IN THE BLEAK MIDWINTER: SNOW ON SNOW

christina_rossettiCanto natalizio conosciuto con il titolo di A Christmas Carol era inizialemnte una poesia scritta da Christina Rossetti nel 1872; una ventina d’anni dopo, il compositore inglese Gustav Theodore Holst vi adottò una sua melodia dal titolo Cranham. Successivamente molte altre melodie vennero scritte e pubblicate (quella più conosciuta per coro è stata composta da Harold Drake nel 1911)

In una lettera indirizzata da Christina Rossetti a W. Aytoun nel 1854 leggiamo: “parlando come sto facendo a un poeta, spero di non essere fraintesa e tacciata di egoismo o vanità quando dico che l’amore che nutro per le opere degli altri autori mi induce a pensare che le mie non siano poi così disprezzabili; che la poesia è parte di me, un impulso e una realtà e non un meccanismo; e so che i miei intenti di autore sono puri, orientati al vero e al giusto.”

GUIDA ALL’ASCOLTO
Moltissimi artisti hanno interpretato questo brano dolce e delicato presente anche in tanti innari (che censurano tuttavia la III strofa forse per via di quel “breast full of milk” considerato troppo audace!). Indubbiamente la composizione pare fresca e spontanea a confronto di molti inni più roboanti e ridondanti di frasi fatte tratte dalla Bibbia; eppure la teologia delle parole è ben fondata ed erudita, essendo la poesia solo apparentemente scritta con il cuore di un fanciullo.

La prima strofa trasmette tutto il freddo e la durezza di un Inverno che metaforicamente era sulla terra prima della venuta di Cristo. Nella seconda strofa una scena apocalittica della magnificenza di Dio, si contrappone alla nascita in un umile stalla di suo Figlio, Gesù. La IV strofa è il tripudio di tutte le schiere angeliche che, saturando il cielo di ali e di luce, celebrano la divinità di Cristo. Ad essi la poetessa accosta tutta la tenerezza di una madre che bacia e nutre il figlioletto dal suo seno. Così cielo e terra adorano il bambinello e noi ne riconosciamo la duplice natura. L’ultima strofa è l’invito ad accogliere Dio nel proprio cuore.

MELODIA G.T. HOLST

Loreena McKennitt in “A Midwinter Night’s Dream” 2008, insuperabile versione strumentale con il canto affidato al violino, il violoncello in contrappunto e l’arpa che emerge come voce solista nella parte centrale!

Moya Brennan in “An Irish Christmas” 2005 (strofe I, II, IV, V)
ASCOLTA Orla Fallon (strofe I, IV, V)

INTERESSANTI VARIAZIONI MELODICHE
ASCOLTA Sarah McLachlan in “Wintersong” 2006 ” (strofe I, IV, V)
ASCOLTA Erin Bode in “A Cold December Night” (strofe I, IV, V)

 

I
In the bleak midwinter
Frosty wind made moan,
Earth stood hard as iron,
Water like a stone;
Snow had fallen, snow on snow,
Snow on snow(1),
In the bleak midwinter,
Long ago.
II
Our God, heaven cannot hold him,
Nor earth sustain;
Heaven and earth shall flee away
When he comes to reign;
In the bleak midwinter
A stable place sufficed
The Lord God incarnate,
Jesus Christ.
III
Enough for him, whom Cherubim
Worship night and day
A breast full of milk
And a manger full of hay.
Enough for him, whom angels
Fall down before,
The ox and ass and camel(2)
which adore.
IV
Angels and archangels
May have gathered there,
Cherubim and seraphim
Thronged the air;
But his mother only,
In her maiden bliss,
Worshipped the Beloved
With a kiss.
V
What can I give him,
Poor as I am?
If I were a shepherd
I would bring a lamb,
If I were a wise man
I would do my part(3),
Yet what I can I give Him —
Give my heart.

TRADUZIONE ITALIANO CATTIA SALTO
I
Nel pieno di un inverno tetro
il vento gelido si lamentava
la terra era dura come ferro
l’acqua come pietra;
la neve era caduta, neve su neve
neve su neve
nel pieno di un cupo inverno
tanto tempo fa
II
Il nostro Dio, il cielo non può trattenerlo,
né la terra sostenerlo;
cielo e terra fuggiranno
quando verrà il suo Regno;
nel pieno di un cupo inverno
una stalla fu sufficiente
per il Signore, Dio onnipotente
Gesù Cristo
III
Bastò per lui, che i cherubini
lo adorassero notte e giorno,
un seno pieno di latte
e una mangiatoria piena di fieno.
Bastò per lui, che gli angeli
caduti in passato,
il bue e l’asino e il cammello
lo adorassero
IV
Angeli ed arcangeli
erano tutti lì riuniti,
cherubini e serafini
affollavano l’aria,
ma solo sua madre
nella sua beatitudine di vergine
adorò il suo Amato
con un bacio
V
Cosa posso dargli
povera come sono?
Se fossi un pastore
vorrei portare un agnello,
se fossi un Magio
vorrei fare la mia parte,
ecco ciò che posso donargli –
gli dono il mio cuore

NOTE
1) anche la musica rallenta e cade soffice come neve, su neve e ancora neve
2) dalla campagna inglese sommersa dalla neve precipitiamo in Medio Oriente appena si evoca il cammello
3) risolvendo il “wise man” come Magio si intende che porterà al bambino un dono appropriato: oro, incenso o mirra

FONTI
Poesie di Christina Rossetti
http://www.christinarossetti.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*