BEWAR OF LONG LANKIN

(Child #93)
TITOLI: (False) Lamkin, Long Lankin,

Long Lankin è la personificazione dell’uomo nero pronto a sgozzare quelli che al calare del buio restano fuori casa o non chiudono bene la porta (e le finestre). La ballata, una delle più cupe tra le murder ballads pare abbia un fondamento storico.
Un capomastro fiammingo costruisce il castello di un signorotto scozzese, ma il Lord si guarda bene dal pagarlo alla fine del lavoro. Così approfittando della sua assenza il capomastro si introduce nel castello, e aiutato dalla fantesca, uccide il bambino e la moglie del Lord. Il professor Child ambienta la storia a Balwearie Castle vicino a Kirkcaldy nel Fife (vedi) ma molti castelli diroccati del Perthshire, dello Scottish Borders e anche del Northumberland si dicono infestati dal fantasma della Lady!

IL CAPOMASTRO FIAMMINGO

Il “mason good” è sicuramente un capomastro (un master mason) colui che nel medioevo assume il ruolo di “protomagister il migliore tra gli operai specializzati, spesso il più abile tra gli scalpellini, in grado di tradurre in costruzione il progetto dell’architetto (che spesso all’epoca era lo stesso committente dell’opera) e portatore di tradizioni artistiche peculiari.
 Sotto il nome di magistri operis o operum, o operis lapidum o fabricae, lapicidae, latomi, operarii, sono designati veri e proprî artisti, che, gloriosi della tradizione tramandata da padre in figlio più che del sapere, dopo essersi esercitati ed affermati nella regione natale, vengono chiamati a portare in ogni parte del mondo l’impronta di quelle costumanze artistiche locali, che, pertanto, s’avviano a divenire universali. (tratto da treccani.it)
Nel Medioevo è uomo che viene dal basso ma sulla strada per l’acculturazione, che si eleverà in alcuni casi nella figura professionale dell’architetto. Nel Rinascimento il capomastro è invece più precisamente il capo del cantiere, l’imprenditore
E così Lambert Linkin (Lamkin, Lammikin, Long Lankin, Lonkin, Lantin, Long Longkin, Rankin, Balcanqual, Balankin) era il nome di un capomastro fiammingo essendo “Lambert” derivato dal nederlandese Lamkijn, Lambkijn, il cui vezzeggiativo in Scozia si puo’ tradurre in italiano come “Lambertuccio”. Nonostante il nomignolo richiami una certa innocuità o innocenza (lamb, lambkin in inglese significano agnello e “agnellino”) l’uomo era un bruto e non essendo stato pagato dal Lord al quale aveva appena finito di costruire un castello, si è vendicato uccidendogli moglie e figlio!

UNA FURIA CIECA

Questo tipo di vendetta non era peraltro insolita nel Medioevo (e nemmeno tra i malavitosi ben più moderni): la ritorsione sui parenti e in particolare la discendenza di colui che aveva causato il torto (o non pagava il “prestito”).
La storia mi lascia un po’ perplessa, il nostro capomastro è già elevato al rango di “artista” e non è un semplice e rozzo manovale, sicuramente avrebbe trovato protezione nella sua corporazione e sarebbe ricorso al giudice per ottenere il pagamento di quanto dovuto; all’epoca nessun “plebeo” si sarebbe permesso di sterminare la famiglia di un nobiluomo, prima cosa perchè il nobiluomo in questione era sempre difeso dai suoi bravi, e poi perchè sarebbe sicuramente finito sulla forca. Perciò tra gli studiosi c’è chi vede in questa ritorsione una sorta di ribellione “sociale” di chi è sfruttato dal potente e che ad un certo punto reagisce con furia cieca…

Il nobile è variamente denominato come Lord Wearie, Erley, Earley, Murray, Arran, Montgomery, Cassilis, e dovendo assentarsi dal castello, ma temendo la vendetta del capomastro, si raccomanda alla moglie di chiudere bene porte e finestre, senonchè l’assassino riesce ad entrare (spesso grazie all’aiuto della nutrice la quale già covava del risentimento verso la padrona). Lamkin prima si avventa sul bambino nella culla le cui grida richiamano la Lady dalle sue stanze al piano superiore. Troppo tardi la donna offre tanto oro in cambio della vita (o la mano della figlia) perchè oramai Lamkin, accecato dalla bramosia del sangue, la uccide!
Alcuni vedono addirittura nella fantesca la vera manipolatrice che per vendicarsi della padrona riesce a controllare Lamkin come se fosse una sorta di Golem vendicatore..

long-lamkin-aranda-dillIllustrazione di Aranda Dill

I CASTELLI INFESTATI

le rovine di Balwearie Castle

A mio avviso è più probabile che la storia del capomastro vendicativo sia una sorta di tentativo di razionalizzazione della ballata il quale ha dato l’estro al gusto romantico per il macabro, che ci ha regalato così tante novelle e racconti “gotici”, nella creazione di un’ambientazione “reale” presso le varie rovine avvinte dalla vegetazione così pittoresche e ricche di mistero!
E così nel Nord d’Inghilterra si perde il conto dei castelli infestati dal fantasma della sfortunata Lady (tra le ambientazioni più famose le location delle rovine di Nafferton Castle come “tana” di Long Lankin e Welton Hall come luogo del massacro (vedi) oppure il “Lambirkyns Wod” citato da Child vicino a Duppin nel Perthshire o anche Whittle Dene, nei pressi di Ovindoli; e ancora Starlight Castle oppure Bunkle Castle nel Berwickshire (vedi)

Insomma la ballata è stata rigirata in tutti i modi analizzando tutti i più piccoli riferimenti storici, sociali, e psicologici.

LA PSICOLOGIA DI UNA BALLATA: L’ABBANDONO E IL SENSO DI COLPA

Rika Ruebsaat e Jon Bartlett nel loro saggio “Lamkin, The Terror of Countless Nurseries” guardano alla ballata per quello che è, ossia una fiaba cantata (le ballate erano infatti le canzoni delle madri per calmare i bambini e farli addormentare o per istruirli intrattenendoli con il canto, erano le canzoni che si cantavano nelle stanze delle donne intente ai lavori di tessitura e ricamo), e invece di cercarne la razionalizzazione ne spiegano il fascino oscuro come metafora per il percorso di crescita interiore. (vedi)

Depurata da ogni razionalizzazione la ballata parla di un bambino, una coppia di genitori “buoni” e una coppia di genitori “cattivi” così Lamkin è l’uomo nero, che vive nella palude sempre pronto a entrare nelle case e negli incubi della gente non appena gli si lasci uno spiraglio per l’accesso (o ci si comporti male o si senta il bisogno di essere puniti per qualche nostra mancanza vera o presunta che sia).

Il professor Child riporta ben 25 varianti della ballata, la prima risalente al 1775 e l’ultima al 1892, per lo più scozzesi ma anche provenienti dall’Irlanda.
Una ballata sebbene non estremamente popolare tuttavia cantata ancora oggi in Scozia, Inghilterra, isola di Terranova, New England, Stati del Sud e Middle West per lo più a due voci (l’uomo che interpreta il narratore, Lamkin e Lord Wearie e la donna che interpreta la balia e Lady Wearie).

LO SPIRITO TUTELARE DELLA CASA

Altri studiosi leggono tra le righe e vedono in Lamkin la personificazione del “genius loci” ovvero il nume, lo spirito tutelare del luogo al quale era consuetudine sacrificare un innocente come tributo per la costruzione dell’edificio. Citando una mia nota in “The Well Below The Valley-O” (vedi) “seppellire un cadavere sotto la pietra del focolare di una nuova casa era un’antica pratica propiziatoria per la prosperità e la fertilità della nuova famiglia. I sacrifici umani e animali erano un rituale per placare gli dei che quindi si potevano ritenere soddisfatti. Il sacrificio umano era l’offerta più alta e “santa” per suggellare un confine sacro come quello di un nuovo insediamento e faceva parte dei rituali di molte civiltà all’atto della fondazione di una città con relativa sepoltura dei corpi sotto la soglia delle porte della cinta muraria, ma anche di un cippo di confine. Una casa durerà solo se sotto giace una vita distrutta.
Così il proprietario del castello che aveva stipulato un patto con il diavolo e non lo mantiene, deve comunque pagare il suo tributo con il sacrificio del sangue.

ASCOLTA dalla tradizione orale dell’Arkansas tre versioni risalenti alla fine anni 50 e 60

ASCOLTA The Wainwright Sisters in “Songs In The Dark” (2015) che saltano i versi riguardanti la figlia (VIII e IX) ne fanno una filastrocca

ASCOLTA Jim Moray in Modern History 2010. Di questa versione così fresca e attuale non ho trovato al momento il testo, pur simile ai sottostanti. Mi piace in particolare l’uso della ghironda nelle parti strumentali e la scelta del tempo ritmico (un valzer lento come una sorta di danza macabra)
Nel video live invece l’esibizione con il solo accompagnamento della chitarra

Alasdair Roberts & Friends: Long Lankin [2010]: questa versione si distingue per l’interpretazione dei personaggi e per come la musica si pieghi a sottolineare i passaggi cruciali

ASCOLTA Fire + Ice in Gilded By The Sun (1992): un andamento ipnotico sostenuto da una intonazione piatta e piena d’eco molto creepy! (strofe I, II, III, IV, V

“The Penguin Book of English Folk Songs”
I
Said the lord to the lady as he mounted his horse
‘Beware of Long Lankin who lives in the moss’
Said the lord to the lady as he rode away
‘Beware of Long Lankin who lives in the hay
II
‘Let the doors all be bolted and the windows all pinned
And leave not one hole for a mouse to crawl in (creep in)’
So the doors were all bolted and the windows all pinned
Except for one window which Lankin crawled in
III
‘Where’s the lord of this house?’ then up spoke Long Lankin
‘He’s away to fair London’, said the false nurse to him
‘Where’s the heir of this house?’ then up spoke Long Lankin
‘He’s asleep in his bedroom (cradle)’, said the false nurse to him
IV
‘Then we’ll prick him, we’ll prick him all over with a pin
And that’ll make his lady to come down to him’
So he’s pricked him, he’s pricked him all over with a pin
And the nurse held the basin for the blood to flow in
V
‘Oh nurse, how you slumber, oh nurse, how you sleep
You leave my son Johnson to cry and to weep’
‘I’ve tried him with an apple, I’ve tried him with a pear
Come down my fair lady, and rock him in your chair
VI
‘I’ve tried him with milk and I’ve tried him with pap
Come down my fair lady and rock him in your lap’
So the lady’s come down, she was thinking no harm
But Lankin was waiting to catch her in his arms
VII
‘You can have my daughter Betsy, so young and so sweet
You can have as much money as there’s stones in the street”
‘I don’t want you daughter Betsy, nor the stones in the street
I would rather have your life’s blood running down at my feet’
VIII
There was blood in the kitchen, there was blood in the hall
There was blood in the parlour where the lady did fall’
Then Betsy being up in the turret so high
She saw her father come riding by
IX
‘Oh father, oh father, don’t lay the blame on me
‘Twas the false nurse and Lankin killed your baby
‘Oh father, oh father, don’t lay the blame on me
‘Twas the false nurse and Lankin killed your lady’
X
So Lankin was hung on the gibbet so high
And the false nurse was burned in the fire close by
tradotto da Cattia Salto
I
Disse il Lord alla Lady mentre montava a cavallo
“Attenta a Long Lankin che vive nella palude”
disse il lord alla sua lady mentre cavalcava lontano
” Attenta a Long Lakin che vive
nei campi.
II
Tenete le porte serrate e le finestre ben chiuse
e non lasciate nemmeno un buco che un topo possa strisciarci dentro (1)”.
Così le porte furono tutte serrate e le finestre ben chiuse
tranne che una finestra da dove Lankin strisciò dentro
III
 “Dovè il Lord della casa?” – gridò Long Lankin
“E’ fuori nella bella Londra” – disse la falsa balia (2)
” Dov’è l’erede della casa (3)?” –
gridò Long Lankin
“Dorme nella sua stanza”
– disse la falsa balia.
IV
“Allora lo infilzeremo dappertutto con uno spillo (4)
così la sua Lady scenderà
giù da lui”
Così lo punse, lo punse dappertutto con uno spillo
e la balia teneva la bacinella (5) perchè il sangue ci colasse dentro
V
O nutrice come dormi, come puoi dormire
e lasciare mio figlio Johnson gridare e piangere?”
“Ho provato con una mela, ho provato con una pera
scendi giù mia bella Lady e cullalo sulla tua sedia.
VI
Ho provato con il latte e ho provato con la pappa,
scendi giù mia bella Lady e cullalo in grembo” (6)
Allora la Lady scese giù pensando non ci fosse pericolo
ma Lankin la stava aspettando per prenderla tra le braccia (7)
VII
“Puoi avere la mia figlia Betsy così giovane e innocente(8)
puoi avere tanto denaro quante sono le pietre in strada”.
“Non voglio tua figlia Betsy e nemmeno le pietre in strada,
piuttosto voglio avere il tuo sangue vitale che mi corre ai piedi.”
VIII
C’era sangue in cucina, sangue nella sala
c’era sangue nel salotto dove la Lady cadde
allora Betsy che stava nella torre più alta(9)
vide il padre che ritornava cavalcando.
IX
“O padre, padre (10)
non darmi la colpa
sono stati la nutrice falsa e Lankin che hanno ucciso tuo figlio.
O padre padre,
non darmi la colpa
sono stati la nutrice falsa e Lankin che hanno ucciso la tua Lady.”
X
Così Lankin è stato impiccato sulla forca più alta
e la falsa nutrice fu bruciata nel falò vicino

NOTE
1) nella versione dei Fire + Ice dicono “And make sure theres no crack for him to creep in” e nel verso successivo “through a gap in the window long lankin crept in” mentre The Wainwright Sisters inframmezzano “So he kissed his fair lady and he rode away, And he was in fair London before the break of day.”
2) la nutrice è detta falsa perchè è complice di Lambertuccio, è inoltre un surrogato di madre ma in chiave negativa. E’ lei ad aver lasciato aperta la finestra
3) nella versione dei Fire + Ice dicono
“Where’s the lady of the household? cries Long Lankin.
She’s asleep in her chamber, says the false nurse to him.”
e proseguono: Where’s the heir of the household? cries Long Lankin.
He’s asleep in his cradle, says the false nurse to him.
4) in alcune versioni Lamkin dondola la culla mentre accoltella il bambino. Lo scopo della tortura al bambino inizialmente non è l’uccisione ma l’esca per far scendere la madre
5) il catino o la bacinella in cui viene raccolto il sangue è altrove specificato d’argento. Così Riccardo Venturi mette in evidenza “La grande cura di Lambertuccio nel raccogliere il sangue di Lady Wearie in una bacinella d’argento ci ricorda Sir Hugh [qui]; qui, però, non si tratta di usare il sangue come rimedio o come filtro per riti magici, bensì di evitare che del sangue aristocratico coli per il pavimento, un’indegnità punita con l’anima trasportata all’inferno in un fiume di sangue. Il recipiente per tale sangue è tradizionalmente d’argento” Ma in Jamieson (Child #94 versione A) la balia interviene, osservando “il sangue dei ricchi è uguale a quello dei poveri”, (molto sovversivo!!)
Secondo Anne Gilchrist il nome Lamkin / Lammikin sta a indicare un incarnato biancastro come quello dei lebbrosi e descrive che una cura medievale per la malattia era quella del bagno nel sangue di un bambino raccolto in una bacinella d’argento.
6) nella versione dei Fire + Ice proseguono la strofa con
How dare I come down in the dead of the night
When no candle is burning and no fires alight?
e concludono
But, the lady came downstairs, aware of no harm
Lankin stood ready to catch her in his arm
There’s blood in the kitchen, there’s blood in the hall,
There’s blood in the parlour where mylady did fall.
There’s blood in the parlour where the lady did fall.
7) qui si accenna allo stupro. In alcune versioni Lamkin è un amante respinto (o un predatore sessuale) che si vendica sulla donna, oppure semplicemente un ladruncolo o un border reiver
8) la figlia viene offerta come moglie, non come vittima sacrificale insieme a una ricca dote
9) in alcune versioni Lamkin costringe Betsy a reggere il catino in cui cola il sangue della madre, in questa invece lei resta rinserrata nella stanza più in alto della torre,  in disperata attesa del ritorno del padre.
10) nella verione delle Wainwright Sisters è una serva che dice “O master don’t lay the blame on me” accusando la nutrice e Lankin di aver ucciso la castellana.

ASCOLTA Steeleye Span in Commoner’s Crown 1975. Un arrangiamento strumentale indubbiamente “datato”


I
Said the lord unto his lady as he rode over the moss,
“Beware of Long Lankin that lives amongst the gorse.
Beware the moss, beware the moor, beware of Long Lankin.
Be sure the doors are bolted well lest Lankin should creep in.”
II
Said the lord unto his lady as he rode away,
“Beware of Long Lankin that lives amongst the hay.
Beware the moss, beware the moor, beware of Long Lankin.
Be sure the doors are bolted well lest Lankin should creep in.”
III
“Where’s the master of the house?” says Long Lankin.
“He’s away to London,” says the nurse to him.
“Where’s the lady of the house?” says Long Lankin.
“She’s up in her chamber,” says the nurse to him.
“Where’s the baby of the house?” says Long Lankin.
“He’s asleep in the cradle,” says the nurse to him.
IV
“We will pinch him, we will prick him, we will stab him with a pin.
And the nurse shall hold the basin for the blood all to run in.”
So they pinched him, then they pricked him, then they stabbed him with a pin.
And the false nurse held the basin for the blood all to run in.
V
“Lady, come down the stairs,” says Long Lankin.
“How can I see in the dark?” she says unto him.
“You have silver mantles,” says Long Lankin,
“Lady, come down the stairs by the light of them.”
Down the stairs the lady came thinking no harm,
Lankin he stood ready to catch her in his arm.

VI
There was blood all in the kitchen, there was blood all in the hall.
There was blood all in the parlour where my lady she did fall.
Now Long Lankin shall be hanged from the gallows oh so high.
And the false nurse shall be burned in the fire close by.
Tradotto da Cattia Salto
I
Disse il lord alla sua lady mentre cavalcava per la palude
“Attenta a Long Lankin che vive  tra la ginestra
attenta alla palude e alla brughiera,
attenta a Long Lankin
attenta che le porte siano serrate bene
o Lankin potrebbe strisciare dentro”
II
Disse il lord alla sua lady mentre cavalcava lontano
” Attenta a Long Lakin che vive
nei campi di fieno
attenta alla palude e alla brughiera,
attenta a Long Lankin
attenta che le porte siano serrate bene
o Lankin potrebbe strisciare dentro”
III
“Dovè il Lord della casa?”
– dice Long Lankin
“E’ fuori a Londra” –
dice la balia
” Dov’è la signora della casa?”
– dice Long Lankin
“E’ nella sua stanza”
dice la balia
” Dov’è il bambino della casa?”
dice Long Lankin
“Dorme nella sua stanza”
dice la balia
IV
Lo infilzeremo, lo pungeremo;
lo trafiggeremo con uno spillo
e la balia deve tenere la bacinella perchè il sangue ci coli dentro”
Così lo infilzarono,
lo punsero
lo trafissero con uno spillo
e la falsa balia teneva la bacinella perchè il sangue ci colasse dentro
V
“Signora scendete le scale”
dice Long Lankin
“Come posso vedere nel buio?
dice lei
“Hai mantelli d’argento”
dice Long Lankin
“Signora scendi le scale con la loro lucentezza”
La dama scese le scale pensando di non essere in pericolo
ma Lankin la stava aspettando per prenderla tra le braccia
VI
C’era sangue in cucina,
sangue nella sala
c’era sangue nel salotto
dove la Lady cadde.
Ora Long Lanking sarà impiccato sulla forca più alta
e la falsa nutrice sarà bruciata nel falò vicino

FONTI
https://singout.org/2016/11/14/lamkin-a-most-brutal-bloody-ballad/
https://singout.org/2016/11/14/lamkin-a-most-brutal-bloody-ballad/3/

http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/longlankin.html
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_93
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=19415
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=52123
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=52406
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/12/lamkin.htm
http://www.bluegrassmessengers.com/29-lamkin-.aspx
http://www.mustrad.org.uk/articles/lamkin.htm
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=9416&printpreview=1&lang=it
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=9416&lang=it#agg21945
http://jonandrika.org/wp/articles/lamkin-terror-of-nurseries/
http://www.efdss.org/efdss-education/resource-bank/resources-and-teaching-tools/false-lamkin-teaching-notes-for-key-stages-2-and-3
http://www.enidporterproject.org.uk/content/villages/littleport/song-littleport-man

ILLUSTRAZIONI
http://arandadill.tumblr.com/post/83062543466/said-the-lord-unto-his-lady-as-he-rode-over-the

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*