LES TRISTES NOCES

5413113294_KNIGHT20AND20MAIDEN_xlargeLa versione francese della ballata “Lord Thomas and Annet”, un triangolo amoroso in cui il protagonista sposa  la fanciulla scelta dai genitori pur essendo innamorato dell’altra; come nella versione scozzese, la bella muore di crepacuore stretta tra le braccia del novello sposo, il quale affranto dal dolore, si trafigge il petto con un pugnale.
Nella versione inglese è invece la sposa ad uccidere la rivale accecata dalla gelosia. (vedi)

ASCOLTA Malicorne La loro è una versione ridotta della ballata tradizionale (vedi); l’arrangiamento interpreta magistralmente l’andamento del testo affidando alla ghironda l’intermezzo musicale corrispondente alla danza tra i due amanti.


Qui veut ouïr chanson
Chansonnette nouvelle
Chante rossignolet
Qui veut ouïr chanson
Chansonnette nouvelle
C’est un jeune garçon
Et une demoiselle
Chante rossignolet
On fait l’amour sept ans
Sept ans sans rien en dire
Chante rossignolet
Mais au bout de sept ans
Le galant se marie
Au jardin de sa mère
Y a un buisson d’orties
Chante rossignolet
En a fait un bouquet
Pour porter à s’amie
“Je suis venue vous inviter
Pour venir demain à mes noces
La belle si vous y venez
Mettez la plus belle de vos robes”
La belle n’y a pas manqué
S’est fait faire trois robes
La première de satin blanc
L’autre de satin rouge
La troisième d’or et d’argent
Pour montrer qu’elle est noble
Du plus loin qu’on l’aperçoit
“Voici la mariée”
“Je ne suis pas la mariée
Je suis la délaissée”
Sitôt que la belle est entrée
La prend par sa main blanche
“Je suis venu vous demander
Un petit tour de danse”
Au premier tour qu’elle fait
La belle tombe morte
Chante rossignolet
Il a pris son couteau
Se le plante dans les côtes
Chante rossignolet
Sur la tombe du garçon
On planta une épine
Chante rossignolet
Sur la tombe de la fille
On planta une olive
L’épine crut si haut
Qu’elle embrassa l’olive
Chante rossignolet
On en tira du bois
Pour en faire des navires
Les gens s’en vont disant
“Mon Dieu les tristes noces”
Chante rossignolet
Traduzione di Cattia Salto
Chi vuol sentire la canzone
una nuova canzonetta.
Canta usignolo
Chi vuol sentire la canzone
una nuova canzonetta?
C’è un giovane uomo
e una damigella
Canta usignolo
che si sono frequentati per sette anni, per sette anni senza promessa (1).
Canta usignolo
Ma dopo sette anni
il cavaliere si sposa,
nel giardino di sua madre
c’è un cespuglio ortica
Canta usignolo
ne ha fatto un mazzolino
da portare alla sua amica.
“Sono venuto per chiederti
di venire al mio matrimonio domani.
Bella se verrai
mettiti il più bel vestito”
La bella non poteva mancare
si è fatta fare tre vestiti
il primo di raso bianco
l’altro di raso rosso
e il terzo d’oro e argento
per mostrare che è nobile (2).
Non appena la videro (dissero)
“Ecco qui la sposa”
“La sposa io non sono,
io sono quella abbandonata”
Non appena la bella è entrata
lui le prese la bianca mano
“Sono venuto a invitarvi
per un piccolo giro di danza”
Al primo giro che fece
la bella cadde morta (3),
Canta usignolo
egli prese il suo stiletto
per piantarselo nel petto.
Canta usignolo
Sulla tomba del ragazzo
Abbiamo piantato un rovo
Canta usignolo
sulla tomba della ragazza
abbiamo piantato un olivo (4)
il rovo crebbe in alto
ad abbracciare l’olivo
Canta usignolo
da cui si prende legna
per fare le navi
le persone che passano dicono
“Dio mio che triste nozze!”
canta usignolo

NOTE
1) simile alla versione scozzese Child # 73 A il verso ci dice che sebbene sia trascorsi sette anni tra i due innamorati non c’è mai stato un accorso matrimoniale. Il sette è come sempre nelle ballate un numero simbolico.
2) in questa versione non viene rilevata la differenza di classe tra le due donne, le quali non sono nemmeno distinte in base al colore dei capelli.
3) la morte per crepacuore
4) l’olivo simboleggia pace, forza, fede, trionfo, vittoria, onore. Una pianta decisamente mediterranea (vedi)

FONTI
http://mudcat.org/Detail.CFM?messages__Message_ID=260529

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*