FEAR A’ BHÀTA

Fear’ si traduce con “man” e ‘Bhàta’ con “boat”: l’uomo della barca, ovvero il barcaiolo. Anche scritto come Fear A Bhata, Fear Ah Bhata, Fhear A Bhata, Fhear Ni Bhata, Fhir A’ Bhata, Fir Na Fhata, O(h) My Boatman.

“Fear a’ bhàta” è una canzone probabilmente di fine ‘700 e la leggenda dice che sia stata scritta in gaelico scozzese da Sine NicFhionnlaigh (Jean Finlayson) di Tong piccolo villaggio sull’Isola di Lewis (Ebridi) per un giovane pescatore di Uig, Domhnall MacRath (Donald MacRae) che ha alla fine sposato. Molto probabilmente un’aggiunta aneddotica alle versioni ottocentesche andate in stampa!

La canzone appare pubblicata la prima volta in The Scottish Gael di James Logan, 1831 (con relativa partitura) in cui viene classificata come un’aria lenta e uno iorram (il canto ai remi che aveva la funzione di dare il ritmo ai vogatori, ma nello stesso tempo era anche un lamento funebre).

Fhir a bhata, or the boatmen, the music of which is annexed, is sung in the above manner, by the Highlanders with much effect. It is the song of a girl whose lover is at sea, whose safety she prays for, and whose return she anxiously expects.

In realtà la ragazza è in attesa di una visita del bel barcaiolo che sembra invece preferire altre fanciulle! Tuttavia ella gli augura ogni bene e teme per la sua salute.

La melodia è un lament, talvolta suonato come valzer (nelle versioni strumentali) che si presta ad arrangiamenti delicati e sospesi

ASCOLTA De Luna all’arpa celtica

Homer Winslow
Homer Winslow

Si conoscono molte versioni testuali del canto composto da una decina di strofe anche se nelle registrazioni più attuali vengono cantate per lo più solo le prime tre strofe.

Per il testo completo vedi

VERSIONE GAELICO SCOZZESE

ASCOLTA Capercaillie in Get Out 1996
ASCOLTA Alison Helzer
ASCOLTA Fiona J MacKenzie

Superba e magistrale con la sola voce e le onde del mare:
ASCOLTA Talitha Mackenzie in “A Celtic Tapestry” vol. 2 1997

ORIGINALE Gaelico scozzese
Séist:
Fhir a’ bhàta, sna hóro eile
Fhir a’ bhàta, sna hóro eile
Fhir a’ bhàta, sna hóro eile
Mo shoraidh slàn leat ‘s gach àit’ an tèid thu

I
‘S tric mi sealltainn on chnoc as àirde
Dh’fheuch am faic mi fear a’ bhàta
An tig thu ‘n-diugh no ‘n tig thu màireach
‘S mur tig thu idir gur truagh a tha mi

II
Tha mo chridhe-sa briste brùite
‘S tric na deòir a’ ruith o m’ shùilean
An tig thu ‘n nochd no ‘m bi mo dhùil riut
No ‘n dùin mi ‘n doras le osna thùrsaich?

  III
‘S tric mi foighneachd de luchd nam bàta
Am faic iad thu no ‘m bheil   thu sàbhailt
Ach ‘s ann a tha gach aon dhiubh ‘g ràitinn
Gur gòrach mise, ma thug mi   gràdh dhut

TRADUZIONE INGLESE
Chorus:
Oh my boatman, na hóro eile
Oh my boatman, na hóro eile
Oh my boatman, na hóro eile
My farewell to you wherever you go

I
I often look from the highest hill
To try and see the boatman
Will you come today or tomorrow If you don’t come at all I will be downhearted

II
My heart is broken and bruised
With tears often flowing from my eyes
Will you come tonight or will I expect you
Or will I close the door with a sad sigh?

III
I often ask people on boats
Whether they see you or whether you are safe, Each of them says
That I was foolish to fall in love with you.

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO

Ritornello
O mio barcaiolo..(frasi non sense)
Il mio saluto a te ovunque tu vada

I
Spesso guardo dalla collina più alta
per cercare di vedere il mio barcaiolo
Verrai stasera a casa, o domani?
Sarò triste se non verrai affatto

II
Il mio cuore è spezzato, ferito
spesso le lacrime scorrono dagli occhi
Vuoi venire a casa stasera, e ti aspetterò alzata
o dovrò chiudere la porta sospirando tristemente?

III
Spesso chiedo ai barcaioli
se ti hanno visto, se stai bene,
ma ognuno di loro mi dice
di essere stupida ad essermi innamorata di te

VERSIONE IN INGLESE

Tra tutte le versioni in inglese (vedi), la più preziosa anche dal punto di vista della scrittura è senz’altro quella del 1849 con le parole tradotte dal gaelico da Thomas Pattison e l’arrangiamento melodico di Malcolm Lawson (pubblicata in “Songs of the North”, MacLeod e Harold Boulton, 1895)

ASCOLTA Silly Wizard in Caledonia’s Hardy Sons 1978

Andy Stewart – voce
Bob Thomas – Mandola
Johnny Cunningham – Mandola
Phil Cunningham – tastiere

ASCOLTA l’interpretazione amatoriale di una adolescente

VERSIONE DI THOMAS PATTISON

I
How often haunting the highest hilltop
I scan the ocean I sail tae sea
wilt come tonight love wilt come tomorrow?
Wilt ever come, love, to comfort me?

CHORUS
Fhir a bhata no horo eil’e(1)
Fhir a bhata no horo eil’e
Fhir a bhata no horo eil’e
o fare ye well, love, where e’er ye be

II
They call thee fickle, they call thee false one,
and seek tae change me, but all in vain;
no, thou art my dream yet throughout the dark night
and every morn yet I watch the main

III
There’s not a hamlet -too well I know it-
where you go wandering or stay(2) awhile
but all its old folks you win wi’ talking
and charm its maidens with song and smile

IV
Dost thou remember the promise made me
the tartan plaidie, the silken gown,
the ring of gold with thy hair and portrait(3)?
That gown and ring I will never own

TRADUZIONE ITALIANO

I
Spesso salgo sulla collina più alta
e scruto il mare per vedere la tua vela
verrai stanotte amore o verrai domani?
verrai presto a confortarmi?

RITORNELLO
Uomo della barca la, la la
Uomo della barca la, la la
Uomo della barca la, la la
e che ti vada bene ovunque tu sia

II
Ti chiamano il volubile ti chiamano il bugiardo
e cercano di farmi cambiare idea, ma invano
perchè tu sei il mio sogno durante tutta la notte buia
e ogni mattino io guardo la strada

III
Non c’è borgo lo so bene
dove tu non vada o ti fermi un poco
ma superi tutta la vecchia gente nelle chiacchiere
e le fanciulle con il fascino del canto e del sorriso

IV
Ti ricordi la promessa che mi hai fatto
il plaid di tartan e la gonna di seta
il gioiello d’oro con i tuoi capelli e il ritratto?
Quella gonna e gioiello non avrò mai

NOTA
1) sostanzialmente una frase non-sense che alcuni vogliono tradurre “and no one else” cioè come mio e di nessun altra

2) a volte come “sits”

3) in realtà si tratta di un piccolo medaglione con il coperchio all’interno del quale si celava una miniatura e una ciocca di capelli dell’innamorato

VERSIONE IRLANDESE

La versione irlandese compare per la prima volta in stampa nella raccolta di Sam Henry dal titolo ‘Songs of the People‘ i canti furono raccolti entro 20 miglia di Coleraine (Irlanda del Nord) dal 1929 al1939.

ASCOLTA Niamh Parsons live e in Gaelic Voices 1999
ASCOLTA Grace o’Malley

e perchè no! Ascoltiamoci anche questa versione celtic-metal del gruppo tedesco fondato da Ben Richter nel 2001!
ASCOLTA Thanateros (strofe I, II, IV)

Gaelico Irlandese
Chorus:
Fhir an bháta ‘sna hóró éile
Fhir an bháta ‘sna hóró éile
Fhir an bháta ‘sna hóró éile
Ceád mile failte gach ait a te tú

I
Théid mé suas ar an chnoic is airde
Feach an bhfeic mé fear an bháta,
An tdig thú anoch nó an dtig thú amárach
No muna dtig thú idir is trua atá mé

II
Tá mo chroíse briste bruité
Is tric na deoir a’ruith o mo shuíle
An dtig tú inniú nó am bidh me suil leat?
No an druid mé an doras le osna tuirseach?

III
Gheall mo leanann domh gúna den tsioda
Gheall é sin, agus breacan riabhach
Fainne óir anns an bhfeicfinn íomha
Ach is eagal liom go ndearn sé dearmad

IV
Tá mo croíse ag dul in airde
Chan don fidleir, chan don clairsoir
Ach do Stuirithoir an bhata
Is muna dtig tú abhaile is trua atá mé

TRADUZIONE INGLESE
Chorus:
O Man of the boat and no one else
A hundred thousand welcomes everywhere you go

I
I went up on the highest hill
To see if I could see the boatman
Will you come tonight or will you come tomorrow?
If you do not come, I will be wretched

II
My heart is bruised and broken
And tears flow from my eyes
Will you come today or will I expect you?
Or will I close the door with a tired sigh?

III
My love promised me a dress of silk
He promised me that and a gray tartan
A gold ring where I’d see my reflection
But I’m afraid he has forgotten

IV
My heart is lifting
Not for the tailor or the harper
But for the navigator of the boat
If you don’t come, I’ll be very sad

TRADUZIONE ITALIANO
ritornello
O barcaiolo e nessun altro
sia tu 100mila volte benvenuto ovunque tu vada

I
Sono andata sulla collina più alta
per poter vedere il barcaiolo,
verrai stanotte o verrai domani?
Se tu non verrai sarò infelice

II
Il mio cuore è a pezzi e ammaccato
e lacrime sgorgano dai miei occhi
verrai oggi o dovrò aspettarti?
O chiuderò la porta con uno stanco sospiro?

III
Il mio amore mi promise un vestito di seta
mi promise quello e un tartan grigio
un anello d’oro dove poter vedere il riflesso
ma temo che se lo sia scordato

IV
Il mio cuore è inebriato,
non per un sarto o un arpista,
ma per colui che naviga la barca,
e se tu non verrai sarò molto triste

FONTI
http://www.bbc.co.uk/alba/foghlam/beag_air_bheag/songs/
song_03/index.shtml

http://www.celticartscenter.com/Songs/Scottish/FearABhata.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=121195
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=2463
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=45602
http://www.celticlyricscorner.net/compilations/fear.htm
http://www.celticlyricscorner.net/capercaillie/fear.htm
http://thesession.org/tunes/8919
http://blueloulogan.wordpress.com/2012/10/15/songs-of-logan-6-fear-a-bhata-the-boatman/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*