Archivi tag: Assassin’s Creed 4: Black Flag

All for me Grog

Leggi in italiano

Yet another drinking song, “All for me Grog”, in which “Grog” is a drink based on rum, but also a colloquial term used in Ireland as a synonym for “drinking”.
grogThe song opens with the refrain, in which our wandering sailor specifies that it is precisely because of his love for alcohol, tobacco and girls, that he always finds himself penniless and full of trouble. To satisfy his own vices, johnny sells from his boots to his bed. More than a sea shanty it was a forebitter song or a tavern song; and our johnny could very well be enlisted in the Royal Navy, but also been boarded a pirate ship around the West Indies.

Nowadays it is a song that is depopulated in historical reenactments with corollaries of pirate chorus!
Al Lloyd (II, I, III)

The Dubliners from The Dubliners Live,1974

AC4 Black Flag ( II, III, VI)

 CHORUS
And it’s all for me grog
me jolly, jolly grog (1)
All for my beer and tobacco
Well, I spent all me tin
with the lassies (2) drinkin’ gin
Far across the Western Ocean
I must wander

I
I’m sick in the head
and I haven’t been to bed
Since first I came ashore with me plunder
I’ve seen centipedes and snakes and me head is full of aches
And I have to take a path for way out yonder (3)
II
Where are me boots,
me noggin’ (4), noggin’ boots
They’re all sold (gone) for beer and tobacco
See the soles they were thin
and the uppers were lettin’ in(5)
And the heels were lookin’ out for better weather

III
Where is me shirt,
me noggin’, noggin’ shirt
It’s all sold for beer and tobacco
You see the sleeves were all worn out and the collar been torn about
And the tail was lookin’ out for better weather
IV
Where is me wife,
me noggin’, noggin’ wife
She’s all sold for beer and tobacco
You see her front it was worn out
and her tail I kicked about
And I’m sure she’s lookin’ out for better weather
V
Where is me bed,
me  noggin’, noggin’ bed
It’s all sold for beer and tobacco
You see I sold it to the girls until the springs were all in twirls(6)
And the sheets they’re lookin’ out for better weather
VI
Well I’m sick in the head
and I haven’t been to bed
Since I’ve been ashore for me slumber
Well I spent all me dough
On the lassies don’t ye know
Across the western ocean(7)
I will wander.

NOTES
1) grog: it is a very old term and means “liqueur” or “alcoholic beverage”. The grog is a drink introduced in the Royal Navy in 1740: rum after the British conquest of Jamaica had become the favorite drink of sailors, but to avoid any problems during navigation, the daily ration of rum was diluted with water.
2) lassies: widely used in Scotland, it is the plural of lassie or lassy, diminutive of lass, the archaic form for “lady”
4) nogging: in the standard English noun, the word means “head”, “pumpkin”, in an ironic sense. Being a colloquial expression, it becomes “stubborn” (qualifying adjective)
5) let in = open
6) the use of the mattress is implied not only for sleeping
7) western ocean: it is the term by which the sailors of the time referred to the Atlantic Ocean

A GROG JUG

1/4 or 1/3 of Jamaican rum
half lemon juice (or orange or grapefruit)
1 or 2 teaspoons of brown sugar.
Fill with water.

Even in the warm winter version: the water must be heated almost to boiling. Add a little spice (cinnamon stick, cloves) and lemon zest.
It is a classic Christmas drink especially in Northern Europe.

 GROG

( Italo Ottonello)
The grog was a mixture of rum and water, later flavored with lemon juice, as an anti-scorb, and a little sugar. The adoption of the grog is due to Admiral Edward Vernon, to remedy the disciplinary problems created by an excessive ration of alcohol (*) on British warships. On 21 August 1740 he issued for his team an order that established the distribution of rum lengthened with water. The ration was obtained by mixing a quarter of gallon of water (liters 1.13) and a half pint of rum (0.28 liters) – in proportion 4 to 1 – and distributed half at noon and half in the evening. The term grog comes from ‘Old Grog’, the nickname of the Admiral, who used to wear trousers and a cloak of thick grogram fabric at sea. The use of grog, later, became common in Anglo-Saxon marines, and the deprivation of the ration (grog stop), was one of the most feared punishment by sailors. Temperance ships were called those merchant ships whose enlistment contract contained the “no spirits allowed” clause which excluded the distribution of grog or other alcohol to the crew.
 (*) The water, not always good already at the beginning of the journey, became rotten only after a few days of stay in the barrels.
In fact, nobody drank it because beer was available. It was light beer, of poor quality, which ended within a month and, only then, the captains allowed the distribution of wine or liqueurs. A pint of wine (just over half a liter) or half a pint of rum was considered the equivalent of a gallon (4.5 liters) of beer, the daily ration. It seems that the sailors preferred the white wines to the red ones that they called despicably black-strap (molasses). Being destined in the Mediterranean, where wine was embarked, was said to be blackstrapped. In the West Indies, however, rum was abundant.

LINK
http://www.drinkingcup.net/navy-rum-part-2-dogs-tankys-scuttlebutts-fanny-cups/
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=5512
https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/allformegrog.html
http://www.lettereearti.it/mondodellarte/musica/la-lingua-delle-ballate-e-delle-canzoni-popolari-anglo-irlandesi/

STORMALONG JOHN

Illustrazione di Greg Newbold

Sea shanty in memoria del marinaio Stormie cioè il marinaio per eccellenza, secondo  A.L.Lloyd Stormalong era “the blusterous old skipper who stands his ground alongside Davy Jones and Mother Carey among the mythological personages of the sea. Some took him to be an embodiment of the wind, others believed he was a natural man…” ( Folk Song In England, 1967 ).
D’altro canto Alfred Bulltop Stormalong è un leggendario eroe americano del mare dalle proporzioni gigantesche e dalle imprese prodigiose, protagonista di molti racconti per bambini. E’ Stormalong “an able sailor, bold and true” e il suo funerale una sorta di ultimo addio alla gloriosa era dei grandi velieri, sconfitti sul finire dell’Ottocento dai battelli a vapore.
E’ classificata da Stan Hugill come la più vecchia nella serie della “Stormalong family”, un vasto gruppo di halyard shanties.

STORMALONG JOHN

Canto di origine afro-americane per il lavoro alle pompe o come canto all’argano.

ASCOLTA Jon Bartlett

ASCOLTA Assassin’s Creed per Black Flag In Game Soundtrack


Oh, poor old Stormy’s dead and gone
Stormalong boys! Stormalong John!
Oh, poor old Stormy’s dead and gone
Ah-ha, come along get along
Stormyalong John!
I dug his grave with a silver spade
I lower’d him down with a golden chain
I carried him away to Montego (Mobile) Bay
traduzione italiano di Cattia Salto
Povero vecchio Stormy è morto stecchito Stormalong ragazzi! Stormalong John! Vieni avanti
Stormyalong John!
Ho scavato la sua fossa con una spada d’argento
l’ho calato giù con una catena d’oro
e l’ho portato lontano da Montego Bay

MR. STORMALONG

Una delle versioni di John Short è intitolata Old Stormey (Mister Stormalong)
ASCOLTA Barbara Brown in Short Sharp Shanties : Sea songs of a Watchet sailor vol 3 (su Spotify)


Old Stormy’s dead and gone
to me way Stormalong!
Oh from Cape Horn where he was born.
Ay, ay, ay, Mister Stormyalong
Stormy is dead I saw him die
And more than rain it dim my eyes.
and now we’ll sing few old song
Roll her over, long and strong.
we dug his grave with a silver spade
his shroud of the finest silk was made.
we lower’d him down with a golden chain
and we’ll see that he don’t rise again.
I wish I was old Stormy’s son
I give those sailors lots of rum.
traduzione italiano di Cattia Salto
Il povero vecchio Stormy è morto stecchito to me way Stormalong!
Oh a Capo Horn dov’era nato
Ay, ay, ay, Mister Stormyalong
Stormy è morto l’ho visto morire
e più di una lacrima offusca il mio sguardo
e adesso canteremo qualche vecchia canzone, falla andare grande e forte, abbiamo scavato la fossa con una spada d’argento, il suo sudario era fatto della seta più bella, l’abbiamo calato giù con una catena d’oro
e abbiamo visto che non si è rialzato.
Se fossi il figlio del vecchio Stormy
darei ai marinai un sacco di rum

Una versione più estesa è riportata in “American Sea Songs and Chanteys,” di Frank Shay, 1948
ASCOLTA Ivan Neville in Son Of Rogues Gallery ‘Pirate Ballads, Sea Songs & Chanteys ANTI 2013


I
Old Stormy’s gone, that good old man,
To my way hay,
Stormalong, John!

Oh, poor old Stormy’s dead and gone,
To my aye, aye, aye, aye,
Mister Stormalong!

We dug his grave with a silver spade,
His shroud of the finest silk was made.
We lowered him with a silver chain,
Our eyes all dim with more than rain.
An able sailor, bold and true,
A good old bosun to his crew.
II
He’s moored at last, and furled his sail,
No danger now from wreck or gale.
I wish I was old Stormy’s son,
I’d build me a ship of a thousand ton (1).
I’d fill her up with New England rum,
And all my shellbacks they would have some.
I’d sail this wide world ‘round and ‘round,
With plenty of money I would be found.
III
Old Stormy’s dead and gone to rest,
To my way hay, Stormalong, John!
Of all the sailors he was the best,
To my aye, aye, aye, aye, Mister Stormalong!
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Il vecchio Stormy è morto, quel brav’uomo A me way hay
Stormalong, John!

Il povero vecchio Stormy è morto stecchito A me aye, aye, aye, aye,
Mister Stormalong!
Abbiamo scavato la fossa con una spada d’argento, il sudario era fatto della migliore seta e lo abbiamo calato giù con una catena d’argento, con gli occhi pieni di pianto, un valido marinaio, ardito e sincero, un buon vecchio nostromo per la sua ciurma.
II
Infine è si è ormeggiato e ha ammainato la vela, nessun pericolo di un naufragio o di una tempesta, se fossi il figlio del vecchio Stormy costruirei una nave di mille tonnellate.
La riempirei con il rum del New England
e tutti i miei marinai ne avrebbero un po’.
Salperei per questo vasto mondo in lungo e in largo
e vorrei trovare un sacco di soldi.
III
Il vecchio Stormy è morto e andato a riposare a me way hay, Stormalong, John!
di tutti i marinai era il migliore!
To my aye, aye, aye, aye, Mister Stormalong!

NOTE
1) secondo John Sampson si tratta di John Willis armatore londinese che costruì il Cutty Sark; il padre John Willis potrebbe essere il nostro Stormalong; così scrive nel suo  “The Seven Seas Shanty Book” (1926) “I have heard that the prototype of this noble shanty was old John Willis, a famous early Victorian ship master and owner, whose son was the John Willis known as Old White Hat and who will be remembered chiefly as the owner of the famous Cutty Sark.”

IL LAMENT: Stormy Along, John

La versione di John Shortis a beautiful example of the fact that a tune does not have to have musical bars all the same length in order to give a consistent working rhythm.”

ASCOLTA Jim Mageean in Short Sharp Shanties : Sea songs of a Watchet sailor vol 1 (su spotify)


I wish I was old Stormy’s son,
to me way-ay Stormalong John
O I wish I was old Stormy’s son
Ah-ha, come along get along
Stormyalong John!
And if I was old Stormy’s son
I build a ship of a thousand ton;
I’ll load her with jamaiky rum,
and all my shellbacks they have some;
I’d treat you well and raise your pay
and  stand you drinks five times a day (1);
O was you ever in Quebec?
A-stowing timber on the deck;
I wish I was in Baltimore
On the grand old American shore;
And when we get to Liverpool town
We’ll chased that judies round and round
Traduzione italiano di Cattia Salto
Vorrei essere il figlio del vecchio Stormy, a me way-ay Stormalong, John!
Vorrei essere il figlio del vecchio Stormy; procedete tutti uniti
Stormyalong John!
Oh se fossi il figlio del vecchio Stormy
costruirei una nave di mille tonnellate.
La riempirei con il rum giamaicano
e tutti i miei marinai ne avrebbero un po’. Vi tratterei bene e vi aumenterei la paga
e vi farei bere 5 volte al giorno.
Sietemai  stati in Quebec?
A caricare legna nella stiva;
Vorrei essere a Baltimora
sulla riva dei Grandi Laghi d’America;
e quando arriveremo a Liverpool
rincorreremo quelle ragazze dappertutto

NOTE
1) sono le razioni giornaliere del grog

continua Carry him to his burying ground
continua Yankee John Stormalong

FONTI
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/494.html
https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/generaltaylor.html
http://shantiesfromthesevenseas.blogspot.it/2011/11/23-mister-stormalong.html
http://shantiesfromthesevenseas.blogspot.it/2011/11/24-stormy-along-john.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=39676
http://www.contemplator.com/sea/stormalong.html
http://ingeb.org/songs/ostormys.html
http://www.traditionalmusic.co.uk/sea-shanty/Stormalong.htm

ASSASSIN’S CREED: BLACK FLAG & ROGUE

Finita l’epoca dei grandi velieri il repertorio delle canzoni marinaresche (sea shanty), documentato dai veterani in pensione, è sbarcato sulla terra diffondendosi tra i non marinai e gli amanti della musica folkloristica “..alcune delle canzoni che ho citato ora sembrano sciocche vedendole scritte. Non sono il genere di canzoni da stampare. Sono canzoni che devono essere cantate in certe condizioni, e dove quelle condizioni non esistono, appaiono fuori luogo. In mare, quando sono cantate nel tranquillo gaettone, o alando le cime, sono le più belle di tutte le canzoni. È difficile scriverle senza emozione, perché sono parte della vita. Non si possono separare dalla vita. Non si può scrivere una parola di loro senza pensare ai giorni andati, o a compagni da molto tempo diventati corallo, o a belle, vecchie navi, una volta così maestose, ora ferro vecchio.” (John Masefield in “Sea Songs” 1906)

Una raccolta moderna di questi canti ovvero Shanties from the Seven Seas è di Stan Hugill (1961) con informazioni di prima-mano, la cosiddetta “shantyman’s bible“!

Una grande rivalutazione di questi canti è avvenuta poi più recentemente con la produzione in versione piratesca del famosissimo videogioco Assassin’s Creed: Black Flag (2013); la trama è un’intricata vicenda basata sui ricordi del pirata Edward Kenway  ed è ambientata nel mare dei Caraibi in un arco storico che va dal 1715 al 1721. Come già sottolineato da più parti, per quanto il lavoro svolto dai creatori del videogioco Assassin Creed abbia portato le canzoni marinaresche in auge tra i giovani, si è trattato di una mistificazione: molti dei canti sono del secolo successivo e ogni riferimento alla cultura afro-americana che ne è stata per buona parte la fonte è volutamente ignorato. Ma tanto di cappello per l’enorme produzione articolata in una serie di Cd e in particolare Assassin’s Creed 4: Black Flag (Sea Shanty Edition, Vol. 1 e 2) e Assassin’s Creed Rogue (Sea Shanty Edition) il sequel del video-gioco distribuito nel 2014

Sono raccolte non solo canzoni marinaresche ma anche ballate e canzoni del mare, antiche drinking songs (canti di taverna) e qualche rebel song.

Assassin’s Creed 4: Black Flag (Sea Shanty Edition, Vol. 1 e 2)

ADMIRAL BENBOW
ALL FOR ME GROG
BILLY RILEY
BLOW AWAY THE MORNING DEW
BULLY IN THE ALLEY
CAPTAIN KIDD
CAPTAIN WARD (Child  #287)
CHEERLY MAN
COASTS OF HIGH BARBARY (Child  #285)
DEAD HORSE
DERBY RAM
DOWN AMONG THE DEAD MEN
DRUNKEN SAILOR
FATHOM THE BOWL
FISH IN THE SEA
GOLDEN VANITY (Child #286)
GOOD MORNING, LADIES ALL
HANDY ME BOYS
HAULEY HAULEY HO 
HERE’S A HEALTH TO THE COMPANY
HI-HO COME ROLL ME OVER
HOMEWARD BOUND
JOHNNY BOKER
LEAVE HER JOHNNY
LOWLANDS AWAY
MAGGIE LAUDER
MAID OF AMSTERDAM
NIGHTINGALE
PADDY DOYLE’S BOOTS
PADSTOW’S FAREWELL
PATRICK SPENS
RANDY DANDY-O
RIO GRANDE
ROLL AND GO
ROLL, BOYS, ROLL! (Sally Brown)
ROLLER BOWLER
RUNNING DOWN TO CUBA
SAILBOAT MALARKAY
SO EARLY IN THE MORNING
SPANISH LADIES
STORMALONG JOHN
TROOPER AND THE MAID
WILD GOOSE SHANTY
WILLIAM TAYLOR
WHERE AM I TO GO M’JOHNNIES
WHISK(E)Y JOHNNY
WORST OLD SHIP

Assassin’s Creed Rogue (Sea Shanty Edition)


BLOOD RED ROSES
BOLD RILEY
BONNIE LASS O’FYVIE
DONKEY RIDING
DON’T FORGET YOUR OLD SHIPMATES
GO TO SEA NO MORE
HAUL AWAY JOE
HEAVE AWAY MY JOHNNY
HENRY MARTIN (Child  #250)
HI FOR THE BEGGERMAN
JOLLY ROVING TAR
KATIE CRUEL
LITTLE DRUMMER
LIVERPOOL JUDIES
MY BONNIE HIGHLAND LASSIE
NEW YORK GIRLS
ONE MORE DAY
OVER THE HILLS AND FAR AWAY
PAY ME THE MONEY DOWN
PADDY LAY BACK
ROLLING DOWN TO OLD MAUI
ROUND THE CORNER SALLY
SHALLOW BROWN
STAR OF THE COUNTY DOWN
WE BE THREE POOR MARINERS
WINDY OLD WEATHER
YE JACOBITES

MAGGIE LAUDER

Maggie Lauder è una ballata attribuita a Francis Sempill (o Semple), Laird di Beltrees (1616 – 1685) che descrive “l’incontro” tra la bella Maggie e il loquace Rob (Rob the Ranter) un pipaiolo (per tradurre bonariamente il termine “piper”) del Border scozzese: dopo le presentazioni e i primi complimenti i due passano alla “danza” sull’erba con reciproco soddisfacimento. Nel nostro immaginario sulla Scozia stereotipata è inevitabile visualizzare un prestante Highlander in gonnellino che suona la Great Highland Bagpipe, anche se la cornamusa del Border è uno strumento più simile alla gaita!
In realtà nel 1600 gli scozzesi del Border portavano i pantaloni (vedibpgd021

Così  i passi di danza, abilmente descritti, significano ben altro!
Tutto quelle che vorreste sapere sulla canzone è stato ampiamente trattato nel sito The Lowland and Border Pipers’Society (qui). La ballata popolare in Scozia, Inghilterra e Irlanda vede una disputa sulla paternità della melodia, perchè con il titolo di ‘Moggy Lauder’ o “Maggy Laidir” è conosciuta come antica melodia per “irish pipes” (vedi)

AC4 Black Flag la versione al maschile
la versione al femminile
Tannahill Weavers in Dancing Feet 1987 con una marcia in più

ASCOLTA Dick Gaughan (per il testo vedi)


I
Wha wadna be in love
Wi bonnie Maggie Lauder?
A piper met her gaun (1) to Fife,
And spier’d(2) what was’t they ca’d her:
Richt scornfully she answered him,
“Begone, you hallanshakerl (3)
Jog on your gate (4),
you bladderskate (5)!
My name is Maggie Lauder.”
II
“Maggie! quoth he; and, by my bags(6),
I’m fidgin’ fain (7) to see thee!
Sit doun by me, my bonnie bird;
In troth I winna steer(8) thee;
For I’m a piper to my trade;
My name is Rob the Ranter:
The lasses loup(9) as they were daft,
When I blaw up my chanter(10).”
III
“Piper, quo Meg, hae ye your bags,
Or is your drone (11) in order?
If ye be Rob, I’ve heard o’ you;
Live you upo’ the Border?
The lasses a’, baith far and near,
Have heard o’ Rob the Ranter;
I’ll shake my foot wi’ richt gude will,
Gif ye’ll blaw up your chanter.”
IV
Then to his bags he flew wi’ speed;
About the drone he twisted:
Meg up and wallop’d ower the green;
For brawly(12) could she frisk it
“Weel done”! quo he.
“Play up!” quo she.
“Weel bobb’d!” quo Rob the Ranter;
“It’s worth my while to play, indeed,
When I hae sic a dancer!
V
“Weel hae ye play’d your part! quo Meg;
Your cheeks are like the crimson
There’s nane in Scotland plays sae weel,/ Sin’ we lost Habbie Simson(13).
I’ve lived in Fife, baith maid and wife,
This ten years and a quarter;
Gin ye should come to Anster Fair,
Spier(2) ye for Maggie Lauder.”
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Chi non si innamorerebbe
della bella Maggie Lauder?
Un pipaiolo la incontrò che andava a Fife
e le chiese come si chiamava:
Con fare sprezzante lei gli rispose
“Vattene, vagabondo,
per la tua strada,
tu sacca del vento!
Mi chiamo Maggie Lauder”
II
“”Maggie – disse lui – per la mia piva,
sono contento di vederti!
Siediti accanto a me, mio bel uccellino
non voglio darti fastidio:
che io sono un pipaiolo di mestiere
e mi chiamo Rob “l’eloquente”:
le fanciulle saltellano come matte, quando io soffio sul mio chanter.”
III
“Pipaiolo – disse Meg – avete sacca e bordone in ordine?
Se voi siete Rob, ho sentito parlare di voi; vivete vicino al Border?
Le fanciulle vicine e lontane hanno sentito parlare di Rob “l’eloquente”; sbatterò il piede di buona lena,
se voi soffierete sul chanter”
VI
Allora prese velocemente la piva
e suonò il bordone:
Meg galoppò sul prato
che molto bene lei si sapeva muovere
“Ben fatto” – disse lui
“Suona su” -disse lei
“Bella piroetta – disse Rob l’eloquente – Vale la pena suonare invero
quando si ha una tale ballerina!”
V
“Avete suonato bene la vostra parte – disse Meg –
le vostre guance sono di porpora,
nessuno in Scozia suona così bene.
da quando è morto Habbie Simson.
Ho vissuto a Fife sia da fanciulla che da sposa questi dieci anni e un quarto;
se volete venire alla fiera di Anster
chiedete di Maggie Lauder”


NOTE
In “The Scots Musical Museum” #544 con il titolo “Wha wadna be in love &c.”
1) gaun=going
2) spier’d=enquired, asked
3) hallanshaker=tramp
4) gate=way
5) bladderskate=windbag, gossiper, prattler, noisy talker.
6) bags=anche se al plurale, si tratta della “sacca” della piva. Il piper nel dipinto sta soffiando l’aria (e ci vogliono dei bei polmoni) mediante il blow pipe (ossia la canna dell’aria o per soffiare) nel bag – il sacco- che premuto dal braccio sinistro manda l’aria nelle altre canne collegate (delle piccole ance sono inserite all’imboccatura tra canne e sacco e sono proprio loro che vibrando producono il suono); il piper muovendo le dita sul chanter (ossia la canna del canto) modula la melodia su una scala di sole 9 note, mentre il suono di bordone cioè un suono continuo viene prodotto dai tre drones: uno più lungo di basso (quello più vicino alla testa) e due più corti di tenore. Per un distinguo su cornamuse, loro caratteristiche distintive e sonorità vi rimando qui: oltre  alla Great Highland Bagpipe troviamo anche la Border bagpipe (o Scottish Lowland bagpipe), presenti in Scozia almeno a partire dal XVIII secolo, sono caratterisitche dei Borders, ma anche del Perthshire e Aberdeenshire: mantengono il caratteristico tono vibrante della cornamusa delle regioni settentrionali ma a un volume più basso. Ma si costruiscono anche le border pipes in si bemolle, quelle in la, le scottish smallpipes, le fully chromatic border bagpipe chanter, e le bellows.
7) fidgin’ fain=excited, fidgetingly eager, ie “fucking glad”
8) steer=interfere with, stir/molest
9) loup=leap/jump about
10) chanter=pipe of bagpipe on which the melody is played
11) drone=the pipes on a bagpipe tuned to a fixed note
12) brawly=handsomely
13) ‘The Life and Death of Habbie Simpson, Piper in Kilbarchan’ scritto dal padre di Francis, Sir Robert Sempill (c.1595-c.1665). Gli abitanti di Kilbarchan sono chiamati “Habbies”

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/piva.html
http://lbps.net/lbps/repertoire/65-maggie-lauder.html http://digital.nls.uk/broadsides/broadside.cfm/id/15900 http://burnsscotland.com/items/v/volume-vi,-song-544-pages-562-and-563-wha-wadna-be-in-love-c.aspx

Tutto per il bere!

Read the post in English

Ennesima drinking song, “All for me Grog” dal titolo che è tutto un programma (in italiano “Tutto per il mio bere“), in cui “Grog” è una bevanda a base di rum, ma anche un termine colloquiale usato in Irlanda come sinonimo di “drinking”.
grogLa canzone si apre con il ritornello, nel quale il nostro marinaio vagabondo specifica che è proprio a causa del suo amore per l’alcol, il tabacco e le ragazze, che si ritrova sempre squattrinato e pieno di guai. Per soddisfare i propri vizi, l’uomo si vende di tutto cominciando con gli stivali e, finendo con il letto. Più che un canto di lavoro dei marinai (sea shanty) era un canto nei momenti di riposo, alla fine della giornata e nelle taverne del porto; e il marinaio potrebbe benissimo essere arruolato nella Royal Navy, ma anche imbarcato su una nave pirata in giro per le Indie occidentali.

Ai nostri giorni è una canzone che spopola nelle rievocazioni storiche con corollario di coretti pirateschi!
Al Lloyd (strofe II, I, III)

The Dubliners in The Dubliners Live,1974

AC4 Black Flag (strofe II, III, VI)

 
CHORUS
And it’s all for me grog
me jolly, jolly grog (1)
All for my beer and tobacco
Well, I spent all me tin
with the lassies (2) drinkin’ gin
Far across the Western Ocean
I must wander

I
I’m sick in the head
and I haven’t been to bed
Since first I came ashore with me plunder
I’ve seen centipedes and snakes and me head is full of aches
And I have to take a path for way out yonder (3)
II
Where are me boots,
me noggin’ (4), noggin’ boots
They’re all sold (gone) for beer and tobacco
See the soles they were thin
and the uppers were lettin’ in(5)
And the heels were lookin’ out for better weather
III
Where is me shirt,
me noggin’, noggin’ shirt
It’s all sold for beer and tobacco
You see the sleeves were all worn out and the collar been torn about
And the tail was lookin’ out for better weather
IV
Where is me wife,
me noggin’, noggin’ wife
She’s all sold for beer and tobacco
You see her front it was worn out
and her tail I kicked about
And I’m sure she’s lookin’ out for better weather
V
Where is me bed,
me  noggin’, noggin’ bed
It’s all sold for beer and tobacco
You see I sold it to the girls until the springs were all in twirls(6)
And the sheets they’re lookin’ out for better weather
VI
Well I’m sick in the head
and I haven’t been to bed
Since I’ve been ashore for me slumber
Well I spent all me dough
On the lassies don’t ye know
Across the western ocean(7)
I will wander.
Traduzione italiano Cattia Salto* 
CORO
Darei tutto per bere,
oh il mio allegro grog,
darei tutto per birra e tabacco;
beh, ho speso tutti i soldi
in donne  e bevendo gin,
e lontano sull’Atlantico
devo andare ramingo!

I
Ho un gran mal di testa
e non sono stato a letto,
da quando sono sceso a terra con il bottino,
ho visto centopiedi e serpenti
e la mia testa è piena di dolori
e devo ancora trovare la via d’uscita da qui.
II
Dove sono i miei stivali,
i miei testardi, testardi stivali?
Li ho venduti per la birra e il tabacco,
sai le suole erano consumate
e le punte si erano aperte
e i tacchi hanno visto
tempi migliori.
III
Dov’è la mia camicia?
La mia testarda, testarda camicia?
L’ho venduta per la birra e il tabacco,
sai le maniche erano un straccio
e il colletto liso
e la coda dietro aveva visto tempi migliori.
IV
Dov’è mia moglie,
la mia testarda, testarda moglie?
L’ho venduta per la birra e il tabacco,
sai la faccia le si era sciupata
e il suo didietro ho preso a calci,
sono sicuro che ha visto tempi migliori!
V
Dov’è il mio letto,
il mio testardo, testardo letto?
L’ho venduto per la birra e il tabacco.
Sai, l’ho venduto alle ragazze
che sanno come far saltare le molle
e le lenzuola hanno visto
tempi migliori.
VI
Alla fine ho un gran mal di testa
e non sono andato a letto
da quando sono sbarcato per la mia libera uscita, beh ho speso tutti i miei quattrini per le ragazze sconosciute
e sull’Atlantico
andrò ramingo.

NOTE
* (revisionata da qui)
1) grog: colloquiale termine usato in Irlanda come sinonimo di drinking; è un termine molto antico e ha il significato di “liquore” o “bevanda alcolica”. Il grog è una bevanda introdotta nella Royal Navy nel 1740: il rum dopo la conquista britannica della Giamaica era diventata la bevanda preferita dai marinai, ma per evitare problemi durante la navigazione, la razione giornaliera di rum era  diluita con l’acqua.
2) lassies. Questa parola, molto usata in Scozia, è il plurale di lassie o lassy, diminutivo di lass, la forma arcaica di lady “signora”
3) yonder: “là”, “quello”, “quello là”- La frase letteralmente si traduce “devo prendere una strada per la via d’uscita quella là” Marco Zampetti traduce “devo trovare la strada fino in culo alla luna
4) nogging: nell’inglese standard sostantivo, il vocabolo significa “testa”, “zucca”, in senso ironico. Essendo un’espressione colloquiale, diventa “testardo” (aggettivo qualificativo)
5) let in = lasciare entrare, quindi per estensione tradotto con “aperto”
6) Marco Zampetti traduce “finche’ le molle schizzino fuori ” qui è implicito l’uso del materasso non solo per dormire
7) western ocean: è il termine con cui i marinai dell’epoca si riferivano all’Oceano Atlantico

RICETTA del GROG a bicchiere

1/4 o 1/3 di rum giamaicano
succo di mezzo limone (o arancia o di pompelmo)
1 o 2 cucchiaini di zucchero di canna.
Riempire il resto del bicchiere con acqua.

Anche in versione invernale caldo: l’acqua deve essere scaldata quasi a bollitura, si aggiungono tutti gli altri ingredienti nel bicchiere (se di vetro che sia temperato per le bevande calde). Aggiungere a piacere un po’ di spezie (bastoncino cannella, chiodi di garofano) e la scorza di limone. E’ una classica bevanda natalizia specialmente nel Nord Europa.

IL GROG

(di Italo Ottonello)
Il grog era una miscela di rum ed acqua, in seguito aromatizzata con succo di limone, come antiscorbutico, e poco zucchero. L’adozione del grog si deve all’Ammiraglio Edward Vernon, per porre rimedio ai problemi disciplinari creati da un’eccessiva razione d’alcolici (*) sulle navi da guerra britanniche. Il 21 agosto 1740 egli emanò, per la sua squadra, un ordine che stabiliva la distribuzione del rum allungato con acqua. La razione era ottenuta miscelando un quarto di gallone d’acqua (litri 1,13) e mezza pinta di rum (litri 0,28) – in proporzione 4 a 1 – e distribuita metà a mezzogiorno e metà la sera. Il termine grog deriva da ‘Old Grog’, soprannome dell’Ammiraglio, che in mare usava indossare dei pantaloni e un tabarro di spesso tessuto di grogram. L’uso del grog, in seguito, divenne comune nelle marine anglosassoni, e la privazione della razione (grog stop), era una delle punizioni più temute dai marinai. Temperance ships, erano dette quelle navi mercantili il cui contratto d’arruolamento conteneva la clausola “no spirits allowed” che escludeva la distribuzione di grog o altri alcolici all’equipaggio.
NOTA (*) L’acqua, non sempre buona già all’inizio del viaggio, diventava putrida solo dopo pochi giorni di permanenza nei barili.
Di fatto nessuno la beveva in quanto era disponibile la birra. Si trattava di birra leggera, di scarsa qualità, che terminava nel giro di un mese e, solo allora, i capitani consentivano la distribuzione di vino o liquori. Una pinta di vino (poco più di mezzo litro) o mezza pinta di rum erano considerati l’equivalente di un gallone (4,5 litri) di birra, la razione giornaliera. Sembra che i marinai preferissero i vini bianchi a quelli rossi che chiamavano spregiativamente black-strap (melassa). Essere destinati in Mediterraneo, dove si imbarcava il vino, era detto to be blackstrapped. Nelle Indie occidentali, invece, abbondava il rum.

FONTI
http://www.drinkingcup.net/navy-rum-part-2-dogs-tankys-scuttlebutts-fanny-cups/
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=5512
https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/allformegrog.html
http://www.lettereearti.it/mondodellarte/musica/la-lingua-delle-ballate-e-delle-canzoni-popolari-anglo-irlandesi/