BALOO MY BOY

05185-dante_gabriel_rossetti_lady_anne_bothwells_lamentLe ninna-nanne sono composizioni non insolite in Inghilterra e Scozia, e spesso i testi raccontano al bambino i fatti della vita senza mitigarne la crudezza; “Baloo my boy” risale quantomeno al 1500 anche intitolata “Lady Anne Bothwell’s Lament”. La donna che canta per far addormentare il suo bambino e per farlo smettere di piangere è probabilmente Lady Anne Bothwell che era stata sedotta da Alexander Erskine vedi e poi abbandonata con un figlio illegittimo; il bellimbusto era il cugino della donna e figlio del conte di Mar e morì poco dopo nelle “Bishop Wars” (1640).

Secondo la tradizione fu la Lady stessa a scrivere la ninna-nanna diffusa in molte versioni nei manoscritti del 17° secolo. Il testo più conosciuto è quello trascritto da Allan Ramsay nel suo “The Tea-Table Miscellany” (1724) (qui) ma anche la versione riportata da Percy nel suo “Reliques of Ancient English Poetry” (1765) (qui). La melodia si trova in stampa nell’ Orpheus Caledonius (1733) di Thomson ripresa quindi nello “Scots Musical Museum”. Alcuni studiosi attribuiscono la composizione musicale a William Lawes (1602 – 1645)

ASCOLTA: una voce anche stonata a tratti per il filmato “A Field in England” (2013) di Ben Wheatley

TESTO E MELODIA NELLO “SCOTS MUSICAL MUSEUM” vol. II I cui si riporta: According to Glen (1900), this particular tune appeared in the second edition of William Thomson’s ‘Orpheus Caledonius’ (1733) and in book one of James Oswald’s ‘Caledonian Pocket Companion’, published around 1745. After the publication of Oswald’s Companion, the tune did not appear in any Scottish song collections until its inclusion in the second volume of the ‘Museum’ (1788).

I
Baloo, my boy, lie still and sleep
It grieves me sore to hear thee weep
If thou’lt be silent I’ll be glad
Thy moaning makes my heart full sad.
Baloo, my boy, thy mother’s joy
Thy father bred me great annoy
Baloo, baloo, baloo, baloo
Baloo, baloo, lu-li-li-lu.
II
O’er thee I keep my lonely watch
Intent thy lightest breath to catch
O, when thou wak’st to see thee smile
And thus my sorrow to beguile.
Baloo, my boy, thy mother’s joy
Thy father bred me great annoy
Baloo, my boy, lie still and sleep
It grieves me sore to hear thee weep.
III
Twelve weary months have crept away
Since he, upon thy natal day
Left thee and me, to seek afar
A bloody fate in doubtful war(1).
Baloo, my boy, lie still and sleep
It grieves me sore to hear thee weep
If thou’lt be silent, I’ll be glad
Thy moaning makes my heart full sad.
IV
I dreamed a dream but yesternight
Thy father slain in foreign fight(2)
He, wounded, stood beside my bed
His blood ran down upon thy head
He spoke no word, but looked on me
Bent low, and gave a kiss to thee!
Baloo, baloo, my darling boy
Thou’rt now alone thy mother’s joy.
NOTE
1) si tratta delle “Bishops’ Wars” cioè una serie di conflitti tra il 1639 e il 1640 per definire i rapporti tra la Chiesa di Scozia e la Corona che sono considerate l’antefatto alle guerre civili inglesi (1642-1651)

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
Ninna nanna bimbo mio stai giù e dormi, mi addolora sentirti piangere, e se tu tacessi ne sari felice, che i tuoi lamenti mi riempiono il cuore di tristezza. Ninna nanna, piccino, gioia di mamma tua, tuo padre mi ha dato tanti fastidi.
II
Su di te veglio solo io attenta ad ascoltare il più piccolo respiro o quando sei sveglio per vederti sorridere, così il mio dolore s’acquieta. Ninna nanna piccino, gioia di mamma tua, tuo padre mi ha dato tanti fastidi, Ninna nanna bimbo mio stai giù e dormi, mi addolora sentirti piangere.
III
Dodici difficili mesi sono passati, da quando lui dal giorno della tua nascita,lasciò me e te, per cercare lontano un destino di sangue in una guerra incerta(1). Ninna nanna bimbo mio stai giù e dormi, mi addolora sentirti piangere, se tacerai ne sarò felice, i tuoi lamenti mi riempiono il cuore di tristezza.
IV
Ho fatto un sogno proprio la notte scorsa, tuo padre ucciso in un conflitto all’estero, lui, ferito, stava in piedi accanto al letto, con il sangue che gli scorreva dalla testa. Non disse una parola, ma mi guardava, si è chinato e ti ha mandato un bacio. Ninna nanna mio bambino, tu solo sei la gioia di mamma tua

La canzone ha conosciuto una grande popolarità nei salotti “bene” per tutto il Settecento e l’Ottocento ed è stata rielaborata da molti musicisti in composizioni classiche : ad esempio Francesco Geminiani in  A Treatise of Good Taste in the Art of Musick (1749), Air 3 (qui); l’arrangiamento di Joseph Corfe nel 1791 (qui); Brahms nel 1892 per l’Intermezzo N°1 Opus 117 (qui)

FONTI
http://www.clanmacfarlanegenealogy.info/genealogy/ TNGWebsite/getperson.php?personID=I54006&tree=CC http://burnsscotland.com/items/v/volume-ii,-song-130,-pages-135-and-136-lady-bothwells-lament.aspx
http://www.campin.me.uk/Embro/Webrelease/ Embro/09love/text/Bothwell.htm http://www.campin.me.uk/Embro/Webrelease/ Embro/09love/text/BothPerc.htm http://thesession.org/tunes/9925
http://www.exclassics.com/percy/perc84.htm http://balladed.wordpress.com/2013/08/08/baloo-my-boy/ http://www.contemplator.com/scotland/bothwell.html http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/GrD81560.html http://www.musicanet.org/robokopp/scottish/balowmyb.htm http://www.leicestergalleries.com/19th-20th-century-paintings/d/lady-anne-bothwells-lament/76435

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*