HOMEWARD BOUND

C’erano dei canti speciali che i marinai intonavano quando levano l’ancora per l’ultima volta prima di salpare diretti a casa! Per l’occasione si svolgeva anche una piccola cerimonia con cui la nave avvisava tutte le altre che stava per ritornare a casa!

LA CERIMONIA “SALPANCORA VERSO CASA”

..”il salpancore prende a girare sferragliando, seguendo il coro dei marinai, che cantano homeward bound. «l’ancora è a picco, signore!», grida il «primo» – «Salpa!» – «aye, aye, sir!». dopo qualche lungo e vigoroso strappo, la cicala dell’ancora appare fuori dell’acqua. «capona!». il tirante del paranco di capone è disteso in coperta e tutto l’equipaggio vi si allunga sopra. «hurrà, per l’ultima volta», grida il «primo», e l’ancora raggiunge la gru di capone sull’aria di Time for us to go!, con l’allegro accompagnamento del coro.
Appena l’ancora arriva a bordo, ogni nave, a turno, l’acclama con tre urrà, augurando un rapido viaggio, e la nave così incitata replica a ogni saluto con un solo grido. il boato degli urrà giunge sull’acqua molto allegramente, mentre la vista degli equipaggi di tante navi, in piedi sulle pazienze e sui parasartie a sventolare i cappelli mentre inneggiano, è emozionante e piacevole. Tutto è fatto in fretta, è «davvero» l’ultima volta prima del ritorno. Si avventano le vele di prora, e la nave comincia ad avanzare nell’acqua, iniziando così il suo lungo viaggio verso casa. (Italo Ottonello)

capstan_shanty

GOOD BYE, FARE THEE WELL

Un canto marinaresco mentre si lavora all’argano per far sollevare l’ancora (sea shanty). Nelle note di commento all’album “Windy Old Weather” (1960) Bob Roberts scrive “This is a capstan shanty used when getting up anchor for the last time in a foreign port. (Windlasses replaced capstans about 1860). Sometimes a ceremony rather like “The Dead Horse” was carried out the night before sailing. A blazing tar barrel was hoisted aloft and the homeward bound vessel serenaded the others with singing and cheering. The following day this shanty was sung and on a sailing ship it might be a year or more before the sailors finally reached home.”

ASCOLTA Black Flag in Assassin’s Creed

ASCOLTA Troy Banarzi (in War Thunder Pirates) una pregevole tessitura musicale con la chitarra classica (che occhieggia agli arrangiamenti barocchi per liuto) viene ripresa dal violino tra una strofa e l’altra

 

Hey boys! Oh, don’t yiz hear the old man(1) say?
Goodbye, fare-ye-well!
Goodbye, fare-ye-well(2)!

Oh. Don’t yiz hear the old man say?
Hoor-raw me boys! We’re homeward bound!
We’re Homeward bound to Liverpool Town,
Where all them judies(3), they will come down
An’ when we gits to the Wallasey Gates(4)
Sally an’ Oily for their flash men do wait
An’ one to the other ye’ll hear them say,”Here comes Johnny with his fourteen mont’s pay!”
We meet these fly gals an’ well ring the ol-bel(5)
With them judies, we’l raise merry hell
We’re homeward bound to the gals o’ the tom
And stamp(6) up me bullies an’ heave it around
An’ when we gits home, boys, oh, won’t we fly round.
Well heave up the anchor to this bully sound
We’re all homeward bound for the old backyard.
Then heave, me bullies, we’re all bound homeward
Heave with a will boys, oh, heave long an’ strong.
Sing a good chorus for tis a good song
“We’re homeward bound”, well have yiz to know.
An’ over the water to England must go!

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Ehi ragazzi sentito quello che dice il vecchio capitano(1)?
arrivederci, addio(2)
arrivederci, addio
Non sentite cosa dice il vecchio?
Urrà, ragazzi, siamo facendo rotta verso casa.
Stiamo facendo rotta verso la città di Liverpool
dove tutte quelle ragazze(3) ci daranno il bentornato
e allora andremo
ai Wallasey Gates
con Sally e Oily che aspettano i loro innamorati
e l’una con l’altra le sentirete dire
“Ecco che viene Johnny con la paga di 14 mesi”
Incontreremo queste ragazze toste
e suoneremo per bene la vecchia campana(5), con quelle ragazze faremo un bel putiferio !
Stiamo facendo rotta verso le ragazze della città,
così pestate(6) e spingete in tondo miei bravi
e quando ritorniamo a casa, ragazzi non vorremo più fare vela.
Alzeremo l’ancora con questo canto da bravi.
Stiamo facendo rotta verso il vecchio cortile
così spingete ragazzi stiamo facendo rotta verso casa
spingete di buona lena, ragazzi, spingete tanto e con forza,
fate un bel coro per questa bella canzone.
‘Siamo diretti a casa’, lo abbiamo detto, e per mare dobbiamo raggiungere l’Inghilterra.

NOTE
1) il comandante della nave chiamato così nel gergo dei marinai anche se era un giovane uomo
2) oppure  “I hope you travel well
3) termine con cui erano chiamate le ragazze di Liverpool
4) oppure “we get to the old Mersey Bar” che non era un bar di Liverpool ma una serie di banchi di sabbia particolaemnte insidiosi nei pressi di Liverpool
5) l’espressione to ring the old bell  assume molti significati a seconda del contesto
6) Gli shanty all’argano hanno ritmi regolari e di solito raccontano delle storie, a causa del tempo (anche ore), necessario per salpare l’ancora. i marinai riprendono slancio battendo il piede sul ponte a certe parole; da qui il nome di shanty «pesta e vai» (stamp and go).
(Italo Ottonello)

ASCOLTA Louis Killen in “Farewell Nancy: Sea Songs and Shanties” 1964 (Dave Swarbrick al violino)

Oh, we’re homeward bound to Liverpool town,
Goodbye fare the well,
goodbye fare the well,
Well them Liverpool judies they are welcome down,
Hurrah, me boys, we’re homeward bound!
Them gals there on Lime Street we soon hope to meet,
And soon we’ll be a-rolling both sides of the street.
We’ll meet those fly girls and we’ll ring the old bell,
With them judies we’ll meet there we’ll raise bloody hell.
Then I’ll tell me old women when I gets back home,
The gals there on Lime Street won’t leave me alone.
We’re homeward bound, to the gals of the town,
So stamp up, me bullies, and heave it around.
Oh, we’re homeward bound, we’ll have yiz to know,
And over the water to Liverpool we’ll go.
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Stiamo facendo rotta verso la città di Liverpool
arrivederci, addio
arrivederci, addio
quelle ragazze di Liverpool ci daranno il bentornato
Urrà, ragazzi, stiamo facendo rotta verso.
Quelle ragazze di Lime Street speriamo di vedere presto
e presto staremo a passeggio su entrambi i lati della strada. Incontreremo quelle ragazze toste e suoneremo la vecchia campana,
con quelle ragazze ci incontreremo e faremo un putiferio!
Dirò alla mia vecchia quando sarò di ritorno a casa
che le ragazze di Lime Street non mi vogliono lasciare solo!
Siamo diretti a casa, dalle ragazze della città ,
così pestate e e spingete in tondo miei bravi
‘Siamo diretti a casa’, lo abbiamo detto, e per mare dobbiamo raggiungere Liverpool

FONTI
http://www.shanty.org.uk/archive_songs/goodbye-fare-thee-well.html
http://www.boundingmain.com/lyrics/goodbye_farewell.htm http://mainlynorfolk.info/louis.killen/songs/goodbyefaretheewell.html

Un pensiero su “HOMEWARD BOUND”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*