Archivi tag: Cara Dillon

Lass of Glanshee

Leggi in italiano

“The Lass of Glanshee” or “The maid of Glashee” or “The Rose of Glanshee” is a Scottish ballad penned by Andrew Sharpe (according to G Malcolm Laws -in American Balladry From Bristish Broadsides, 1957) in the late 1700s ‘Nineteenth century, on the tune “The Road and the Miles to Dundee
Curious character, Andrew Sharpe, cobbler from Perth (Scotland), but also flute player, painter, composer and singer of love songs, yet this song is best known in its version from Celtic Canada, as it was collected by Helen Creighton during her excursions in New Brunswick from 1954 to 1960 and transcribed in “Folksongs from Southern New Brunswick” (1971). The witness Angelo Dornan, lived in Elgin, NB (Eastern Canada) at the time of registration. Most of his repertoire comes from Northern Ireland, the place of origin of his parents.

The ballad is a “pastoral” songs, a very popular song in England, Ireland and Scotland in the seventeenth and eighteenth centuries: this literary genre is characterized by the love contrast between a shepherdess and a suitor (a shepherd boy, or as in this case , a gentleman of passage) often with an erotic or spicy allusive background. The textual versions are quite similar and describe the same story: while a rustic but very pretty shepherdess is herding her flock, a young man spy and courting her; the song is then developed on the model of a pastoral contrast, with him who trying to seduce her and she escapes, knowing full well that she would never become his bride, because of their social difference. In reality the young maidens who wandered through the countryside and the woods were easy prey (more or less consensual) of the “hunters” men and often these ballads ended with the announcement of unfortunate pregnancies.(see more)

HAPPY END

“The Lass of Glanshee” has a happy ending as in beautiful fairy tales they get married and live happily for ever!

Altan from Horse With A Heart 1989: with their balanced repertoire based on the traditional music of Donegal and the Scottish influences the Altan spread throughout the world ballads, nursery rhymes and songs in Gaelic. Their version of The Lass of Glanshee, performed on a song originally from Scotland, has become a standard for Irish music groups.
Anuna (I, II,IV,V, VI)

Cara Dillon live

Greenoch interesting version of the Italian duo Cecilia Gonnelli and Roger Taradel

THE LASS OF GLENSHEE
I
One morning in springtime
as day was a-dawning
Bright Phoebus had risen
from over the lea
I spied a fair maiden
as homeward she wandered
From herding her flocks
on the hills of Glenshee
II
I stood in amazement,
says I, “Pretty fair maid
If you will come down
to St. John’s Town (1) with me
There’s ne’er been a lady
set foot in my castle (2)
There’s ne’er been a lady
dressed grander than thee
III
A coach and six horses
to go at your bidding
And all men that speak
shall say “ma’am unto thee
Fine servants to serve you
and go at your bidding”
I’ll make you my bride,
my sweet lass of Glenshee”
IV
“Oh what do I care for
your castles and coaches?
And what do I care
for your gay grandeury (3)?
I’d rather be home at my cot,
at my spinning
Or herding my flocks
on the hills of Glenshee”
V
“Away with such nonsense
and get up beside me
E’er summer comes on
my sweet bride you will be
And then in my arms
I will gently caress thee”
‘Twas then she consented,
I took her with me
VI
Seven years have rolled on
since we were united
There’s many’s a change,
but there’s no change on me
And my love, she’s as fair
as that morn on the mountain
When I plucked me a wild rose (4)
on the hills of Glenshee

NOTES
1) the city of Perth has an ancient church ((St John’s Kirk) and formerly took the name of Saint John’s Toun or St Johnstone.
2) Perthshire is dotted with castles scattered across the beautiful countryside but also close to Perth: Balhousie Castle, Huntingtower Castle, Scone Palace, Elcho Castle, Fingask Castle, Strathallan Castle, Blair Castle (more)
3) the verse follows the popular Raggle Taggle Gypsie
4) they are not limited to holding hands, and the rose is not just a flower

SCOTTISH/CANADIAN VERSION: THE HILLS OF GLENSHEE

The Glenshee Hills are located in the county of Pert, the ‘Fairy hill’ in the center of Scotland, a popular winter ski resort and summer hiking destination.

With the title “The Hills of Glenshee” is the variant spread to Newfoundland.
Harry Hibbs a more country version, from best-known icon for traditional Newfoundland music.

THE HILLS OF GLENSHEE
I
One fine summer’s mornin’
as I went out walkin’,
Just as the grey dawn
flew over the sea,
I happened to spy
a fair haired young damsel,
Attending her flock
by the hills of Glenshee.
II
I said,” pretty fair one,
will you be my dear one,
For I’ll take you over,
my bride for to be;
And this very night
in my arms  I will hold you,
While you tend your flock
on the hills of Glenshee.”
III
“Oh no, my dear sir,
you’ll not take me over,
None of your footmen
to wait upon me;
I would rather stay home
in my own homespun clothing,
And attend to my flock
on the hills of Glenshee.”
IV
For twenty long years
we’ve both been together,
Seasons may change
but there’s no change in me;
And if God lets me live
and I have my right senses,
I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.
V
She’s Mary, my Mary,
my own lovin’ darlin’,
She’s as pure as the perfume
blows over the sea;
And her cheeks are as pale
as the white rose of summer,
That spreads out its leaves
on the hills of Glenshee.
VI
She’s Mary, my Mary,
my own lovin’ darlin’,
I do love her so
and I know she loves me;
And I’ll never prove false
to my girl where I met her,
No I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.
No I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.

see also
LINK
https://www.mun.ca/folklore/leach/songs/NFLD1/2-10.htm
https://soundcloud.com/catherinecrowe/01-the-rose-of-glenshee?in=catherinecrowe/sets/field-recordings-of-angelo
http://digicoll.library.wisc.edu/WiscFolkSong/data/docs/WiscFolkSong/400/000333.pdf
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=50613
http://folksongsatlanticcanada.blogspot.it/2012/04/new-brunswick-folk-songs.html
https://journals.lib.unb.ca/index.php/JNBS/article/view/20084/23145
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/26/hills.htm

La fanciulla della Valle delle Fate

Read the post in English

“The Lass of Glanshee” o “The maid of Glashee” o ancora “The Rose of Glanshee” è una ballata scozzese composta da Andrew Sharpe (secondo G Malcolm Laws -in American Balladry From Bristish Broadsides, 1957) sul finire del 1700 primi dell’Ottocento, sulla melodia The Road and the Miles to Dundee
Personaggio curioso, Andrew Sharpe, ciabattino di Perth (Scozia), ma anche suonatore di flauto, pittore, compositore e cantore di canti d’amore, eppure la canzone è meglio nota nella sua versione dal Celtic Canada, come è stata raccolta da Helen Creighton durante il suo lavoro di ricerca nel Nuovo Brunswick dal 1954 al 1960 e finita in “Folksongs from Southern New Brunswick” (1971)  . Il testimone Angelo Dornan, viveva a Elgin, NB (Canada orientale) al momento della registrazione. La maggior parte del suo repertorio proviene dall’Irlanda del Nord, il luogo d’origine dei suoi genitori.

La ballata si annovera tra i canti “pastorali” molto popolari in Inghilterra, Irlanda e Scozia nei secoli XVII e XVIII: questo genere letterario si caratterizza per il  contrasto amoroso tra una pastorella e un corteggiatore (anch’egli pastorello, oppure come in questo caso, un gentiluomo di passaggio) spesso a sfondo erotico o piccantemente allusivo. Le versioni testuali sono abbastanza simili e descrivono la stessa storia: mentre una rustica ma assai graziosa pastorella custodisce il gregge, un giovane la spia e la corteggia; la canzone si sviluppa quindi sul modello di contrasto amoroso con “botta e risposta” tra le parti, con lui che cerca di sedurla e lei che si sottrae, ben sapendo che non sarebbe mai diventata la sua sposa, a causa della loro differenza di rango. In realtà le giovani popolane che si aggiravano per le campagne e i boschi erano ben facili prede (più o meno consensuali) degli uomini “cacciatori” e spesso queste ballate si concludevano con l’annuncio di infauste gravidanze. (continua)

HAPPY END

“The Lass of Glanshee” ha un lieto fine come nelle belle favole i due si sposano e vivono per sempre felici e contenti!

Altan in Horse With A Heart 1989: con il loro equilibrato repertorio fondato sulla musica tradizionale del Donegal e gli influssi scozzesi  diffondono in tutto il mondo ballate, filastrocche e canzoncine in gaelico che finiscono immancabilmente nelle compilation di musica celtica. Così la loro versione di The Lass of Glanshee, pur eseguita su una canzone originaria della Scozia, è diventata uno standard per i gruppi di musica irlandese.
Anuna (I, II,IV,V, VI)

Cara Dillon live

Greenoch interessante la versione del duo italiano Cecilia Gonnelli e Roger Taradel


I
One morning in springtime
as day was a-dawning
Bright Phoebus had risen
from over the lea
I spied a fair maiden
as homeward she wandered
From herding her flocks
on the hills of Glenshee
II
I stood in amazement,
says I, “Pretty fair maid
If you will come down
to St. John’s Town (1) with me
There’s ne’er been a lady
set foot in my castle (2)
There’s ne’er been a lady
dressed grander than thee
III
A coach and six horses
to go at your bidding
And all men that speak
shall say “ma’am unto thee
Fine servants to serve you
and go at your bidding”
I’ll make you my bride,
my sweet lass of Glenshee”
IV
“Oh what do I care for
your castles and coaches?
And what do I care
for your gay grandeury (3)?
I’d rather be home at my cot,
at my spinning
Or herding my flocks
on the hills of Glenshee”
V
“Away with such nonsense
and get up beside me
E’er summer comes on
my sweet bride you will be
And then in my arms
I will gently caress thee”
‘Twas then she consented,
I took her with me
VI
Seven years have rolled on
since we were united
There’s many’s a change,
but there’s no change on me
And my love, she’s as fair
as that morn on the mountain
When I plucked me a wild rose (4)
on the hills of Glenshee
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Una mattina di Primavera
allo spuntar del giorno,
Febo luminoso era sorto
e da oltre il prato
osservai una graziosa fanciulla
mentre vagabondava sulla via di casa
e badava al gregge
sulle colline di Glenshee.
II
Meravigliato le dissi:
“Dolce e bella fanciulla,
se tu verrai a valle
a Perth con me
nessuna altra donna
metterà piede nel mio castello
e nessuna altra donna sarà
vestita più sontuosamente di te
III
Una carrozza trainata da 6 cavalli
avrai al tuo servizio
e tutti gli uomini che interrogherete
vi diranno ‘Madama al vostro cospetto
eleganti servitori per servirvi
e andare al vostro comando’
ti farò mia sposa,
mia dolce ragazza di Glenshee”
IV
“Ma cosa volete che m’importi del vostro castello e della vostra carrozza?
Cosa volete che mi interessi della vostra ricchezza?
Preferisco stare a casa nel mio letto,
al mio filatoio
o pascolare il gregge
sulle colline di Glenshee”
V
“Basta con queste sciocchezze
e fermati accanto a me,
già l’estate arriverà
tu sarai la mia dolce sposa
e allora tra le braccia
ti stringerò piano”
Così lei acconsentì
e la presi con me.
VI
Sette anni sono passati
da quando ci siamo sposati
ci sono stati dei cambiamenti,
ma non per me
e il mio amore, lei è chiara
come quel mattino sulla montagna
quando mi colse una rosa selvaggia sulle Colline di Glenshee

NOTE
1) la città di Perth che conseva una antica chiesa (St John’s Kirk) e anticamente prendeva il nome di Saint John’s Toun o St Johnstone.
2) il Perthshire è disseminato di castelli sparsi per la bellissima campagna ma anche vicini alla città di Perth: Castello di Balhousie, Castello di Huntingtower, Scone Palace, Elcho Castle, Castello di Fingask, Castello di Strathallan, Blair Castle (continua)
3) la strofa ricalca la popolarissima Raggle Taggle Gypsie
4) i due non si sono limitati a tenersi per mano, e la rosa non è solo un fiore

LA VERSIONE SCOZZESE/CANADESE: THE HILLS OF GLENSHEE

Le colline di Glenshee si trovano nella contea di Pert,  la ‘Fairy Glen’ la collina delle Fate, quasi al centro della Scozia è una rinomata località sciistica invernale e meta di escursioni d’estate.

Con il titolo “The Hills of Glenshee” è la variante diffusa a Terranova.
Harry Hibbs una versione più country, dall’icona della musica tradizionale di Terranova


I
One fine summer’s mornin’
as I went out walkin’,
Just as the grey dawn
flew over the sea (1),
I happened to spy
a fair haired young damsel,
Attending her flock
by the hills of Glenshee.
II
I said,” pretty fair one,
will you be my dear one,
For I’ll take you over,
my bride for to be;
And this very night
in my arms  I will hold you,
While you tend your flock
on the hills of Glenshee.”
III
“Oh no, my dear sir,
you’ll not take me over,
None of your footmen
to wait upon me;
I would rather stay home
in my own homespun clothing,
And attend to my flock
on the hills of Glenshee.”
IV
For twenty long years
we’ve both been together,
Seasons may change
but there’s no change in me;
And if God lets me live
and I have my right senses,
I’ll never prove false (2)
to the girl on Glenshee.
V
She’s Mary, my Mary,
my own lovin’ darlin’,
She’s as pure as the perfume
blows over the sea;
And her cheeks are as pale
as the white rose of summer,
That spreads out its leaves
on the hills of Glenshee.
VI
She’s Mary, my Mary,
my own lovin’ darlin’,
I do love her so
and I know she loves me;
And I’ll never prove false
to my girl where I met her,
No I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.
No I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Una bella mattina d’estate
mentre ero a passeggio
proprio quando la pallida alba
sorgeva dal mare
mi capitò di osservare
una giovane fanciulla dai capelli biondi
che badava al gregge
sulle colline di Glenshee.
II
Dissi: “Bella damigella,
volete essere la mia favorita
perchè vi prenderò
per essere la mia sposa
e questa stessa notte
tra le mie braccia vi terrò,
mentre badate al gregge
sulle colline di Glenshee”
III
“Oh no caro Signore
non mi prenderete
e nessuono dei vostri servitori
mi renderà omaggio;
preferisco stare a casa,
nei miei vestiti fatti a mano
a pascolare il gregge
sulle colline di Glenshee”
IV
Per venti lunghi anni
siamo stati insieme,
le stagioni possono mutare
ma io non sono cambiato;
e se Dio mi farà vivere
nel pieno possesso delle mie facoltà
non tradirò mai
la ragazza di Glenshee
V
Lei è Maria, la mia Maria
il mio amato tesoro,
è pura come la brezza
che soffia dal mare
e le sue guance sono pallide
come la rosa bianca dell’estate
quando le foglie germogliano
sulle Colline di Glenshee
VI
Lei è Maria, la mia Maria
il mio amato tesoro,
l’amo così
e so che lei mi ama
non tradirò mai
la mia ragazza che ho incontrato,
non tradirò mai
la ragazza di Glenshee
non tradirò mai
la ragazza di Glenshee

NOTE
1) in senso lato non essendoci la vista mare dalle Glenshee
2) letteralmente “non sarò mai falso”

continua
FONTI
https://www.mun.ca/folklore/leach/songs/NFLD1/2-10.htm
https://soundcloud.com/catherinecrowe/01-the-rose-of-glenshee?in=catherinecrowe/sets/field-recordings-of-angelo
http://digicoll.library.wisc.edu/WiscFolkSong/data/docs/WiscFolkSong/400/000333.pdf
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=50613
http://folksongsatlanticcanada.blogspot.it/2012/04/new-brunswick-folk-songs.html
https://journals.lib.unb.ca/index.php/JNBS/article/view/20084/23145
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/26/hills.htm

HERE’S A HEALTH TO THE COMPANY

Una emigration song proveniente dall’Irlanda del Nord e di probabile origine scozzese intitolata anche “The Parting Glass”  da confondere con l’altra più popolare “The Parting Glass”  che inizia con “Of all the money e’er I had“.
La sua forma standard è oggi quella registrata dai Chieftains
ASCOLTA Kevin Conneff (The Chieftains) in “A Chieftains Celebration, 1989 (strofe da I a III)

ASCOLTA Cara Dillon 2006

Un brano da renaissance fair, ascoltiamolo nella versione dei Blackmore’s Night in Autumn Sky 2010

e una perfetta tavern song finita nel video-gioco Assassin’s Creed Black Flag (strofe da I a III)


I
Kind friends and companions, come join me in rhyme
Come lift up your voices in chorus with mine
Come lift up your voices, all grief to refrain
For we may or might never all meet here again
Chorus:
Here’s a health to the company and one to my lass
Let us drink and be merry all out of one glass
Let us drink and be merry, all grief to refrain
For we may or might never all meet here again
II
Here’s a health to the dear lass that I love so well
For her style and for her beauty, that none can excel
There’s a smile upon her countenance as she sits on my knee
There is no man in this wide world as happy as me
III
Our ship lies at anchor, she’s ready to dock
I wish her safe landing without any shock
If ever I should meet you by land or by sea
I will always remember your kindness to me
IV
My footsteps may falter my wit it may fail
My course may be challenged by November gale
Ere fortune shall prove to be friend or foe
You will always be with me wherever I go
tradotto da Cattia Salto
I
Venite cari amici e compagni  e unitevi alla mia canzone,
venite e innalzate le voci in coro con la mia
venite a innalzare le voci e a raffrenare tutto il dolore
che forse  non potremo mai più rincontrarci ancora tutti qui
CORO:
Un brindisi alla compagnia e uno alla mia ragazza,
beviamo e cerchiamo tutto il divertimento in un bicchiere,
beviamo e cerchiamo di divertirci per raffrenare tutto il dolore,
che forse  non potremo mai più rincontrarci ancora tutti qui.

II
Alla salute della cara ragazza che amo coì tanto
per i suoi modi e la sua bellezza, che nessuna  può eguagliare,
c’è un sorriso sul suo viso quando si siede sulle mie ginocchia
e non c’è nessun uomo in questo mondo selvaggio felice come me
III
La nostra nave è in rada pronta per attraccare
le auguro uno sbarco in salvo senza alcun urto
e se ci incontreremo ancora per mare o per terra
mi ricorderò sempre la vostra cortesia verso di me
IV
I miei passi possono vacillare, e lo spirito fallire
il destino forse essere cambiato da una tempesta di novembre,
prima che la fortuna si mostrerà amica o nemica
tu sarai sempre con me ovunque andrò

FONTI
https://soundcloud.com/fifesing/sheila-stewart-the-parting-glass
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=161869
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=157681
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/heresahealthtothecompany.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=161869

STREETS OF DERRY

Gli studiosi datano l’origine della ballata tra il 1817 e il 1830, collegandola con “The Maid Freed from the Gallows” ma anche con la ballata di Geordie; più in generale “Streets of Deyy” si inserisce nel filone delle “ballate del patibolo“: il protagonista viene salvato dalla forca da un perdono giunto all’ultimo momento portato dalla fidanzata che arriva al galoppo su uno stremato cavallo.


Alcune versioni chiamano l’eroina Ann O’Neill e la maggior parte indicano  la città di Derry come il luogo in cui sta per avvenire l’impiccagione; in alcune compare anche un sacerdote pronto ad accogliere la confessione del condannato (e a ritardare l’esecuzione).
Eleanor R. Long (Saskatoon, Saskatchewan, Canada) nel suo saggio “Derry Gaol From Formula to Narrative Theme in International Popular Tradition” analizza 27 versioni della ballata e le classifica in 5 filoni. Così osserva la Long “Certain aspects of the ballad’s narrative, however, are timeless in their reflection of Irish history and culture. The public execution of Irish patriots was a familiar phenomenon throughout the period of British occupation, and history as well as ballad-literature reports the ubiquity of sorrowing relatives at the execution site, requests for appropriate religious rites for the dying, and desperate, not infrequently successful appeals for last-minute pardons f or political offenders. But during the time-period under consideration (1817-1830), two specific historical events occurred which corroborate the circumstances described in Laws L 11 without localizing those circumstances in northern Ireland: the Catholic clergy developed an exceptionally militant attitude toward the denial of freedom of conscience to prisoners in British penitentiaries, and in the summer of 1821 King George IV became the first English monarch to set foot on Irish soil since the Reformation, winning by that gesture a degree of popularity among the Irish people that was as unprecedented as it was temporary.” (vedi)

ASCOLTA su Spotify  Bothy Band (voce Triona Ni Dhomhnaill)  in “Out of the Wind, Into the Sun”, 1977 (testo qui)
ASCOLTA su Spotify  Peter Bellamy in “Both Sides Then”, 1979
ASCOLTA Oisin in Winds of Change”, 1989

ASCOLTA Cara Dillon & Paul Brady


I
After morning there comes an evening
And after the evening another day.
And after false love there comes a true love;
I’ll have you listen now to what I say.
II
My love he is as fine a young man
As fair as any the sun shone on.
But how to save him I do not know it,
For now he’s got a sentence to be hung.
III
As he was a-marching through the streets of Derry,
I’m sure he marched up right manfully,
Being much more like a commanding officer
Than a man to die upon a gallows tree.
IV
But the very first step he did put on that ladder,
His bloomin’ colour began to fail
And with heavy sighin’ and bitter cryin’,
“Is there no releasement from Derry Gaol?
V
And the very next step he did put on that ladder,
His lovin’ clergyman was standing by,
Cryin’, “Stand you back, you false prosecutors,
For I’ll make you see that he may not die.”
VI
“Yes, I’ll make you see that you may not hang him
Until his confession to me is done,
And then you’ll see that you may not hang him
‘Til within ten minutes of the setting sun.
VII
“What keeps my love, she’s so long a-coming?
Oh, what detains her so long from me?
Or does the think it’s a shame or scandal
To see me die on the gallows tree?”
VIII
He looked around and he saw her coming,
And she was dressed all in woollen fine
The weary steed that my love was riding
It flew more swifftly than the wind
IX
Come down, come down from that cruel gallows
I’ve got your pardon from the king
And I’ll let them see that they dare not hang you
And I’ll crown my love with a bunch of green 
tradotto da Cattia Salto
I
Dopo il mattino viene la sera
e dopo la sera un altro giorno
così dopo un falso innamorato arriva il vero amore,
ascoltate bene cosa vi dico
II
Il mio amore è un bel giovanotto
bello come pochi sotto il sole, ma come fare per salvarlo non so, perchè è stato condannato all’impiccagione
III
Mentre camminava per le strade di Derry (1)
di certo marciava spavaldo
molto più simile a un comandante
che a un condannato sul punto di morire sulla forca
IV
Ma al primo passo che mise su quella scaletta
il suo colorito iniziò a spegnersi
e con profondi sospiri gridò amaramente “Non c’è il perdono dal carcere di Derry?”
V
E il secondo passo che mise su quella scaletta il suo caro sacerdote (2) gli stava accanto
gridando “State indietro, falso pubblico ministero,
che vi mostrerò perchù lui non può morire!
VI
Si, vi mostrerò che non potete
impiccarlo

finchè non mi ha rilasciato la sua confessione, e così vedete che non potete impiccarlo
fino a quando mancheranno 10 minuti al tramonto”
VII
Cosa trattiene il mio amore che ci mette tanto a venire?
Che cosa la tiene così lontana da me?
Crede forse che sia una vergogna o uno scandalo
vedermi morire sulla forca?

VIII
Si guardò intorno e la vide
arrivare
ed era vestita di un bel panno
il destriero affaticato che il [suo] amore cavalcava
volava più veloce del vento.
IX
Scendi, scendi da quella forca crudele
ho ottenuto il perdono dal Re (3)
farò loro vedere che non oseranno impiccarti
e incoronerò il mio amore con una ghirlanda verde (4)”

NOTE
1) il riferimento alle strade di Derry o alla prigione di Derry appare nelle varianti della ballata solo a partire dal 1830
2) il tema del sacerdote che cerca di ottenere tempo sul patibolo è sostituito in altre versioni dalla richiesta di conforto rivolta ai congiunti ad esempio i Bothy Band
His beloved father was standing by
“Come here, come near, my beloved father
And speak one word to me before I die”
3) nella versione di Bellamy è “the Queen” in altre versioni la grazia arriva “dal Re e dalla Regina”
4) nella versione dei Bothy Band diventa un “a laurel leaf”, Al O’Donnell canta invece “…with a bunch of bloom”.

FONTI
http://bluegrassmessengers.com/95a-derry-gaol-or-the-streets-of-derry-bronson.aspx
http://bluegrassmessengers.com/derry-gaol-from-formula-to-narrative-theme.aspx
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=53736&lang=it
https://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/thestreetsofderry.html
http://www.celticlyricscorner.net/bothyband/streets.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=3780

P STANDS FOR PADDY

P stands for Paddy” (come pure “The verdant braes of Screen“) affronta il tema dell’amore falsamente corrisposto.
Però la melodia è più gioiosa di quanto ci si aspetterebbe da questo genere di warning songs e il dialogo tra i due sembra più un bisticcio tra innamorati che una separazione.
Così il commento di A.L. Lloyd alla versione dei Waterson “T stands for Thomas” “These B for Barney, P for Paddy, J for Jack songs are usually Irish in origin though common enough in the English countryside. Often the verses are just a string of floaters drifting in from other lyrical songs. So it is with this piece, which derives partly from a version collected by Cecil Sharp from a Gloucestershire gipsy, Kathleen Williams. Some of the verses are familiar from an As I walked out song sung to Vaughan Williams by an Essex woodcutter, Mr Broomfield (Folk Song Journal No. 8). The verses about robbing the bird’s nest recall The Verdant Braes of Skreen.”

ASCOLTA Planxty in Cold Blow and the Rainy Night , 1974, i quali hanno divulgato la canzone al grande pubblico (per il testo vedi)

Old Blind Dogs in Tall Tails 1994 ovvero la formazione degli esordi con Ian F. Benzie (voce e chitarra) Jonny Hardie (violino), Buzzby McMillian (cittern) Davy Cattanach (percussioni)

ASCOLTA Cara Dillon per la serie live Transatlantic Sessions, un godibile live con artisti di tutto rispetto


I
As I went out one May morning to take a pleasant walk
Well, I sat m’self down by an old faill wall just to hear two lovers talk
To hear two lovers talk, my dear,
to hear what they might say
That I might know a little more about love before I went away
Chorus 
P stands for Paddy, I suppose,
J for my love, John
W stands for false Willie(1),
oh but Johnny is the fairest man
Johnny is the fairest man, my dear, aye, Johnny’s the fairest man
I don’t care what anybody says,
Johnny is the fairest man

II
Won’t you come and sit beside me, beside me on the green
It’s a long three quarters of a year or more since together we have been Together we have been, my dear, together we have been
It’s a long three quarters of a year or more since together we have been
III
No, I’ll not sit beside you, not now nor at any other time
For I hear you have another little girl, and your heart’s no longer mine
Your heart’s no longer mine, my dear, your heart’s no longer mine
For I hear you have another little girl, and your heart’s no longer mine
IV
So I’ll go climb the tall, tall tree,
I’ll rob the wild bird’s nest
When I come down, I’ll go straight home to the girl that I love best
To the girl that I love best, my dear, the girl that I love best
When I come down, I’ll go straight home to the girl that I love best
TRADUZIONE  DI CATTIA  SALTO
I
Mentre andavo un mattin di maggio
a fare una bella passeggiata
beh, sostai presso un vecchio muro diroccato solo per ascoltare la conversazione di due innamorati,
per ascoltare quello che si dicevano
e per poter conoscere un po’ di più sull’amore prima di andare via.
CORO
P sta per Paddy, credo,
J per il mio amore John
W sta per il bugiardo Willie,
ma Johnny è l’uomo più bello
Johnny è l’uomo più bello, si, il mio amore,
Johnny è l’uomo più bello,
non mi interessa quello che gli altri dicono, Johnny è l’uomo più bello

II
“Non vorresti venire a sederti accanto a me sull’erba?
Sono nove mesi fa o più,
da quando siamo stati insieme
insieme siamo stati, mia cara
insieme siamo stati,
sono nove mesi fa o più
da quando siamo stati insieme”
III
“No non mi stenderò sull’erba accanto a te, nè adesso nè mai
perchè ho saputo che tu hai un’altra ragazza e il tuo cuore non appartiene più al mio, e il tuo cuore non appartiene più al mio, mio caro, perchè ho saputo che tu hai un’altra ragazza e
il tuo cuore non appartiene più al mio.”
IV
“Mi arrampicherò su di un albero alto alto e ruberò il nido di un uccello selvatico e quando ritornerò giù, andrò dritto alla casa della ragazza che amo di più tra le braccia della ragazza che amo di più, mia cara,
quando ritornerò giù, andrò dritto alla casa della ragazza che amo di più”

NOTE
1) Willie è il tipico nome del falso innamorato vedi in Willy Taylor
2) In questa canzone  è l’uomo  ad arrampicarsi sull’albero più alto per prendere il nido e portarlo alla donna che ama dandole così prova d’amore. In genere è lei a donare il suo “nido” ad un altro uomo, più degno di essere amato. Il finale è aperto: a chi Johnny porterà il nido?

FONTI
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=5037 http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/05/paddy.htm http://thesession.org/tunes/10172

GREEN GROWS THE LAUREL

Violets-by-Pre-Raphaelite-painter-James-Dromgole-LintonNessuno sa di preciso a quale epoca risalga questa canzone, alcuni riferimenti “di bandiera” la spostano all’epoca delle guerre giacobite, di certo si può affermare che la canzone, in molteplici versioni testuali e con diverse melodie, si è tramandata tra la comunità gypsies d’Inghilterra, Scozia e Irlanda e si è poi diffusa anche in Canada e America.

Anche il tema presenta molteplici sfaccettature per cui è difficile distinguere un nucleo originario che si sia “contaminato” con i cosiddetti “versi fluttuanti” ossia versi e strofe mutuate da altre ballate (e comunque tipici delle ballate tramandate dalla tradizione orale).
La storia ha un mood malinconico, in cui una donna innamorata (ma ingenua per la sua giovane età) dona la propria fedeltà ad un uomo che non la merita perchè la seduce (con l’inganno) e poi l’abbandona per un’altra. Alcune versioni (quelle Irlandesi) hanno una viratura patriottica: l’uomo sembra essere stato coinvolto in qualche operazione militare e alla fine la donna si ritrova sola e abbandonata, con la sua giovinezza ormai appassita; la donna potrebbe essere in realtà l’Irlanda e la canzone essere una canzone di protesta “mascherata”.

“QUEEN CAROLINE”

La registrazione risale agli anni del 1960 dalla voce di “Queen” Caroline Hughes la gypsy romany inglese nata nel 1900 e morta nel 1971. In rete ho trovato la versione di Norma Waterson che riprendeva testo e melodia da quell’ascolto (in Sheep-Crook and Black Dog qui).

La storia è amara e triste e parla di una donna rimasta incinta e respinta dal suo innamorato e buttata fuori casa dai suoi genitori. Lei prenderà la strada da sola con il bambino e tenterà di dimenticare l’uomo che l’ha abbandonata (anche se ancora lo ama)

ASCOLTA Norma Waterson (in versione integrale su Spotify)


I
Now once I was a schoolgirl all in my pencil and slate
Can’t you see what I’ve come to from staying out late
And it’s once I had a colour(1)
that is as red as any rose
Ah but now I’m as pale as the lily that grows
CHORUS
And it’s green grows the laurel
and so cold now blows the dew(2)

And how sorry was I
when I parted from you

Just like the rose in the garden
when her bloom is all gone

Can’t you see what I’ve come to
for loving that man

II
Now my parents dislikes me they’ve turned me away from their door
So I told them that I’d ramble
like I used to before
And I picked up my baby
and I’ve walked out the door
And I told them that I’d ramble like I used to before
III
So it’s me and my baby
and contented we will be
And I’ll try to forget him
like he forgot me
And while there’s love on the ocean and there’s dry land
While there’s breath into my body
I will still love that man
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
I
Un tempo era una studentella con la mia matita e la lavagna,
non vedi che cosa ho ottenuto a restare fuori fino a tardi;
una volta avevo un colorito
rosso come una rosa,
ma ora sono pallida come il giglio che germoglia
CORO
Verde cresce l’alloro,
e come il freddo disperde la rugiada (2),

così mi è dispiaciuto
separarmi da te!
Proprio come le rose nel giardino
quando sono sfiorite,

non vedi che cosa ho ottenuto
nell’amare quell’uomo?

II
Ora i miei genitori mi disprezzano
e mi hanno buttata fuori dalla porta
così ho detto loro che avrei vagabondato come facevo prima.
Ho preso il mio bambino
e ho varcato la soglia,
ho detto loro che avrei vagabondato come facevo prima.
III
Siamo io e il mio bambino
e staremo bene
e cercherò di dimenticarlo
come lui ha dimenticato me,
(ma) finchè c’è amore sull’oceano
e sulla terra ferma,
finchè c’è respiro nel mio corpo,
io continuerò ad amare quell’uomo

NOTE
1) scritto anche come collar (colletto)
2) scritto anche come “soft as the dew”

LA VERSIONE DI SANDY DENNY

A quegli anni della pubblicazione della registrazione sul campo effettuata da Ewan MacColl, Peggy Seeger e Charles Parker presso la comunità traveller di Queen Caroline risale la versione di Sandy Denny (1947-1978): appena diciannovenne quando cantava canzoni folk nei club di Londra con la sua chitarra. La canzone è ridotta a pochi versi che insieme al tono triste e desolato ci parlano di una separazione tra due persone che un tempo si erano date amore; chi canta spera che quell’amore possa rinascere, ma lui l’ha lasciata per un’altra. La situazione con le lettere che i due si scrivono mi richiama un’altra canzone The Blacksmith in un contesto di separazione a causa dell’emigrazione, in cui il fabbro dimentica le promesse fatte alla sua fidanzatina del paese e sposa un’altra.

ASCOLTA Sandy Denny live 1966 (capisco che molti oggi possono considerare queste registrazioni “vintage”, probabilmente sentono l’effetto che a me fanno le registrazioni degli anni 20-30, ma per la mia generazione è la musica della gioventù)


Chorus:
Green grow the laurels,
soft as the dew
Sad I was, darling, on parting from you
Perhaps in the future our love will renew
We’ll love one another
and promise to be true (3)
I
I wrote my love a letter
and he wrote me mine
I wrote my love a letter,
he wrote me mine,
Said: “Keep your love letter
and I will keep mine,
You write to your love
and I’ll write to mine.”
II
I passed my love’s window
both night time and day,
I passed my love’s window both night time and day.
And the looks that he gave me a thousand would slay,
And the looks that he gave me a thousand would slay.

TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
CORO
Verde cresce l’alloro
soave come la rugiada,
ero triste, amore, nel separarmi da te, forse in futuro il nostro amore si rinnoverà
e ci ameremo l’un l’altro
e scambieremo le promesse (3).
I
Ho scritto una lettera al mio amore
e lui ne ha scritta una a me
Ho scritto una lettera al mio amore
e lui ne ha scritta una a me
diceva “Tienti la tua lettera d’amore
e io mi terrò la mia,
tu scrivi al tuo amore
che io scriverò al mio”.
II
Sono passata davanti alla finestra del mio amore notte e giorno,
sono passata davanti alla finestra del mio amore notte e giorno,
e le occhiate che mi ha lanciato mille volte mi avrebbero ucciso,
e le occhiate che mi ha lanciato mille volte mi avrebbero ucciso.

NOTE
3) ovvero ci saranno vere promesse matrimoniali

LA VERSIONE IRLANDESE DI DOLORES KEANE

Questa versione prende parte delle prime due strofe cantate da Norma Waterson e le aggiunge a quei pochi versi cantati da Sandy Denny con una viratura patriottica assente in quelle: l’uomo sembra essere stato coinvolto in qualche operazione militare, ma alla fine la donna si ritrova sola e abbandonata, con la sua giovinezza ormai appassita. La versione si presta a una duplice lettura in cui la donna è in realtà l’Irlanda e la canzone è una canzone di protesta “mascherata”. Il testo proviene dal Galway dai dintorni di Tuam: “Dolores learned this setting from Mary Conway, a traditional singer from Dolores’ home village. Most of Mary Conway’s songs were in Gaelic and this was one of the exceptions. It has a fine traditional tune to it and the chorus has an allegorical reference in it not unusually [sic!] found in the Music Hall versions: ‘Never change …’ We take this to mean, ‘Never desert the green flag of Ireland for the British Union Jack’. (Notes ‘Folk Friends II’) (tratto da qui)

ASCOLTA Dolores Keane & John Faulkner in Sail Og Rua 2010 (Dolores aveva già rilasciato una versione del brano nel 1998 per la compilation Magic Irish Romances)


CHORUS
Green grows the laurel
and soft falls the dew
Sad was my heart
when I parted from you
And in our next meeting
I hope you’ll prove true (3)
Never change the green laurel
for the red white and blue(4)
I
I once had a sweetheart
but now he is gone
He’s gone and he’s left me
I’m here all alone
And since he has left me
content I must be
I know he loves someone
far better than me
II
I wrote him a letter
so loving and kind
He wrote me another
with sharp bitter lines
Saying, “Keep your love letters
and I will keep mine
And you write to your love
and I’ll write to mine”
III
He passed by my window
both early and late
And the looks that he gave me
would make your heart ache
The looks that he gave me ten thousand would kill
Wherever he wanders
he’ll be my love still
IV
I once was as happy as the red blushing rose(5)
But now I’m as pale as the lily(6) that grows
Like the tree in the garden with its beauty all gone
Can’t you see what I have come to from the loving of one
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
CORO
Verde cresce l’alloro
e soave cade la rugiada,
triste era il mio cuore
nel separarmi da te,
e nel nostro prossimo incontro
spero che tu mantenga le tue promesse (3), non cambiare il verde alloro
per il rosso, bianco e blu (4).
I
Una volta avevo un fidanzato
ma adesso non c’è più,
se n’è andato e mi ha lasciata,
sono qui tutta sola
e da quando mi ha lasciato,
devo accontentarmi
di sapere che lui ama un’altra
molto più di me.
II
Gli ho scritto una lettera
piena d’amore e dolcezze,
lui me ne ha scritta una
con righe dure e brusche
diceva “Tienti le tue lettere d’amore
e io mi terrò le mie,
tu scrivi al tuo amore
che io scriverò al mio”.
III
Passeggiava davanti alla mia finestra
da mane e sera,
e le occhiate che mi lanciava,
erano da spezzare il cuore,
le occhiate che mi lanciava
diecimila volte ucciderebbero,
ma dovunque lui vada sarà
ancora il mio amore.
IV
Una volta ero felice come la rosa rossa in sboccio (5)
ma ora sono pallida come il giglio (6) che germoglia,
come l’albero in giardino con la sua bellezza sfiorita,
non vedi che cosa ho ottenuto nell’amare quell’uomo?

NOTE
4) la frase è da leggersi in chiave politica, un’incitazione a non cambiare la bandiera irlandese (green laurel) per quella inglese.
5) nelle ballate la rosa non è solo “una rosa” ma è il simbolo della passione amorosa; le rose nelle canzoni celtiche sono spesso associate alla sfortuna e stanno a indicare una gravidanza in atto: “cogliere la rosa” è un eufemismo per l’atto sessuale che spesso un tempo aveva tristi conseguenze, ovvero le spine, dovute all’educazione allora più ingenua delle fanciulle, che amaramente scoprivano di aver dato il loro fiore a un uomo non degno della loro fiducia, il quale dopo essersi divertito, le lasciava spesso con una gravidanza inopportuna (perché non ricondotta nell’alveo del matrimonio)! La rosa simboleggiava quindi la perdita della verginità e con essa l’innocenza e la fiducia verso un mondo (maschile) che non è quello che sembra!
6) in questo contesto il pallore del giglio è quello cadaverico della morte

LA VERSIONE DI CARA DILLON

L’ultima versione  è quella di Cara Dillon, privata dalla lettura in chiave politica, lo stesso testo  è altrettanto popolare anche in Scozia.

ASCOLTA Cara Dillon in Cara Dillon 2001, il suo album-debutto: voce esile e angelica, eppure così accattivante.. in pratica il cd è stato registrato nella casa della famiglia Lakeman tra amici e parenti di Cara e Sam (i due si sono sposati nel 2002)


I
Green grows the laurel
and soft falls the dew
Sorry was our love
when parting from you
But at our next meeting
I hope you’ll prove true
And we’ll join the green laurel
and the violet so blue(7)
II
I once had a sweetheart but now I have none
He’s gone and he’s left me to weep and to mourn
He’s gone and he’s left me for others to see I’ll soon find another far better than he
III
He passes my window both early and late
And the looks that he gives me would make my heart break
The looks that he gives me a thousand would kill
Though hates and detests me I love that lad still
IV
I wrote him a letter in red rosy lines
He wrote back an answer all twisted and twined
Saying keep your love letters
and I’ll keep mine
You write to your love
and I’ll write to mine
V
Now often I wonder why maidens love men
And often I wonder why young men love them
But from my own knowledge
I will have you know
The men are deceivers
wherever they go
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Verde cresce l’alloro
e soave cade la rugiada,
ero triste, amore,
nel separarmi da te,
ma nel nostro prossimo incontro
spero che tu mantenga le tue promesse,
e noi uniremo il verde alloro
con la violetta così blu (7)
II
Una volta avevo un fidanzato ma adesso non c’è più,
se n’è andato e mi ha lasciata a piangere e a disperarmi,
se n’è andato e mi ha lasciato per vedere le altre
e presto ne troverò uno migliore di lui.
III
Passeggia davanti alla mia finestra mattina e sera,
e le occhiate che mi lancia, mi spezzano il cuore,
le occhiate che mi lancia diecimila volte ucciderebbero,
sebbene mi odi e detesti, io amo ancora quel ragazzo.
IV
Gli ho scritto una lettera con rosei pensieri, lui mi ha spedito una risposta tutta contorta e ritorta
diceva “Tienti le tue lettere d’amore
e io mi terrò le mie,
tu scrivi al tuo amore
che io scriverò al mio”.
V
Ora spesso mi chiedo perchè le ragazze amino gli uomini
e altrettanto mi chiedo perchè i ragazzi le amino,
ma per mia esperienza
dovrei saperlo
gli uomini sono ingannevoli
ovunque vadano

NOTE
7) nel linguaggio vittoriano dei fiori l’alloro sta per “perfidia” la violetta è sinonimo di fedeltà: così l’uomo inganna l’ingenua fanciulla e la seduce; unire l’alloro alla viola ha un che più sensuale nello stile delle canzoni alla The Gardiner

FONTI
http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/R061.html http://www.mustrad.org.uk/reviews/c_hughe2.htm http://www.mustrad.org.uk/reviews/c_hughes.htm
http://www.joeheaney.org/default.asp?contentID=872 http://mainlynorfolk.info/sandy.denny/songs/greengrowthelaurels.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=11139 http://sangstories.webs.com/greengrowsthelaurel.htm http://mysongbook.de/msb/songs/g/grngrola.html http://sandydenny.org.uk/introduction/

MOORLOUGH MARY

Guido Bach (1828-1905) Portrait of young peasant girl 1860-1866

La ballata proviene dall’Irlanda del Nord e si ritiene sia stata scritta nel 1876 da James Devine di Loughash (Donemana, Contea di Tyrone). Moorlough in questo contesto non è un cognome ma una località.  E’ la richiesta di matrimonio di un uomo innamorato (un pastorello o un contadinello) respinto dalla ritrosa Mary, così egli si allontana in una valle lontana (forse emigra) affranto dal dolore; il contesto è bucolico e i personaggi coinvolti sono certamente di umile estrazione. Le rive del Moorlough erano tristemente famose nelle ballate per infrangere i cuori! vedi

Il testo con alcune varianti è stato abbinato a molte e diverse melodie, si riportano le due versioni più accreditate dalla tradizione, che i cantanti mescolano a loro discrezione. Non è facile trovare una versione su You Tube, ma queste due sono un classico!

ASCOLTA John Doherty 1965
ASCOLTA Paddy Tunney (strofe I, II V, VI, IX, VIII, VII, X, XI, XII)

VERSIONE TESTO SAM HENRY “SONGS OF THE PEOPLE”, 1928
I
When first I saw you [I met],
sweet Moorlough Mary,
‘twas on the fair day
of sweet Strabane(1),
Your smiling countenance
[Her killing glances]
was so engaging,
the hearts of young men
you did trepann(3).
II
Your killing glances
bereaved my senses
of peace and comfort
by night and day,
In my silent [in smiling] slumber
I start with wonder[and murmur]
och, Moorlough Mary,
will you come away?
III
To see you, darling,
on a summer’s morning
when Flora’s fragrance(4)
bedecks the lawn,
Your neat deportment
and manners courteous,
around you sporting
the lambs and fawn
IV
On you I ponder where’er I wander
and will grow fonder,
sweet maid, of thee,
By thy matchless charms
I am enamoured –
och, Moorlough Mary,
will you come away?
V
Were I a man of great education,(5)
or Erin’s isle at my commands
I’d lay my head on your snowy bosom,
in wedlock’s bands(8),
love, we’d join our hands,
I’d entertain(9) you
both night and morning,
VI
With robes I’d deck you
both night and day,
With jewels rare, love,
I would adorn you (10)
och, Moorlough Mary,
will you come away?
VII
Now I’ll away to my situation,
for recreation is all in vain,
On the river Mourne
I’ll sing your praises
till the rocks re-echo
my plaintive strain.
VIII
[I’ll press my cheese
while my wool it’s a-teasing(11),
my ewes I’ll milk
by the peep o’ day,
When the whirrying moorcock
and lark alarm me –
och, Moorlough Mary,
will you come away?]
IX
On Moorlough banks
I will never wander
where heifers graze
on a pleasant soil,
Where lambkins sporting,
fair maids resorting,
the timorous hare
and blue heather bell.
X(12)
[The thrush and blackbird
all sing harmonious
their notes melodious
on Ruskey braes
And pretty small birds
all join in chorus –
och, Moorlough Mary,
will you come away?]
XI
Farewell, my charming
Moorlough Mary,
ten thousand times
I bid you adieu,
While life remains
in my glowing bosom
I’ll never cease, love,
to think of you.
XII
Now I’ll away to some lonesome valley,
with tears lamenting
both night and day,
To some silent arbour
where none can hear me –
och, Moorlough Mary,
will you come away?

Traduzione italiano di Cattia Salto
I
La prima volta che ti vidi
bella Mary di Moorlough
fu al mercato
della bella Strabane ,
il volto sorridente
[i suoi sguardi assassini]
era(no) così seducente(i),
i cuori dei giovanotti
trapanavi.
II
I suoi sguardi assassini
mi lasciarono privo di sensi,
di pace e conforto
notte e giorno
nel mio dormiveglia
mi sorpresi a dire
” Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
III
Per vederti mia cara
in una mattina d’estate
quando il profumo di Flora
adorna i prati,
con il tuo portamento
e i tuoi modi educati,
intorno a te giocano
gli agnelli e i cerbiatti.
IV
A te sempre penso ovunque io vada,
e di te sarò sempre più innamorato, bella fanciulla, di te
per il tuo fascino ineguagliabile
sono innamorato
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
V
Se fossi un uomo ben nato
o con l’Irlanda al mio comando appoggerei la testa sul suo petto niveo: nel nastro degli sposi,
amore, legherei le nostre mani,
ti farei divertire
dalla sera al mattino
VI
Ti farei vestire con abiti lussuosi
dalla sera al mattino,
di gioielli preziosi
ti ricoprirei
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
VII
Allontanarsi a causa della situazione
e cercare una distrazione è vano,
sul fiume Mourne
canterò le tue lodi
fino a quando le rocce riecheggeranno il mio lamento.
VIII
Metterò sotto pressione il formaggio mentre la lana sarà da dipanare
e le pecore mungerò
allo spuntar del giorno,
fino a quando la pernice
e l’allodola mi allertano,
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
IX
Dalle rive di Moorlough
non potrò mai separarmi,
dove le giovenche fissano lo sguardo su quella terra dilettevole,
dove gli agnellini giocano,
le belle fanciulle rincorrono
la timida lepre
e le campanelle blu dell’erica.
X
Il tordo e il merlo
cantano tutti in armonia
le loro note melodiose
sulle sponde del Ruskey
e gli uccellini
si uniranno in coro
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
XI
Addio, mia incantevole
Mary di Moorlough
mille volte
addio,
finchè avrò vita
nel mio petto
non smetterò mai, amore
di pensare a te.
XII
Fuggirò in una valle solitaria
per piangere lacrime
notte e giorno
presso un bosco silenzioso
dove nessuno mi potrà vedere
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?” 

NOTE
1) Strabane è una città a Ovest della contea di Tyrone, Irlanda del Nord e si trova sul confine con la Repubblica d’Irlanda, prorpio dall’altra parte del fiume Foyle. La città è stata devastata per tutti gli anni 70 e 80 dal conflitto nordirlandese.
2) one= boy; più comunemente “The hearts of young men”
3) dal francese antico trepan= trapanare. Si riferisce all’operazione chirurgica già praticata nel Medioevo in cui si forava il cranio umano per curare le malattie mentali (la pratica era probabilmente eseguita fin dai tempi preistorici per far uscire gli spiriti maligni)
4) Flora’s fragrance, letteralmente il profumo di Flora= i fiori
5) a man of great education= un uomo della gentry, ben nato che può permettersi un’educazione culturale
6) il fiume Mourne attraversa il centro della città di Strabane e con il Finn formare il Foyle 7) ochane, oh hone, O hoan, O hone, ohon, ochone, och hone, ohone: del gaelico sia irlandese che scozzese esclamazione di lamento. La frase si traduce come: nel sentire l’impetuoso lamento; più comunemente sostituita con “And Erin’s Nation at my own command ”
8) la cerimonia dell’handfasting spunta spesso nelle ballate popolari: di solito i due innamorati si trovano in un bosco e si scambiano le promesse senza testimoni (e poi ovviamente consumano il matrimonio tra le verdi frasche o la ginestra in fiore). Ovviamente dell’antico rituale celtico nulla possiamo conoscere, e l’handfasting (il legame delle mani) è di origine medievale: i polsi degli sposi vengono legati insieme con un lungo nastro (o l’intreccio di due nastri a simboleggiare rispettivamente il principio maschile e quello femminile o a riprendere i colori del clan di appartenenza). Il matrimonio nella sua essenza è suggellato da una stretta di mano ed è un unione consensuale tra due adulti, senza bisogno di sacerdote, notaio o testimoni e nemmeno del consenso delle famiglie. (continua)
9) nel senso di consumazione dell’atto sessuale
10) Tunney dice “With kisses sweet I would embrace you”
11) il lavoro di cardatura della lana è propriamente femminile per questo ritengo che la frese sia pronunciata dalla donna piuttosto che dall’uomo come risposta e motivazione del rifiuto
12)  Tunney dice
“Where the thrush and blackbird do join harmonious
Their notes melodious on the river brae.
And the little songbirds do join in chorous
Oh! Moorlough Mary, won’t you come away.”

LA VERSIONE SCOZZESE: Moorlough Maggie

Non è corretto correlare le due canzoni tra di loro, gli studiosi ritengono che quella scozzese sia più probabilmente la ripetizione di un frammento preso da chissà quale ballata. Sam Lee l’ha imparata dal suo mentore Stanley Robertson.
ASCOLTA Sam Lee live al GlobalFEST live Sam


I
And do ye see love,
yon flock o sheep
One hundred must I own
but two or three
I’ll grant them all to
my Moorlough Maggie
if she consents for to gang wi me
(Chorus)
To give consent love I dare not give
To herd yer sheep high
in yon heathery hills
I’ll grant them all to
my Moorlough Maggie
if she consents for to gang wi me
II
And do ye see love
yon herd o kye
One hundred must I own
but two or three
I’ll grant them all to
my Moorlough Maggie
if she consents for to gang wi me
III
And do ye see love
yon ships at sea
One hundred must I own
but two or three
I’ll grant them all to
my Moorlough Maggie
if she consents for to gang wi me
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Vedi amore?
Un centinaio di pecore del gregge
dovrei avere
invece di due o tre
Le darò tutte
alla mia Maggy di Moorlough
se acconsentirà di sposarmi
(coro)
Al consenso amore non oso sperare
e allevare le tue pecore sugli alti pascoli delle colline  d’erica
Le darò tutte
alla mia Maggy di Moorlough
se acconsentirà di sposarmi

II
Vedi amore?
Un centinaio di mucche del bestiame
dovrei avere
invece di due o tre
Le darò tutte
alla mia Maggy di Moorlough
se acconsentirà di sposarmi
III
Vedi amore?
Un centinaio di navi del mare
dovrei avere
invece di due o tre
Le darò tutte
alla mia Maggy di Moorlough
se acconsentirà di sposarmi

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/matrimonio-celtico-storia.htm
http://mainlynorfolk.info/folk/songs/moorloughmary.html http://comhaltasarchive.ie/compositions/10
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=101556

CRAIGIE HILL, IRISH SONG OF EMIGRATION

Emigrants_leave_Ireland“Craigie Hill” è una canzone tradizionale irlandese collezionata dalla madre di Paddy Tunney il quale riteneva che la canzone fosse originaria di Larne, Contea di Antrim, il porto da cui partivano gli emigranti nord-irlandesi. Come è scritto su Wikipedia (qui) “Un monumento di Curran Park commemora i Friends Goodwill, la prima nave di emigranti a salpare da Larne nel maggio 1717, per raggiungere Boston negli Stati Uniti. Le radici irlandesi di Boston derivano infatti da Larne. Anche Larne è stata investita dalla grande carestia irlandese della metà dell’Ottocento.” Ma per dirla come Paddy stesso “every Irish port had an emigrant ship” (vedi emigration songs)

ASCOLTA Dick Gaughan 1981
ASCOLTA Dolores Keane 1982
ASCOLTA Susan McKeown 1998
ASCOLTA Cara Dillon in Cara Dillon 2003

ASCOLTA Caladh Nua in Happy Days 2009


I
It being the spring time,
and the small birds were singing,
Down by yon shady arbour
I carelessly did stray;
The thrushes they were warbling,
The violets they were charming:
To view fond lovers talking,
a while I did delay.
II
She said, “My dear don’t leave me all for another season,
Though fortune does be pleasing
I ‘ll go along with you.
I ‘ll forsake friends and relations and bid this holy nation,
And to the bonny Bann banks(1) forever I ‘ll bid adieu.”
III
He said, “My dear, don’t grieve or yet annoy my patience.
You know I love you dearly the more I’m going away,
I’m going to a foreign nation to purchase a plantation,
To comfort(2) us hereafter all in Amerikay.
IV
Then after a short while a fortune does be pleasing,
It’ll cause them for smile at our late going away,
We’ll be happy as Queen Victoria, all in her greatest glory,
We’ll be drinking wine and porter all in Amerikay.
V
The landlords(3) and their agents, their bailiffs and their beagles
The land of our forefathers we’re forced for to give o’er
And we’re sailing on the ocean for honor and promotion
And we’re parting with our sweethearts, it’s them we do adore
VI
If you were in your bed lying and thinking on dying,
The sight of the lovely Bann banks, your sorrow you’d give o’er,
Or if were down one hour, down in the shady bower,
Pleasure would surround you, you’d think on death no more.
VII
Then fare you well, sweet Cragie Hill(4), where often times I’ve roved,
I never thought my childhood days I ‘d part you ever more,
Now we’re sailing on the ocean for honour and promotion,
And the bonny boats are sailing, way down by Doorin shore(5).”
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Era primavera
e gli uccellini cantavano,
per quell’ombreggiato boschetto sbadatamente camminavo;
i tordi gorgheggiavano e le violette erano incantevoli; a guardare gli amanti appassionati che chiacchieravano mi sono un po’ attardato.
II
Disse lei “Non lasciarmi tutta sola
per un’altra stagione,
se la fortuna ci arriderà,
io verrò via con te.
Abbandonerò amici e parenti e a questa santa nazione
e alle belle rive del Bann (1)
per sempre dirò addio.”
III
Disse lui “Non rattristare e mettere alla prova la mia pazienza,
lo sai che ti amo teneramente anche se sto andando via,
andrò in una nazione straniera per acquistare una piantagione
per dare conforto (2) a tutti noi d’ora in poi in America.
IV
Dopo un po’ la fortuna
ci arriderà
e loro saranno contenti della nostra partenza;
saremo felici come la Regina Vittoria in pompa magna,
berremo vino e porter
in America.
V
Ai proprietari terrieri (3) e i loro agenti, gli ufficiali giudiziari con i loro cani,
la terra dei nostri padri siamo stati costretti a cedere
e solcheremo l’oceano per l’onore e la carriera
e ci separeremo dalle nostre fidanzate,
le sole e uniche che amiamo.”
VI
“Se tu fossi steso nel letto in procinto di morire
la vista delle belle rive del Bann ti avrebbero allevato il dolore,
o se andassi per un ora fino al pergolato ombroso,
il piacere ti circonderebbe e non penseresti più alla morte.”
VII
“Addio amata Craigie Hill (4) dove spesso sono andato in giro,
mai pensavo nei giorni della mia fanciullezza che ti avrei lasciato,
ora stiamo navigando sul mare per l’onore e la carriera
e le belle navi navigano via dalla spiaggia di Doorin (5)”

NOTE
1) The Banks Of The Bann è il titolo di un’altra canzone irlandese sulla separazione. il fiume Bann scorre nel Nord-Est dell’Irlanda ed è il fiume che ha portato lo sviluppo economico nell’Ulster con l’industria del lino. Il fiume fa un po’ da spartiacque tra cattolici e repubblicani a ovest e protestanti e unionisti a est.
2) se ho capito il senso della frase
3) Ai primi del XVII secolo inglesi e scozzesi andarono alla “conquista” dell’Irlanda: la terra fu per lo più confiscata agli irlandesi e la parte cattolica degli Irlandesi venne emarginata; la maggioranza queste “colonie” si concentrò nella parte nord dell’Irlanda
4) Craggy è la roccia scoscesa a più livelli, Craige o Craig si dice anche per il sito di una fortezza preistorica, in inglese “hillfort” o “ring-fort”, in italiano “forte ad anello” ovvero fortificazioni a forma circolare risalenti all’età del ferro (o secondo le ultime datazioni, all’età del primo Medioevo). Le fortezze sono state assorbire dalla campagna ma la memoria storica è rimasta nella credenza che il luogo fosse la dimora delle fate.
5) Doorin Point e un promontorio su Inver Bay, vicino a Mountcharles, nel Donegal

FONTI
http://comhaltasarchive.ie/compositions/5
https://thesession.org/discussions/23580
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=155019 http://songoftheisles.com/2013/04/29/craigie-hills/ http://filstoria.hypotheses.org/tag/irlanda-del-nord

SWEET WILLIAM’S GHOST

swgIl tema base declinato in una infinità di ballate è quello dei due amanti che per una serie di impedimenti non possono congiungersi in matrimonio e finiscono per morire di crepacuore. Alcune varianti contemplano anche la visita notturna del fantasma dell’uno o dell’altra. Come ad esempio in “Fair Margaret and Sweet William” (Child #74) è la bella Margaret che appare a William (presumibilmente in sogno) e lo “tormenta” (vedi).

Nella ballata dal titolo “Sweet William’s Ghost” è invece William il fantasma, che legato a Margaret da una promessa matrimoniale e sebbene morto, non può riposare in pace fino a quando lei non lo scioglierà dal vincolo. La ballata ha origini scandinave ed è riportata dal professor Child al numero 77 in 7 versioni di cui la più antica risalente al 1740 (“Tea Table Miscellany” di Ramsay IV volume).

VERSIONE IRLANDESE

La versione testuale è quella trascritta nel “Folksongs Sung in Ulster” di Robin Morton (Mercier Press, Cork, 1970), come raccolta da Sandy McConnell di Bellanaleek County Fermanagh. La versione di Cara Dillon è molto simile a quella riportata da Len Graham come trascritto nella Library of Congress in Washington D.C. (qui) “1964, there was an All Ireland Fleadh Cheoil in Clones, County Monaghan. There were two All Irelands in Clones, County Monaghan, 1964 and 1968, and I was at both of them. But ’64 was a good year because that was the year I met Cathal McConnell for the very first time.  Cathal McConnell, of course, of the Boys of the Lough for those of you that maybe would be [unintelligible].  And Cathal asked me to come and visit him.  He was most anxious that I would meet his mother and father.  Particularly his father who was a singer and a folklorist and he knew that I would be interested to meet Sandy McConnell.  So Sandy sang me on one of the early meetings a wonderful version of a Child Ballad.  And it’s Child #77 for those of you that want to look it up.  In Child it’s known as “Sweet William’s Ghost.”  And this is Sandy McConnell’s version of it. Interestingly he learned it from a Royal Irish Constabulary man from Lough Neagh, County Antrim who was stationed in Cannoli [spelled phonetically], County Fermanagh sometime in the pre to partition in Ireland, and this was the song that Sandy sang, so “La versione più accreditata della ballata è quella della tradizione irlandese, insuperabile l’interpretazione di Cara
ASCOLTA Cara Dillon in Long Distance Love, 2010

Cara modifica giusto qualche parola e inserisce un “bridge” e una chiusura


I
Lady Margaret she lay in her fine feather bed,
The midnight hour drew near,
When the ghostly form came to her room,
And to her it did appear..
II
“Oh are you my father, the king?” she cried,
“Are you my brother John?
Or are you my sweet William,
Coming home from Scotland along,
Coming home from Scotland along?”
III
“No, I’m not your father, the king,” he cried,
“Nor am I your brother John,
But I am your own sweet William,”
Coming home from Scotland along,
Coming home from Scotland along.”
IV
“Oh Margaret, oh Lady Margaret,” he cried,
“For love or for charity,
Would you give back to me the plighted troth(1)
That once, love, I gave to thee,
That once, love, I gave to thee?”
V
“No, I won’t give you back your plighted troth
Nor any such a thing,
Until you take me to my father’s hall
Where ofttimes we have been,
Where ofttimes we have been.”
(Bridge by Cara)
Farewell my own true love
cold the wind ..
VI
So he took her to her father’s hall,
And as they entered in
Oh the gates flew open of their own free will
For to let young William in,
For to let young William in.
VII
“Oh Margaret, oh Lady Margaret,” he cried,
“For love or for charity,
Would you give back to me the plighted troth
That once, love, I gave to thee,
That once, love, I gave to thee?”
VIII
“No, I won’t give you back your plighted troth
Nor any such a thing,
Until you take me to yon high churchyard
And marry me with a ring,
And marry me with a ring.”
(Bridge by Cara)
IX
he took her then to yon high churchyard,
And as they entered in
The gates flew open of their own free will
For to let young William in,
For to let young William in.
X
“Oh Margaret, oh Lady Margaret,” he cried,
“For love or for charity,
Would you give back to me the plighted troth
That once, I gave to thee,
That once, I gave to thee?”
XI
So she took the troth from her breast
And she’s placed it on her chest(2)
Saying, “here is back your plighted troth
and in heaven my soul, find rest,
And in heaven my soul, find rest.”
XII
“The winds do blow and the moorcocks crow(3)
And it’s almost break of day,
And it’s time that the living should depart from the dead,
So my darling, I must away,
my darling, I must away.”
William William my true love
Are you coming home?
Margaret Margaret my true love
I’m not coming home
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Lady Margaret era nel suo bel letto di piume
e la mezzanotte si avvicinava
quando il fantasma entrò nella sua stanza
e davanti a lei comparve.
II
“Sei mio padre il re
– gemette lei-
sei mio fratello John
o sei il mio amato William
che ritorna infine a casa dalla Scozia?
che ritorna infine a casa dalla Scozia?”
III
“No non sono tuo padre il re, -lui si lamentò-
e nemmeno tuo fratello John
ma sono proprio il tuo amato William di ritorno dalla Scozia.
di ritorno dalla Scozia.
IV
Oh Margaret  Oh Donna Margaret-lui si lamentò-
per amore o per pietà,
vorresti sciogliermi dalle promesse nunziali(1)
che un tempo ti diedi?
che un tempo ti diedi?”
V
“No non voglio renderti indietro le tue promesse
né nient’altro
finchè tu mi porterai nella sala di mio padre dove siamo stati molte volte
dove siamo stati molte volte”
(ponte by Cara)
Addio mio vero amore
il vento freddo..
VI
Così lui la portò nella sala
e nel mentre entravano
le porte si spalancarono di loro spontanea volontà
per far entrare il giovane William
per far entrare il giovane William. ”
VII
Oh Margaret  Oh Donna Margaret-lui si lamentò-
per amore o per pietà,
vorresti sciogliermi dalle promesse nunziali
che un tempo ti diedi?
che un tempo ti diedi?”
VIII
“No non voglio renderti indietro le tue promesse
né nient’altro
finchè tu mi porterai in quella chiesa sulla collina
e mi sposerai con un anello
e mi sposerai con un anello”
(ponte by Cara)
IX
lui la portò in quella chiesa
sulla collina
e nel mentre entravano
le porte si spalancarono di loro spontanea volontà
per far entrare il giovane William
per far entrare il giovane William.
X
Oh Margaret  Oh Donna Margaret-lui si lamentò-
per amore o per pietà,
vorresti sciogliermi dalle promesse nunziali
che un tempo ti diedi?
che un tempo ti diedi?”
XI
Così lei prese il pegno dal seno
e se lo mise sul petto(2)
dicendo “Eccoti indietro il tuo pegno di fedeltà
e in cielo la mia anima troverà riposo
e in cielo la mia anima troverà riposo”
XII
“I venti soffiano e il gallo della brughiera(3) canta
perchè è quasi l’alba
ed è l’ora che i vivi si separino
dai morti
così mia cara devo andare via
mia cara devo andare via”
William William amore mio
stai tornando a casa?
Margaret Margaret amore mio
non sto tornando a casa

NOTE
AP2Luck1) letteralmente “pegno di fedeltà” sono le promesse nunziali. Era ed è tradizione che in vista delle nozze i fidanzati si scambino degli oggetti in segno di reciproco impegno, come ad esempio anelli o spille. In Scozia il fidanzato regala una spilla in argento con due cuori intrecciati (spilla luckenbooth vedi)
2) qui Cara modifica il testo che dice “Then out of her pocket she drew a cross, and she laid it on his breast” rendendogli la spilla ricevuta in dono e che teneva accanto al cuore
3) che il gallo canti per indicare l’alba è un classico delle ghost story

VERSIONE SCOZZESE

E’ la versione tramandata in Scozia più simile alle versioni D ed E in Child#77. L’amore perdura anche nel sepolcro e in questa dimostrazione del suo potere ne vediamo gli effetti più morbosi.

ASCOLTA Kate Rusby in Underneath the Stars 2003


I
There came a ghost to Margaret’s door
With many a grievous groan
And aye he’s turled long at the pin(1)
answer she gave none
Is it my father Phillip?
Or yet my brother John?
Or yet my own dear William
From Scotland now come home?
II
Thy faith, I troth, you’ll never get
And me you’ll never win
Til you take me to yon churchyard
And wed me with the ring.
Oh I do dwell in a churchyard
But far beyond the sea
And it is but my Ghost, Margaret
That speaks now unto thee
III
So she’s put on her robes of green
With a piece below the knee
And o’er the live-lang winter’s night(2)
The sweet ghost followed she
Is there room at your head, Willie
Or room here at your feet?
Or room here at your side, Willie,
wherein that I may sleep?
IV
There’s no room at my head, Margaret
There’s no room at my feet
There’s no room at my side Margaret
My coffin is so neat(3).
Then up and spoke the red robin
And up spoke the grey
‘tis time, ‘tis time, my dear Margaret
That I was gone away
V
No more the ghost to Margaret came
With many a grievous groan
He’s vanished out into the mist
And left her there alone
Oh stay, my only true love, stay
My heart you do divide
Pale grew her cheeks, she closed her eyes
Stretched out her limbs and cried
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Un fantasma andò alla porta di Margaret con molti cupi lamenti
e mentre lui suonava il campanello(1)
a lei non dava risposta.
“E’ mio padre Philip?
O piuttosto mio fratello John?
O invece proprio il mio amato William dalla Scozia ora di ritorno?
II
La tua fede, in verità, tu non l’otterrai mai e non la spunterai mai con me finchè non mi porterai alla chiesa laggiù  e mi sposerai con l’anello.”
“Oh io vivo in un cimitero,
ma lontano sul mare e non è che il mio fantasma, Margaret,
che ti parla adesso”
III
Così lei si mise il vestito verde con una balza sotto il ginocchio
e per tutta la (più) lunga notte d’inverno(2), lei seguì l’amato fantasma “C’è posto accanto alla tua testa, Willie o ai tuoi piedi?
C’è posto al tuo fianco, Willie dove io possa dormire?”
IV
“Non c’è posto in cima, Margaret né ai miei piedi  e neppure al mio fianco Margaret la mia bara è così proporzionata(3)”
Allora cantò il pettirosso e poi cantò l’allodola
“E’ tempo mia cara Margaret che io vada via”
V
Mai più andò il fantasma da Margaret con molti cupi lamenti
è svanito nella nebbia e la lasciò lì da sola
“Oh resta, mio solo vero amore, resta
il mio cuore si spezza”.
Pallide divennero le sue guance e lei chiuse gli occhi distese le membra e spirò

NOTE
1) Turling on the pin = ringing the doorbell (“gently rang the door bell”) sono espressioni idiomatiche
2) si riferisce alla notte del Solstizio d’Inverno
3) fatta sulle misure precise del cadavere

FONTI
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_77 http://mainlynorfolk.info/louis.killen/songs/sweetwilliamsghost.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=47135

THE EMIGRANT’S FAREWELL: FAREWELL TO OLD IRELAND & THE GREEN FIELDS OF AMERICAY

partenza-nave-emigrantiIl tema dell’emigrazione è un tema centrale nella storia del popolo irlandese a partire dall’esodo di metà ottocento noto come diaspora irlandese, causato dalla grande carestia che ha decimato la popolazione. (vedi)
Chi partiva per sfuggire alla miseria esprimeva il suo dolore nelle canzoni, il carico di rimpianti e l’addio alle persone care lasciate a casa, misto a volte all’eccitazione per l’avventura; cantavano mestamente o pieni di rancore, anche i condannati alla deportazione nelle colonie d’Australia o Nuova Zelanda (condannati dalla sommaria e severa legge inglese).

FAREWELL TO OLD IRELAND

ASCOLTA Andy Irvine
ASCOLTA De Danann
ASCOLTA Cara Dillon (che segue un ordine tutto suo nelle strofe: I, II, VI, III, VII, VIII, X) anche la melodia è diversa

Farewell to old Ireland the land of my childhood
That now and forever I am bound for to leave
Farewell to the shores where the shamrock is growing
It’s the bright spot of beauty in the home of the brave
II
I will think on its valleys with fond admiration
Though never again its green hills will I see
For I’m bound for to cross o’er the wild swelling ocean
In search of fame, fortune and sweet liberty
III
It’s hard to be forced from the lands that we live in
Our houses and farms we’re obliged for to sell
And to wander alone among Indians and strangers
To Find some sweet spot where our children may dwell
IV
O I have a wee lassie(1) I fain would take with me
Her dwelling at present lies in County Down
It would break my poor heart for to leave her behind me
We’ll both roam together this wide world around
V
So it’s come along Bessie my own blue-eyed lassie
Bid farewell to your mother and then come with me
And I’ll make my endeavour for to keep your mind easy
Till we reach the green fields of Amerikay
VI
Our ship at the present lies in lovely Derry
To bear us away o’er the wild swelling sea
May heaven be her pilot and grant her fond breezes
Till we reach the green fields of Amerikay
VII
Our artists our farmers our tradesmen are leaving
To seek for employment far over the sea
Where they will get riches with care and with industry
There is nothing but hardship at home if you stay
VIII
So it’s cheer up your hearts now you lads and gay lassies
There’s gold for the digging and lots of it too
Here’s health to the heart that has courage to venture
Bad luck to the lad or the lass that would rue
IX
There’s brandy in Quebec(2) at ten cents a quart boys
The ale in New Brunswick’s(2) a penny a glass
There is wine in that sweet town they call Montreal(3) boys
At inn after inn we will drink as we pass
X
And we’ll call for a bumper of ale wine and brandy
And we’ll drink to the health of those far far away
Our hearts will all warm at the thoughts of old Ireland
When we’re in the green fields of Amerikay

NOTE
1) più spesso l’emigrante è costretto a separarsi dalla fidanzata e anche in questo contesto non è chiaro se la fidanzata lo seguirà in America (vedi)
2) province del Canada
3) una delle più popolata città del Quebec

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
Addio alla vecchia Irlanda, il paese della mia infanzia
che ora e per sempre sto per lasciare
Addio alle coste, dove cresce il trifoglio
è la macchia gioiosa della bellezza nella dimora dei valorosi
II
Penserò alle sue valli con amorevole ammirazione
anche se mai più le sue colline verdi vedrò
perchè devo attraversare il vasto oceano tumultuoso
in cerca di fama, fortuna e di dolce libertà
III
E ‘difficile essere sfollati dalla terra in cui viviamo
le nostre case e fattorie siamo obbligati a vendere
e a vagare soli tra gli indiani e gli stranieri
per trovare un posto piacevole in cui i nostri figli possano dimorare
IV
Ho una cara ragazza(1) che vorrei portare con me
i suoi parenti al momento vivono nella Contea di Down
mi si spezzerà il cuore a lasciarla indietro
andremo entrambi in giro insieme per questo vasto e selvaggio mondo.
V
Così vado con Bessie, la mia ragazza occhi-azzurri
dai l’addio a tua madre e poi vieni con me
e farò in modo di distrarti
finchè raggiungeremo i verdi campi d’America
VI
La nostra nave al momento si trova nella bella Derry
per portarci lontano attraverso il vasto mare
Il cielo sarà il suo pilota e concederà le sue amate brezze
Fino a raggiungere i campi verdi d’America
VII
I nostri artisti, i nostri agricoltori, i nostri commercianti stanno partendo
per cercare un lavoro lontano oltre il mare
dove diventeranno ricchi con la diligenza e la solerzia
ci sono solo stenti se si resta a casa.
VIII
Così rallegrate i cuori, voi ragazzi e ragazze
C’è un sacco d’oro da scavare per tutti,
qui è la salute per il cuore per chi ha il coraggio di cimentarsi,
sfortuna per il ragazzo o la ragazza che si affliggeranno
IX
C’è il brandy in Quebec(2) a dieci centesimi il litro, ragazzi
la birra a New Brunswick(2) è un centesimo al bicchiere
c’è vino in quel dolce paese che chiamano Montreal(3) ragazzi
e locanda dopo locanda lo berremo mentre passiamo
X
Ti chiameremo per il pieno di birra, vino e brandy
Beviamo alla salute di quelli lontani
I nostri cuori si scalderanno tutti ai ricordi della vecchia Irlanda
Quando saremo sui campi verdi dell’America

THE GREEN FIELDS OF AMERICAY (CANADA)

Nelle note copertina del LP “Cold Blow And The Rainy Night” dei Planxty è scritto “This beautiful song is from the great repertoire of Paddy Tunney of Belleek, Co. Fermanagh. Unlike most emigration songs the emigré in this song appears to believe he has done the right thing.”

ASCOLTA Planxty in Cold Blow And The Rainy Night 1974 A
SCOLTA
Paul Brady 1985
ASCOLTA Kevin Conneff in Music of the Celtic Harp The Chieftain 2008 (strofe da I a VII, + III e IV) in una superba versione “a cappella”
ASCOLTA Deanta, voce di Mary Dillon (strofe IV, I, II, V variante, VI, VII)

I
Farewell to the groves of shillelagh(4) and shamrock.
Farewell to the girls of old Ireland all round.
And may their hearts be as merry as ever they could wish for.
As far away o’er the ocean I’m bound.
II
Oh, my father is old and my mother quite feeble;
To leave their own country it would grieve their heart sore,
Oh the tears down their cheeks in great floods they are rolling
To think they must die upon some foreign shore.
III
But what matter to me where my bones they may lie buried
If in peace and contentment I can spend my life
The green fields of Amerikay they daily are calling
It’s there I’ll find an end to my miseries and strife.
IV
So pack up your seastores now consider it no longer
Ten dollars a week isn’t very bad pay
With no taxes or tithe to devour up your wages
Across on the green fields of Amerikay.
V(5)
The lint dams are gone and the looms are lying idle
Gone are the winders of baskets and creels,
And away o’er the ocean, go journeyman cowboy
And fiddlers that play out the old mountain reels(6)
VI
Ah and I mind the time when old Ireland was flourishing,
And most of her tradesmen did work for good pay
Ah, but since our manufacturers have crossed the Atlantic
It’s now we must follow on to Amerikay.
VII
And now to conclude and to finish my ditty
If e’er a friendless Irishman should happen my way
With the best in the house I will treat him, and welcome him
At home on the green fields of Amerikay.

NOTE
4) shillelah è un nodoso e corto bastone da passeggio utilizzato anche come arma di difesa, sebbene l’origine del nome sia controversa in questo contesto il termine sta a indicare il tipo di legno con cui è costruito ovvero di quercia. Il nome è diventato sinonimo di irlandesità
5) variante strofa nei Deanta:
The sheep run unsheared and the land’s gone to rushes; The handyman’s gone and the winder of creels. Away o’er the ocean go journeyman tailors And fiddlers who flaked out the old mountain reels.
(traduzione italiano: le pecore pascolano senza pastore e la terra è lasciata incolta, gli artigiani e i pescatori (letteralmente gli avvolgitori di nasse) se se sono andati via sull’oceano vanno i sarti a giornata e i violinisti che suonano le vecchie danze di montagna)
6) The Green Field of America è anche il titolo di una musica da danza arrangiata sia come reel che come jig (anche con il titolo di Crags Of The Burren, Jimmy O’Brien’s, Molly Brallaghan, O’Brien’s, The Stone In The Field)

ASCOLTA Stephen Ducke flauto irlandese
ASCOLTA Tim O’Brien, Gerry O’Connor, Arty McGlynn (in set con First Snow)
ASCOLTA John Carlos al mandolino

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
Addio ai boschetti di quercia(4) e trifoglio,
addio alle ragazze irlandesi tutt’intorno
Possano i loro cuori essere felici come desiderano
mentre lontano sull’oceano vado.
II
Mio padre è vecchio e mia madre piuttosto debole
lasciare il loro paese potrebbe essere un colpo al cuore
le lacrime giù per le guance in grandi rivoli cadono
al pensiero che devono morire su di una terra straniera
III
Ma cosa mi importa dove le mie ossa possano essere sepolte
se in pace e contentezza posso trascorrere la mia vita
i campi verdi dell’America mi chiamano quotidianamente
è là che io troverò una fine alle mie miserie e lotte
IV
Così impacchettate le vostre mercanzie, senza stare a pensarci più a lungo
Dieci dollari alla settimana non è una brutta paga
senza tasse o decime a intaccare lo stipendio
per i campi verdi dell’America
V(5)
Gli argini sono finiti e i telai sono al ribasso
finiti i lavori dei cestai
e via sull’oceano per andare come un cowboy giornaliero
e i violinisti che suonano le vecchie danze di montagna(6)
VI
Ricordo i tempi in cui la vecchia Irlanda era fiorente
e la maggior parte dei suoi commercianti lavoravano per una buona paga
ma da quando i nostri produttori hanno attraversato l’Atlantico
dobbiamo ora seguirli per l’America
VII
E per concludere e finire la mia canzoncina
se mai un irlandese sconosciuto dovessi incontrare
lo accoglierò con il meglio che ho in casa e gli darò il benvenuto nei campi verdi dell’America

FONTI
http://mysongbook.de/msb/songs/e/emigrant.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=70704
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=12454
http://fm-shabba.de/Songs_PDF/Farewell%20to%20old%20Ireland.pdf
http://comhaltasarchive.ie/compositions/17 http://mainlynorfolk.info/folk/songs/thegreenfieldsofamerica.html

http://thesession.org/tunes/695
http://thesession.org/tunes/942