Archivi categoria: Melodia da danza

THE MONYMUSK LADS

Una bothy ballad popolare anche in America come musica da danza è una courting song conosciuta anche con il titolo di “Rural Courtship”: si narra delle disavventure amorose di un bracciante agricolo (originariamente dell’Aberdeenshire, Scozia Nord-Est) e la lingua utilizzata è il dorico, un dialetto, ancora comune al giorno d’oggi.

ASCOLTA Ewan MacColl

Old Blind Dogs in “The Gab O’ May” 2003 in formazione con il fiddler e anima del gruppo Jonny Hardie: Jim Malcolm (voce e chitarra), Aaron Jones basso elettrico, Rory Cambell cornamusa e whistle e Fraser Stone alle percussioni

Silly Wizard in Caledonia’s Hardy Sons (1978)

La traduzione in inglese qui


I
As I cam in by Monymusk(1)
And doon by Alford’s dale(2)
A sad misfortune happened to me
And I think nae shame to tell
CHORUS
Fal to too ril, fal to too ril aye do
II
As I gaed in by Monymusk
The moon was shining clear
And I held on to Lethendy(3)
To see my Maggie dear
III
I did gang when I did think
That a’ were sleepin’ soun’
But plague upon yon auld wife
For she cam’ slinkin’ doon
IV
Sae cannily she slipped the lock
And set the door agee
Then crawled upon her hands and knees
To see what it could be
V
Then to the bells wi’ a’ her micht
Sae loud she made them ring
‘Til faith(4), I thocht aboot my lugs
The biggin she would bring(5)
VI
And when she saw I wouldna slip
She ran to her guidman(6)
Says, “There’s a lad into the hoose
And this I winna stand(7)
VII
For it’s a most disgraceful thing
It would provoke a saunt
To see a’ the servant girls wi’ lads
When the gentle anes maun want(8)
VIII
Providence has acted wrang
Sic pleasures for to gie
Tae ony servant lad or lass
Just working for a fee”
IX
The auld man, he cam ben himsel
And he pushed ben his heid
Guidfaith, I thocht it was a ghost
Just risen frae the deid
X
He’d duddy drawers upon his legs
He’d on a cap o’ white
And he’d a face as lang’s my leg
And in his hand a light
XI
He’s ta’en me by the shoulders broad
And pushed me out o’ doors
Thinks I, my auld lad, I’ll come back
When sleepin’ gars ye snore
tradotto da Cattia Salto
I
Mentre venivo a Monymusk
è giù per la valle di Alford
mi è capitata una sventura
e credo sia un peccato non raccontarla
Coro:
senza senso
II
Mentre andavo a Monymusk
la luna splendeva chiara
e ho continuato fino a Lethendy
per vedere la mia cara Maggie
III
Ci sono andato quando credevo
che tutti dormissero profondamente
ma accidenti a quella vecchia
che è sgattaiolata al piano di sotto
IV
Con precauzione ha tirato il paletto
e socchiuso la porta
poi si è messa carponi
per vedere che cosa poteva capitare
V
Allora la campanella con tutte le sue forze
ha fatto suonare così forte
che perdio credevo
avrebbe fatto crollare la casa
VI
E quando ha visto che non me ne andavo
è corsa dal marito
dicendo “C’è un ragazzo in casa
e non intendo tollerarlo
VII
Perché è una cosa deprecabile
da infastidire un santo
vedere tutte le servette con i ragazzi
mentre i signori stanno senza.
VIII
La provvidenza agisce in modo sbagliato
a dare tali piaceri
a ogni servetta o garzone
che lavorano per la paga”
IX
Anche il vecchio entrò
e mise la testa dentro
bontà di dio, sembrava un fantasma
appena risorto dalla tomba
X
Aveva dei cenciosi mutandoni lunghi
e portava una berretta bianca
e aveva una faccia lunga
come la mia gamba
e in mano una lampada
XI
Mi ha preso per le spalle
e mi ha spinto fuori dalla porta
credo mio vecchietto che ritornerò
quando il sonno ti farà russare

NOTE
1) villaggio della contea di Aberdeenshire, di origine medievale
2) Alford villaggio a una decina di kilometri da MonyMusk
3) località non meglio precisata un paese con quel nome si trova parecchio lontano
4)  “My God”
5) my lugs the biggin she would bring= she would bring the house down about my ears. È un’espressione idiomatica che si riferisce a un fragoroso applauso o un’ovazione,
6) antico termine per ” master of the house”
7) I winna stand = I won’t put up with it
8) gentle anes maun want = gentlefolk have to do without

IL REEL

La melodia risale al Settecento per mano di Daniel (Donald) Dow (1732-1783) pubblicata la prima volta con il titolo di “Sir Archibald Grant of Monymusk’s Reel” come melodia per cornamusa.

It was composed by Daniel (sometimes Donald) Dow (1732-1783) in 1776 and first appeared in his Thirty Seven New Reels, c. 1780, as “Sir Archibald Grant of Monymusk’s Strathspey.” Linscott (1939) says it was called “The Countess of Airly” in the early 18th century, and came from the village of Monymusk, in Aberdeenshire, Scotland.” Bayard (1981) states that if Dow did “compose” the tune then he certainly had access to earlier models for it, for both “The Ruffian’s Rant” and “Roy’s Wife of Aldivalloch” are cognate. Alburger (1983) also identifies Daniel Dow (1732-83) as the composer of “Sir Archibald Grant of Monemusk’s Reel,” but says when the Gows published it in their 1799 Repository, Part First, they altered it rhythmically (by adding more ‘Scots snaps’ and smoothing out some dotted patterns for variety) and shortened the name to “Monymusk, A Strathspey.” (tratto da qui) Su tunearch l’approfondimento qui

ASCOLTA Mutefish

SCOTTISH COUNTRY DANCE

E’ una popolare Strathspey

o come si balla in America

FONTI
http://ingeb.org/songs/asicamim.html
http://www.celticlyricscorner.net/oldblinddogs/monymusk.htm
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/themonymusklads.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=37715
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/83126/2
http://tunearch.org/wiki/Annotation:Money_Musk_(1)
http://tunearch.org/wiki/Annotation:Money_Musk_(2)
https://thesession.org/tunes/1387
https://thesession.org/tunes/11167
http://www.scottish-country-dancing-dictionary.com/video/monymusk.html
https://my.strathspey.org/dd/dance/4646/
http://nighttraintodetroit.com/2011/01/12/new-year%E2%80%99s-resolution-2011-learn-to-dance-the-%E2%80%9Cmoney-musk%E2%80%9D/

JENNY AND THE WEAVER

La melodia è un reel di origine scozzese è nota anche con i titoli Jenny(Jennie) Dang the Weaver, Patsy Touhey’s Rip The Calico e anche abbinata a due canti in gaelico scozzese “Gobha Bh’ann A Hogha Gearraidh,” e “Horo Ghoid Thu Nighean”
Dare dei titoli a dei brani strumentali richiede sempre uno sforzo d’immaginazione e intorno ai titoli più curiosi sorgono sempre degli aneddoti, proprio come in questo caso:
Composed by the Rev. Alexander Garden [ 1700 ? – 1777 ]. Minister at Birse [ 1726 – 1777 ]. Violinist, poet and composer.
“Mr. Garden had, it seems, a man-of-all work named Jock, who came about the manse to do odd jobs, and on one occasion when the minister was in his study solacing himself with his favourite Cremona, an altercation began between Jock and his mistress, who had ordered him to “wipe the minister’s shoon”. This Jock considered beneath his dignity and sturdily refused to do, which so enraged Mrs. Garden ( who was busy “beetling” potatoes at the time ) that she rushed at him with the heavy beetle in her hand and fairly thrashed him into obedience to her order : and the minister was so diverted with the scene that he gave the air he had just composed the above title as being appropriate, Jock having been a weaver originally”.
Source – “Musical Scotland – 1400 – 1894” by David Baptie (tratto da qui)

jenny

ASCOLTA Hanneke Cassel al violino

ASCOLTA Simon Fraser University Pipe Band

Un reel combinato variamente in set per le danze sociali in Scozia, Irlanda, America e Nuova Scozia.

ASCOLTA Cherish The Ladies (inizia a  3.05)
ASCOLTA Matt Malloy & Dervish (da 2:58)

Un arrangiamento che richiama la più antica versione modale si trova in “Repository of the Dance Music” di Niel Gow 1799

jenny-dang-the-weaver

Si stralcia da qui
As this tune is in D major, it would be most common for the first chord to be a chord of D with a D in the bass, but as we see here, the bass note is an A which alternates with a B for the first strain. This is a throwback to a modal conception of harmony that was slowly supplanted by tonal major/minor harmony, not taking hold completely in Scotland until well into the nineteenth century. The A-B alternation in the bass is demonstrated in the following video.

Sul reel venne ben presto coreografata anche una scottish country dance dal titolo “Jenny dang the weaver” (Johnson 1748) (già comparsa in “Walsh’s Caledonian Country Dances” edizione del 1735)

MusiciansHighlandwedding1780DavidAllan

E’ stato Sir Alexander Boswell, (1775 — 1822) a scrivere alcuni versi sulla melodia, raccontando di un corteggiatore maldestro e delle sue non gradite attenzioni..

ASCOLTA  la versione “classica” arrangiata dal compositore austriaco FJ Haydn – Scottish Songs for George Thomson vol VII 03:13:50


Chorus:
Jenny dang(1), Jenny dang / Jenny dang the weaver
But soon the fool his folly kent / For Jenny dang the weaver
I
At Willie’s weddin’ o’ the green,
The lasses, bonnie witches,
Were busked out(2) in aprons clean,
And snaw-white(3) Sunday mutches(4);
Auld Mysie(5) bade the lads tak’ tent(6),
But Jock wad na believe her;
But soon the fool his folly kent,
For Jenny dang the weaver.
II
In ilka country dance and reel
Wi’ her he wad be babbin'(7);
When she sat down, then he sat down,
And till her wad be gabbin’;
Where’er she gaed, or butt or ben(8),
The coof(9) wad never leave her,
Aye cacklin’ like a clockin’ hen,
But Jenny dang the weaver.
III
Quoth he, “My lass, to speak my mind,
In troth I needna swither,
Ye ‘ve bonnie e’en, and, gif ye ‘re kind,
I needna court anither!”
He humm’d and haw’d(10), the lass cried ‘pheugh,’
And bade the coof no deave her,
Syne crack’d her thumb, and lap and leugh,
And dang the silly weaver.
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO (con il dizionario dello Scots aperto qui)
coro
Gianna picchiò, Gianna picchiò il tessitore, così tosto lo sciocco riconobbe la sua follia
perchè Gianna picchiò il tessitore.
I
Al matrimonio di Willy sul prato
le ragazze, belle ammaliatrici
indossavano grembiuli candidi
e la cuffia bianca della domenica
la vecchia Mysie ordinò che i ragazzi prestassero attenzione
eppure Gianni non le badava;
ma presto lo sciocco riconobbe la sua follia
perchè Gianna picchiò il tessitore.
II
In ogni danza e giro
con lei voleva avvolgersi
quando lei si sedeva anche lui si sedeva
e  con lei voleva spettegolare;
ovunque lei andasse in lungo e in largo
lo sciocco non la voleva mai lasciare
schiamazzando come una gallina che starnazza
ma Gianna picchiò il tessitore.
III
Disse lui “Ragazza mia, per dire la mia
in verità non ho dubbi,
tu sei bella e se sarai carina con me non avrò bisogno di corteggiare un’altra!”
Lui tergiversava e la ragazza gridava
“puah” e teneva a bada lo sciocco perchè non la infastidisse,
finchè lui non le ruppe il pollice, arrossì  e rise
e lei picchiò lo sciocco tessitore

NOTE
1) to ding= 1) To knock, beat or strike: to drive; to push suddenly and forcibly; to displace or overturn by shoving 2) To defeat, overcome; wear out, weary; to beat, excel, get the better of.
2) in alcuni testi scritto come a’ dress’d oot che ha molto più senso
3) in alcuni testi scritto come braw white
4) copricapo per signore ovvero una cuffia; il modello varia a seconda delle epoche e delle occasioni per essere indossata, in genere di lino bianco con pizzi e fronzoli ma piuttosto aderente alla testa, si annoda sul davanti sotto il mento. Era portata per lo più dalle donne sposate e veniva regala alla novella sposa dalla suocera


5) diminutivo scozzese di Margaret, ould per old spesso è solo un intercalare
6) espressione idiomatica to take tent =to be careful, beware; to notice, observe, take note; to take good care of; take into consideration, take care of, treat kindly
7) probabilmente bobbin da bobina (spoletta)
8) “butt and ben” è una vecchia frase scozzese per “The back and front ends of a one-room cabin”
9) coof= termina dai molteplici significati quello primario di sciocco, ingenuo, ma anche ottuso; secondariamente significa persona irresponsabile, un cafone o villano nel duplice significato di rozzo, paesano; in ultimo codardo o impiccione
10) espressione idiomatica in americano”to hum and haw”=  to be uncertain and take a long time deciding something, si potrebbe tradurre con “tergiversare”

LE CANZONI IN GAELICO

La melodia divenne talmente popolare da essere canticchiata un po’ per tutte le Highland, isole comprese, così la ritroviamo in due diversi frammenti, il contesto è quello del canto come forma di pettegolezzo, nel primo si parla di una fuitina, nel secondo delle prodezze di un fabbro di Hougarry (isole Ebridi)

HORO GHOID THU NIGHEAN

ASCOLTA Mary Jane Lamond in “Suas e!” 1997


I
Hò rò ghoid thu ‘n nighean
Hò rò ghoid thu ‘n nighean
Hò rò shlaod thu i
Hò rò ghoid thu ‘n nighean
Hò rò ghoid thu ‘n nighean
Thug thu leat fo ‘n aodach i
II
Shiod agad mar ghoid thu ‘n nighean
Shiod agad mar ghoid thu ‘n nighean
Shiod agad mar shlaod thu i
Shiod agad mar ghoid thu ‘n nighean
Shiod agad mar ghoid thu ‘n nighean
Thug thu leat fo ‘n aodach i
TRADUZIONE INGLESE
I
Hòro you stole(1) the girl
Hòro you dragged her off
Hòro you stole the girl
You took her under the bed covers
II
That’s how you stole the girl
That’s how you dragged her off
That’s how you stole the girl
You took her under the bed covers

NOTE
1) si tratta con molta probabilità di una fuitina ovvero il rapimento a scopo matrimoniale (vedi)

GOBHA BH’ ANN A HOGHA GEARRAIDH

ASCOLTA Julie Forwlis in Puirt dove canta tre brani in seguenza
a) Siud Mar Chaidh An Càl A Dholaidh
b) Nam Biodh Agam Ghioball Bodaich
c) Gobh Bh’ Ann A Hogha Gearraidh


I
Gobha bh’ ann a Hogha Gearraidh(1)
B’ fhoghainteach an sealgair e
Gobha bh’ ann a Hogha Gearraidh
B’ fhoghainteach an sealgair e
II
Mharbhadh e na feadagan
Is leagadh e na calmain
Mharbhadh e na feadagan
Is leagadh e na calmain
TRADUZIONE INGLESE
I
The smith from Hougharry
Was a brave hunter
The smith from Hougharry
Was a brave hunter
II
He would kill the plover(2)
And he would slay the doves
He would kill the plover
And he would slay the doves

NOTE
TRADUZIONE ITALIANO: il fabbro di Hougharry era un cacciatore coraggioso, avrebbe ucciso il piviere e i piccioni
1) località nell’isola di North Uist, isole Ebridi
2) il piviere appartiene alla famiglia dei trampolieri, di taglia piccola, è un uccello acquatico per la caccia in palude.

FONTI
http://digital.nls.uk/special-collections-of-printed-music/pageturner.cfm?id=87783252
http://slowplayers.org/2015/02/07/jenny-dang-the-weaver-d/
http://www.musicalion.com/en/scores/sheet-music/329/anonymus/18020/jenny-dang-the-weaver
https://scottishfiddlemusic.com/tag/how-to-play-scottish-fiddle-music/
http://www.poemhunter.com/poem/jenny-s-dang-the-weaver/
https://archive.org/details/JimmieMcLaughlinTheRoadtoGalwayJennyBangtheWeaver
http://www.celticlyricscorner.net/lamond/horoghoid.htm
http://www.celticlyricscorner.net/puirt/gobhabhann.htm
http://www.scottish-country-dancing-dictionary.com/dance-crib/jenny-dang-the-weaver.html
https://my.strathspey.org/dd/dance/3235/
http://ontanomagico.altervista.org/matrimonio-celtico-storia.html

L’AMORE NON CORRISPOSTO: EARLY ONE MORNING

“Early one morning” è una canzone della tradizione inglese dalle antiche origini che riprende il filone cosiddetto della “Falsa Sposa” ovvero il tema dell’amore non corrisposto, una ballata del 1600 che è stata cantata un po’ per tutta la Gran Bretagna per secoli seguendo i canali della tradizione orale e quelli delle broadside ballads prima e delle collezioni di arie tradizionali poi, sfaccettandosi in diverse versioni e anche arrangiamenti melodici. Si rimanda alla dettagliata ricerca di Jürgen Kloss sui testi e le melodie (vedi) limitandosi qui l’analisi alle versioni selezionate per la guida all’ascolto.

13 The false lover won back

EARLY ONE MORNING

In queste declinazioni è però l’uomo ad essere falso. Più che una “warning songs” è proprio il lamento dell’amore non corrisposto e tradito infatti è anche intitolata “The Maid’s lamentation”. La canzone è un classico del folk inglese. Ci sono fondamentalmente due versioni testuali per un’unica melodia.

LA VERSIONE STANDARD

La versione testuale più accreditata è quella con il ritornello ripetuto ad ogni strofa “Oh don’t deceive me, Oh never leave me, How could you use, a poor maiden so?” Il brano è stato interpretato anche da gruppi di musica celtica.

ASCOLTA Celtic Dreams

ASCOLTA Jim Moray

live 2004

ASCOLTA The King’s Singers, 1985


I
Early one morning,
just as the sun was rising
I heard a maiden call
from the valley below.
CHORUS
Oh don’t deceive me,
Oh never leave me,
How could you use
a poor maiden so?
II
Remember the vows
that you made to your Mary
Remember the bower(1)
where you vowed you’d be true.
III(2)
Cos green is the garden
and fresh are the roses(3),
Fresh from the garden
to bind(4) on your brow.
IV
Thus sang the maiden,
Her sorrows bewailing,
Thus sang the maid
In the valley below.
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
Al mattino presto
proprio quando il sole sorgeva
ho sentito il lamento di una fanciulla
dalla valle sottostante
CORO
Oh non m’ingannare
oh non mi lasciare!
Come puoi prenderti gioco
così di una povera fanciulla?
II
Ricorda le promesse
che hai fatto alla tua Maria
ricorda la camera da letto
dove hai giurato di essere sincero
III
Perchè verde è il giardino
e fresche sono le rose
fresche dal giardino
per cingere la tua fronte
IV
Così cantava la fanciulla
per lamentare il suo dolore
così cantava la fanciulla
nella valle sottostante

NOTE
1) la parola si traduce con pergolato ma nel medioevo con bower s’intendeva la camera privata di pertinenza della domina o del signore del castello
2)  strofa alternativa
Gay is the garland,
And fresh are the roses,
I’ve culled from the garden
To bind on thy brow.
(traduzione italiano: gaia è la ghirlanda delle fresche rose che ho raccolto in giardino per cingere la tua fronte)
3) nelle ballate la rosa non è solo “una rosa” ma è il simbolo della passione amorosa; l’allusione al fiore più intimo e segreto della donna. Sebbene un tempo le fanciulle fossero educate a preservarsi caste e pure fino al matrimonio, la loro stessa ingenuità le poteva far cadere facile preda dei mascalzoni, che con false promesse matrimoniali, le inducevano a concedere il loro “pegno d’amore”; così le rose nelle canzoni celtiche sono associate alla sfortuna e stanno a indicare una gravidanza in atto: “cogliere la rosa” è un eufemismo per l’atto sessuale che portava le sue spine, le fanciulle si pentivano amaramente di aver dato il loro fiore ad un uomo non degno della loro fiducia, il quale dopo essersi divertito, le abbandonava (spesso lasciandole con una gravidanza inopportuna perchè non ricondotta nell’alveo del matrimonio)! La rosa simboleggia quindi la perdita della verginità e con essa l’innocenza e la fiducia verso un mondo (maschile) che non è quello che sembra!
4) talvolta è scritto to wind

SECONDA VERSIONE

Si distingue dalla precedente perchè le due frasi musicali che compongono la melodia si alternano senza che ci sia un ritornello vero e proprio.

ASCOLTA Nana Mouskouri


I
Early one morning,
just as the sun was rising
I heard a maid sing
in the valley below
“Oh don’t deceive me,
Oh never leave me,
How could you use,
a poor maiden so?”
II
Remember the vows
that you made to me truly
Remember how tenderly
you nestled close to me
Gay is the garland,
fresh are the roses
I’ve culled from the garden
to bind over thee.
III
Here I now wander
alone as I wonder
Why did you leave
me to sigh and complain
I ask of the roses,
why should I be forsaken,
Why must I here in sorrow remain?
IV
Through yonder grove,
by the spring that is running
There you and I have
so merrily played,
Kissing and courting
and gently sporting
Oh, my innocent heart
you’ve betrayed
V
How could you slight so
a pretty girl who loves you
A pretty girl who loves you
so dearly and warm?
Though love’s folly
is surely but a fancy,
Still it should prove to me
sweeter than your scorn.
VI
Soon you will meet
with another pretty maiden
Some pretty maiden,
you’ll court her for a while;
Thus ever ranging,
turning and changing
Always seeking for a girl that is new.
VII
Thus sang the maiden,
her sorrows bewailing
Thus sang the poor maid
in the valley below
“Oh don’t deceive me,
Oh never leave me,
How could you use,
a poor maiden so?”
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
Al mattino presto
proprio quando il sole sorgeva
ho sentito il lamento di una fanciulla
dalla valle sottostante
“Oh non m’ingannare
oh non mi lasciare!
Come puoi prenderti gioco
così di una povera fanciulla?”
II
Ricorda le promesse
che mi hai fatto sinceramente
ricorda come con tenerezza
tu ti stringevi vicino a me
gaia è la ghirlanda
delle fresche rose
che ho raccolto in giardino
per legarti a me
III
Qui cammino ora da sola,
mentre mi domando
perchè mi hai lasciato
a piangere e lamentarmi,
chiedo alle rose
“Perchè dovrei essere abbandonata
e rimanere qui afflitta dal dolore?”
IV
Per quel boschetto
accanto al ruscello che scende
tu ed io ci siamo
con gioia divertiti
baciandoci e corteggiandoci
e teneramente amati
Oh tu hai tradito
il mio cuore innocente
V
Come hai potuto mancare così di rispetto
a una giovano fanciulla che ti ama
una giovano fanciulla che ti ama
con affetto e passione?
Anche se la follia d’amore
non è altro che una fantasia
potrebbe rivelarsi per me
più dolce che il tuo rifiuto
VI
Presto conoscerai
un’altra fanciulla graziosa
una fanciulla graziosa
che corteggerai per un po’;
così a cercare
rivoltare e cambiare
sempre alla ricerca
di una nuova ragazza.
VII
Così cantava la fanciulla
per lamentare il suo dolore
così cantava la povera fanciulla
nella valle sottostante
“Oh non m’ingannare
oh non mi lasciare!
Come puoi prenderti gioco
così di una povera fanciulla?”

LA CONTRADDANZA

La melodia è anche una english country dance

FONTI
http://terreceltiche.altervista.org/the-false-bride/
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=33631
http://artists.letssingit.com/eva-cassidy-lyrics-early-one-morning-4nfwkxm#axzz42nsDMJ7u

LANINGAN’ S BALL

Lanigan’s Ball è l’ennesima canzone tradizionale irlandese riproposta dai gruppi rock contemporanei, una travolgente jig  dai titoli The Bullockies’ Ball, Domhnull An Dannsair, Domhull An Dannsair, Flannigan’s Ball, Lanagan’s Ball, Lannigan’s Ball, Paddy O’Rafferty, Unplugged And Plowed, che è anche una irish ceili dance.

In Alfred Perceval Graves book, Songs of Irish Wit and Humour, published in 1884, Lanigan’s Ball is attributed to anon. In Folk Songs of the Catskills, edited by Norman Cazden, Herbert Haufrecht and Norman Studer, there is a reference to John Diprose’s songster of 1865 attributing Lanigan’s Ball to D. K. Gavan with music by John Candy. It also mentions that the tune was previously known as Hurry the Jug. (tratto da qui)

Molto probabilmente il ballo in questione faceva parte di una veglia funebre, che tale Jeremy Lanigan diede per la morte del padre; il contesto richiama per certi versi un’altra popolare canzone umoristica avente lo stesso soggetto Finnegan’s wake, la descrizione della veglia è simile: si mangia, si beve, si balla e ci si azzuffa per una sciocchezza! Le veglie funebri irlandesi si annaffiano con abbondanti bevute e si finisce per cantare e scherzare, ma anche per litigare; non per niente si dice che la differenza tra un matrimonio e un funerale in Irlanda sia… un ubriaco in meno!

La veglia di Lanigan è però particolarmente sfarzosa poichè il padre lascia in eredità al figlio scapestrato una ricca fattoria e per ringraziare  amici e i parenti organizza un party in grande stile a cui tutti vogliono partecipare. Il protagonista deve essere uno degli amici di Lanigan o quantomeno un suo compagno di bisbocce, il quale si vanta di poter starsene a Dublino per sei mesi (o tre settimane) senza fare altro che imparare dei nuovi passi di danza.

Fu il gruppo irlandese The Bards con Diarmuid O’Leary a far diventare “Lanigan’s Ball” un classico!

ASCOLTA The Bards : la canzone “Lanigan’s Ball” fu una loro hit  stampata su vinile nel 1980 alla jig segue il Cloonagroe Reel (o qualcosa di simile)

ASCOLTA Waxies Dargle in World Tour of Ireland 1993

VERSIONE THE BARDS 1980
I
In the town of Athy(1) one Jeremy Lanigan
Battered away ‘til he hadn’t a pound.
His father died and made him a man again
Left him a farm and ten acres of ground.
II
He gave a grand party for friends and relations
Who didn’t forget him when come to the wall(2),
And if you’ll but listen I’ll make your eyes glisten
Of the rows and the ructions of Lanigan’s Ball.
CHORUS
Six long months(3) I spent up in Dublin,
Six long months doing nothing at all,
Six long months I spent up in Dublin,
Learning to dance for Lanigan’s Ball.
I stepped out and I stepped in again,
I stepped out and I stepped in again,
I stepped out and I stepped in again,
Learning new steps for Lanigan’s Ball.
III
Myself to be sure got free invitation,
For all the nice girls and boys I might ask,
just in a minute both friends and relations
Were dancing ‘round merry as bees ‘round a cask.
IV
There were lashings of punch and wine for the ladies,
Potatoes and cakes; there was bacon and tea,
There were the Nolans, Dolans, O’Gradys
Courting the girls and dancing away.
V
They were doing all kinds of nonsensical polkas(4)
All ‘round the room in a whirligig.
Julia and I, we banished their nonsense
And tipped them the twist of a reel and a jig(5).
VI
Oh, how that girls got all mad at me
Danced ‘til you’d think the ceiling would fall.
For I spent six months at Brooks’ Academy
Learning new steps for Lanigan’s Ball.
CHORUS
VII
Boys were all merry and the girls they were hearty
And danced all around in couples and groups,
‘Til an accident happened, young Terrance McCarthy
Put his right leg through miss Finnerty’s hoops(6).
VIII
Poor creature fainted and cried: “Meelia murther”(7)
Called for her brothers and gathered them all.
Carmody swore that he’d go no further
‘Til he had satisfaction at Lanigan’s Ball.
IX
In the midst of the row miss Kerrigan fainted,
Her cheeks at the same time as red as a rose.
Some of the lads declared she was painted,
She took a small drop too much, I suppose.
X
Her sweetheart, Ned Morgan, so powerful and able,
When he saw his fair colleen stretched out by the wall,
Tore the left leg from under the table
And smashed all the Chaneys at Lanigan’s Ball.
CHORUS
XI
Boys, oh boys, ‘twas then there were runctions.
Myself got a lick from big Phelim McHugh.
I soon replied to his introduction
And kicked up a terrible hullabaloo.
XII
Old Casey, the piper, was near being strangled.
They squeezed up his pipes, bellows, chanters and all.
The girls, in their ribbons, they got all entangled
And that put an end to Lanigan’s Ball.
CHORUS
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
Nella città di Athy(1) un certo Jeremy Lanigan
sperperò tutti i suoi soldi;
il padre morì e lo fece ridiventare qualcuno
lasciandogli una fattoria e dieci acri di terra.
II
Diede una grande festa per amici e parenti,
che non si dimenticarono di lui quando era un fallito(2)
e se mi state ad ascoltare farò brillare i vostri occhi
per le danze e le zuffe al Ballo di Lanigan
CORO
Sei lunghi mesi(3) ho trascorso a Dublino
sei lunghi mesi a non fare niente
Sei lunghi mesi ho trascorso a Dublino
per imparare a danzare per il Ballo di Lanigan
io muovevo il passo in fuori e poi all’interno
a imparare nuovi passi per il Ballo di Lanigan
III
Per essere sicuro io stesso di ricevere l’invito
a tutte le belle ragazze e ai ragazzi dovetti chiedere, e in un attimo sia amici che parenti
stavano danzando in cerchio felici come api intorno alla botte.
IV
C’era parecchio punch e vino per le signore
patate e dolci, pancetta e tè,
c’erano i Nolan, i Dolan e tutti gli O’Grady
che corteggiavano le ragazze e danzavano
V
Stavano facendo tutti i tipi di polke assurde(4)
tutt’intorno alla stanza in una trottola
Giulia ed io abbiamo bandito la loro assurdità
e adattato la giravolta di un reel e una giga
VI
Per evitare che le ragazze si arrabbiassero con me
perchè pensavano che nella danza potessi stramazzare, ho passato sei mesi alla Brooks’ Academy a imparare nuovi passi per il Ballo di Lanigan
CORO
VII
I ragazzi erano felici, le ragazze tutte affettuose
a ballare in tondo in coppie e gruppi
e un incidente accadde, il giovane Terrance McCarthy pestò la crinolina di miss Finnerty(6)
VIII
La povera creatura inciampò e gridò: “Maledetto assassino”(7)
chiamò i suoi fratelli tutti a raccolta
Carmody giurò che non avrebbe lasciato correre fino a ottenere la rivincita al Ballo di Lanigan.
IX
Nel mezzo della fila la signorina Kerrigan cadde,
insieme alle sue guance rosse come una rosa,
alcuni ragazzi dissero che si era pitturata,
ma io credo che avesse bevuto un goccio di troppo
X
Il suo innamorato Ned Morgan così forte e abile
quando vide la sua ragazza spiaccicata alla parete
staccò la gamba sinistra dalla tavola
e picchiò tutti i Chaney al Ballo di Lanigan
XI
Ragazzi o ragazzi che scazzottata!
Presi un calcio dal grande Phelim McHugh
e subito replicai alla sua mossa
e scatenai un terribile baccano
XII
Il vecchio Casey, il piper, fu vicino a essere strangolato
la sua cornamusa e tutti i chanter schiacciati
le ragazze e i ragazzi tutti messi all’angolo
e ciò mise fine al Ballo di Lanigan.

NOTE
1) Athy, Co. Kildare, Irlanda
2) to go to the wall è un’espressione idiomatica per “to be destroyed or fail
3) in altre versioni diventano three weeks

4) La polka è una danza boema di inizio Ottocento che divenne molto popolare a Vienna. La polka e’ stata veloce fin dal suo nascere: col metodo Cellarius i ballerini avevano un contatto permanente, tecnicamente funzionale all’equilibrio della coppia. I seguaci di questo metodo aumentarono sempre di piu’, sia fra i maestri sia fra i giovani danzatori. All’occhio dei benpensanti la polka ballata in tale modo apparve scandalosa. Non mancarono le polemiche e le condanne nei confronti di quanti se ne facevano promotori e assertori. Molti proprietari di locali cercarono di impedire lo svolgimento di questo ballo, in quanto lo stesso, eseguito in modo caotico e violento dalle coppie in preda a una vera e propria trance, causava danni materiali (volavano tavoli e sedie, piatti e bottiglie) e allontanava irrimediabilmente la clientela piu’ tranquilla e moderata. Ma l’ondata di simpatia per questa nuova forma di divertimento cresceva a dismisura: in realta’ si sentiva il bisogno di evadere dalla monotonia delle danze a coppia aperta, dalla cultura delle quadriglie che erano diventate dei riti veri e propri con tutta una serie di rigidita’ e nei comportamenti e negli abbigliamenti. La polka era percepita dalle masse come simbolo di allegria e di spontaneita’. Con queste caratteristiche si sviluppo’ anche in Inghilterra e negli Stati Uniti, dove non mancarono i censori. Verso la fine del 1800 la moda della polka fini’. (tratto da qui)
E tuttavia in Irlanda la Gaelic League nel 1890  mise al bando quelle danze considerate “estranee” ovvero straniere in favore di quelle considerate più tradizionali come una “real irish jigs”
5) anche scritto come “and tipped them a twist of a real Irish jig
6) La crinolina era un accessorio di abbigliamento femminile utilizzato nel corso del XIX secolo. Consisteva in una sottogonna rigida che sosteneva e rendeva gonfie le gonne. Il termine indica sia la struttura della sottogonna, sia il tessuto che la costituiva, sia il tipo di abito che la utilizzava. La crinolina, inventata verso il 1830 dal francese Oudinot, era la sottogonna realizzata originariamente in tessuto rigido, imbottito di crine (da cui il nome), che dava la forma agli abiti femminili dell’Ottocento. Molto in voga verso la metà del secolo, venne sostituita verso il 1860 da Charles Frederick Worth, sarto inglese trapiantato a Parigi, con una gabbia a cerchi metallici e molle d’acciaio, che aumentavano ulteriormente il volume delle gonne. (tratto da Wikipedia qui)
7) melia/millia murder, Mile Murdar = thousand murders. Trovato anche scritto come “Bloody Murder” o “Holy murder”

Tra le versioni più decisamente folk-rock propongo due ascolti:

ASCOLTA i canadesi Enter the Haggis 2015

ASCOLTA i tedeschi Fiddler’s Green 1995

LE VERSIONI STRUMENTALI

ASCOLTA James Galway & Phil Coulter in Legends (1997) (la seconda melodia s’intitola The Kerry Dances

IRISH DANCE

FONTI
http://www.christymoore.com/lyrics/lanigans-ball/
https://thesession.org/tunes/264
http://tunearch.org/wiki/Lannigan’s_Ball
http://folktunefinder.com/tunes/1860
https://worldmusicceltic.wordpress.com/exploration-of-a-song/
http://100fiddletunes.com/lannigans-ball
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=8388

THE CUCKOO’S NEST

“Il nido del Cuculo” (in inglese The Cuckoo’s nest) è una canzone a doppio senso della tradizione inglese, diffusa in particolare in Scozia, Irlanda e America. Il canto del cuculo è foriero di Primavera, ma il nido del cuculo è un eufemismo per sottintendere il sesso femminile. Lasciare l’uovo nel nido (il seme maschile) equivale ad una gravidanza.

Cuculus_canorus

LA MELODIA

Una piacevole hornpipe intitolata anche Jack Tar, The Jack Tar, Jacky Tar, The Jacky Tar, The Magpie’s Nest. (vedi qui)

An extremely popular English melody known throughout the British Isles and British North America whose title, the ‘cuckoo’s nest,’ commonly referred to female pubic hair and accompanying anatomy. It dates to at least the early 18th century. James Aird’s printing in his Selection of Scotch, English, Irish and Foreign Airs, vol. 1 (1782, pg. 66) includes an interesting fourth strain, not found in other sources. Matt Seattle (1987, 1994) believes the tune to originally have been a Scots Measure in D Minor with the title “Come Ashore Jolly Tar (with) Your Trousers On,” but notes that many versions of this tune exist, with quite substantial variation between them, in major and minor keys (he remarks that the Northumbrian William Vicker’s late 18th century setting is evidently minor, despite the key signature). The title appears in numerous 18th and 19th century dance collections, and made Henry Robson’s list of popular Northumbrian song and dance tunes, which he published c. 1800. (tratto da qui)

La variante dal Galles

Con lo stesso titolo è anche una scottish country dance vedi

LA VERSIONE SCOZZESE

Dal repertorio di Jeannie Robertson (qui), diffusa anche in America (Shirley Collins qui) è cantata indifferentemente con il soggetto al femminile o al maschile. Tra le tante versioni testuali si propone questa al femminile che va per la maggiore nelle Renaissance Faires.

ASCOLTA The Sirens, con tanto di mimica, molto allusiva


I
There’s a pombush in the garden where the lads and lasses meet
For it wouldna’ do to do the do they’re doin’ i’ the street
The first time that I went there I was very much impressed
To see the young folks rumplin’ i’ the cuckoo’s nest(1).
CHORUS
It’s hi! the cuckin’ ho! the cuckin’
Hi! the cuckoo’s nest,
Hi! the cuckin’ ho! the cuckin’
Hi! the cuckoo’s nest,
I’ll give any man a shilling and a bottle of the best
Who’ll rumple up the feathers of the cuckoo’s nest(2)
II
I met him in the morning and I had him in the night
He never gone that way before, he had to do it right
He never would have found it, he never would have guessed
If I hadn’t shown him where to find the cuckoo’s nest
III
I showed him where to find it, I showed him where to go
Through the prickles and the brambles where the little cuckoos go
From the moment that he found it, he wouldn’t let me rest
Till he rumpled up the feathers of the cuckoo’s nest
IV
It was thorny, it was prickled, it was deathered(3) all around
It was tucked into a corner where it wasn’t easy found,
I said “Young man you’re plundering(4)”, he said it wasn’t true
But he left me wi the makins of a young cuckoo
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
C’è un cespuglio nel giardino dove i ragazzi e le ragazze si incontrano
per poter fare quello che non potrebbero fare in strada,
la prima volta che ci andai restai molto impressionata
nel vedere i giovanotti arruffarsi nel nido del cuculo
CORO
Evviva il canto del cuculo
evviva il nido del cuculo
Evviva il canto del cuculo
evviva il nido del cuculo
darò ad ogni uomo uno scellino e una bottiglia di quello buono,
a chi arrufferà le piume del cuculo nel nido
II
Lo incontrai al mattino e lo presi la sera
non lo aveva mai fatto e ha voluto farlo bene,
non lo avrebbe mai trovato, non lo avrebbe mai immaginato,
se non gli avessi mostrato dove trovare il nido del cuculo
III
Gli mostrai dove trovarlo, gli mostrai dove andare
attraverso le spine e i rovi dove i piccoli cuculi vanno
dal momento che l’ha trovato, non mi voleva lasciare in pace
finchè non avesse arruffato le piume nel nido del cuculo
IV
Era spinoso e pizzicava, mi avvolgeva tutt’intorno
si è nascosto in un angolo dove non era facile da trovare
dissi “Giovanotto ti sei preso il tuo bottino” lui disse che non era vero,
ma mi ha lasciato con il fagotto di un piccolo cuculo

NOTE
1) il cuculo però non fa il proprio nido perchè depone le uova nel nido degli altri uccelli
2) nelle versioni al maschile la frase diventa: Just to rumple up the feathers of her cuckoo’s nest (e chiaramente il nido del cuculo è una precisa parte anatomica della donna)
3) un refuso più probabilmente sta per feathered; in altre versioni dice “it was compassed all around
4) anche scritto you’re blundering, quindi la ragazza dice “Giovanotto stai facendo un pasticcio!

LA VERSIONE MORRIS DANCE

lovers-observed-dettaglioQuesta versione testuale (probabilmente già in giro ai tempi di Shakespeare) è un tipico contrasto amoroso a botta e risposta in cui l’uomo attenta alla virtù della fanciulla, come già osservato in altre occasioni, questo tipo di canti sono una “prova generale di fertilità” a scopo matrimoniale. Contrariamente alla versione scozzese il rapporto si conclude non con una gravidanza inopportuna, ma con un matrimonio.

Il contesto potrebbe essere una sorta di prova generale, durante la quale i ragazzi e le ragazze, dilettandosi con il sesso, danno prova della loro fertilità (a scopo matrimoniale); un tempo infatti la fertilità della coppia era imprescindibile dall’unione matrimoniale e andare a catturare uccelli tra i cespugli era un buon pretesto. (tratto da qui)

ASCOLTA Ashley Hutchins & Friends

ASCOLTA come contraltare alle Sirens, questa gustosa versione de “The Taming of the Shrew” per Shakespeare’s Globe 2012: strofe I, IV, V, VI, VII: come da teatro elisabettiano la parte femminile è interpretata da un uomo (non proprio giovanissimo), che si drappeggia un lenzuolo intorno ai fianchi; “lei” e lui in piedi sul tavolo mimano tutto lo spassosissimo duetto!!


I
As I was a-walking one morning in May
I met a pretty fair maid and unto her did say:
“For love I am inclined and I’ll tell you my mind
That my inclination lies in your cuckoo’s nest.(1)”
II
“My darling,” said she, “I am innocent and young,
And I scarcely can believe your false deluding tongue.
Yet I see it in your eyes and it fills me with surprise
That your inclination lies in my cuckoo’s nest.”
Chorus
Some like a girl who is pretty in the face,
And some like a girl who is slender in the waist.
But give me a girl that will wriggle and will twist:
At the bottom of the belly lies the cuckoo’s nest.
III
“Then my darling,” says he, “if you see it in my eyes,
Then think of it as fondness and do not be surprised.
For I love you, my dear, and I’ll marry you, I swear,
If you let me clap my hand on your cuckoo’s nest.”
IV
“My darling,” said she, “I can do no such thing,
For my mother often told me it was committing sin
My maidenhead to lose and my sense(1) to be abused.
So have no more to do with(2) my cuckoo’s nest.”
V(3)
“My darling,” says he, “it is not committing sin.
But common sense should tell you it is a pleasing thing,
For you were brought into this world to increase and do your best
And to help a man to heaven in your cuckoo’s nest.”
VI
“Then my darling,” says she, “I cannot you deny,
For you’ve surely won my heart by the roving of your eye(4).
Yet I see it in your eyes that your courage is surprised,
So gently lift your hand in my cuckoo’s nest.”
VII
So this couple they got married and soon they went to bed
And now this pretty fair maid has lost her maidenhead.
In a small country cottage they increase and do their best
And he often claps his hand on her cuckoo’s nest.
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
Mentre ero a passeggio un mattino di Maggio
incontrai una bella ragazza e le dissi
“Sono portato ad amare e ti dirò la mia opinione
che il mio desiderio va al tuo nido del cuculo”
II
“Caro mio – disse lei – sono innocente e giovane
e a mala pena posso credere alla tua lingua falsa e tentatrice,
eppure lo vedo nei tuoi occhi, e mi riempie di sorpresa, che il tuo desiderio va al mio nido del cuculo”
CORO
Alcuni amano la ragazza che è graziosa in viso
e altri amano la ragazza che è sottile in vita
ma datemi una ragazza che sappia come dimenarsi:
nella parte inferiore del ventre si trova il nido del cuculo”
III
“Allora mia cara – dice lui- se lo vedi nei miei occhi, pensa a ciò con affetto e non essere sorpresa
perchè ti amo, mia cara e ti sposerò, lo giuro, se mi lascerai mettere  mano nel nido del cuculo”
IV
“Mio caro – disse lei – non lo posso fare
perchè mia madre spesso mi ha detto che è far peccato
perdere la mia verginità e abusare dei miei sensi,
così non avrai più a che fare con il mio nido del cuculo”
V
“Mia cara – dice lui – non è commettere peccato
ma il senso comune ti dirà che è cosa piacevole,
perchè siamo venuti in questo mondo per moltiplicarci e fare del nostro meglio
e per aiutare un uomo in paradiso nel tuo nido del cuculo”
VI
“Allora mio caro -dice lei – non posso negarmi a te,
perchè di certo hai vinto il mio cuore con i tuoi occhi assassini,
tuttavia vedo nei tuoi occhi che il tuo coraggio è rimasto di stucco,
così dolcemente porta la tua mano nel mio nido del cuculo”
VII
Così questa coppia si sposò e presto andò a letto
e ora questa bella fanciulla ha perso la sua verginità
in una piccola casetta di campagna si moltiplicano e  fanno del loro meglio
e lui spesso mette mano nel nido del cuculo.

NOTE
1) talvolta al posto di sense dicono sex
2) oppure “so I’ll thank you not to think upon
3) la V strofa de “The Taming of the Shrew” riprende i due versi finali della III strofa : “My darling,” says he, “it is not committing sin, but common sense should tell you it is a pleasing thing, I love you my dear and I’ll marry you, I swear if you let me clap my hand on your cuckoo’s nest.”
4) oppure “It surely won’t be hard by the rolling of your eye

FONTI
https://thesession.org/tunes/6101
https://thesession.org/tunes/2395
https://thesession.org/tunes/6380
https://thesession.org/tunes/11295
http://tunearch.org/wiki/Cuckoo’s_Nest_(4)_(The)
https://mainlynorfolk.info/guvnor/songs/cuckoosnest.html
http://www.biostat.wustl.edu/~erich/music/songs/cuckoos_nest.html
http://sangstories.webs.com/cuckoosnest.htm
http://research.culturalequity.org/get-audio-detailed-recording.do?recordingId=24002

http://www.8notes.com/scores/4092.asp
http://www.horntip.com/mp3/1950s/1956–1962ca_bonnie_and_bawdy_scotch_drinking_songs__ewan_maccoll_(LP)/10_the_cuckoos_nest.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=5714

THE BIRD IN THE BUSH

All’approssimarsi di San Valentino ero alla ricerca di una canzone “in tema” e mi sono imbattuta in questa “The bird in the Bush” della tradizione inglese, diffusa anche in Scozia e in particolare nel Galles. Con lo stesso titolo si indica anche un popolare reel irlandese. Ma esaminiamo prima la canzone.

LA CANZONE EROTICA

irish-loversAnche intitolata “Three Maidens A-Milking Did Go” è una canzone a doppio senso: il contesto potrebbe essere una sorta di prova generale, durante la quale i ragazzi e le ragazze, dilettandosi con il sesso, danno prova della loro fertilità (a scopo matrimoniale); un tempo infatti la fertilità della coppia era imprescindibile dall’unione matrimoniale e andare a catturare uccelli tra i cespugli era un buon pretesto.

Benchè il tema trattato sia a dir poco “boccaccesco” la melodia è quasi una slow air, molto romantica. Il testo compare nei broadside ottocenteschi e la tradizione popolare ha tramandato diverse varianti più o meno esplicite.

D’altra parte alcuni vedono nel testo della canzone dei rifermenti a tradizioni arcaiche, forse  a celebrazioni rituali (ovviamente primaverili): la fanciulla che munge è un’immagine fortemente simbolica. La figura di una fanciulla che munge una mucca si ritrova scolpita sulle mura di molte chiese medievali ed è una presenza molto antica in terra d’Irlanda e più in generale lungo le coste d’ Europa. In Irlanda Boinn-Boann, la “Vacca Bianca” (BoVinda) è la dea che rappresenta la prosperità.  La Vacca o il Toro cavalcati da Dee femminili o dalla Luna stessa sono il simbolo del potere della Madre Terra, la forza racchiusa nel segreto della Natura. Così il culto dell’antica dea si trasforma sempre secondo le nuove concezioni .. per restare sempre immutato! (vedi)
In questa chiave di lettura alcuni vedono nell’ultima strofa l’unione del principio maschile con quello femminile.

ASCOLTA Anne Briggs


I
Three maidens(1) a-milking did go
And the wind it blow high
and the wind it did blow low
It tossed their petticoats to and fro(2)
II
They met with a young man they know
And they’ve asked it of him
if he had any skill(3)
To catch them a small bird or two
III
Oh yes I’ve a very good skill
And it’s come away with me
to the yonder flowering tree
And I’ll catch you a small bird or two
IV
So it’s off to the greenwoods went they
And he’s tapped(4) at the bush
and the bird it did fly in
Just a little above her white knee
V
And her sparkling eyes they did turn round
Just as if she was in a swound
And she cried “Oh, I’ve a bird
and a very pretty bird
He’s a-pecking away(5) at his own ground”
VI
Here’s a health to the bird in the bush
And we’ll drink up the sun,
and we’ll drink down the moon
Let the neighbours say little or much(6)
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
Tre fanciulle(1) andarono a mungere
e il vento soffiava forte
e il vento soffiava piano
sollevava le loro gonne su e giù(2)
II
Incontrarono un giovanotto che conoscevano
e gli chiesero
se fosse ben dotato(3)
per catturare un uccellino o due
III
“Oh certo io sono molto dotato
e se verrete con me
dietro a quell’albero fiorito
io vi prenderò un uccellino o due”
IV
Così nel folto del bosco essi andarono
ed egli scosse (4) il cespuglio
e l’uccello volò fuori
proprio un pochino sopra le sue bianche ginocchia
V
E i suoi occhi luminosi si arrovesciarono
come se lei avesse perso i sensi
e gridò:” Oh.. ho un uccello,
proprio un bell’uccellino
che sta beccando sul proprio terreno”
VI
Ecco alla salute dell’uccello nel cespuglio
berremo al sorgere del sole
e berremo al tramonto della luna
e che i vicini dicano quello che gli pare

NOTE
1) maid è non semplicemente una giovane ragazza bensì una fanciulla vergine; a volte una sola, più spesso tre ma anche quattro
2) in questo contesto la sottogonna copre il pudore della donna e viene sollevata dal vento. Nelle ballate è un modo per attirare l’attenzione degli ascoltatori per preannunciare un incontro a sfondo erotico (il vento che soffia = deflorazione)
3) anche qui il doppio senso: letteralmente “se avesse qualche talento”
4) to tap nel linguaggio colloquiale tapped= to gain access to something. Usually sexual relations with a female.
5) l’immagine evocata è quello della lentezza, l’uccellino becca piano ma con determinazione
6)”The sun is I believe a reference to the male-god, and the moon a reference to the female-goddess. ‘Drinking it up and down’ a reference to the act of taking the god/goddess into oneself- something practiced in many religions even today- for example the shamanistic Jzankris of Nepal, where I live. And Finally: ‘Let the people say little or none’. During several centuries people tried to practice the old rites covertly, as secretly as possible- off in the forest perhaps- to escape detection, inquisition and the stake!” (tratto da qui)

Una gustosa scenetta delle Sultry Sirens of Sin riconduce la canzone nella sua versione “ammiccante”


I
Now as maidens a-milking we did go
As maidens a-milking we did go
And the wind it did blow high
And the wind it did blow under
And it tossed our petticoats to and fro
II
Well we met with a young man we did know
We met with a young man we did know
And I asked it of him
Had he got any learning
For to catch me a little bird or so
III
“Oh yes I’ve a very good skill
Oh yes I’ve a very good skill
If you’ll come along with me
Down to yonder flowering bushes
I will catch you a little bird or three.”
IV
Well we went till they came down to a bush
We went till they came down unto three
And the little bird flew in —
And you know just what I mean —
And I caught it a little by my right knee
V
Here’s a health to the birds all in the bush
A health to the bonny rigadoon
For tonight we will get paid
And tomorrow we will spend it
And go home by the light of the moon
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
Come vergini fanciulle andammo a mungere
Come vergini fanciulle andammo a mungere
e il vento soffiava forte
e il vento soffiava piano
sollevava le nostre gonne su e giù
II
Incontrammo un giovanotto che conoscevano
Incontrammo un giovanotto che conoscevano
e gli chiesi
se avesse qualche esperienza
per catturarmi un uccellino o così
III
“Oh certo io sono molto dotato
Oh certo io sono molto dotato
e se verrai con me
dietro a quell’albero fiorito
io ti prenderò un uccellino o tre”
IV
Andammo finchè arrivarono a un cespuglio
Andammo finchè arrivarono a un cespuglio
e l’uccellino volò fuori –
sai proprio di cosa sto parlando –
e lo presi un po’ dritto tra le mie ginocchia
V
Ecco alla salute dell’uccello nel cespuglio
alla salute della bella danza
perchè stanotte verremo ripagate
e domani lo spenderemo
e torneremo a casa alla luce della luna

per concludere aggiungo anche la versione degli Steeleye Span, il gruppo la registrò nell’album “Now we are six”, 1974 con il titolo Drink Down the Moon / The Cuckoo aggiungendo per buon misura un secondo brano noto come “The Cuckoo nest” vedi


BIRD IN THE BUSH (Drink Down the Moon)
I
Three maidens a-milking did go
And the wind it did blow high
and the wind it did blow low;
It tossed their petticoats to and fro.
II
They met with some young man they know,
And they boldly asked him
if he had any skill
To catch them a small bird or two.
III
Oh yes I’ve a very good skill,
And it’s come along with me
to yonder flowering tree
And I’ll catch a small bird or two.
IV
So off to the greenwood went they
And it’s off to the greenwood went they,
And he tapped at the bush
and the bird it did fly in
A little above her lily-white knee.
V
Her sparkling eyes they did turn around
Just as if she had been all in a swoon,
And she cried, “I’ve a bird a
nd a very pretty bird
And he’s pecking away at his own ground.”
VI
Here’s health to the bird in the bush,
And we’ll drink up the sun,
we’ll drink down the moon,
Let the people say little or much.
TRADUZIONE ITALIANO D CATTIA SALTO
I
Tre fanciulle andarono a mungere
e il vento soffiava forte
e il vento soffiava piano
sollevava le loro gonne su e giù
II
Incontrarono un giovanotto che conoscevano
e gli chiesero con sfacciataggine
se fosse ben dotato
per catturare un uccellino o due
III
“Oh certo io sono molto dotato
e se verrete con me
dietro a quell’albero fiorito
io vi prenderò un uccellino o due”
IV
Così fuori dal folto del bosco essi andarono
fuori dal folto del bosco essi andarono
ed egli battè il cespuglio
e l’uccello volò fuori proprio un pochino sopra le sue bianche ginocchia
V
E i suoi occhi luminosi si arrovesciarono
come se lei avesse perso i sensi
e gridò:” Oh ho un uccello
proprio un bell’uccellino
che sta beccando sul proprio terreno”
VI
Ecco alla salute dell’uccello nel cespuglio
berremo al sorgere del sole
e berremo al tramonto della luna
e che la gente dica quello che gli pare

per la seconda canzone dal titolo The cuckoo’s nest continua


CUCKOO’S NEST
I
There is a thorn bush in our kailyard(1);
At the back o’thon bush there lays a lad and lass
And they’re busy, busy fairing at the cuckoo’s nest.
CHORUS
Hi the cuckoo, ho the cuckoo,
hi the cuckoo’s nest,
I’d give anybody a shilling and a bottle of the best
That’ll rumple up the feathers in the cuckoo’s nest.
II
It is thorn and it is prickle, it is compassed all around;
It is thorn and it is prickle,
and it isn’t easy found.
She said, “young man you blunder”, and I said it isn’t true
And I left her with the makings of a young cuckoo

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
C’è un rovo nel nostro orto
e dietro al ramo spinoso vanno i ragazzi e le ragazze
e si danno molto da fare attorno al nido del cuculo.
CORO
Evviva il canto del cuculo
evviva il nido del cuculo
darò ad ognuno uno scellino e una bottiglia di quello buono,
a chi arrufferà le piume del cuculo nel nido
II
E’ spinoso e pizzica, mi avvolge tutt’intorno
è spinoso e pizzica
e  non è facile da trovare
disse lei “Giovanotto stai facendo un pasticcio” e io dissi che non era vero,
e la lasciai con il fagotto di un piccolo cuculo

NOTE
1) kail yard = cabbage patch

LA MELODIA: IL REEL

TITOLI: Bird in the Bush, Bird(s) in(on) the Tree, The Two Birds in the Tree, An tÉan ar an gCraobh, An tÉan ar an gCrann, An tÉan sa Sceach.
Un reel molto popolare in Irlanda immancabile nei set da danza

ASCOLTA Comhaltas in Foinn Seisiún Volume 1

APPROFONDIMENTO
https://thesession.org/tunes/629
https://www.irishtune.info/tune/156/

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/san-valentino.htm
https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/thebirdinthebush.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=25301
https://afolksongaweek.wordpress.com/2013/03/09/week-81-three-maidens-a-milking-did-go/
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/200.html

BEHIND THE BUSH IN THE GARDEN

La melodia è una jig conosciuta in Irlanda con il titolo “Behind the Bush in the Garden” pur avendo anche molti altri titoli (vedi su the session qui), con il testo in gealico irlandese prende il titolo “Teidhir Abhaile Riu“, e in Scozia diventa una canzone giacobita dal titolo “Wha’ll be King but Charlie?
Una melodia molto popolare che non si può non aver ascoltato (o suonato/ballato) almeno una volta nella vita!

ALTRI TITOLI: The Bargain Is Over, Cha Dean Mi’n Obair, I Won’t Do The Work, Macdonald, Mulberry Garden, Oisin’s Tune, The Road To Ballintoy, Se ‘n Righ A Th’againn Is Fearr Leinn, Single, Tá Do Mhargadh Déanta, Teidhir Abhaile Riú, Téir Abhaile Riú, The Tidy Girleen, Tidy Gurline, The Tidy Woman, Wha’ll Be King But Charlie, Wha’ll Be King But Charlie?, What’ll Be King But Charlie, Who’ll Be King But Charlie, Who’ll Be King But Charlie?

ASCOLTA Andy McGann & Paddy Reynolds

ASCOLTA Horslips con il titolo Oisin’s Tune

Behind the Bush in the Garden is well-known in Ireland, Scotland, Cape Breton and the Shetlands. In Scotland it is best known as Wha’ll Be King but Charlie and was a rallying song for the Jacobites. Indeed, a few Irish fiddlers have recorded the tune under the title Royal Charlie, and this seems to support the Jacobean link. Some attribute the tune to the great Scottish fiddler Neil Gow, although he never claimed it. This delightfully melodic single jig is also commonly used to accompany the dance Flora MacDonald’s Fancy. (tratto da qui)

La melodia per la Flora MacDonald’s Fancy è anche questa mentre come scottish country dance le istruzioni sono qui

FONTI
https://thesession.org/tunes/1888
http://tunearch.org/wiki/Behind_the_Bush_in_the_Garden_(1)
https://www.irishtune.info/tune/126/
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=73421
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=7714

MORNING DEW

Con questo titolo generico “My Morning Dew”, “The May Morning Dew” o anche solo “Morning Dew” si indicano diverse canzoni e anche brani strumentali della tradizione celtica

Morning_Dew_III_by_Nitrok

Inizio come sempre dalla melodia

MAY MORNING DEW: SLOW AIR O REEL?

“The May Morning Dew” è il titolo di una slow air (vedi)

ASCOLTA Davy Spillane in “The Storm”, 1985

ASCOLTA Patrick Ball e la sua magica arpa dalle corde di metallo (la seconda melodia è The Butterfly jig)

ASCOLTA Mick O’Brien all’uilleann pipes

“Morning Dew” è anche un popolarissimo reel, generalmente in tre parti conosciuto anche con il nome di Giorria Sa BhFraoch, Hare Among The Heather o Hare In The Heather “Morning Dew [1]” has been one of the more popular reels in recent decades, although the title seems a relatively modern appellation. It was printed by James Kerr in Scotland as “Hare Among the Heather (The)” in the 1880’s, and it was recorded under that title by Margret Barry and County Sligo fiddler Michael Gorman in 1956. A portion of the tune was used by Chieftains piper Paddy Moloney for his first film score, Ireland Moving. Accordion player Luke O’Malley’s version starts with the part that usually appears as the 3rd part in most other versions (Kerr’s version also starts on another part). (tratto da qui)

ASCOLTA il violino di Martin Hayes & Dennis Cahill

The Chieftains, live

MAY MORNING DEW AIR

La May Morning Dew (air) è una melodia tradizionale irlandese dalla tristezza infinita, che accompagna il canto di una persona molto anziana la quale, alla vista della vallata natia, richiama i ricordi dei tempi passati: e con essi la tristezza per il vuoto lasciato dalla perdita degli affetti.
La stagione della primavera è ricordata con rimpianto come la stagione della giovinezza ormai sfiorita e le lacrime cadono come rugiada del mattino.

La melodia è molto popolare nella zona Ovest della contea di Clare (Munster, costa occidentale) raccolta in “Around the Hills of Clare” , 2004 (vedi): This song, evoking old age and the passing of time, while being very popular in West Clare, does not seem to have been recorded from traditional singers very often elsewhere; the only other two versions listed by Roud being from Ann Jane Kelly of Keady, Armagh in 1952 and Paddy Tunney of Beleek, Fermanagh in 1965. (tratto da qui)

The Chieftains in “Water from the Well“, 2000


I
How pleasant in winter
To sit by the hob(1)
Just listening to the barks
And the howls of the dog
Or to walk through the green fields
Where wild daisies grew
To pluck the wild flowers
In the may morning dew
II
When summer is coming
When summer is near
With the trees oh so green
And the sky bright and clear
And the wee birds all singing
Their loved ones to woo
And young flowers all springing
In the may morning dew(2)
III
I remember the old folk
All now dead and gone
And likewise my two brothers
Young Dennis and John
How we ran o’er the heather
The wild hare to pursue
And the proud deer we hunted
In the may morning dew
IV
Of the house I was born in
There’s but a stone on the stone
And now all ‘round the garden
Wild thistles have grown
And gone are the neighbours(3)
That I once knew
No more will we wander
Through the may morning dew
tradotto da Cattia Salto
I
Com’è piacevole in Inverno
sedersi al focolare
e ascoltare il cane
che abbia e ulula
o camminare per i verdi campi
dove crescono le margherite selvatiche, a raccogliere i fiori
nella rugiada del mattino di Maggio
II
Quando l’estate è in arrivo
quando l’estate è vicina
con gli alberi così verdi
e il cielo luminoso e chiaro
e tutti gli uccellini cantano
per corteggiare le innamorate
e tutti i fiori sbocciano
nella rugiada del mattino di Maggio
III
Mi ricordo i vecchi
che sono morti e andati
così come i miei due fratelli,
il giovane Dennis e John
come correvamo sull’erica
per catturare la lepre
e cacciare il cervo fiero
nella rugiada del mattino di Maggio
IV
La casa dove sono nato
non è che pietra su pietra
e in tutto il giardino
sono cresciuti i cardi selvatici
e se ne sono andati tutti i vicini
che conoscevo un tempo
non potremo più andare in giro
nella rugiada del mattino di Maggio

NOTE
1) hob piano di cottura dei camini di un tempo
2) tutta la strofa è tipica dei canti del Maggio, quando le allegre brigate dei giovani andavano nei boschi a raccogliere fiori e ramoscelli da portare in paese per far entrare il Maggio nelle case. continua
3) qui si accenna allo spopolamento del paese e il senso di abbandono del luogo si riverbera sulla condizione della vecchiaia

ASCOLTA Dolores Keane


I
How pleasant in winter
to sit by the hearth
Listening to the barks
and the howls of the dog
Or in summer to wander
the wide valleys through
And to pluck the wild flowers
in the May morning dew.
II
Summer is coming,
oh summer is here
With leaves on the trees
and the sky blue and clear
And the birds they are singing
their fond notes so true
And the flowers they are springing
in the May morning dew(2)
III
The house I was reared in
is but a stone on a stone
And all round the garden
the weeds they have grown
And all the kind neighbours
that ever I knew
Like the red rose they’ve withered
in the May morning dew
IV
God be with the old folks
who are now dead and gone
And likewise my brothers,
young Dennis and John
As they tripped through the heather
the wild hare to pursue
As their joys they were mingled
in the May morning dew
TRADUZIONE ITALIANO
I
Com’è piacevole in Inverno
sedersi al focolare
e ascoltare il cane
che abbia e ulula
o in Estate camminare
per le ampie valli
a raccogliere i fiori
nella rugiada del mattino di Maggio
II
L’estate è in arrivo
l’estate è qui
con le foglie sugli alberi
e il cielo luminoso e chiaro
e tutti gli uccelli cantano
le loro melodie appassionate e sincere
e tutti i fiori sbocciano
nella rugiada del mattino di Maggio
III
Ma la casa dove sono cresciuto
non è che pietra su pietra
e in tutto il giardino
sono cresciute le erbacce
e tutti i vicini cordiali
che ho mai conosciuto
come la rosa rossa sono appassiti
nella rugiada del mattino di Maggio
IV
Dio sia con i vecchi
che sono morti e andati
così come i miei fratelli,
il giovane Dennis e John
mentre corrono sull’erica
per catturare la lepre
quando le loro gioie si univano
nella rugiada del mattino di Maggio

FONTI
https://thesession.org/tunes/8547
https://mainlynorfolk.info/frankie.armstrong/songs/themaymorningdew.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=31905
http://tunearch.org/wiki/Annotation:Morning_Dew_(1)_(The)
http://www.clarelibrary.ie/eolas/coclare/songs/cmc/may_morning_dew_oconway.htm
http://www.clarelibrary.ie/eolas/coclare/songs/cmc/may_morning_dew_khayes.htm
http://www.clarelibrary.ie/eolas/coclare/songs/cmc/may_morning_dew_jlyons.htm
http://www.clarelibrary.ie/eolas/coclare/songs/cmc/may_morning_dew_pegmcmahon.htm