Archivi categoria: STORIA IRLANDESE/ Irish history

Báidín Fheidhlimidh

Leggi in Italiano

The island of Tory or better Oileán Thoraigh, is a grain of rice (measuring 5 km in length and 1 in width) 12 km off the northern coast of Donegal. Ancient fortress of the Fomorians that from here left to raid the coasts of Ireland, a race of primordial gods, like Balor of the Evil Eye, the Celtic god of darkness that had only one eye on the back of the head.
It is called the island of artists since a small community of painters has been established in the 1950s. The hundreds of people who live there are Gaelic speakers and have been “governed” since the Middle Ages by a king of the island: it is up to the king to explain the legends and traditions of the island to the tourists!

TORAIG~1
island of Tory
by Pixdaus 

Bright and verdant in summer it is flagellate from strong storms in the winter months, theater of great tragedies of the sea.
But above all it is a land of rabbits and birds among which we can distinguish the puffins of the sea with the characteristic triangular beak of a bright orange with yellow and blue stripes wearing the frak.

“UNA BARCHETTA IN MEZZO AL MAR”

“Phelim’s little boat” or “Báidín Fheidhlimidh” (Báidín fheilimi) is one of the “songs of the sea” and is taught to Irish children at schools being a rare example of a bilingual song. Almost certainly handed down for generations in oral form, the song may have been composed in the seventeenth century.
Despite appearing as a nursery rhyme, the ballad tells the story of Feilimí Cam Ó Baoill, or Phelim O’Boyle, who, to escape his bitter enemy, abandons Donegal. He was one of the Ulster leaders of the O’Neil clan, one of the largest tribal dynasty in Northern Ireland (see). A warrior-fisherman leader who, to avoid conflict with the Mac Suibhne clan, or Sweeney, takes the sea on a small boat to the island of Gola; but, still not feeling safe, he changes the route to the island of Tory, more jagged and rich in hiding places, even if more treacherous for the presence of the rocks. And right on the rocks the small boat breaks and Phelim drowns.

The Gaelic here is peculiar because it comes from Donegal and has different affinities with the Scottish Gaelic. Baidin is a word in Irish Gaelic that indicates a small boat and the concept of smallness returns obsessively in all verses; so the nursery rhyme has its moral: in highlighting the challenge and the audacity in spite of a contrary destiny, we do not have to forget the power of the sea and we must remind that freedom has a very high price.

Sinéad O’Connor from  Sean-Nós Nua 2002:  ua voice with such a particular tone; here the pitch is melancholic supported by a siren-like echo effect. In the commentary on the booklet Sinéad writes:
It tells the story of Feilim Cam Baoill, a chieftain of the Rosses [in Donegal] in the 17th century. He had to take to the islands off Donegal to escape his archenemy Maolmhuire an Bhata Bu Mac Suibhne. Tory Island was more inaccessible and seemed safer than Gola, but his little boat was wrecked there. For me, the song is one of defiance and bravery in spite of terrible odds. It is a song of encouragement that we should be true to ourselves even if being true means ‘defeat’. A song of the beauty of freedom. And a song of the power of the sea as a metaphor for the unconscious mind. It shows that we can never escape our soul.”

Na Casaidigh from Singing for memory 1998: a fine arrangement of the voices in the choir and a final instrumental left to the electric guitar in a mix between traditional and modern sounds very pleasant and measured.

Angelo Branduardi from Il Rovo e la Rosa 2013,  (his Gaelic is a bit strange!) the arrangement with the violin is very precious

English
I
Phelim’s little boat went to Gola,
Phelim’s little boat and Phelim in it,
Phelim’s little boat went to Gola,
Phelim’s little boat and Phelim in it
Chorus:
A tiny little boat, a lively little boat,
A foolish little boat, Phelim’s little boat,
A straight little boat, a willing little boat,
Phelim’s little boat and Phelim in it.
II
Phelim’s little boat went to Tory,
Phelim’s little boat and Phelim in it,
Phelim’s little boat went to Tory,
Phelim’s   little boat and Phelim in it.
III
Phelim’s little boat crashed on Tory,
Phelim’s little boat and Phelim in it,
Phelim’s little boat crashed on Tory,
Phelim’s little boat and Phelim in it.
Donegal Gaelic
I
Báidín Fheidhlimidh d’imigh go Gabhla,
Báidín Fheidhlimidh ‘s Feidhlimidh ann
Báidín Fheidhlimidh d’imigh go Gabhla,
Báidín Fheidhlimidh ‘s Feidhlimidh ann
Curfá:
Báidín bídeach, Báidín beosach,
Báidín bóidheach, Báidín Fheidhlimidh,
Báidín díreach, Báidín deontach,
Báidín Fheidhlimidh’s Feidhlimidh ann.
II
Báidín Fheidhlimidh d’imigh go Toraigh,
Báidín Fheidhlimidh’s Feidhlimidh ann
Báidín Fheidhlimidh d’imigh go Toraigh,
Báidín Fheidhlimidh ‘s Feidhlimidh ann.
III
Báidín Fheidhlimidh briseadh i dToraigh,
Báidín Fheidhlimidh ‘s Feidhlimidh ann
Báidín Fheidhlimidh briseadh i dToraigh,
Báidín  Fheidhlimidh ‘s Feidhlimidh ann (1)

NOTES
1) or Iasc ar bhord agus Feilimí ann  [Laden with fish and Phelim on board]

THE DANCE: Waves of Tory

The island has also given the title to an Irish folk dance “Waves of Tory” which reproduces the waves breaking on the rocks! Among the dances for beginners is performed with one step and presents only a difficult figure called Waves.
see more

LINK
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=18074#177081

https://www.scottish-country-dancing-dictionary.com/dance-crib/waves-of-tory.html

Down by the Liffeyside

Leggi in italiano

Peadar Kearney (1883-1942), a famous Irish nationalist who wrote many popular songs, penned the lyrics of this irish street song “Down by the Liffeyside”, on the traditional tune “Down by the Tanyard Side”: he describes two sweethearts of the working class in the Dubin of 1920s, that are spending their Sunday to walk along the banks of the Liffey, the river that crosses the city of Dublin from West to East. The belle of the song is a street musician who entertains passers-by with patriotic songs with her melodeon.

Old Dublin: George street

Precisely for this reason, the reference to the struggle for united Ireland was a popular song in the folk circuit of the 60s and 70s.

Dominic Behan – from Down By The Liffeyside 1959
Dominic is the nephew of Peader Kearney and he learned the song directly from his uncle in the 40s.


Dubliners

Wolfe tones

Pecker Dunne

DOWN BY THE LIFFEYSIDE
I
‘Twas down by Anna Liffey (1), my love and I did stray
Where in the good old slushy mud the sea gulls sport and play
We got the whiff of ray(2) and chips and Mary softly sighed,
“Oh John, come on for a wan and wan (3)
Down by the Liffeyside.”
II
Then down along by George’s street the loving pairs to view
While Mary swanked it like a queen in a skirt of royal blue (4);
Her hat was lately turned and her blouse was newly dyed,
Oh you could not match her round the block,
Down by the Liffeyside
III
And on her old melodeon how sweetly could she play.;
“Good-by-ee” and “Don’t sigh-ee” and “Rule Brittanni-ay”
But when she turned Sinn Feiner(5) me heart near burst with pride,
To hear her sing the “Soldier’s Song(6)”,
Down by the Liffeyside
IV
On Sunday morning to Meath street (7) together we will go,
And it’s up to Father Murphy we both will make our vow
We’ll join our hands in wedlock bands (8) and we’ll be soon outside
For a whole afternoon, for our honeymoon (9),
Down by the Liffeyside

NOTE
1)  The Liffey is also known as the Anna Liffey, possibly because of the Irish for “River Liffey” – Abhainn na Life which sounds like “Anna Liffey” in English, Anna Livia statue  (Floozie in the Jacuzzi)-the river  represented as a young woman sitting on a slope with water flowing past her- is  in the Croppies Memorial Park next to the Liffey, near Heuston station

2) today the fishis are cod, haddock (an Atlantic fish similar to cod) and plaice. Already known in the days of Dickens, who included it in his most famous work, “Oliver Twist” (1838), some argue that it was some Italian immigrants who introduced this fryed food into the eating habits of the British and Irish, according to others instead it was the Spaniards.
3) wan and wan= one and one, this phrase (meaning “one of this, one of the other”) entered the vernacular in Dublin as “one and one”, which is still a common way of referring to fish and chips in the city
4) Royal blue is both a bright shade and a dark shade of azure blue. Traditionally, dictionaries define royal blue as a deep to dark blue, often with a purple or faint reddish tinge
5)  Sinn Féin is a left-wing Irish republican political party active in both the Republic of Ireland and Northern Ireland.
6) Soldier’s Song  (Amhrán na bhFiann)  is the Irish national anthem
7) The Liberties is an area in central Dublin,  located in the southwest of the inner city, between the St. Patrick’s Cathedral and the Guinnes Storehouse where the church of St. Catherine is located
8)The two promised exchanged vows to take as husband and wife, sealing them with a ring or a token of love. Handfasting was practiced in Ireland and Scotland in the past: the wrists of the couple were tied together with a long ribbon (wedlock’s band) see
9)  Phoenix Park , to consume their marriage between some bushes

EASY AND SLOW

LINK
https://theballadeers.com/ire/db_d1959_t35_liffey.htm
http://www.celtic-lyrics.com/lyrics/171.html
https://www.expedia.it/vc/magazine/cultura-e-lifestyle/enogastronomia/fish-and-chips-ricetta-e-segreti-del-piu-famoso-piatto-britannico
https://www.irishtimes.com/life-and-style/people/meath-street-outpost-of-a-disappearing-dublin-1.1967467

Lungo gli argini del Liffey.

Read the post in English  

Peadar Kearney (1883-1942) famoso esponente nazionalista irlandese e autore di molti canti popolari ha scritto il testo della irish street song “Down by the Liffeyside” abbinandolo alla melodia tradizionale “Down by the Tanyard Side”: si descrivono due fidanzatini della classe lavoratrice di Dubino negli anni del 1920 che trascorrono la domenica passeggiando lungo gli argini del Liffey, il fiume che attraversa la città di Dublino da Ovest a Est. La bella della canzone è una musicista di strada che con il suo organetto intrattiene i passanti con canti patriottici.

la vecchia Dublino, George street

Proprio per questo richiamo alla lotta per l’Irlanda unita era un brano diffuso nel circuito folk degli anni 60-70.

Dominic Behan – in Down By The Liffeyside 1959
Dominic è il nipote di Peader Kearney e imparò la canzone direttamente dallo zio negli anni 40.

Dubliners

Wolfe tones

Pecker Dunne


I
‘Twas down by Anna Liffey (1), my love and I did stray
Where in the good old slushy mud the sea gulls sport and play
We got the whiff of ray(2) and chips and Mary softly sighed,
“Oh John, come on for a wan and wan (3)
Down by the Liffeyside.”
II
Then down along by George’s street the loving pairs to view
While Mary swanked it like a queen in a skirt of royal blue (4);
Her hat was lately turned and her blouse was newly dyed,
Oh you could not match her round the block,
Down by the Liffeyside
III
And on her old melodeon how sweetly could she play.;
“Good-by-ee” and “Don’t sigh-ee” and “Rule Brittanni-ay”
But when she turned Sinn Feiner(5) me heart near burst with pride,
To hear her sing the “Soldier’s Song(6)”,
Down by the Liffeyside
IV
On Sunday morning to Meath street (7) together we will go,
And it’s up to Father Murphy we both will make our vow
We’ll join our hands in wedlock bands (8) and we’ll be soon outside
For a whole afternoon, for our honeymoon (9),
Down by the Liffeyside
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Era accanto al Liffey, che il mio amore e io passeggiavamo
Dove nel buon vecchio viscido fango i gabbiani si muovono liberi
sentivamo l’odore del pesce e delle patatine e Mary sospirava dolcemente,
“Oh John, andiamo per un fish&chips
giù lungo gli argini del Liffey. ”
II
Poi giù lungo George’s street a vedere gli innamoratini
mentre Mary si pavoneggiava come una regina in gonna blu scuro;
il cappello appena rimodellato e la camicetta tinta di fresco,
Oh, non la potevi eguagliare in tutto l’isolato
giù lungo gli argini del Liffey.
III
E sul suo vecchio organetto, come dolcemente sapeva suonare
“Good-by-ee” e “Do not sigh-ee” e “Rule Brittanni-ay”
ma quando passò allo Sinn Féin il mio cuore quasi esplodeva per l’orgoglio
di sentirla cantare la “Soldier’s Song”,
giù lungo gli argini del Liffey.
IV
La domenica mattina andremo insieme a Meath Street,
e davanti a Don Murphy entrambi ci scambieremo le promesse
uniremo le nostre mani con l’handasting e staremo subito fuori
per un intero pomeriggio, per la nostra luna di miele,
giù lungo gli argini del Liffey.

NOTE
1) Anna Liffey, è il personaggio allegorico di Anna Livia Plurabelle di James Joyce: la personificazione del fiume Liffey, la statua in bronzo dello scultore  Éamonn O’Doherty soprannominata dai dublinesi Floozie in the Jacuzzi è la rappresentazione del fiume nella forma di una donna dai capelli fluenti semisdraiata e si trova al centro di una vasca  nel Croppies Memorial Park

2) ray= è il pesce razza; oggi il pesce in pastella e poi fritto si prepara con cod (merluzzo), haddock (eglefino, un pesce atlantico simile al merluzzo) e plaice (platessa). Si sa che il prodotto era già conosciuto ai tempi di Dickens, che lo annoverò nella sua opera più celebre, “Oliver Twist” (1838), alcuni sostengono che furono gli immigrati italiani a introdurlo nelle abitudini alimentari dei britannici e degli irlandesi, secondo altri invece furono gli spagnoli.
3) wan and wan= one and one, dalla frase “one of this, one of the other”, un po’ di questo e un po’ di quello il modo di dire dublinese per il tipico piatto da passeggio delle Isole Britanniche il fish&chips servito nel cartoccio.
4) Il blu reale o blu reale inglese è una sorta di azzurro abbastanza carico e vivace. È abbastanza simile come colore al blu elettrico.
5)  Sinn Féin, letteralmente “noi stessi” (nel senso di noi soli) in gaelico irlandese, ma spesso reso in inglese come ourselves alone, è il movimento indipendentista irlandese fondato nel 1905 da Arthur Griffith; è un partito repubblicano di sinistra
6) Soldier’s Song  (Amhrán na bhFiann) fu scritto nel 1907. Il ritornello da solo fu formalmente adottato come inno nazionale nel 1926, al posto del precedente inno God Save Ireland, usato ufficiosamente.
7) è la zona delle Libertà di Dublino quartier ubicato tra la Cattedrale di San Patrizio e la Guinnes Storehouse dove si trova la chiesa di Santa Caterina
8) I due promessi si scambiavano i voti di prendersi come marito e moglie, suggellandoli con un anello o un pegno d’amore. In Irlanda e Scozia si praticava l’handfasting: i polsi degli sposi erano legati insieme con un lungo nastro (wedlock’s band). continua
9) sicuramente infrattandosi tra qualche cespuglio del Phoenix Park

EASY AND SLOW

FONTI
https://theballadeers.com/ire/db_d1959_t35_liffey.htm
http://www.celtic-lyrics.com/lyrics/171.html
https://www.expedia.it/vc/magazine/cultura-e-lifestyle/enogastronomia/fish-and-chips-ricetta-e-segreti-del-piu-famoso-piatto-britannico
https://www.irishtimes.com/life-and-style/people/meath-street-outpost-of-a-disappearing-dublin-1.1967467

La Galea di Godred Cròvan

Read the post in English

Godred Cròvan (in irlandese antico”Gofraid mac meic Arailt“) fu un capo norreno che regnò su Dublino, re dell’Isola di Man e delle Isole nella seconda metà del XI secolo.
Godred nelle leggende mannesi è diventato Re Orry,  Godred e Re Orry sono associati a numerosi siti archeologicisu Man e Islay.  Come governante di Dublino e delle Isole, Godred dominò incontrastato sul Mare d’Irlanda.

VERSIONE MANNESE: Birlinn Ghorree Chrovan

George Broderick, Douglas Fargher e Brian Stowell (studiosi ed editori nonchè compilatori del Dizionario Inglese-gaelico mannese) hanno scritto il testo in mannese adattandolo a una melodia delle isole Ebridi. Si racconta dello sbarco della galea di King Orry sull’isola di Man.
Cairistiona Dougherty & Paul Rogers live (oppure here)
Scran

 Gaelico mannese
O vans ny hovan O,
Hirree O sy hovan;
O vans ny hovan O,
Birlinn Ghorree Chrovan.
I
Kiart ayns lhing ny Loghlynee
Haink nyn Ree gys Mannin
Tessyn mooiryn freayney roie
Birlinn Ghorree Chrovan.
II
Datt ny tonnyn, heid yn gheay
Ghow yn skimmee aggle;
Agh va fer as daanys ayn,
Hie yn Ree dy stiurey.
III
Daag ad Eeley er nyn gooyl
Shiaull’ my yiass gy Mannin;
Eeanlee marrey, raunyn roie,
Birlinn Ghorree Chrovan.
IV
Hrog ad seose yn shiaull mooar mean,
Hum ny maidjyn tappee –
Gour e vullee er y cheayn,
Cosney’n Kione ny hAarey.
V
Stiagh gy Balley Rhumsaa hie
Birlinn Ghorree Chrovan;
Ooilley dooiney er y traie
Haink dy oltagh’ Gorree.
VI
Jeeagh er Raad Mooar Ghorree heose
Cryss smoo gial ‘sy tuinney,
Cowrey da ny Manninee
Reiltys Ghorree Chrovan.

O vans ny hovan o,
Hirree o ‘sy hovan,
O vans ny hovan o,
Birlinn Ghorree Chrovan.
I
Right in the era of the Norsemen,
Their king came to Mannin,
Running across surging seas,
Gorree Crovan’s longship.
II
The waves swoll up and the wind blew,
The crew were frightened,
But there was one brave man,
The King went to steer.
III
They left Islay behind them,
Sailing southward to Mannin,
Sea birds and seals running,
Gorree Crovan’s longship.
IV
They raised the main-sail,
The oars dipped quickly,
Onwards on the sea,
Reaching the Point of Ayre.
V
Into Ramsey went,
Gorree Crovan’s longship,
Every man on the beach,
Come to salute Gorree.
VI
Look at the Milkey-Way above,
Brightest band in the heavens,
A sign to the Manx,
Of the Gorree Crovan’s government.
Traduzione italiana Cattia Salto
O vans ny hovan o,
Hirree o ‘sy hovan,
O vans ny hovan o,
la galea di Godred Grovan (1)
I
Proprio nell’era degli Uomini del Nord
il loro re venne a Man
attraversa il mare mosso
la galea di Godred Grovan
II
Le onde si agitano e soffia il vento
l’equipaggio era spaventato
ma c’era un uomo coraggioso,
il Re che andò al timone
III
Lasciarono Islay alle spalle
e navigarono verso sud fino a Man,
con gli uccelli marini  e le foche correva
la galea di Godred Grovan
IV
Alzarono la vela maestra
e calarono i remi
avanzando sul mare
per raggiungere Point of Ayre (2)
V
A Ramsey (3) andò
la galea di Godred Grovan
ogni uomo sulla spiaggia
venne e salutare (4) Godred
VI
Guarda la via lattea
la striscia più luminosa nei cieli,
un segno per i Mannesi
del governo di Godred Grovan

NOTE
1) nell’originale il nome  è declinato con la pronuncia mannese Ghorree Chrovan
2) la punta più a Nord dell’Isola di Man
3) Ramsey città costiera nel nord dell’isola di Man: punto di approdo del guerriero vichingo Godred Crovan intorno al 1079 venuto a soggiogare l’isola e renderla il suo regno
4) il fatto raccontato è ovviamente successivo alla conquista perchè la prima volta gli isolani cercarono di difendersi dai Vichinghi, e nei pressi dello sbarco della galea ci fu una violenta battaglia e non una folla festante!!

VERSIONE SCOZZESE: Birlinn Ghoraidh Chrobhain

La canzone fu composta da  Duncan Johnston di Islay (Donnchadh MacIain 1881-1947) e pubblicata nel suo libro “Cronan nan Tonn” (The Croon of the Sea in italiano Il canto del mare) 1938/9. Il viaggio però è raccontato al contrario, la galea  lascia l’isola di Man per andare a Islay e al comando non c’è il re  ma il figlio Olaf.

The Sound of Mull, trio di Tobermory, Isle of Mull : Janet Tandy, Joanie MacKenzie e David Williamson. (strofe I, II, IV)

Robin Hall & Jimmy Macgregor  (strofe I, IV)

Testo in gaelico scozzese
di Duncan Johnston

Hóbhan na hóbhan hó,
hi horó na hùbhan,
Hóbhan na hóbhan hó,
Air Birlinn Ghoraidh Chrobhain
I
Fichead sonn air cùl nan ràmh,
Fichead buille lùghmhor,
Siùbhlaidh ì mar eun a’ snàmh,
Is sìoban thonn ‘ga sgiùrsadh.
II
Suas i sheòid air bàrr nan tonn !
Sìos gu ìochdar sùigh i !
Suas an ceòl is togaibh fonn,
Tha Mac an Righ ‘ga stiuireadh !
III
A’bhìrlinn rìoghail ‘s i a th’ann
Siubhal-sìth ‘na gluasad
Sròl is sìoda àrd ri crann
‘S i bratach Olaibh Ruaidhe
IV
Dh’ fhàg sinn Manainn mòr nan tòrr,
Eireann a’ tighinn dlùth dhuinn,
Air Ile-an-Fheòir tha sinn an tòir
Ged dh’ èireas tonnan dùbh-ghorm
V
Siod e ‘nis-an t-eilean crom!
Tìr nan sonn nach diùltadh,
Stòp na dìbhe ‘thoirt air lom
‘S bìdh fleadh air bonn ‘san Dùn duinn!

The Corries The Barge O’ Gorrie Crovan, una versione più guerresca

THE BARGE OF GORRIE CROVAN
Hóbhan na hóbhan hó,
hi horó na hùbhan,
Hóbhan na hóbhan hó,
The barge of Gorrie Crovan
I
Behind the oars, a score so brave,
A lusty score to row her,
She sails away like bird on wave,
While foaming seas lash o’er her.
II
Up she goes on ocean wave !
Down the surge she wails O,
Sing away; the chorus, raise,
A royal prince; he sails her !
III
The royal galley onward skims,
With magic speed, she sails O,
Aloft her silken bunting swims,
Red Olav’s Banner waving.
IV
The towers of Man we leave away,
Old Erin’s hills we hail O,
On Islay’s shore her course we lay
Though billows roar and rave O.
V
See the island bent like bow,
Where kindly souls await us;
The Castle hall, I see it now,
The feast’s for us prepared O
Traduzione italiana Cattia Salto
Hóbhan na hóbhan hó,
hi horó na hùbhan,
Hóbhan na hóbhan hó,
la galea di Godred Grovan  (1)
I
Dietro ai remi una ventina di prodi
una vigorosa ventina voga,
si allontana come uccello sull’onda
la galea di Godred Grovan
II
Va sull’onda del mare
e sotto l’onda geme
canta e il coro s’alza
un principe di stirpe reale la naviga
III
La galea regale scivola in avanti,
sospinta magicamente
innalza il vessillo di seta, è l’insegna di Olaf il Rosso (2) che sventola
IV
Le torri di Man (3)  lasciamo  e salutiamo le colline della vecchia Irlanda, sulla riva di Islay dirigiamo la rotta, anche se i flutti ruggiscono e ribollono
V
Vedi l’isola (4) dalla forma arcuata
dove animi gentili ci attendono
la sala del Castello (5), ora vedo
il festino è per noi preparato

NOTE
1) nelle note alla canzone l’autore commenta: “Godred, o Gorry Crovan era, secondo le antiche saghe, il figlio di Harald il Nero di Isla. La tradizione vuole che sua madre fosse una donna della sconfitta Casa di Angus Beag, figlio di Erc, che occupò Isla nel 498. Questo spiega la sua notevole popolarità sia con la parte norrena che celtica nelle terre d’occidente. Sua nipote, Regnaldis (Raonaild), figlia di Olave il Rosso, in seguito sposò Somerled, che sostituì Olave come Re delle Isole. Somerled fondò la Dinastia del Re delle Isole  (Lords of the Isles), con sede sull’isola di Loch Finlagan a Isla.
Godred era un celebre guerriero dell’XI secolo. Agì come alfiere del re di Norvegia nella battaglia di Stamford Bridge, nel 1066. Scappando da quell’orrore, si diresse verso l’Isola di Man, e da lì a Isla, dove innalzò il suo stendardo. Sia Vichinghi che Celti si riunirono sotto le sue insegne. Con un grande contingente, attraversò il nord dell’Irlanda (Ulster) e conquistò tutto quello che  si trovava di fronte fino alle porte di Dublino, che si arrese. Per un certo periodo, ha combattuto con successo contro il re di Scozia. A Isla era considerato protetto da dio  per la sua cavalleresca  impresa  nel liberare l’isola da un enorme sauro che aveva la tana vicino all’attuale villaggio di Bridgend. Molti dei nostri clan e i clan dell’ovest possono rivendicare di discendere da Godred. MacDougalls, MacDonalds, MacAllisters, MacRuaries, MacRanalds, MacIains, ecc.
Morì a Isla nel 1095 e la sua tomba è contrassegnata da un enorme masso bianco, conosciuto localmente come “An Carragh Ban“. Ha fondato la Dinastia del Regno delle Isole, di Dublino e di Man. Gli successe suo figlio Re Lagman, che regnò ai tempi del “Sacco di Isla” di Magnus Barefoot. Lagman fu fatto prigioniero. In seguito, dopo un breve regno di sette anni, abbracciò il cristianesimo, abdicò in favore di suo fratello, Olave il Rosso, e andò in Palestina a combattere per il Santo Sepolcro. È sepolto a Gerusalemme.”
2) Olaf (Olave) il rosso  era il terzo figlio di Re Godfrey Grovan
3) l’Isola di Man
4) l’isola di Islay,  la “regina delle Ebridi” avvicinandosi da sub sembra abbracciare la nave
5)  Dunyveg o Dùn Naomhaig Castle

LINK
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=31829
http://www.celticlyricscorner.net/mackenziefiona/birlinn.htm
https://thesession.org/tunes/12851
https://wiki1.sch.im/wiki/pages/i063V5H9/Birlinn_Ghorree_Crovan_.html
https://soundcloud.com/cairistiona-dougherty/birlinn-ghorree-chrovan

http://www.iomguide.com/kingorrysgrave.php
http://www.isle-of-man.com/manxnotebook/fulltext/hist1900/ch13.htm

CARRIGDHOUN

Una vecchia aria tradizionale irlandese ha conosciuto un disceto successo come melodia abbinata a diverse canzoni, come spesso accade nell’ambito della musica tradizionale, una buona vecchia melodia è sempre pronta per un nuovo testo!
Già Thomas Moore (1779-1852) scrisse il testo della sua canzone “Bendemeer’s Stream” e un’altra canzone fu pubblicata sul “Nation” del 15 febbraio 1845 con il titolo “Lament of the Irish Maiden: A Brigade Ballad” prendendo sempre in prestito la stessa melodia.

Anche intotolata Carrigdhoun (o Carraig Donn) la canzone è attribuita da alcuni a Ellen Mary Patrick Downing (1828-1869), da altri a Denny Lane (1818-1895) di Cork. La melodia è finita poi nella “The Mountains of Mourne” scritta da  Percy French.

IL LAMENT

Danis Nagle in Land met sea project (qui)

Il testo rimanda al passato dell’Irlanda e si riferisce a una località vicina al Ballea Bridge sulla strada per Ballygarvan (da ammirare nelle spettacolari foto di Danis Nagle (qui), il ponte costruito nel 1790 con la pietra calcarea del posto è romanticamente integrato nel paesaggio.
Siamo in Autunno e la natura tutta sembra triste e desolata proprio come il cuore della fanciulla, la quale vanamente cerca sollievo nel ricordo della primavera passata, quando il suo Donald era ancora con lei e le giurava eterno amore! Così non ci saranno mai più primavere per lei a meno che non decida di seguirlo e emigrare in Francia!

Una fanciulla si dispera perchè il suo innamorato l’ha lasciata per andare a combattere l’Inghilterra arruolandosi nell’esercito francese. Erano i tempi della “Fuga dei Conti” così anche i giovani della Famiglia McCarthy (insediati nel Castello di Ballea) privati di terre e proprietà presero il volo.
Quando la Glorious Revolution del 1688 viene vinta dal protestante Guglielmo III d’Orange (e dalla neonata monarchia costituzionale) gli Irlandesi si schierano con il re cattolico spodestato Giacomo II Stuart (il quale fu costretto a fuggire di nuovo in Francia): alla fine delle lotte per la rivendicazione al trono con il trattato di Limerick del 1691 agli Irlandesi fu dato scegliere tra il giuramento di fedeltà a Guglielmo III o l’esilio e il sevizio militare sul continente; così molti soldati preferirono l’esilio e andarono a ingrossare le fila dell’esercito francese, mentre l’aristocrazia coloniale (Ascendancy) si impossessò delle loro terre e del potere. (continua)

 

ASCOLTA Cherish the Ladies in “The Back Door”, 1992
ASCOLTA Ernst Stolz arrangiamento strumentale

Versione Cherish the Ladies
I
On Carrigdhoun (1) the heath is brown,
The sky is dark o’er Ardnalee (2),
And many a stream comes rushing down
To swell the angry Ownabwee (3) ;
The moaning blast
goes sweeping fast
Through many a leafless tree,
And I’m alone, for he is gone,
My hawk (4) has flown,
ochone, machree (5)!
II
The heath was green
on Carrigdhoun,
Bright shone the sun
over Ardnalee,
The lighlting green trees bent trembling down
To kiss the slumbering Ownabwee;
That happy day,
’twas but last May,
‘Tis like a dream to me,
When Donnell swore,
ay, o’er and o’er,
We’d part no more,
astor machree (6)!
III
Light April showers
and bright May flowers
Will bring the summer back again,
But will they bring me back the hours
I spent with my brave
Donnell then?
‘Tis but a chance,
he’s gone to France,
To wear the fleur-de-lys (7);
But I’ll follow you my Donnell Dhu,
For still I’m true to you,
machree.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Sul Carrigdhoun la brughiera
è secca
il cielo è nuvoloso sopra Ardnalee
e più di un ruscello scorre rapido
a gonfiare il furioso Ownabwee,
il rimbombo lamentoso
prosegue svelto
attraverso molti alberi senza foglie
e io sono sola, perchè lui è partito
il mio falco ha preso il volo
ahimè cuore mio!
II
La brughiera era verde sul Carrigdhoun
luminoso splendeva il sole su Ardnalee,
gli alberi di un verde acceso
si piegavano tremuli
a baciare il placido Ownabwee;
quale giorno felice
era lo scorso Maggio
ma era solo un sogno per me
quando Donnell mi giurò,
si, e ancora e ancora
che non ci saremmo mai lasciati,
amore mio!
III
Le pioggerelline di Aprile
e i fiori vivaci di Maggio
riporteranno nuovamente l’estate,
ma mi riporteranno indietro le ore
che ho trscorso con
il mio coraggioso Donnell?
Non sarà possibile
perchè è partito per la Francia
a indossare il giglio,
ma ti seguirò mio Donnell Dhu
perchè ti sono sono ancora fedele.
cuore mio

NOTE
1) Carrigdhoun: è una parola inventata dall’autore del testo.
2) Ard-na-Lee o Ardnalee è una località nei pressi di Cork
3) scritto anche come Own na Buidhe: Il fiume Owenabue [Owenboy] passa a sud della città di Cork.
4) in codice venivano chiamati “oche selvagge”
5) ochone mo chroidhe
6) a stór mo chroidhe, scritto anche A Stor Mo Chroi significa letteralmente: Tesoro del mio cuore
7) fleur-de-lys è il nome in francese del giglio araldico, emblema della ragalità.

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/sailing-lowlands.htm
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=5288
http://www.carrigdhoun.com/index.php/carrigdhoun/news-feature/carrigdhoun-the-origins-of-the-name
http://www.stewarthendrickson.com/VictoryMusic/March02-MusicalTrad-BorrowedTunes&Words.html

TO YOUTH (MY SWEET ROISIN DUBH)

Alla Rosa Nera d’Irlanda -contrapposta idealmente alla Rosa Rossa della Casata Tudor (la rosa dei Lancaster)- sono dedicate un paio di canzoni, la prima scritta da un bardo del XVI/XVII secolo in gaelico irlandese (vedi), e le altre scritte da giovani  irlandesi negli anni 70-80 : qui si esamina la canzone di protesta/speranza dal titolo “To Youth” dei Flogging Molly, il gruppo celtic punk con base Los Angeles.
Róisín Dubh (= little black rose) è  Rosalinda, una fanciulla dal nome di Piccola Rosa, l’allegoria dell’Irlanda, una parola in codice coniata alla fine del Cinquecento/inizi Seicento: la rosa nera era un tempo una rosa di un colore rosso cupo, molto scuro, la rosa gotica per eccellenza associa alla morte. E tuttavia nel linguaggio dei fiori ottocentesco presenta molteplici significati: è sia la fine che l’inizio di un drastico cambiamento, una rinascita. Rose rosso cupo sono il dolore di una tragica storia d’amore. E così l’amore per la propria terra è profondo e tenace; è un amore che richiede il sacrificio.
Questo però è il canto dell’emigrante che lascia l’Irlanda intossicata dalla povertà e dalle lotte fratricide.

ASCOLTA Flogging Molly in Within a Mile of Home (2004)


I
Tell me why must a man be of service
To his lord
and the gods seldom high
From the grave sprang the name of our fathers
But there’s no glint in a dead man’s eye
Tell me why our fields filled with hunger
And fruitless the crop bittered soil
So I say my farewell to a nation
As the leaf waves goodbye to its sun
So it’s to youth I sing you this story
And it’s of youth I sing it now
Like the train that derailed without warning
I must leave what I left far behind
So goodbye sweet Roisin Dubh
I say goodbye
II
Tell me why must our peace be this puzzle
That fractures the land splinters war
The last nail sank the shame on our coffin
But in the end we must all die alone
III
And the bark fell from tree
To the ground that now bleeds
On the anguish that never learnt to shout
When the clash of the drum will surrender the gun
And of this sadness we shall no longer speak
IV
Until tank and the bomb are but all forgotten songs
That’s when I and we will sing again
So goodbye to my love
My sweet Roisin Dubh
Goodbye now until we meet again
V
Tell me why must our grief still be grieving
For a language that never spoke it’s loss
But this tongue spit with fire will tear down the barbwire
And rip the belly from the waxy ghost
VI
Until we meet again
She’ll rise to beautify
But slumber now must rest
O’ my Roisin Dubh
I’ll forever love
The youth you once possessed
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Dimmi perchè un uomo deve servire il suo Signore
e (perchè) gli Dei di rado grandi
dalla tomba accrescono (1) il nome dei nostri padri, ma non c’è vitalità nell’occhio di un uomo morto;
dimmi perché le nostre terre (sono) in preda alla fame ed (è) sterile il terreno di una coltivazione avvelenata.
Così dico addio alla nazione
come la foglia saluta il suo sole.
Eppure è della gioventù che vi canto questa storia ed è tra i giovani che la canto ora, come il treno deragliato senza
preavviso,
devo lasciare alle spalle quello che  è rimasto, così addio soave Rosa Nera
ti dico addio.
II
Dimmi perché la nostra pace deve essere questo enigma,
che spacca la terra nella guerriglia,
l’ultimo chiodo sigilla la vergogna sulla nostra bara
ma alla fine si muore sempre soli.
III
E il ramo caduto dall’albero
alla terra che adesso sanguina,
con l’angoscia che non ha mai imparato a gridare,
quando il clangore del tamburo rinuncerà  al fucile
e di questa tristezza non dovremo più parlare
IV
Finchè carrarmati e bombe non sono che canzoni dimenticate, questo è quando noi canteremo di nuovo,
così addio al mio amore,
mia fragrante Rosa Nera
addio fino al prossimo incontro.
V
Dimmi perché il nostro dolore deve essere ancora in lutto,
perchè si è persa una lingua che non ha mai parlato;
ma questa lingua sputata dal fuoco
abbatterà il filo spinato e strapperà il ventre al cereo fantasma
VI
Al nostro prossimo incontro
lei risorgerà nella bellezza
ma ora riposiamo nel sonno,
della mia Rosa Nera
amerò per sempre
la gioventù che un tempo aveva.

NOTE
1) to spring usato nel significato di crescere, aumentare o estendersi in altezza o lunghezza, raggiungere una certa altezza; evidente gioco di parole

FONTI
http://dreamsandsongstosing.blogspot.it/2011/08/within-mile-from-home-flogging-molly.html

MONTROSE OR O’SULLIVAN MARCH?

Ancora una contesa musicale tra Irlanda e Scozia in merito alla marcia di origine seicentesca accreditata con i titoli più vari così elencati da thesession.org: A Rock And A Wee Pickle Tow, The Burnt Old Man, Captain Collins, The First Clan March Of The O’Sullivans, Lilliburlero, Máirseáil Uí Shúilleabháin, Mairseail Ui Shulleabhain, March Of The O’Sullivans, The March Of The O’Sullivans, O’Sullivan’s Clan March, The Old Hag Tossed Up In A Blanket, Old Woman Tossed Up In A Blanket, The Old Woman Tossed Up In A Blanket, The Rock And The Wee Pickle Tow, Rock And Wee Pickle Tow, Sullivan’s March, Sweeping The Cobwebs Out Of The Sky, The Wee Pickle Tow.
Pubblicata da Playford nel suo  “Musick’s Hand-Maid” (1663) con il titolo generico di “A Scotish March” conobbe una grande fortuna anche nel secolo successivo come “Pretender March” (il Bonnie Prince Charlie della ribellione giacobita del 1745).

Come Montrose March omaggia lo scozzese James Graham (1612–1650) primo Marchese di Montrose ma viene anche rivendicata dagli Irlandesi come O’Sullivan’s March per commemorare la resistenza dell’ultimo principe d’Irlanda Donal Cam O’Sullivan Beare (1561–1618) e la sua strenue resistenza conto l’invasione inglese: la fuga dei sopravvissuti guidati dal Principe di Beare nel dicembre del 1603 diventa l’odissea del clan con donne e bambini alla ricerca di un rifugio sicuro verso Nord. Partirono in mille e marciarono per due settimane, ma ne arrivarono  solo 35 decimati dal freddo, la fame e le incursioni.
Oggi il percorso è diventato una BBW nonchè ispirazione per un Walking Festival: il Ballyhoura International Festival si svolge a Kilfinane, nella contea di Limerick, ed è il più antico e il maggiore Walking Festival d’Irlanda. (continua)

Diventata famosa dopo essere finita nel film di Rob Roy del 1995, inserita anche nella colonna sonora del film Master and Commander del 2003 la marcia è popolare anche in Nord-America

ASCOLTA Clare McLaughlin, Martin Hunter, Malcolm Stitt, Mairead McManus che la suonano come jig

ASCOLTA The Chieftains

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=76538
https://thesession.org/tunes/2204
http://tunearch.org/wiki/Annotation:Montrose%27s_March
http://www.recencinema.it/parliamo-di/67-grandi-personaggi-del-cinema/5502-archibald-cunningham-un-crudele-spadaccino-imbellettato

http://www.yourirish.com/history/17th-century/the-long-march-of-osullivan-beare
http://www.breifneearley.com/bearatobreifne/theplan/
http://www.clanosullivan.com/history/

BRIAN BORU’S MARCH

Intorno all’anno Mille in Irlanda un capo si proclamava re per ogni altura su cui era costruita la sua fortezza, accanto ai Gaeli giunti sull’isola in un epoca imprecisata del VII sec a. C., si ammassavano i Vichinghi  insediati stabilmente sulla costa nel IX sec. fondando colonie nelle città di Dublino, Waterford, Wexford e Limerick, Cork, Youghal e Arklow. C’era si un Alto Re dell’Isola il cui potere era però poco più di un titolo. Poi venne Brian Boru che per un decennio riuscì a unificare tutti i regni d’Irlanda sotto il suo comando supremo (1002-1014).

L’Ard-Ri Brian Boru viene ricordato per la sua arpa che è diventata l’emblema d’Irlanda, eppure, per estendere il dominio del suo clan dal Munster alle province confinanti e infine all’Ulster, passò quasi tutta la sua vita in battaglia.
L’unione del Regno ebbe vita breve che già i clan sottomessi si ribellarono capeggiati dal re di Leinster e la battaglia nei pressi di Dublino sulle colline di Clontarf, fu una strage di guerrieri e di capi: era il 23 aprile del 1014, dalle prime luci dell’alba fino alla fine del giorno i due eserciti lottarono con alterna fortuna finchè la vittoria fu dell’Alto Re, morto nel frattempo. All’epoca aveva superato la settantina e probabilmente non prese parte alla battaglia, una versione pseudo storica lo vede caduto nella sua tenda per mano di un vichingo.
Secondo la leggenda la Brian Boru March fu suonata al funerale del Re seppellito nella Cattedrale di San Patrizio ad Armagh, allora capitale religiosa  del Regno per volere dello stesso Brian Boru.

IL CLAN O’BRIEN

Brian Boru fu il fondatore del Clan Ui Briain (tradotto in inglese come O’Brien) ed è passato alla storia come il liberatore dagli invasori vichinghi. In realtà gli “invasori” (che si dicevano Ostani perchè Uomini dell’Est) avevano già colonizzato nel secolo precedente parecchie cittadine lungo la costa irlandese e si erano mescolati con i gaeli (gli iberno-norreni), lo stesso Brian Boru aveva dato in moglie una delle figlie al signore della Dublino vichinga (chiamata dai Danesi Dyflin)  e a sua volta ne aveva sposato la madre (il re ebbe quattro mogli e undici  figli). Ma il regno spartito tra i figli superstiti del grande vecchio ritornò disunito.
I discendenti dei suoi nipoti, gli O’Brien, si sarebbero guadagnati grande fama, ma i suoi diretti successori non seppero unire e tenere in pugno l’intera Irlanda, come per un breve decennio, aveva fatto il vecchio. Vent’anni dopo l’alta regalità sarebbe tornata ai re O’Neill di Tara; ma essa mantenne solo la parvenza di ciò che era stata la monarchia di Brian Boru, L’Irlanda divisa, al pari della frammentaria isola celta dei tempi antichi, sarebbe rimasta sempre vulnerabile. (tratto da I Principi d’Irlanda di Edward Rutherfurd)
La  figura storica di Brian Boru fu strumentalizzata già nel secolo successivo per incoronare il Sovrano Supremo quale il prode condottiero irlandese (nonchè di fede cattolica) che scacciò gli invasori vichinghi pagani (Cogadh Gaedhil re Gallaibh –Guerra degli Irlandesi contro gli Stranieri).

Brian Boru exhibition (Trinity College – Dublino) animazione di Cartoon Saloon

BRIAN BORU MARCH

Da suonare rigorosamente con l’arpa anche se non mancano virtuosistiche versioni per violino, flauto o whistle e mandolino/chitarra. Mi limito però a tre esempi, tre pilastri della musica celtica

ASCOLTA Clannad in Clannad 1973

ASCOLTA The Chieftains in The Chieftains 2, 1969

ASCOLTA Loreena McKennitt in  “The Wind That Shakes The Barley” (2010).

BRIAN BORU BY ALAN STIVELL

L’arpista bretone Alan Stivell nel 1995 aggiunge un testo misto in gaelico irlandese e bretone, perorando l’unità dei popoli celti (ovviamente nella loro indipendenza di Nazioni). Il testo è composto da una strofa prima cantata in gaelico irlandese e poi ripetuta in bretone, seguita da un coro con due frasi in bretone e due in gaelico irlandese in cui si innesta un secondo coro femminile, un omaggio alla poesia di  Caitlín Maude scritta nel 1962 e musicata nel 1975 dal titolo “Amhrán Grá Vietnam” (VIETNAM LOVE SONG)

Gaelico Irlandese
I
Maraíodh Brian Boru chun beatha na hÉireann
Síochain in gCuige Uladh agus i mBaile ‘Cliath
Aontacht an teaghlaigh, aontacht na dtuath
Aontacht an domhain is na gCeilteach
(Coro) Bretone
Diouzh nerzh ar c’hadou da nerzh an ehan
Diouzh ‘bed doueek bennozh ar c’haroud
Gaelico Irlandese
O neart an chatha go neart na síochana

On bhith dhiaga beannacht an ghrá
(Coro femminile) Gaelico Irlandese
Duirt siad gurbh é seo sochraide ar muintire
Gur choir duine bheinn sollunta féin
Bíodh nach raibh brónach
ripete strofa I in Bretone
Marv Brian Boru ‘reiñ buhez ‘n Iwerzhon
Dihan e Bro-Ulad ha ba kêr Dulenn
Unded an tiegezh, unded an dud-mañ
Unded ar Gelted hag an douar
e poi in gaelico Irlandese
Coro
(Secondo coro femminile)  Gaelico Irlandese
Tá muid ‘nos na haimsire
Go h-airid an ghrían
Agus thogh muid áit bhóg cois abhann

Traduzione inglese*
I
Brian Boru will die for the life of Ireland
Peace in the province of Ulster and in Dublin
Family unity, tribal unity
Unity in the world of the Celts
CHORUS
From so much battle to so much peace
From a world of divine blessings,
love
Female Chorus (1)
They said that this was a (funeral) procession
That people would be solemn
But we were not sorrowful
Second female Chorus (2)
We are like the weather
Especially the sun
And we chose a soft place by the river
tradotto da Cattia Salto
I
Brian Boru morirà per la vita d’Irlanda
pace nella provincia dell’Ulster e a Dublino
unità famigliare e unità tribale
unità nel mondo dei Celti
CORO
Da così tanta guerra a altrettanta pace
per un mondo di benedizioni divine e amore
Coro Femminile
Dissero che questo era un corteo funebre
da celebrare con solennità,
anche se non eravamo addolorati
Secondo Coro Femminile
Siamo come il tempo
specialmente il sole
e abbiamo preferito un luogo tranquillo accanto al fiume

NOTE
* da http://lyricstranslate.com/it/brian-boru-brian-boru.html
1) Caitlín Maude scrive
dúirt síad gurb íad seo ár muintír féin
gurb í seo sochraide ár muintíre.
gur chóir dúinn bheith sollúnta féin
bíodh nach raibh brónach.
(they said these were our own people
this, the funeral of our people.
that we should at least be solemn,
even if we were not sorrowful.)
2) Caitlín Maude  scrive
tá muid ‘nós na haimsire
go háirid an ghrían.
che chiude nel finale
agus thogh muid áit bhog cois abhainn.
(we’re much like the weather,
especially the sun…
and we took a soft place by the river.)

 

e la versione di Cécile Corbel


I
Comme le chant des pierres
Qui résonnent en silence
Comme l’eau qui serpente
Et qui gronde sous moi
Tu sais je reviendrai
Dans ma terre d’enfance
Au pays de rêves
Des fées et des rois
CHORUS
La bas mon amour
Loin de la ville
Il fait plus froid
Et les jours sont fragiles
Brumes d’été
Les cloches et les îles
Tu verras
J’irai la bas
II
Comme Brian Boru
Roi de l’Irlande
Je prendrai la mer
Et je rendrai les armes
Brian Boru
Bientôt je serai de retour
E keltia
Tradotto da Cattia Salto
I
Come il canto delle pietre che risuonano nel silenzio
come l’acqua che sinuosa
scroscia su di me,
lo sai che ritornerò
nella mia terra d’infanzia,
un paese di sogni
di fate e di re.
CORO
là mio amore
lontano dalla città
è più freddo
e i giorni sono brevi
brume d’estate
campane e isole
vedrai
andrò là
II
Come Brian Boru
Re d’Irlanda
prenderò il mare
e mi arrenderò
Brian Boru
sarò presto di ritorno
a Keltia.

FONTI
http://houseofbrianboru.blogspot.it/p/brian-boru.html
http://www.irlandare.com/brian-boru-e-la-battaglia-di-clontarf/
http://www.ilsussidiario.net/News/Cultura/2014/4/23/IRLANDA-Quando-la-fede-va-in-guerra-Brian-Boru-e-la-battaglia-di-Clontarf/2/493550/
https://dh.tcd.ie/clontarf/the_battle
http://blogarpa-harpo.blogspot.it/2011/03/brian-borus-march.html
http://www.irishgaelictranslator.com/translation/topic27600.html
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=5678&lang=it

NED OF THE HILL

Una ballata irlandese del XVII secolo che prima di essere diffusa nella versione in inglese nel XIX secolo con il titolo “Ned of the Hill” era nota come canzone in gaelico irlandese “Éamonn an Chnoic” in onore di Éamonn Ó Riain (Edmund Ryan 1670 – 1724) La vita di Ned delle Colline riassume un po’ tutte le vicissitudini passate dai molti rapparees irlandesi del XVII e XVIII secolo (considerati degli eroici ribelli invece che dei banditi prezzolati): di lui si dice fosse un gentiluomo sempre ben vestito e abile tiratore con le pistole, amato perchè era un Robin Hood, un giustiziere dei poveri contro i ricchi che lottava, a suo modo, per la libertà dell’Irlanda. (prima parte)

NED OF THE HILL

La traduzione dall’irlandese in “Songs and Ballads,” di Samuel Lover (1839) (vedi) è quella più accreditata dagli interpreti contemporanei; Samuel Lover (un irlandese naturalizzato a Londra) ha però mutato la ballata originaria in una romantica storia d’amore: qui il bandito è trasformato in un menestrello errante, e la natura ostile in cui vive è diventata un bosco incantato. Ned non è più un fuggitivo, e da terribile predatore si trasforma prima in corteggiatore, poi in preda, ferita dal dardo d’amore scoccato dalla bella fanciulla.

ned-hill

Come non manca di sottolineare Ray Cashman nel suo saggio (qui) l’immagine di Ned è ridotta allo stereotipo dell’irlandese descritto come un innocuo ragazzone alle prese delle sue passioni e superstizioni, del tutto insignificante dal punto di vista politico.

ASCOLTA Celtic Crossroads live

ASCOLTA Karen Mal in Dark Eyed Sailor 2003


I
Oh dark is the evening
and silent the hour
Oh who is that minstrel
by yonder lone tower?
Whose harp is so tenderly
touching with skill
Oh who could it be
but young Ned of the Hill?
CHORUS
Who sings, “Lady love,
Won’t you with me now?
Come and live merrily
under the bough.
I’ll pillow your head
where the light fairies tread
If you will but wed
with young Ned of the Hill.”
II
Young Ned of the Hill
he has no castle or hall,
No bowmen or spearmen
to come at his call.
But one little archer
of exquisite skill
Has loosed a bright shaft
for young Ned of the Hill.
III
It is hard to escape
to this young lady’s bower
For high is the castle
and dark is the tower.
But where there’s a will
there’s always a way
And young Eileen is gone
with young Ned of the Hill.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Buia è la notte
e silente l’ora
Oh chi è quel menestrello
in quella torre solitaria,
la cui arpa è suonata
con tocco gentile e abile?
Chi potrebbe essere costui,
se non Ned Del Colle?
CORO
Chi canta “Amata Madonna
non verrete con me or ora?
Venite e con letizia vivremo
nella macchia.
Poggerete la fronte
dove le fate leggiadre si posano
se vi sposerete
con Ned Del Colle.”
II
Il giovane Ned Del Colle
non ha castello o palazzi,
né arceri o lanceri
pronti alla sua chiamata.
Ma un piccolo arco
di squisita fattura
ha perso una freccia luminosa
per il giovane Ned Del Colle.
III
E’ difficile sfuggire
all’arco di questa giovane fanciulla
perchè alto è il castello
e scura la torre.
Ma quando c’è la volontà
c’è sempre una soluzione
e la giovane Evelina è andata
con il giovane Ned Del Colle

YOUNG NED OF THE HILL

Il testo scritto da Ron Kavanna e Terry Woods per il gruppo dei Pogues nel 1989 vuole essere una versione più decisamente politicizzata della storia. Qui Oliver Cromwell, sebbene non contemporaneo a Ned, viene preso come emblema dell’oppressione inglese.
I rapparees sono accomunati ai gruppi para-militari dell’IRA, quali più antichi eroi che combatterono armi in pugno contro la colonizzazione inglese. Negli anni dei “Troubes” le ballate sui rapparees vogliono far vedere l’IRA come una organizzazione di combattenti per la libertà, non come una banda di criminali.

ASCOLTA The Pougues in Peace and Love 1989

ASCOLTA Stamp’n Go Shanty

ASCOLTA The Tossers


I
Have you ever walked the lonesome hills
And heard the curlews cry
Or seen the raven black as night
Upon a windswept sky
To walk the purple heather
And hear the westwind cry
To know that’s where the rapparee must die?
II
Since Cromwell pushed us westward
To live our lowly lives
There’s some of us have deemed to fight
From Tipperary mountains high
Noble men with wills of iron
Who are not afraid to die
Who’ll fight with gaelic honour held on high
CHORUS
A curse upon you Oliver Cromwell
You who raped our Motherland
I hope you’re rotting down in hell
For the horrors that you sent
To our misfortunate forefathers
Whom you robbed of their birthright
“To hell or Connaught” may you burn in hell tonight
II
Of one such man I’d like to speak
A rapparee by name and deed
His family dispossessed and slaughtered
They put a price upon his head
His name is know in song and story
His deeds are legends still
And murdered for blood money
Was young Ned of the hill
III
You have robbed our homes and fortunes
Even drove us from our land
You tried to break our spirit
But you’ll never understand
The love of dear old Ireland
That will forge an iron will
As long as there are gallant men
Like young Ned of the hill
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Avete mai attraversato le colline solitarie
e sentito il verso dei chiurli
o visto il corvo nero come la notte
in un cielo spazzato dal vento
o raggiunto a piedi l’erica purpurea
e ascoltato il grido del vento dell’ovest per sapere che è lì dove il ribelle (1) deve morire?
II
Da quando Cromwell ci ha spinto verso ovest per vivere le nostre vite da umili
molti di noi hanno ritenuto di combattere
dalle montagne alte di Tipperary.
Uomini nobili, con volontà di ferro
che non hanno paura di morire
e lotteranno tenendo alto l’onore celtico
Una maledizione su di te, Oliver Cromwell, tu che hai violentato la nostra Patria. Che tu possa marcire giù all’inferno per gli orrori che hai mandato ai nostri antenati sfortunati
ai quali hai rubato il loro diritto di nascita (dicendo) “Andate al diavolo o nel Connaught!” (2)  che tu possa bruciare all’inferno stasera!
II
Di un uomo così vorrei parlare
un ribelle di nome e di fatto
la sua famiglia spodestata e smembrata. (3) Misero una taglia sulla sua testa (4), il suo nome è conosciuto nella ballata e nella storia, le sue gesta sono ancora leggenda, ucciso per il prezzo del sangue (5) fu il giovane Ned del Colle.
III
Avete rubato le nostre case e i beni,
ci avete persino allontanati dalla nostra terra,
avete cercato di spezzare il nostro spirito, ma non capirete mai
che l’amore per la cara vecchia Irlanda
forgerà una volontà di ferro
finché ci sono uomini valorosi
come il giovane Ned del Colle

NOTE
1) in questo contesto Ned non è un bandito ma un ribelle o un guerrigliero!
2) Qui Cromwell, deceduto nel 1658, quando Ned aveva 12 anni, viene preso come emblema dell’oppressione inglese. Con l’Act of Settlement del 1652 ai soldati irlandesi che avevano combattuto contro l’invasione delle loro terre venne data come scelta “la morte o l’esilio”. Potevano morire oppure abbandonare le loro case per andare nei territori più poveri dell’Ovest in una sorta di confino il cui “muro” era formato dal fiume Shannon.
I terreni confiscati agli irlandesi che non avevano manifestato il loro amore per la Corona vennero ridistribuiti ai coloni inglesi e scozzesi.
3) che la famiglia degli O’Ryans di Knockmeoll, Atshanbohy, Contea di Tipperary fosse stata privata di gran parte delle sue terre è storicamente documento, ma non che ci siano stati eccidi particolarmente efferati. Sono propensa a tradurre “slaughtered” più in senso figurato invece di “macellata”
4) la taglia di 200 sterline risale al 1702, tuttavia pare che Ned fosse stato graziato: racconti del folklore danno almeno due versioni, nella prima (a mio avviso molto improbabile) Ned si trova sulle tracce di due ufficiali inglesi e ingaggia una sparatoria, ma quando i due ufficiali restano a corto di munizioni, Ned rivela la sua identità dicendo che non li avrebbe uccisi, ma solo derubati: i due si arrendono e Ned scrive un salvacondotto perchè non siano molestati dagli altri rapparees. I due ufficiali grati, intercedono per il suo perdono.
La seconda versione leggermente più verosimile racconta che Ned incontra una donna inglese appena derubata di tutti i suoi averi (100 sterline lasciate dal marito partito per l’Inghilterra) da uno che si spaccia con il suo nome o da uno della sua banda, così Ned rintraccia il ladro, lo punisce e restituisce il denaro. Il marito al suo ritorno, gli procura la grazia. Entrambi gli episodi sottolineano come Ned viva nel rispetto di un codice morale cavalleresco che lo obbliga a proteggere i più deboli. In un certo senso lui non è contro gli Inglesi come persone, ma contro l’ingiustizia sociale
5) la taglia sulla sua testa

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/ned-hill.htm
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=25403&lang=it
http://socrates.berkeley.edu/~caforum/volume1/pdf/cashman.pdf
http://livingthetradition.com/ned-of-the-hill/

BACK HOME IN DERRY

La canzone  fu scritta in carcere da Bobby Sands, (1954-1981) attivista politico di Belfast, nonchè volontario dell’IRA, imprigionato dagli inglesi nel carcere “Maze” a Long Kesh, dove morì dopo un lungo periodo di sciopero della fame.
Una scelta d’amore (Some Mother’s Son) film del 1996 diretto da Terry George: Aidan Gillen e John Lynch nei panni di Gerard Quigley e Bobby Sands

I detenuti politici rivendicavano il status di prigionieri di guerra  (condizione privilegiata rispetto ai comuni prigionieri annullata dopo il marzo 1976): la protesta iniziò prima con il rifiuto di indossare la divisa carceraria, un paio d’anni dopo fu la volta della “protesta delle latrine”, in cui si rifiutavano di usare le docce e l’acqua per lavarsi e imbrattavano le pareti con le loro feci. Ragazzi poco più che ventenni si aggiravano per le celle pallidi ed emaciati. Nel volgere di alcune settimane, sudici e malati, a chi li visitava apparivano irriconoscibili, sinistri come fantasmi. (Luca Galassi )
Ma gli anni passavano sena alcun risultato, infine il 27 ottobre 1980 sette detenuti rifiutarono di nutrirsi arrivando quasi alla morte.
Il secondo digiuno protratto ad oltranza si concluse con la morte  di dieci uomini tra il maggio e l’agosto del 1981.
Lo sciopero della fame dei giovani repubblicani non piegò l’animo di ferro di Margaret Thatcher, che, il 6 maggio dell’81 dichiarò: “Il signor Sands era un criminale, condannato a scontare la sua pena. Ha scelto di togliersi la vita. E’ stata una scelta che la sua organizzazione non ha mai lasciato alle sue vittime”. Parole dure, che spinsero molti alla militanza armata. Anche tra i 100 mila che due giorni dopo seguirono il feretro di Sands fino al cimitero di Milltown, nel cuore cattolico di Belfast. Lo status di prigionieri politici fu riconosciuto ai detenuti di Long Kesh solo il 3 ottobre 1981, quando gli ultimi cinque interruppero lo sciopero della fame su pressione dei loro familiari, dell’esecutivo dell’Ira e di alcuni uomini di chiesa. Insieme alla possibilità di indossare abiti civili, fu concesso loro di tenere le chiavi della propria cella e di muoversi liberamente all’interno del loro blocco ‘H’. (Luca Galassi tratto da qui)
E solo due anni più tardi ci fu una fuga in massa di tutti i detenuti (che esercitarono un loro diritto di prigionieri di guerra, l’evasione)

MARTIRI DELLA LIBERTA’

L’intransigenza degli inglesi che risposero con maltrattamenti e pestaggi, il rifiuto del primo ministro Margaret Thatcher al dialogo, trasformò in martirio il sacrificio di Bobby e dei suoi compagni, e fece accrescere il consenso dell’opinione pubblica al movimento repubblicano; il Sin Féin in seguito crebbe fino a diventare il maggior partito dell’Irlanda del Nord.
Proprio in carcere Sands sviluppò la sua vena poetica e le sue abilità di scrittore e i suoi articoli furono pubblicati dal giornale repubblicano An Phoblacht-Republican News, voce del movimento, con lo pseudonimo di “Marcella”.
Scrisse anche un libro intitolato Un giorno della mia vita.
“Ero soltanto un ragazzo della working class proveniente da un ghetto nazionalista, ma è la repressione che crea lo spirito rivoluzionario della libertà. Io non mi fermerò fino a quando non realizzerò la liberazione del mio paese, fino a che l’Irlanda non diventerà una, sovrana, indipendente, repubblica socialista”.

BACK HOME IN DERRY

Bobby scrisse il testo come una poesia durante lo sciopero della fame in carcere e subito dopo la sua morte già circolava una versione cantata; Christy Moore che si trovava nel Derry per una serie di concerti la sentì in più occasioni e trascrisse il testo, fu lui ad abbinarlo con la melodia  “Wreak of the Edmond Fitzgerald” di Gordon Lightfoot ( in Summertime Dream 1976 album finito subito nella classifica “Billboard 200” i 200 più venduti negli States).
La canzone tratta della deportazione in Tasmania dei rivoluzionari Irlandesi dopo il fallito tentativo insurrezionale anti-inglese guidato da Robert Emmet nel 1803.
L’ultima strofa è certamente autobiografica e la colonia penale in Tasmania è in realtà  The Maze, il labirinto, la prigione di massima sicurezza del Regno Unito costruita proprio nel 1976 con gli H Blocks. La struttura è stata chiusa nel 2000 e demolita in buona parte, l’area è  in attesa di riqualificazione e oggetto di un decennale dibattito per la destinazione a Centro per la Pace
Raymond McCartney ha trascorso 17 anni della sua vita nelle celle di Long Kesh. Nel 1980 rifiutò il cibo per 53 giorni prendendo parte al primo sciopero della fame, quello che si concluse senza morti. Adesso è un parlamentare eletto nelle liste del Sinn Féin e non ha dubbi: “questo è un luogo unico che è già da tempo un’attrazione per i visitatori di tutto il mondo. Noi ex prigionieri repubblicani siamo sempre stati favorevoli a una riconversione che ne massimizzasse il potenziale economico e storico, e favorisse al tempo stesso la riconciliazione. E siamo convinti che per chiudere le ferite del passato vadano rispettate le diversità e le storie differenti di ciascuna parte in causa”. Anche Jude Collins, anziano giornalista di Belfast, la pensa allo stesso modo. “Non c’è alcun rischio che Long Kesh diventi un tempio del terrorismo. D’altra parte, chi fece lo sciopero della fame non è ricordato per quello che aveva fatto prima di finire in carcere. Ai visitatori sarà ricordato lo straordinario coraggio di quei dieci uomini che preferirono morire piuttosto che essere riconosciuti come criminali comuni”. (tratto da qui)

ASCOLTA Christy Moore in Ride On, 1984

ASCOLTA Gary Og & Sean Lyons in Songs of Rebellion


I
In 1803 we sailed out to sea
Out from the sweet town of Derry.
For Australia bound
if we didn’t all drown
And the marks of our fetters were heavy
In the rusty iron chains
we sighed for our weans
Our good women
we left there in sorrow
As the mainsails unfurled,
our curses were hurled
At the English and the thoughts of tomorrow
CHORUS
Oh, I wish I was back home in Derry.
Oh, I wish I was back home in Derry.
II
At the mouth of the Foyle,
bid farewell to the soil
As down below decks
we were lying.
O’Docherty’s scream
woke him out of a dream
By a vision of
bold Robert dying.
The sun burned cruel
and they dished out the gruel
Dan O’Connor was down with the fever
Sixty rebels that day
bound for Botany Bay
How many would reach
there this evening?
III
I cursed them to hell,
as her bow fought the swell
Our ship danced like a moth on the firelight
Wild horses rode high
as the devil passed by
Taking souls into Hades by twilight light
Five weeks out to sea
we were now 43
We buried our comrades each morning
And in our own slime
we were lost in a time,
Endless days without dawning
IV
Van Diemen’s Land
is a hell for a man
To live out his life in slavery
Where the climate is raw
and the gun makes the law
Neither wind nor rain
care of bravery
Twenty years have gone by and I’ve ended my bond
My comrades’ ghosts
walk beside me
Well a rebel I came
and sure I’ll die the same
On a cold winter’s night you will find me.

Traduzione italiano Riccardo Venturi
I
Nel 1803 prendemmo il mare
dalla dolce città di Derry (1).
Diretti in Australia,
a meno di non annegar tutti.
Le tracce lasciate dai nostri ceppi erano pesanti,
in rugginose catene di ferro
gemevamo di pena
Lasciammo le nostre brave donne nel dolore
e mentre le vele si spiegavano
urlammo maledizioni
agli inglesi, e le preoccupazioni per il domani
CORO
Oh…oh, voglio tornare a casa a Derry.
Oh…oh, voglio tornare a casa a Derry.
II
Alla foce del Foyle
dicemmo addio al nostro paese
mentre giacevamo
distesi sotto i ponti della nave.
O’Docherty si risvegliò
urlando da un sogno
dove aveva visto
il coraggioso Robert (2) morire.
Il sole bruciava crudele
e ci misero la brodaglia nei piatti,
Dan O’Connor era disteso in preda alla febbre
Sessanta ribelli, quel giorno,
diretti alla baia di Botany (3),
quanti di loro sarebbero
arrivati a sera?
III
Li maledissi a morte
mentre la prua lottava contro l’onda,
la nostra nave ballava come una farfalla (4) alla luce del fuoco
dei cavalli selvaggi caracollavano insieme al diavolo
per portare le anime nell’Ade al crepuscolo
Cinque settimane in mare,
eravamo ora quarantatré
seppellivamo i nostri compagni ogni mattina
Sporchi di fango,
fuori dal tempo,
giorni infiniti senza un’alba
IV
La Tasmania (5) è un inferno per un uomo
per vivere tutta la sua vita in schiavitù
là dove il clima è orrendo
e l’arma è legge
e né al vento né alla pioggia importa del coraggio
Sono passati vent’anni e ho scontato la mia pena
i fantasmi dei miei compagni mi camminano al fianco
sono arrivato da ribelle
e di sicuro morirò ribelle,
mi ritroverete una fredda notte d’inverno.


NOTE
1) Derry/Londonderry è la città lacerata anche nel nome tra Inghilterra e Repubblica d’Irlanda: dal gaelico Doire “bosco di querce” è Derry per i cattolici nazionalisti e Londonderry per i protestanti unionisti, perchè così la chiamarono i coloni britannici nel 1613 volendo riprodurre una novella Londra sul fiume Foyle.
2) Robert Emmet (1778-1803) giovane ribelle irlandese (della chiesa anglicana),  convinto sostenitore dell’indipendenza dell’Irlanda dalla Corona Inglese, nonché seguace degli ideali di fratellanza e solidarietà sociale propugnati dalla Rivoluzione Francese. Dopo la rivolta del 23 luglio 1803 Emmet riuscì a fuggire ma il suo nascondiglio venne scoperto e il 25 agosto venne catturato. Processato per alto tradimento il 19 settembre venne impiccato (e poi decapitato) sulla pubblica piazza il giorno dopo.
3) Botany Bay è l’attuale Baia di Sydney in cui sbarcarono i primi esploratori europei nel 1770, un nome entrato nell’immaginario ottocentesco come sinonimo di Australia.  (vedi)
4) moth è nello specifico una falena; la farfalla che danza nel fuoco potrebbe essere una citazione alla farfalla degli dei, ossia la farfalla dorata simbolo dello spirito del defunto vedi
5) La Terra di Van Diemen (da Anthony van Diemen, governatore generale della Indie Orientali Olandesi tra il 1636 e il1645) oggi è chiamata Tasmania, la grande isola dell’Australia famosa per essere stata una colonia penale inglese dal 1800 al 1856. continua

FONTI
http://www.linkiesta.it/it/blog-post/2013/04/29/long-kesh-lex-carcere-diventa-un-centro-per-la-pace/16185/
http://it.peacereporter.net/articolo/8251/Belfast,+il+labirinto+della+memoria
http://terreceltiche.altervista.org/derry-the-town-i-loved-so-well/
http://terreceltiche.altervista.org/sunday-bloody-sunday/
http://terreceltiche.altervista.org/emigration-songs/
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=4562&lang=it
http://www.christymoore.com/lyrics/back-home-in-derry/