BIDDY MULLIGAN THE PRIDE OF COOMBE

jimmy-o-dea“Biddy Mulligan” è la canzone irlandese scritta nel 1930 per il music-hall da Seamus Kavanagh in collaborazione con Harry O’Donovan e che venne interpretata dal grande cantante-attore Jimmy O’Deaen travestì”. Il personaggio è collegato a una serie di canzoni sempre scritte da Harry O’Donovan: the Charladies’ Ball (condividendo la melodia di Biddy Mulligan) e Daffy the Belle of the Coombe (sulla figlia della vedova Mulligan)

LA VEDOVA DEL COOMBE

Il testo per la verità è stato ripreso dalla canzone “Mrs Twankey, the Queen of the Coombe” scritta da W S North per la commedia Taladoin, or The Scamp with the Lamp” che andò in scena il 26 dicembre 1889 (vedi). Si tratta della macchietta di una vedova che risiede a Coombe il quartiere popolare di Dublino tra le cattedrali Christchurch e Saint Patrick, che fin dal Medioevo era sotto le giurisdizione della Chiesa cattolica che dava asilo e protezione alla povera gente (le Liberties). Ancora oggi è un quartiere operaio e popolare caratteristico della Dublino storica.

La nostra signora Biddy Mulligan vende per strada, a seconda dei giorni, frutta fresca e verdure, vestiario o pesce e come personaggio fa il paio con l’altrettanto famosa Molly Malone. (vedi). Per quanto recente la canzone è stata oggetto di molte varianti testuali.

ASCOLTA The Dubliners (strofe I, II III, V)

ASCOLTA Dominic Behan (strofe I, II III, IV, V, VI)


CHORUS
You may.. travel from Clare to the County Kildare,
From Drogheda(1) right down to Macroom; but where would you see a fine widow like me, Biddy Mulligan, the pride of the Coombe(2)
I
I’m a scrap(3) of a widow that lives in a place in Dublin,
that’s known as the Coombe.
And me comfort and ease(4)
Sure no king could excel
Though me palace consists of one room
II
By Patrick’s Street corner for thirtyfive years(5)
I stood by my stall, that’s no lie
And while I was there, there’s no one would dare To say black was the white of me eye(6)
III
I sell apples and oranges, nuts and split(7) peas
Bulls eyes(8) and sugar sticks sweet
On a Saturday night I sell second hand clothes
From me stall on the floor of the street
IV(9)
I sell fish on a Friday, laid out on a dish
Fresh mackerel and lovely ray
I sell lovely herrings such lovely fresh herrings
That once swam in dear Dublin Bay
V
Now I have a son Mick who plays on the pipe(10)
He belongs to the Longford Street Band (11)
It would do your heart good to see them march out On a Sunday to Sandymount Strand(12)
VI
In the park on a Sunday I cut quite a dash(13)
And the neighbours look on in surprise
At my grand paisley shawl(14) and my bonnet so tall
It would dazzle your eyes
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
Coro
Puoi viaggiare dal Clare alla contea di Kildare,
da Drogheta (1) e dritto fino a Macroom,
ma dove potrai mai trovare una bella vedova come me,
Biddy Mulligan, l’orgoglio del Coombe(2)?
I
Sono una formosa (3) vedova che vive a Dublino
in un posto detto Coombe,
confortevole e adatto a me (4),
nessuna dimora reale può superare il mio palazzo, sebbene consista in una stanza sola.
II
All’angolo di Patrick’s Street per 35 anni (5) rimasi alla mia bancarella, e non dico bugie,
e mentre stavo là nessuno avrebbe osato
parlare male di me (6).
III
Vendo mele e arance noci e piselli spaccati (7),
occhi-di -bue (8) e dolci bastoncini di zucchero. La sera del sabato vendo abiti di seconda mano dalla mia postazione sul marciapiede della strada.
IV (9)
Di venerdì vendo pesce disposto su un piatto, sgombro fresco e una bella razza, vendo belle aringhe, aringhe fresche così deliziose che prima nuotavano nella bella baia di Dublino.
V
Ora ho un figlio di nome Mick che suona il flauto (10)
e fa parte della banda di Longford Street (11),
rallegrerebbe il vostro cuore vederli marciare di domenica sullo Sandymount Strand (12).
VI
Nel parco di domenica faccio la mia figura (13)
e i vicini guardano con meraviglia il mio grande scialle di Paisley (14) e il mio berretto così alto
da far brillare i vostri occhi
Iveagh Market

NOTE
1) cittadina del Louth a una cinquantina di km da Dublino che si trova vicino al sito archeologico di Newgrange, è diventata una cittadina satellite di Dublino
2) The Coombe è un quartiere operaio a sud di Dublino appena fuori la cerchia muraria della vecchia Dublino in quell’area detta le Liberties perchè sotto la giurisdizione della Chiesa la quale godeva di numerose franchigie.
3) oppue dice “I’m a buxom fine widow, I live in a spot”
4) anche scritto come: “are these”. Il verso alternativo dice:
“My shop and my stall is laid out in the street
And me place consists of one room.”
5) Altre volte 44 o 64 (il numero degli anni cambia in funzione di chi canta): sebbene nella canzone si ripeta spesso che la signora aveva una bancarella  dietro a Patrick’s Street ai tempi di Jimmy O’Dea  la maggior parte degli ambulanti vendevano nell’Iveagh Market, il mercato coperto di Francis Street, costruito dall’Iveagh Trust (un ramo del Guinness Trust, compagnia fondata nel 1890 da Edward Guinness, I conte di Iveagh). Il Mercato coperto venne costruito a nord della cattedrale di St. Patrick e aprì nel 1906; nel mercato si vendeva a seconda dei giorni: verdure, pesce o vestiario. Caduto in disuso e abbandonato nel 1990 è oggetto di un progetto di riqualificazione.
6) dire che “nero è il bianco dei miei occhi“, è una tipica espressione popolare che significa: “nessuno può parlare male di me”
7) sweet
8) oppure banana. I Bulls eyes sono delle caramelle alla menta a strisce bianche e nere del tipo Humbug, ma mentre l’humbug ha forma cilindrica il bull-eye è sferica
9) I Clancy Brothers dicono
“I sell fish on a Friday, spread out on a board;
The finest you’ll find in the sea.
But the best is my herrings, fine Dublin Bay herrings,
There’s herrings for dinner and tea.
10) oppure fife, trattandosi d’Irlanda è più probabile che con pipe si voglia intendere il flauto più che una cornamusa
11)  in Longford Street c’è la York House che ospita l’Esercito della Salvezza (Salvation Army) , movimento nato dal Metodismo negli anni 1860 l’organizzazione  aveva come obiettivo principale l’evangelizzazione dei poveri con un approccio salutista e militaresco: le prediche contro l’abuso di alcol, la prostituzione e i giochi d’azzardo erano spesso accompagnati da una banda di suonatori in uniforme. Il suo fondatore William Booth era convinto che disciplina militare e musica marziale fossero un connubio perfetto per allestire spettacoli che suscitassero curiosità e interesse.
12) oppure”When the band goes to Dollymount Strand”: sia Sandymount che Dollymount sono spiagge nella Baia di Dublino una a Sud e l’altra a Nord
13) espressione idiomatica per “Cut a fine figure”
14) oppure “With my Aberdeen shawlie thrown over my head”

APPROFONDIMENTO TEMATICO
http://ontanomagico.altervista.org/dicey-riley.html

FONTI
http://www.irlandando.it/dublino/cosa-vedere-dublino/ll-quartiere-dei-liberties/
http://www.kinglaoghaire.com/lyrics/915-biddy-mulligan http://dublinopinion.com/2008/06/09/jimmy-jimmy/ http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=115394 http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=6502

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*