JOHN ANDERSON, MY JO

John Anderson era un falegname amico di Robert Burns (1759-1796) e suo coetaneo. Del brano si conoscono due varianti: una versione erotica contenuta in “The Merry Muses of Caledonia” e una più intimista di due sole strofe che parla dell’amore (o dell’amicizia) tra due persone giunte alla tarda età.

JOHN ANDERSON, MY JO : VERSIONE SMM

"John Anderson my jo" - John Faed (1819-1902)
“John Anderson my jo” – John Faed (1819-1902)

La versione scritta da Burns è stata pubblicata in “The Scots Musical Museum” nel 1790. La melodia abbinata è “Town Piper of Kelso” trascritta nel 1578 nel Queen Elizabeth’s Virginal Book. E’ stata letta come l’omaggio del poeta all’amore nella vecchiaia, anche se Burns non è mai diventato vecchio, eppure ha saputo farsi interprete anche del sentimento di amicizia e condivisione degli affetti tra due persone alla fine di un lungo cammino percorso assieme, che serenamente attendono di compiere l’ultimo passo verso il riposo eterno. Burns aveva 30 anni quando scrisse questa poesia, dedicandola all’amico della gioventù (che visse fino in tarda età) ed ha il tono di un addio (la famosa Auld Lang Syne è del 1788).

ASCOLTA Eddi Reader

VERSIONE R. BURNS 1789
I
John Anderson, my jo(1), John,
When we were first acquent(2);
Your locks were like the raven,
Your bonnie brow was brent(3);
But now your brow is beld(4), John,
Your locks are like the snaw(5);
But blessings on your frosty pow,
John Anderson, my jo.
II
John Anderson, my jo, John,
We clamb(6) the hill thegither;
And mony(7) a cantie(8) day, John,
We’ve had wi’ ane anither(9):
Now we maun(10) totter down, John,
And hand in hand we’ll go,
And sleep thegither at the foot,
John Anderson, my jo
TRADUZIONE ITALIANO (dal web)
I
John Anderson, mio caro, John,
quando ci conoscemmo,
i tuoi capelli eran simili a corvo,
la tua bella fronte era liscia;
ma ora la tua fronte è spoglia, John,
i tuoi capelli son come neve;
ma sia benedetta la tua testa bianca,
John Anderson, mio caro.
II
John Anderson, mio caro, John,
il colle abbiam salito insieme;
e molti lieti giorni, John,
l’un con l’altro abbiamo trascorsi:
ora, barcollando, lo dobbiamo discendere, John,
ma scenderemo tenendoci per mano,
e a piè del colle dormiremo insieme,
John Anderson, mio caro.
R.Burns, Poemetti e canzoni, trad. Adele Biagi,
Firenze, Sansoni 1953

NOTE
1) Jo è una vecchia parola scozzese per innamorato
2) acquent=acquainted
3) brent=smooth
4) beld=bald
5) snaw=snow
6) clamb=climbed
7) mony-monie=many
8) cantie=jolly
9) ane anither=one another
10) maun=must

JOHN ANDERSON, MY JO : VERSIONE MUSES OF CALEDONIA

William Hogarth (1697-1764) – Before the Seduction and After
William Hogarth (1697-1764) – Before the Seduction and After

La seconda versione è quella erotica della tradizione popolare (le bawdy ballads) ed è stata collezionata  da Burns nel “The Merry Muses of Caledonia”.
I Fancibles erano una specie di armata di volontari per la difesa della patria dai ranghi pseudomilitari, ma in particolare il Fencibles Crochallan era un club per soli uomini ubicato in un vicoletto medievale di Edimburgo (Anchor close), assiduamente frequentato da Burns durante il suo   soggiorno edimburghese, una delle tipiche associazioni conviviali “very   british” in cui i soci maschi si ritrovavano per stare in compagnia e in libertà, lontano dalle mogli e le altre donne, per mangiare bene, bere parecchio, fumare in santa pace e “discutere” di cose da uomini.”Le Muse allegre della Scozia” è una collezione di canti scozzesi preferiti, antichi e moderni, selezionati da Robert Burns per il “Crochallan Fencibles” di Edimburgo: i canti sono per lo più tradizionali con solo alcuni testi scritti interamente da Robbie, e il loro contenuto è decisamente erotico. La prima pubblicazione della raccolta comparve postuma nel 1799.

La ballata di cui si hanno diverse strofe già prima della seconda metà del Settecento, è scritta dal punto di vista femminile: la moglie rimprovera John per la sua impotenza sessuale, gli ricorda i suoi   passati ardori e lo minaccia di mettergli le corna se non si darà da fare!

ASCOLTA Sileas


I
John Anderson, my jo, John
I wonder what you mean
To lie sae lang in the morning
And sit sae late at e’en
Ye’ll bleer a’ your een, John
And why should you do so?
Come sooner tae your bed at nicht
John Anderson, my jo
II
John Anderson, my jo, John
When that ye first began
Ye had as good a tail-tree
As any ither man
But now its waxen wan, John
And wrinkles to and fro
I’ve twa gae-ups for ae gae-doon
John Anderson, my jo
III
When ye begin to come, John
See that ye come your best
And when ye start to haud me
See that ye haud me fast
See that ye haud me fast, John
Until that I cry oh
Your back shall crack ere I do that
John Anderson, my jo
IV
John Anderson, my jo, John
Ye’re welcome when you please
It’s either in the warm bed
Or in aboon the claes
Or ye shall bear the horns, John
Upon your head to grow
And that’s the cuckold’s mallison
John Anderson, my jo
TRADUZIONE ITALIANO a cura di Cattia Salto
I
John Anderson, mio caro, John
mi chiedo che intenzioni hai
per riposarti così a lungo al mattino
e stare seduto fino a sera tardi
quando ti si  socchiudono gli occhi, John
perché fai così?
Di notte vieni a letto più presto
John Anderson, mio caro
II
John Anderson, caro, John
quando eri giovane
avevi un buon palo
come ogni altro uomo
ma ora è molliccio, John
e subito si raggrinzisce
io ho due su, per uno giù
John Anderson, mio caro
III
Quando inizi a venire, John
vedi di fare del tuo meglio
e quando inizi a prendermi
vedi di prendermi veloce
vedi di prendermi veloce, John
finchè non grido oh
la tua schiena deve rompersi prima che io lo faccia,
John Anderson, mio caro
IV
John Anderson, mio caro, John
sei benvenuto quando vuoi
sia nel letto caldo
oppure con i vestiti addosso
o tu porterai le corna, John
che cresceranno sulla tua testa
e che sono la maledizione del cornuto
John Anderson, mio caro

FONTI
The World Burns Club
http://www.eddireader.net/tracks/erJAMJ1.htm
http://www.springthyme.co.uk/songtexts/JohnAndersonMyJo.html
http://www.celticlyricscorner.net/sileas/john.htm
http://www.cobbler.plus.com/wbc/expert/merry_muses/john_anderson_my_jo_john.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*