Archivi categoria: questione irlandese/ Irish question

Mise Éire – I am Ireland

Leggi in italiano
Patrick Henry Pearse (Pádraic Mac Piarais or Pádraig Pearse) wrote a short poem in Gaelic, about afflicted Ireland, it was 1912 and the Easter Uprising was to came. It’ll be Pearse who read the proclamation of the Irish Republic on the steps of the Post Office occupied by the rebels. His death along with that of his companions on that Easter of Blood of 1916 will be the prelude to the Irish War of Independence (1919-1921)

In 1959 George Morrison made a documentary film about the foundation of the Republic of Ireland that, recalling it to the Pearse poem, he entitled “Mise Éire”: it was a long work of research and cataloging from the newsreels, period films, photos of key figures such as Pádraig Pearse, James Connolly, Éamon de Valera and Michael Collins, to giving back through the reassembly of archival material, a crucial historical period for Irish independence from 1896 to 1918, a twenty-year period that saw the flowering of both political nationalism and Irish culture, the Gaelic League and the Gaelic Athletics Association, the Abbey Theater of WB Yeats and Lady Gregory which ends with the electoral victory of the Sinn Féin party.
The orchestral soundtrack (for the first time combined with an Irish feature film) was entrusted to Seán Ó Riada, who arranged the traditional Irish music and the sean-nós songs (‘old style’) with a classical style.
The Ó Riada soundtrack certainly contributed to the documentary’s pathos, and among the many traditional melodies he also rearranged “Róisín Dubh” renamed as title track “Mise Éire” .
Róisín Dubh (= little black rose) is Rosalinda, a young girl named Little Rose is the allegory of Ireland, a codeword coined at the end of the sixteenth / early seventeenth century to identify Ireland with a Black Rose, ideally contrasted to the Red Rose of the Tudor House (the Lancaster rose).
The Irish Radio Orchestra

But Pearse poem had remained in the background despite hitting target with the title, it will be Patrick Cassidy on the occasion of the centenary of the Easter Uprising, to write his tune for “Mise Éire”, staged for RTÉ ONE with RTÉ Concert Orchestra and sung by the young Irish singer, Sibéal Ní Chasaide

Sibéal Ní Chasaide live ( in “1916 The Irish Rebellion”, 2016)

I am Ireland (1):
I am older than
the old woman (2) of Beare.
Great my glory:
I that bore
Cuchulainn, the valiant.
Great my shame:
My own children
who sold their mother.
Great my pain:
My irreconcilable enemy
who harrasses me continually.
Great my sorrow
That crowd,
in whom I placed my trust,
died.
I am Ireland:
I am lonelier than
the old woman of Beare.
Mise Éire:
Sine mé ná
an Chailleach Bhéarra
Mór mo ghlóir:
Mé a rug
Cú Chulainn cróga.
Mór mo náir:
Mo chlann féin
a dhíol a máthair.
Mór mo phian:
Bithnaimhde
do mo shíorchiapadh.
Mór mo bhrón:
D’éag an dream
inar chuireas
dóchas.
Mise Éire:
Uaigní mé ná
an Chailleach Bhéarra.

NOTE
1) “Just Speak Your Language”
2) Cailleach Bheara cailleach= “veiled one” she is an ancient goddess also revered in Scotland and the Isle of Man. She is associated with Winter, and the creation of the landscape – in particular the cliffs – and with the stone burial mounds. In the aisling song, Ireland is represented as a girl with the appearance of a goddess, but already in the eighteenth-century song Caitilín Ní Uallacháin Ireland is compared to a “poor old woman” (Sean-Bhean bhocht) Ms. Katty Hualloghan – Cathleen or Kathleen Nì Houlihan-, owner of four green fields (ie the four provinces where Ireland is traditionally divided).

 

http://terreceltiche.altervista.org/roisin-dubh/

http://terreceltiche.altervista.org/caitilin-ni-uallachain/

FONTI
https://www.theballadeers.com/ire/oriad_m2006_mise.htm
https://aliisaacstoryteller.com/2017/06/12/who-was-the-old-woman-of-beare/
http://ifi.ie/film/mise-eire/
http://www.itastreaming.online/film/19383-mise-%C3%89ire-1959-streaming-subita.html
http://www.irishpage.com/poems/miseeire.htm
https://quinteparallele.net/2017/03/20/ceol-na-heireann-musiche-classiche-dirlanda-in-sean-o-riada/

Mise Éire – I am Ireland

Read the post in English  

Patrick Henry Pearse (Pádraic Mac Piarais o Pádraig Pearse) scrisse una breve poesia in gaelico irlandese sull’Irlanda afflitta, era il 1912 e la Rivolta di Pasqua era nell’aria. Sarà Pearse a leggere il proclama della Repubblica Irlandese sui gradini dell’Ufficio postale occupato dai ribelli. La sua morte insieme a quella dei suoi compagni in quella Pasqua di Sangue del 1916 darà il via alla guerra d’Indipendenza irlandese (1919-1921)

Nel 1959 George Morrison realizzò un film-documentario sulla fondazione della Repubblica d’Irlanda e, richiamandosi alla poesia di Pearse, lo intitolò  “Mise Éire”: il suo fu un lungo lavoro di ricerca e catalogazione dai cinegiornali, filmati d’epoca, foto di personaggi chiave come Pádraig Pearse, James Connolly, Éamon de Valera e Michael Collins, volto a restituire attraverso il rimontaggio del materiale d’archivio, un periodo storico cruciale per l’indipendenza irlandese che va dal 1896 al 1918, un ventennio che vide la fioritura del nazionalismo irlandese sia politico che culturale, la  Gaelic League e la Gaelic Athletics Association, l’Abbey Theatre di WB Yeats e Lady Gregory e si conclude con la vittoria elettorale del partito Sinn Féin.

LA COLONNA SONORA

La colonna sonora orchestale (per la prima volta abbinata a un lungometraggio irlandese) fu affidata a Seán Ó Riada il quale arrangiò con piglio classicheggiante la musica tradizionale irlandese e i canti sean-nós (‘stile antico’).
Sicuramente a dare pathos al documentario ha contribuito molto la colonna sonora di Ó Riada che  tra le tante melodie tradizionali rielaborò anche “Róisín Dubh” ribattezzata con il titolo di “Mise Éire” come title track.
Róisín Dubh (= little black rose) è  Rosalinda, una fanciulla dal nome di Piccola Rosa, l’allegoria dell’Irlanda, una parola in codice coniata alla fine del Cinquecento/inizi Seicento per identificare l’Irlanda con una Rosa Nera,  contrapposta idealmente alla Rosa Rossa della Casata Tudor (la rosa dei Lancaster).
The Irish Radio Orchestra

Ma la poesia di Pearse era rimasta sullo sfondo pur avendo fatto centro con il titolo, sarà  Patrick Cassidy (oramai acclamato compositore di colonne sonore per film di grande successo) in occasione del centenario della Rivolta di Pasqua a scrivere appositamente la musica per la poesia Mise Éire,  messa in scena per  RTÉ ONE con RTÉ Concert Orchestra  e la voce di Sibéal Ní Chasaide.

Sibéal Ní Chasaide live (anche in “1916 The Irish Rebellion”, 2016)

Mise Éire:
Sine mé ná an Chailleach Bhéarra
Mór mo ghlóir:
Mé a rug Cú Chulainn cróga.
Mór mo náir:
Mo chlann féin a dhíol a máthair.
Mór mo phian:
Bithnaimhde do mo shíorchiapadh.
Mór mo bhrón:
D’éag an dream inar chuireas dóchas.
Mise Éire:
Uaigní mé ná an Chailleach Bhéarra.


I am Ireland:
I am older than
the old woman of Beare.
Great my glory:
I that bore
Cuchulainn, the valiant.
Great my shame:
My own children
who sold their mother.
Great my pain:
My irreconcilable enemy
who harrasses me continually…
Great my sorrow
That crowd,
in whom I placed my trust,
died.
I am Ireland:
I am lonelier
than the old woman of Beare.
Traduzione italiana Cattia Salto
Il mio nome è Irlanda (1):
sono più vecchia
della Velata di Beara (2)
Grande la mia gloria:
io che ho partorito
Cuchulainn, il coraggioso.
Grande la mia vergogna:
i miei stessi figli
che hanno venduto la loro madre.
Grande il mio dolore:
il mio inconciliabile nemico
che mi opprime continuamente
Grande la mia tristezza:
quel popolo,
in cui riposi la mia fiducia,
è morto.
Il mio nome è Irlanda:
sono più sola
della Velata di Beara

NOTE
1) l’Irlanda è la sua lingua, “Just Speak Your Language”, quella dei vecchi antenati il gaelico irlandese
2) Cailleach Bheara cailleach= “la velata” è un’antica dea dell’inverno venerata anche in Scozia e nell’Isola di Man. E’ collegata con le pietre e la conformazione rocciosa del paesaggio -in particolare le scogliere- e con i tumuli funerari a pietra.
Nelle aisling song l’Irlanda viene rappresentata come una fanciulla dalle sembianze di dea, ma già nel canto settecentesco Caitilín Ní Uallacháin l’Irlanda è paragonata a una  “povera vecchia” (la Sean-Bhean bhocht) la signora Katty Hualloghan – Cathleen o Kathleen Nì Houlihan-,  padrona di quattro campi verdi (cioè le quattro province in cui è divisa per tradizione l’Irlanda).  Il nome è anche il titolo di una opera teatrale di W.B. Yeats e Lady Augusta Gregory ambientata nel 1798.

 

RÓISÍN DUBH

CAITILIN NI UALLACHAIN

FONTI
https://www.theballadeers.com/ire/oriad_m2006_mise.htm
http://www.ilcerchiodellaluna.it/central_Dee_Cailleach.htm
https://aliisaacstoryteller.com/2017/06/12/who-was-the-old-woman-of-beare/
http://www.lasoffittadellestreghe.it/shoponline/cailleach-dea-dellinverno/
http://ifi.ie/film/mise-eire/
http://www.itastreaming.online/film/19383-mise-%C3%89ire-1959-streaming-subita.html
http://www.irishpage.com/poems/miseeire.htm
https://quinteparallele.net/2017/03/20/ceol-na-heireann-musiche-classiche-dirlanda-in-sean-o-riada/

Bells Over Belfast

The Irish Rovers, gruppo di musica irlandese stanziato in Canada (Toronto, Ontario), sono attivi dal 1963. Nella loro lunga carriera hanno prodotto due christmas album Merry Merry Time Of Year (2016) e Songs of Christmas (1999) da cui proviene la “Bells over Belfast” composta da George Millar, già fondatore del gruppo e originario di Ballymeana (Irlanda del Nord) uno dei centri più colpiti dal conflitto nord-irlandese.

GLI ACCORDI DI BELFAST DEL 1998

Sottoscritti nel 1998 dalla maggioranza dei partiti nordirlandesi, dal governo britannico e della repubblica Irlandese, legittimati da un referendum popolare che si è espresso in modo favorevole, gli accordi di pace mettono alla base la parità tra le due parti della popolazione (protestanti scozzesi-inglesi e cattolici irlandesi) per garantirne la partecipazione al governo tramite i rispettivi rappresentanti politici. Ribadita la divisione tra le due Irlande si è puntato tutto sulla garanzia dei diritti civili, libertà e pari dignità per tutti.


I
The Antrim hills (1) are dark and still
and the snow is tumbling down
This Christmas time there’s hope again
for all in Belfast Town
With love and understanding
we’ll find a better way
The gift of peace (2) is ours now
upon this Christmas day
CHORUS
Bells over Belfast
How merrily they play
Peace and joy be with you
On this Christmas day
II
A star of light, it filled the night,
many years ago
When the Magi found the blessed Child
who set our hearts aglow
And since that day of wonder
will live forever more
We hail the newborn King of kings
who opened the heavens’ door
III
We’ll dance and sing the new year
in a share a cup of cheer
And drink to health and happiness
throughout the coming year
We’ll put our differences aside,
our troubles (3) all behind
And drink a cup of kindness
yet for days of auld lang syne (4)
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Le colline di Antrim sono buie e silenziose, la neve cade giù
questo Natale ci sarà nuovamente speranza per tutti nella città di Belfast.
Con l’amore e la comprensione
troveremo un modo migliore
il dono della pace è con noi
in questo giorno di Natale
Coro
Campane su Belfast
che suonano festose
pace e amore siano con voi
in questo giorno di Natale
II
Una stella di luce, riempì la notte
tanti anni fa
quando i Magi trovarono il bambinello benedetto
per cui ardono i nostri cuori
e da quel giorno meraviglioso
vivrà in eterno,
salutiamo il neonato Re dei Re
che aprì le porte dei Cieli
III
Danzeremo e canteremo al nuovo anno, condividendo una coppa di allegria e berremo alla salute e alla felicità per l’anno a venire.
Metteremo da parte le nostre differenze
ci lasceremo alle spalle i conflitti
e berremo una coppa di tenerezza
ancora per i bei tempi andati

NOTE
1) I Glens of Antrim, chiamati anche semplicemente Glens, formano una regione dell’Antrim, contea settentrionale dell’Irlanda del Nord, composta da nove glen, ovvero particolari vallate strette e profonde che raggiungono il mare (da Wikipedia)
2) sono gli accordi di pace di Belfast, 1998
3) “The Troubles” (in italiano “i disordini”) è la “guerra a bassa densità” che ebbe luogo tra i cattolici e i protestanti del Nord Irlanda tra il 1969 e il 1998 ovvero un coacervo di violenza e sordi rancori, di marce per la pace e bombe. (continua)
4) A Capodanno il canto più diffuso nelle case scozzesi è Auld Lagn Syne, una canzone cantata in tutto il mondo nelle più svariate occasioni. (continua)

FONTI
http://theirishroversmusic.com/
http://www.dehoniane.it:9080/komodo/trunk/webapp/web/files/riviste/archivio/01/199810299a.htm

STREETS OF DERRY

Gli studiosi datano l’origine della ballata tra il 1817 e il 1830, collegandola con “The Maid Freed from the Gallows” ma anche con la ballata di Geordie; più in generale “Streets of Deyy” si inserisce nel filone delle “ballate del patibolo“: il protagonista viene salvato dalla forca da un perdono giunto all’ultimo momento portato dalla fidanzata che arriva al galoppo su uno stremato cavallo.


Alcune versioni chiamano l’eroina Ann O’Neill e la maggior parte indicano  la città di Derry come il luogo in cui sta per avvenire l’impiccagione; in alcune compare anche un sacerdote pronto ad accogliere la confessione del condannato (e a ritardare l’esecuzione).
Eleanor R. Long (Saskatoon, Saskatchewan, Canada) nel suo saggio “Derry Gaol From Formula to Narrative Theme in International Popular Tradition” analizza 27 versioni della ballata e le classifica in 5 filoni. Così osserva la Long “Certain aspects of the ballad’s narrative, however, are timeless in their reflection of Irish history and culture. The public execution of Irish patriots was a familiar phenomenon throughout the period of British occupation, and history as well as ballad-literature reports the ubiquity of sorrowing relatives at the execution site, requests for appropriate religious rites for the dying, and desperate, not infrequently successful appeals for last-minute pardons f or political offenders. But during the time-period under consideration (1817-1830), two specific historical events occurred which corroborate the circumstances described in Laws L 11 without localizing those circumstances in northern Ireland: the Catholic clergy developed an exceptionally militant attitude toward the denial of freedom of conscience to prisoners in British penitentiaries, and in the summer of 1821 King George IV became the first English monarch to set foot on Irish soil since the Reformation, winning by that gesture a degree of popularity among the Irish people that was as unprecedented as it was temporary.” (vedi)

ASCOLTA su Spotify  Bothy Band (voce Triona Ni Dhomhnaill)  in “Out of the Wind, Into the Sun”, 1977 (testo qui)
ASCOLTA su Spotify  Peter Bellamy in “Both Sides Then”, 1979
ASCOLTA Oisin in Winds of Change”, 1989

ASCOLTA Cara Dillon & Paul Brady


I
After morning there comes an evening
And after the evening another day.
And after false love there comes a true love;
I’ll have you listen now to what I say.
II
My love he is as fine a young man
As fair as any the sun shone on.
But how to save him I do not know it,
For now he’s got a sentence to be hung.
III
As he was a-marching through the streets of Derry,
I’m sure he marched up right manfully,
Being much more like a commanding officer
Than a man to die upon a gallows tree.
IV
But the very first step he did put on that ladder,
His bloomin’ colour began to fail
And with heavy sighin’ and bitter cryin’,
“Is there no releasement from Derry Gaol?
V
And the very next step he did put on that ladder,
His lovin’ clergyman was standing by,
Cryin’, “Stand you back, you false prosecutors,
For I’ll make you see that he may not die.”
VI
“Yes, I’ll make you see that you may not hang him
Until his confession to me is done,
And then you’ll see that you may not hang him
‘Til within ten minutes of the setting sun.
VII
“What keeps my love, she’s so long a-coming?
Oh, what detains her so long from me?
Or does the think it’s a shame or scandal
To see me die on the gallows tree?”
VIII
He looked around and he saw her coming,
And she was dressed all in woollen fine
The weary steed that my love was riding
It flew more swifftly than the wind
IX
Come down, come down from that cruel gallows
I’ve got your pardon from the king
And I’ll let them see that they dare not hang you
And I’ll crown my love with a bunch of green 
tradotto da Cattia Salto
I
Dopo il mattino viene la sera
e dopo la sera un altro giorno
così dopo un falso innamorato arriva il vero amore,
ascoltate bene cosa vi dico
II
Il mio amore è un bel giovanotto
bello come pochi sotto il sole, ma come fare per salvarlo non so, perchè è stato condannato all’impiccagione
III
Mentre camminava per le strade di Derry (1)
di certo marciava spavaldo
molto più simile a un comandante
che a un condannato sul punto di morire sulla forca
IV
Ma al primo passo che mise su quella scaletta
il suo colorito iniziò a spegnersi
e con profondi sospiri gridò amaramente “Non c’è il perdono dal carcere di Derry?”
V
E il secondo passo che mise su quella scaletta il suo caro sacerdote (2) gli stava accanto
gridando “State indietro, falso pubblico ministero,
che vi mostrerò perchù lui non può morire!
VI
Si, vi mostrerò che non potete
impiccarlo

finchè non mi ha rilasciato la sua confessione, e così vedete che non potete impiccarlo
fino a quando mancheranno 10 minuti al tramonto”
VII
Cosa trattiene il mio amore che ci mette tanto a venire?
Che cosa la tiene così lontana da me?
Crede forse che sia una vergogna o uno scandalo
vedermi morire sulla forca?

VIII
Si guardò intorno e la vide
arrivare
ed era vestita di un bel panno
il destriero affaticato che il [suo] amore cavalcava
volava più veloce del vento.
IX
Scendi, scendi da quella forca crudele
ho ottenuto il perdono dal Re (3)
farò loro vedere che non oseranno impiccarti
e incoronerò il mio amore con una ghirlanda verde (4)”

NOTE
1) il riferimento alle strade di Derry o alla prigione di Derry appare nelle varianti della ballata solo a partire dal 1830
2) il tema del sacerdote che cerca di ottenere tempo sul patibolo è sostituito in altre versioni dalla richiesta di conforto rivolta ai congiunti ad esempio i Bothy Band
His beloved father was standing by
“Come here, come near, my beloved father
And speak one word to me before I die”
3) nella versione di Bellamy è “the Queen” in altre versioni la grazia arriva “dal Re e dalla Regina”
4) nella versione dei Bothy Band diventa un “a laurel leaf”, Al O’Donnell canta invece “…with a bunch of bloom”.

FONTI
http://bluegrassmessengers.com/95a-derry-gaol-or-the-streets-of-derry-bronson.aspx
http://bluegrassmessengers.com/derry-gaol-from-formula-to-narrative-theme.aspx
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=53736&lang=it
https://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/thestreetsofderry.html
http://www.celticlyricscorner.net/bothyband/streets.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=3780

BACK HOME IN DERRY

La canzone  fu scritta in carcere da Bobby Sands, (1954-1981) attivista politico di Belfast, nonchè volontario dell’IRA, imprigionato dagli inglesi nel carcere “Maze” a Long Kesh, dove morì dopo un lungo periodo di sciopero della fame.
Una scelta d’amore (Some Mother’s Son) film del 1996 diretto da Terry George: Aidan Gillen e John Lynch nei panni di Gerard Quigley e Bobby Sands

I detenuti politici rivendicavano il status di prigionieri di guerra  (condizione privilegiata rispetto ai comuni prigionieri annullata dopo il marzo 1976): la protesta iniziò prima con il rifiuto di indossare la divisa carceraria, un paio d’anni dopo fu la volta della “protesta delle latrine”, in cui si rifiutavano di usare le docce e l’acqua per lavarsi e imbrattavano le pareti con le loro feci. Ragazzi poco più che ventenni si aggiravano per le celle pallidi ed emaciati. Nel volgere di alcune settimane, sudici e malati, a chi li visitava apparivano irriconoscibili, sinistri come fantasmi. (Luca Galassi )
Ma gli anni passavano sena alcun risultato, infine il 27 ottobre 1980 sette detenuti rifiutarono di nutrirsi arrivando quasi alla morte.
Il secondo digiuno protratto ad oltranza si concluse con la morte  di dieci uomini tra il maggio e l’agosto del 1981.
Lo sciopero della fame dei giovani repubblicani non piegò l’animo di ferro di Margaret Thatcher, che, il 6 maggio dell’81 dichiarò: “Il signor Sands era un criminale, condannato a scontare la sua pena. Ha scelto di togliersi la vita. E’ stata una scelta che la sua organizzazione non ha mai lasciato alle sue vittime”. Parole dure, che spinsero molti alla militanza armata. Anche tra i 100 mila che due giorni dopo seguirono il feretro di Sands fino al cimitero di Milltown, nel cuore cattolico di Belfast. Lo status di prigionieri politici fu riconosciuto ai detenuti di Long Kesh solo il 3 ottobre 1981, quando gli ultimi cinque interruppero lo sciopero della fame su pressione dei loro familiari, dell’esecutivo dell’Ira e di alcuni uomini di chiesa. Insieme alla possibilità di indossare abiti civili, fu concesso loro di tenere le chiavi della propria cella e di muoversi liberamente all’interno del loro blocco ‘H’. (Luca Galassi tratto da qui)
E solo due anni più tardi ci fu una fuga in massa di tutti i detenuti (che esercitarono un loro diritto di prigionieri di guerra, l’evasione)

MARTIRI DELLA LIBERTA’

L’intransigenza degli inglesi che risposero con maltrattamenti e pestaggi, il rifiuto del primo ministro Margaret Thatcher al dialogo, trasformò in martirio il sacrificio di Bobby e dei suoi compagni, e fece accrescere il consenso dell’opinione pubblica al movimento repubblicano; il Sin Féin in seguito crebbe fino a diventare il maggior partito dell’Irlanda del Nord.
Proprio in carcere Sands sviluppò la sua vena poetica e le sue abilità di scrittore e i suoi articoli furono pubblicati dal giornale repubblicano An Phoblacht-Republican News, voce del movimento, con lo pseudonimo di “Marcella”.
Scrisse anche un libro intitolato Un giorno della mia vita.
“Ero soltanto un ragazzo della working class proveniente da un ghetto nazionalista, ma è la repressione che crea lo spirito rivoluzionario della libertà. Io non mi fermerò fino a quando non realizzerò la liberazione del mio paese, fino a che l’Irlanda non diventerà una, sovrana, indipendente, repubblica socialista”.

BACK HOME IN DERRY

Bobby scrisse il testo come una poesia durante lo sciopero della fame in carcere e subito dopo la sua morte già circolava una versione cantata; Christy Moore che si trovava nel Derry per una serie di concerti la sentì in più occasioni e trascrisse il testo, fu lui ad abbinarlo con la melodia  “Wreak of the Edmond Fitzgerald” di Gordon Lightfoot ( in Summertime Dream 1976 album finito subito nella classifica “Billboard 200” i 200 più venduti negli States).
La canzone tratta della deportazione in Tasmania dei rivoluzionari Irlandesi dopo il fallito tentativo insurrezionale anti-inglese guidato da Robert Emmet nel 1803.
L’ultima strofa è certamente autobiografica e la colonia penale in Tasmania è in realtà  The Maze, il labirinto, la prigione di massima sicurezza del Regno Unito costruita proprio nel 1976 con gli H Blocks. La struttura è stata chiusa nel 2000 e demolita in buona parte, l’area è  in attesa di riqualificazione e oggetto di un decennale dibattito per la destinazione a Centro per la Pace
Raymond McCartney ha trascorso 17 anni della sua vita nelle celle di Long Kesh. Nel 1980 rifiutò il cibo per 53 giorni prendendo parte al primo sciopero della fame, quello che si concluse senza morti. Adesso è un parlamentare eletto nelle liste del Sinn Féin e non ha dubbi: “questo è un luogo unico che è già da tempo un’attrazione per i visitatori di tutto il mondo. Noi ex prigionieri repubblicani siamo sempre stati favorevoli a una riconversione che ne massimizzasse il potenziale economico e storico, e favorisse al tempo stesso la riconciliazione. E siamo convinti che per chiudere le ferite del passato vadano rispettate le diversità e le storie differenti di ciascuna parte in causa”. Anche Jude Collins, anziano giornalista di Belfast, la pensa allo stesso modo. “Non c’è alcun rischio che Long Kesh diventi un tempio del terrorismo. D’altra parte, chi fece lo sciopero della fame non è ricordato per quello che aveva fatto prima di finire in carcere. Ai visitatori sarà ricordato lo straordinario coraggio di quei dieci uomini che preferirono morire piuttosto che essere riconosciuti come criminali comuni”. (tratto da qui)

ASCOLTA Christy Moore in Ride On, 1984

ASCOLTA Gary Og & Sean Lyons in Songs of Rebellion


I
In 1803 we sailed out to sea
Out from the sweet town of Derry.
For Australia bound
if we didn’t all drown
And the marks of our fetters were heavy
In the rusty iron chains
we sighed for our weans
Our good women
we left there in sorrow
As the mainsails unfurled,
our curses were hurled
At the English and the thoughts of tomorrow
CHORUS
Oh, I wish I was back home in Derry.
Oh, I wish I was back home in Derry.
II
At the mouth of the Foyle,
bid farewell to the soil
As down below decks
we were lying.
O’Docherty’s scream
woke him out of a dream
By a vision of
bold Robert dying.
The sun burned cruel
and they dished out the gruel
Dan O’Connor was down with the fever
Sixty rebels that day
bound for Botany Bay
How many would reach
there this evening?
III
I cursed them to hell,
as her bow fought the swell
Our ship danced like a moth on the firelight
Wild horses rode high
as the devil passed by
Taking souls into Hades by twilight light
Five weeks out to sea
we were now 43
We buried our comrades each morning
And in our own slime
we were lost in a time,
Endless days without dawning
IV
Van Diemen’s Land
is a hell for a man
To live out his life in slavery
Where the climate is raw
and the gun makes the law
Neither wind nor rain
care of bravery
Twenty years have gone by and I’ve ended my bond
My comrades’ ghosts
walk beside me
Well a rebel I came
and sure I’ll die the same
On a cold winter’s night you will find me.

Traduzione italiano Riccardo Venturi
I
Nel 1803 prendemmo il mare
dalla dolce città di Derry (1).
Diretti in Australia,
a meno di non annegar tutti.
Le tracce lasciate dai nostri ceppi erano pesanti,
in rugginose catene di ferro
gemevamo di pena
Lasciammo le nostre brave donne nel dolore
e mentre le vele si spiegavano
urlammo maledizioni
agli inglesi, e le preoccupazioni per il domani
CORO
Oh…oh, voglio tornare a casa a Derry.
Oh…oh, voglio tornare a casa a Derry.
II
Alla foce del Foyle
dicemmo addio al nostro paese
mentre giacevamo
distesi sotto i ponti della nave.
O’Docherty si risvegliò
urlando da un sogno
dove aveva visto
il coraggioso Robert (2) morire.
Il sole bruciava crudele
e ci misero la brodaglia nei piatti,
Dan O’Connor era disteso in preda alla febbre
Sessanta ribelli, quel giorno,
diretti alla baia di Botany (3),
quanti di loro sarebbero
arrivati a sera?
III
Li maledissi a morte
mentre la prua lottava contro l’onda,
la nostra nave ballava come una farfalla (4) alla luce del fuoco
dei cavalli selvaggi caracollavano insieme al diavolo
per portare le anime nell’Ade al crepuscolo
Cinque settimane in mare,
eravamo ora quarantatré
seppellivamo i nostri compagni ogni mattina
Sporchi di fango,
fuori dal tempo,
giorni infiniti senza un’alba
IV
La Tasmania (5) è un inferno per un uomo
per vivere tutta la sua vita in schiavitù
là dove il clima è orrendo
e l’arma è legge
e né al vento né alla pioggia importa del coraggio
Sono passati vent’anni e ho scontato la mia pena
i fantasmi dei miei compagni mi camminano al fianco
sono arrivato da ribelle
e di sicuro morirò ribelle,
mi ritroverete una fredda notte d’inverno.


NOTE
1) Derry/Londonderry è la città lacerata anche nel nome tra Inghilterra e Repubblica d’Irlanda: dal gaelico Doire “bosco di querce” è Derry per i cattolici nazionalisti e Londonderry per i protestanti unionisti, perchè così la chiamarono i coloni britannici nel 1613 volendo riprodurre una novella Londra sul fiume Foyle.
2) Robert Emmet (1778-1803) giovane ribelle irlandese (della chiesa anglicana),  convinto sostenitore dell’indipendenza dell’Irlanda dalla Corona Inglese, nonché seguace degli ideali di fratellanza e solidarietà sociale propugnati dalla Rivoluzione Francese. Dopo la rivolta del 23 luglio 1803 Emmet riuscì a fuggire ma il suo nascondiglio venne scoperto e il 25 agosto venne catturato. Processato per alto tradimento il 19 settembre venne impiccato (e poi decapitato) sulla pubblica piazza il giorno dopo.
3) Botany Bay è l’attuale Baia di Sydney in cui sbarcarono i primi esploratori europei nel 1770, un nome entrato nell’immaginario ottocentesco come sinonimo di Australia.  (vedi)
4) moth è nello specifico una falena; la farfalla che danza nel fuoco potrebbe essere una citazione alla farfalla degli dei, ossia la farfalla dorata simbolo dello spirito del defunto vedi
5) La Terra di Van Diemen (da Anthony van Diemen, governatore generale della Indie Orientali Olandesi tra il 1636 e il1645) oggi è chiamata Tasmania, la grande isola dell’Australia famosa per essere stata una colonia penale inglese dal 1800 al 1856. continua

FONTI
http://www.linkiesta.it/it/blog-post/2013/04/29/long-kesh-lex-carcere-diventa-un-centro-per-la-pace/16185/
http://it.peacereporter.net/articolo/8251/Belfast,+il+labirinto+della+memoria
http://terreceltiche.altervista.org/derry-the-town-i-loved-so-well/
http://terreceltiche.altervista.org/sunday-bloody-sunday/
http://terreceltiche.altervista.org/emigration-songs/
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=4562&lang=it
http://www.christymoore.com/lyrics/back-home-in-derry/

CAITILIN NI UALLACHAIN

Caitilín Ní Uallacháin = Katty Hualloghan è il titolo di un canto giacobita irlandese settecentesco, attribuito al maestro di scuola William Heffernan (di Lattin) abbinato a una melodia che conobbe una grande fortuna nell’Ottocento, essendo stata associata alla poesia di Sir Samuel Ferguson, “The Lark in the clear air” .

Il canto si inserisce nel filone delle aisling song in cui il poeta viene abbagliato al sorgere dell’alba da una visione soprannaturale: una splendida fanciulla personificazione dell’Irlanda è in mestizia e predice un tempo in cui la terra irlandese sarà libera. Il tema conobbe una grande fioritura nel Settecento, quando i poeti irlandesi dovevano nascondere il loro nazionalismo nella poesia bucolica di genere amoroso. (vedi)

UNA VECCHIA DEA

Qui però l’Irlanda non è una fanciulla ma una “povera vecchia” (la Sean-Bhean bhocht – scritto foneticamente come “the Shan Van Vocht”), la signora Katty Hualloghan – Cathleen o Kathleen Nì Houlihan-,  padrona di quattro campi verdi (cioè le quattro province in cui è divisa per tradizione l’Irlanda). Il nome è anche il titolo di una opera teatrale di W.B. Yeats e Lady Augusta Gregory ambientata nel 1798.

Maud Gonne (a destra) nel ruolo di Cathleen Ni Houlihan, 1902
Macha Curses The Men Of Ulster – Stephen Reid (1904)

Cathleen mitica regina d’Irlanda è una dea-guardiana che appartiene alla terra, la personificazione della dea Ana (iath nAnann -la terra di Ana ) costretta all’esilio dai troppi stranieri che l’anno vilipesa e che vaga in cerca di aiuto, così è una dea decaduta, povera, invecchiata, scacciata da casa. Ma è pur sempre una dea e ancora chiede sacrifici umani, incanta i giovani uomini e li convince a dare la vita per amor suo: la Cathleen di Yeats ringiovanisce poi nutrendosi del sangue degli eroi.

Caitilín Ní Uallacháin è riportato nel “Ancient Music of Ireland” di George Petrie vol II pg 8 (vedi) che così scrive
Of this song at least two versions have been already printed, and both with English metrical translations, – one by the late Mr. Edward Walsh, in his “Irish Popular Songs,” and the other by Mr. John O’Daly, in his “Poets and Poetry of Munster,” the versifications in which were made by the late James Clarence Mangan. In both these works the authorship of this song is assigned, but, as it would appear, erroneously, to one of the Irish poetic celebrities of the eighteenth century, – a blind Tipperrary poet named William O’Heffernan; for Mr. Curry has supplied me with a copy of the song which he transcribed from a manuscript now in his possession, and which was written in the year 1780 by a distinguished Clare scribe and Irish scholar, named Peter Connell, or O’Connell; and as in this MS. the name William O’Hanrahan is given as that of its author, such authority is certainly superior in weight to any that has been,m or probably could be, assigned for ascribing it to the Tipperary poet; for it can scarcely be doubted that Connell was personally acquainted with its true author.

Nella canzone il poeta spera in una sconfitta inglese in guerra con le potenze del tempo, e invoca la libertà dell’Irlanda.

LA MELODIA

Il testo fu associato a una melodia intitolata Kathleen Nowlan  scritta da Edward Bunting nelle sue notazioni, da non confondersi però con la melodia Kitty Nowlan sempre annotata da Bunting e trascritta nelle raccolte della Irish Folk Society: fu Charlotte Milligan Fox (1864-1916) a far pubblicare la vecchia melodia irlandese Kathleen Nowlan  nel volume VIII della Raccolta

Ma tutta la storia dietro la canzone viene raccontata in questo video di Eugene Dunphy

continua

Mise Éire – I am Ireland

FONTI
http://www.writerscafe.org/writing/B-Medb/248036/
https://archive.org/details/petriecollection01petr
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=33347

MNÁ NA HÉIREANN

Gustave Courbet: Portrait of Jo, the Beautiful Irish Girl-1865
Gustave Courbet: Portrait of Jo, the Beautiful Irish Girl-1865

Versi del poeta nord irlandese Peadar Ó Doirnín (1704–1796), messi in musica 200 anni dopo circa da Seán Ó Riada, colui che contribuì alla rinascita della musica irlandese tradizionale proprio negli anni 60 con il gruppo Ceoltóirí Chualann (da cui si staccarono i Chieftains) -morì a soli 40 anni nel 1971.

La versione più famosa in assoluto di questo brano è proprio quella dei Chieftains del 1973, finita nella colonna sonora del film Barry Lyndon ( le cui musiche sono una più bella dell’altra) con la regia di Stanley Kubrick (1995)
Una Aislin song che è insieme canto d’amore e rebel song in cui la donna amata è la personificazione dell’Irlanda.

VERSIONE Sinead O’Connor & Chieftains
ASCOLTA Alan Stivell
ASCOLTA Kate Bush


I
Tá bean in Éirinn a phronnfadh séad domh is mo sháith le n-ól
Is tá bean in Éirinn is ba bhinne léithe mo ráfla ceoil
Ná seinm théad; atá bean in éirinn is níorbh fhearr léi beo
Mise ag léimnigh nó leagtha i gcré is mo thárr faoi fhód
II
Tá bean in Éirinn a bheadh ag éad liom mur’ bhfaighfinn ach póg
Ó bhean ar aonach, nach ait an scéala, is mo dháimh féin leo;
Tá bean ab fhearr liom nó cath is céad dhíobh nach bhfagham go deo
Is tá cailín spéiriúil ag fear gan Bhéarla, dubhghránna cróin.
III
Tá bean a déarfadh dá siulfainn léi go bhfaighinn an t-ór,
Is tá bean ‘na léine is is fearr a méin ná na táinte bó
Le bean a bhuairfeadh Baile an Mhaoir is clár Thír Eoghain,
Is ní fheicim leigheas ar mo ghalar féin ach scaird a dh’ól


Kate Bush
I
There’s a woman in Ireland who’d give me a gem and my fill to drink,
There’s a woman in Ireland to whom my singing is sweeter than the music of strings
There’s a woman in Ireland who would much prefer me leaping
Than laid in the clay and my belly under the sod.
II
There’s a woman in Ireland who’d envy me if I got naught but a kiss
From a woman at a fair, isn’t it strange, and the love I have for them
There’s a woman I’d prefer to a battalion, and a hundred of them whom I will never get
And an ugly, swarthy man with no English has a beautiful girl
III
There’s a woman who would say that if I walked with her I’d get the gold
And there’s the woman of the shirt whose mien is better than herds of cows
With a woman who would deafen Baile an Mhaoir and the plain of Tyrone
And I see no cure for my disease but to give up the drink.

traduzione italiana  Cattia Salto
I
C’è una donna in Irlanda che mi avrebbe dato una pietra preziosa e da bere a volontà, c’è una donna in Irlanda per la quale i miei canti sono più dolci delle corde dell’arpa
c’è una donna in Irlanda che preferirebbe vedermi vivo e vegeto
che sepolto nella terra ricoperto dalle zolle.
II
C’è una donna in Irlanda che sarebbe gelosa se ricevessi un bacio da un’altra alla festa, sono strane, ma le amo tutte
ce né una su mille (1) e un centinaio di loro che non avrò mai
ma un uomo malvagio che non parla nemmeno inglese (2) si è preso questa bella figliola
III
C’è una donna che mi disse che se fossi andato con lei avrei trovato un tesoro
C’è una donna in camiciola il cui aspetto vale più di una mandria di mucche (3)
di una donna che avrebbe assalito (4) Ballymoyer e la piana di Tyrone
e non vedo cura per le mie pene che smettere di bere. (5)

NOTE
1) Letteralmente “una che preferirei a un battaglione”
2) re d’Inghilterra Giorgio I o II che erano sassoni di Hannover
3) nel 700 doveva essere un bel complimento, ma non è semplicemente un paragone: il poeta dice è meglio essere povero nella propria terra (con la propria donna) che ricco con la regina Maeve del Connacht .
4)il riferimento è alla regina Maeve e alla razzia del bestiame di Cooley: Maeve assalì Tyrone nell’Ulster per rendersi un toro.
Bllmoyer è pure una cittadina dell’Ulster (Irlanda del Nord) Ballymoyer nella contea di Armag (Irlanda del Nord)
5) è la donna a chiedere ragioni agli uomini irlandesi del perchè non l’abbiano difesa dagli usurpatori, preferendo ubriacarsi al pub. Gli anni sono quelli dei “Troubles” quando i cattolici nordirlandesi iniziano una campagna per ottenere i diritti civili loro negati dalla maggioranza protestante (1969-1998)

LA VERSIONE STRUMENTALE

THE CHIEFTAINS soundtrack del film Barry Lindon


ASCOLTA
arrangiamento di Jeff Beck (chitarra elettrica) in duetto con il violino di Lizzie Ball

Celtic Woman (ovvero Máiréad Nesbitt)

FONTI
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=46077&lang=it

ERIN GO BRAGH by Peadar Kearney

“Éirinn go Brách” si traduce come “Irlanda per sempre” o meglio “Irlanda libera” sinonimo dell’identità irlandese. In realtà, non si conosce la precisa origine della parola bragh, in quanto essa non esiste nel vocabolario irlandese: si presume che chi per primo la utilizzò abbia semplicemente sbagliato lo spelling. Bragh, infatti, si può ricondurre sia a breá, che significa “bello”, “splendido”, sia a brách, la cui traduzione è più semplicisticamente “per sempre”. È tradizionalmente una frase utilizzata come motto del movimento Repubblicano, e si ritrova infatti sulla sua bandiera.

Come precisa Riccardo Venturi “la forma anglicizzata (dalla pronuncia /ˌɛrɪn ɡə ˈbrɑː/ e scritta, a volte, persino Erin Go Braugh) è quella che ha ottenuto la maggiore diffusione e per un certo tempo si è trovata scritta persino sulla bandiera dell’Eire (tra le altre cose, nella foto riportata da Bernart Bartleby la si vede abbastanza chiaramente). Ciò non toglie, naturalmente, che la forma originale gaelica sia Éirinn go brách, laddove brách non significa tanto “per sempre”, quanto “eternità, fine dei tempi”. In gaelico, si usa anche la forma bráth, dal medesimo significato; go è una preposizione che significa “fino a”. In realtà, il gaelico standard richiederebbe la forma Éire go brách; Éirinn (da cui l’anglicizzazione Erin, divenuta anche un diffuso nome di persona femminile) è una forma di caso dativo, “all’Irlanda”, che però in un paio di dialetti si usa anche come forma storica di nominativo. L’anglicizzazione “Erin Go Bragh” si trova usata già dal 1847; prima si usavano altre forme “ibride” come Erin go brach.
Così il motto si traduce come:  “Irlanda libera”.

Con lo stesso titolo sono state chiamate canzoni diverse scritte non solo in Irlanda ma anche in Scozia. (vedi) Questa invece è la canzone scritta nel 1920 da Peadar Kearney (1883- 1942) irlandese, membro dell’irish republican army, compositore di numerose canzoni politiche che furono molto popolari tra gli Irish Volunteeres nel periodo 1913-1922, suo inoltre è l’inno nazionale della Repubblica d’Irlanda “The Soldier’s Song” (“Amhrán na bhFiann”)

LA RIVOLTA DI PASQUA 1916

La canzone si riferisce alla rivolta di pasqua del 1916 (lunedì 24 aprile) (Easter Rising) e ne commemora gli eroi.
Nella Pasqua del 1916 un manipolo di uomini decide di passare alle armi per proclamare la Repubblica d’Irlanda, l’insurrezione doveva divampare su tutta l’isola ma per una serie di contro-ordini scoppiò solo a Dublino.
Il 24 aprile lo Stato Maggiore repubblicano divide le sue forze in cinque battaglioni incaricati di neutralizzare i centri nevralgici di Dublino: Ned Daly con la prima brigata occupa le Four Courts (il tribunale). Thomas Mac Dnagh prende la fabbrica Jacob. Éamon de Valera occupa Boland’s Flour Mill per bloccare l’arrivo dei rinforzi inglesi. Éamon Ceant si installa nella South Dublin Union e altre truppe si insediano nel quartiere periferico di Fingall, al nord della città. Michael Mallin e la contessa Constance Markiewicz erigono barricate a St. Stephen Green. Lo Stato Maggiore della rivolta si insedia alla Posta centrale di Sackville Street (poi ribattezzata O’Connell Street). Vengono esposte bandiere con la scritta Irish Republic ricamata in oro su fondo verde. Patrick Pearse proclama la creazione del governo provvisorio della nuova Repubblica irlandese. Nell’ufficio postale ci sono con lui Connolly, come comandante militare, Joseph Plunkett, The O’Rahilly, Tom Clark e Sean MacDermott. Vi è anche un giovane di nome Michael Collins. (tratto da qui)

Il centro di Dublino dopo l’Easter Rising
Il centro di Dublino dopo l’Easter Rising

UNA SETTIMANA DI GUERRIGLIA

Non fu una battaglia ma una guerriglia urbana (una delle prime nella storia) con pochi irlandesi armati alla meno peggio, circondati dall’esercito inglese che inviava sempre più contingenti a Dublino; inglesi così esacerbati dalle perdite che si misero a fucilare gli uomini civili (e inermi) requisiti nelle case,  mano a mano che venivano ripulite dal rastrellamento; inglesi disposti a radere al suolo una città pur di stanare i ribelli.

sapere che essi sognarono e sono morti
e che cosa se non l’eccesso d’amore
li ha disorientai fino a farli morire?
WB Yeats “Pasqua 1916”

L’ordine di arrendersi venne da Pearse dopo una settimana dalla rivolta con il quartier generale General Post Office  (un grande edificio neoclassico) cannoneggiato e ridotto ad un ammasso di macerie con gli edifici circostanti.

tratta da qui

450 morti: 132 soldati, 63 insorti, 254 civili; oltre 500 feriti, 16 giustiziati.

ASCOLTA Wolfe Tones in Rifles of the I.R.A. 1969


I
I’ll sing you a song
of a row in the town,
When the green flag went up
and the Crown flag came down,
‘Twas the neatest
and sweetest thing ever you saw,
And they played that great game(2) they called Erin Go Bragh.
II
God bless gallant Pearse(3)
and his comrades who died
Tom Clark, MacDonagh, MacDiarmada, McBride, (4)
And here’s to James Connolly
who gave one hurrah,
And faced the machine guns
for Erin Go Bragh.
III
Now one of our leaders
was down in Ringsend,
For the honour of Ireland
to hold and defend,
He had no veteran soldiers
but volunteers raw (5),
Playing sweet Mauser(6) music
for Erin Go Bragh.
IV
Old Ceannt and his comrades
like lions at bay,
From the South Dublin Union
poured death and dismay,
But what was then often
the entaylors men saw(7)
All the dead karki soldiers
on Erin Go Bragh.
V
A great foreign captain
was raving that day,
Saying, “Give me one hour
and I’ll blow you away,” (9)
But a big Mauser bullet
got stuck in his jaw,
And he died of lead poisoning
on Erin Go Bragh.
VI
Glory to Dublin to her renown,
In the long generations
her fame will go down,
And our children will tell
how their forefathers saw,
The red blaze of freedom in Erin Go Bragh.
TRADUZIONE di CATTIA SALTO
I
Ti canterò la canzone
di una lotta (1) in città,
quando la bandiera verde fu innalzata
e la bandiera della Corona tirata giù,
fu la cosa più bella
e amabile mai vista
e si giocò quel grande gioco (2)
detto Erin Go Bragh.
II
Dio benedica il valoroso Pearse(3)
ed i suoi compagni che sono morti
Tom Clark, MacDonagh,
MacDiarmada, McBryde,(4)
ed anche James Connolly
che ha gridato evviva,
e affrontato le mitragliatrici
per Erin Go Bragh.
III
Ora, uno dei nostri leader
era andato nel Ringsend,
per tenere e difendere
l’onore dell’Irlanda,
non aveva soldati veterani
ma inesperti volontari (5)
a suonare la musica del Mauser (6)
per Erin Go Bragh.
IV
Il vecchio Ceannt e i suoi compagni come leoni tenuti in cattività,
dal South Dublin Union
riversarono morte e sgomento,
così ciò che allora
videro gli invasori (7) furono
tutti i soldati kaki morti(8)
per Erin Go Bragh.
V
Un grande capitano straniero farneticava quel giorno,
dicendo: “Dammi un’ora
e ti spazzo via,”(9)
ma un grosso proiettile Mauser è
rimasto bloccato nella sua mascella,
e morì di avvelenamento da piombo per Erin Go Bragh.
VI
Gloria a Dublino e alla sua celebrità,
nelle lontane generazioni
la sua fama salirà,
e i nostri figli potranno dire
come i loro antenati videro,
la fiammata rossa di libertà
per Erin Go Bragh.

NOTE
1) la rivolta di pasqua
2) com’ebbe a dire Nora Connolly, figlia del capo della Citizen Army, «non si deve ritenere che si trattasse di un’operazione suicida, come hanno voluto far credere una certa leggenda e soprattutto la propaganda inglese. Quel giorno mio padre e i suoi compagni giocavano le loro carte per mettere in difficoltà l’impero inglese».
3) Pádraig (Patrick) Pearse nato a Dublino nel 1879, secondo di quattro fratelli, a diciassette anni si unì alla Gaelic League e nel 1913 entrò nell’Irish Republican Brotherhood per poi diventare capo dell’Irish Volunteer. Fu uno dei comandanti maggiori dell’Easter Rising, e fu lui a leggere la Poblacht na hÉireann, la proclamazione della Repubblica d’Irlanda, sulle scale del General Post Office, davanti ad una folla per la verità un po’ disorientata. Fu giustiziato il 3 maggio 1916.
Il fratello minore William venne condannato a morte pur non avendo partecipato alla rivolta, con l’unica colpa di essere il fratello di Patrick Pearse. Come anche altri familiari dei firmatari della Dichiarazione d’Indipendenza -eroi loro malgrado.
4) gli uomini del Governo Provvisorio i quali firmarono il manifesto per proclamare La Repubblica d’Irlanda.
Thomas J. Clarke
Sean Mac Diarmada
Thomas Mac Donagh
P.H. Pearse
Eamonn Ceannt
James Connolly
Jospeh Plunkett
5) “I Volontari Irlandesi” creati nel 1913 sono un corpo di volontari paramilitari, si unirono all’Irish Citizen Army (esercito dei cittadini irlandesi) addestrati da James Connoly
6) mauser sono sia le pistole semiautomatiche che fucili ampiamente utilizzati nella prima guerra mondiale. Non so se abbia voluto evidenziare il coinvolgimento tedesco nella rivolta
7) invader men anche scritto come“And what was their horror when the Englishmen saw” e anche “But what was their wrath when the invaders them saw” “And what was their horror when the invader men saw”.
8) Si tratta degli uomini della “Sherwood Foresters” che avevano firmato per andare a combattere in Francia sul fronte della Somme. I primi giorni vennero presi di mira come al tiro al piccione dagli irlandesi asserragliati nelle case. Senza contare gli eroici assalti frontali contro le barricate (decisi ovviamente dagli astuti ufficiali dell’alto comando)
9) All’ondata successiva l’esercito inglese arriva con le mitragliatrici, bombe a mano e carri armati.

continua Foggy Dew

FONTI
http://www.lagrandeguerrapiu100.it/testimonianze/documenti-sulla-rivolta-di-pasqua
http://www.limesonline.com/lirlanda-e-la-rivolta-di-pasqua/23377
http://www.lagrandeguerrapiu100.it/puntate/la-rivolta-di-pasqua

La terra del verde trifoglio

Read the post in English

Due testi in cerca di autore, con lo stesso titolo “Shamrock shore” distinguiamo due diverse canzoni, sia come testo che come melodia, la prima riportata da P. W. Joyce alla fine dell’Ottocento è una irish emigration song, la seconda sempre tradizionale è anche una emigration song ma soprattutto una party song di protesta, la denuncia sociale e politica della questione irlandese.

EMIGRATION SONG: To London fair

Già alla fine del 1800 P. W. Joyce la riporta nella sua raccolta “Ancient Irish Music” per poi ripubblicarla nel 1909, così scrive “Una delle mie ballate preferite della mia gioventù di cui ho diverse copie delle parole stampate sui fogli volanti “.
Ancora P. W. Joyce in Old Irish Folk Music (1909) riporta ul ulteriore testo
“Ye muses mine, with me combine and grant me your relief,
While here alone I sigh and moan, I’m overwhelmed with grief:
While here alone I sigh and moan far from my friends and home;
My troubled mind no rest can find since I left the Shamrock shore.”

L’emigrante irlandese sbarca a Londra, la melodia è quella generalmente conosciuta con il titolo di “Erin Shore” (vedi)

Horslips in Happy to meet, sorry to part, 1972

PW Joyce, 1890
I
In early spring when small birds sing and lambkins sport and play,
My way I took, my friends forsook, and came to Dublin quay;
I enter’d as a passenger, and to England I sailed o’er;
I bade farewell to all my friends,
and I left the shamrock shore.
II
To London fair, I did repair some pleasure there to find
I found it was a lovely place,
and pleasant to mine eye
The ladies to where fair to view,
and rich the furs they wore
But none I saw, that could compare to the maids of the shamrock shore…
Traduzione italiana Cattia Salto
I
All’inizio della primavera quando gli uccellini cantano e gli agnellini si divertono e giocano, presi la mia decisione di abbandonare gli amici per andare al molo di Dublino.
Mi imbarcai come passeggero e partii per l’Inghilterra, dissi addio a tutti i miei amici e lasciai la terra del trifoglio.
II
Nella bella Londra mi rifugiai,
per cercare un po’ di divertimento laggiù, trovavo che fosse un bel posticino e gradevole alla vista,
le donne del posto piacevoli da guardare con indosso delle costose pellicce, ma niente vidi che si sarebbe potuto paragonare alla fanciulle della terra del trifoglio

PARTY SONG: You brave young sons of Erin’s Isle

Più che una canzone una concione politica sulla necessità dell’indipendenza dell’Irlanda e sui mali del latifondismo.
Matt Molloy, Tommy Peoples, Paul Brady (1978)


I
You brave young sons of Erin’s Isle
I hope you will attend awhile
‘Tis the wrongs of dear old Ireland I am going to relate
‘Twas black and cursed was the day
When our parliament was taken away
And all of our griefs and sufferings commences from that day (1)
For our hardy sons and daughters fair
To other countries must repair
And leave their native land behind in sorrow to deplore
For seek employment they must roam
Far, far away from the native home
From that sore, oppressed island that they call the shamrock shore
II
Now Ireland is with plenty blessed
But the people, we are sore oppressed
All by those cursed tyrants we are forced for to obey
Some haughty landlords for to please
Our houses and our lands they’ll seize
To put fifty farms into one (2) and take us all away
Regardless of the widow’s sighs
The mother’s tears and orphan’s cries
In thousands we were driven from home which grieves my heart full sore
We were forced by famine and disease (3) To emigrate across the seas
From that sore, opressed island that they called the shamrock shore
III
Our sustenance all taken away
The tithes and taxes for to pay
To support that law-protected church to which they do adhere (4)
And our Irish gentry, well you know
To other countries they do go
And the money from old Ireland they squandered here and there
For if our squires  would stay at home
And not to other countries roam
But to build mills and factories (5) here to employ the laboring poor
For if we had trade and commerce here
To me no nation could compare
To that sore, oppressed island that they call the shamrock shore
IV
John Bull (6), he boasts, he laughs with scorn
And he says that Irishman is born
To be always discontented for at home we cannot agree
But we’ll banish the tyrants from our land
And in harmony like sisters (7) stand
To demand the rights of Ireland,
let us all united be
And our parliament in College Green
For to assemble, it will be seen
And happy days in Erin’s Isle we soon will have once more
And dear old Ireland soon will be
A great and glorious country
And peace and blessings soon will smile all around the shamrock shore
Traduzione italiana Cattia Salto*
I
Voi fieri giovani figli dell’isola di Erin
spero che prestiate attenzione per un momento : sono i torti della cara vecchia Irlanda che vi andò a riferire
nero e maledetto fu il giorno in cui il nostro parlamento fu abolito e tutti i nostri guai e le sofferenze iniziarono da allora.
Perchè i nostri figli robusti e le nostre belle figlie devono recarsi in altri paesi e lasciare la loro terra natia alle spalle, con dolore condannati
a cercare un lavoro, devono viaggiare
lontano, molto lontano dalla loro casa
da quell’isola oppressa e sofferente che chiamano la terra del trifoglio
II
L’Irlanda è benedetta con l’abbondanza, ma la gente è oppressa, a tutti quei tiranni maledetti dobbiamo obbedire, per compiacere i boriosi padroni che delle nostre case e delle nostre terre s’impadroniranno  per mettere 50 fattorie in una e portarci tutti via, senza riguardo ai pianti della vedova, alle lacrime della madre e ai lamenti dell’orfano.
In migliaia siamo stati cacciati da casa, che mi rattrista il cuore, siamo stati costretti dalla carestia e dalla malattia a emigrare attraverso i mari
da quell’isola oppressa e sofferente che chiamano la terra del trifoglio.
III
Il nostro sostentamento portato via per pagare le decime e le tasse
per sostenere la chiesa protetta dalla legge a cui loro aderiscono
e la nostra gentry inglese, è risaputo,
vanno in altri paesi e i soldi della vecchia Irlanda vanno sperperando in lungo e in largo. Perchè se i nostri possidenti restassero a casa e non viaggiassero per altri paesi, costruirebbero opifici e fabbriche qui per dare lavoro alla povera gente; perchè se avessimo il commercio e l’economia, per me nessun’altra nazione si potrebbe paragonare a quell’isola oppressa e sofferente che chiamano la terra del trifoglio.
IV
L’inglese si vanta, ride con disprezzo
e dice che l’irlandese è nato
per essere sempre scontento perchè in sull’isola non andremo mai daccordo,
eppure bandiremo i tiranni dalla nostra terra
e da buone sorelle ci alzeremo a chiedere i diritti dell’Irlanda.
Quindi uniamoci tutti
e  il nostro parlamento al College Green si riunirà per le assemblee
e giorni felici nell’isola di Erin avremo presto ancora una volta
e la cara vecchia Irldanda presto sarà
una grande e gloriosa nazione
e pace e benedizioni presto sorrideranno alla terra del trifoglio

NOTE
1) la canzone è stata scritta dopo il 1800 e l’atto di unione con il regno di Gran Bretagna ( Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda)
2) la piaga del latifondismo
3)  nel 1846 l’intero raccolto delle patate (dieta base degli irlandesi) andò tutto distrutto a causa di un fungo, la peronospera; sopravvenne “la grande carestia” (1845-1849 che alcuni storici prolungano fino al 1852) che durò per vari anni e dimezzò quasi la popolazione; chi non moriva di fame era fortunato se riusciva a partire per l’Inghilterra o la Scozia, ma più massiccia fu la migrazione in America continua
4) decime obbligatorie per il sostenamento della Chiesa Anglicana. Solo sotto il primo ministero Gladstone fu tolto (1869) alla Chiesa episcopale irlandese il riconoscimento di confessione ufficiale e fu promulgata la prima legge (Land Act) protettiva dei fittavoli.
5) gli anni dell’espansione industriale su grande scala (con relativo potenziamento delle infrastrutture)  iniziano in Gran Bretagna a partire dal 1840-50
6) John Bull è la personificazione nazionale del Regno di Gran Bretagna, il nomigliolo nasce nel 1700 a rappresentare il tipo del gentiluomo di campagna, uomo d’affari capace e onesto ma collerico e di umore variabile, amante dello scherzo e della buona tavola.(Treccani)
7) letteralmente “in armonia come sorelle”, non colgo però l’allusione

FONTI
http://ingeb.org/songs/yebravey.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=62929 http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=130087

https://thesession.org/discussions/13438
http://www.celticlyricscorner.net/casey/shamrock.htm

ZOMBIE

Non potevo non parlare prima o poi dei Troubles, e con questa seconda canzone concludo la mia incursione nel mondo del rock irlandese, ieri ho introdotto la canzone degli U2 “Sunday Bloody Sunday” e oggi chiudo il cerchio con Zombie.

La canzone è stata scritta da Dolores O’Riordan nel 1993 durante il tour inglese della band The Cranberries. Due bambini rimasero uccisi da una bomba dell’IRA nell’attentato a Warrington (Inghilterra): dal 1974 l’IRA aveva portato il terrorismo (o la guerra a seconda dei punti di vista) in Inghilterra, bombe, assassini politici.. dopo l’attentato all’allora primo ministro inglese Margareth Thatcher (venne distrutto un intero piano dell’albergo di Brighton in cui si teneva il congresso del partito conservatore) si aprirono i primi spiragli per la trattativa, ma solo nel 1998 dopo la vittoria del partito laburista alle elezioni dell’anno precedente, si arriva ad un accordo di pace: si sancisce il principio che spetta alla popolazione dell’Irlanda del Nord di decidere del proprio futuro. Anche la Repubblica d’Irlanda fa un passo indietro ed emenda la Costituzione del 1937 nella parte in cui rivendicava la sua sovranità sulle sei contee dell’Ulster. Molti ritengono che questa canzone abbia messo in crisi le coscienze dei militanti o anche solo simpatizzanti, e contribuito così all’apertura delle trattative per il raggiungimento del disarmo. Ma più precisamente ecco come è andata: “Al momento della pubblicazione ufficiale nell’autunno 1994 il singolo sollevò aspre critiche: il polemico testo nei confronti dell’IRA suonò infatti inappropriato dopo il “cessate il fuoco” proclamato dalla stessa organizzazione paramilitare il 31 agosto 1994. L’ordine definitivo di deporre le armi arriverà però solo il 28 luglio 2005, sette anni dopo la firma dell’Accordo del Venerdì Santo tra il governo britannico e i partiti irlandesi che pose le basi per l’indipendenza dell’Ulster. A tal proposito si dice che Zombie possa essere considerata l’ultima canzone sui “troubles” che hanno insanguinato l’Irlanda del Nord per oltre trent’anni.” (tratto da qui)

IL VIDEO: ZOMBIE

zombieIl video della canzone, diretto da Samuel Bayer, venne distribuito nell’ottobre del 1994 in due versioni.
“Nell’originale le scene in cui compare Dolores O’Riordan  interamente ricoperta d’oro e in cui la band suona, sono alternate a scene di vita quotidiana che richiamano l’occupazione militare britannica in un tipico quartiere dell’Ulster durante la crisi nordirlandese. In queste scene compaiono soldati britannici armati che pattugliano le strade in tenuta da guerra. Una versione meno esplicita, senza le immagini dei militari, fu distribuita per i circuiti televisivi britannici.” (tratto da Wiki)

Nel video la canzone viene “messa in scena” con la O’Riordan, tutta spruzzata di pittura dorata e con un abito lungo di taglio classicheggiante, a impersonare una divinità; presso i Greci e poi i Romani, il dio della guerra era maschile, ma non così per i Celti, che avevano una dea dal triplice volto (tanto per gradire sull’altare troneggia anche una croce di legno): è la guerra una divinità immortale e disumana.. ai suoi piedi un girotondo di amorini anche loro spruzzati (d’argento) e con tanto di frecce e arco. Sono i putti che scoccano le frecce e seminano la follia umana; un pensiero che mi è venuto a forza di ragionarci sopra: e se questi semi-dei  fossero in ultima analisi proprio  i bambini innocenti che, morti a causa della guerra, sono stati “riciclati” (ovvero trasformati in zombi) dalla suddetta divinità immortale?
L’immagine è terrificante! Soffermandosi sul significato della croce e a più probabili connotazioni religiose secondo il cattolicesimo (più o meno coscientemente come risposta salvifica) c’è chi ha paragonato Dolores alla Madonna e i piccoli (che portano in testa una corna di spine) a Gesù in quanto martiri innocenti.

Vediamo i bambini che giocano alla guerra con le loro spade di legno e poi imbracciano i fucili. Nella parte finale del video sono proprio questi “amorini” a essere “legati” alla croce, novelli martiri sacrificati all’altare della guerra che si mettono a urlare (un lungo gemito muto); si passa quindi a una rapida successione di immagini in cui i bambini che prima giocavano alla guerra, sono  come presi da una frenesia e si picchiano con pugni e calci (e da come sono montate le immagini sembra quasi che vengano assaliti dai soldati inglesi): uno di loro resta a terra morto. (per un analisi approfondita del video qui)

Veniamo al testo della canzone (il capolavoro in assoluto della O’Riordan)


Another head hangs lowly,
Child is slowly taken.
And the violence caused such silence(1),
Who are we mistaken?(2)
But you see, it’s not me, it’s not my family(3).
In your head, in your head they are fighting(4),
CHORUS
With their tanks and their bombs,
And their bombs and their guns(5).
In your head, in your head, they are crying(6)…
In your head, in your head,
Zombie, zombie, zombie,
Hey, hey, hey.
What’s in your head,
In your head,
Zombie, zombie, zombie?
Hey, hey, hey, hey, oh,
dou, dou, dou, dou, dou…Another mother’s breakin’,
Heart is taking over.
When the vi’lence causes silence,
We must be mistaken.

It’s the same old theme since 1916(7).
In your head, in your head they’re still fighting

Traduzione italiano di Cattia Salto
Un’altra testa si reclina,
un bambino muore lentamente
e la violenza causa un tale silenzio(1)
Chi è stato, (oppure chi è morto),
siamo noi che abbiamo sbagliato?(2) Beh vedi non sono io, non è la mia famiglia(3),
è nella tua testa che stanno combattendo(4),
CORO
con i loro carri armati, le bombe
e le bombre e i fucili(5),
è nella tua testa che stanno gridando(6),
stanno gridando
Nella tua testa, la tua testa
zombi, zombi, zombi,
ehi
ma cosa c’hai in testa
nella testa

zombi, zombi, zombi,
ehi
dou..
A un’altra madre è stato strappato e frantumato il cuore,
quando la violenza causa il silenzio,
ci siamo per forza sbagliati!

E’ la stessa vecchia storia dal 1916(7), è nella tua testa che si sta ancora combattendo,
nella tua testa che stanno morendo.

NOTE
Victims1) uno dei due bambini non muore sul colpo, Tim Parry muore dopo cinque giorni di coma (alla fine i genitori danno il consenso per spegnere le macchine che lo tenevano in uno stato vegetativo), però qui Dolores accosta tre parole, che sono parole forti, bambino, violenza e silenzio: la violenza ha causato la morte di un bambino e al suo posto ora c’è solo il silenzio, ci si immedesima immediatamente nel dolore della madre e si sente così tutto il peso di quel silenzio, inteso come vuoto, lasciato da un bambino che non c’è più. La gente però non è rimasta in silenzio, ci sono state numerosissime manifestazioni di piazza in tutta Irlanda. Non sono mancate ovviamente le polemiche: chi ha marciato e mandato fiori per i bambini cattolici dell’Irlanda del Nord?
2) la frase è un po’ ambigua, ma concordo che il modo più corretto per tradurla è “Who? Are we mistaken?” La questione è controversa ma pare che l’IRA avesse avvertito la polizia delle bombe e quindi moralmente non si riteneva responsabile di quelle morti: così l’errore è venuto dalla polizia inglese che non aveva messo in atto un preciso e adeguato stato di allerta.
3) qui Dolores sembra riprendere una frase di Susan McHugh, fondatrice di “Peace ’93”, una semplice casalinga dublinese, madre di due figli “L’IRA non ha ucciso un bambino di tre anni in mio nome o nel vostro nome. Voglio dire al mondo che non hanno ucciso un bimbo di tre anni nel nome dell’ Irlanda“. Altri interpretano la frase come una continuazione della frase precedente in cui per l’appunto l’IRA non è disposta a prendersi la colpa delle morti
4) “è nella tua testa che si combatte“: è questa la frase più dibattuta e che si è prestata a molte interpretazioni, sicuramente una frase che è come una mitragliata, accentuata dal suono “grunge” della musica, con la parola “head” ripetuta ossessivamente: la questione irlandese si è trasformata in una guerra che ha ragione di esistere nella testa di pochi, coloro che sono stati trasformati in zombi dall’odio. Dolores molto probabilmente voleva denunciare la trasformazione in zombi di coloro che, assuefatti alla violenza, vivevano con il cervello scollegato dal resto del corpo.. morti viventi, ossia uomini manipolati e controllati dalla spietata divinità guerriera e dai suoi servitori sguinzagliati per la terra in veste di uomini senza scrupoli. Zombi sono anche i tossici che vivono, privati della loro volontà dalla droga, solo per morire (e nel frattempo trasformano in spazzatura tutto quello che toccano, a cominciare dai sentimenti e dai rapporti umani). Così tutti gli uomini asserviti alla divinità immortale della guerra sono zombi, morti viventi che si nutrono del cervello degli altri uomini, quelli che sono veramente vivi, per azzerare ogni sentimento, emozione, sensibilità umana verso l’amore, la solidarietà, l’empatia, la gioia di vivere (tolleranza, comprensione, cooperazione..).
5) c’è chi vede nella frase una citazione della canzone scritta da Phil Coulter e dedicata alla sua città Derry, altro luogo cruciale del conflitto nordirlandese. “With their tanks and their guns, oh my God, what have they done” (vedi) altri trovano dei parallelismi con “Johnny, I hardly knew ye” (vedi), canzoni che l’autrice ben conosceva come suo irish-background
6) nella seconda ripetizione dice invece “dying”
7) la rivolta di pasqua del 1916 a Dublino, segna l’inizio del conflitto armato nel nuovo secolo: civili uccisi negli scontri, giovani vite troncate, i capi della rivolta condannati per il modo in cui hanno difeso o combattuto per le loro idee.

E una versione meno urlata ma ugualmente inquietante da Eywa (Alex & May) con un video “poetico” che coglie l’anima della canzone

FONTI
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=163&lang=it
http://www.irlandaonline.com/3856-troubles-in-irlanda-del-nord-breve-storia-delle-peacelines/ http://archiviostorico.corriere.it/1993/aprile/04/
Irlanda_dice_alla_violenza_co_0_9304042528.shtml

http://cranvideos.altervista.org/zombie.htm
https://www.reddit.com/r/StoriesBehindSongs/comments/
2abf8f/the_cranberries_zombie/
http://cherierose.deviantart.com/art/Zombie-by-the-Cranberries-Song-Analysis-Essay-315821356

(Cattia Salto maggio 2015)