DUBLINERS GOING TO THE DARGLE

Il curioso titolo di questa popolare canzoncina di Dublino dal titolo “Waxies Dargle” risale alla fine del 1800 dal detto ‘going to the Dargle’: le rive del fiume Dargle erano la meta preferita dai ricchi dublinesi che amavano trascorrere un breve soggiorno nella vicina località balneare di Bray nella contea di Wicklow.

La valle era denominata “La valle dei diamanti”:
“The origin of the name is unknown but is thought by some people to be connected to the presence centuries ago of a very different kind of ‘diamond’, perhaps the natural freshwater pearl, or the ‘Wicklow Diamond’, a rock crystal resembling a diamond, both of which were prized for jewellery making in former times.
A simpler explanation may well be that the name comes from the beautiful sparkle of the water in the Dargle River as it catches the sunlight or the glistening of quartz crystals in the local granite stone. The beautiful Valley of Diamonds with its scenery of mountains, woodland and river, features in Wicklow travel books since the early 1800s.” (tratto da qui)

La gente comune però non poteva permettersi di “andare in vacanza o in gita” in località così di lusso e si accontentava di andare in posti più vicini ed economici come Sandymount, Irishtown o Ringsend.
Tra le mete preferite per la gente del popolo c’era anche la Fiera di Dannybrook che ha chiuso però i battenti nel 1855, o Galway per le annuali corse all’ippodromo.

A Scene at Donnybrook fair - Samuel Watson
A Scene at Donnybrook fair – Samuel Watson

UNA GITA AL MONTO

montoPiù in generale il termine “Waxies Dargle” ha finito per indicare i luoghi più frequentati dalla classe dei lavoratori di Dublino come il Monto (il quartiere a luci rosse) e Capel Street (dove era situato il Monte dei Pegni). Due donne chiacchierano tra loro sui loro insuccessi nel reperire soldi per svagarsi, riescono però a farsi pagare qualche birra al Monto!

La melodia è “Brighton Camp” comparsa in stampa nel 1810 con il titolo di The Girl I left Behind Me nel “Pocket Book for the German Flute or Violin” vol. 3 (Dublino), una melodia di origine settecentesca molto popolare e utilizzata per molti altri testi (vedi)

ASCOLTA Sweeney’s Men

ASCOLTA Pogues

VERSIONE SWEENEY VERSIONE POGUES
I
Says my oul wan(1) to your oul wan
“will you come (go) to the Waxies(2) Dargle?”
Says your oul wan to my oul wan
“(sure) I haven’t got a farthing,
I went down (up) to Monto(3) Town
and I asked young Kill McArdle, (To see Uncle McArdle)
But he wouldn’t lend (give) me
the half a crown to go to the Waxies Dargle”
Chorus
What will ya have?!
I’ll have a pint! I’ll have a pint with you, Sir!
And if one of ya’ doesn’t order soon
We’ll be chucked out of the boozer(4)!
II
Says my aul one to your aul one
“will you come to the Galway Races(5)?” Says your aul one to my aul one
“with the price of my aul lad’s braces,
I went down to Capel Street
to the Jew man money lenders,
But they wouldn’t give me a couple of bob(6) on me oul lad’s red suspenders”
II
Says my aul’ wan to your aul’ wan
“Will ye go to the Galway races?”
Says your aul’ wan to my aul’ wan,
“I’ll hock me aul’ man’s braces.
I went up to Capel Street
To the Jewish moneylenders
But he wouldn’t give me a couple of bob For the aul’ man’s red suspenders.”
III
Says my aul one to your aul one
“we have (got) no beef nor mutton,
But if we go down (went up) to Monto Town
we might get a drink for nothin'(7),
Here’s a nice piece of advice
I got from an aul fishmonger,
“When food is scarce and you see the hearse
you know you’ve died of hunger

NOTE
1) “old wan” è un termine colloquiale per dire “vecchia donna” spesso utilizzato per dire “la mia vecchia” o “il mio vecchio” tra marito e moglie.
2) waxies era un termine dublinese per indicare i calzolai (che usavano la cera per impermeabilizzare il filo con cui cucivano le scarpe) anche se più propriamente il termine indica coloro che fabbricano le candele.
Another source says the Dargle (a popular pub) was also a holiday haunt of the late eighteenth century Dublin candlemaker and grocer, Waxy O’Connor.
3) il Monto era un quartiere a luci rosse vicino al centro di Dublino vedi
4) boozer in questo contesto significa pub
5) Le Corse di Galway si svolgono nell’utlima settimana di Luglio presso l’ippodromo di Galway La tradizione risale al 1764 anche se il primo grande festival è stato organizzato nell’agosto del 1869 da Lord St Lawrence; un grande evento che richiamò un gran numero di gente da tutto l’ovest dell’Irlanda e diventato così popolare da essere celebrato anche in una canzone. vedi
6) bob= schilling
7) amara allusione perchè in realtà devono dare qualcosa in cambio della bevuta

TRADUZIONE ITALIANO CATTIA SALTO
I
Dice la mia vecchia(1) alla tua vecchia “Verreste alle ferie dei calzolai(2)?” Dice la tua vecchia alla mia vecchia, “Certo ma non ho un soldo; sono andata fino al Monto(3) per vedere lo zio McArdle.
Ma lui non mi ha voluto dare nemmeno mezza corona per andare in villeggiatura. ”
CORO:
Che cosa prendete?! Prendo una pinta! Una pinta con voi, signore!
E se uno di voi non ordina subito, saremo buttati fuori dal pub(4)!
II
Dice la mia vecchia alla tua vecchia “Verreste alle corse di Galway(5)?” Dice la tua vecchia alla mia vecchia “Ho preso le bretelle del mio vecchio e sono andata fino a Capel Street dal presta-soldi ebreo, ma lui non mi ha voluto dare nemmeno uno scellino(6) per le bretelle rosse del mio vecchio. ”
III
Dice la mia vecchia alla tua vecchia “Non avremo carne di manzo o di montone ma se andremo al Monto possiamo bere per niente(7)”
Ecco un bell’avvertimento che mi ha dato un vecchio pescivendolo: “Quando il cibo è scarso e vedi il carro funebre vuol dire che sono morti di fame “.

FONTI
http://www.diamondvalley.ie/ValleyOfTheDiamonds.HTML
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=73634

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*