Archivi tag: Cecil Sharp

Hares on the Mountain with Sally the dear

Leggi in italiano

Cecil Sharp has collected nine different versions of the ballad “Hares on the Mountain”, a love hunt perhaps derived from “The Two Magicians
amorinoSome believe that the text was written by Samuel Lover (1797-1865) because he appears in his novel “Rory o ‘More”. But the theme of this love-hunting is antecedent and recalls an ancient initiation ritual if not a true enchantment of transformation (or concealment) fith fath.

Still popular in England, we find it more sporadically in Ireland, the United States and Canada, but in the 60s and 70s it was very popular in folk clubs, less widespread, however, the version from the male point of view.

Steeleye Span from Parcel of Rogues 1973: a sweet lullaby

HARES ON THE MOUNTAIN
I
Young women they’ll run
Like hares(1) on the mountains,
Young women they’ll run
Like hares on the mountains
If I were but a young man
I’d soon go a hunting,
To my right fol diddle de ro,
To my right fol diddle dee.
II
Young women they’ll sing
Like birds in the bushes,
If I were but a young man,
I’d go and bang those bushes.
III
Young women they’ll swim
Like ducks in the water,
If I were but a young man,
I’d go and swim after

NOTES
1) hare, birds and duck are animals associated with the three kingdoms, the middle world (Earth), above (Heaven) and below (Sea)

OH SALLY, MY DEAR

The same pattern is taken up in a ballad called with the same title or “Oh Sally my dear” of which we know mainly two melodies. Here the textual part is rendered as a blow and a response between the two lovers.

Shirley Collins & Davey Graham .  Fine arrangement of Davey on guitar

Jonny Kearney & Lucy Farrell slower melody, very magical

Alt-J in Bright: The Album 2017,  indie-rock version (I, III, IV, VI)

OH SALLY MY DEAR
I
“Oh Sally, my dear,
it’s you I’d be kissing,
Oh Sally, my dear,
it’s you I’d be kissing,”
She smiled and replied,
“you don’t know what you’re missing”.
II
“Oh Sally, my dear,
I wish I could wed you,
Oh Sally my dear,
I wish I could bed you”
She smiled and replied,
“then you’d say I’d misled you”.
III
“If all you young men
were hares on the mountain,
How many young girls
would take guns and go hunting?
IV
If the young men could sing like blackbirds and thrushes,
How many young girls
would go beating the bushes?
V
If all you young men
were fish in the water,
How many young girls
would undress and dive after?”
VI
“But the young men
are given to frisking and fooling (1),
Oh, the young men are given to frisking and fooling,
So I’ll leave them alone
and attend to my schooling”

NOTES
1) to take relationships with the girls lightly, without serious intentions. In this version the ballad has become a warning song on the old adage that man is a hunter

THE BLACKBIRDS AND THE THRUSHES

Same ballad handed down with another title
Niamh Parsons from “Blackbirds & Thrushes” 1999

Catherine Merrigan & Marion Camastral from “Wings O’er The Wind

Seamus Ennis

BLACKBIRDS AND THRUSHES
I
If all the young ladies
were blackbirds (1) & thrushes
If all the young ladies
were blackbirds & thrushes
Then all the young men
would go beating the bushes
Rye fol de dol diddle lol iddle lye ay
II
If all the young ladies
were ducks on the water..
Then all the young men
would go swimming in after
III
If all the young ladies
were rushes a-growing..
Then all the young men would get scythes and go mowing
IV
If the ladies were all
trout and salmon so lively
Then divil the men
would go fishing on Friday(2)
V
If all the young ladies
were hares on the mountain
Then men with their hounds
would be out without counting

NOTES
1) In the Celtic tradition: The blackbird (druid dhubh) is associated with the goddess Rhiannon. Legend has it that the birds of Rhiannon are three blackbirds, which are perched and sing on the tree of life on the edge of the otherworldly worlds. Their song, puts the listener in a state of trance, which allows him to go to the parallel worlds. (from here) see more
2) the expression perhaps refers to the fact that in the weekend you go fishing or that on Friday you eat fish

LINK
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=58904
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=73890 http://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/haresonthemountain.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=31052

Farewell Lovely Nancy by Cecil Sharp

Leggi in italiano

“Farewell Lovely Nancy” or “Lovely Nancy” is a traditional ballad collected in 1905 by Cecil Sharp from Mrs. Susan Williams, Somerset (England), where the handsome sailor leaving for the South Seas, dissuades his sweetheart who would like to follow him disguising herself as a cabin boy, telling her that working aboard ships is not for females!

AL Lloyd writes in the notes to the LP “A Sailor’s Garland”: To dress in sailor’s clothes and smuggle oneself aboard ship was a pretty notion that often occurred to young girls a century or two ago, if the folk songs are to be believed. This song has been widely found in the south of England, also in Ireland.”

CROSS-DRESSING BALLADS

In the sea songs we find sometimes the theme of the girl disguised as a sailor who faces the hard life of the sea for loving and adventure.
The cross-dressing ballads are in fact mostly inherent in women who go to play a male job, such as the sailor or the soldier.

Ed Harcourt in Rogue’s Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs, and Chanteys ANTI 2006, a very romantic, almost crepuscular version

Ian Campbell & Dave Swarbrick 1964

 John Molineaux  (live)


I.
“Fare you well me lovely Nancy
for it’s now I must leave you,
All along the Southern(1) sea
I am bound for to go.
Don’t let my long absence be
no trouble to you,
For I shall return in the spring
as you know.”
II.
“Like some pretty little seaboy
I’ll dress and go with you,
In the deepest of dangers
I shall stand your friend.(2)
In the cold stormy weather
when the winds are a-blowing,
My dear I’ll be willing
to wait for you then”

III.
“Well, your pretty little hands
they can’t handle our tackle,
And dour dainty little feet
to our topmast can’t go.
And the cold stormy weather love
you can’t well endure,
I would have you ashore
when the (raging) winds they do blow.
IV.(3)
So fare you well me lovely Nancy
for it’s now I must leave you,
All along the Southern sea
I am bound for to go.
As you must be safe
I’ll be loyal and constant
For I shall return in the spring
as you know.”

NOTES
1) in Sharp is “salt seas” but becomes “western ocean” in the version of A. L. Lloyd
2) in A. L. Lloyd becomes “My love, I’ll be ready to reef your topsail”.
3) the closing stanza in an Irish version written in Ancient Irish Music (1873 and 1888) by Patrick Weston Joyce says:
So farewell, my dearest Nancy, since I must now leave you;
Unto the salt seas I am bound for to go,
Where the winds do blow high and the seas loud do roar;
So may yourself contented be kind and stay on shore.

000brgcf
Ralph Vaughan Williams: LOVELY ON THE WATER
Cecil Sharp: LOVELY NANCY
english version: FARE YE WELL/ADIEU, LOVELY NANCY
english version: ADIEU SWEET LOVELY NANCY
american/irish version: ADIEU MY LOVELY NANCY
sea shanty: HOLY GROUND

FONTI
http://www.contemplator.com/england/fnancy.html
http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/farewellnancy.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=27483
http://www.goldenhindmusic.com/lyrics/FAREWELL.html

Short Sharp Shanties

Yankee Jack“, come viene affettuosamente chiamato il marinaio John Short  (1839-1933) di Watchet (Somerset, Inghilterra), durante i suoi anni di navigazione ha imparato e collezionato una sessantina di canti marinareschi; il “Watchet Market House Museum Society” gli ha dedicato una statua di bronzo (dell’artista scozzese Alan Beattie Herriot), mentre se ne sta seduto sulla bitta tenendo in mano una cima, sguardo rivolto verso il mare!

Yankee Jack“, as the sailor John Short (1839-1933) of Watchet (Somerset, England) is affectionately called , has learned and collected about sixty seafaring songs during his sailing years; The “Watchet Market House Museum” dedicated a bronze statue to him (by the Scottish artist Alan Beattie Herriot), while he sat on the bitt holding a rope in his hand, looking towards the sea!

“John Short andò in mare per la prima volta nell’anno 1848. Iniziò a lavorare su navi costiere vicino alla sua città natale Watchet, poi navigò sulle navi a palo dal Québec a doppiare  l’Horn per Callao e in India, Cina e Australia. John Short continuò la sua carriera nella marina mercantile fino alla fine del 1880, successivamente fu nominato banditore di Watchet. Morì nel 1933 all’età di 94 anni, quando l’aspettativa di vita media di un marinaio era di soli 45 anni.” (tradotto da qui)

John Short first went to sea in the year 1848. He started working coastal vessels near his hometown Watchet, then sailed on windjammers from Quebec round Cape Horn to Callao and India, China and Australia. John Short continued his merchant marine career until the late 1880s, subsequently he was appointed as town crier of Watchet. He died in 1933 at the age of 94 – when the average life expectancy of a seaman was only 45 years.(from here)

Cecil Sharp gli fece visita nel 1914 e trascrisse ben 57 canzone dalla sua testimonianza, John era stato uno shantyman assunto nell’equipaggio proprio per le sue doti canore e la capacità di dirigere i lavori e ottimizzare gli sforzi, con un appropriato canto marinaresco. Così lo elogiò Sharp: “Ha la memoria tenace del cantante folk e una grandissima abilità musicale … Sarebbe difficile, immagino, trovare un esponente più esperto dell’arte del canto marinaresco

Cecil Sharp visited him in 1914 and transcribed as many as 57 songs from his testimony, John had been a shantyman hired because of his singing skills and ability to direct the works and optimize crew efforts, with an appropriate seafaring song. Sharp praised him saying: “He has the folk-singer’s tenacious memory and very great musical ability … It would be difficult, I imagine, to find a more experienced exponent of the art of chantey-singing

Tom e Barbara Brown di Combe Martin scoprirono l’eredità del marinaio, il manoscritto di Cecil Sharp nel “Vaughan Williams Memorial Library” (vedi) conservato a Londra  e diedero inizio al progetto Short Sharp Shanties per registrare tutte le canzoni di John Short interpretate da vari artisti.
Sono state prodotte ben tre compilation “Alcune delle 60 versioni sono familiari, altre sono più rare, e il resto è rimasto sconosciuto, fino ad ora. Alcune delle versioni provengono da un periodo molto precoce nelle sea shanty, e tutte sono state prese direttamente dai manoscritti di Sharp, piuttosto che dalla pagina stampata, mantenendo così le idiosincrasie che sono caratteristiche del canto di Short.”

Tom and Barbara Brown of Combe Martin discovered the legacy of the sailor, the manuscript of Cecil Sharp in the “Vaughan Williams Memorial Library” (see) kept in London and they began the project Short Sharp Shanties to record all the songs of John Short interpreted by various artists.
They produced three compilations
“Some of the 60 are familiar versions, others rarer, and the rest have remained unsung – until now. Some of the versions are from a very early period in the life of shanty-singing, and all have been taken directly from Sharp’s manuscripts, rather than from the printed page, thereby keeping the idiosyncrasies that are characteristic of Short’s singing.”

https://open.spotify.com/album/67EsXhxQNi2OWtMKgEGb8V

Short Sharp Shanties: Sea Songs of a Watchet Sailor, Vol. 1

2011

1. Sing Fare You Well -Keith Kendrick
2. The Blackball Line -Roger Watson
3. Mr Tapscott -Sam Lee
4. A Hundred Years on the Eastern Shore -Jeff Warner
5. Fire! Fire! -Jackie Oates
6. Hanging Johnny -Tom Brown
7. Rio Grande -Roger Watson
8. Cheerly Man -Barbara Brown
9. Poor Old Man (Johnny Come Down to Hilo) -Keith Kendrick
10. The Bully Boat (Ranzo Ray)-Tom Brown
11. Stormalong John (Stormy Along, John) -Jim Mageean
12. Blow Boys Blow (Banks of Sacramento) -Tom Brown
13. Carry Him to the Burying Ground (General Taylor) -Sam Lee
14. Bulgine Run (Let the Bulgine Run) -Barbara Brown
15. Shallow Brown -Jim Mageean
16. Won’t You Go My Way? -Jeff Warner
17. Blow Boys, Come Blow Together (Blow, Me Bully Boys, Blow) Keith Kendrick
18. Tommy’s Gone (Tommy’s Gone Away) -Jackie Oates

https://open.spotify.com/album/5GscZsXZ8JpSRiJorKlBnn

Short Sharp Shanties: Sea Songs of a Watchet Sailor, Vol. 2

2011

1. Rowler Bowler – Barbara Brown
2. Whisky Is My Johnny -Jim Mageean
3. So Early in the Morning -Jeff Warner
4. Boney Was a Warrior -Jackie Oates
5. Lucy Long -Tom Brown
6. Roll and Go (Sally Brown)– Roger Watson
7. Tom’s Gone to Ilo -Sam Lee
8. Huckleberry Hunting (Hilo Me Ranz)-Barbara Brown
9. Haul on the Bowline / Paddy Doyle / Johnnie Bowker -Keith Kendrick, Jim Mageean, Tom Brown
10. Santy Anna / Whip Jamboree -Roger Watson, Tom Brown
11. Good Morning Ladies All -Jeff Warner
12. Knock a Man Down -Sam Lee
13. Shanadore (Shenandoah) -Barbara Brown, Keith Kendrick
14. A-roving – Jim Mageean
15. Times Are Hard and Wages Low -Jeff Warner
16. I Wish I Was With Nancy -Tom Brown
17. One More Day -Keith Kendrick
18. Sweet Nightingale -Sam Lee, Jackie Oates

https://open.spotify.com/album/7zqTKVLClkaVNNaqkQeaYQ

Short Sharp Shanties: Sea Songs of a Watchet Sailor, Vol. 3

2012

1. Rosabella -Sam Lee
2. Dead Horse (Poor Old Man) – Keith Kendrick
3. Heave Away, My Johnny (We’re All Bound to Go) – Barbara Brown
4. Bully in the Alley – Tom Brown
5. Liza Lee (Yankee John Stormalong) – Jim Mageean
6. Hog-eyed Man – Jackie Oates
7. Old Stormey (Mister Stormalong) – Barbara Brown
8. The Bull John Run (Eliza Lee) – Sam Lee
9. Billy Riley – Jeff Warner
10. Handy My Girls (So Handy) – Keith Kendrick
11. Blow Away the Morning Dew– Jim Mageean
12. Rando (Reuben Ranzo) – Barbara Brown
13. Paddy Works on the Railway – Keith Kendrick
14. He Back, She Back (Old Moke Picking on the Banjo) – Jeff Warner
15. Round the Corner Sally – Jim Mageean
16. Do Let Me Go (Yeller Gals) – Jackie Oates
17. Haul Away Joe – Sam Lee
18. Lowlands (Dollar and a Half a Day) – Jeff Warner
19. Homeward Bound (Goodbye, Fare You Well) – Roger Watson
20. Crossing the Bar (Tennyson/Arbo) – Jeff Warner

FONTI (LINK)
https://mainlynorfolk.info/folk/records/shortsharpshanties.html
http://www.umbermusic.co.uk/SSSnotes.htm
http://brightyoungfolk.com/records/short-sharp-shanties-sea-songs-of-a-watchet-s-1
http://www.wildgoose.co.uk/displayAlbum.asp?PRODUCT_ID=203

http://www.folkworld.eu/56/e/book.html

THE HOLLY BEARS A BERRY

La tradizione medievale del Natale voleva che le case fossero decorate da rami di sempreverde, in particolare agrifoglio ed edera, affinche il princio maschile e quello femminile si unissero; l’Agrifoglio emblema del principio maschile nel suo trionfo invernale è così rivisitato dal Cristianesimo e identificato con la figura salvifica di Gesù Cristo.

THE HOLLY BEARS A BERRY

Illustrazione di Margaret Tarrant (1888-1959)

I fiori candidi dell’agrifoglio sono la purezza di Gesù, le sue bacche rosse sono il sangue versato dal Messia, il margine fogliare acuminato la corona di spine del Re dei Giudei.
L’agrifoglio maschio inizia a fiorire “da grande”, quando ha circa 20 anni e produce dei fiori piccoli e bianco-rosato profumati da maggio a giungo. Le bacche (sull’agrifoglio femmina) sono verdi e d’autunno diventano di un rosso lucido simile a corallo: restano sull’albero per tutto l’inverno costituendo una importante fonte di cibo per gli uccelli. A volte sulle stesso albero compaiono sia i fiori che i pistilli ovarici – come per l’albero del castagno- è la natura che provvede spontaneamente a far riprodurre esemplari isolati oppure è la mano del giardiniere che ha creato un innesto sullo stesso fusto di un ramo femmina e di un ramo maschile (tecnicamente la pianta si definisce dioica..) continua

agrifoglio-inverno

THE HOLLY AND THE IVY

“The Holly and the Ivy” è un inno natalizio che compare in forma scritta in un broadside (in italiano volantino) del 1710, la melodia è fatta risalire (molto genericamente) ad un’antica carol francese; possiamo però affermare, stando ai vari riferimenti contenuti nel testo, che il brano affonda le sue radici quanto meno nel Medioevo. Probabilmente è il canto natalizio sull’agrifoglio più popolare e più registrato nelle Christmas Compilations del quale esistono tantissime versioni e interpretazioni.

LA VERSIONE INGLESE

La melodia diventata standard è quella riportata da Cecil Sharp nel suo “English Folk Carols”, 1911 (raccolta nel Gloucestershire a inizio secolo) riportata anche in “Oxford Book of Carols” 1928 .
In epoca vittoriana era un tipico canto dei questuanti per gli auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo con le strofe moraleggianti sul messaggio salvifico di Gesù, il peccato e il pentimento.


Versione strumentale di Thad Salter  con arrangiamento per chitarra

Manor House String Quartet (arrangiamento per violini, viola e clavicembalo di Vaughan Jones)

ASCOLTA Medieval Baebes in Mistletoe and Wine, 2003

ASCOLTA Heather Dale in “This Endris Night” 2002


I
The holly and the ivy (1),
Now both are full well grown.
Of all the trees that are in the wood,
The holly bears the crown.
Chorus
Oh, the rising of the sun (2),
The running of the deer (3).
The playing of the merry organ (4),
Sweet singing in the quire (5).
II
The holly bears a blossom
As white as lily flower;
And Mary bore sweet Jesus Christ
To be our sweet Savior.
III
The holly bears a berry
As red as any blood;
And Mary bore sweet Jesus Christ
To do poor sinners good.
IV
The holly bears a prickle
As sharp as any thorn;
And Mary bore sweet Jesus Christ
On Christmas day in the morn.
V
The holly bears a bark
As bitter as any gall;
And Mary bore sweet Jesus Christ
For to redeem us all.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
L’agrifoglio e l’edera
quando sono entrambi adulti
di tutti gli alberi nel bosco
l’agrifoglio porta la corona.
CORO
Il sorgere del sole
il correre del cervo
il suono gaio della ghironda
è amabile cantare intorno al fuoco
II
L’agrifoglio porta un fiore
bianco come il giglio
e Maria porta l’amato Gesù Cristo
per essere il nostro amato Salvatore.
III
L’agrifoglio porta una bacca
rossa come il sangue
e Maria porta l’amato Gesù Cristo
per la redenzione dei peccati.
IV
L’agrifoglio porta margine acuminato
appuntito come una spina
e Maria porta l’amato Gesù Cristo
il Mattino di Natale
V
L’agrifoglio porta una scorza
amara come fiele
e Maria porta l’amato Gesù Cristo
per la redenzione di noi tutti.

NOTE
1) Nella canto si parla solo dell’agrifoglio, molto probabilmente i versi che riguardavano l’edera (vedi contrasti agrifoglio-edera) sono stati sostituiti da quelli su Maria e Gesù. Così si ribalta il principio maschile ed è Maria, la pianta dell’agrifoglio (al femminile) ad essere incoronata Regina dei Cieli.
2) il verso the rising of the sun è riferito al risorgere del sole dopo il Solstizio d’Inverno, il giorno più corto dell’anno.
hollytapestry3) Franco Cardini riassume in poche frasi tutto il ricco simbolismo riferito alla figura del cervo. “Presso i Celti, il cervo era sacro al “dio cornuto” Cernumn, identificato con l’Apollo ellenico-romano e con la luce diurna, vale a dire con l’eternamente giovane dio Lug. D’altronde, nei miti che riguardano Lug, il cervo gioca un ruolo collegato al ciclo dell’eterno ringiovanimento simboleggiato forse dalle sue corna che cadono e nascono di nuovo, e che è agevole connettere con il solstizio d’inverno e quindi con l’anno nuovo.”
Il “running of the deer” nella strofa del ritornello si riferisce forse alla consuetudine medievale di andare a caccia il giorno dopo il solstizio, trasformatasi in epoca vittoriana in una caccia all’uccellagione con le cui carni si preparava una torta ripiena di Natale.
4) antico strumento dal suono lamentoso simile alla ghironda, trasformato in “organ”, in altre versioni diventa “harp”
5) oppure “sweet singing in the choir”

ALTRE MELODIE

ASCOLTA Magpie Lane in “Wassail! A Country Christmas” 1996
The Young Tradition con Shirley&Dolly Collins in “The Holly Bears the Crown” 1969

Loreena McKennitt in “A Midwinter Night’s Dream” 2008; una versione crepuscolare

Kate Rusby in Sweet Bells 2008

Con un titolo che parrebbe richiamare questa carol Tori Amos canta Holly, Ivy And Rose che tuttavia è tutta un’altra canzone.

Simile a “The Holly and the Ivy” ma nota con il titolo di “Sans day carolo” (The holly bears a berry) è la versione cornica continua

FONTI
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=42010
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=15689
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/holly_and_the_ivy.htm
http://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/thehollyandtheivy.html

VENTICELLI E PECORE NELLA BALLADRY INGLESE

Nella versione più antica della ballata nota come The Baffled Knight, un giovane e inesperto cavaliere incontra una fanciulla per i campi e le chiede di fare sesso, ma la fanciulla si prende gioco della sua inesperienza amorosa e lo raggira con uno stratagemma. Attraversando i secoli e la trasmissione orale, il contesto della ballata diventa più prosaico, e la fanciulla non sta più giocando con il fuoco, ma è tutta intenta a preservare la propria virtù da uno stupro.

La ballata è riportata in moltissime versioni testuali sia nelle raccolte settecentesche che nei Broadsides, oltrechè trasmessa oralmente in Gran Bretagna e America con i titoli di ” Blow (Clear)(Stroll) Away The Morning Dew”; il protagonista maschile di volta in volta è un gentleman, o un pastorello / contadinello.
La novità rispetto alle versioni A e B già viste (qui e qui) è il ritornello che, declinato in un paio di varianti, richiama un allusivo venticello mattutino che spazza via la rugiada della notte.

VERSIONE D: BLOW AWAY THE MORNING DEW


Il protagonista è diventato ora un pastorello che mentre si reca al ruscello per dissetarsi, vede una fanciulla fare il bagno. Invece di saltarle subito addosso si lascia convincere dall’astuta ragazza ad andare nella più vicina locanda per stare più comodi, ma  finisce gabbato e lasciato fuori dalla porta ben sprangata.

La melodia è la stessa già raccolta sul campo da Cecil Sharp nel Somerset nei primi del ‘900,  ed è diventata la versione standard (prima parte qui)

ASCOLTA Emily Bishop registrata da Peter Kennedy mentre canta The Baffled Knight negli anni  del 1950 per la BBC inclusa nell’antologia The Child Ballads 2 (The Folk Songs of Britain Volume 5; Caedmon 1961; Topic 1968)

ASCOLTA Lucy Ward in “The Liberty to Choose” 2013″ un arrangiamento molto “inglese con concertina e violino, il testo è ripreso dal “The New Penguin Book of English Folk Songs”, con il titolo The Baffled Knight (da ascoltare su Spotify qui)


I
There was a shepherd
and he kept sheep upon a hill,
and he would go each May morning
all for to drink his fill
Chorus
So it’s blow the windy morning
Blow the winds i-o,
Clear away the morning dew
And sweet the winds shall blow
II
He look-ed high and he look-ed down,
and he gave a downward look
and there he spied a pretty maid,
a-washing at the brook.(1)
III
And then they rode along the road
till they came unto the inn
and ready was the waiting maid
to let the lady in.
IV
She’s jump-ed off her milk white steed,
and stepped within the inn
crying “You’re a beggar without
and I’m a maid witin”
V
“You may pull off your shoes and hose
anf let your feet go bare
and if you meet a pretty girl
you touch her if you dare”
VI
“I won’t pull off my shoes and hose
or let my feet go bare
but if I meet with thee again
be hanged if I despair”
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
C’era un pastore  che
governava le pecore sulla collina
e andava come ogni mattino di maggio
a riempirsi la bottiglia (d’acqua)
CORO
Soffia il vento del mattino
soffia il vento
scompare la rugiada mattutina
non appena i venti dolcemente soffiano.

II
Guardò in su e guardò in giù
e gettò uno sguardo per traverso
e là vide una graziosa fanciulla
che si lavava nel ruscello (1).
III
Poi  cavalcarono lungo la strada
finchè arrivarono a una locanda
e svelta fu la domestica di guardia
a far entrare la fanciulla.
IV
Lei smontò dal suo destriero bianco
e entrò nella locanda
gridando ” Tu sei un pezzente fuori,
e io sono una vergine dentro.
V
Puoi toglierti scarpe e calzini
e andare a piedi nudi
ma se incontri una bella ragazza
abbi il coraggio di toccarla”
VI
“Non voglio togliermi scarpe e calzini
e andare a piedi nudi
ma se ti incontro ancora
che sia impiccato se mi dispererò”

NOTE
1) qui si salta tutta la parte di schermaglia amorosa tra pastorello e dama per passare direttamente alla cavalcata verso un comodo letto. Così facendo non riusciamo a cogliere il senso della battuta finale. In The Baffled Knight spesso il cavaliere si preoccupa di sgualcire il bell’abito della dama e per riguardo delle vesti si lascia convincere a “posticipare” per un luogo più comodo, salvo poi essere sbeffeggiato. La morale della favola diventa “Quando hai la tua femmina a un miglio o due dalla città, non risparmiare le sue gaie vesti, ma stendi il suo corpo a terra”

MILADY E IL PASTORELLO

Child # 112 versione D
(già in “Ancient and Modern Scots” di Herd, 1769)

Ma già nelle versioni più antiche della ballata  si poteva assistere ad un piccante e bucolico siparietto tra un ingenuo pastorello e una più procace e disinvolta Lady. Si confronti la precedente versione con “Blow the winds, I-ho!” che nell’area di confine tra Scozia e Inghilterra (vedi) si presenta con il coro sul venticello  burlone
And blow the winds, I-ho!
Sing, blow the winds, I-ho!
Clear away the morning dew,
And blow the winds, I-ho!

This Northumbrian ballad is of great antiquity, and bears considerable resemblance to The Baffled Knight; or, Lady’s Policy, inserted in Percy’s Reliques. It is not in any popular collection. In the broadside from which it is here printed, the title and chorus are given, Blow the WInds, I-o, a form common to many ballads and songs, but only to those of great antiquity. Chappell, in his Popular Music, has an example in a song as old as 1698:-
‘Here’s a health to jolly Bacchus,
I-ho! I-ho! I-ho!’ (tratto da qui)

La Ballata del Northumberland condivide una buona metà delle strofe con questa versione scozzese dal titolo “The Shepherd Lad” priva però di ritornello.
Battlefield Band in “Happy Daze”, 2001 con la voce e la chitarra di Karine Polwart, Alan Reid seconda voce , John McCusker whistles, Mike Katz small pipes) la melodia è diversa da quelle fin ora esaminate e il coretto tralasciato, si tratta di un adattamento della Band della ballata scozzese “The Shepherd’s son” (qui)


I
Once there was a shepherd lad
kept sheep upon the hill
An he’s laid his pipe and crook aside
and there he’s slept his fill.
II
He woke up on a riverbank
on a fine May mornin,
And there he spied a lady swimming in the clothes that she was born in(1).
III
So he raised his head from his green bed and he approached the maid.
“Put on yer claithes, my dear,” he says,
“and do not be afraid.
IV
It’s fitter for a lady fair
to sew a silken seam
Than to rise on a fine May morning
and swim against the stream.”
V
“Well, if you’ll not touch my mantle
and you’ll leave my claithes alane,
Then I’ll give you all the money, sir,
that you can carry hame.”
VI
“I’ll not touch your mantle
and I’ll leave yer claithes alane,
But I’ll tak you out of the clear water,
my dear, to be my ane.”
VII
So he’s taen her oot o the clear water
and he’s rowed her in his arms.
“Put on yer claithes, my dear,” he says,
“and hide your bounteous charms.”
VIII
He put her on a milk white steed
and himself upon another,
And it’s all along the way they rode
like sister and like brother.
IX
They rode intae her faither’s gate
and she’s tirled at the pin(2),
And ready stood a porter there
to let the fair maid in.
X
When the gates were opened,
it’s so nimbly she stepped in.
She said, “Kind sir, you are a fool without and I’m a maid within.
XI
“So fare thee weel, my modest boy.
I thank you for your care,
But if you had done as you desired,
I’d never have left you there.
XII
I will sew no silken seam on a fine May morning.
You can bide your time
till your time runs out,
so take this as fair warning.”
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
C’era una volta un pastorello che governava le pecore sulla collina;
mise da parte cornamusa e bastone per mettersi a dormire.
II
Si svegliò sulla sponda di un fiume
in un mattin di maggio
e lì vide una dama che nuotava con indosso solo la nuda pelle (1)
III
Così alzò la testa dal suo verde giaciglio e si avvicinò alla fanciulla
“Mettetevi i vestiti mia cara” dice,
“e non abbiate timore.
IV
E ‘più facile per una bella dama
cucire un ricamo con filo di seta
che alzarsi in un bel mattin di maggio
e nuotare contro corrente. ”
V
“Beh, se non toccate  il mio mantello
e lasciate stare i miei vestiti
vi darò tanto denaro, signore,
se mi riporterete a casa”.
VI
“Io non toccherò il vostro mantello
e lascerò stare i vostri vestiti
ma vi porterò fuori dall’acqua chiara,
mia cara, affinchè siate al sicuro ”
VII
E la portò fuori dall’acqua chiara
portandola a nuoto tra le braccia
“Indossate i vostri abiti, mia cara e nascondete le vostre generose grazie”.
VIII
La mise su un destriero bianco-latte e lui montò sull’altro
e per tutta la strada cavalcavano
come sorella e come fratello.
IX
Cavalcarono fino al cancello del padre e lei suonò il campanello(2),
pronto stava un maggiordomo lì
per lasciare entrare la bella dama.
X
Appena si aprirono le porte,
in un lampo lei entrò
“Gentile signore, voi siete uno sciocco fuori e io sono una fanciulla dentro.
XI
Così addio, mio povero ragazzo,
vi ringrazio per il vostro aiuto,
ma se aveste fatto quello che volevate, non vi avrei mai lasciato là.
XII
Io non cucirò un ricamo con filo di seta in un bel mattin di maggio,
ma ad aspettare tempo
si rischia che diventi troppo tardi, accettate il mio consiglio”

NOTE
1) un giro di parole per dire che la dama faceva il bagno nuda
2) il dettaglio non è anacronistico:  “Twirl” oppure “tirl”= to make a rattling sound. Le vecchie dimore scozzesi conservano ancora un apparato proprio all’esterno della porta di casa formato da un pezzo di metallo spiraliforme (a twisted “pin”) che sporge un poco. All’estremità libera è appeso un campanello che si muove su e giù producendo un “rattling sound”  che annuncia i visitatori.
Ecco perchè troviamo nelle vecchie ballate “twirling” o “tirling” the ring (pin)

continua LA VERSIONE SEA SHANTY

FONTI
http://www.kateri.name/docs/Shepherd.pdf
http://tunearch.org/wiki/Blow_the_Winds_I-Ho!
http://www.musicanet.org/robokopp/english/blowwind.htm
http://ingeb.org/songs/blowaway.html
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=Child_d11204
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=64609
https://mainlynorfolk.info/eliza.carthy/songs/thebaffledknight.html

MR BEVERIDGE’s MAGGOT

Nella serie televisiva “I Tudors”  la melodia Mr Beveridge Magot fa da sfondo ad un momento conviviale.

La melodia, di autore sconosciuto, compare trascritta per la prima volta nell’English Dancing Master (IX edizione, 1695).
Ovviamente la musica potrebbe benissimo essere stata composta in epoca Tudor e la coreografia della danza risalire al secolo successivo, oppure musica e coreografia delle danza, la “favorita” del signor Beveridge, (maggot si traduce come ‘whim’ o ‘fancy’) essere stata la danza preferita dal maestro Beveridge che l’aveva ideata e battezzata con il proprio nome. beveridge-maggot-playford

LA DANZA IN EPOCA BAROCCA 1650-1690

Vediamola quindi nello stile con cui doveva essere danzata alla sua prima stesura: una danza di fila, in misura ternaria, il tempo è veloce i movimenti sono tipici della danza barocca .

La danza rimase popolare per tutto il Settecento, ma probabilmente non altrettanto lo fu nell’Ottocento, e tuttavia ritornò in auge nel secolo successivo, nella versione rivisitata che Cecil Sharp (1909) fece delle english country dances di secentesca memoria, per riproporle alla società dei tempi moderni.

Una seconda coreografia è quella proposta da Pat Shaw
esibizione al Sidmouth Festival, 1979

Sono bastate però un paio di apparizioni della Mr Beveridge’s Maggot nelle danze ai tempi di Jane Austen proposte da films e serie televisive, perchè la danza riprendesse vigore e  diventasse oggi di rigore in ogni Gran Ballo d’epoca Regency!!

ORGOGLIO E PREGIUDIZIO: MINISERIE TELEVISIVA 1995

Nella seconda puntata della miniserie televisiva britannica Pride&Prejudice del 1995 – regia Simon Langton (una miniserie cult in Gran Bretagna) Fitzwilliam Darcy  ed Elizabeth Bennet danzano insieme al gran ballo nella sontuosa dimora del signor Bingley a Netherfield (Hertforshire). La danza è lenta e solenne e un giovane e “imbalsamato” Colin Firth reagisce con malgarbo alle punzecchiature di Lizzy (Jennifer Ehle) .

In questa ricostruzione i passi di danza sono una semplice camminata e la parte iniziale  viene modificata introducendo la figura della STELLA (giro di mano destra e giro di mano sinistra) per ovvi motivi di recitazione.

EMMA 1996

La danza tra Emma Woodhouse (Gwyneth Paltrow) e George Knightley (Jeremy Northam ) è interpretata con una tale eleganza e leggiadria da far apparire la coreografia di una così naturale scorrevolezza.. solo apparente però, perchè le coppie devono essere coordinate tra di loro alla perfezione!!

Qui il passo base è diventato decisamente come quello di un valzer lento, ogni movimento è fluido e aggraziato.

Ecco lo schema della danza per coppie in gruppi di quattro;
passo: in tre tempi valzer lento (aprire sempre con il piede destro)

PARTE A – 8 passi
coppia leader: CAMBIO POSTO frontale (2 passi)
tutti: DOS A DOS di spalla destra (2 passi)*
coppia leader: VOLTA (solo mezzo giro) verso l’esterno (1 passo)
tutti: GIRO DI MANO DESTRA (contrary) (2 passi)
coppia leader: GIRO DI MANO SINISTRA (1 passo)

(* trovo che il dos-a dos tra i partner e non tra i contrary renda tutto il movimento più fluido)

PARTE B – 4 (allineati) + 4 passi
coppia leader: INVERSIONE DI MOVIMENTO, ritornare nelle file invertite (1 passo) ANDARE IN SECONDA POSIZIONE (1 passo) DOS A DOS di spalla destra (2 passi)
altra coppia: frontali verso il centro (1 passo) in avanti verso la prima postazione (1 passo) VOLTA verso l’esterno (giro completo in 2 passi) mettersi al fianco della coppia leader

TUTTI (coppia leader si trova al centro della linea – perpendicolare a quella di partenza- in posizione invertita, l’altra coppia è in posizione esterna): in avanti (1 passo) in dietro (1 passo)

coppia leader: cambio posto (1 passo) andare in seconda postazione (1 passo)
altra coppia: frontali VOLTA verso l’interno per andare in prima postazione (giro completo in 2 passi)

La versione nel film ha una parte C di progressione delle coppie (a scopo “cinematografico”) non presente nella versione del Playford

TRACCE AUDIO

audio The Broadside Band versione un po’ veloce
audio con una velocità “intermedia” ossia non troppo lenta ma neanche troppo veloce
audio The Warnock Quartet versione lenta
FONTI
http://languagelog.ldc.upenn.edu/nll/?p=6770
http://www.patshaw.info/books/another-look-at-playford/
http://www.theloiterer.org/ashton/dancer.html
http://digital.nls.uk/special-collections-of-printed-music/pageturner.cfm?id=89753381
http://www.sls.hawaii.edu/bley-vroman/contradance/dances/beveridge.html
http://round.soc.srcf.net/dances/cdb/cdb6/beveridge
https://janeaustensworld.wordpress.com/2010/06/28/dancing-at-the-netherfield-ball-pride-and-prejudice/
https://janeaustensworld.wordpress.com/2010/07/12/jane-austen-and-music/

BLOW AWAY THE MORNING DEW

Nella versione più antica della ballata nota come The Baffled Knight, un giovane e inesperto cavaliere incontra una fanciulla per i campi e le chiede di fare sesso, ma la fanciulla si prende gioco della sua inesperienza amorosa e lo raggira con uno stratagemma. Attraversando i secoli e la trasmissione orale il contesto della ballata diventa più prosaico e la fanciulla non sta più giocando con il fuoco, ma è tutta intenta a preservare la propria virtù da uno stupro.

VERSIONE D: BLOW AWAY THE MORNING DEW

Child ballad #112
Variante The Baffled Knight

La ballata è riportata in moltissime versioni testuali sia nelle raccolte settecentesche che nei Broadsides, oltrechè trasmessa oralmente in Gran Bretagna e America con i titoli di ” Blow (Clear)(Stroll) Away The Morning Dew”; il protagonista maschile di volta in volta è un gentleman, o un pastorello / contadinello. La novità rispetto alle versioni A e B già viste (qui e qui) è il ritornello che, declinato in un paio di varianti, richiama un allusivo venticello mattutino che spazza via la rugiada della notte.
La ballata cortese d’epoca rinascimentale del “Cavaliere Beffato” viene ora trasposta in un ambito popolare, allacciandolo ad un antico rituale celtico benaugurale e salutistico, ancora praticato dai contadini, quello del bagno nella rugiada di Beltane. (vedi).

LA VERSIONE RACCOLTA DA CECIL SHARP

Così scrive Geoff Woolfe “Cecil Sharp noted several versions of this song in his travels around Somerset in the early 1900s, and in 1916 published what became the ‘standard’ version later sung by many schoolchildren and choirs. Vaughan Williams used the tune for his folk song suite for military band in the 1920s. The text in Mrs Nation*’s version is similar to most others; its meaning may have been lost on collectors and schoolchildren in more innocent times” (tratto da qui) * Elisabeth Nation da Bathpool, Somerset.

NB
Nella prima stesura della trattazione erano disponibili per l’ascolto molti video su YouTube, che poi sono stati cancellati o non più disponibili, pertanto per seguite il testo e ascoltare le melodie ho inserito il rimando a Spotify, l’ascolto nella forma base è gratuito basta iscriversi alla piattaforma e scaricare l’app.

ASCOLTA
Oscar Brand & Joni Mitchell 1965: una ancora sconosciuta Joni Anderson, ma già rifulgente. Il video fa parte della serie televisiva “Let’s Sing Out” condotta da Oscar Brand  che fu registrata in vari campus universitari del Canada e mandata in onda dalla televisione canadese dal 1963 al 1966. La versione testuale della ballata è stata un po’ ritoccata e ridotta nella forma di canzoncina umoristica.


I
There was a young farmer(1)
Kept sheep all on the hill;
And he walk’d out one May morning(2)
To see what he could kill.(3)
Chorus
And sing blow away the morning dew
The dew, and the dew.
Blow away the morning dew,
How sweet the birds they sing(4)
II
He looked high, he looked low,
He cast an under look;
And there he saw a pretty maid
that swimming in a brook.
VI
“If you take to my father’s castle(6)
Which is walled all around,
And, you may have a kiss from me
And twenty thousand pound”(7).
VII
When they got to her father’s gate,
quicly she ride in:
There is a fool without
And here’s a maid within.
VIII
There is a flower in the garden,
they call it Marigold(8):
And if you do not
when you’re young(9),
then you may not when you’re olde.
traduzione italiano di Cattia Salto
I
C’era un contadinello (1)
che governava le pecore sulla collina
e uscì un mattin di maggio(2)
per vedere di cacciare qualcosa (3).
RITORNELLO
Spazza via la rugiada del mattino
la rugiada, la rugiada
Spazza via la rugiada del mattino,
e che soavi uccelli canterini! (4)
II
Guardò in su e guardò in giù
e gettò uno sguardo di lato;
e vide una graziosa fanciulla
che nuotava nel torrente. (5)
VI
“Se mi porterai al castello avito (6)
tutto cinto dalle mura
potrai avere un mio bacio
e 20.000 sterline(7)”
VII
Quando arrivarono al portone
svelta lei corse dentro
“C’è uno stupido all’esterno
e una vergine all’interno”.
VIII
C’è un fiore nel giardino
che chiamano calendula(8),
se non la cogli
quando sei giovane(9),
poi non potrai quando sarai vecchio!

NOTE
1) oppure “shepherd boy” in  Phyllis Marshall (che raccolse 26 canzoni popolari tra il 1916 e il 1917 da Bathpool e West Monkton, Somerset). Nel Somerset Scrapbook, Bob e Jackie Patten scrivono: “in 1916 and 1917 Miss Phyllis Marshall was collecting songs around West Monkton. Although only a small collection, her note books contain some choice material. This collection only came to light in the 1970s when it was found in a second-hand book shop and bought for a few pence“. Sia la versione di Oscar Brand che di Phyllis Marshall sono riconducibili a quella”standard” pubblicata da Cecil Sharp nel 1916.
2) il verso è significativo e chiarisce il ritornello: non si tratta di un una mattina qualunque di maggio, ma di calendimaggio nella notte  propizia per il bagno nella rugiada: è il sole di Beltane a dare maggiore potere all’acqua (vedi).
3) qui il giovanotto va a caccia per necessità, ma inizialmente era un gentiluomo a caccia per diletto: è evidente l’allusione alla donna come preda
4) la strofa è stata variata per renderla più “ammiccante”, Il ritornello riportato da Cecil Sharp dice:
And sing blow away the morning dew,
The dew, and the dew.
Blow away the morning dew,
How sweet the winds do blow.
5) in questa versione mancano un paio di strofe così riportate da Phyllis Marshall
“The dew’s all on the grass, it’ll spoil my wedding gown
Which cost my father out of his purse as many pounds as crowns”
“I’ll take off my riding coat and wrap it round and round
There is a wind come from the west which soon will blow it down”
La donna cerca di dissuadere l’uomo con un pretesto (e chi canta non sembra avere perplessità sull’incongruenza dei due appena usciti da torrente in cui nuotavano presumibilmente nudi), quello del vestito che si stropiccia (è qui è addirittura un abito da sposa, una Sposa di Maggio?) è un punto fermo della storia che già nelle sue versioni seicentesche ammoniva i giovanotti inesperti (in amore) “Spare not for her gay clothing, But lay her body flat on the ground”
6) più comunemente è un gate, presumo che Oscar Brand abbia utilizzato la parola “castello” per avvalorare l’origine “antica” della ballata, (facendo un po’ fatica a farla stare nella metrica)
7) La fanciulla millanta una ricca dote che potrebbe allettare l’uomo a non passare subito allo stupro, ma a puntare ad ottenere il consenso dei genitori (è sotto inteso che potrà avere i soldi solo in cambio del matrimonio) la strofa raccolta da Phyllis Marshall, che si potrebbe equivocare se non inserita nel contesto, dice “And you shall see what I can do for fifty thousand pounds”
8) marigold= con lo stesso termine si indica sia la calendula che il tagete. Io propendo per la calendula che già nella seconda metà del 1600 è stata portata in America dai primi coloni. Il fiore riprende il simbolismo solare ed era considerata una pianta protettiva. In questo contesto simboleggia la virtù della fanciulla
9) anche l’aver trasformato la massima “se non la cogli quando puoi, non la coglierai quando vorrai” in “se non lo fai quando sei giovane, allora non potrai farlo quando sarai vecchio” indica la volontà di rendere meno brutale la storia.

ASCOLTA Ian Robb in “Ian Robb and hang the Piper” 1979 Nelle note Ian scrive ” the bulk of the text and the tune coming from ‘This Singing Island’, MacColl and Seeger”  da ascoltare su Spotify


I
As I walked out one morning fair,
To see what I could shoot(1),
I there espied a pretty fair maid
Come a-tripping by the road.
CHORUS
And sing, Hail the dewy morning’
Blow all the winds high-O.
Clear away the morning dew,
How sweet the winds do blow.
II
We both jogged on together
‘Till we came to some pooks of hay.
She said’ “Young man, there is a place,
Where you and I can lay”.
III
I put me arms around her waist
And I tried to throw her down.
She said “Young man, the dewy grass
Will rumple my silk gown. ”
IV
“But if you come to me father ‘s house
There you can lay me down.
You can take away me maidenhead,
Likewise a thousand pounds(3).”
V
So I took her to her father’s house,
But there she locked me out.
She said’ “Young man, I’m a maid within,
And you’re a fool without! ”
VI
So it’s if you come to a pretty maid,
A mile outside of town,
Don’t you take no heed
of the dewy grass
Or the rumpling of her gown.
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Mentre andavo in un bel mattino
a cercare di impallinare qualcosa (1),
scorsi una giovane e bella fanciulla
che andava a passeggio per la strada.
RITORNELLO
Evviva la rugiada del mattino,
che tutti i venti portano via,
scompare la rugiada mattutina
non appena i venti dolcemente soffiano.
II
Camminammo affiancati
finchè arrivammo a dei covoni di fieno
e lei disse “Giovanotto questo è il posto dove ci possiamo riposare”
III
La strinsi tra le braccia
e cercai di metterla distesa
“Giovanotto, l’erba umida
mi stropiccerà l’abito di seta.
IV
Ma se verrete fino alla mia dimora (2)
allora vi coricherete con me
e prenderete la mia verginità,
insieme a un migliaio di sterline (3)”
V
Così l’accompagnai a casa,
ma lei mi chiuse fuori
dicendo “Giovanotto io sono una vergine all’interno
e voi uno sciocco all’esterno”
VI
Perciò se incontrate una bella fanciulla
ad un miglio dalla città,
non abbiate riguardo
a che l’erba umida
le stropicci il vestito!

NOTE
1) presumibilmente il protagonista è un gentleman che si diletta nella caccia come passatempo
2) la dimora paterna
3) ovviamente si sta riferendo alla dote

Quarta parte continua

FONTI
https://mainlynorfolk.info/eliza.carthy/songs/thebaffledknight.html
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=Child_d11204
http://www.mustrad.org.uk/articles/phyllism.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=64609
https://afolksongaweek.wordpress.com/2012/05/20/week-39-stroll-away-the-morning-dew/ http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=717 http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=1207 http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=5962 http://www.rosaleengregory.ca/the-baffled-knight.html http://www.readbookonline.net/readOnLine/43791/

THE SEEDS OF LOVE ONE MORE WARNING SONG

Nelle ballate antiche (e non solo di quelle in lingua inglese)  non sono insoliti ritornelli su fiori,  erbe e piante, forse il più famoso è quel “prezzemolo, salvia, rosmarino e timo” (in inglese Parsley, sage, rosemary and thyme) che nella versione di Simon & Garfunkel divenne il tormentone musicale sul finire degli anni sessanta .  L’aggiunta di erbe, verdure, fiori nel ritornello annunciava al pubblico l’ascolto di una storia “piccante” ovvero a sfondo erotico con significati più o meno nascosti. Il pubblico così era avvisato che le parole e le frasi avevano dei doppi sensi.

THE WARNING SONGS

Un filone ancora più specifico è poi quello della warning song  in cui le erbe compaiono come simboli per insegnare alla fanciulle i comportamenti più socialmente convenienti, ossia che si mantenessero pure e caste fino al matrimonio.
Nelle ballate la pianta associata al concetto di purezza fu il timo erba utilizzata nei fuochi sacri e come incenso religioso unitamente alla salvia, per l’antica credenza che  il timo fosse in grado di dare forza e chiarezza alla mente e purificasse l’aria dalle malattie.

Ancora dal filone delle “warning songs” ecco due canzoni della tradizione britannica sul timo, Sprig of Thyme e The Seeds of Love, entrambe mettono in guardia le fanciulle sui pericoli di cedere al fascino di un falso innamorato. “Sprig of Thyme” era probabilmente già conosciuta ai tempi di Shakespeare e le due ballate si confondono tra loro con pezzi di testo che vanno da un titolo all’altro rendendo ardua una classificazione.
Sul versante irlandese invece sono più diffusi titoli come “The bunch of thyme” o “Let no man steal yout thyme” (vedi)

SPRIG OF THYME

Ci sono molte versioni testuali di “The Sprig of Thyme” che giocano sul doppio-senso secondo un linguaggio vezzoso proprio dei salotti seicenteschi che metaforicamente parla di piante e fiori per indicare le questioni del sesso. Protagonista una fanciulla che si lamenta perchè un amante infedele le ha rubato il timo, ma in questa versione proposta per l’ascolto, la donna non si rammarica tanto per la verginità perduta quanto per il fatto di essere stata ingannata da un “false lover”, così il timo simboleggia la perdita dell’innocenza, lo slancio fiducioso di chi si dona all’amore e invece trova l’inganno.

ASCOLTA Telynor


I
O once I had thyme of my own (1),
And in my own garden it grew;
I used to know the place
where my thyme(2) it did grow,
But now it is cover’d with rue(3),
with rue, but now it is cover’d with rue.
II
The rue it is a flourishing thing,
It flourishes by night and by day;
So beware of a young man’s flattering tongue,
He will steal your thyme away.
III
I sowed my garden full of seeds;
But the small birds(4) they carried them away
In April, May, and in June likewise,
When the small birds sing all day.
IV
In June there was a red-a-rosy bud(5),
And that seem’d the flower for me;
so oftentimes I snatched at the red-a-rosy bud,
Till I gained the willow(6), willow tree.
V
O the willow, willow tree it will twist,
the willow, willow tree it will twine;
And so it was that young and false-hearted man
When he gained this heart of mine.
VI
O thyme it is a precious, precious thing
On the road that the sun shines upon;
But thyme it is a thing that will bring you to an end,
And that’s how my time has gone.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Un tempo avevo il  timo tutto per me,
e cresceva nel mio giardino,
conoscevo bene il posto
dove il mio timo cresceva,
ma ora è coperto dalla ruta,
ma ora è coperto dalla ruta
II.
La ruta è un fiore che sboccia
che sboccia notte e giorno,
così state attente alla parlantina di un giovanotto,
lui vi ruberà il vostro timo.
III
Ho seminato il mio giardino con tanti semi, ma gli uccellini  li portavano via, in Aprile, Maggio e anche in Giugno
quando gli uccellini cantano tutto il giorno.
IV
In giugno c’era una rossa rosa in boccio
che credevo fosse il fiore per me
e spesso ho strappato
quel bocciolo di rosa
finchè ho preso il salice.
V
Il salice si piegherà
e il salice si torcerà
e così fu che quel giovane falso innamorato
si prese questo mio cuore.
VI
Oh il timo è una cosa preziosa,
sulla via illuminata dal sole,
ma il timo è una cosa che vi porterà a consumarvi
ed è così che il mio tempo è finito

NOTE
1) letteralmente “a mia disposizione”
2) il timo è il simbolo della purezza, intesa come rettitudine, seguire la retta via (quella illuminata dal sole). Si gioca sull’assonanza tra thyme e time specialmente nell’ultima strofa, il tempo della giovinezza è breve, così il timo è cosa preziosa che non deve essere sprecata
3) la ruta è simbolo del rimpianto
4) gli uccellini sono i corteggiatori
5) la rosa rossa è la passione carnale, “passione sfrenata” è il roseo fiore della donna, ma anche un eufemismo per indicare un corteggiatore che è riuscito a ottenere la sua verginità
6) Salice= fertilità, ma anche tristezza, dolore e in questo contesto sta proprio ad indicare un amore infelice, abbandonato

LA VERSIONE MALANDRINA

Il testo proviene dalla collezione di Charles Lolley di Hemingbrough, East Yorkshire che nel 1891 venne pubblicata sul Leeds Mercury Newspaper per una rubrica tenuta da Frank Kidson dal titolo “Notes on Old Tunes”, il finale si discosta però dalle solite warning songs propendendo per una versione “consolatoria”: trovarsi un altro fidanzato ben dotato!

ASCOLTA Pete Coe & Alice Jones in “The Search For Five Finger Frank” 2014


I
Come all you pretty fair maids,
That are just in your prime,
I would have you weed your garden clear,
And let no one steal your thyme(1).
II
I once had a sprig of thyme,
It prospered both night and day,
By chance there came a false young man,
And he stole my thyme away,
III
Thyme it is the prettiest flower
That grows under the sun,
It’s time to brings all things to an end,
So now my time (1) runs on.
IV
Now my old thyme it is dead,
I’ve no room for any new,
For in that place where
my old thyme grew,
Has changed into a running rue(2).
V
I’ll put a stop to that running rue,
And plant a fair oak tree(3),
Stand you up, stand you up, you fair oak tree,
And do not wither and die.
VI
It’s very well drinking ale,
And it’s very well drinking wine,
But it’s far better sitting by a young man’s side,
That has won this heart of mine.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Venite tutte voi fanciulle graziose e belle che siete nell’età della giovinezza,
vorrei che teniate il vostro giardino pulito e che non permettiate a nessuno di rubare il vostro timo (tempo).
II
Un tempo avevo il mio rametto di timo,
e prosperava notte e giorno,
disgraziatamente arrivò un giovanotto falso
che mi portò via il  timo.
III
Il timo è il fiore più bello
che cresca sotto il sole,
è il tempo che volge ogni cosa
alla fine,
così adesso il mio tempo è scaduto.
IV
Il mio vecchio timo è morto
e non ho posto per quello nuovo,
perchè  dove
il mio vecchio timo cresceva,
si è sostituita la ruta strisciante.
V
Metterò fine all’espandersi della ruta
e pianterò una forte quercia,
rizzati, rizzati  tu
forte quercia,
non avvizzire e morire.
VI
Va bene bere birra,
ed è ancora meglio bere vino,
ma è decisamente meglio sedersi accanto ad un giovanotto
che abbia vinto questo mio cuore.

NOTE
1) il timo è il simbolo dell’innocenza, intesa come rettitudine e coerenza. Si gioca sull’assonanza delle parole thyme -time
2) la ruta è simbolo del rimpianto
3) la V strofa era stata “censurata” dalla pubblicazione sul giornale perchè considerata probabilmente “troppo spinta“, tratta da “The New Penguin Book of English Folk Songs” Steve Roud & Julia Bishop

THE SEEDS OF LOVE

seed-2La canzone intitolata anche “I sowed the Seeds of Love”, è stata raccolta nel 1903 da Cecil Sharp come cantata dal signor Jim Squires di Holford, Somerset, Inghilterra. Per inciso il testo non ha niente a che vedere con la “Sowing the seeds of love” cantata dai Tears for Fears, il gruppo new wave britannico degli anni 80 (scritta dai fondatori del gruppo Roland Orzabal e Curt Smith).
L’argomento delle “warning songs” si articola con la presenza di una terza figura quella del giardiniere, surrogato della figura paterna ovvero il custode delle convenzioni sociali.
Così i semi dell’amore sono sbocciati nella rovente rosa rossa della passione; la donna ha sbagliato a scegliere tra i suoi corteggiatori  e lasciandosi guidare solo dalle apparenze esteriori ha preferito cogliere una rosa rossa; purtroppo il falso innamorato si stanca presto e lei si tormenta accanto ad un salice piangente, facendo voto di umiltà!

ASCOLTA The Clancy Brothers & Tommy Makem (Strofe I, II, III, IV, V, VI-A)

ASCOLTA Loreena McKennitt (Strofe I, III, IV, V e VI-A, I) testo tradizionale, musica di Loreena McKennitt

ASCOLTA Jim Moray in Sweet England 2003 (strofe I, III, IV, V e VI-A) arrangiamento molto particolare pieno di campionamenti elettronici. Cantata da un uomo la canzone (in particolare nella versione ridotta) assume il tono dolente di un amante abbandonato.

(Testo tratto da qui)
I(1)
I sowed the seeds of love
I sowed them in the spring
I gathered them up(2)
in the morning so soon
When the small birds so sweetly sing
When the small birds so sweetly sing
II
My garden was planted well
With flowers everywhere
But I had not the liberty
to choose for myself
The flower I loved so dear.
III
The gardener was standing by
I asked him to choose for me
He chose for me the violet(3),
the lily(4) and the pink(5),
But those I refused all three
IV
The violet I did not like
Because it bloomed so soon
The lily and the pink
I really over-think
So I thought I would wait till June
V
In June there was a red rose bud(6)
That is the flower for me
I often times have plucked
that red rose bud
Till I gained the willow tree(7)
VI-A
The willow tree will twist
The willow tree will twine
I wish I was lying in that young man’s arms
That once held this heart of mine
VI-B
The gardener he stood by
And told me to take great care
For into the middle of
the red rose bush
There grows a sharp thorn(8) there.
VII
I told him I’d take no care
Till I had felt the smart
And I oftentimes plucked
at the red rose bush
Till it pierced me to the heart.
VIII
A posy of hyssop(8) I’ll make
No other flower I’ll touch
That all the world may plainly see
I loved one flower too much.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Ho seminato i semi dell’amore
e li ho seminati in primavera,
li ho raccolti
al mattino presto,
quando gli uccellini cantano sì dolcemente.
II
Il mio giardino era ben piantato
con  fiori ovunque,
ma non ero libera
di sceglierli da me
i fiori da amare caramente.
III
Il giardiniere mi stava vicino
e gli chiesi di scegliere per me,
lui prese per me la violetta,
il giglio e il cisto,
ma io li rifiuta
i tutti e tre.
IV
La viola non mi piaceva
perché fiorisce troppo presto
al giglio e al cisto
nemmeno ci badai
così pensai di attendere fino a Giugno.
V
A Giugno c’era il bocciolo di una rosa rossa, che è il mio fiore
tante volte ho colto
quel bocciolo di rosa rossa
finchè presi il salice
VI-A
Il salice si piegherà
il salice si torcerà
come vorrei essere
tra le braccia di quel  giovanotto
che un tempo aveva il mio cuore
VI-B
Il giardiniere mi stava accanto
e diceva di fare molta attenzione
perché nel mezzo
del cespuglio della rosa rossa
cresce una spina appuntita
VII
Gli ho detto che non mi importava
perché mi credevo furba
e spesso strappavo
le rose rosse del cespuglio
finchè mi trafissi il cuore
VIII
Un mazzetto di issopo farò
e nessun altro fiore toccherò
che tutti possano vedere chiaramente
che ho amato troppo un fiore.

NOTE
1) la strofa iniziale di Jim Moray dice
I sowed my seeds of love,
It was all in the Spring,
And waited until the flowers did bloom.
2) l’autore si riferisce implicitamente ai fiori
3) Viola= modestia
4) Giglio= purezza
5) il temine è un po’ generico e sta a indicare una grande varietà di fiori rosa si ritiene indichi il “pink rockrose”, ossia il cistus, arrivato nei giardini inglesi intorno al 1650. Sono fiori più propriamente appartenenti alla macchia mediterranea dette “rose di maggio” sia per il periodo della fioritura che per la somiglianza con le rose selvatiche.
6) Rosa rossa= amore romantico, lussuria o “passione sfrenata”
7) Salice= fertilità, ma anche tristezza, dolore e in questo contesto sta proprio ad indicare un amore infelice, abbandonato
8) la spina in questo contesto sta a indicare le pene dell’amore, i tormenti del cuore quando l’altro non corrisponde più. Potrebbe però anche essere una gravidanza indesiderata
9) Issopo indica l’umiltà come la ruta è un ingrediente dei liquori d’erbe per le sue proprietà digestive. La donna ci dice che è pentita di aver amato e vuole fare voto di umiltà

prima parte

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/fiori-erbe-buone-maniere-e-pruderie-nelle-antiche-ballate.html
http://fivefingerfrank.co.uk/new-notes-on-old-tunes-01-the-sprig-of-thyme/ http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/6.html http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/85.html http://www.theguardian.com/music/2010/may/23/folk-fishermans-friends http://mysongbook.de/msb/songs/r_clarke/thyme.htm http://www.musicanet.org/robokopp/english/isowed.htm http://www.recmusic.org/lieder/get_text.html?TextId=58154 http://www.contemplator.com/england/seeds.html http://folksongcollector.com/isowed.html

Spirito di Cervo e Danza di Renna..

Cernunnos by Jane Starr Weils

Il cervo nobile o cervo rosso (red deer) è l’animale per eccellenza dei boschi, preda ambita della caccia, ma anche animale mitologico signore del Bosco e della Rinascita. Per i Celti delle Gallie Cernunnos era il dio della fertilità con palchi di cervo sul capo, l’equivalente animale dello Spirito del Grano. Guida magica, messaggero delle fate o animale psicopompo, il cervo (specie se bianco) è associato alla Grande Madre (e alle dee lunari) ma anche a Lug (l’equivalente celtico di una divinità solare). Come animale di Lugh rappresenta il sole nascente (con le corna che raffigurano i raggi) e così nel Cristianesimo è la rappresentazione di Cristo (o dell’anima che anela a Dio): è il re Cervo ciclicamente sacrificato alla Dea Madre per assicurare la fertilità della terra. continua
Io sono cervo dai sette palchi” canta il bardo Amergin e così doveva essere vestito il druido-sciamano durante i rituali con corna e pelli di cervo!

La renna (che diventa in America “caribù”) è un animale artico che si è adattato a vivere nella tundra (per semplificare molto si può dire che la renna è un cervo nordico). In Europa si trova nelle regioni scandinave ma storicamente si ritiene popolasse anche l’Irlanda, perlomeno stando ai reperti fossili, pare infatti che gli animali chiamati dagli Inglesi “mosse-deer” fossero appunto renne. (Staffordshire, Inghilterra).
Noi oggi associamo immancabilmente le renne al Natale, ma è solo dal 1823 che le renne volanti diventano le compagne di Babbo Natale: è infatti nella favoletta A Visit from St. Nicholas attribuita a Clement Clarke Moore la slitta di San Nicola è trainata da otto renne dai nomi fantasiosi (vedi) Nel 1939 i magazzini Montgomery Ward di New York aggiunsero una nona renna, Rudolph dall’insolito naso rosso che proprio per il suo handicap diventa una sorta di faro luminoso per tracciare la strada! Da allora le renne diventarono sempre più popolari e ancora oggi vengono allevate sia in America che in Europa proprio per essere “messe in mostra” nel periodo natalizio come “pezzo di colore”!
Del resto se il Babbo Natale americano vive genericamente al Polo Nord, quello europeo vive in Lapponia, terra di Sami e renne, animali semi-addomesticati: “La mia gente vive con le renne da millenni, spiega un allevatore Sami. Siamo strettamente interconnessi. Si può dire che le nostre anime si toccano, o meglio ancora, che sono una cosa sola.”

renne

Sebbene le renne si siano adattate a vivere in climi molto freddi come quello subartico, riescono a vivere anche a latitudini più basse come ad esempio in Valle d’Aosta (Italia) dove dal 2008 nel comune di Courmayeur la famiglia Sanlorenzo gestisce un piccolo allevamento di renne. Ormai la renna della tundra (o renna del Vecchio Mondo) vive in branchi per lo più controllati dall’uomo, mentre la renna dei boschi (o renna del Nuovo Mondo) riesce ancora a vivere allo stato selvatico. Ovviamente i branchi di renne allo stato libero hanno bisogno di un vasto areale per il pascolo, ma si sta parlando appunto di grossi branchi sempre più minacciati da insediamenti e infrastrutture.

La caratteristica più vistosa della renna è il palco di corna (tipico elemento di dominanza) presente sia nei maschi che nelle femmine, ma in tempi alternati ( nei cervi invece sono solo i maschi a portare le corna): i maschi portano le corna in primavera-estate e le perdono dopo la stagione degli amori; le femmine portano i palchi, sebbene più piccoli rispetto a quelli dei maschi, in inverno e li perdono dopo la stagione dei parti. (Così le renne di Babbo Natale devono necessariamente essere femmine!!)

LA DANZA DEL CERVO (RENNA)

Traccia dei tempi della renna e della sua cultura si trovano ancora in Inghilterra in particolare a Abbots Bromley (presso lo Stafforshire), dove si è tramandata da tempi immemorabili una Danza delle Corna molto singolare. I danzatori indossano dei palchi di renna conservati come una sorta di trofeo nella locale Chiesa, guarda caso dedicata a San Nicola: le corna sono sei (metà bianche e metà scure), risalenti al XI secolo e sono montate su delle piccole teste di legno scolpite a forma di cervide. Un set alternativo di corna, ma di cervo, sono a disposizione dei danzatori per le trasferte fuori dal paese. Così in alcuni siti si parla di danza del cervo invece che di danza della renna.
St_Nicholas,_Abbots_Bromley,_Staffs_-_Antlers_in_north_chapel

E’ suggestivo pensare che la danza ancora praticata nello Stafforshire sia stata una rielaborazione “medievale” di ben più antichi rituali tribali.. ma non si hanno conferme in tal senso, le prime tracce si ritrovano solo nel 1686, quando viene descritta dal naturalista Robert Plot in “A Natural History of Staffordshire”:At Abbots, or now rather Paget’s Bromley, they had also, within memory, a sort of sport, which they celebrated at Christmas (on New year and Twelft day) called the Hobbyhorse dance, from a person that carried the image of a horse between his legs, made of thin boards, and in his hand a bow and arrow, which passing through a hole in the bow, and stopping upon a shoulder it had in it, he made a snapping noise as he drew it to and fro, keeping time with the Music: with this man danced six others, carrying on their shoulders as many Rain deer’s heads, 3 of them painted white, and 3 red, with the Armes of the chief families (viz. of Padgett, Bagot, and Wells) to whom the revenews of the Town chiefly belonged, depicted on the palms of them, with which they danced the Hays, and other Country dances. To this Hobbyhorse dance are also belong’d a pot, which was kept by turnes, by 4 or 5 of the cheif of the town, whom they call’d Reeves, who provided Cakes and Ale to put in this pot; all people who had any kindness for the good intent of the Institution of the sport, giving pence a piece for themselves and families; and so forraigners too, that came to see it: with which Mony (the charge of the Cakes and Ale being defrayed) they not only repaired their church but kept their poore too: which charges are not now perhaps so cheerfully boarn.“ (Dr. Robert Plot, A Natural History of Staffordshire, 1686)

E tuttavia rituali pre-cristiani danzanti con uomini travestiti in sembianza di cervo, sono citati spesso dai sacerdoti e missionari della Chiesa Cristiana che si lamentavano della fede “poco ortodossa” presente nelle campagne (si va dal IV secolo e così via per tutto il Medioevo): riti di rinascita per festeggiare l’anno nuovo in odore di “paganesimo”.

ABBOTS BROMLEY HORNE DANCE

La danza si svolge con regolarità ogni anno in occasione del Solstizio d’Inverno e anche ai primi di settembre.

sir john benjamin stone gorn danceAndy Letcher scrive:”The dance, held each Wakes Monday, begins at eight in the morning when the six sets of reindeer antlers are ceremoniously taken down from their mounts in the church. After a short service, the dancers are off, following a set route through the parish of this rural Staffordshire village. The retinue consists of the six Deer Men, a Hobby Horse, a Bowman (usually a child), a bladder-wielding Fool, a dragged-up Maid Marian and a brace of musicians – all Fowlers or Bentleys by birth or marriage and all dressed in distinctive medieval-style costumes. The dance lasts all day until, finally, at eight in the evening the horns are replaced in the church, and there they remain until the following year” e prosegue ” According to the historian Ronald Hutton in ‘The Stations of the Sun’ the Horn Dance probably began in the Tudor period as a (horn-free) hobby horse dance, common right across the midlands as a way of raising parish funds at Christmas. The horns had certainly arrived by the seventeenth century for the antiquarian Robert Plot left us a vivid description of them, but the dance fell into decline in the cheerless Cromwellian era. It was revived in the eighteenth century after a gap of nearly a hundred years, which is when it moved to its September date. The medieval-style costumes and the figure of Maid Marian arrived during the nineteenth century, immortalised in the black and white photographs of Benjamin Stone, the Doc Rowe of his day. But as to the question of how and why a hobby horse dance became a horn dance, employing antlers that have been carbon dated to the eleventh century, no one knows.” (tratto da qui)

I passi della danza sono semplicissimi, un po’ perchè il peso delle corna non permette grandi movimenti e un po’ perchè i danzatori ingaggiano una specie di maratona dalle otto del mattino fino alle otto di sera e devono risparmiare le forze, le melodie sono molte per lo più ad andamento processionale e la danza base è la farandola, la danza rituale di Samain (vedi) alla quale segue una serie di duelli simulati.

LE MELODIE
Premesso che ogni melodia di country dance può fare alla bisogona Cecil Sharp scrive in merito “While it is certainly true that the dancers in Abbots Bromley, England have generally ignored the “Wheelwright Robinson’s Tune” in favor of a wide variety of other pieces, it is equally apparent that the “Robinson’s” tune was played regularly for the dance for at least eighty years before it was supplanted by other tunes in the late nineteenth century. Marcia Ellis Rice was a resident and chronicler of Abbots Bromley. A member of the English Folk Dance and Song Society, she wrote several books and monographs of the culture of Abbots Bromley and Staffordshire. In this excerpt, she documents the various songs attached to the dance at the turn of the 20th century, and the emergence of the “Wheelwright Robinson’s Tune” as, if not the true “Old Tune”, at least the oldest tune that could be recalled by anyone living in the village at the time of her research.” (tratto da qui)

Morgan McDow con The Pipe & Bowl Morris Dancers
Abbotts Bromley Horn Dance Tune

Altre melodie qui

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/blanchebiche.htm
http://wiki.unimc.it/zoomorfico/index.php/Cervo http://www.ccsp.it/web/INFOCCSP/VCS%20storico/vcs2011pdf/sansoni%20et%20al.pdf http://terreceltiche.altervista.org/the-bonny-heyn/ http://www.mondimedievali.net/immaginario/cardini/cervo.htm http://www.nemetonruis.com/cervo1.htm http://www.greenpeace.org/italy/it/News1/blog/10-motivi-per-cui-le-renne-sono-gli-animali-p/blog/51779/ http://www.focus.it/ambiente/animali/le-renne-di-babbo-natale-in-pericolo http://www.spiralearth.co.uk/attitude/AL-Abbots-bromley.asp http://www.revels.org/experience-revels/cultural-traditions/abbots-bromley-horn-dance/ http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/focus/focus_0046.html http://www.uomocervo.org/cervo.php http://californiarevels.org/abbots_bromley_music

EDWARD BALLAD parte seconda

edward“Edward” è una ballata medievale in cui il protagonista, dopo essersi macchiato di un assassinio, ha intenzione di uccidersi o di scomparire per sempre e quindi lascia la sua confessione e il suo testamento alla madre. (vedi prima parte)

VERSIONE IRLANDESE

Più comunemente con il titolo “Who (what) Put the Blood” la versione irlandese è quella più divulgata nelle registrazioni folk e anche se in molte varianti testuali, conserva tuttavia la stessa melodia.

ASCOLTA John Wesley Harding in “Trad Arr Jones” 1999: “Edward” un tributo a Nic Jones (che registrò la ballata nel suo secondo album omonimo nel 1971) La versione può essere considerata un mix tra Child#13A e Child#13B (su Spotify)

ASCOLTA Karan Casey


I
Where have you been
all along summer’s day?
Son, tell it unto me
A-fishing and a-fowling in the fields and in the forest
Weary mother, let me be
Weary mother, let me be
II
Who put the blood on your right shoulder?
Son, tell it unto me
It’s the blood of a hare that I killed yesterday
I killed most manfully
I killed most manfully
III
The blood of a hare, it would never be so red
Son, tell it unto me
It’s the blood of a boy that I killed yesterday
I killed most manfully
Oh I killed most manfully
IV
What was between yourself and the boy?
Son, tell it unto me
‘Twas mostly the cutting down of a rod
That never would come to a tree
Oh it never would come to a tree
V
What will you do when your daddy finds out?
Son, tell it unto me
I will put my foot on board of a ship and sail away
Sail to a foreign country
Sail to a foreign country
VI
What will you do with your lovely wedded wife?
Son, tell it unto me
She can put her foot on board of a ship and follow me
Follow after me
Follow after me
VII
What will you do with your two fine babes?
Son, tell it unto me
I’ll give one to my father and the other to my mother
To keep them company
Oh to keep them company
VIII
What will you do with your house and your lands?
Son, tell it unto me
I will lay them bare to the birds and the air
There’s no more welcome for me
Oh there’s no more welcome for me
IX
What will you do in the winter of your life?
Son, tell it unto me
Like a sally in the rock, I will bend in the wind
And pray for the gods’ mercy
Oh and pray for the gods’ mercy…
(Tradotto da Cattia Salto)
I
“Dove sei stato
per tutto questo giorno d’estate?
Dimmi figliolo!”
“Ero a pescare e a cacciare nei campi e nei boschi,
mamma noiosa, lasciami in pace
mamma noiosa, lasciami in pace”
II
“Da dove arriva il sangue sulla tua spalla destra?
Dimmi figliolo!”
“E’ il sangue di una lepre che ho ucciso ieri.
L’ho ammazzata senza pietà
L’ho ammazzata senza pietà”
III
“Il sangue di una lepre , non dovrebbe essere così rosso
Dimmi figliolo!”
“E’ il sangue di un ragazzo che ho ucciso ieri
L’ho ammazzata senza pietà
L’ho ammazzata senza pietà”
IV
“E cosa è accaduto tra te
e il ragazzo?
Dimmi figliolo!”
E’ stato a causa del taglio di una radice che non diventerà mai un albero,
che non diventerà mai un albero.
V
“Che cosa farai quando tuo padre lo scoprirà?
Dimmi figliolo!”
“Metterò piede a bordo di una nave e partirò
salperò per una terra straniera,
salperò per una  terra straniera.”
VI
“E cosa farai con la tua amata mogliettina?
Dimmi figliolo!”
“Metterà piede a bordo di una nave e mi seguirà
salperà dietro di me;
salperà dietro di me.”
VII
“Che cosa farai con i tuoi due bei bambini (1)?
Dimmi figliolo!”
“Ne lascio uno a mio padre e l’altro a mia madre
per tener loro compagnia,
per tener loro compagnia.”
VIII
Cosa farai con le tue case e le tue terre?
Dimmi figliolo!”
“Li lascerò agli uccelli del
cielo
perchè non sarò più il benvenuto,
perchè non sarò più il benvenuto.”
IX
“Che cosa farai nell’inverno della tua vita?
Dimmi figliolo!”
” Come una balza nella roccia salterò nel vento
e pregherò per il perdono di Diopregherò per il perdono di Dio”

NOTE
1) in altre versioni sono dei levrieri (two fine greyhounds)

VERSIONE AMERICANA

La storia di Edward che si è diffusa in America è decisamente più soft rispetto alla versione inglese: più spesso è un cognato o il fratello ad essere la vittima e la madre non prenderà mai parte al crimine.
Cecil Sharp ha trovato 10 varianti di Edward negli Appalachi meridionali (per i testi qui) (ASCOLTA Irmadenne Finch qui, Alemda Riddle qui).

Tra le tante versioni si riporta questa dal titolo “Blood on your Shirtsleeve” in cui il protagonista confessa alla madre di aver ucciso la sorella, La ballata diventa un’oscura murder ballad piena di riferimenti arcani.
ASCOLTA James Yorkston (nel video come se fosse una storia di vampiri -dal film “Queen of the Damned”, tratto dalla saga di Ann Rice)


I
How came that blood on your shirtsleeve?
Oh, dear love, tell me.
Oh, it’s the blood of the old grey mare
That ploughed the fields for me, me,
Ploughed the fields for me.
II
How came that blood on your shirtsleeve?
Oh, dear love, tell me.
Oh, it’s the blood of the old grey hound
That chased the fox for me, me, me,
Chased the fox for me.
III
How came that blood on your shirtsleeve?
Oh, dear love, tell me.
Oh, it’s the blood of my sister dear
Who came away with me, me, me,
Came away with me.
IV
And it’s ‘What will you do now, my love?’
Oh, dear love, tell me.
I’ll set my foot on yonder ship
And sail across the sea, sea, sea,
Sail across the sea.
V
And it’s ‘When will you be back, my love?’
Oh, dear love, tell me.
When the moon sits yonder in the sycamore tree
And that will never be, be, be,
That will never be.
(Tradotto da  Cattia Salto)
I
“Da dove viene il sangue sulla manica della tua camicia,
dimmi mio caro, dimmelo?”
“E’ il sangue della vecchia giumenta bianca che arava i campi per me
che arava i campi per me!!”
II
“Da dove viene il sangue sulla manica della tua camicia,
dimmi mio caro, dimmelo?”
“E’ il sangue del vecchio segugio bianco che inseguiva la volpe per me
che inseguiva la volpe per me!”
III
“Da dove viene il sangue sulla manica della tua camicia,
dimmi mio caro, dimmelo?”
“E’ il sangue della mia cara sorella che è venuta via con me
venuta via con me!”
IV
“E che cosa farai adesso
amore mio,
dimmi mio caro?”
“Prenderò quella nave
e attraverserò il mare
attraverserò il mare!
V
“E quando ritornerai,
amore mio,
dimmi mio caro?””
“Quando la luna starà su quel platano (5)
– che non potrà mai accadere
non potrà mai accadere!”(6)

NOTE
5)  sycamore tree è una pianta che a seconda delle località di provenienza indica tre diversi alberi! Il sicomoro è una specie di fico selvatico dal dolce e piccolo frutto, le foglie invece sono simili a quelle del gelso. Originario dell’Africa è coltivato fin dai tempi più antichi in Egitto e Palestina e citato anche nella Bibbia. L’albero è sempreverde e produce una bell’ombra.
hatorIn Egitto il fico sicomoro era considerato un albero cosmico, simbolo dell’immortalità ovvero della vita dopo la morte e albero sacro a Hathor (figlia di Ra e divinità dell’amore e della fecondità, una delle Grandi Madri protostoriche): seppellire un morto in una cassa di sicomoro significava reintrodurre la persona nel grembo della dea madre, facilitando così il viaggio nell’aldilà. Sempre nel “Libro dei Morti” il sicomoro era ritenuto l’albero che stava fuori dalla porta del Cielo, da cui ogni giorno sorge il dio sole Ra (generato da Hathor). Come ha fatto ad arrivare in Europa? Alcuni ipotizzano che sia arrivato attraverso i pellegrinaggi in Terra Santa e che sia stato portato dai Crociati perchè considerato un albero sacro.
Sycamore nell’America settentrionale è invece la pianta che in Italia chiamiamo platano (platanus occidentalis o platano americano) il maestoso albero dei giardini barocchi, delle strade del re (fu importato in europa nel 1636) e incrociato con la varietà mediterranea (platanus orientalis).
Per un inglese delle Isole Britanniche sycamore è un acero montano (stessa famiglia del platano). La caratteristica foglia che assomiglia al palmo della mano è l’albero sacro della Grande Madre cretese (rappresentata con la mano aperta nell’atto di benedire) così il platano arrivato in Grecia è dedicato ad una ninfa lunare. Il platano come il serpente cambiano pelle ovvero la corteccia e quindi sono un simbolo di rigenerazione. Successivamente l’albero venne dedicato ad Apollo
6) la frase è da leggersi in senso letterale ossia la luna non potrà mai stare appesa ad un albero. Evidentemente il narratore non conosceva la fiaba dei fratelli Grimm sulla Luna:  un tempo la notte sulla terra era sempre buia perchè non c’era nessun astro del cielo a sostituire il sole durante il suo riposo notturno. Così dei mercanti andarono per terre lontane e trovarono la luna, una grande lampada appesa ad una grande quercia e la rubarono per portarla nel loro paese. (vedi qui).
In altre versioni è il sole che non potrà mai tramontare dietro al platano. La frase deriva certamente da una delle imprese impossibili della serie ed è traslato dal verso “the Sun and Moon meet in yonder glen”. Probabilmente si sta evocando un’ancestrale associazione all’albero cosmico.

ASCOLTA Sam Amidon How Come That Blood, in “I see the Sight” 2010


How come that blood all over your shirt?
My son come tellin’ to me
It is the blood of my gullin’ gray hawk who flies across the field
Got a gray hawk’s blood and was never so red
My son come tellin’ to me
It is the blood of my gullin’ greyhound who hunts the woods with me
Got a greyhound’s blood and was never so red
My son come tellin’ to me
It is the blood of my gullin’ gray mare I used to ride so gay
Got a gray mare’s blood and was never so red
My son come tellin’ to me
It is the blood of my own dear brother who lately I have slain
What did you and him fall out about?
My son come tellin’ to me
I cut him down young hazelnut tree caused it for to be
And what you gonna do when your daddy finds out?
My son come tellin’ to me
I’ll set my foot in the undership and I’ll sail across the sea
What you gonna do with your pretty little wife?
My son come tellin’ to me
Just set her foot in the undership and she’ll sail along with me
And what you gonna do with the children free?
My son come tellin’ to me
I’ll leave them here along with you to bear you company
I’ll leave them here along with you to bear you company
And when you coming home?
My son come tellin’ to me
When the sun and the moon shine in the north hills and that will never be
When the sun and the moon shine in the north hills and that will never be
(Tradotto da  Cattia Salto)
“Da dove viene il sangue sulla manica della tua camicia,
figlio mio su  dimmelo?”
“E’ il sangue del mio fidato falco bianco
che vola nel cielo”
“Il sangue di un falco non può essere così rosso”
“figlio mio su  dimmelo?”
“E’ il sangue del vecchio segugio bianco che cacciava nei boschi
con me”
“Il sangue di un segugio non può essere così rosso”
“figlio mio su  dimmelo?”
“E’ il sangue della vecchia giumenta bianca con cui cavalcavo allegramente”
“Il sangue di una giumenta non può essere così rosso”
“figlio mio su  dimmelo?”
“E’ il sangue della mia caro fratello
che ho ucciso di recente”
“E cosa è accaduto tra te
e lui?
Figlio mio su  dimmelo?”
E’ stato a causa del taglio di un giovane nocciolo che non diventerà mai un albero”
“E che cosa farai quando tuo padre lo troverà?
Figlio mio su  dimmelo?”
“Prenderò quella nave
e attraverserò il mare”
“E cosa farai con la tua amata mogliettina?
Figlio mio su  dimmelo?”
“Metterà piede a bordo di una nave
e salperà dietro di me”
“Che cosa farai con i tuoi due bei bambini?
Figlio mio su  dimmelo?”
“Li lascerò qui con te
per tenerti compagnia;
Li lascerò qui con te
per tenerti compagnia”
“E quando ritornerai,
Figlio mio su  dimmelo?”
“Quando il sole e la luna splenderanno sulle colline a nord
e non potrà mai accadere
Quando il sole e la luna splenderanno sulle colline a nord
e non potrà mai accadere!”

Quarta parte: Lucy Wan continua

Cattia Salto novembre 2014

FONTI
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-YellowDog.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Edward_(ballata) http://mbmonday.blogspot.it/2012/04/edward-what-put-blood-blood-on-his.html http://mbmonday.blogspot.it/2012/04/its-all-about-little-holly-bush.html http://mbmonday.blogspot.it/2012/04/why-dois-your-brand-sae-drap-wi-bluid.html http://www.contemplator.com/child/sharp13.html http://www.christymoore.com/lyrics/what-put-the-blood/ http://betterknowachildballad.wordpress.com/2013/02/02/child-13-edward/ http://mainlynorfolk.info/nic.jones/songs/edward.html http://www.nspeak.com/allende/comenius/bamepec/multimedia/saggio3.htm http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_13 http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=48691 http://wesleystace.com/album/trad-arr-jones/ http://www.ancusimorari.org/Contributi-letterari/PLATANO.pdf