JOHN BARLEYCORN

John Barleycorn (in italiano Giovanni Chicco d’Orzo) è una canzone tradizionale diffusa in Inghilterra e in Scozia, incentrata su questo personaggio popolare, che è in ultima analisi lo spirito della birra e del whisky. (vedi) Del testo della canzone esistono diverse versioni -la più antica che si conosce risale al 1460- raccolte in varie epoche.
Come spesso accade con le ballate più popolari si parla di famiglia in riferimento ad un insieme di testi e melodie collegati tra di loro o imparentati.

Il diagramma tracciato da Pete Wood è ben documentato e si rimanda al suo John Barleycorn revisited per l’approfondimento: la prima ballata che identifica un uomo con lo spirito dell’orzo è Allan-a-Maut (Allan del Malto) e proviene dalla Scozia.
La prima ballata che riporta il nome John Barleycorn è del 1624 stampata a Londra “A Pleasant new Ballad.To be sung evening and morn, of the bloody murder of Sir John Barleycorn” abbreviata in The Pleasant Ballad: come sottolinea Pete Wood, tutti gli elementi che caratterizzano la versione attuale della ballata sono già presenti, il giuramento dei cavalieri per uccidere John, la pioggia che lo disseta, e il sole che lo riscalda per dargli energia, il mugnaio che lo macina tra due pietre.

spirito-granoLa ballata narra la morte del Re dell’Orzo e riprende miti e credenze che risalgono all’inizio della civiltà contadina, usanze che sono state seguite in Inghilterra in queste forme fino ai primi decenni del ‘900.
Secondo James George Frazier ne “Il ramo d’oro”, anticamente era scelto tra i giovani della tribù e trattato come un re per un anno; poi in un tempo prestabilito, veniva ucciso seguendo un macabro rituale: il suo corpo veniva trascinato per i campi in modo che il sangue imbevesse la terra e nutrisse l’orzo.

Così più recentemente nella tradizione celtica contadina lo spirito del grano entrava nel mietitore che tagliava l’ultimo covone (e simbolicamente uccideva il dio) e doveva essere sacrificato proprio con le modalità descritte nella canzone (o quantomeno in modo figurato e simbolico). continua
Lo spirito del Grano-Orzo non muore mai perchè rinasce l’anno successivo con il nuovo raccolto, la sua forza e il suo ardore sono contenuti nel whisky che si ottiene dalla distillazione del malto d’orzo!

In merito alla melodia Pete Wood osserva:
“The Pleasant ballad” was set to the tune “Shall I Lie Beyond Thee?” on the broadside.63  This tune is quoted by a number of sources by a variety of very similar titles, including “Lie Lulling Beyond Thee” .  It is this writer’s belief from a variety of considerations, including Simpson 64 that these are one and the same tune.  There has been some confusion regarding the use of the tune “Stingo” for various members of the family.  Several publications say that John Barleycorn should be sung to this tune, (including Dixon), and some people have assumed this was the tune for “The Pleasant Ballad.”  These impressions seem to have originated from Chappell 65, who meant that “Stingo” was the tune for another member of the family “The Little Barleycorne”, a view which accords with his own comments on the version in the Roxburghe Ballads 66, with Simpson, and Baring-Gould who says ‘[Stingo] is not the air used in the broadsides nor in the west of England’ 67.  Two further tunes, “The Friar & the Nun” and “Twas when the seas were roaring”, are mentioned by Simpson.  Mas Mault has been suggested to be set to the tune “Triumph and Joy”, the original title of “Greensleeves”. 68

In realtà ben 45 diverse melodie sono state utilizzate nei secoli per questa ballata, e Pete Wood analizza le quattro melodie più diffuse.

JOHN BARLEYCORN, MELODIA 1

la versione di John Stafford del 1906 pubblicata da Sharp in English Folk Songs probabilmente la melodia che più si avvicina all’epoca di Giacomo I
ASCOLTA The Young Tradition

JOHN BARLEYCORN, MELODIA DIVES AND LAZARUS

Dives and Lazarus ovvero la versione di Shepherd Haden resa popolare per essere stata inclusa nel The Penguin Book of English Folk Songs
ASCOLTA Traffic (nel video con molte antiche stampe e immagini in tema) una versione che non ha perso per nulla il suo smalto! Imparata da Mike Waterson

ASCOLTA Jethro Tull
ASCOLTA Damh The Bard in The Hills They Are Hollow

JOHN BARLEYCORN, MELODIA 3

la versione di Robert Pope ripresa da Vaughan Williams nel suo Folk Song Suite
ASCOLTA la versione per orchestra

JOHN BARLEYCORN, MELODIA 4

come collezionata nel Shropshire
ASCOLTA Fred Jordan

VERSIONE DEI TRAFFIC (anche Mike Waterson)
I
There was three men come out of the West
Their fortunes for to try
And these three men made a solemn vow
John Barleycorn(1) must die.
II
They ploughed, they sowed, they harrowed him in
Throwing clods all on his head
And these three men made a solemn vow
John barleycorn was Dead.
III
They’ve left him in the ground for a very long time
Till the rains from heaven did fall
Then little Sir John’s sprung up his head
And so amazed them all
IV
They’ve left him in the ground till the Midsummer
Till he’s grown both pale and wan
Then little Sir John’s grown a long, long beard
And so become a man.
V
They hire’d men with their scythes so sharp
To cut him off at the knee.
They’ve bound him and tied him around the waist
Serving him most barb’rously
VI
They hire’d men with their sharp pitch-forks
To prick him to the heart
But the drover he served him worse than that
For he’s bound him to the cart.
VII
They’ve rolled him around and around the field
Till they came unto a barn
And there they made a solemn mow
Of Little Sir John Barleycorn
VIII
They’ve hire’d men with their crab-tree sticks
To strip him skin from bone
But the miller, he served him worse than that,
For he’s ground him between two stones.
IX
Here’s Little sir John in the nut-brown bowl(2)
And brandy in the glass
But Little Sir John in the nut-brown bowl’s
Proved the stronger man at last
X
For the hunts man he can’t hunt the fox
Nor so loudly blow his horn
And the tinker, he can’t mend Kettles or pots
Without a little of Sir John Barleycorn.

NOTE
(1) John Grano d’Orzo, personificazione del whisky e della birra
(2) La botte di legno di noce o di rovere usata tutt’oggi per invecchiare il whisky

TRADUZIONE ITALIANO DI ALBERTO TRUFFI
C’erano tre uomini che venivano da occidente, per tentare la fortuna e questi tre uomini fecero un solenne voto: John Barleycorn (1) deve morire. Lo avevano arato, lo avevano seminato, l’avevano ficcato nel terreno e avevano gettato zolle di terra sulla sua testa e questi tre uomini fecero un voto solenne John Barleycorn era morto. Lo lasciarono giacere per un tempo molto lungo, fino a che scese la pioggia dal cielo e il piccolo sir John tirò fuori la sua testa e lasciò tutti di stucco. L’avevano lasciato steso fino al giorno di mezza estate e fino ad allora lui era sembrato pallido e smorto e al piccolo sir John crebbe una lunga lunga barba e così divenne un uomo. Avevano assoldato uomini con falci veramente affilate per tagliargli via il collo l’avevano avvolto e legato tutto attorno, trattandolo nel modo più brutale. Avevano assoldato uomini con i loro forconi affilati che l’avevano conficcato nella terra e il caricatore lo trattò peggio di tutti perché lo legò al carro. Andarono con il carro tutto intorno al campo finchè arrivarono al granaio e fecero un solenne giuramento sul povero John Barleycorn. Assoldarono uomini con bastoni uncinati per strappargli via la pelle dalle ossa e il mugnaio lo trattò peggio di tutti perché lo pressò tra due pietre. E il piccolo sir John con la sua botte di noce (2) e la sua acquavite nel bicchiere e il piccolo sir John con la sua botte di noce dimostrò che era l’uomo più forte. Dopo tutto il cacciatore non può suonare il suo corno così forte per cacciare la volpe e lo stagnaio non può riparare un bricco o una pentola senza un piccolo (sorso) di grano d’orzo.

ASCOLTA Steeleye Span in Below the Salt 1972 (che ho classificato come Melodia 3 più per l’assonanza)


I (Spoken)
There were three men
Came from the west
Their fortunes for to tell,
And the life of John Barleycorn as well.
II
They laid him in three furrows deep,
Laid clods upon his head,
Then these three man made a solemn vow
John Barleycorn was dead.
III
The let him die for a very long time
Till the rain from heaven did fall,
Then little Sir John sprang up his head
And he did amaze them all.
IV
They let him stand till the midsummer day,
Till he looked both pale and wan.
The little Sir John he grew a long beard
And so became a man.
CHORUS:
Fa la la la, it’s a lovely day
Fa la la la lay o
Fa la la la, it’s a lovely day
Sing fa la la la lay
V
They have hired men with the scythes so sharp,
To cut him off at the knee,
The rolled him and they tied him around the waist,
They served him barbarously.
VI
They have hired men with the crab-tree sticks,
To cut him skin from bone,
And the miller has served him worse than that,
For he’s ground him between two stones.
VII
They’ve wheeled him here,
they’ve wheeled him there,
They’ve wheeled him to a barn,
And thy have served him worse than that,
They’ve bunged him in a vat.
VIII
They have worked their will on John Barleycorn
But he lived to tell the tale,
For they pour him out of an old brown jug
And they call him home brewed ale(3).
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I (Parlato)
C’erano tre uomini
che venivano da occidente,
per tentare sia la fortuna
che la vita di John Barleycorn
II
Lo hanno steso in tre solchi profondi
e ricoperto con zolle di terra
e quei tre uomini fecero un giuramento solenne,
John Barleycorn era  morto.
III
Lo lasciarono giacere per un tempo molto lungo
fino a che scese la pioggia dal cielo
e il piccolo sir John tirò fuori la sua testa
e lasciò tutti di stucco
IV
Lo lasciarono riposare fino al giorno di mezza estate
e fino ad allora lui era sembrato pallido e smorto
e al piccolo sir John crebbe una lunga barba
e così divenne un uomo
Ritornello
Fa la la la, che bel giorno
canta fa la la la lay
Fa la la la, che bel giorno
canta fa la la la lay
V
Avevano assoldato uomini con falci veramente affilate
per tagliarlo all’altezza del ginocchio,
l’avevano avvolto e legato tutto attorno ai fianchi,
trattandolo nel modo più brutale.
VI
Assoldarono uomini con bastoni uncinati
per strappargli via la pelle dalle  ossa
e il mugnaio lo trattò peggio di tutti
perché lo pressò tra due pietre
VII
Lo hanno spinto qui
lo hanno spinto là
lo hanno spinto in un fienile
e lo trattarono peggio di tutti
perchè lo tapparono per bene dentro un tino
VIII
Hanno fatto la loro volontà su John Barleycorn
ma lui visse per raccontare la sua storia,
che lo hanno versato in un boccale di coccio
e lo hanno chiamato birra fatta in casa!

NOTA
3) la birra si distingueva in origine in “beer” (con il luppolo) e “ale” (senza luppolo). La bevanda più antica del mondo ottenuta dalla fermentazione di vari cereali. I suoi processi di lavorazione partono da una fermentazione spontanea dell’amido (ossia lo zucchero) prevalente componente nei cereali, quando essi vengono a contatto con l’acqua, a causa dei lieviti selvatici contenuti nell’aria. E così come nel pane, alimento femminile, TERRA, ACQUA, ARIA e FUOCO si combinano magicamente per dare vita a un cibo divino che fortifica e inebria.
Il termine inglese di homebrewing ovvero l’arte della birra fatta in casa si traduce in italiano con un’astrusa parola: domozimurgia e domozimurgo è il produttore di birra casalingo in cui domo, è la radice latina per “casa”; zimurgo è colui il quale pratica la “zimurgia“, ovvero la scienza dei processi di fermentazione. Il domozimurgo quindi è colui che tra le proprie mura domestiche, studia, applica e sperimenta le alchimie della fermentazione. Fare la birra per il proprio autoconsumo (compreso quello degli immancabili amici e parenti) è assolutamente legale oltre che divertente e relativamente semplice sebbene non si finisca mai di imparare attraverso lo scambio delle esperienze e la sperimentazione continua

Jean-François Millet - Buckwheat Harvest Summer 1868
Jean-François Millet – Buckwheat Harvest Summer 1868

JOHN BARLEYCORN, LA VERSIONE DI ROBERT BURNS

La versione pubblicata da Robert Burns nel 1782, rielabora l’antico canto popolare e diventa la base delle successive versioni (vedi inizio)

Le prima 3 strofe sono simili alla versione standard, a parte i tre re che arrivano dall’oriente per fare il solenne giuramento di uccidere John Barleycorn, infatti nella versione inglese i tre uomini arrivano dall’Ovest: a me personalmente l’ipotesi che Burnes volesse indicare i 3 Re Magi … sembra poco pertinente al profondo substrato pagano della storia: non è certo il Cristianesimo (o il culto del Dio della Luce) a voler uccidere il Re del Grano, a meno che non si voglia identificare il re del Grano con il Cristo (un “blasfemo” paragone che è stato subito rimosso dalle successive versioni).

La storia è la dettagliata trasformazione dello spirito del grano, cresciuto forte e sano durante l’estate, mietuto e trebbiato appena arriva l’autunno, in alcol; e la molto più dettagliata descrizione (sempre rispetto alla versione standard) dei piaceri che esso fornisce agli uomini, affinchè essi possano trarre dalla bevanda ebbrezza ed ispirazione. Burns fu notoriamente un grande estimatore di whisky e l’ultima strofa è proprio nel suo stile!

La melodia indicata è Lull[e] Me Beyond Thee alte melodie che si adattano al testo sono “Stingo” (John Playford, 1650) e “Up in the Morning Early” (versione Tickawinda)

VERSIONE DI ROBERT BURNS
I
There was three kings into the east,
Three kings both great and high,
And they hae sworn a solemn oath
John Barleycorn(1) should die.
II
They took a  plough and plough’d him down,
Put clods upon his head,
And they hae sworn a solemn oath
John Barleycorn was dead
III
But the cheerful Spring came kindly on,
And show’rs began to fall;
John Barleycorn got up again,
And sore surpris’d them all
IV
The sultry suns   of Summer came,
And he grew  thick and strong,
His head weel   arm’d wi’ pointed spears,
That no one  should him wrong.
V
The sober Autumn enter’d mild,
When he grew wan and pale;
His bending joints and drooping head
Show’d he began to fail.
VI
His coulour sicken’d more and more,
He faded into age;
And then his enemies began
To show their deadly rage.
VII
They’ve taen a weapon, long and sharp,
And cut him by the knee;
Then ty’d him fast upon a cart,
Like a rogue for forgerie(4).
VIII
They laid him down upon his back,
And cudgell’d him full sore;
They hung him up before the storm,
And turn’d him o’er and o’er.
IX
They filled up a darksome pit
With water to the brim,
They heaved in John Barleycorn,
There let him sink or swim
X
They laid him out upon the floor,
To work him farther woe,
And still, as signs of life appear’d,
They toss’d him to and fro.
XI
They wasted, o’er a scorching flame,
The marrow of his bones;
But a Miller us’d him worst of all,
For he crush’d him between two stones.
XII
And they hae taen his very heart’s blood,
And drank it round and round;
And still the more and more they drank,
Their joy did more abound.
XIII
John Barleycorn was a hero bold,
Of noble enterprise,
For if you do but taste his blood,
‘Twill make your courage rise.
XIV
‘Twill make a man forget his woe;
‘Twill heighten all his joy:
‘Twill make the widow’s heart to sing,
Tho’ the tear were in her eye.
XV
Then let us toast John Barleycorn,
Each man a glass in hand;
And may his great posterity
Ne’er fail in old Scotland!
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
C’erano tre re dall’oriente,
tre grandi re e potenti
e fecero un voto solenne:
John Barleycorn deve morire.
II
Presero un aratro e lo ararono,
gettarono zolle di terra sulla sua testa
e fecero un voto solenne
John Barleycorn era morto.
III
Ma la dolce primavera venne
e la pioggia scese dal cielo
John Barleycorn si alzò di nuovo
e lasciò tutti di stucco
IV
Venne il sole afoso d’Estate,
e lui crebbe robusto e forte
con la testa irta di lance appuntite
e che nessuno gli dia torto.
V
L’Autunno serio arrivò mite
allora lui divenne pallido e smorto
piegato alle giunture e la testa cadente
aveva incominciato a deperire.
VI
Il suo incarnato sbiadiva sempre più,
lui iniziò a invecchiare
e i suoi nemici cominciarono
a mostrare la loro furia mortale.
VII
Avevano preso una falce, lunga e affilata,
per tagliarlo al ginocchio;
poi lo legarono in fretta su un carro
come un ladro per il patibolo.
VIII
Lo hanno adagiato sulla schiena
e colpito con un randello;
lo hanno appeso prima del temporale
e lo hanno rigirato ancora ed ancora.
IX
Hanno riempito una fossa buia
con acqua fino all’orlo
e ci hanno gettato John Barleycorn
lì lo lasciarono a nuotare o ad affondare.
X
Lo hanno gettato sul pavimento
per procurargli ancora più dolore,
e ancora, mentre lui dava segni di vita
lo hanno gettato avanti e indietro.
XI
Hanno bruciato sulla fiamma
il midollo delle sue ossa;
ma il Mugnaio lo trattò peggio di tutti
perché lo pressò tra due pietre
XII
Ed essi avevano preso il suo sangue d’eroe
e lo bevvero rigirando (il bicchiere)
e ancora più lo bevevano
più gioia ricevevano.
XIII
John Barleycorn era un eroe coraggioso
di nobile ardire
perciò se tu assaggerai il suo sangue
il tuo coraggio crescerà.
XIV
Egli fa dimenticare all’uomo il suo dolore,
aumentare ogni sua gioia:
egli fa cantare il cuore della vedova
sebbene abbia le lacrime agli occhi
XV
Allora brindiamo a John Barleycorn
tutti con un bicchiere in mano
e che la sua grande discendenza
non possa mai mancare nella vecchia Scozia!

NOTA
4) i condannati a morte erano trasportati sul luogo del patibolo su di un carro per il pubblico dileggio

E infine il COLLAGE  delle versioni di Tickawinda, Avalon Rising, John Renbourn, Lanterna Lucis Viriditatis, Xenis Emputae, Travelling Band, Louis Killen, Traffic

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/barleycorn.htm
http://www.musicaememoria.com/JohnBarleycorn2.htm
http://www.mustrad.org.uk/articles/j_barley.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=14888
http://www.omniscrit.com/2013/01/who-was-john-barleycorn-folk-song-and.html

(Cattia Salto – integrazione 2012 e agosto 2013)

Un pensiero su “JOHN BARLEYCORN”

  1. I think this really is among the most significant info to me.
    And i am glad studying your article. But wish to
    statement on some common things, The website
    taste is great, the articles is really excellent : D. Just right
    task, cheers

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*