Archivi categoria: Musica irlandese

CAITILIN NI UALLACHAIN

Caitilín Ní Uallacháin = Katty Hualloghan è il titolo di un canto giacobita irlandese settecentesco, attribuito al maestro di scuola William Heffernan (di Lattin) e abbinato a una melodia che conobbe una grande fortuna nell’Ottocento, essendo stata associata a una poesia di Sir Samuel Ferguson, “The Lark in the clear air” .

Il canto si inserisce nel filone delle “aisling song” in cui il poeta viene abbagliato al sorgere dell’alba da una visione soprannaturale: una splendida fanciulla personificazione dell’Irlanda è in mestizia e predice un tempo in cui la terra irlandese sarà libera. Il tema conobbe una grande fioritura nel Settecento, quando i poeti irlandesi dovevano nascondere il loro nazionalismo sotto alla poesia bucolica di genere amoroso. (vedi)

UNA VECCHIA DEA

Qui però l’Irlanda non è una fanciulla ma una “povera vecchia” (the Sean-Bhean bhocht – scritto foneticamente come “the Shan Van Vocht”), la signora Katty Hualloghan -o Kathleen O’Houlihan-,  padrona di quattro campi verdi (cioè le quattro province in cui è divisa per tradizione l’Irlanda). Il nome è anche il titolo di una opera teatrale di W.B. Yeats ambientata nel 1798.

Cathleen è una dea-guardiana che appartiene alla terra, la personificazione della dea Ana (iath nAnann -la terra di Ana ) costretta all’esilio dai troppi stranieri che l’anno vilipesa e che vaga in cerca di aiuto, così è una dea decaduta, povera, invecchiata, scacciata da casa. Ma è pur sempre una dea e ancora chiede sacrifici umani, così incanta i giovani uomini e li convince a dare la vita per amor suo: la Cathleen di Yeats ringiovanisce nutrendosi del sangue degli eroi.

Caitilín Ní Uallacháin è riportato nel “Ancient Music of Ireland” di George Petrie vol II pg 8 (vedi) che così scrive
Of this song at least two versions have been already printed, and both with English metrical translations, – one by the late Mr. Edward Walsh, in his “Irish Popular Songs,” and the other by Mr. John O’Daly, in his “Poets and Poetry of Munster,” the versifications in which were made by the late James Clarence Mangan. In both these works the authorship of this song is assigned, but, as it would appear, erroneously, to one of the Irish poetic celebrities of the eighteenth century, – a blind Tipperrary poet named William O’Heffernan; for Mr. Curry has supplied me with a copy of the song which he transcribed from a manuscript now in his possession, and which was written in the year 1780 by a distinguished Clare scribe and Irish scholar, named Peter Connell, or O’Connell; and as in this MS. the name William O’Hanrahan is given as that of its author, such authority is certainly superior in weight to any that has been,m or probably could be, assigned for ascribing it to the Tipperary poet; for it can scarcely be doubted that Connell was personally acquainted with its true author.

Nella canzone il poeta spera in una sconfitta inglese in guerra con le potenze del tempo, e invoca la libertà dell’Irlanda.

LA MELODIA

Il testo fu associato a una melodia intitolata Kathleen Nowlan  scritta da Edward Bunting nelle sue notazioni, da non confondersi però con la melodia Kitty Nowlan sempre annotata da Bunting e trascritta nelle raccolte della Irish Folk Society: fu Charlotte Milligan Fox (1864-1916) a far pubblicare la vecchia melodia irlandese Kathleen Nowlan  nel volume VIII della Raccolta

Ma tutta la storia dietro la canzone viene raccontata in questo video di Eugene Dunphy

FONTI
http://www.writerscafe.org/writing/B-Medb/248036/
https://archive.org/details/petriecollection01petr
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=33347

CAISLEÁN UI NÉILL

La fonte principale per trovare testo, traduzioni e melodie di questa antica canzone dal titolo “Caisleán Uí Néill” (=O’Neil Castle), è la signora Eileen (Ellen) Costello (1870 – 1962) nata Drury, che nel 1919 pubblicò “Amhráin Muighe Seola: Traditional folk-songs from Galway and Mayo” una raccolta  di canti tradizionali  della Gaeltacht, principalmente per fini didattici a supporto dell’insegnamento del gaelico nelle scuole.

EILEEN COSTELLO

Insegnante, membro attivo della Liga Gaelica, senatrice della Repubblica d’Irlanda “Mrs Costello was born Edith Drury in 1870 in St Pancras workhouse in London, where her Limerick father worked as an attendant. Her mother was Welsh. She became a teacher, and was in the 1890s prominent in a number of the then many Irish cultural organisations in London. A highly active member of the Gaelic League from its London foundation in 1896, she learned Irish there. Her song collecting in the Irish language began in London (she first collected ‘Neillí Bhán’ on a train coming from Woolwich), but her collecting work really began in Ireland, in Tuam, where she came to live having in 1903 married a Dr Thomas Bodkin from the town. He was a medical doctor, historian, and fellow Gaelic Leaguer. Among her chief singers from 1904 was a Maggie Hession of Belclare, members of whose family are still involved in traditional music. Mrs Costello was active in the War of Independence and became a senator in the Irish Free State. (tratto da qui)

Nell’archivio digitale de “Amhráin Muighe Seola” sono riportate ben tre notazioni melodiche abbastanza simili come pure una serie di versioni testuali di “Caisleán Uí Néill”; ancora una versione testuale  con traduzione in inglese si trova  in “Poets and Poetry of Munster” di John O’Daly, 1860.

IL FALSO INNAMORATO?

La protagonista è una giovane ragazza che è stata abbandonata dal suo (falso) innamorato il quale si dirige a Nord verso il Castello degli “Ui Neil”; sono gli O’Neill i discendenti dello storico re di Tara Niall Noigiallach che morì verso il 405: questi in qualità di Conti mantennero il potere nell’Ulster fino agli inizi del Seicento quando dopo nove anni di guerra (1594-1603) vennero sconfitti dagli Inglesi (evento che portò al “Flight of the Earls” ovvero il “Volo dei Conti” i quali lasciarono l’Irlanda per poter continuare la loro battaglia al servizio delle monarchie straniere nemiche dell’Inghilterra.

ASCOLTA (mp3 ) -voce e chitarra barocca-  Irish Traditional Music EnsembleEarly Music Ensemble of the DIT Conservatory of Music and Drama in Flow My Tears 2006, (il titolo del cd è una citazione da John Dowland) (vedi)

ASCOLTA Máire Nic Dhonnchadha in Seoltaí Séidte. Setting Sail  2004 (“Ceolta Éireann 1957-1961. Forty-Three Historic Recordings.) vedi

ASCOLTA Na Casaidigh (The Cassidys) in Fead An Iolair 1984 con Caitríona Ní Chasaide voce e arpa (la traccia del brano ritorna nell’album The Cassidys-Na Casaidigh 2010 sebbene non più presente nella line up del gruppo)

ASCOLTA Máirín Uí Chéide live

Si confrontano le varie versioni testuali

I
Céad slán don oíche aréir,
Is é mo léan gan í anocht ina tús,
Leis an mbuachaillín spéiriúil
A bhréagadh mé seal ar a ghlúin,
(Cé gur) chuir tú orm d’éileamh (1)
A mhí(le) grá bán, ní leatsa mo rún,
Ach céad faraor géar
Tá na sléibhte (ag) dul idir mé is tú (1bis).
II
(‘S) tá an gairdín seo ina fhásach,
A mhíle grá bán(2), is tá mise liom féin (2bis),
(‘S) tá na pósaetha ag fás ann
Is breátha dá bhfaca tú riamh(3),
Ní chluinfeá ceol cláirsí
ag dul an tsráid seo
Ná ceol (3 bis) binn na n-éan,
Ó d’éalaigh mo ghrá uaim,
Cúl (3 ter) álainn go Caisleán Uí Néill.

NOTE
1) oppure scritto “Chuir tú orm an t-éileamh” oppure “Mar do chuir tu orm t’éaradh”,
1 bis) oppure il finale della quartina diventa
“D’aithriseoinn scéal duit, a mhile grá, dá ndéantá air rún
Ach Flaithis Mhic Dé ná fhaighe an té chuirfeadh idir mé is tú”
2) oppure scritto “a ghrá geal”
2bis) nó an miste leat é?
3) Nil toradh ar bith ag fás ann,
bláth na n-airni ná duilliúr na gcraobh
3 bis) oppure ceiliúr
3 ter) oppure an craoibh
4) III C
Is i gCaisleán Uí Neill tá an péarla bhain dhíomsa mo shnua
is gurb é binneas a bhéil a chuirfeadh éanlaith na coille chun suain
‘s é an tsamhail thug mé féin dá mhéin mhaith is do leagan a shúl
mar fhíoruisce an tsléibhe is é ag téaltó maidin lae ciúin
IV C
Níl cnócan dá aeraí, a mhíle grá, nach n-aithneoinn do shiúl
‘S níl maighdean dá chéillí, is é mo léan, nach dtéann uirthi an chluain
Tá mo mhuintir dom thréigean ‘s níl éinne tíocht chugam ar cuairt
agus mo ghrá dom shéanadh le céil fir eile is nach trua.
4bis) oppure scritto “Go dtug mé fhéin spéis dó go mór i ngan fhios do’n slua ”
5) oppure “ní mó ná go gcodaluim fein trá”
6) oppure il finale della quartina è invece
“Bliain ‘san oiche aréir, sea réab na capaill an fál
Agus chuaidh siad de léim, sé mo léan géar, amach ins a’ snamh”.

Variazioni nelle strofe

III A (4)
Is i gCaisleán Uí Néill
Atá an péarla a bhain díomsa mo ghrá
Cé go dtug mé féin spéis dó
Is é mo léan géar i ngan fhios don tslua (4 bis),
Ag teallach tigh Mhóir
Is ea chónaíonn is a chodlaíonn mo ghrá,
Agus a shamhail níl le fáil agam
Ach an réalt eolais atá ar an mbaile úd (taobh) thall.
IV A
Ba mhilse liom do phóigín
Ná an rós a thagann faoi bhláth,
’S le cumha (mór) i ndiaidh mo stóirín
Ní mó ná go gcodlaím go sámh (5),
Is é an tsamhail a bhéarfainn
Dá mhéin is de leagan a shúl,
Fíoruisce an tsléibhe
Is é ag éalú ar maidin sa drúcht. (6)
V
Bliain is an oíche aréir
Sea réab na capaill an fál,
Is naoi n-oíche ina dhiaidh sin
Sea d’éalaigh mo ghrá uaim sa snámh,
Níl tuile dá mhéid
Nach gcaitheann sé an fhad eile ag trá,
Is níl ann ach lucht bréaga
Agus b’fhéidir go bhfillfeadh mo ghrá.
VI
Agus d’aithneoinn mo stóirín
Is é ag gabháil trí shiopaí Bhaile Átha Cliath,
Agus d’aithneoinn aríst é
Is é gabháil tríd an mbaile úd taobh thiar.
Dá mba liomsa Tír Eoghain,
Cé gur mór í le tairiscint mar spré,
Ach nárbh fhearr liom bheith pósta
Le mo stóirín i gCaisleán Uí Néill.
III B
‘S i gCaisleán Uí Néill
‘tá an té úd ‘bhain díomsa mo chlú
Is a shamhail níl le fáil a’m
ach an réalt eolais thar an mbaile údan thall
Ba mhilse liom blas a phóigín
ná an rós ar a dtagann an bláth
Is le cumha i ndiaidh mo stóirín
ní beo mé ach tamaillín gearr.
IV B
‘S cén fáth, a mhíle grá bán,
i dtús an tsamhraidh
nach dtiocfása ar cuairt
Anuas ins na gleanntáin
nó ar oileán ina nglaonn an chuach
Ba, caoirigh ná gamhna
ní shantóinn féin leat iad mar spré
Ach mo láimh faoi do cheannsa
‘s cead comhrá go huair a dó dhéag.

Ed ecco il testo trascritto in “Poets and Poetry of Munster”
I M
A chumainn dhil a’s annsacht a d-tús an t-samhraidh dá d-tiocfádh liom féin
Amach faoi na gleannta nó mar a d-tígheadh an ghrian fae
Badh, caoire, ná gamhna ní íontóchuinn leatsa mar spréidh
Acht mo lámh bheith faoid’ chóm geal ‘s cead cómhrádh bheith eadrainn a raon!
II M
Atá mo gháirdín-sí an fhásach a dhian-ghrádh an misde leat é
Atá torthuighe ró ánd ann agus fásach go barraoi na g-craobh
Ní chluinim ceól cláirsíghe gabhail an t-sráid seo ná ceól binn na n-éan
O d’éalaigh mo ghrádh uaim, cúl fáingioch go Caisleán Uí Néill.
III M
Nár fhágbhadh mé an saoighealso, go léigfe mé dhíom an mí-ágh; –
Go m-beidh badh ‘gam ‘s caoire, ‘s mo mhaonach idir mo dhá lámha;
Trosgadh na h-aoine, an lá saoire ní chuirfinn a bh-fáth;
‘S níor bh-fada liomsa oidhche, sínte led’ bhrollach geal bán!
IV M
Céad slán do’n oidhche raoir, is é mo léan nach í nocht atá ann;
‘S do’n m-buachaillín spéireamhuil, do bhréagfadh mé seal ar a ghlúin,
Do ‘neósfainn féin sgéal duit, dá mb’fhéidir go g-coimeádfádh orm rún!
Go bh-fuil mo ghrádh bán am thréigion, a Dhia ghléigil ‘sa mhic Muire nach dúbhach!
IV M
Tá’n tuirse ‘san brón so, ró mhór timchioll mo chroidhe!
Tá lán mo dhá bhróigín, do dheóracha glasa liom síos;
Faoi ghrádh buachaill óig, do bhréodh ‘s do bhuain díom mo chiall,
‘S ní mhairfeadh mé beó, má phósan sé an bhean dubh ó’n t-sliabh!
V M
Tá siad dá rádh go bh-fuil grádh na bh-fear orm féin,
‘S dr n-dóith má tá, mo chrádh! ní misde liom é;
Go d-tugas naoi lá. Naoi d-tráth, naoi seachtmhuine déag,
Ag cúl tíghe mo ghrádh, buaint áirnídhe fá dhuilleabhar na g-craobh!
VI M
Do gheall tusa damhsa, go m-bréagfádh mo leanbh ar do ghlúin;
Do gheall tú na dhéig sin, go m-beidh’ aon-tígheas idir mé ‘gus tú,
Mo gheallamhuin ‘naghadh an lae dhuit, gur léigeasa leatsa mo rún!
Agus faraoir dúbhach géar! Tá’n saoghal ag gabhail ‘dir me ‘gus tú!

TRADUZIONE di John O’Daly
I
Oh Darling and true love
in early summer if you come with me
‘mong dim glenns of dew, love
or where the bright sun shineth free;
calves, kine, sheep and whitest
for your fortune I’d take not that day.
But my two arms ‘round your white waist and sweet lonely converse with you for aye!
II
My garden’s neglected;
dear love! Does that not cause you pain?
Fruits bloom uninspected,
and verdure grows high without gain.
I list not the clearest
soft harp, or the birds’ sweet low wail
since from me fled my dearest
curled cuilfionn to Caisleann O’Néill!
III
Yet I’ll leave not life’s battle
till down fall my mis’ry and pain;
till I’ve sheep and cattle
and my darling returned once again;
the spare meals of Lent-time
I’ll quit not on grand days of feast,
sweet, swift were the spent-time
I’d spend with my head on his breast.
IV
Farewell to last even!
I would it were back now to me,
with the fair youth of Heaven
who caressed me awhile on his knee!
I’ll say what bereft me
of joy – but let no one know,
my own white Love has left me,
O Mary! O Heaven! What a woe!
V
Sickness and sorrow
are much, much around my poor heart;
the wan tears each morrow
to my eyes ever – and ever start;
though love, and love only
of him, who has left grief’s black shade,
Ah! I cannot live lonely
if he wed with the dark mountain maid
V
The people say ever
that brave, handsome men love me dear,
but never – o never
could I love while he is not here,
I’d wander, far rather,
nine days, nine nights, nine weeks and ten,
and sloe-berrie gather
Near his house ‘neath sleet, snow, and rain!
VI
You promised me purely
you’d love me till came death’s decline:
you promised me, surely,
that your home should always be mine.
But woe to that even
when I gave my heart unto thee,
Faraor! O bitter grieving!
The world goes between thee and me!
Traduzione di Cattia Salto *
I
O caro amore mio
all’inizio dell’estate se vieni con me
tra le forre ombrose di rugiada, amore
o sotto alla luce del sole splendente;
mucche, pecore o vitelli per il tuo bene non governerei quel giorno
ma starei con le braccia strette alla tua bianca vita
a conversare con te per un po’
II
Il mio giardino è trascurato,
caro amore, come ciò non ti causa dolore?
La frutta matura senza essere colta e l’erba cresce alta senza essere falciata.
Nessun suono d’arpa si ode
né i dolci canti degli uccelli
da quando egli mi ha lasciato,
il mio caro bel ragazzo dai riccioli biondi, per il castello O’Neil
III
Eppure non mi darò per vinta
per quanto possa cadere in basso  nella tristezza e nel dolore;
finché ho ovini e bovini, il mio amore ritornerà ancora una volta; il modesto desinare del tempo di Quaresima non cesserò nei grandi giorni di festa, amore, rapido trascorrerebbe il tempo da passare con la mia testa sul suo petto.
IV
Addio per l’ultima volta!
Vorrei che quel tempo ritornasse,
con quel bel giovane angelo
che per un po’ mi baciava tenendomi sulle ginocchia. Dirò quello che mi priva
della gioia – ma che nessuno sappia,
il mio bell’amore mi ha lasciato,
O Maria! O cielo! Che guaio!
V
Malattia e dolore
avvolgono
il mio povero cuore;
e lacrime ogni domani
dai miei occhi esangui sempre –
e sempre riprenderanno;
eppure amo, e solo lui amo, colui che ha lasciato l’ombra nera del dispiacere.
Ah! Non posso vivere da sola
se si è sposato con la fanciulla della Montagna Nera.
V
La gente dice sempre
che bravi uomini e belli mi amano
ma mai – o mai
potrei io amare, mentre lui non è qui,
piuttosto vagherei, lontano ,
nove giorni, nove notti, novanta settimane ,
per raccogliere le bacche del prugnolo
vicino alla sua casa sotto
nevischio, neve e pioggia!
VI
Mi hai promesso semplicemente
che mi avresti amato fino alla morte:
mi hai promesso, sicuramente,
che la tua casa sarebbe stata sempre la mia.
Ma sia maledetta quella sera
in cui ti diedi il mio cuore
Che dolore! O amaro lutto!
Così va il mondo!

NOTE
* traduzione dall’inglese, una traduzione che non mi convince ancora ma per il momento la considero come una traccia da perfezionare.

FONTI
http://songsinirish.com/caislean-ui-neill-lyrics/
http://songsinirish.com/caislean-ui-neill-lyrics2/
https://archive.org/stream/poetspoetryofmun00sigerich#page/82/mode/2up/search/Caisle%C3%A1n+U%C3%AD+N%C3%A9ill
http://tunearch.org/wiki/O’Neill’s_Castle
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=159991
http://www.itma.ie/digitallibrary/score/AMS
http://www.culture24.org.uk/places+to+go/northern+ireland/art16597
http://folkmusicsocietyofireland.files.wordpress.com/2012/07/ct26.pdf

OLD CROSS OF ARDBOE

THE EMIGRANT’S FAREWELL

Il titolo è un po’ generico e indica diversi canti d’emigrazione in questo, più noto come “Old Cross of Ardboe”, vengono ricordate con nostalgia varie località dell’Ulster intorno al Lough Neagh, un lago delle fate secondo la gente d’Irlanda.
Il lago, uno dei più vasti delle Isole Britanniche,  è incastonato nel centro dell’Irlanda del Nord, ricco di isolette e dalle rive a canneto è rinomato per la pesca di trote e anguille.

IL MITO

Secondo il mito Finn MacCool (il gigante irlandese campione dell’Ulster) per fermare il suo nemico scozzese, raccolse una manciata di terra e la scagliò contro l’avversario in fuga, mancandolo. La terra che ricadde in mare divenne l’Isola di Mann mentre il buco lasciato nel terreno si trasformò nel lago di Neagh.

Il testo in otto strofe è stato scritto dal poeta John Canavan di Killycolpy, (1862-1921) con il titolo “The Emigrants Farewell”, a cui il violinista locale Johnny Mooney ha aggiunto la melodia; una versione più moderna è stata poi ridotta e adattata a sole quattro strofe (vedi). La melodia  richiama vagamente “The Lakes of Pontchantrain”

Il poeta descrive con nostalgia le rive sud-ovest del lago Neagh nella contea di Tyrone di cui è originario, ed esprime il desiderio di essere sepolto nel piccolo cimitero dell’Abbazia di San Colman nei pressi di Ardboe ai piedi della Croce Celtica medievale scolpita nella pietra.

ASCOLTA Kate Crossan & Kitty Kitchen
ASCOLTA Gemma Hasson


I

Fare ye well my native green clad hills
Fare ye well my shamrock plain
Ye verdant banks of sweet Lough Neagh(1)
And ye silvery (2) winding streams
Though far from  home in green Tyrone
My Flora first I strayed (3)
I adore you Killcolpy(4)
Where I spent my boyhood days.
II
Shall I ne’er behold Shane’s Castle(5) bold
Or gaze on Mazzereene
Shall my cot e’re land on the banks of Bann(6)
Coney Island(7) or Roskeen.
Shall I ever stray by the Washing bay(8)
The weary trout to coy
Or set (cast) my line in the evening fine
Round the shores of green Mountjoy(9).
III
My friends out here in America
Have all that there hearts desire
My pockets filled with dollar bills
I am dressed in the grand attire
but I would give it all for one country ball
At home by the old hearthstone
In a cabin near Lough Neagh so dear
In my own dear native home (land).
IV
And I know, alas long years have passed
And I’ll toast that beautiful isle,
And short or long in that land of song
A star of peace (10) may smile
May plenty bloom from the Bann to Toome(11)
And the shamrock verdant grow
Green o’er my grave by Lough Neagh’s wave
or the Old Cross of Ardboe (12).
TRADUZIONE di CATTIA SALTO
I
Addio mie natie colline ricoperte di verde
addio mia pianura di trifoglio
voi verdeggianti rive del placido Lough Neagh(1)
e voi tortuosi ruscelli d’argento(2)!
Anche se sono lontano dalla mia casa nella verde Tyrone, dalla mia Flora che per primo abbandonai (3),
io ti amo Killycolpy (4) dove trascorsi i giorni della mia fanciullezza.
II
Potrò mai rivedere il Castello di Shane (5)
o contemplare Massereene?
Mi potrò accampare sulle rive del Bann (6),
a Coney Island (7) o Roskeen?
Potrò mai andare in giro per la Baia di Washing (8)
ad afferrare le trote stremate
o gettare la lenza nelle belle serate
sulle verdi rive nei dintorni di Mountjoy (9)?
III
I miei amici via da qui, l’America,
hanno tutto ciò che il cuore desidera,
e io con le tasche piene di banconote da un dollaro sono vestito in gran tiro,
eppure darei tutto in cambio di un ballo popolare, a casa vicino al vecchio focolare, in un capanno nei pressi dell’amato Lough Neagh, proprio nella mia  terra natia.
IV
Purtroppo, tanti anni sono passati
e io brinderò a quella bell’isola,
che  prima o poi in quella terra di canzoni
una stella di pace (10) possa sorridere,
che possa fiorire in abbondanza la ginestra da Bann a Toome (11)
e il trifoglio rigoglioso crescere
sempreverde sopra la mia tomba accanto all’onda del Lough Neagh
o della vecchia Croce di Ardboe (12)

NOTE
1) Il Lough Neagh è il più grande lago d’acqua dolce in Irlanda, tocca cinque delle sei contee che compongono l’Irlanda del Nord e si trova quasi al suo centro; nella poesia ne rappresenta il cuore.
2) nel senso di acque cristalline
3) oppure “Aye far from you I’ve strayed”
4) Killycolpy è il paese natale del poeta
5) le rovine del castello si trovano sulle rive nord-est del Lago Neagh
6) il fiume Bann (fiume bianco) è il fiume più lungo dell’Irlanda del Nord e in mezzo si allarga a formare il Lough Neagh, rinomato per la pesca del salmone, trote e anguille
7) un isolotto ricco di boschi nel Lago Neagh
8) Washing bay è una piccola baia che si trova nel lato sud-ovest del Lago Neagh, nella conta di Tyrone
9) piccolo villaggio con relativo castello sulla collina che sovrasta il Lago Neagh
10) oppure “May the star of freedom smile”
11) Toome è un piccolo paese nella punta nord-ovest del lago Lago Neagh
12) La Croce si trova ad Ardboe nella contea di Tyrone: si tratta della prima Grande Croce celtica eretta nell’Ulster, alta quasi 20 metri con scene dalla Bibbia scolpite, (risalente al IX o X sec), che segna il luogo su cui si ergeva un monastero fondato nel 590 da San Colman. Nel tempo accanto ai ruderi della vecchia abbazia è sorto un piccolo cimitero. Il sito era probabilmente un recinto sacro alle precedenti divinità ed è ancora visitato l’albero dei desideri ( Pin tree o Coin tree (ma anche Wish tree) sebbene quello precedente sia andato distrutto nel 1998: alla stregua del pozzo dei desideri, l’albero è un collettore di offerte e richieste alla divinità (o alle fate) e le monete vengono conficcate nella corteccia (vedi)

FONTI
http://ardboeheritage.com/
http://www.musicanet.org/robokopp/eire/fareyewe.htm
http://thinplacestour.com/ardboe-mystical-site-on-enchanted-lough-neagh/
http://www.bohemianwanderer.com/2014/08/lough-neagh-il-lago-che-un-gigante-creo-al-centro-dellirlanda-del-nord/
https://soulencounter.co.uk/visiting-the-energy-site-of-ardboe/

GALWAY CITY OR ETTRICK HIGHWAY?

spanish-lady“Spanish lady” è il titolo di una canzone popolare diffusa in Irlanda, Inghilterra, e Scozia riconducibile sicuramente al 1700.
La canzone è estremamente popolare a Dublino e per il suo tono scanzonato e allegro è una tipica canzone da pub anche se non si parla affatto di alcool!
Tuttavia la Bella Spagnola cambia indirizzo a seconda della città da cui proviene la canzone, abbiamo così versioni da Galway, ma anche da Belfast, Chester e dalla Scozia

GALWAY CITY

Questa versione si configura più propriamente come un “contrasto amoroso” con botta e risposta anche allusivi. Per la verità la bella in questione non è mai espressamente appellata come “Dama Spagnola”, ma la melodia è la stessa della “Spanish Lady” popolare a Dublino (continua)

ASCOLTA The Clancy Brothers & Tommy Makem 1966

I
As I walked out through Galway City at the hour of 12 at night,
Whom should I spy but a handsome lassie, combing her hair by candlelight?
(He:)”Lassie, I have come a-courting, your kind favors for to win,
And if you’d but smile upon me, next Sunday night I’ll call again.”
Chorus: A raddy up a toorum, toorum, toorum, raddy up a toorum dey (bis)
II
(She:) “So to me you came a-courting, my kind favors for to win,
But ‘twould give me the greatest pleasure if you never did call again.
What would I do, when I go walking, walking out in the morning dew?
What would I do when I go walking, walking out with a lad like you?”
III
(He:) Lassie, I have gold and silver. Lassie, I have houses and land.
Lassie, I have ships on the ocean. They’ll be all at your command.”
(She:) What do I want with your gold and silver? What do I want with your houses and land?
What do I want with your ships on the ocean? All I want is a handsome man.”
IV
(He:) “Did you ever see the grass in the morning, all bedecked with jewels rare?
Did you ever see a handsome lassie, diamonds sparkling in her hair?”
(She:) “Did you ever see a copper kettle, mended with an old tin can (2)?
Did you ever see a handsome lassie married off to an ugly man?
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
I
 Mentre camminavo per Galway a mezzanotte,
chi vidi mai, se non una bella fanciulla che si pettinava i capelli a lume di candela?
(lui)”Fanciulla sono venuto per corteggiarvi e ottenere la vostra amabile grazia
e se invece vorrete deridermi, la prossima Domenica sera riproverò di nuovo.”
Coro: senza senso
II
(lei) “Così siete venuto per corteggiarmi e ottenere i miei favori,
ma non mi rendereste una grande grazia se non mi chiamerete di nuovo. Cosa dovrei fare, mentre vado a passeggiare, a passeggiare nella rugiada del mattino? Cosa dovrei fare, mentre vado a passeggiare, a passeggiare con un giovanotto come voi?”
III
(lui) “Fanciulla ho oro e argento, ho case e terra, fanciulla ho navi in mare, sarà tutto a vostro comando”
(lei) “Cosa m’importa dell’oro e dell’argento? (1) Cosa m’importa delle vostre case e terre? Cosa m’importa delle vostre navi in mare? Ciò che voglio è un bell’uomo”
IV
(lui) “Avete mai visto l’erba al mattino, tutta adornata da gemme rare?
Avete mai visto una bella fanciulla con i diamanti che scintillano tra i capelli? ”
(lei) “Avete mai visto un paiolo di rame, riparato con un vecchio barattolo di latta? (2) Avete mai visto una bella fanciulla sposarsi con un uomo sgradevole?”

NOTE
1) versi tipici delle gypsy ballads
2) il paragone non è privo di allusioni sessuali

ETTRICK LADY

La zona intorno al fiume Ettrick (Scozia) è ricca di riferimenti letterari a cominciare dal poeta James Hogg (1770-1835) noto con il nome di “Ettrick Shepherd”; nelle Ettrick forest sono ambientate molte delle ballate più antiche e magiche della Scozia

ASCOLTA The Corries

Anche in questo caso il testo è sostanzialmente simile al precedente

I
As I gang doon the Et(t)rick Highway at the hour o’ 12 at night;
What should I spy but a handsome lassie, combin’ her hair by candlelight.
First she combed it, then she brushed it;
Tied it up wi’ a velvet band;
Ne’er hae I seen such a handsome lassie
all up an’ doon ov’r all Scotland!
Chorus:
Fallah-tallah rhu-dhumma, rhu-dhum, rhu-u-dhum;
Fallah-tallah rhu-dhumma, rhu-dhum-day!
II
He:) Lassie, I hae come a-courting, your kind favors for to win;
And if you’d but smile upon me, next Sunday night I’ll call again.
(She:) So to me you came a-courting, my kind favors for to win;
But ‘twould give me the greatest pleasure if you never would call again!
What would I do, when I go walking, walking out in the Ettrick view;
What would I do when I go walking, walkin’ oot wi’ a laddie like you?
III
(He:) Lassie, I hae gold and silver, lassie I hae houses and land
Lassie, I hae ships on the ocean, they’ll a’ be at you’r command.
(She:) What do I care for your gold and silver,
what do I care for your houses and land?
What do I care for your ships on the ocean?;
When all I want is a handsome man!
IV
(He:) Did you ever see the grass in the morning,
all bedecked with jewels rare?
Did you ever see a handsome lassie, diamonds sparkling in her hair?
(She:) Did you ever see a copper kettle, mended up wi’ an old tin can?
Did you ever see a handsome lassie married up tae an ugly man?
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
I
 Mentre camminavo per la strada di Ettrick a mezzanotte,
chi vidi mai, se non una bella fanciulla che si pettinava i capelli a lume di candela?
Prima li pettinava e poi li spazzolava
e poi li legava con un nastro di velluto
non ho mai visto una ragazza così bella in tutta la Scozia!
Coro: non senso
II
(lui)”Fanciulla sono venuto per corteggiarvi e ottenere la vostra amabile grazia;
e se invece vorrete deridermi,
la prossima Domenica sera riproverò di nuovo.”
(lei) “Così siete venuto per corteggiarmi e ottenere i miei favori,
ma non mi rendereste una grande grazia se non mi chiamerete di nuovo. Cosa dovrei fare, mentre vado a passeggiare, a passeggiare nell’Ettrick ? Cosa dovrei fare, mentre vado a passeggiare, a passeggiare con un giovanotto come voi?”
III
(lui) “Fanciulla ho oro e argento, ho case e terra, fanciulla ho navi in mare, sarà tutto a vostro comando”
(lei) “Cosa m’importa dell’oro e dell’argento?
Cosa m’importa delle vostre case e terre?
Cosa m’importa delle vostre navi in mare?
Ciò che voglio è un bell’uomo”
IV
(lui) “Avete mai visto l’erba al mattino, tutta adornata da gemme rare?
Avete mai visto una bella fanciulla con i diamanti che scintillano tra i capelli? ”
(lei) “Avete mai visto un paiolo di rame, riparato con un vecchio barattolo di latta?
Avete mai visto una bella fanciulla sposarsi con un uomo sgradevole?”

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=44796

KISS ME I’M IRISH

“Kiss me I’m Irish” è la frase-tormentone della festa di San Patrizio, scritta sulle magliette e i cartelloni o usata come frequente esclamazione!
L’usanza nasce probabilmente da una leggenda popolare, quella della Pietra del Giudizio nel Castello di Blarney.
Blarney è una cittadina irlandese nella contea di Cork, famosa per il suo castello o meglio per una magica pietra nelle mura del castello che la leggenda vuole doni l’eloquenza a chi la baci, così l’equazione bacio (pietra) irlandese = benedizione non cambia anche se si omette il termine pietra.

ROMANTIC IRISH

Il silly ditty benaugurale è diventata una canzone siglata Gaelic Storm (autori: Twigger, Murphy, Wehmeyer, Reid), l’irish folk rock band di Santa Monica, diventata il punto fermo (dopo il film Titanic) della scena irish folk Usa.

ASCOLTA Gaelic Storm album Bring Yer Wellies (2006) (il titolo dell’album in italiano è “Porta i tuoi stivali di gomma” essendo wellies l’abbreviazione di Wellington boots)


I
Old song and old stories
They keep us alive
Without our past
We would never survive
I am my island
My island is me
So you know what you can do
if you dont like what you see
CHORUS
Kiss me, I’m Irish
I am the wild rover (6)
My eyes they are smiling
And I’m seldom sober (1)
I like my whiskey
And I love to dance
So if you’re feeling as lucky as me,
take a chance
And kiss me I’m Irish
II
My heart beats a jig
And me blood, it flows green
I’ve been a rogue and a rambler (6)
From ocean to sea (2)
And I like a Bevy (3)
Now and then (7) this I’ll never deny
But I only drink on the days of the week that end with a ‘y’ (4)
I’m no saint I’m no sinner
Of that theres no doubt
I’ll tell you the truth
I am the one that your grandmother warned you about
III
Dublin, Milwaukee, Cleavlend and Cork, Kerry, Chicago and my New York
Belfast and Boston, Donegal and DC (5)
Raise you glasses and sing, sing, sing, sing with me:
Traduzione di Cattia Salto
I
Vecchie canzone e vecchie storie
ci fanno sentire vivi,
senza il nostro passato
non potremo mai sopravvivere!
Io sono la mia isola
la mia isola è me.
Così sai cosa puoi fare
se non ti piace quello che vedi:
CORO
“Baciami, sono irlandese
sono il giramondo (6),
i miei occhi sorridono
e sono raramente sobrio (1).
Mi piace il whiskey
e mi piace ballare
e se tu ti senti fortunato come me
prendi al volo l’occasione
e baciami, sono irlandese”
II
Il mio cuore batte al ritmo di una giga
e verde scorre il mio sangue
sono stato un mascalzone e un vagabondo (6)
dall’Atlantico al mare Celtico (2)
e mi piacciono le ragazze (3)
di tanto in tanto (7), non lo negherò mai,
ma bevo solo nei giorni della settimana che finiscono con la “Y” (4).
Non sono un santo o un peccatore,
di questo non c’è dubbio
ti dirò la verità
sono il tipo di cui la tua nonna ti mette in guardia
III
Dublino, Milwaukee, Cleavlend e Cork
Kerry, Chicago e la mia New York
Belfast e Boston, Donegal e Washington (5)
alzate il calice e cantate cantate con me

NOTE
1) citazioni di frasi prese da canzoni popolari irlandesi: I am the wild rover, My eyes they are smiling,  I’m seldom sober
2) si riferisce alle due sponde America-Irlanda
3) bevy si dice per una folla o gruppo della stessa specie in particolare riferito alle donne
4) ossia tutti i sette giorni
5) DC è il distretto della Colombia,ma con “the District”, o “D.C.”, s’intende la capitale degli USA
6) il rover è un avventuriero in cerca di emozioni; I’m a rambler, I’m a gambler è una frase della canzone The Moonshiner, più in generale si vuole indicare uno spirito libero
7) la scaletta delle priorità di un tipico irlandese è Primo: bere, Secondo: bere in compagnia, Terzo: bere in compagnia di una ragazza

PUNCK IRISH

Inevitabile il confronto con la parodia dell’irlandese sfigato, di  “Kiss me, I’m shitfaced” targata Dropkick Murphys

ASCOLTA Dropkick Murphys in Blackout, 2003 che come interpretazione mi ricorda tanto lo stile “Rocky Horror Picture Show”

o in versione live


I
I play in a band, we’re the best in the land
We’re big in both Chelsea and France
I play one mean(2) guitar and then score at the bar
There’s a line of chicks waiting for their chance
So come on now honey, I’ll make you feel pretty
These other gals (8) mean nothing to me
Let’s finish these drinks and be gone for the night
‘Cause I’m more than a handful, you’ll see
[Chorus:]
So kiss me, I’m shitfaced (1)
I’m soaked, I’m soiled and brown (3)
in the trousers, she kissed me (4)
And I only bought her one round (5)
II
I can bench press a car, I’m an ex football star
with degrees from both Harvard and Yale
Girls just can’t keep up, I’m a real love machine
I’ve had far better sex while in jail
I’ve designed the Sears Tower (6), I make two grand an hour
I cook the world’s best duck flambe
I’ll take the pick of the litter (7), girls jockey for me
I don’t need these lines to get laid
III
I’m a man of the night, a real ladies delight
See my figure was chiseled from stone
One more for the gal (8) then I’ll escort her home
Come last call (9), I’m never alone
I’ve a house on the hill with a red water bed
That puts Hugh Heffnor’s mansion (10) to shame
With girls by the pool and Italian sports cars
I’m just here in this dump for the game
IV
Ahh, fuck it. Who am I shitting?
I’m a pitiful sight, and I ain’t all that bright
I’m definitely not chiseled from stone (11)
I’m a cheat and a liar, no woman’s desire (12)
I’ll probably die cold and alone
But just give me a chance, ‘cause deep down inside
I swear I got a big heart of gold
I’m a monogamous man, no more one night stands
Come on, honey, let me take you home
Traduzione* da qui
I
Suono in una band, siamo i migliori del mondo
siamo famosi da Chelsea alla Francia
suono una chitarra tosta (2) e dopo spopolo al bar.
C’è una fila di pollastre in attesa della propria occasione,
così vieni qua zuccherino, ti farò sentire bella
Le altre ragazze (8) non significano nulla per me
finiamo di bere e andiamo per la notte
perché sono molto più malleabile vedrai
Coro
E allora baciami sono sbronzo (1)
sono marcio, zozzo e imbrattato (3)
nei pantaloni – mi baciava (4)
e le avevo offerto solo un giro (5)
II
Posso sollevare una macchina, sono un ex star del calcio, con il diploma sia di Harvard che di Yale.
Le ragazze non possono proprio resistermi
sono una vera macchina del sesso
e ho fatto le scopate migliori in galera.
Ho progettato la Sears Tower (6), faccio 2000 dollari l’ora,
cucino la migliore anatra flambé del mondo
prenderò la migliore dal mucchio (7),
le ragazze fanno a botte per me,
e non ho bisogno di queste battute per scopare
III
Sono il padrone della notte
un vero bocconcino per signore
sai, il mio fisico fu scolpito nella pietra.
Ancora un giro per la ragazza (8)
poi l’accompagnerò a casa sua,
quando arriva l’ultima chiamata (9)
non sono mai da solo.
Ho una casa sulla collina con un letto ad acqua rosso
da far impallidire la villa di Hugh Hefner (10)
con le ragazze a bordo piscina e auto sportive italiane,
sono quì in questo merdaio solo per guadagnare.
IV
Ahh…’ffanculo, Chi sto prendendo in giro?
Abito in un posto che fa schifo
e non sono poi così brillante.
non  ho un fisico statuario (11),
sono un imbroglione e un bugiardo
nessuna mi fila (12),
probabilmente morirò al freddo e solo.
Ma dammi solo una possibilità
perché proprio dentro nel profondo giuro
che ho un grande cuore d’oro
e sono un uomo fedele
mai più storie da una botta e via.
Dai zuccherino, fatti portare a casa

NOTE
* con qualche mio aggiustamento
1) shitfaced: la versione pulita del termine traduce “molto ubriaco, sbronzo” letteralmente “faccia di merda”
2) mean: il significato è medio, meschino, ma nel contesto è chiaro che la chitarra è “cazzuta”
3) si vanta di essere un tipo che si lava poco, perché le sue mutante/pantaloni recano tracce di merda, una situazione molto punk-fashion
4) il verbo è al passato non al futuro come sarebbe più logico, nel contesto è una interiezione.
5) colloquiale per indicare quello che paga il giro di bevute alla compagnia
6) Ora Willis Tower, all’epoca in cui scrissero il testo ancora Sears Tower (Commissionato dalla catena di grandi magazzini Sears Roebuck and Co), il grattacielo di Chicago, nell’Illinois citato probabilmente perchè è stato l’edificio più alto del mondo dal 1973 al 1998.
7) litter è un ammasso confuso tipo un mucchio di rifiuti
8) gal è un termine colloquiale irlandese per ragazza e non ha connotazioni negative, termine usato spesso nelle sea (o shanty) songs
9) quando il pub sta per chiudere il proprietario suona una campanella per avvisare gli avventori di consumare l’ultimo giro, la frase vuol dire “quando il pub è in chiusura” insomma si vanta di essere uno che becca tutte le sere
10) Hugh Marston “Hef” Hefner è un editore statunitense, fondatore della celebre rivista erotica Playboy e a capo dell’impero Playboy Enterprises
11) letteralmente “non sono certamente scolpito nella pietra”
12) letteralmente “nessuna donna mi desidera”

FONTI
https://www.theguardian.com/commentisfree/2015/mar/17/irish-african-american-dna-tests
https://venetogenovese.wordpress.com/2015/10/26/kiss-me-im-shitfaced-dropkick-murphys-testo-e-traduzione/

BREAD AND FISHES BY ALAN BELL

Anche intitolata “The wind in the willows” è una canzone scritta da Alan Bell  che la compose sul finire degli anni sessanta: nato e cresciuto sulla Fylde Coast di Lancashire, Alan iniziò a cantare ispirandosi alla folk balladry americana mentre bazzicava per pubs e poi in mancanza di canti tradizionali della sua costa si trovò a scriverli. Ecco cosa racconta in un intervista
“The easiest song I ever wrote was ‘Bread & Fishes’. It was a Wednesday afternoon, I had the idea and the tune, I’d been doing some paperwork and began singing the song, and I jotted it down and finished it in about two hours. I sang it at the club on the following Tuesday, it went down all right, but was a bit long, so I cut it down and suddenly many other artists were singing it too. I’ve heard it introduced many times as a traditional song, the Irish call it ‘The Wind In The Willows’, and insist it’s traditional Irish, but I take it as a great compliment. My writing style isn’t spontaneous, more like a dog worrying over a bone, trying to get everything just right.” (tratto da qui)
Eppure come spesso accade per le canzoni molto popolari, testimoni ottuagenari sono certi di aver imparato “Bread and Fishes” da piccoli.

Il testo prende le mosse da una leggenda medievale: che la Sacra Famiglia avesse girato per l’Europa durante l’infanzia di Gesù per portare il messaggio di amore e fratellanza tra la gente. Per il soggetto è diventata una tipica Christian song di quelle cantate dagli Scout e nelle scuole cattoliche, ed è anche una canzone amata dagli irlandesi cattolici.
Lo stile è un folk revival britannico ma la canzone venne ben presto rivendicata dai gruppi di matrice irlandese (a partire da Tommy Makem & Liam Clancy)

ASCOLTA Alan Bell intervistato da Dave Shannon

ASCOLTA Blackmore’s Night in “Under a Violet Moon” (1999) (strofe I, III, II, IV, V)


I
As I went awalking one morning in Spring
I met with some travellers (1) in an old country lane
one was an old man the second a maid
and the third was a young boy who smiled as he said
Chorus
“With the wind in the willows
and birds in the sky
we have bright sun
to warm us wherever we lie.
We have bread and fishes
as a jug of red wine
to share on your journey
with all of mankind.”
II
I sat down beside them, the flowers all around
and we ate on a mantle spread out of the ground
they told me of prophets and princes and kings
and they spoke of the one God who knows everything
III
I asked them to tell me their name and their race (2)
so I might remember their kidness and grace
“My name it is Joseph this is Mary my wife
And this is our young son our pride and delight” (3)
IV
“We’re traveling to Glaston (4)
Over England’s green lanes
To hear of men’s troubles
To hear of their pains
We travel the wide world
Over land and the sea
To tell all the people
How they can be free…”
V
So sadly I left them
On that old country lane
For I knew that I’d never see them again
One was an old man
The second a maid
The third was a young boy who smiled as he said…
Traduzione di Cattia Salto
I
Mentre andavo a zonzo in una mattina di primavera, incontrai dei viaggiatori (1) in una vecchio viottolo di campagna, uno era un vecchio e l’altro una fanciulla
e il terzo era un giovane ragazzo che sorrise dicendo
CORO
“Con il vento tra i salici
e gli uccelli nel cielo
c’è il sole splendente
per riscaldarci ovunque ci riposiamo.
Abbiamo pane e pesci
e anche una brocca di vino rosso
da condividere durante il viaggio
con tutta l’umanità”
II
Mi sedetti tra di loro, circondati dai fiori
e mangiammo su un mantello disteso al suolo;
mi raccontarono di profeti e principi e re
e mi dissero dell’unico Dio che tutto conosce.
III
Chiesi di dirmi il loro nome e la nazionalità (2)
per potermi ricordare della loro gentilezza e grazia
“Mi chiamo Giuseppe e questa è Maria mia moglie
e questo è il nostro giovane figlio, vanto e delizia.
IV
“Viaggiamo verso Glaston (4)
per i verdi sentieri dell’Inghilterra
per ascoltare gli affanni degli uomini
per ascoltare le loro pene
viaggiamo in tutto il mondo
per terra e per mare
per raccontare alla gente
come possano diventare liberi”
V
Così con tristezza li lasciai
su quel vecchio viottolo di campagna
perchè ero certo che li avrei rivisti di nuovo
uno era un vecchio
e l’altro una fanciulla
e il terzo era un giovane ragazzo che sorrise dicendo..

NOTE
1) il termine indica anche più in generale la popolazione nomade
2) il termine scelto probabilmente per la metrica e la rima è da intendersi nel senso di nazionalità più che in termini razziali.
3) i Blackmore’s modificano i versi in
So I asked them to tell me their names and their race
So I could remember each smile on their face
“Our names, they mean nothing…
They change throughout time
So come sit beside us and share in our wine”
(= Chiesi di dirmi il loro nome e la nazionalità
per potermi ricordare del loro sorriso e dei volti
“I nostri nomi non significano nulla
cambiano nel tempo
così siediti con noi per condividere il nostro vino”)
4) Glaston è un villaggio situato nelle Midlands inglesi, ma è anche un termine gallico che indica il colore azzurro, quella tinta particolare ottenuta dal guado e che vira tra blu-azzurro-violetto-indaco. In italiano si traduce come Glastro, la pianta blu delle Crucifere. Simbolicamente è anche Avalon la terra dell’AltroMondo.
Avalon viene identificata con Glastonbury, il cui nome deriva dal celtico Caer Wydyr, “Fortezza di Vetro” (uno dei nomi di Annwfn, l’Altromondo celtico). Glastonbury veniva anche chiamata Yniswytryn o Isola di Vetro, perchè la superficie era Glasten, ossia di colore verde-azzurro, oppure perchè vi abbondava l’erba chiamata Glast, ossia il Guado, Isatis Tinctoria, le cui foglie e radici contengono una sostanza colorante azzurra usata dai celti per dipingersi il corpo.
Il Vischio e la Quercia, Riccardo Taraglio, Edizioni L’età dell Acquario

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=49112
http://www.stephenquigg.com/lyrics/lyrics-Bread-and-Fishes.htm
http://www.allcelticmusic.com/artists/Alan%20Bell.html
http://www.irish-folk-songs.com/the-wind-in-the-willows-lyrics-chords-and-tin-whistle-notes.html

BAY OF BISCAY

swg“Willie the Waterboy” ma anche “The bay of Biscay” è considerata una variante irlandese della ballata “Sweet William and Lady Margaret” (Child Ballad # 77) diffusa in particolare nell’Irlanda del Nord (Donegal): in sintesi è una night visiting song con un amante più in ossa che in carne!
Poco altro c’è da dire essendo una versione tramandata più oralmente che nelle raccolte in stampa o nei broadsides.

ASCOLTA Sean Cannon, una versione ispirata, vibrante e intensa

ASCOLTA Karan Casey & John Doyle in Exiles Return 2010

ASCOLTA Jim Moray con il titolo Seven Long Years in Skulk 2012


I
My William sails on board the tender
And where he is I do not know
For seven long years I’ve been constantly waiting
Since he crossed the bay of Biscay-O (1).
II
One night as Mary lay a sleeping
A knock came her bedroom door
Crying “Arise, arise, oh my dearest Mary,
For to earn one glance of your William-O.”
III
Young Mary rose, put on her clothing
And to the bedroom door did go
And there she saw her William standing
His two pale cheeks as white as snow.
IV
“Oh William dear, where are those blushes?
Those blushes I knew long years ago.”
“Oh Mary dear, the cold clay has them.
I am only the ghost of your William-O.”
V
“Oh Mary dear, the dawn is breaking,
Don’t you think it’s time for me to go?
I’m leaving you quite broken-hearted
For to cross the Bay of Biscay-O.”
VI
“Had I the gold and all the silver,
And all the money in Mexico,
I would grant it all to the king of Erin
Just to bring me back my William-O.”
Traduzione di Cattia Salto
I
Il mio William salpò a bordo del Tender
e dove sia non lo so
per sette lunghi anni l’ho atteso con costanza
finchè attraversò la baia di Biscaglia -oh (1)
II
Una notte che Mary giaceva addormentata,
venne a bussare alla porta della camera dicendo “Svegliati, svegliati, mia carissima Mary, per dare un’occhiata al tuo William- oh”
III
La giovane Mary si alzò, si mise le vesti
e alla porta andò
e là vide il suo William
in piedi
con le guance pallide bianche come la neve
IV
“Oh caro William, dove sono le tue guance rosa?
Quelle guance che conoscevo tanti anni fa”
“Oh cara Mary, la fredda terra le ha prese,
sono solo il fantasma del tuo William – oh”
V
“Oh cara Mary, l’alba si avvicina
non credi che sia ora per me di andare?
ti lascerò con il cuore a pezzi
per attraversaree la Baia di Biscaglia”
VI
“Ho oro e argento
e tutto l’oro del Messico
lo darei per intero al Re d’Irlanda (2)
solo per avere indietro il mio William”

NOTE
1) il luogo in cui si presume sia affogato il bel William
2) credo si riferisca a una fiaba irlandese “
The Thirteenth Son of the King of Erin

FONTI
https://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/bayofbiscay.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=13440

APPLES IN WINTER

Mela + Inverno = Natale ovvero due rituali con le mele nella stagione invernale.

Il melo è un albero che è nato sui monti dell’Asia centrale e si è diffuso lungo la rotta commerciale detta via della seta, spostandosi così verso ovest. Si ritiene comunemente che furono gli antichi romani a portare il melo in Gran Bretagna, eppure i più recenti scavi archeologici ad Armagh (Irlanda del Nord) hanno trovato semi di mela risalenti al X secolo a.C. (vedi). Vero inoltre che il melo compare in molti insegnamenti druidici e nella poesia e mitologia celtica. (continua)

APPLES IN WINTER JIG

La melodia “Apples in winter” è una jig irlandese conosciuta anche con molti altri titoli (vedi)

ASCOLTA David Power uillean pipe & Willie Kelly violino in “Apples in winter” (un godibile cd di jigs e reel + qualche air della tradizione irlandese)
ASCOLTA Dervish

ASCOLTA Anglo concertina, Cittern, & Guitar

ASCOLTA Ardan

HEL CALENNIG (GALLES)

Letteralmente “la caccia delle Calende” si riferisce alla tradizione gallese del primo giorno dell’anno nuovo: una mela infilazata su tre bastoncini a mo’ di trepiedi, steccata con dei semini (oggi più comunemente dei chiodi di garofano) è decorata con un rametto sempreverde ed è portata in regalo nella casa dei vicini dai bambini che cantano una canzoncina benaugurale. In cambio ricevono pane e formaggio o qualche monetina. (vedi)

APPLE WASSAIL

La forma più antica della celebrazione invernale del Wassail prevede la benedizione degli alberi e delle api, così importanti per l’impollinazione, al fine di garantire un raccolto sano per il prossimo anno.
Questa pratica di benedizione degli alberi del frutteto si svolgeva d’Inverno ma la data è incerta, alcuni studiosi la riportano alla vigilia di Natale, altri alla notte di Capodanno, altri ancora a gennaio per la dodicesima notte (6 gennaio) e più in generale ai giorni nostri è gennaio il mese del wassailing nei frutteti. (continua)

FONTI
http://bifrost.it/CELTI/4.Eriuiltempoelospazio/05-Soprannaturale.html
http://www.unamelaalgiorno.com/la-mela-nella-cultura-celtica.html
http://icoloridelvento-mirial.blogspot.it/2015/10/il-melo-e-il-frutto-della-conoscenza.html
http://www.laltrafacciadellamela.altervista.org/
https://isimbolinellacomunicazione.wordpress.com/2013/02/21/la-mela/
http://www.amando.it/ricette/alimenti/mela.html
http://ontanomagico.altervista.org/johnny-jump.htm
https://museum.wales/articles/2014-06-14/Christmas-customs-Hel-Calennig/
https://lilydewaruile.wordpress.com/tag/calennig/

SPARTITI
https://thesession.org/tunes/299
http://tunearch.org/wiki/Apples_in_Winter_(1)
http://spokanesessions.com/tune.php?tune=1
http://www.celticguitarmusic.com/tbj_apples_winter.htm

CONNEMARA CRADLE SONG

Una canzone del mare di autore anonimo cantata come una ninna-nanna nota anche come “The Connemara Lullaby“. Sebbene Delia Murphy abbia rivendicato il copyright nel 1951 si ritiene che originariamente la canzone fosse scritta da John Francis Waller (1809-1894)  – da Pat Conway in Very Best Irish Songs & Ballads
Per il riferimento agli Angeli che vegliano sul bimbo il brano compare occasionalmente nelle compilation della musica celtica per natale.

ASCOLTA Steeleye Span in Bedlam Born 2000 (a mio avviso la migliore versione, dalla voce di Gay Woods e le fioriture del violino di Peter Knight sul tappeto sonoro della band, pura poesia..)

La madre che canta per far addormentare il bambino lo tranquillizza dicendogli che domani il papà non andrà in mare a pescare e a rischiare la sua vita sul mare in tempesta: c’è stata una pesca abbondante (the nets heaven blessed) così abbondante e ricca da essere ricordata in una canzone.

I
On the wings of the wind o’er the dark rolling deep
Angels are coming to watch over thy sleep
Angels are coming to watch over thee
So list to the wind coming over the sea
II
Hear the wind blow, love, hear the wind blow
Hang your head o’er and hear the wind blow
Hear the wind blow, love, hear the wind blow
Hang your head o’er, love, and hear the wind blow.
III
The currachs (2) are sailing way out on the blue
Chasing the herring of silvery hue
Silver the herring and silver the sea
Soon they’ll be silver for my love and me.
IV
The currachs tomorrow will stand on the shore
And daddy goes sailing, a sailing no more
The nets will be drying, the nets heaven blessed
And safe in my arms dear, contented he’ll rest
TRADUZIONE di Cattia Salto
I
Sulle ali del vento sopra gli oscuri e profondi marosi
gli Angeli stanno arrivando per vegliare sul tuo sonno
gli Angeli stanno arrivando per vegliare su di te
così ascolta il vento venire dal mare.
II (1)
Ascolta il vento che soffia, amore, ascolta il vento soffiare
appoggia la tua testa e ascolta il soffio del vento.
Ascolta il vento che soffia, amore, ascolta il vento soffiare
appoggia la tua testa e ascolta il soffio del vento.
III
Le barche (2) stanno navigando in mare aperto
per pescare l’aringa dalla pelle d’argento,
d’argento l’aringa e d’argento il mare, presto saranno d’argento per il mio amore e per me.
IV
Le barche domani staranno sulla spiaggia
e papà non andrà più per mare,
le reti saranno tirate a secco,
le reti benedette dal cielo
e al sicuro tra le mie braccia caro, contento lui riposerà.

NOTE
1) strofa a volte utilizzata come coro
2) currachs sono delle canoe di legno anticamente rivestite di pelli

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=7787

THE HOLY GROUND ONCE MORE

Per un marinaio  “la terra promessa” o “terra santa” (in inglese holy ground) non è altro che una zona del porto o una strada piena di locande, pubs o taverne di una cittadina portuale, dove divertirsi con bevute, donne e canzoni!
La versione di Holy ground preferita dai balenieri, riprende la melodia e parte del testo di un’altra sea shanty dal titolo “Off to Sea Once More” o “Go to see Once More” (anch’essa dalle origini incerte). In quella il marinaio si rammarica di essere costretto ad andare per mare ancora una volta, perchè ha già speso tutti i soldi appena guadagnati, ubriacandosi e facendosi derubare da una puttana, in questa trovandosi invece già imbarcato su una baleniera è finito nel Mare Artico e si rammarica di non essere sulla Terra Santa! Una dura vita quella dei pescatori di balene che stavano mesi in mare aperto in balia dei capricci del tempo, una vita dura e solitaria inframmezzata da colossali bevute una volta a terra.

ASCOLTA The Wolfe Tones


I
As I rolled into Frisco, boys, I went upon the street
I drank and gambled all night long,
as drunk as I could be
I drank and gambled all night long,
till I could drink no more
‘Twas then that I thought that I’d like
to be back in the Holy Ground once more

CHORUS
Once more, boys, once more,
the Holy Ground once more
II
I shipped on the Angeline, me boys, down for the Arctic Sea
Where cold winds blow
amid frost and snow,
was as cold as it could be
Where cold winds blow
amid frost and snow,
but the good old ship she did roll
‘Twas then that I thought
that I’d like to be back in the Holy Ground once more
III
We weren’t long in the Arctic Sea when we had spied a whale
With harpoon in my icy hands,
to hit I dare not fail
With harpoon in my icy hand,
I shot but I struck before
‘Twas then that I thought that I’d like to be back in the Holy Ground once more
IV
When you’re aboard a whaling ship with storms  and gales afore
Your mind is in some public house that lies upon the shore
Your mind is in some public house that lies upon the shore
‘Twas then that I thought that I’d like to be back in the Holy Ground once more
TRADUZIONE CATTIA SALTO
I
Mentre camminavo per Frisco, ragazzi, in giro per la strada,
ho bevuto e scommesso tutta la notte ubriaco fradicio,
ho bevuto e scommesso tutta la notte fino a fare il pieno,
fu allora che pensai
che mi sarebbe piaciuto essere nella Terra Santa ancora una volta
CORO
Ancora una volta,
nella Terra Santa, ancora una volta

II
Mi sono imbarcato sull’Angeline, ragazzi, verso il Mare Artico
dove i freddi venti soffiano
tra gelo e neve,
che più freddo non si può,
dove i freddi venti soffiano
tra gelo e neve
ma la cara vecchia nave rollava,
fu allora che pensai
che mi sarebbe piaciuto essere nella Terra Santa ancora una volta
III
Eravamo nei pressi del Mar Artico quando abbiamo visto una balena,
con l’arpione nelle mani ghiacciate
il colpo non osavo fallire,
con l’arpione nelle mani ghiacciate
ho sparato e colpito,
fu allora che pensai
che mi sarebbe piaciuto essere nella Terra Santa ancora una volta
IV
Quando sei a bordo di una baleniera con tempeste e bufere intorno
il pensiero va a una taverna situata sulla spiaggia,
il pensiero va a una taverna situata sulla spiaggia,
fu allora che pensai
che mi sarebbe piaciuto essere nella Terra Santa ancora una volta

Continua altre versioni di Holy Ground

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=15375