ebbe a spiegare lui stesso “I was in my early 20s and had been busking around with some Irish guys. I was genuinely homesick. I’d always lived in Perthshire. I played it to the guys when I got back to the youth hostel where we were staying and that was the final straw – we all went home the next day.”  (tratto da qui) descrive l’ultima sera prima del rientro in Scozia ma si presta ad essere intesa come una metafora della vita
8) letteralmente “la via sia sgombera, pulita”, ma mi piace di più la metafora della porta aperta
9) In una recente intervista alla domanda “Progetti per il futuro” Dougie McLean risponde ““I spent time in Northern Australia and the indigenous people there don’t have a word for the future. They think it’s arrogant to presume we’ll be around tomorrow and I kind of agree.“ Let’s just say I like to live in the present.” (tratto da qui)

LEIS AN LURGAINN (WITH THE LURGAINN)

Una canzone popolare nelle Highlands scozzesi viene dall’isola di Mingulay (Ebridi) ed originariamente era scritta in gaelico scozzese. Secondo la leggenda fu il capitano MacInnes  di ritorno dall’Irlanda sulla sua nave “The Lurgainn” (in inglese “Pretty Girl”) a dover affrontare una terribile tempesta.

the-shipwreck

ASCOLTA Maggie Macinnes

ASCOLTA Rankin Family. Così riportano nelle note “Written by a MacInnes from Fort William after returning home safely from a stormy voyage to Ireland on his ship, The Lurgainn”

ORIGINALE IN GAELICO SCOZZESE
Sèist (1)
Leis an Lurgainn o hi
leis an Lurgainn o ho
Beul an anmoich o hi
S’fheudar falbh le cuid sheol
I
A’ Cuan Eirinn, O hi
Muir ag eirigh, Ho ro
S cha bu leir dhuinn, O hi
Ni fon ghrein ach nan fheol.
II
Seachad Ile, O hi
Beul na h- oichdhe, Ho ro
Las sinn coinnlean, O hi
‘S chuir sinn combaist air doigh
III
Seachad Aros, O hi
Bha i gabh, Ho ro
N’ fhairge laidir, O hi
Suas gu barr a chruinn sgoid
IV
’S thuirt a sgiobar, O hi
Ri chuid ghillean, Ho ro
Glachd thu misneach, O hi
’S cuir thu riof na cuid seol (4)


chorus:
With the Lurgainn o hi
With the Lurgainn o ho
At nightfall o hi
We must go off with the sail up
I
The Irish sea, O hi
the sea rising, Ho ro
we couldn’t see, O hi
anything under the sun but the clouds
II
Passing Islay, O hi
At the start of the night, Ho ro
We lit candles, O hi
And got the compass in order(2)
III
Passing Aros, O hi
The weather was wild(3), Ho ro
The strong sea, O hi
Reaching up to the topmost sail
IV
The skipper said, O hi
to his boys, Ho ro
Take courage, O hi
And tie the sails
tradotto da Cattia Salto
Coro
Con il Lurgainn
Con il Lurgainn
al cadere della notte
dobbiamo andare con le vele alzate
II
Il mare d’Irlanda
sorge la marea
non abbiamo visto
altro che nubi durante il giorno
II
Passando Islay
all’inizio della notte
abbiamo acceso i lumi
e ci siamo regolati con la bussola
III
Passando Aros
il tempo era scatenato
il mare forte
raggiungeva le vele più alte
IV
Il capitano disse
alla sua ciurma
“Fatevi coraggio
e ingabbiate le vele”

NOTE
1) Maggie Macinnes dice:
Leis a Lurgainn O hi
Leis a chalpa gun fheòl
Am beul an anamich O hi
S ‘eudar falbh leis na seoid
2) set our compass
3) It was hazardous
4) in altere versioni
“Glacaibh misneachd o hì
‘S dèanamh dìchioll a sheòid”
“Have confidence
and do your best”

La canzone prosegue con ulteriori strofe ad esempio in Tickettyboo ~ Mairi MacInnes

Suas a h-aodach o hì
Ri croinn chaola o hò
Snàmh cho aotrom o hì
Ris an fhaoilinn air lòn
Fhuair sinn fosgladh o hì
Ma ceann toisich o hò
Fear ga taomadh o hì
‘S gillean coltach air bòrd
Up with the sails
On their slender masts
swimming as lightly
as the gull on the pond
We sprang a leak
In the front of the bow
One man bailing her out
And lads like him on deck

La canzone rispunta ancora in gaelico scozzese con il titolo di “Leis a’ Mhaighdinn”  (With the Maiden) a Cape Breton (Nuova Scozia) (testo qui)

LA VERSIONE INGLESE

Una versione con il testo in inglese che traduce in rima la versione in gaelico è stata registrata da Dougie MacLean, Alan Roberts and Alex Campbell. (C.R.M.)

ASCOLTA Dougie McLean (da ascoltare qui) 1979

I giovani gruppi di origini scozzesi e non, affascinati dalla lotta tra capitano e mare in tempesta si sono impadroniti della canzone facendone una versione rock. L’arrangiamento segue la scia di un certo rock scozzese in salsa barbara che va per la maggiore nelle feste celtiche, con tanto di svolazzo di kilt, petti villosi o pettorali in bella vista, bicipiti forzuti e polsi fasciati da polsiere in cuoio, berretti scozzesi e altro armamentario preso in prestito dal medieval re-enactment.
Dal punto di vista dell’organico i gruppi puntano sul mix basso-chitarra elettrica-batteria accostato a organetto, violino, cornamuse e svariati strumenti della tradizione popolare lasciati nelle loro sonorità acustiche o potenziati da effetti elettronici.

ASCOLTA The Pints

ASCOLTA Cromdale


I
On the ocean o´he
Waves in motion o´ho
Not but clouds could we see
O´er the blue sea below
Chorus
Leis a Lurrighan o´he
Leis a Lurrighan o´ho
In the grey dark of evening
O´er the waves let us go
II
Islay loomin´ o´he
In the gloamin´ o´ho
Our ship´s compass set we
And our lights we did show
III
Aros passing o´he
Was harrassing o´ho
The proud billows to see
High as masthead to flow
IV
Captain hollers o´he
To his fellows o´ho
Those that courage would flee
Let him go down below
V
In the tempest o´he
Waves were crashing o´ho
And the cry of the sea
As the cold winds did blow
VI
Captain hollers o´he
To his fellows o´ho
Those that won´t stay with me
Let them go down below
tradotto da Cattia Salto
I
Sull’oceano
le onde agitate, solo nuvole possiamo vedere sul mare blu
Chorus
Leis a Lurrighan o´he
Leis a Lurrighan o´ho
nel buio della sera
sulle onde andiamo
II
Islay si avvicina
nella luce del crepuscolo
seguiamo la bussola
e le nostre luci
III
Superata Aros
fu un tormento
vedere le fiere onde
riversarsi alte come l’albero maestro
IV
Il capitano urla
ai compagni
“Coloro ai quali il coraggio venisse meno
che vadano sottocoperta”
V
Nella tempesta
le onde si schiantavano
e il lamento del mare
come i venti freddi soffiava
VI
Il capitano urla
ai compagni
“Coloro che non vogliono stare con me
che vadano sottocoperta”

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=91311
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=85175
http://www.irishgaelictranslator.com/translation/topic18443.html
http://www.celticlyricscorner.net/macinnes/leis.htm
http://www.omniglot.com/songs/gaelic/leisanlurgainn.php
http://www.maggiemacinnes.com/lyrics/afagail06.html