Os cempès

Os Cempès sono un gruppo di musica folk della Galizia (per lo più strumentale) nati nei primi anni 90.
Funestata dalla morte per un incidente automobilistico del gaitero Carlos Zaera la neonata formazione di Ferrol (provincia di A Coruña) incide il primo omonimo album nel 1996 dedicandolo all’amico: meglio conosciuto con il titolo di “Opa III”  è un live sanguigno e con i suoni del gaitero (e liutaio) Antón Varela sulla robusta sezione ritmica di Beto Niebla, Pablo e Serxio Cés .

Più curato il successivo album dal titolo Capitán Re registrato in studio nell’autunno del 1997 con l’introduzione della ghironda e organetto di Oscar Fernández “Sanjurjo”: un susseguirsi di jota e muiñeira e polca come nei balli popolari galiziani, mescolati fra loro fino a fondersi. Ma non solo perchè loro suonano anche le melodie più disparate a piacere, nel senso che basta che siano melodie che in qualche modo già risuonino dentro alla loro sensibilità musicale  (pur che non siano jig o reel irlandesi/scozzesi!)
ASCOLTA La Sansonette in “Capitán Re”è un brano composto dal francese nonchè ghirondista contemporaneo Dominique Forges su una melodia ballabile detta scottish, decisamente però rivisitata dal gruppo che le danno una “marcia” in più rispetto alle versioni francesi. La melodia ultimamente spopola in Galizia e  in tutta l’Europa! (sarà perchè è finita in così tante compilation di musica celtica?)

La formazione ritorna con il nuovo album Circo Montecuruto del 2000 seguito da “Moe a Moa” (2004).
Alla line-up rinnovata dopo le defezioni troviamo
 Antón Varela, gaita e clarinetto
Toni do Jaz batteria
Oscar Fernández, organetto e ghironda
Serxio Cés voce, sax e percussioni
che riuniscono un buon numero di collaboratori per l’occasione.
ASCOLTA Sara Sariña in “Circo Montecuruto”: è una jota de Lourido rivisitata da Serxio Cés

Henri Matisse

Si confronti la versione tradizionale della jota con tanto di gruppo di danzatori, una tradizionale Cantigas de Panderetas ( in italiano canto delle donne “Panderettrici”canti delle donne che si accompagnano con il tipico tamburello galiziano (detto in gallego pandereta) con piccoli cembali di metallo inseriti nella cornice -in italiano tamburo a cornice: si suona tradizionalmente con le dita della mano sinistra tenute dritte e leggermente aperte a percuotere il tamburello, a volte facendo strisciare un dito o tutti i polpastrelli sulla pelle. (per l’approfondimento su di un testo in italiano rimando alla pubblicazione di Grazia Tuzi, La Pandereta. Suoni e Identità Della Cantabria, (2013) libro con cd e dvd anche se l’area dello studio non è la Galizia )


I
Hai quixera dormir contigo
hai na túa cama dourada
hai pasar contigo esta noite
hai ir a presidio mañana
hai lalelo hai la la lelo
hai lelo hai la le lala
CHORO
Sara Sara Sariña
hai Sara ti ela miña
hai Sara Sara Saronhe
hai Sara do corazonhe
II
Namoreime de tí un día
hai foiche para toda a vida
hai se volvera a nacere
hai de tí me namoraría
hai lalelo..
III
Hai crucei a mar de Ferrol
hai ferrolana por te ver
hai crucei a mar de Ferrol
hai a piques de me perder
hai lalelo…
IV
Hai quixera alegrar a vida
hai mirando a túa cara
hai quixera calmar a sede
hai bebendo da túa iauga
hai lalelo..
V
Hai quero dala despedida
hai como dan os cantadores
raparigos e raparigas
hai cuidade os vosos amores
hai lalelo…
tradotto da Cattia Salto
I
Vorrei dormire con te
nel tuo letto dorato
vorrei passare con te questa notte
devo andare in galera domani
hai lalelo hai la la lelo
hai lelo hai la le lala
CORO
Sara, piccola Sara
oh Sara tu sei mia
Sara, grande Sara
oh Sara del mio cuore
II
Mi sono innamorato di te un giorno
e mi basterà per tutta la vita
se rinascessi
di te mi innamorerei
hai lalelo..
III
Attraverserei il mare di Ferrol
e la regione di Ferrol per vederti
Attraverserei il mare di Ferrol
a costo di annegare
hai lalelo..
IV
Vorrei gioire alla vita
guardando il tuo viso
Vorrei dissetarmi
bevendo dalla tua acqua
hai lalelo..
V
Voglio dire addio
come fanno i cantori
ragazzi e ragazze
abbiate cura del vostro amore
hai lalelo..
da sinistra Pablo Dalama (saxofono e clarinetto); Oscar Fernández (ghironda e organetto) Fernando Barroso (bouzouki) Ramón Dopico (percussioni) Antón Varela (cornamusa), Serxio Ces (Canto, Bombo e Pandeireta)

Per celebrare i vent’anni passati dal loro primo concerto registrano “Tentemozo” (2012) con un piccolo ritocco alla formazione subentra Ramón Dopico alle percussioni ed entra Fernando Barroso al bouzouki (sostituito da Roberto Grandal all’organetto): una festa con tanti musicisti ospiti (che a contarli tutti fanno una cinquantina), Carlos Quintá, Begoña Lorenzo, Luis Peixoto, Tiago Pereira, José Diaz, Benxamin Otero, Pablo Doval e dei giovani musicisti della Scuola libera di Galizia (Escola Livre De La Mpg -Acentral Folque).
Anche i cantati aumentano equilibrandosi tra gli strumentali dal suono ricco e dai ritmi più disparati pescati nell’area dei balli popolari galiziani.
Una nota di colore: la registrazione del cd è stata finanziata utilizzando una campagna di crowdfounding su internet (accolta da più di settecento fan-sostenitori!)
Chiude il cd il brano 1904 che inizia con una registrazione sul campo dei cantori di strada risalente appunto al 1904, una rara e prima registrazione della musica galiziana nella storia in cui oltre al canto è registrato anche il suono della ghironda (ridotto da strumento  privilegiato del trovatore medievale a strumento dei mendicanti -spesso ciechi).

ASCOLTA Mirandesa in “Tentemozo” dal repertorio da gaita dalla cittadina portoghese di Miranda de Douro.
Il video postato dal gruppo li ritrae nella loro vena di follia a fare fiesta (o meglio foliada come viene detta dai galiziani una festa con musica, ballo e canto tradizionale)

ma se preferite la versione più promozionale (con tante foto live) guardate questo

ben quattro album sono ascoltabili integralmente su Spotify (qui)

FONTI
https://www.facebook.com/Os-Cemp%C3%A9s-60615897655/
http://oscempes.blogspot.it
http://www.ghastaspista.com/cempes.php
http://www.musicosaovivo.com/articles/view/207

http://lnx.vincenzosantoro.it/2014/01/27/la-pandereta-suoni-e-identit-della-cantabria/
http://www.folkotecagalega.com/multimedia/outros/wikigaita/9-jota-de-lourido

Altan musica di famiglia

Mairéad Ni Mhaonaigh e Francie Mooney

Dal nome di un piccolo lago ai piedi del monte Errigal nel nord-ovest del Donegal il gruppo Altan è fondato nello scorcio del 1980 da Mairéad Ni Mhaonaigh, figlia di Proinsias Ó Maonaigh (ossia Francie Mooney), rinomato fiddler di Gaoth Dobhair (Gweedore), che già nei primi anni ’70 aveva chiamato il suo gruppo di musica tradizionale “Ceoltoiri Altan”.
Mairéad , dalla voce d’angelo e dalle abili dita da leprecauno, conosce sul finire degli anni ’70 il suo futuro compagno del cuore, il flautista Frankie Kennedy. I due giovanissimi (18enne lui e 14enne lei) si conobbero all’insegna della musica essendo solito per Frankie (di Belfast) trascorrere l’estate a Gweedore per imparare il gaelico irlandese e approfondire lo studio del flauto irlandese e del whistle.  Entrambi tirocinanti al St.Patrick College di Dublino, si sposano e nel 1983 incidono un album “Ceol Adush” (Gael Linn: ‘musica del Nord’) a quei tempi la musica del Donegal non varcava i confini della Gaeltacht.
Ascoltiamo la loro intesa perfetta mentre suonano seduti al tavolo di un pub
https://youtu.be/hn12ns2XzwQ

https://youtu.be/5JH-NXoGLBU
E’ però “Altan” (1987) considerato l’album del debutto in gruppo con Ciarán Curran al bouzouki e Mark Kelly alla chitarra e la collaborazione di Dónal Lunny – Bodhrán , tastiere.

Diventati un quintetto con l’entrata del violino di Paul O’Shaughnessy (che lascerà il gruppo nel 1992) incidono “Horse with a Heart” (1989): con il loro equilibrato repertorio fondato sulla musica tradizionale del Donegal e gli influssi scozzesi  diffondono in tutto il mondo filastrocche e canzoncine in gaelico che finiscono immancabilmente nelle compilation di musica celtica.

ASCOLTA Lass of Glanshee in “Horse with a Heart” (1989)

e proseguono con una serie di album ( The Red Crow, Harvest Storm e Island Angelche si aggiudicano il titolo di Best Celtic Album assegnato dalla NAIRD e con i quali vincono premi e si assestano in vetta  alla charts delle isole britanniche: il frutto più maturo è forse “Island Angel” del 1993 una scaletta perfetta di brani cantati, set da danza e slow air,  (per lo più tradizionali ma anche composti dai membri del gruppo) chiude la “Aingeal an Oileáin” scritta da Mairéad per il suo Frankie, che morirà poco dopo sconfitto dal tumore diagnosticato l’anno precedente, ASCOLTA

UN PATTO DI SANGUE

Con Mairéad  e Frankie Kennedy Ciaran Tourish (violino, whistle), Ciarán Curran (Bouzouki e chitarra), Mark Kelly (chitarra), Dáithí Sproule (chitarra); Frankie fa promettere a tutti i componenti del gruppo di continuare a suonare insieme anche dopo la sua morte,  tutti i cinque giurano di mantenere vivo il progetto musicale e così sarà, mostrandosi la line-up più longeva.

ASCOLTA Scotch Style Jig (Andy de Jarlis) – Ingonish (Mike McDougall) – Mrs. McGhee (trad) in “Island Angel“, 1993


Il gruppo non si scioglie anche se ha bisogno di tempo per ripartire, nel 1996 pubblica Blackwater con Dermot Byrne all’organetto (a cui subentra nel 2014 Martin Tourish) a riformare il sestetto e un nutrito entourage di rinforzo, ma è con Another Sky registrato nel 2000 che ritrova lo stato di grazia (e nasce l’amore tra Mairéad e Dermot Byrne): set strumentali irresistibili, più song e una voce sopraffina.

ASCOLTA Beidh Aonach Amárach in Another Sky, 2000 video promozionale

ASCOLTA Altan & Chieftains live a Woodhill House “The Donegal Set”: un miracolo di sincronismo

Nel nuovo corso pur restando sempre fedeli alla tradizione irlandese (in particolare del Donegal e gli influssi scozzesi) gli Altan si approcciano alla balladry americana e alla musica appalacchiana; la tendenza sarà via via approfondita negli album successivi.

(Image: www.jamescummingsphotography.com)

E così con The Blue Idol (2002) Local Groung (2005) Gleann Nimhe (2012) e The Windening Gyne (2015) i cinque arrivano al loro 35esimo anniversario.

NA MOONEYS

E la tradizione continua, da genuino chieftain (capo clan) Mairéad raccoglie intorno a se la sua parentela e getta un ponte tra le generazioni, “una famiglia di musicisti e cantanti della Donegal Gaeltacht”: le sorelle Mairéad Ní Mhaonaigh, leader degli Altan (voce e violino), e Anna Ní Mhaonaigh, già nel gruppo Macalla (voce e whistle), il fratello Gearóid Ó Maonaigh (chitarra) e suo figlio Ciarán (violino e violino baritono). Con la collaborazione di Nia Byrne, figlia di Mairéad (violino e voce) e Caitlin Nic Gabhan, moglie di Ciarán (concertina, podiritmia e danza). In aggiunta l’amico di sempre Mànus Lunny (bouzouki, tastiere, co-produzione e fonico).
Nell’album del debutto (2016) dal titolo omonimo fa capolino papà  Proinnsias (deceduto nel 2006) e il repertorio rende omaggio all’antenato caposcuola della fiddle music e della cultura orale della contea (da ascoltare tutto qui)
ASCOLTA Máire Mhór live

tag Altan

FONTI
http://www.mairead.ie/
https://altan.ie/
https://www.irlandaonline.com/cultura/musica/artisti-irlandesi/altan/

https://namooneys.bandcamp.com/