A PHIUTHRAG ‘S A PHIUTHAR

Sister’s lament” (Sister o sister) è un canto in gaelico scozzese proveniente dalle Isole Ebridi, in cui una fanciulla rapita dalle fate, chiama la sorella perchè giunga in suo soccorso: nel canto descrive il nascondiglio delle fate. Il brano è compreso nella collezione “Songs of the Hebrides”, Vol 1 di Marjory Kennedy-Fraser con il titolo “A Fairy Plaint” (Ceol-brutha).

Le fate non sono affatto creature benevole, attratte dalla forza e vitalità del genere umano, rapiscono i bambini e in particolare i neonati, o seducono (a scopo di rapimento) belle fanciulle e giovinetti. Il rapimento fatato era un tempo un tentativo di razionalizzazione della perdita, si trovava consolazione nel pensare che le fate avessero sottratto quella giovane vita a un triste destino, oppure si cercava di spiegare dei comportamenti anomali, come l’autismo o la depressione.  Così un comportamento “assente” equivaleva a un rapimento dell’anima da parte delle fate, e il malcapitato si sentiva come prigioniero nel loro reame; un grande pericolo veniva dal cibo delle fate, perchè chi lo assaggia ne conserva uno struggente desiderio, molto spesso fatale.

LA FIABA CELTICA

Due sorelle vivevano in una valle non molto lontano a un cerchio delle fate, in cui gli elfi  tenevano un mercato notturno, offrendo una vasta scelta di frutta succosa e saporita. Il mercato era invisibe agli occhi umani, ma una notte le fanciulle lo videro, la più anziana d’istinto fuggì spaventata, ma la più giovane incuriosita si lasciò coinvolgere nello scambio e diede una ciocca dei capelli dorati per quei frutti così invitanti.
Ritornò a casa solo dopo averne mangiato a volontà, ma la notte dopo, spinta dalla fame che il cibo umano non riusciva più a saziare, andò a cercare il mercato degli elfi,  senza più trovarlo. La sorella più grande accorgendosi che la sorellina era preda di un malessere inspiegabile che la consumava, cercò a sua volta il luogo magico riuscendo a trovare il mercato degli elfi: ma avrebbero ceduto i loro frutti solo se se anche la sorella maggiore avesse banchettato con loro;  la ragazza temendo la fine della sorella, si rifiutò ostinatamente, nonostante la furia degli elfi, che fecero di tutto, anche sbatterle i frutti in faccia e premerli contro la sua bocca. Così un po’ di succo le restò sulle labbra..
All’alba la ragazza riuscì a rientrare a casa per dare un ultimo saluto alla sorella morente, un ultimo dolce bacio.. fu così che la sorellina dalle sue labbra gustò il cibo elfico, la sua fame fu saziata e trovò la guarigione.

Goblin-Market-Arthur-Rackham
Goblin Market. Arthur Rackham.

Il canto condivide la struttura delle waulking songs e in origine poteva essere nato come canto di lavoro. Una waulking song può superare i 10 minuti di durata, e trova riscontro nella tipicità della lavorazione del tweed: all’inizio le pezze bagnate risultano pesanti e più difficili da manipolare (anticamente si usavano i piedi) da qui le melodie lente, associate ai lamenti.  La melodia è molto triste e alcuni ipotizzano si tratti di un lamento funebre.

ASCOLTA Flora MacNeil che ha imparato la canzone da un suo parente dell’isola di Mingulay

ASCOLTA Margaret Stewart

La struttura del canto ripete l’ultima frase come prima frase nella successiva strofa. La parte corale del canto è affidata a “vocables” ovvero suoni sillabici senza senso.

la versione di Flora MacNeil
A phiùthrag ‘s a phiuthar, hu ru Ghaoil a phiuthar, hu ru
Nach truagh leat fhèin, ho ho ill eo Nochd mo chumha, hu ru
Nach truagh leat fhèin, hu ru nochd mo chumha, hu ru
Mi’m bothan beag, ho ho ill eo ìseal cumhag, hu ru
Mi’m bothan beag, hu ru ìseal cumhag, hu ru
Gun sgrath dhìon, ho ho ill eo Gun lùb tughaidh, hu ru
Gun sgrath dhìon air, hu ru Gun lùb tughaidh hu ru, hu ru
Ach uisge nam beann, ho ho ill eo Sìos ‘na shruth leis, hu ru
Ach uisge nam beann, hu ru Sìos ‘na shruth leis, hu ru
Hèabhal mhòr, ho ho ill eo Nan each dhriumfhionn, hu ru

Traduzione inglese di Flora MacNeil
I
Little sister, sister
My love, my sister
Do you not pity(1)
My grief tonight
II
Do you not pity
My grief tonight
In a little hut(2) I am
Low and narrow
III
In a little hut I am
Low and narrow
With no roof of turf
and no thatch entwined (3)
IV
With no roof of turf
and no thatch entwined
But the rain from the hills
streaming into it(4)
V
But the rain from the hills
Streaming into it
Mighty Heaval(5)
with the white-maned horses(6)
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Sorellina sorella,
mia cara sorella
come non compatire
il mio dolore di stasera?
II
Come non compatire
il mio dolore di stasera,
mi trovo in una piccola casetta
bassa e stretta
III
Mi trovo in una piccola casetta
bassa e stretta,
senza tetto di zolle
e graticci
IV
Senza tetto di zolle
e graticci
l’acqua delle colline
che ci piove dentro
V
L’acqua delle colline
che ci piove dentro
nell’alta Heaval
dei cavalli del bianco crine

NOTE
1) “Can you not pity” oppure tradotto ” Would you not pity me my mourning tonight”
2) “Small my dwelling”, tradotto anche come little bothy
3) “With no protection no thatching” oppure tradotto “Without a bent rope or a wisp of thatch”
4) “hillside wate like a running stream” oppure tradotto “Water from the peaks in a stream down through it”
5)  Heaval è la collina più alta dell’isola di Barra si trova a nord-est di Castlebay, il villaggio principale.
6) I cavalli sono quelli delle fate e quindi bianchi. Potrebbe trattarsi della razza palomino o cremello. L’origine del Palomino è molto antica, infatti si ritiene che cavalli dorati con coda e criniera argentea fossero cavalcati dai primi imperatori della Cina.
Achille, il mitico eroe greco, cavalcava Balios e Xantos, che erano “gialli e dorati, più veloci dei venti di tempesta”. Il cremello invece ha la particolarità dell’occhio azzurro, il manto è bianco con riflessi d’argento.

Un tour per l’isola di Barra nel video di Pascal Uehli

“A Fairy Plaint” (Ceol-brutha)
La versione di Marjory Kennedy-Fraser (come raccolto dal canto della signora Macdonald, Skallary, Barra
Nach truagh leat fhéin phiùthrag a phiuthar O hi o hu o ho
Nach truagh leat fhéin nochd mo cumha O hi o hu o ho
Nach truagh leat fhéin nochd mo cumha
‘S mise bhean bhochd chianail dhubhach
‘S mise bhean bhochd chianail dhubhach
Mi’m bothan beag iosal cumhann
Mi’m bothan beag iosal cumhann
Gun lùb siomain gun sop tughaibh
Gun lùb siomain gun sop tughaibh
Uisge nam beann sios ‘na shruth leis
Uisge nam beann sios ‘na shruth leis
Ged’s oil leam sin cha’n e chreach mi
Ged’s oil leam sin cha’n e chreach mi
Cha’n e chuir mi cha’n e fhras mi

Versione di Kenneth MacLeod
Would you not pity me, o sister?
Would you not pity me my mourning tonight?
My little hut
Without a bent rope or a wisp of thatch
Water from the peaks in a stream down through it
But that’s not the cause of my sorrow
traduzione italiano di Cattia Salto
Non mi compatisci, sorella?
Non mi compatisci per il mio lutto di stasera?
La mia piccola capanna
senza un tetto o un filo di paglia,
l’acqua delle colline
che ci piove dentro
ma non è questo la causa del mio dolore

Per restare in tema di lamento e sorelle  Cumh Peathar Ruari — Rory Dall’s Sister’s Lament composto da Daniel Dow circa 1778 (in A Collection of Ancient Scots Music for the violin, harpsichord or German flute) rimando all’analisi della melodia qui
ASCOLTA Ossian in “Borders” 1984

FONTI
http://www.omniglot.com/songs/gaelic/aphiuthrag.php
http://www.celticlyricscorner.net/maggiemacinnes/aphiuthrag.htmdhttp://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/62594/9;jsessionid=89A212440240A80FF960AD2D4B425BD3
http://research.culturalequity.org/get-audio-detailed-recording.do?recordingId=11984
http://www.educationscotland.gov.uk/scotlandssongs/about/songs/supernatural/index.asp
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=69117

https://thesession.org/tunes/15575
http://www.cynthiacathcart.com/articles/rory_dall_lament.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.