Archivi tag: Brendan Behan

AN CHÚILFHIONN – THE COOLIN’

Cúilfhionn‘ (coolun) è una parola irlandese composta (Cuil-Fhionn) che si traduce come lunghi capelli fluenti -con il significato di biondi – così con la parola Colleen, Cailin si intende in senso lato una bella ragazza.

BELLEZZA DI FATA

Edward Bunting trascrisse melodia e testo dall’arpista Dennis Hempson nel 1796, ma i primi versi in gaelico risalgono al 1641 attribuiti a Maurice O’Dugan (Muiris Ua Duagain) bardo di Tyrone, non mancano però speculazioni più o meno fantasiose riguardo alle capigliature a “boccoli” portate un tempo dai giovani irlandesi:
“The original song, told from a young maiden’s point of view, berates those Anglo-Irish who conformed to the edit by cutting their hair, and praises the proud Irishman who remained true to ancestral custom (the Gaelic title “An Chuilfhionn,” means ‘the fair-haired one’). The Irish Parliament passed another law in 1539 forbidding any male, Irish or Anglo-Irish, from wearing long or flowing locks of hair–this enactment, relates Flood, is the supposed impetus for the claim that Thomas Moore wrote the song and tune of “The Coolin,” which was printed by Walker in 1786.” (da Fiddler Companion)

LA MELODIA: THE COOLIN

Probabilmente la più popolare “slow air” irlandese, in origine una melodia per arpa, eseguita oggi da quasi tutti gli strumenti della tradizione irlandese (in particolare il violino). Secondo alcuni studiosi il brano potrebbe risalire a metà-fine XIII secolo, ma la versione standard è decisamente arrangiata con il gusto barocco: possiamo considerare il brano un felice esempio di adattamento di una melodia tradizionale popolare in chiave classica, una “slow air” crepuscolare talmente bella che si dice sia stata rubata agli elfi ed è praticamente immancabile come wedding song!!!
ASCOLTA Jim McKillop & Zoe Conway (violino)

ASCOLTA Liam O’Connor organetto

ASCOLTA Michael Flatley al flauto irlandese (con il titolo di Whispering Wind)

Una melodia interpretata da tutti gli strumenti della tradizione irlandese
ASCOLTA
Seamus Tansey & John Blake al flauto irlandese
ASCOLTA Matt Dean al tin whistle
ASCOLTA Leo Rowsome uilleann pipes
ASCOLTA Crimson Ensemble ancora uilleann pipes
ASCOLTA Clive Murray alla chitarra
ASCOLTA Brendan Doc Savage al mandolino
ASCOLTA J.J. Sheridan al pianoforte
ASCOLTA Katy Graham all’arpa
ASCOLTA Star Edwards arpa con corde di metallo

LA VERSIONE IN GAELICO: AN CHÚILFHIONN

elfoCome si diceva all’inizio, della presunta versione al femminile non resta traccia, quanto piuttosto il testo più antico attribuito al bardo di Tyrone Maurice O’Dugan è un canto d’amore indirizzato a una soave creatura bionda dalla bellezza di fata.
Ma a partire dal Settecento si trovano le trascrizioni di una serie di testi provenienti da più parti d’Irlanda, vuoi dal Clare e dal Munster a testimonianza della grande popolarità del brano.

ASCOLTA Joe Heaney
ASCOLTA Folkstone (strofa I e III)

I
An bhfaca tú an chúilfhionn ‘s í ag siúl ar na bóithre
Maidin gheal drúchta, ní raibh smúit ar a bróga
Is iomadh ógánach súlghlas ag tnúth lena pósadh
Ach ní bhfaighidh siad mo rún-sa ar an gcúntar is dóigh leo.
II
An bhfaca tú mo bhábán lá breá is í ina haonar
A cúl dualach drisleánach go slinneán síos léi?
Mil ar an ógmhnaoi is rós breá ina héadan
Gur dóigh le gach spreasán gur leannán leis féin í.
III
An bhfaca tú mo spéirbhean ‘s í taobh leis an toinn
Fáinní óir ar a méara ‘s í ag réiteach a cinn?
‘Sé dúirt an Paorach a bhí ina mhaor ar an loing
Go mb’fhearr leis aige féin í ná Éire gan roinn.

TRADUZIONE IN INGLESE
I
Have you seen the faired-haired girl
walking down the road on a bright dewy morning,
not a drop on her shoes?(1)
Many’s the grey-eyed youth thinking to marry her,
but they’ll not get my treasure for the bargain they have in mind
II
Did you see my baby on a fine day on her own,
her twining tresses tumbling down to her shoulders?
Sweet young woman of rosy countenance,
whom every worthless youth imagines will be his sweetheart.
III
Did you see the goddess by the side of the sea,
gold rings on her fingers, dressing her hair?
Power, steward on the boat, said that
he’d rather have her than the whole of Ireland.
Tradotto da Cattia Salto
I
Avete visto la mia ragazza dai lunghi capelli biondi camminare per la strada in un mattino umido di rugiada, senza una goccia sulle sue scarpe? (1)
Ci sono molti giovani invidiosi che vorrebbero sposarla, ma essi non prenderanno il mio tesoro, non importa quello che pensano.
II
Avete visto la mia bella in un bel giorno tutta sola, i suoi capelli arricciati in boccoli ricadenti sulle spalle? Amata giovinetta dal roseo colorito di cui ogni giovane indegno spera di essere l’amante!
III
Avete visto la dea in riva al mare, anelli d’oro alle dita che si acconcia i capelli?
Power, che è il comandante della nave disse che avrebbe preferito lei piuttosto che l’intera Irlanda.

NOTE
1) nella versione di Edward Bunting leggiamo che la fanciulla è appena uscita dal bosco più profondo (un modo per dire che è una creatura fatata) con le scarpe ancora umide di rugiada (una sorta di Venere nata dai boschi invece che dalle acque).

ASCOLTA Brendan Behan

Il testo pubblicato da Edward Bunting è però diverso (“Bunting’s Ancient Music of Ireland” Cork: Cork University Press, 1963, Donal O’Sullivan & Mícheál Ó Súilleabháin, ed): è un elegia alla bellezza della fanciulla.


Da bh[f]aicfeá-sa an chúilfionn,
Is í siúl ar na bóithribh
Dul bealach na cúl-choill’
‘S an drúcht lena brógaibh.
Mo bhrón ‘sí mó brún í,
Is níl [tnúth?] aici le óige
‘S go dtug sí barr múinte
Ar chúigibh na Fódla.
Is lonrach ‘s is péarlach
An mhaighdean chiúin tséimh í,
Is ró-dheise len fhéachaint
‘Na sceimh an ghréinéirí (?).
Samhail de Dheirdre
A méin is a breáthacht
Mar shoilse lae ag éirí
Nó réalta oíche Márta.


TRADUZIONE INGLESE
If you were to see the fair lady,
As she walked the roads
Going by the way of the back woods
And the dew on her shoes
Alas, she is my loved one
And she pities not my youth
She excels the five provinces of Erin
In high accomplishments.
She is radiant and beautiful.
This mild gentle maiden .
It is a great loveliness to see
In her beauty, the rising sun.
She is an image of Venus
In her disposition and splendour
As the morning light arising
Or as the stars on a March sky.

tradotto da Cattia Salto
Se vedeste la mia bella ragazza camminare per le strade proveniente dai boschi con la rugiada sulle scarpe.
Ahimè è colei che amo e non ha pietà della mia gioventù.
Ella eccelle nelle cinque province d’Irlanda per gli alti conseguimenti. E’ radiosa e bella questa fanciulla mite e gentile.
E’ una grande bellezza vedere nella sua beltà il sorgere del sole.
E’ l’immagine di Venere nella sua indole e splendore, come il sorgere della luce mattutina o come le stelle in un cielo di Marzo.

I versi furono tradotti (più o meno liberamente) da Thomas Furlong come segue:
Had you seen my sweet Coulin at the days early dawn,
When she moves through the Wildwood or wide dewy lawn?
There is joy, there is bliss in her soul-cheering smile,
She’s the fairest of flowers in our green bosomed isle.
In Balanagar dwells the bright blooming maid,
Retired, like the primrose that blows in the shade;
Still dear to the eye that fair primrose may be,
But dearer and sweeter is my Coulin to me.
Oh, Dearest! thy love from thy childhood, was mine,
Oh, Sweetest! this heart from life’s op’ning was thine
And though coldness by kindred or friends may be shown,
Still, still my sweet Coulin, that heart is thine own.
Thou light of all beauty, be true still to me,
Forsake not thy swain, love though poor he may be;
For rich in affection, in constancy tried,
We may look down on wealth in its pomp and its pride.

La traduzione che ne fa Samuel Ferguson (Sparling, Irish Minstrelsy, 1888) è invece:
O had you see the Coolun,
Walking down the cuckoo’s street,
With the dew of the meadow shining
On her milk-white twinkling feet!
My love she is, and my coleen oge,
And she dwells in Bal’nagar;
And she bears the palm of beauty bright,
From the fairest that in Erin are.
In Bal’nagar is the Coolun
Like the berry on the bough her cheek;
Bright beauty dwells for ever
On her fair neck and ringlets sleek;
Oh, sweeter is her mouth’s soft music
Than the lark or thrush at dawn,
Or the blackbird in the greenwood singing
Farewell to the setting sun.
Rise up, my boy! make ready
My horse, for I forth would ride,
To follow the modest damsel,
Where since our youth were we plighted,
In faith, troth, and wedlock true –
She is sweeter to me nine times over,
Than organ or cuckoo!
For, ever since my childhood
I loved the fair and darling child;
But our people came between us,
And with lucre out pure love defiled;
Ah, my woe is is, and my bitter pain,
And I weep it night and day,
That the coleen bawn of my early love,
Is torn from my heart away.
Sweetheart and faithful treasure,
Be constant still and true;
Now for want of hers and houses
Leave one who would ne’er leave you,
I’ll plege you the blessed Bible,
Without and eke within,
That the faithful God will provide for us,
Without thanks to kith or kin.
Oh, love, do you remember
When we lay all night alone,
Beneath the ash in the winter storm
When the oak wood round did groan?
No shelter then from the blast had we,
The bitter blast or sleet,
But your gown to wrap about our heads,
And my coat around our feet.

continua

FONTI
http://www.irishpage.com/songs/Coolin.htm
http://thesession.org/tunes/1815 http://www.ibiblio.org/fiddlers/COO_CORI.htm#COOLUN/COOLN
http://www.cranfordpub.com/langan/Coolin.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=45138
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=58793
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=20475#243322 http://www.joeheaney.org/default.asp?contentID=757

THE AULD TRIANGLE

“The Auld Triangle” nota anche come “The Banks of the Royal Canal” è una canzone autobiografica, che alcuni erroneamente ritengono sia stata scritta da Brendan Behan (o dal fratello Dominic) durante uno dei suoi soggiorni alla prigione di Mountjoy.

Brendan Behan

Brendan nella sua vita bohémien fu spesso ospite delle galere irlandesi e inglesi: In March 1942 Behan was in Mountjoy for a few days after his release from borstal in Liverpool. In April he was arrested after a shoot-out with detectives near Glasnevin and sentenced to 14 years; he spent 18 months in the Joy, transferred to Arbour Hill, and released in an amnesty at the end of the War. He was back in Mountjoy twice more: in 1948 for assaulting a Garda and using profane and obscene language and in 1954 for drunk and disorderly. tratto da Tim Carey, “Mountjoy: the story of a prison” (Cork: The Collins Press, 2000, 2005).
La prigione fu costruita nel 1850 per una popolazione di 500 detenuti arrivati ben presto a quota 2000, un carcere sovraffollato e tenuto in condizioni igieniche precarie oggi trasferito in una struttura più moderna!
La madre Kathleen Behan in un’intervista ebbe a dire: [1984:] Our Brendan spent so long in jail, he wrote a lot about it. He wrote a lovely song to go with his play ‘The Quare Fellow’, and called it The Old Triangle, after the metal triangle that used to be rung to call the prisoners to their tasks.

Brendan inserì  la canzone nella sua commedia The Quare Fellow (vedi) In “The Quare Fellow” – letteralmente “Lo strano compagno”, tradotto in italiano come “L’impiccato di domani” – l’azione è ambientata nel carcere di Mountjoy a Dublino ed il protagonista – che paradossalmente non entra mai in scena – è un prigioniero che il giorno seguente sarà giustiziato. Di lui, e del crimine sconosciuto per cui è stato messo a morte, parlano i suoi compagni di prigionia, ed in particolare un giovane detenuto per omosessualità, ed il personale del carcere.
L’opera è una feroce descrizione della vita carceraria nell’Irlanda degli anni 50, quando l’omosessualità era un crimine, ricorso alla pena capitale molto comune ed il trattamento dei prigionieri, tanto più se politici, brutale. Si trattava per l’epoca di argomenti assolutamente tabù e la spregiudicatezza con cui Brendan Behan li affrontò – mettendo alla berlina il moralismo e l’ipocrisia con cui la società irlandese si approcciava a sesso, religione e politica – non mancò di sollevare un vivace dibattito. (tratto da qui)

Dublino: Royal Canal anni '80
Dublino: Royal Canal anni ’80

L’AUTORE DEL TESTO: DICKIE

Brendan riconobbe la paternità del testo all’amico Dickie di Wellington Street ovvero Richard Patrick Shannon (1916-1975).
Un bevitore, un giocatore d’azzardo e un ladro, a suo modo sempre sincero, Dickie diceva “a robber was honest when compared to a liar. A liar was the lowest of the low, as they would get you hanged for nothing more than malice“! Non proprio un barbone alla deriva, perchè aveva moglie e numerosi figli ma uno che doveva arrangiarsi con i lavori che gli capitavano e diceva “But such was the way of the world when you ran with rats“.

Di fatto ora la canzone è un tradizionale irlandese, una canzone di prigionia o per estensione nei suoi risvolti “governativi” una ballata politica. Con un linguaggio semplice e colloquiale, sono descritte le condizioni di vita di un detenuto e la sua nostalgia per la ragazza amata.
Un aforismo di Brendan Behan guarda caso era “The most important things to do on the world are to get something to eat, something to drink and somebody to love you
La canzone ha un ritmo molto lento e generalmente viene cantata senza accompagnamento musicale; è stata interpretata da molti cantanti della scena folk, da Liam Clancy a Bob Dylan; dai Pougues agli U2. La melodia riprende The Galway Shawl (vedi) un brano tradizionale irlandese.

VERSIONE ESTESA
ASCOLTA Brendan Behan


ASCOLTA David Mullen con accompagnamento pianoforte

ASCOLTA Dropkick Murphys con il loro inconfondibile stile

VERSIONE RIDOTTA (strofe I, II, IV e V)
ASCOLTA Justin Timberlake che la canta anche nel film “Inside Llewyn Davis” diretto da Joel e Ethan Coen

ASCOLTA The Dubliners

ASCOLTA The High Kings


I
Oh a hungry feelin’(1)
came o’er me stealin’,
The mice were squeelin’
in my prison cell,
Chorus:
And the auld(2) triangle(3)
went jingle-jangle(4),

All along the banks
of the Royal Canal(5).

II
To begin the mornin’,
the screw(6) was bawlin’:
“Get up your bowsey(7)
and clean up your cell”
III
On a fine spring evening
the lag lay dreaming
the seagulls wheeling
high above the wall
IV
The lags(8) were sleepin’
and Humpy Gussey(9) was peepin’,
As I lay there weepin’
for my girl Sall(10),
V
Up in the female prison
there are 75 women,
And among them now
I wish I did dwell,
Chorus:
Then the auld triangle
could go jingle-jangle,

All along the banks
of the Royal Canal.
traduzione italiano Cattia Salto
I
Un gran senso di fame(1)
mi prendeva,
i topi squittivano
nella mia cella
Coro:
e il vecchio(2) triangolo(3)
scampanellava(4)

lungo tutte le sponde
del Royal Canal(5)

II
Di prima mattina,
il secondino(6) gridava:
“Alzati tu, ubriacone(7),
e pulisci la tua cella”
III
Una bella sera di primavera
il detenuto stava sognando
i gabbiani volare
alto oltre il muro
IV
I detenuti(8) dormivano
e Gussey il gobbo(9) sbirciava
mentre là stavo, piangendo
per la mia ragazza Sall(10)
V
Sopra, nella prigione femminile,
ci sono 75 donne,
e tra di loro
vorrei stare
Coro (variazione):
ma solo il vecchio triangolo
poteva scampanellare,

lungo tutte le sponde
del Royal Canal

NOTE
1) accostare il senso di fame con lo squittio dei topi la dice lunga sul tipo di cibo fornito in carcere
2) auld, ould ovvero old a Dublino si pronuncia Aul, come Owl, ovvero OW-will, o Ow-well. Non necessariamente si usa per identificare qualcosa di vecchio, quanto piuttosto come un intercalare affettuoso
3) il triangolo suonava per la sveglia e richiamare i detenuti ai pasti.
4) jingle-jangle è un’espressione colloquiale
5) il carcere di Mountjoy, confina con il Royal Canal, una volta arteria del traffico fluviale che collegava Dublino con il Nord attraverso il fiume Shannon. Caduto in disuso negli anni 1970 è stato resa nuovamente agibile per la navigazione e riqualificato parzialmente con la creazione della Royal Canal Way, un sentiero a lunga percorrenza da Ashtown (Dublino) a Abbeyshrule, nella contea di Longford
6) Brendan dice warder
7) bowsey, variazione del vocabolo colloquiale boozy, che significa “ubriacone”. Nel dialetto anglo-irlandese “your” non ha il significato di “tuo/vostro”, ma diventa una forma allocutiva, usata in senso ironico ed equivalente a “tu/voi”. Brendan invece dice Get out of bed
8) Brendan dice screw
9) a detta dei detenuti un secondino un po’ brutale
10) in realtà la moglie di Dickie si chiama Mary, ma così rima con wall

FONTI
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=26133&lang=it
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=12294
http://www.bobdylanroots.com/royal.html
http://njnnetwork.com/2011/10/the-auld-triangle-or-royal-canal/

ILLUSTRAZIONI
http://www.virals.eu/2013/07/inner-city-dublin-in-the-1980s/