Archivi tag: Canto Vivo

MORU SARASIN

La storia di King Horn, con tutte le varianti in forma di ballata (Hind Horn Child ballad # 17), romanzo cavalleresco in rima, novella o fiaba è conosciuta in tanti paesi europei. In Spagna diventa El Conde Dirlos, in Germania Der edle Moringer,  nel sud della Francia la ballata provenzale Escriva e in Piemonte il Moro Sarazin.

Costantino Nigra descrive così i lineamenti comuni a tutte le lezioni: “una giovane si marita, tanto giovane che non sa vestirsi. Lo sposo la lascia e va alla guerra. Dopo sette anni ritorna, picchia alla porta e chiede della moglie. La madre risponde: «non è più qui; fu presa dai Mori Saracini». Lo sposo dice che andrà a cercarla, sapesse di morire. Vestito da pellegrino va a chieder limosina al castello del Moro. La donna lo riconosce e fugge con lui a cavallo. Il Moro si lagna. L’ha mantenuta sette anni e intatta!” (Nigra 1957: 257).

LA VERSIONE PIEMONTESE

Bel galante si marida
tan lontan fòra ‘d pais,
s’a l’ha pià na sposa giovo
che si seva gnanch vestì.
Bel galant l’é andà a la guèra,
për set agn na torna pì
e la pòvera Fiorensa
l’é restà sensa marì.
– O la mama dla mè mama,
‘v racomand la mia mojé.
S’i torn nen da sì a set ani
voi tornela a maridé. –
A la fin de li set ani
bel galant s’a l’é rivà.
– O la mama dla mè mama,
Fiorensa dova l’é ‘ndà? –
Soa mama da la finestra:
–Fiorensa a-i é pa pì.
Fiorensa l’é stàita robeja,
l’é dal Mòro Sarasì. –
– O campemi giù la speja,
cola dal pomel an d’òr.
Veuj andé trové Fiorensa
ch’i dovèiss murì s’ na stra. –
Quand l’é stàit metà la strada
pòch lontan da sò castel,
l’ha vëddù tre lavandere
ch’a lavavo sò fardel.
– Mi vi dig, tre lavandere,
di chi l’é col bel castel? –
– Col castel, coma ‘s domanda?
L’é dël Mòro Sarasì.–
O tòn tòn, pica la pòrta:
– O Fiorensa, vnì durvì,
o venì durvì, Fiorensa,
ch’a-i é ‘d gent dël vòst pais. –
– O com é ch’a podrà d’essi sì
dla gent dël mè pais
ch’a-i é gnanch le rondanin
e ch’ l’han ël vòl così gentil? –
– Fé limòsna, ‘n pò ‘d limòsna
a sto póver piligrin. –
An fasendje la limòsna a-j j’ha vist sò anel al dil.
– O monté, monté, voi bela, o monté sël caval gris –
– Steme alegre, mie creade, mi ‘m na torno a mè pais. –
Quand son stàit a metà strada, scontro ‘l Mòro Sarasì.
O s’a l’han bassà la testa, ognidun fà ‘l sò camin.
Bel galante si sposa
lontano dal suo paese,
si è preso una moglie giovane
che non sa neppure vestirsi (1).
Bel galante è andato in guerra,
per sette anni non torna più,
e la povera Fiorenza
è rimasta senza marito.
– Oh mamma, madre mia
vi raccomando la mia sposa,
se non torno entro sette anni,
fatela risposare. –
Alla fine dei sette anni
bel galante è arrivato:
– Oh mamma, madre mia
Fiorenza dov’è andata? –
La madre dalla finestra:
– Fiorenza non c’è più,
Fiorenza è stata rapita
dal Moro Saracino.
– Gettatemi la spada,
quella col pomello d’oro;
voglio ritrovare Fiorenza,
dovessi morire per strada. – Quando è stato a metà strada (2),
poco lontano dal suo castello,
ha visto tre lavandaie
che lavavano le loro lenzuola:
– Io vi dico, tre lavandaie (3),
di chi è quel bel castello?-
– Quel castello, c’è da chiederlo?
è del Moro Saracino. –
Ton, ton, batte alla porta:
– O Fiorenza, venite ad aprire
venite ad aprire Fiorenza
ché c’è gente del vostro paese. –
– Come potrebbe esserci
gente del mio paese,
se non ci sono neppure le rondinelle dal volo così gentile? –
– Fate l’elemosina, un po’ d’elemosina a questo povero pellegrino (4). –
Facendogli l’elemosina ha visto il suo anello al dito.
– O montate, voi bella, sul cavallo grigio. –
– Statemi allegre, mie damigelle, me ne torno al mio paese. –
Quando sono stati a metà strada, incontrano il Moro Saracino.
Hanno abbassato la testa e ognuno per il suo cammino.

NOTE
1) è risaputo che l’ambito paesano è sempre diffidente nei confronti della gente che viene da fuori, con usi e costumi diversi, così la sposa “foresta” è criticata non tanto per la giovane età quanto per la sua diversità culturale
2) è una tipica espressione ballatistica che indica come la storia sia a una svolta
3) le tre donne richiamano i tre aiutanti magici delle fiabe che sostengono l’eroe nella sua impresa. Svolgono nella ballata il ruolo di informatori come per il mendicante nelle versioni britanniche di Hind Horn
4)  l’eroe è travestito ed è  solo grazie all’anello, presumibilmente un dono della donna prima della partenza per la guerra (broken token) che avviene il riconoscimento.

LA VERSIONE PROVENZALE

Escriva (la piemontese Fiorenza)  è la giovane e inesperta sposa rapita dal Saraceno perchè il marito l’ha lasciata sola per andare in guerra. Quando l’eroe ritorna dalla guerra (dopo i canonici sette anni) riparte alla ricerca della moglie e la trova nel castello del Moro Saraceno. Sotto mentite spoglie di pellegrino si avvicina alla donna e si fa riconoscere

ASCOLTA Alberto Cesa & Canto Vivo


Guilhaumes se marida,
Guilhaumes tan polit
La pren tan joveneta
que se sap pas vestir
Lo ser la desabilha,
l’abilha lo matin
E la balha a sa maire
per la i far noirir.
Guilhaumes part en guèrra
per la daissar grandir
Al cap de sèt annadas,
es tornat al pais
S’en va tustar a sa pòrta:
“Escriveta, durbis !”
Sa maire a la fenèstra respon:
“N’es plus aici
Los Moros te l’an presa,
los Moros Sarrasins”
“Trovarai Escriveta
quan sauriài de morir !”
Rencontra de lavairas,
lavaban linge fin
“Digatz, digatz, lavairas,
qu’es lo castèl d’aicì ”
“Es lo castèl del Moro,
del Moro Sarrasin”
“Consì que se pòt faire
per i dintrar, consì ?”
“Abilhatz-vos en fòrma
de paure pelegrin
Demandaretz l’almoina
tot lo long del camin”
Tot en fasent l’almoina,
reconei son marit
“Dintra dins l’escuriera,
sela lo bèl rossin !
Ieu monti dins ma cambra,
de serga me vesti.”
E del còfre del Moro,
prenguèt l’aur lo plus fin
“Escriveta es partida,
delial de pelegrin!
De tot l’aur que n’empòrta,
farià la mar lusir !”
Sèt ans ieu l’ ai noirida
de bon pan, de bon vin,
Sèt raubas l’i ai crompadas,
de seda, de satin.”
“Se sèt ans l’as noirida,
al diable, Sarrasin !
Era la mia femneta,
la flor de mon pais.”
Tradotto da Cattia Salto
Guglielmo si sposa
Guglielmo tanto gentile
la prende così giovane
che non si sa nemmeno vestire (1).
La sera la spoglia
la veste al mattino
e la dà in balia a sua madre
per farla nutrire.
Guglielmo parte per la guerra
per lasciarla crescere
e dopo sette anni
ritorna al paese.
Va a bussare alla porta
“Escriveta apri!”
Sua madre dalla finestra risponde
“Non è più qui
se la sono presa i Mori
i mori saraceni”
“Troverò Escriveta
dovessi morire!”
Incontra le lavandaie (2)
che lavano le lenzuola
“Ditemi, ditemi lavandaie
di chi è questo castello?”
“E’ il castello del Moro,
del Moro saraceno”
“Cosa posso fare
per entrarci?
“Vestitevi come
un povero pellegrino
e chiedete l’elemosina
lungo il cammino”
Mentre fa l’elemosina
riconosce suo marito (3)
“Dentro alle scuderie
sella il bel baio!
Salgo in camera
a vestirmi da serva”
Dal tesoro del Moro
prende l’oro zecchino
“Escriveta è partita,
traditore di un pellegrino!
Con tutto l’oro che si porta
può far brillare il mare!
Sette anni l’ho nutrita
con buon pane, di buon vino
sette abiti le ho comprato
di seta e di raso”
“Se l’avete nutrita per sette anni,
al diavolo Saraceno (4)!
Era la mia donna,
il fiore del mio paese!”

NOTE
1) nella versione provenzale la sposa è poco più di una bambina, ci troviamo di fronte ad un matrimonio combinato da famiglie d’alto lignaggio
2)  Le lavandaie  rappresentano i tre aiutanti magici delle fiabe che sostengono l’eroe nella sua impresa. Svolgono nella ballata il ruolo di informatori come per il mendicante nelle versioni britanniche di Hind Horn, in questa versione sono loro a suggerire l’espediente del travestimento
3) il riconoscimento della donna è immediato, non è necessario il tramite dell’anello
4) il Sacaceno viene “sconfitto”

ASCOLTA Mourres de Porc in una versione ancora più condensata


Guilhem se marida,
Guilhem es tant polit. (bis)
Se la se pren tròp joine
se sauprà pas vestir. (bis)
Guilhem vai a la guèrra,
servir lo rei Lovís. (Bis)
E dins sèt ans tornèt,
au sen de son paїs. (bis)
Se’n vai tustar a la pòrta:
“Escriveta dobrís!” (bis)
Sa maire faguèt responsa:
“Escriveta i es pas! (bis)
Los mòros te l’an presa,
los mòros sarrasins. (bis)
-Ieu l’anarai ben quèrre,
quite de lai morir ! (bis)
Farai faire una barqueta
li me metrai dedins. (bis)
Sus l’aiga correrai
en païs sarrasin! » (bis)
Escriveta de la fenèstra
ie gita un bèl ardit. (bis)
“Piètre aumòna Madama
siám dau meme païs. (Bis)
-Coma aquò pòu èstre,
que siáguèm dau meme païs.
I a que las girondèlas
que son per tot paїs ! ». (Bis)
“Se vos siátz l’Escriveta,
ieu siáu vòstre marit. (Bis)
“Se vos siátz mon marit,
anatz atalar lo rossin. (Bis)
Tradotto da Cattia Salto
Guglielmo si sposa
Guglielmo tanto gentile
la prende così giovane (1)
che non si sa nemmeno vestire.
Guglielmo parte per la guerra
a servire il Re Luigi
e dopo sette anni
ritorna al paese.
Va a bussare alla porta
“Escriveta apri!”
Sua madre risponde
“Non è più qui
se la sono presa i Mori
i mori saraceni”
“Troverò Escriveta
dovessi morire!
Mi farò fare una barchetta
e mi metterò dentro
sull’acqua correrò
fino al paese dei saraceni!”
Escriveta alla finestra
getta un bel Hardi
“Fate l’elemosina madama
siamo dello stesso paese”
“Come è possibile
che siamo dello stesso paese
se solo le rondinelle
sono di tutti i paesi?”
“Se voi siete Escriveta
io sono vostro marito”
“Se siete mio marito
andate a sellare il baio!”


ASCOLTA
su Spotify Dòna Bèla ovvero Maurizio Martinotti e Renat Sette
L’Escriveta – Moru Sarasin uniscono la versione provenzale con quella piemontese seppure con testo diverso da quelli presentati

FONTI
http://www.persee.fr/doc/roma_0035-8029_1885_num_14_54_6359
http://filologiacognitiva.let.uniroma1.it/variantipopolari.html
http://www.margram.it/moro-sarasi-il/