Archivi tag: Bob Lynch

HO RO, NUT BROWN MAIDEN

Canto d’amore in gaelico scozzese conosciuto come “Ho ro, mo nigh’n donn bhoidheach” in tutte le Highlands della Scozia, diffuso anche in molte regioni di Cape Breton – Nuova Scozia (Canada) (vedi prima parte)

L’uomo assicura il suo eterno amore ad una giovane donzella. Il giovanotto, che vive nelle Terre Basse scozzesi, promette alla sua bella di ritornare nelle Highlands per sposarla e portarla via. A volte la donna si chiama Mary oppure Peggy. Egli ne magnifica la bellezza e le qualità morali secondo dei canoni abbastanza convenzionali.
La versione in inglese è stata pubblicata dall’editore George Thomson nel ‘Collection of Original Scottish Airs,’ (1802)che commissionò il compositore viennese F. J. Haydn per un arrangiamento classico di circa 200 melodie tradizionali scozzesi, così come fece versificare in inglese i testi in gaelico scozzese.

ASCOLTA
Alex Campbell

ASCOLTA Bob Lynch


CHORUS
Ho ro my nut-brown maiden,
Hi ri my nut-brown maiden,
Ho ro, ro, maiden!
Oh she’s the maid for me.
I
Her eyes so mildly beaming,
Her look so frank and free,
In waking and in dreaming
Is evermore with me.
II
O Mary, mild-eyed Mary,
By land, or on the sea,
Though time and tide may vary,
My heart beats true to thee.
III
In Glasgow or Dunedin
Were maidens fair to see;
But ne’er a Lowland maiden
Could lure mine eyes from thee.
IV
And when with blossom laden,
Bright summer comes again,
I’ll fetch my nut-brown maiden
Down frae the bonnie glen.

tradotto da Cattia Salto
CORO
Salve mia fanciulla
dai capelli nocciola

salve fanciulla
lei è la donna fatta per me
I
I suoi occhi così dolci e radiosi
il suo aspetto così schietto e tranquillo, da sveglio o in sogno
è per sempre sempre con me
II
O Mary dagli occhi dolci
per terra o per mare
anche se tempo e maree possono variare il mio cuore batte solo per te
III
A Glasdow o Dunedin c’erano belle fanciulle da vedere; ma mai una donna delle Terre Basse potrebbe distogliermi da te
IV
E quando carica di fiori
l’estate luminosa arriva di nuovo
andrò a prendere la fanciulla dai capelli nocciola, giù nella bella valle.

FONTI
http://www.traditionalmusic.co.uk/folk-song-lyrics/Nut_Brown_Maiden.htm
http://ingeb.org/songs/bluebell.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=903

MO NIGHEAN DONN, BHOIDHEACH

Marie StillmanBrano conosciuto anche come “Ho ro, mo nigh’n donn bhoidheach” in tutte le Highlands della Scozia, diffuso anche in molte regioni di Cape Breton – Nuova Scozia (Canada)

ASCOLTA registrazione dalla Canada’s digital collections: Mac Edward Leache and the Song of Atlentic Canada

L’uomo assicura il suo eterno amore ad una giovane donzella. Il giovanotto, che vive nelle Terre Basse scozzesi, promette alla sua bella di ritornare nelle Highlands per sposarla e portarla via. A volte la donna si chiama Mary oppure Peggy. Egli ne magnifica la bellezza e le qualità morali secondo dei canoni abbastanza convenzionali.

Non è ben chiaro perché i due siano separati, alcuni hanno voluto vedere l’origine remota di questo canto nella ballata inglese “The Nut-Brown Maid” del XV secolo riportata nella raccolta di Thomas Percy “Reliques of Ancient English Poetry“, 1765. In effetti questa ballata descrive una specie di prova d’amore che il cavaliere, costretto all’esilio, richiede alla sua dama, quella di andare a vivere con lui nel bosco solitario, lontano da agi e ricchezze. Lei è figlia di un barone e lui si dichiara un semplice scudiero, eppure lei continua a professare il suo amore per lui; così l’uomo rivela di essere figlio di un conte in verità nient’affatto bandito, e la farà sua sposa.

Le varianti testuali sono moltissime e gli arrangiamenti strumentali pure, soprattutto per cornamusa (anche marcia di un battaglione scozzese). Nel 1882 John Stuart Blackie (1809-1895) studioso scozzese e letterato, ha tradotto il testo gaelico in inglese mantenendone la stessa musicalità e metrica (in Altavona, fact and fiction from my life in the Highlands)

ASCOLTA Rankin Family. Nella versione originale ci sono otto strofe qui ridotte a tre


Sèist: Ho ró, mo nighean   donn bhòidheach,
Hi rì, mo nighean donn bhòidheach,
Mo chaileag laghach bhòidheach,
Cha phòsainn ach thu.
I
A Pheigi dhonn nam blàth-shul,
Gur trom a thug mi gràdh dhuit:
Tha t-iomhaigh ghoul, ‘us t-ailleachd,
A ghnàth tigh’nn fo m’ùidh.
II
‘S ann tha mo ru’s na beanntaibh,
Far bheil mo ribhinn ghreannar
Mar ros am fasach Shamhraidh
An gleann fad’o shuil.
III
Ach ‘n uair a thig an Samhradh,
Bheir mise sgrìob do ‘n ghleann ud,
‘S gu ‘n tog mi leam do’n Ghalldachd,
Gu h-annsail, am flùr


Chorus:
Ho ro my   beautiful nut-brown maiden,
Hi ri, my beautiful nut-brown maiden,
My bonnie winsome maiden,
I wed none but thee.
I
O, dark Peggy with the warm eyes
Deep is the love I gave thee:
Your great love and beauty,
I constantly see.
II
For ‘mong the hills she’s dwelling
Where my lovely maiden is
As a rose hidden in the summer wilderness
In the glen as far as the eyes sees
III
But as soon as comes the summer,
I’ll take a trip to the glen yonder,
And take thee to the place of the Lowlander, Lovingly, this flower.

Tradotto da Cattia Salto
Salve mia bella fanciulla dai capelli nocciola
Salve mia bella fanciulla dai capelli nocciola
Mia bella saggia fanciulla
Non sposerò altri che te
I
O Peggy mia mora, dagli occhi cordiali, profondo è l’amore che provo per te il tuo grande amore e beltà vedo continuamente.
II
Perché tra le colline lei dimora
là dove è la mia amata fanciulla
come una rosa nascosta nella landa solitaria dell’estate
nella valle lontano dalla vista.
III
Ma appena arriverà l’estate,
farò un viaggio verso la valle lontana
e porterò a te, nella casa di un abitante delle Terre Basse
con amore, questo fiore

ASCOLTA Frances Black &Mary Black in This love will carry

Sèist
Hó ró m’iníon donn bhóidheach
Hó ró m’iníon donn bhóidheach
‘S a chailín lách bhóidheach
Ní phósfainn ach thú
I
A Pheigí dhonn na mbláthshúl
Is trom a thug mé grá duit
Tá d’éadan aoibhinn álainn
De ghrnáth os comhair do shúl
II
Ní   cheilfead ar an saol so
Go bhfuil mé i ngrá go tréan leat;
‘S cé d’ímíos uait go scléipeach
Níor thréigeas mo rún
III
Ach nuair a thiocfadh an samhradh
Rachad féin ‘dtí’n gleann úd
Is tabharfadsa, dar Donn, liom
M’ansacht is mo rún


Chorus
Hó ró   pretty brown-haired lass
Hó ró pretty brown-haired lass
My gentle charming pretty girl
I’ll marry none but you
I
Oh   brown-haired Peggy, eyes like flowers ,
My love for you is great and deep,
Above your eyes your forehead
Always beautiful and sweet
II
I will hide from no man
That my love for you is strong
Although I went from you carousing
I did not cease to love
III
But when  summer is upon us
I will go to yonder glen
And I swear I’ll bring back with me
My darling and my love

tradotto da Cattia Salto
Salve mia bella fanciulla dai capelli castani
Mia gentile, affascinante e bella fanciulla, Non sposerò altri che te
I
O Peggy mia mora, occhi come fiori
profondo e grande è l’amore che provo per te
per i tuoi occhi e  la tua fronte
sempre bella e soave.
II
Non nasconderò a nessuno
che il mio amore per te è forte
sebbene me andai da te per un festino, non smisi di amati
III
Ma appena arriva l’estate,
andrò nella valle lontana
e lo giuro ti riporterò con me
mia amata

LA MELODIA

ASCOLTA Silly Wizard

ASCOLTA OSDF Pipe Band

continua versione inglese

FONTI
http://magnius159.tumblr.com/post/31474796489/ho-ro-mo-nighean-donn-bhoidheach-my-nut-brown-maiden
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=903