I’M O’ER YOUNG TO MARRY YET

La canzone è una canzone d’amore umoristica se non proprio oscena. Compare in stampa nel ‘Scots Musical Museum’ – Volume II, # 107 con un testo in parte riscritto da Robert Burns (essendo il ritornello invece originario).

La melodia è un reel molto popolare nel Border e comune a diversi titoli “Bonny Lad to Marry Me” (William Vickers 1770), “O’Flynn’s Fancy”, “Were You at the Fair,” “The Pretty Lass,” “Donny Brook”, ma può anche essere accompagnato dalla melodia, ‘The Braes of Balquidder’ (spartito qui)

GameCourt_GSmith-dettaglioUna giovinetta rifiuta la proposta di matrimonio di un uomo a causa dell’età e dell’inesperienza, ma invita l’uomo a ritornare con l’arrivo dell’estate; così leggendo meno maliziosamente tra le righe, la fanciulla, sebbene professi la sua giovinezza, non è disposta a farsi scappare il corteggiatore. L’allusione che desta il sorriso è quella relativa all’inesperienza della ragazzina: con la stagione invernale evidentemente non ha molte occasioni per rimediare, ma in Primavera non le mancheranno le opportunità per amoreggiare nei campi!

ASCOLTA Betty Sanders

VERSIONE ROBERT BURNS 1788
CHORUS
I’m o’er young, I’m o’er young,
I’m o’er young to marry yet;
I’m o’er young, ‘twad be a sin
To tak me frae my mammy yet.
I
I am my mammny’s ae bairn(1),
Wi’ unco(2) folk I weary, Sir,
And lying in a man’s bed,
I’m fley’d it mak me irie(3), Sir.
II(4)
My mammie coft(5) me a new gown,
The kirk maun hae the gracing o’t;
Were I to lie wi’ you, kind Sir,
I’m feared ye’d spoil the lacing o’t
III
Hallowmass is come and gane,
The nights are lang in winter, Sir,
And you an’ I in ae bed,
In trowth, I dare na venture, Sir.
IV
Fu’ loud and shill the frosty wind
Blaws thro’ the leafless timmer, Sir;
But if ye come this gate again,
I’ll aulder be gin simmer, Sir.
TRADUZIONE  CATTIA SALTO
RITORNELLO
Sono troppo giovane, sono troppo giovane, troppo giovane per sposarmi.
Sono troppo giovane sarebbe un peccato portarmi già via dalla mia mammina.
I
Sono la sola bimba di mamma,
con un rozzo popolano mi annoio, Signore e andare nel letto di un uomo
temo che mi spaventi, Signore.
II
La mamma mi ha comprato un nuovo abito, con la gonna abbellita da un ornamento; dovessi giacere con lei signore,
temo di rovinarle il merletto.
III
Ognissanti è venuto e andato,
le notti sono lunghe in inverno, Signore
e voi ed io in un letto
per la verità, non oso rischiare, Signore.
IV
Con piena forza e vigore il vento gelido soffia attraverso gli alberi senza foglie, Signore, ma se verrete ancora a questa porta, sarò più vecchia quando arriverà l’estate Signore!

Traduzione inglese  (qui)

NOTE
1) child
2) uncouth
3) to be annoyed or irritated with something.
4) La seconda strofa è riportata in Robert Burns (1759–1796). “Poems and Songs”.
5) coff= buy

FONTI
http://www.burnsscotland.com/items/v/volume-ii,-song-107,-page-110-im-oer-young-to-marry-yet.aspx
http://digital.nls.uk/english-ballads/pageturner.cfm?id=74893852
http://www.cobbler.plus.com/wbc/poems/translations/
im_oer_young_to_marry_yet.htm

http://www.asaplive.com/archive/detail.asp?id=R0307302
http://levysheetmusic.mse.jhu.edu/catalog/levy:114.146
http://www.electricscotland.com/music/minstrelsie/volume4.htm
http://tunearch.org/wiki/Bonny_Lad_to_Marry_Me_(A)
http://tunearch.org/wiki/Donny_Brook_(1)

http://www.lieder.net/lieder/get_text.html?TextId=3392

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*