CHRISTMAS IS COMING: THE GEESE ARE GETTING FAT

Sulla tavola di Natale vittoriana era di rigore l’oca arrosto, piatto principale della cena natalizia inglese (oltre al roast beef e alla cacciagione), già i Celti mangiavano l’oca a Samain e la regina Elisabetta I addirittura arrivò ad ordinare ai suoi sudditi di mangiare l’oca per la cena di Natale per celebrare la vittoria della marina inglese sull’Armada spagnola! Il Puritanesimo però trasformò il Natale in una festa sotto-tono, finchè in epoca vittoriana l’oca riebbe il posto d’onore nel menù spodestata poco dopo dall’americano (e più economico) tacchino. L’oca arrosto resta comunque la preferita sulle tavole natalizie dei Piemontesi!

oca-tavola

LA FILASTROCCA

L’oca spunta anche da una filastrocca inglese per bambini diventata carol natalizia. La canzoncina vuole ricordare ai bambini (e anche ai grandi) che il significato del Natale è nella condivisione e nella generosità: ognuno dona quello che può a chi ne ha più bisogno e se non ha proprio niente, non resta che augurargli… la benedizione di Dio!
La datazione della filastrocca non è semplice potrebbe essere medievale (come molte altre Nursery Rhyme) oppure d’epoca vittoriana, come si è propensi a credere soprattutto per la canzone. La prima versione stampata della filastrocca trova nel Shropshire Folklore (Burne&GF Jackson 1883) raccolta a Oswestry.
La musica è stata attribuita a Edith Nesbit Bland (1858-1924).


Christmas is coming,
the geese are getting fat,
Won’t you please put a penny
in the old man’s hat?
If you haven’t got a penny,
a ha’penny (1) will do;
If you haven’t got a ha’penny,
God bless you!

TRADUZIONE ITALIANO
Natale sta arrivando,
le oche sono all’ingrasso,
per favore, non volete mettere un penny
nel cappello del vecchio?
Se non avete un penny
andrà bene anche mezzo penny (1);
se non avete mezzo penny,
allora che Dio vi benedica

NOTE
1) Prima che venisse coniato il mezzo penny si   spezzava a metà il penny intero lungo la linea della croce

CHRISTMAS IS COMING

Con la denominazione “Christmas is Coming” in The Hymns And Carols of Christmas sono riportate due versioni in cui si ripercorrono le consuetudini natalizie: le candele accese, l’albero di Natale, la calza appesa per San Nicola (quando il Babbo Natale sponsorizzato dalla Coca-Cola non era ancora stato inventato), il grog con le uova, il vecchio ceppo di Yule che doveva bruciare per le 12 giornate del Natale e il vischio benaugurale appeso alle porte. E ovviamente tante carole!

ASCOLTA Una versione strumentale è stata resa popolare negli anni ’60 dai The Kingston Trio con il titolo di A Round About Christmas

VERSIONE 1


I
Christmas is coming
the candles on the tree
Won’t you please hang a stocking
for old Saint Nick to see
If you haven’t got a stocking
A little sock will do
If you haven’t got a little sock
Then God bless you!
II
Christmas is coming
the egg is in the nog
Won’t you please let me come sit ‘round the old Yule log
If you’d rather I did not sit down
To stand around will do If you’d rather
I did not stand ‘round
Then God bless you!
III
Christmas time is drawing
near the candles on the tree
Won’t you please save a turkey leg
For poor ol’ me
If you haven’t got a turkey leg
A turkey wing will do
If you haven’t got a turkey wing
Then God bless you!
IV
Christmas is coming,
how joyful it will be,
The family will gather
‘round the Christmas tree,
With silver tinsel, shining bright,
The room is all aglow.
There’s a kiss for you and me
Beneath the mistletoe.
Traduzione italiano
I
Natale si avvicina,
le candele sull’albero
non volete appendere una calza
per la visita del vecchio San Nicola?
Se non avete una calza,
un piccolo calzino andrà bene
e se non avete un calzino
allora che Dio vi benedica!
II
Natale si avvicina,
l’uovo è nello zabaglione,
non volete lasciarmi entrare e sedere intorno al vecchio ceppo di Yule?
E se preferite che non mi sieda,
anche stare vicino in piedi andrà bene
e se non volete che stia in piedi
che Dio vi benedica.
III
Natale si avvicina,
le candele sull’albero,
non volete lasciare una coscia di tacchino per un povero vecchietto come me?
Se non avete una coscia di tacchino, un’ala di tacchino andrà bene
e se non avete un’ala di tacchino
allora che Dio vi benedica.
IV
Natale si avvicina,
come sarà gioioso,
la famiglia si radunerà
introno all’albero di Natale,
con gingilli d’argento, luci splendenti,
la stanza è tutta raggiante.
C’è un bacio per te e me
sotto il vischio.

VERSIONE 2


I
Christmas is coming,
the geese are getting fat,
Won’t you please put a penny
in the old man’s hat?
If you haven’t got a penny,
a ha’penny will do;
If you haven’t got a ha’penny,
God bless you!
II
Christmas day is coming,
lights are on the tree,
Hang up your stocking
for Santa Claus to see.
If you you haven’t got a stocking,
a little sock will do;
If you haven’t got a little sock,
God bless you!
III
Christmas day is coming,
the season of good cheer,
Let’s all sing a carol
for the brand-new year!
If you haven’t got a carol,
a jolly song will do;
If you haven’t got a jolly song,
God… bless… you…!
TRADUZIONE ITALIANO
I
Natale sta arrivando
Le oche sono all’ingrasso
Vi prego, mettete un penny
Nel cappello del vecchio.
Se non avete un penny
Andrà bene anche mezzo penny
Se non avete mezzo penny
Allora che Dio vi benedica
II
Natale si avvicina,
le candele sull’albero
non volete appendere una calza
per la visita del vecchio San Nicola?
Se non avete una calza,
un piccolo calzino andrà bene
e se non avete un calzino
allora che Dio vi benedica!
III
Il giorno di Natale è in arrivo,
la stagione del buonumore,
andiamo tutti a cantare una carola
per il nuovo anno!
Se non avete un inno,
una canzone allegra andrà bene,
e se non avete una canzone allegra,
che Dio vi benedica!

CHRISTMAS IN THE OLD MAN’S HAT

poor-boy
Giacomo Ceruti “Mendicante con pezzo di dolce” fine XVII secolo

E ancora la filastrocca rispunta nel coro di questa versione irlandese, di autore anonimo, in cui Babbo Natale non è da biasimare per le ingiustizie sociali: alla bambina, che più grandicella inizia a porsi domande sul perchè Jenny Brown sia piena di ricchi (e inutili) regali mentre il povero Peter (che è così povero da non avere nemmeno un cognome) soffre il freddo e la fame, la madre risponde appunto che non è compito di Babbo Natale distribuire equamente i doni ai bambini, ma dei ricchi e privilegiati! Mai una volta però che siano i poveri e gli sfortunati ad essere premiati ingiustamente!! Non sia mai!
ASCOLTA Selkie

ASCOLTA Celtic Tradition in “An Irish Christmas Album“, 1987

ASCOLTA Inchtabokatables in “Best of Nine Inch Years”, 2000:  non male questa teutonica versione tra il metal e folk!


I.
“Oh mother dear, one Christmas day
again I must complain
I wonder it is Santa Claus
for Christmas sake again
you see there’s little Jenny Brown
she’s kept so many things
dolls and sweet and teddy bears
clothes and golden rings”
CHORUS
Christmas is coming 
and the goose is getting fat
Hey put a penny in the old man’s hat
light up the fire, 
the wind’s blowing cold
Santa Claus is getting old
II.
“Oh mother, Jenny has so much
but still it’s not enough
but little Peter down the road
got none of all the stuff
he’s cold and hungry can’t you see?
There’s holes in both his shoes
no toys for him, no clothes and sweets
aAnd no Christmas goods”
III.
“Oh child, I understand you now
it seems it is not right
some children live all in the dark
while others’ homes are light
but Santa Claus is not to blame
a-pouring of his load
but Jenny Brown should simply share
with Peter down the road”
TRADUZIONE ITALIANO
I
“O cara mamma, il giorno di Natale ancora devo lamentarmi,
mi chiedo se Babbo Natale
si sia sbagliato di nuovo,
vedi c’è la piccola Jenny Brown,
lei ha così tanti regali,
bambole e dolci e orsacchiotti,
vestiti e gioielli.
CORO:
Natale è in arrivo
e l’oca è all’ingrasso,
metti un penny nel cappello del vecchio, accendi il fuoco,
il vento soffia freddo, Babbo Natale sta diventando vecchio.
II
Oh mamma Jenny ha troppo
e non è ancora mai abbastanza,
ma il piccolo Peter giù in fondo alla strada non ha proprio niente,
è al freddo ed affamato, non lo vedi?
Ci sono buchi in entrambe le sue scarpe nessun giocattolo per lui,
né abiti e dolci
e nessun regalo di Natale.”
III
“Oh ragazza, capisco che adesso
non ti sembri giusto
che dei bambini vivano tutti al buio mentre le case degli altri sono illuminate! Però Babbo Natale non è da biasimare nello scaricare il suo sacco, invece è Jenny Brown che dovrebbe solo condividere (i suoi regali) con Peter giù in fondo alla strada.”

CHRISTMAS IS A-COMING

Ma una canzoncina così allegra e piena di tradizioni non poteva rimanere isolata! Eccola in America rivestita con il frack e intitolata “Christmas is a-coming” (May God bless you) riscritta da Frank Luther (1899-1980) e resa popolare dall’interpretazione di Bing Crosby.


I
When I’m feeling blue, when I’m feeling low,
I start to think about the happiest man I know.
Now he doesn’t mind the snow, he doesn’t mind the rain,
But all December you will hear him at your window pane,
Singing again and again and again and again and again:
II
Christmas is a coming and the bells begin to ring,
The holly’s in the window and the birds begin to sing.
I don’t need to worry, and I don’t need to fret,
And the more you give at Christmastime the more you get.
God bless you, gentlemen, God bless you!
The more you give at Christmastime the more you get.
III
Christmas is a coming, the egg is in the nog.
Please give a friendly man a friendly little dog.
If you haven’t got a friendly dog, a friendly cat will do,
If you haven’t got a friendly cat may God bless you!
God bless you, gentlemen, God bless you!
If you haven’t got a friendly cat may God bless you!
IV
Christmas is a coming, the lights are on the tree.
How about a turkey leg for dear old me?
If you haven’t got a turkey leg, a turkey wing will do.
If you haven’t got a turkey wing may God bless you!
God bless you, gentlemen, God bless you!
If you haven’t got a turkey wing may God bless you!
V
Christmas is a coming, the cider’s in the keg.
If I had a mug of cider I wouldn’t have to beg.
If you haven’t got a mug of cider, half a mug will do.
If you haven’t got half a mug, may God bless you!
God bless you, gentlemen, God bless you!
If you haven’t got half a mug, may God bless you!
If you haven’t got a thing for me, may God bless you!
TRADUZIONE ITALIANO
I
Quando mi sento triste, quando mi sento giù
mi metto a pensare all’uomo più felice che conosco.
Adesso non si preoccupa della neve, né della pioggia
ma per tutto il mese di Dicembre lo sentirai dal vetro della finestra cantare ancora ed ancora:
II
“Natale è arrivato e le campane iniziano a suonare,
l’agrifoglio è alla finestra e gli uccelli iniziano a cantare.
Non c’è da preoccuparsi, né di agitarsi, e più date a Natale più otterrete,
Dio vi benedica, signori,
Dio vi benedica! Quanto più date a Natale tanto più riceverete.
III
Natale è arrivato, l’uovo è nello zabaglione.
Per favore date all’uomo amichevole, un piccolo cagnolino amichevole.
Se non avete un cane amichevole, andrà bene un gatto amichevole,
e se non avete un gatto amichevole possa Dio benedirvi,
Dio vi benedica, signori, Dio vi benedica!
Se non avete un gatto amichevole possa Dio benedirvi.
IV
Natale è arrivato, le luci sono accese sull’albero.
Che ne dite di una coscia di tacchino per il vecchietto?
Se non avete una coscia di tacchino, un’ala di tacchino andrà bene ugualmente,
e se non avete un’ala di tacchino possa Dio benedirvi!
Dio vi benedica, signori, Dio vi benedica!
Se non avete un’ala di tacchino possa Dio benedirvi.
IV
Natale è arrivato, il sidro è nel barilotto.
Se avessi una tazza di sidro non avrei bisogno di elemosinarlo,
se non avete una tazza di sidro anche mezza andrà bene
e se non ne avete neanche mezza allora che Dio vi benedica!
Dio vi benedica, signori, Dio vi benedica!
Se non avete mezza tazza possa Dio benedirvi!
Se non avete qualcosa per me possa Dio benedirvi!”

FONTI
http://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/christmas_is_coming.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*