Archivi tag: Danù

CAILIN DEAS CRUITE NA MBO

Mungere il latte era un’incombenza svolta dalle donne che solitamente cantavano una ninna-nanna alle mucche per tenerle tranquille, ma anche un incantesimo  per allontanare il malocchio e ottenere una produzione abbondante e salutare.
La Chiesa è stata spesso diffidente verso i canti delle belle fanciulle intente a mungere le mucche, considerandoli dei rituali magici o preghiere verso gli antichi dei.
Adriaen_van_de_VeldeE infatti un aneddoto annovera la canzone “Cailín Deas Cruíte na mBó” tra le canzoni irlandesi porta sfortuna: si dice che un sacerdote stesse recandosi al capezzale di un uomo morente per prestagli l’estrema unzione, ma si attardò ad ascoltare il canto di una contadinella; così arrivò a destinazione quando oramai l’uomo era già morto. La “bella fanciulla” altri non era che il diavolo che era riuscito a impedire al sacerdote di portate il conforto della confessione al moribondo. In effetti la melodia è considerata un canto delle fate, non essendo insolito nel folklore irlandese il racconto di fanciulle rapite e messe a guardia di bovini o cervidi.. (vedi)
La figura di una fanciulla che munge una mucca si ritrova scolpita sulle mura di molte chiese medievali ed è una presenza molto antica in terra d’Irlanda e più in generale lungo le coste delle isole britanniche e d’ Europa, così si trova sempre negli alpeggi una “milking stone” coppellata in cui le donne lasciavano offerte di latte allo spirito guardiano del luogo denominato spesso  gruagach (e in origine sicuramente di genere femminile) associato ad una vacca sacra giunta dal mare e ad una pietra coppellata . Potrebbe essere il ricordo di antichissimi rituali celebrati da sacerdotesse della Dea Madre e in seguito trasformate in creature fatate. continua

PASTORAL LOVE SONG

Un innamorato respinto spasima per la bella lattaia e vorrebbe prenderla in moglie preferendola alla figlia del Re.

ASCOLTA Danu

I
Tá blian nó níos mó ‘gam ag éisteacht
Le cogar doilíosach mo mheoin,
Ó casadh liom grá geal mo chléibhe
Tráthnóna brea gréine san fhómhar.
Bhí an bhó bhainne chumhra ag géimneach
Is na h-éanlaith go meidhreach ag ceol,
Is ar bhruach an tsruthán ar leathaobh dhom
Bhí cailín deas crúite na mbó.
II
Tá a súile mar lonradh na gréine,
Ag scaipeadh trí spéartha gan cheo,
‘s is deirge a grua ná na caora
Ar lasadh measc craobha na gcnó.
Tá a béilin níos dílse na sméara,
‘s is gile ná leamhnacht a snó,
Níl ógbhean níos deise san saol seo
Ná cailín deas crúite na mbó.
III
Dá bhfaighinnse árd Tiarnas na hÉireann
Éadacha, síoda is sróil
Dá bhfaighinnse an bhanríon is airde
Dá bhfuil ar an dtalamh so beo
Dá bhfaighinnse céad loingis mar spré dhom
Píoláidi, caisleáin is ór
Bfhearr liom bheith fán ar na sléibhte
Lem chailín deas crúite na mbó
IV
Muna bhfuil sé i ndán dom bheith in éineacht
Leis an spéirbhean ró-dhílis úd fós
Is daoirseach, dubhrónach mo shaolsa
Gan suaimhneas, gan éifeacht, gan treo
Ní bheidh sólás im chroí ná im intinn
Ná suaimhneas orm oíche ná ló
Nó bhfeice mé taobh liom óna muintir
Mo cailín deas crúite na mbó

I
I am listening for more than a year
To my mind’s melancholy whispering
Since I met the bright love of my heart
One evening late in autumn
The cow of the fragrant-smelling milk was lowing
And the birds were merry with song
And on the bank of the stream by my side/Was the pretty milkmaid
II
Her eyes are like the shining sun
Dispersing the mist through the skies
And her cheeks are redder than the rowan trees/ Alight among the branches on the hill
Her mouth is sweeter than blackberries/ And her complexion brighter than new milk/There is not a lovelier young woman in the world/Than the pretty milkmaid
III
If I were to receive High Lordship of Ireland
Clothing of silk or satin
Or the highest queen that there is
Alive in this world
If I received a hundred ships as a dowry
Palaces, castles and gold
I would prefer to be wandering the hillsides
With my pretty milkmaid
IV
If it is not in store for me to be together
With that too-faithful beauty as yet
It is limited and sad my life will be
Without peace, without merit, without direction
There will be no consolation in my heart or my mind
I will have no rest by night or day
Until I see by my side from her people
My pretty milkmaid
Tradotto da Cattia Salto
I
Ascolto da più di un anno
i sospiri malinconici del mio cuore
da quando incontrai il mio luminoso amore una sera tardi d’autunno
la mucca dal latte profumato d’erbe mungeva
e gli uccelli cantavano allegri e sulla riva del ruscello accanto a me
c’era la bella lattaia
II
Gli occhi come il sole splendente
fugavano la nebbia nel cielo
le guance più rosse del sorbo
tra i rami sulla collina;
la sua bocca è più dolce delle more
e la sua carnagione più luminosa del latte fresco, non c’è fanciulla più amabile al mondo della graziosa lattaia.
III
Se dovessi ricevere dall’Alto Luogotenente d’Irlanda vestiti di seta e di raso
o dalla regina più maestosa che esista al mondo, se anche ricevessi un centinaio di navi come dote
palazzi, castelli e oro, preferirei piuttosto vagare per le colline
con la mia bella lattaia
IV
Se non è destino per me stare insieme
con quella bellezza così leale,
limitata e triste sarà la mia vita,
senza pace, merito e guida.
Non ci sarà consolazione nel mio cuore o nella mia mente
non ci sarà riposo notte e giorno
finchè non vedrò al mio fianco
la mia bella lattaia

continua versione inglese

FONTI
http://www.irishpage.com/songs/cailinbo.htm
http://songsinirish.com/cailin-deas-cruite-na-mbo-lyrics/

VERSIONE C FALSE SIR JOHN

TITOLI:  False Sir John, May Colvin, May Collin, May Collean, The Outlandish Knight

La versione C della Child ballad # 4 è quella più diffusa nella tradizione popolare americana che, vira le storie soprannaturali o magiche dell’Europa medievale in cronaca quotidiana. In questa versione decisamente più prosaica, l’uomo è un seduttore da quattro soldi che vuole derubare l’ingenua fanciulla dei suoi averi, con la promessa di portarla in una terra lontana (e che in alcune versioni come in quelle italiane, diventerà la Merica ). Il “false Sir John” (per niente Sir e nemmeno innamorato) contrapposto perciò al “vero amore” non è tanto un omicida sadico, quanto un omicida ladro che si approfitta dell’ingenuità delle giovani ragazze da marito per prendersi la loro dote. I due giungono presso un promontorio a picco sul mare e l’uomo indica a May il mare dicendole “Ecco il tuo letto nunziale“, ma prima di gettarla in acqua le ordina di togliersi vestiti e gioielli.

collinE qui la fanciulla ha un guizzo di ribellione e d’ingegno: davanti alla sorte toccata ad altre sette prima di lei, lo prega di voltarsi dall’altra parte mentre si spoglia, perché non è da gentiluomini guardare una donna nuda, così dopo averlo distratto, lo spinge giù dalla scogliera. Si può inoltre incidentalmente osservare che la May delle versioni inglesi è ancora una nobildonna fragile e delicata mentre la Polly americana è una ragazza di un ranch, più temprata dalle terre selvagge del West.
Alcune versioni “accorciate” della storia finiscono qui, ma altre proseguono con la richiesta d’aiuto da parte del falso John le quali suscitano solo disprezzo e derisione nella fanciulla.

ASCOLTA Broadside Electric in Black-edged Visiting Card 1992 + strumentale medievale La Rotta (eseguita con la chitarra elettrica)


False Sir John a wooing went
to a lady young and fair
May Colvin was this lady’s name,
her father’s only heir
It’s “Give me some of your father’s gold
and some of your mother’s fee
And I’ll take thee to a far-off land
and there I’ll marry thee.”
She’s mounted on a milk-white steed
and he on a dapple grey
And they rode till they came to a lonesome spot,
a cliff by the side of the sea
“Light down, light down,” said false Sir John,
“thy bridal bed to see,
It’s seven women have I drowned here,
and the eighth one you shall be.
Have off, have off thy gown of silk
with borders all around,
For it’s far too costly to lay down here
and rot on the cold, cold ground.”
“Turn around, turn around, thou false Sir John,
and look at the leaves on the tree,
For it don’t become a gentleman
a naked maid to see.”
Now false Sir John has turned around
to look at the leaves on the tree
And she’s made a dash with her arms so strong
and pushed him into the sea
“Lie there, lie there, thou false-hearted wretch,
lie there instead of me,
It’s seven women have you drowned here
and the eighth has drowned thee.”
TRADUZIONE ITALIANO CATTIA SALTO
Il bugiardo Sir John andò a corteggiare
una giovane dama e bella
May Colvin si chiamava questa dama,
unica erede del padre.
“Dammi un po’ dell’oro
di tuo padre
e una parte della dote di tua madre
e io ti porterò in una terra lontana
e là ti sposerò”
Lei montò su un destriero bianco latte
e lui su un pezzato grigio
e cavalcarono finchè raggiunsero un angolo solitario,
una scogliera a picco sul mare
“Scendi – disse il bugiardo
Sir John –
a vedere il tuo letto nunziale,
qui sette donne ho gettato
giù
e tu sarai l’ottava.
Levati la tua gonna di seta
tutta guarnita
perchè è troppo preziosa per stare a marcire qui, sulla fredda terra”
“Voltati, falso Sir John
voltati
e guarda le foglie sull’albero,
perchè non è da gentiluomini
osservare una fanciulla nuda”
Allora il falso Sir John si è girato
a guardare le foglie sull’albero
e lei fece una corsa con le braccia forti ben tese
e lo spinse nel mare
“Resta là, miserabile
senza-cuore,
resta là al mio posto,
hai annegato qui sette donne
e l’ottava ha annegato te”

IL PAPPAGALLO IMPICCIONE

08 May ColvenNella storia si innesta anche una seconda parte ovvero il ritorno a casa di May Colvin e la comparsa di un curioso pappagallo  che l’ha vista scappare con il falso innamorato e svolge il ruolo di ficcanaso: la giovane gli promette una gabbietta d’oro, in cambio del silenzio,  quando il padre di May Colvin chiede all’uccellino per quale motivo avesse strepitato la sera prima, così la colpa viene data al gatto!
Dopo aver sorriso per il comico quadretto di una domesticità crepuscolare, non possiamo che interrogarci sul significato simbolico del pappagallo: e così risponde Barre Toelken “What the Parrots Tell Us That Child Did Not: Further Considerations of Ballad Metaphor”, in The Folklore Historian, Volume 14.
“What does this ending mean in terms of the ballad action? As far as simple communication goes, it means that the would-be victim is safely back in her parents’ house without having to worry about punishment for having run off, having endangered her life and virtue, and having potentially been lost to her father’s royal family.  But why couldn’t the potential tattletale be a younger sister or a servant? – they abound in other ballads.  What does a parrot offer to this scene that a nosy sister would not?  And why wouldn’t an earnest bribe offer something a parrot would like – such as great food or even a companion parrot?
For one thing, the parrot (potentially suggestive of sexuality) being saved from a predator who was “a thief I could not see” is certainly parallel to the heroine’s situation.  The endangered king’s daughter is now back in her castle; the parrot is in a cage (and has the promise of an even better one).  Both are single, potentially vulnerable actors protected from predatory intrusion by the proverbial idea…  that “safety is better than freedom.”  Clearly the cage (its gold and ivory of much greater value to humans than to parrots) is far more than a convenient bribe:  it is a metaphor for a human condition within a culturally constructed set of values.”

ASCOLTA Annalivia

False Sir John a wooing come
to a lady young and fair
May Colvin was this lady’s name,
her father’s only heir
“Give me some of your father’s gold
and some of your mother’s fee
And I’ll take thee to a far-off land
and there I’ll marry thee.”
She’s mounted on a milk-white steed
he on a dapple grey
And they rode till they came to a lonesome spot,
a cliff by the side of the sea
“Light down, light down,” said false Sir John,
“thy bridal bed to see,
It’s seven women have I drowned here,
and the eighth one you shall be.
Have off, have off thy gown of silk
with borders all around,
For it’s far too costly to lay down here
and rot on the cold, cold ground.”
“Turn around, turn around, thou false Sir John,
and look at the leaves on the tree,
For it don’t become a gentleman
a naked maid to see.”
Now false Sir John has turned around
to look at the leaves on the tree
And she’s made a dash with her arms so strong
and pushed him into the sea
“Lie there, lie there, thou false-hearted wretch,
lie there instead of me,
It’s seven women have you drowned here
and the eighth has drowned thee.”
So she is mounted on the milk-white steed,
and led the dapple-grey,
she rode till she come to her father‟s house
at the breakin‟ of the day,
Then up spoke that little parrot, said,
“May Colvin, where have you been?
And what have you done with gentleman
that went with you riding?”
“Oh, hold your tongue my little parrot,
and tell no tales on me,
and I’ll buy you a cage of beaten gold
with spokes of ivory.”

TRADUZIONE ITALIANO CATTIA SALTO
Il bugiardo Sir John andò
a corteggiare una giovane dama e bella May Colvin si chiamava,
un ereditiera.
“Dammi un po’ dell’oro di tuo padre
e una parte della dote di tua madre
e io ti porterò in una terra lontana
e là ti sposerò”
Lei montò su un destriero bianco latte
e lui su un pezzato grigio
e cavalcarono finchè raggiunsero un angolo solitario, una scogliera a picco sul mare
“Scendi – disse il bugiardo Sir John –
a vedere il tuo letto nunziale
qui sette donne ho gettato giù
e tu sarai l’ottava.
Levati la tua gonna di seta
tutta guarnita,
perchè è troppo preziosa per stare
a marcire qui sulla fredda terra”
“Voltati, falso Sir John
e guarda le foglie sull’albero,
perchè non è da gentiluomini
osservare una fanciulla nuda”
Allora il falso Sir John si è girato
a guardare le foglie sull’albero
e lei fece una corsa con le braccia tese
e lo spinse nel mare
“Resta là, miserabile senza-cuore,
resta là al mio posto,
hai annegato qui sette donne
e l’ottava ha annegato te”
Così è salita sul cavallo bianco-latte
e ha portato il pezzato grigio
cavalcando finchè è arrivata alla casa paterna
sul far del giorno.
Allora parlò il pappagallino dicendo
“May Colvin dove sei stata?
E che cosa hai fatto con il falso gentiluomo
con cui sei andata a cavalcare?”
“Tieni a freno la tua lingua mia pappagallino
e non raccontare storie su di me
e io ti comprerò una gabbia d’oro zecchino
con le ruote d’avorio”

Alcune versioni sono ancora più dettagliate e anche ricche di riferimenti geografici precisi, la lista dei gioielli e degli abiti della ragazza è ben più lunga (con un effetto tra il voyeuristico e la suspense); in alcune varianti la ragazza finisce per confessare ai genitori l’accaduto i quali vanno a seppellire il corpo per evitare indagini.

THE OUTLANDISH KNIGHT

In questa variante il cavaliere è uno straniero che con la promessa di un matrimonio e di un viaggio verso le lontane terre del Nord, seduce la sua vittima. Tutto si svolge come nel testo già esaminato, davanti alla scogliera e alla prospettiva di essere uccisa la fanciulla si ribella e getta l’uomo nel mare. Di nuovo il cavaliere le chiede aiuto, ma lei non si lascia più ingannare (potenza dello spirito di conservazione! Ormai ha visto in lui il predatore e non dimenticherà più la lezione). Ritroviamo anche qui l’episodio del pappagallo, il cui silenzio viene comprato con la promessa di una gabbietta d’oro

ASCOLTA Danù in Think Before You Think 2005


I
He’s followed her up and he followed her down
And into the room where she lay
She hadn’t the strength for to flee from his arms
Nor the tongue for to answer him nay
II
“Rise up, rise up, my pretty Polly
Rise up and go with me
And I will take you to North Scotland
And there you’ll married be
III
Go fetch you a bag of your father’s gold
And some of your mother’s fee
And two fine horses out of the stable
Where there stands thirty and three”
IV
So she’s lit upon her nimble-going brown
He’s mounted the dapple-gray
And when they came to North Scotland
‘Twas just three hours ‘til day
V
“Light you down, light you down, my pretty Polly
Light you down, I say to thee
For six kings’ daughters have I drowned here
And the seventh will surely be thee
VI
And pull off, pull off your fine gay clothes
And hang them on yonder tree
For they are too fine and they cost too much
To rot in the salt lake sea”
VII
“Well, then you take a sickle
and you cut down the nettles
That grow so close to the brim
For I fear they’ll tangle my long yellow hair
And they’ll tear my lily-white skin”
VIII
So then he took a sickle
and he cut down the nettles
That grow so close to the brim
And she’s picked him up so skillfully
And she’s pushed the false knight in
IX
“Lie there, lie there, my false young man
Lie there in the room of me
For six kings’ daughters have you drowned here
And the seventh has drowned thee”
X
So she’s lit upon her nimble-going brown
And she’s lead the dapple-gray
And when she came to her father’s door
‘Twas just three hours ‘til day
XI
“Hush up, hush up, my pretty Polly bird
And don’t you tell tales on me
Your cage will be made of the very beaten gold
And the door of the best ivory”
XII
But then up spoke a fine young man
In the chamber where he lay
“What’s the matter, what’s the matter
with my pretty Polly bird
You’re talking so long before day?”
XIII
“Oh There’s two black cats at my caging door
And my life they will betray
And I’m just calling for my pretty Polly
To drive those cats away”
TRADUZIONE ITALIANO CATTIA SALTO
I
La seguì in lungo e in largo
fino nella camera da letto
e lei non ebbe la forza di respingerlo con le braccia
nè la lingua per risponderli di no
II
“Alzati, mia bella Polly
alzati e vieni con me
e ti porterò nel Nord della Scozia
e là ci sposeremo”
III
“Vai a prendere una borsa piena dell’oro di tuo padre
e una parte della dote di tua madre
e due bei cavalli della stalla
dove ce ne stanno 33”
IV
Lei montò sul suo agile destriero moro
e lui su un pezzato grigio
e quando arrivarono nel Nord della Scozia
mancavano solo tre ore al farsi del giorno
V
“Scendi mia bella Polly,
ti dico di scendere
che sei figlie di re ho gettato giù
e tu sarai la settima.
VI
Levati i tuoi bei vestiti
e appendili all’albero
perchè sono troppo preziosi
per marcire nel lago salato”
VII
“Allora prendi un falcetto
e taglia le ortiche
che crescono così vicino alla riva
perchè temo che si impiglieranno nei miei lunghi capelli biondi e mi sciuperanno la pelle bianco-giglio”
VIII
Così lui prese un falcetto
e tagliò le ortiche
che crescevano così vicino alla riva
e lei lo prese con agilità
e spinse giù il falso cavaliere
IX
“Resta là, giovanotto bugiardo
resta là al mio posto,
hai annegato qui sei donne
e la settima ha annegato te”
X
Così è salita sull’agile destriero moro
e ha portato il pezzato grigio
e quando è arrivata alla casa paterna
mancavano solo tre ore al farsi del giorno
XI
“Zitto, zitto mio uccellino
e non raccontare storie su di me
la tua gabbia sarà fatta d’oro zecchino
con la porta del migliore avorio”
XII
Allora parlò un bel giovanotto
nella camera dove stava
“Che succede
all’uccello della bella Polly
che chiacchiera così tanto prima del giorno?”
XIII
“Oh ci sono due gatti neri alla porta della mia gabbia
che attentano alla mia vita
e io sto chiamando la mia bella Polly
perchè mandi via quei gatti”

continua parte quarta: la versione italiana (vedi)

FONTI
https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/theoutlandishknight.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=22848
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/77.html
http://www.broadside.org/music/lyrics/false.html
http://mbmonday.blogspot.it/2013/02/a-cage-of-beaten-gold-false-sir-john.html