BONEY WAS A WARRIOR

Una sea shanty nata inizialmente come street ballad sulle guerre napoleoniche: Napoleone incarnò le speranze d’indipendenza e le istanze rivoluzionarie delle popolazioni europee e delle Colonie americane (Irlanda in testa); amato dagli strati più poveri come dagli intellettuali è l’eroe romantico per eccellenza, nella sua grandezza e nella sua caduta. Oggi più nessuno parteggia per Napoleone ma due secoli prima gli animi si infiammavano per lui !!

Napoleone Bonaparte

IL MITO

“La figura di Napoleone era considerata una delle più controverse della storia europea e intorno ad essa si alternavano elogi e critiche: gli elogi per il soldato ambizioso che, grazie al suo genio era riuscito a raggiungere le più alte vette del potere e diffondere in tutta Europa le idee innovatrici della Rivoluzione francese, mentre le critiche si rivolgevano al conquistatore sanguinario che aveva riempito il continente di campi di battaglia e instaurato un regime di stampo dittatoriale. Ammirato o detestato, eroe o mostro Napoleone era comunque ritenuto un essere d’eccezione che andava oltre il personaggio storico per diventare un mito da cui scaturivano due concezioni opposte note come légende dorée e légende noire. (tratto da qui)

LA VERSIONE SEA SHANTY

Scrive AL Lloyd “A short drag shanty. These simple shanties were uses when only a few strong pulls were needed, as in boarding tacks and sheets and bunting up a sail in furling, etc. Boney was popular both in British and American vessels and in one American version Bonaparte is made to cross the Rocky Mountains.” Così ci sono moltissime versioni testuali che tutte tratteggiano le vittorie e le sconfitte di Napoleone in pochi versi. La melodia riprende il canto marinaresco bretone “Jean François de Nantes” (con testo in francese)
C’est Jean François de Nantes OUE, OUE, OUE
Gabier sur la fringante Oh mes bouées Jean François
(continua qui)

ASCOLTA Paul Clayton


Boney(1) was a warrior, Wey, hay, yah
A warrior, a tarrier(2),
John François
Boney fought the Prussians, –
Boney fought the Russians.
Boney went to Moscow,
across the ocean across the storm
Moscow was a-blazing
And Boney was a-raging.
Boney went to Elba
Boney he came back again.
Boney went to Waterloo
There he got his overthrow.
Boney he was sent away
Away in Saint Helena
Boney broke his heart and died
Away in Saint Helena
traduzione italiano di Cattia Salto
Napo(1) era un guerriero,
un guerriero, un mastino(2)
John François
Napo ha combattuto i prussiani
Napo ha combattuto i russi,
Napo è andato a Mosca attraverso l’oceano e la tempesta,
Mosca bruciava
e Napo era infuriato.
Napo è andato all’Elba
e poi è ritornato di nuovo:
Napo è andato a Waterloo
ed è stato rovesciato,
Napo è stato mandato via,
lontano a Sant’Elena
a Napo si è spezzato il cuore ed è morto, lontano a Sant’Elena

NOTE
1) Boney equivalente al nostro diminutivo Napo per Napoleone. L’origine del nome è incerta potrebbe voler dire “il Leone di Napoli”, il primo nome illustre fu quello del Cardinale Napoleone Orsini (ai tempi di papa Bonifacio VIII)
2) terrier = mastino (e richiama il termine francese terrien nella sea shanty “Jean-François de Nantes”) storpiato anche in Jonny Franswor! Citazione del canto marinaresco bretone
Jean-François de Nantes
Marin de la Sémillante
Ne doit pas se priver de rien
C’est bon pour un terrien

LA VERSIONE DI JOHN SHORT

ASCOLTA Jackie Oates in Short Sharp Shanties : Sea songs of a Watchet sailor vol 2 (su spotify) nelle note si legge “Short’s words were few—a mere two and a half verses—but sufficient to indicate that his, like every other version of the shanty, essentially followed Napoleon Bonaparte’s life story to a greater or lesser extent depending on the length of the job in hand (although, as Colcord points out, some versions introduced inventive variations on his life). We have simply borrowed some (of the true) verses from other versions—but by no means all that were available!.. Perhaps, we are again dealing with a shanty that changed its purpose—Jackie has chosen a slower rendition which may be more appropriate to the time. Sharp noted: “Mr. Short sang ‘Bonny’ not ’Boney’, which is the more usual pronunciation; while his rendering of ’John’ was something between the French ’Jean’ and the English ’John’.” (tratto da qui)


Boney was a warrior,
Wey, hay, yah
A bulling fighting tarrier,
John François
First he fought the Russians
then he fought the Prussians.
Boney went to Moscow,
Moscow was on fire oh
He licked them in Trafalgar’s Bay
Carried his main topm’st away*
Boney went to Elba
he came back to make another show
Boney went to Waterloo
and than he maked his overthrow.
Boney went to a-cruising
Aboard the Billy Ruffian.
Boney went to Saint Helena
Boney he didn’t get back
Boney broke his heart and died
in Corsica he should stay
Boney was a general
A ruddy, snotty general.
traduzione italiano di Cattia Salto
Napo(1) era un guerriero,
Wey, hay, yah
un fottuto mastino(2)litigioso
John François
Prima ha combattuto i russi,
poi ha combattuto i prussiani
Napo è andato a Mosca
Mosca bruciava.
Li bastonò nella Baia di Trafalgar(3)
e portò via l’albero di maestra
Napo è andato all’Elba
e poi è ritornato per un altro giro.
Napo è andato a Waterloo
ed è stato rovesciato.
Napo è andato in crociera
a bordo del Billy Ruffian(4)
Napo è andato a Sant’Elena
Mapo non è mai più tornato.
a Napo gli si spezzò il cuore e morì
in Corsica avrebbe preferito restare
Napo era un generale,
un dannato generale arrogante

NOTE
* dice una frase la cui pronuncia non mi riesce di capire “We licked him in Trafalgar
?? per cui al mimento riporto un verso simile

.. e la versione punk-rock con qualche immagine comica!
ASCOLTA Jack Shit in Rogue’s Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs, and Chanteys, ANTI 2006


Boney(1) was a warrior
A warrior a terrier(2)
Boney beat the Prussians
The Austrians, the Russians
Boney went to school in France
He learned to make the Russians dance
Boney marched to Moscow
Across the Alps through ice and snow
Boney was a Frenchy man
But Boney had to turn again
So he retreated back again
Moscow was in ruins then
He beat the Prussians squarely
He whacked the English nearly
He licked them in Trafalgar’s Bay(3)
Carried his main topm’st away
Boney went a cruising
Aboard the Billy Ruffian(4)
Boney went to Saint Helen’s
He never came back again
They sent him into exile
He died on Saint Helena’s Isle
Boney broke his heart and died
In Corsica he wished he stayed
traduzione italiano di Cattia Salto
Boney(1) era un guerriero
un guerriero, un mastino(2)
Boney sconfisse i Prussiani
gli Austriaci e i Russi
Boney andò a scuola in Francia
e imparò a fare il ballo russo
Boney marciò su Mosca
attraversò le Alpi in mezzo al ghiaccio e alla neve
Boeny era un francese
eppure Boney dovette di nuovo rigirarsi
così si ritirò ancora
Mosca era in rovina allora
egli vinse i Prussiani in un sol colpo
e quasi sconfisse gli Inglesi
li bastonò nella Baia di Trafalgar(3)
e portò via l’albero di maestra
Boney andò in crociera
a bordo del Billy Ruffian(4)
Boney andò a Sant’Elena
e non è mai più tornato.
Lo mandarono in esilio
e morì nell’isola di Sant’Elena
a Boney gli si spezzò il cuore e morì
in Corsica avrebbe preferito restare

NOTE
3) La battaglia di Trafalgar vedeva gli Inglesi in inferiorità numerica ma la manovra anticonvenzionale di Nelson (una posizione detta in gergo militare a T) spiazzò lo schieramento nemico disposto su una lunga fila (l’ottimo approfondimento in vedi), l’unico colpo inferto dai francesi fu la morte di Nelson.  l’Inghilterra era una potenza navale ineguagliabile per i Francesi e gli Spagnoli, così Napoleone rinunciò all’invasione della Gran Bretagna che diventò la padrona dei mari fino alla prima guerra mondiale
4) la nave che portò Napoleone in esilio su Sant’Elena era Bellerephon ma il nome veniva storpiato in Billy Ruffian o Billy Ruff’n dai suoi marinai non abbastanza colti da apprezzare i riferimenti alla mitologia greca.

LA VERSIONE FRANCESE

ASCOLTA Les Naufragés live

C’est Jean-François de Nantes
Oué, oué, oué,
Gabier de la Fringante
Oh ! mes bouées, Jean-François
Débarque de la campagne
Fier comme un roi d’Espagne
En vrac dedans sa bourse
Il a vingt mois de course
Une montre, une chaîne
Qui vaut une baleine
Branl’bas chez son hôtesse
Carambole et largesses
La plus belle servante
L’emmène dans la soupente
En vida la bouteille
Tout son or appareille
Montre et chaîne s’envolent
Attrape la vérole
A l’hôpital de Nantes
Jean-François se lamente
Et les draps de sa couche
Déchire avec sa bouche
Il ferait de la peine
Même à son capitaine
Pauvr’ Jean-François de Nantes
Gabier de la Fringante.

FONTI
https://anglofolksongs.wordpress.com/2015/08/17/boney-was-a-warrior/
http://www.shanty.org.uk/archive_songs/boney.html http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/boney.html http://www.musicanet.org/robokopp/shanty/boneywas.htm http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=84540 https://mudcat.org/detail_pf.cfm?messages__Message_ID=1560890
http://www.mustrad.org.uk/articles/french.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.