KEEP OUT OF THE KITCHEN: UNFORTUNATE COURTSHIP

kitchen-courtingNota anche con il titolo di “Captain Kelly’s Kitchen,” la ballata si ritrova in alcuni broadside di metà Ottocento con versioni diverse da quella qui accreditata. La “beau” della storia è una servetta, che coglie l’occasione dell’assenza domenicale del suo padrone, il capitano Kelly, per invitare un bel giovanotto a “prendere il tè” (per modo di dire) in cucina!
Il giovanotto, pur di ottenere quanto sospirato, promette anche il matrimonio, ma ahimè si rimangia la parola una volta che tutto è finito.
In una versione ottocentesca, lo vediamo darsela a gambe quando i due sentono ritornare la carrozza del Capitano; nel tentativo maldestro di scappare, il malcapitato cade nel fuoco – le cucine vittoriane sono piene di grandi camini con il fuoco acceso.. – e per spegnere l’incendio  lei gli getta addosso il secchio dell’acqua sporca! Ma è alla stazione di polizia che lo sfortunato ragazzo trova la sorte peggiore: la ragazza forse per vendicarsi della promessa di matrimonio fasulla, lo accusa di essere entrato in casa per rubare e di averla aggredita.
Così il consiglio che il ragazzo da nell’ultima strofa agli altri giovanotti è questo
So all young men a warning take, when for love you feel an itching, do your business on the area steps, but keep out of the kitchen” (Bodleian Ballads, Firth c.18(175); 1858-1885. stampato da W. B. Fortney, Monmouth Court, Bloomsbury, Londra).

COURTING IN THE KITCHEN

Si possono ascoltare le registrazioni dei Clancy Brothers e Tommy Makem in uno stile più tradizionale oppure i Dorpkick Murphys con il loro celtic punk-metal, ma assolutamente irresistibile è la versione dei Gaelic Storm!

ASCOLTA Tommy Makem & The Clancy Brothers

ASCOLTA Gaelic Storm


I
Come single belle and beau unto me pay attention
don’t ever fall in love it’s the Devil’s own invention
for once I fell in love with a lady do bewitchin’
Miss Henrietta Bell down in Captain Kelly’s kitchen
CHORUS X2
too ra loo ra la
too ra loo ra laddie
II
At the age of seventeen I was ‘prenticed by a grocer
Not far from Stephen’s Green(1) where Miss Henry used to go sit
her manners were so fine she set my heart a twitchin’
she invited me to a hooley (2) in the kitchen
III
Next Sunday being the day we were to have the flare up
I dressed me self quite gay and I frizzed and oiled my hair up
the Captain had no wife and he’d gone off a fishin’
so we kicked up high life to hooley in the kitchen
IV
She slipped up to her room, I says “good Lord, Almighty!”
She came back down the stairs, wearin’ nothin’ but her nightie
With her arms around me waist, she slyly hinted marriage
When to the door in haste, came captain Kelly’s carriage
V
When the captain came downstairs,
though he saw me situation
In spite of all me prayers,
I was marched off to the station
For me they set no bail, but to get to the home I was itchin’
And I had to tell the tale, for I came in to the kitchen
VI
Well, I swore she did invite me, though she gave a flat denial
For assault, they did indict me and I was sent for trial
She swore I robbed the house in spite of all me screechin’
And I got six months hard, for me courtin’ in the kitchen
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Venite ragazze sole e belle e prestatemi attenzione
non bisogna mai innamorarsi
è proprio un’invenzione del diavolo
Beh, una volta mi sono innamorato
di una fanciulla così ammaliante
la signorina Henrietta Bell giù nella cucina del capitano Kelly
CORO
Anche con me-rah-loo-rah-la
E anche me-rah-loo-rah-laddie
II
All’età di diciassette anni
sono stato apprendista di un droghiere
non lontano dai giardini di Santo Stefano 1) dove la signorina Henry andava a sedersi; i suoi modi erano così eleganti
i suoi modi mi facevano battere il cuore
lei mi ha invitato per una festa (2) in cucina
III
La domenica successiva fu il giorno
che dovevamo fare il botto,
mi vestii tutto elegante e mi frizionai i capelli e mi misi il gel,
il capitano non aveva moglie ed era andato fuori a pesca
così ci siamo scatenati in una festa in cucina
IV
Lei salì nella sua stanza, dico
“Buon Dio Altissimo”
e scese dalle scale, indossando nient’altro che la sua camiciola da notte
con le braccia intorno ai miei fianchi,
lei maliziosamente accennò al matrimonio, quando alla porta di corsa arrivò la carrozza del capitano Kelly
V
Quando il capitano scese
da basso
appena vide la mia situazione
a dispetto di tutte le mie preghiere
fui spedito alla stazione (di polizia);
per me non c’era cauzione,
ma di andare a casa non vedevo l’ora,
e ho dovuto raccontare la storia del perchè andai in cucina
VI
Io lo giuro lei mi invitò,
anche se ha dato una netta smentita,
mi hanno fatto incriminare per aggressione, e sono stato mandato in giudizio lei ha giurato che ho rubato in casa e nonostante tutto il mio putiferio,
ho avuto sei duri mesi
per il mio corteggiamento in cucina

NOTE
1) un parco di Dublino molto frequentato
2) “hooley” è slang irlandese per una festa con musica

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=16342
http://chivalry.com/cantaria/lyrics/courtin-in-the-kitchen.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*