BOLD DOHERTY

“Bold Doherty” è una irish drinking song risalente ai primi ottocento, anche trascritta in broadside e divulgata tramite la versione di Mary Ann Carolan (nata Usher) di Drogheda (1929-1993) registrata sul campo da Roly Browne nel  1978 e pubblicata nell’album “Song from the Irish tradition“.

Grande famiglia di cantanti quella degli Usher che tramandarono un vasto patrimonio di canti tradizionali del South Louth: le canzoni di Mary Ann Carolan, di suo fratello Pat Usher e del cugino Petey Curran sono diventate famose in tutto il mondo negli anni 70 e furono una grande fonte d’ispirazione per artisti come Paul Brady, Christy Moore, Martin e Eliza Carthy .

La versione standard  è solo una parte di una lunga e confusa storia già peraltro reinterpretata nell’adattamento moderno. Il nostro Paddy è un gran bevitore e un donnaiolo e fa il paio con un altro del suo stampo “Bold O’Donague

ASCOLTA Dervish  in Midsummer’s night, 1999

ASCOLTA Niamh Parsons 2000

I
Me name is Bold Doherty from the north country
Where there’s a still upon every stream
Lady[1] , be quicker and pour me more liquor
And fill me a glass of the stronger than cream
If I had you, Molly, so pleasant and jolly
Although it’s a folly to ask you at all
I’d fill up me glass with a mile to the bottom
And I’d drink to you, Molly, beside Donegal
Chorus:
With me fol the dol do, fol the dol do with me
Fol the dol do with me, fol the dol day
Fol the dol do, fol the dol do with me
Fol the dol do with me, fol the dol day
II
I’ve a new pair of clogs I brought home from the market
I craved an excuse to get into the town
I told me old mother the seams, they were ripped
And I needed some nails for to rivet them down
She clothed me hand with a bright bit of shilling
She thought the remainder would be her own
Saying, “When you go to town, you can buy the full nagan[2]
But beware you bring none of your fancibles[3] home”
III
When crossing the fields of me brave Enniskillen
I went into an ale-house for to take a dram
When I saw two tinkers dividing a saucepan
Although there were arguing about the tin can[4]
One of them then made a blow at the other one
He said, “You young villain, I will take your life”
Saying, “Your saucepans are leaking and won’t hold the water
Since ‘ere the Bold Doherty spoke with your wife”
IV
Oh when I got home, the door, it was bolted
I rapped up me mother for to let me in
“Be gone ore the place” was the words that she mentioned
“For inside this house you’ll not enter in
You may go away to wherever you came from
For to keep you out, now I’m sure it’s no sin”
Says I, “Me gay woman, you may keep your temper
‘Cause I can find lodging with Nora McGlynn”
Traduzione [*] di Cattia Salto
I
Mi chiamo Doherty l’ardito  dal Nord dell’Irlanda
dove c’è dell’acqua cheta in ogni ruscello
donna, sbrigati e portami dell’altro liquore
riempimi il bicchiere del più forte con la schiuma.
Se ti avessi, Molly così graziosa e allegra,
anche se è del tutto una follia chiedertelo,
riempirei il bicchiere profondo un miglio
e berrei a te Molly oltre al Donegal!
CORO
With me fol the dol do, fol the dol do with me
Fol the dol do with me, fol the dol day
Fol the dol do, fol the dol do with me
Fol the dol do with me, fol the dol day
II
Ho un nuovo paio di scarponi che portai a casa dal mercato,
cercavo una scusa per andare
in città
la mia vecchia madre mi disse che le cuciture erano state strappate
e io avevo bisogno di qualche chiodo per fissarle a posto,
lei mi ha riempito la mano di un po’ di luccicanti scellini
credendo che le avrei riportato
il resto
“Quando vai in città, comprati da bere,
quello che vuoi
ma stai attento a non portare a casa nessuna delle tue ragazze ”
III
Allora passai per i campi della mia bella Enniskillen
e entrai in una birreria per farmi un goccio,
quando vidi due calderai che dividevano una casseruola (di birra)
mentre stavano discutendo sulla latta (oppure nella loro parlata)
uno di loro allora diede un pugno all’altro
disse “Tu giovane villano, mi prenderò la tua vita”
“Le tue pentole perdono e non tengono l’acqua,
da quando anche Doherty l’ardito ha parlato con tua moglie”
IV
Quando sono tornato a casa, la porta era sprangata
e bussai perchè mia madre venisse ad aprire
“Vattene via – furono le parole che pronunciò-
perchè dentro a questa casa tu non entrerai
devi andartene  da dove sei venuto
perciò stattene fuori; adesso sono sicura che non faccio del male”
Dico io “Mia cara donna,
datti una calmata,
perchè mi posso sistemare con Nora McGlynn”

FONTI
https://www.facebook.com/DroghedaArtsFestival/
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=4345
https://mainlynorfolk.info/watersons/songs/bolddoherty.html
http://www.celticlyricscorner.net/dervish/bold.htm
https://thesession.org/tunes/8344

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*