Crea sito

CREATURE DELLE ACQUE NELLA MITOLOGIA CELTICA

AMermaid-waterhouseSirena, un nome leggendario legato ad una donna dalla coda di pesce, figlia di Afrodite, la dea dell’amore nata dalla spuma del mare, ovvero figlia della Dea Bianca, Signora della Fecondità e Rinascita, spodestata dal suo trono primigenio. Seduttrice che con il canto celestiale intrappola l’anima degli uomini e la porta nel fondo degli abissi!
Regine dei Mari, dalle chiome lunghe e fluenti, bionde come l’oro, o rosse come il corallo, o verdi come lo smeraldo, dagli occhi cangianti come la spuma, il seno procace e la pelle nivea, la voce armoniosa che promette amore e felicità, così le sirene delle fiabe vivono in castelli di corallo e di madreperla, eppure sono creature dalla duplice natura che non smettono di affascinare anche ai nostri giorni.

ASCOLTA Patti Smith & Johnny Depp in Son Of Rogues Gallery 2013, THE MERMAID

Il testo è dell’inossidabile Patti Smith la cui voce migliora con l’invecchiamento (come il buon vino), la musica invece di Johnny Depp per il film “The Rum Diary” (2011). La prima versione della canzone è solo vocale (la versione solo strumentale è su un’altra traccia) ma il brano è stato rielaborato per la compilation “Son Of Rogues Gallery


Do you remember me
The ocean rolled
Time was slow
We felt an energy
The cock was crowing(1)
The rum was flowing
A mermaid burns to sea
Beyond the sea
And if I could
Turn where you stood
Would you feel me
Would it be good
Would you remember
So turn the little key
The ocean rolls
Time is slow
Turn the little key
The cock is crowing
The rum is flowing
A mermaid burns to sea
Beyond the sea
I long to see
I long to see
If there’s a page for me
A page for me in your diary
Do you remember me
The ocean rolled
Time was slow
We felt an energy
The cock was crowing
The rum was flowing
A mermaid burns to sea
Beyond the sea
I long to see I long to see
If there a page for me
A page for me in your diary
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Ti ricordi di me?
L’oceano beccheggiava,
il tempo era lento,
sentivamo un’energia,
il gallo cantava,
il rum scorreva,
una sirena arde per il mare,
aldilà del mare
e se potessi
ritornare dove stavi
mi sentiresti,
ci sentiremo bene,
ti ricorderesti.
Così gira la piccola chiave,
l’oceano oscilla,
il tempo è lento,
gira la piccola chiave,
il gallo canta,
il rum scorre,
una sirena arde per il mare,
oltre il mare
voglio vedere,
voglio vedere
se c’è una pagina per me,
una pagina per me nel tuo diario

NOTE
1) nei Vangeli il gallo canta tre volte prima che Pietro tradisca Gesù. Ma il canto del gallo è un momento specifico nella tradizione ebraica (come nella tradizione contadina) che annuncia l’alba e quindi segna la fine della notte. Il canto del gallo ha il potere far svanire i  fantasmi o gli incubi della notte..

ONDINE, SPIRITI DELL’ACQUA

La sirena è conosciuta però anche con un altro nome che le deriva dalla mitologia norrena e germanica, nove sono le ondine figlie del dio del Mare Aegir e di Ran: vanno in soccorso dei naviganti e cercano di proteggerli, cavalcano i delfini, danzano e cantano sugli scogli accompagnandosi con la lyra.

ASCOLTA Musika Magica

L’alchimista Paracelso descrive l’ondina nel suo libro “De Nymphis, Sylphis, Pygmaeis et Salamandris et coeteris spiritibus” catalogandola tra gli spiriti elementari (elementali): è lo spirito dell’acqua che vive nelle polle e nei laghi, nei rivi e nei fiumi, sorta di genio protettore o guardiano, una ninfa dell’acqua dalla voce melodiosa e incantatrice. continua

Sulle sponde delle acque interne vivevano spiriti solitari che nascosti tra i giunchi e negli stagni, aspettavano le loro vittime mortali. Spesso erano dei muta-forma e potevano apparire sotto le sembianze di cavallo ma anche di giovane uomo, potevano essere dei custodi delle acque e anche creature esperte negli incantesimi.

Come la Gruagach, il folletto-capra presente sia nel folklore irlandese con il nome di bocánach sia in quello delle Highlands scozzesi con il nome di Glaistig (metà donna e metà capra):  dai lunghi capelli biondi e bellissima nasconde la sua parte inferiore animale sotto una lunga veste verde. Nella sua versione  maligna la fanciulla è una sorta di sirena che attira l’uomo con un canto o una danza e poi si nutre del suo sangue. Al contrario nella sua versione benigna è considerata una protettrici del bestiame e dei pastori, oltre che dei bambini lasciati soli dalle madri per sorvegliare gli animali al pascolo. continua

MERROW E SELKIE: I MUTAFORMA DELLA MITOLOGIA CELTICA

Arbo-HavmandenIn Irlanda la sirena è detta merrow e può essere sia femmina che maschio.
A volte queste creature scelgono volontariamente di restare accanto ad un uomo, assumendo la forma umana, ma sono condannate a non poter mai più toccare l’acqua salata, perchè altrimenti saranno costrette a ritornare in mare e a non potranno mai più camminare sulla terra.
La Scozia conserva ancora tantissimi canti sulle creature del mare, in particolare la tradizione è ancora viva nelle Isole Ebridi: qui le foche non sono dei semplici animali, bensì creature magiche chiamate selkie, che di notte prendono la forma di uomini e donne annegati. Ritenuti una sorta di guardiani del Mare o giardinieri del fondale marino ogni notte o solo nelle notti di luna piena, abbandonerebbero le loro pelli per rivelare sembianze umane, per cantare e danzare sulle scogliere d’argento continua

Theodor_Kittelsen_-_Nøkken_som_hvit_hestARRANE GHELBY

Nell‘Isola di Man le leggende sulle creature del mare sono tra le più radicate : così scrive Karl Roeder nell’Ottocento “….Between Bow Veg and Glen Wither, on the coast north the Sound, is a place called Lhiondaig Pohllinag, or the Mermaid’s Green, or Garden, and the tradition is that the mermaids haunted it and sported about, basking themselves there… “ (Manx Notes and Queries)
Pohllinag” può essere sia maschile (tritone) che femminile (sirena) ma è con il termine “Ben varrey (donna del mare) che viene più comunemente indicata la sirena. Leggende e tradizioni sono diffuse tra le comunità dei pescatori della parte sud e ovest dell’isola così ricca di scogliere e di grotte, e proprio dal piccolo villaggio di Dalby, si è conservata una slow air “incantata” Arrane Ghelby ovvero “Song of Dalby”
In the long ago a curiously shaped boat would be seen at the close of a summer evening coming from Bradda towards Dalby. In the boat sat an old man with long white hair, who rowed until off Niarbyl Point; there he rested on his oars and sang this melody, which runs up and down the minor scale with the lilt of the waves. And as the thing became known, the people would come and stay on the shore to listen to his music, for it was very sweet to them; but his boat was far off, and no words could be distinguished. When the old man had made an end of the song, he rowed south-westward till he was seen no more. And no one knew whence he came, nor whither he went, nor who he was, but the people of Dalby knew his song and taught it to their childrens children.” . T. Quane of Dalby.

ASCOLTA Patrick Ball in Celtic Harp Vol III. Secret Isles
ASCOLTA Charles Guard

ASCOLTA Linda Brockinton arrangiamento muntain dulcimer (molto brava)

ASCOLTA Solas (Song of the Kelpie)

ARCHIVIO

AILEIN DUINN
ARRAN BOAT SONG
ARRANE GHELBY
CLERK COLVILL
GREY SILKIE OF SULE SKERRY
LORELEY
(FAIR) MAID ON THE SHORE
MERMAID BALLAD (Child ballad #289)
MERMAID’S CROON
MHAIGHDEANN BHARRACH
MHAIGHDEAN MHARA
MY JOLLY SAILOR BOLD
ORAN MU’N GHRUAGAICH
ORAN NA MAIGHDINN-MHARA
PORT NA BPUCAÍ
SEA LONGING
SEAL MAIDEN
SEAL WOMAN’S SEA-JOY

SKYE WATER KELPIE’S LULLABY (“Cronan na Eich-mhara”, “Oran-tàlaidh an eich-uisge”, “Oran each-uisge”)
SONG OF THE SEAL
WATER O WEARIE’S WELL
WILLOW’S SONG

FONTI
http://ilsettimopapiro.altervista.org/sirene.htm
http://atlanticreligion.com/2014/09/19/the-woman-who-sat-by-the-sea/

4 pensieri su “CREATURE DELLE ACQUE NELLA MITOLOGIA CELTICA”

  1. whoah this blog is excellent i like reading your posts.
    Keep up the good work! You already know, lots of persons are searching round for this info,
    you could aid them greatly.

  2. I simply could not depart your website before suggesting that I
    actually enjoyed the usual info someone provide for your guests?
    Is gonna be back incessantly to check up on new posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Tra terra e cielo, la cultura nei paesi dei Celti

Bad Behavior has blocked 2450 access attempts in the last 7 days.